20 May 2024

1833

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

VENDESI AGENZIA DI VIAGGIO LICENZA A+B ZONA EUR/LAURENTINA .
OTTIMA ESPOSIZIONE, COMPLETA DI SISTEMI OPERATIVI E TRE POSTAZIONI LAVORO.
IMPORTANTE PORTAFOGLIO CLIENTI.
PREZZO MOLTO INTERESSANTE. NO PERDITEMPO.
CONTATTARE: CATERINA 328 2234203.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465551 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali. L'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani. In pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa. Tra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.   Da segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.     [post_title] => I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair [post_date] => 2024-04-15T13:08:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713186539000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463268 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sconti fino al 40% su oltre 40 attrazioni della città, oltre a opportunità di accesso "salta la fila" e sconti esclusivi su visti per gli Emirati Arabi Uniti, carte sim, trasporti e altri servizi legati al viaggio: questi alcuni dei vantaggi garantiti dall'Abu Dhabi Pass, lanciato da Experience Abu Dhabi. I titolari del pass possono personalizzare la loro esperienza scegliendo tra tre opzioni di pass che si adattano a viaggi di durata e budget diversi. Il pacchetto Smart (da 31 dollari) è ideale per viaggi di due o tre giorni e garantisce l'ingresso a sette attrazioni, fino al 30% di sconto sulle esperienze e il 5% di sconto sulle prenotazioni alberghiere. Per i viaggi da quattro a sei giorni c’è il pacchetto Classic (da 101 dollari) e garantisce un risparmio fino al 35%, con accesso a 16 attrazioni e fino al 7% di sconto sulle prenotazioni alberghiere. Infine, per i soggiorni da sette a dieci giorni, il pacchetto Explorer (da 133 dollari) offre l'accesso a 19 attrazioni, con un risparmio fino al 40% e uno sconto del 10% sulle prenotazioni alberghiere.   [post_title] => Abu Dhabi Pass: tre opzioni diverse per un'esperienza di viaggio personalizzata [post_date] => 2024-03-12T10:39:42+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710239982000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462872 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Caruso Nuovo Bistrot, nel cuore di Milano, è un luogo dove la storia della città incontra l’arte della gastronomia in un’interazione quotidiana con i suoi ospiti: interni ed esterni. La proposta gastronomica curata dallo chef stellato Gennaro Esposito e dall’executive chef Francesco Potenza, che accosta i piatti della tradizione lombarda ai sapori della cucina partenopea, trova espressione negli spazi del Grand Hotel et de Milan. Luoghi che, sin dal 1863, narrano dell’eleganza della città, del mondo dell’opera con la sua storia, del patrimonio artistico rappresentato dal vicino teatro alla Scala e anche del legame con Giuseppe Verdi, che qui visse per 27 anni, e con artisti come Maria Callas, che tanto amava la sua camera 114. Dalla fine degli anni ‘60 la famiglia Bertazzoni gestisce l’hotel con cura e attenzione alle continue evoluzioni del settore. Da qui l’idea del restyling del Caruso Nuovo Bistrot, che è stato affidato allo chef Esposito e alla sua esperienza gourmet. Il bistrot è la storia di un’amicizia: «Daniela Bertazzoni, che si occupa dell’hotel dal 1970, si è fermata nel mio ristorante Torre del Saracino mentre era diretta a Pompei - racconta lo chef -. Ed è subito nato un rapporto di amicizia, di lavoro e di valori condivisi. La famiglia Bertazzoni ha una visione molto chiara e attenta dell’ospitalità. Mi hanno dato fiducia sul fronte della gastronomia e, insieme, abbiamo realizzato un bistrot dove Milano e la Costiera vanno a braccetto in un luogo straordinario fatto di storia e opere d’arte. La cucina italiana mi emoziona da sempre perché mostra come il nostro paese sia sempre stato all’avanguardia, anche nei tempi più difficili, quando si faceva una buona cucina con pochi ingredienti e tanto ingegno. L’immediatezza della nostra cucina è fatta di piatti genuini, semplici e schietti. Nel Caruso Nuovo Bistrot interpreto la cultura milanese portando un po’ di Mediterraneo e di freschezza. E tanta cultura dei prodotti. A Milano ho scoperto piatti nuovi come il Rustin negàa, che oggi è uno dei nostri cavalli di battaglia. La risposta del pubblico è ottima perché siamo riusciti a mettere insieme la cura estetica del piatto, il rispetto dell’identità di ciascuna ricetta, una carta dei vini con proposte raffinate e particolari e un servizio di elevata professionalità». Il restyling del Caruso Nuovo Bistrot presenta anche una rilettura degli interni realizzata da Dimorestudio. È nato così uno spazio eclettico dove il carattere fortemente storico della struttura, ricca delle testimonianze della Milano classicista, si intreccia con elementi nuovi e cosmopoliti scelti a partire da un attento percorso di ricostruzione storica. [gallery ids="462874,462877,462878"] [post_title] => Caruso Nuovo Bistrot: la proposta gastronomica dello chef Esposito al Grand Hotel et de Milan [post_date] => 2024-03-06T12:36:19+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709728579000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462762 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Oman sbarca all'Itb di Berlino che apre oggi i battenti in qualità di host country: «L'appuntamento è da sempre un momento cruciale per sviluppare le relazioni tra le aziende turistiche omanite e il trade europeo, e per valorizzare al massimo il nostro impegno nel fornire la migliore offerta turistica possibile ai viaggiatori che visitano l'Oman da qualsiasi parte del mondo - spiega Haitham Mohammed Al Ghassani, director general of the Ministry of Heritage and Tourism -. La presenza di primo piano a Itb 2024 e gli eventi internazionali sono solo alcuni dei modi per promuovere il Sultanato e le esperienze uniche che custodisce». Positivi, intanto, i risultati dal mercato italiano: «Nel 2023 i visitatori italiani sono stati 70.000, inclusi i croceristi, con un incremento del 133% rispetto al 2022 - precisa Massimo Tocchetti, rappresentante per l’Italia dell’Ufficio del Turismo del Sultanato dell’Oman -. Questo risultato conferma l’importanza del mercato italiano per il Sultanato, terzo mercato europeo dopo Germania e Regno Unito. Nel tempo abbiamo sempre più consolidato la nostra presenza sulla rete distributiva, grazie alle sinergie con i professionisti del trade italiano e l’industria turistica omanita. Il posizionamento del Paese è perfetto per i cosiddetti experience seekers: coloro che vogliono autenticità e accoglienza, sperimentando il Paese fuori dai circuiti turistici tradizionali. In tal senso è sviluppata anche la recente campagna OOH “A Gift for Life” a Milano e Roma, i cui visual di grande impatto hanno mostrato la bellezza dei paesaggi, la ricchezza culturale, l’ampia varieta’ di attività sportive da praticare immersi nella natura rigogliosa dell'Oman». l Sultanato dell'Oman sarà inoltre partner dell’ Itb Mice Night, in programma il 5 marzo dalle 19 presso NioHouse di Berlino, che sarà l’occasione per aggiornarsi sulle tendenze dell'industria Mice. Il valore dell’ospitalità tradizionale del Sultanato dell'Oman potrà essere vissuto anche al di fuori dell'area espositiva: mercoledì 6 marzo, infatti, la Royal Oman Symphony Orchestra invita il pubblico berlinese a un concerto presso la Philharmonie Berlin alle ore 20. [post_title] => Oman in scena all'Itb di Berlino come host country. Saliti a 70.000 gli arrivi italiani nel 2023 [post_date] => 2024-03-05T10:09:19+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709633359000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462431 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La ripresa, dal prossimo 31 marzo, del collegamento Vueling tra Milano Linate e Barcellona rappresenta un'occasione in più per raggiungere il capoluogo della Catalunya e ripercorrere il percorso creativo di Antoni Gaudí: l'artista che seppe dare una lettura del tutto personale al Modernismo spagnolo. Visitare le creazioni di Gaudí avvicina il turista all'anima di Barcellona e lo riporta agli ultimi anni dell’800, quando in Europa nacque quella corrente artistica che fu l’Art Nouveau in Francia, il Liberty in Italia, lo Jugendstil in Germania e la Sezession in Austria. Antoni Gaudí i Cornet fu l’artefice di un linguaggio architettonico unico: al centro di ogni cosa mise la natura, la luce e soprattutto l’acqua, che sembra prendere vita nelle linee sinuose degli edifici, negli spazi interni e nei giochi di trasparenze dei vetri. Gaudì nacque nel 1852 a Reus, in Catalunya. Il nonno e il padre erano artigiani del metallo e questa scuola quotidiana troverà espressione nella sua opera. Studiò architettura a Barcellona dove uno dei docenti affermò: “Solo il tempo ci dirà se abbiamo conferito il titolo a un pazzo o a un genio”. L’architetto riconobbe nella Natura l’essenza dell’architettura e ne ripropose i modelli in tutte le sue opere. Il profilo di una montagna diventa la facciata di una casa, le spire arrotondate di una conchiglia si ripetono nella struttura decorativa in ferro di un balcone, le zampe di un cervo si trasformano nelle gambe di una sedia… Gaudì creò i gioielli del modernismo catalano, opere che ne testimoniano la genialità e lo sguardo innovativo. Nel 1878 incontrò l’industriale Eusebi Güell, che divenne suo amico e mecenate. Per lui realizzò il Park Güell - dove si può vedere la nota lucertola di mosaico - e Casa Güell; dal 1984 entrambi sono Patrimonio dell’Unesco insieme con la Cripta della Colonia Güell. Gaudì iniziò a lavorare alla Sagrada Familia nel 1883, ricordando le cattedrali antiche. Sapeva che non avrebbe mai visto concluso il suo tempio espiatorio ma proprio questo, secondo il noto critico d’arte italiano Giulio Carlo Argan, sarebbe il lascito dell’artista alla sua città: un’opera che rappresenta la fede in continua evoluzione del popolo catalano, una testimonianza vivente del mutare degli uomini e delle generazioni. Oggi, visto l’elevato numero di turisti, bisogna riservare online l’accesso alla Sagrada Familia (Patrimonio Unesco dal 2005). Una volta entrati si viene circondati dal silenzio e dallo stupore. Una selva di colonne si alza verso il cielo e testimonia il grande spirito innovativo di Gaudì. È un palmeto illuminato da vetrate realizzate con tecniche di lavorazione del vetro che risalgono al XII secolo. Vetrate blu e verdi a est, che si accendono dei raggi del sole al mattino e gialle e rosse a ovest, dove si illuminano al tramonto. Gaudì amava la luce, per questo nelle sue case costruì diversi cortili interni in modo che ogni cosa fosse illuminata. Anche per visitare Casa Batllò - patrimonio dell’Unesco dal 2005 - conviene acquistare il biglietto online. L’industriale tessile Batlló chiese a Gaudì di creare per lui una costruzione unica nell’allora nuovissimo ed esclusivo quartiere dell’Eixample. E Gaudì realizzò una casa sorprendente. L’interno si sviluppa in onde e spirali e l’attenzione si ferma su tanti dettagli: dai corrimano delle scale ai pomelli ergonomici delle porte, dai camini colorati del tetto che rappresentano antichi guardiani alle vetrate “marezzate” che si affacciano sulle piastrelle turchesi delle scale trasportando il visitatore in immaginarie profondità marine. Una Casa davvero particolare, ma anche abitabile. Nel 1906 l’industriale Pere Milá i Camps commissionò a Gaudì la costruzione della sua Casa modernista nota come “la Pedrera”, “la cava”. Un nome adatto all’edificio per le sue forme che richiamano la parete di una montagna, ma anche una critica dei coetanei abitanti dell’Eixample: i marciapiedi davanti alla costruzione furono infatti invasi dalle pietre per ben 4 anni. La Pedrera è Patrimonio dell’Unesco dal 1984. Per visitarla e scoprirne la bellezza è necessario premunirsi del biglietto. La vicenda umana e artistica di Antoni Gaudì ebbe poi uno sviluppo inaspettato. Una volta giunto all’apice del riconoscimento pubblico per la sua abilità Gaudì decise di ritirarsi dalla vita sociale per dedicarsi a una personale ricerca religiosa. Morì nel 1926 investito da un tram e la sua Barcellona gli diede l’addio in una solenne cerimonia che si tenne proprio nella Sagrada Familia.  [gallery ids="462440,462442,462443"] [post_title] => Barcellona: itinerario sulle orme di Gaudí, con la ripresa del volo da Milano Linate [post_date] => 2024-03-01T09:15:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709284541000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461392 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È l’acqua il cuore di Qc Spa of Wonders: un progetto di benessere psico-fisico nel quale il valore rigenerante dell’acqua incontra l’attenzione per l’ospite insieme con la bellezza delle location, l'innovazione e l’aspetto gastronomico. Il tutto, immergendosi in una dimensione magica, grazie alla cura del design e del dettaglio. Il percorso imprenditoriale dei fratelli Saverio e Andrea Quadrio Curzio, che oggi sta crescendo in Italia e nel mondo, ha preso il via a Bormio. Le acque benefiche delle nove fonti termali della valle dello Stelvio sono note sin dall’antichità, quando consentivano una sosta rigenerante ai viaggiatori che dal sud al nord valicavano le montagne per scambiare conoscenze e merci. «Il periodo di maggior splendore delle terme di Bormio va dal 1500 al 1800 e corrisponde alla crescita del commercio tra quest’area dell’Italia, l’odierna Svizzera e il Trentino - racconta Stefano Leone, direttore di Qc Grand Hotel Bagni Nuovi -. Inizialmente c’era un ricovero per i viaggiatori affaticati ai Bagni Vecchi e solo nel 1863 venne costruito il Grand Hotel Bagni Nuovi. La struttura, realizzata nel sontuoso stile Liberty in voga al tempo, ospitava la borghesia e la créme de la créme dell'epoca. L’hotel visse un tempo di grande splendore sino alla fine degli anni ‘70 del Novecento, prima di iniziare un lento declino. Nel 1983 Pericle Quadrio Curzio acquistò dal comune le strutture dei Bagni Vecchi e Bagni Nuovi e nel 1998 i suoi figli Saverio e Andrea decisero di rendere l'acqua nuovamente protagonista. È nato così il modello Qc Spa of Wonders che è stato felicemente replicato in 11 strutture e continua a crescere, perché la ricerca di nuove, incantevoli locations, non si ferma mai». Al Qc Grand Hotel Bagni Nuovi di Bormio l’ospite viene accolto con la cortesia e disponibilità che viene insegnata ai dipendenti nei corsi di formazione. «Dopo il Covid il personale è diminuito, quindi sto lavorando per portare qui i lavoratori della zona - sottolinea Leone –. Qc offre tanta formazione al personale: qui si lavora 12 mesi all’anno. Ai Bagni Nuovi ho 80 dipendenti, oltre a 30 massaggiatori tra Bagni Nuovi e Bagni Vecchi».  La struttura è sorprendente, ricca di angoli inattesi e di eleganza. Ci si può fermare quanto si desidera. L’esperienza di benessere inizia quando si indossa l’accappatoio bianco di Qc e, in una piacevole comunanza, si accede agli spazi dell’area wellness. Le piscine con vista mozzafiato sono una delle caratteristiche delle strutture di Qc perché, come afferma Saverio Quadrio Curzio, «la grande attrattiva delle nostre location è generalmente la piscina all'aperto, che deve avere una bella vista, un bel panorama». A Qc Bagni Nuovi ci si può immergere nell’acqua calda ammirando le montagne innevate o si possono scoprire le strutture esterne, come il nuovissimo Bosco degli Dei, con la sua sauna affacciata sulle montagne, la piscina e le vasche. Si possono vivere tante esperienze di benessere e relax, visitare la nuovissima casa sull’albero o dedicarsi un aperitivo facendo una divertente pausa gastronomica. Perché il tempo vissuto nella Spa of Wonders significa anche accedere agli spazi ampi e curati dell’hotel, al salone con la sua ricca proposta di pranzo a buffet e di una cena più formale e raffinata per gustare pure i piatti tipici della zona.  «Questo è uno dei centri termali più grandi d'Europa e le affluenze sono importanti - aggiunge il direttore Leone -. L’esperienza termale viene vissuta dai circa 200 ospiti delle nostre 100 camere e dai 300/400 clienti che arrivano in giornata, anche per trarre beneficio dalle acque termali che salgono dal sottosuolo spinte dalla pressione e, grazie a una limitata presenza di radon, sono adatte a curare la pelle e benefiche per ossa e articolazioni. Il 2023 è stato un anno di grande crescita, dopo le difficoltà legate alla pandemia, quando tutti i centri Qc sono stati chiusi. Abbiamo avuto un inverno molto positivo con un bel ritorno anche di stranieri. L’affluenza segue i ponti e le vacanze: il periodo che va dall’Immacolata a Natale, Capodanno e l’Epifania è al 90% degli italiani, perché a Bormio ci sono molte seconde case di milanesi e di ospiti che vengono dalla Brianza e dalla zona di Como e Varese. Quindi l’affluenza italiana prosegue nei weekend o con soggiorni più brevi di una volta, mentre gli ospiti sono stranieri al 50% - 60% e provengono in particolare da Svizzera, Germania e Austria». [gallery ids="461395,461398,461396"] [post_title] => Qc Bormio: dove è nato un progetto internazionale fondato su acqua e benessere [post_date] => 2024-02-14T11:03:07+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707908587000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460330 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => New entry in casa Laqua Collection, il gruppo fondato da chef Antonino Cannavacciuolo insieme alla moglie Cinzia Primatesta: Le Cattedrali Relais riaprirà le sue porte il prossimo 8 febbraio e si trova in Valleandona, in provincia di Asti: è un 5 stelle lusso da 13 camere e suite dagli spazi generosi, compresi tra i 43 e i 133 mq. A disposizione degli ospiti anche un lounge bar e un'area benessere con piscina esterna, sauna, bagno turco e vitarium. Ma fiore all'occhiello del relais è ovviamente il ristorante Cannavacciuolo Le Cattedrali Asti, a cui si aggiunge un'importante cantina che vanta oltre 2 mila etichette provenienti da tutta Italia, con una notevole collezione di bottiglie piemontesi. Il tutto inserito in un ampio spazio verde: un parco al cui interno si trova anche un piccolo teatro open air. L’offerta esterna della proprietà si completa infine con un campo da padel e da pickleball, nonché con una pista di atterraggio elicotteri a disposizione degli ospiti. “Mi sono ispirato alla natura per concepire la struttura – dichiara Livio Negro, titolare de Le Cattedrali by Laqua Collection –. Volevo che in questo luogo regnasse un rapporto armonico tra leggerezza e grandiosità, autenticità e bellezza. Oggi le forme eleganti del relais, che in molti casi riprendono quelle della natura, si fondono con i boschi e i sentieri, i profumi e i colori, le storie e i sapori di questo sfaccettato e sorprendente territorio”. La direzione della struttura è affidata a Massimo Chiappo Buratti manager alberghiero con oltre 25 anni di esperienza a livello internazionale in Svizzera, Cina, Taiwan, Germania, Italia, Regno Unito, appassionato di enogastronomia, sempre alla ricerca di nuove tendenze nel settore e di idee innovative da valorizzare. “Sin da subito Le Cattedrali Relais si è posto come punto di riferimento e motivo di orgoglio per l’intero territorio - sottolinea lo stesso Chiappo Buratti -. La sua realizzazione ha infatti coinvolto numerose aziende e professionisti locali, con un’importante ricaduta sul tessuto imprenditoriale astigiano. Questo progetto rappresenta un unicum per la sua particolare location e per il pregio assoluto degli spazi, che ne fanno una perla rara a livello internazionale”.   [post_title] => Laqua Collection cresce in Piemonte con Le Cattedrali Relais di Valleandona, nell'Astigiano [post_date] => 2024-01-30T10:23:13+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706610193000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460167 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cambio ai vertici della divisione Experiences at sea di Norwegian Cruise Line. Neil Brodie è stato infatti appena nominato vice president Experiences at sea, charter, meetings and incentive ed eventi. Brodie prende il posto di Anthony Diaz, che ha ricoperto il ruolo di senior vice president dall'agosto 2021 e che ora rimarrà nella compagnia come consigliere speciale fino a giugno 2024. Nel suo nuovo ruolo, Brodie guiderà le vendite, la crescita e le operazioni commerciali per il dipartimento charter, meeting and incentive, creando esperienze in mare per una varietà di eventi aziendali, a tema e basati sull'affinità con i marchi Ncl, Oceania Cruises e Regent’s Seven Seas Cruises. Nel 2023, la divisione Experiences at sea ha dato il via all’anno con 13 crociere consecutive da gennaio a marzo, ospitando una serie di eventi a tema e di gruppo. Gli scorsi 12 mesi si sono conclusi con il team cm&i responsabile del completamento di 21 charter, per un aumento del 133% rispetto al 2022, incluso il charter più lungo nella storia della compagnia con 109 pernottamenti. "Sono davvero onorato di avere l'opportunità di guidare il nostro team nel nuovo anno dopo un 2023 incredibilmente eccezionale - sottolinea lo stesso Brodie -. Il futuro è molto luminoso. Il nostro team è estremamente appassionato nell'offrire eventi di gruppo unici nel loro genere, adattando i desideri e le esigenze dei nostri clienti alla nave, all'itinerario e all'esperienza giusti in tutti tre marchi". [post_title] => Neil Brodie nuovo responsabile della divisione Experiences at sea di Ncl [post_date] => 2024-01-26T10:44:43+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706265883000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458843 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Trapani ha concluso con 44.000 passeggeri il mese di dicembre, dato che porta ad archiviare il 2023 con un totale di 1.332.413 passeggeri: il numero rappresenta un nuovo massimo storico per lo scalo, dopo le difficoltà che hanno preceduto la pandemia e le restrizioni dovute al Covid tra il 2020 e il 2021. Di fatto era dal 2017 che Trapani non superava il milione di passeggeri. Rispetto al 2022 l’aumento del traffico è stato del +49%, +211% rispetto al 2021, +224% rispetto al il 2019. Secondo i dati elaborati dalla società di gestione, Airgest, l’83% del traffico totale si è registrato durante la stagione estiva (1.109.941 aprile- ottobre); il 30% è stato di tipo internazionale (399.262). Il picco passeggeri è stato registrato a luglio ed agosto, in parte anche per lo smistamento su Birgi di alcuni voli originariamente previsti per l’aeroporto di Catania, che per alcune settimane è stato costretto a ridurre sensibilmente la sua attività in seguito a un incendio che ha interessato la stazione aeroportuale etnea. Sedici le rotte internazionali su cui Airgest ha potuto contare per la summer 2023 (Charleroi, Bordeaux, Billund, Bratislava, Dusseldorf, Karlsue Baden- Baden, Francoforte, Malta, Manchester, Modlin, Porto, Riga, Siviglia, Stansted, Tolosa e Katowice). Le tratte domestiche sono state Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma, Torino, Venezia (Treviso), Forlì e Pantelleria. [post_title] => L'aeroporto di Trapani conclude un 2023 da incorniciare con oltre 1,33 milioni di passeggeri [post_date] => 2024-01-04T10:46:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704365209000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1833" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":72,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465551","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali.\r\nL'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani.\r\nIn pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa.\r\n\r\nTra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.\r\n \r\nDa segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.\r\n \r\n\r\n ","post_title":"I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair","post_date":"2024-04-15T13:08:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713186539000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463268","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sconti fino al 40% su oltre 40 attrazioni della città, oltre a opportunità di accesso \"salta la fila\" e sconti esclusivi su visti per gli Emirati Arabi Uniti, carte sim, trasporti e altri servizi legati al viaggio: questi alcuni dei vantaggi garantiti dall'Abu Dhabi Pass, lanciato da Experience Abu Dhabi.\r\nI titolari del pass possono personalizzare la loro esperienza scegliendo tra tre opzioni di pass che si adattano a viaggi di durata e budget diversi.\r\nIl pacchetto Smart (da 31 dollari) è ideale per viaggi di due o tre giorni e garantisce l'ingresso a sette attrazioni, fino al 30% di sconto sulle esperienze e il 5% di sconto sulle prenotazioni alberghiere.\r\nPer i viaggi da quattro a sei giorni c’è il pacchetto Classic (da 101 dollari) e garantisce un risparmio fino al 35%, con accesso a 16 attrazioni e fino al 7% di sconto sulle prenotazioni alberghiere.\r\nInfine, per i soggiorni da sette a dieci giorni, il pacchetto Explorer (da 133 dollari) offre l'accesso a 19 attrazioni, con un risparmio fino al 40% e uno sconto del 10% sulle prenotazioni alberghiere.\r\n ","post_title":"Abu Dhabi Pass: tre opzioni diverse per un'esperienza di viaggio personalizzata","post_date":"2024-03-12T10:39:42+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1710239982000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462872","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Caruso Nuovo Bistrot, nel cuore di Milano, è un luogo dove la storia della città incontra l’arte della gastronomia in un’interazione quotidiana con i suoi ospiti: interni ed esterni. La proposta gastronomica curata dallo chef stellato Gennaro Esposito e dall’executive chef Francesco Potenza, che accosta i piatti della tradizione lombarda ai sapori della cucina partenopea, trova espressione negli spazi del Grand Hotel et de Milan. Luoghi che, sin dal 1863, narrano dell’eleganza della città, del mondo dell’opera con la sua storia, del patrimonio artistico rappresentato dal vicino teatro alla Scala e anche del legame con Giuseppe Verdi, che qui visse per 27 anni, e con artisti come Maria Callas, che tanto amava la sua camera 114. \r\nDalla fine degli anni ‘60 la famiglia Bertazzoni gestisce l’hotel con cura e attenzione alle continue evoluzioni del settore. Da qui l’idea del restyling del Caruso Nuovo Bistrot, che è stato affidato allo chef Esposito e alla sua esperienza gourmet. Il bistrot è la storia di un’amicizia: «Daniela Bertazzoni, che si occupa dell’hotel dal 1970, si è fermata nel mio ristorante Torre del Saracino mentre era diretta a Pompei - racconta lo chef -. Ed è subito nato un rapporto di amicizia, di lavoro e di valori condivisi. La famiglia Bertazzoni ha una visione molto chiara e attenta dell’ospitalità. Mi hanno dato fiducia sul fronte della gastronomia e, insieme, abbiamo realizzato un bistrot dove Milano e la Costiera vanno a braccetto in un luogo straordinario fatto di storia e opere d’arte. La cucina italiana mi emoziona da sempre perché mostra come il nostro paese sia sempre stato all’avanguardia, anche nei tempi più difficili, quando si faceva una buona cucina con pochi ingredienti e tanto ingegno. L’immediatezza della nostra cucina è fatta di piatti genuini, semplici e schietti. Nel Caruso Nuovo Bistrot interpreto la cultura milanese portando un po’ di Mediterraneo e di freschezza. E tanta cultura dei prodotti. A Milano ho scoperto piatti nuovi come il Rustin negàa, che oggi è uno dei nostri cavalli di battaglia. La risposta del pubblico è ottima perché siamo riusciti a mettere insieme la cura estetica del piatto, il rispetto dell’identità di ciascuna ricetta, una carta dei vini con proposte raffinate e particolari e un servizio di elevata professionalità». \r\nIl restyling del Caruso Nuovo Bistrot presenta anche una rilettura degli interni realizzata da Dimorestudio. È nato così uno spazio eclettico dove il carattere fortemente storico della struttura, ricca delle testimonianze della Milano classicista, si intreccia con elementi nuovi e cosmopoliti scelti a partire da un attento percorso di ricostruzione storica.\r\n[gallery ids=\"462874,462877,462878\"]","post_title":"Caruso Nuovo Bistrot: la proposta gastronomica dello chef Esposito al Grand Hotel et de Milan","post_date":"2024-03-06T12:36:19+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709728579000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462762","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Oman sbarca all'Itb di Berlino che apre oggi i battenti in qualità di host country: «L'appuntamento è da sempre un momento cruciale per sviluppare le relazioni tra le aziende turistiche omanite e il trade europeo, e per valorizzare al massimo il nostro impegno nel fornire la migliore offerta turistica possibile ai viaggiatori che visitano l'Oman da qualsiasi parte del mondo - spiega Haitham Mohammed Al Ghassani, director general of the Ministry of Heritage and Tourism -. La presenza di primo piano a Itb 2024 e gli eventi internazionali sono solo alcuni dei modi per promuovere il Sultanato e le esperienze uniche che custodisce».\r\n\r\nPositivi, intanto, i risultati dal mercato italiano: «Nel 2023 i visitatori italiani sono stati 70.000, inclusi i croceristi, con un incremento del 133% rispetto al 2022 - precisa Massimo Tocchetti, rappresentante per l’Italia dell’Ufficio del Turismo del Sultanato dell’Oman -. Questo risultato conferma l’importanza del mercato italiano per il Sultanato, terzo mercato europeo dopo Germania e Regno Unito. Nel tempo abbiamo sempre più consolidato la nostra presenza sulla rete distributiva, grazie alle sinergie con i professionisti del trade italiano e l’industria turistica omanita. Il posizionamento del Paese è perfetto per i cosiddetti experience seekers: coloro che vogliono autenticità e accoglienza, sperimentando il Paese fuori dai circuiti turistici tradizionali. In tal senso è sviluppata anche la recente campagna OOH “A Gift for Life” a Milano e Roma, i cui visual di grande impatto hanno mostrato la bellezza dei paesaggi, la ricchezza culturale, l’ampia varieta’ di attività sportive da praticare immersi nella natura rigogliosa dell'Oman».\r\n\r\nl Sultanato dell'Oman sarà inoltre partner dell’ Itb Mice Night, in programma il 5 marzo dalle 19 presso NioHouse di Berlino, che sarà l’occasione per aggiornarsi sulle tendenze dell'industria Mice. Il valore dell’ospitalità tradizionale del Sultanato dell'Oman potrà essere vissuto anche al di fuori dell'area espositiva: mercoledì 6 marzo, infatti, la Royal Oman Symphony Orchestra invita il pubblico berlinese a un concerto presso la Philharmonie Berlin alle ore 20.","post_title":"Oman in scena all'Itb di Berlino come host country. Saliti a 70.000 gli arrivi italiani nel 2023","post_date":"2024-03-05T10:09:19+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709633359000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462431","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La ripresa, dal prossimo 31 marzo, del collegamento Vueling tra Milano Linate e Barcellona rappresenta un'occasione in più per raggiungere il capoluogo della Catalunya e ripercorrere il percorso creativo di Antoni Gaudí: l'artista che seppe dare una lettura del tutto personale al Modernismo spagnolo.\r\nVisitare le creazioni di Gaudí avvicina il turista all'anima di Barcellona e lo riporta agli ultimi anni dell’800, quando in Europa nacque quella corrente artistica che fu l’Art Nouveau in Francia, il Liberty in Italia, lo Jugendstil in Germania e la Sezession in Austria. Antoni Gaudí i Cornet fu l’artefice di un linguaggio architettonico unico: al centro di ogni cosa mise la natura, la luce e soprattutto l’acqua, che sembra prendere vita nelle linee sinuose degli edifici, negli spazi interni e nei giochi di trasparenze dei vetri.\r\nGaudì nacque nel 1852 a Reus, in Catalunya. Il nonno e il padre erano artigiani del metallo e questa scuola quotidiana troverà espressione nella sua opera. Studiò architettura a Barcellona dove uno dei docenti affermò: “Solo il tempo ci dirà se abbiamo conferito il titolo a un pazzo o a un genio”. L’architetto riconobbe nella Natura l’essenza dell’architettura e ne ripropose i modelli in tutte le sue opere. Il profilo di una montagna diventa la facciata di una casa, le spire arrotondate di una conchiglia si ripetono nella struttura decorativa in ferro di un balcone, le zampe di un cervo si trasformano nelle gambe di una sedia… Gaudì creò i gioielli del modernismo catalano, opere che ne testimoniano la genialità e lo sguardo innovativo. Nel 1878 incontrò l’industriale Eusebi Güell, che divenne suo amico e mecenate. Per lui realizzò il Park Güell - dove si può vedere la nota lucertola di mosaico - e Casa Güell; dal 1984 entrambi sono Patrimonio dell’Unesco insieme con la Cripta della Colonia Güell.\r\nGaudì iniziò a lavorare alla Sagrada Familia nel 1883, ricordando le cattedrali antiche. Sapeva che non avrebbe mai visto concluso il suo tempio espiatorio ma proprio questo, secondo il noto critico d’arte italiano Giulio Carlo Argan, sarebbe il lascito dell’artista alla sua città: un’opera che rappresenta la fede in continua evoluzione del popolo catalano, una testimonianza vivente del mutare degli uomini e delle generazioni. Oggi, visto l’elevato numero di turisti, bisogna riservare online l’accesso alla Sagrada Familia (Patrimonio Unesco dal 2005). Una volta entrati si viene circondati dal silenzio e dallo stupore. Una selva di colonne si alza verso il cielo e testimonia il grande spirito innovativo di Gaudì. È un palmeto illuminato da vetrate realizzate con tecniche di lavorazione del vetro che risalgono al XII secolo. Vetrate blu e verdi a est, che si accendono dei raggi del sole al mattino e gialle e rosse a ovest, dove si illuminano al tramonto. Gaudì amava la luce, per questo nelle sue case costruì diversi cortili interni in modo che ogni cosa fosse illuminata.\r\nAnche per visitare Casa Batllò - patrimonio dell’Unesco dal 2005 - conviene acquistare il biglietto online. L’industriale tessile Batlló chiese a Gaudì di creare per lui una costruzione unica nell’allora nuovissimo ed esclusivo quartiere dell’Eixample. E Gaudì realizzò una casa sorprendente. L’interno si sviluppa in onde e spirali e l’attenzione si ferma su tanti dettagli: dai corrimano delle scale ai pomelli ergonomici delle porte, dai camini colorati del tetto che rappresentano antichi guardiani alle vetrate “marezzate” che si affacciano sulle piastrelle turchesi delle scale trasportando il visitatore in immaginarie profondità marine. Una Casa davvero particolare, ma anche abitabile. \r\nNel 1906 l’industriale Pere Milá i Camps commissionò a Gaudì la costruzione della sua Casa modernista nota come “la Pedrera”, “la cava”. Un nome adatto all’edificio per le sue forme che richiamano la parete di una montagna, ma anche una critica dei coetanei abitanti dell’Eixample: i marciapiedi davanti alla costruzione furono infatti invasi dalle pietre per ben 4 anni. La Pedrera è Patrimonio dell’Unesco dal 1984. Per visitarla e scoprirne la bellezza è necessario premunirsi del biglietto.\r\nLa vicenda umana e artistica di Antoni Gaudì ebbe poi uno sviluppo inaspettato. Una volta giunto all’apice del riconoscimento pubblico per la sua abilità Gaudì decise di ritirarsi dalla vita sociale per dedicarsi a una personale ricerca religiosa. Morì nel 1926 investito da un tram e la sua Barcellona gli diede l’addio in una solenne cerimonia che si tenne proprio nella Sagrada Familia. \r\n\r\n[gallery ids=\"462440,462442,462443\"]","post_title":"Barcellona: itinerario sulle orme di Gaudí, con la ripresa del volo da Milano Linate","post_date":"2024-03-01T09:15:41+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709284541000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461392","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È l’acqua il cuore di Qc Spa of Wonders: un progetto di benessere psico-fisico nel quale il valore rigenerante dell’acqua incontra l’attenzione per l’ospite insieme con la bellezza delle location, l'innovazione e l’aspetto gastronomico. Il tutto, immergendosi in una dimensione magica, grazie alla cura del design e del dettaglio. Il percorso imprenditoriale dei fratelli Saverio e Andrea Quadrio Curzio, che oggi sta crescendo in Italia e nel mondo, ha preso il via a Bormio. Le acque benefiche delle nove fonti termali della valle dello Stelvio sono note sin dall’antichità, quando consentivano una sosta rigenerante ai viaggiatori che dal sud al nord valicavano le montagne per scambiare conoscenze e merci. \r\n«Il periodo di maggior splendore delle terme di Bormio va dal 1500 al 1800 e corrisponde alla crescita del commercio tra quest’area dell’Italia, l’odierna Svizzera e il Trentino - racconta Stefano Leone, direttore di Qc Grand Hotel Bagni Nuovi -. Inizialmente c’era un ricovero per i viaggiatori affaticati ai Bagni Vecchi e solo nel 1863 venne costruito il Grand Hotel Bagni Nuovi. La struttura, realizzata nel sontuoso stile Liberty in voga al tempo, ospitava la borghesia e la créme de la créme dell'epoca. L’hotel visse un tempo di grande splendore sino alla fine degli anni ‘70 del Novecento, prima di iniziare un lento declino. Nel 1983 Pericle Quadrio Curzio acquistò dal comune le strutture dei Bagni Vecchi e Bagni Nuovi e nel 1998 i suoi figli Saverio e Andrea decisero di rendere l'acqua nuovamente protagonista. È nato così il modello Qc Spa of Wonders che è stato felicemente replicato in 11 strutture e continua a crescere, perché la ricerca di nuove, incantevoli locations, non si ferma mai». \r\nAl Qc Grand Hotel Bagni Nuovi di Bormio l’ospite viene accolto con la cortesia e disponibilità che viene insegnata ai dipendenti nei corsi di formazione. «Dopo il Covid il personale è diminuito, quindi sto lavorando per portare qui i lavoratori della zona - sottolinea Leone –. Qc offre tanta formazione al personale: qui si lavora 12 mesi all’anno. Ai Bagni Nuovi ho 80 dipendenti, oltre a 30 massaggiatori tra Bagni Nuovi e Bagni Vecchi».  \r\nLa struttura è sorprendente, ricca di angoli inattesi e di eleganza. Ci si può fermare quanto si desidera. L’esperienza di benessere inizia quando si indossa l’accappatoio bianco di Qc e, in una piacevole comunanza, si accede agli spazi dell’area wellness. Le piscine con vista mozzafiato sono una delle caratteristiche delle strutture di Qc perché, come afferma Saverio Quadrio Curzio, «la grande attrattiva delle nostre location è generalmente la piscina all'aperto, che deve avere una bella vista, un bel panorama». \r\nA Qc Bagni Nuovi ci si può immergere nell’acqua calda ammirando le montagne innevate o si possono scoprire le strutture esterne, come il nuovissimo Bosco degli Dei, con la sua sauna affacciata sulle montagne, la piscina e le vasche. Si possono vivere tante esperienze di benessere e relax, visitare la nuovissima casa sull’albero o dedicarsi un aperitivo facendo una divertente pausa gastronomica. Perché il tempo vissuto nella Spa of Wonders significa anche accedere agli spazi ampi e curati dell’hotel, al salone con la sua ricca proposta di pranzo a buffet e di una cena più formale e raffinata per gustare pure i piatti tipici della zona.  \r\n«Questo è uno dei centri termali più grandi d'Europa e le affluenze sono importanti - aggiunge il direttore Leone -. L’esperienza termale viene vissuta dai circa 200 ospiti delle nostre 100 camere e dai 300/400 clienti che arrivano in giornata, anche per trarre beneficio dalle acque termali che salgono dal sottosuolo spinte dalla pressione e, grazie a una limitata presenza di radon, sono adatte a curare la pelle e benefiche per ossa e articolazioni. Il 2023 è stato un anno di grande crescita, dopo le difficoltà legate alla pandemia, quando tutti i centri Qc sono stati chiusi. Abbiamo avuto un inverno molto positivo con un bel ritorno anche di stranieri. L’affluenza segue i ponti e le vacanze: il periodo che va dall’Immacolata a Natale, Capodanno e l’Epifania è al 90% degli italiani, perché a Bormio ci sono molte seconde case di milanesi e di ospiti che vengono dalla Brianza e dalla zona di Como e Varese. Quindi l’affluenza italiana prosegue nei weekend o con soggiorni più brevi di una volta, mentre gli ospiti sono stranieri al 50% - 60% e provengono in particolare da Svizzera, Germania e Austria».\r\n[gallery ids=\"461395,461398,461396\"]","post_title":"Qc Bormio: dove è nato un progetto internazionale fondato su acqua e benessere","post_date":"2024-02-14T11:03:07+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707908587000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460330","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"New entry in casa Laqua Collection, il gruppo fondato da chef Antonino Cannavacciuolo insieme alla moglie Cinzia Primatesta: Le Cattedrali Relais riaprirà le sue porte il prossimo 8 febbraio e si trova in Valleandona, in provincia di Asti: è un 5 stelle lusso da 13 camere e suite dagli spazi generosi, compresi tra i 43 e i 133 mq. A disposizione degli ospiti anche un lounge bar e un'area benessere con piscina esterna, sauna, bagno turco e vitarium. Ma fiore all'occhiello del relais è ovviamente il ristorante Cannavacciuolo Le Cattedrali Asti, a cui si aggiunge un'importante cantina che vanta oltre 2 mila etichette provenienti da tutta Italia, con una notevole collezione di bottiglie piemontesi. Il tutto inserito in un ampio spazio verde: un parco al cui interno si trova anche un piccolo teatro open air. L’offerta esterna della proprietà si completa infine con un campo da padel e da pickleball, nonché con una pista di atterraggio elicotteri a disposizione degli ospiti.\r\n\r\n“Mi sono ispirato alla natura per concepire la struttura – dichiara Livio Negro, titolare de Le Cattedrali by Laqua Collection –. Volevo che in questo luogo regnasse un rapporto armonico tra leggerezza e grandiosità, autenticità e bellezza. Oggi le forme eleganti del relais, che in molti casi riprendono quelle della natura, si fondono con i boschi e i sentieri, i profumi e i colori, le storie e i sapori di questo sfaccettato e sorprendente territorio”.\r\n\r\nLa direzione della struttura è affidata a Massimo Chiappo Buratti manager alberghiero con oltre 25 anni di esperienza a livello internazionale in Svizzera, Cina, Taiwan, Germania, Italia, Regno Unito, appassionato di enogastronomia, sempre alla ricerca di nuove tendenze nel settore e di idee innovative da valorizzare. “Sin da subito Le Cattedrali Relais si è posto come punto di riferimento e motivo di orgoglio per l’intero territorio - sottolinea lo stesso Chiappo Buratti -. La sua realizzazione ha infatti coinvolto numerose aziende e professionisti locali, con un’importante ricaduta sul tessuto imprenditoriale astigiano. Questo progetto rappresenta un unicum per la sua particolare location e per il pregio assoluto degli spazi, che ne fanno una perla rara a livello internazionale”.\r\n\r\n ","post_title":"Laqua Collection cresce in Piemonte con Le Cattedrali Relais di Valleandona, nell'Astigiano","post_date":"2024-01-30T10:23:13+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706610193000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460167","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cambio ai vertici della divisione Experiences at sea di Norwegian Cruise Line. Neil Brodie è stato infatti appena nominato vice president Experiences at sea, charter, meetings and incentive ed eventi. Brodie prende il posto di Anthony Diaz, che ha ricoperto il ruolo di senior vice president dall'agosto 2021 e che ora rimarrà nella compagnia come consigliere speciale fino a giugno 2024.\r\n\r\nNel suo nuovo ruolo, Brodie guiderà le vendite, la crescita e le operazioni commerciali per il dipartimento charter, meeting and incentive, creando esperienze in mare per una varietà di eventi aziendali, a tema e basati sull'affinità con i marchi Ncl, Oceania Cruises e Regent’s Seven Seas Cruises.\r\n\r\nNel 2023, la divisione Experiences at sea ha dato il via all’anno con 13 crociere consecutive da gennaio a marzo, ospitando una serie di eventi a tema e di gruppo. Gli scorsi 12 mesi si sono conclusi con il team cm&i responsabile del completamento di 21 charter, per un aumento del 133% rispetto al 2022, incluso il charter più lungo nella storia della compagnia con 109 pernottamenti. \"Sono davvero onorato di avere l'opportunità di guidare il nostro team nel nuovo anno dopo un 2023 incredibilmente eccezionale - sottolinea lo stesso Brodie -. Il futuro è molto luminoso. Il nostro team è estremamente appassionato nell'offrire eventi di gruppo unici nel loro genere, adattando i desideri e le esigenze dei nostri clienti alla nave, all'itinerario e all'esperienza giusti in tutti tre marchi\".","post_title":"Neil Brodie nuovo responsabile della divisione Experiences at sea di Ncl","post_date":"2024-01-26T10:44:43+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1706265883000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458843","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Trapani ha concluso con 44.000 passeggeri il mese di dicembre, dato che porta ad archiviare il 2023 con un totale di 1.332.413 passeggeri: il numero rappresenta un nuovo massimo storico per lo scalo, dopo le difficoltà che hanno preceduto la pandemia e le restrizioni dovute al Covid tra il 2020 e il 2021. Di fatto era dal 2017 che Trapani non superava il milione di passeggeri.\r\n\r\nRispetto al 2022 l’aumento del traffico è stato del +49%, +211% rispetto al 2021, +224% rispetto al il 2019.\r\n\r\nSecondo i dati elaborati dalla società di gestione, Airgest, l’83% del traffico totale si è registrato durante la stagione estiva (1.109.941 aprile- ottobre); il 30% è stato di tipo internazionale (399.262). Il picco passeggeri è stato registrato a luglio ed agosto, in parte anche per lo smistamento su Birgi di alcuni voli originariamente previsti per l’aeroporto di Catania, che per alcune settimane è stato costretto a ridurre sensibilmente la sua attività in seguito a un incendio che ha interessato la stazione aeroportuale etnea.\r\n\r\nSedici le rotte internazionali su cui Airgest ha potuto contare per la summer 2023 (Charleroi, Bordeaux, Billund, Bratislava, Dusseldorf, Karlsue Baden- Baden, Francoforte, Malta, Manchester, Modlin, Porto, Riga, Siviglia, Stansted, Tolosa e Katowice). Le tratte domestiche sono state Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma, Torino, Venezia (Treviso), Forlì e Pantelleria.","post_title":"L'aeroporto di Trapani conclude un 2023 da incorniciare con oltre 1,33 milioni di passeggeri","post_date":"2024-01-04T10:46:49+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1704365209000]}]}}

Lascia un commento