5 February 2023

1828

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Pluriennale esperienza nella realizzazione e vendita di viaggi su misura per individuali/gruppi maturata in un tour operator/agenzia viaggi. Buona conoscenza della lingua spagnola e inglese, francese (discreto), tedesco (scolastico), pacchetti Microsoft e programma Worldspan e Gestitour. Redazione di cataloghi ed offerte.
Disponibilità immediata. Contattare: tizzidim@tiscali.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438235 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo un'ampia ristrutturazione durata due anni, riapre lungo la Promenade des Anglais un indirizzo storico della Cosa Azzurra, famoso per essere stato il primo hotel di lusso della città, inaugurato nel 1848. Oggi si chiama Anantara Plaza Nice Hotel ed è l'albergo di debutto del marchio del gruppo Nh - Minor Hotels in Francia. La struttura dispone di 151 camere, tra cui 38 suite, molte delle quali con terrazze e balconi con affaccio sul mare. L'hotel offre inoltre una nuova Anantara Spa, uno spazio congressi con sei sale riunioni e una ballroom, nonché un elegante ristorante e bar sulla terrazza con vista panoramica a 360 gradi sulla Baie des Anges e sulla vecchia Nizza. Importanti studi di architettura, tra cui il pluripremiato David Collins, il locale Jean-Paul Gomis e il Tbc Studio, hanno realizzato gli interni. Il progetto rispetta lo stile neoclassico della struttura originale, il primo hotel di lusso di Nizza,   [post_title] => Il brand Anantara arriva in Francia. Nuova apertura a Nizza sulla Promenade des Anglais [post_date] => 2023-01-30T13:24:13+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675085053000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437847 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cambio di direzione al nuovo hotel La Palma. Non sarà più Fabio Datteroni a guidare la riapertura della struttura della Oetker Collection di Capri prevista per il 2023, ma Imelda Shllaku, che ne assumerà il timone a partire dal prossimo 6 marzo. Con una carriera quasi trentennale alle spalle, la futura general manager vanta numerose esperienze nel settore dell’ospitalità di lusso su scala globale. Dopo il suo primo ruolo come hotel manager presso il Sina The Gray di Milano, ha lavorato per il gruppo The Ritz Carlton dapprima a Dublino, poi sull’isola thailandese di Krabi. Successivamente, si è occupata per sette anni della gestione delle proprietà di Londra e Milano di Bulgari Hotel & Resorts, ricoprendo varie posizioni, per diventare, infine, director of rooms presso l’Armani Hotel di Dubai e il One & Only alle Maldive. Dopo un anno di pausa, nel quale si è occupata di consulenze per 15 importanti hotel di lusso, diventa quindi general manager del Baglioni Hotel London. Il suo ultimo ruolo prima di approdare a Capri, l’ha vista diventare global director of rooms & guest experiences per il gruppo Kerzner International. “Sono entusiasta del mio nuovo ruolo come general manager dell’hotel La Palma - commenta la stessa Imelda Shllaku -. Credo che la mia esperienza mi permetterà di guidare i vari team al meglio, per garantire agli ospiti un’esperienza impeccabile. Non vediamo l’ora di aprire le porte di questo luogo speciale e accogliere, sia i locali sia gli ospiti provenienti da ogni parte del mondo". La Palma, costruito nel 1822, e completamente ristrutturato dalla Oetker Collection, è il primo progetto di hôtellerie che porta la firma di Francis Sultana. L'interior designer ha collaborato con i migliori artigiani locali per rendere omaggio alla tradizione. A pochi passi dalla leggendaria Piazzetta, l’hotel offrirà un ristorante e un bar sulla terrazza, un beach club, una nuova piscina, una spa, un fitness centre e tre boutique. La ristorazione sarà curata da chef Gennaro Esposito. [post_title] => Imelda Shllaku al timone della Palma di Capri per la sua riapertura [post_date] => 2023-01-24T13:51:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674568288000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437121 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Museo di Archeologia Ligure di Genova riapre al pubblico, dopo un periodo di lavori di messa a norma. Il Museo si trova nello straordinario complesso storico-ambientale dei Parchi e Musei di Pegli, un importante quartiere nel Ponente della città, ed è ospitato all'interno di Villa Durazzo Pallavicini. L'antica dimora nobiliare fu donata al Comune di Genova nel 1928 dagli eredi dei Pallavicini con il vincolo di utilizzarla a scopi culturali. Nelle 18 sale su tre piani, il pubblico potrà tornare a esplorare sfide, crisi e successi delle due specie umane vissute in Liguria, da cui noi europei discendiamo, durante 100mila anni. Le straordinarie raccolte archeologiche raccontano infatti i movimenti di Neanderthal e Sapiens, la vita dei cacciatori dell’era glaciale, l’arrivo dei primi pionieri marittimi mediterranei, le manifestazioni artistiche e spirituali, gli accampamenti in grotta, i primi villaggi, le strade e gli insediamenti più antichi della regione. Si scoprirà anche la nascita di Genova 2500 anni fa e i suoi primi abitanti, le relazioni col Tirreno e il Mediterraneo, le lotte dei Liguri con Roma e la fondazione delle città della Liguria come provincia romana. Lungo il percorso espositivo, allestimenti tradizionali, QRCode, attrezzi,  armi, materie prime e riproduzioni da manipolare e le storie di donne e uomini protagonisti di episodi cruciali mirano a coinvolgere visitatori diversi per interessi e caratteristiche. Nella “Grotta dell’Archeologia”, realizzata nell’area di accesso ad un rifugio antiaereo della Seconda Guerra Mondiale nelle vicinanze del Museo, il pubblico potrà rivivere momenti ed esperienze “quotidiane” della vita nelle grotte liguri oltre 6000 anni fa.   [post_title] => Genova, riapre dopo i lavori il Museo di Archeologia Ligure [post_date] => 2023-01-12T09:36:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673516194000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437000 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A Singapore è scattato il conto alla rovescia per il Capodanno Cinese che quest’anno si celebra il 22 gennaio e darà inizio all’Anno del Coniglio, uno dei dodici segni dello zodiaco animale tipico della cultura cinese. Anche quest’anno, quindi, la città-stato darà vita a River Hongbao, l’evento celebrativo della durata di nove giorni che si terrà a Gardens by the Bay, in cui le protagoniste saranno la storia, la cultura e le tradizioni cinesi. Per tutta la sua durata, saranno organizzati eventi culturali, proposte di intrattenimento e show – tutti accompagnati da proposte food tipiche – per festeggiare un momento così importante per la comunità cinese che, dal 1821, è parte integrante e fondamentale della multietnicità della città-stato. Il 20 gennaio si svolgerà la Opening Ceremony, che segna ufficialmente l’inizio dei festeggiamenti, durante la quale sarà possibile assistere ad esibizioni tradizionali e uniche, avvolti delle tipiche lanterne cinesi che adorneranno le strade di Chinatown. Il giorno successivo, invece, Gardens by the Bay si animerà con i festeggiamenti del Capodanno, un appuntamento imperdibile per accogliere tutti insieme l’arrivo del nuovo anno, durante il quale singaporiani e turisti internazionali potranno ammirare lo spettacolo di fuochi d’artificio, sincronizzati per creare una sinfonia di colori vividi nel cielo, che segnerà l’arrivo dell’Anno del Coniglio. [post_title] => Singapore pronta per le celebrazioni del Capodanno Cinese: si apre l'Anno del Coniglio [post_date] => 2023-01-11T10:03:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673431421000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436793 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Partirà domani da Trieste il Giro del mondo 2023 firmato Costa Crociere. Con il nuovo anno torna infatti anche una delle esperienze più amate dagli appassionati dei grandi viaggi. Il programma 2023 coinvolge in particolare la Costa Deliziosa e prevede anche un imbarco a Savona l'11 gennaio, per un itinerario di oltre quattro mesi, pari a 128 giorni complessivi: dal Mediterraneo alla penisola Arabica, navigando verso est sino all’India e alle Maldive, per poi fare rotta a sud, in Madagascar e Sud Africa, e attraversare l’oceano Atlantico sino al Brasile. Quindi, di nuovo diretti a sud, verso Ushuaia, in Argentina, la punta estrema del continente, navigando nel canale di Beagle e risalendo lungo il versante Pacifico, dal Cile sino a Panama, visitando il Centro America e New York, per poi rientrare in Europa. In totale, 52 destinazioni da scoprire in quattro continenti, attraversando tre oceani. Sono circa 2 mila gli ospiti che hanno prenotato una cabina sul Giro del mondo 2023. Provengono da 40 Paesi diversi, con una prevalenza di francesi (circa 500), italiani e tedeschi (rispettivamente circa 360 e circa 340), svizzeri (circa 160), spagnoli (circa 140) e austriaci (poco meno di 100). Il viaggiatore più longevo, francese, ha 94 anni, mentre il più giovane è austriaco, di sei anni. Per coloro che avessero perso l’opportunità quest’anno, Costa Deliziosa proporrà il Giro del mondo anche nel 2024, con partenza prevista il 6 gennaio 2024. Non solo: nelle prossime settimane sarà disponibile per la prenotazione anche il Giro del mondo 2025, che circumnavigherà il globo prevalentemente nell’emisfero australe, visitando Terra del Fuoco, Polinesia, Nuova Zelanda, Australia e Sud Africa. Per la prima volta la partenza sarà a inizio dicembre (2024) da Savona, per godersi le feste natalizie in crociera. La notte di Capodanno sarà a Rio de Janeiro, con lo spettacolo dei fuochi d'artificio dalla spiaggia di Copacabana. [post_title] => Torna il Giro del mondo firmato Costa. Partenza domani da Trieste per un itinerario di 128 giorni [post_date] => 2023-01-05T09:32:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672911154000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436224 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Filippine hanno accolto 2 milioni di visitatori da quando, a febbraio, sono state allentate le restrizioni di ingresso nel Paese. Secondo il Dipartimento del Turismo gli arrivi sono stati 2.025.421, di cui il 73,43%, cioè più di 1,48 milioni, provenienti dall'estero mentre oltre 538.000 (26,57%) sono filippini d'oltremare. Fra i turisti stranieri, il 19,01% proviene dagli Stati Uniti; a seguire la Corea del Sud con il 14,10% e l'Australia con il 4,75%. Canada, Regno Unito, Giappone, India, Singapore, Malesia e Vietnam completano la top 10 dei Paesi con il maggior numero di arrivi turistici nelle Filippine. Gli arrivi di visitatori da febbraio a settembre hanno portato oltre 100,7 miliardi di euro di entrate al settore turistico, con un'impennata del 1.938,14% rispetto ai 4,94 miliardi di euro registrati nello stesso periodo del 2021. Christina Garcia-Frasco, segretario al turismo del paese, ha sottolineato come i due milioni di arrivi abbiano superato le previsioni del Ministero del Turismo: "Dobbiamo quindi far fronte a questa situazione con l'implementazione continua di meccanismi di abilitazione che trasmettano non solo l'apertura del Paese ad accogliere un maggior numero di turisti, ma anche la capacità di favorire le attività turistiche e le opportunità di sostentamento per i nostri connazionali". "Ora, la nostra sfida più grande non è solo quella di far tornare il settore ai livelli precedenti alla pandemia, quando il turismo rappresentava più del 12% del Pil del Paese, ma anche quella di superare la nostra posizione precedente e di assumere un ruolo di primo piano nel turismo dell'Asean (Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico) e a livello globale". [post_title] => Le Filippine puntano a un ruolo turistico di primo piano all'interno dell'Asean [post_date] => 2022-12-19T13:25:42+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671456342000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436028 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_217107" align="alignleft" width="300"] Un'immagine di Cortina[/caption] Prosegue il fermento nella città di Cortina, in vista delle Olimpiadi del 2026. E tra i tanti investitori interessati alla località dolomitiche c'è anche Renzo Rosso, già autore dell'accordo con il gruppo San Domenico Hotels per la gestione del Pelican di Miami. Nell'Ampezzano il patron di Diesel, tramite l'immobiliare di casa Red Circle, ha acquisito due anni fa l'hotel Ancora per quasi 20 milioni di euro. Ora, racconta Pambianco Hotellerie, pensa a una ristrutturazione destinata a costare più del valore del deal. L'Ancora è una proprietà storica, nata nel 1826. Originariamente contava 50 camere ma l'idea è ora quella di ridurle a 40 per aumentarne la metratura e creare un hotel all-suite con stanze di dimensione compresa tra i 55 e i 110 metri quadrati. L'albergo dovrebbe riaprire nel 2024 e proprio in questo periodo si starebbe chiudendo l'accordo per la sua gestione. A capo dei lavori di restyling è stato nominato l'architetto Vicky Charles, già conosciuto per i suoi progetti Soho House in giro per il globo. [post_title] => Il patron di Diesel, Renzo Rosso, lavora a un all-suite da 40 camere a Cortina [post_date] => 2022-12-15T11:44:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671104671000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa. Il percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea. Oltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea. Il progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale.  Il format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché "è su questa linea che si è fatta l’Italia" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone.  La mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana. [post_title] => Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni” [post_date] => 2022-12-07T15:28:06+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670426886000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435276 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una media occupazione superiore all'80% tra luglio e ottobre. E' la performance estiva del Belstay Venezia Mestre, rivelata in occasione della cerimonia ufficiale di lancio della struttura, svoltasi ieri con dj set e musica dal vivo, nonché impreziosita dalle specialità culinarie di chef Andrea Ribaldone. «L’intervento di riqualificazione, che abbiamo completato per implementare il nostro nuovo format alberghiero, si colloca perfettamente nel territorio veneziano che, per intensità di traffico leisure e aziende attive sul territorio, rappresenta un crocevia nell’Italia del nord-est. – commenta Roberto Di Tullio, a.d. di Belstay Hotels –. L’albergo ha sempre rappresentato un punto di riferimento nell’area per incontri aziendali e politici di alto profilo e per poterlo rilanciare si sono resi necessari significativi investimenti e un nuovo approccio gestionale, che lo rendesse più fruibile dalla clientela. Il format di accoglienza è molto apprezzato e ora siamo concentrati nel farci conoscere dai segmenti mice e business travel nel territorio veneziano». Il Belstay Venezia Mestre è un hotel di categoria 4 stelle con 188 camere completamente ristrutturate e caratterizzato da un design fresco e contemporaneo. La struttura dispone di ampia lobby, bar, due sale ristorante e un centro congressi con sala conferenze dalla capienza massima di 180 persone. Gli ospiti possono anche usufruire della palestra al piano interrato e del servizio navetta verso la stazione di Mestre. [post_title] => Ieri la cerimonia ufficiale di lancio del Belstay Venezia Mestre dopo un'estate da oltre l'80% di occupazione [post_date] => 2022-12-02T09:38:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669973931000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1828" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":77,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438235","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo un'ampia ristrutturazione durata due anni, riapre lungo la Promenade des Anglais un indirizzo storico della Cosa Azzurra, famoso per essere stato il primo hotel di lusso della città, inaugurato nel 1848. Oggi si chiama Anantara Plaza Nice Hotel ed è l'albergo di debutto del marchio del gruppo Nh - Minor Hotels in Francia. La struttura dispone di 151 camere, tra cui 38 suite, molte delle quali con terrazze e balconi con affaccio sul mare.\r\n\r\nL'hotel offre inoltre una nuova Anantara Spa, uno spazio congressi con sei sale riunioni e una ballroom, nonché un elegante ristorante e bar sulla terrazza con vista panoramica a 360 gradi sulla Baie des Anges e sulla vecchia Nizza. Importanti studi di architettura, tra cui il pluripremiato David Collins, il locale Jean-Paul Gomis e il Tbc Studio, hanno realizzato gli interni. Il progetto rispetta lo stile neoclassico della struttura originale, il primo hotel di lusso di Nizza,\r\n\r\n ","post_title":"Il brand Anantara arriva in Francia. Nuova apertura a Nizza sulla Promenade des Anglais","post_date":"2023-01-30T13:24:13+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1675085053000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437847","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cambio di direzione al nuovo hotel La Palma. Non sarà più Fabio Datteroni a guidare la riapertura della struttura della Oetker Collection di Capri prevista per il 2023, ma Imelda Shllaku, che ne assumerà il timone a partire dal prossimo 6 marzo. Con una carriera quasi trentennale alle spalle, la futura general manager vanta numerose esperienze nel settore dell’ospitalità di lusso su scala globale. Dopo il suo primo ruolo come hotel manager presso il Sina The Gray di Milano, ha lavorato per il gruppo The Ritz Carlton dapprima a Dublino, poi sull’isola thailandese di Krabi. Successivamente, si è occupata per sette anni della gestione delle proprietà di Londra e Milano di Bulgari Hotel & Resorts, ricoprendo varie posizioni, per diventare, infine, director of rooms presso l’Armani Hotel di Dubai e il One & Only alle Maldive. Dopo un anno di pausa, nel quale si è occupata di consulenze per 15 importanti hotel di lusso, diventa quindi general manager del Baglioni Hotel London. Il suo ultimo ruolo prima di approdare a Capri, l’ha vista diventare global director of rooms & guest experiences per il gruppo Kerzner International.\r\n\r\n“Sono entusiasta del mio nuovo ruolo come general manager dell’hotel La Palma - commenta la stessa Imelda Shllaku -. Credo che la mia esperienza mi permetterà di guidare i vari team al meglio, per garantire agli ospiti un’esperienza impeccabile. Non vediamo l’ora di aprire le porte di questo luogo speciale e accogliere, sia i locali sia gli ospiti provenienti da ogni parte del mondo\". La Palma, costruito nel 1822, e completamente ristrutturato dalla Oetker Collection, è il primo progetto di hôtellerie che porta la firma di Francis Sultana. L'interior designer ha collaborato con i migliori artigiani locali per rendere omaggio alla tradizione. A pochi passi dalla leggendaria Piazzetta, l’hotel offrirà un ristorante e un bar sulla terrazza, un beach club, una nuova piscina, una spa, un fitness centre e tre boutique. La ristorazione sarà curata da chef Gennaro Esposito.","post_title":"Imelda Shllaku al timone della Palma di Capri per la sua riapertura","post_date":"2023-01-24T13:51:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674568288000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437121","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Museo di Archeologia Ligure di Genova riapre al pubblico, dopo un periodo di lavori di messa a norma.\r\nIl Museo si trova nello straordinario complesso storico-ambientale dei Parchi e Musei di Pegli, un importante quartiere nel Ponente della città, ed è ospitato all'interno di Villa Durazzo Pallavicini. L'antica dimora nobiliare fu donata al Comune di Genova nel 1928 dagli eredi dei Pallavicini con il vincolo di utilizzarla a scopi culturali.\r\n\r\nNelle 18 sale su tre piani, il pubblico potrà tornare a esplorare sfide, crisi e successi delle due specie umane vissute in Liguria, da cui noi europei discendiamo, durante 100mila anni. Le straordinarie raccolte archeologiche raccontano infatti i movimenti di Neanderthal e Sapiens, la vita dei cacciatori dell’era glaciale, l’arrivo dei primi pionieri marittimi mediterranei, le manifestazioni artistiche e spirituali, gli accampamenti in grotta, i primi villaggi, le strade e gli insediamenti più antichi della regione.\r\nSi scoprirà anche la nascita di Genova 2500 anni fa e i suoi primi abitanti, le relazioni col Tirreno e il Mediterraneo, le lotte dei Liguri con Roma e la fondazione delle città della Liguria come provincia romana.\r\n\r\nLungo il percorso espositivo, allestimenti tradizionali, QRCode, attrezzi,  armi, materie prime e riproduzioni da manipolare e le storie di donne e uomini protagonisti di episodi cruciali mirano a coinvolgere visitatori diversi per interessi e caratteristiche. Nella “Grotta dell’Archeologia”, realizzata nell’area di accesso ad un rifugio antiaereo della Seconda Guerra Mondiale nelle vicinanze del Museo, il pubblico potrà rivivere momenti ed esperienze “quotidiane” della vita nelle grotte liguri oltre 6000 anni fa.\r\n\r\n ","post_title":"Genova, riapre dopo i lavori il Museo di Archeologia Ligure","post_date":"2023-01-12T09:36:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1673516194000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437000","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" A Singapore è scattato il conto alla rovescia per il Capodanno Cinese che quest’anno si celebra il 22 gennaio e darà inizio all’Anno del Coniglio, uno dei dodici segni dello zodiaco animale tipico della cultura cinese.\r\nAnche quest’anno, quindi, la città-stato darà vita a River Hongbao, l’evento celebrativo della durata di nove giorni che si terrà a Gardens by the Bay, in cui le protagoniste saranno la storia, la cultura e le tradizioni cinesi. Per tutta la sua durata, saranno organizzati eventi culturali, proposte di intrattenimento e show – tutti accompagnati da proposte food tipiche – per festeggiare un momento così importante per la comunità cinese che, dal 1821, è parte integrante e fondamentale della multietnicità della città-stato.\r\nIl 20 gennaio si svolgerà la Opening Ceremony, che segna ufficialmente l’inizio dei festeggiamenti, durante la quale sarà possibile assistere ad esibizioni tradizionali e uniche, avvolti delle tipiche lanterne cinesi che adorneranno le strade di Chinatown.\r\nIl giorno successivo, invece, Gardens by the Bay si animerà con i festeggiamenti del Capodanno, un appuntamento imperdibile per accogliere tutti insieme l’arrivo del nuovo anno, durante il quale singaporiani e turisti internazionali potranno ammirare lo spettacolo di fuochi d’artificio, sincronizzati per creare una sinfonia di colori vividi nel cielo, che segnerà l’arrivo dell’Anno del Coniglio.","post_title":"Singapore pronta per le celebrazioni del Capodanno Cinese: si apre l'Anno del Coniglio","post_date":"2023-01-11T10:03:41+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1673431421000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436793","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Partirà domani da Trieste il Giro del mondo 2023 firmato Costa Crociere. Con il nuovo anno torna infatti anche una delle esperienze più amate dagli appassionati dei grandi viaggi. Il programma 2023 coinvolge in particolare la Costa Deliziosa e prevede anche un imbarco a Savona l'11 gennaio, per un itinerario di oltre quattro mesi, pari a 128 giorni complessivi: dal Mediterraneo alla penisola Arabica, navigando verso est sino all’India e alle Maldive, per poi fare rotta a sud, in Madagascar e Sud Africa, e attraversare l’oceano Atlantico sino al Brasile. Quindi, di nuovo diretti a sud, verso Ushuaia, in Argentina, la punta estrema del continente, navigando nel canale di Beagle e risalendo lungo il versante Pacifico, dal Cile sino a Panama, visitando il Centro America e New York, per poi rientrare in Europa. In totale, 52 destinazioni da scoprire in quattro continenti, attraversando tre oceani.\r\n\r\nSono circa 2 mila gli ospiti che hanno prenotato una cabina sul Giro del mondo 2023. Provengono da 40 Paesi diversi, con una prevalenza di francesi (circa 500), italiani e tedeschi (rispettivamente circa 360 e circa 340), svizzeri (circa 160), spagnoli (circa 140) e austriaci (poco meno di 100). Il viaggiatore più longevo, francese, ha 94 anni, mentre il più giovane è austriaco, di sei anni.\r\n\r\nPer coloro che avessero perso l’opportunità quest’anno, Costa Deliziosa proporrà il Giro del mondo anche nel 2024, con partenza prevista il 6 gennaio 2024. Non solo: nelle prossime settimane sarà disponibile per la prenotazione anche il Giro del mondo 2025, che circumnavigherà il globo prevalentemente nell’emisfero australe, visitando Terra del Fuoco, Polinesia, Nuova Zelanda, Australia e Sud Africa. Per la prima volta la partenza sarà a inizio dicembre (2024) da Savona, per godersi le feste natalizie in crociera. La notte di Capodanno sarà a Rio de Janeiro, con lo spettacolo dei fuochi d'artificio dalla spiaggia di Copacabana.","post_title":"Torna il Giro del mondo firmato Costa. Partenza domani da Trieste per un itinerario di 128 giorni","post_date":"2023-01-05T09:32:34+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1672911154000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436224","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le Filippine hanno accolto 2 milioni di visitatori da quando, a febbraio, sono state allentate le restrizioni di ingresso nel Paese. Secondo il Dipartimento del Turismo gli arrivi sono stati 2.025.421, di cui il 73,43%, cioè più di 1,48 milioni, provenienti dall'estero mentre oltre 538.000 (26,57%) sono filippini d'oltremare.\r\n\r\nFra i turisti stranieri, il 19,01% proviene dagli Stati Uniti; a seguire la Corea del Sud con il 14,10% e l'Australia con il 4,75%. Canada, Regno Unito, Giappone, India, Singapore, Malesia e Vietnam completano la top 10 dei Paesi con il maggior numero di arrivi turistici nelle Filippine.\r\nGli arrivi di visitatori da febbraio a settembre hanno portato oltre 100,7 miliardi di euro di entrate al settore turistico, con un'impennata del 1.938,14% rispetto ai 4,94 miliardi di euro registrati nello stesso periodo del 2021.\r\n\r\nChristina Garcia-Frasco, segretario al turismo del paese, ha sottolineato come i due milioni di arrivi abbiano superato le previsioni del Ministero del Turismo: \"Dobbiamo quindi far fronte a questa situazione con l'implementazione continua di meccanismi di abilitazione che trasmettano non solo l'apertura del Paese ad accogliere un maggior numero di turisti, ma anche la capacità di favorire le attività turistiche e le opportunità di sostentamento per i nostri connazionali\".\r\n\r\n\"Ora, la nostra sfida più grande non è solo quella di far tornare il settore ai livelli precedenti alla pandemia, quando il turismo rappresentava più del 12% del Pil del Paese, ma anche quella di superare la nostra posizione precedente e di assumere un ruolo di primo piano nel turismo dell'Asean (Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico) e a livello globale\".","post_title":"Le Filippine puntano a un ruolo turistico di primo piano all'interno dell'Asean","post_date":"2022-12-19T13:25:42+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1671456342000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436028","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_217107\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un'immagine di Cortina[/caption]\r\n\r\nProsegue il fermento nella città di Cortina, in vista delle Olimpiadi del 2026. E tra i tanti investitori interessati alla località dolomitiche c'è anche Renzo Rosso, già autore dell'accordo con il gruppo San Domenico Hotels per la gestione del Pelican di Miami. Nell'Ampezzano il patron di Diesel, tramite l'immobiliare di casa Red Circle, ha acquisito due anni fa l'hotel Ancora per quasi 20 milioni di euro. Ora, racconta Pambianco Hotellerie, pensa a una ristrutturazione destinata a costare più del valore del deal.\r\nL'Ancora è una proprietà storica, nata nel 1826. Originariamente contava 50 camere ma l'idea è ora quella di ridurle a 40 per aumentarne la metratura e creare un hotel all-suite con stanze di dimensione compresa tra i 55 e i 110 metri quadrati. L'albergo dovrebbe riaprire nel 2024 e proprio in questo periodo si starebbe chiudendo l'accordo per la sua gestione. A capo dei lavori di restyling è stato nominato l'architetto Vicky Charles, già conosciuto per i suoi progetti Soho House in giro per il globo.","post_title":"Il patron di Diesel, Renzo Rosso, lavora a un all-suite da 40 camere a Cortina","post_date":"2022-12-15T11:44:31+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1671104671000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa.\r\n\r\nIl percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea.\r\n\r\nOltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea.\r\n\r\nIl progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale. \r\n\r\nIl format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché \"è su questa linea che si è fatta l’Italia\" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone. \r\n\r\nLa mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana.","post_title":"Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”","post_date":"2022-12-07T15:28:06+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670426886000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435276","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una media occupazione superiore all'80% tra luglio e ottobre. E' la performance estiva del Belstay Venezia Mestre, rivelata in occasione della cerimonia ufficiale di lancio della struttura, svoltasi ieri con dj set e musica dal vivo, nonché impreziosita dalle specialità culinarie di chef Andrea Ribaldone.\r\n\r\n«L’intervento di riqualificazione, che abbiamo completato per implementare il nostro nuovo format alberghiero, si colloca perfettamente nel territorio veneziano che, per intensità di traffico leisure e aziende attive sul territorio, rappresenta un crocevia nell’Italia del nord-est. – commenta Roberto Di Tullio, a.d. di Belstay Hotels –. L’albergo ha sempre rappresentato un punto di riferimento nell’area per incontri aziendali e politici di alto profilo e per poterlo rilanciare si sono resi necessari significativi investimenti e un nuovo approccio gestionale, che lo rendesse più fruibile dalla clientela. Il format di accoglienza è molto apprezzato e ora siamo concentrati nel farci conoscere dai segmenti mice e business travel nel territorio veneziano».\r\n\r\nIl Belstay Venezia Mestre è un hotel di categoria 4 stelle con 188 camere completamente ristrutturate e caratterizzato da un design fresco e contemporaneo. La struttura dispone di ampia lobby, bar, due sale ristorante e un centro congressi con sala conferenze dalla capienza massima di 180 persone. Gli ospiti possono anche usufruire della palestra al piano interrato e del servizio navetta verso la stazione di Mestre.","post_title":"Ieri la cerimonia ufficiale di lancio del Belstay Venezia Mestre dopo un'estate da oltre l'80% di occupazione","post_date":"2022-12-02T09:38:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669973931000]}]}}

Lascia un commento