14 July 2024

1804

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Gialpi T.O. ricerca per ampliamento organico figura commerciale per le seguenti regioni: Lombardia, Lazio, Puglia.
E’ richiesta esperienza triennale.
Riferimento e mail : direzione@gialpitravel.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471296 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un convento dell'ordine di Santa Chiara del 1604, successivamente occupato dall'ordine della Visitazione di Santa Maria dal 1803 agli inizi degli anni '80. Da queste radici originarie ha preso forma la nuova struttura di design Hôtel du Couvent. Situata nel cuore del centro storico di Nizza, la proprietà è stata realizzata da Valéry Grégo, il nome dietro gli hotel di design Les Roches Rouges e La Pigalle, che ne ha curato un restauro durato ben dieci anni. I lavori sono stati realizzati in collaborazione con lo studio Mumbai e lo studio Méditerranée, che ha sua volta lavorato con Festen Architecture per gli interni. Il risultato sono 88 camere arredate con un mix di pezzi su misura e di antiquariato d'epoca, con vista sul centro storico, sui giardini terrazzati, sul porto o sulle colline circostanti. Tra le soluzioni disponibili ci sono pure 18 suite, alcune delle quali dotate di cucina, con la possibilità di richiedere uno chef o un maggiordomo. All'interno delle mura esterne del convento, si cela inoltre un giardino segreto di più di 8 mila metri quadrati. In collaborazione con Tom-Stuart Smith, paesaggista, e James Basson di Scape Design, lo spazio è stato ripensato in un’ottica di connessione con lo stesso convento. Nel chiostro centrale rivivrà poi l'antica erboristeria fondata dalle suore, guidata dall'erborista locale Gregory Unrein di Nice Organic. Fornirà agli ospiti consigli personalizzati e rimedi su misura, oltre a tè, tisane e tinture con le erbe del giardino, e, allo stesso tempo, servirà anche la cucina e il bar del convento di erbe essiccate. La biblioteca, dove approfondire la storia della città, mette in luce l'École de Nice: un movimento artistico che si è sviluppato a Nizza a partire dalla fine degli anni Cinquanta e che ha riunito molti artisti riconosciuti a livello internazionale, tra cui Martial Raysse, Ben, Yves Klein, Arman e Alocco, Sosno. Archivio ufficiale di tutto ciò che è stato pubblicato sul movimento, lo spazio si presterà a collaborazioni con scuole d'arte, conferenze e workshop per gli ospiti e la comunità locale. Lo spazio benessere si ispirerà alle antiche tradizioni balneari romane, incorporando acqua, trattamenti e attività fisica. A disposizione pure una piscina coperta e una piscina relax. Un'area dedicata ai trattamenti offrirà massaggi su misura con oli essenziali selezionati dall'erborista dell'Hôtel du Couvent, mentre i trattamenti viso personalizzati utilizzeranno prodotti naturali. Oltre a una piscina all'aperto, le terme romane del convento propongono anche il Movement Studio: uno spazio dedicato all'esercizio fisico, alla danza e al movimento, sale per trattamenti e un centro culturale per rilassare la mente, per un'esperienza di benessere olistica. All'esterno, i giardini vantano una ulteriore piscina di 20 metri con vista sul Mediterraneo e una all'aperto adiacente al cafè La Guinguette. Le proposte f&b dell'hotel saranno guidate dai sapori e dai prodotti provenienti dalla fattoria di proprietà a Touët-sur-Var, che rifornisce il convento di verdure di stagione, frutta e uova delle sue 250 galline, ospitando anche visite di ospiti, cene e laboratori gastronomici. Nel ristorante del chiostro, il refettorio originale, al cafè La Guinguette e nel bistrot di rue des Serruriers sarà possibile gustare quindi piatti tipici. E' presente pure una panetteria, ricavata nell'ex panificio del convento, che preparerà ogni giorno pane fresco, con farina macinata in loco secondo la tradizione centenaria, mentre la cantina offrirà una scelta di 3.500 etichette. Nelle vicinanze, le Bar sarà il luogo ideale in cui trascorrere i propri pomeriggi. Il sabato mattina l'Hôtel du Couvent aprirà infine il proprio cortile al mercato cittadino, in cui gli ospiti e i nizzardi potranno rifornirsi di prodotti locali e della regione circostante. Valéry Grégo vive a Londra da vent'anni ed è entrato nel mondo dell'ospitalità come si entra in una vecchia libreria: per caso. Nato nella periferia parigina da due ricercatori aerospaziali, ha studiato inizialmente letteratura e materie umanistiche a Parigi, per poi dedicarsi alla finanza. Dopo un primo periodo come imprenditore nel settore finanziario, il suo background letterario e il suo spirito avventuriero lo hanno portato a creare Perseus nel 2010, con l'obiettivo di ribaltare il concetto di viaggio. Le Pigalle, inaugurato nel 2015, gli ha permesso di esprimere questa ospitalità moderna, radicata e consapevole, che si adatta a un mondo in rapida evoluzione. Grégo ha poi fatto rinascere diversi resort in montagna e stabilimenti costieri, tra cui Les Roches Rouges a Saint-Raphaël e Les 3 Vallées a Courchevel 1850, con il marchio Hôtels d'en Haut, che ha venduto nel 2019 per concentrarsi sull'Hôtel du Couvent, l'ultimo di questa generazione di luoghi.   [post_title] => Ci sono anche una panetteria e un'erboristeria nel nuovo hotel di design nizzardo du Couvent [post_date] => 2024-07-12T10:49:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720781365000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471111 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_471113" align="alignright" width="207"] Ph Lavinia Carnau[/caption] Il Grand Hotel Excelsior Vittoria, 5 stelle lusso di Sorrento, è stato nominato 1° Resort Hotel in Italia dal prestigioso World’s Best Awards. Nell’anno del suo 190° anniversario, l’hotel, forte di una lunga storia fatta di attenzione, amore, costanza, lavoro e passione, che da sei generazioni vede protagonista la famiglia Fiorentino, è riuscito a trasmettere ai viaggiatori tutta la sua cultura e il suo savoir faire profondamente italiano, regalando un’esperienza unica. La posizione sul Golfo di Napoli, gli interni ricercati dell’Ottocento, i sapori mediterranei dello  stellato Terrazza Bosquet, guidato dall’Executive Chef Antonino Montefusco, le suite One-of-a-kind  dedicate ai più importanti personaggi del jet set ospitati nel corso degli anni, l’atmosfera rilassata della Boutique SPA La Serra, il nuovo La Pergola bar à champagne, sono alcuni degli  elementi che contraddistinguono l’offerta del Grand Hotel Excelsior Vittoria, rendendolo uno dei punti di  riferimento dell’hotellerie italiana e non solo. «Un risultato eccellente, motivo di grande orgoglio per la nostra famiglia, che dal lontano 1834 guida con dedizione la struttura. Questo significativo traguardo è stato raggiunto grazie all’impegno ed alla passione dei nostri collaboratori - spiega Guido Fiorentino, Presidente e AD di Grand Hotel Excelsior Vittoria - Il World’s Best Awards è un’ulteriore dimostrazione del lungo e duraturo percorso del Grand Hotel Excelsior Vittoria, frutto di un progetto perfezionato nel tempo, anno dopo anno, costruito a partire  dalle esigenze degli ospiti e attento alle ultime tendenze in tema di ospitalità, senza però snaturare la propria anima, profondamente legata a quella cultura di artigianalità, sartorialità e intraprendenza, che ha reso l’Italia un’icona di bellezza e qualità in ogni angolo di mondo». [post_title] => Excelsior Vittoria di Sorrento, 1° resort hotel in Italia per il World's Best Awards [post_date] => 2024-07-10T09:53:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720605206000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470996 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un ventaglio di possibilità elevato, con un potenziale di investimento che va dai 100 milioni di euro sino anche al miliardo, a seconda di circostanze e opportunità. E' il "cannone" che King Street Capital è pronto a puntare sull'ospitalità italiana.  Lo ha rivelato il managing director, European capital markets, Giovanni Luna, in occasione  dell’Hospitality Forum organizzato a Milano da Scenari Immobiliari in collaborazione con Castello sgr: "Il nostro obiettivo è trovare situazioni magari complesse, in grado per ciò stesso di garantirci i rendimenti elevati di cui siamo alla ricerca, senza tuttavia mai scendere a compromessi su location e qualità dell’asset". Tanto potenziale, le sfide di sempre Per Victoria – Oaktree il potenziale sarebbe invece da 300 milioni all’anno, "ma non è sempre possibile impiegarlo completamente", ha ammesso Fulvio Orlando, managing director, head of acquisitions di Victoria Asset Management, che supporta Oaktree nei suoi investimenti commercial real estate. La motivazione di tali difficoltà risiede senz'altro nelle dimensioni relativamente ridotte del mercato, ma non solo: c’è anche la questione delle tempistiche. Altre situazioni critiche riguardano il pacchetto di garanzie, il livello di due diligence richiesto dai fondi, persino le conformità edilizie e catastali: "Su questi temi ci si perde troppo spesso in discussioni infinite. La volontà di fare, in altre parole, ci sarebbe; le competenze pure. Ma le controparti devono essere più trasparenti e dirette". E non manca neppure la sfida burocrazia, soprattutto quando occorre fare dei lavori: "Servono certezze su regole e tempi", ha rincarato infatti Luna. Forte la presenza di capitali value add – opportunistici Nonostante le criticità, tanto interesse sul real estate alberghiero italiano non è affatto un caso: il mercato tricolore dell'ospitalità è ormai da parecchio tempo caratterizzato da una forte presenza di capitali dall’approccio value add – opportunistico. E anche l’anno scorso non è stato da meno sebbene, come sottolineano gli ultimi dati Cbre e Scenari Immobiliari, il 2023 abbia registrato il ritorno prepotente di investitori-operatori spesso di matrice domestica. "L’Italia è da sempre una delle destinazioni più popolari al mondo, ma con un patrimonio ricettivo da rinnovare e fino a periodi molto recenti caratterizzato da una scarsa presenza di capitali istituzionali – ha spiegato Luna -. Per noi si tratta quindi di un contesto dalle grandi opportunità. Tanto più che proprio tali criticità possono garantire a capitali opportunistici come il nostro quel premio sul rendimento di cui siamo costantemente alla ricerca". Non molto differenti sono le motivazioni che hanno spinto Oaktree a entrare nel mercato alberghiero italiano già nel 2018: "Abbiamo cercato di fornire un approccio istituzionale all’offerta di ospitalità tricolore, per aiutarla a portarsi in linea con le aspettative della clientela internazionale – ha confermato Orlando -. Al picco siamo arrivati ad avere in piattaforma una ventina di hotel per circa 2 mila camere. Il nostro sviluppo si è poi un po’ fermato, perché la dimensione media per transazione del mercato italiano è spesso piccola, non adeguata alle nostre esigenze di investimento". Anima Alternative sgr: focus sulle pmi Un approccio leggermente differente, anche se pur sempre dai tratti opportunistici, ha invece Anima Alternative sgr, la cui holding omonima a febbraio 2023 ha acquisito Castello sgr: "A oggi abbiamo all’attivo due fondi riservati chiusi dedicati alle pmi (non solo dell’hospitality, ndr), ossia ad aziende con margini operativi lordi compresi tra i 2,5 e i 25 milioni di euro  – ha raccontato il deputy chief investment officer, Andrea Cappuccio -. Le supportiamo coprendo tutta la struttura di capitale, tranne l’equity di maggioranza. Parliamo quindi di debito senior o subordinato, ma anche di equity di minoranza. L’ospitalità ci interessa però sostanzialmente per ragioni non tanto diverse dagli altri: il settore è resiliente e in crescita ma continua a essere sostanzialmente frammentato, necessita di investimenti e ha una questione aperta in tema di ricambio generazionale". Il fondo di capitale ibrido di Anima è peraltro già quasi completo: dopo una raccolta di circa 160 milioni di euro c’è spazio ancora per una ventina di milioni. "Ma abbiamo un nuovo round in cantiere – ha assicurato Cappuccio -. Il fondo senior è invece partito l’anno scorso ma ha già raccolto 180 milioni. L’obiettivo è quello di investire tutta la dotazione in circa tre anni e, a oggi, dopo 18 mesi dal lancio, stiamo rispettando la tabella di marcia". Target: la dimensione conta A livello di target, King Street Capital guarda soprattutto alle grandi città o alle mete secondarie ma dalla grande vocazione turistica. "Anche per noi la dimensione rimane un aspetto importante – ha ripreso Luna -. Indipendentemente dalla natura dell’investimento partiamo da un impegno di almeno 50 milioni di euro di nostro capitale. Il che si traduce in operazioni di valore significativamente più alto". Punta naturalmente su investimenti di entità più ridotte Anima, per cui si parla di impegni che vanno dai 5 ai 15 milioni di euro a operazione. "Ma siamo disposti, quando è possibile, a garantire capitali a una holding, piuttosto che a una società operativa, in modo da lasciare quest’ultima libera di crescere senza eccessive pressioni finanziarie – ha sottolineato Cappuccio -. Strutturiamo insomma il nostro intervento in maniera piuttosto flessibile". Per Victoria – Oaktree il segmento di riferimento è invece quello dei 5 stelle, con vocazione lusso o lifestyle a seconda delle circostanze e dei momenti. "Oggi non escludiamo però neppure di investire in segmenti più accessibili, come per esempio il glamping", ha rivelato Orlando. Meno equity, più azioni privilegiati o debito mezzanino La situazione attuale di un mercato caratterizzato da elevati tassi di interesse sta peraltro spingendo i fondi a esplorare strumenti diversi dall’equity puro. "Bene o male i ritorni che dobbiamo garantire ai nostri stakeholder rimangono gli stessi di sempre, con un irr che va dal 15%-20% in su – è stato il ragionamento di Luna -. Prima per poter raggiungere tali percentuali era necessario garantire equity, oggi possiamo anche ricorrere a strumenti meno rischiosi come le azioni privilegiate o il debito mezzanino a seconda dei contesti. Il nostro capitale è chiaramente costoso ma flessibile".   [post_title] => Fondi e hotel italiani, attrazione fatale: pronto un "cannone" da 1 mld [post_date] => 2024-07-08T12:06:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720440408000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470780 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Forte Village sarebbe passato di mano all'indomani dell'invasione russa dell'Ucraina. Lo rivela il Financial Times citando come fonte il registro delle imprese cipriota, che include la holding proprietaria del resort sardo, Retivia Investments. Il precedente proprietario, l'oligarca ceceno Musa Bazhaev, aveva acquisito il complesso nel 2014 per una cifra attorno ai 180 milioni di euro. Ma il 25 febbraio del 2022, 24 ore dopo l'entrata delle armate russe in Ucraina, avrebbe deciso di cedere la proprietà di Retivia a un suo parente, che a sua volta l'avrebbe consegnata agli inizi del 2023 al businessman kazako Shukhrat Ibragimov. La mossa è probabilmente servita a sfuggire alle sanzioni europee contro i magnati russi, nella cui lista appare anche lo stesso Bazhaev. Gli affari tra i due non sarebbero tuttavia finiti qui. Un paio di mesi prima, infatti, a dicembre 2022, Ibragimov avrebbe trasferito il 40% della proprietà di una miniera d'ordo in Kirghizistan all'oligarca ceceno: un'impresa avviata in partnership dai due, insieme al nipote Deni Bazhaev, nel 2021 e di cui ora la famiglia russa è titolare al 100%. Interpellato dal Financial Timese, il chief executive del Forte Village, Lorenzo Giannuzzi ha specificato che "Progetto Esmeralda, la compagnia di gestione responsabile del resort, non riveste mai alcun ruolo attivo nei cambi di controllo della proprietà. Le autorità pubbliche, così come le istituzioni finanziarie e commerciali, sono sempre state inoltre tempestivamente informate di ogni transazione. Negli ultimi due decenni il resort ha peraltro cambiato di proprietà almeno sette volte. Ciononostante non c'è mai stata alcuna modifica all'interno del management italiano del complesso, che ha quindi garantito la continuità delle operazioni". Bazhaev e Ibragimov non hanno invece al momento rilasciato alcuna dichiarazione. [post_title] => Cambio di proprietà per il Forte Village dopo l'invasione russa dell'Ucraina [post_date] => 2024-07-04T11:23:40+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720092220000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470426 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Andrà in scena dal 25 luglio al 6 agosto nelle due isole gemelle l’Antigua Carnival 2024, il più grande festival estivo dei Caraibi e appuntamento di grande richiamo per la destinazione. Quest'anno, per celebrare il Carnevale, l'Antigua and Barbuda Tourism Authority ha lanciato la campagna “Be Here” Carnival,  per invitare i visitatori a vivere questa esperienza unica. "Abbiamo lanciato la nostra campagna “Be Here” per il Carnevale - ha dichiarato Cherrie Osborne, direttore del Turismo per Regno Unito ed Europa -. Siamo entusiasti di condividere le novità di Antigua e Barbuda e incoraggiare le persone a visitare la nostra destinazione." L'evento, nato nell’epoca coloniale, è legato alla storia dell'isola e celebra l'emancipazione dalla schiavitù risalente al 1° agosto 1834, rappresentando una vera e propria festa della libertà che negli anni è divenuta una tradizione unica nel suo genere. Il culmine dei festeggiamenti si raggiunge il primo lunedì d’agosto quando, alle quattro del mattino, i fuochi si accendono e comincia il “J'ouvert” morning, in cui tutti si riuniscono per le strade della capitale formando un gigantesco serpentone danzante. Durante i 13 giorni di festeggiamenti, i visitatori potranno partecipare a una serie di eventi, tra cui il concorso Party Monarch e Calypso Monarch dei Calypsonians, la spettacolare Parade of Bands, la Queen of Carnival, il Mr and Mrs Teenage Pageant, il Jaycees Queen's Show e l’Emancipation Watch Night. Questi eventi principali saranno accompagnati da una serie di festeggiamenti minori, concerti locali, fiere gastronomiche e spettacoli culturali, garantendo un'esperienza coinvolgente per tutti i partecipanti.   [post_title] => Antigua Carnival 2024: al via il 25 luglio l'attesa kermesse dell'estate [post_date] => 2024-06-28T12:03:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719576212000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470037 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Grand Hotel Bristol Portofino Coast ha festeggiato i 120 anni. Una storia iniziata nel 1904, con la costruzione di una struttura ricettiva dalla facciata d’epoca Liberty, ancora oggi elemento distintivo, che si erge tra la rigogliosa natura mediterranea della prestigiosa Portofino Coast. Il Grand Hotel Bristol è oggi un lifestyle hotel a cinque stelle, membro di Small Luxury Hotels of the World, con uno stile contemporaneo del design degli interni, che si coniuga con le caratteristiche iconiche e tradizionali della struttura. In oltre cento anni di storia, il Grand Hotel Bristol è stato fin dalla sua apertura un punto di riferimento nel panorama dell’ospitalità ligure, originariamente gestito della famiglia Costa, oggi prosegue sotto il segno della Famiglia Rocchi,Gruppo R Collection Hotels, che ha riportato glamour e allure originali alla struttura, ma in chiave contemporanea. L’hotel più moderno del Golfo del Tigullio, ha ospitato figure illustri, dal premio Nobel per la letteratura André Gide al fondatore del Bauhaus Walter Gropius, è stato luogo d’incontro scelto da Capi di Stato e potenze mondiali per firmare alcuni tra i più importanti trattati di pace, e la cornice naturale che ha accolto gli artisti Adrian Stokes e Charles Buls. Diverse star sono passate da questi saloni, dall’attrice star del cinema muto Doroty Girsh alla leggendaria cantante Mina che era solita soggiornare al Grand Hotel durante le sue tournee. In occasione delle celebrazioni per i 120 anni dall’apertura, il Grand Hotel Bristol Portofino Coast ha organizzato un evento in grande stile, comprensivo di red carpet e trampolieri e giocolieri che hanno accolto i numerosi ospiti attesi, tra clienti, partner, istituzioni e celebrities.    «L’idea di festeggiare questa ricorrenza dei 120 anni è quella di far rivivere tramite le installazioni e le animazioni presenti, quello che sono stati i 120 anni di servizio, dedizione, poesia e di Dolce Vita, tramite tutto quello che è passato e che passerà dal Grand Hotel Bristol - afferma Riccardo Bortolotti, General Manager Grand Hotel Bristol - Una serata evento che racchiude tutti i simboli di quello che è un ensemble di Dolce Vita, un concetto timeless e placeless, il dolce vivere all’italiana».     “     [post_title] => Grand Hotel Bristol Rapallo, 120 anni tra Dolce Vita ed ospitalità italiana [post_date] => 2024-06-24T11:47:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719229655000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470014 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trend positivo in questa prima parte dell'anno per Cathay Pacific, che registra un incremento costante a doppia cifra del numero di passeggeri trasportati. Lo scorso maggio la compagnia aerea di Hong Kong ha trasportato 1.678.532 passeggeri, con un aumento del 18,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente; il load factor è però diminuito del 4,8% all'80,3%, a fronte di un aumento degli Ask del 28% rispetto all'anno precedente. Nei primi cinque mesi di quest'anno, il dato supera gli 8,8 milioni di passeggeri, con un aumento del 40,7%. «Maggio è stato, come previsto, un periodo leggermente più tranquillo per la nostra attività di viaggio rispetto ai mesi precedenti, a causa del rallentamento della domanda, in particolare sulle nostre rotte regionali - ha dichiarato Lavinia Lau, chief customer & commercial officer di Cathay Pacific -. Senza le vacanze del fine settimana lungo a Hong Kong, abbiamo registrato un calo del 4% nel numero di passeggeri rispetto ad aprile, quando le vacanze multiple hanno spinto la forte domanda leisure. Tuttavia, rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, il numero di passeggeri è aumentato del 18%. I nostri collegamenti a lungo raggio sono stati favoriti dal ritorno del traffico studentesco a Hong Kong e nella Cina continentale dal Nord America, con load factor del 90% sulle nostre rotte per gli Stati Uniti e il Canada. La domanda di viaggi d'affari ha continuato ad essere solida, con forti vendite a Hong Kong che hanno sostenuto il traffico su alcune delle nostre rotte verso la Cina continentale, il Nord America e il Regno Unito. Quanto alle prospettive per l'intero 2024 e oltre, «abbiamo raggiunto un'altra pietra miliare nel nostro percorso di ricostruzione, in quanto nel secondo trimestre abbiamo raggiunto l'80% dei voli passeggeri che il gruppo operava prima della pandemia e rimaniamo sulla buona strada per arrivare al 100% entro il primo trimestre del 2025, mentre continuiamo ad aggiungere altri voli e destinazioni al network». Il 2024 ha visto finora l'aggiunta «di Chennai, Colombo e Barcellona al nostro network globale, mentre HK Express ha aggiunto Pechino (Daxing), Bangkok (Don Mueang), Sanya e Clark. Ad oggi le nostre compagnie aeree passeggeri volano verso più di 80 destinazioni in tutto il mondo: questo numero salirà a 90 entro il prossimo anno e tra queste ci sarà anche Riyadh, dal 28 ottobre 2024". [post_title] => Cathay Pacific: crescita a doppia cifra per il traffico passeggeri nei primi 5 mesi 2024 [post_date] => 2024-06-24T10:33:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719225233000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470004 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Brussels Airlines si prepara in vista dei caldi mesi di traffico estivo: per i mesi di luglio e agosto si prevede che la compagnia aerea trasporterà più di 1,2 milioni di passeggeri. Le rotte più affollate saranno, per quel che riguarda l'Europa, quelle verso le isole di Zante, Corfù e Rodi in Grecia e Gran Canaria, Maiorca e Lanzarote in Spagna. Ma anche i viaggi in città durante l'estate sono molto richiesti ad esempio, specie verso mete dal clima leggermente più mite, come Stoccolma e Göteborg. Fuori dall'Europa, molti belgi decidono di visitare gli Stati Uniti: Brussels Airlines opera voli diretti per New York Jfk e Washington DC. In collaborazione con i tour operator, anche destinazioni come Hurghada e Antalya sono molto frequentate. Grazie ad un nuovo Airbus A330 e ad un Airbus A320 in più, il network ha visto l'aggiunta delle nuove destinazioni di Nairobi e Cracovia. Per essere pronta all'estate, Brussels Airlines ha assunto altri 180 membri dell'equipaggio di cabina e 64 piloti; inoltre anche i team aeroportuali di Bruxelles sono stati rafforzati con 40 nuovi agenti di servizio ai passeggeri e, inoltre, con 70 studenti estivi a supporto del personale di terra. Il chatbot sul sito web della compagnia aerea è stato potenziato per aiutare ancora meglio i passeggeri in caso di irregolarità. Inoltre, all'interno del Gruppo Lufthansa è stato sviluppato un "robot di pre-seduta" che assegna i posti ai passeggeri in base agli orari delle coincidenze. Ciò significa che i passeggeri con una coincidenza stretta potranno scendere per primi dall'aeromobile, aumentando le possibilità di prendere l'aereo successivo.     [post_title] => Brussels Airlines: previsti oltre 1,2 mln di passeggeri tra luglio e agosto [post_date] => 2024-06-24T09:42:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719222148000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469950 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dal 14 al 29 settembre 2024 torna l’edizione d’Autunno di “Ville Aperte in Brianza”, ancora più ricca di proposte, sorprese, nuove esperienze artistiche, coinvolgendo oltre 180 beni, 85 partner (tra pubblici e privati) e 5 province lombarde: Monza e Brianza, Città Metropolitana di Milano, Lecco, Como e Varese. “Trame di bellezza” è il leit motiv di quest’anno: protagoniste non solo le “ville di delizia” - le dimore di pregio costruite dal XVI al XIX secolo dalle famiglie nobiliari milanesi che in Brianza trascorrevano periodi di vacanza dedicandosi ad attività di svago - ma anche tutto quanto le circonda, musei, edifici religiosi, vie d’acqua, parchi, autentiche opere d’arte industriali, piccoli borghi e tanti altri siti culturali ricchi di bellezze nascoste. Molteplici gli eventi proposti nell’edizione autunnale.  Come “700 Marco Polo”: in occasione delle celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Marco Polo, la Provincia MB promuove attività dedicate ai temi della scoperta, del nuovo, all’incontro con l’Oriente, con laboratori educativi-didattici per bambini e famiglie.  Con l’Associazione Cammino di Sant’Agostino si percorrerà una tratta lecchese del “Fiore della Rosa”, parte dell’intero Cammino; inoltre, un itinerario in bicicletta permetterà di ammirare la bellezza dei paesaggi lacustri e della biodiversità “Ville aperte in Brianza” è anche ville accessibili e sarà riproposto il progetto Senso Comune dove a fare da guide saranno alcune persone diversamente abili, che illustreranno le bellezze di ville e palazzi. Infine, l’edizione autunnale vedrà ancora una volta la collaborazione con il “Festival del Parco di Monza” con una serie di iniziative dedicate all’ecosostenibilità, all’architettura del paesaggio, insieme a visite guidate alle ville di delizia all’interno del Parco, itinerari storici dalla città al parco e itinerari naturalistici, insieme ad attività per bambini per sensibilizzarli alla tutela dell’ambiente. E poi ancora tante altre novità.       [post_title] => Ville aperte in Brianza, edizione autunnale a settembre con 180 gioielli artistici [post_date] => 2024-06-24T07:29:05+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719214145000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1804" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":173,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471296","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un convento dell'ordine di Santa Chiara del 1604, successivamente occupato dall'ordine della Visitazione di Santa Maria dal 1803 agli inizi degli anni '80. Da queste radici originarie ha preso forma la nuova struttura di design Hôtel du Couvent. Situata nel cuore del centro storico di Nizza, la proprietà è stata realizzata da Valéry Grégo, il nome dietro gli hotel di design Les Roches Rouges e La Pigalle, che ne ha curato un restauro durato ben dieci anni. I lavori sono stati realizzati in collaborazione con lo studio Mumbai e lo studio Méditerranée, che ha sua volta lavorato con Festen Architecture per gli interni.\r\n\r\nIl risultato sono 88 camere arredate con un mix di pezzi su misura e di antiquariato d'epoca, con vista sul centro storico, sui giardini terrazzati, sul porto o sulle colline circostanti. Tra le soluzioni disponibili ci sono pure 18 suite, alcune delle quali dotate di cucina, con la possibilità di richiedere uno chef o un maggiordomo.\r\n\r\nAll'interno delle mura esterne del convento, si cela inoltre un giardino segreto di più di 8 mila metri quadrati. In collaborazione con Tom-Stuart Smith, paesaggista, e James Basson di Scape Design, lo spazio è stato ripensato in un’ottica di connessione con lo stesso convento. Nel chiostro centrale rivivrà poi l'antica erboristeria fondata dalle suore, guidata dall'erborista locale Gregory Unrein di Nice Organic. Fornirà agli ospiti consigli personalizzati e rimedi su misura, oltre a tè, tisane e tinture con le erbe del giardino, e, allo stesso tempo, servirà anche la cucina e il bar del convento di erbe essiccate.\r\n\r\nLa biblioteca, dove approfondire la storia della città, mette in luce l'École de Nice: un movimento artistico che si è sviluppato a Nizza a partire dalla fine degli anni Cinquanta e che ha riunito molti artisti riconosciuti a livello internazionale, tra cui Martial Raysse, Ben, Yves Klein, Arman e Alocco, Sosno. Archivio ufficiale di tutto ciò che è stato pubblicato sul movimento, lo spazio si presterà a collaborazioni con scuole d'arte, conferenze e workshop per gli ospiti e la comunità locale.\r\n\r\nLo spazio benessere si ispirerà alle antiche tradizioni balneari romane, incorporando acqua, trattamenti e attività fisica. A disposizione pure una piscina coperta e una piscina relax. Un'area dedicata ai trattamenti offrirà massaggi su misura con oli essenziali selezionati dall'erborista dell'Hôtel du Couvent, mentre i trattamenti viso personalizzati utilizzeranno prodotti naturali. Oltre a una piscina all'aperto, le terme romane del convento propongono anche il Movement Studio: uno spazio dedicato all'esercizio fisico, alla danza e al movimento, sale per trattamenti e un centro culturale per rilassare la mente, per un'esperienza di benessere olistica. All'esterno, i giardini vantano una ulteriore piscina di 20 metri con vista sul Mediterraneo e una all'aperto adiacente al cafè La Guinguette.\r\n\r\nLe proposte f&b dell'hotel saranno guidate dai sapori e dai prodotti provenienti dalla fattoria di proprietà a Touët-sur-Var, che rifornisce il convento di verdure di stagione, frutta e uova delle sue 250 galline, ospitando anche visite di ospiti, cene e laboratori gastronomici. Nel ristorante del chiostro, il refettorio originale, al cafè La Guinguette e nel bistrot di rue des Serruriers sarà possibile gustare quindi piatti tipici. E' presente pure una panetteria, ricavata nell'ex panificio del convento, che preparerà ogni giorno pane fresco, con farina macinata in loco secondo la tradizione centenaria, mentre la cantina offrirà una scelta di 3.500 etichette. Nelle vicinanze, le Bar sarà il luogo ideale in cui trascorrere i propri pomeriggi. Il sabato mattina l'Hôtel du Couvent aprirà infine il proprio cortile al mercato cittadino, in cui gli ospiti e i nizzardi potranno rifornirsi di prodotti locali e della regione circostante.\r\n\r\nValéry Grégo vive a Londra da vent'anni ed è entrato nel mondo dell'ospitalità come si entra in una vecchia libreria: per caso. Nato nella periferia parigina da due ricercatori aerospaziali, ha studiato inizialmente letteratura e materie umanistiche a Parigi, per poi dedicarsi alla finanza. Dopo un primo periodo come imprenditore nel settore finanziario, il suo background letterario e il suo spirito avventuriero lo hanno portato a creare Perseus nel 2010, con l'obiettivo di ribaltare il concetto di viaggio. Le Pigalle, inaugurato nel 2015, gli ha permesso di esprimere questa ospitalità moderna, radicata e consapevole, che si adatta a un mondo in rapida evoluzione. Grégo ha poi fatto rinascere diversi resort in montagna e stabilimenti costieri, tra cui Les Roches Rouges a Saint-Raphaël e Les 3 Vallées a Courchevel 1850, con il marchio Hôtels d'en Haut, che ha venduto nel 2019 per concentrarsi sull'Hôtel du Couvent, l'ultimo di questa generazione di luoghi.\r\n\r\n ","post_title":"Ci sono anche una panetteria e un'erboristeria nel nuovo hotel di design nizzardo du Couvent","post_date":"2024-07-12T10:49:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1720781365000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471111","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_471113\" align=\"alignright\" width=\"207\"] Ph Lavinia Carnau[/caption]\r\n\r\nIl Grand Hotel Excelsior Vittoria, 5 stelle lusso di Sorrento, è stato nominato 1° Resort Hotel in Italia dal prestigioso World’s Best Awards.\r\n\r\nNell’anno del suo 190° anniversario, l’hotel, forte di una lunga storia fatta di attenzione, amore,\r\ncostanza, lavoro e passione, che da sei generazioni vede protagonista la famiglia Fiorentino, è riuscito\r\na trasmettere ai viaggiatori tutta la sua cultura e il suo savoir faire profondamente italiano, regalando\r\nun’esperienza unica.\r\n\r\nLa posizione sul Golfo di Napoli, gli interni ricercati dell’Ottocento, i sapori mediterranei dello  stellato Terrazza Bosquet, guidato dall’Executive Chef Antonino Montefusco, le suite One-of-a-kind  dedicate ai più importanti personaggi del jet set ospitati nel corso degli anni, l’atmosfera rilassata della Boutique SPA La Serra, il nuovo La Pergola bar à champagne, sono alcuni degli  elementi che contraddistinguono l’offerta del Grand Hotel Excelsior Vittoria, rendendolo uno dei punti di  riferimento dell’hotellerie italiana e non solo.\r\n\r\n«Un risultato eccellente, motivo di grande orgoglio per la nostra famiglia, che dal lontano 1834 guida\r\ncon dedizione la struttura. Questo significativo traguardo è stato raggiunto grazie all’impegno ed alla\r\npassione dei nostri collaboratori - spiega Guido Fiorentino, Presidente e AD di Grand \r\nHotel Excelsior Vittoria - Il World’s Best Awards è un’ulteriore dimostrazione del lungo e duraturo percorso del Grand Hotel Excelsior Vittoria, frutto di un progetto perfezionato nel tempo, anno dopo anno, costruito a partire  dalle esigenze degli ospiti e attento alle ultime tendenze in tema di ospitalità, senza però snaturare la propria anima, profondamente legata a quella cultura di artigianalità, sartorialità e intraprendenza, che ha reso l’Italia un’icona di bellezza e qualità in ogni angolo di mondo».","post_title":"Excelsior Vittoria di Sorrento, 1° resort hotel in Italia per il World's Best Awards","post_date":"2024-07-10T09:53:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1720605206000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470996","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un ventaglio di possibilità elevato, con un potenziale di investimento che va dai 100 milioni di euro sino anche al miliardo, a seconda di circostanze e opportunità. E' il \"cannone\" che King Street Capital è pronto a puntare sull'ospitalità italiana.  Lo ha rivelato il managing director, European capital markets, Giovanni Luna, in occasione  dell’Hospitality Forum organizzato a Milano da Scenari Immobiliari in collaborazione con Castello sgr: \"Il nostro obiettivo è trovare situazioni magari complesse, in grado per ciò stesso di garantirci i rendimenti elevati di cui siamo alla ricerca, senza tuttavia mai scendere a compromessi su location e qualità dell’asset\".\r\n\r\nTanto potenziale, le sfide di sempre\r\n\r\nPer Victoria – Oaktree il potenziale sarebbe invece da 300 milioni all’anno, \"ma non è sempre possibile impiegarlo completamente\", ha ammesso Fulvio Orlando, managing director, head of acquisitions di Victoria Asset Management, che supporta Oaktree nei suoi investimenti commercial real estate. La motivazione di tali difficoltà risiede senz'altro nelle dimensioni relativamente ridotte del mercato, ma non solo: c’è anche la questione delle tempistiche. Altre situazioni critiche riguardano il pacchetto di garanzie, il livello di due diligence richiesto dai fondi, persino le conformità edilizie e catastali: \"Su questi temi ci si perde troppo spesso in discussioni infinite. La volontà di fare, in altre parole, ci sarebbe; le competenze pure. Ma le controparti devono essere più trasparenti e dirette\". E non manca neppure la sfida burocrazia, soprattutto quando occorre fare dei lavori: \"Servono certezze su regole e tempi\", ha rincarato infatti Luna.\r\n\r\nForte la presenza di capitali value add – opportunistici\r\n\r\nNonostante le criticità, tanto interesse sul real estate alberghiero italiano non è affatto un caso: il mercato tricolore dell'ospitalità è ormai da parecchio tempo caratterizzato da una forte presenza di capitali dall’approccio value add – opportunistico. E anche l’anno scorso non è stato da meno sebbene, come sottolineano gli ultimi dati Cbre e Scenari Immobiliari, il 2023 abbia registrato il ritorno prepotente di investitori-operatori spesso di matrice domestica. \"L’Italia è da sempre una delle destinazioni più popolari al mondo, ma con un patrimonio ricettivo da rinnovare e fino a periodi molto recenti caratterizzato da una scarsa presenza di capitali istituzionali – ha spiegato Luna -. Per noi si tratta quindi di un contesto dalle grandi opportunità. Tanto più che proprio tali criticità possono garantire a capitali opportunistici come il nostro quel premio sul rendimento di cui siamo costantemente alla ricerca\".\r\n\r\nNon molto differenti sono le motivazioni che hanno spinto Oaktree a entrare nel mercato alberghiero italiano già nel 2018: \"Abbiamo cercato di fornire un approccio istituzionale all’offerta di ospitalità tricolore, per aiutarla a portarsi in linea con le aspettative della clientela internazionale – ha confermato Orlando -. Al picco siamo arrivati ad avere in piattaforma una ventina di hotel per circa 2 mila camere. Il nostro sviluppo si è poi un po’ fermato, perché la dimensione media per transazione del mercato italiano è spesso piccola, non adeguata alle nostre esigenze di investimento\".\r\n\r\nAnima Alternative sgr: focus sulle pmi\r\n\r\nUn approccio leggermente differente, anche se pur sempre dai tratti opportunistici, ha invece Anima Alternative sgr, la cui holding omonima a febbraio 2023 ha acquisito Castello sgr: \"A oggi abbiamo all’attivo due fondi riservati chiusi dedicati alle pmi (non solo dell’hospitality, ndr), ossia ad aziende con margini operativi lordi compresi tra i 2,5 e i 25 milioni di euro  – ha raccontato il deputy chief investment officer, Andrea Cappuccio -. Le supportiamo coprendo tutta la struttura di capitale, tranne l’equity di maggioranza. Parliamo quindi di debito senior o subordinato, ma anche di equity di minoranza. L’ospitalità ci interessa però sostanzialmente per ragioni non tanto diverse dagli altri: il settore è resiliente e in crescita ma continua a essere sostanzialmente frammentato, necessita di investimenti e ha una questione aperta in tema di ricambio generazionale\".\r\n\r\nIl fondo di capitale ibrido di Anima è peraltro già quasi completo: dopo una raccolta di circa 160 milioni di euro c’è spazio ancora per una ventina di milioni. \"Ma abbiamo un nuovo round in cantiere – ha assicurato Cappuccio -. Il fondo senior è invece partito l’anno scorso ma ha già raccolto 180 milioni. L’obiettivo è quello di investire tutta la dotazione in circa tre anni e, a oggi, dopo 18 mesi dal lancio, stiamo rispettando la tabella di marcia\".\r\n\r\nTarget: la dimensione conta\r\n\r\nA livello di target, King Street Capital guarda soprattutto alle grandi città o alle mete secondarie ma dalla grande vocazione turistica. \"Anche per noi la dimensione rimane un aspetto importante – ha ripreso Luna -. Indipendentemente dalla natura dell’investimento partiamo da un impegno di almeno 50 milioni di euro di nostro capitale. Il che si traduce in operazioni di valore significativamente più alto\".\r\n\r\nPunta naturalmente su investimenti di entità più ridotte Anima, per cui si parla di impegni che vanno dai 5 ai 15 milioni di euro a operazione. \"Ma siamo disposti, quando è possibile, a garantire capitali a una holding, piuttosto che a una società operativa, in modo da lasciare quest’ultima libera di crescere senza eccessive pressioni finanziarie – ha sottolineato Cappuccio -. Strutturiamo insomma il nostro intervento in maniera piuttosto flessibile\". Per Victoria – Oaktree il segmento di riferimento è invece quello dei 5 stelle, con vocazione lusso o lifestyle a seconda delle circostanze e dei momenti. \"Oggi non escludiamo però neppure di investire in segmenti più accessibili, come per esempio il glamping\", ha rivelato Orlando.\r\n\r\nMeno equity, più azioni privilegiati o debito mezzanino\r\n\r\nLa situazione attuale di un mercato caratterizzato da elevati tassi di interesse sta peraltro spingendo i fondi a esplorare strumenti diversi dall’equity puro. \"Bene o male i ritorni che dobbiamo garantire ai nostri stakeholder rimangono gli stessi di sempre, con un irr che va dal 15%-20% in su – è stato il ragionamento di Luna -. Prima per poter raggiungere tali percentuali era necessario garantire equity, oggi possiamo anche ricorrere a strumenti meno rischiosi come le azioni privilegiate o il debito mezzanino a seconda dei contesti. Il nostro capitale è chiaramente costoso ma flessibile\".\r\n\r\n ","post_title":"Fondi e hotel italiani, attrazione fatale: pronto un \"cannone\" da 1 mld","post_date":"2024-07-08T12:06:48+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1720440408000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470780","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Forte Village sarebbe passato di mano all'indomani dell'invasione russa dell'Ucraina. Lo rivela il Financial Times citando come fonte il registro delle imprese cipriota, che include la holding proprietaria del resort sardo, Retivia Investments. Il precedente proprietario, l'oligarca ceceno Musa Bazhaev, aveva acquisito il complesso nel 2014 per una cifra attorno ai 180 milioni di euro. Ma il 25 febbraio del 2022, 24 ore dopo l'entrata delle armate russe in Ucraina, avrebbe deciso di cedere la proprietà di Retivia a un suo parente, che a sua volta l'avrebbe consegnata agli inizi del 2023 al businessman kazako Shukhrat Ibragimov. \r\n\r\nLa mossa è probabilmente servita a sfuggire alle sanzioni europee contro i magnati russi, nella cui lista appare anche lo stesso Bazhaev. Gli affari tra i due non sarebbero tuttavia finiti qui. Un paio di mesi prima, infatti, a dicembre 2022, Ibragimov avrebbe trasferito il 40% della proprietà di una miniera d'ordo in Kirghizistan all'oligarca ceceno: un'impresa avviata in partnership dai due, insieme al nipote Deni Bazhaev, nel 2021 e di cui ora la famiglia russa è titolare al 100%.\r\n\r\nInterpellato dal Financial Timese, il chief executive del Forte Village, Lorenzo Giannuzzi ha specificato che \"Progetto Esmeralda, la compagnia di gestione responsabile del resort, non riveste mai alcun ruolo attivo nei cambi di controllo della proprietà. Le autorità pubbliche, così come le istituzioni finanziarie e commerciali, sono sempre state inoltre tempestivamente informate di ogni transazione. Negli ultimi due decenni il resort ha peraltro cambiato di proprietà almeno sette volte. Ciononostante non c'è mai stata alcuna modifica all'interno del management italiano del complesso, che ha quindi garantito la continuità delle operazioni\". Bazhaev e Ibragimov non hanno invece al momento rilasciato alcuna dichiarazione.","post_title":"Cambio di proprietà per il Forte Village dopo l'invasione russa dell'Ucraina","post_date":"2024-07-04T11:23:40+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1720092220000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470426","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Andrà in scena dal 25 luglio al 6 agosto nelle due isole gemelle l’Antigua Carnival 2024, il più grande festival estivo dei Caraibi e appuntamento di grande richiamo per la destinazione.\r\n\r\nQuest'anno, per celebrare il Carnevale, l'Antigua and Barbuda Tourism Authority ha lanciato la campagna “Be Here” Carnival,  per invitare i visitatori a vivere questa esperienza unica.\r\n\r\n\"Abbiamo lanciato la nostra campagna “Be Here” per il Carnevale - ha dichiarato Cherrie Osborne, direttore del Turismo per Regno Unito ed Europa -. Siamo entusiasti di condividere le novità di Antigua e Barbuda e incoraggiare le persone a visitare la nostra destinazione.\"\r\n\r\nL'evento, nato nell’epoca coloniale, è legato alla storia dell'isola e celebra l'emancipazione dalla schiavitù risalente al 1° agosto 1834, rappresentando una vera e propria festa della libertà che negli anni è divenuta una tradizione unica nel suo genere. Il culmine dei festeggiamenti si raggiunge il primo lunedì d’agosto quando, alle quattro del mattino, i fuochi si accendono e comincia il “J'ouvert” morning, in cui tutti si riuniscono per le strade della capitale formando un gigantesco serpentone danzante.\r\n\r\nDurante i 13 giorni di festeggiamenti, i visitatori potranno partecipare a una serie di eventi, tra cui il concorso Party Monarch e Calypso Monarch dei Calypsonians, la spettacolare Parade of Bands, la Queen of Carnival, il Mr and Mrs Teenage Pageant, il Jaycees Queen's Show e l’Emancipation Watch Night. Questi eventi principali saranno accompagnati da una serie di festeggiamenti minori, concerti locali, fiere gastronomiche e spettacoli culturali, garantendo un'esperienza coinvolgente per tutti i partecipanti.\r\n\r\n ","post_title":"Antigua Carnival 2024: al via il 25 luglio l'attesa kermesse dell'estate","post_date":"2024-06-28T12:03:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1719576212000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470037","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Grand Hotel Bristol Portofino Coast ha festeggiato i 120 anni. Una storia iniziata nel 1904, con la costruzione di una struttura ricettiva dalla facciata d’epoca Liberty, ancora oggi elemento distintivo, che si erge tra la rigogliosa natura mediterranea della prestigiosa Portofino Coast.\r\n\r\nIl Grand Hotel Bristol è oggi un lifestyle hotel a cinque stelle, membro di Small Luxury Hotels of the World, con uno stile contemporaneo del design degli interni, che si coniuga con le caratteristiche iconiche e tradizionali della struttura. In oltre cento anni di storia, il Grand Hotel Bristol è stato fin dalla sua apertura un punto di riferimento nel panorama dell’ospitalità ligure, originariamente gestito della famiglia Costa, oggi prosegue sotto il segno della Famiglia Rocchi,Gruppo R Collection Hotels, che ha riportato glamour e allure originali alla struttura, ma in chiave contemporanea.\r\n\r\nL’hotel più moderno del Golfo del Tigullio, ha ospitato figure illustri, dal premio Nobel per la letteratura André Gide al fondatore del Bauhaus Walter Gropius, è stato luogo d’incontro scelto da Capi di Stato e potenze mondiali per firmare alcuni tra i più importanti trattati di pace, e la cornice naturale che ha accolto gli artisti Adrian Stokes e Charles Buls. Diverse star sono passate da questi saloni, dall’attrice star del cinema muto Doroty Girsh alla leggendaria cantante Mina che era solita soggiornare al Grand Hotel durante le sue tournee.\r\n\r\nIn occasione delle celebrazioni per i 120 anni dall’apertura, il Grand Hotel Bristol Portofino Coast ha organizzato un evento in grande stile, comprensivo di red carpet e trampolieri e giocolieri che hanno accolto i numerosi ospiti attesi, tra clienti, partner, istituzioni e celebrities.\r\n \r\n «L’idea di festeggiare questa ricorrenza dei 120 anni è quella di far rivivere tramite le installazioni e le animazioni presenti, quello che sono stati i 120 anni di servizio, dedizione, poesia e di Dolce Vita, tramite tutto quello che è passato e che passerà dal Grand Hotel Bristol - afferma Riccardo Bortolotti, General Manager Grand Hotel Bristol - Una serata evento che racchiude tutti i simboli di quello che è un ensemble di Dolce Vita, un concetto timeless e placeless, il dolce vivere all’italiana».