22 January 2021

Alvarado: «InterMundial ha reagito subito. Prodotti specifici per il Covid»

[ 0 ] Assicurazioni e Covid

Miguel de Alvarado ci fa percorrere le varie fasi di InterMundial prima e dopo il Covid19. «Avevamo il nuovo catalogo. Ci avevamo lavorato molto e a febbraio era già pronto per la distribuzione. Poi è scoppiata la bomba Coronavirus e abbiamo dovuto rifarlo in un mese. E’ stato un lavoro molto complesso, ma ci siamo riusciti»

Alvarado, area manager Italia di InterMundial ha le idee chiare in proposito. «Abbiamo inserito prodotti specifici per il Covid, anche perché questo è il nostro mestiere, assicurare chi viaggia in ogni momento del viaggio e adeguarci agli avvenimenti che si succedono».

Tra le principali novità di questa riedizione figurano le seguenti coperture: copertura delle spese mediche relative al Covid19 alle stesse condizioni di qualsiasi altra malattia che insorge a destinazione e che raggiunge la cifra massima di 1 milione di euro nelle assicurazioni più stipulate da InterMundial. 

Spese derivate dalla realizzazione dei test diagnostici del coronavirus (Pcr). Se durante il viaggio, l’assicurato presenta sintomi compatibili con il Covid19 e un medico prescrive la realizzazione del test Pcr, InterMundial rimborserà il costo del suddetto test medico. Prolungamento del soggiorno causa quarantena per Covid19; nel caso in cui l’assicurato debba rimanere in quarantena a destinazione per positività al coronavirus, le assicurazioni di InterMundial copriranno le spese derivate dalla necessità di prolungare il soggiorno nell’hotel dell’assicurato. 

Fino a 40 cause di annullamento, inclusa la cancellazione dell’assicurato per diagnosi positiva al Covid19. Nel caso in cui venga diagnosticato positivo nei test medici per Covid19, l’assicurato potrà cancellare il suo viaggio e l’assicurazione si farà carico delle spese sostenute.

«Infine abbiamo lanciato Easy Trip, l’assicurazione per i viaggi di corto raggio. Questa nuova soluzione, appositamente concepita per i viaggi interni in Italia, Sicilia e Sardegna, Costa Azzurra, Corsica, Slovenia, Croazia e Malta, include tutte le garanzie Covid-19 alle quali vengono aggiunte la copertura per l’invio di un autista, veicolo sostitutivo, emergenza e spese in area di servizio e l’integrazione zero franchigia per le auto a noleggio in territorio nazionale».

INCHIESTA PROGRESSIVA

Leggi anche:

Christian Garrone, I4T Insurance Travel: “Pronta la garanzia Annullamento senza motivo”

Cucci: «Europ Assistance ha creato polizze specifiche per il Covid»

Ergo estende le garanzie di assistenza e spese mediche ai casi di Covid

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353867 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => #dimmiperché. È questo l’hashtag scelto da Uvet Personal Travel Specialist per la sua nuova campagna social che partirà su Facebook dal 3 giugno. Saranno direttamente i Personal travel specialist, attraverso dei brevi video informativi, a condurre la campagna di “social reality”. I Personal travel specialist sono cento professionisti presenti su tutto il territorio nazionale che offrono un servizio e un’assistenza di vendita personalizzata per viaggi e vacanze leisure. Ogni Personal travel specialist racconterà in una breve clip quali sono i “Tre buoni motivi” per scegliere di acquistare viaggi e vacanze con questo tipo di servizio evidenziando quello che i loro clienti hanno indicato e percepito come un vero valore distintivo. «Si tratta di una positiva e semplice operazione di storytelling animato - ha detto Glauco Auteri, responsabile Personal travel specialist -. Un live realizzato da persone che fanno questo lavoro e raccontano cose vere. Gli utenti di Facebook dimostrano sempre di apprezzare molto questo genere di contenuti. Un certo tipo di animazione sui social produce sempre dati positivi in termini di visibilità. I Personal Travel Specialist così diventano protagonisti e si lavora per un interessante obiettivo di ‘client engagement’». [post_title] => Uvet lancia #dimmiperché, la campagna social per i Personal travel specialist [post_date] => 2019-05-31T10:20:55+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => glauco-auteri [1] => personal-tarvel-specialist [2] => uvet ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Glauco Auteri [1] => Personal tarvel specialist [2] => Uvet ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559298055000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353713 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La compagnia aerea sarà partner ufficiale di Etna Comics, il festival internazionale del fumetto e della cultura pop che si terrà dal 6 al 9 giugno 2019 a Catania e che, alla sua nona edizione, rappresenta una delle manifestazioni di settore più apprezzate d'Italia. I numerosi ospiti di #EC9, volti noti del settore come Giancarlo Esposito e Keiichiro Toyama, voleranno a bordo degli aeromobili Turkish Airlines, mentre nei giorni della manifestazione la compagnia sarà presente con una postazione dedicata dove saranno proposte attività di engagement e di virtual reality. Presso lo stand, saranno messi in palio voucher regalo per viaggiare a bordo del vettore in tutta Europa. «Siamo lieti di far parte di questa entusiasmante iniziativa che dà risalto alla Sicilia a livello internazionale - afferma Rafet Şişman, general manager di Turkish Airlines a Catania -. Non vediamo l’ora di accogliere i visitatori di Etna Comics presso il nostro stand dove potranno divertirsi scoprendo i servizi tecnologici offerti dalla compagnia aerea e compiere il primo passo per ampliare i propri orizzonti, in attesa di averli come ospiti a bordo del nostro network, che con 124 paesi, raggiunge più destinazioni internazionali di qualunque altro vettore». [post_title] => Turkish Airlines è partner ufficiale di Etna Comics 2019 [post_date] => 2019-05-30T11:20:35+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559215235000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353652 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Riteniamo l'azione avviata dall'Ectaa una presa di posizione che ci trova assolutamente allineati - ha dichiarato Ivana Jelinic, presidente Fiavet nazionale - dopo le diverse segnalazioni che la nostra associazione aveva condiviso a tutela degli agenti di viaggi sia con l'Antitrust che in sede giudiziaria». Questa la prima reazione di Fiavet nazionale dopo l'annuncio di venerdì scorso che confermava la presentazione da parte dell’Ectaa di una denuncia contro Iata all'autorità europea garante della concorrenza per violazione degli articoli 101 e 102 del trattato UE. Un segnale forte che segue anni di negoziati falliti per modernizzare il programma di distribuzione e renderlo più equilibrato. Costituzione di cartello tra imprese e abuso di posizione dominante. Sono queste le due ipotesi di reato che Ectaa individua nell’attività di Iata e che hanno indotto Ectaa a presentare ricorso presso l'Autorità europea per la concorrenza. «Un passo compiuto con responsabilità - ha dettoAlfredo Pezzani, componente Confturismo-Confcommercio del gruppo di lavoro trasporto aereo di Ectaa - , valutando tutte le possibili conseguenze, coscienti del fatto che si tratta di un atto dovuto nei confronti delle oltre 70.000 agenzie di viaggio che, tramite le rispettive organizzazioni nazionali, si riconoscono in Ectaa».   [post_title] => Fiavet: appoggiamo l'azione di Ectaa contro Iata davanti all'Antitrust [post_date] => 2019-05-29T13:39:44+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => antitrust [1] => ectaa [2] => fiavet-nazionale [3] => iata [4] => jelinic [5] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => antitrust [1] => Ectaa [2] => Fiavet nazionale [3] => iata [4] => Jelinic [5] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559137184000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353227 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Valtellina è uno splendido territorio incorniciato dalle Alpi che, oltre a essere uno scenario naturale mozzafiato che richiama escursionisti da tutto il mondo, rappresenta anche il confine naturale con la Svizzera la cui prossimità ha influenzato gli scenari sociali dei valtellinesi. Il sentireo del contrabbando e della memoria e un itinerario che parte da Tirano, paese al confine con la Svizzera, celebre per essere la stazione di partenza del Trenino Rosso del Bernina, patrimonio UNESCO. Il tracciato si snoda lungo il versante retico della Valtellina e sale tra vigneti e piccoli borghi che per molti anni sono stati percorsi dai contrabbandieri che, con "la gerla" a spalla, trasportavano da una parte all’altra del confine le merci. Un percorso lungo 16 chilometri, simbolo della memoria del "contrabbando" che ha caratterizzato la zona del Tiranese in diverse epoche, in particolare quello del dopo guerra del 20° secolo che ha portato numerosi giovani a dedicarsi a questa attività per migliorare le difficili condizioni di vita. Il Sentiero Rusca è un percorso per mountain bike ed escursionismo che da Sondrio porta al Passo del Muretto, un valico posto sul confine tra la Valmalenco e l'Engadina. È un itinerario di 32 chilometri, di rilievo storico e che deve il suo nome all’arciprete Nicolò Rusca che nel 1618 venne rapito a Sondrio da un contingente di soldati svizzeri e condotto, proprio attraverso questo percorso, alla prigionia e alla successiva morte. Il sentiero è stato recentemente sistemato, considerato anche il suo grande valore storico oltre che paesaggistico, così da consentire ai ciclisti o amanti delle escursioni di percorrerlo. Il Sentiero Roma, in Val Masino, è una delle principali Alte Vie della Valtellina che si snoda per circa 52 chilometri tra i 2100 metri del rifugio Omio e i 2950 metri del passo Cameraccio e prevede mediamente tre giorni per la sua percorrenza. La Valtellina ospita inoltre la Via Alpina, una rete di 5 itinerari escursionistici attraverso gli otto Paesi dell'arco alpino (oltre 5000 chilometri e 342 tappe giornaliere) e il Sentiero Italia, uno dei trekking più lunghi del mondo di oltre 6000 chilometri che attraversa gli Appennini e le Alpi. [post_title] => Valtellina, gli itinerari per gli appassionati di trekking [post_date] => 2019-05-27T14:38:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558967913000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353343 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Costituzione di cartello tra imprese e abuso di posizione dominante. Sono queste le due ipotesi di reato che Ectaa individua nell’attività di Iata, l’Associazione internazionale dei vettori aerei, alla quale aderiscono circa 290 compagnie aeree sviluppando oltre l’80% del traffico totale. Si configurerebbe quindi, se il Garante farà sue le posizioni del documento presentato questa mattina, l’infrazione degli articoli 101 e 102 del Trattato di funzionamento europeo. «Un passo compiuto con responsabilità, valutando tutte le possibili conseguenze, coscienti del fatto che si tratta di un atto dovuto nei confronti delle oltre 70.000 agenzie di viaggio che, tramite le rispettive organizzazioni nazionali, si riconoscono in Ectaa». Così Alfredo Pezzani di Fto, componente Confturismo-Confcommercio del gruppo di lavoro trasporto aereo di Ectaa, riassume il lavoro preparatorio svolto, che ha portato l’organizzazione a depositare, questa mattina, un esposto al Garante europeo della concorrenza. La parola passa ora all’Antitrust . «Ci auguriamo che le conclusioni arrivino presto e, soprattutto, che l’avvio del procedimento induca Iata ad aprire finalmente con il nostro mondo una interlocuzione degna di questo nome - spiega Pezzani -. La sequenza ininterrotta di decisioni prese unilateralmente in tema di procedure e regole, distribuzione delle responsabilità, gestione delle contestazioni ed altro ancora, alle quali Iata ci ha abituato in questi ultimi anni, è diventata incompatibile con lo stesso ruolo dell’agente di viaggio che, prima ancora di essere distributore dei servizi delle compagnie aeree, è colui al quale il cliente si affida per ricevere una consulenza qualificata e ritagliata sulle sue specifiche esigenze».   [post_title] => Ectaa presenta un esposto contro Iata al Garante europeo della concorrenza [post_date] => 2019-05-27T10:54:36+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => ectaa [1] => fto [2] => iata [3] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Ectaa [1] => fto [2] => iata [3] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558954476000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353077 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo guaio per I Viaggi di Atlantide. Secondo quanto affermato dal presidente di Aiav, Fulvio Avataneo, l'operatore, che attualmente gravita nella galassia Arkus, avrebbe operato senza copertura assicurativa, nella fattispecie la polizza Nobis, che sarebbe scaduta il 31 dicembre del 2018.  Se la cosa fosse accertata sarebbe senza dubbio un fatto molto grave sia per il cliente finale che per le agenzie che hanno venduto la programmazione dei I Viaggi di Atlantide. Già a fine aprile si era aperta una querelle che riguardava Arkus Network, e che la vedeva opposta a Neos, il vettore del gruppo Alpitour che aveva annunciato di non voler proseguire i servizi charter Partours. Arkus aveva reagito considerando l'azione di Neos illegittima e prospettando una decisa azione legale. In queste ore in casa Arkus sembra che l'interesse verso I Viaggi di Atlantide si sia ufficialmente raffreddato, dopo la prima timida marcia indietro dei giorni scorsi.          [post_title] => Guai per I Viaggi di Atlantide. Ha lavorato senza assicurazione? [post_date] => 2019-05-23T16:02:31+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => arkus [1] => assicurazioni [2] => i-viaggi-di-atlantide ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Arkus [1] => assicurazioni [2] => i viaggi di atlantide ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558627351000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352741 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ctrip, l'agente di viaggi più grande dell'Asia, e Cotri (China Outbound Tourism Research Institute) hanno presentato congiuntamente il nuovo rapporto di viaggi alla fiera commerciale Itb China del 2019 a Shanghai. Il rapporto esamina le tendenze dei viaggiatori cinesi in partenza che optano per un viaggio personalizzato di fascia alta. Per venire incontro alle richieste sempre maggiori di viaggi personalizzati da parte dei viaggiatori cinesi, nel mese di gennaio del 2016 è stata istituita l'unità Viaggi personalizzati di Ctrip con una studiata appositamente per le persone con reddito netto elevato lanciata nel mese di marzo 2019. La piattaforma si rivolge ai clienti cinesi di fascia alta che sono sempre più interessati a servizi di alta qualità e all'uso esclusivo di risorse rare. In quanto viaggiatori esperti che considerano il viaggio un'attività di svago importante, sono attivamente alla ricerca di servizi, risorse ed esperienze di alta qualità, unici e di nicchia. Flessibili per quanto riguarda il loro tempo e non vincolati da problemi di costo, questi clienti apprezzano molto l'esclusività e la privacy durante le loro esperienze di viaggio. Secondo il rapporto, donne, coppie e gruppi di età compresa tra i 31-40 anni sono probabilmente, a livello demografico, i più propensi ad acquistare pacchetti di viaggio all'estero personalizzati di fascia alta. Le cinque destinazioni più richieste sono Tailandia, Giappone, Indonesia, Maldive e Usa. Nel 2018, il numero di ordini ha registrato un aumento del 180% rispetto al 2017. Sebbene Shanghai, Pechino e Guangzhou siano i tre mercati principali con maggiore richiesta, la crescita da città di altro livello ha superato quella delle città di primo livello. I dati di Ctrip indicano che la spesa media per persona su un pacchetto di viaggio personalizzato di fascia alta era di RMB 23.800 (3.410 dollari). La richiesta di attività uniche, ristoranti raffinati, la partecipazione a eventi sportivi speciali e l'organizzazione di alloggi di alto livello riflette il costante interesse per esperienze di viaggio più esclusive e personalizzate.   [post_title] => Itb China, il turista cinese di fascia alta cerca esperienze di nicchia [post_date] => 2019-05-22T09:31:04+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558517464000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352736 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Non è più percorribile un accordo sulle rotte Olbia-Fiumicino e Olbia-Milano»: Rossen Dimitrov, coo di Air Italy esprime chiaramente una decisione che era nell'aria da mesi e declina l'invito al tavolo della Regione Sardegna per domani, 22 maggio, a Cagliari, convocato dal governatore per discutere di continuità territoriale aerea da e per l'Isola. Il messaggio potrebbe precedere un abbandono della base a Olbia - ora senza più voli agevolati, per spostare gli operativi sull'hub di Milano Malpensa. Air Italy, dunque, si chiama fuori e dice addio a Olbia, dove Alitalia sta volando per Roma e Milano Linate con oneri di servizio pubblico ma senza compensazioni, dopo che il vettore aveva avanzato la proposta di effettuare i collegamenti senza aiuti con largo anticipo rispetto alle scadenza del bando. La mossa dell'ex compagnia di bandiera però aveva frenato Air Italy che da subito aveva ritenuto non economicamente vantaggioso spartire le rotte senza contributi. «Esattamente un mese fa - spiega in una nota ufficiale Dimitrov - la compagnia ha detto che la soluzione proposta dalla Regione Sardegna di concerto con il Governo non era una soluzione, ma una farsa, e che non risolveva la questione della continuità territoriale. Al contrario, mette a rischio la continuità territoriale e contemporaneamente i passeggeri, il territorio, il personale di Air Italy e il settore turistico della Sardegna. Oggi quest’affermazione è tristemente ancora valida. Oltre a ciò, c’è disillusione e estrema delusione rispetto a come questa situazione è stata gestita dalla Regione Sardegna e dal Governo. Così com'è, questa è la fine della storia per quanto riguarda Air Italy, che essendo costretta a cancellare le due rotte continuità territoriale di Olbia, continuerà a ri-proteggere i passeggeri che dovessero risultare ancora prenotati sui voli fra Olbia e Milano Linate e fra Olbia e Roma Fiumicino. Non c'è nient'altro che la compagnia possa fare a questo punto. Sono state mantenute le opzioni per gli aerei in leasing in attesa di una risoluzione, ma sfortunatamente ora tali opzioni verranno rilasciate e tutti i relativi accordi annullati. Inoltre, a causa della cattiva gestione e delle ripercussioni finanziarie di questo ridicolo stato di cose, è stato dato incarico per valutare la possibilità di richiedere un risarcimento e verrà chiesto alla Commissione europea di indagare su questa débâcle. Ma soprattutto, l’obiettivo principale resta lo stesso: il proprio personale. A causa di questa situazione mal gestita e della mancanza di una soluzione, trascinata per mesi e ritornata al punto di partenza, il destino dei 500 dipendenti di Air Italy, delle loro famiglie e delle imprese associate in Sardegna dipende dalle decisioni della Regione Sardegna e del Governo. Oggi il personale della compagnia e le famiglie meritano risposte oneste e dirette da parte di coloro che sono responsabili di questo caos. Essi devono adesso spostare immediatamente l’attenzione sulla ricerca di una soluzione adeguata a proteggere sia il reddito degli oltre 500 dipendenti di Air Italy, sia le loro famiglie a Olbia, nonché il contributo economico e sociale, che essi apportano all'isola della Sardegna». «Prendiamo atto della comunicazione di Air Italy - ha dichiarato in queste ore all'Ansa il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas - ma ribadiamo che proseguono le interlocuzioni costanti del presidente della Regione con Alitalia, che conferma la presenza alla riunione di mercoledì alla quale partecipa con senso di responsabilità, con la volontà di contribuire ad una positiva soluzione della vicenda».   [post_title] => Air Italy dice no alla Regione Sardegna e lascia Olbia ad Alitalia [post_date] => 2019-05-21T15:30:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558452658000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352161 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Oltre 600 agenti di viaggio Geo si riuniranno dal 24 al 26 maggio al Voi Tanka Resort a Villasimius (CA) per la Convention Nazionale del Network. Geo offre alle agenzie due voli charter riservati  e altri voli dai principali aeroporti (Milano, Roma, Verona, Bologna, Bari, Brindisi, Palermo, Lamezia Terme, Reggio Calabria, Catania e Pisa), oltre ai relativi transfer dall’aeroporto di Cagliari alla struttura. Grazie all’accordo con Sea ViaMilano Parking e ParkinGo, agli agenti è concessa la gratuità per i parcheggi aeroportuali. Event sponsor: Allianz Global Assistance, Flexible Autos, Aruba Tourism Authority e PromPerù. Oltre 50 i fornitori tra tour operator, crocieristi, compagnie aeree, compagnie di parcheggi e noleggi auto, hotel, enti del turismo, assicurazioni, gds e carte di credito. «Dal Cambia-Mente" dello scorso anno, proseguiamo oggi nel percorso che intende portare i nostri agenti a riflettere sulla visione del futuro del settore travel - commenta l’ad Geo Luca Caraffini - La tecnologia e l’Intelligenza artificiale saranno il fulcro del nostro dibattito, con un’attenzione sempre viva al valore umano della relazione col cliente, che diventa sempre più strutturata. Oggi sono fondamentali la customer experience e la fidelizzazione: noi per primi come Network stiamo lavorando in questo senso verso i nostri affiliati». In convention Geo presenterà gli sviluppi su crm e mondo social, vòlti a portare un cliente in più in agenzia, rendendo possibile per il cliente l’acquisto di offerte di viaggio direttamente da Facebook ed Instagram, passando attraverso il sito web dell’agenzia su cui è attivo l’e-commerce.             [post_title] => Geo "backtothefuture": il network incontra in Sardegna 600 adv [post_date] => 2019-05-16T10:39:11+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558003151000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti