1 March 2024

Assohotel: la mancata proroga della cig obbliga ai licenziamenti

[ 0 ]

Nicola Scolamacchia

«I licenziamenti sono già partiti. Nei primi venti giorni del 2022 siamo venuti a conoscenza diretta di oltre 300 casi di dipendenti degli alberghi italiani che hanno ricevuto la lettera di licenziamento. Un vero e proprio dramma sociale per un settore in profonda crisi a causa dell’emergenza Covid». Così Nicola Scolamacchia, vice presidente vicario di Assohotel Confesercenti. 

«Le imprese del comparto alberghiero stanno cercando in tutti i modi di tenere personale prezioso per garantire servizi di qualità, aspettando provvedimenti da parte del Governo. Purtroppo, non è arrivata la proroga della Cassa Covid-19 e le misure proposte sul fronte degli ammortizzatori sociali sono assolutamente insufficienti per arginare la crisi che sta nuovamente travolgendo l’intero sistema ricettivo. Chi ha licenziato non ha avuto alternative, tra la ripartenza dei mutui, la pressione delle banche e le stanze vuote”» 

«Il licenziamento è un ultimo atto da cui non si torna indietro. Le imprese sono costrette a chiudere i rapporti lavorativi con personale formato e qualificato, destrutturando ulteriormente il settore e minandone la capacità di ripartenza. Gli albergatori che resistono devono continuare a fare i conti con scadenze e imposte, come il pagamento del Canone Rai previsto per fine gennaio e l’Imu, sulle quali non si è intervenuto in alcun modo». 

«Bene il credito d’imposta per le locazioni ma il bicchiere non ci sembra quello mezzo pieno annunciato dal ministro del turismo Garavaglia. I licenziamenti non potranno che proseguire, così si spinge il settore verso una crisi industriale che evidentemente non viene percepita nella sua gravità. Ci appelliamo al Governo e al Parlamento: è necessario intervenire con più vigore, con misure che consentano di limitare i danni enormi subiti e quantomeno di traghettare le imprese lungo questa nuova fase critica». 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462260 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alpitour lo aveva scritto nero su bianco con il contratto dell'anno scorso: le agenzie di viaggi non iscritte all'Adv-Overview di Astoi Confindustria Viaggi entro la fine del mese di marzo 2023 non avrebbero più potuto collaborare con il gruppo: "Alpitour World ritiene centrale il progetto lanciato dall’associazione di categoria finalizzato a individuare le realtà agenziali dotate di tutte le caratteristiche richieste dalla normativa italiana per lavorare nel pieno della legalità, anche a tutela dei clienti", aveva dichiarato a novembre 2022 il direttore commerciale tour operating, Alessandro Seghi. Ed è così che oggi, nonostante una proroga concessa fino al 31 ottobre, circa 400 codici sono stati effettivamente "sospesi e non più riaperti", rivela lo stesso Seghi. La mossa giunge peraltro in contemporanea alla serie di campagne trimestrali di incentivazione alla vendita introdotte proprio con il contratto One l'anno scorso e confermate anche per il 2023-2024: "Dallo scorso 1° febbraio sono in particolare attive alcune iniziative distinte: una sull'estate del mare Italia, per le vendite effettuate sino al 30 aprile, relative a partenze in programma da maggio in avanti. Un'altra riguarda invece le prenotazioni e i viaggi, effettuati sempre sino a fine april,e per i brand Bravo, Alpitour, Francorosso ed Eden. Una terza incentivazione è poi dedicata alle partenze Turisanda entro il prossimo 31 ottobre. A tutto ciò si affianca inoltre una promozione ad hoc legata alla campagna omni-channel di Eden e riservata a chi prenota i pacchetti volo più soggiorno di questo brand (fino al 29 febbraio, ndr)". Da segnalare anche il roadshow in 35 tappe che si sta concludendo proprio in questi giorni: "Per quest'anno abbiamo pensato a un format particolare, che ci visto scegliere come location degli incontri solo ed esclusivamente spazi gestiti da associazioni e istituti impegnati nel sociale - conclude Seghi -; momenti durante i quali non presentiamo esclusivamente i nostri prodotti, ma anche le attività degli enti che ci ospitano. Forse perdiamo qualcosa in fascino delle location, ma recuperiamo in spirito e siamo più vicini ai territori. Tra l'altro il gradimento delle agenzie è molto elevato. Si tratta di un'attività che si affianca a ciò che già facciamo all'estero, soprattutto per le comunità locali delle destinazioni in cui siamo attivi. Il tutto inserito in un percorso coerente di csr iniziato da tempo dalla nostra società". [post_title] => Alpitour: chiusi circa 400 codici di non iscritti all'Adv-Overview di Astoi [post_date] => 2024-02-26T13:41:53+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708954913000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462178 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuova proposta di legge sul turismo sarà presto varata dalla giunta regionale. Lo ha annunciato il presidente Eugenio Giani all’apertura della X edizione di tourismA al palazzo dei Congressi a Firenze.  «TourismA - spiega Giani -  grazie ad un programma sempre più importante e strutturato, sta diventando anno dopo anno un’occasione di valorizzazione e promozione turistica di livello nazionale ed internazionale, questa edizione vede al centro la figura di Cosimo I de’ Medici di cui ricorrono i 450 anni dalla morte». Riguardo alla nuova legge sul turismo Giani ha sottolineato che «La Regione sta predisponendo una proposta di legge che sarà approvata dalla giunta nelle prossime settimane. Il nuovo testo darà più poteri agli organi con i quali collaboriamo direttamente per portare avanti le politiche di promozione turistica, ovvero gli Ambiti che assumeranno il nome di Comunità di Ambito. Sono in tutto 28 e servono per valorizzare la Toscana diffusa, e per questo scopo abbiamo bisogno di centri pulsanti capaci di sfruttare al massimo le potenzialità delle zone meno battute. Ad oggi esistono già gli Ambiti turistici che però vanno potenziati con la previsione, all’interno della nuova legge, di un obbligo di un capitolo di spesa dedicato alle politiche di promozione. Il tutto per favorire la crescita dell’identità di ognuna di queste Comunità e delle specificità ad esse collegate». [post_title] => Eugenio Giani: "A breve una nuova legge sul turismo per la Toscana" [post_date] => 2024-02-26T10:28:17+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708943297000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462081 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462083" align="alignleft" width="300"] Il presidente di Astoi Pier Ezhaya con Emiliana Limosani cco di Ita Airways[/caption] Ita Airways e Astoi confermano la collaborazione nata con l’avvio operativo della compagnia italiana di riferimento e rinnovata con la proroga del protocollo d’intesa per tutto il 2024.  Nel protocollo sono riconosciute le specificità commerciali dei pacchetti turistici e condizioni agevolate per i tour operator dell’associazione. «Siamo particolarmente lieti della prosecuzione nel tempo di questa importante partnership con Ita Airways che, attraverso il rinnovo del Protocollo, riconosce le nostre specifiche prerogative e sancisce il riconoscimento del ruolo e del valore dei tour operator nella filiera e nel mercato - commenta Andrea Mele, vicepresidente e responsabile dei rapporti con i vettori di Astoi - . Le condizioni previste dall’accordo si traducono in una serie di garanzie importanti per il consumatore finale: chi viaggia con i tour operator Astoi e Ita Airways beneficia di assistenza, tutele robuste e rimborsi anche in caso di eventi di forza maggiore». Il protocollo, rinnovato anche per il 2024, attesta il riconoscimento del ruolo degli operatori tramite condizioni di favore e si sanciscono benefici per i consumatori. Nell’accordo tra il vettore e l’associazione, spiccano alcuni aspetti: la possibilità di pagare i biglietti aerei con carta di credito, previa registrazione del numero della carta presso i sistemi Iata; ticket time limit dedicati; prenotazione di gruppi sul sistema gso senza alcun costo iniziale e creazione di un servizio top trade dedicato. Il protocollo d’intesa anche quest’anno contempla la cessione del contratto di pacchetto turistico da un passeggero ad un altro, adempiendo pienamente alla Direttiva europea sui pacchetti turistici nonché all’art. 38 Codice del turismo. «Per il quarto anno consecutivo firmiamo il protocollo Astoi e questa rinnovata collaborazione testimonia la forte volontà di trovare soluzioni sinergiche ed attente alle esigenze del mercato – dichiara Emiliana Limosani, cco di Ita Airways e ceo di Volare – Il 2023 è stato un anno di soddisfazioni dove abbiamo trasportato 15 milioni di passeggeri, raddoppiando il dato del 2022 e raggiungendo crescite importanti sui coefficienti di riempimento. Per noi la fiducia accordatoci dai Tour Operator, player fondamentali per la soddisfazione dei clienti, è motivo di orgoglio ed è decisiva per la nostra strategia commerciale.  Anche nel 2024 puntiamo a raggiungere i nostri obiettivi in strettissima collaborazione con i partner agenziali». Rinnovata anche la modalità di gestione dell’annullamento dei pacchetti dovuto a causa di forza maggiore: in questi casi Ita Airways anche per tutto il 2024 riconoscerà ai tour operator aderenti ad Astoi il rimborso totale di quanto dagli stessi rimborsato ai passeggeri, senza trattenere alcuna spesa.         [post_title] => Astoi e Ita Airways rinnovano il protocollo d'intesa [post_date] => 2024-02-22T11:22:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708600947000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462063 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Come avevamo ampiamente previsto tutte le norme, le normette, le ideuzze i proclami delle istituzioni che affermavano di aver risolto o in via di risoluzione il problema dei passaporti sono falliti. I tempi non si sono ridotti, anzi. Per questo il turismo organizzato ha scritto al ministro dell'interno per sollecitare il dossier, per evidenziare il mancato guadagno da questa incomprensibile questione, e per capire i motivi. Vediamo cosa risponderà il ministero dell'interno e se risponderà.  Ecco la nota del turismo organizzato. Sono stati eliminati i contributi di tutti i presidenti delle associazioni perché sostanzialmente dicevano tutti la stessa cosa. «Non sono bastati servizi di Striscia la notizia e Report, centinaia di articoli sulla carta stampata, scandali su truffe ai danni dei cittadini, comunicazioni accorate di appello per trovare una soluzione a una burocrazia che fa male ai cittadini e alle imprese dei viaggi, rimaste inascoltate. Il nodo dei tempi di rilascio o rinnovo dei passaporti italiani, a due anni dall'uscita dell'emergenza Covid, rimane purtroppo scandalosamente inaccettabile. Come se non bastasse, anche per l’emissione delle carte di identità elettroniche si verificano problemi analoghi. Piantedosi Il turismo organizzato, già proiettato sulla vendita delle vacanze estive, a nome dei presidenti delle principali associazioni di categoria, chiede ancora una volta al ministro dell’interno, Matteo Piantedosi, a cui ha inviato due giorni fa una ulteriore lettera sollecitando un incontro, di intervenire per tutelare il diritto degli italiani di viaggiare e a difesa degli imprenditori del comparto che continuano a perdere fatturato a causa della burocrazia. Secondo una stima effettuata, i tempi lunghi o lunghissimi per ottenere o rinnovare un passaporto hanno, infatti, mandato in fumo nel biennio 2022-2023 167mila viaggi internazionali per un giro d'affari di 300 milioni di euro. Purtroppo, anche la soluzione “Polis”, che riguarda esclusivamente i comuni con meno di 15mila abitanti, rischia di essere una ulteriore comunicazione priva di efficacia reale e rappresentare solo una proroga di questa agonia legata alla pubblica amministrazione».     [post_title] => Passaporti: i tempi sono ancora scandalosamente inaccettabili [post_date] => 2024-02-22T10:36:50+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708598210000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462001 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il certificato di operatore aereo di Air Moldova è stato revocato dall'autorità dell'aviazione civile del Paese, per il mancato rispetto dei requisiti minimi. Il provvedimento, adottato il 20 febbraio, è successivo alla sospensione del Coa del vettore avvenuta sei mesi prima (lo scorso agosto). Secondo l'autorità per l'aviazione civile, la compagnia aerea è in fase di ristrutturazione da oltre sei mesi, ma in questo periodo "non ha presentato alcuna prova" che dimostri la rimozione delle "non conformità". Inoltre, il vettore non dispone di aeromobili operativi e "non soddisfa i requisiti minimi" per detenere un Coa. L'incapacità della compagnia aerea di dimostrare, al termine dei sei mesi successivi, di avere almeno un aeromobile con un certificato di aeronavigabilità valido ha reso la revoca "inevitabile", afferma l'autorità. "Se la compagnia vuole riprendere i voli, può avviare un nuovo processo di certificazione, al fine di ottenere un nuovo Coa, in conformità con le normative nazionali". [post_title] => Air Moldova resta a terra: revocato il Coa, dopo la sospensione di sei mesi [post_date] => 2024-02-21T12:58:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708520318000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460588 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Varata la nuova legge regionale ligure: il 'Testo unico in materia di strutture turistico ricettive e di locazioni brevi', proposto dall'assessore al Turismo Augusto Sartori, sostituisce di fatto la vecchia legge 32 del 2014. Tra le novità più interessanti, il fatto che le strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere potranno dotarsi di un limitato numero di piazzole, tipo villaggio turistico da attrezzare per il cosiddetto “glamping”. Viene inoltre ridefinito l'ambito di applicazione della normativa con riferimento esclusivamente alle strutture ricettive e balneari, eliminando parchi divertimento permanenti, agenzie di viaggi e turismo e altre imprese in quanto non costituenti strutture ricettive. Sono inoltre previste dalla nuova norma l'eliminazione ad ogni riferimento a forme di gestione non imprenditoriali con carattere occasionale e saltuario; la predisposizione di specifici articoli che riportano rispettivamente gli obblighi e i divieti; la disciplina della tipologia di rifugio alpino, rifugio escursionistico, case per ferie e ostello; il divieto ad inserire nuove piazzole stanziali nelle strutture all'aria aperta. «Abbiamo ritenuto indispensabile adottare un nuovo Testo unico che consenta una più immediata leggibilità e fruibilità della legge nella duplice direzione della semplificazione e della volontà di garantire un sostegno concreto ad un comparto che sta crescendo in modo esponenziale nella nostra regione, come mai accaduto prima – affermano il presidente della Regione Giovanni Toti e l’assessore Augusto Sartori -. Siamo quindi orgogliosi di questo testo che modella l’offerta affinché sia il più possibile aderente alla sempre più esigente e mutevole domanda della clientela, italiana e internazionale. Con questa legge traguardiamo due obiettivi, quello di semplificare la norma e allo stesso tempo di avere regole più chiare a tutela dell'intero comparto turistico». [post_title] => Liguria, varato il nuovo Testo Unico per le strutture turistico ricettive. Molte le novità [post_date] => 2024-02-05T10:00:59+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707127259000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460708 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Stiamo attentamente seguendo quanto farà il Lufthansa, in quanto non intendiamo, dopo anni di battaglia per gli interessi della categoria e dell’esito vittorioso in sede giudiziaria, abbassare la guardia  fino a quando gli agenti di viaggio non avranno ricevuto le somme di loro spettanza”. È quanto afferma Giuseppe Ciminnisi, presidente di Fiavet-Confcommercio dopo aver scritto alla compagnia e agli associati, a seguito della pubblicazione della sentenza. Gli associati Fiavet-Confcommercio  hanno  quindi inviato una formale diffida e messa in mora per ottenere il rimborso della maggiore commissione non ricevuta, dando termine 15 giorni per il rimborso.  Come noto la Cassazione, con pronuncia del 16 Gennaio scorso, ha posto fine alla vicenda, che vedeva contrapposte la compagnia tedesca e Fiavet-Confcommercio, avviata per far riconoscere l’illegittimità della riduzione da 1% ad 0,1% della commissione dovuta agli agenti di viaggio, che Lufthansa  aveva comunicato con decorrenza 1° gennaio 2016. Commissione all'1% La pronuncia ha riconosciuto la nullità della clausola del mandato Iata per le agenzie di viaggi che senza limiti consente al vettore in forma unilaterale di ridurre la commissione, sostanzialmente azzerandola. L’effetto pratico è il ripristino della commissione all’1%, con obbligo della compagnia ora di restituire la differenza (0,9%) a tutte le agenzie di viaggio che hanno venduto biglietti Lufthansa. “Ho ricevuto nei giorni scorsi i complimenti da parte dei presidenti delle altre associazioni di categoria e di molti altri agenti di viaggio ed operatori del turismo - afferma Giuseppe Ciminnisi -  siamo ovviamente contenti, ma non saremo soddisfatti finché non avremo quanto dovuto”. “Abbiamo ricevuto da altre associazioni la richiesta di portare avanti una iniziativa congiunta, ma Lufthansa, alla quale abbiamo scritto subito dopo la pubblicazione della pronuncia della Cassazione, non vuole trattare con associazioni di categoria, preferendo interloquire con ogni agenzia di viaggio singolarmente”. “Rassicuriamo tutti – conclude il presidente - che vigileremo affinché gli effetti di questa sentenza siano integralmente rispettati e stiamo predisponendo iniziative di supporto per i nostro associati al fine di  avviare eventuali azioni di recupero in sede giudiziaria, ove il Lufthansa non rimborsasse e ripristinasse in BSP la commissione all’1%”. [post_title] => Ciminnisi: “Vigileremo che Lufthansa faccia i giusti rimborsi agli adv" [post_date] => 2024-02-02T13:56:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706882176000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460343 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair descriveva alcune agenzie ota come “pirati senza scrupoli”. Tipo loveholidays.com oppure Kiwi. E ora ci stringe accordi. Uno si chiede come è possibile? Certo che è possibile. In un mercato senza scrupoli basta accordarsi sui soldi e la cosa è fatta. Il nemico di ieri diventa l'amico di oggi. Naturalmente è una vicinanza che sa di compravendita, ma tanto nel mondo in cui si compra tutto, la cosa non sconvolge più di tanto. Un tempo chi era anemico rimaneva nemico. Oggi basta scendere a patti e il gioco è fatto.  Changez dame Ricapitoliamo. Fino a un mese fa Ryanair ha presentato ricorsi nei tribunali per impedire ad alcune ota di vendere i posti sul vettore a causa del sovrapprezzo che le agenzie online praticavano. E'arrivata a definirle, come abbiamo scritto prima "pirati senza scrupoli". Poi si è accorto che senza quel bagaglio di prenotazioni le cose non andavano benissimo, per cui ha deciso di costruire delle partnership con le ota che si obbligano a fornire ai propri clienti i prezzi bassi Ryanair per voli e servizi aggiuntivi. E' naturalmente un'azione  legittima, ma a noi non piace. C'è sempre qualcuno che non è d'accordo con le famose regole del mercato. Eccoci qua. Giuseppe Aloe [post_title] => Ryanair si accorda con le ota che aveva portato in tribunale [post_date] => 2024-01-30T10:57:55+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706612275000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460121 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La XX edizione dell'Albergatore Day, tenutasi ieri a Roma, è avvenuta nel segno di un nuovo spirito di dialogo tra alberghiero ed extralberghiero. La partecipazione ai lavori della mattinata da parte di Airbnb, rappresentata da Valentina Reino, ha simboleggiato l'importanza per le due parti di avviare un confronto aperto e costruttivo. Il vento sta cambiando  "Negli anni - ha esordito Giuseppe Roscioli, presidente di Federalberghi Roma - sono volati missili, magari più da parte nostra che da parte loro. Quello che, però, abbiamo sempre criticato è la disparità di trattamento, perché operiamo nello stesso mercato con prodotti simili, ma con regole diverse. Le nuove norme sugli affitti brevi non sono ancora quelle che volevamo, ma intanto il processo è partito: il vento sta cambiando”. "La decisione di invitarci a partecipare a questa giornata è stata coraggiosa e non scontata - commenta Valentina Reino, responsabile di relazioni pubbliche e istituzionali di Airbnb -. Il settore alberghiero e extralberghiero sono complementari e si rivolgono a un target che non è sempre alla ricerca degli stessi servizi. Chi sceglie l'hotel vuole vivere un'esperienza diversa rispetto a chi sceglie l'appartamento. Per questo motivo che è possibile lavorare insieme per valorizzare l'accoglienza di Roma". Reino ha quindi espresso soddisfazione per le recenti regole introdotte dal Governo e ribadito la volontà della piattaforma di collaborare con le istituzioni per contribuire alla lotta agli abusivi. Nel suo intervento, ha ricordato al pubblico i risultati di un lavoro congiunto portato avanti in Grecia, dove, grazie a una strettissima collaborazione con il Governo, i portali hanno contribuito a garantire un mercato più regolato e trasparente eliminando le strutture non regolari. "Noi siamo d'accordo con l'introduzione di norme chiare - spiega alla platea di albergatori, con un tono di voce calmo e conciliante -. Stiamo anche finalizzando la creazione di un portale in cui ricorderemo tutti gli obblighi legislativi e tutti gli adempimenti che devono compiere gli host". Ma Roscioli interviene ricordando un'altra criticità che agevolerebbe il fenomeno dell'abusivismo: la mancanza di un indirizzo chiaro nelle schede delle strutture su Airbnb. "Stiamo discutendo modifiche relative alla privacy con l'azienda - replica Reino -, che inizialmente aveva un approccio prevalentemente americano, ma con il comune di Roma condividiamo già tutti i dati, sono quindi possibili i controlli".   L'insoddisfazione del Comune di Roma: "Abbiamo le mani legate" Alessandro Onorato, assessore ai Grandi Eventi, Sport e Turismo di Roma Capitale, prende la parola per esprimere la sua insoddisfazione sulle introduzioni normative del Governo. "La verità è che non si ha il coraggio per fermare lo strapotere dei giganti del web - afferma -. Avremmo voluto avere la possibilità di cambiare il contributo di soggiorno, ad esempio consentendo una gradualità a seconda della zona in cui la struttura ricettiva opera, oppure limitare la nascita di nuove strutture extralberghiere, perché tra un anno ci sarà il Giubileo e non ci sarà più neanche un residente in centro. Roma diventerà solo un grande B&B e noi abbiamo le mani legate". Gianluca Caramanna, consigliere per i rapporti istituzionali del Ministero del Turismo, rimanda la provocazione al mittente, ribadendo l'importanza delle introduzioni volute dal ministro Santanchè e legando il problema della desertificazione del centro storico alla mancanza dei servizi: "Bisogna creare il giusto appeal per tornare a vivere in Centro - replica - e su questo il Comune di Roma non sta lavorando". La chiusura dei lavori della mattinata è affidata a Paolo Giuntarelli, direttore della Direzione del Turismo, Cinema, Audiovisivo e Sport della Regione Lazio, che ha ricordato le ragioni della nascita dell'attività extralberghiera: "Aveva senso quando era un reddito aggiuntivo rispetto alla famiglia. Oggi non è più così. Per tornare a fare accoglienza, dobbiamo agire sulla leva della formazione e cultura."       Claudiana Di Cesare [post_title] => Prove di dialogo tra Airbnb e albergatori. Il vento sta cambiando? [post_date] => 2024-01-25T14:10:04+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706191804000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "assohotel la mancata proroga della cig obbliga ai licenziamenti" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":58,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":299,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462260","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Alpitour lo aveva scritto nero su bianco con il contratto dell'anno scorso: le agenzie di viaggi non iscritte all'Adv-Overview di Astoi Confindustria Viaggi entro la fine del mese di marzo 2023 non avrebbero più potuto collaborare con il gruppo: \"Alpitour World ritiene centrale il progetto lanciato dall’associazione di categoria finalizzato a individuare le realtà agenziali dotate di tutte le caratteristiche richieste dalla normativa italiana per lavorare nel pieno della legalità, anche a tutela dei clienti\", aveva dichiarato a novembre 2022 il direttore commerciale tour operating, Alessandro Seghi. Ed è così che oggi, nonostante una proroga concessa fino al 31 ottobre, circa 400 codici sono stati effettivamente \"sospesi e non più riaperti\", rivela lo stesso Seghi.\r\n\r\nLa mossa giunge peraltro in contemporanea alla serie di campagne trimestrali di incentivazione alla vendita introdotte proprio con il contratto One l'anno scorso e confermate anche per il 2023-2024: \"Dallo scorso 1° febbraio sono in particolare attive alcune iniziative distinte: una sull'estate del mare Italia, per le vendite effettuate sino al 30 aprile, relative a partenze in programma da maggio in avanti. Un'altra riguarda invece le prenotazioni e i viaggi, effettuati sempre sino a fine april,e per i brand Bravo, Alpitour, Francorosso ed Eden. Una terza incentivazione è poi dedicata alle partenze Turisanda entro il prossimo 31 ottobre. A tutto ciò si affianca inoltre una promozione ad hoc legata alla campagna omni-channel di Eden e riservata a chi prenota i pacchetti volo più soggiorno di questo brand (fino al 29 febbraio, ndr)\".\r\n\r\nDa segnalare anche il roadshow in 35 tappe che si sta concludendo proprio in questi giorni: \"Per quest'anno abbiamo pensato a un format particolare, che ci visto scegliere come location degli incontri solo ed esclusivamente spazi gestiti da associazioni e istituti impegnati nel sociale - conclude Seghi -; momenti durante i quali non presentiamo esclusivamente i nostri prodotti, ma anche le attività degli enti che ci ospitano. Forse perdiamo qualcosa in fascino delle location, ma recuperiamo in spirito e siamo più vicini ai territori. Tra l'altro il gradimento delle agenzie è molto elevato. Si tratta di un'attività che si affianca a ciò che già facciamo all'estero, soprattutto per le comunità locali delle destinazioni in cui siamo attivi. Il tutto inserito in un percorso coerente di csr iniziato da tempo dalla nostra società\".","post_title":"Alpitour: chiusi circa 400 codici di non iscritti all'Adv-Overview di Astoi","post_date":"2024-02-26T13:41:53+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708954913000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462178","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuova proposta di legge sul turismo sarà presto varata dalla giunta regionale. Lo ha annunciato il presidente Eugenio Giani all’apertura della X edizione di tourismA al palazzo dei Congressi a Firenze. \r\n\r\n«TourismA - spiega Giani -  grazie ad un programma sempre più importante e strutturato, sta diventando anno dopo anno un’occasione di valorizzazione e promozione turistica di livello nazionale ed internazionale, questa edizione vede al centro la figura di Cosimo I de’ Medici di cui ricorrono i 450 anni dalla morte».\r\n\r\nRiguardo alla nuova legge sul turismo Giani ha sottolineato che «La Regione sta predisponendo una proposta di legge che sarà approvata dalla giunta nelle prossime settimane. Il nuovo testo darà più poteri agli organi con i quali collaboriamo direttamente per portare avanti le politiche di promozione turistica, ovvero gli Ambiti che assumeranno il nome di Comunità di Ambito. Sono in tutto 28 e servono per valorizzare la Toscana diffusa, e per questo scopo abbiamo bisogno di centri pulsanti capaci di sfruttare al massimo le potenzialità delle zone meno battute. Ad oggi esistono già gli Ambiti turistici che però vanno potenziati con la previsione, all’interno della nuova legge, di un obbligo di un capitolo di spesa dedicato alle politiche di promozione. Il tutto per favorire la crescita dell’identità di ognuna di queste Comunità e delle specificità ad esse collegate».","post_title":"Eugenio Giani: \"A breve una nuova legge sul turismo per la Toscana\"","post_date":"2024-02-26T10:28:17+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708943297000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462081","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462083\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il presidente di Astoi Pier Ezhaya con Emiliana Limosani cco di Ita Airways[/caption]\r\n\r\nIta Airways e Astoi confermano la collaborazione nata con l’avvio operativo della compagnia italiana di riferimento e rinnovata con la proroga del protocollo d’intesa per tutto il 2024.\r\n\r\n Nel protocollo sono riconosciute le specificità commerciali dei pacchetti turistici e condizioni agevolate per i tour operator dell’associazione.\r\n\r\n«Siamo particolarmente lieti della prosecuzione nel tempo di questa importante partnership con Ita Airways che, attraverso il rinnovo del Protocollo, riconosce le nostre specifiche prerogative e sancisce il riconoscimento del ruolo e del valore dei tour operator nella filiera e nel mercato - commenta Andrea Mele, vicepresidente e responsabile dei rapporti con i vettori di Astoi - . Le condizioni previste dall’accordo si traducono in una serie di garanzie importanti per il consumatore finale: chi viaggia con i tour operator Astoi e Ita Airways beneficia di assistenza, tutele robuste e rimborsi anche in caso di eventi di forza maggiore».\r\n\r\nIl protocollo, rinnovato anche per il 2024, attesta il riconoscimento del ruolo degli operatori tramite condizioni di favore e si sanciscono benefici per i consumatori.\r\n\r\nNell’accordo tra il vettore e l’associazione, spiccano alcuni aspetti: la possibilità di pagare i biglietti aerei con carta di credito, previa registrazione del numero della carta presso i sistemi Iata; ticket time limit dedicati; prenotazione di gruppi sul sistema gso senza alcun costo iniziale e creazione di un servizio top trade dedicato.\r\n\r\nIl protocollo d’intesa anche quest’anno contempla la cessione del contratto di pacchetto turistico da un passeggero ad un altro, adempiendo pienamente alla Direttiva europea sui pacchetti turistici nonché all’art. 38 Codice del turismo.\r\n\r\n«Per il quarto anno consecutivo firmiamo il protocollo Astoi e questa rinnovata collaborazione testimonia la forte volontà di trovare soluzioni sinergiche ed attente alle esigenze del mercato – dichiara Emiliana Limosani, cco di Ita Airways e ceo di Volare – Il 2023 è stato un anno di soddisfazioni dove abbiamo trasportato 15 milioni di passeggeri, raddoppiando il dato del 2022 e raggiungendo crescite importanti sui coefficienti di riempimento. Per noi la fiducia accordatoci dai Tour Operator, player fondamentali per la soddisfazione dei clienti, è motivo di orgoglio ed è decisiva per la nostra strategia commerciale.  Anche nel 2024 puntiamo a raggiungere i nostri obiettivi in strettissima collaborazione con i partner agenziali».\r\n\r\nRinnovata anche la modalità di gestione dell’annullamento dei pacchetti dovuto a causa di forza maggiore: in questi casi Ita Airways anche per tutto il 2024 riconoscerà ai tour operator aderenti ad Astoi il rimborso totale di quanto dagli stessi rimborsato ai passeggeri, senza trattenere alcuna spesa.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Astoi e Ita Airways rinnovano il protocollo d'intesa","post_date":"2024-02-22T11:22:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708600947000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462063","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Come avevamo ampiamente previsto tutte le norme, le normette, le ideuzze i proclami delle istituzioni che affermavano di aver risolto o in via di risoluzione il problema dei passaporti sono falliti. I tempi non si sono ridotti, anzi. Per questo il turismo organizzato ha scritto al ministro dell'interno per sollecitare il dossier, per evidenziare il mancato guadagno da questa incomprensibile questione, e per capire i motivi. Vediamo cosa risponderà il ministero dell'interno e se risponderà. \r\nEcco la nota del turismo organizzato. Sono stati eliminati i contributi di tutti i presidenti delle associazioni perché sostanzialmente dicevano tutti la stessa cosa.\r\n«Non sono bastati servizi di Striscia la notizia e Report, centinaia di articoli sulla carta stampata, scandali su truffe ai danni dei cittadini, comunicazioni accorate di appello per trovare una soluzione a una burocrazia che fa male ai cittadini e alle imprese dei viaggi, rimaste inascoltate. Il nodo dei tempi di rilascio o rinnovo dei passaporti italiani, a due anni dall'uscita dell'emergenza Covid, rimane purtroppo scandalosamente inaccettabile. Come se non bastasse, anche per l’emissione delle carte di identità elettroniche si verificano problemi analoghi.\r\n\r\nPiantedosi\r\nIl turismo organizzato, già proiettato sulla vendita delle vacanze estive, a nome dei presidenti delle principali associazioni di categoria, chiede ancora una volta al ministro dell’interno, Matteo Piantedosi, a cui ha inviato due giorni fa una ulteriore lettera sollecitando un incontro, di intervenire per tutelare il diritto degli italiani di viaggiare e a difesa degli imprenditori del comparto che continuano a perdere fatturato a causa della burocrazia.\r\nSecondo una stima effettuata, i tempi lunghi o lunghissimi per ottenere o rinnovare un passaporto hanno, infatti, mandato in fumo nel biennio 2022-2023 167mila viaggi internazionali per un giro d'affari di 300 milioni di euro.\r\nPurtroppo, anche la soluzione “Polis”, che riguarda esclusivamente i comuni con meno di 15mila abitanti, rischia di essere una ulteriore comunicazione priva di efficacia reale e rappresentare solo una proroga di questa agonia legata alla pubblica amministrazione».\r\n \r\n ","post_title":"Passaporti: i tempi sono ancora scandalosamente inaccettabili","post_date":"2024-02-22T10:36:50+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708598210000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462001","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il certificato di operatore aereo di Air Moldova è stato revocato dall'autorità dell'aviazione civile del Paese, per il mancato rispetto dei requisiti minimi. Il provvedimento, adottato il 20 febbraio, è successivo alla sospensione del Coa del vettore avvenuta sei mesi prima (lo scorso agosto).\r\n\r\nSecondo l'autorità per l'aviazione civile, la compagnia aerea è in fase di ristrutturazione da oltre sei mesi, ma in questo periodo \"non ha presentato alcuna prova\" che dimostri la rimozione delle \"non conformità\". Inoltre, il vettore non dispone di aeromobili operativi e \"non soddisfa i requisiti minimi\" per detenere un Coa.\r\n\r\nL'incapacità della compagnia aerea di dimostrare, al termine dei sei mesi successivi, di avere almeno un aeromobile con un certificato di aeronavigabilità valido ha reso la revoca \"inevitabile\", afferma l'autorità. \"Se la compagnia vuole riprendere i voli, può avviare un nuovo processo di certificazione, al fine di ottenere un nuovo Coa, in conformità con le normative nazionali\".","post_title":"Air Moldova resta a terra: revocato il Coa, dopo la sospensione di sei mesi","post_date":"2024-02-21T12:58:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708520318000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460588","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Varata la nuova legge regionale ligure: il 'Testo unico in materia di strutture turistico ricettive e di locazioni brevi', proposto dall'assessore al Turismo Augusto Sartori, sostituisce di fatto la vecchia legge 32 del 2014.\r\n\r\nTra le novità più interessanti, il fatto che le strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere potranno dotarsi di un limitato numero di piazzole, tipo villaggio turistico da attrezzare per il cosiddetto “glamping”. Viene inoltre ridefinito l'ambito di applicazione della normativa con riferimento esclusivamente alle strutture ricettive e balneari, eliminando parchi divertimento permanenti, agenzie di viaggi e turismo e altre imprese in quanto non costituenti strutture ricettive. Sono inoltre previste dalla nuova norma l'eliminazione ad ogni riferimento a forme di gestione non imprenditoriali con carattere occasionale e saltuario; la predisposizione di specifici articoli che riportano rispettivamente gli obblighi e i divieti; la disciplina della tipologia di rifugio alpino, rifugio escursionistico, case per ferie e ostello; il divieto ad inserire nuove piazzole stanziali nelle strutture all'aria aperta.\r\n\r\n«Abbiamo ritenuto indispensabile adottare un nuovo Testo unico che consenta una più immediata leggibilità e fruibilità della legge nella duplice direzione della semplificazione e della volontà di garantire un sostegno concreto ad un comparto che sta crescendo in modo esponenziale nella nostra regione, come mai accaduto prima – affermano il presidente della Regione Giovanni Toti e l’assessore Augusto Sartori -. Siamo quindi orgogliosi di questo testo che modella l’offerta affinché sia il più possibile aderente alla sempre più esigente e mutevole domanda della clientela, italiana e internazionale. Con questa legge traguardiamo due obiettivi, quello di semplificare la norma e allo stesso tempo di avere regole più chiare a tutela dell'intero comparto turistico».","post_title":"Liguria, varato il nuovo Testo Unico per le strutture turistico ricettive. Molte le novità","post_date":"2024-02-05T10:00:59+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707127259000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460708","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Stiamo attentamente seguendo quanto farà il Lufthansa, in quanto non intendiamo, dopo anni di battaglia per gli interessi della categoria e dell’esito vittorioso in sede giudiziaria, abbassare la guardia  fino a quando gli agenti di viaggio non avranno ricevuto le somme di loro spettanza”. È quanto afferma Giuseppe Ciminnisi, presidente di Fiavet-Confcommercio dopo aver scritto alla compagnia e agli associati, a seguito della pubblicazione della sentenza.\r\n\r\nGli associati Fiavet-Confcommercio  hanno  quindi inviato una formale diffida e messa in mora per ottenere il rimborso della maggiore commissione non ricevuta, dando termine 15 giorni per il rimborso. \r\n\r\nCome noto la Cassazione, con pronuncia del 16 Gennaio scorso, ha posto fine alla vicenda, che vedeva contrapposte la compagnia tedesca e Fiavet-Confcommercio, avviata per far riconoscere l’illegittimità della riduzione da 1% ad 0,1% della commissione dovuta agli agenti di viaggio, che Lufthansa  aveva comunicato con decorrenza 1° gennaio 2016.\r\nCommissione all'1%\r\nLa pronuncia ha riconosciuto la nullità della clausola del mandato Iata per le agenzie di viaggi che senza limiti consente al vettore in forma unilaterale di ridurre la commissione, sostanzialmente azzerandola. L’effetto pratico è il ripristino della commissione all’1%, con obbligo della compagnia ora di restituire la differenza (0,9%) a tutte le agenzie di viaggio che hanno venduto biglietti Lufthansa.\r\n\r\n“Ho ricevuto nei giorni scorsi i complimenti da parte dei presidenti delle altre associazioni di categoria e di molti altri agenti di viaggio ed operatori del turismo - afferma Giuseppe Ciminnisi -  siamo ovviamente contenti, ma non saremo soddisfatti finché non avremo quanto dovuto”. “Abbiamo ricevuto da altre associazioni la richiesta di portare avanti una iniziativa congiunta, ma Lufthansa, alla quale abbiamo scritto subito dopo la pubblicazione della pronuncia della Cassazione, non vuole trattare con associazioni di categoria, preferendo interloquire con ogni agenzia di viaggio singolarmente”.\r\n\r\n“Rassicuriamo tutti – conclude il presidente - che vigileremo affinché gli effetti di questa sentenza siano integralmente rispettati e stiamo predisponendo iniziative di supporto per i nostro associati al fine di  avviare eventuali azioni di recupero in sede giudiziaria, ove il Lufthansa non rimborsasse e ripristinasse in BSP la commissione all’1%”.","post_title":"Ciminnisi: “Vigileremo che Lufthansa faccia i giusti rimborsi agli adv\"","post_date":"2024-02-02T13:56:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1706882176000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460343","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair descriveva alcune agenzie ota come “pirati senza scrupoli”. Tipo loveholidays.com oppure Kiwi. E ora ci stringe accordi. Uno si chiede come è possibile? Certo che è possibile. In un mercato senza scrupoli basta accordarsi sui soldi e la cosa è fatta. Il nemico di ieri diventa l'amico di oggi. Naturalmente è una vicinanza che sa di compravendita, ma tanto nel mondo in cui si compra tutto, la cosa non sconvolge più di tanto.\r\n\r\nUn tempo chi era anemico rimaneva nemico. Oggi basta scendere a patti e il gioco è fatto. \r\nChangez dame\r\nRicapitoliamo. Fino a un mese fa Ryanair ha presentato ricorsi nei tribunali per impedire ad alcune ota di vendere i posti sul vettore a causa del sovrapprezzo che le agenzie online praticavano. E'arrivata a definirle, come abbiamo scritto prima \"pirati senza scrupoli\".\r\n\r\nPoi si è accorto che senza quel bagaglio di prenotazioni le cose non andavano benissimo, per cui ha deciso di costruire delle partnership con le ota che si obbligano a fornire ai propri clienti i prezzi bassi Ryanair per voli e servizi aggiuntivi.\r\n\r\nE' naturalmente un'azione  legittima, ma a noi non piace. C'è sempre qualcuno che non è d'accordo con le famose regole del mercato. Eccoci qua.\r\n\r\nGiuseppe Aloe","post_title":"Ryanair si accorda con le ota che aveva portato in tribunale","post_date":"2024-01-30T10:57:55+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1706612275000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460121","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La XX edizione dell'Albergatore Day, tenutasi ieri a Roma, è avvenuta nel segno di un nuovo spirito di dialogo tra alberghiero ed extralberghiero. La partecipazione ai lavori della mattinata da parte di Airbnb, rappresentata da Valentina Reino, ha simboleggiato l'importanza per le due parti di avviare un confronto aperto e costruttivo.\r\n\r\nIl vento sta cambiando \r\n\r\n\"Negli anni - ha esordito Giuseppe Roscioli, presidente di Federalberghi Roma - sono volati missili, magari più da parte nostra che da parte loro. Quello che, però, abbiamo sempre criticato è la disparità di trattamento, perché operiamo nello stesso mercato con prodotti simili, ma con regole diverse. Le nuove norme sugli affitti brevi non sono ancora quelle che volevamo, ma intanto il processo è partito: il vento sta cambiando”.\r\n\r\n\"La decisione di invitarci a partecipare a questa giornata è stata coraggiosa e non scontata - commenta Valentina Reino, responsabile di relazioni pubbliche e istituzionali di Airbnb -. Il settore alberghiero e extralberghiero sono complementari e si rivolgono a un target che non è sempre alla ricerca degli stessi servizi. Chi sceglie l'hotel vuole vivere un'esperienza diversa rispetto a chi sceglie l'appartamento. Per questo motivo che è possibile lavorare insieme per valorizzare l'accoglienza di Roma\".\r\n\r\nReino ha quindi espresso soddisfazione per le recenti regole introdotte dal Governo e ribadito la volontà della piattaforma di collaborare con le istituzioni per contribuire alla lotta agli abusivi. Nel suo intervento, ha ricordato al pubblico i risultati di un lavoro congiunto portato avanti in Grecia, dove, grazie a una strettissima collaborazione con il Governo, i portali hanno contribuito a garantire un mercato più regolato e trasparente eliminando le strutture non regolari. \"Noi siamo d'accordo con l'introduzione di norme chiare - spiega alla platea di albergatori, con un tono di voce calmo e conciliante -. Stiamo anche finalizzando la creazione di un portale in cui ricorderemo tutti gli obblighi legislativi e tutti gli adempimenti che devono compiere gli host\".\r\n\r\nMa Roscioli interviene ricordando un'altra criticità che agevolerebbe il fenomeno dell'abusivismo: la mancanza di un indirizzo chiaro nelle schede delle strutture su Airbnb. \"Stiamo discutendo modifiche relative alla privacy con l'azienda - replica Reino -, che inizialmente aveva un approccio prevalentemente americano, ma con il comune di Roma condividiamo già tutti i dati, sono quindi possibili i controlli\".\r\n\r\n \r\n\r\nL'insoddisfazione del Comune di Roma: \"Abbiamo le mani legate\"\r\n\r\nAlessandro Onorato, assessore ai Grandi Eventi, Sport e Turismo di Roma Capitale, prende la parola per esprimere la sua insoddisfazione sulle introduzioni normative del Governo. \"La verità è che non si ha il coraggio per fermare lo strapotere dei giganti del web - afferma -. Avremmo voluto avere la possibilità di cambiare il contributo di soggiorno, ad esempio consentendo una gradualità a seconda della zona in cui la struttura ricettiva opera, oppure limitare la nascita di nuove strutture extralberghiere, perché tra un anno ci sarà il Giubileo e non ci sarà più neanche un residente in centro. Roma diventerà solo un grande B&B e noi abbiamo le mani legate\".\r\n\r\nGianluca Caramanna, consigliere per i rapporti istituzionali del Ministero del Turismo, rimanda la provocazione al mittente, ribadendo l'importanza delle introduzioni volute dal ministro Santanchè e legando il problema della desertificazione del centro storico alla mancanza dei servizi: \"Bisogna creare il giusto appeal per tornare a vivere in Centro - replica - e su questo il Comune di Roma non sta lavorando\".\r\n\r\nLa chiusura dei lavori della mattinata è affidata a Paolo Giuntarelli, direttore della Direzione del Turismo, Cinema, Audiovisivo e Sport della Regione Lazio, che ha ricordato le ragioni della nascita dell'attività extralberghiera: \"Aveva senso quando era un reddito aggiuntivo rispetto alla famiglia. Oggi non è più così. Per tornare a fare accoglienza, dobbiamo agire sulla leva della formazione e cultura.\"\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nClaudiana Di Cesare","post_title":"Prove di dialogo tra Airbnb e albergatori. Il vento sta cambiando?","post_date":"2024-01-25T14:10:04+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1706191804000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti