14 July 2024

1612

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

CERCASI PERSONA DEL SETTORE, ANCHE ALLA PRIMA ESPERIENZA LAVORATIVA, CUI AFFIDARE PICCOLA FILIALE DI ADV LIMITROFA ZONA CASTELLI ROMANI IN REGIME DI MEZZADRIA. SE INTERESSATI CHIAMARE ROSS, 06 9304871.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470527 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riaprirà il prossimo 19 luglio, dopo 18 mesi di ristrutturazione conservativa, il Relais & Châteaux umbro Borgo dei Conti Resort, situato a 20 chilometri da Perugia e a 15 dal lago Trasimeno. Il restyling dell'antica fortezza divenuta a metà del diciannovesimo secolo residenza nobiliare di proprietà del conte Lemmo Scotti, uno dei maggiori pittori umbri dell'800, porta in particolare la firma dello studio di architettura milanese Spagnulo & Partners. Oggi Borgo dei Conti accoglie i propri ospiti in una vasta tenuta di 16 ettari all'interno della quale si trovano la villa, un tempo residenza nobiliare del conte, e una colonica novecentesca. I due edifici includono 40 camere e suite. Ma la proprietà comprende pure un parco secolare e due nuovi indirizzi gastronomici, il ristorante Cedri e l'osteria del Borgo, oltre a un bar e a una wine cellar. Un'infinity pool circondata da una natura rigogliosa invita inoltre gli ospiti a vivere durante tutto l'arco della giornata questo luogo fuori dal tempo, mentre per la cura del corpo e dello spirito la nuova spa promuove un approccio wellbeing e anti-age. Forte caratteristica dell'ospitalità del Borgo dei Conti è anche il legame privilegiato con la storia pittorica umbra Rinascimentale: storia dalla quale hanno tratto ispirazione le scelte stilistiche della ristrutturazione. L'interior design, le texture, le cromie e i preziosi materiali utilizzati prendono infatti ispirazione della pittura del '400 e del '500, nel suo imprescindibile rapporto con la natura circostante. L'atmosfera racconta il territorio e nasce dall'unione dei riferimenti architettonici di antica memoria con una visione contemporanea per gli arredi. Alle maestranze locali è stato affidato il compito di reinterpretare la cultura materiale del territorio, creando elementi di design che utilizzano i materiali autoctoni, dal cotto etrusco di Montone alla fornace Sugaroni di Castel Viscardo, che caratterizzano le camere e tutti gli spazi comuni, fino ai tessuti di Giuditta Brozzetti, che impreziosiscono cuscini e testiere. “Dopo 18 mesi di intensi lavori, durante i quali abbiamo visto rinascere questo luogo attraverso ogni piccolo ma prezioso dettaglio, il 19 luglio sarà per noi tutti noi un momento di grandissima gioia, in cui daremo il più caloroso benvenuto agli ospiti - sottolinea il maître de maison, Antonello Buono -. Il risultato di questo viaggio, che è stato la riqualificazione e il riposizionamento del Borgo dei Conti, trova il proprio tratto distintivo nel grado di unicità che si è riusciti a raggiungere, attraverso un'attenta valorizzazione della proprietà, della destinazione e delle sua storia”. Borgo dei Conti è parte della collezione di strutture di proprietà e gestione diretta The Hospitality Experience (The), che include anche il Relais & Châteaux Londra Palace Venezia e il The Place di Firenze. [gallery ids="470533,470535,470536,470534,470537,470538"] [post_title] => Dopo un'importante ristrutturazione riapre in Umbria il Relais & Châteaux Borgo dei Conti [post_date] => 2024-07-01T12:55:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719838556000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470513 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parco Nazionale Area Marina Protetta delle Cinque Terre lancia la prima edizione del Cinque Terre Photo Award, il premio fotografico dedicato al racconto del territorio del Parco e del suo complesso intreccio di mondi. Il concorso nasce dall’idea di orientare l’interesse fotografico per le Cinque Terre, spesso banalizzato e ridotto a immagini ripetitive, verso una narrazione più ampia, autentica e contemporanea di questo straordinario tratto dell’estremo Levante ligure che l’UNESCO ha voluto elevare a Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 1997. Il Cinque Terre Photo Award - nato dalla collaborazione con Spazi Fotografici e patrocinato da FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano, I Parchi Letterari Italiani, e Touring Club Italiano - è declinato in due categorie, attraverso cui i fotografi, professionisti o amatoriali, potranno esplorare e mettere in luce gli elementi essenziali della vita del Parco: Genius Loci, sulle serie fotografiche che meglio documentano e narrano il rapporto dinamico tra uomo e natura, la conservazione e trasformazione del paesaggio, l'adattamento e la convivenza con l'ambiente circostante; Naturalia, che premia le migliori immagini singole della flora e della fauna custodite negli habitat terrestri e marini, celebrando la biodiversità del Parco e dell'Area Marina Protetta. Le categorie e lo straordinario paesaggio delle Cinque Terre, dal mare al crinale, offriranno l’opportunità a tutti gli amanti della fotografia e della natura, di esprimere il proprio talento e il proprio amore per il territorio, promuovendo una visione più consapevole e rispettosa del Parco e dei suoi stili di vita. Previste anche delle menzioni speciali con il compito di stimolare ulteriormente l’esplorazione di tutte le dimensioni dell’area protetta e la narrazione in immagini da punti di vista inediti: • menzione “FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano” per la miglior immagine sul tema dell'acqua come elemento generativo e trasformativo del paesaggio delle Cinque Terre; • menzione “Sergio Fregoso” al miglior autore under 30 per la categoria “Genius Loci” in omaggio allo storico fotografo spezzino che attraverso la sua poetica ha saputo cogliere e documentare l’evoluzione del paesaggio delle Cinque Terre, da mondo agricolo a meta di interesse culturale e turistica, ispirando le successive generazioni di artisti; • menzione alla miglior immagine subacquea o di ambiente marino. Ai vincitori delle due categorie premi in denaro: 1500 euro per la sezione “Genius Loci” e 500 euro per “Naturalia”. Ma non solo: grazie alla collaborazione con Leica Akademie Italia e Spazi Fotografici, riconoscimenti in voucher per corsi e workshop formativi. Importante la partnership con le realtà locali che offriranno ai vincitori delle diverse menzioni esperienze per vivere il Parco a 360 gradi. Le Pro Loco di Riomaggiore/Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso metteranno in palio soggiorni e cene mentre la Cantina Cooperativa Cinque Terre e la Cantina Sassarini/A Scià una wine experience alla scoperta dei Vini Cinque Terre Doc. Infine, per il vincitore della miglior foto subacquea e di ambiente marino un'immersione nell’Area Marina Protetta, offerta dal Diving Cinque Terre. La scadenza per l’invio delle immagini è fissata al 31 agosto 2024. La giuria del concorso sarà composta da esperti del settore fotografico e della comunicazione: Donatella Bianchi, giornalista e Presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre; Gilberto Benni, Head of Leica Classic Italy e di Leica Akademie Italy; Ottavio Di Brizzi, direttore editoriale del Touring Club Italiano; Davide Di Gennaro, graphic designer e cofondatore dello studio TomoTomo; Sara Fregoso, fotografa; Davide Marcesini, fotografo e direttore di Spazi Fotografici; Stanislao de Marsanich, presidente de I Parchi Letterari Italiani; Alberto Luca Recchi, fotografo, scrittore ed esploratore subacqueo; Barbara Verduci, photoeditor del FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano.   [post_title] => Cinque Terre Foto Award, un concorso che invita ad esplorare il territorio [post_date] => 2024-07-01T12:35:52+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719837352000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470517 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dalle tappe del Tour alle strade degli itinerari cicloturistici tra Toscana e Francia.  L’offerta cicloturistica del territorio toscano e alcune regioni francesi è stata al centro di un incontro nei giorni scorsi a Palazzo Strozzi Sacrati alla presenza tra gli altri del presidente Giani e dell’ambasciatore in Italia Martin Briens, in occasione della partenza della Grande Boucle da Firenze. «La partenza del tour vuole essere un segno di consolidamento di naturale amicizia che lega non solo l’Italia e la Francia ma ancor più la Toscana e la Francia - afferma il presidente Giani ricordando gli accordi di collaborazione che la Toscana ha con alcuni territori francesi, come quello sottoscritto alcuni mesi fa con la Regione Centro-Valle della Loira, “nello spirito e nell’attuazione del Trattato di fine 2021 firmato tra il presidente della Repubblica Mattarella e il presidente francese Macron”. Per la Toscana le regioni francesi non sono ‘cugine’, ma ‘sorelle’». «La Toscana e la Francia hanno legami molto stretti - dichiara l'ambasciatore francese in Italia Martin Briens - e grazie al tour de France più di un miliardo di telespettatori potranno ammirare la bellezza dei paesaggi italiani e francesi durante questa edizione, che renderà onore a coloro che hanno segnato la storia del Giro d'Italia, come Gino Bartali, il 'Giusto' tra le nazioni, Fausto Coppi, il Campione, e Marco Pantani, il Pirata”. “Questi giorni solo l’occasione per valorizzare la nostra vasta offerta cicloturistrica della Francia che vuole presentarsi attiva e green con percorsi in bicicletta e tante idee sulle tracce del Tour de France«. Sandrine Buffenoir, nuova Direttrice di Atout France Italia, l’agenzia di promozione turistica francese, evidenzia quali sono gli obiettivi della Francia: «Entro il 2030 la Francia punta a diventare la prima destinazione delle vacanze in bicicletta in Europa, più di Germania e Paesi Bassi, con ben 19 mila chilometri di piste ciclabili, che già oggi accolgono ciclisti da tutto il mondo con oltre 9 milioni di vacanzieri, attirando il 20% dei turisti stranieri». Un fattore di attrattività quello del cicloturismo, su cui “la Toscana sta investendo molto in questi anni, cercando di costruire un’offerta che accompagna il paesaggio e la passione per il ciclismo tipica dei toscani, uscendo dalla fase amatoriale e trovando le condizioni per diventare prodotto turistico - aggiunge l’assessore all’economia e al turismo Leonardo Marras, che si è soffermato su alcuni dati - l’Atlante del bike della Toscana ha censito oltre 16mila chilometri di itinerari tra strade segnalate, strade bianche, ciclovie, ciclopiste, a cui si affianca tutta l’offerta integrata degli alloggi, del bike friendly, degli operatori che possono offrire qualcosa». [post_title] => Cicloturismo, Toscana e Francia rilanciano i rapporti per promuovere i territori [post_date] => 2024-07-01T12:35:22+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719837322000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470524 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 29 milioni gli italiani pronti a partire tra giugno e settembre, per uno o più viaggi, con un budget complessivo pro capite a disposizione di 1.190 euro (+10% rispetto al 2023). L’indice di fiducia dei viaggiatori dell’Osservatorio turismo di Confcommercio si attesta a quota 72 su scala da 0 a 100: 2 punti in più di giugno 2023 e 1 in più di giugno 2019 (anno pre Covid). Trend positivo, quindi, con un probabile 2024 finalmente da record, anche per la domanda interna. Numeri che sanciscono la fine di un lungo periodo in cui il rapporto tra i connazionali e le vacanze era stato decisamente “tiepido” e ben lontano dalle ottime performance dei flussi esteri diretti in Italia. In ogni caso c’è sempre da considerare la variabile  meteo che potrebbe influenzare i programmi di vacanza. “Le previsioni per il turismo indicano la possibilità di avere i numeri migliori di sempre - ha commentato il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli -. Mai come oggi il settore turistico può contribuire a quella crescita necessaria che ancora manca alla nostra economia. Le sorti di questo 2024, che si concluderà con una manovra di bilancio complicata, dipendono dalla tenuta complessiva dell’occupazione, dalla riduzione dell’inflazione e dalla prevista crescita del turismo in tutte le sue forme”. Spesa e alloggio Riguardo ai mesi scelti per le vacanze gli italiani spenderanno una media pro capite di 750 euro a luglio, 910 euro in agosto - il mese con la maggiore incidenza di vacanze lunghe – e 760 euro a settembre. A giugno questo valore si attesta a 630 euro. Alla domanda su dove pernotteranno in viaggio, le risposte del campione da un lato individuano le classiche strutture turistico-ricettive – alberghi, villaggi vacanza, campeggi e resort – alle quali si indirizzano complessivamente oltre 4 italiani su 10, di cui oltre la metà in alberghi – e dall’altro le seconde case di proprietà o l’ospitalità presso amici e parenti, scelte nel 14% dei casi, che diventano il 17% per le vacanze più lunghe. Per b&b e affitti brevi invece, la preferenza appare più legata alla durata del viaggio. I primi sono scelti addirittura nel 22% dei casi per vacanze brevi, scendendo al 13% per quelle di 7 giorni o più. Per i secondi la tendenza è esattamente opposta: si va dal 9% per gli short break al 14% nelle vacanze più lunghe. Nei 4 mesi in esame, in cui la metà dei viaggiatori previsti farà più vacanze di diversa durata, è significativa la quota (34%) di coloro che sceglieranno mete tanto nazionali quanto oltre confine. Il 58% resta però sempre fedele all’Italia, scegliendo esclusivamente destinazioni della Penisola, mentre il restante 8% farà vacanze solo all’estero. Mete Delle destinazioni scelte per i viaggi tra giugno e settembre, il 24% saranno mete balneari, soprattutto per le vacanze più lunghe, dove questa preferenza raggiunge il 39% delle indicazioni espresse dal campione intervistato. Ravvivato interesse quest’anno per la montagna,  che raccoglie il 13% delle preferenze superando, seppure di poco, tanto le città quanto i luoghi d’arte, entrambi con l’11% delle preferenze. Su questi ultimi però gli italiani programmano maggiormente 1 o 2 notti a destinazione, così come per i piccoli borghi, che seguono con il 10% delle preferenze. Italia: parlando di geografia dei viaggi, a sostenere l’interesse degli italiani per le vacanze estive in montagna contribuisce fortemente il Trentino Alto Adige, costantemente nella top list dopo la Toscana – per i viaggi di breve e media durata – e dopo Sardegna e Puglia per le vacanze più lunghe. A riprova della passione per il mare troviamo supergettonate, oltre a Sardegna e Puglia, anche Sicilia ed Emilia Romagna, alle quali si aggiunge la Liguria, quest’ultima soprattutto per i viaggi brevi e le vacanze con massimo 5 pernottamenti. Estero: rivolgendo l’attenzione oltre confine, continua a prevalere il panorama delle destinazioni europee, particolarmente fruibili d’estate, dove l’offerta di Grecia e Spagna catalizza fortemente l’attenzione dei nostri connazionali con la Francia che segue più a distanza. [post_title] => Confcommercio: forse un 2024 da record per il turismo italiano [post_date] => 2024-07-01T12:34:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719837256000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470520 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Miglior prodotto turistico sostenibile che celebra itinerari, esperienze e offerte volte a promuovere il turismo sostenibile in Spagna. Travel World Escape ha ricevuto l’Experience award durante l’evento Spain Talks: Caring for the Future, tenutosi a Milano lo scorso giovedì. Per l'occasione, l'operatore veneziano ha presentato due nuovi itinerari esclusivi, che mettono in luce una Spagna diversa e incontaminata, offrendo esperienze di viaggio a stretto contatto con la popolazione locale. Dal Maestrazgo fino a una Barcellona meno conosciuta, vista sotto una nuova luce, e fino alla zona dei Pirenei, raggiungibile con il treno ad alta velocità. Questi tour rappresentano un modo sostenibile per esplorare la bellezza del paesaggio spagnolo, viaggiando in armonia con l’ambiente. “Siamo un to innovativo nel mercato italiano, impegnati nel promuovere il turismo sostenibile e rigenerativo - conferma la product manager, Federica Martin -. E la Spagna è una destinazione che studiamo da tempo e che ci sta dando molte soddisfazioni”. [post_title] => Travel World Escape ottiene l’Experience award agli Spain Talks di Milano [post_date] => 2024-07-01T12:23:44+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719836624000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470505 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nell’ottica di rafforzamento e di rinnovamento della propria organizzazione Kuda Tour Operator annuncia la nomina di Michela Giombi quale nuova responsabile prodotto Oriente: una professionalità riconosciuta con grande esperienza e conoscenza delle destinazioni del Sud-est asiatico e del Giappone, maturata in diverse aziende come Origini, Francorosso, Quality, Bell Travel. Michela porta inoltre in azienda una forte passione, una predisposizione alle relazioni, un amore per i viaggi e la sua voglia di raccogliere una sfida stimolante in un’azienda ambiziosa, che mira a garantire consistenza, professionalità e affidabilità in totale sincronia con i bisogni della clientela.   [post_title] => Michela Giombi nuova responsabile prodotto Oriente di Kuda Tour Operator [post_date] => 2024-07-01T12:12:05+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719835925000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469900 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Shipyard & Marina Sant’Andrea in collaborazione con i Blue Marina Awards, promossi da Assonautica Italiana-Unioncamere e ASSONAT-Confcommercio e con il RINA Ente tecnico, presentano l’evento "I Porti Turistici nella Blue Economy", che si terrà il 6 luglio 2024 al Marina Sant’Andrea, che fa parte della Rete Marina FVG Friuli Venezia Giulia. Al centro dell’incontro temi cruciali come la sostenibilità, l’innovazione, il turismo esperienziale e la valorizzazione dei territori. Si parlerà di generazione di energia pulita, di sostenibilità ambientale e di nuovi strumenti per soddisfare il turismo esperienziale, tra i temi più dibattuti e trainanti per la crescita sostenibile dei porti e approdi turistici. L’economia del Mare italiana, che vale 161 miliardi di euro (fonte XII Rapporto nazionale sull’economia del mare), rappresenta un’opportunità unica per il Paese. I Blue Marina Awards, giunti alla terza edizione mirano a valorizzare il settore dei porti turistici italiani, supportandoli verso la crescita e lo sviluppo. Questo evento è inserito in una serie di eventi lungo lo Stivale per esplorare e discutere insieme a tutti gli stakeholder come i porti turistici possono diventare catalizzatori per lo sviluppo sostenibile e generatori di benessere e ricchezza. Durante l’appuntamento saranno inoltre illustrate da parte del RINA le modalità di partecipazione alla terza edizione dei Blue Marina Awards.   [post_title] => “I porti turistici nella Blue Economy”, il 6 luglio al Marina Sant’Andrea tra sostenibilità e nuovi strumenti [post_date] => 2024-06-21T10:22:45+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718965365000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468987 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una destinazione in salute, che cresce di anno in anno con ritmi persino sorprendenti. Nell'era post-Covid l'Africa si sta rivelando come una delle mete più gettonate del portfolio Quality. "E' l'area che si è ripresa più velocemente - ha spiegato il direttore commerciale del consorzio torinese, Marco Peci, in occasione di un evento milanese dedicato alla programmazione del to di casa, Il Diamante -. E non solo per noi: i dati Unwto dicono che nel 2022 i flussi verso l'Africa avevano già raggiunto l'83% dei volumi pre-pandemia, quando la media globale si fermava al 75%. L'anno successivo si è quindi giunti al 96% con alcuni Paesi che hanno persino superato i livelli del 2019: l'Etiopia era per esempio sopra del 30%, il Marocco del 12%, la Tanzania del 20%". I motivi alla base di tanto successo sono molteplici. A cominciare dal vastissimo patrimonio naturalistico del continente: un tema, quello della natura, che dopo l'esperienza pandemica è diventato uno dei driver principali della domanda turistica a livello mondiale. E poi c'è la questione della percezione di pericolo: durante gli anni del Covid, infatti, le notizie negative sull'Africa sono state relativamente limitate, garantendo alla destinazione una sensazione di maggior tranquillità rispetto ad altre aree del globo più colpite dal virus. “È interessante notare – ha concluso Peci – come quest’anno abbia ripreso piede anche la tendenza di abbinare il soggiorno balneare nell’oceano Indiano agli itinerari sul continente. Un segnale importante, perché significa che la destinazione sta ritornando ad avere una popolarità a 360 gradi, estesa pure alla domanda più prettamente leisure e non solo a quella collegata ai viaggiatori più motivati, Nei primi cinque mesi dell’anno i tour e safari da noi organizzati sono infatti aumentati dell’11% rispetto allo stesso periodo del 2023, ma tale percentuale sale al 68% se parliamo di combinati con estensioni alle Seychelles o a Mauritius”. La programmazione del Diamante tocca la maggior parte delle nazioni, tanto nell’Africa Australe quanto in quella Equatoriale. In generale, le prenotazioni relative alle partenze da gennaio a luglio 2024 sono aumentate del 20% rispetto al pari periodo del 2023, mentre i passeggeri in viaggio negli stessi sette mesi dell'anno mostrano un + 14%. [post_title] => Quality - Il Diamante: l'Africa protagonista dei viaggi post-Covid [post_date] => 2024-06-06T12:55:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717678507000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468936 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È dal 19° secolo che Prato lavora stabilmente con i materiali di scarto. Il tempo poi ha consentito di affinare il prodotto e radicare sul territorio il know how necessario che oggi rende il distretto pratese un modello virtuoso, punto di riferimento per l’intero sistema. Oggi Prato, il distretto tessile più grande d’Europa e seconda città della Toscana per dimensione, è il punto di riferimento internazionale per il riciclo, riuso, recupero e riduzione dei rifiuti tessili, grazie al processo di produzione di filati e tessuti green. Un processo antico e attualissimo che consente un risparmio di circa 60 milioni di kilowatt di energia, 500.000 metri cubi di acqua, 650 tonnellate di ausiliari chimici, 300 tonnellate di coloranti. In più, si evita l’immissione in atmosfera di 18.000 tonnellate di anidride carbonica e 1.000 tonnellate di anidride solforosa ogni anno. E se un tempo parlare di riciclo nell’ambito del tessile e della moda non era conveniente perché spesso lo si accomunava a minore qualità del prodotto, oggi parlare di filati o tessuti rigenerati, provenienti dal riuso di materiale altrimenti destinato alle discariche, è un valore aggiunto per tanti brand, stilisti e case di moda che a Prato trovano aziende eco-friendly capaci di offrire un prodotto riciclato di eccellenza, di alta qualità, tra tradizione, ricerca e innovazione.. Con TIPO - turismo industriale Prato, un progetto nato nel 2021 dalla volontà del Comune di Prato con la collaborazione di altre importanti realtà del territorio, è possibile scoprire il distretto industriale di Prato. Il progetto prevede sia la possibilità di visitare in autonomia i luoghi, grazie all’app TIPO, sia di partecipare alle visite guidate organizzate durante l’anno e in occasione di un Festival dedicato, con lo scopo di conoscere la storia e l’attualità del distretto tessile pratese. TIPO è un vero e proprio viaggio tra i luoghi di produzione in attività, fabbriche storiche, dismesse o riconvertite a nuovi usi e funzioni. È fare un percorso nel cuore delle manifatture della città e della sua provincia, famose a livello internazionale, per toccare con mano il modello di economia circolare, la filosofia green che guida le aziende in una vincente sinergia tra tradizione e innovazione.     [post_title] => Turismo Industriale Prato, alla scoperta delle fabbriche della green fashion [post_date] => 2024-06-06T12:11:48+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717675908000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1612" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":184,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470527","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riaprirà il prossimo 19 luglio, dopo 18 mesi di ristrutturazione conservativa, il Relais & Châteaux umbro Borgo dei Conti Resort, situato a 20 chilometri da Perugia e a 15 dal lago Trasimeno. Il restyling dell'antica fortezza divenuta a metà del diciannovesimo secolo residenza nobiliare di proprietà del conte Lemmo Scotti, uno dei maggiori pittori umbri dell'800, porta in particolare la firma dello studio di architettura milanese Spagnulo & Partners.\r\n\r\nOggi Borgo dei Conti accoglie i propri ospiti in una vasta tenuta di 16 ettari all'interno della quale si trovano la villa, un tempo residenza nobiliare del conte, e una colonica novecentesca. I due edifici includono 40 camere e suite. Ma la proprietà comprende pure un parco secolare e due nuovi indirizzi gastronomici, il ristorante Cedri e l'osteria del Borgo, oltre a un bar e a una wine cellar. Un'infinity pool circondata da una natura rigogliosa invita inoltre gli ospiti a vivere durante tutto l'arco della giornata questo luogo fuori dal tempo, mentre per la cura del corpo e dello spirito la nuova spa promuove un approccio wellbeing e anti-age.\r\n\r\nForte caratteristica dell'ospitalità del Borgo dei Conti è anche il legame privilegiato con la storia pittorica umbra Rinascimentale: storia dalla quale hanno tratto ispirazione le scelte stilistiche della ristrutturazione. L'interior design, le texture, le cromie e i preziosi materiali utilizzati prendono infatti ispirazione della pittura del '400 e del '500, nel suo imprescindibile rapporto con la natura circostante. L'atmosfera racconta il territorio e nasce dall'unione dei riferimenti architettonici di antica memoria con una visione contemporanea per gli arredi. Alle maestranze locali è stato affidato il compito di reinterpretare la cultura materiale del territorio, creando elementi di design che utilizzano i materiali autoctoni, dal cotto etrusco di Montone alla fornace Sugaroni di Castel Viscardo, che caratterizzano le camere e tutti gli spazi comuni, fino ai tessuti di Giuditta Brozzetti, che impreziosiscono cuscini e testiere.\r\n\r\n“Dopo 18 mesi di intensi lavori, durante i quali abbiamo visto rinascere questo luogo attraverso ogni piccolo ma prezioso dettaglio, il 19 luglio sarà per noi tutti noi un momento di grandissima gioia, in cui daremo il più caloroso benvenuto agli ospiti - sottolinea il maître de maison, Antonello Buono -. Il risultato di questo viaggio, che è stato la riqualificazione e il riposizionamento del Borgo dei Conti, trova il proprio tratto distintivo nel grado di unicità che si è riusciti a raggiungere, attraverso un'attenta valorizzazione della proprietà, della destinazione e delle sua storia”. Borgo dei Conti è parte della collezione di strutture di proprietà e gestione diretta The Hospitality Experience (The), che include anche il Relais & Châteaux Londra Palace Venezia e il The Place di Firenze.\r\n\r\n[gallery ids=\"470533,470535,470536,470534,470537,470538\"]","post_title":"Dopo un'importante ristrutturazione riapre in Umbria il Relais & Châteaux Borgo dei Conti","post_date":"2024-07-01T12:55:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1719838556000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470513","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parco Nazionale Area Marina Protetta delle Cinque Terre lancia la prima edizione del Cinque Terre Photo Award, il premio fotografico dedicato al racconto del territorio del Parco e del suo complesso intreccio di mondi.\r\n\r\nIl concorso nasce dall’idea di orientare l’interesse fotografico per le Cinque Terre, spesso banalizzato e ridotto a immagini ripetitive, verso una narrazione più ampia, autentica e contemporanea di questo straordinario tratto dell’estremo Levante ligure che l’UNESCO ha voluto elevare a Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 1997.\r\n\r\nIl Cinque Terre Photo Award - nato dalla collaborazione con Spazi Fotografici e patrocinato da FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano, I Parchi Letterari Italiani, e Touring Club Italiano - è declinato in due categorie, attraverso cui i fotografi, professionisti o amatoriali, potranno esplorare e mettere in luce gli elementi essenziali della vita del Parco: Genius Loci, sulle serie fotografiche che meglio documentano e narrano il rapporto dinamico tra uomo e natura, la conservazione e trasformazione del paesaggio, l'adattamento e la convivenza con l'ambiente circostante; Naturalia, che premia le migliori immagini singole della flora e della fauna custodite negli habitat terrestri e marini, celebrando la biodiversità del Parco e dell'Area Marina Protetta.\r\n\r\nLe categorie e lo straordinario paesaggio delle Cinque Terre, dal mare al crinale, offriranno l’opportunità a tutti gli amanti della fotografia e della natura, di esprimere il proprio talento e il proprio amore per il territorio, promuovendo una visione più consapevole e rispettosa del Parco e dei suoi stili di vita.\r\n\r\nPreviste anche delle menzioni speciali con il compito di stimolare ulteriormente l’esplorazione di tutte le dimensioni dell’area protetta e la narrazione in immagini da punti di vista inediti:\r\n• menzione “FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano” per la miglior immagine sul tema dell'acqua come elemento generativo e trasformativo del paesaggio delle Cinque Terre;\r\n\r\n• menzione “Sergio Fregoso” al miglior autore under 30 per la categoria “Genius Loci” in omaggio allo storico fotografo spezzino che attraverso la sua poetica ha saputo cogliere e documentare l’evoluzione del paesaggio delle Cinque Terre, da mondo agricolo a meta di interesse culturale e turistica, ispirando le successive generazioni di artisti;\r\n\r\n• menzione alla miglior immagine subacquea o di ambiente marino.