2 October 2022

Cerco lavoro in contabilità presso agenzia di viaggio e t.o Milano

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono: 339 5332333
Email:
Provincia: • ,
Comune: • 

Settore: • ,
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Ragioniere decennale esperienza in contabilità di agenzie di viaggio e tour operator fino alle scritture di bilancio, utilizzo programma Atlante su AS/400, office, remote banking, lotus notes, cerca impiego presso serie aziende del settore turistico preferibilmente in Milano.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431245 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Consegnata da Fincantieri al gruppo Viking la Polaris, seconda nave di un'ordine da due unità da crociera expedition. La cerimonia si è svolta presso il cantiere di Søviknes, in Norvegia. Al pari della Octantis, consegnata lo scorso anno, la Viking Polaris può accogliere a bordo 378 ospiti in 189 cabine. Entrambe le unità sono inoltre dotate della certificazione Polar Class 6 per le spedizioni nelle regioni polari, e hanno dimensioni tali da poter navigare in aree remote e nel fiume San Lorenzo, mantenendo maneggevolezza e stabilità superiori anche con mare agitato. Progettate dagli stessi architetti e ingegneri che hanno lavorato alle navi oceaniche della flotta Viking, le nuove unità presentano un moderno design scandinavo, ambienti intimi e attenzione ai dettagli, con lo stile delle aree pubbliche tipico di Viking e alcuni ambienti aggiunti appositamente per la particolare tipologia di viaggio expedition. La collaborazione tra Fincantieri e Viking annovera ben 18 unità totali, incluse le quattro annunciate poche settimane fa, confermando così la ripresa del settore crocieristico, atteso a un ritorno sui livelli pre-pandemici nel 2023. [post_title] => Fincantieri consegna la nave expedition Polaris al gruppo Viking [post_date] => 2022-09-28T11:08:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664363326000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A fine anno sono previsti in Adriatico 3,3 milioni di crocieristi movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 232% sul 2021 grazie a 2.936 accosti di navi da crociera (+195% sul 2021). Un dato positivo, certo, ma ancora lontano da quello del 2019, quando i numeri parlavano di ben 5,7 milioni di passeggeri movimentati nella medesima area. Il podio della classifica 2022 vede quindi Corfù al primo posto con oltre mezzo milione di passeggeri previsti e 411 toccate nave, davanti a Kotor (400 mila passeggeri movimentati e 440 toccate nave) e Trieste (380 mila passeggeri movimentati e 230 accosti). A livello di Paesi, la previsione per la chiusura d’anno vede quindi l’Italia confermarsi al primo posto per numero di passeggeri movimentati (1,36 milioni, pari al 40% del totale), davanti a Croazia (900 mila passeggeri) e Grecia (560 mila passeggeri). La Croazia, invece, registrerà a fine 2022 il numero più alto di toccate nave (995) davanti all’Italia (927) e al Montenegro (453). Sono alcuni dei dati della nuova edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report che, insieme alle previsioni per il 2023, verranno presentati da Risposte Turismo in occasione della quinta edizione di Adriatic Sea Forum – Cruise, Ferry, Sail & Yacht, organizzato a Bari dal 6 al 7 ottobre dalla stessa Risposte Turismo, in partnership con l'Autorità di sistema portuale del mar Adriatico meridionale e Pugliapromozione. Lanciato nel 2013, il forum vedrà la partecipazione di operatori dei settori crociere, traghetti e nautica provenienti dai sette Paesi che si affacciano sull’Adriatico (Italia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro e Slovenia). «La nuova edizione dell’Adriatic Sea Forum giunge in un momento particolarmente significativo per il comparto, nel quale la sfida, ancor più del passato, si gioca sulla capacità di attrazione della domanda, dunque dei turisti, nell’area adriatica - dichiara Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - Nei due giorni del forum porremo agli operatori e ai rappresentanti di enti di governo una serie di temi e quesiti per comprendere quali potranno essere le future traiettorie di sviluppo di questi settori in Adriatico, e ascolteremo intenzioni, progetti, programmi e istanze che dovrebbero segnare le prossime dinamiche e consentire il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi risultati». Tra gli altri dati del rapporto, si segnalano anche quelli sul segmento dei traghetti e degli aliscafi: i primi numeri dell'Adriatic Sea Tourism Report mostrano a fine 2022 nei porti adriatici quasi 18 milioni di passeggeri movimentati (+26% sul 2021 e risultato vicino ai 20 milioni - numeri record - registrati nel 2019). A fine 2022 Bari si confermerà inoltre primo porto in Adriatico per passeggeri movimentati su rotte internazionali (quasi 800 mila), davanti a Durazzo e Ancona che si contenderanno la seconda posizione con circa 690 mila passeggeri movimentati. Da segnalare come per tutti e tre i porti la movimentazione ferry si sviluppi per il 100% su rotte internazionali. Passando infine alla nautica, secondo i dati elaborati da Risposte Turismo in Adriatico sono attive 337 strutture per quasi 80 mila posti barca (79.171). L’Italia conferma la propria leadership grazie a 189 strutture attive (56% delle marine presenti nell’area, per un totale di 49 mila posti barca, 62% del totale), davanti a Croazia (126 strutture per quasi 21 mila posti barca) e Montenegro (8 strutture per 3.545 posti barca). Il turismo nautico in Adriatico mostra, nel quadriennio 2019 – 2022, una crescita complessiva nel numero di marine, porti turistici e posti barca. Nel periodo, infatti, sono state aperte otto nuove strutture nautiche (tre in Croazia, due in Italia e in Montenegro e una in Grecia), per un totale di quasi 4 mila nuovi posti barca. «Nonostante le incertezze che pesano sul contesto internazionale – conclude di Cesare - il turismo ha dato evidenti segnali di ripresa in questo 2022 e il maritime tourism, con le sue componenti, spicca per dinamicità. Negli scorsi mesi abbiamo registrato attraverso i nostri lavori di ricerca una intensa accelerazione sul fronte degli investimenti, con l’offerta nautica, di traghetti e crociere che tanto sul fronte porti e marine che su quello delle compagnie di navigazione sta alzando man mano il livello qualitativo, con una grande attenzione anche al tema della salvaguardia dell’ambiente». [post_title] => All'Adriatic Sea Forum di Bari i dati del report ad hoc di Risposte Turismo [post_date] => 2022-09-28T10:06:57+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664359617000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431137 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => British Airways e Qatar Airways hanno completato l’ultima fase dell’espansione della loro partnership, offrendo connettività globale tra più paesi rispetto a qualsiasi altro airline joint business. Un passo che segna la realizzazione di un piano annunciato per la prima volta nel dicembre dello scorso anno ed espande la già esistente attività congiunta che copre i collegamenti tra Doha e Londra. Sebbene un "piccolo numero" di rotte richieda ancora l'approvazione normativa, i partner hanno aggiunto 42 Paesi al loro network condiviso, tra cui Italia, Norvegia, Singapore e Svezia. I due vettori sottolineano che l'accordo crea la "il più grande joint business tra due compagnie aeree al mondo", che copre destinazioni in Europa, Medio Oriente, Africa e Asia-Pacifico.  Questa espansione "consentirà viaggi in coincidenza senza soluzione di continuità con biglietti unici via Doha e Londra, portando il numero totale di destinazioni servite dalle due compagnie aeree a 185 in oltre 60 Paesi". Sean Doyle, ceo di British, descrive gli accordi come "un'enorme pietra miliare nel nostro rapporto di lunga data con Qatar Airways". Il rapporto tra British e Qatar Airways si estende oltre l'attività comune e l'alleanza condivisa, con il vettore del Golfo già azionista del gruppo Iag, proprietario della compagnia britannica. [post_title] => Qatar Airways e British ampliano la partnership per il joint business più grande di sempre [post_date] => 2022-09-27T09:18:41+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664270321000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430615 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Affacciato su Piazza Dam, il Grand Hotel Krasnapolsky Amsterdam segna il debutto olandese del brand Anantara del gruppo Minor (a cui appartiene anche Nh). La proprietà è nella fase finale di un'ampia opera di ristrutturazione con nuove camere e suite dallo stile contemporaneo (per un totale di 402 chiavi), una nuovissima Anantara Spa, un centro fitness e un giardino interno. L'edificio risale al 1856, anno in cui un sarto polacco, Adolph Wilhelm Krasnapolsky, vi aprì per la prima volta un caffè. Quando il locale crebbe di popolarità, Krasnapolsky aggiunse delle camere in affitto e successivamente lo trasformò in un hotel moderno. Oggi la struttura celebra con orgoglio la propria storia con immagini in bianco e nero del passato esposte in tutto il locale e il celebre bar The Tailor, che rende omaggio all’originale artigianalità del suo fondatore. Le esperienze gastronomiche dell'hotel includono il ristorante The White Room, sotto la guida dello chef con 3 stelle Michelin, Jacob Jan Boerma, i cui piatti utilizzano gli ingredienti locali più freschi provenienti dai Paesi Bassi. Il Grand Café Krasnapolsky e la Champagne Room, entrambi con affaccio diretto su piazza Dam, offrono portate classiche con un tocco contemporaneo, insieme a un'ampia selezione di champagne al bicchiere. Il pluripremiato bar The Tailor rende, come detto, omaggio al fondatore dell'hotel e all'artigianato con cocktail personalizzati. La colazione viene infine servita nel giardino d’inverno, riconoscibile per il suo tetto in vetro del diciannovesimo secolo. In linea con la filosofia benessere del brand, la nuova Anantara Spa propone tecniche thailandesi applicate con prodotti di qualità Swissline: un marchio presente esclusivamente ad Amsterdam, noto per il suo team di esperti in terapia cellulare e per la specializzazione nella biologia della pelle. Inoltre, la spa lavora con il marchio olandese hannah, il cui obiettivo è riportare la pelle danneggiata in equilibrio e rallentare l'invecchiamento. Con la sua area relax che si affaccia sul giardino d’estate, il design della spa è influenzato dalle dune costiere del Paese, con interni che incorporano legno naturale e pietra. Tre sale per trattamenti e saune finlandesi a infrarossi offrono un rifugio dalla frenetica vita di città. La nuova palestra dell'hotel è poi attrezzata Technogym, con tecnologia cardio e pesi e una parete di arrampicata rotante. L'hotel offre pure spazi per eventi, riunioni e conferenze, che vanno da dieci a 1.500 ospiti.  Il marchio ha aperto per la prima volta in Europa nel 2017 con il lancio dell'Anantara Vilamoura Algarve Resort in Portogallo, seguito da Villa Padierna Palace Resort a Marbella. Il brand continua inoltre la sua espansione in Europa con proprietà come l'Anantara Palazzo Naiadi Roma e il New York Palace Budapest, oltre ad altre new entry in arrivo. [post_title] => Il brand Anantara debutta in Olanda con il Grand Hotel Krasnapolsky Amsterdam [post_date] => 2022-09-16T15:06:41+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663340801000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430542 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli stranieri tornano in Italia in massa: nei primi sei mesi del 2022 hanno speso 15,9 miliardi di euro, in aumento del 308% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (3,9 mld). Nel confronto con il primo anno della pandemia (6,2 mld), l'incremento è del 155,1%, grazie ai mesi precedenti l'arrivo del covid (gennaio e febbraio). E' quanto emerge dalle tabelle della Banca d'Italia che accompagnano l'indagine sul turismo internazionale. La bilancia dei pagamenti turistica mostra che i turisti italiani andati all'estero, nel primo semestre, hanno speso 9 miliardi, in aumento del 142,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (3,7 mld). L'incremento rispetto ai primi sei mesi del 2020, quando gli italiani hanno speso 5,2 miliardi di euro, è invece del 71%. Il saldo risulta positivo per 6,8 miliardi di euro, un valore che è difficile confrontare con l'anno precedente (159 mln) e con il 2020 (935 mln). Analizzando i trimestri emerge che nei primi tre mesi dell'anno la spesa degli stranieri è stata pari a 5,1 miliardi, a cui si sommano 10,8 miliardi del secondo trimestre. Mentre la spesa dei viaggiatori italiani nei primi tre mesi del 2022 è stata di 3,4 miliardi, a cui vanno sommati altri 5,6 miliardi del secondo trimestre. Secondo Bankitalia lo scorso giugno la bilancia dei pagamenti turistica dell'Italia ha registrato un avanzo di 2,5 miliardi di euro (da 0,4 mld nello stesso mese del 2021), lievemente superiore ai livelli pre-pandemici del 2019. ''Grazie alla completa revoca delle restrizioni all'ingresso'', le entrate turistiche (4,6 miliardi) sono state pari a circa tre volte quelle dell'anno precedente; le uscite (pari a 2,1 miliardi) sono raddoppiate. [post_title] => Bankitalia certifica il boom del turismo straniero. Spesi 15,9 miliardi [post_date] => 2022-09-15T14:49:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663253361000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430493 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Maestoso e imponente, un unicum nel panorama dell’hotellerie milanese: il Gruppo NH Hotel apre le porte del Nh Collection Milano CityLife. Dodicesima struttura a Milano per il gruppo, il nuovo Nh sorge nella CityLife della città meneghina, a pochi passi dalla stazione della metropolitana Portello da una chiesa sconsacrata del 1934. Rilevata dal Gruppo Igefi e CLH, viene trasformata dallo studio di progettazione architettonica Quattroassociati in una struttura unica nel suo genere, attraverso un viaggio nel XX secolo, nella storia del Novecento milanese, tra riqualificazione urbana e innovazione, rivisitazione di tradizione e modernità, nuovo e antico. La pianta a croce latina a tre navate, in parte mantenuta, con i portoni in legno originali, gli archi a tutto sesto e le campate delle navate laterali fanno parte, oggi, della scenografia dell’hotel. L’altezza e il senso di verticalità che colpisce l’ospite, sono gli elementi principali che caratterizzano la struttura. “Trasformare e valorizzare un edificio di culto, rendendolo un luogo di incontro dedicato all’ospitalità, è stata una sfida impegnativa e professionale - ha spiegato Michele Reginaldi, architetto responsabile del progetto dello studio Quattroassociati –. Abbiamo cercato di reinterpretare gli spazi dell’hotel sempre salvaguardando i caratteri della spazialità dell’edificio esistente nel rispetto degli elementi architettonici e decorativi più significativi. Un compito arduo, un lavoro di conservazione e valorizzazione per restituire continuità alla struttura preesistente. Un impegno considerevole sia a livello economico che progettuale”. Dal bianco ottico, nei suoi 13 piani, l’hotel spicca per il Made in Italy, fil-rouge di tutta la struttura. Dotato di 185 camere, di cui 10 suite duplex costruite sulla navata centrale e 6 camere con terrazza a vista sulla città, NH Collection Milano CityLife è uno dei pochi hotel al mondo a offrire la possibilità di soggiornare all’interno di una ex chiesa.  Fiore all’occhiello è l’esclusivo rooftop con piscina e cocktail bar, The District per uno spazio esclusivo all’aperto. E per sfoggiare bellissimi costumi da bagno sul rooftop, il Gruppo NH ha avviato una partnership con “i costumi di Le Chiappette” che ha creato una speciale collezione in occasione dell’inaugurazione di NH Collection Milano CityLife. Con lo chef Gabriele Grisolia, di origini lucane, anche il ristorante Tailors legato alla cucina italiana, integra sapientemente antico, nuovo e avanguardia.  Il tipico saper-fare italiano, sinonimo di qualità e lo spirito sartoriale dell’eccellenza del Made in Italy, emerge anche nei piccoli dettagli: l’illuminazione 100% italiana con le lampade nelle camere di Flos e Firmamento Milano, e le fotografie di modelle in abiti sartoriali degli anni ’50 e ’60.  Spaziose sale meeting e la vicinanza ai padiglioni del MiCo completano l’offerta dell’hotel per un’ospitalità a misura di città d’arte, turistica e business centre. [gallery ids="430496,430497,430498,430499,430494,430500"] [post_title] => Nh Collection CityLife Milano apre i battenti, un unicum nell’hotellerie meneghina [post_date] => 2022-09-15T09:36:05+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663234565000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428853 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il governo del Napal ha varato una serie di misure per rilanciare l'industria del turismo, particolarmente colpita dalla pandemia, che includono l'istituzione della Visit Nepal Decade, nel decennio tra il 2023 e il 2033. Presentando il piano Jeevan Ram Shrestha, ministro nepalese per la cultura, il turismo e l'aviazione civile, ha dichiarato che il governo sta rompendo la tradizione di annunciare un singolo anno come "Visit Nepal Year", in modo da condurre una campagna sostenuta per promuovere il turismo, uno dei principali generatori di valuta estera e di posti di lavoro per il Paese. Il governo intanto punta ad attrarre 1 milione di turisti stranieri nell'anno fiscale 2022-23, iniziato a metà luglio. Il Nepal ha accolto 1,19 milioni di visitatori stranieri nel 2019 e ha cercato di attrarne 2 milioni nel 2020, quando è stato lanciato Visit Nepal 2020, ma il Covid-19 ha costretto il governo a sospendere la campagna. Lo scorso giugno, secondo i dati del ministero del Turismo, gli stranieri che hanno visitato il Paese sono stati 237.670. Nell'ambito del nuovo piano d'azione, il Nepal lancerà campagne di promozione in Cina, India e Bangladesh, le prime due delle quali sono le maggiori fonti di turisti per il Nepal negli anni normali. È previsto anche un piano per promuovere il Nepal come destinazione Mice e per il turismo spirituale, con l'offerta di pacchetti di yoga, benessere e spa. E visto che l'alpinismo è da sempre una parte fondamentale del turismo nepalese, il Paese sta pianificando l'apertura di altre vette himalayane. [post_title] => Nepal: nuovo piano per rilanciare il turismo con la Visit Nepal Decade [post_date] => 2022-07-25T11:17:12+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658747832000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428705 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non si fermano gli investimenti degli austriaci di Jp Immobilien in Italia. A pochi giorni dalla notizia dell'acquisizione dell'hotel Milano di Madonna di Campiglio, da riposizionare nel segmento lifestyle, arriva ora quella del Residence del Mare Casa Minelli a Trieste. L'operazione, come nel caso trentino, è stata condotta dalla controllata Jp Hospitality Investors Club. La proprietà si trova nel centro storico, in zona pedonale, nei pressi di piazza Unità d'Italia, vicino al lungomare e al porto. Vanta un totale di 36 appartamenti con angolo cucina per soggiorni short & long stay. L’asset, attualmente un 3 stelle, risulta in buone condizioni ma sarà comunque oggetto di una ristrutturazione leggera, ancora una volta per riposizionarlo come prodotto lifestyle. E' questa la quinta acquisizione italiana del gruppo austriaco che, proprio a Trieste, ha tra le altre rilevato a inizio anno da Ferrovie dello Stato il palazzo Compartimentale per 10 milioni di euro. I piani sono quelli di convertire la proprietà in un 4 stelle da 159 camere a marchio 25hours, il secondo del brand Accor-Ennismore in Italia dopo il debutto fiorentino. [post_title] => Focus sull'Italia per l'austriaca Jp Immobilien: acquisito un residence a Trieste [post_date] => 2022-07-21T12:05:32+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658405132000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 427665 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Albastar è operativa sulla nuova rotta tra Milano Bergamo e l'isola di Sal. Il volo per Capo Verde, operato in partnership con Caboverdetime e Veratour, è decollato alle ore 13:00 di venerdì 1° luglio. Una new entry per il vettore privato spagnolo che proprio all’aeroporto di Milano Bergamo ha la sua prima base operativa in Italia in termini di destinazioni e frequenze operate. Il collegamento verso l’Isola del Sal è programmato ogni venerdì e sarà operato da Boeing 737-800 da 189 posti. I voli sono acquistabili attraverso tutti i canali distributivi della compagnia aerea. Il vettore opera oggi con una flotta di cinque B737-800Ng configurati a 189 posti in classe unica e un B737-400 configurato a 170 posti in classe unica. [post_title] => Albastar operativa sulla Milano Bergamo-Isola di Sal, con un volo settimanale [post_date] => 2022-07-04T08:58:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1656925131000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1859" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":80,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431245","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Consegnata da Fincantieri al gruppo Viking la Polaris, seconda nave di un'ordine da due unità da crociera expedition. La cerimonia si è svolta presso il cantiere di Søviknes, in Norvegia. Al pari della Octantis, consegnata lo scorso anno, la Viking Polaris può accogliere a bordo 378 ospiti in 189 cabine. Entrambe le unità sono inoltre dotate della certificazione Polar Class 6 per le spedizioni nelle regioni polari, e hanno dimensioni tali da poter navigare in aree remote e nel fiume San Lorenzo, mantenendo maneggevolezza e stabilità superiori anche con mare agitato.\r\n\r\nProgettate dagli stessi architetti e ingegneri che hanno lavorato alle navi oceaniche della flotta Viking, le nuove unità presentano un moderno design scandinavo, ambienti intimi e attenzione ai dettagli, con lo stile delle aree pubbliche tipico di Viking e alcuni ambienti aggiunti appositamente per la particolare tipologia di viaggio expedition. La collaborazione tra Fincantieri e Viking annovera ben 18 unità totali, incluse le quattro annunciate poche settimane fa, confermando così la ripresa del settore crocieristico, atteso a un ritorno sui livelli pre-pandemici nel 2023.","post_title":"Fincantieri consegna la nave expedition Polaris al gruppo Viking","post_date":"2022-09-28T11:08:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664363326000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431217","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A fine anno sono previsti in Adriatico 3,3 milioni di crocieristi movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 232% sul 2021 grazie a 2.936 accosti di navi da crociera (+195% sul 2021). Un dato positivo, certo, ma ancora lontano da quello del 2019, quando i numeri parlavano di ben 5,7 milioni di passeggeri movimentati nella medesima area. Il podio della classifica 2022 vede quindi Corfù al primo posto con oltre mezzo milione di passeggeri previsti e 411 toccate nave, davanti a Kotor (400 mila passeggeri movimentati e 440 toccate nave) e Trieste (380 mila passeggeri movimentati e 230 accosti). A livello di Paesi, la previsione per la chiusura d’anno vede quindi l’Italia confermarsi al primo posto per numero di passeggeri movimentati (1,36 milioni, pari al 40% del totale), davanti a Croazia (900 mila passeggeri) e Grecia (560 mila passeggeri). La Croazia, invece, registrerà a fine 2022 il numero più alto di toccate nave (995) davanti all’Italia (927) e al Montenegro (453).\r\n\r\nSono alcuni dei dati della nuova edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report che, insieme alle previsioni per il 2023, verranno presentati da Risposte Turismo in occasione della quinta edizione di Adriatic Sea Forum – Cruise, Ferry, Sail & Yacht, organizzato a Bari dal 6 al 7 ottobre dalla stessa Risposte Turismo, in partnership con l'Autorità di sistema portuale del mar Adriatico meridionale e Pugliapromozione. Lanciato nel 2013, il forum vedrà la partecipazione di operatori dei settori crociere, traghetti e nautica provenienti dai sette Paesi che si affacciano sull’Adriatico (Italia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro e Slovenia).\r\n\r\n«La nuova edizione dell’Adriatic Sea Forum giunge in un momento particolarmente significativo per il comparto, nel quale la sfida, ancor più del passato, si gioca sulla capacità di attrazione della domanda, dunque dei turisti, nell’area adriatica - dichiara Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - Nei due giorni del forum porremo agli operatori e ai rappresentanti di enti di governo una serie di temi e quesiti per comprendere quali potranno essere le future traiettorie di sviluppo di questi settori in Adriatico, e ascolteremo intenzioni, progetti, programmi e istanze che dovrebbero segnare le prossime dinamiche e consentire il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi risultati».\r\n\r\nTra gli altri dati del rapporto, si segnalano anche quelli sul segmento dei traghetti e degli aliscafi: i primi numeri dell'Adriatic Sea Tourism Report mostrano a fine 2022 nei porti adriatici quasi 18 milioni di passeggeri movimentati (+26% sul 2021 e risultato vicino ai 20 milioni - numeri record - registrati nel 2019). A fine 2022 Bari si confermerà inoltre primo porto in Adriatico per passeggeri movimentati su rotte internazionali (quasi 800 mila), davanti a Durazzo e Ancona che si contenderanno la seconda posizione con circa 690 mila passeggeri movimentati. Da segnalare come per tutti e tre i porti la movimentazione ferry si sviluppi per il 100% su rotte internazionali.\r\n\r\nPassando infine alla nautica, secondo i dati elaborati da Risposte Turismo in Adriatico sono attive 337 strutture per quasi 80 mila posti barca (79.171). L’Italia conferma la propria leadership grazie a 189 strutture attive (56% delle marine presenti nell’area, per un totale di 49 mila posti barca, 62% del totale), davanti a Croazia (126 strutture per quasi 21 mila posti barca) e Montenegro (8 strutture per 3.545 posti barca). Il turismo nautico in Adriatico mostra, nel quadriennio 2019 – 2022, una crescita complessiva nel numero di marine, porti turistici e posti barca. Nel periodo, infatti, sono state aperte otto nuove strutture nautiche (tre in Croazia, due in Italia e in Montenegro e una in Grecia), per un totale di quasi 4 mila nuovi posti barca.\r\n\r\n«Nonostante le incertezze che pesano sul contesto internazionale – conclude di Cesare - il turismo ha dato evidenti segnali di ripresa in questo 2022 e il maritime tourism, con le sue componenti, spicca per dinamicità. Negli scorsi mesi abbiamo registrato attraverso i nostri lavori di ricerca una intensa accelerazione sul fronte degli investimenti, con l’offerta nautica, di traghetti e crociere che tanto sul fronte porti e marine che su quello delle compagnie di navigazione sta alzando man mano il livello qualitativo, con una grande attenzione anche al tema della salvaguardia dell’ambiente».","post_title":"All'Adriatic Sea Forum di Bari i dati del report ad hoc di Risposte Turismo","post_date":"2022-09-28T10:06:57+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664359617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431137","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"British Airways e Qatar Airways hanno completato l’ultima fase dell’espansione della loro partnership, offrendo connettività globale tra più paesi rispetto a qualsiasi altro airline joint business.\r\n\r\nUn passo che segna la realizzazione di un piano annunciato per la prima volta nel dicembre dello scorso anno ed espande la già esistente attività congiunta che copre i collegamenti tra Doha e Londra. Sebbene un \"piccolo numero\" di rotte richieda ancora l'approvazione normativa, i partner hanno aggiunto 42 Paesi al loro network condiviso, tra cui Italia, Norvegia, Singapore e Svezia.\r\n\r\nI due vettori sottolineano che l'accordo crea la \"il più grande joint business tra due compagnie aeree al mondo\", che copre destinazioni in Europa, Medio Oriente, Africa e Asia-Pacifico.  Questa espansione \"consentirà viaggi in coincidenza senza soluzione di continuità con biglietti unici via Doha e Londra, portando il numero totale di destinazioni servite dalle due compagnie aeree a 185 in oltre 60 Paesi\".\r\n\r\nSean Doyle, ceo di British, descrive gli accordi come \"un'enorme pietra miliare nel nostro rapporto di lunga data con Qatar Airways\".\r\n\r\nIl rapporto tra British e Qatar Airways si estende oltre l'attività comune e l'alleanza condivisa, con il vettore del Golfo già azionista del gruppo Iag, proprietario della compagnia britannica.","post_title":"Qatar Airways e British ampliano la partnership per il joint business più grande di sempre","post_date":"2022-09-27T09:18:41+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664270321000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430615","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Affacciato su Piazza Dam, il Grand Hotel Krasnapolsky Amsterdam segna il debutto olandese del brand Anantara del gruppo Minor (a cui appartiene anche Nh). La proprietà è nella fase finale di un'ampia opera di ristrutturazione con nuove camere e suite dallo stile contemporaneo (per un totale di 402 chiavi), una nuovissima Anantara Spa, un centro fitness e un giardino interno.\r\n\r\nL'edificio risale al 1856, anno in cui un sarto polacco, Adolph Wilhelm\r\nKrasnapolsky, vi aprì per la prima volta un caffè. Quando il locale crebbe di popolarità, Krasnapolsky aggiunse delle camere in affitto e successivamente lo trasformò in un hotel moderno. Oggi la struttura celebra con orgoglio la propria storia con immagini in bianco e nero del passato esposte in tutto il locale e il celebre bar The Tailor, che rende omaggio all’originale artigianalità del suo fondatore.\r\n\r\nLe esperienze gastronomiche dell'hotel includono il ristorante The White Room, sotto la guida dello chef con 3 stelle Michelin, Jacob Jan Boerma, i cui piatti utilizzano gli ingredienti locali più freschi provenienti dai Paesi Bassi. Il Grand Café Krasnapolsky e la Champagne Room, entrambi con affaccio diretto su piazza Dam, offrono portate classiche con un tocco contemporaneo, insieme a un'ampia selezione di champagne al bicchiere. Il pluripremiato bar The Tailor rende, come detto, omaggio al fondatore dell'hotel e all'artigianato con cocktail personalizzati. La colazione viene infine servita nel giardino d’inverno, riconoscibile per il suo tetto in vetro del diciannovesimo secolo.\r\n\r\nIn linea con la filosofia benessere del brand, la nuova Anantara Spa propone tecniche thailandesi applicate con prodotti di qualità Swissline: un marchio presente esclusivamente ad Amsterdam, noto per il suo team di esperti in terapia cellulare e per la specializzazione nella biologia della pelle. Inoltre, la spa lavora con il marchio olandese hannah, il cui obiettivo è riportare la pelle danneggiata in equilibrio e rallentare l'invecchiamento. Con la sua area relax che si affaccia sul giardino d’estate, il design della spa è influenzato dalle dune costiere del Paese, con interni che incorporano legno naturale e pietra. Tre sale per trattamenti e saune finlandesi a infrarossi offrono un rifugio dalla frenetica vita di città. La nuova palestra dell'hotel è poi attrezzata Technogym, con tecnologia cardio e pesi e una parete di arrampicata rotante. L'hotel offre pure spazi per eventi, riunioni e conferenze, che vanno da dieci a 1.500 ospiti. \r\n\r\nIl marchio ha aperto per la prima volta in Europa nel 2017 con il lancio dell'Anantara Vilamoura Algarve Resort in Portogallo, seguito da Villa Padierna Palace Resort a Marbella. Il brand continua inoltre la sua espansione in Europa con proprietà come l'Anantara Palazzo\r\nNaiadi Roma e il New York Palace Budapest, oltre ad altre new entry in arrivo.","post_title":"Il brand Anantara debutta in Olanda con il Grand Hotel Krasnapolsky Amsterdam","post_date":"2022-09-16T15:06:41+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663340801000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430542","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli stranieri tornano in Italia in massa: nei primi sei mesi del 2022 hanno speso 15,9 miliardi di euro, in aumento del 308% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (3,9 mld). Nel confronto con il primo anno della pandemia (6,2 mld), l'incremento è del 155,1%, grazie ai mesi precedenti l'arrivo del covid (gennaio e febbraio).\r\n\r\nE' quanto emerge dalle tabelle della Banca d'Italia che accompagnano l'indagine sul turismo internazionale. La bilancia dei pagamenti turistica mostra che i turisti italiani andati all'estero, nel primo semestre, hanno speso 9 miliardi, in aumento del 142,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (3,7 mld). L'incremento rispetto ai primi sei mesi del 2020, quando gli italiani hanno speso 5,2 miliardi di euro, è invece del 71%. Il saldo risulta positivo per 6,8 miliardi di euro, un valore che è difficile confrontare con l'anno precedente (159 mln) e con il 2020 (935 mln).\r\nAnalizzando i trimestri emerge che nei primi tre mesi dell'anno la spesa degli stranieri è stata pari a 5,1 miliardi, a cui si sommano 10,8 miliardi del secondo trimestre. Mentre la spesa dei viaggiatori italiani nei primi tre mesi del 2022 è stata di 3,4 miliardi, a cui vanno sommati altri 5,6 miliardi del secondo trimestre.\r\nSecondo Bankitalia lo scorso giugno la bilancia dei pagamenti turistica dell'Italia ha registrato un avanzo di 2,5 miliardi di euro (da 0,4 mld nello stesso mese del 2021), lievemente superiore ai livelli pre-pandemici del 2019. ''Grazie alla completa revoca delle restrizioni all'ingresso'', le entrate turistiche (4,6 miliardi) sono state pari a circa tre volte quelle dell'anno precedente; le uscite (pari a 2,1 miliardi) sono raddoppiate.","post_title":"Bankitalia certifica il boom del turismo straniero. Spesi 15,9 miliardi","post_date":"2022-09-15T14:49:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1663253361000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430493","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Maestoso e imponente, un unicum nel panorama dell’hotellerie milanese: il Gruppo NH Hotel apre le porte del Nh Collection Milano CityLife.\r\nDodicesima struttura a Milano per il gruppo, il nuovo Nh sorge nella CityLife della città meneghina, a pochi passi dalla stazione della metropolitana Portello da una chiesa sconsacrata del 1934. Rilevata dal Gruppo Igefi e CLH, viene trasformata dallo studio di progettazione architettonica Quattroassociati in una struttura unica nel suo genere, attraverso un viaggio nel XX secolo, nella storia del Novecento milanese, tra riqualificazione urbana e innovazione, rivisitazione di tradizione e modernità, nuovo e antico.\r\nLa pianta a croce latina a tre navate, in parte mantenuta, con i portoni in legno originali, gli archi a tutto sesto e le campate delle navate laterali fanno parte, oggi, della scenografia dell’hotel. L’altezza e il senso di verticalità che colpisce l’ospite, sono gli elementi principali che caratterizzano la struttura. “Trasformare e valorizzare un edificio di culto, rendendolo un luogo di incontro dedicato all’ospitalità, è stata una sfida impegnativa e professionale - ha spiegato Michele Reginaldi, architetto responsabile del progetto dello studio Quattroassociati –. Abbiamo cercato di reinterpretare gli spazi dell’hotel sempre salvaguardando i caratteri della spazialità dell’edificio esistente nel rispetto degli elementi architettonici e decorativi più significativi. Un compito arduo, un lavoro di conservazione e valorizzazione per restituire continuità alla struttura preesistente. Un impegno considerevole sia a livello economico che progettuale”.\r\nDal bianco ottico, nei suoi 13 piani, l’hotel spicca per il Made in Italy, fil-rouge di tutta la struttura. Dotato di 185 camere, di cui 10 suite duplex costruite sulla navata centrale e 6 camere con terrazza a vista sulla città, NH Collection Milano CityLife è uno dei pochi hotel al mondo a offrire la possibilità di soggiornare all’interno di una ex chiesa. \r\nFiore all’occhiello è l’esclusivo rooftop con piscina e cocktail bar, The District per uno spazio esclusivo all’aperto. E per sfoggiare bellissimi costumi da bagno sul rooftop, il Gruppo NH ha avviato una partnership con “i costumi di Le Chiappette” che ha creato una speciale collezione in occasione dell’inaugurazione di NH Collection Milano CityLife.\r\nCon lo chef Gabriele Grisolia, di origini lucane, anche il ristorante Tailors legato alla cucina italiana, integra sapientemente antico, nuovo e avanguardia. \r\nIl tipico saper-fare italiano, sinonimo di qualità e lo spirito sartoriale dell’eccellenza del Made in Italy, emerge anche nei piccoli dettagli: l’illuminazione 100% italiana con le lampade nelle camere di Flos e Firmamento Milano, e le fotografie di modelle in abiti sartoriali degli anni ’50 e ’60.  Spaziose sale meeting e la vicinanza ai padiglioni del MiCo completano l’offerta dell’hotel per un’ospitalità a misura di città d’arte, turistica e business centre.\r\n[gallery ids=\"430496,430497,430498,430499,430494,430500\"]","post_title":"Nh Collection CityLife Milano apre i battenti, un unicum nell’hotellerie meneghina","post_date":"2022-09-15T09:36:05+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663234565000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428853","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il governo del Napal ha varato una serie di misure per rilanciare l'industria del turismo, particolarmente colpita dalla pandemia, che includono l'istituzione della Visit Nepal Decade, nel decennio tra il 2023 e il 2033.\r\n\r\nPresentando il piano Jeevan Ram Shrestha, ministro nepalese per la cultura, il turismo e l'aviazione civile, ha dichiarato che il governo sta rompendo la tradizione di annunciare un singolo anno come \"Visit Nepal Year\", in modo da condurre una campagna sostenuta per promuovere il turismo, uno dei principali generatori di valuta estera e di posti di lavoro per il Paese.\r\n\r\nIl governo intanto punta ad attrarre 1 milione di turisti stranieri nell'anno fiscale 2022-23, iniziato a metà luglio. Il Nepal ha accolto 1,19 milioni di visitatori stranieri nel 2019 e ha cercato di attrarne 2 milioni nel 2020, quando è stato lanciato Visit Nepal 2020, ma il Covid-19 ha costretto il governo a sospendere la campagna. Lo scorso giugno, secondo i dati del ministero del Turismo, gli stranieri che hanno visitato il Paese sono stati 237.670.\r\n\r\nNell'ambito del nuovo piano d'azione, il Nepal lancerà campagne di promozione in Cina, India e Bangladesh, le prime due delle quali sono le maggiori fonti di turisti per il Nepal negli anni normali.\r\n\r\nÈ previsto anche un piano per promuovere il Nepal come destinazione Mice e per il turismo spirituale, con l'offerta di pacchetti di yoga, benessere e spa. E visto che l'alpinismo è da sempre una parte fondamentale del turismo nepalese, il Paese sta pianificando l'apertura di altre vette himalayane.","post_title":"Nepal: nuovo piano per rilanciare il turismo con la Visit Nepal Decade","post_date":"2022-07-25T11:17:12+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1658747832000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428705","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non si fermano gli investimenti degli austriaci di Jp Immobilien in Italia. A pochi giorni dalla notizia dell'acquisizione dell'hotel Milano di Madonna di Campiglio, da riposizionare nel segmento lifestyle, arriva ora quella del Residence del Mare Casa Minelli a Trieste. L'operazione, come nel caso trentino, è stata condotta dalla controllata Jp Hospitality Investors Club. La proprietà si trova nel centro storico, in zona pedonale, nei pressi di piazza Unità d'Italia, vicino al lungomare e al porto. Vanta un totale di 36 appartamenti con angolo cucina per soggiorni short & long stay. L’asset, attualmente un 3 stelle, risulta in buone condizioni ma sarà comunque oggetto di una ristrutturazione leggera, ancora una volta per riposizionarlo come prodotto lifestyle.\r\n\r\nE' questa la quinta acquisizione italiana del gruppo austriaco che, proprio a Trieste, ha tra le altre rilevato a inizio anno da Ferrovie dello Stato il palazzo Compartimentale per 10 milioni di euro. I piani sono quelli di convertire la proprietà in un 4 stelle da 159 camere a marchio 25hours, il secondo del brand Accor-Ennismore in Italia dopo il debutto fiorentino.","post_title":"Focus sull'Italia per l'austriaca Jp Immobilien: acquisito un residence a Trieste","post_date":"2022-07-21T12:05:32+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1658405132000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"427665","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Albastar è operativa sulla nuova rotta tra Milano Bergamo e l'isola di Sal. Il volo per Capo Verde, operato in partnership con Caboverdetime e Veratour, è decollato alle ore 13:00 di venerdì 1° luglio. Una new entry per il vettore privato spagnolo che proprio all’aeroporto di Milano Bergamo ha la sua prima base operativa in Italia in termini di destinazioni e frequenze operate.\r\n\r\nIl collegamento verso l’Isola del Sal è programmato ogni venerdì e sarà operato da Boeing 737-800 da 189 posti. I voli sono acquistabili attraverso tutti i canali distributivi della compagnia aerea.\r\n\r\nIl vettore opera oggi con una flotta di cinque B737-800Ng configurati a 189 posti in classe unica e un B737-400 configurato a 170 posti in classe unica.","post_title":"Albastar operativa sulla Milano Bergamo-Isola di Sal, con un volo settimanale","post_date":"2022-07-04T08:58:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1656925131000]}]}}