26 November 2022

Ita Airways: Msc abbandona la partita. Restano Lufthansa e Certares

[ 0 ]

Gianluigi Aponte

Msc del gruppo Aponte abbandona la cordata per l’acquisizione di Ita Airways. Con una nota ufficiale emessa ieri sera, «Il Gruppo Msc, leader mondiale nel settore del trasporto merci e passeggeri, conferma di aver già informato le autorità competenti di non essere più interessata a partecipare alla privatizzazione di Ita Airways, non ravvisandone le condizioni nell’attuale procedura». Naturalmente perdendo un valido un valido alleato come Altavilla, il gruppo Msc ha pensato bene di fare un passo indietro.

Una mossa in parte attesa, da quando lo scorso 17 novembre, all’apertura della data room – dopo l’interruzione della trattativa in esclusiva con il fondo Usa decisa dal nuovo governo Meloni – si era presentata soltanto Lufthansa.

Certares

In lizza per la privatizzazione resta quindi, al momento, Certares, con la partnership di Air France-Klm e Delta (con la proposta di acquisire il 50% più un’azione di Ita) in attesa che il colosso tedesco si esponga formalizzando un’offerta. Poche settimane fa proprio da Francoforte era arrivata l’ennesima dichiarazione di “interesse per il mercato italiano (…) restiamo interessati a una vera privatizzazione della compagnia aerea”.

 



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434858 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.   [gallery ids="434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875"] La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. Per visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino. www.themuseumoftourism.org https://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/ https://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/ [post_title] => Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group [post_date] => 2022-11-25T17:31:03+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669397463000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434831 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un viaggio inaugurale di 15 notti attraverso i fiordi e oltre il Circolo polare artico, salpando in direzione del Nord Europa e attraccando in 12 destinazioni di quattro Paesi. Explora Journeys ha svelato oggi i dettagli del viaggio inaugurale di Explora I, la prima delle sue navi, che partirà il 17 luglio 2023 da Southampton nel Regno Unito. “Fin dal primo giorno, abbiamo avuto una visione chiara con l'obiettivo di creare una nuova esperienza di viaggio sul mare - spiega il ceo del brand lusso di casa Msc, Michael Ungerer -. Siamo molto felici che, nel corso del suo viaggio inaugurale, la nostra prima nave da crociera Explora I, di una categoria a sé stante, consentirà agli ospiti di conoscere alcune delle destinazioni più belle del Nord Europa, offrendo loro un'ospitalità impeccabile sul mare”. Salpando da Southampton, Explora I toccherà quindi Zeebrugge in Belgio e Geiranger, Trondheim, Molde, Leknes, Brønnøysund, Flåm, Bergen e Stavanger in Norvegia, prima di proseguire per la Danimarca, dove visiterà Skagen e la capitale del paese, Copenaghen.   [post_title] => Regno Unito, Belgio, Norvegia e Danimarca tra le tappe del viaggio inaugurale di Explora I [post_date] => 2022-11-25T12:06:52+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669378012000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434781 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Korean Air è il primo partner del settore aereo del programma fedeltà Volare di Ita Airways. Scegliendo di volare con il vettore della Corea del Sud, in qualità di compagnia aerea dell’alleanza, i soci SkyTeam Elite Plus potranno usufruire dei servizi SkyPriority che includono tra gli altri: check-in e imbarco prioritario, drop-off e bagaglio aggiuntivo, canale prioritario al banco Transiti e ai varchi sicurezza. Numerosi i vantaggi per i soci che scelgono di volare con Korean Air: la possibilità di accumulare punti è estesa infatti anche ai voli operati da Korean Air. Sarà sufficiente inserire il numero frequent flyer Volare in fase di prenotazione o di check-in per accumulare punti Volare. “Da quando Ita Airways è entrata ufficialmente a far parte di SkyTeam - ha dichiarato Emiliana Limosani, cco di Ita e ceo di Volare - abbiamo lavorato costantemente con tutti i vettori partner per garantire che i frequent flyer possano godere dei benefici e dei vantaggi dell'alleanza. Tutti i servizi dei nostri Club saranno presto estesi anche alle compagnie di questo network, dando accesso ai nostri soci ad oltre 1.000 destinazioni e servizi in tutto il mondo. Allo stesso modo tutti i membri SkyTeam avranno la possibilità di accedere anche all’accumulo di punti”. Korean Air opera giornalmente verso oltre 100 destinazioni nel mondo attraverso il suo hub di Seul e, insieme a Ita Airways, assicurerà ai soci Volare una copertura delle rotte nazionali e internazionali con collegamenti tra le principali capitali. [post_title] => Ita Airways: Korean Air è il primo partner del settore aereo nel programma Volare [post_date] => 2022-11-25T10:05:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669370734000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434776 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Oman e la regione del Dhofar saranno più facilmente raggiungibili dall'Italia, grazie ad una maggiore capacità voli. Dal 7 dicembre prossimo, in particolare, decolleranno i nuovi voli Air Arabia: da Milano Bergamo verso Sharjah, 4 volte a settimana (martedì, mercoledì, venerdì, domenica), da Sharjah a Muscat, 2 volte a settimana (martedì, venerdì) della durata di un'ora; e uno diretto da Sharjah a Salalah due volte a settimana (martedì e venerdì), della durata di 1h45.   Neos, attualmente opera un volo di domenica, con partenza da Milano Malpensa (e scalo a Roma Fiumicino), e, a partire dal 25 dicembre, aggiunge un volo da Verona con destinazione Salalah. Fra i collegamenti esistenti su Salalah, c'è anche Qatar Airways che opera con scalo a Doha e la compagnia di bandiera Oman Air, con scalo a Muscat, per procedere con un viaggio interno con destinazione Salalah. Tutti i voli citati, come pure Oman Air, fanno base all'aeroporto internazionale di Salalah che dista pochi km dal centro città ed è il secondo scalo per traffico passeggeri del Sultanato dell’Oman.    Salalah è la terza città più grande del Sultanato nel Dhofar, conosciuta per il mito della Via dell’Incenso, per la sua vegetazione tropicale e i panorami mozzafiato. Affacciata sull’oceano Indiano, la regione gode di clima tropicale lungo la costa ed è coperta per buona parte dalla vasta area del deserto Rub Al Khali. Terra di forti contrasti e dal fascino leggendario; prima fra tutte la Via dell'Incenso, crocevia di popoli, conosciuta già da Marco Polo e località amata dai turisti, dichiarata anche Patrimonio Unesco.  È un mix di cultura e paesaggi naturali, il Dhofar: si passa dalla storica Mosque Sultan Qaboos, la più grande di tutta la regione, alle splendide cascate presenti sul territorio grazie al fenomeno estivo del khareef, fino ad arrivare alla spiaggia Al Mughsayl Beach. [post_title] => L'Oman punta i riflettori sulla regione del Dhofar: più voli da e per Salalah [post_date] => 2022-11-25T09:40:27+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669369227000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434793 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Certo, c'è da considerare la stagionalità, perché il Giappone è una delle prime destinazioni a partire a primavera e naturalmente manca ancora gran parte dell'estate, ma a oggi il Paese del Sol levante vale poco meno di un terzo del fatturato complessivo del nostro consorzio". Michele Serra l'aveva già detto in occasione dell'ultima fiera di Rimini che il Giappone sarebbe stata la meta del 2023. Ora però sono le cifre a parlare e a confermare quanto il presidente di Quality Group aveva affermato ormai più di un mese fa: "E' stata dura, ma ora ci prepariamo a riprenderci con gli interessi quanto abbiamo investito nel 2022 per far ripartire questa meta". In effetti il percorso non è stato affatto facile: "Io sono tornato in Giappone con un visto di lavoro ad aprile, quando ancora non si poteva entrare nel Paese per turismo  Ed è stata un'esperienza incredibile - racconta sempre Serra, in occasione