16 July 2024

Assohotel: la mancata proroga della cig obbliga ai licenziamenti

[ 0 ]

Nicola Scolamacchia

«I licenziamenti sono già partiti. Nei primi venti giorni del 2022 siamo venuti a conoscenza diretta di oltre 300 casi di dipendenti degli alberghi italiani che hanno ricevuto la lettera di licenziamento. Un vero e proprio dramma sociale per un settore in profonda crisi a causa dell’emergenza Covid». Così Nicola Scolamacchia, vice presidente vicario di Assohotel Confesercenti. 

«Le imprese del comparto alberghiero stanno cercando in tutti i modi di tenere personale prezioso per garantire servizi di qualità, aspettando provvedimenti da parte del Governo. Purtroppo, non è arrivata la proroga della Cassa Covid-19 e le misure proposte sul fronte degli ammortizzatori sociali sono assolutamente insufficienti per arginare la crisi che sta nuovamente travolgendo l’intero sistema ricettivo. Chi ha licenziato non ha avuto alternative, tra la ripartenza dei mutui, la pressione delle banche e le stanze vuote”» 

«Il licenziamento è un ultimo atto da cui non si torna indietro. Le imprese sono costrette a chiudere i rapporti lavorativi con personale formato e qualificato, destrutturando ulteriormente il settore e minandone la capacità di ripartenza. Gli albergatori che resistono devono continuare a fare i conti con scadenze e imposte, come il pagamento del Canone Rai previsto per fine gennaio e l’Imu, sulle quali non si è intervenuto in alcun modo». 

«Bene il credito d’imposta per le locazioni ma il bicchiere non ci sembra quello mezzo pieno annunciato dal ministro del turismo Garavaglia. I licenziamenti non potranno che proseguire, così si spinge il settore verso una crisi industriale che evidentemente non viene percepita nella sua gravità. Ci appelliamo al Governo e al Parlamento: è necessario intervenire con più vigore, con misure che consentano di limitare i danni enormi subiti e quantomeno di traghettare le imprese lungo questa nuova fase critica». 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471319 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha preso il via ieri la nuova avventura dell'aeroporto di Salerno-Costa d'Amalfi, con l'atterraggio dei primi due voli operati da Volotea e easyJet (provenienti, rispettivamente, da Nantes e Milano Malpensa).   Un nuovo inizio che rappresenta una vera e propria svolta da più di un punto di vista. Innanzitutto perché, come evidenziato dal presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca "chiude una storia lunga 20 anni", un desiderio a lungo accarezzato che però "mancava di un piano industriale. Quello di oggi (ieri per chi legge, ndr) è solo il primo passo, di un progetto che ci consente di immaginare in un futuro non lontano anche voli intercontinentali".   Un progetto che poggia le sue fondamenta sulla costituzione di una "rete aeroportuale" in grado di dar vita al sistema aeroportuale campano. "Economie di scala, un'offerta unitaria, migliori servizi ai passeggeri" puntualizza Carlo Borgomeo, presidente di Gesac, la società che gestisce entrambi gli aeroporti di Napoli e Salerno, che rivendica: "Smentisco l’interpretazione secondo cui Salerno sarebbe la ruota di scorta di Napoli. Questo progetto riguarda lo sviluppo della regione. Non è il trionfo di un 'campanile' ma un'operazione ben studiata, con grande opportunità per il turismo, per gli scambi culturali e che apre grandi opportunità per i giovani. L'intera regione diventa più attrattiva".   La valenza dell'opera è sottolineata anche da Renato Ravanelli, ad di F2i, principale azionista di Gesac che ribadisce come Salerno sia la dimostrazione di come "al Sud si può fare. La collaborazione tra pubblico e privato, si può fare: siamo di fronte a un cambio di paradigma. Il pubblico fa la sua parte, valutando l'importanza di un progetto e il privato individua le iniziative di carattere industriale e le sviluppa. Insieme, si fa industria e impresa".   I numeri e il piano di sviluppo   La gestione unica ha consentito di sviluppare un imponente piano d'investimenti infrastrutturali e, al contempo, una significativa rete di collegamenti aerei: si parte con 20 destinazioni di cui 6 di linea domestiche (Catania, Cagliari, Milano Bergamo, Milano Malpensa, Torino e Verona), 7 internazionali (Basilea, Berlino, Ginevra, Malta, Nantes, Londra Gatwick, Londra Stansted) e 7 charter (Corfù, Djerba, Monastir, Podgorica, Rodi, Sharm el-Sheikh e Zante). Quattro le compagnie aeree operative: easyJet, Volotea, Universal Air e Ryanair.   Un investimento che, al 2043, è previsto in 245 milioni di euro, di cui 134 finanziati con fondi pubblici.   Tra gli interventi indispensabili già realizzati il prolungamento della pista da 1.655 metri a 2.022. Già effettuati anche l’estensione dei piazzali di sosta degli aeromobili, la segnaletica di volo, la riattivazione dell’aerostazione passeggeri e dei parcheggi. Poi, a fine 2025, sarà la volta della nuova struttura per l'aviazione generale, nel 2026 debutterà il nuovo terminal passeggeri (che sarà realizzato mantenendo la piena operatività dello scalo); già in corso la costruzione del nuovo edificio per i Vigili del Fuoco, mentre a fine 2025 sarà operativo anche un nuovo deposito carburanti.   "Nel pieno rispetto dei tempi previsti e comunicati nasce un’infrastruttura strategica per il Mezzogiorno che rappresenta un’occasione fondamentale di sviluppo turistico, sociale ed occupazionale, realizzata secondo criteri di mercato, in un sano rapporto pubblico-privato. Ma già siamo all’opera per realizzare la nuova aerostazione passeggeri che si estenderà su una superficie di circa 16.000 metri quadrati e rifletterà i più elevati standard ambientali, con scelte architettoniche armoniche in forte connessione con il paesaggio”, ha dichiarato Roberto Barbieri, ad Gesac e fautore strategico della gestione unica dei due aeroporti campani.   [gallery ids="471356,471358,471357"]     [post_title] => Salerno, al via il sistema aeroportuale campano. De Luca: "Giornata storica" [post_date] => 2024-07-12T12:31:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720787513000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470821 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il dato è naturalmente provvisorio e sconta senz'altro il momento poco felice degli altri comparti. Ma a dirlo, non dico cinque-dieci anni fa, persino a ottobre scorso, in molti avrebbero pensato a una fake news. E invece, nel primo semestre di quest'anno l'asset class degli alberghi è stata quella su cui si è concentrata la maggior parte degli investimenti commercial real estate in Italia: qualcosa meno di 1 miliardo di euro su un totale di poco più di 3 miliardi. A seguire gli uffici, che scontano da tempo gli effetti del fenomeno smart working, e la logistica, settore complesso e ad alta intensità di capitale. Sono davvero finiti i tempi, affatto lontani, in cui alle principali fiere del real estate europeo gli alberghi erano relegati nel calderone degli investimenti alternativi, dopo uffici e logistica appunto, ma anche retail e residenziale... Lo ha rivelato Domenico Basanisi, in occasione dell'Hospitality Forum 2024 organizzato da Scenari Immobiliari a Milano. In tale contesto, ha sottolineato l'head of hotels investment properties Italy di Cbre, un altro dato importante riguarda la natura degli investitori: non solo ha ripreso quota la componente domestica dei capitali, tornata a essere la maggioranza, ma ben il 55% di chi ha operato acquisizioni è rappresentato da proprietari operatori: "Si viene da due anni di grandi flussi cassa. C'è quindi chi ne ha approfittato per comprare - ha spiegato Basanisi -. Tra l'altro, lato venditori, si tratta generalmente di acquirenti che massimizzano il pricing, in quanto le loro motivazioni vanno spesso oltre alle considerazioni finanziarie, rispondendo anche a logiche industriali e di marketing". A essere ancora dormienti sono invece i capitali core. "Sulla carta ci sono, sono attivi ma intervengono poco. Nel primo semestre del 2024 hanno contato per circa il 10%. E la tendenza rimarrà con ogni probabilità la medesima anche per il resto dell'anno. E' la motivazione per la quale un mercato come quello tedesco, tradizionalmente caratterizzato proprio da un'elevata presenza di investitori core, sconta oggi qualche difficoltà. Ecco allora che gli investitori cosiddetti value-add rimangono pur sempre la parte più attiva del mercato". In prospettiva Basanisi prevede una polarizzazione degli investimenti con i capitali value add che tenderanno a concentrarsi sulle proprietà di livello più alto, mentre il mercato dei midscale e degli economy sarà di pertinenza soprattutto degli operatori - proprietari. "Al momento - ha concluso Basanisi - esiste una serie di asset potenzialmente in vendita appartenenti alla cosiddetta categoria core plus (ottimi tenant accompagnati da brand importanti), localizzati tuttavia in destinazioni secondarie, quali le periferie delle Big 4 (Milano, Roma, Firenze e Venezia) o le città più piccole. E' questo un fattore delicato perché se le richieste sugli yield prime per gli uffici si aggirano sul 4,5%, e con gli hotel si arriva attorno al 5%, in location al di fuori di questo perimetro lo spread si ampia. Il tutto con un conseguente cambiamento della categoria di buyer che si sposta verso investitori interessati a capitalizzare su alti rendimenti prima che i tassi d'interesse scendano in maniera più consistente come da previsione". [post_title] => Basanisi, Cbre: hotel prima asset class del real estate italiano a inizio 2024 [post_date] => 2024-07-04T15:02:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720105345000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470791 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_460467" align="alignleft" width="300"] Christian Garrone[/caption] Con l’arrivo dell’alta stagione, I4T, intermediario assicurativo specializzato nell’offerta di polizze viaggio, presenta I4Connection, una nuova polizza che si candida a diventare un valido alleato delle agenzie di viaggio per superare le insidie del traffico aereo.  Come suggerisce il nome, la copertura interviene in caso di perdita di una connessione aerea, che può avvenire per diverse cause: ritardo, diniego all’imbarco o cancellazione della prima tratta, anche per condizioni meteorologiche avverse, perdita o smarrimento del bagaglio sul primo volo o altri motivi oggettivamente documentabili.  In linea con l’elasticità richiesta dal sempre mutevole assetto del traffico aereo, la polizza garantisce il rimborso – entro un massimale di 1.000 euro a persona –dei costi necessari per l’acquisto di un titolo di viaggio alternativo per proseguire l’itinerario o rientrare all’aeroporto di partenza.  Christian Garrone, responsabile intermediazione assicurativa I4T, dichiara: “I4Connection nasce per offrire un supporto fattivo ai sempre più numerosi agenti di viaggio che, per rispondere alla domanda di flessibilità dei loro clienti, ricorrono a piani volo complessi e personalizzati, realizzati combinando tratte separate operate da vettori diversi, spesso low-cost. In questi casi, le compagnie intervengono solo sulla singola tratta e l’onere della riprotezione dell’itinerario completo ricade sull’organizzatore. Dopo il successo di I4Flight – polizza best-seller che vale in caso di cancellazione di tutti i mezzi di trasporto regolarmente prenotati – I4Connection è una nuova pietra miliare della nostra storia, che ci vede da oltre 20 anni al servizio delle agenzie di viaggio”. Da segnalare anche il rimborso di eventuali pernottamenti, escursioni e altri servizi turistici prenotati e non utilizzati a causa della perdita della connessione. Se la mancata coincidenza, infine, comporta la rinuncia ad un pacchetto di viaggio organizzato da un tour operator, I4Connection garantisce il rimborso del 50% delle penali di annullamento. La polizza, già disponibile sul portale agenti di I4T, è valida anche nel caso di connessioni tra voli operati da vettori diversi, low-cost inclusi, e comprende una specifica estensione per i voli in coincidenza con l’imbarco per crociere marittime.    [post_title] => I4T, nuova polizza per coprire la perdita di una connessione aerea [post_date] => 2024-07-04T11:13:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720091601000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470343 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Naturalmente siamo alle solite: appena inizia l'estate qualcuno fa il conteggio delle truppe ai vacanzieri. Questa volta è Facile.it ( che d'altronde di turismo ne capisce, visto che offre assicurazioni. Vabbe' tralasciamo). Allora l'ennesima ricerca statistica ci dice: che nell’ultimo anno ben 1,8 milioni di italiani sono incappati in una truffa mentre stavano prenotando una vacanza. Il danno complessivo stimato è pari, sempre secondo l’indagine, a 643 milioni di euro, ma quasi 1 truffato su 2 non è riuscito a recuperare i soldi persi. Bene. Io non discuto i dati. Se sono veri, cosa si discute a fare? Io voglio solo mettere l'accento sul fatto che si sono susseguite campagne anche promozionali sul fatto di rivolgersi sempre (e quando si dice sempre, vuol dire sempre) per un determinato tipo di viaggio. E' naturale che se devo andare da Milano a Londra, il volo me lo trovo da solo, ma se devo fare qualcosa di più complesso l'unico interlocutore è l'agenzia di viaggio, e il tour operator. Sia l'agenzia che il to, infatti sono obbligati per legge a tutelare il cliente in ogni fase della sua vacanza. Esiste, per chi non lo sa, un fondo per intervenire nelle situazioni di crisi. Insomma rivolgersi a chi ha dallo Stato la patente di agente di viaggio è sempre un modo per viaggiare sicuri.  [post_title] => Facile.it: 1,8 milioni di italiani truffati sui viaggi. Non sono passati dalle adv [post_date] => 2024-06-27T12:26:47+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719491207000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470021 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Francia e Airbnb. Ventisei albergatori francesi di diverse regioni, ad eccezione della capitale Parigi, hanno intentato una causa davanti al tribunale di Lisieux contro la piattaforma online Airbnb, per presunta concorrenza illegale. La causa è strutturata in modo abbastanza solido perché sostengono che Airbnb incide sull'attività dei ricorrenti dal momento in cui non rispetta la legge a cui loro stanno rispettando. Chiedono 9,2 milioni di euro di risarcimento. Il caso verrà discusso il 6 settembre. Le mancanze Gli albergatori, ad esempio, sostengono che la piattaforma americana non offre il numero di registrazione degli immobili che commercializza, contravvenendo alle normative ufficiali francesi. Manca anche il monitoraggio del prodotto offerto. La causa afferma che sono visibili annunci pubblicitari illegali e che la piattaforma è responsabile, in quanto editore di contenuti. I denuncianti affermano di non essere contrari alle piattaforme digitali, ma piuttosto lamentano il mancato rispetto della legislazione, il che almeno è una buona strategia giudiziaria. Concludono che l'atteggiamento lassista della piattaforma significa in pratica una deregolamentazione del settore, motivo per cui intentano causa. [post_title] => Francia: albergatori fanno causa contro Airbnb per concorrenza sleale [post_date] => 2024-06-24T10:50:17+00:00 [category] => Array ( [0] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719226217000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_416026" align="alignleft" width="300"] Un momento di vita a bordo di un Orient Express d'antan. Foto del Fonds de dotation Orient Express Heritage[/caption] Grandi manovre nel mondo del turismo di lusso. Dopo la news della partnership tra Accor e Lvmh per lo sviluppo del brand Orient Express, un altro dei protagonisti del rilancio dello storico marchio legato all'epoca d'oro delle ferrovie e ora al centro di un sostanzioso aumento di capitale. Il gruppo Barletta beneficerà infatti di un'iniezione di 95 milioni di euro, in liquidità e trophy asset, da parte della Fidim, holding di partecipazioni della famiglia Rovati, che in questo modo si assicurerà il 12,5% del capitale sociale dello stesso gruppo Barletta. L'operazione, spiega Il Sole 24 Ore, è legata a doppia mandata al supporto degli investimenti nel turismo di lusso. La Fidim vanta infatti una sostanziale esperienza nel mondo del turismo di alta gamma, mentre la società guidata da Paolo Barletta opera da tempo nel segmento dell'hotellerie e dei treni di lusso con la controllata Arsenale. Partner Quest'ultima, tra le altre cose, è il partner principale del progetto Orient Express, essendo proprietaria sia dei due hotel in apertura a Roma e a Venezia, La Minerva e Palazzo Dona’ Giovannelli, sia dei sei treni Doce Vita in fase di costruzione, due dei quali debutteranno l'anno prossimo. Attualmente l'azionariato di Arsenale è costituito per il 59,24% dal gruppo Barletta, per il 20,44% dalla Annabel Holding di Nicola Bulgari e per il 20,32% dalla società lussemburghese Ita Hotel Investments di Oaktree. Oltre ai progetti Dolce Vita Orient Express, la società ha siglato accordi per iniziative simili con la Saudi Arabia Railways, l’Egypt National Railway, con l’uzbeca O’zbekiston Temir Yo’llari Jsc ed Etihad Rail. Le stime 2024 per Arsenale parlano di ricavi per 24 milioni di euro, destinati tuttavia a balzare fino ai 135 milioni già nel 2025.  [post_title] => Orient Express, grandi manovre: Fidim entra nel gruppo Barletta (Arsenale) [post_date] => 2024-06-20T11:41:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718883709000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469734 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuova linea di laboratori di fotografia on the road. Ideata da Shiruq by Mappamondo in collaborazione con l'Istituto italiano di fotografia (Iif), nasce Reframing Traveling, che invita ad assumere uno sguardo nuovo sul viaggio, sul mondo. “E' la linea di viaggi che mancava – spiega Francesca Lorusso, responsabile del marchio Shiruq –: si tratta di proposte per piccoli gruppi, massimo 12 partecipanti, condotti nel tour culturale e nel percorso fotografico da Valentina Tamborra, fotoreporter e docente di Iif, e dedicati a chi desidera abbracciare questa arte come strumento di indagine e come veicolo di espressione e di interpretazione. Gli itinerari sono adatti a tutti, indipendentemente dal livello tecnico dei partecipanti e le iscrizioni sono accessibili anche a chi fotografa con lo smartphone”. Grazie all'approccio innovativo delle esperienze proposte, che unisce sapientemente la conoscenza di territori, popoli e culture e l'insegnamento di tecniche e stili fotografici, si andrà alla scoperta dell'anima più autentica e profonda dei luoghi visitati. Una proposta inedita e unica, resa possibile grazie alle caratteristiche distintive di Shiruq nel turismo culturale, e di Iif nel mondo della formazione fotografica. I primi due viaggi in calendario porteranno alla scoperta della Georgia, incastonata tra le montagne del Caucaso, e di Malta, gioiello del Mediterraneo.  [post_title] => Shiruq lancia una nuova linea di laboratori di fotografia on the road in collaborazione con Iif [post_date] => 2024-06-19T10:13:47+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718792027000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_468836" align="alignleft" width="300"] Viviana Vukelic insieme al team milanese dell'Ente nazionale croato per il turismo[/caption] "Un 2024 che è da subito partito bene per la Croazia, con numeri in crescita già nel periodo del pre-stagione": Viviana Vukelic, direttrice dell'Ente nazionale croato per il turismo in Italia, commenta così l'andamento dell'anno, in occasione del tradizionale appuntamento milanese di saluto all'estate. Proprio nella stagione di spalla "abbiano lavorato tantissimo: nei primi cinque mesi del 2024 la Croazia ha totalizzato 4 milioni di arrivi, l'11% in più sullo stesso periodo del 2023, e 13 milioni di pernottamenti, +12%" Trend confermato anche per i flussi dall'Italia: "I visitatori italiani sono in aumento, con 370.000 pernottamenti e 150.000 arrivi, pari rispettivamente a una crescita del +3% e +4% sul 2023. Italia e Croazia sono sempre più vicine con numerosi collegamenti, ben 7 le nuove rotte aeree oltre alle numerose opportunità in traghetto". Tante le novità che attendono i visitatori: “Nel 2024 non sono mancati gli investimenti e le nuove aperture sul fronte alberghiero partendo dall’Istria fino a Dubrovnik, così come ricco il calendario degli eventi e festival musicali”.     [post_title] => Croazia avanti tutta: "Arrivi a +11% già nei primi cinque mesi del 2024" [post_date] => 2024-06-05T10:30:29+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717583429000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468755 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In una nota FTI Touristick, che ha presentato istanza di fallimento ieri,  ha fatto sapere che l’azienda sta lavorando per garantire che i viaggi già iniziati possano essere completati come previsto. A questo fine, interverrà la Cassa tedesca per l’assicurazione viaggi, lanciata nel 2021. Se un fornitore di viaggi fallisce la Cassa Deutsche Reisesicherungsfonds dovrebbe occuparsi del rimborso degli acconti dei clienti e anche del trasporto di ritorno dei vacanzieri bloccati e del loro alloggio fino al trasporto di ritorno. Il fondo, organizzato dall’industria turistica tedesca e supervisionato dal ministero federale della Giustizia, è stato fondato dopo il fallimento del gruppo di viaggi Thomas Cook nel settembre 2019. L'impatto del  fallimento di FT Touristik sarà però molto inferiore a quello provocato dalla chiusura di Thomas Cook. La prima differenza notevole risiede nelle dimensioni di ciascuna azienda. Thomas Cook ha raggiunto un fatturato annuo di 12.000 milioni di euro, tre volte superiore a quello di FTI, il cui tetto è di 4.100 milioni.  Un altro fattore positivo è che la maggior parte dei fornitori, consapevole del rischio, richiede da tempo un pagamento anticipato a FTI, il che riduce l'impatto del loro fallimento. D'altronde, lo stesso management del gruppo assicura che questa sfiducia è stata una delle ragioni che ne hanno causato il crollo, per mancanza di liquidità. Allarmi Allo stesso modo, dall'inizio dell'anno, quando sono iniziati i primi allarmi sulla situazione del gruppo, le riserve hanno cominciato a crollare. Come ha pubblicato Preferente , lo scorso marzo le agenzie di viaggio del paese, in una dichiarazione insolita e poco frequente, hanno chiesto maggiore trasparenza alla FTI riguardo alla sua situazione finanziaria, avvertendo che "esiste il rischio di mancato pagamento". Fondamentale è invece la data in cui è stato dichiarato il fallimento. Thomas Cook ha cessato le attività dopo l'alta stagione estiva (23 settembre 2019), chiudendo senza pagare ingenti importi dovuti a una moltitudine di fornitori, molti dei quali spagnoli. FTI, invece, lo ha fatto questo lunedì 3 giugno, il che contribuisce a ridurne l'impatto. Infine, resta da vedere se FTI riuscirà a superare questa situazione. Comunque c'è anche la possibilità che venga salvata, anche dal Governo tedesco.   [post_title] => Fti: i viaggi iniziati possono essere completati. Differenze con Thomas Cook [post_date] => 2024-06-04T11:14:25+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717499665000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "assohotel la mancata proroga della cig obbliga ai licenziamenti" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":69,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":250,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471319","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha preso il via ieri la nuova avventura dell'aeroporto di Salerno-Costa d'Amalfi, con l'atterraggio dei primi due voli operati da Volotea e easyJet (provenienti, rispettivamente, da Nantes e Milano Malpensa).\r\n \r\nUn nuovo inizio che rappresenta una vera e propria svolta da più di un punto di vista. Innanzitutto perché, come evidenziato dal presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca \"chiude una storia lunga 20 anni\", un desiderio a lungo accarezzato che però \"mancava di un piano industriale. Quello di oggi (ieri per chi legge, ndr) è solo il primo passo, di un progetto che ci consente di immaginare in un futuro non lontano anche voli intercontinentali\".\r\n \r\nUn progetto che poggia le sue fondamenta sulla costituzione di una \"rete aeroportuale\" in grado di dar vita al sistema aeroportuale campano. \"Economie di scala, un'offerta unitaria, migliori servizi ai passeggeri\" puntualizza Carlo Borgomeo, presidente di Gesac, la società che gestisce entrambi gli aeroporti di Napoli e Salerno, che rivendica: \"Smentisco l’interpretazione secondo cui Salerno sarebbe la ruota di scorta di Napoli. Questo progetto riguarda lo sviluppo della regione. Non è il trionfo di un 'campanile' ma un'operazione ben studiata, con grande opportunità per il turismo, per gli scambi culturali e che apre grandi opportunità per i giovani. L'intera regione diventa più attrattiva\".\r\n \r\nLa valenza dell'opera è sottolineata anche da Renato Ravanelli, ad di F2i, principale azionista di Gesac che ribadisce come Salerno sia la dimostrazione di come \"al Sud si può fare. La collaborazione tra pubblico e privato, si può fare: siamo di fronte a un cambio di paradigma. Il pubblico fa la sua parte, valutando l'importanza di un progetto e il privato individua le iniziative di carattere industriale e le sviluppa. Insieme, si fa industria e impresa\".\r\n \r\nI numeri e il piano di sviluppo\r\n \r\nLa gestione unica ha consentito di sviluppare un imponente piano d'investimenti infrastrutturali e, al contempo, una significativa rete di collegamenti aerei: si parte con 20 destinazioni di cui 6 di linea domestiche (Catania, Cagliari, Milano Bergamo, Milano Malpensa, Torino e Verona), 7 internazionali (Basilea, Berlino, Ginevra, Malta, Nantes, Londra Gatwick, Londra Stansted) e 7 charter (Corfù, Djerba, Monastir, Podgorica, Rodi, Sharm el-Sheikh e Zante).\r\nQuattro le compagnie aeree operative: easyJet, Volotea, Universal Air e Ryanair.\r\n \r\nUn investimento che, al 2043, è previsto in 245 milioni di euro, di cui 134 finanziati con fondi pubblici.\r\n \r\nTra gli interventi indispensabili già realizzati il prolungamento della pista da 1.655 metri a 2.022. Già effettuati anche l’estensione dei piazzali di sosta degli aeromobili, la segnaletica di volo, la riattivazione dell’aerostazione passeggeri e dei parcheggi. Poi, a fine 2025, sarà la volta della nuova struttura per l'aviazione generale, nel 2026 debutterà il nuovo terminal passeggeri (che sarà realizzato mantenendo la piena operatività dello scalo); già in corso la costruzione del nuovo edificio per i Vigili del Fuoco, mentre a fine 2025 sarà operativo anche un nuovo deposito carburanti.\r\n \r\n\"Nel pieno rispetto dei tempi previsti e comunicati nasce un’infrastruttura strategica per il Mezzogiorno che rappresenta un’occasione fondamentale di sviluppo turistico, sociale ed occupazionale, realizzata secondo criteri di mercato, in un sano rapporto pubblico-privato. Ma già siamo all’opera per realizzare la nuova aerostazione passeggeri che si estenderà su una superficie di circa 16.000 metri quadrati e rifletterà i più elevati standard ambientali, con scelte architettoniche armoniche in forte connessione con il paesaggio”, ha dichiarato Roberto Barbieri, ad Gesac e fautore strategico della gestione unica dei due aeroporti campani.\r\n \r\n\r\n\r\n[gallery ids=\"471356,471358,471357\"]\r\n\r\n\r\n \r\n ","post_title":"Salerno, al via il sistema aeroportuale campano. De Luca: \"Giornata storica\"","post_date":"2024-07-12T12:31:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1720787513000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470821","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il dato è naturalmente provvisorio e sconta senz'altro il momento poco felice degli altri comparti. Ma a dirlo, non dico cinque-dieci anni fa, persino a ottobre scorso, in molti avrebbero pensato a una fake news. E invece, nel primo semestre di quest'anno l'asset class degli alberghi è stata quella su cui si è concentrata la maggior parte degli investimenti commercial real estate in Italia: qualcosa meno di 1 miliardo di euro su un totale di poco più di 3 miliardi. A seguire gli uffici, che scontano da tempo gli effetti del fenomeno smart working, e la logistica, settore complesso e ad alta intensità di capitale. Sono davvero finiti i tempi, affatto lontani, in cui alle principali fiere del real estate europeo gli alberghi erano relegati nel calderone degli investimenti alternativi, dopo uffici e logistica appunto, ma anche retail e residenziale...\r\n\r\nLo ha rivelato Domenico Basanisi, in occasione dell'Hospitality Forum 2024 organizzato da Scenari Immobiliari a Milano. In tale contesto, ha sottolineato l'head of hotels investment properties Italy di Cbre, un altro dato importante riguarda la natura degli investitori: non solo ha ripreso quota la componente domestica dei capitali, tornata a essere la maggioranza, ma ben il 55% di chi ha operato acquisizioni è rappresentato da proprietari operatori: \"Si viene da due anni di grandi flussi cassa. C'è quindi chi ne ha approfittato per comprare - ha spiegato Basanisi -. Tra l'altro, lato venditori, si tratta generalmente di acquirenti che massimizzano il pricing, in quanto le loro motivazioni vanno spesso oltre alle considerazioni finanziarie, rispondendo anche a logiche industriali e di marketing\".\r\n\r\nA essere ancora dormienti sono invece i capitali core. \"Sulla carta ci sono, sono attivi ma intervengono poco. Nel primo semestre del 2024 hanno contato per circa il 10%. E la tendenza rimarrà con ogni probabilità la medesima anche per il resto dell'anno. E' la motivazione per la quale un mercato come quello tedesco, tradizionalmente caratterizzato proprio da un'elevata presenza di investitori core, sconta oggi qualche difficoltà. Ecco allora che gli investitori cosiddetti value-add rimangono pur sempre la parte più attiva del mercato\".\r\n\r\nIn prospettiva Basanisi prevede una polarizzazione degli investimenti con i capitali value add che tenderanno a concentrarsi sulle proprietà di livello più alto, mentre il mercato dei midscale e degli economy sarà di pertinenza soprattutto degli operatori - proprietari. \"Al momento - ha concluso Basanisi - esiste una serie di asset potenzialmente in vendita appartenenti alla cosiddetta categoria core plus (ottimi tenant accompagnati da brand importanti), localizzati tuttavia in destinazioni secondarie, quali le periferie delle Big 4 (Milano, Roma, Firenze e Venezia) o le città più piccole. E' questo un fattore delicato perché se le richieste sugli yield prime per gli uffici si aggirano sul 4,5%, e con gli hotel si arriva attorno al 5%, in location al di fuori di questo perimetro lo spread si ampia. Il tutto con un conseguente cambiamento della categoria di buyer che si sposta verso investitori interessati a capitalizzare su alti rendimenti prima che i tassi d'interesse scendano in maniera più consistente come da previsione\".","post_title":"Basanisi, Cbre: hotel prima asset class del real estate italiano a inizio 2024","post_date":"2024-07-04T15:02:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1720105345000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470791","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_460467\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Christian Garrone[/caption]\r\n\r\nCon l’arrivo dell’alta stagione, I4T, intermediario assicurativo specializzato nell’offerta di polizze viaggio, presenta I4Connection, una nuova polizza che si candida a diventare un valido alleato delle agenzie di viaggio per superare le insidie del traffico aereo. \r\n\r\nCome suggerisce il nome, la copertura interviene in caso di perdita di una connessione aerea, che può avvenire per diverse cause: ritardo, diniego all’imbarco o cancellazione della prima tratta, anche per condizioni meteorologiche avverse, perdita o smarrimento del bagaglio sul primo volo o altri motivi oggettivamente documentabili. \r\n\r\nIn linea con l’elasticità richiesta dal sempre mutevole assetto del traffico aereo, la polizza garantisce il rimborso – entro un massimale di 1.000 euro a persona –dei costi necessari per l’acquisto di un titolo di viaggio alternativo per proseguire l’itinerario o rientrare all’aeroporto di partenza. \r\n\r\nChristian Garrone, responsabile intermediazione assicurativa I4T, dichiara: “I4Connection nasce per offrire un supporto fattivo ai sempre più numerosi agenti di viaggio che, per rispondere alla domanda di flessibilità dei loro clienti, ricorrono a piani volo complessi e personalizzati, realizzati combinando tratte separate operate da vettori diversi, spesso low-cost. In questi casi, le compagnie intervengono solo sulla singola tratta e l’onere della riprotezione dell’itinerario completo ricade sull’organizzatore. Dopo il successo di I4Flight – polizza best-seller che vale in caso di cancellazione di tutti i mezzi di trasporto regolarmente prenotati – I4Connection è una nuova pietra miliare della nostra storia, che ci vede da oltre 20 anni al servizio delle agenzie di viaggio”.\r\n\r\nDa segnalare anche il rimborso di eventuali pernottamenti, escursioni e altri servizi turistici prenotati e non utilizzati a causa della perdita della connessione. Se la mancata coincidenza, infine, comporta la rinuncia ad un pacchetto di viaggio organizzato da un tour operator, I4Connection garantisce il rimborso del 50% delle penali di annullamento.\r\n\r\nLa polizza, già disponibile sul portale agenti di I4T, è valida anche nel caso di connessioni tra voli operati da vettori diversi, low-cost inclusi, e comprende una specifica estensione per i voli in coincidenza con l’imbarco per crociere marittime. \r\n\r\n ","post_title":"I4T, nuova polizza per coprire la perdita di una connessione aerea","post_date":"2024-07-04T11:13:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1720091601000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470343","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Naturalmente siamo alle solite: appena inizia l'estate qualcuno fa il conteggio delle truppe ai vacanzieri. Questa volta è Facile.it ( che d'altronde di turismo ne capisce, visto che offre assicurazioni. Vabbe' tralasciamo). Allora l'ennesima ricerca statistica ci dice: che nell’ultimo anno ben 1,8 milioni di italiani sono incappati in una truffa mentre stavano prenotando una vacanza. Il danno complessivo stimato è pari, sempre secondo l’indagine, a 643 milioni di euro, ma quasi 1 truffato su 2 non è riuscito a recuperare i soldi persi.\r\n\r\nBene. Io non discuto i dati. Se sono veri, cosa si discute a fare? Io voglio solo mettere l'accento sul fatto che si sono susseguite campagne anche promozionali sul fatto di rivolgersi sempre (e quando si dice sempre, vuol dire sempre) per un determinato tipo di viaggio. E' naturale che se devo andare da Milano a Londra, il volo me lo trovo da solo, ma se devo fare qualcosa di più complesso l'unico interlocutore è l'agenzia di viaggio, e il tour operator.\r\n\r\nSia l'agenzia che il to, infatti sono obbligati per legge a tutelare il cliente in ogni fase della sua vacanza. Esiste, per chi non lo sa, un fondo per intervenire nelle situazioni di crisi. Insomma rivolgersi a chi ha dallo Stato la patente di agente di viaggio è sempre un modo per viaggiare sicuri. ","post_title":"Facile.it: 1,8 milioni di italiani truffati sui viaggi. Non sono passati dalle adv","post_date":"2024-06-27T12:26:47+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1719491207000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470021","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Francia e Airbnb. Ventisei albergatori francesi di diverse regioni, ad eccezione della capitale Parigi, hanno intentato una causa davanti al tribunale di Lisieux contro la piattaforma online Airbnb, per presunta concorrenza illegale.\r\n\r\nLa causa è strutturata in modo abbastanza solido perché sostengono che Airbnb incide sull'attività dei ricorrenti dal momento in cui non rispetta la legge a cui loro stanno rispettando. Chiedono 9,2 milioni di euro di risarcimento. Il caso verrà discusso il 6 settembre.\r\nLe mancanze\r\nGli albergatori, ad esempio, sostengono che la piattaforma americana non offre il numero di registrazione degli immobili che commercializza, contravvenendo alle normative ufficiali francesi. Manca anche il monitoraggio del prodotto offerto. La causa afferma che sono visibili annunci pubblicitari illegali e che la piattaforma è responsabile, in quanto editore di contenuti.\r\n\r\nI denuncianti affermano di non essere contrari alle piattaforme digitali, ma piuttosto lamentano il mancato rispetto della legislazione, il che almeno è una buona strategia giudiziaria. Concludono che l'atteggiamento lassista della piattaforma significa in pratica una deregolamentazione del settore, motivo per cui intentano causa.","post_title":"Francia: albergatori fanno causa contro Airbnb per concorrenza sleale","post_date":"2024-06-24T10:50:17+00:00","category":["senza-categoria"],"category_name":["Senza categoria"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1719226217000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469834","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_416026\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un momento di vita a bordo di un Orient Express d'antan. Foto del Fonds de dotation Orient Express Heritage[/caption]\r\n\r\nGrandi manovre nel mondo del turismo di lusso. Dopo la news della partnership tra Accor e Lvmh per lo sviluppo del brand Orient Express, un altro dei protagonisti del rilancio dello storico marchio legato all'epoca d'oro delle ferrovie e ora al centro di un sostanzioso aumento di capitale.\r\n\r\nIl gruppo Barletta beneficerà infatti di un'iniezione di 95 milioni di euro, in liquidità e trophy asset, da parte della Fidim, holding di partecipazioni della famiglia Rovati, che in questo modo si assicurerà il 12,5% del capitale sociale dello stesso gruppo Barletta.\r\n\r\nL'operazione, spiega Il Sole 24 Ore, è legata a doppia mandata al supporto degli investimenti nel turismo di lusso. La Fidim vanta infatti una sostanziale esperienza nel mondo del turismo di alta gamma, mentre la società guidata da Paolo Barletta opera da tempo nel segmento dell'hotellerie e dei treni di lusso con la controllata Arsenale.\r\nPartner\r\nQuest'ultima, tra le altre cose, è il partner principale del progetto Orient Express, essendo proprietaria sia dei due hotel in apertura a Roma e a Venezia, La Minerva e Palazzo Dona’ Giovannelli, sia dei sei treni Doce Vita in fase di costruzione, due dei quali debutteranno l'anno prossimo.\r\n\r\nAttualmente l'azionariato di Arsenale è costituito per il 59,24% dal gruppo Barletta, per il 20,44% dalla Annabel Holding di Nicola Bulgari e per il 20,32% dalla società lussemburghese Ita Hotel Investments di Oaktree. Oltre ai progetti Dolce Vita Orient Express, la società ha siglato accordi per iniziative simili con la Saudi Arabia Railways, l’Egypt National Railway, con l’uzbeca O’zbekiston Temir Yo’llari Jsc ed Etihad Rail. Le stime 2024 per Arsenale parlano di ricavi per 24 milioni di euro, destinati tuttavia a balzare fino ai 135 milioni già nel 2025. ","post_title":"Orient Express, grandi manovre: Fidim entra nel gruppo Barletta (Arsenale)","post_date":"2024-06-20T11:41:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718883709000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469734","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuova linea di laboratori di fotografia on the road. Ideata da Shiruq by Mappamondo in collaborazione con l'Istituto italiano di fotografia (Iif), nasce Reframing Traveling, che invita ad assumere uno sguardo nuovo sul viaggio, sul mondo. “E' la linea di viaggi che mancava – spiega Francesca Lorusso, responsabile del marchio Shiruq –: si tratta di proposte per piccoli gruppi, massimo 12 partecipanti, condotti nel tour culturale e nel percorso fotografico da Valentina Tamborra, fotoreporter e docente di Iif, e dedicati a chi desidera abbracciare questa arte come strumento di indagine e come veicolo di espressione e di interpretazione. Gli itinerari sono adatti a tutti, indipendentemente dal livello tecnico dei partecipanti e le iscrizioni sono accessibili anche a chi fotografa con lo smartphone”.\r\n\r\nGrazie all'approccio innovativo delle esperienze proposte, che unisce sapientemente la conoscenza di territori, popoli e culture e l'insegnamento di tecniche e stili fotografici, si andrà alla scoperta dell'anima più autentica e profonda dei luoghi visitati. Una proposta inedita e unica, resa possibile grazie alle caratteristiche distintive di Shiruq nel turismo culturale, e di Iif nel mondo della formazione fotografica. I primi due viaggi in calendario porteranno alla scoperta della Georgia, incastonata tra le montagne del Caucaso, e di Malta, gioiello del Mediterraneo. ","post_title":"Shiruq lancia una nuova linea di laboratori di fotografia on the road in collaborazione con Iif","post_date":"2024-06-19T10:13:47+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718792027000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468834","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_468836\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Viviana Vukelic insieme al team milanese dell'Ente nazionale croato per il turismo[/caption]\r\n\r\n\"Un 2024 che è da subito partito bene per la Croazia, con numeri in crescita già nel periodo del pre-stagione\": Viviana Vukelic, direttrice dell'Ente nazionale croato per il turismo in Italia, commenta così l'andamento dell'anno, in occasione del tradizionale appuntamento milanese di saluto all'estate.\r\n\r\nProprio nella stagione di spalla \"abbiano lavorato tantissimo: nei primi cinque mesi del 2024 la Croazia ha totalizzato 4 milioni di arrivi, l'11% in più sullo stesso periodo del 2023, e 13 milioni di pernottamenti, +12%\"\r\n\r\nTrend confermato anche per i flussi dall'Italia: \"I visitatori italiani sono in aumento, con 370.000 pernottamenti e 150.000 arrivi, pari rispettivamente a una crescita del +3% e +4% sul 2023. Italia e Croazia sono sempre più vicine con numerosi collegamenti, ben 7 le nuove rotte aeree oltre alle numerose opportunità in traghetto\".\r\n\r\nTante le novità che attendono i visitatori: “Nel 2024 non sono mancati gli investimenti e le nuove aperture sul fronte alberghiero partendo dall’Istria fino a Dubrovnik, così come ricco il calendario degli eventi e festival musicali”.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Croazia avanti tutta: \"Arrivi a +11% già nei primi cinque mesi del 2024\"","post_date":"2024-06-05T10:30:29+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1717583429000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468755","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In una nota FTI Touristick, che ha presentato istanza di fallimento ieri,  ha fatto sapere che l’azienda sta lavorando per garantire che i viaggi già iniziati possano essere completati come previsto. A questo fine, interverrà la Cassa tedesca per l’assicurazione viaggi, lanciata nel 2021. Se un fornitore di viaggi fallisce la Cassa Deutsche Reisesicherungsfonds dovrebbe occuparsi del rimborso degli acconti dei clienti e anche del trasporto di ritorno dei vacanzieri bloccati e del loro alloggio fino al trasporto di ritorno. Il fondo, organizzato dall’industria turistica tedesca e supervisionato dal ministero federale della Giustizia, è stato fondato dopo il fallimento del gruppo di viaggi Thomas Cook nel settembre 2019.\r\n\r\nL'impatto del  fallimento di FT Touristik sarà però molto inferiore a quello provocato dalla chiusura di Thomas Cook.\r\n\r\nLa prima differenza notevole risiede nelle dimensioni di ciascuna azienda. Thomas Cook ha raggiunto un fatturato annuo di 12.000 milioni di euro, tre volte superiore a quello di FTI, il cui tetto è di 4.100 milioni. \r\n\r\nUn altro fattore positivo è che la maggior parte dei fornitori, consapevole del rischio, richiede da tempo un pagamento anticipato a FTI, il che riduce l'impatto del loro fallimento. D'altronde, lo stesso management del gruppo assicura che questa sfiducia è stata una delle ragioni che ne hanno causato il crollo, per mancanza di liquidità.\r\nAllarmi\r\nAllo stesso modo, dall'inizio dell'anno, quando sono iniziati i primi allarmi sulla situazione del gruppo, le riserve hanno cominciato a crollare. Come ha pubblicato Preferente , lo scorso marzo le agenzie di viaggio del paese, in una dichiarazione insolita e poco frequente, hanno chiesto maggiore trasparenza alla FTI riguardo alla sua situazione finanziaria, avvertendo che \"esiste il rischio di mancato pagamento\".\r\n\r\nFondamentale è invece la data in cui è stato dichiarato il fallimento. Thomas Cook ha cessato le attività dopo l'alta stagione estiva (23 settembre 2019), chiudendo senza pagare ingenti importi dovuti a una moltitudine di fornitori, molti dei quali spagnoli. FTI, invece, lo ha fatto questo lunedì 3 giugno, il che contribuisce a ridurne l'impatto.\r\n\r\nInfine, resta da vedere se FTI riuscirà a superare questa situazione. Comunque c'è anche la possibilità che venga salvata, anche dal Governo tedesco.\r\n\r\n ","post_title":"Fti: i viaggi iniziati possono essere completati. Differenze con Thomas Cook","post_date":"2024-06-04T11:14:25+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717499665000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti