2 October 2022

Phone&Go offerta di lavoro per promoter

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da: Phone&Go
Telefono:
Email: ru@phoneandgo.it
Provincia: • , , , ,
Comune: • , , , , ,

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Azienda leader nella vendita online di pacchetti turistici operante in Italia dal 2003, ricerca per ampliare la propria rete vendita:
3 PROMOTER/RESPONSABILI DI AREA per le seguenti zone:
– Milano Città
– Milano Provincia
– Triveneto (Venezia, Padova, Treviso, Udine, Gorizia)
Si richiede:
Il candidato ideale ha maturato una significativa esperienza nella promozione/vendita del prodotto turistico presso gli operatori di settore (agenzie di viaggio, tour operator, network).
L’azienda mette a disposizione un efficace supporto di b.o. commerciale, formazione qualificata e training.
Si offre:
un trattamento economico basato su provvigioni con rimborso spese.
Gli interessati possono inviare il cv all’indirizzo: ru@phoneandgo.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430417 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => American Airlines festeggia 80 anni dall'apertura dei suoi primi voli verso il Messico: nel 1942, la compagnia aerea lanciò il collegamento da Dallas a Città del Messico, operato da un Douglas DC-3, facendo prima scalo a Monterrey per il rifornimento. Con questo volo, il Messico divenne la seconda destinazione internazionale della compagnia aerea, dopo il Canada (aperta nel 1941). Oggi il Messico rappresenta la più grande destinazione internazionale di American, con oltre 500 voli settimanali verso 27 città. E proprio quest'anno, il vettore ha registrato una crescita record nel Paese, con un aumento di oltre il 40% della capacità rispetto al 2019. Oltre a operare le rotte maggiormente strategiche con aeromobili più grandi, la compagnia aerea ha anche aperto nuove rotte, come quella da Austin a Cozumel e, a partire da novembre, un nuovo collegamento da Città del Messico e Monterrey a New York. American conta più di 1.100 membri dipendenti basati in Messico, il maggior numero al di fuori degli Stati Uniti; due uffici prenotazioni a Città del Messico e Monterrey, quattro centri di vendita biglietti a Città del Messico, Monterrey, Guadalajara e León, e un Admirals Club all'aeroporto internazionale Benito Juárez di Città del Messico. [post_title] => American celebra 80 anni di voli in Messico. Capacità a +40% rispetto al 2019 [post_date] => 2022-09-14T09:05:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663146350000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430035 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tradizione, accoglienza e rinnovamento. Ecco gli ingredienti fondamentali per accogliere i propri ospiti in oltre 60 anni di attività. Per l’Hotel Villa Ricci di Chianciano Terme accogliere significa andare incontro a tutte le esigenze della clientela. La famiglia proprietaria della struttura ha cominciato a muovere i primi passi nel turismo nel lontano 1958. «Mia nonna Elide – spiega Simonetta Mencarelli, proprietaria – ha iniziato come affittacamere, seguendo una tendenza che spingeva nuovi “investitori” a passare dalla terra all’accoglienza dei primi turisti. La struttura odierna risale al 1981 e comprende 90 camere. Da allora abbiamo fatto molti investimenti: nel 1986 abbiamo inaugurato una sala Convegni da 250 posti, nel 2008 abbiamo aperto il Centro Benessere Olistico ulteriormente arricchito nel 2011». L’area di Chianciano è conosciuta per il prodotto termale, che negli anni si è trasformato. «La provincia di Siena è l’unica al mondo – aggiunge Mencarelli – a proporre un circuito di 9 centri termali. Un’offerta di grande livello in un contesto paesaggistico, culturale e storico di eccellenza che attira anche chi punta sull’enogastronomia, i percorsi in bike e in moto». Una lungimiranza di tutto rispetto che negli anni ha aiutato la proprietà del Villa Ricci a comprendere le necessità del mercato, ovvero le diverse fasi che il settore termale ha attraversato. «Abbiamo comunque una clientela che continua a sceglierci negli anni – commenta Mencarelli – ma siamo riusciti a trovare nuovi filoni, come quello olistico sul quale abbiamo investito molto». Il Villa Ricci comprende anche il ristorante La Coccola, aperto anche agli esterni, punto di forza dell’offerta con una vasta scelta di piatti della tradizione toscana, con ingredienti a Km O. Per quanto riguarda l’offerta Benessere, il Villa Ricci si distingue per l’eccellenza dei trattamenti e dei servizi. «Il Salone dell’Acqua – conclude Mencarelli - è il cuore pulsante del nostro Centro Benessere Olistico, grande vasca di 80mq, con acqua riscaldata a temperatura costante di 34°C. Una volta immersi è possibile sperimentare un vero e proprio trattamento benessere grazie ad una combinazione di percorsi di idromassaggio accompagnati da cromoterapia e musicoterapia. C’è anche una grande area dedicata con 4 cabine trattamenti, dove l’acqua “elemento primordiale” è utilizzata in tutte le sue forme. Una rivisitazione moderna di ancestrali metodi di cura per favorire salute e benessere».         [post_title] => Hotel Villa Ricci, il focus è su benessere e tradizione [post_date] => 2022-09-07T09:43:39+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662543819000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429998 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Seychelles chiama Italia e il nostro Paese risponde, tornando a scalare la classifica degli arrivi sulle isole da sogno dell'oceano Indiano. Quinto posto dunque per i turisti italiani nei primi otto mesi del 2022, con un totale di 12.296 arrivi, contro i 747 dello stesso periodo del 2021. Dal 1° gennaio 2022 al 28 agosto 2022 le Seychelles hanno accolto complessivamente 214.813 visitatori con un incremento del 141% rispetto allo stesso periodo del 2021. I primi dieci paesi dal 1° gennaio sono stati: Francia (30.032), Germania (26.794), Russia (18.654), Regno Unito e Irlanda del Nord (14.266), Italia (12.296), Emirati Arabi (12.117), Svizzera (9.528), Israele (9.069), Stati Uniti (5.611) e Austria (5.419). Per quanto riguarda la quota di mercato per continente, l’Europa domina con il 74,69%, l’Asia con il 15,05%, l’Africa con il 6,48% e l’Oceania con lo 0,3%. Secondo il Ministro degli Affari Esteri e del Turismo Sylvestre Radegonde, le Seychelles supereranno l’obiettivo fissato per quest’anno in termini di arrivi turistici, chiudendo l’anno con 300.000 visitatori e non prevede alcuna crisi nel prossimo futuro. Le tendenze di viaggio per il 2022 indicano una maggiore flessibilità nella gestione dei viaggi come la possibilità di cambiare o cancellare le prenotazioni senza pagare penali, la preferenza per la qualità del viaggio rispetto alla quantità prima, la preferenza per i pacchetti e le prenotazioni tramite agenzie di viaggio per la riprotezione o le cancellazioni, la riduzione del turismo di massa, il recupero delle esperienze perse durante la pandemia e la possibilità di utilizzare budget di viaggio maggiori non avendo viaggiato negli ultimi due anni. Il dipartimento del turismo nel frattempo si sta impegnando sul turismo verde e sostenibile e sta valorizzando l’aspetto culturale che ha un ruolo molto importante nella vendita della destinazione Seychelles. [post_title] => Seychelles: l'Italia è il quinto mercato per numero di arrivi nei primi 8 mesi dell'anno [post_date] => 2022-09-06T11:18:23+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662463103000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429035 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Margaret River, nella regione sud-occidentale del Western Australia, è la prima “ECO Destination” dello stato e una delle quattro nel Paese, certificata da Ecotourism Australia (EA), organizzazione non governativa e senza scopo di lucro, fondata nel 1991, che sostiene e promuove l’industria dell’ecoturismo in Australia. Grazie a questo programma di certificazione riconosciuto a livello mondiale, i visitatori hanno la certezza che la regione offra una serie di prodotti turistici di alta qualità incentrati sulla natura e che si adoperi con impegno a migliorare le pratiche sostenibili in futuro. Sono 26 le realtà locali della regione ora certificate ECO: tra queste, Margaret River Discovery Company, che offre diverse tipologie di tour nella regione, Blackwood River Houseboats, attività famigliare che propone soggiorni ed esperienze in house boats attrezzate lungo il fiume Blackwood River di Augusta, l’azienda agricola di permacultura Fair Harvest Permaculture e l’eco-resort Tanah Marah sono tra le ultime ad aver ricevuto la certificazione, aggiungendosi a realtà come Margaret River Retreat, Margaret River Surf School, il faro Cape Leeuwin Lighthouse e le grotte Jewel, Mammoth e Lake Caves. Inoltre, 68 aziende vinicole della regione di Margaret River sono membri certificati di Sustainable Wine Growing Australia, con il 12% dei vigneti certificati come biologici o biodinamici. Margaret River è l'unica regione vinicola australiana in cui è possibile passare da cantine e ristoranti pluripremiati a spiagge meravigliose, verdi foreste, famosi surf spot e antiche grotte, il tutto a sole tre ore di auto da Perth. [post_title] => Western Australia: Margaret River è la prima ECO Destination dello stato [post_date] => 2022-07-28T12:32:16+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659011536000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428870 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Appena si entra nella hall una pittoresca installazione emula il pianoforte gigante del film americano Big. Note e melodie si riflettono poi in ciascuno degli spazi e servizi dell’hotel, a partire dalla terrazza con piscina all’aperto. Ha aperto a Madrid, il Barceló Imagine, struttura in equilibrio tra arte, tecnologia e musica. Le sue 156 camere seguono differenti generi, a seconda del piano in cui si trovano, compresa una stanza dedicata ai Beatles. Presso il ristorante Eat & Roll è poi possibile gustare un’originale offerta gastronomica ad hoc, mentre, il lobby bar Studio 32 rende omaggio alla musica da discoteca. Tra i servizi più particolare dell'albergo c'è quindi il noleggio di vinili e di strumenti per godersi una sessione di musica in camera o esercitarsi nelle suite Elvis Presley o Freddie Mercury. Nella Sky lounge vengono organizzati