1 March 2024

1742

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Direttore tecnico con esperienza ventennale nel settore offre la copertura nominale per agenzie viaggio di Torino, Piemonte o Liguria.
COMPENSO IN LINEA CON IL MERCATO.
CONTATTARE SIG. RUSCELLI 333 4016189.
Claudio.ruscelli@spiaggebianche.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462177 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un giro d'affari globale destinato a passare dai 172 miliardi di dollari del 2019 ai quasi 328 miliardi del 2028. E questo relativamente a un settore che in Italia contribuisce per poco meno del 20% della spesa turistica internazionale, grazie a un totale di 2,1 milioni di arrivi da oltre confine, di visitatori esclusivamente interessati a fare acquisti nel nostro Paese (+7% rispetto al 2019). Sono alcuni dei numeri più impressionanti sullo shopping tourism tricolore compresi nel tradizionale report realizzato da Risposte Turismo, presentato oggi a Milano in occasione del forum annuale dedicato a questo segmento di mercato. Montenapoleone la via dello shopping europea con il canone d'affitto più alto Una domanda in crescita, insomma, a cui l'Italia risponde con un'offerta parimenti importante, che pone tra le altre cose la nostra Penisola al secondo posto in Europa, dopo il Regno Unito, per numero di outlet: 27, con una superficie commerciale complessiva di oltre 725 mila metri quadrati, destinata a crescere quest'anno ancora del 4%, nonché del 7% entro il 2027. "A ciò vanno poi aggiunte più di 80 vie dello shopping e associazioni dedicate, nonché oltre 70 department store, per una superficie totale di più di 280 mila metri quadrati - spiega il presidente di Risposte Turismo, Francesco di Cesare -. Non solo: se prendiamo in considerazione la top 20 delle vie europee dello shopping, per valore dell'affitto medio, ne troviamo ben sette italiane, con la milanesissima Montenapoleone a svettare su tutte, grazie ai suoi 18 mila euro di canone all'anno per metro quadrato". Cresce anche l'interesse per i "semplici" centri commerciali Non va poi naturalmente sottovalutato il fenomeno del travel retail, ossia della possibilità di fare acquisti all'interno di stazioni, aeroporti e altre infrastrutture dei trasporti turistici. "Da segnalare sono pure i quasi 1.300 centri commerciali sparsi per la nostra Penisola che, pur essendo pensati soprattutto per la clientela domestica, stanno diventando sempre più meta anche di visitatori internazionali", prosegue di Cesare. La spinta agli acquisti driver del record di arrivi internazionali in Lombardia nel 2023 Spostando poi il focus sulla Lombardia e su Milano, città ospitante il forum, non sorprende poi scoprire come lo shopping sia stato uno dei driver principali della straordinaria ripresa d'appeal della destinazione nel 2023: "L'anno scorso ha fatto segnare nuovi record assoluti - rivela il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano -. In regione abbiamo infatti totalizzato ben 19 milioni di arrivi per oltre 51 milioni di presenze complessive: un dato superiore di oltre il 20% rispetto al livello pre-Covid del 2019. E a contribuire a tale risultato, oltre all'enogastronomia, allo sport e alla crescente vocazione leisure del nostro capoluogo, un ruolo fondamentale lo ha senz'altro giocato il fattore shopping. Tanto che anche la stagionalità dei flussi è cambiata notevolmente. Fino a poco tempo fa i picchi della domanda si registravano infatti soprattutto nel periodo delle fiere, nei primi mesi dell'anno e in quelli primaverili. Oggi a Milano, invece, si contano persino più turisti nel quadrimestre compreso tra settembre e dicembre, quando variabili come il Black Friday o le festività natalizie esercitano un appeal considerevole, ancora una volta spesso legato agli acquisti". Serve però un'offerta non omologata, ma dal carattere fortemente italiano Parole, quelle di Primerano, sostanzialmente condivise anche da un protagonista del retail italiano quale il ceo della Rinascente, Pierluigi Cocchini: "Il nostro store milanese è sicuramente il flagship del gruppo. E lì la componente turistica pesa tra il 35% e il 40% del fatturato totale del negozio, supportato da una domanda che è sostanzialmente presente per 365 giorni all'anno. Alla base di tale successo, credo che ci sia anche il nostro sforzo verso la creazione di un'offerta non omologata. In fondo, qualsiasi turista, per quanto remota sia la sua provenienza, è in grado di trovare i brand di lusso più celebri in ogni angolo del mondo. A partire dagli aeroporti. Il nostro obiettivo non può quindi essere quello di replicare una proposta standardizzata. La chiave, al contrario, è quella di proporci come un luogo fortemente caratterizzato in senso italiano ma con allure internazionale. Il tutto, essere pur sempre inseriti in un contesto urbano di qualità. Perché è il brand Milano ad attirare i viaggiatori da oltre confine e mai potrà esserlo la singola proposta retail".   [post_title] => Risposte Turismo: lo shopping tourism chiave dell'incoming tricolore [post_date] => 2024-02-23T15:25:51+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708701951000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462003 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo. Con il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali. Con strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali. Nel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva. «Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia». [gallery ids="462006,462007,462005"]   [post_title] => Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport [post_date] => 2024-02-22T09:15:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708593352000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461988 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_382236" align="alignleft" width="300"] Un villaggio Club del Sole[/caption] Nuove figure per i reparti di ricevimento, sala, bar, cucina, direzione/amministrazione, market e manutenzione delle aree green, per un totale di 700 posizioni aperte. E' partita la campagna di selezione per la stagione 2024 di Club del Sole. La ricerca  è rivolta a tutti i professionisti già affermati nel settore turistico-alberghiero, ma anche ai profili giovani che si stanno approcciando al mondo del lavoro; la compagnia si propone, infatti, come azienda post-diploma per gli allievi delle scuole alberghiere di tutta Italia. Il gruppo offre da tre a sette mesi di contratto stagionale in base ai ruoli e alle mansioni, con opportunità di formazione, crescita professionale e stabilizzazione, oltre a formule di contratto con alloggio per la stagione. Primo importante appuntamento da segnare in agenda, il recruiting day di martedì 12 marzo 2024, organizzato da Club del Sole in collaborazione con la regione Friuli-Venezia Giulia, che si terrà in uno dei villaggi del gruppo, il Marina Julia Family Camping Village di Monfalcone. Nello specifico, nelle strutture del gruppo ubicate sul territorio della regione sono 80 le posizioni aperte. Per iscriversi occorre effettuare la registrazione e caricare il proprio curriculum entro domenica 3 marzo, collegandosi al sito della regione Friuli-Venezia Giulia, sezione Giovani Fvg. Qualche giorno prima, il 29 febbraio 2024, Club del Sole sarà anche a Napoli in occasione della job fair Tfp Summit, che si terrà presso l’hotel Ramada. Anche in questo caso l’iscrizione verrà effettuata esclusivamente online. Grande attenzione è destinata pure alla formazione del personale. Una volontà che si manifesta attraverso la promozione di attività di internal branding, l'istituzione della Club del Sole Academy come ente formativo interno e il continuo potenziamento dei modelli organizzativi e dei sistemi di performance e comunicazione interna. Nel 2023, il gruppo ha erogato oltre 8 mila ore di formazione attraverso lo stesso ente formativo interno, assunto più di 1.200 persone e firmato 172 contratti a tempo indeterminato. [post_title] => Al via la campagna di recruiting Club del Sole: 700 le posizioni aperte [post_date] => 2024-02-21T11:29:34+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708514974000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461342 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Monaco è stata insignita del riconoscimento di "Best European Destination 2024". Il titolo annuale è conferito in seguito a una votazione pubblica che quest’anno ha coinvolto oltre 1 milione di viaggiatori provenienti da 172 Paesi chiamati a scegliere i luoghi migliori per viaggiare in Europa nel 2024. Sono 20 le destinazioni selezionate dai viaggiatori tra le oltre 500 presenti sul principale sito web di viaggi dedicato alla cultura e al turismo in Europa, e Monaco si è classificata al secondo posto. "Monaco si è concentrata sullo sviluppo ecologico per molti anni e la destinazione continua a espandersi e a onorare il suo impegno nei confronti della natura - si legge dal sito European Best Destinations -. È considerata una destinazione perfetta per una fuga verde che combina benessere, gastronomia, shopping, spiaggia, attività acquatiche e sport all'aria aperta". Nel cuore della Costa Azzurra, il Principato spicca per il grande impegno verso la sostenibilità, ma anche nel garantire ai turisti nazionali e internazionali il connubio perfetto tra glamour, cultura e relax che rende unico questo scrigno sulla Riviera Francese. Monaco sorprende anche per la ricchezza della sua storia. Il Paese monegasco è anche la meta raccomandata per un soggiorno romantico, un viaggio in famiglia o una fuga con gli amici grazie alla varietà di offerte alberghiere in grado di soddisfare le aspettative di tutti i viaggiatori. Con il suo Museo Oceanografico, il Palazzo del Principi e i panorami mozzafiato - dove il verde dei giardini si fonde con il blu del Mediterraneo – il quartiere di Monaco-Ville è una tappa speciale per scoprire gli scorci pittoreschi e le piacevoli passeggiate tra i pescherecci e i prestigiosi yacht. Il territorio monegasco è anche sinonimo di leggenda e fascino antico che, ancora oggi, appassionano i viaggiatori di tutto il mondo. Basta passare da Place du Casino, dove si trovano il Café de Paris e l'Hôtel de Paris Monte-Carlo, per immergersi in un’epoca da sogno. A pochi passi, invece, trionfa il complesso balneare del Larvotto.     [post_title] => Francia: Monaco si inserisce tra le 'Best European Destination 2024' [post_date] => 2024-02-13T10:51:17+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707821477000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459368 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_450254" align="alignleft" width="300"] Il ministro del turismo Snatanchè[/caption] Nell’ambito del Fondo da 75 milioni di euro volto alla valorizzazione dei Comuni a vocazione turistico-culturale sede di siti riconosciuti patrimonio dell’umanità Unesco e dei Comuni appartenenti alla rete delle città creative Unesco, il ministero del Turismo ha, finora, approvato 58 progetti definitivi che coinvolgono oltre 250 Comuni in 16 Regioni, per un impegno complessivo di oltre 70 milioni di euro. Inoltre, due ulteriori progetti sono in via di approvazione e uno in fase di presentazione.  Lo stanziamento è finalizzato al finanziamento dei progetti da parte dei Comuni proponenti, da concludersi entro il 30 novembre 2025, che abbiano ad oggetto interventi quali: la realizzazione di strumenti di valorizzazione e promozione turistica digitale, nonché di itinerari turistici; attività di marketing ed eventi; opere di carattere edilizio, strutturale o impiantistico o, ancora, allestimenti su siti culturali, paesaggistici e naturalistici funzionali ad accrescere la fruizione e l’attrattività turistica. "Il Fondo è un importante strumento per potenziare uno dei fiori all’occhiello dell’ecosistema turistico italiano" -ha commentato il ministro del Turismo Daniela Santanchè- "Con oltre 142 milioni di presenze e una spesa superiore ai 12 miliardi di euro, il turismo culturale è un vero e proprio traino per il settore. E non potrebbe essere altrimenti, considerando – per esempio – i nostri 59 siti patrimonio dell’umanità Unesco e i 495 borghi certificati. In questo modo, rafforziamo il supporto al tessuto territoriale italiano e diamo continuità alle azioni messe in campo per la valorizzazione dei territori, come fatto con il Fondo per i piccoli Comuni a vocazione turistica, nell’ottica di un operato di ampio respiro orientato a sostenere e valorizzare queste preziose componenti dell’ecosistema turistico italiano, che sono anche un unicum a livello internazionale, nonché fattori strategici di sostenibilità e di destagionalizzazione". [post_title] => Ministero del turismo: 75 milioni di euro per valorizzare i comuni a vocazione turistica [post_date] => 2024-01-15T10:46:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705315597000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459223 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ras Al Khaimah traccia un bilancio decisamente positivo per il 2023 appena concluso, che si è rivelato per l'Emirato un anno da record in termini di arrivi: la destinazione ha raggiunto quota 1,22 milioni di visitatori, l'8% in più sul 2022. Cifra sostenuta da un significativo aumento di viaggiatori internazionali. Un'ottima performance evidenziata dai piani strategici di crescita della Ras Al Khaimah Tourism Development Authority: dagli investimenti nelle infrastrutture turistiche alle iniziative mirate ad attrarre maggiori turisti nell'Emirato, fino allo sviluppo di un ecosistema fondato sulla sostenibilità. Tra i risultati più significativi dell'anno ci sono l'aumento del 24% di visitatori internazionali, supportato da oltre 2.200 attività internazionali tra roadshow, fiere ed eventi media in 30 Paesi e il consolidamento del posizionamento dell'Emirato come sede di eventi business e leisure, con una crescita del 23% dei ricavi provenienti dal settore Mice e del 103% da quello dei matrimoni. «E' stato un grande anno per il nostro Emirato, che ha chiaramente posto le basi per una crescita e uno sviluppo sostenibili di Ras Al Khaimah - ha commentato Raki Phillips, ceo della Raktda -. Nonostante le sfide globali che hanno avuto un impatto sul nostro settore, siamo rimasti agili e resilienti come comunità turistica, lavorando insieme per offrire una destinazione apprezzata da visitatori e residenti. Investendo in infrastrutture, organizzando eventi di livello mondiale, e rendendo il nostro Emirato sostenibile e accessibile a tutti, Ras Al Khaimah è saldamente sulla buona strada per continuare con successo il 2024 e oltre». [post_title] => Ras Al Khaimah oltre quota 1,22 milioni di visitatori, il miglior risultato di sempre [post_date] => 2024-01-11T12:18:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704975487000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459102 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_459112" align="alignleft" width="300"] Un'immagine della serata di Trani[/caption] Proseguono le serate Azemar, che a fine anno hanno visto protagoniste due località della Puglia in collaborazione con Lux* Resorts & Hotels: giovedì 21 dicembre 2023, l'evento si è tenuto a Trani, nella cornice delle Lampare al Fortino, mentre venerdì 22 è stata la volta del ristorante la Battigia di Bari. Alle due serate hanno partecipato, per Azemar, Maila Lattanzio, in qualità di area sales Puglia e Basilicata, per Lux* la responsabile Italia, Spagna e Portogallo, Denise Cattaneo. [caption id="attachment_459113" align="alignright" width="300"] L'evento di Bari[/caption] Lux* è una collezione di resort e hotel a 5 stelle e 5 stelle lusso nell’oceano Indiano, tra Mauritius, Reunion e Maldive. Lo scorso 1° ottobre la compagnia ha visto l'attesissima riapertura del Lux* Belle Mare, 5 stelle da 174 suite e 12 ville situato sulla selvaggia costa orientale di Mauritius, immerso in lussureggianti giardini tropicali vicino al caratteristico villaggio omonimo. Dopo oltre un anno di lavori di ristrutturazione, il complesso, con la sua architettura progettata dall'architetto mauriziano Jean-Francois Adam, si presenta con un nuovo design, pur mantenendo il suo dna family-oriented. I nuovi interni dalle tonalità rilassanti, dove il minimalismo incontra lo stile tropicale, sono stati in particolare concepiti da Jean-Marc Tang, designer mauriziano di fama internazionale. Della collezione The Lux Collective, fanno parte anche i brand Tamassa e Salt, con i rispettivi Tamassa Bel Ombre e Salt of Palmar, sempre a Mauritius. Tra gli agenti di viaggio che hanno partecipato alla serata di Trani, Valeria della Gattinoni Point, Luigi, Giordano, Gianni e Anna Giulia della a Proposito di Viaggi, Gianluca e Valeria della Ormas Viaggi, Carmela della Cumira Viaggi, Nicola e Sebastiano della Vassallucci Viaggi, Simona e Antonio della My Mondo, Francesca e Antonio della Marviraise, Antonio della Matera Viaggi,  Gianluca della Bv Viaggi, Antonio della Astro Tour, Claudio della C&C, Leonardo della Tuttiviaggi, Loredana della Luci sul Mondo e Maddalena della Maddalena Colamussi. A Bari invece erano presenti sempre Valeria della Gattinoni Point e poi  Vito della Squadro Viaggi,  Simone della Safira Viaggi, Spillo e Roberta della i Viaggi di Spiro, Oronzo e Sabbino della Eurocomex, Manuel e Domenico della Aprile Viaggi, Domenica e Mariella della Vierre Viaggi, nonché Vito della Spazio Sole. [post_title] => Si sono svolte in Puglia le serate natalizie di Azemar in collaborazione con Lux* [post_date] => 2024-01-10T10:23:14+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704882194000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456391 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Arabia Group entra a passo deciso nel suo ventesimo anno di attività, dopo aver trasportato oltre 150 milioni di passeggeri, operando attraverso un network di oltre 190 rotte da sette hub. La compagnia archivia infatti i primi nove mesi 2023 (terminati lo scorso 30 settembre) con risultati positivi in cui spicca un utile netto record di 1,32 miliardi di Aed, in crescita del 53% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, mentre i ricavi sono aumentati del 16% raggiungendo la cifra di 4,45 miliardi di Aed. "Air Arabia ha mantenuto la sua robusta crescita nei primi nove mesi di quest'anno, espandendo le operazioni nei suoi sette hub operativi e introducendo nuove rotte per migliorare la rete globale del vettore - ha commentato Abdullah Bin Mohamed Al Thani, presidente del vettore -. L'aumento della capacità in questo periodo è stato completato da un'impressionante impennata del numero di passeggeri, che ha raggiunto un totale di 12,4 milioni, segnando un notevole aumento del 36% rispetto ai primi nove mesi dello scorso anno. Air Arabia rimane ferma nel suo impegno a diversificare ed espandere il proprio business, investendo contemporaneamente in prodotti innovativi che mirano a migliorare ogni aspetto del viaggio dei nostri clienti." Positivo anche l'outlook nel breve e medio periodo: "La domanda per i nostri prodotti di valore continua a essere solida e rimaniamo cautamente ottimisti mentre continuiamo a monitorare il contesto in continua evoluzione geopolitico e macroeconomico. Allo stesso modo, continuiamo a concentrarci sull'innovazione, sull'efficienza e sul controllo dei costi in tutte le nostre attività. Sebbene le sfide persistano nel breve termine, abbiamo piena fiducia nel modello di business che gestiamo, nella nostra capacità di continuare a guidare la crescita e nella nostra offerta di prodotti". [post_title] => Air Arabia compie 20 anni e centra un utile record nei primi nove mesi 2023 [post_date] => 2023-11-20T09:40:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1700473248000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 455382 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con 1.123.188 passeggeri trasportati e un utile al 30 settembre di circa 1,4 milioni di euro l'aeroporto di Trapani archivia un'estate 2023 che si conferma tutta in positivo. «Un traguardo mai registrato nella storia di Airgest che certifica la bontà del percorso industriale intrapreso, volto al completo risanamento della società - commenta il presidente di Airgest, Salvatore Ombra -. I dati economico finanziari e quelli sul traffico sono estremamente incoraggianti, siamo soddisfatti dell’attività svolta finora, dei risultati e dell’impegno del personale e di ripagare la fiducia accordata dalla Regione Siciliana e dai soci». Il dato dei passeggeri movimentati nei sette mesi della summer (dal 26 marzo 2023 al 28  ottobre scorso) rappresenta il 90% di tutto il traffico dall’inizio dell’anno. Il traffico passeggeri è cresciuto del +58% rispetto alla summer 2022 e +241% rispetto al 2021. Solo l'11% del traffico dell'estate è legato all’emergenza Catania, per la chiusura dell’aeroporto Fontanarossa, dal 17 luglio al 6 agosto. Sono circa 120.000 i passeggeri movimentati ad ottobre, gli stessi registrati ad aprile, primo mese della stagione esvia. Il mese si conclude con un +27% di traffico rispetto ad ottobre del 2022. [post_title] => Trapani archivia un'estate d'oro: 1,12 milioni di passeggeri e 1,4 miliardi di utile [post_date] => 2023-11-03T11:28:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1699010880000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1742" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":56,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462177","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un giro d'affari globale destinato a passare dai 172 miliardi di dollari del 2019 ai quasi 328 miliardi del 2028. E questo relativamente a un settore che in Italia contribuisce per poco meno del 20% della spesa turistica internazionale, grazie a un totale di 2,1 milioni di arrivi da oltre confine, di visitatori esclusivamente interessati a fare acquisti nel nostro Paese (+7% rispetto al 2019). Sono alcuni dei numeri più impressionanti sullo shopping tourism tricolore compresi nel tradizionale report realizzato da Risposte Turismo, presentato oggi a Milano in occasione del forum annuale dedicato a questo segmento di mercato.\r\n\r\nMontenapoleone la via dello shopping europea con il canone d'affitto più alto\r\n\r\nUna domanda in crescita, insomma, a cui l'Italia risponde con un'offerta parimenti importante, che pone tra le altre cose la nostra Penisola al secondo posto in Europa, dopo il Regno Unito, per numero di outlet: 27, con una superficie commerciale complessiva di oltre 725 mila metri quadrati, destinata a crescere quest'anno ancora del 4%, nonché del 7% entro il 2027. \"A ciò vanno poi aggiunte più di 80 vie dello shopping e associazioni dedicate, nonché oltre 70 department store, per una superficie totale di più di 280 mila metri quadrati - spiega il presidente di Risposte Turismo, Francesco di Cesare -. Non solo: se prendiamo in considerazione la top 20 delle vie europee dello shopping, per valore dell'affitto medio, ne troviamo ben sette italiane, con la milanesissima Montenapoleone a svettare su tutte, grazie ai suoi 18 mila euro di canone all'anno per metro quadrato\".\r\n\r\nCresce anche l'interesse per i \"semplici\" centri commerciali\r\n\r\nNon va poi naturalmente sottovalutato il fenomeno del travel retail, ossia della possibilità di fare acquisti all'interno di stazioni, aeroporti e altre infrastrutture dei trasporti turistici. \"Da segnalare sono pure i quasi 1.300 centri commerciali sparsi per la nostra Penisola che, pur essendo pensati soprattutto per la clientela domestica, stanno diventando sempre più meta anche di visitatori internazionali\", prosegue di Cesare.\r\n\r\nLa spinta agli acquisti driver del record di arrivi internazionali in Lombardia nel 2023\r\n\r\nSpostando poi il focus sulla Lombardia e su Milano, città ospitante il forum, non sorprende poi scoprire come lo shopping sia stato uno dei driver principali della straordinaria ripresa d'appeal della destinazione nel 2023: \"L'anno scorso ha fatto segnare nuovi record assoluti - rivela il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano -. In regione abbiamo infatti totalizzato ben 19 milioni di arrivi per oltre 51 milioni di presenze complessive: un dato superiore di oltre il 20% rispetto al livello pre-Covid del 2019. E a contribuire a tale risultato, oltre all'enogastronomia, allo sport e alla crescente vocazione leisure del nostro capoluogo, un ruolo fondamentale lo ha senz'altro giocato il fattore shopping. Tanto che anche la stagionalità dei flussi è cambiata notevolmente. Fino a poco tempo fa i picchi della domanda si registravano infatti soprattutto nel periodo delle fiere, nei primi mesi dell'anno e in quelli primaverili. Oggi a Milano, invece, si contano persino più turisti nel quadrimestre compreso tra settembre e dicembre, quando variabili come il Black Friday o le festività natalizie esercitano un appeal considerevole, ancora una volta spesso legato agli acquisti\".\r\n\r\nServe però un'offerta non omologata, ma dal carattere fortemente italiano\r\n\r\nParole, quelle di Primerano, sostanzialmente condivise anche da un protagonista del retail italiano quale il ceo della Rinascente, Pierluigi Cocchini: \"Il nostro store milanese è sicuramente il flagship del gruppo. E lì la componente turistica pesa tra il 35% e il 40% del fatturato totale del negozio, supportato da una domanda che è sostanzialmente presente per 365 giorni all'anno. Alla base di tale successo, credo che ci sia anche il nostro sforzo verso la creazione di un'offerta non omologata. In fondo, qualsiasi turista, per quanto remota sia la sua provenienza, è in grado di trovare i brand di lusso più celebri in ogni angolo del mondo. A partire dagli aeroporti. Il nostro obiettivo non può quindi essere quello di replicare una proposta standardizzata. La chiave, al contrario, è quella di proporci come un luogo fortemente caratterizzato in senso italiano ma con allure internazionale. Il tutto, essere pur sempre inseriti in un contesto urbano di qualità. Perché è il brand Milano ad attirare i viaggiatori da oltre confine e mai potrà esserlo la singola proposta retail\".\r\n\r\n ","post_title":"Risposte Turismo: lo shopping tourism chiave dell'incoming tricolore","post_date":"2024-02-23T15:25:51+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708701951000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462003","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo.\r\nCon il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali.\r\nCon strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali.\r\nNel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva.\r\n«Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia».\r\n[gallery ids=\"462006,462007,462005\"]\r\n ","post_title":"Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport","post_date":"2024-02-22T09:15:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708593352000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461988","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_382236\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un villaggio Club del Sole[/caption]\r\n\r\nNuove figure per i reparti di ricevimento, sala, bar, cucina, direzione/amministrazione, market e manutenzione delle aree green, per un totale di 700 posizioni aperte. E' partita la campagna di selezione per la stagione 2024 di Club del Sole. La ricerca  è rivolta a tutti i professionisti già affermati nel settore turistico-alberghiero, ma anche ai profili giovani che si stanno approcciando al mondo del lavoro; la compagnia si propone, infatti, come azienda post-diploma per gli allievi delle scuole alberghiere di tutta Italia. Il gruppo offre da tre a sette mesi di contratto stagionale in base ai ruoli e alle mansioni, con opportunità di formazione, crescita professionale e stabilizzazione, oltre a formule di contratto con alloggio per la stagione.\r\nPrimo importante appuntamento da segnare in agenda, il recruiting day di martedì 12 marzo 2024, organizzato da Club del Sole in collaborazione con la regione Friuli-Venezia Giulia, che si terrà in uno dei villaggi del gruppo, il Marina Julia Family Camping Village di Monfalcone. Nello specifico, nelle strutture del gruppo ubicate sul territorio della regione sono 80 le posizioni aperte. Per iscriversi occorre effettuare la registrazione e caricare il proprio curriculum entro domenica 3 marzo, collegandosi al sito della regione Friuli-Venezia Giulia, sezione Giovani Fvg. Qualche giorno prima, il 29 febbraio 2024, Club del Sole sarà anche a Napoli in occasione della job fair Tfp Summit, che si terrà presso l’hotel Ramada. Anche in questo caso l’iscrizione verrà effettuata esclusivamente online.\r\n\r\nGrande attenzione è destinata pure alla formazione del personale. Una volontà che si manifesta attraverso la promozione di attività di internal branding, l'istituzione della Club del Sole Academy come ente formativo interno e il continuo potenziamento dei modelli organizzativi e dei sistemi di performance e comunicazione interna. Nel 2023, il gruppo ha erogato oltre 8 mila ore di formazione attraverso lo stesso ente formativo interno, assunto più di 1.200 persone e firmato 172 contratti a tempo indeterminato.","post_title":"Al via la campagna di recruiting Club del Sole: 700 le posizioni aperte","post_date":"2024-02-21T11:29:34+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708514974000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461342","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Monaco è stata insignita del riconoscimento di \"Best European Destination 2024\". Il titolo annuale è conferito in seguito a una votazione pubblica che quest’anno ha coinvolto oltre 1 milione di viaggiatori provenienti da 172 Paesi chiamati a scegliere i luoghi migliori per viaggiare in Europa nel 2024. Sono 20 le destinazioni selezionate dai viaggiatori tra le oltre 500 presenti sul principale sito web di viaggi dedicato alla cultura e al turismo in Europa, e Monaco si è classificata al secondo posto.\r\n\"Monaco si è concentrata sullo sviluppo ecologico per molti anni e la destinazione continua a espandersi e a onorare il suo impegno nei confronti della natura - si legge dal sito European Best Destinations -. È considerata una destinazione perfetta per una fuga verde che combina benessere, gastronomia, shopping, spiaggia, attività acquatiche e sport all'aria aperta\".\r\nNel cuore della Costa Azzurra, il Principato spicca per il grande impegno verso la sostenibilità, ma anche nel garantire ai turisti nazionali e internazionali il connubio perfetto tra glamour, cultura e relax che rende unico questo scrigno sulla Riviera Francese. Monaco sorprende anche per la ricchezza della sua storia. Il Paese monegasco è anche la meta raccomandata per un soggiorno romantico, un viaggio in famiglia o una fuga con gli amici grazie alla varietà di offerte alberghiere in grado di soddisfare le aspettative di tutti i viaggiatori.\r\nCon il suo Museo Oceanografico, il Palazzo del Principi e i panorami mozzafiato - dove il verde dei giardini si fonde con il blu del Mediterraneo – il quartiere di Monaco-Ville è una tappa speciale per scoprire gli scorci pittoreschi e le piacevoli passeggiate tra i pescherecci e i prestigiosi yacht.\r\nIl territorio monegasco è anche sinonimo di leggenda e fascino antico che, ancora oggi, appassionano i viaggiatori di tutto il mondo. Basta passare da Place du Casino, dove si trovano il Café de Paris e l'Hôtel de Paris Monte-Carlo, per immergersi in un’epoca da sogno. A pochi passi, invece, trionfa il complesso balneare del Larvotto.\r\n \r\n ","post_title":"Francia: Monaco si inserisce tra le 'Best European Destination 2024'","post_date":"2024-02-13T10:51:17+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707821477000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459368","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_450254\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il ministro del turismo Snatanchè[/caption]\r\n\r\nNell’ambito del Fondo da 75 milioni di euro volto alla valorizzazione dei Comuni a vocazione turistico-culturale sede di siti riconosciuti patrimonio dell’umanità Unesco e dei Comuni appartenenti alla rete delle città creative Unesco, il ministero del Turismo ha, finora, approvato 58 progetti definitivi che coinvolgono oltre 250 Comuni in 16 Regioni, per un impegno complessivo di oltre 70 milioni di euro. Inoltre, due ulteriori progetti sono in via di approvazione e uno in fase di presentazione. \r\n\r\nLo stanziamento è finalizzato al finanziamento dei progetti da parte dei Comuni proponenti, da concludersi entro il 30 novembre 2025, che abbiano ad oggetto interventi quali: la realizzazione di strumenti di valorizzazione e promozione turistica digitale, nonché di itinerari turistici; attività di marketing ed eventi; opere di carattere edilizio, strutturale o impiantistico o, ancora, allestimenti su siti culturali, paesaggistici e naturalistici funzionali ad accrescere la fruizione e l’attrattività turistica.\r\n\r\n\"Il Fondo è un importante strumento per potenziare uno dei fiori all’occhiello dell’ecosistema turistico italiano\" -ha commentato il ministro del Turismo Daniela Santanchè- \"Con oltre 142 milioni di presenze e una spesa superiore ai 12 miliardi di euro, il turismo culturale è un vero e proprio traino per il settore. E non potrebbe essere altrimenti, considerando – per esempio – i nostri 59 siti patrimonio dell’umanità Unesco e i 495 borghi certificati. In questo modo, rafforziamo il supporto al tessuto territoriale italiano e diamo continuità alle azioni messe in campo per la valorizzazione dei territori, come fatto con il Fondo per i piccoli Comuni a vocazione turistica, nell’ottica di un operato di ampio respiro orientato a sostenere e valorizzare queste preziose componenti dell’ecosistema turistico italiano, che sono anche un unicum a livello internazionale, nonché fattori strategici di sostenibilità e di destagionalizzazione\".","post_title":"Ministero del turismo: 75 milioni di euro per valorizzare i comuni a vocazione turistica","post_date":"2024-01-15T10:46:37+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1705315597000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459223","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Ras Al Khaimah traccia un bilancio decisamente positivo per il 2023 appena concluso, che si è rivelato per l'Emirato un anno da record in termini di arrivi: la destinazione ha raggiunto quota 1,22 milioni di visitatori, l'8% in più sul 2022. Cifra sostenuta da un significativo aumento di viaggiatori internazionali.\r\n\r\nUn'ottima performance evidenziata dai piani strategici di crescita della Ras Al Khaimah Tourism Development Authority: dagli investimenti nelle infrastrutture turistiche alle iniziative mirate ad attrarre maggiori turisti nell'Emirato, fino allo sviluppo di un ecosistema fondato sulla sostenibilità.\r\n\r\nTra i risultati più significativi dell'anno ci sono l'aumento del 24% di visitatori internazionali, supportato da oltre 2.200 attività internazionali tra roadshow, fiere ed eventi media in 30 Paesi e il consolidamento del posizionamento dell'Emirato come sede di eventi business e leisure, con una crescita del 23% dei ricavi provenienti dal settore Mice e del 103% da quello dei matrimoni.\r\n\r\n«E' stato un grande anno per il nostro Emirato, che ha chiaramente posto le basi per una crescita e uno sviluppo sostenibili di Ras Al Khaimah - ha commentato Raki Phillips, ceo della Raktda -. Nonostante le sfide globali che hanno avuto un impatto sul nostro settore, siamo rimasti agili e resilienti come comunità turistica, lavorando insieme per offrire una destinazione apprezzata da visitatori e residenti. Investendo in infrastrutture, organizzando eventi di livello mondiale, e rendendo il nostro Emirato sostenibile e accessibile a tutti, Ras Al Khaimah è saldamente sulla buona strada per continuare con successo il 2024 e oltre».","post_title":"Ras Al Khaimah oltre quota 1,22 milioni di visitatori, il miglior risultato di sempre","post_date":"2024-01-11T12:18:07+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1704975487000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459102","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_459112\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un'immagine della serata di Trani[/caption]\r\n\r\nProseguono le serate Azemar, che a fine anno hanno visto protagoniste due località della Puglia in collaborazione con Lux* Resorts & Hotels: giovedì 21 dicembre 2023, l'evento si è tenuto a Trani, nella cornice delle Lampare al Fortino, mentre venerdì 22 è stata la volta del ristorante la Battigia di Bari. Alle due serate hanno partecipato, per Azemar, Maila Lattanzio, in qualità di area sales Puglia e Basilicata, per Lux* la responsabile Italia, Spagna e Portogallo, Denise Cattaneo.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_459113\" align=\"alignright\" width=\"300\"] L'evento di Bari[/caption]\r\n\r\nLux* è una collezione di resort e hotel a 5 stelle e 5 stelle lusso nell’oceano Indiano, tra Mauritius, Reunion e Maldive. Lo scorso 1° ottobre la compagnia ha visto l'attesissima riapertura del Lux* Belle Mare, 5 stelle da 174 suite e 12 ville situato sulla selvaggia costa orientale di Mauritius, immerso in lussureggianti giardini tropicali vicino al caratteristico villaggio omonimo. Dopo oltre un anno di lavori di ristrutturazione, il complesso, con la sua architettura progettata dall'architetto mauriziano Jean-Francois Adam, si presenta con un nuovo design, pur mantenendo il suo dna family-oriented. I nuovi interni dalle tonalità rilassanti, dove il minimalismo incontra lo stile tropicale, sono stati in particolare concepiti da Jean-Marc Tang, designer mauriziano di fama internazionale. Della collezione The Lux Collective, fanno parte anche i brand Tamassa e Salt, con i rispettivi Tamassa Bel Ombre e Salt of Palmar, sempre a Mauritius.\r\n\r\nTra gli agenti di viaggio che hanno partecipato alla serata di Trani, Valeria della Gattinoni Point, Luigi, Giordano, Gianni e Anna Giulia della a Proposito di Viaggi, Gianluca e Valeria della Ormas Viaggi, Carmela della Cumira Viaggi, Nicola e Sebastiano della Vassallucci Viaggi, Simona e Antonio della My Mondo, Francesca e Antonio della Marviraise, Antonio della Matera Viaggi,  Gianluca della Bv Viaggi, Antonio della Astro Tour, Claudio della C&C, Leonardo della Tuttiviaggi, Loredana della Luci sul Mondo e Maddalena della Maddalena Colamussi.\r\n\r\nA Bari invece erano presenti sempre Valeria della Gattinoni Point e poi  Vito della Squadro Viaggi,  Simone della Safira Viaggi, Spillo e Roberta della i Viaggi di Spiro, Oronzo e Sabbino della Eurocomex, Manuel e Domenico della Aprile Viaggi, Domenica e Mariella della Vierre Viaggi, nonché Vito della Spazio Sole.","post_title":"Si sono svolte in Puglia le serate natalizie di Azemar in collaborazione con Lux*","post_date":"2024-01-10T10:23:14+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1704882194000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456391","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Arabia Group entra a passo deciso nel suo ventesimo anno di attività, dopo aver trasportato oltre 150 milioni di passeggeri, operando attraverso un network di oltre 190 rotte da sette hub.\r\n\r\nLa compagnia archivia infatti i primi nove mesi 2023 (terminati lo scorso 30 settembre) con risultati positivi in cui spicca un utile netto record di 1,32 miliardi di Aed, in crescita del 53% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, mentre i ricavi sono aumentati del 16% raggiungendo la cifra di 4,45 miliardi di Aed.\r\n\r\n\"Air Arabia ha mantenuto la sua robusta crescita nei primi nove mesi di quest'anno, espandendo le operazioni nei suoi sette hub operativi e introducendo nuove rotte per migliorare la rete globale del vettore - ha commentato Abdullah Bin Mohamed Al Thani, presidente del vettore -. L'aumento della capacità in questo periodo è stato completato da un'impressionante impennata del numero di passeggeri, che ha raggiunto un totale di 12,4 milioni, segnando un notevole aumento del 36% rispetto ai primi nove mesi dello scorso anno. Air Arabia rimane ferma nel suo impegno a diversificare ed espandere il proprio business, investendo contemporaneamente in prodotti innovativi che mirano a migliorare ogni aspetto del viaggio dei nostri clienti.\"\r\n\r\nPositivo anche l'outlook nel breve e medio periodo: \"La domanda per i nostri prodotti di valore continua a essere solida e rimaniamo cautamente ottimisti mentre continuiamo a monitorare il contesto in continua evoluzione geopolitico e macroeconomico. Allo stesso modo, continuiamo a concentrarci sull'innovazione, sull'efficienza e sul controllo dei costi in tutte le nostre attività. Sebbene le sfide persistano nel breve termine, abbiamo piena fiducia nel modello di business che gestiamo, nella nostra capacità di continuare a guidare la crescita e nella nostra offerta di prodotti\".","post_title":"Air Arabia compie 20 anni e centra un utile record nei primi nove mesi 2023","post_date":"2023-11-20T09:40:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1700473248000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"455382","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con 1.123.188 passeggeri trasportati e un utile al 30 settembre di circa 1,4 milioni di euro l'aeroporto di Trapani archivia un'estate 2023 che si conferma tutta in positivo.\r\n\r\n«Un traguardo mai registrato nella storia di Airgest che certifica la bontà del percorso industriale intrapreso, volto al completo risanamento della società - commenta il presidente di Airgest, Salvatore Ombra -. I dati economico finanziari e quelli sul traffico sono estremamente incoraggianti, siamo soddisfatti dell’attività svolta finora, dei risultati e dell’impegno del personale e di ripagare la fiducia accordata dalla Regione Siciliana e dai soci».\r\n\r\nIl dato dei passeggeri movimentati nei sette mesi della summer (dal 26 marzo 2023 al 28  ottobre scorso) rappresenta il 90% di tutto il traffico dall’inizio dell’anno. Il traffico passeggeri è cresciuto del +58% rispetto alla summer 2022 e +241% rispetto al 2021. Solo l'11% del traffico dell'estate è legato all’emergenza Catania, per la chiusura dell’aeroporto Fontanarossa, dal 17 luglio al 6 agosto.\r\n\r\nSono circa 120.000 i passeggeri movimentati ad ottobre, gli stessi registrati ad aprile, primo mese della stagione esvia. Il mese si conclude con un +27% di traffico rispetto ad ottobre del 2022.","post_title":"Trapani archivia un'estate d'oro: 1,12 milioni di passeggeri e 1,4 miliardi di utile","post_date":"2023-11-03T11:28:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1699010880000]}]}}

Lascia un commento