della presentazione del prodotto Tokyo d'inverno targato Mistral -. Una volta riaperti i confini, i paletti messi dal governo locale sono però diventati ostacoli quasi impossibili da sormontare. Si poteva viaggiare solamente in gruppo con una guida locale presente 24 ore su 24. Inoltre occorreva il visto, cosa che fino al 2019 non era richiesto. E nelle rappresentanze diplomatiche giapponesi in Italia non c'era personale dedicato; quindi le procedure si sono subito rivelate lunghe e farraginose. Risultato: quando abbiamo fatto partire il nostro primo gruppo lo scorso luglio, unici in Europa, i nostri corrispondenti locali erano talmente stupiti da chiederci come avessimo fatto. In molti, prima di noi, avevano rinunciato". Tante e tali complicazioni non potevano inoltre che ricadere sul lato costi. "Ma ci siamo detti che l'importante, in fondo, era rimettere la macchina in moto - prosegue Serra - Ci siamo quindi sobbarcati noi le maggiori spese e tutti i viaggi verso il Giappone sono stati gestiti in perdita fino al mese di ottobre, quando finalmente la riapertura è diventata completa. Ora ci aspettiamo un 2023 in grado di superare di gran lunga i nostri record di fatturato sulla destinazione. Il tutto con marginalità ottime. E il Giappone, ricordo, per noi è stata a lungo la prima meta in termini di ricavi, superando persino gli Stati Uniti, a cui è dedicato un tour operator ad hoc del consorzio". Ciò detto, le sfide non mancheranno neppure l'anno prossimo. "A partire dai voli, che invece mancano - conclude Serra -. C'è più domanda rispetto alla disponibilità. E poi i prezzi sono altissimi. Tanto che al momento noi lavoriamo quasi esclusivamente con le compagnie emiratine e con la All Nippon Airways via Francoforte. Inoltre c'è la questione risorse umane in loco. I giapponesi non hanno infatti la cassa integrazione, ma le istituzioni durante la pandemia hanno comunque provveduto a pagare loro gli stipendi, impiegandoli in altre attività. Il problema è che un buon numero di persone che lavorava nel turismo non è ancora tornato alle proprie professioni originarie. Tocca perciò a noi svolgere una parte consistente dei compiti che una volta erano di loro competenza. Con uno sforzo che non credo sia difficile immaginare...". [post_title] => Serra, Quality: il Giappone a oggi vale quasi un terzo del nostro fatturato [post_date] => 2022-11-25T09:30:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669368623000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434755 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Korean Air ha organizzato ieri sera a Milano Malpensa una visita al Boeing 787-9 appena atterrato da Seul per un gruppo di agenti di viaggio e tour operator. Il vettore asiatico, membro e fondatore di SkyTeam, opera in Italia sugli scali di Malpensa e Roma Fiumicino con un operativo di sei frequenze totali, tre su ciascun aeroporto, coprendo di fatto tutta la settimana. Dopo la ripresa post emergenza sanitaria, con il ripristino dei collegamenti lo scorso luglio, i voli da Seul Incheon a Milano, operati con Boeing 787-9  configurati a 24 posti business e 245 economy, vengono effettuati il martedì, venerdì e domenica. I collegamenti da e per Fiumicino invece il  martedì, giovedì e sabato con  B777-300er, configurato con 64 posti di business class e 275 di economy. La Corea del Sud, dal 3 settembre scorso, non richiede più il test per l'ingresso nel Paese, anche se è comunque necessario registrarsi online al K-ETA. Per raggiungere la destinazione i passeggeri italiani possono fruire anche del transito da Parigi, grazie agli accordi vigenti tra Korean Air ed Air France. L’hub di Incheon sta riaprendo le rotte del suo network che include collegamenti con Europa, Sud-est asiatico, Giappone, Oceania, Micronesia, Palau e Hawaii. Per i passeggeri italiani sono disponibili in particolare veloci coincidenze verso Sydney, Cebu, Bali, Phnom Penh e Ho Chi Minh City. [gallery ids="434757,434758"] [post_title] => Korean Air: agenti di viaggio e to a Milano Malpensa per scoprire il Boeing 787-9 [post_date] => 2022-11-24T14:39:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669300791000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434751 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'iter di privatizzazione di Ita Airways è sempre in attesa di una soluzione. Dopo l'uscita di scena di Msc, i rumors sui soggetti che restano interessati all'acquisizione della maggioranza della compagnia aerea italiana si susseguono: da una parte Lufthansa che sembrerebbe pronta a valutare una prosecuzione in solitaria; dall'altra l'ipotesi - riferita oggi da Il Corriere della Sera - per cui il Governo starebbe pensando di cedere il vettore a una cordata formata dal vettore tedesco e Ferrovie dello Stato.  Il quotidiano cita fonti governative secondo le quali una prima ipotesi sarebbe quella di cedere il 51% della compagnia a Lufthansa, un altro 29% a Fs mentre la rimanente quota resterebbe al Tesoro. Sia Fs che Lufthansa, come pure il Ministero, non hanno commentato. Infine, tutto tace, sul fronte dall’altro potenziale competitor, il fondo statunitense Certares, probabilmente in attesa di sviluppi, dopo la decisione presa a fine ottobre dal ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, di non prorogare la trattativa in esclusiva, avviata a fine agosto dal precedente esecutivo. [post_title] => Ita Airways: al vaglio del Governo una potenziale cordata Lufthansa-Fs [post_date] => 2022-11-24T13:34:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669296894000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434671 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale. Lab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi. La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. [post_title] => Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo [post_date] => 2022-11-24T10:05:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669284321000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434710 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ita Airways in allungo sul Mediterraneo per l'estate 2023: da oggi sono in vendita - attraverso tutti i canali distributivi del vettore - nuovi voli stagionali con destinazioni in Grecia, Spagna, Croazia e le isole italiane, in partenza da Roma Fiumicino e Milano Linate. Nel dettaglio, per il picco della summer, la compagnia opererà voli diretti dai due scali di Fiumicino e Linate verso: Rodi, Ibiza, Palma Di Maiorca, Minorca, Heraklion, Corfù, Lampedusa e Pantelleria; da Roma Fiumicino anche verso Spalato e Cefalonia.   [post_title] => Ita Airways avanza sull'estate 2023: in vendita nuovi voli stagionali nel Mediterraneo [post_date] => 2022-11-23T13:03:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669208587000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ita airways msc" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":17,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1292,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434858","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875\"]\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.\r\n\r\nPer visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino.\r\n\r\nwww.themuseumoftourism.org\r\n\r\nhttps://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/\r\n\r\nhttps://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/","post_title":"Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group","post_date":"2022-11-25T17:31:03+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669397463000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434831","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un viaggio inaugurale di 15 notti attraverso i fiordi e oltre il Circolo polare artico, salpando in direzione del Nord Europa e attraccando in 12 destinazioni di quattro Paesi. Explora Journeys ha svelato oggi i dettagli del viaggio inaugurale di Explora I, la prima delle sue navi, che partirà il 17 luglio 2023 da Southampton nel Regno Unito.\r\n\r\n“Fin dal primo giorno, abbiamo avuto una visione chiara con l'obiettivo di creare una nuova esperienza di viaggio sul mare - spiega il ceo del brand lusso di casa Msc, Michael Ungerer -. Siamo molto felici che, nel corso del suo viaggio inaugurale, la nostra prima nave da crociera Explora I, di una categoria a sé stante, consentirà agli ospiti di conoscere alcune delle destinazioni più belle del Nord Europa, offrendo loro un'ospitalità impeccabile sul mare”. Salpando da Southampton, Explora I toccherà quindi Zeebrugge in Belgio e Geiranger, Trondheim, Molde, Leknes, Brønnøysund, Flåm, Bergen e Stavanger in Norvegia, prima di proseguire per la Danimarca, dove visiterà Skagen e la capitale del paese, Copenaghen.\r\n\r\n ","post_title":"Regno Unito, Belgio, Norvegia e Danimarca tra le tappe del viaggio inaugurale di Explora I","post_date":"2022-11-25T12:06:52+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669378012000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434781","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nKorean Air è il primo partner del settore aereo del programma fedeltà Volare di Ita Airways. Scegliendo di volare con il vettore della Corea del Sud, in qualità di compagnia aerea dell’alleanza, i soci SkyTeam Elite Plus potranno usufruire dei servizi SkyPriority che includono tra gli altri: check-in e imbarco prioritario, drop-off e bagaglio aggiuntivo, canale prioritario al banco Transiti e ai varchi sicurezza.\r\nNumerosi i vantaggi per i soci che scelgono di volare con Korean Air: la possibilità di accumulare punti è estesa infatti anche ai voli operati da Korean Air. Sarà sufficiente inserire il numero frequent flyer Volare in fase di prenotazione o di check-in per accumulare punti Volare.\r\n“Da quando Ita Airways è entrata ufficialmente a far parte di SkyTeam - ha dichiarato Emiliana Limosani, cco di Ita e ceo di Volare - abbiamo lavorato costantemente con tutti i vettori partner per garantire che i frequent flyer possano godere dei benefici e dei vantaggi dell'alleanza. Tutti i servizi dei nostri Club saranno presto estesi anche alle compagnie di questo network, dando accesso ai nostri soci ad oltre 1.000 destinazioni e servizi in tutto il mondo. Allo stesso modo tutti i membri SkyTeam avranno la possibilità di accedere anche all’accumulo di punti”.\r\nKorean Air opera giornalmente verso oltre 100 destinazioni nel mondo attraverso il suo hub di Seul e, insieme a Ita Airways, assicurerà ai soci Volare una copertura delle rotte nazionali e internazionali con collegamenti tra le principali capitali.","post_title":"Ita Airways: Korean Air è il primo partner del settore aereo nel programma Volare","post_date":"2022-11-25T10:05:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669370734000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434776","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Oman e la regione del Dhofar saranno più facilmente raggiungibili dall'Italia, grazie ad una maggiore capacità voli. Dal 7 dicembre prossimo, in particolare, decolleranno i nuovi voli Air Arabia: da Milano Bergamo verso Sharjah, 4 volte a settimana (martedì, mercoledì, venerdì, domenica), da Sharjah a Muscat, 2 volte a settimana (martedì, venerdì) della durata di un'ora; e uno diretto da Sharjah a Salalah due volte a settimana (martedì e venerdì), della durata di 1h45.\r\n \r\nNeos, attualmente opera un volo di domenica, con partenza da Milano Malpensa (e scalo a Roma Fiumicino), e, a partire dal 25 dicembre, aggiunge un volo da Verona con destinazione Salalah. Fra i collegamenti esistenti su Salalah, c'è anche Qatar Airways che opera con scalo a Doha e la compagnia di bandiera Oman Air, con scalo a Muscat, per procedere con un viaggio interno con destinazione Salalah. Tutti i voli citati, come pure Oman Air, fanno base all'aeroporto internazionale di Salalah che dista pochi km dal centro città ed è il secondo scalo per traffico passeggeri del Sultanato dell’Oman. \r\n \r\nSalalah è la terza città più grande del Sultanato nel Dhofar, conosciuta per il mito della Via dell’Incenso, per la sua vegetazione tropicale e i panorami mozzafiato. Affacciata sull’oceano Indiano, la regione gode di clima tropicale lungo la costa ed è coperta per buona parte dalla vasta area del deserto Rub Al Khali. Terra di forti contrasti e dal fascino leggendario; prima fra tutte la Via dell'Incenso, crocevia di popoli, conosciuta già da Marco Polo e località amata dai turisti, dichiarata anche Patrimonio Unesco.  È un mix di cultura e paesaggi naturali, il Dhofar: si passa dalla storica Mosque Sultan Qaboos, la più grande di tutta la regione, alle splendide cascate presenti sul territorio grazie al fenomeno estivo del khareef, fino ad arrivare alla spiaggia Al Mughsayl Beach.","post_title":"L'Oman punta i riflettori sulla regione del Dhofar: più voli da e per Salalah","post_date":"2022-11-25T09:40:27+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669369227000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434793","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Certo, c'è da considerare la stagionalità, perché il Giappone è una delle prime destinazioni a partire a primavera e naturalmente manca ancora gran parte dell'estate, ma a oggi il Paese del Sol levante vale poco meno di un terzo del fatturato complessivo del nostro consorzio\". Michele Serra l'aveva già detto in occasione dell'ultima fiera di Rimini che il Giappone sarebbe stata la meta del 2023. Ora però sono le cifre a parlare e a confermare quanto il presidente di Quality Group aveva affermato ormai più di un mese fa: \"E' stata dura, ma ora ci prepariamo a riprenderci con gli interessi quanto abbiamo investito nel 2022 per far ripartire questa meta\".\r\n\r\nIn effetti il percorso non è stato affatto facile: \"Io sono tornato in Giappone con un visto di lavoro ad aprile, quando ancora non si poteva entrare nel Paese per turismo  Ed è stata un'esperienza incredibile - racconta sempre Serra, in occasione della presentazione del prodotto Tokyo d'inverno targato Mistral -. Una volta riaperti i confini, i paletti messi dal governo locale sono però diventati ostacoli quasi impossibili da sormontare. Si poteva viaggiare solamente in gruppo con una guida locale presente 24 ore su 24. Inoltre occorreva il visto, cosa che fino al 2019 non era richiesto. E nelle rappresentanze diplomatiche giapponesi in Italia non c'era personale dedicato; quindi le procedure si sono subito rivelate lunghe e farraginose. Risultato: quando abbiamo fatto partire il nostro primo gruppo lo scorso luglio, unici in Europa, i nostri corrispondenti locali erano talmente stupiti da chiederci come avessimo fatto. In molti, prima di noi, avevano rinunciato\".\r\n\r\nTante e tali complicazioni non potevano inoltre che ricadere sul lato costi. \"Ma ci siamo detti che l'importante, in fondo, era rimettere la macchina in moto - prosegue Serra - Ci siamo quindi sobbarcati noi le maggiori spese e tutti i viaggi verso il Giappone sono stati gestiti in perdita fino al mese di ottobre, quando finalmente la riapertura è diventata completa. Ora ci aspettiamo un 2023 in grado di superare di gran lunga i nostri record di fatturato sulla destinazione. Il tutto con marginalità ottime. E il Giappone, ricordo, per noi è stata a lungo la prima meta in termini di ricavi, superando persino gli Stati Uniti, a cui è dedicato un tour operator ad hoc del consorzio\".\r\n\r\nCiò detto, le sfide non mancheranno neppure l'anno prossimo. \"A partire dai voli, che invece mancano - conclude Serra -. C'è più domanda rispetto alla disponibilità. E poi i prezzi sono altissimi. Tanto che al momento noi lavoriamo quasi esclusivamente con le compagnie emiratine e con la All Nippon Airways via Francoforte. Inoltre c'è la questione risorse umane in loco. I giapponesi non hanno infatti la cassa integrazione, ma le istituzioni durante la pandemia hanno comunque provveduto a pagare loro gli stipendi, impiegandoli in altre attività. Il problema è che un buon numero di persone che lavorava nel turismo non è ancora tornato alle proprie professioni originarie. Tocca perciò a noi svolgere una parte consistente dei compiti che una volta erano di loro competenza. Con uno sforzo che non credo sia difficile immaginare...\".","post_title":"Serra, Quality: il Giappone a oggi vale quasi un terzo del nostro fatturato","post_date":"2022-11-25T09:30:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669368623000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434755","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Korean Air ha organizzato ieri sera a Milano Malpensa una visita al Boeing 787-9 appena atterrato da Seul per un gruppo di agenti di viaggio e tour operator. Il vettore asiatico, membro e fondatore di SkyTeam, opera in Italia sugli scali di Malpensa e Roma Fiumicino con un operativo di sei frequenze totali, tre su ciascun aeroporto, coprendo di fatto tutta la settimana.\r\nDopo la ripresa post emergenza sanitaria, con il ripristino dei collegamenti lo scorso luglio, i voli da Seul Incheon a Milano, operati con Boeing 787-9  configurati a 24 posti business e 245 economy, vengono effettuati il martedì, venerdì e domenica. I collegamenti da e per Fiumicino invece il  martedì, giovedì e sabato con  B777-300er, configurato con 64 posti di business class e 275 di economy.\r\nLa Corea del Sud, dal 3 settembre scorso, non richiede più il test per l'ingresso nel Paese, anche se è comunque necessario registrarsi online al K-ETA.\r\nPer raggiungere la destinazione i passeggeri italiani possono fruire anche del transito da Parigi, grazie agli accordi vigenti tra Korean Air ed Air France. L’hub di Incheon sta riaprendo le rotte del suo network che include collegamenti con Europa, Sud-est asiatico, Giappone, Oceania, Micronesia, Palau e Hawaii. Per i passeggeri italiani sono disponibili in particolare veloci coincidenze verso Sydney, Cebu, Bali, Phnom Penh e Ho Chi Minh City.\r\n[gallery ids=\"434757,434758\"]","post_title":"Korean Air: agenti di viaggio e to a Milano Malpensa per scoprire il Boeing 787-9","post_date":"2022-11-24T14:39:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669300791000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434751","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'iter di privatizzazione di Ita Airways è sempre in attesa di una soluzione. Dopo l'uscita di scena di Msc, i rumors sui soggetti che restano interessati all'acquisizione della maggioranza della compagnia aerea italiana si susseguono: da una parte Lufthansa che sembrerebbe pronta a valutare una prosecuzione in solitaria; dall'altra l'ipotesi - riferita oggi da Il Corriere della Sera - per cui il Governo starebbe pensando di cedere il vettore a una cordata formata dal vettore tedesco e Ferrovie dello Stato. \r\n\r\nIl quotidiano cita fonti governative secondo le quali una prima ipotesi sarebbe quella di cedere il 51% della compagnia a Lufthansa, un altro 29% a Fs mentre la rimanente quota resterebbe al Tesoro. Sia Fs che Lufthansa, come pure il Ministero, non hanno commentato.\r\n\r\nInfine, tutto tace, sul fronte dall’altro potenziale competitor, il fondo statunitense Certares, probabilmente in attesa di sviluppi, dopo la decisione presa a fine ottobre dal ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, di non prorogare la trattativa in esclusiva, avviata a fine agosto dal precedente esecutivo.","post_title":"Ita Airways: al vaglio del Governo una potenziale cordata Lufthansa-Fs","post_date":"2022-11-24T13:34:54+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669296894000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434671","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale.\r\n\r\nLab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.","post_title":"Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo","post_date":"2022-11-24T10:05:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669284321000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434710","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ita Airways in allungo sul Mediterraneo per l'estate 2023: da oggi sono in vendita - attraverso tutti i canali distributivi del vettore - nuovi voli stagionali con destinazioni in Grecia, Spagna, Croazia e le isole italiane, in partenza da Roma Fiumicino e Milano Linate.\r\nNel dettaglio, per il picco della summer, la compagnia opererà voli diretti dai due scali di Fiumicino e Linate verso: Rodi, Ibiza, Palma Di Maiorca, Minorca, Heraklion, Corfù, Lampedusa e Pantelleria; da Roma Fiumicino anche verso Spalato e Cefalonia.\r\n ","post_title":"Ita Airways avanza sull'estate 2023: in vendita nuovi voli stagionali nel Mediterraneo","post_date":"2022-11-23T13:03:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669208587000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti