14 July 2024

1613

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Per motivi di salute
Vendo agenzia viaggio in Roma zona TUSCOLANA, licenza B, 70 mq, tre postazioni di lavoro, 20 anni di attività, ottimo affitto 1050 euro mensile, rinnovabile, possibilita di affiancamento.
Tel. 331 6503952 – 338 8094661.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469900 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Shipyard & Marina Sant’Andrea in collaborazione con i Blue Marina Awards, promossi da Assonautica Italiana-Unioncamere e ASSONAT-Confcommercio e con il RINA Ente tecnico, presentano l’evento "I Porti Turistici nella Blue Economy", che si terrà il 6 luglio 2024 al Marina Sant’Andrea, che fa parte della Rete Marina FVG Friuli Venezia Giulia. Al centro dell’incontro temi cruciali come la sostenibilità, l’innovazione, il turismo esperienziale e la valorizzazione dei territori. Si parlerà di generazione di energia pulita, di sostenibilità ambientale e di nuovi strumenti per soddisfare il turismo esperienziale, tra i temi più dibattuti e trainanti per la crescita sostenibile dei porti e approdi turistici. L’economia del Mare italiana, che vale 161 miliardi di euro (fonte XII Rapporto nazionale sull’economia del mare), rappresenta un’opportunità unica per il Paese. I Blue Marina Awards, giunti alla terza edizione mirano a valorizzare il settore dei porti turistici italiani, supportandoli verso la crescita e lo sviluppo. Questo evento è inserito in una serie di eventi lungo lo Stivale per esplorare e discutere insieme a tutti gli stakeholder come i porti turistici possono diventare catalizzatori per lo sviluppo sostenibile e generatori di benessere e ricchezza. Durante l’appuntamento saranno inoltre illustrate da parte del RINA le modalità di partecipazione alla terza edizione dei Blue Marina Awards.   [post_title] => “I porti turistici nella Blue Economy”, il 6 luglio al Marina Sant’Andrea tra sostenibilità e nuovi strumenti [post_date] => 2024-06-21T10:22:45+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718965365000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468967 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Una presenta il rinnovato Maison Roma Piazza di Spagna Una Esperienze. Dopo un’attenta operazione di renaming e restyling il piccolo boutique hotel 4 stelle di design, già Hotel Art by the Spanish Steps, propone ai propri ospiti una nuova esperienza negli spazi ricavati da un collegio religioso, dove il sacro incontra il profano, l’antico il moderno. La direttrice Francesca Fiumanò ripercorre l’operazione: "Il nome rende giustizia all’hotel per tre motivi: maison è il temine internazionale per casa e parla di un’accoglienza familiare; nell’agio e nell’eleganza i nostri ospiti trovano un’attenzione personalizzata e dedicata. L’esperienza è parte del brand, perché ogni soggiorno è un’occasione unica e irripetibile. La location, Roma Piazza di Spagna, non ha infine bisogno di presentazioni. L’albergo si trova in una posizione eccezionale: a metà strada tra piazza del Popolo e piazza di Spagna, affacciato su via Margutta, la storica via degli artisti e degli artigiani. Sin dal momento dell’arrivo i nostri ospiti apprezzano la pace e la serenità della zona, anche se è vicinissima alle attrazioni principali della città". Fiumanò è stata scelta dal gruppo per guidare questa nuova avventura “per il suo human touch e per il suo gusto e capacità di interpretare il genius loci", sottolinea l’a.d. del Gruppo Una Giorgio Marchegiani. Il Maison Roma dispone di 46 camere di diverse categorie, adatte a soddisfare le esigenze degli ospiti che scelgono il nostro hotel per una vacanza da soli o con la famiglia, ma anche per un soggiorno di lavoro. La hall, un tempo la cappella dell’istituto, viene utilizzata per molteplici scopi: dai cocktail conviviali proposti dal bar Margutta agli interessanti workshop organizzati dall’associazione Botteghiamo per scoprire le arti antiche, come la pittura con l’oro. Ogni mattina Maison Roma si concentra sul momento della colazione, richiamando il concetto di casa. "Una delle caratteristiche della nostra compagnia è il sottolineare l’importanza dei prodotti autentici, come i dolci appena sfornati dalla nostra cuoca - aggiunge Francesca Fiumanò -. La struttura offre poi una bellissima corte che può ospitare colazioni, aperitivi ed eventi di ogni genere e anche uno spazio meeting non convenzionale adatto a piccole riunioni». "Con il Maison Roma sono diventati quattro gli hotel del nostro gruppo nella capitale - riprende Marchegiani -. Fino al 2021 avevamo solo il Decò, vicino alla stazione Termini, quindi sono stati inseriti l'Art (oggi appunto Maison Roma), l’Empire (dietro a Via Veneto) e nel 2022 è stato aperto l’hotel di Trastevere, con la sua splendida terrazza. Roma è una città molto importante per noi, così come per il turismo italiano. Grazie alla posizione dei nostri hotel vogliamo portare valori come il legame con il territorio accogliendo nei diversi rioni del centro storico i turisti italiani e quelli stranieri, che rappresentano circa la metà del flusso turistico. Roma è un pezzetto del Gruppo Una, oggi composto da 53 strutture esclusivamente in Italia: 34 gestite direttamente da noi e 19 in franchising, a cui presto se ne aggiungeranno altre due: una a Siracusa, vicino al castello Maniace, l’apertura è prevista tra qualche settimana, l’altra vicino a Matera. Con le nostre 5.800 camere siamo la più grande catena di hotellerie italiana per dimensione. Nel 2023 abbiamo registrato un fatturato di 208 milioni di euro, con un utile netto di 25 milioni". [gallery ids="468968,468976,468975,468973,468971,468970"] [post_title] => Una Esperienze: dal restyling dell'Art nasce il nuovo Maison Roma [post_date] => 2024-06-06T13:27:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717680455000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468993 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_468995" align="alignleft" width="300"] Massimo D'Eredità[/caption] Conservazione, comunità, commercio. Sono le 3 C su cui poggia l'offerta africana del Diamante. "Il nostro to ha dal 1982 come missione lo sviluppo del turismo in Africa, seguendo coordinate rispettose dell’ambiente e delle persone - ha raccontato nelle serata milanese organizzata dal to del gruppo Quality il general manager Massimo D'Eredità -. La passione, la conoscenza diretta, gli investimenti continui, i valori aziendali hanno portato alle performance positive. Dalla proprietà ai product manager nella sede torinese, fino agli staff africani, tutti sono consapevoli che dietro la commercializzazione siano imprescindibili un atteggiamento di sensibilità verso l’ambiente, il legame con le comunità, l’attenzione allo sviluppo culturale e sociale legato allo scambio con il turismo". Coerentemente con tale visione, Il Diamante ha quindi investito prima nella conservazione di intere aree e successivamente nella costruzione di glamping e campi di proprietà. Una conservazione attiva, dunque, come la dotazione di equipaggiamenti alle unità ranger anti bracconaggio in Namibia, Sudafrica e Botswana. Ma anche una conservazione e una tutela che passa dall'energia pulita, grazie all’installazione di pannelli solari nelle proprietà e ai fuoristrada elettrici per i fotosafari. Il tutto accompagnato, non da ultimo, dall’accantonamento di una green fee per sostenere gli stessi progetti. Relativamente alle comunità, l'operatore torinese ha inoltre plasmato intorno al supporto delle popolazioni più bisognose programmi di viaggio e investimenti per realizzare lodge e glamping. In Namibia, il personale del glamping in Damaraland è rimasto tutelato anche durante lo stop legato alla pandemia e nel Mdluli Safari Lodge, dove nel 2023 hanno soggiornato oltre 1.200 italiani, 95 membri dello staff su 110 sono donne. Oltre a garantire lavoro e dignità sociale, Il Diamante agisce sulla scolarizzazione delle generazioni future, sostenendo il futuro di oltre 600 bambini; in Sudafrica la scuola primaria di Makoko è stata riparata, è stata creata un’aula informatica e rifornita la cucina per garantire un vero pasto quotidiano. In Namibia la piccola scuola sul fiume Ugab, con 40 bambini di cui molti orfani, può contare sull’erogazione regolare di pasti caldi. In Botswana è stato acquisito un terzo minivan da adibire al progetto Elephant Express, per condurre in sicurezza alla scuola i bambini dei villaggi periferici della zona nord del delta dell’Okavango, che avevano rinunciato a frequentare perché la presenza degli elefanti lungo le strade ha in passato creato vittime e conflitti. Parlando di commercializzazione, infine, il responsabile sviluppo progetti speciali in Africa, Davide Bomben, figlio dei fondatori del Diamante, sottolinea che l'attività di vendita rappresenta la chiave per sostenere tutti questi progetti di sviluppo. I viaggi esperienziali, veicolati attraverso la rete di agenzie di viaggio che individuano in Quality Group il partner ideale a cui affidare i propri clienti, si trasformano infatti in risorse anche per i territori; “Sentiamo di fare la differenza. Ci occupiamo della formazione delle guide locali, di garantire posti di lavoro, di non sfruttare le risorse del territorio, e parallelamente di offrire a chi ci sceglie dall’Italia esperienze che siano un valore aggiunto. Se i viaggiatori toccano con mano le nostre iniziative, si tratti di entrare in un orfanotrofio o di ammirare gli arredi scolpiti dagli artigiani locali, diventano più consapevoli. Il nostro progetto è ora di creare un quinto lodge: dopo i tre in Namibia e uno in Sudafrica, puntiamo a un glamping nel delta dell’Okavango in Botswana”. [post_title] => Conservazione, comunità, commercio: le 3 C dell'offerta africana del Diamante. [post_date] => 2024-06-06T13:10:14+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717679414000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468994 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'estate 2024 di Kenya Airways prevede collegamenti su Nairobi da tra città europee, con voli giornalieri da Amsterdam, Parigi e Londra; nel picco della summer, i voli da Parigi saliranno a 9 settimanali (5 luglio-30 agosto). Dall’Italia è possibile raggiungere questi hub europei grazie agli accordi di codeshare con Air France, Klm e Ita Airways. Dall'hub di Nairobi - Terminal 1A - la compagnia aerea vola verso 46 destinazioni in tutto il mondo, 38 delle quali sono in Africa, incluso Malindi, una delle destinazioni preferite dai passeggeri italiani, e trasporta oltre 4 milioni di passeggeri all'anno. Recentemente il vettore ha ampliato in modo significativo il proprio network (ad esempio con i collegamenti per Eldoret, Mogadiscio e Maputo) ed è membro dell'alleanza SkyTeam, una rete globale di compagnie aeree che servono oltre 1000 destinazioni tra loro.  La flotta include aeromobili Boeing wide-body, tra cui il B787 Dreamliner, B737 800 ed Embraer E190 per voli a corto e medio raggio. La compagnia offre un rinomato servizio di bordo e la sua poltrona di business class, completamente reclinabile, disponibile sugli aeromobili wide-body, è costantemente votata tra le prime dieci al mondo. Nel 2023, per il quinto anno consecutivo, Kenya Airways è stata premiata come Africa’s Leading Airline per la classe economica. Grande l'attenzione alle pratiche sostenibili, con priorità ai fattori ambientali, sociali e di governance: gli obiettivi chiave sono quelli che mirano a proteggere l’ambiente, garantire sicurezza e protezione per i propri clienti e adempiere alle responsabilità sociali nei confronti delle proprie comunità in modo sostenibile (q.f.) [post_title] => Kenya Airways: l'operativo europeo della summer potenzia le frequenze da Parigi [post_date] => 2024-06-06T13:07:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717679240000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468128 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova partnership per Emirates che questa volta ha siglato un accordo di interlinea con Viva Aerobus per migliorare la connettività dei passeggeri che viaggiano in Messico. L'intesa aumenterà l'accesso a una serie di destinazioni nel Paese centroamericano, consentendo ai passeggeri di Emirates di viaggiare da Città del Messico verso 21 scali domestici, con i vantaggi di volare con entrambe le compagnie aeree con un unico biglietto. L'accordo di interlinea sblocca anche un maggior numero di rotte internazionali per i clienti del vettore di Dubai, fornendo 20 comode opzioni di volo che collegano sei punti in Messico e alcune città americane. I viaggiatori che prenotano voli da Dubai a Città del Messico possono scegliere di volare verso altre 21 destinazioni nazionali come Acapulco, Cancun, Guadalajara e Monterrey, per citarne alcune. Il network parte dell'accordo comprende anche voli diretti dagli Stati Uniti, tra cui Chicago, Dallas, Houston, Los Angeles, Orlando e Miami, verso destinazioni messicane selezionate. Inoltre, i viaggiatori di Città del Messico possono comodamente volare direttamente a Chicago, Houston, Los Angeles, Las Vegas, New York JFK o San Antonio. Emirates ha lanciato i suoi servizi per Città del Messico nel 2019 e attualmente la compagnia aerea offre voli giornalieri per la capitale messicana via Barcellona, utilizzando il Boeing 777-200Lr. Ad oggi il vettore conta accordi di cooperazione commerciale con 161 partner interline, codeshare e intermodali.   [post_title] => Emirates: decolla l'accordo di interlinea con la messicana Viva Aerobus [post_date] => 2024-05-27T10:11:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716804693000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467882 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates ha siglato un nuovo codeshare con Avianca grazie al quale i passeggeri da Madrid, Barcellona o Londra Heathrow, potranno volare direttamente verso tre aeroporti in Colombia e godere di una connettività senza interruzioni. I voli in codeshare includono Madrid per Bogotá, Medellin o Cali; Barcellona per Bogotá e Londra Heathrow per Bogotá.   I biglietti sono già in vendita, con voli in codeshare a partire dal prossimo 4 giugno. Avianca inserirà il proprio codice sulle rotte operate da Emirates, tra Barcellona, Madrid o Londra Heathrow e Dubai. «L'accordo di codeshare ci permetterà di espandere la nostra portata e di consentire ai nostri clienti di utilizzare i nostri servizi e di volare verso ulteriori località in Colombia - ha dichiarato Adnan Kazim, vicepresidente e chief commercial officer del vettore di Dubai -. Siamo inoltre lieti di offrire ai clienti di Avianca collegamenti attraverso Madrid e Barcellona in Spagna e a Londra Heathrow da e per il nostro hub di Dubai, oltre ad altri vantaggi come un’unica politica per il bagaglio e una connettività senza interruzioni. Siamo ansiosi di sviluppare ulteriormente questo rapporto e di introdurre in futuro ulteriori vantaggi a valore aggiunto che saranno percepiti dai clienti di entrambe le compagnie aeree». Attualmente Emirates detiene accordi di cooperazione commerciale con 161 partner di interlinea, codeshare e intermodali. [post_title] => Emirates: codeshare con Avianca dal 4 giugno, attraverso i gateway europei [post_date] => 2024-05-23T09:39:44+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716457184000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467540 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Vueling torna in Israele e, a cominciare dalla terza settimana di giugno, ripristinerà le rotte da Barcellona a Tel Aviv. Nello specifico, a partire dal 22 giugno i passeggeri potranno viaggiare verso la città israeliana dall'aeroporto Josep Tarradellas di Barcellona-El Prat, con quattro frequenze settimanali. I voli saranno operati il lunedì, mercoledì, giovedì e sabato. [post_title] => Vueling ripristinerà il 22 giugno la rotta da Barcellona a Tel Aviv [post_date] => 2024-05-16T13:37:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715866679000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467534 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Inizio 2024 con crescita a doppia cifra per Dubai: l'emirato rinsalda la propria posizione tra le principali destinazioni turistiche al mondo, grazie anche alle numerose novità che interessano il settore dell'ospitalità e dell'intrattenimento, che contribuiscono a consolidarne ulteriormente l’attrattiva. I dati rilevati dal Dubai’s Department of Economy and Tourism mostrano come Dubai abbia accolto, nel primo trimestre dell'anno, 5,18 milioni di visitatori internazionali, pari ad un aumento dell'11% rispetto ai 4,67 milioni di turisti dello stesso periodo nel 2023. Dopo un 2023 colmo di traguardi che ha visto Dubai raggiungere il record di 17,15 milioni di visitatori internazionali, l'industria turistica della città, guidata dalla visione di Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e Governatore di Dubai, sta cavalcando l’onda del trend positivo nel primo trimestre dell'anno. Questa crescita si allinea anche agli ambiziosi obiettivi dell'Agenda Economica di Dubai, D33, per consolidare ulteriormente lo status di Dubai come una delle principali città globali per il business e il tempo libero. del Dubai’s Department of Economy and Tourism(DET), ha dichiarato: "Il continuo successo da record di visitatori dell'emirato dimostra l'impegno costante nel perseguire i nostri obiettivi a lungo termine dell'Agenda D33, e rafforza ulteriormente il ruolo centrale che il settore turistico e dell'ospitalità svolgono nel promuovere la crescita positiva di Dubai - ha commentato Helal Saeed Almarri, direttore generale del Det -. Oltre al nostro ecosistema turistico ad alte prestazioni, questi dati sono anche spinti dall'aumento del numero di imprese internazionali che si stabiliscono qui, dalle aziende esistenti che ampliano le linee di business e la loro presenza commerciale a Dubai, da un settore Mice molto attivo e da un afflusso di nuovi talenti che si trasferiscono nella città, dimostrando l'ampio e sinergico impatto di una D33 economica ben riuscita e calibrata." [post_title] => Dubai avanti tutta nel primo trimestre con 5,18 milioni di arrivi internazionali, +11% [post_date] => 2024-05-16T13:05:47+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715864747000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467482 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Doppia operazione per la private equity francese Extendam, che acquisisce i Sofitel Roma Villa Borghese e Lisbon Liberdade, inaugurando in questo modo una nuova partnership con il brand di casa Accor. L'operazione capitolina è stata in particolare finanziata tramite un prestito green emesso dal team milanese di Crédit Agricole Corporate Investment. Come asset manager della struttura capitolina è stata inoltre nominata Ring a Bell Hospitality. Ricavato dalla conversione di un palazzo del diciannovesimo secolo, il Villa Borghese è situato in una zona centrale della città e include 78 camere, un ristorante da 60 posti, un roof terrace, fitness centre e meeting room. L'albergo sarà ora sottoposto a una serie di lavori per migliorarne l'efficienza energetica e ambientale. Il Sofitel di Lisbona offre invece 163 camere, ristorante, bar, ambienti per banchetti, spazio fitness e aree meeting ed eventi. Sarà sottoposto a un intervento di restyling riguardante le camere, che prevede l'incremento del numero di suite a disposizione degli ospiti, nonché la creazione di una spa. Il deal è stato condotto in collaborazione con Dg Invest, partner di lunga data di Extendam, che sarà pure l'asset manager dell'hotel. Anche in questo caso l'investimento è stato finanziato tramite un prestito green, rilasciato da Caixa Bank e BoncoBpl. Non sono stati rivelati ulteriori dettagli delle due transazioni. Le due operazioni rappresentano i primi investimenti di Extendam a Roma e Lisbona. [post_title] => I francesi di Extendam acquisiscono i Sofitel Rome Villa Borghese e Lisbon Liberdade [post_date] => 2024-05-16T11:32:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715859157000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1613" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":135,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469900","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Shipyard & Marina Sant’Andrea in collaborazione con i Blue Marina Awards, promossi da Assonautica Italiana-Unioncamere e ASSONAT-Confcommercio e con il RINA Ente tecnico, presentano l’evento \"I Porti Turistici nella Blue Economy\", che si terrà il 6 luglio 2024 al Marina Sant’Andrea, che fa parte della Rete Marina FVG Friuli Venezia Giulia.\r\n\r\nAl centro dell’incontro temi cruciali come la sostenibilità, l’innovazione, il turismo esperienziale e la valorizzazione dei territori. Si parlerà di generazione di energia pulita, di sostenibilità ambientale e di nuovi strumenti per soddisfare il turismo esperienziale, tra i temi più dibattuti e trainanti per la crescita sostenibile dei porti e approdi turistici.\r\n\r\nL’economia del Mare italiana, che vale 161 miliardi di euro (fonte XII Rapporto nazionale sull’economia del mare), rappresenta un’opportunità unica per il Paese. I Blue Marina Awards, giunti alla terza edizione mirano a valorizzare il settore dei porti turistici italiani, supportandoli verso la crescita e lo sviluppo.\r\n\r\nQuesto evento è inserito in una serie di eventi lungo lo Stivale per esplorare e discutere insieme a tutti gli stakeholder come i porti turistici possono diventare catalizzatori per lo sviluppo sostenibile e generatori di benessere e ricchezza.\r\n\r\nDurante l’appuntamento saranno inoltre illustrate da parte del RINA le modalità di partecipazione alla terza edizione dei Blue Marina Awards.\r\n\r\n ","post_title":"“I porti turistici nella Blue Economy”, il 6 luglio al Marina Sant’Andrea tra sostenibilità e nuovi strumenti","post_date":"2024-06-21T10:22:45+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718965365000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468967","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Gruppo Una presenta il rinnovato Maison Roma Piazza di Spagna Una Esperienze. Dopo un’attenta operazione di renaming e restyling il piccolo boutique hotel 4 stelle di design, già Hotel Art by the Spanish Steps, propone ai propri ospiti una nuova esperienza negli spazi ricavati da un collegio religioso, dove il sacro incontra il profano, l’antico il moderno.\r\n\r\nLa direttrice Francesca Fiumanò ripercorre l’operazione: \"Il nome rende giustizia all’hotel per tre motivi: maison è il temine internazionale per casa e parla di un’accoglienza familiare; nell’agio e nell’eleganza i nostri ospiti trovano un’attenzione personalizzata e dedicata. L’esperienza è parte del brand, perché ogni soggiorno è un’occasione unica e irripetibile. La location, Roma Piazza di Spagna, non ha infine bisogno di presentazioni. L’albergo si trova in una posizione eccezionale: a metà strada tra piazza del Popolo e piazza di Spagna, affacciato su via Margutta, la storica via degli artisti e degli artigiani. Sin dal momento dell’arrivo i nostri ospiti apprezzano la pace e la serenità della zona, anche se è vicinissima alle attrazioni principali della città\".\r\n\r\nFiumanò è stata scelta dal gruppo per guidare questa nuova avventura “per il suo human touch e per il suo gusto e capacità di interpretare il genius loci\", sottolinea l’a.d. del Gruppo Una Giorgio Marchegiani. Il Maison Roma dispone di 46 camere di diverse categorie, adatte a soddisfare le esigenze degli ospiti che scelgono il nostro hotel per una vacanza da soli o con la famiglia, ma anche per un soggiorno di lavoro. La hall, un tempo la cappella dell’istituto, viene utilizzata per molteplici scopi: dai cocktail conviviali proposti dal bar Margutta agli interessanti workshop organizzati dall’associazione Botteghiamo per scoprire le arti antiche, come la pittura con l’oro. Ogni mattina Maison Roma si concentra sul momento della colazione, richiamando il concetto di casa.\r\n\r\n\"Una delle caratteristiche della nostra compagnia è il sottolineare l’importanza dei prodotti autentici, come i dolci appena sfornati dalla nostra cuoca - aggiunge Francesca Fiumanò -. La struttura offre poi una bellissima corte che può ospitare colazioni, aperitivi ed eventi di ogni genere e anche uno spazio meeting non convenzionale adatto a piccole riunioni».\r\n\r\n\"Con il Maison Roma sono diventati quattro gli hotel del nostro gruppo nella capitale - riprende Marchegiani -. Fino al 2021 avevamo solo il Decò, vicino alla stazione Termini, quindi sono stati inseriti l'Art (oggi appunto Maison Roma), l’Empire (dietro a Via Veneto) e nel 2022 è stato aperto l’hotel di Trastevere, con la sua splendida terrazza. Roma è una città molto importante per noi, così come per il turismo italiano. Grazie alla posizione dei nostri hotel vogliamo portare valori come il legame con il territorio accogliendo nei diversi rioni del centro storico i turisti italiani e quelli stranieri, che rappresentano circa la metà del flusso turistico. Roma è un pezzetto del Gruppo Una, oggi composto da 53 strutture esclusivamente in Italia: 34 gestite direttamente da noi e 19 in franchising, a cui presto se ne aggiungeranno altre due: una a Siracusa, vicino al castello Maniace, l’apertura è prevista tra qualche settimana, l’altra vicino a Matera. Con le nostre 5.800 camere siamo la più grande catena di hotellerie italiana per dimensione. Nel 2023 abbiamo registrato un fatturato di 208 milioni di euro, con un utile netto di 25 milioni\".\r\n\r\n[gallery ids=\"468968,468976,468975,468973,468971,468970\"]","post_title":"Una Esperienze: dal restyling dell'Art nasce il nuovo Maison Roma","post_date":"2024-06-06T13:27:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717680455000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468993","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_468995\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Massimo D'Eredità[/caption]\r\n\r\nConservazione, comunità, commercio. Sono le 3 C su cui poggia l'offerta africana del Diamante. \"Il nostro to ha dal 1982 come missione lo sviluppo del turismo in Africa, seguendo coordinate rispettose dell’ambiente e delle persone - ha raccontato nelle serata milanese organizzata dal to del gruppo Quality il general manager Massimo D'Eredità -. La passione, la conoscenza diretta, gli investimenti continui, i valori aziendali hanno portato alle performance positive. Dalla proprietà ai product manager nella sede torinese, fino agli staff africani, tutti sono consapevoli che dietro la commercializzazione siano imprescindibili un atteggiamento di sensibilità verso l’ambiente, il legame con le comunità, l’attenzione allo sviluppo culturale e sociale legato allo scambio con il turismo\".\r\n\r\nCoerentemente con tale visione, Il Diamante ha quindi investito prima nella conservazione di intere aree e successivamente nella costruzione di glamping e campi di proprietà. Una conservazione attiva, dunque, come la dotazione di equipaggiamenti alle unità ranger anti bracconaggio in Namibia, Sudafrica e Botswana. Ma anche una conservazione e una tutela che passa dall'energia pulita, grazie all’installazione di pannelli solari nelle proprietà e ai fuoristrada elettrici per i fotosafari. Il tutto accompagnato, non da ultimo, dall’accantonamento di una green fee per sostenere gli stessi progetti.\r\n\r\nRelativamente alle comunità, l'operatore torinese ha inoltre plasmato intorno al supporto delle popolazioni più bisognose programmi di viaggio e investimenti per realizzare lodge e glamping. In Namibia, il personale del glamping in Damaraland è rimasto tutelato anche durante lo stop legato alla pandemia e nel Mdluli Safari Lodge, dove nel 2023 hanno soggiornato oltre 1.200 italiani, 95 membri dello staff su 110 sono donne. Oltre a garantire lavoro e dignità sociale, Il Diamante agisce sulla scolarizzazione delle generazioni future, sostenendo il futuro di oltre 600 bambini; in Sudafrica la scuola primaria di Makoko è stata riparata, è stata creata un’aula informatica e rifornita la cucina per garantire un vero pasto quotidiano. In Namibia la piccola scuola sul fiume Ugab, con 40 bambini di cui molti orfani, può contare sull’erogazione regolare di pasti caldi. In Botswana è stato acquisito un terzo minivan da adibire al progetto Elephant Express, per condurre in sicurezza alla scuola i bambini dei villaggi periferici della zona nord del delta dell’Okavango, che avevano rinunciato a frequentare perché la presenza degli elefanti lungo le strade ha in passato creato vittime e conflitti.\r\n\r\nParlando di commercializzazione, infine, il responsabile sviluppo progetti speciali in Africa, Davide Bomben, figlio dei fondatori del Diamante, sottolinea che l'attività di vendita rappresenta la chiave per sostenere tutti questi progetti di sviluppo. I viaggi esperienziali, veicolati attraverso la rete di agenzie di viaggio che individuano in Quality Group il partner ideale a cui affidare i propri clienti, si trasformano infatti in risorse anche per i territori; “Sentiamo di fare la differenza. Ci occupiamo della formazione delle guide locali, di garantire posti di lavoro, di non sfruttare le risorse del territorio, e parallelamente di offrire a chi ci sceglie dall’Italia esperienze che siano un valore aggiunto. Se i viaggiatori toccano con mano le nostre iniziative, si tratti di entrare in un orfanotrofio o di ammirare gli arredi scolpiti dagli artigiani locali, diventano più consapevoli. Il nostro progetto è ora di creare un quinto lodge: dopo i tre in Namibia e uno in Sudafrica, puntiamo a un glamping nel delta dell’Okavango in Botswana”.","post_title":"Conservazione, comunità, commercio: le 3 C dell'offerta africana del Diamante.","post_date":"2024-06-06T13:10:14+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1717679414000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468994","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'estate 2024 di Kenya Airways prevede collegamenti su Nairobi da tra città europee, con voli giornalieri da Amsterdam, Parigi e Londra; nel picco della summer, i voli da Parigi saliranno a 9 settimanali (5 luglio-30 agosto). Dall’Italia è possibile raggiungere questi hub europei grazie agli accordi di codeshare con Air France, Klm e Ita Airways.\r\nDall'hub di Nairobi - Terminal 1A - la compagnia aerea vola verso 46 destinazioni in tutto il mondo, 38 delle quali sono in Africa, incluso Malindi, una delle destinazioni preferite dai passeggeri italiani, e trasporta oltre 4 milioni di passeggeri all'anno. Recentemente il vettore ha ampliato in modo significativo il proprio network (ad esempio con i collegamenti per Eldoret, Mogadiscio e Maputo) ed è membro dell'alleanza SkyTeam, una rete globale di compagnie aeree che servono oltre 1000 destinazioni tra loro. \r\nLa flotta include aeromobili Boeing wide-body, tra cui il B787 Dreamliner, B737 800 ed Embraer E190 per voli a corto e medio raggio. La compagnia offre un rinomato servizio di bordo e la sua poltrona di business class, completamente reclinabile, disponibile sugli aeromobili wide-body, è costantemente votata tra le prime dieci al mondo. Nel 2023, per il quinto anno consecutivo, Kenya Airways è stata premiata come Africa’s Leading Airline per la classe economica.\r\nGrande l'attenzione alle pratiche sostenibili, con priorità ai fattori ambientali, sociali e di governance: gli obiettivi chiave sono quelli che mirano a proteggere l’ambiente, garantire sicurezza e protezione per i propri clienti e adempiere alle responsabilità sociali nei confronti delle proprie comunità in modo sostenibile (q.f.)","post_title":"Kenya Airways: l'operativo europeo della summer potenzia le frequenze da Parigi","post_date":"2024-06-06T13:07:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1717679240000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468128","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova partnership per Emirates che questa volta ha siglato un accordo di interlinea con Viva Aerobus per migliorare la connettività dei passeggeri che viaggiano in Messico. L'intesa aumenterà l'accesso a una serie di destinazioni nel Paese centroamericano, consentendo ai passeggeri di Emirates di viaggiare da Città del Messico verso 21 scali domestici, con i vantaggi di volare con entrambe le compagnie aeree con un unico biglietto.\r\n\r\nL'accordo di interlinea sblocca anche un maggior numero di rotte internazionali per i clienti del vettore di Dubai, fornendo 20 comode opzioni di volo che collegano sei punti in Messico e alcune città americane.\r\n\r\nI viaggiatori che prenotano voli da Dubai a Città del Messico possono scegliere di volare verso altre 21 destinazioni nazionali come Acapulco, Cancun, Guadalajara e Monterrey, per citarne alcune. Il network parte dell'accordo comprende anche voli diretti dagli Stati Uniti, tra cui Chicago, Dallas, Houston, Los Angeles, Orlando e Miami, verso destinazioni messicane selezionate. Inoltre, i viaggiatori di Città del Messico possono comodamente volare direttamente a Chicago, Houston, Los Angeles, Las Vegas, New York JFK o San Antonio.\r\n\r\nEmirates ha lanciato i suoi servizi per Città del Messico nel 2019 e attualmente la compagnia aerea offre voli giornalieri per la capitale messicana via Barcellona, utilizzando il Boeing 777-200Lr.\r\n\r\nAd oggi il vettore conta accordi di cooperazione commerciale con 161 partner interline, codeshare e intermodali.\r\n\r\n ","post_title":"Emirates: decolla l'accordo di interlinea con la messicana Viva Aerobus","post_date":"2024-05-27T10:11:33+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716804693000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467882","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emirates ha siglato un nuovo codeshare con Avianca grazie al quale i passeggeri da Madrid, Barcellona o Londra Heathrow, potranno volare direttamente verso tre aeroporti in Colombia e godere di una connettività senza interruzioni. I voli in codeshare includono Madrid per Bogotá, Medellin o Cali; Barcellona per Bogotá e Londra Heathrow per Bogotá.  \r\nI biglietti sono già in vendita, con voli in codeshare a partire dal prossimo 4 giugno. Avianca inserirà il proprio codice sulle rotte operate da Emirates, tra Barcellona, Madrid o Londra Heathrow e Dubai.\r\n«L'accordo di codeshare ci permetterà di espandere la nostra portata e di consentire ai nostri clienti di utilizzare i nostri servizi e di volare verso ulteriori località in Colombia - ha dichiarato Adnan Kazim, vicepresidente e chief commercial officer del vettore di Dubai -. Siamo inoltre lieti di offrire ai clienti di Avianca collegamenti attraverso Madrid e Barcellona in Spagna e a Londra Heathrow da e per il nostro hub di Dubai, oltre ad altri vantaggi come un’unica politica per il bagaglio e una connettività senza interruzioni. Siamo ansiosi di sviluppare ulteriormente questo rapporto e di introdurre in futuro ulteriori vantaggi a valore aggiunto che saranno percepiti dai clienti di entrambe le compagnie aeree».\r\n\r\nAttualmente Emirates detiene accordi di cooperazione commerciale con 161 partner di interlinea, codeshare e intermodali.","post_title":"Emirates: codeshare con Avianca dal 4 giugno, attraverso i gateway europei","post_date":"2024-05-23T09:39:44+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716457184000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467540","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Vueling torna in Israele e, a cominciare dalla terza settimana di giugno, ripristinerà le rotte da Barcellona a Tel Aviv.\r\n\r\nNello specifico, a partire dal 22 giugno i passeggeri potranno viaggiare verso la città israeliana dall'aeroporto Josep Tarradellas di Barcellona-El Prat, con quattro frequenze settimanali. I voli saranno operati il lunedì, mercoledì, giovedì e sabato.","post_title":"Vueling ripristinerà il 22 giugno la rotta da Barcellona a Tel Aviv","post_date":"2024-05-16T13:37:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1715866679000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467534","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Inizio 2024 con crescita a doppia cifra per Dubai: l'emirato rinsalda la propria posizione tra le principali destinazioni turistiche al mondo, grazie anche alle numerose novità che interessano il settore dell'ospitalità e dell'intrattenimento, che contribuiscono a consolidarne ulteriormente l’attrattiva.\r\nI dati rilevati dal Dubai’s Department of Economy and Tourism mostrano come Dubai abbia accolto, nel primo trimestre dell'anno, 5,18 milioni di visitatori internazionali, pari ad un aumento dell'11% rispetto ai 4,67 milioni di turisti dello stesso periodo nel 2023.\r\nDopo un 2023 colmo di traguardi che ha visto Dubai raggiungere il record di 17,15 milioni di visitatori internazionali, l'industria turistica della città, guidata dalla visione di Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e Governatore di Dubai, sta cavalcando l’onda del trend positivo nel primo trimestre dell'anno. Questa crescita si allinea anche agli ambiziosi obiettivi dell'Agenda Economica di Dubai, D33, per consolidare ulteriormente lo status di Dubai come una delle principali città globali per il business e il tempo libero.\r\ndel Dubai’s Department of Economy and Tourism(DET), ha dichiarato: \"Il continuo successo da record di visitatori dell'emirato dimostra l'impegno costante nel perseguire i nostri obiettivi a lungo termine dell'Agenda D33, e rafforza ulteriormente il ruolo centrale che il settore turistico e dell'ospitalità svolgono nel promuovere la crescita positiva di Dubai - ha commentato Helal Saeed Almarri, direttore generale del Det -. Oltre al nostro ecosistema turistico ad alte prestazioni, questi dati sono anche spinti dall'aumento del numero di imprese internazionali che si stabiliscono qui, dalle aziende esistenti che ampliano le linee di business e la loro presenza commerciale a Dubai, da un settore Mice molto attivo e da un afflusso di nuovi talenti che si trasferiscono nella città, dimostrando l'ampio e sinergico impatto di una D33 economica ben riuscita e calibrata.\"","post_title":"Dubai avanti tutta nel primo trimestre con 5,18 milioni di arrivi internazionali, +11%","post_date":"2024-05-16T13:05:47+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1715864747000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467482","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Doppia operazione per la private equity francese Extendam, che acquisisce i Sofitel Roma Villa Borghese e Lisbon Liberdade, inaugurando in questo modo una nuova partnership con il brand di casa Accor. L'operazione capitolina è stata in particolare finanziata tramite un prestito green emesso dal team milanese di Crédit Agricole Corporate Investment. Come asset manager della struttura capitolina è stata inoltre nominata Ring a Bell Hospitality. Ricavato dalla conversione di un palazzo del diciannovesimo secolo, il Villa Borghese è situato in una zona centrale della città e include 78 camere, un ristorante da 60 posti, un roof terrace, fitness centre e meeting room. L'albergo sarà ora sottoposto a una serie di lavori per migliorarne l'efficienza energetica e ambientale.\r\n\r\nIl Sofitel di Lisbona offre invece 163 camere, ristorante, bar, ambienti per banchetti, spazio fitness e aree meeting ed eventi. Sarà sottoposto a un intervento di restyling riguardante le camere, che prevede l'incremento del numero di suite a disposizione degli ospiti, nonché la creazione di una spa. Il deal è stato condotto in collaborazione con Dg Invest, partner di lunga data di Extendam, che sarà pure l'asset manager dell'hotel. Anche in questo caso l'investimento è stato finanziato tramite un prestito green, rilasciato da Caixa Bank e BoncoBpl. Non sono stati rivelati ulteriori dettagli delle due transazioni. Le due operazioni rappresentano i primi investimenti di Extendam a Roma e Lisbona.","post_title":"I francesi di Extendam acquisiscono i Sofitel Rome Villa Borghese e Lisbon Liberdade","post_date":"2024-05-16T11:32:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715859157000]}]}}

Lascia un commento