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n“\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Grand Hotel Bristol Rapallo, 120 anni tra Dolce Vita ed ospitalità italiana","post_date":"2024-06-24T11:47:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1719229655000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470014","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Trend positivo in questa prima parte dell'anno per Cathay Pacific, che registra un incremento costante a doppia cifra del numero di passeggeri trasportati. Lo scorso maggio la compagnia aerea di Hong Kong ha trasportato 1.678.532 passeggeri, con un aumento del 18,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente; il load factor è però diminuito del 4,8% all'80,3%, a fronte di un aumento degli Ask del 28% rispetto all'anno precedente.\r\n\r\nNei primi cinque mesi di quest'anno, il dato supera gli 8,8 milioni di passeggeri, con un aumento del 40,7%.\r\n\r\n«Maggio è stato, come previsto, un periodo leggermente più tranquillo per la nostra attività di viaggio rispetto ai mesi precedenti, a causa del rallentamento della domanda, in particolare sulle nostre rotte regionali - ha dichiarato Lavinia Lau, chief customer & commercial officer di Cathay Pacific -. Senza le vacanze del fine settimana lungo a Hong Kong, abbiamo registrato un calo del 4% nel numero di passeggeri rispetto ad aprile, quando le vacanze multiple hanno spinto la forte domanda leisure. Tuttavia, rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, il numero di passeggeri è aumentato del 18%.\r\n\r\nI nostri collegamenti a lungo raggio sono stati favoriti dal ritorno del traffico studentesco a Hong Kong e nella Cina continentale dal Nord America, con load factor del 90% sulle nostre rotte per gli Stati Uniti e il Canada.\r\n\r\nLa domanda di viaggi d'affari ha continuato ad essere solida, con forti vendite a Hong Kong che hanno sostenuto il traffico su alcune delle nostre rotte verso la Cina continentale, il Nord America e il Regno Unito.\r\n\r\nQuanto alle prospettive per l'intero 2024 e oltre, «abbiamo raggiunto un'altra pietra miliare nel nostro percorso di ricostruzione, in quanto nel secondo trimestre abbiamo raggiunto l'80% dei voli passeggeri che il gruppo operava prima della pandemia e rimaniamo sulla buona strada per arrivare al 100% entro il primo trimestre del 2025, mentre continuiamo ad aggiungere altri voli e destinazioni al network».\r\n\r\nIl 2024 ha visto finora l'aggiunta «di Chennai, Colombo e Barcellona al nostro network globale, mentre HK Express ha aggiunto Pechino (Daxing), Bangkok (Don Mueang), Sanya e Clark. Ad oggi le nostre compagnie aeree passeggeri volano verso più di 80 destinazioni in tutto il mondo: questo numero salirà a 90 entro il prossimo anno e tra queste ci sarà anche Riyadh, dal 28 ottobre 2024\".","post_title":"Cathay Pacific: crescita a doppia cifra per il traffico passeggeri nei primi 5 mesi 2024","post_date":"2024-06-24T10:33:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719225233000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470004","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Brussels Airlines si prepara in vista dei caldi mesi di traffico estivo: per i mesi di luglio e agosto si prevede che la compagnia aerea trasporterà più di 1,2 milioni di passeggeri. Le rotte più affollate saranno, per quel che riguarda l'Europa, quelle verso le isole di Zante, Corfù e Rodi in Grecia e Gran Canaria, Maiorca e Lanzarote in Spagna. Ma anche i viaggi in città durante l'estate sono molto richiesti ad esempio, specie verso mete dal clima leggermente più mite, come Stoccolma e Göteborg.\r\n\r\nFuori dall'Europa, molti belgi decidono di visitare gli Stati Uniti: Brussels Airlines opera voli diretti per New York Jfk e Washington DC. In collaborazione con i tour operator, anche destinazioni come Hurghada e Antalya sono molto frequentate. Grazie ad un nuovo Airbus A330 e ad un Airbus A320 in più, il network ha visto l'aggiunta delle nuove destinazioni di Nairobi e Cracovia.\r\n\r\nPer essere pronta all'estate, Brussels Airlines ha assunto altri 180 membri dell'equipaggio di cabina e 64 piloti; inoltre anche i team aeroportuali di Bruxelles sono stati rafforzati con 40 nuovi agenti di servizio ai passeggeri e, inoltre, con 70 studenti estivi a supporto del personale di terra.\r\n\r\nIl chatbot sul sito web della compagnia aerea è stato potenziato per aiutare ancora meglio i passeggeri in caso di irregolarità. Inoltre, all'interno del Gruppo Lufthansa è stato sviluppato un \"robot di pre-seduta\" che assegna i posti ai passeggeri in base agli orari delle coincidenze. Ciò significa che i passeggeri con una coincidenza stretta potranno scendere per primi dall'aeromobile, aumentando le possibilità di prendere l'aereo successivo.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Brussels Airlines: previsti oltre 1,2 mln di passeggeri tra luglio e agosto","post_date":"2024-06-24T09:42:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719222148000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469950","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dal 14 al 29 settembre 2024 torna l’edizione d’Autunno di “Ville Aperte in Brianza”, ancora più ricca di proposte, sorprese, nuove esperienze artistiche, coinvolgendo oltre 180 beni, 85 partner (tra pubblici e privati) e 5 province lombarde: Monza e Brianza, Città Metropolitana di Milano, Lecco, Como e Varese.\r\n\r\n“Trame di bellezza” è il leit motiv di quest’anno: protagoniste non solo le “ville di delizia” - le dimore di pregio costruite dal XVI al XIX secolo dalle famiglie nobiliari milanesi che in Brianza trascorrevano periodi di vacanza dedicandosi ad attività di svago - ma anche tutto quanto le circonda, musei, edifici religiosi, vie d’acqua, parchi, autentiche opere d’arte industriali, piccoli borghi e tanti altri siti culturali ricchi di bellezze nascoste.\r\n\r\nMolteplici gli eventi proposti nell’edizione autunnale.  Come “700 Marco Polo”: in occasione delle celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Marco Polo, la Provincia MB promuove attività dedicate ai temi della scoperta, del nuovo, all’incontro con l’Oriente, con laboratori educativi-didattici per bambini e famiglie. \r\n\r\nCon l’Associazione Cammino di Sant’Agostino si percorrerà una tratta lecchese del “Fiore della Rosa”, parte dell’intero Cammino; inoltre, un itinerario in bicicletta permetterà di ammirare la bellezza dei paesaggi lacustri e della biodiversità\r\n\r\n“Ville aperte in Brianza” è anche ville accessibili e sarà riproposto il progetto Senso Comune dove a fare da guide saranno alcune persone diversamente abili, che illustreranno le bellezze di ville e palazzi.\r\n\r\nInfine, l’edizione autunnale vedrà ancora una volta la collaborazione con il “Festival del Parco di Monza” con una serie di iniziative dedicate all’ecosostenibilità, all’architettura del paesaggio, insieme a visite guidate alle ville di delizia all’interno del Parco, itinerari storici dalla città al parco e itinerari naturalistici, insieme ad attività per bambini per sensibilizzarli alla tutela dell’ambiente. E poi ancora tante altre novità.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ville aperte in Brianza, edizione autunnale a settembre con 180 gioielli artistici","post_date":"2024-06-24T07:29:05+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1719214145000]}]}}

Lascia un commento