23 February 2024

Pascià International Travel cerca collaboratori

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email: gfattori@thelion.it
Provincia:
Comune:

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Pascià International Travel è alla ricerca per tutta Italia di collaboratori (full, part-time) per un’attività indipendente nel settore del turismo sulla falsa riga di quanto sta accadendo negli Stati Uniti. Per informazioni inviare il proprio C.V. a: gfattori@thelion.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462177 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un giro d'affari globale destinato a passare dai 172 miliardi di dollari del 2019 ai quasi 328 miliardi del 2028. E questo relativamente a un settore che in Italia contribuisce per poco meno del 20% della spesa turistica internazionale, grazie a un totale di 2,1 milioni di arrivi da oltre confine, di visitatori esclusivamente interessati a fare acquisti nel nostro Paese (+7% rispetto al 2019). Sono alcuni dei numeri più impressionanti sullo shopping tourism tricolore compresi nel tradizionale report realizzato da Risposte Turismo, presentato oggi a Milano in occasione del forum annuale dedicato a questo segmento di mercato. Montenapoleone la via dello shopping europea con il canone d'affitto più alto Una domanda in crescita, insomma, a cui l'Italia risponde con un'offerta parimenti importante, che pone tra le altre cose la nostra Penisola al secondo posto in Europa, dopo il Regno Unito, per numero di outlet: 27, con una superficie commerciale complessiva di oltre 725 mila metri quadrati, destinata a crescere quest'anno ancora del 4%, nonché del 7% entro il 2027. "A ciò vanno poi aggiunte più di 80 vie dello shopping e associazioni dedicate, nonché oltre 70 department store, per una superficie totale di più di 280 mila metri quadrati - spiega il presidente di Risposte Turismo, Francesco di Cesare -. Non solo: se prendiamo in considerazione la top 20 delle vie europee dello shopping, per valore dell'affitto medio, ne troviamo ben sette italiane, con la milanesissima Montenapoleone a svettare su tutte, grazie ai suoi 18 mila euro di canone all'anno per metro quadrato". Cresce anche l'interesse per i "semplici" centri commerciali Non va poi naturalmente sottovalutato il fenomeno del travel retail, ossia della possibilità di fare acquisti all'interno di stazioni, aeroporti e altre infrastrutture dei trasporti turistici. "Da segnalare sono pure i quasi 1.300 centri commerciali sparsi per la nostra Penisola che, pur essendo pensati soprattutto per la clientela domestica, stanno diventando sempre più meta anche di visitatori internazionali", prosegue di Cesare. La spinta agli acquisti driver del record di arrivi internazionali in Lombardia nel 2023 Spostando poi il focus sulla Lombardia e su Milano, città ospitante il forum, non sorprende poi scoprire come lo shopping sia stato uno dei driver principali della straordinaria ripresa d'appeal della destinazione nel 2023: "L'anno scorso ha fatto segnare nuovi record assoluti - rivela il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano -. In regione abbiamo infatti totalizzato ben 19 milioni di arrivi per oltre 51 milioni di presenze complessive: un dato superiore di oltre il 20% rispetto al livello pre-Covid del 2019. E a contribuire a tale risultato, oltre all'enogastronomia, allo sport e alla crescente vocazione leisure del nostro capoluogo, un ruolo fondamentale lo ha senz'altro giocato il fattore shopping. Tanto che anche la stagionalità dei flussi è cambiata notevolmente. Fino a poco tempo fa i picchi della domanda si registravano infatti soprattutto nel periodo delle fiere, nei primi mesi dell'anno e in quelli primaverili. Oggi a Milano, invece, si contano persino più turisti nel quadrimestre compreso tra settembre e dicembre, quando variabili come il Black Friday o le festività natalizie esercitano un appeal considerevole, ancora una volta spesso legato agli acquisti". Serve però un'offerta non omologata, ma dal carattere fortemente italiano Parole, quelle di Primerano, sostanzialmente condivise anche da un protagonista del retail italiano quale il ceo della Rinascente, Pierluigi Cocchini: "Il nostro store milanese è sicuramente il flagship del gruppo. E lì la componente turistica pesa tra il 35% e il 40% del fatturato totale del negozio, supportato da una domanda che è sostanzialmente presente per 365 giorni all'anno. Alla base di tale successo, credo che ci sia anche il nostro sforzo verso la creazione di un'offerta non omologata. In fondo, qualsiasi turista, per quanto remota sia la sua provenienza, è in grado di trovare i brand di lusso più celebri in ogni angolo del mondo. A partire dagli aeroporti. Il nostro obiettivo non può quindi essere quello di replicare una proposta standardizzata. La chiave, al contrario, è quella di proporci come un luogo fortemente caratterizzato in senso italiano ma con allure internazionale. Il tutto, essere pur sempre inseriti in un contesto urbano di qualità. Perché è il brand Milano ad attirare i viaggiatori da oltre confine e mai potrà esserlo la singola proposta retail".   [post_title] => Risposte Turismo: lo shopping tourism chiave dell'incoming tricolore [post_date] => 2024-02-23T15:25:51+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708701951000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461359 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cambio di proprietà per l'Harry's Bar di Cernobbio che passa nelle mani del gruppo Villa d'Este. Nato nel 1973 come American bar, nel tempo, già col primo proprietario Piero Sacchi, il ristorante è diventato famoso per la sua atmosfera retrò, per i piatti ispirati alla tradizione italiana e milanese e per le frequentazioni mondane: da Robert de Niro a Bruce Springsteen a George Clooney, da Denzel Washington a Liza Minelli, ma anche del gotha dell’economia. Situato nella cornice della piazzetta di Cernobbio, l’Harry’s Bar vanta una location speciale, con vista panoramica sul lungo lago, incastonata in un borgo che ha mantenuto inalterato il suo fascino nel tempo. Nel 2009 l’Harry’s Bar è stato rilevato da tre imprenditori comaschi: Francesco Ugoni, Giuseppe Mantero e Riccardo Marazzi, che hanno voluto mantenere il cuore della sua fama: un mix di eleganza, ospitalità e cucina di alto livello. Il menù punta su piatti tipici della gastronomia italiana a base di ingredienti freschi e, quando possibile, a chilometri zero. Le ricette si ispirano alla tradizione italiana e milanese, a cui aggiunge un tocco di internazionalità. Con l’acquisizione da parte di Villa d’Este, l'intento è di preservarne la tradizione, il concept e l'offerta, nonché di continuarne il percorso di successo portando innovazione nel pieno rispetto del passato. “Siamo molto contenti di poter ora annoverare anche l'Harry’s Bar all’interno del nostro gruppo - sottolinea il presidente del cda di Villa d'Este, Giuseppe Fontana -. Quando si è presentata l’opportunità l’abbiamo colta con entusiasmo, in quanto si tratta di un luogo del cuore. Come stiamo facendo al Villa d’Este, è nostra ferma convinzione che lavorare per mantenere il dna del luogo e la classicità, pur con lo sguardo al futuro, sia qualcosa che aiuterà a consolidare il suo successo e a mantenerlo nel tempo.”   [post_title] => L'Harry's Bar di Cernobbio passa nelle mani del gruppo Villa d'Este [post_date] => 2024-02-13T11:17:39+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707823059000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461342 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Monaco è stata insignita del riconoscimento di "Best European Destination 2024". Il titolo annuale è conferito in seguito a una votazione pubblica che quest’anno ha coinvolto oltre 1 milione di viaggiatori provenienti da 172 Paesi chiamati a scegliere i luoghi migliori per viaggiare in Europa nel 2024. Sono 20 le destinazioni selezionate dai viaggiatori tra le oltre 500 presenti sul principale sito web di viaggi dedicato alla cultura e al turismo in Europa, e Monaco si è classificata al secondo posto. "Monaco si è concentrata sullo sviluppo ecologico per molti anni e la destinazione continua a espandersi e a onorare il suo impegno nei confronti della natura - si legge dal sito European Best Destinations -. È considerata una destinazione perfetta per una fuga verde che combina benessere, gastronomia, shopping, spiaggia, attività acquatiche e sport all'aria aperta". Nel cuore della Costa Azzurra, il Principato spicca per il grande impegno verso la sostenibilità, ma anche nel garantire ai turisti nazionali e internazionali il connubio perfetto tra glamour, cultura e relax che rende unico questo scrigno sulla Riviera Francese. Monaco sorprende anche per la ricchezza della sua storia. Il Paese monegasco è anche la meta raccomandata per un soggiorno romantico, un viaggio in famiglia o una fuga con gli amici grazie alla varietà di offerte alberghiere in grado di soddisfare le aspettative di tutti i viaggiatori. Con il suo Museo Oceanografico, il Palazzo del Principi e i panorami mozzafiato - dove il verde dei giardini si fonde con il blu del Mediterraneo – il quartiere di Monaco-Ville è una tappa speciale per scoprire gli scorci pittoreschi e le piacevoli passeggiate tra i pescherecci e i prestigiosi yacht. Il territorio monegasco è anche sinonimo di leggenda e fascino antico che, ancora oggi, appassionano i viaggiatori di tutto il mondo. Basta passare da Place du Casino, dove si trovano il Café de Paris e l'Hôtel de Paris Monte-Carlo, per immergersi in un’epoca da sogno. A pochi passi, invece, trionfa il complesso balneare del Larvotto.     [post_title] => Francia: Monaco si inserisce tra le 'Best European Destination 2024' [post_date] => 2024-02-13T10:51:17+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707821477000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461331 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroporti di Roma taglia il traguardo dei primi 50 anni: la società che gestisce gli scali di Fiumicino e Ciampino ha celebrato l'anniversario con la presentazione del nuovo logo, lanciato durante l'evento "Together, beyond flying": un claim che riflette l’attenzione verso le persone e un nuovo logo che, tendendo visivamente verso l’alto, simboleggia il costante impegno dell’azienda per delineare l’aeroporto del futuro, un luogo attento al benessere di tutti dove, per mantenere ed elevare i livelli di eccellenza dei servizi offerti ai passeggeri, lo sviluppo si coniuga con la sostenibilità, l’innovazione, la qualità, l’arte e la cultura. «Oggi (ieri per chi legge, ndr) celebriamo mezzo secolo di storia aziendale. In questi cinquant’anni di attività la società ha saputo accompagnare i cambiamenti epocali che hanno caratterizzato la storia del Paese, si è adeguata ai mutamenti sociali e culturali in corso e ha talvolta anche anticipato i grandi cambiamenti globali - ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Roma, Vincenzo Nunziata durante l'evento che ha visto anche la partecipazione del Ministro dell’interno Matteo Piantedosi -. Sviluppando gli aeroporti della Capitale, ha riportato Roma nella sua giusta collocazione, ridandole centralità e protagonismo e facendone un hub intercontinentale per il trasporto aereo. È con questo spirito che ci accingiamo ad affrontare gli anni a venire, confermando il nostro impegno nel raggiungimento di nuovi traguardi, innovando, lavorando con e per il nostro territorio e sostenendo le future generazioni, consapevoli della responsabilità che abbiamo nei confronti della società e della nostra comunità aeroportuale». Dalla costituzione della società, il 12 febbraio 1974, gli aeroporti della Capitale sono cresciuti al punto che durante il 2023 hanno visto transitare 44,4 milioni di passeggeri, con una programmazione che ha coinvolto circa 100 compagnie aeree in volo attraverso 230 rotte in oltre 70 Paesi, collegando così la città di Roma con tutti i continenti. «Aeroporti di Roma celebra i suoi primi cinquant’anni di gestione guardando avanti con ottimismo e determinazione, in particolare rispetto alle sfide cruciali per il futuro del trasporto aereo, sulle quali dovranno focalizzarsi sia i player industriali sia quelli istituzionali: la transizione ambientale, la competitività del sistema trasportistico nazionale e gli investimenti a supporto della crescita - ha sottolineato Marco Troncone, ad di Aeroporti di Roma -. Connettività significa progresso sociale ed economico, promozione della cultura, esportazione del Made in Italy e del nostro ‘know-how’; attraverso il nostro sviluppo sostenibile a 360 gradi, grazie a tutte le nostre persone, continueremo ad operare come alleati delle nostre istituzioni per guidare l’Italia verso le prossime occasioni di posizionamento e rilancio internazionale, rappresentando un valore aggiunto per i cittadini e per i nostri territori di riferimento».   [post_title] => Aeroporti di Roma celebra i suoi primi 50 anni con un nuovo logo [post_date] => 2024-02-13T09:00:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707814800000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460903 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “L'Uruguay ha avuto una forte ripresa del turismo lo scorso anno", ha detto Remo Monzeglio, viceministro del turismo sullo stand dell'Uruguay, presente per il secondo anno consecutivo alla Bit di Milano.  Soddisfatto dei risultati di fine anno, con 3,835,041 arrivi per turismo nel paese, il viceministro ha sottolineato come il forte aumento del numero di arrivi rispetto allo stesso periodo del 2022, è stato dovuto soprattutto ai principali paesi di provenienza che sono Argentina, Uruguay e Brasile, mentre l'Europa è rimasta stabile al quinto posto.  L’anno scorso il turismo nel piccolo paese latino-americano ha generato entrate per un totale di 1.776 milioni di dollari, +27,1% rispetto al 2022. Per raggiungere queste cifre, il Ministero del Turismo ha lavorato in coordinamento con il settore privato, realizzando campagne di promozione in Uruguay, nella regione e oltre.  "Questi numeri sono stati appena inferiori al dato storico del 2017-, ha commentato il viceministro, - e grazie a un nuovo film, uscito da poco su Netflix, l’Uruguay sta per essere proiettato all’attenzione del palcoscenico globale”. "La Società della Neve" racconta la storia di 16 giovani uruguaiani sopravvissuti a un incidente aereo sulle Ande nel 1972. Dopo essere rimasti per due mesi e mezzo in una remota zona innevata, e dovendo ricorre al cannibalismo per sopravvivere, i ragazzi sono riusciti ad allertare le squadre di ricerca che alla fine li hanno salvati”.   “Una storia straordinaria, che in questo nuova versione cinematografica avrà un impatto positivo sui flussi turistici verso l'Uruguay. Noi siamo un Paese sicuro, dove il visitatore trova un mix di spiagge oceaniche, esperienze di ecoturismo, turismo del benessere, tour culturali di siti Unesco, enogastronomia ed eccellenti opportunità per meeting ed eventi aziendali”. [post_title] => Uruguay: netta ripresa delle entrate turistiche. E la promozione passa anche dal cinema [post_date] => 2024-02-07T09:15:42+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707297342000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460829 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Ambasciatori Place Hotel di Fiuggi quest’anno celebra i suoi primi cinquant’anni di attività. Non è solo una Spa, ma il luogo dove costruire la propria esperienza di benessere completo e multifattoriale, con molteplici servizi indoor e outdoor per tutti, aperti anche alla città. Avviato nel 1974 da Franco Bonanni, quando Fiuggi era meta ambita per le sue acque curative e per il clima mite, si è dimostrato visionario e precorritore dei tempi, tanto che nel 2007, già guidato dalla figlia Francesca, è diventato sede della prima spa, all’interno di un hotel 4 stelle locale. Oggi, se da un lato il benessere guarda oltre il concetto tra dizionale di spa, dall’altro questa assume un ruolo strategico, diventando il connettore di una serie di attività che conducono a una esperienza completa, trasformativa e stimolante. Un luogo dove vivere soggiorni slow, di almeno 3 giorni, magari ritagliandosi del tempo al di fuori dei periodi di ferie canonici e meno affollati, per poter vivere il benessere in piena consapevolezza. La struttura, con tutti i servizi aperti anche alla città, è ristorante ma anche bar bistrot, dove è possibile mangiare dove si vuole, senza troppi vincoli di orario, usufruendo di una cucina genuina e tradizionale; è un’attrezzatissima e innovativa Spa di oltre mille mq, dove l’elemento acqua è protagonista, dove accedere anche per poche ore di relax, e per un percorso benessere; è un luogo per vivere il movimento fisico all’interno, con una Palestra Boutique, e all’esterno, anche per coloro che non soggiornano. Un “place” perfettamente integrato nel territorio in cui si inserisce, la Ciociaria. Un’area ancora inesplorata e poco conosciuta dal punto di vista turistico. È per questo che mantiene la sua genuinità, dove grande importanza hanno le relazioni umane e la natura. Inoltre, si tratta di un territorio ricco di storia e cultura. Vicino a Fiuggi passa anche il cammino di San Benedetto da Norcia. «In questo ultimo anno, abbiamo adottato una prospettiva innovativa che trascende l'esperienza tradizionale di un soggiorno in hotel – ha dichiarato la titolare Francesca Bonanni -, la nostra filosofia si focalizza sul benessere in senso ampio, abbracciando la dimensione fisica, mentale, spirituale, ambientale e sociale. Non ci limitiamo alla mera offerta di servizi Spa, ma vogliamo contribuire con concretezza a diffondere scelte, comportamenti e sane abitudini.  Questa visione del benessere diventa parte integrante della nostra vita quotidiana, sia a livello personale sia professionale, incarnando questo approccio nel nostro modo di vivere. Crediamo in un progetto di famiglia, evolutosi nel tempo, che ha a cuore il benessere degli ospiti e del territorio e vogliamo essere parte e fonte di ispirazione del periodo di cambiamento che stiamo vivendo».     [post_title] => Ambasciatori Place Hotel Fiuggi, 50 anni di attività tra benessere, servizi indoor e outdoor [post_date] => 2024-02-06T11:21:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707218513000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460720 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Torre Melina, ed è stato ottenuto dalla ristrutturazione completa dell'ex Hotel Rey Juan Carlos I, l'albergo di debutto a Barcellona del brand Gran Meliá. Il nuovo indirizzo dispone di 330 camere e 61 suite, con viste panoramiche sulle montagne o sulla città, compresa una penthouse da 300 metri quadrati sviluppata su tre piani. L'hotel è circondata da 25 mila mq di giardini progettati dall’architetto paesaggista Josep Fontserè i Mestre, creatore del Parc de la Ciutadella e del mercato del Born. Il restyling complessivo dell'edificio è stato invece condotto dallo Studio Asah di Álvaro e Adriana Sans, che hanno puntato a valorizzare il progetto originale dell'architetto Carlos Ferrater, inaugurato in occasione dei Giochi Olimpici del 1992 nel quartiere a nord della Diagonal, vicino al Palau de Congressos de Catalunya, al Polo Club e al Camp Nou. A disposizione degli ospiti vi sono anche una spa, numerose piscine all’aperto riscaldate, una spiaggia artificiale e un rooftop panoramico con vista a 360 gradi sulla città. Torre Melina dispone inoltre di 18 sale per meeting ed eventi di diversa dimensione. Particolare attenzione è posta all’offerta gastronomica, che include ambienti dall'atmosfera elegante e di tendenza, nonché terrazze per pranzi, cene e banchetti di matrimonio immersi nella natura. Oltre ai ristoranti all-day dining Gala e L’Amaranta, l'albergo propone l'Erre de Urrechu Barcelona dello chef Íñigo Urrechu, il Beso Pedralbes del gruppo Beso, in apertura in primavera vicino alla piscina esterna, nonché il Chroma by Erick Lorincz, gestito dal celebre mixologist Erik Lorincz. [post_title] => Il brand Gran Meliá approda a Barcellona con il Torre Melina [post_date] => 2024-02-05T10:21:24+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707128484000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460668 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_460669" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Luigi Neri, Daniela Passeri, Lidia Rescigno e Franco Coppini[/caption] Mezzo di secolo di storia. Fondata nel febbraio 1974, Space Hotels compie proprio in questi giorni il suo cinquantesimo compleanno. E lo festeggia con numeri in crescita, forte di un +36,5% registrato nel 2023 rispetto ai 12 mesi precedenti. I paesi chiave, che hanno contribuito in modo significativo a questo successo, includono non solo l'Italia, da sempre il  mercato principale, ma anche Stati Uniti, Germania, Francia, Regno Unito e la Spagna. Nel panorama delle destinazioni italiane, Roma, Milano e Torino risultano le mete di eccellenza per gli individuali. Per quanto riguarda gli eventi mice, invece, Roma continua a dominare la scena. Il gruppo ha registrato anche un notevole incremento nella domanda da parte dei gruppi turistici con un'elevata capacità di spesa, nonché da parte del segmento business travel. Nel corso del 2023 infine, la compagnia ha ampliato la sua rete affiliando a Roma il Borghese Contemporary Hotel e a Ragusa il Relais Chiaramonte. “Il 2023 è stato un anno di trionfo e consolidamento per noi: un periodo in cui abbiamo superato le aspettative, continuando a costruire su un'eredità di 50 anni", sottolinea il presidente, Franco Coppini. Space Hotels sarà presente alla Bit di Milano, in programma dal 4 al 6 febbraio, presso lo stand C110 del padiglione 3. Vi si potranno incontrare lo stesso presidente Coppini, nonché il direttore generale Lidia Rescigno, il direttore marketing Daniela Passeri, il vice presidente Luigi Neri e alcune delle responsabili vendite. [post_title] => Space Hotels festeggia i 50 anni con un numeri in crescita [post_date] => 2024-02-02T11:12:59+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706872379000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460546 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli aeroporti italiani hanno ufficialmente superato i dati di traffico 2019, stabilendo così il nuovo record storico raggiungendo per la prima volta i 197,2 milioni di passeggeri, +2,1% rispetto al dato pre-Covid. A certificarlo ufficialmente sono i dati di Assaeroporti - dopo l'anticipazione di qualche settimana fa da parte del presidente, Carlo Borgomeo - che mostrano come a fronte di una ripresa post-pandemia che aveva visto il ruolo centrale del mercato domestico, il 2023 ha segnato il pieno recupero del segmento internazionale, la parte più qualificante del traffico aereo, che raggiunge i 128 milioni di passeggeri, lo 0,1% in più sul 2019. Un leggero gap rispetto ai livelli pre-Covid si riscontra invece per i movimenti aerei, che nel 2023 sono stati inferiori del 2,6% sul 2019, attestandosi a 1.601.059 unità. Più passeggeri e meno aerei che, quindi, viaggiano con un load factor maggiore, comportando benefici anche in termini ambientali.  Voglia di volare «Il 2023 si è chiuso con quasi 200 milioni di passeggeri, un record assoluto per gli aeroporti italiani, un'importante soglia psicologica raggiunta - ha ribadito Borgomeo -. Si conferma una straordinaria voglia di volare, a riprova della resilienza del nostro comparto, che è in ottima salute e resta strategico per il Paese. Il 2023 però è stato anche un anno caratterizzato da forti "turbolenze": penso al modo con cui è stata gestita la vicenda del caro voli, all'ennesimo rinvio del dossier Ita - Lufthansa, così come al tema dell'addizionale comunale, sul quale regna una grande confusione. «Gli operatori dovrebbero invece poter contare su un quadro di riferimento più stabile, meno estemporaneo. I gestori per essere competitivi hanno la necessità di pianificare per tempo gli investimenti e possono farlo solo con un miglior coordinamento delle politiche. Speriamo che il Piano Nazionale degli Aeroporti di prossima pubblicazione definisca chiare linee strategiche per il comparto». Intanto, la classifica 2023 dei primi 10 aeroporti italiani per numero di passeggeri vede in testa Roma Fiumicino con 40,5 milioni, Milano Malpensa con 26,1 milioni, Milano Bergamo con 16 milioni, Napoli con 12,4 milioni, Venezia con 11,3 milioni, Catania con 10,7 milioni, Bologna con 10 milioni, Milano Linate con 9,4 milioni, Palermo con 8,1 e Bari con 6,5 milioni. [post_title] => Record storico 2023 degli scali italiani: passeggeri a +2,1% sul 2019 [post_date] => 2024-02-01T09:00:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706778048000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1972" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":98,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462177","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un giro d'affari globale destinato a passare dai 172 miliardi di dollari del 2019 ai quasi 328 miliardi del 2028. E questo relativamente a un settore che in Italia contribuisce per poco meno del 20% della spesa turistica internazionale, grazie a un totale di 2,1 milioni di arrivi da oltre confine, di visitatori esclusivamente interessati a fare acquisti nel nostro Paese (+7% rispetto al 2019). Sono alcuni dei numeri più impressionanti sullo shopping tourism tricolore compresi nel tradizionale report realizzato da Risposte Turismo, presentato oggi a Milano in occasione del forum annuale dedicato a questo segmento di mercato.\r\n\r\nMontenapoleone la via dello shopping europea con il canone d'affitto più alto\r\n\r\nUna domanda in crescita, insomma, a cui l'Italia risponde con un'offerta parimenti importante, che pone tra le altre cose la nostra Penisola al secondo posto in Europa, dopo il Regno Unito, per numero di outlet: 27, con una superficie commerciale complessiva di oltre 725 mila metri quadrati, destinata a crescere quest'anno ancora del 4%, nonché del 7% entro il 2027. \"A ciò vanno poi aggiunte più di 80 vie dello shopping e associazioni dedicate, nonché oltre 70 department store, per una superficie totale di più di 280 mila metri quadrati - spiega il presidente di Risposte Turismo, Francesco di Cesare -. Non solo: se prendiamo in considerazione la top 20 delle vie europee dello shopping, per valore dell'affitto medio, ne troviamo ben sette italiane, con la milanesissima Montenapoleone a svettare su tutte, grazie ai suoi 18 mila euro di canone all'anno per metro quadrato\".\r\n\r\nCresce anche l'interesse per i \"semplici\" centri commerciali\r\n\r\nNon va poi naturalmente sottovalutato il fenomeno del travel retail, ossia della possibilità di fare acquisti all'interno di stazioni, aeroporti e altre infrastrutture dei trasporti turistici. \"Da segnalare sono pure i quasi 1.300 centri commerciali sparsi per la nostra Penisola che, pur essendo pensati soprattutto per la clientela domestica, stanno diventando sempre più meta anche di visitatori internazionali\", prosegue di Cesare.\r\n\r\nLa spinta agli acquisti driver del record di arrivi internazionali in Lombardia nel 2023\r\n\r\nSpostando poi il focus sulla Lombardia e su Milano, città ospitante il forum, non sorprende poi scoprire come lo shopping sia stato uno dei driver principali della straordinaria ripresa d'appeal della destinazione nel 2023: \"L'anno scorso ha fatto segnare nuovi record assoluti - rivela il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano -. In regione abbiamo infatti totalizzato ben 19 milioni di arrivi per oltre 51 milioni di presenze complessive: un dato superiore di oltre il 20% rispetto al livello pre-Covid del 2019. E a contribuire a tale risultato, oltre all'enogastronomia, allo sport e alla crescente vocazione leisure del nostro capoluogo, un ruolo fondamentale lo ha senz'altro giocato il fattore shopping. Tanto che anche la stagionalità dei flussi è cambiata notevolmente. Fino a poco tempo fa i picchi della domanda si registravano infatti soprattutto nel periodo delle fiere, nei primi mesi dell'anno e in quelli primaverili. Oggi a Milano, invece, si contano persino più turisti nel quadrimestre compreso tra settembre e dicembre, quando variabili come il Black Friday o le festività natalizie esercitano un appeal considerevole, ancora una volta spesso legato agli acquisti\".\r\n\r\nServe però un'offerta non omologata, ma dal carattere fortemente italiano\r\n\r\nParole, quelle di Primerano, sostanzialmente condivise anche da un protagonista del retail italiano quale il ceo della Rinascente, Pierluigi Cocchini: \"Il nostro store milanese è sicuramente il flagship del gruppo. E lì la componente turistica pesa tra il 35% e il 40% del fatturato totale del negozio, supportato da una domanda che è sostanzialmente presente per 365 giorni all'anno. Alla base di tale successo, credo che ci sia anche il nostro sforzo verso la creazione di un'offerta non omologata. In fondo, qualsiasi turista, per quanto remota sia la sua provenienza, è in grado di trovare i brand di lusso più celebri in ogni angolo del mondo. A partire dagli aeroporti. Il nostro obiettivo non può quindi essere quello di replicare una proposta standardizzata. La chiave, al contrario, è quella di proporci come un luogo fortemente caratterizzato in senso italiano ma con allure internazionale. Il tutto, essere pur sempre inseriti in un contesto urbano di qualità. Perché è il brand Milano ad attirare i viaggiatori da oltre confine e mai potrà esserlo la singola proposta retail\".\r\n\r\n ","post_title":"Risposte Turismo: lo shopping tourism chiave dell'incoming tricolore","post_date":"2024-02-23T15:25:51+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708701951000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461359","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cambio di proprietà per l'Harry's Bar di Cernobbio che passa nelle mani del gruppo Villa d'Este. Nato nel 1973 come American bar, nel tempo, già col primo proprietario Piero Sacchi, il ristorante è diventato famoso per la sua atmosfera retrò, per i piatti ispirati alla tradizione italiana e milanese e per le frequentazioni mondane: da Robert de Niro a Bruce Springsteen a George Clooney, da Denzel Washington a Liza Minelli, ma anche del gotha dell’economia.\r\n\r\nSituato nella cornice della piazzetta di Cernobbio, l’Harry’s Bar vanta una location speciale, con vista panoramica sul lungo lago, incastonata in un borgo che ha mantenuto inalterato il suo fascino nel tempo. Nel 2009 l’Harry’s Bar è stato rilevato da tre imprenditori comaschi: Francesco Ugoni, Giuseppe Mantero e Riccardo Marazzi, che hanno voluto mantenere il cuore della sua fama: un mix di eleganza, ospitalità e cucina di alto livello.\r\nIl menù punta su piatti tipici della gastronomia italiana a base di ingredienti freschi e, quando possibile, a chilometri zero. Le ricette si ispirano alla tradizione italiana e milanese, a cui aggiunge un tocco di internazionalità.\r\n\r\nCon l’acquisizione da parte di Villa d’Este, l'intento è di preservarne la tradizione, il concept e l'offerta, nonché di continuarne il percorso di successo portando innovazione nel pieno rispetto del passato. “Siamo molto contenti di poter ora annoverare anche l'Harry’s Bar all’interno del nostro gruppo - sottolinea il presidente del cda di Villa d'Este, Giuseppe Fontana -. Quando si è presentata l’opportunità l’abbiamo colta con entusiasmo, in quanto si tratta di un luogo del cuore. Come stiamo facendo al Villa d’Este, è nostra ferma convinzione che lavorare per mantenere il dna del luogo e la classicità, pur con lo sguardo al futuro, sia qualcosa che aiuterà a consolidare il suo successo e a mantenerlo nel tempo.”\r\n\r\n ","post_title":"L'Harry's Bar di Cernobbio passa nelle mani del gruppo Villa d'Este","post_date":"2024-02-13T11:17:39+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707823059000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461342","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Monaco è stata insignita del riconoscimento di \"Best European Destination 2024\". Il titolo annuale è conferito in seguito a una votazione pubblica che quest’anno ha coinvolto oltre 1 milione di viaggiatori provenienti da 172 Paesi chiamati a scegliere i luoghi migliori per viaggiare in Europa nel 2024. Sono 20 le destinazioni selezionate dai viaggiatori tra le oltre 500 presenti sul principale sito web di viaggi dedicato alla cultura e al turismo in Europa, e Monaco si è classificata al secondo posto.\r\n\"Monaco si è concentrata sullo sviluppo ecologico per molti anni e la destinazione continua a espandersi e a onorare il suo impegno nei confronti della natura - si legge dal sito European Best Destinations -. È considerata una destinazione perfetta per una fuga verde che combina benessere, gastronomia, shopping, spiaggia, attività acquatiche e sport all'aria aperta\".\r\nNel cuore della Costa Azzurra, il Principato spicca per il grande impegno verso la sostenibilità, ma anche nel garantire ai turisti nazionali e internazionali il connubio perfetto tra glamour, cultura e relax che rende unico questo scrigno sulla Riviera Francese. Monaco sorprende anche per la ricchezza della sua storia. Il Paese monegasco è anche la meta raccomandata per un soggiorno romantico, un viaggio in famiglia o una fuga con gli amici grazie alla varietà di offerte alberghiere in grado di soddisfare le aspettative di tutti i viaggiatori.\r\nCon il suo Museo Oceanografico, il Palazzo del Principi e i panorami mozzafiato - dove il verde dei giardini si fonde con il blu del Mediterraneo – il quartiere di Monaco-Ville è una tappa speciale per scoprire gli scorci pittoreschi e le piacevoli passeggiate tra i pescherecci e i prestigiosi yacht.\r\nIl territorio monegasco è anche sinonimo di leggenda e fascino antico che, ancora oggi, appassionano i viaggiatori di tutto il mondo. Basta passare da Place du Casino, dove si trovano il Café de Paris e l'Hôtel de Paris Monte-Carlo, per immergersi in un’epoca da sogno. A pochi passi, invece, trionfa il complesso balneare del Larvotto.\r\n \r\n ","post_title":"Francia: Monaco si inserisce tra le 'Best European Destination 2024'","post_date":"2024-02-13T10:51:17+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707821477000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461331","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nAeroporti di Roma taglia il traguardo dei primi 50 anni: la società che gestisce gli scali di Fiumicino e Ciampino ha celebrato l'anniversario con la presentazione del nuovo logo, lanciato durante l'evento \"Together, beyond flying\": un claim che riflette l’attenzione verso le persone e un nuovo logo che, tendendo visivamente verso l’alto, simboleggia il costante impegno dell’azienda per delineare l’aeroporto del futuro, un luogo attento al benessere di tutti dove, per mantenere ed elevare i livelli di eccellenza dei servizi offerti ai passeggeri, lo sviluppo si coniuga con la sostenibilità, l’innovazione, la qualità, l’arte e la cultura.\r\n\r\n«Oggi (ieri per chi legge, ndr) celebriamo mezzo secolo di storia aziendale. In questi cinquant’anni di attività la società ha saputo accompagnare i cambiamenti epocali che hanno caratterizzato la storia del Paese, si è adeguata ai mutamenti sociali e culturali in corso e ha talvolta anche anticipato i grandi cambiamenti globali - ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Roma, Vincenzo Nunziata durante l'evento che ha visto anche la partecipazione del Ministro dell’interno Matteo Piantedosi -. Sviluppando gli aeroporti della Capitale, ha riportato Roma nella sua giusta collocazione, ridandole centralità e protagonismo e facendone un hub intercontinentale per il trasporto aereo. È con questo spirito che ci accingiamo ad affrontare gli anni a venire, confermando il nostro impegno nel raggiungimento di nuovi traguardi, innovando, lavorando con e per il nostro territorio e sostenendo le future generazioni, consapevoli della responsabilità che abbiamo nei confronti della società e della nostra comunità aeroportuale».\r\n\r\nDalla costituzione della società, il 12 febbraio 1974, gli aeroporti della Capitale sono cresciuti al punto che durante il 2023 hanno visto transitare 44,4 milioni di passeggeri, con una programmazione che ha coinvolto circa 100 compagnie aeree in volo attraverso 230 rotte in oltre 70 Paesi, collegando così la città di Roma con tutti i continenti.\r\n\r\n«Aeroporti di Roma celebra i suoi primi cinquant’anni di gestione guardando avanti con ottimismo e determinazione, in particolare rispetto alle sfide cruciali per il futuro del trasporto aereo, sulle quali dovranno focalizzarsi sia i player industriali sia quelli istituzionali: la transizione ambientale, la competitività del sistema trasportistico nazionale e gli investimenti a supporto della crescita - ha sottolineato Marco Troncone, ad di Aeroporti di Roma -. Connettività significa progresso sociale ed economico, promozione della cultura, esportazione del Made in Italy e del nostro ‘know-how’; attraverso il nostro sviluppo sostenibile a 360 gradi, grazie a tutte le nostre persone, continueremo ad operare come alleati delle nostre istituzioni per guidare l’Italia verso le prossime occasioni di posizionamento e rilancio internazionale, rappresentando un valore aggiunto per i cittadini e per i nostri territori di riferimento».\r\n\r\n ","post_title":"Aeroporti di Roma celebra i suoi primi 50 anni con un nuovo logo","post_date":"2024-02-13T09:00:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707814800000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460903","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“L'Uruguay ha avuto una forte ripresa del turismo lo scorso anno\", ha detto Remo Monzeglio, viceministro del turismo sullo stand dell'Uruguay, presente per il secondo anno consecutivo alla Bit di Milano.  Soddisfatto dei risultati di fine anno, con 3,835,041 arrivi per turismo nel paese, il viceministro ha sottolineato come il forte aumento del numero di arrivi rispetto allo stesso periodo del 2022, è stato dovuto soprattutto ai principali paesi di provenienza che sono Argentina, Uruguay e Brasile, mentre l'Europa è rimasta stabile al quinto posto.  L’anno scorso il turismo nel piccolo paese latino-americano ha generato entrate per un totale di 1.776 milioni di dollari, +27,1% rispetto al 2022. \r\n\r\nPer raggiungere queste cifre, il Ministero del Turismo ha lavorato in coordinamento con il settore privato, realizzando campagne di promozione in Uruguay, nella regione e oltre.  \"Questi numeri sono stati appena inferiori al dato storico del 2017-, ha commentato il viceministro, - e grazie a un nuovo film, uscito da poco su Netflix, l’Uruguay sta per essere proiettato all’attenzione del palcoscenico globale”. \r\n\r\n\"La Società della Neve\" racconta la storia di 16 giovani uruguaiani sopravvissuti a un incidente aereo sulle Ande nel 1972. Dopo essere rimasti per due mesi e mezzo in una remota zona innevata, e dovendo ricorre al cannibalismo per sopravvivere, i ragazzi sono riusciti ad allertare le squadre di ricerca che alla fine li hanno salvati”.  \r\n\r\n“Una storia straordinaria, che in questo nuova versione cinematografica avrà un impatto positivo sui flussi turistici verso l'Uruguay. Noi siamo un Paese sicuro, dove il visitatore trova un mix di spiagge oceaniche, esperienze di ecoturismo, turismo del benessere, tour culturali di siti Unesco, enogastronomia ed eccellenti opportunità per meeting ed eventi aziendali”.","post_title":"Uruguay: netta ripresa delle entrate turistiche. E la promozione passa anche dal cinema","post_date":"2024-02-07T09:15:42+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707297342000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460829","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Ambasciatori Place Hotel di Fiuggi quest’anno celebra i suoi primi cinquant’anni di attività.\r\n\r\nNon è solo una Spa, ma il luogo dove costruire la propria esperienza di benessere completo e multifattoriale, con molteplici servizi indoor e outdoor per tutti, aperti anche alla città.\r\n\r\nAvviato nel 1974 da Franco Bonanni, quando Fiuggi era meta ambita per le sue acque curative e per il clima mite, si è dimostrato visionario e precorritore dei tempi, tanto che nel 2007, già guidato dalla figlia Francesca, è diventato sede della prima spa, all’interno di un hotel 4 stelle locale. Oggi, se da un lato il benessere guarda oltre il concetto tra dizionale di spa, dall’altro questa assume un ruolo strategico, diventando il connettore di una serie di attività che conducono a una esperienza completa, trasformativa e stimolante.\r\n\r\n Un luogo dove vivere soggiorni slow, di almeno 3 giorni, magari ritagliandosi del tempo al di fuori dei periodi di ferie canonici e meno affollati, per poter vivere il benessere in piena consapevolezza.\r\n\r\nLa struttura, con tutti i servizi aperti anche alla città, è ristorante ma anche bar bistrot, dove è possibile mangiare dove si vuole, senza troppi vincoli di orario, usufruendo di una cucina genuina e tradizionale; è un’attrezzatissima e innovativa Spa di oltre mille mq, dove l’elemento acqua è protagonista, dove accedere anche per poche ore di relax, e per un percorso benessere; è un luogo per vivere il movimento fisico all’interno, con una Palestra Boutique, e all’esterno, anche per coloro che non soggiornano.\r\n\r\nUn “place” perfettamente integrato nel territorio in cui si inserisce, la Ciociaria. Un’area ancora inesplorata e poco conosciuta dal punto di vista turistico. È per questo che mantiene la sua genuinità, dove grande importanza hanno le relazioni umane e la natura. Inoltre, si tratta di un territorio ricco di storia e cultura. Vicino a Fiuggi passa anche il cammino di San Benedetto da Norcia.\r\n\r\n«In questo ultimo anno, abbiamo adottato una prospettiva innovativa che trascende l'esperienza tradizionale di un soggiorno in hotel – ha dichiarato la titolare Francesca Bonanni -, la nostra filosofia si focalizza sul benessere in senso ampio, abbracciando la dimensione fisica, mentale, spirituale, ambientale e sociale. Non ci limitiamo alla mera offerta di servizi Spa, ma vogliamo contribuire con concretezza a diffondere scelte, comportamenti e sane abitudini.  Questa visione del benessere diventa parte integrante della nostra vita quotidiana, sia a livello personale sia professionale, incarnando questo approccio nel nostro modo di vivere. Crediamo in un progetto di famiglia, evolutosi nel tempo, che ha a cuore il benessere degli ospiti e del territorio e vogliamo essere parte e fonte di ispirazione del periodo di cambiamento che stiamo vivendo».\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ambasciatori Place Hotel Fiuggi, 50 anni di attività tra benessere, servizi indoor e outdoor","post_date":"2024-02-06T11:21:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707218513000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460720","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Torre Melina, ed è stato ottenuto dalla ristrutturazione completa dell'ex Hotel Rey Juan Carlos I, l'albergo di debutto a Barcellona del brand Gran Meliá. Il nuovo indirizzo dispone di 330 camere e 61 suite, con viste panoramiche sulle montagne o sulla città, compresa una penthouse da 300 metri quadrati sviluppata su tre piani. L'hotel è circondata da 25 mila mq di giardini progettati dall’architetto paesaggista Josep Fontserè i Mestre, creatore del Parc de la Ciutadella e del mercato del Born. Il restyling complessivo dell'edificio è stato invece condotto dallo Studio Asah di Álvaro e Adriana Sans, che hanno puntato a valorizzare il progetto originale dell'architetto Carlos Ferrater, inaugurato in occasione dei Giochi Olimpici del 1992 nel quartiere a nord della Diagonal, vicino al Palau de Congressos de Catalunya, al Polo Club e al Camp Nou.\r\n\r\nA disposizione degli ospiti vi sono anche una spa, numerose piscine all’aperto riscaldate, una spiaggia artificiale e un rooftop panoramico con vista a 360 gradi sulla città. Torre Melina dispone inoltre di 18 sale per meeting ed eventi di diversa dimensione. Particolare attenzione è posta all’offerta gastronomica, che include ambienti dall'atmosfera elegante e di tendenza, nonché terrazze per pranzi, cene e banchetti di matrimonio immersi nella natura. Oltre ai ristoranti all-day dining Gala e L’Amaranta, l'albergo propone l'Erre de Urrechu Barcelona dello chef Íñigo Urrechu, il Beso Pedralbes del gruppo Beso, in apertura in primavera vicino alla piscina esterna, nonché il Chroma by Erick Lorincz, gestito dal celebre mixologist Erik Lorincz.","post_title":"Il brand Gran Meliá approda a Barcellona con il Torre Melina","post_date":"2024-02-05T10:21:24+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707128484000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460668","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_460669\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Luigi Neri, Daniela Passeri, Lidia Rescigno e Franco Coppini[/caption]\r\n\r\nMezzo di secolo di storia. Fondata nel febbraio 1974, Space Hotels compie proprio in questi giorni il suo cinquantesimo compleanno. E lo festeggia con numeri in crescita, forte di un +36,5% registrato nel 2023 rispetto ai 12 mesi precedenti. I paesi chiave, che hanno contribuito in modo significativo a questo successo, includono non solo l'Italia, da sempre il  mercato principale, ma anche Stati Uniti, Germania, Francia, Regno Unito e la Spagna.\r\n\r\nNel panorama delle destinazioni italiane, Roma, Milano e Torino risultano le mete di eccellenza per gli individuali. Per quanto riguarda gli eventi mice, invece, Roma continua a dominare la scena. Il gruppo ha registrato anche un notevole incremento nella domanda da parte dei gruppi turistici con un'elevata capacità di spesa, nonché da parte del segmento business travel. Nel corso del 2023 infine, la compagnia ha ampliato la sua rete affiliando a Roma il Borghese Contemporary Hotel e a Ragusa il Relais Chiaramonte.\r\n\r\n“Il 2023 è stato un anno di trionfo e consolidamento per noi: un periodo in cui abbiamo superato le aspettative, continuando a costruire su un'eredità di 50 anni\", sottolinea il presidente, Franco Coppini. Space Hotels sarà presente alla Bit di Milano, in programma dal 4 al 6 febbraio, presso lo stand C110 del padiglione 3. Vi si potranno incontrare lo stesso presidente Coppini, nonché il direttore generale Lidia Rescigno, il direttore marketing Daniela Passeri, il vice presidente Luigi Neri e alcune delle responsabili vendite.","post_title":"Space Hotels festeggia i 50 anni con un numeri in crescita","post_date":"2024-02-02T11:12:59+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1706872379000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460546","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli aeroporti italiani hanno ufficialmente superato i dati di traffico 2019, stabilendo così il nuovo record storico raggiungendo per la prima volta i 197,2 milioni di passeggeri, +2,1% rispetto al dato pre-Covid. \r\n\r\nA certificarlo ufficialmente sono i dati di Assaeroporti - dopo l'anticipazione di qualche settimana fa da parte del presidente, Carlo Borgomeo - che mostrano come a fronte di una ripresa post-pandemia che aveva visto il ruolo centrale del mercato domestico, il 2023 ha segnato il pieno recupero del segmento internazionale, la parte più qualificante del traffico aereo, che raggiunge i 128 milioni di passeggeri, lo 0,1% in più sul 2019.\r\n\r\nUn leggero gap rispetto ai livelli pre-Covid si riscontra invece per i movimenti aerei, che nel 2023 sono stati inferiori del 2,6% sul 2019, attestandosi a 1.601.059 unità. Più passeggeri e meno aerei che, quindi, viaggiano con un load factor maggiore, comportando benefici anche in termini ambientali. \r\nVoglia di volare\r\n«Il 2023 si è chiuso con quasi 200 milioni di passeggeri, un record assoluto per gli aeroporti italiani, un'importante soglia psicologica raggiunta - ha ribadito Borgomeo -. Si conferma una straordinaria voglia di volare, a riprova della resilienza del nostro comparto, che è in ottima salute e resta strategico per il Paese. Il 2023 però è stato anche un anno caratterizzato da forti \"turbolenze\": penso al modo con cui è stata gestita la vicenda del caro voli, all'ennesimo rinvio del dossier Ita - Lufthansa, così come al tema dell'addizionale comunale, sul quale regna una grande confusione.\r\n\r\n«Gli operatori dovrebbero invece poter contare su un quadro di riferimento più stabile, meno estemporaneo. I gestori per essere competitivi hanno la necessità di pianificare per tempo gli investimenti e possono farlo solo con un miglior coordinamento delle politiche. Speriamo che il Piano Nazionale degli Aeroporti di prossima pubblicazione definisca chiare linee strategiche per il comparto».\r\n\r\nIntanto, la classifica 2023 dei primi 10 aeroporti italiani per numero di passeggeri vede in testa Roma Fiumicino con 40,5 milioni, Milano Malpensa con 26,1 milioni, Milano Bergamo con 16 milioni, Napoli con 12,4 milioni, Venezia con 11,3 milioni, Catania con 10,7 milioni, Bologna con 10 milioni, Milano Linate con 9,4 milioni, Palermo con 8,1 e Bari con 6,5 milioni.","post_title":"Record storico 2023 degli scali italiani: passeggeri a +2,1% sul 2019","post_date":"2024-02-01T09:00:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1706778048000]}]}}