23 February 2024

Monografia Andalucia

Monografia sull’Andalucia realizzata dal giornale Travel Quotidiano. Itinerari di viaggio proposti dall’ente del turismo spagnolo: vacanze al mare, viaggi culturali, vacanze nell’entroterra immersi nella natura, viaggi business, gastronomia locale e divertimenti.

Andalucia: un mondo sospeso, tra pianura e montagna, tra deserto e neve, tra cultura cristiana e cultura arabo-musulmana, tra Mar Mediterraneo e Oceano Atlantico.Pochi altri posti possono vantare una doppia dimensione come l’Andalucia, una delle 17 comunità autonome della Spagna, prima per popolazione, seconda per estensione.

Il viaggio proposto in Andalusia parte dal mare. Mille chilometri di costa, dalle calde e assolate spiagge mediterranee agli aggressivi litorali oceanici: il mare in Andalucia è sicuramente il luogo ideale per passare le vacanze.

La Monografia “Andalucia. Un mondo sospeso” propone un percorso che inizia da est, dalla piccola cittadina di San Juan de los Terreros – Costa de Almeria per poi proseguire verso Granada, la Costa Tropical e  la Costa del Sol, 150 chilometri di spiaggia in provincia di Malaga. E’ in questa zona che si concentrano maggiormente gli hotel della regione. Ogni spiaggia, ogni località è per gli spagnoli, sinonimo di mare ed estate.

Il viaggio prosegue verso l’interno a Ronda, una delle città più affascinanti dell’Andalucia che vanta la più antica plaza de toros di tutta la Spagna, per poi proseguire verso Gibilterra – Costa de la Luz nella provincia di Cadice: 200 chilometri di spiaggia fine e dorata che ne fanno il paradiso del windsurf.

E poi Almeria, città araba con un’interessante fortezza, Siviglia, la capitale patria del flamenco, Malaga capitale economica e culturale della Costa del Sol, Jaen piccolo capoluogo nel cuore interno del Paese, capitale mondiale dell’olio d’oliva, Cordova e Huelva, città industriale e portuale.

La Monografia Andalucia inoltre approfondisce la destinazione anche dal punto di vista dei viaggi business, dei viaggi legati alla cultura gastronomica e al divertimento.

andalucia.org

www.spain.info


Scarica il PDF
Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461508 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti. E a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni. [post_title] => Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid [post_date] => 2024-02-14T15:19:28+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707923968000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460365 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Oltre 3,5 milioni di passeggeri trasportati, 23.000 voli operati, con il 53% di collegamenti domestici e il 69% dell’offerta totale focalizzata sulle isole: questa la fotografia del 2023 di Volotea in Italia, che per l'anno in corso punta a consolidare ulteriormente la propria posizione nel nostro Paese, mercato da sempre strategico per il vettore spagnolo. L'anno scorso la compagnia ha registrato un load factor del 92%, con una flotta di 11 aeromobili e arrivando a impiegare circa 400 dipendenti su tutto il territorio italiano. Anche a livello locale, per Volotea il 2023 si è chiuso con il raggiungimento di importanti traguardi, come l’apertura della base a Firenze lo scorso aprile e l’annuncio della nuova base a Bari, che sarà operativa dall’estate 2024.  «Consolidamento: è questa la parola chiave che descrive al meglio il nostro 2023 e che riflette, ancora una volta, l’importanza strategica del mercato italiano dove la nostra impresa ha avuto inizio, più di dieci anni fa, con il primo volo da Venezia – ha dichiarato Carlos Muñoz, presidente e fondatore di Volotea -. Siamo orgogliosi dei risultati raggiunti, in termini di performance, così come per gli importanti successi ottenuti sul territorio. L’apertura della base di Firenze, i collegamenti in continuità territoriale da e per la Sardegna e l’annuncio della nostra ottava base italiana a Bari rappresentano al meglio lo stretto legame con il territorio, reso possibile anche grazie alla preziosa collaborazione con gli aeroporti italiani. Il nostro 2024 sarà una conferma del lavoro fatto finora in Italia, dove prevediamo di rafforzare la nostra presenza con l’apertura di più di 20 nuove rotte e attraverso un aumento del 16% in termini di capacità, con quasi 4,5 milioni di posti in vendita, con l’obiettivo di raggiungere 440 posti di lavoro».   [post_title] => Volotea avanza nel 2024 con un +16% di capacità sul mercato italiano e 20 nuove rotte [post_date] => 2024-01-30T12:23:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706617432000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460307 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sorgerà a Malaga, nella piazza Manuel Azaña, proprio di fronte all’avenida de Andalucía, il nuovo CaixaForum, polo culturale che arricchirà l’offerta della città e doterà di nuove aree verdi la zona, convertendola in un centro rivitalizzante. Quest’anno partono i lavori, che termineranno nel 2026, con un investimento di 30 milioni di euro più 5 milioni per le attività, che prevedono 6 esposizioni annuali e 1.500 attività. In quasi 10.000 metri quadrati avranno posto due grandi sale espositive, un auditorium e diverse sale polivalenti al primo piano; al piano terra uno spazio educativo, una caffetteria-ristorante e una libreria, con il parcheggio sotterraneo. Fuori il grande giardino sarà il polmone verde del quartiere e accoglierà diverse attività all’aperto. Il progetto degli architetti Felipe Pich-Aguilera e Teresa Batlle e del loro team, con la collaborazione di Arup España, è stato concepito per integrarsi nel paesaggio urbano, generando un impatto positivo sul quartiere; la fluida copertura a forma di goccia d’acqua sarà l’emblema dell’edificio e permetterà di giocare con la luce facendo risaltare il suo singolare profilo, di giorno e di notte. Fungerà anche da rifugio climatico: l’edificio si orienterà seguendo il corso del sole la cui incidenza verrà modulata in sezioni secondo le stagioni dell’anno, anche grazie all’utilizzo di materiali sostenibili che mirano all’economia circolare. Il progetto, infatti, sottolinea il nuovo corso dell’architettura che, secondo i suoi progettisti, deve trovare il giusto compromesso tra società e natura. Il progetto di Malaga segue quelli della fondazione ‘la Caixa’ già presenti nelle principali città spagnole: Madrid, Barcelona, València, Sevilla, Zaragoza e Palma. [post_title] => Spagna: aprirà i battenti nel 2026 a Malaga il nuovo polo culturale CaixaForum [post_date] => 2024-01-29T13:49:18+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706536158000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460277 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_457993" align="alignleft" width="300"] Michele Diamantini[/caption] In salita la domanda di affitti brevi e in particolare quella dei soggiorni medio-lunghi. Nel 2023, anno che ha visto la ripresa del turismo nel nostro Paese con oltre 445 milioni di presenze, trainate dagli stranieri (quasi 230 milioni), superando di otto milioni i livelli record pre-pandemici del 2019, la richiesta di short-rental aumenta del 15% e quella di mid-long term del 30%, confermando la tendenza del 2022. A scattare la fotografia è uno studio di Halldis, storico operatore italiano degli affitti brevi. In tale settore, giro d’affari di quasi 1,5 miliardi, 600 mila proprietà coinvolte, di cui quasi 120 mila gestite da operatori professionali (property manager), gli immobili destinati a tale formula crescono in tutte le città italiane: 20 mila a Roma (+17%), 18 mila a Milano (+10%), 10 mila a Firenze (+21%), 6.700 a Venezia (+17%), 3.400 a Bologna (+10%). “Le generazioni più giovani – afferma Vincenzo Cella, general manager Halldis - hanno meno propensione all’acquisto della casa, perché immaginano un futuro lavorativo meno stanziale, con possibili spostamenti della propria residenza anche a causa di lavori meno duraturi. Le città metropolitane esprimono una maggiore richiesta di affitti medi e lunghi proprio perché offrono più opportunità professionali. Spicca Milano, ma pure centri come Roma, Firenze e Bologna sono sotto pressione. Anche perché alle nuove generazioni del lavoro si affiancano professionisti affermati che operano per più mesi all’estero o decidono di abbinare occupazione e piacere, nonché gli studenti universitari fuori sede”. “Come property manager – aggiunge Michele Diamantini, ceo Halldis – da diversi anni cerchiamo di mettere a fuoco questa domanda, capirne le necessità e integrarle con quelle tipiche degli short rental (da meno di 30 giorni al fine settimana): chi soggiorna per un periodo medio-lungo apprezza più le comodità degli immobili e delle amenities di chi lo fa per uno breve. Il residenziale in affitto in Italia è storicamente una prerogativa dei privati, tuttavia nuovi stili di vita, esigenze abitative e concentrazione nelle grandi città, attraggono sempre più investitori istituzionali. Per questo stiamo assistendo all’esigenza di creare un prodotto moderno che soddisfi le richieste degli utilizzatori e porti nuovi importanti volumi di investimenti. Il settore è in crescita e sta vivendo una fase di organizzazione e miglioramento. L’obbligo per le piattaforme online di operare da sostituti d’imposta, finalmente esecutivo anche per Airbnb (nel 2022 sono stati versati 3,3 miliardi di euro allo Stato con la cedolare secca) è un passaggio di questa migliore regolamentazione, così come la normativa Dac7 e il processo di unificazione dei codici regionali in un unico nazionale Cin”. [post_title] => Halldis: il mercato cambia volto; cresce la domanda per affitti temporanei di medio - lungo termine [post_date] => 2024-01-29T11:35:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706528125000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459944 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La ricca programmazione di Boscolo per il 2024 è costituita da 17 cataloghi monografici più il Manuale dedicato agli agenti di viaggio. Mira ad accompagnare i clienti alla scoperta del mondo con una proposta rivolta a un viaggiatore abituato a muoversi e di cultura medio-alta. Tra gli asset della programmazione, ci sono l’accompagnatore che parte dall’Italia già per gruppi di sei persone, uno standard qualitativo alto ma senza entrare nel lusso, la comodità del viaggio, l’attenzione alle distanze e l’early check-in e check-out. «La cosa fondamentale del nostro prodotto è che quando parliamo di assistenza garantita intendiamo una persona che prende il cliente all’inizio del viaggio e lo lascia alla fine - spiega il direttore commerciale, Salvatore Sicuso -. La nostra caratteristica è quella di adattarci al mondo che si trasforma. Ascoltiamo tantissimo i clienti e questa capacità di ascolto ci permette di adeguare, sistemare e migliorare il prodotto ogni anno e di proporre cose sempre nuove». Il to ha chiuso il 2023 sopra le aspettative, con un avvio timido e un’estate molto forte. «I fatturati sono cresciuti del 30% rispetto al 2019, con un impatto sui prezzi aumentati per il rimbalzo post-Covid. I volumi sono quindi molto alti. Per il 2024 abbiamo un budget sfidante: siamo un’azienda che punta ai 120 milioni di fatturato. Il successo della scorsa estate è anche figlio delle nuove destinazioni che abbiamo lanciato come il Giappone. Mete che garantiscono un advance booking molto significativo: tra i 90 e i 120 giorni». La programmazione di Boscolo prevede il corto e lungo raggio, proposte dai quattro ai 12 giorni con estensioni e tour in Italia, Francia, Spagna e Gran Bretagna, oltre ad Austria, Balcani e naturalmente alla new entry Giappone. E poi ancora l’India insieme a Buthan, Vietnam, Uzbekistan, Brasile, Argentina e Perù … E anche la Romania, che è a sole sei ore, ma permette al viaggiatore di vivere un’esperienza inedita, lontana dal quotidiano. Perché, come afferma Domenico Cocozza, destination manager per il lungo raggio, «il viaggio vero è quando arrivi in un posto e non ti riconosci». Le destinazioni di Boscolo coprono insomma il mondo intero. «La nostra grande attenzione al prodotto e al dettaglio ci rendono degli specialisti - conclude Sicuso -. Diamo grande supporto alle 3.500 adv con cui lavoriamo, 1.500 delle quali fanno un’importante percentuale del nostro fatturato. Agenzie con cui abbiamo una relazione speciale. Per noi il trade è molto importante». Infine uno sguardo alla tecnologia e all’innovazione: «Per quest’anno abbiamo un progetto strategico con l’Ia. Sarà molto diverso da ogni altro e coinvolgerà le nostre adv». [post_title] => Boscolo presenta i cataloghi 2024 e i suoi viaggi accompagnati [post_date] => 2024-01-23T12:43:08+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706013788000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459552 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dalla formazione agli eventi, il 2024 dell’Ente spagnolo del Turismo di Roma rinsalda una volta di più il legame con il trade attraverso un programma ricco di azioni, ai fini di rafforzare sempre più la percezione della destinazione sul mercato italiano. In primo piano un prodotto Spagna che è sempre più meta da scoprire in termini di sostenibilità, green, cultura, Mice, enogastronomia, lusso, accessibilità e inclusività. «La formazione degli agenti di viaggio è qualcosa di estramamente importante per noi e le opportunità sono molte – dichiara Gonzalo Ceballos, direttore dell’ente, a Roma -. C’è lo Spain Specialist Program Ssp, alcuni programmi fortemente accattivanti, con itinerari interattivi e un formato molto dinamico a metà strada tra il podcast e la presentazione digitale che consentirà la scoperta di nuove destinazioni ed esperienze, il Webinar WebInSpain e “Spagna Accesibile”, entrambi in collaborazione con Turismo & Attualità Adv-Training. E sempre per gli agenti e i professionisti del “travel” la “guida” è la piattaforma TourspainIT – Travelexpert con contenuti, notizie e percorsi turistici pronti all’uso». Molteplici gli eventi in calendario: si comincia a Valencia, quando dal 22 al 25 febbraio si terranno le giornate professonali di Spain Convention Bureau per il mercato italiano in collaborazione con Turespaña e Valencia Convention Bureau. Da segnalare poi la presenza dell’ente, dal 23 al 25 febbraio a TourismA, il Salone dell’archeologia e del turismo culturale che si tiene a Firenze, dal 5 al 7 aprile al TravelExpo – Borsa Globale dei Turismi, a Città del Mare (PA) e a novembre a Bto, a Firenze.   Lato “fiere” l’appuntamento è dal 14 al 16 marzo alla Bmt di Napoli, con un padiglione di 72mq e la presenza di 10 coespositori: Isole Canarie, Valencia, Benidorm, Madrid, Murcia e Paradores. E ancora dal 9 al 11 ottobre a Rimini, al Ttg Travel Experience. Ma il coinvolgimento degli addetti ai lavori è anche in varie tappe dei workshop “Travel Open Day” di Travel Quotidiano e nel “Roadshow Spagna” organizzato in più città italiane. Non mancheranno anche educational che toccheranno le Isole Canarie, Andalusia, Valencia, Castiglia e Leon, Asturie, Madrid, Cantabria, Castiglia la Mancia, Baleari e Galizia, con la sostenibilità e la presentazione dell’offerta gastronomica, culturale e naturale delle destinazioni come elementi centrali nella promozione. Anche per il 2024 il progetto “Esperienza Spagna” continuerà e si arricchirà di nuovi contenuti ed esperienze di ambasciatori italiani: un’opportunità per condividere un po’ della destinazione, tra architettura, natura, food e di mostrarla in maniera autentica, attraverso l’obiettivo di una fotocamera.  Numerose le partnership già confermate: con Fiavet, Gambero Rosso - per eventi enogastronomici rivolti a stampa e trade - e “Green Me”, per la valorizzazione della sostenibilità. I tour operator, come Boscolo e Guiness Travel, invece, saranno coinvolti in educational e presentazioni ad hoc per i loro agenti mentre le compagnie aeree, che coprono la destinazione, avranno un ruolo principe in presentazioni e progetti che si stanno studiando e che prenderanno forma in questo 2024. Uno su tutti quello con Binter per la promozione delle Isole Canarie, da Firenze. Il Centro Multimediale Interattivo di Piazza di Spagna sarà ancora una volta la sede privilegiata per mostrare tutte le realtà turistiche, progetti e aziende che puntano su l’enogastronomia, su turismo responsabile, accessibile e la cultura. Il Centro sarà anche luogo di contatto tra aziende italiane e spagnole. Iberia e WizzAir, ad esempio, presenteranno qui nuove rotte, collegamenti e i propri vettori. Naar, Volonline, Four Seasons natura e cultura e King Holidays illustreranno la loro proposta di pacchetti e itinerari per scoprire la destinazione. [post_title] => La Spagna investe sul trade in Italia, dalla formazione al fitto calendario di eventi [post_date] => 2024-01-17T10:48:25+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705488505000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459046 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Inizia oggi, facendo tappa in ben 32 città italiane, la seconda edizione del roadshow “Ci vediamo da te” firmato Guiness Travel. Si tratta di un bis incoraggiato dal grande successo riscosso lo scorso anno: un’ora di incontro con le agenzie di viaggio, comunicando le novità del prodotto e i vantaggi di una collaborazione con il to. Al centro dei meeting ci saranno quattro temi fondamentali: identità e specializzazione, prodotto e vendibilità, assistenza costante e totale, per finire con la comunicazione e la formazione. Prodotto e vendibilità si avvalgono in particolare del sistema di acquisto con largo anticipo di allotment aerei e servizi a terra, con la garanzia quindi di un prezzo garantito. La collaborazione con alcune tra le migliori compagnie aeree fornisce poi la possibilità di partenze da tutta Italia grazie ad avvicinamenti e bretelle con l’hub di Roma Fiumicino. Continuano invece a essere escluse dalla partnership con Guiness le compagnie low cost. Il to ha per di più potenziato la rete commerciale attiva su tutto il territorio nazionale. Sul versante della formazione, Guiness è anche impegnata nella diffusione e nell’approfondimento del prodotto attraverso la creazione di webinar dedicati alle destinazioni proposte. Contemporaneamente alle tappe del roadshow Ci vediamo da te, saranno infine inviati alle agenzie di viaggio i nuovi cataloghi monografici 2024-’25 sulle destinazioni di punta, per una serie di 20 folder. A questi seguirà l’uscita del catalogo generale. [post_title] => Parte oggi Ci vediamo da te: il roadshow di Guiness Travel con 32 tappe in programma [post_date] => 2024-01-09T11:28:54+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704799734000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458946 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Durata media del soggiorno in diminuzione ma richieste in aumento. E' questa la fotografia del mercato open-air scattata dal progetto del gruppo Titanka!, CampingVillage.Marketing, sulla base dei dati delle centinaia di migliaia di richieste che i turisti hanno rivolto alle strutture tramite il proprio network di portali nel 2023. L'anno scorso le vacanze con durata maggiore sono state  in particolare quelle di luglio, con una media di 9,2 notti contro le 6,8 di agosto. Una tendenza che si discosta molto da quello del 2022, quando la durata dei soggiorni medi per i due mesi clou dell’estate era identica (nove notti). Probabilmente l’aumento dei listini che molti camping hanno applicato nell’anno appena trascorso ha influito su questo scenario. I turisti, inoltre, si muovono sempre con maggiore anticipo nella prenotazione della propria vacanza. La booking window media è passata dai 69 giorni del 2022 ai 72 del 2023. Nel dettaglio, richieste per giugno sono arrivate con ben 64 giorni di anticipo in media. Ciò significa che le strutture a marzo devono essere già pronte per affrontare la nuova stagione e accogliere tutte le richieste degli ospiti. Infine, il numero di componenti del nucleo familiare è in crescita. La media di persone per richiesta è infatti arrivata a 3,65: un trend in crescita dato dall’aumento del numero di bambini per nucleo familiare in vacanza. [post_title] => Titanka!: durata media del soggiorno in diminuzione ma richieste in aumento nell'open air [post_date] => 2024-01-05T14:28:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704464936000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458531 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' il Marocco la meta del nuovo fam trip realizzato da King Holidays. Prosegue infatti di slancio l’impegno del to sulla formazione dopo gli educational organizzati in Egitto prima e alle Azzorre. Il fam trip dell'operatore capitolino, nato in collaborazione con Royal Air Maroc e l’ente nazionale per il Turismo del Marocco, si è svolto a fine novembre e ha visto la partecipazione di quindici agenti di viaggio provenienti da tutta Italia. Il programma prevedeva il classico tour delle Città Imperiali, uno dei cavalli di battaglia tra le proposte del to, arricchito da estensioni a Tangeri e alla città blu Chefchaouen: gli agenti hanno potuto testare in prima persona le esperienze che King Holidays proporrà nella zona nord del Paese, che sarà oggetto di un importante potenziamento nel prossimo catalogo monografico dedicato. Dopo essere atterrato a Casablanca, il gruppo si è spostato quindi prima nella capitale Rabat e successivamente a Fez, la più antica fra tutte le città imperiali del Marocco. Dopo una sosta nella sorprendente Ifrane, località sciistica a 1.650 metri di altitudine con le case dai tetti spioventi, ultima tappa a Marrakech, la Perla del Sud, alla scoperta di Djemaa El Fna, vivace piazza animata da giocolieri, incantatori di serpenti, cantastorie, suonatori, danzatori e acrobati. “Continuiamo a investire sul Marocco – dichiara Roberto Minardi, direttore commerciale King Holidays –, perché è una di quelle destinazioni che ci sta dando maggiori soddisfazioni in termini di numeri e prenotazioni. Per questa ragione per il futuro abbiamo già messo a punto progetti che seguiranno due logiche precise: da una parte una programmazione ricercata, creata per i viaggiatori più esigenti alla ricerca di esperienze più autentiche, sia su base privata sia in formula fly&drive, e dall’altra un incremento di partenze speciali per tutto il 2024, con un’attenzione particolare ai ponti e alle festività”. [post_title] => King Holidays: focus sul Marocco con un fam trip ad hoc che ha coinvolto 15 adv [post_date] => 2023-12-21T11:51:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1703159517000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "monografia andalucia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":16,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":107,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461508","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti.\r\n\r\nE a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni.","post_title":"Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid","post_date":"2024-02-14T15:19:28+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707923968000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460365","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Oltre 3,5 milioni di passeggeri trasportati, 23.000 voli operati, con il 53% di collegamenti domestici e il 69% dell’offerta totale focalizzata sulle isole: questa la fotografia del 2023 di Volotea in Italia, che per l'anno in corso punta a consolidare ulteriormente la propria posizione nel nostro Paese, mercato da sempre strategico per il vettore spagnolo.\r\nL'anno scorso la compagnia ha registrato un load factor del 92%, con una flotta di 11 aeromobili e arrivando a impiegare circa 400 dipendenti su tutto il territorio italiano.\r\nAnche a livello locale, per Volotea il 2023 si è chiuso con il raggiungimento di importanti traguardi, come l’apertura della base a Firenze lo scorso aprile e l’annuncio della nuova base a Bari, che sarà operativa dall’estate 2024. \r\n«Consolidamento: è questa la parola chiave che descrive al meglio il nostro 2023 e che riflette, ancora una volta, l’importanza strategica del mercato italiano dove la nostra impresa ha avuto inizio, più di dieci anni fa, con il primo volo da Venezia – ha dichiarato Carlos Muñoz, presidente e fondatore di Volotea -. Siamo orgogliosi dei risultati raggiunti, in termini di performance, così come per gli importanti successi ottenuti sul territorio. L’apertura della base di Firenze, i collegamenti in continuità territoriale da e per la Sardegna e l’annuncio della nostra ottava base italiana a Bari rappresentano al meglio lo stretto legame con il territorio, reso possibile anche grazie alla preziosa collaborazione con gli aeroporti italiani. Il nostro 2024 sarà una conferma del lavoro fatto finora in Italia, dove prevediamo di rafforzare la nostra presenza con l’apertura di più di 20 nuove rotte e attraverso un aumento del 16% in termini di capacità, con quasi 4,5 milioni di posti in vendita, con l’obiettivo di raggiungere 440 posti di lavoro».\r\n ","post_title":"Volotea avanza nel 2024 con un +16% di capacità sul mercato italiano e 20 nuove rotte","post_date":"2024-01-30T12:23:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706617432000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460307","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sorgerà a Malaga, nella piazza Manuel Azaña, proprio di fronte all’avenida de Andalucía, il nuovo CaixaForum, polo culturale che arricchirà l’offerta della città e doterà di nuove aree verdi la zona, convertendola in un centro rivitalizzante.\r\n\r\nQuest’anno partono i lavori, che termineranno nel 2026, con un investimento di 30 milioni di euro più 5 milioni per le attività, che prevedono 6 esposizioni annuali e 1.500 attività. In quasi 10.000 metri quadrati avranno posto due grandi sale espositive, un auditorium e diverse sale polivalenti al primo piano; al piano terra uno spazio educativo, una caffetteria-ristorante e una libreria, con il parcheggio sotterraneo. Fuori il grande giardino sarà il polmone verde del quartiere e accoglierà diverse attività all’aperto.\r\n\r\nIl progetto degli architetti Felipe Pich-Aguilera e Teresa Batlle e del loro team, con la collaborazione di Arup España, è stato concepito per integrarsi nel paesaggio urbano, generando un impatto positivo sul quartiere; la fluida copertura a forma di goccia d’acqua sarà l’emblema dell’edificio e permetterà di giocare con la luce facendo risaltare il suo singolare profilo, di giorno e di notte. Fungerà anche da rifugio climatico: l’edificio si orienterà seguendo il corso del sole la cui incidenza verrà modulata in sezioni secondo le stagioni dell’anno, anche grazie all’utilizzo di materiali sostenibili che mirano all’economia circolare.\r\n\r\nIl progetto, infatti, sottolinea il nuovo corso dell’architettura che, secondo i suoi progettisti, deve trovare il giusto compromesso tra società e natura. Il progetto di Malaga segue quelli della fondazione ‘la Caixa’ già presenti nelle principali città spagnole: Madrid, Barcelona, València, Sevilla, Zaragoza e Palma.","post_title":"Spagna: aprirà i battenti nel 2026 a Malaga il nuovo polo culturale CaixaForum","post_date":"2024-01-29T13:49:18+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706536158000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460277","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_457993\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Michele Diamantini[/caption]\r\n\r\nIn salita la domanda di affitti brevi e in particolare quella dei soggiorni medio-lunghi. Nel 2023, anno che ha visto la ripresa del turismo nel nostro Paese con oltre 445 milioni di presenze, trainate dagli stranieri (quasi 230 milioni), superando di otto milioni i livelli record pre-pandemici del 2019, la richiesta di short-rental aumenta del 15% e quella di mid-long term del 30%, confermando la tendenza del 2022. A scattare la fotografia è uno studio di Halldis, storico operatore italiano degli affitti brevi. In tale settore, giro d’affari di quasi 1,5 miliardi, 600 mila proprietà coinvolte, di cui quasi 120 mila gestite da operatori professionali (property manager), gli immobili destinati a tale formula crescono in tutte le città italiane: 20 mila a Roma (+17%), 18 mila a Milano (+10%), 10 mila a Firenze (+21%), 6.700 a Venezia (+17%), 3.400 a Bologna (+10%).\r\n\r\n“Le generazioni più giovani – afferma Vincenzo Cella, general manager Halldis - hanno meno propensione all’acquisto della casa, perché immaginano un futuro lavorativo meno stanziale, con possibili spostamenti della propria residenza anche a causa di lavori meno duraturi. Le città metropolitane esprimono una maggiore richiesta di affitti medi e lunghi proprio perché offrono più opportunità professionali. Spicca Milano, ma pure centri come Roma, Firenze e Bologna sono sotto pressione. Anche perché alle nuove generazioni del lavoro si affiancano professionisti affermati che operano per più mesi all’estero o decidono di abbinare occupazione e piacere, nonché gli studenti universitari fuori sede”.\r\n\r\n“Come property manager – aggiunge Michele Diamantini, ceo Halldis – da diversi anni cerchiamo di mettere a fuoco questa domanda, capirne le necessità e integrarle con quelle tipiche degli short rental (da meno di 30 giorni al fine settimana): chi soggiorna per un periodo medio-lungo apprezza più le comodità degli immobili e delle amenities di chi lo fa per uno breve. Il residenziale in affitto in Italia è storicamente una prerogativa dei privati, tuttavia nuovi stili di vita, esigenze abitative e concentrazione nelle grandi città, attraggono sempre più investitori istituzionali. Per questo stiamo assistendo all’esigenza di creare un prodotto moderno che soddisfi le richieste degli utilizzatori e porti nuovi importanti volumi di investimenti. Il settore è in crescita e sta vivendo una fase di organizzazione e miglioramento. L’obbligo per le piattaforme online di operare da sostituti d’imposta, finalmente esecutivo anche per Airbnb (nel 2022 sono stati versati 3,3 miliardi di euro allo Stato con la cedolare secca) è un passaggio di questa migliore regolamentazione, così come la normativa Dac7 e il processo di unificazione dei codici regionali in un unico nazionale Cin”.","post_title":"Halldis: il mercato cambia volto; cresce la domanda per affitti temporanei di medio - lungo termine","post_date":"2024-01-29T11:35:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706528125000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459944","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La ricca programmazione di Boscolo per il 2024 è costituita da 17 cataloghi monografici più il Manuale dedicato agli agenti di viaggio. Mira ad accompagnare i clienti alla scoperta del mondo con una proposta rivolta a un viaggiatore abituato a muoversi e di cultura medio-alta. Tra gli asset della programmazione, ci sono l’accompagnatore che parte dall’Italia già per gruppi di sei persone, uno standard qualitativo alto ma senza entrare nel lusso, la comodità del viaggio, l’attenzione alle distanze e l’early check-in e check-out.\r\n«La cosa fondamentale del nostro prodotto è che quando parliamo di assistenza garantita intendiamo una persona che prende il cliente all’inizio del viaggio e lo lascia alla fine - spiega il direttore commerciale, Salvatore Sicuso -. La nostra caratteristica è quella di adattarci al mondo che si trasforma. Ascoltiamo tantissimo i clienti e questa capacità di ascolto ci permette di adeguare, sistemare e migliorare il prodotto ogni anno e di proporre cose sempre nuove».\r\nIl to ha chiuso il 2023 sopra le aspettative, con un avvio timido e un’estate molto forte. «I fatturati sono cresciuti del 30% rispetto al 2019, con un impatto sui prezzi aumentati per il rimbalzo post-Covid. I volumi sono quindi molto alti. Per il 2024 abbiamo un budget sfidante: siamo un’azienda che punta ai 120 milioni di fatturato. Il successo della scorsa estate è anche figlio delle nuove destinazioni che abbiamo lanciato come il Giappone. Mete che garantiscono un advance booking molto significativo: tra i 90 e i 120 giorni».\r\nLa programmazione di Boscolo prevede il corto e lungo raggio, proposte dai quattro ai 12 giorni con estensioni e tour in Italia, Francia, Spagna e Gran Bretagna, oltre ad Austria, Balcani e naturalmente alla new entry Giappone. E poi ancora l’India insieme a Buthan, Vietnam, Uzbekistan, Brasile, Argentina e Perù … E anche la Romania, che è a sole sei ore, ma permette al viaggiatore di vivere un’esperienza inedita, lontana dal quotidiano. Perché, come afferma Domenico Cocozza, destination manager per il lungo raggio, «il viaggio vero è quando arrivi in un posto e non ti riconosci».\r\nLe destinazioni di Boscolo coprono insomma il mondo intero. «La nostra grande attenzione al prodotto e al dettaglio ci rendono degli specialisti - conclude Sicuso -. Diamo grande supporto alle 3.500 adv con cui lavoriamo, 1.500 delle quali fanno un’importante percentuale del nostro fatturato. Agenzie con cui abbiamo una relazione speciale. Per noi il trade è molto importante». Infine uno sguardo alla tecnologia e all’innovazione: «Per quest’anno abbiamo un progetto strategico con l’Ia. Sarà molto diverso da ogni altro e coinvolgerà le nostre adv».","post_title":"Boscolo presenta i cataloghi 2024 e i suoi viaggi accompagnati","post_date":"2024-01-23T12:43:08+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1706013788000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459552","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dalla formazione agli eventi, il 2024 dell’Ente spagnolo del Turismo di Roma rinsalda una volta di più il legame con il trade attraverso un programma ricco di azioni, ai fini di rafforzare sempre più la percezione della destinazione sul mercato italiano. In primo piano un prodotto Spagna che è sempre più meta da scoprire in termini di sostenibilità, green, cultura, Mice, enogastronomia, lusso, accessibilità e inclusività.\r\n«La formazione degli agenti di viaggio è qualcosa di estramamente importante per noi e le opportunità sono molte – dichiara Gonzalo Ceballos, direttore dell’ente, a Roma -. C’è lo Spain Specialist Program Ssp, alcuni programmi fortemente accattivanti, con itinerari interattivi e un formato molto dinamico a metà strada tra il podcast e la presentazione digitale che consentirà la scoperta di nuove destinazioni ed esperienze, il Webinar WebInSpain e “Spagna Accesibile”, entrambi in collaborazione con Turismo & Attualità Adv-Training. E sempre per gli agenti e i professionisti del “travel” la “guida” è la piattaforma TourspainIT – Travelexpert con contenuti, notizie e percorsi turistici pronti all’uso».\r\nMolteplici gli eventi in calendario: si comincia a Valencia, quando dal 22 al 25 febbraio si terranno le giornate professonali di Spain Convention Bureau per il mercato italiano in collaborazione con Turespaña e Valencia Convention Bureau.\r\nDa segnalare poi la presenza dell’ente, dal 23 al 25 febbraio a TourismA, il Salone dell’archeologia e del turismo culturale che si tiene a Firenze, dal 5 al 7 aprile al TravelExpo – Borsa Globale dei Turismi, a Città del Mare (PA) e a novembre a Bto, a Firenze.  \r\nLato “fiere” l’appuntamento è dal 14 al 16 marzo alla Bmt di Napoli, con un padiglione di 72mq e la presenza di 10 coespositori: Isole Canarie, Valencia, Benidorm, Madrid, Murcia e Paradores. E ancora dal 9 al 11 ottobre a Rimini, al Ttg Travel Experience.\r\nMa il coinvolgimento degli addetti ai lavori è anche in varie tappe dei workshop “Travel Open Day” di Travel Quotidiano e nel “Roadshow Spagna” organizzato in più città italiane.\r\nNon mancheranno anche educational che toccheranno le Isole Canarie, Andalusia, Valencia, Castiglia e Leon, Asturie, Madrid, Cantabria, Castiglia la Mancia, Baleari e Galizia, con la sostenibilità e la presentazione dell’offerta gastronomica, culturale e naturale delle destinazioni come elementi centrali nella promozione.\r\nAnche per il 2024 il progetto “Esperienza Spagna” continuerà e si arricchirà di nuovi contenuti ed esperienze di ambasciatori italiani: un’opportunità per condividere un po’ della destinazione, tra architettura, natura, food e di mostrarla in maniera autentica, attraverso l’obiettivo di una fotocamera.  Numerose le partnership già confermate: con Fiavet, Gambero Rosso - per eventi enogastronomici rivolti a stampa e trade - e “Green Me”, per la valorizzazione della sostenibilità. I tour operator, come Boscolo e Guiness Travel, invece, saranno coinvolti in educational e presentazioni ad hoc per i loro agenti mentre le compagnie aeree, che coprono la destinazione, avranno un ruolo principe in presentazioni e progetti che si stanno studiando e che prenderanno forma in questo 2024. Uno su tutti quello con Binter per la promozione delle Isole Canarie, da Firenze.\r\nIl Centro Multimediale Interattivo di Piazza di Spagna sarà ancora una volta la sede privilegiata per mostrare tutte le realtà turistiche, progetti e aziende che puntano su l’enogastronomia, su turismo responsabile, accessibile e la cultura. Il Centro sarà anche luogo di contatto tra aziende italiane e spagnole. Iberia e WizzAir, ad esempio, presenteranno qui nuove rotte, collegamenti e i propri vettori. Naar, Volonline, Four Seasons natura e cultura e King Holidays illustreranno la loro proposta di pacchetti e itinerari per scoprire la destinazione.","post_title":"La Spagna investe sul trade in Italia, dalla formazione al fitto calendario di eventi","post_date":"2024-01-17T10:48:25+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1705488505000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459046","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Inizia oggi, facendo tappa in ben 32 città italiane, la seconda edizione del roadshow “Ci vediamo da te” firmato Guiness Travel. Si tratta di un bis incoraggiato dal grande successo riscosso lo scorso anno: un’ora di incontro con le agenzie di viaggio, comunicando le novità del prodotto e i vantaggi di una collaborazione con il to. Al centro dei meeting ci saranno quattro temi fondamentali: identità e specializzazione, prodotto e vendibilità, assistenza costante e totale, per finire con la comunicazione e la formazione.