\r\n\r\nAi vincitori delle due categorie premi in denaro: 1500 euro per la sezione “Genius Loci” e 500 euro per “Naturalia”. Ma non solo: grazie alla collaborazione con Leica Akademie Italia e Spazi Fotografici, riconoscimenti in voucher per corsi e workshop formativi. Importante la partnership con le realtà locali che offriranno ai vincitori delle diverse menzioni esperienze per vivere il Parco a 360 gradi. Le Pro Loco di Riomaggiore/Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso metteranno in palio soggiorni e cene mentre la Cantina Cooperativa Cinque Terre e la Cantina Sassarini/A Scià una wine experience alla scoperta dei Vini Cinque Terre Doc. Infine, per il vincitore della miglior foto subacquea e di ambiente marino un'immersione nell’Area Marina Protetta, offerta dal Diving Cinque Terre.\r\n\r\nLa scadenza per l’invio delle immagini è fissata al 31 agosto 2024.\r\n\r\nLa giuria del concorso sarà composta da esperti del settore fotografico e della comunicazione: Donatella Bianchi, giornalista e Presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre; Gilberto Benni, Head of Leica Classic Italy e di Leica Akademie Italy; Ottavio Di Brizzi, direttore editoriale del Touring Club Italiano; Davide Di Gennaro, graphic designer e cofondatore dello studio TomoTomo; Sara Fregoso, fotografa; Davide Marcesini, fotografo e direttore di Spazi Fotografici; Stanislao de Marsanich, presidente de I Parchi Letterari Italiani; Alberto Luca Recchi, fotografo, scrittore ed esploratore subacqueo; Barbara Verduci, photoeditor del FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano.\r\n\r\n ","post_title":"Cinque Terre Foto Award, un concorso che invita ad esplorare il territorio","post_date":"2024-07-01T12:35:52+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1719837352000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470517","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dalle tappe del Tour alle strade degli itinerari cicloturistici tra Toscana e Francia. \r\n\r\nL’offerta cicloturistica del territorio toscano e alcune regioni francesi è stata al centro di un incontro nei giorni scorsi a Palazzo Strozzi Sacrati alla presenza tra gli altri del presidente Giani e dell’ambasciatore in Italia Martin Briens, in occasione della partenza della Grande Boucle da Firenze.\r\n\r\n«La partenza del tour vuole essere un segno di consolidamento di naturale amicizia che lega non solo l’Italia e la Francia ma ancor più la Toscana e la Francia - afferma il presidente Giani ricordando gli accordi di collaborazione che la Toscana ha con alcuni territori francesi, come quello sottoscritto alcuni mesi fa con la Regione Centro-Valle della Loira, “nello spirito e nell’attuazione del Trattato di fine 2021 firmato tra il presidente della Repubblica Mattarella e il presidente francese Macron”. Per la Toscana le regioni francesi non sono ‘cugine’, ma ‘sorelle’».\r\n\r\n«La Toscana e la Francia hanno legami molto stretti - dichiara l'ambasciatore francese in Italia Martin Briens - e grazie al tour de France più di un miliardo di telespettatori potranno ammirare la bellezza dei paesaggi italiani e francesi durante questa edizione, che renderà onore a coloro che hanno segnato la storia del Giro d'Italia, come Gino Bartali, il 'Giusto' tra le nazioni, Fausto Coppi, il Campione, e Marco Pantani, il Pirata”. “Questi giorni solo l’occasione per valorizzare la nostra vasta offerta cicloturistrica della Francia che vuole presentarsi attiva e green con percorsi in bicicletta e tante idee sulle tracce del Tour de France«.\r\n\r\nSandrine Buffenoir, nuova Direttrice di Atout France Italia, l’agenzia di promozione turistica francese, evidenzia quali sono gli obiettivi della Francia: «Entro il 2030 la Francia punta a diventare la prima destinazione delle vacanze in bicicletta in Europa, più di Germania e Paesi Bassi, con ben 19 mila chilometri di piste ciclabili, che già oggi accolgono ciclisti da tutto il mondo con oltre 9 milioni di vacanzieri, attirando il 20% dei turisti stranieri».\r\n\r\nUn fattore di attrattività quello del cicloturismo, su cui “la Toscana sta investendo molto in questi anni, cercando di costruire un’offerta che accompagna il paesaggio e la passione per il ciclismo tipica dei toscani, uscendo dalla fase amatoriale e trovando le condizioni per diventare prodotto turistico - aggiunge l’assessore all’economia e al turismo Leonardo Marras, che si è soffermato su alcuni dati - l’Atlante del bike della Toscana ha censito oltre 16mila chilometri di itinerari tra strade segnalate, strade bianche, ciclovie, ciclopiste, a cui si affianca tutta l’offerta integrata degli alloggi, del bike friendly, degli operatori che possono offrire qualcosa».","post_title":"Cicloturismo, Toscana e Francia rilanciano i rapporti per promuovere i territori","post_date":"2024-07-01T12:35:22+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1719837322000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470524","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono 29 milioni gli italiani pronti a partire tra giugno e settembre, per uno o più viaggi, con un budget complessivo pro capite a disposizione di 1.190 euro (+10% rispetto al 2023). L’indice di fiducia dei viaggiatori dell’Osservatorio turismo di Confcommercio si attesta a quota 72 su scala da 0 a 100: 2 punti in più di giugno 2023 e 1 in più di giugno 2019 (anno pre Covid). Trend positivo, quindi, con un probabile 2024 finalmente da record, anche per la domanda interna. Numeri che sanciscono la fine di un lungo periodo in cui il rapporto tra i connazionali e le vacanze era stato decisamente “tiepido” e ben lontano dalle ottime performance dei flussi esteri diretti in Italia. In ogni caso c’è sempre da considerare la variabile  meteo che potrebbe influenzare i programmi di vacanza.\r\n\r\n“Le previsioni per il turismo indicano la possibilità di avere i numeri migliori di sempre - ha commentato il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli -. Mai come oggi il settore turistico può contribuire a quella crescita necessaria che ancora manca alla nostra economia. Le sorti di questo 2024, che si concluderà con una manovra di bilancio complicata, dipendono dalla tenuta complessiva dell’occupazione, dalla riduzione dell’inflazione e dalla prevista crescita del turismo in tutte le sue forme”.