21 July 2024

1103

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

OFFRESI SOLO TITOLO DIREZIONE TECNICA AGENZIA DI VIAGGI.
ATTUALMENTE ISCRITTA REGIONE LOMBARDIA, POSSIBILITA’ ANCHE IN ALTRE REGIONI.
emanuelacosmi@yahoo.it cell 339 2178681.
Prezzo da concordare


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471296 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un convento dell'ordine di Santa Chiara del 1604, successivamente occupato dall'ordine della Visitazione di Santa Maria dal 1803 agli inizi degli anni '80. Da queste radici originarie ha preso forma la nuova struttura di design Hôtel du Couvent. Situata nel cuore del centro storico di Nizza, la proprietà è stata realizzata da Valéry Grégo, il nome dietro gli hotel di design Les Roches Rouges e La Pigalle, che ne ha curato un restauro durato ben dieci anni. I lavori sono stati realizzati in collaborazione con lo studio Mumbai e lo studio Méditerranée, che ha sua volta lavorato con Festen Architecture per gli interni. Il risultato sono 88 camere arredate con un mix di pezzi su misura e di antiquariato d'epoca, con vista sul centro storico, sui giardini terrazzati, sul porto o sulle colline circostanti. Tra le soluzioni disponibili ci sono pure 18 suite, alcune delle quali dotate di cucina, con la possibilità di richiedere uno chef o un maggiordomo. All'interno delle mura esterne del convento, si cela inoltre un giardino segreto di più di 8 mila metri quadrati. In collaborazione con Tom-Stuart Smith, paesaggista, e James Basson di Scape Design, lo spazio è stato ripensato in un’ottica di connessione con lo stesso convento. Nel chiostro centrale rivivrà poi l'antica erboristeria fondata dalle suore, guidata dall'erborista locale Gregory Unrein di Nice Organic. Fornirà agli ospiti consigli personalizzati e rimedi su misura, oltre a tè, tisane e tinture con le erbe del giardino, e, allo stesso tempo, servirà anche la cucina e il bar del convento di erbe essiccate. La biblioteca, dove approfondire la storia della città, mette in luce l'École de Nice: un movimento artistico che si è sviluppato a Nizza a partire dalla fine degli anni Cinquanta e che ha riunito molti artisti riconosciuti a livello internazionale, tra cui Martial Raysse, Ben, Yves Klein, Arman e Alocco, Sosno. Archivio ufficiale di tutto ciò che è stato pubblicato sul movimento, lo spazio si presterà a collaborazioni con scuole d'arte, conferenze e workshop per gli ospiti e la comunità locale. Lo spazio benessere si ispirerà alle antiche tradizioni balneari romane, incorporando acqua, trattamenti e attività fisica. A disposizione pure una piscina coperta e una piscina relax. Un'area dedicata ai trattamenti offrirà massaggi su misura con oli essenziali selezionati dall'erborista dell'Hôtel du Couvent, mentre i trattamenti viso personalizzati utilizzeranno prodotti naturali. Oltre a una piscina all'aperto, le terme romane del convento propongono anche il Movement Studio: uno spazio dedicato all'esercizio fisico, alla danza e al movimento, sale per trattamenti e un centro culturale per rilassare la mente, per un'esperienza di benessere olistica. All'esterno, i giardini vantano una ulteriore piscina di 20 metri con vista sul Mediterraneo e una all'aperto adiacente al cafè La Guinguette. Le proposte f&b dell'hotel saranno guidate dai sapori e dai prodotti provenienti dalla fattoria di proprietà a Touët-sur-Var, che rifornisce il convento di verdure di stagione, frutta e uova delle sue 250 galline, ospitando anche visite di ospiti, cene e laboratori gastronomici. Nel ristorante del chiostro, il refettorio originale, al cafè La Guinguette e nel bistrot di rue des Serruriers sarà possibile gustare quindi piatti tipici. E' presente pure una panetteria, ricavata nell'ex panificio del convento, che preparerà ogni giorno pane fresco, con farina macinata in loco secondo la tradizione centenaria, mentre la cantina offrirà una scelta di 3.500 etichette. Nelle vicinanze, le Bar sarà il luogo ideale in cui trascorrere i propri pomeriggi. Il sabato mattina l'Hôtel du Couvent aprirà infine il proprio cortile al mercato cittadino, in cui gli ospiti e i nizzardi potranno rifornirsi di prodotti locali e della regione circostante. Valéry Grégo vive a Londra da vent'anni ed è entrato nel mondo dell'ospitalità come si entra in una vecchia libreria: per caso. Nato nella periferia parigina da due ricercatori aerospaziali, ha studiato inizialmente letteratura e materie umanistiche a Parigi, per poi dedicarsi alla finanza. Dopo un primo periodo come imprenditore nel settore finanziario, il suo background letterario e il suo spirito avventuriero lo hanno portato a creare Perseus nel 2010, con l'obiettivo di ribaltare il concetto di viaggio. Le Pigalle, inaugurato nel 2015, gli ha permesso di esprimere questa ospitalità moderna, radicata e consapevole, che si adatta a un mondo in rapida evoluzione. Grégo ha poi fatto rinascere diversi resort in montagna e stabilimenti costieri, tra cui Les Roches Rouges a Saint-Raphaël e Les 3 Vallées a Courchevel 1850, con il marchio Hôtels d'en Haut, che ha venduto nel 2019 per concentrarsi sull'Hôtel du Couvent, l'ultimo di questa generazione di luoghi.   [post_title] => Ci sono anche una panetteria e un'erboristeria nel nuovo hotel di design nizzardo du Couvent [post_date] => 2024-07-12T10:49:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720781365000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471187 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Crescono del 10% le prenotazioni di voli e le ricerche hotel  verso l’Italia nell’estate 2024 rispetto allo stesso periodo del 2023 secondo Sojern. Dalle analisi, basate sulle intenzioni di viaggio in tempo reale, Sojern attesta che il volume delle prenotazioni per l’estate verso le destinazioni italiane (Italia su Italia) effettuate fino a inizio luglio è uguale allo scorso anno, mentre il mercato europeo e quello internazionale segnano entrambi un +10%.  Tra i mercati di riferimento per l’origine dei viaggiatori che arrivano in aereo in Italia troviamo gli Stati Uniti che confermano il loro grande ritorno, posizionandosi come primo Paese sia per prenotazione di voli che ricerche di hotel con quote rispettivamente del 25,9% e del 31%. Dunque il mercato principale di riferimento per il turismo in Italia sono gli Stati Uniti, seguiti dall’altrettanto consolidato mercato della Germania (9.5%), e dall’Italia stessa con l’8,5% di ricerche di tratte interne per quanto riguarda i voli.  Tra le città italiane più ricercate Roma (35,1%), segue Milano (16.7%) e Venezia (9,9%). Stesso posizionamento per gli hotel ricercati, dove le prenotazioni riguardano soprattutto Roma (35,4%), Milano (22.4%) e Venezia 11.4%. Al quarto posto le ricerche di voli per Napoli (6,3%), mentre per la ricerca di hotel ottiene un ottimo risultato Firenze posizionandosi all’11,3%, quasi al pari di Venezia. La Sardegna è un’altra delle mete tra le prime 10 in classifica, al sesto posto nelle prenotazioni voli e al quinto in quelle alberghiere. [post_title] => Sojern: crescono prenotazioni di voli e di hotel (10%) per l'Italia [post_date] => 2024-07-10T13:05:43+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720616743000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470488 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Debutto capitolino per il brand Ac Hotels di casa Marriott con il nuovo Clodio Roma. L'albergo è stato realizzato all'interno di un edificio della metà del ventesimo secolo completamente ristrutturato. Situato nel quartiere Prati, vicino allo stadio Olimpico e in prossimità di alcune tra le più belle attrazioni di Roma, incluse la basilica di San Pietro, castel Sant'Angelo e i musei Vaticani, è servito da ottimi collegamenti con i mezzi pubblici per raggiungere le attrazioni della città. L'Ac Hotel Clodio Roma dispone di 103 camere e suite.  Al piano terra si trova l'Ac Lounge: sala multifunzionale con terrazza all'aperto e un'area bar. Aperta tutto il giorno propone piatti tipici della cucina italiana e romana. Ogni tardo pomeriggio, la lounge invita inoltre gli ospiti a partecipare a un esclusivo aperitivo italiano presso il suo bar. [post_title] => Marriott porta il brand Ac Hotels nella capitale con il Clodio Roma [post_date] => 2024-07-01T10:58:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719831515000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470172 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Tribe Milano Malpensa, aperto lo scorso febbraio e presentato ufficialmente qualche giorno fa, porta in Italia, un concept di urban hotel funzionale e dal design elegante. "Grazie a una divisione sviluppo e a esperti di marketing attenti a alle tendenze di mercato creiamo dei marchi e delle proposte che ci permettono di andare incontro alle nuove esigenze dei clienti" spiega Daniela Tondini, communication director del gruppo Accor -. Lo facciamo da due punti di vista: quello del cliente finale, visitando le strutture e vivendone l’esperienza, e quello del proprietario". Accor spesso non possiede infatti i muri. "Abbiamo invece dei proprietari che si affidano a noi con un brand o l’altro, per avere il massimo della resa: economica ma anche di soddisfazione degli ospiti. E alcuni decidono si sposare concept totalmente nuovi, come è accaduto proprio con il Tribe Milano Malpensa. Questa struttura era adatta a tale marchio anche per il vasto bacino di aziende del territorio, che la rende un punto ideale per eventi e per incontri di lavoro. Siamo aperti all’esterno pure con la ristorazione: i pranzi di lavoro sono momenti business che spesso diventano bleisure. Il proprietario della struttura di Milano Malpensa ha peraltro con noi altri nove alberghi, di cui l’ultimo è il Mercure Cinecittà, che ha appena aperto a Roma. Altri proprietari scelgono invece soft brand da collezione. Il nuovo marchio Handwritten, per esempio, consente di mantenere il carattere degli alberghi partner". Accor possiede oggi quasi 5.600 alberghi in 110 Paesi con 45 marchi alberghieri. «Andiamo dall’ultra-luxury (con Raffles e Orient Express) al lusso (Sofitel, Emblems Collection), fino al midscale (Tribe, Novotel, Mercure e MGallery). Ma abbiamo pure un’offerta economy molto forte, che è quella della famiglia ibis (ibis, ibis Styles e ibis Budget). Quindi passiamo dall’ultra lusso all’economico puro, in modo da andare incontro a qualunque esigenza del viaggiatore. Ci definiamo un gruppo di ospitalità aumentata: non si parla più solo di un letto ma di un’esperienza. Per questo ci siamo lanciati in proposte come il treno (Orient Express, ndr), ma anche la storica nave Queen Elisabeth 2 del brand Mgallery: un albergo galleggiante".   [post_title] => Tondini, Accor: crescere diversificando per rispondere alle esigenze di clienti e proprietari [post_date] => 2024-06-26T12:06:32+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719403592000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469398 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riaprirà a fine agosto come Four Seasons l'hotel Formentor, storico albergo delle Baleari, già celebre per essere stato il buen retiro di Maiorca di scrittori, attori e alta società. Situato sulla penisola di Formentor, propaggine della costa nord dell’isola che digrada sul mare con l’omonima spiaggia, il Four Season Resort Mallorca at Formentor, le cui prenotazioni sono già aperte, dispone di 110 camere e suite che si affacciano tutte sul mare con terrazze private, mentre alcune sono anche dotate di piscina. Gli arredi prediligono materiali naturali che evocano un glamour balneare nostalgico e contemporaneo al tempo stesso. Materie prime di stagione caratterizzano i menu dei ristoranti. Tra questi, Mel, aperto dalla prima colazione al drink dopocena; Quiosc, con cucina a vista e tavoli apparecchiati attorno a una delle piscine. Direttamente sulla spiaggia, il bar Xiringuito offre invece cocktail e piatti leggeri; un secondo beach restaurant verrà inoltre inaugurato il prossimo anno, così come il Shima, ristorante che propone piatti Nikkei (fusion culinaria di Giappone e Perú), che arricchirà l’atmosfera cosmopolita del resort. Un bar si trova anche nella lobby: si chiama Cercle, per la forma del suo bancone. Senza uscire dalla tenuta, la vacanza active è garantita da spazi per lo yoga, piscine, campi da tennis e sentieri per passeggiate. Il resort mette anche a disposizione dei suoi ospiti biciclette per andare alla scoperta della penisola di Formentor. In attesa che inauguri la spa, le esperienze di benessere si compiono nella pop-up spa con trattamenti a base di prodotti botanici locali. Non mancano neppure le attività acquatiche, dallo snorkeling alle gite in barca. Il Kids for All Seasons intrattiene poi i piccoli ospiti con giochi e attività varie. L’anno prossimo si aggiungerà un club dedicato agli adolescenti. “A volte abbiamo l’opportunità di far rivivere un hotel leggendario e di portarlo nel futuro - commenta Adrian Messerli, presidente hotel operations Europa, Medio Oriente e Africa -. L’abbiamo fatto con il Grand-Hôtel du Cap Ferrat nel sud della Francia, con il San Domenico Palace in Sicilia e l’Astir Palace Hotel ad Atene. Il Formentor segna un’ulteriore espansione del brand in Spagna dopo l'apertura di Madrid”. A guidare la rinascita del resort, l’architetto Elena Dueñas dell'Estudio Lamela di Madrid. [gallery ids="469413,469414,469415,469416,469417,469418"] [post_title] => Four Seasons raddoppia in Spagna con il Formentor di Maiorca [post_date] => 2024-06-13T11:44:22+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718279062000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469090 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mandarin Oriental debutta in Oman con la sua prima struttura a Muscat. Progettata dall'interior designer francese Xavier Cartron, l'architettura dell'hotel trae ispirazione dalla ricca e variegata cultura del Paese. Il design delle 103 camere e 47 suite del Mandarin Oriental, Muscat è caratterizzato dall’uso di materiali naturali di provenienza locale, come il marmo Desert Rose e il legno di frassino, in cui ogni pezzo è realizzato a mano. Il resort comprende pure una collezione di 156 private homes, The Residences al Mandarin Oriental. I cinque ristoranti e la lounge offrono inoltre un'ampia scelta culinaria, sotto la guida dell'executive chef Raymond Rjaily, prima al timone della cucina del Mandarin Oriental, Jakarta. Non può poi mancare la spa, che unisce i trattamenti di ispirazione asiatica di Mandarin Oriental con le tradizioni curative locali. Il centro benessere include un hammam, una piscina all’aperto di 30 metri e una dedicata ai più piccoli, che possono anche accedere a un mini club sul lungomare. L'hotel dispone infine di 2 mila metri quadrati di spazi interni e di altri 335 mq di aree esterne per eventi. Tutti gli ambienti sono illuminati dalla luce naturale, compresa una sala di 800 mq con vista sul mare, una Bridal room adiacente e tre spazi dedicati a banchetti e riunioni. [post_title] => Mandarin Oriental debutta in Oman con la sua prima struttura a Muscat [post_date] => 2024-06-07T12:40:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717764042000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468993 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_468995" align="alignleft" width="300"] Massimo D'Eredità[/caption] Conservazione, comunità, commercio. Sono le 3 C su cui poggia l'offerta africana del Diamante. "Il nostro to ha dal 1982 come missione lo sviluppo del turismo in Africa, seguendo coordinate rispettose dell’ambiente e delle persone - ha raccontato nelle serata milanese organizzata dal to del gruppo Quality il general manager Massimo D'Eredità -. La passione, la conoscenza diretta, gli investimenti continui, i valori aziendali hanno portato alle performance positive. Dalla proprietà ai product manager nella sede torinese, fino agli staff africani, tutti sono consapevoli che dietro la commercializzazione siano imprescindibili un atteggiamento di sensibilità verso l’ambiente, il legame con le comunità, l’attenzione allo sviluppo culturale e sociale legato allo scambio con il turismo". Coerentemente con tale visione, Il Diamante ha quindi investito prima nella conservazione di intere aree e successivamente nella costruzione di glamping e campi di proprietà. Una conservazione attiva, dunque, come la dotazione di equipaggiamenti alle unità ranger anti bracconaggio in Namibia, Sudafrica e Botswana. Ma anche una conservazione e una tutela che passa dall'energia pulita, grazie all’installazione di pannelli solari nelle proprietà e ai fuoristrada elettrici per i fotosafari. Il tutto accompagnato, non da ultimo, dall’accantonamento di una green fee per sostenere gli stessi progetti. Relativamente alle comunità, l'operatore torinese ha inoltre plasmato intorno al supporto delle popolazioni più bisognose programmi di viaggio e investimenti per realizzare lodge e glamping. In Namibia, il personale del glamping in Damaraland è rimasto tutelato anche durante lo stop legato alla pandemia e nel Mdluli Safari Lodge, dove nel 2023 hanno soggiornato oltre 1.200 italiani, 95 membri dello staff su 110 sono donne. Oltre a garantire lavoro e dignità sociale, Il Diamante agisce sulla scolarizzazione delle generazioni future, sostenendo il futuro di oltre 600 bambini; in Sudafrica la scuola primaria di Makoko è stata riparata, è stata creata un’aula informatica e rifornita la cucina per garantire un vero pasto quotidiano. In Namibia la piccola scuola sul fiume Ugab, con 40 bambini di cui molti orfani, può contare sull’erogazione regolare di pasti caldi. In Botswana è stato acquisito un terzo minivan da adibire al progetto Elephant Express, per condurre in sicurezza alla scuola i bambini dei villaggi periferici della zona nord del delta dell’Okavango, che avevano rinunciato a frequentare perché la presenza degli elefanti lungo le strade ha in passato creato vittime e conflitti. Parlando di commercializzazione, infine, il responsabile sviluppo progetti speciali in Africa, Davide Bomben, figlio dei fondatori del Diamante, sottolinea che l'attività di vendita rappresenta la chiave per sostenere tutti questi progetti di sviluppo. I viaggi esperienziali, veicolati attraverso la rete di agenzie di viaggio che individuano in Quality Group il partner ideale a cui affidare i propri clienti, si trasformano infatti in risorse anche per i territori; “Sentiamo di fare la differenza. Ci occupiamo della formazione delle guide locali, di garantire posti di lavoro, di non sfruttare le risorse del territorio, e parallelamente di offrire a chi ci sceglie dall’Italia esperienze che siano un valore aggiunto. Se i viaggiatori toccano con mano le nostre iniziative, si tratti di entrare in un orfanotrofio o di ammirare gli arredi scolpiti dagli artigiani locali, diventano più consapevoli. Il nostro progetto è ora di creare un quinto lodge: dopo i tre in Namibia e uno in Sudafrica, puntiamo a un glamping nel delta dell’Okavango in Botswana”. [post_title] => Conservazione, comunità, commercio: le 3 C dell'offerta africana del Diamante. [post_date] => 2024-06-06T13:10:14+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717679414000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468842 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Da Milano a San Francisco, passando per Lucca, Ibiza ed il Regno Unito. Chi non vorrebbe trascorrere le vacanze o approfittare di brevi pause inseguendo i propri artisti preferiti ai concerti in giro per il mondo? Sono in continuo aumento i viaggiatori che si muovono per concerti e festival. Un’occasione per visitare città diverse o già conosciute e per viverle in un contesto più vivace e coinvolgente. L’estate è la stagione dei festival per eccellenza. Da maggio a settembre, l’Europa si anima di eventi imperdibili: dal Primavera Sound a Barcellona e a Porto, fino al Sonar che scuote la capitale catalana a metà giugno, passando per Glastonbury del Regno Unito, il Tomorrowland belga e lo Sziget ungherese. In Italia, secondo l’ultimo report Travel Trends di Skyscanner, quest'anno spostarsi per assistere a concerti e festival è una vera e propria tendenza. Ben il 46% degli italiani infatti, prenderebbe un volo a corto raggio per vedere il proprio artista preferito dal vivo, mentre il 15% dichiara che volerebbe dall'altra parte del mondo per assistere allo show del momento. Questa percentuale sale al 64% per i giovani tra i 18 e i 24 anni. In collaborazione con l’app di eventi DICE, Skyscanner ha rivelato le destinazioni globali più hot al centro del turismo musicale. Ibiza è il cuore della festa. Un tempo tempio della cultura hippie e famosa per l'ascesa del suono delle Baleari negli anni '90, oggi si trovano qui super club, feste in spiaggia e drum circle sulla spiaggia di Benirràs. Per vivere l’atmosfera dei grandi locali notturni che spesso ospitano i migliori DJ, imperdibili il DC10, Club Chinois, Amnesia, Eden, Ibiza Rocks e O Beach. . Hotel a Ibiza nel primo weekend di giugno, a partire da 61€ a notte a persona Manchester e Leeds sono due delle principali mete musicali dell'Inghilterra. Al Warehouse Project di Manchester si ritrova l'energia dei grandi locali notturni e delle performance dal vivo, mentre i locali indipendenti più piccoli nel Northern Quarter trasmettono un'atmosfera più locale e semplice. I locali storici di Leeds come il Brudenell Social Club e lo Stylus lasciano spazio alle band e agli artisti emergenti, trasformando la magia in realtà. Voli a/r per Manchester a giugno 2024, a partire da 26€ a persona. Hotel a Manchester nel primo weekend di giugno, a partire da 59€ a notte a persona San Francisco ha una vera e propria storia musicale, dal jazz degli anni '50 e '60, all'amore libero e alla psichedelia del movimento hippie intorno a Haight-Ashbury negli anni '60. Oggi qui si trovano locali popolari e discoteche incredibili come Public Works, e locali più piccoli come The Saloon e Atlas Café. Voli a/r per San Francisco a giugno 2024, a partire da 443€ a persona.  Hotel a San Francisco nel primo weekend di giugno, a partire da 22€ a notte a persona Barcellona è diventata rapidamente un punto di riferimento per la musica, con gli appassionati di festival che la “invadono” ogni anno in cerca di emozioni. Da non perdere il Primavera Sound alla fine di maggio, uno dei migliori festival in Europa, o il Sònar, per una fusione di musica elettronica, creatività e tecnologia. Hotel a Barcellona nel primo weekend di giugno, a partire da 35€ a notte a persona La musica è nelle radici di Nashville. La capitale del Tennessee è la patria della musica in America: country, bluegrass, rock, pop, americana, gospel, classica, jazz e blues costituiscono il tessuto stesso della città. Qui la musica è ovunque e molti locali offrono gratuitamente musica dal vivo per tutto il giorno. Voli a/r per Nashville a giugno 2024, a partire da 417€ a notte a persona. Hotel a Nashville nel primo weekend di giugno, a partire da 110€ a persona Toronto è la capitale canadese della musica. Con artisti del calibro di Drake, Shawn Mendes e The Weeknd tutti provenienti da qui, non si può discutere con la tradizione musicale della città. I luoghi migliori per un viaggio musicale a Toronto includono Massey Hall, il Reservoir Lounge, il Lee's Palace e l'Horseshoe Tavern. Voli a/r per Toronto a giugno 2024, a partire da 344€ a persona. Hotel a Toronto nel primo weekend di giugno, a partire da 80€ a notte a persona In collaborazione con DICE, Skyscanner ha anche analizzato le città con il maggior numero di concerti sotto i 20 euro nel 2024. A Leeds, ad esempio, l’88% dei concerti è disponibile a meno di 20 sterline. Ma anche Bordeaux, in Francia, vanta un 85% di concerti disponibili a meno di 20 euro. Ed infine Parigi, con il 78% dei concerti accessibile a meno di 20 euro. «Sappiamo che le destinazioni di tendenza – spiega  Stefano Maglietta, Travel Expert di Skyscanner - sono strettamente legate all'intrattenimento, alle arti e alle celebrità, e in questo scenario gli artisti e le date dei loro tour sono un fattore importante di traino verso una determinata località. Inoltre, il viaggiatore di oggi vuole lasciarsi ispirare dalla propria meta e vivere a pieno la cultura locale: la musica è un modo incredibile per vivere il ritmo di una città».   [post_title] => Skyscanner, in aumento i viaggiatori che si muovono per concerti e festival [post_date] => 2024-06-05T11:22:18+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717586538000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468758 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prosegue la parabola ascendente del traffico passeggeri di Aeroporti di Puglia: lo scorso maggio i passeggeri negli scali di Bari e Brindisi sono stati 1.025.404, in crescita del +11,3% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Di questi 697.057 i passeggeri di Bari (+12,5%) e 328.347 quelli dell’aeroporto del Salento di Brindisi (+8,9%). Eccellente il dato riferito alla linea internazionale che, complessivamente, tra Bari e Brindisi si attesta a quota 482.564 passeggeri, con un incremento del +21,4% rispetto allo stesso a maggio 2023. Buona performance per l’aeroporto Gino Lisa di Foggia che a Maggio ha accolto 4.841 passeggeri, in crescita del 26,3% rispetto a maggio dello scorso anno. Complessivamente tra Bari, Brindisi e Foggia nei primi cinque mesi i passeggeri, tra arrivi e partenze, sono stati 3.601.236, dei quali 2.462.742 su Bari (+6,1%), 1.120.564 (+4,1%) su Brindisi e 16.930 (+22,7%) su Foggia. “La lettura dei dati di maggio e dei primi cinque mesi dell’anno rappresentano un riscontro immediato e evidente dell’ottimo stato di salute degli aeroporti pugliesi - sottolinea il presidente di Aeroporti di Puglia Antonio Maria Vasile -. Un risultato che ci inorgoglisce, ottenuto anche grazie a una sinergia sempre più forte con la Regione Puglia affinché, sulla base di una mirata programmazione strategica, si determinassero le migliori opportunità per favorire la crescita del traffico. Uno sviluppo della rete dei collegamenti che ha privilegiato, ovviamente, il traffico internazionale, con il potenziamento di destinazioni del nord Europa e su quei mercati che in questi anni hanno dato prova di grande vitalità, Francia, Svizzera, Polonia su tutti. La crescita del traffico, fondamentale per l’industria del turismo che beneficia della migliore accessibilità aerea dai mercati esteri strategici per questo comparto è sostenuta anche dalla crescente qualità dei servizi a passeggeri e vettori e da una maggiore capacità delle infrastrutture aeronautiche che sono elemento fondamentale per garantire le necessarie condizioni di safety e operative richieste dai vettori”.   [post_title] => Aeroporti di Puglia: +11,3% il traffico passeggeri di maggio. Più 21,4% sulle rotte internazionali [post_date] => 2024-06-04T11:18:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717499913000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1103" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":7,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":147,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471296","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un convento dell'ordine di Santa Chiara del 1604, successivamente occupato dall'ordine della Visitazione di Santa Maria dal 1803 agli inizi degli anni '80. Da queste radici originarie ha preso forma la nuova struttura di design Hôtel du Couvent. Situata nel cuore del centro storico di Nizza, la proprietà è stata realizzata da Valéry Grégo, il nome dietro gli hotel di design Les Roches Rouges e La Pigalle, che ne ha curato un restauro durato ben dieci anni. I lavori sono stati realizzati in collaborazione con lo studio Mumbai e lo studio Méditerranée, che ha sua volta lavorato con Festen Architecture per gli interni.\r\n\r\nIl risultato sono 88 camere arredate con un mix di pezzi su misura e di antiquariato d'epoca, con vista sul centro storico, sui giardini terrazzati, sul porto o sulle colline circostanti. Tra le soluzioni disponibili ci sono pure 18 suite, alcune delle quali dotate di cucina, con la possibilità di richiedere uno chef o un maggiordomo.\r\n\r\nAll'interno delle mura esterne del convento, si cela inoltre un giardino segreto di più di 8 mila metri quadrati. In collaborazione con Tom-Stuart Smith, paesaggista, e James Basson di Scape Design, lo spazio è stato ripensato in un’ottica di connessione con lo stesso convento. Nel chiostro centrale rivivrà poi l'antica erboristeria fondata dalle suore, guidata dall'erborista locale Gregory Unrein di Nice Organic. Fornirà agli ospiti consigli personalizzati e rimedi su misura, oltre a tè, tisane e tinture con le erbe del giardino, e, allo stesso tempo, servirà anche la cucina e il bar del convento di erbe essiccate.\r\n\r\nLa biblioteca, dove approfondire la storia della città, mette in luce l'École de Nice: un movimento artistico che si è sviluppato a Nizza a partire dalla fine degli anni Cinquanta e che ha riunito molti artisti riconosciuti a livello internazionale, tra cui Martial Raysse, Ben, Yves Klein, Arman e Alocco, Sosno. Archivio ufficiale di tutto ciò che è stato pubblicato sul movimento, lo spazio si presterà a collaborazioni con scuole d'arte, conferenze e workshop per gli ospiti e la comunità locale.\r\n\r\nLo spazio benessere si ispirerà alle antiche tradizioni balneari romane, incorporando acqua, trattamenti e attività fisica. A disposizione pure una piscina coperta e una piscina relax. Un'area dedicata ai trattamenti offrirà massaggi su misura con oli essenziali selezionati dall'erborista dell'Hôtel du Couvent, mentre i trattamenti viso personalizzati utilizzeranno prodotti naturali. Oltre a una piscina all'aperto, le terme romane del convento propongono anche il Movement Studio: uno spazio dedicato all'esercizio fisico, alla danza e al movimento, sale per trattamenti e un centro culturale per rilassare la mente, per un'esperienza di benessere olistica. All'esterno, i giardini vantano una ulteriore piscina di 20 metri con vista sul Mediterraneo e una all'aperto adiacente al cafè La Guinguette.\r\n\r\nLe proposte f&b dell'hotel saranno guidate dai sapori e dai prodotti provenienti dalla fattoria di proprietà a Touët-sur-Var, che rifornisce il convento di verdure di stagione, frutta e uova delle sue 250 galline, ospitando anche visite di ospiti, cene e laboratori gastronomici. Nel ristorante del chiostro, il refettorio originale, al cafè La Guinguette e nel bistrot di rue des Serruriers sarà possibile gustare quindi piatti tipici. E' presente pure una panetteria, ricavata nell'ex panificio del convento, che preparerà ogni giorno pane fresco, con farina macinata in loco secondo la tradizione centenaria, mentre la cantina offrirà una scelta di 3.500 etichette. Nelle vicinanze, le Bar sarà il luogo ideale in cui trascorrere i propri pomeriggi. Il sabato mattina l'Hôtel du Couvent aprirà infine il proprio cortile al mercato cittadino, in cui gli ospiti e i nizzardi potranno rifornirsi di prodotti locali e della regione circostante.\r\n\r\nValéry Grégo vive a Londra da vent'anni ed è entrato nel mondo dell'ospitalità come si entra in una vecchia libreria: per caso. Nato nella periferia parigina da due ricercatori aerospaziali, ha studiato inizialmente letteratura e materie umanistiche a Parigi, per poi dedicarsi alla finanza. Dopo un primo periodo come imprenditore nel settore finanziario, il suo background letterario e il suo spirito avventuriero lo hanno portato a creare Perseus nel 2010, con l'obiettivo di ribaltare il concetto di viaggio. Le Pigalle, inaugurato nel 2015, gli ha permesso di esprimere questa ospitalità moderna, radicata e consapevole, che si adatta a un mondo in rapida evoluzione. Grégo ha poi fatto rinascere diversi resort in montagna e stabilimenti costieri, tra cui Les Roches Rouges a Saint-Raphaël e Les 3 Vallées a Courchevel 1850, con il marchio Hôtels d'en Haut, che ha venduto nel 2019 per concentrarsi sull'Hôtel du Couvent, l'ultimo di questa generazione di luoghi.\r\n\r\n ","post_title":"Ci sono anche una panetteria e un'erboristeria nel nuovo hotel di design nizzardo du Couvent","post_date":"2024-07-12T10:49:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1720781365000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471187","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Crescono del 10% le prenotazioni di voli e le ricerche hotel  verso l’Italia nell’estate 2024 rispetto allo stesso periodo del 2023 secondo Sojern.\r\nDalle analisi, basate sulle intenzioni di viaggio in tempo reale, Sojern attesta che il volume delle prenotazioni per l’estate verso le destinazioni italiane (Italia su Italia) effettuate fino a inizio luglio è uguale allo scorso anno, mentre il mercato europeo e quello internazionale segnano entrambi un +10%. \r\nTra i mercati di riferimento per l’origine dei viaggiatori che arrivano in aereo in Italia troviamo gli Stati Uniti che confermano il loro grande ritorno, posizionandosi come primo Paese sia per prenotazione di voli che ricerche di hotel con quote rispettivamente del 25,9% e del 31%. Dunque il mercato principale di riferimento per il turismo in Italia sono gli Stati Uniti, seguiti dall’altrettanto consolidato mercato della Germania (9.5%), e dall’Italia stessa con l’8,5% di ricerche di tratte interne per quanto riguarda i voli. \r\nTra le città italiane più ricercate Roma (35,1%), segue Milano (16.7%) e Venezia (9,9%). Stesso posizionamento per gli hotel ricercati, dove le prenotazioni riguardano soprattutto Roma (35,4%), Milano (22.4%) e Venezia 11.4%. Al quarto posto le ricerche di voli per Napoli (6,3%), mentre per la ricerca di hotel ottiene un ottimo risultato Firenze posizionandosi all’11,3%, quasi al pari di Venezia. La Sardegna è un’altra delle mete tra le prime 10 in classifica, al sesto posto nelle prenotazioni voli e al quinto in quelle alberghiere.","post_title":"Sojern: crescono prenotazioni di voli e di hotel (10%) per l'Italia","post_date":"2024-07-10T13:05:43+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1720616743000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470488","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Debutto capitolino per il brand Ac Hotels di casa Marriott con il nuovo Clodio Roma. L'albergo è stato realizzato all'interno di un edificio della metà del ventesimo secolo completamente ristrutturato. Situato nel quartiere Prati, vicino allo stadio Olimpico e in prossimità di alcune tra le più belle attrazioni di Roma, incluse la basilica di San Pietro, castel Sant'Angelo e i musei Vaticani, è servito da ottimi collegamenti con i mezzi pubblici per raggiungere le attrazioni della città.\r\n\r\nL'Ac Hotel Clodio Roma dispone di 103 camere e suite.  Al piano terra si trova l'Ac Lounge: sala multifunzionale con terrazza all'aperto e un'area bar. Aperta tutto il giorno propone piatti tipici della cucina italiana e romana. Ogni tardo pomeriggio, la lounge invita inoltre gli ospiti a partecipare a un esclusivo aperitivo italiano presso il suo bar.","post_title":"Marriott porta il brand Ac Hotels nella capitale con il Clodio Roma","post_date":"2024-07-01T10:58:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1719831515000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470172","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Tribe Milano Malpensa, aperto lo scorso febbraio e presentato ufficialmente qualche giorno fa, porta in Italia, un concept di urban hotel funzionale e dal design elegante. \"Grazie a una divisione sviluppo e a esperti di marketing attenti a alle tendenze di mercato creiamo dei marchi e delle proposte che ci permettono di andare incontro alle nuove esigenze dei clienti\" spiega Daniela Tondini, communication director del gruppo Accor -. Lo facciamo da due punti di vista: quello del cliente finale, visitando le strutture e vivendone l’esperienza, e quello del proprietario\".\r\n\r\nAccor spesso non possiede infatti i muri. \"Abbiamo invece dei proprietari che si affidano a noi con un brand o l’altro, per avere il massimo della resa: economica ma anche di soddisfazione degli ospiti. E alcuni decidono si sposare concept totalmente nuovi, come è accaduto proprio con il Tribe Milano Malpensa. Questa struttura era adatta a tale marchio anche per il vasto bacino di aziende del territorio, che la rende un punto ideale per eventi e per incontri di lavoro. Siamo aperti all’esterno pure con la ristorazione: i pranzi di lavoro sono momenti business che spesso diventano bleisure.\r\n\r\nIl proprietario della struttura di Milano Malpensa ha peraltro con noi altri nove alberghi, di cui l’ultimo è il Mercure Cinecittà, che ha appena aperto a Roma. Altri proprietari scelgono invece soft brand da collezione. Il nuovo marchio Handwritten, per esempio, consente di mantenere il carattere degli alberghi partner\".\r\n\r\nAccor possiede oggi quasi 5.600 alberghi in 110 Paesi con 45 marchi alberghieri. «Andiamo dall’ultra-luxury (con Raffles e Orient Express) al lusso (Sofitel, Emblems Collection), fino al midscale (Tribe, Novotel, Mercure e MGallery). Ma abbiamo pure un’offerta economy molto forte, che è quella della famiglia ibis (ibis, ibis Styles e ibis Budget). Quindi passiamo dall’ultra lusso all’economico puro, in modo da andare incontro a qualunque esigenza del viaggiatore. Ci definiamo un gruppo di ospitalità aumentata: non si parla più solo di un letto ma di un’esperienza. Per questo ci siamo lanciati in proposte come il treno (Orient Express, ndr), ma anche la storica nave Queen Elisabeth 2 del brand Mgallery: un albergo galleggiante\".\r\n\r\n ","post_title":"Tondini, Accor: crescere diversificando per rispondere alle esigenze di clienti e proprietari","post_date":"2024-06-26T12:06:32+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1719403592000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469398","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riaprirà a fine agosto come Four Seasons l'hotel Formentor, storico albergo delle Baleari, già celebre per essere stato il buen retiro di Maiorca di scrittori, attori e alta società. Situato sulla penisola di Formentor, propaggine della costa nord dell’isola che digrada sul mare con l’omonima spiaggia, il Four Season Resort Mallorca at Formentor, le cui prenotazioni sono già aperte, dispone di 110 camere e suite che si affacciano tutte sul mare con terrazze private, mentre alcune sono anche dotate di piscina. Gli arredi prediligono materiali naturali che evocano un glamour balneare nostalgico e contemporaneo al tempo stesso.\r\n\r\nMaterie prime di stagione caratterizzano i menu dei ristoranti. Tra questi, Mel, aperto dalla prima colazione al drink dopocena; Quiosc, con cucina a vista e tavoli apparecchiati attorno a una delle piscine. Direttamente sulla spiaggia, il bar Xiringuito offre invece cocktail e piatti leggeri; un secondo beach restaurant verrà inoltre inaugurato il prossimo anno, così come il Shima, ristorante che propone piatti Nikkei (fusion culinaria di Giappone e Perú), che arricchirà l’atmosfera cosmopolita del resort. Un bar si trova anche nella lobby: si chiama Cercle, per la forma del suo bancone.\r\n\r\nSenza uscire dalla tenuta, la vacanza active è garantita da spazi per lo yoga, piscine, campi da tennis e sentieri per passeggiate. Il resort mette anche a disposizione dei suoi ospiti biciclette per andare alla scoperta della penisola di Formentor. In attesa che inauguri la spa, le esperienze di benessere si compiono nella pop-up spa con trattamenti a base di prodotti botanici locali. Non mancano neppure le attività acquatiche, dallo snorkeling alle gite in barca. Il Kids for All Seasons intrattiene poi i piccoli ospiti con giochi e attività varie. L’anno prossimo si aggiungerà un club dedicato agli adolescenti.\r\n\r\n“A volte abbiamo l’opportunità di far rivivere un hotel leggendario e di portarlo nel futuro - commenta Adrian Messerli, presidente hotel operations Europa, Medio Oriente e Africa -. L’abbiamo fatto con il Grand-Hôtel du Cap Ferrat nel sud della Francia, con il San Domenico Palace in Sicilia e l’Astir Palace Hotel ad Atene. Il Formentor segna un’ulteriore espansione del brand in Spagna dopo l'apertura di Madrid”. A guidare la rinascita del resort, l’architetto Elena Dueñas dell'Estudio Lamela di Madrid.\r\n\r\n[gallery ids=\"469413,469414,469415,469416,469417,469418\"]","post_title":"Four Seasons raddoppia in Spagna con il Formentor di Maiorca","post_date":"2024-06-13T11:44:22+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718279062000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469090","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Mandarin Oriental debutta in Oman con la sua prima struttura a Muscat. Progettata dall'interior designer francese Xavier Cartron, l'architettura dell'hotel trae ispirazione dalla ricca e variegata cultura del Paese. Il design delle 103 camere e 47 suite del Mandarin Oriental, Muscat è caratterizzato dall’uso di materiali naturali di provenienza locale, come il marmo Desert Rose e il legno di frassino, in cui ogni pezzo è realizzato a mano. Il resort comprende pure una collezione di 156 private homes, The Residences al Mandarin Oriental. I cinque ristoranti e la lounge offrono inoltre un'ampia scelta culinaria, sotto la guida dell'executive chef Raymond Rjaily, prima al timone della cucina del Mandarin Oriental, Jakarta.\r\n\r\nNon può poi mancare la spa, che unisce i trattamenti di ispirazione asiatica di Mandarin Oriental con le tradizioni curative locali. Il centro benessere include un hammam, una piscina all’aperto di 30 metri e una dedicata ai più piccoli, che possono anche accedere a un mini club sul lungomare. L'hotel dispone infine di 2 mila metri quadrati di spazi interni e di altri 335 mq di aree esterne per eventi. Tutti gli ambienti sono illuminati dalla luce naturale, compresa una sala di 800 mq con vista sul mare, una Bridal room adiacente e tre spazi dedicati a banchetti e riunioni.","post_title":"Mandarin Oriental debutta in Oman con la sua prima struttura a Muscat","post_date":"2024-06-07T12:40:42+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1717764042000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468993","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_468995\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Massimo D'Eredità[/caption]\r\n\r\nConservazione, comunità, commercio. Sono le 3 C su cui poggia l'offerta africana del Diamante. \"Il nostro to ha dal 1982 come missione lo sviluppo del turismo in Africa, seguendo coordinate rispettose dell’ambiente e delle persone - ha raccontato nelle serata milanese organizzata dal to del gruppo Quality il general manager Massimo D'Eredità -. La passione, la conoscenza diretta, gli investimenti continui, i valori aziendali hanno portato alle performance positive. Dalla proprietà ai product manager nella sede torinese, fino agli staff africani, tutti sono consapevoli che dietro la commercializzazione siano imprescindibili un atteggiamento di sensibilità verso l’ambiente, il legame con le comunità, l’attenzione allo sviluppo culturale e sociale legato allo scambio con il turismo\".\r\n\r\nCoerentemente con tale visione, Il Diamante ha quindi investito prima nella conservazione di intere aree e successivamente nella costruzione di glamping e campi di proprietà. Una conservazione attiva, dunque, come la dotazione di equipaggiamenti alle unità ranger anti bracconaggio in Namibia, Sudafrica e Botswana. Ma anche una conservazione e una tutela che passa dall'energia pulita, grazie all’installazione di pannelli solari nelle proprietà e ai fuoristrada elettrici per i fotosafari. Il tutto accompagnato, non da ultimo, dall’accantonamento di una green fee per sostenere gli stessi progetti.\r\n\r\nRelativamente alle comunità, l'operatore torinese ha inoltre plasmato intorno al supporto delle popolazioni più bisognose programmi di viaggio e investimenti per realizzare lodge e glamping. In Namibia, il personale del glamping in Damaraland è rimasto tutelato anche durante lo stop legato alla pandemia e nel Mdluli Safari Lodge, dove nel 2023 hanno soggiornato oltre 1.200 italiani, 95 membri dello staff su 110 sono donne. Oltre a garantire lavoro e dignità sociale, Il Diamante agisce sulla scolarizzazione delle generazioni future, sostenendo il futuro di oltre 600 bambini; in Sudafrica la scuola primaria di Makoko è stata riparata, è stata creata un’aula informatica e rifornita la cucina per garantire un vero pasto quotidiano. In Namibia la piccola scuola sul fiume Ugab, con 40 bambini di cui molti orfani, può contare sull’erogazione regolare di pasti caldi. In Botswana è stato acquisito un terzo minivan da adibire al progetto Elephant Express, per condurre in sicurezza alla scuola i bambini dei villaggi periferici della zona nord del delta dell’Okavango, che avevano rinunciato a frequentare perché la presenza degli elefanti lungo le strade ha in passato creato vittime e conflitti.\r\n\r\nParlando di commercializzazione, infine, il responsabile sviluppo progetti speciali in Africa, Davide Bomben, figlio dei fondatori del Diamante, sottolinea che l'attività di vendita rappresenta la chiave per sostenere tutti questi progetti di sviluppo. I viaggi esperienziali, veicolati attraverso la rete di agenzie di viaggio che individuano in Quality Group il partner ideale a cui affidare i propri clienti, si trasformano infatti in risorse anche per i territori; “Sentiamo di fare la differenza. Ci occupiamo della formazione delle guide locali, di garantire posti di lavoro, di non sfruttare le risorse del territorio, e parallelamente di offrire a chi ci sceglie dall’Italia esperienze che siano un valore aggiunto. Se i viaggiatori toccano con mano le nostre iniziative, si tratti di entrare in un orfanotrofio o di ammirare gli arredi scolpiti dagli artigiani locali, diventano più consapevoli. Il nostro progetto è ora di creare un quinto lodge: dopo i tre in Namibia e uno in Sudafrica, puntiamo a un glamping nel delta dell’Okavango in Botswana”.","post_title":"Conservazione, comunità, commercio: le 3 C dell'offerta africana del Diamante.","post_date":"2024-06-06T13:10:14+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1717679414000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468842","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Da Milano a San Francisco, passando per Lucca, Ibiza ed il Regno Unito. Chi non vorrebbe trascorrere le vacanze o approfittare di brevi pause inseguendo i propri artisti preferiti ai concerti in giro per il mondo? Sono in continuo aumento i viaggiatori che si muovono per concerti e festival. Un’occasione per visitare città diverse o già conosciute e per viverle in un contesto più vivace e coinvolgente.\r\n\r\nL’estate è la stagione dei festival per eccellenza. Da maggio a settembre, l’Europa si anima di eventi imperdibili: dal Primavera Sound a Barcellona e a Porto, fino al Sonar che scuote la capitale catalana a metà giugno, passando per Glastonbury del Regno Unito, il Tomorrowland belga e lo Sziget ungherese.\r\n\r\nIn Italia, secondo l’ultimo report Travel Trends di Skyscanner, quest'anno spostarsi per assistere a concerti e festival è una vera e propria tendenza. Ben il 46% degli italiani infatti, prenderebbe un volo a corto raggio per vedere il proprio artista preferito dal vivo, mentre il 15% dichiara che volerebbe dall'altra parte del mondo per assistere allo show del momento. Questa percentuale sale al 64% per i giovani tra i 18 e i 24 anni.\r\n\r\nIn collaborazione con l’app di eventi DICE, Skyscanner ha rivelato le destinazioni globali più hot al centro del turismo musicale.\r\n\r\nIbiza è il cuore della festa. Un tempo tempio della cultura hippie e famosa per l'ascesa del suono delle Baleari negli anni '90, oggi si trovano qui super club, feste in spiaggia e drum circle sulla spiaggia di Benirràs. Per vivere l’atmosfera dei grandi locali notturni che spesso ospitano i migliori DJ, imperdibili il DC10, Club Chinois, Amnesia, Eden, Ibiza Rocks e O Beach. . Hotel a Ibiza nel primo weekend di giugno, a partire da 61€ a notte a persona\r\n\r\nManchester e Leeds sono due delle principali mete musicali dell'Inghilterra. Al Warehouse Project di Manchester si ritrova l'energia dei grandi locali notturni e delle performance dal vivo, mentre i locali indipendenti più piccoli nel Northern Quarter trasmettono un'atmosfera più locale e semplice. I locali storici di Leeds come il Brudenell Social Club e lo Stylus lasciano spazio alle band e agli artisti emergenti, trasformando la magia in realtà. Voli a/r per Manchester a giugno 2024, a partire da 26€ a persona. Hotel a Manchester nel primo weekend di giugno, a partire da 59€ a notte a persona\r\n\r\nSan Francisco ha una vera e propria storia musicale, dal jazz degli anni '50 e '60, all'amore libero e alla psichedelia del movimento hippie intorno a Haight-Ashbury negli anni '60. Oggi qui si trovano locali popolari e discoteche incredibili come Public Works, e locali più piccoli come The Saloon e Atlas Café. Voli a/r per San Francisco a giugno 2024, a partire da 443€ a persona.  Hotel a San Francisco nel primo weekend di giugno, a partire da 22€ a notte a persona\r\n\r\nBarcellona è diventata rapidamente un punto di riferimento per la musica, con gli appassionati di festival che la “invadono” ogni anno in cerca di emozioni. Da non perdere il Primavera Sound alla fine di maggio, uno dei migliori festival in Europa, o il Sònar, per una fusione di musica elettronica, creatività e tecnologia. Hotel a Barcellona nel primo weekend di giugno, a partire da 35€ a notte a persona\r\n\r\nLa musica è nelle radici di Nashville. La capitale del Tennessee è la patria della musica in America: country, bluegrass, rock, pop, americana, gospel, classica, jazz e blues costituiscono il tessuto stesso della città. Qui la musica è ovunque e molti locali offrono gratuitamente musica dal vivo per tutto il giorno. Voli a/r per Nashville a giugno 2024, a partire da 417€ a notte a persona. Hotel a Nashville nel primo weekend di giugno, a partire da 110€ a persona\r\n\r\nToronto è la capitale canadese della musica. Con artisti del calibro di Drake, Shawn Mendes e The Weeknd tutti provenienti da qui, non si può discutere con la tradizione musicale della città. I luoghi migliori per un viaggio musicale a Toronto includono Massey Hall, il Reservoir Lounge, il Lee's Palace e l'Horseshoe Tavern. Voli a/r per Toronto a giugno 2024, a partire da 344€ a persona. Hotel a Toronto nel primo weekend di giugno, a partire da 80€ a notte a persona\r\n\r\nIn collaborazione con DICE, Skyscanner ha anche analizzato le città con il maggior numero di concerti sotto i 20 euro nel 2024.\r\n\r\nA Leeds, ad esempio, l’88% dei concerti è disponibile a meno di 20 sterline. Ma anche Bordeaux, in Francia, vanta un 85% di concerti disponibili a meno di 20 euro. Ed infine Parigi, con il 78% dei concerti accessibile a meno di 20 euro.\r\n\r\n«Sappiamo che le destinazioni di tendenza – spiega  Stefano Maglietta, Travel Expert di Skyscanner - sono strettamente legate all'intrattenimento, alle arti e alle celebrità, e in questo scenario gli artisti e le date dei loro tour sono un fattore importante di traino verso una determinata località. Inoltre, il viaggiatore di oggi vuole lasciarsi ispirare dalla propria meta e vivere a pieno la cultura locale: la musica è un modo incredibile per vivere il ritmo di una città».\r\n\r\n ","post_title":"Skyscanner, in aumento i viaggiatori che si muovono per concerti e festival","post_date":"2024-06-05T11:22:18+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1717586538000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468758","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prosegue la parabola ascendente del traffico passeggeri di Aeroporti di Puglia: lo scorso maggio i passeggeri negli scali di Bari e Brindisi sono stati 1.025.404, in crescita del +11,3% rispetto allo stesso mese dello scorso anno.\r\n\r\nDi questi 697.057 i passeggeri di Bari (+12,5%) e 328.347 quelli dell’aeroporto del Salento di Brindisi (+8,9%). Eccellente il dato riferito alla linea internazionale che, complessivamente, tra Bari e Brindisi si attesta a quota 482.564 passeggeri, con un incremento del +21,4% rispetto allo stesso a maggio 2023. Buona performance per l’aeroporto Gino Lisa di Foggia che a Maggio ha accolto 4.841 passeggeri, in crescita del 26,3% rispetto a maggio dello scorso anno.\r\n\r\nComplessivamente tra Bari, Brindisi e Foggia nei primi cinque mesi i passeggeri, tra arrivi e partenze, sono stati 3.601.236, dei quali 2.462.742 su Bari (+6,1%), 1.120.564 (+4,1%) su Brindisi e 16.930 (+22,7%) su Foggia.\r\n\r\n“La lettura dei dati di maggio e dei primi cinque mesi dell’anno rappresentano un riscontro immediato e evidente dell’ottimo stato di salute degli aeroporti pugliesi - sottolinea il presidente di Aeroporti di Puglia Antonio Maria Vasile -. Un risultato che ci inorgoglisce, ottenuto anche grazie a una sinergia sempre più forte con la Regione Puglia affinché, sulla base di una mirata programmazione strategica, si determinassero le migliori opportunità per favorire la crescita del traffico. Uno sviluppo della rete dei collegamenti che ha privilegiato, ovviamente, il traffico internazionale, con il potenziamento di destinazioni del nord Europa e su quei mercati che in questi anni hanno dato prova di grande vitalità, Francia, Svizzera, Polonia su tutti. La crescita del traffico, fondamentale per l’industria del turismo che beneficia della migliore accessibilità aerea dai mercati esteri strategici per questo comparto è sostenuta anche dalla crescente qualità dei servizi a passeggeri e vettori e da una maggiore capacità delle infrastrutture aeronautiche che sono elemento fondamentale per garantire le necessarie condizioni di safety e operative richieste dai vettori”.\r\n\r\n ","post_title":"Aeroporti di Puglia: +11,3% il traffico passeggeri di maggio. Più 21,4% sulle rotte internazionali","post_date":"2024-06-04T11:18:33+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1717499913000]}]}}

Lascia un commento