\r\n\r\nProdotto e vendibilità si avvalgono in particolare del sistema di acquisto con largo anticipo di allotment aerei e servizi a terra, con la garanzia quindi di un prezzo garantito. La collaborazione con alcune tra le migliori compagnie aeree fornisce poi la possibilità di partenze da tutta Italia grazie ad avvicinamenti e bretelle con l’hub di Roma Fiumicino. Continuano invece a essere escluse dalla partnership con Guiness le compagnie low cost.\r\n\r\nIl to ha per di più potenziato la rete commerciale attiva su tutto il territorio nazionale. Sul versante della formazione, Guiness è anche impegnata nella diffusione e nell’approfondimento del prodotto attraverso la creazione di webinar dedicati alle destinazioni proposte. Contemporaneamente alle tappe del roadshow Ci vediamo da te, saranno infine inviati alle agenzie di viaggio i nuovi cataloghi monografici 2024-’25 sulle destinazioni di punta, per una serie di 20 folder. A questi seguirà l’uscita del catalogo generale.","post_title":"Parte oggi Ci vediamo da te: il roadshow di Guiness Travel con 32 tappe in programma","post_date":"2024-01-09T11:28:54+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1704799734000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458946","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Durata media del soggiorno in diminuzione ma richieste in aumento. E' questa la fotografia del mercato open-air scattata dal progetto del gruppo Titanka!, CampingVillage.Marketing, sulla base dei dati delle centinaia di migliaia di richieste che i turisti hanno rivolto alle strutture tramite il proprio network di portali nel 2023. L'anno scorso le vacanze con durata maggiore sono state  in particolare quelle di luglio, con una media di 9,2 notti contro le 6,8 di agosto. Una tendenza che si discosta molto da quello del 2022, quando la durata dei soggiorni medi per i due mesi clou dell’estate era identica (nove notti). Probabilmente l’aumento dei listini che molti camping hanno applicato nell’anno appena trascorso ha influito su questo scenario.\r\n\r\nI turisti, inoltre, si muovono sempre con maggiore anticipo nella prenotazione della propria vacanza. La booking window media è passata dai 69 giorni del 2022 ai 72 del 2023. Nel dettaglio, richieste per giugno sono arrivate con ben 64 giorni di anticipo in media. Ciò significa che le strutture a marzo devono essere già pronte per affrontare la nuova stagione e accogliere tutte le richieste degli ospiti. Infine, il numero di componenti del nucleo familiare è in crescita. La media di persone per richiesta è infatti arrivata a 3,65: un trend in crescita dato dall’aumento del numero di bambini per nucleo familiare in vacanza.","post_title":"Titanka!: durata media del soggiorno in diminuzione ma richieste in aumento nell'open air","post_date":"2024-01-05T14:28:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1704464936000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458531","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' il Marocco la meta del nuovo fam trip realizzato da King Holidays. Prosegue infatti di slancio l’impegno del to sulla formazione dopo gli educational organizzati in Egitto prima e alle Azzorre. Il fam trip dell'operatore capitolino, nato in collaborazione con Royal Air Maroc e l’ente nazionale per il Turismo del Marocco, si è svolto a fine novembre e ha visto la partecipazione di quindici agenti di viaggio provenienti da tutta Italia.\r\n\r\nIl programma prevedeva il classico tour delle Città Imperiali, uno dei cavalli di battaglia tra le proposte del to, arricchito da estensioni a Tangeri e alla città blu Chefchaouen: gli agenti hanno potuto testare in prima persona le esperienze che King Holidays proporrà nella zona nord del Paese, che sarà oggetto di un importante potenziamento nel prossimo catalogo monografico dedicato. Dopo essere atterrato a Casablanca, il gruppo si è spostato quindi prima nella capitale Rabat e successivamente a Fez, la più antica fra tutte le città imperiali del Marocco. Dopo una sosta nella sorprendente Ifrane, località sciistica a 1.650 metri di altitudine con le case dai tetti spioventi, ultima tappa a Marrakech, la Perla del Sud, alla scoperta di Djemaa El Fna, vivace piazza animata da giocolieri, incantatori di serpenti, cantastorie, suonatori, danzatori e acrobati.\r\n\r\n“Continuiamo a investire sul Marocco – dichiara Roberto Minardi, direttore commerciale King Holidays –, perché è una di quelle destinazioni che ci sta dando maggiori soddisfazioni in termini di numeri e prenotazioni. Per questa ragione per il futuro abbiamo già messo a punto progetti che seguiranno due logiche precise: da una parte una programmazione ricercata, creata per i viaggiatori più esigenti alla ricerca di esperienze più autentiche, sia su base privata sia in formula fly&drive, e dall’altra un incremento di partenze speciali per tutto il 2024, con un’attenzione particolare ai ponti e alle festività”.","post_title":"King Holidays: focus sul Marocco con un fam trip ad hoc che ha coinvolto 15 adv","post_date":"2023-12-21T11:51:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1703159517000]}]}}