\r\nSpesa e alloggio\r\nRiguardo ai mesi scelti per le vacanze gli italiani spenderanno una media pro capite di 750 euro a luglio, 910 euro in agosto - il mese con la maggiore incidenza di vacanze lunghe – e 760 euro a settembre. A giugno questo valore si attesta a 630 euro.\r\n\r\nAlla domanda su dove pernotteranno in viaggio, le risposte del campione da un lato individuano le classiche strutture turistico-ricettive – alberghi, villaggi vacanza, campeggi e resort – alle quali si indirizzano complessivamente oltre 4 italiani su 10, di cui oltre la metà in alberghi – e dall’altro le seconde case di proprietà o l’ospitalità presso amici e parenti, scelte nel 14% dei casi, che diventano il 17% per le vacanze più lunghe. Per b&b e affitti brevi invece, la preferenza appare più legata alla durata del viaggio. I primi sono scelti addirittura nel 22% dei casi per vacanze brevi, scendendo al 13% per quelle di 7 giorni o più. Per i secondi la tendenza è esattamente opposta: si va dal 9% per gli short break al 14% nelle vacanze più lunghe.\r\n\r\nNei 4 mesi in esame, in cui la metà dei viaggiatori previsti farà più vacanze di diversa durata, è significativa la quota (34%) di coloro che sceglieranno mete tanto nazionali quanto oltre confine. Il 58% resta però sempre fedele all’Italia, scegliendo esclusivamente destinazioni della Penisola, mentre il restante 8% farà vacanze solo all’estero.\r\nMete\r\nDelle destinazioni scelte per i viaggi tra giugno e settembre, il 24% saranno mete balneari, soprattutto per le vacanze più lunghe, dove questa preferenza raggiunge il 39% delle indicazioni espresse dal campione intervistato. Ravvivato interesse quest’anno per la montagna,  che raccoglie il 13% delle preferenze superando, seppure di poco, tanto le città quanto i luoghi d’arte, entrambi con l’11% delle preferenze. Su questi ultimi però gli italiani programmano maggiormente 1 o 2 notti a destinazione, così come per i piccoli borghi, che seguono con il 10% delle preferenze.\r\n\r\nItalia: parlando di geografia dei viaggi, a sostenere l’interesse degli italiani per le vacanze estive in montagna contribuisce fortemente il Trentino Alto Adige, costantemente nella top list dopo la Toscana – per i viaggi di breve e media durata – e dopo Sardegna e Puglia per le vacanze più lunghe. A riprova della passione per il mare troviamo supergettonate, oltre a Sardegna e Puglia, anche Sicilia ed Emilia Romagna, alle quali si aggiunge la Liguria, quest’ultima soprattutto per i viaggi brevi e le vacanze con massimo 5 pernottamenti.\r\n\r\nEstero: rivolgendo l’attenzione oltre confine, continua a prevalere il panorama delle destinazioni europee, particolarmente fruibili d’estate, dove l’offerta di Grecia e Spagna catalizza fortemente l’attenzione dei nostri connazionali con la Francia che segue più a distanza.","post_title":"Confcommercio: forse un 2024 da record per il turismo italiano","post_date":"2024-07-01T12:34:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1719837256000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470520","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Miglior prodotto turistico sostenibile che celebra itinerari, esperienze e offerte volte a promuovere il turismo sostenibile in Spagna. Travel World Escape ha ricevuto l’Experience award durante l’evento Spain Talks: Caring for the Future, tenutosi a Milano lo scorso giovedì. Per l'occasione, l'operatore veneziano ha presentato due nuovi itinerari esclusivi, che mettono in luce una Spagna diversa e incontaminata, offrendo esperienze di viaggio a stretto contatto con la popolazione locale.\r\n\r\nDal Maestrazgo fino a una Barcellona meno conosciuta, vista sotto una nuova luce, e fino alla zona dei Pirenei, raggiungibile con il treno ad alta velocità. Questi tour rappresentano un modo sostenibile per esplorare la bellezza del paesaggio spagnolo, viaggiando in armonia con l’ambiente. “Siamo un to innovativo nel mercato italiano, impegnati nel promuovere il turismo sostenibile e rigenerativo - conferma la product manager, Federica Martin -. E la Spagna è una destinazione che studiamo da tempo e che ci sta dando molte soddisfazioni”.","post_title":"Travel World Escape ottiene l’Experience award agli Spain Talks di Milano","post_date":"2024-07-01T12:23:44+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1719836624000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470505","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nell’ottica di rafforzamento e di rinnovamento della propria organizzazione Kuda Tour Operator annuncia la nomina di Michela Giombi quale nuova responsabile prodotto Oriente: una professionalità riconosciuta con grande esperienza e conoscenza delle destinazioni del Sud-est asiatico e del Giappone, maturata in diverse aziende come Origini, Francorosso, Quality, Bell Travel.\r\n\r\nMichela porta inoltre in azienda una forte passione, una predisposizione alle relazioni, un amore per i viaggi e la sua voglia di raccogliere una sfida stimolante in un’azienda ambiziosa, che mira a garantire consistenza, professionalità e affidabilità in totale sincronia con i bisogni della clientela.\r\n\r\n ","post_title":"Michela Giombi nuova responsabile prodotto Oriente di Kuda Tour Operator","post_date":"2024-07-01T12:12:05+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1719835925000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469900","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Shipyard & Marina Sant’Andrea in collaborazione con i Blue Marina Awards, promossi da Assonautica Italiana-Unioncamere e ASSONAT-Confcommercio e con il RINA Ente tecnico, presentano l’evento \"I Porti Turistici nella Blue Economy\", che si terrà il 6 luglio 2024 al Marina Sant’Andrea, che fa parte della Rete Marina FVG Friuli Venezia Giulia.\r\n\r\nAl centro dell’incontro temi cruciali come la sostenibilità, l’innovazione, il turismo esperienziale e la valorizzazione dei territori. Si parlerà di generazione di energia pulita, di sostenibilità ambientale e di nuovi strumenti per soddisfare il turismo esperienziale, tra i temi più dibattuti e trainanti per la crescita sostenibile dei porti e approdi turistici.\r\n\r\nL’economia del Mare italiana, che vale 161 miliardi di euro (fonte XII Rapporto nazionale sull’economia del mare), rappresenta un’opportunità unica per il Paese. I Blue Marina Awards, giunti alla terza edizione mirano a valorizzare il settore dei porti turistici italiani, supportandoli verso la crescita e lo sviluppo.\r\n\r\nQuesto evento è inserito in una serie di eventi lungo lo Stivale per esplorare e discutere insieme a tutti gli stakeholder come i porti turistici possono diventare catalizzatori per lo sviluppo sostenibile e generatori di benessere e ricchezza.\r\n\r\nDurante l’appuntamento saranno inoltre illustrate da parte del RINA le modalità di partecipazione alla terza edizione dei Blue Marina Awards.\r\n\r\n ","post_title":"“I porti turistici nella Blue Economy”, il 6 luglio al Marina Sant’Andrea tra sostenibilità e nuovi strumenti","post_date":"2024-06-21T10:22:45+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718965365000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468987","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una destinazione in salute, che cresce di anno in anno con ritmi persino sorprendenti. Nell'era post-Covid l'Africa si sta rivelando come una delle mete più gettonate del portfolio Quality. \"E' l'area che si è ripresa più velocemente - ha spiegato il direttore commerciale del consorzio torinese, Marco Peci, in occasione di un evento milanese dedicato alla programmazione del to di casa, Il Diamante -. E non solo per noi: i dati Unwto dicono che nel 2022 i flussi verso l'Africa avevano già raggiunto l'83% dei volumi pre-pandemia, quando la media globale si fermava al 75%. L'anno successivo si è quindi giunti al 96% con alcuni Paesi che hanno persino superato i livelli del 2019: l'Etiopia era per esempio sopra del 30%, il Marocco del 12%, la Tanzania del 20%\".\r\n\r\nI motivi alla base di tanto successo sono molteplici. A cominciare dal vastissimo patrimonio naturalistico del continente: un tema, quello della natura, che dopo l'esperienza pandemica è diventato uno dei driver principali della domanda turistica a livello mondiale. E poi c'è la questione della percezione di pericolo: durante gli anni del Covid, infatti, le notizie negative sull'Africa sono state relativamente limitate, garantendo alla destinazione una sensazione di maggior tranquillità rispetto ad altre aree del globo più colpite dal virus.\r\n\r\n“È interessante notare – ha concluso Peci – come quest’anno abbia ripreso piede anche la tendenza di abbinare il soggiorno balneare nell’oceano Indiano agli itinerari sul continente. Un segnale importante, perché significa che la destinazione sta ritornando ad avere una popolarità a 360 gradi, estesa pure alla domanda più prettamente leisure e non solo a quella collegata ai viaggiatori più motivati, Nei primi cinque mesi dell’anno i tour e safari da noi organizzati sono infatti aumentati dell’11% rispetto allo stesso periodo del 2023, ma tale percentuale sale al 68% se parliamo di combinati con estensioni alle Seychelles o a Mauritius”.\r\n\r\nLa programmazione del Diamante tocca la maggior parte delle nazioni, tanto nell’Africa Australe quanto in quella Equatoriale. In generale, le prenotazioni relative alle partenze da gennaio a luglio 2024 sono aumentate del 20% rispetto al pari periodo del 2023, mentre i passeggeri in viaggio negli stessi sette mesi dell'anno mostrano un + 14%.","post_title":"Quality - Il Diamante: l'Africa protagonista dei viaggi post-Covid","post_date":"2024-06-06T12:55:07+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717678507000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468936","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È dal 19° secolo che Prato lavora stabilmente con i materiali di scarto. Il tempo poi ha consentito di affinare il prodotto e radicare sul territorio il know how necessario che oggi rende il distretto pratese un modello virtuoso, punto di riferimento per l’intero sistema.\r\n\r\nOggi Prato, il distretto tessile più grande d’Europa e seconda città della Toscana per dimensione, è il punto di riferimento internazionale per il riciclo, riuso, recupero e riduzione dei rifiuti tessili, grazie al processo di produzione di filati e tessuti green. Un processo antico e attualissimo che consente un risparmio di circa 60 milioni di kilowatt di energia, 500.000 metri cubi di acqua, 650 tonnellate di ausiliari chimici, 300 tonnellate di coloranti. In più, si evita l’immissione in atmosfera di 18.000 tonnellate di anidride carbonica e 1.000 tonnellate di anidride solforosa ogni anno.\r\n\r\nE se un tempo parlare di riciclo nell’ambito del tessile e della moda non era conveniente perché spesso lo si accomunava a minore qualità del prodotto, oggi parlare di filati o tessuti rigenerati, provenienti dal riuso di materiale altrimenti destinato alle discariche, è un valore aggiunto per tanti brand, stilisti e case di moda che a Prato trovano aziende eco-friendly capaci di offrire un prodotto riciclato di eccellenza, di alta qualità, tra tradizione, ricerca e innovazione..\r\n\r\nCon TIPO - turismo industriale Prato, un progetto nato nel 2021 dalla volontà del Comune di Prato con la collaborazione di altre importanti realtà del territorio, è possibile scoprire il distretto industriale di Prato.\r\n\r\nIl progetto prevede sia la possibilità di visitare in autonomia i luoghi, grazie all’app TIPO, sia di partecipare alle visite guidate organizzate durante l’anno e in occasione di un Festival dedicato, con lo scopo di conoscere la storia e l’attualità del distretto tessile pratese.\r\n\r\nTIPO è un vero e proprio viaggio tra i luoghi di produzione in attività, fabbriche storiche, dismesse o riconvertite a nuovi usi e funzioni. È fare un percorso nel cuore delle manifatture della città e della sua provincia, famose a livello internazionale, per toccare con mano il modello di economia circolare, la filosofia green che guida le aziende in una vincente sinergia tra tradizione e innovazione.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Turismo Industriale Prato, alla scoperta delle fabbriche della green fashion","post_date":"2024-06-06T12:11:48+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1717675908000]}]}}

Lascia un commento