eventi speciali e serate musicali con dj e musica dal vivo. La fusione tra musica e tecnologia è quindi a disposizione degli ospiti con un altro servizio di noleggio, quello degli auricolari subacquei. L'hotel offre inoltre la possibilità di ricreare la colazione che John Lennon condivise con Yoko Ono nella suite dell'hotel dove una mattina del 1971 scrisse il testo della famosa Imagine. L'idea è di vivere questo momento storico attraverso un servizio di colazione che riunisce i cibi preferiti del cantante, che gli ospiti possono ordinare attraverso il servizio in camera. Include una combinazione di caffè e tè nero inglese, oltre a corn flakes e ai barattoli Campbell's, che John Lennon consumava quotidianamente, nonché a un pancake ai mirtilli. [post_title] => Apre a Madrid il Barceló Imagine dedicato alla musica (con un pizzico di John Lennon) [post_date] => 2022-07-25T13:02:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658754176000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428123 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bruxelles torna a vestire i colori del Tapis de Fleurs, iconica istallazione artistica nella Grand Place, composta da un tappeto di fiori lungo 77 metri e largo 24. L’evento, dopo i due anni di stop forzato a causa della pandemia, è stato organizzato per la prima volta nel 1971 e recupera quest’anno i festeggiamenti per il cinquantesimo anniversario. Il Tapis de Fleurs sarà realizzato entro la mattinata di venerdì 12 agosto e sarà inaugurato ufficialmente a partire dalle 22, con l’apertura ufficiale al pubblico e la prima dello show di son et lumière: l’opera resterà allestita fino a tutto il 15 agosto con repliche quotidiane dello spettacolo. L’accesso all’area sarà consentito tramite l’acquisto di un biglietto individuale o di gruppo sul sito ufficiale del Tapis de Fleurs, accessibile anche da Visit Brussels: la piazza sarà aperta dalle 10 alle 22 e gli spettacoli di son et lumière si svolgeranno ogni 30 minuti fino alle 23:00. “La Grand Place, patrimonio mondiale dell'Unesco, si prepara a brillare – dichiara Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles – ed è un appuntamento imperdibile per i turisti che, finalmente, stanno tornando a visitare la città. Come sempre, l’estate a Bruxelles è piena di eventi per gli amanti della musica e della cultura. Inoltre, la città è verdissima, il clima è mite e ci sono tanti luoghi bucolici per trascorrere del tempo al fresco e in totale armonia con la natura, senza spostarsi troppo dal centro”. Il Tapis de Fleurs è un’attrattiva per tutti gli appassionati di floricoltura, ma è anche un’ottima occasione per organizzare un viaggio dedicato alla scoperta delle bellezze della capitale belga, dopo due anni di viaggi di prossimità: i famosi musei cittadini, l’art nouveau, la cultura della birra e la gustosa pralineria locale. [post_title] => Bruxelles: in agosto tornano, dopo due anni, i colori del Tapis de Fleurs [post_date] => 2022-07-12T10:53:49+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1657623229000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 426591 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è sempre meno Ciga nella Luxury Collection: il brand del gruppo Marriott (già Starwood prima della fusione con la compagnia del Maryland), inizialmente nata proprio per valorizzare le proprietà della più famosa realtà dell'ospitalità di lusso italiana, continua infatti a perdere pezzi pregiati del proprio portfolio originario. Dopo il Danieli, che nel 2025 passerà sotto l'egida Four Seasons è questa la volta del Cristallo di Cortina, mentre per la fine del prossimo inverno si attende la decisione sul destino dei tre gioielli della Costa Smeralda: Pitrizza, Romazzino e Cala di Volpe. Il gruppo Mandarin ha appena annunciato di aver siglato un accordo di lungo termine con Attestor Capital, già proprietaria del Mandarin Oriental, Lago di Como, ex Casta Diva, per il rebranding e la gestione del Cristallo. La società di investment management con base a Londra ha infatti acquisito la struttura dolomitica esattamente un anno fa. Dopo la chiusura nel secondo trimestre del 2023, l'hotel sarà sottoposto a una sostanziale ristrutturazione e riaprirà come Mandarin Oriental resort nell'estate del 2025, in vista delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina. I lavori prevedono anche un importante ampliamento a cura degli architetti Herzog e deMeuron. Il Mandarin Oriental Cristallo, Cortina sarà il primo resort alpino del gruppo ed espanderà ulteriormente la presenza della compagnia in Italia. Alla riapertura, la struttura disporrà di 83 stanze per gli ospiti, molte delle quali dotate di balcone, tra cui 30 suite con vista sulle Dolomiti. Il resort offrirà una serie di ristoranti e bar, ambienti flessibili per l’intrattenimento e gli eventi, oltre a un’ampia struttura spa e wellness, con una piscina di collegamento tra gli spazi interni ed esterni. L'hotel farà inoltre da cornice a una vasta gamma di esperienze, sci e golf, passeggiate e trekking di fondo, tennis, pattinaggio sul ghiaccio, mountain climbing e offrirà anche un Kid’s club attrezzato. Il Cristallo fu costruito nel 1901 in stile Art Nouveau dalla famiglia Menardi e negli anni Trenta è stato una destinazione sciistica popolare per la colta élite europea. Dopo i Giochi Olimpici del 1956, l'hotel entrò nel suo periodo d'oro di rinomata destinazione sciistica, ospitando reali e celebrità, tra cui Peter Sellers, Frank Sinatra, Saul Bellow e Vladimir Nabokov. Il Cristallo ha anche fatto da cornice a numerosi film premiati, mantenendo il fascino storico di un grand hotel dei primi del Novecento [post_title] => C'è sempre meno Ciga nella Luxury Collection: il Cristallo di Cortina diventa Mandarin [post_date] => 2022-06-14T14:40:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1655217606000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 426145 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Poco dopo aver superato il confine tra l’Italia e la Svizzera si incontra la Ferrovia Monte Generoso: una cremagliera nata nel 1890 e ancora attiva grazie all’impegno del fondatore della Migros Gottlieb Duttweiler, che la acquistò nel 1941 per salvarla dallo smantellamento a cui era destinata a causa della necessità di materiali della Seconda Guerra Mondiale. La Ferrovia e il vicino Camping sono da allora economicamente sostenuti dal Percento culturale Migros, che ha affidato all’architetto ticinese Mario Botta la progettazione del suggestivo “Fiore di pietra” in vetta al Monte Generoso: un’accogliente struttura con ristoranti e sale meeting. Uno dei focus prioritari della Ferrovia Monte Generoso è diventare un’azienda equa e sostenibile. «La filosofia green e la sostenibilità fanno parte del nostro dna - spiega Monica Besomi, head of marketing & communication and vice director della Ferrovia -. La nostra strategia di sviluppo sostenibile si diversifica in quattro aree: Clima & Energia, Economia circolare, Assortimento e Coesione sociale». La salvaguardia delle zone verdi intorno alla Ferrovia e il loro rinverdimento, insieme con l’ottimizzazione energetica – data dalla riduzione delle emissioni di CO2 e dall’installazione di pannelli solari - rientrano nell’area “Clima & Energia”. L’”Economia Circolare” riguarda la raccolta differenziata dei rifiuti e la loro pesatura, con l’obiettivo di ottenere il terzo livello del label “Swisstainable” di Svizzera Turismo. L’utilizzo di prodotti a km zero e una proposta enogastronomica attenta alle peculiarità del territorio sono legate al tema dell’”Assortimento”, mentre la “Coesione sociale” parla dell’attenzione al tema della disabilità e dell’impegno nei confronti dei collaboratori. Il simbolo di questa strategia di sviluppo sostenibile per il 2022 è la Tisana Monte Generoso: una miscela di erbe biologiche e stelle alpine coltivate ai piedi del Monte Generoso e poi trasformate in una bevanda unica da aziende locali.    [post_title] => Svizzera: al Monte Generoso la sostenibilità si fa in quattro [post_date] => 2022-06-07T11:36:35+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1654601795000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 425955 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_425957" align="aligncenter" width="532"] Credits: The Museum of Tourism[/caption] The Museum of Tourism, associazione senza scopo di lucro nata in Spagna per la valorizzazione e la diffusione della storia del turismo che coinvolge oltre 80 realtà in 12 Paesi del mondo, ufficializza l'ingresso nella rete del Museo Fisogni di Tradate. Si tratta della “sala 76” del circuito. Presenti, oltre ai responsabili del Museo e dell’associazione, anche due rappresentanti del Muzeum Narzędzi, un nascente museo polacco dedicato agli antichi attrezzi da lavoro. Il Museo Fisogni, fondato nel 1966 da Guido Fisogni ed esposto a Villa Castiglioni di Tradate, conserva la più grande collezione di pompe di benzina antiche e di oggetti legati a mondo del petrolio (certificata dal Guinness World Record come la più completa al mondo), e fa parte del Circuito Lombardo Musei Design e della rete Musei Industriali del Varesotto. “Finito il servizio militare – racconta il fondatore – nel 1961 misi in piedi un’impresa edile specializzata in stazioni di servizio; nel giro di 10 anni avevamo già oltre 100 dipendenti. Durante il lavoro, iniziai a mettere da parte le pompe di benzina, le targhe, tutto quello che trovavo, e per 40 anni un operaio specializzato si è occupato del loro restauro. All’inizio il Museo era a Palazzolo Milanese, dove avevo la ditta, quando l’ho ceduta l’ho esposto a Tradate, in questa antica cascina che era di mia suocera e che abbiamo ristrutturato nel 2015. Oggi il Museo è una location di raduni, matrimoni, eventi aziendali e privati”. “Il Museo del Turismo – spiega il responsabile Alberto Bosque Coello – è un’iniziativa volta a valorizzare la storia del turismo, le aziende del settore e il territorio. Siamo organizzati come un museo diffuso diviso in “sale”, che possono essere singoli spazi messi a disposizione da alberghi e operatori turistici o, come in questo caso, dei musei veri e propri che ricostruiscono la storia dei viaggi e del turismo. Nell’ultimo secolo, le pompe di benzina sono state fondamentali per lo sviluppo del settore, e vogliamo complimentarci con Guido Fisogni per il gioiello che ha costruito in questa parte di Lombardia. Un gioiello che valorizzeremo sicuramente sui numerosi canali social della nostra associazione”. [post_title] => Il Museo Fisigno new entry nel Museo del Turismo [post_date] => 2022-06-01T12:34:11+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1654086851000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1941" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":67,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430417","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"American Airlines festeggia 80 anni dall'apertura dei suoi primi voli verso il Messico: nel 1942, la compagnia aerea lanciò il collegamento da Dallas a Città del Messico, operato da un Douglas DC-3, facendo prima scalo a Monterrey per il rifornimento. Con questo volo, il Messico divenne la seconda destinazione internazionale della compagnia aerea, dopo il Canada (aperta nel 1941).\r\n\r\nOggi il Messico rappresenta la più grande destinazione internazionale di American, con oltre 500 voli settimanali verso 27 città. E proprio quest'anno, il vettore ha registrato una crescita record nel Paese, con un aumento di oltre il 40% della capacità rispetto al 2019. Oltre a operare le rotte maggiormente strategiche con aeromobili più grandi, la compagnia aerea ha anche aperto nuove rotte, come quella da Austin a Cozumel e, a partire da novembre, un nuovo collegamento da Città del Messico e Monterrey a New York.\r\n\r\nAmerican conta più di 1.100 membri dipendenti basati in Messico, il maggior numero al di fuori degli Stati Uniti; due uffici prenotazioni a Città del Messico e Monterrey, quattro centri di vendita biglietti a Città del Messico, Monterrey, Guadalajara e León, e un Admirals Club all'aeroporto internazionale Benito Juárez di Città del Messico.","post_title":"American celebra 80 anni di voli in Messico. Capacità a +40% rispetto al 2019","post_date":"2022-09-14T09:05:50+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663146350000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430035","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tradizione, accoglienza e rinnovamento. Ecco gli ingredienti fondamentali per accogliere i propri ospiti in oltre 60 anni di attività. Per l’Hotel Villa Ricci di Chianciano Terme accogliere significa andare incontro a tutte le esigenze della clientela.\r\n\r\nLa famiglia proprietaria della struttura ha cominciato a muovere i primi passi nel turismo nel lontano 1958. «Mia nonna Elide – spiega Simonetta Mencarelli, proprietaria – ha iniziato come affittacamere, seguendo una tendenza che spingeva nuovi “investitori” a passare dalla terra all’accoglienza dei primi turisti. La struttura odierna risale al 1981 e comprende 90 camere. Da allora abbiamo fatto molti investimenti: nel 1986 abbiamo inaugurato una sala Convegni da 250 posti, nel 2008 abbiamo aperto il Centro Benessere Olistico ulteriormente arricchito nel 2011».\r\n\r\nL’area di Chianciano è conosciuta per il prodotto termale, che negli anni si è trasformato.\r\n\r\n«La provincia di Siena è l’unica al mondo – aggiunge Mencarelli – a proporre un circuito di 9 centri termali. Un’offerta di grande livello in un contesto paesaggistico, culturale e storico di eccellenza che attira anche chi punta sull’enogastronomia, i percorsi in bike e in moto».\r\n\r\nUna lungimiranza di tutto rispetto che negli anni ha aiutato la proprietà del Villa Ricci a comprendere le necessità del mercato, ovvero le diverse fasi che il settore termale ha attraversato. «Abbiamo comunque una clientela che continua a sceglierci negli anni – commenta Mencarelli – ma siamo riusciti a trovare nuovi filoni, come quello olistico sul quale abbiamo investito molto».\r\n\r\nIl Villa Ricci comprende anche il ristorante La Coccola, aperto anche agli esterni, punto di forza dell’offerta con una vasta scelta di piatti della tradizione toscana, con ingredienti a Km O.\r\n\r\nPer quanto riguarda l’offerta Benessere, il Villa Ricci si distingue per l’eccellenza dei trattamenti e dei servizi. «Il Salone dell’Acqua – conclude Mencarelli - è il cuore pulsante del nostro Centro Benessere Olistico, grande vasca di 80mq, con acqua riscaldata a temperatura costante di 34°C. Una volta immersi è possibile sperimentare un vero e proprio trattamento benessere grazie ad una combinazione di percorsi di idromassaggio accompagnati da cromoterapia e musicoterapia. C’è anche una grande area dedicata con 4 cabine trattamenti, dove l’acqua “elemento primordiale” è utilizzata in tutte le sue forme. Una rivisitazione moderna di ancestrali metodi di cura per favorire salute e benessere».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Hotel Villa Ricci, il focus è su benessere e tradizione","post_date":"2022-09-07T09:43:39+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1662543819000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429998","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Seychelles chiama Italia e il nostro Paese risponde, tornando a scalare la classifica degli arrivi sulle isole da sogno dell'oceano Indiano. Quinto posto dunque per i turisti italiani nei primi otto mesi del 2022, con un totale di 12.296 arrivi, contro i 747 dello stesso periodo del 2021.\r\nDal 1° gennaio 2022 al 28 agosto 2022 le Seychelles hanno accolto complessivamente 214.813 visitatori con un incremento del 141% rispetto allo stesso periodo del 2021. I primi dieci paesi dal 1° gennaio sono stati: Francia (30.032), Germania (26.794), Russia (18.654), Regno Unito e Irlanda del Nord (14.266), Italia (12.296), Emirati Arabi (12.117), Svizzera (9.528), Israele (9.069), Stati Uniti (5.611) e Austria (5.419). Per quanto riguarda la quota di mercato per continente, l’Europa domina con il 74,69%, l’Asia con il 15,05%, l’Africa con il 6,48% e l’Oceania con lo 0,3%.\r\nSecondo il Ministro degli Affari Esteri e del Turismo Sylvestre Radegonde, le Seychelles supereranno l’obiettivo fissato per quest’anno in termini di arrivi turistici, chiudendo l’anno con 300.000 visitatori e non prevede alcuna crisi nel prossimo futuro.\r\nLe tendenze di viaggio per il 2022 indicano una maggiore flessibilità nella gestione dei viaggi come la possibilità di cambiare o cancellare le prenotazioni senza pagare penali, la preferenza per la qualità del viaggio rispetto alla quantità prima, la preferenza per i pacchetti e le prenotazioni tramite agenzie di viaggio per la riprotezione o le cancellazioni, la riduzione del turismo di massa, il recupero delle esperienze perse durante la pandemia e la possibilità di utilizzare budget di viaggio maggiori non avendo viaggiato negli ultimi due anni.\r\nIl dipartimento del turismo nel frattempo si sta impegnando sul turismo verde e sostenibile e sta valorizzando l’aspetto culturale che ha un ruolo molto importante nella vendita della destinazione Seychelles.","post_title":"Seychelles: l'Italia è il quinto mercato per numero di arrivi nei primi 8 mesi dell'anno","post_date":"2022-09-06T11:18:23+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1662463103000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429035","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Margaret River, nella regione sud-occidentale del Western Australia, è la prima “ECO Destination” dello stato e una delle quattro nel Paese, certificata da Ecotourism Australia (EA), organizzazione non governativa e senza scopo di lucro, fondata nel 1991, che sostiene e promuove l’industria dell’ecoturismo in Australia. Grazie a questo programma di certificazione riconosciuto a livello mondiale, i visitatori hanno la certezza che la regione offra una serie di prodotti turistici di alta qualità incentrati sulla natura e che si adoperi con impegno a migliorare le pratiche sostenibili in futuro.\r\n\r\nSono 26 le realtà locali della regione ora certificate ECO: tra queste, Margaret River Discovery Company, che offre diverse tipologie di tour nella regione, Blackwood River Houseboats, attività famigliare che propone soggiorni ed esperienze in house boats attrezzate lungo il fiume Blackwood River di Augusta, l’azienda agricola di permacultura Fair Harvest Permaculture e l’eco-resort Tanah Marah sono tra le ultime ad aver ricevuto la certificazione, aggiungendosi a realtà come Margaret River Retreat, Margaret River Surf School, il faro Cape Leeuwin Lighthouse e le grotte Jewel, Mammoth e Lake Caves.\r\n\r\nInoltre, 68 aziende vinicole della regione di Margaret River sono membri certificati di Sustainable Wine Growing Australia, con il 12% dei vigneti certificati come biologici o biodinamici. Margaret River è l'unica regione vinicola australiana in cui è possibile passare da cantine e ristoranti pluripremiati a spiagge meravigliose, verdi foreste, famosi surf spot e antiche grotte, il tutto a sole tre ore di auto da Perth.","post_title":"Western Australia: Margaret River è la prima ECO Destination dello stato","post_date":"2022-07-28T12:32:16+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1659011536000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428870","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Appena si entra nella hall una pittoresca installazione emula il pianoforte gigante del film americano Big. Note e melodie si riflettono poi in ciascuno degli spazi e servizi dell’hotel, a partire dalla terrazza con piscina all’aperto. Ha aperto a Madrid, il Barceló Imagine, struttura in equilibrio tra arte, tecnologia e musica. Le sue 156 camere seguono differenti generi, a seconda del piano in cui si trovano, compresa una stanza dedicata ai Beatles. Presso il ristorante Eat & Roll è poi possibile gustare un’originale offerta gastronomica ad hoc, mentre, il lobby bar Studio 32 rende omaggio alla musica da discoteca.\r\n\r\nTra i servizi più particolare dell'albergo c'è quindi il noleggio di vinili e di strumenti per godersi una sessione di musica in camera o esercitarsi nelle suite Elvis Presley o Freddie Mercury. Nella Sky lounge vengono organizzati eventi speciali e serate musicali con dj e musica dal vivo. La fusione tra musica e tecnologia è quindi a disposizione degli ospiti con un altro servizio di noleggio, quello degli auricolari subacquei.\r\n\r\nL'hotel offre inoltre la possibilità di ricreare la colazione che John Lennon condivise con Yoko Ono nella suite dell'hotel dove una mattina del 1971 scrisse il testo della famosa Imagine. L'idea è di vivere questo momento storico attraverso un servizio di colazione che riunisce i cibi preferiti del cantante, che gli ospiti possono ordinare attraverso il servizio in camera. Include una combinazione di caffè e tè nero inglese, oltre a corn flakes e ai barattoli Campbell's, che John Lennon consumava quotidianamente, nonché a un pancake ai mirtilli.","post_title":"Apre a Madrid il Barceló Imagine dedicato alla musica (con un pizzico di John Lennon)","post_date":"2022-07-25T13:02:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1658754176000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428123","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Bruxelles torna a vestire i colori del Tapis de Fleurs, iconica istallazione artistica nella Grand Place, composta da un tappeto di fiori lungo 77 metri e largo 24. L’evento, dopo i due anni di stop forzato a causa della pandemia, è stato organizzato per la prima volta nel 1971 e recupera quest’anno i festeggiamenti per il cinquantesimo anniversario.\r\n\r\nIl Tapis de Fleurs sarà realizzato entro la mattinata di venerdì 12 agosto e sarà inaugurato ufficialmente a partire dalle 22, con l’apertura ufficiale al pubblico e la prima dello show di son et lumière: l’opera resterà allestita fino a tutto il 15 agosto con repliche quotidiane dello spettacolo. L’accesso all’area sarà consentito tramite l’acquisto di un biglietto individuale o di gruppo sul sito ufficiale del Tapis de Fleurs, accessibile anche da Visit Brussels: la piazza sarà aperta dalle 10 alle 22 e gli spettacoli di son et lumière si svolgeranno ogni 30 minuti fino alle 23:00.\r\n\r\n“La Grand Place, patrimonio mondiale dell'Unesco, si prepara a brillare – dichiara Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles – ed è un appuntamento imperdibile per i turisti che, finalmente, stanno tornando a visitare la città. Come sempre, l’estate a Bruxelles è piena di eventi per gli amanti della musica e della cultura. Inoltre, la città è verdissima, il clima è mite e ci sono tanti luoghi bucolici per trascorrere del tempo al fresco e in totale armonia con la natura, senza spostarsi troppo dal centro”.\r\n\r\nIl Tapis de Fleurs è un’attrattiva per tutti gli appassionati di floricoltura, ma è anche un’ottima occasione per organizzare un viaggio dedicato alla scoperta delle bellezze della capitale belga, dopo due anni di viaggi di prossimità: i famosi musei cittadini, l’art nouveau, la cultura della birra e la gustosa pralineria locale.","post_title":"Bruxelles: in agosto tornano, dopo due anni, i colori del Tapis de Fleurs","post_date":"2022-07-12T10:53:49+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1657623229000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"426591","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è sempre meno Ciga nella Luxury Collection: il brand del gruppo Marriott (già Starwood prima della fusione con la compagnia del Maryland), inizialmente nata proprio per valorizzare le proprietà della più famosa realtà dell'ospitalità di lusso italiana, continua infatti a perdere pezzi pregiati del proprio portfolio originario. Dopo il Danieli, che nel 2025 passerà sotto l'egida Four Seasons è questa la volta del Cristallo di Cortina, mentre per la fine del prossimo inverno si attende la decisione sul destino dei tre gioielli della Costa Smeralda: Pitrizza, Romazzino e Cala di Volpe.\r\n\r\nIl gruppo Mandarin ha appena annunciato di aver siglato un accordo di lungo termine con Attestor Capital, già proprietaria del Mandarin Oriental, Lago di Como, ex Casta Diva, per il rebranding e la gestione del Cristallo. La società di investment management con base a Londra ha infatti acquisito la struttura dolomitica esattamente un anno fa. Dopo la chiusura nel secondo trimestre del 2023, l'hotel sarà sottoposto a una sostanziale ristrutturazione e riaprirà come Mandarin Oriental resort nell'estate del 2025, in vista delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina. I lavori prevedono anche un importante ampliamento a cura degli architetti Herzog e deMeuron.\r\n\r\nIl Mandarin Oriental Cristallo, Cortina sarà il primo resort alpino del gruppo ed espanderà ulteriormente la presenza della compagnia in Italia. Alla riapertura, la struttura disporrà di 83 stanze per gli ospiti, molte delle quali dotate di balcone, tra cui 30 suite con vista sulle Dolomiti. Il resort offrirà una serie di ristoranti e bar, ambienti flessibili per l’intrattenimento e gli eventi, oltre a un’ampia struttura spa e wellness, con una piscina di collegamento tra gli spazi interni ed esterni. L'hotel farà inoltre da cornice a una vasta gamma di esperienze, sci e golf, passeggiate e trekking di\r\nfondo, tennis, pattinaggio sul ghiaccio, mountain climbing e offrirà anche un Kid’s club attrezzato.\r\n\r\nIl Cristallo fu costruito nel 1901 in stile Art Nouveau dalla famiglia Menardi e negli anni Trenta è stato una destinazione sciistica popolare per la colta élite europea. Dopo i Giochi Olimpici del 1956, l'hotel entrò nel suo periodo d'oro di rinomata destinazione sciistica, ospitando reali e celebrità, tra cui Peter Sellers, Frank Sinatra, Saul Bellow e Vladimir Nabokov. Il Cristallo ha anche fatto da cornice a numerosi film premiati, mantenendo il fascino storico di un grand hotel dei primi del Novecento","post_title":"C'è sempre meno Ciga nella Luxury Collection: il Cristallo di Cortina diventa Mandarin","post_date":"2022-06-14T14:40:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1655217606000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"426145","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nPoco dopo aver superato il confine tra l’Italia e la Svizzera si incontra la Ferrovia Monte Generoso: una cremagliera nata nel 1890 e ancora attiva grazie all’impegno del fondatore della Migros Gottlieb Duttweiler, che la acquistò nel 1941 per salvarla dallo smantellamento a cui era destinata a causa della necessità di materiali della Seconda Guerra Mondiale. La Ferrovia e il vicino Camping sono da allora economicamente sostenuti dal Percento culturale Migros, che ha affidato all’architetto ticinese Mario Botta la progettazione del suggestivo “Fiore di pietra” in vetta al Monte Generoso: un’accogliente struttura con ristoranti e sale meeting.\r\n\r\nUno dei focus prioritari della Ferrovia Monte Generoso è diventare un’azienda equa e sostenibile. «La filosofia green e la sostenibilità fanno parte del nostro dna - spiega Monica Besomi, head of marketing & communication and vice director della Ferrovia -. La nostra strategia di sviluppo sostenibile si diversifica in quattro aree: Clima & Energia, Economia circolare, Assortimento e Coesione sociale».\r\n\r\nLa salvaguardia delle zone verdi intorno alla Ferrovia e il loro rinverdimento, insieme con l’ottimizzazione energetica – data dalla riduzione delle emissioni di CO2 e dall’installazione di pannelli solari - rientrano nell’area “Clima & Energia”. L’”Economia Circolare” riguarda la raccolta differenziata dei rifiuti e la loro pesatura, con l’obiettivo di ottenere il terzo livello del label “Swisstainable” di Svizzera Turismo. L’utilizzo di prodotti a km zero e una proposta enogastronomica attenta alle peculiarità del territorio sono legate al tema dell’”Assortimento”, mentre la “Coesione sociale” parla dell’attenzione al tema della disabilità e dell’impegno nei confronti dei collaboratori. Il simbolo di questa strategia di sviluppo sostenibile per il 2022 è la Tisana Monte Generoso: una miscela di erbe biologiche e stelle alpine coltivate ai piedi del Monte Generoso e poi trasformate in una bevanda unica da aziende locali. \r\n\r\n ","post_title":"Svizzera: al Monte Generoso la sostenibilità si fa in quattro","post_date":"2022-06-07T11:36:35+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1654601795000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"425955","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n[caption id=\"attachment_425957\" align=\"aligncenter\" width=\"532\"] Credits: The Museum of Tourism[/caption]\r\n\r\nThe Museum of Tourism, associazione senza scopo di lucro nata in Spagna per la valorizzazione e la diffusione della storia del turismo che coinvolge oltre 80 realtà in 12 Paesi del mondo, ufficializza l'ingresso nella rete del Museo Fisogni di Tradate. Si tratta della “sala 76” del circuito. Presenti, oltre ai responsabili del Museo e dell’associazione, anche due rappresentanti del Muzeum Narzędzi, un nascente museo polacco dedicato agli antichi attrezzi da lavoro.\r\n\r\nIl Museo Fisogni, fondato nel 1966 da Guido Fisogni ed esposto a Villa Castiglioni di Tradate, conserva la più grande collezione di pompe di benzina antiche e di oggetti legati a mondo del petrolio (certificata dal Guinness World Record come la più completa al mondo), e fa parte del Circuito Lombardo Musei Design e della rete Musei Industriali del Varesotto.\r\n\r\n“Finito il servizio militare – racconta il fondatore – nel 1961 misi in piedi un’impresa edile specializzata in stazioni di servizio; nel giro di 10 anni avevamo già oltre 100 dipendenti. Durante il lavoro, iniziai a mettere da parte le pompe di benzina, le targhe, tutto quello che trovavo, e per 40 anni un operaio specializzato si è occupato del loro restauro. All’inizio il Museo era a Palazzolo Milanese, dove avevo la ditta, quando l’ho ceduta l’ho esposto a Tradate, in questa antica cascina che era di mia suocera e che abbiamo ristrutturato nel 2015. Oggi il Museo è una location di raduni, matrimoni, eventi aziendali e privati”.\r\n\r\n“Il Museo del Turismo – spiega il responsabile Alberto Bosque Coello – è un’iniziativa volta a valorizzare la storia del turismo, le aziende del settore e il territorio. Siamo organizzati come un museo diffuso diviso in “sale”, che possono essere singoli spazi messi a disposizione da alberghi e operatori turistici o, come in questo caso, dei musei veri e propri che ricostruiscono la storia dei viaggi e del turismo. Nell’ultimo secolo, le pompe di benzina sono state fondamentali per lo sviluppo del settore, e vogliamo complimentarci con Guido Fisogni per il gioiello che ha costruito in questa parte di Lombardia. Un gioiello che valorizzeremo sicuramente sui numerosi canali social della nostra associazione”.\r\n\r\n\r\n","post_title":"Il Museo Fisigno new entry nel Museo del Turismo","post_date":"2022-06-01T12:34:11+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1654086851000]}]}}