1 March 2024

1741

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agente di Viaggio cerca lavoro in Milano, Milano sud, Pavia e provincia, disponibile a trasferimenti in Roma e Bologna. Consolidata esperienza nel settore turistico e diploma di Master conseguito nel 2011 in Organizzazione congressuale, eventi, incentive.
Potete contattarmi all’indirizzo mail: lidia.dibiase@libero.it.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462108 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una Parma da scoprire leggendo: sabato 2 e domenica 3 marzo 2024, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma organizza “I like Parma. Un patrimonio da vivere”. L’evento, giunto alla sua undicesima edizione, sarà dedicato al territorio e alle opere letterarie di autori parmigiani (e non solo) che lo raccontano. Sono sette i luoghi cardine aperti in via eccezionale per questa edizione: la Chiesa e Convento della Santissima Annunziata; la Sala del Bacio di Palazzo Ducale coi suoi bellissimi affreschi; la Fondazione Bertolucci; il Convitto Maria Luigia; il Torrione Visconteo; la Corale Verdi, infine sarà aperto per la prima volta l’Archivio Storico Comunale, che metterà in mostra importanti documenti: dalla cartografia storica ai cimeli risorgimentali, dalle poesie dialettali alle fotografie della Parma di un tempo. Le visite ai luoghi, saranno anche arricchite da letture di brani letterari dedicati alla città e ai personaggi che ne hanno fatto la storia, da Renzo Pezzani, a Matteo Maria Boiardo, da Attilio Bertolucci, alla corrispondenza tra Cesare Zavattini e Giovannino Guareschi, da Bruno Barilli fino a Fra’ Salimbene. Grazie al ricco programma di aperture straordinarie e gratuite di palazzi, chiese e monumenti e percorsi guidati, insieme a mostre e musei visitabili con ingresso speciale per l’occasione, il pubblico potrà immergersi nel patrimonio storico di Parma. Un weekend quindi tra storia, arte e letteratura alla scoperta di luoghi e personaggi raccontati attraverso significative e curiose pagine d’autore. Un’occasione, con “I like Parma”, per scoprire la città dal Medioevo ad oggi: tra scrittori e poeti, sfogliando una storia che si legge come un romanzo.  Non poteva non ricordare, nella sua “Cronica”, Parma: Fra Salimbene de Adam, è famoso per essere stato uno dei più importanti cronisti medievali nelle case dove oggi si trova il Palazzo Dalla Rosa Prati, a fianco del Battistero dove venne battezzato nel 1221. Ed è una sorpresa scoprire che poco distante visse il Petrarca. Imboccando Borgo del Correggio, si trova proprio la via a lui dedicata. Parma fu per il poeta luogo privilegiato di ritiro, qui vive per 10 anni dal 1341; qui viene a sapere della morte dell’amata Laura, qui scrive tra le più belle poesie del Canzoniere. Abitava in corrispondenza del civico 9 e sopra il balcone del primo piano è visibile ancora oggi una lapide con un piccolo busto. Proseguendo alla scoperta di Parma, di poeta in poeta, con un salto cronologico di 5 secoli ci si ritrova in Oltretorrente, attraversando il torrente Parma dal Ponte di Mezzo alla scoperta di Renzo Pezzani, che ha scritto volumi di letture per bambini e per le scuole elementari, poesie in lingua e in dialetto parmigiano, testi per opere musicali. Ma Parma è anche protagonista della vita letteraria e culturale del Novecento italiano.  “Nel cuore di Parma c'è un palcoscenico", così amava ripetere Alberto Bevilacqua a proposito della sua città natale, fonte inesauribile di ispirazione per la sua produzione letteraria e cinematografica. Autore di romanzi, poeta, regista, molti dei suoi libri sono ambientati a Parma.  Un inviato molto speciale è stato Luca Goldoni, giornalista e scrittore, una carriera da grande viaggiatore e acuto osservatore di costume. E tra i molti personaggi di cui si appassionò, un posto speciale lo riservò alla sua concittadina Maria Luigia d’Austria, duchessa e moglie di Napoleone Uno dei maggiori poeti italiani del ‘900 e figura centrale nella tradizione letteraria della città, è stato Attilio Bertolucci (padre dei registi Giuseppe e Bernardo), e spesso Parma ed il parmense sono fonte di ispirazione, come la casa, dove amava rifugiarsi con la famiglia. Bertolucci fu grande amico di Cesare Zavattini (una delle figure più significative del secolo, cui si devono libri come “I poveri sono matti”, “Io sono il diavolo” e film indimenticabili come “Sciuscià” e “Ladri di biciclette”) e che, nonostante i natali in quel di Luzzara vicino a Reggio Emilia, fu molto legato alla città ducale dove strinse anche un profondo rapporto di amicizia con Giovannino Guareschi. Guareschi porta alla scoperta della Bassa parmense, patria dello scrittore e giornalista, papà di Don Camillo e Peppone e proprio qui ha ambientato il “Mondo piccolo” di quei racconti inseriti in quella “fettaccia di terra che sta tra il Po e l’Appennino”.         [post_title] => I Like Parma, dal 2 al 3 marzo itinerari alla scoperta del territorio e degli autori [post_date] => 2024-02-23T10:23:09+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708683789000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462003 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo. Con il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali. Con strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali. Nel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva. «Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia». [gallery ids="462006,462007,462005"]   [post_title] => Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport [post_date] => 2024-02-22T09:15:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708593352000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461872 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ita Airways ha aperto le vendite per il nuovo volo diretto Roma-Dakar, che decollerà il prossimo 3 luglio, con quattro frequenze settimanali operate mercoledì, venerdì, sabato e domenica con un Airbus A321neo. Fino a ottobre, la partenza da Fiumicino è prevista alle 15:30 con arrivo in Senegal alle 19:30 (ora locale); dal 27 ottobre, invece, la partenza da Roma sarà alle 15:00 e l’arrivo a Dakar sarà alle 20:10 (ora locale). La ripartenza dall’aeroporto di Dakar – Blaise Diagne sarà programmata alle 23:40 (ora locale), con arrivo a Roma per le 07:20 della mattina successiva alla partenza; dal 27 ottobre l’orario di partenza sarà spostato alle 23:50 (locali), con arrivo a Roma alle 06:25. L’A321neo è l’aeromobile più grande della famiglia A320neo di Airbus e offre autonomia e prestazioni di assoluto livello. E' anche il primo aeromobile narrow body configurato con tre cabine: Business Class (12 posti), Premium Economy (12 posti) ed Economy (141 posti di cui 12 dedicati alla Comfort Economy).  L’apertura della nuova rotta consentirà a Ita non solo di ottenere un ingresso strategico per il traffico point-to-point, ma anche di raggiungere altre destinazioni all’interno di entrambi i Paesi, combinando così viaggi di turismo e d’affari. L'operativo della stagione estiva del vettore conta 57 destinazioni, di cui 16 nazionali, 26 internazionali e 15 intercontinentali; inoltre, nel picco estivo il vettore volerà verso 10 ulteriori destinazioni stagionali nel Mediterraneo, incluse la Grecia, la Spagna, la Croazia e le isole italiane, raggiungibili con voli diretti da Roma Fiumicino e Milano Linate (Rodi, Ibiza, Palma di Maiorca, Minorca, Heraklion, Corfù, Lampedusa, Pantelleria, Spalato e Cefalonia - queste ultime due solo da Roma Fiumicino). [post_title] => Ita Airways ha aperto le vendite della Roma-Dakar che decollerà il 3 luglio [post_date] => 2024-02-20T09:46:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708422396000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460959 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Continua la ridda di voci sui pretendenti di Alpitour. Dopo che qualche giorno fa voci raccolte dal Sole 24 Ore davano il pool di possibili acquirenti ridotto a cinque, ieri il Corriere della Sera ha pubblicato altri rumours rimescolando parzialmente le carte: in lizza ci sarebbero infatti ancora i tedeschi di Tui e il fondo Usa Certares. Sarebbero invece spariti gli spagnoli di Wamos, mentre si sarebbero aggiunti i fondi Apollo, Kkr e Platinum, nonché un gruppo alberghiero quale Hyatt. Alcune di queste "new entry" erano state peraltro già inserite tra i pretendenti nelle prime voci trapelate a inizio trattativa. Piuttosto, l'operatore dell'hotellerie è forse il candidato più improbabile, essendo per molti addetti del settore difficile capire la ratio economica di una fusione tra un grande gruppo alberghiero internazionale e una compagnia integrata verticalmente con interessi regionali in Italia e in pochi altri paesi europei. Ma negli affari mai dire mai... In attesa di comprendere come si sbroglierà la matassa, il principale protagonista della vicenda, quel Giovanni Tamburi primo azionista di Alpitour, ha dichiarato a Milano Finanza che la trattativa per la cessione delle quote starebbe rallentando, mentre l'operazione rimarrebbe aperta a qualsiasi soluzione: a inizio dicembre, ricordiamo che lo stesso Tamburi non aveva escluso la possibilità di un'inversione di rotta, con un consolidamento della propria quota e il successivo sbarco della società in Borsa. Il giallo insomma continua. E, anzi, si infittisce. Nel frattempo, la compagnia, ha annunciato i brillanti risultati dell'ultimo anno finanziario, chiuso lo scorso 31 ottobre a quota 2 miliardi di fatturato, con margini operativi lordi (ebitda) per 141 milioni (il doppio del 2019), nonché utili netti per 53 milioni. E il ceo Gabriele Burgio già parla di un primo trimestre 2023-24 sopra il budget previsionale. [post_title] => Rispunta Hyatt tra i pretendenti Alpitour, insieme ad Apollo, Platinum e Kkr [post_date] => 2024-02-07T11:05:39+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707303939000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459748 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La trattativa per l'acquisizione del gruppo Alpitour sta entrando nel vivo e i pretendenti al ballo finale sono rimasti in cinque, selezionati da un elenco iniziale di 15 interessati. Tra questi, racconta il Sole 24 Ore, tre conferme di nomi che circolano da qualche settimana: a partire dalla tedesca Tui, passando per il terzo gruppo turistico più importante di Spagna, Wamos, e arrivando sino alla società finanziaria Usa, Certares. Totale riserbo, invece, sugli altri due pretendenti: al momento si sa solo che sono due multinazionali: una americana, l'altra asiatica. Offerte I cinque dovranno ora presentare le offerte non vincolanti il mese prossimo, verosimilmente verso fine febbraio. Per iniziare a ragionare davvero sull'operazione, si sono peraltro attesi i risultati dell'esercizio 2023, chiuso lo scorso 31 ottobre con numeri estremamente positivi: fatturato a quota 2,3 miliardi di euro, margini operativi lordi (ebitda) per 141 milioni e utili netti per 50 milioni. Cifre a cui si affianca peraltro un indebitamento quasi vicino allo zero. Stando alle stime che circolano anche queste insistentemente da tempo la valutazione del gruppo dovrebbe aggirarsi attorno agli 1,3 - 1,5 miliardi di euro per il 100% dell'azienda.  Come è noto, a studiare la valorizzazione di Alpitour World, con l’assegnazione all’advisor finanziario Goldman Sachs di un mandato esplorativo, è l’attuale azionista di maggioranza Tip [post_title] => Alpitour: cinque i pretendenti al ballo finale. Ci sono anche Wamos e Tui [post_date] => 2024-01-19T10:58:58+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705661938000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459561 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Analisi Eurostat. Nel 2023, il turismo nell’Ue ha continuato a mostrare segni di ripresa dalla pandemia di Covid-19. Il numero stimato di pernottamenti nelle strutture ricettive turistiche nel 2023 ha raggiunto i 2,92 miliardi, superando dell’1,6% il livello pre-pandemia del 2019 (2,87 miliardi) e stabilendo un anno record per il settore ricettivo dell’Ue. Nel 2023 sono stati trascorsi 171 milioni di pernottamenti in più rispetto al 2022 (+6,3%), trainati principalmente da un aumento dei pernottamenti degli ospiti internazionali (+146 milioni) e in misura minore da un aumento dei pernottamenti degli ospiti nazionali (+ 25 milioni). I livelli di turismo (in termini di pernottamenti) erano superiori del 25% rispetto a dieci anni prima (2013: 2,33 miliardi di pernottamenti). Queste informazioni provengono dalle prime stime sul turismo pubblicate oggi da Eurostat (basate sui dati mensili di gennaio-ottobre o novembre 2023, a seconda di ciascun paese). L'articolo presenta una serie di risultati tratti dall'articolo più dettagliato Statistics Explained.  Rispetto al 2022 quasi tutti i membri dell’Ue hanno registrato un aumento nel 2023, solo il Lussemburgo ha registrato un leggero calo (-0,1%). A Malta e Cipro la crescita ha superato il 20% e in altri 8 membri dell’UE ha superato il 10% (Slovacchia, Lettonia, Bulgaria, Austria, Repubblica Ceca, Portogallo, Romania e Grecia). In termini assoluti, l'aumento maggiore dei pernottamenti è stato osservato in Germania (+32,8 milioni di pernottamenti) e Spagna (+32,3 milioni di pernottamenti).   [post_title] => Eurostat: in Europa superati i livello di flussi turistici rispetto al 2019 [post_date] => 2024-01-17T10:51:49+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705488709000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459102 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_459112" align="alignleft" width="300"] Un'immagine della serata di Trani[/caption] Proseguono le serate Azemar, che a fine anno hanno visto protagoniste due località della Puglia in collaborazione con Lux* Resorts & Hotels: giovedì 21 dicembre 2023, l'evento si è tenuto a Trani, nella cornice delle Lampare al Fortino, mentre venerdì 22 è stata la volta del ristorante la Battigia di Bari. Alle due serate hanno partecipato, per Azemar, Maila Lattanzio, in qualità di area sales Puglia e Basilicata, per Lux* la responsabile Italia, Spagna e Portogallo, Denise Cattaneo. [caption id="attachment_459113" align="alignright" width="300"] L'evento di Bari[/caption] Lux* è una collezione di resort e hotel a 5 stelle e 5 stelle lusso nell’oceano Indiano, tra Mauritius, Reunion e Maldive. Lo scorso 1° ottobre la compagnia ha visto l'attesissima riapertura del Lux* Belle Mare, 5 stelle da 174 suite e 12 ville situato sulla selvaggia costa orientale di Mauritius, immerso in lussureggianti giardini tropicali vicino al caratteristico villaggio omonimo. Dopo oltre un anno di lavori di ristrutturazione, il complesso, con la sua architettura progettata dall'architetto mauriziano Jean-Francois Adam, si presenta con un nuovo design, pur mantenendo il suo dna family-oriented. I nuovi interni dalle tonalità rilassanti, dove il minimalismo incontra lo stile tropicale, sono stati in particolare concepiti da Jean-Marc Tang, designer mauriziano di fama internazionale. Della collezione The Lux Collective, fanno parte anche i brand Tamassa e Salt, con i rispettivi Tamassa Bel Ombre e Salt of Palmar, sempre a Mauritius. Tra gli agenti di viaggio che hanno partecipato alla serata di Trani, Valeria della Gattinoni Point, Luigi, Giordano, Gianni e Anna Giulia della a Proposito di Viaggi, Gianluca e Valeria della Ormas Viaggi, Carmela della Cumira Viaggi, Nicola e Sebastiano della Vassallucci Viaggi, Simona e Antonio della My Mondo, Francesca e Antonio della Marviraise, Antonio della Matera Viaggi,  Gianluca della Bv Viaggi, Antonio della Astro Tour, Claudio della C&C, Leonardo della Tuttiviaggi, Loredana della Luci sul Mondo e Maddalena della Maddalena Colamussi. A Bari invece erano presenti sempre Valeria della Gattinoni Point e poi  Vito della Squadro Viaggi,  Simone della Safira Viaggi, Spillo e Roberta della i Viaggi di Spiro, Oronzo e Sabbino della Eurocomex, Manuel e Domenico della Aprile Viaggi, Domenica e Mariella della Vierre Viaggi, nonché Vito della Spazio Sole. [post_title] => Si sono svolte in Puglia le serate natalizie di Azemar in collaborazione con Lux* [post_date] => 2024-01-10T10:23:14+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704882194000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458965 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "I Boeing 737 Max 9 rimarranno a terra finché l'agenzia non sarà convinta che possano operare in sicurezza": così la Federal Aviation Administration ha confermato ieri il grounding di 171 velivoli, a seguito dell'incidente che lo scorso venerdì ha coinvolto un aeromobile dello stesso modello di Alaska Airlines.  Nuova battuta di arresto dunque per Boeing alle prese con un percorso già complesso a causa del lungo fermo cui è stato sottoposto il 737 Max dopo gli incidenti del 2018 e del 2019 (il grounding a livello mondiale era durato 20 mesi9, successivamente, dalle conseguenze della pandemia. La direttiva Faa riguarda i modelli Max 9 "con la porta centrale chiusa", secondo il documento pubblicato sul suo sito web. Si tratta di una porta chiusa e mascherata (nota come "plug door") da un divisorio che lascia visibile solo un finestrino. I modelli della versione Max-8 in servizio non sono interessati (così come le versioni Max-7 e Max-10, non ancora in commercio). I voli cancellati Alaska Airlines ha quindi messo a terra i suoi 65 737 Max-9 e i voli cancellati ieri hanno interessato circa 23.000 passeggeri; per oggi si prevedono ulteriori disagi. United Airlines ha lasciato a terra i 79 velivoli, cancellando ieri 60 voli. Al di fuori degli Stati Uniti, Turkish Airlines ha ritirato dal servizio cinque dei suoi 737 Max-9 per ispezioni, "come misura precauzionale", ha dichiarato la compagnia aerea turca sul suo sito web. I cinque aerei saranno "ritirati dalla flotta operativa ovunque atterrino" e saranno ispezionati prima di riprendere i voli, ha aggiunto. Anche Copa Airlines ha sospeso l'operatività dei suoi 21 aerei per ispezioni. Flydubai ha dichiarato che i suoi tre 737 Max-9 non sono stati colpiti perché hanno una "configurazione diversa" rispetto agli aerei di Alaska Airlines e sono stati sottoposti a recenti controlli di sicurezza. Secondo la società di analisi aeronautica Cirium, in tutto il mondo sono in servizio circa 215 737 Max-9, ma di questi solo 171 sono dotati del portellone che è esploso durante il volo di Alaska Airlines. In Europa, l'Easa (Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea) ha indicato che nessuna compagnia aerea europea utilizza Max-9 con la configurazione oggetto della direttiva Faa; lo stesso vale per la Civil Aviation Authority del Regno Unito. [post_title] => I Boeing 737 Max 9 restano a terra: la decisione della Faa e i voli cancellati [post_date] => 2024-01-08T09:46:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704707180000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457677 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Boom di assunzioni, 352 mila, a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata superiore a 30 giorni, programmate dalle imprese per il mese di dicembre e salgono a quasi 1,3 milioni quelle previste per l’intero trimestre dicembre-febbraio. Rispetto a un anno fa si registra un incremento del +7,0% (+23mila assunzioni) nel mese e del +6,9% (+84mila assunzioni) nel trimestre. È quanto emerge dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal. A tenere alta la domanda di lavoro sono le imprese del turismo e del commercio che programmano rispettivamente 70 mila e 56 mila entrate nel mese, con l’approssimarsi delle festività natalizie (+6,7% e +13,1% rispetto allo stesso periodo del 2022). Permane elevata la difficoltà di reperimento che riguarda 171 mila profili ricercati pari al 48,5% del totale delle assunzioni, un valore superiore di 3,3 punti percentuali rispetto ad un anno fa. [post_title] => Escalation di assunzioni. Il turismo guida con 70 mila posti di lavoro [post_date] => 2023-12-07T11:54:06+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701950046000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1741" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":66,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462108","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una Parma da scoprire leggendo: sabato 2 e domenica 3 marzo 2024, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma organizza “I like Parma. Un patrimonio da vivere”.\r\n\r\nL’evento, giunto alla sua undicesima edizione, sarà dedicato al territorio e alle opere letterarie di autori parmigiani (e non solo) che lo raccontano. Sono sette i luoghi cardine aperti in via eccezionale per questa edizione: la Chiesa e Convento della Santissima Annunziata; la Sala del Bacio di Palazzo Ducale coi suoi bellissimi affreschi; la Fondazione Bertolucci; il Convitto Maria Luigia; il Torrione Visconteo; la Corale Verdi, infine sarà aperto per la prima volta l’Archivio Storico Comunale, che metterà in mostra importanti documenti: dalla cartografia storica ai cimeli risorgimentali, dalle poesie dialettali alle fotografie della Parma di un tempo. Le visite ai luoghi, saranno anche arricchite da letture di brani letterari dedicati alla città e ai personaggi che ne hanno fatto la storia, da Renzo Pezzani, a Matteo Maria Boiardo, da Attilio Bertolucci, alla corrispondenza tra Cesare Zavattini e Giovannino Guareschi, da Bruno Barilli fino a Fra’ Salimbene.\r\n\r\nGrazie al ricco programma di aperture straordinarie e gratuite di palazzi, chiese e monumenti e percorsi guidati, insieme a mostre e musei visitabili con ingresso speciale per l’occasione, il pubblico potrà immergersi nel patrimonio storico di Parma. Un weekend quindi tra storia, arte e letteratura alla scoperta di luoghi e personaggi raccontati attraverso significative e curiose pagine d’autore. Un’occasione, con “I like Parma”, per scoprire la città dal Medioevo ad oggi: tra scrittori e poeti, sfogliando una storia che si legge come un romanzo. \r\n\r\nNon poteva non ricordare, nella sua “Cronica”, Parma: Fra Salimbene de Adam, è famoso per essere stato uno dei più importanti cronisti medievali nelle case dove oggi si trova il Palazzo Dalla Rosa Prati, a fianco del Battistero dove venne battezzato nel 1221.\r\n\r\nEd è una sorpresa scoprire che poco distante visse il Petrarca. Imboccando Borgo del Correggio, si trova proprio la via a lui dedicata. Parma fu per il poeta luogo privilegiato di ritiro, qui vive per 10 anni dal 1341; qui viene a sapere della morte dell’amata Laura, qui scrive tra le più belle poesie del Canzoniere. Abitava in corrispondenza del civico 9 e sopra il balcone del primo piano è visibile ancora oggi una lapide con un piccolo busto.\r\n\r\nProseguendo alla scoperta di Parma, di poeta in poeta, con un salto cronologico di 5 secoli ci si ritrova in Oltretorrente, attraversando il torrente Parma dal Ponte di Mezzo alla scoperta di Renzo Pezzani, che ha scritto volumi di letture per bambini e per le scuole elementari, poesie in lingua e in dialetto parmigiano, testi per opere musicali.\r\n\r\nMa Parma è anche protagonista della vita letteraria e culturale del Novecento italiano. \r\n\r\n“Nel cuore di Parma c'è un palcoscenico\", così amava ripetere Alberto Bevilacqua a proposito della sua città natale, fonte inesauribile di ispirazione per la sua produzione letteraria e cinematografica. Autore di romanzi, poeta, regista, molti dei suoi libri sono ambientati a Parma. \r\n\r\nUn inviato molto speciale è stato Luca Goldoni, giornalista e scrittore, una carriera da grande viaggiatore e acuto osservatore di costume. E tra i molti personaggi di cui si appassionò, un posto speciale lo riservò alla sua concittadina Maria Luigia d’Austria, duchessa e moglie di Napoleone\r\n\r\nUno dei maggiori poeti italiani del ‘900 e figura centrale nella tradizione letteraria della città, è stato Attilio Bertolucci (padre dei registi Giuseppe e Bernardo), e spesso Parma ed il parmense sono fonte di ispirazione, come la casa, dove amava rifugiarsi con la famiglia.\r\n\r\nBertolucci fu grande amico di Cesare Zavattini (una delle figure più significative del secolo, cui si devono libri come “I poveri sono matti”, “Io sono il diavolo” e film indimenticabili come “Sciuscià” e “Ladri di biciclette”) e che, nonostante i natali in quel di Luzzara vicino a Reggio Emilia, fu molto legato alla città ducale dove strinse anche un profondo rapporto di amicizia con Giovannino Guareschi.\r\n\r\nGuareschi porta alla scoperta della Bassa parmense, patria dello scrittore e giornalista, papà di Don Camillo e Peppone e proprio qui ha ambientato il “Mondo piccolo” di quei racconti inseriti in quella “fettaccia di terra che sta tra il Po e l’Appennino”.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"I Like Parma, dal 2 al 3 marzo itinerari alla scoperta del territorio e degli autori","post_date":"2024-02-23T10:23:09+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708683789000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462003","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo.\r\nCon il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali.\r\nCon strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali.\r\nNel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva.\r\n«Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia».\r\n[gallery ids=\"462006,462007,462005\"]\r\n ","post_title":"Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport","post_date":"2024-02-22T09:15:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708593352000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461872","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ita Airways ha aperto le vendite per il nuovo volo diretto Roma-Dakar, che decollerà il prossimo 3 luglio, con quattro frequenze settimanali operate mercoledì, venerdì, sabato e domenica con un Airbus A321neo.\r\nFino a ottobre, la partenza da Fiumicino è prevista alle 15:30 con arrivo in Senegal alle 19:30 (ora locale); dal 27 ottobre, invece, la partenza da Roma sarà alle 15:00 e l’arrivo a Dakar sarà alle 20:10 (ora locale).\r\nLa ripartenza dall’aeroporto di Dakar – Blaise Diagne sarà programmata alle 23:40 (ora locale), con arrivo a Roma per le 07:20 della mattina successiva alla partenza; dal 27 ottobre l’orario di partenza sarà spostato alle 23:50 (locali), con arrivo a Roma alle 06:25.\r\nL’A321neo è l’aeromobile più grande della famiglia A320neo di Airbus e offre autonomia e prestazioni di assoluto livello. E' anche il primo aeromobile narrow body configurato con tre cabine: Business Class (12 posti), Premium Economy (12 posti) ed Economy (141 posti di cui 12 dedicati alla Comfort Economy). \r\nL’apertura della nuova rotta consentirà a Ita non solo di ottenere un ingresso strategico per il traffico point-to-point, ma anche di raggiungere altre destinazioni all’interno di entrambi i Paesi, combinando così viaggi di turismo e d’affari.\r\nL'operativo della stagione estiva del vettore conta 57 destinazioni, di cui 16 nazionali, 26 internazionali e 15 intercontinentali; inoltre, nel picco estivo il vettore volerà verso 10 ulteriori destinazioni stagionali nel Mediterraneo, incluse la Grecia, la Spagna, la Croazia e le isole italiane, raggiungibili con voli diretti da Roma Fiumicino e Milano Linate (Rodi, Ibiza, Palma di Maiorca, Minorca, Heraklion, Corfù, Lampedusa, Pantelleria, Spalato e Cefalonia - queste ultime due solo da Roma Fiumicino).","post_title":"Ita Airways ha aperto le vendite della Roma-Dakar che decollerà il 3 luglio","post_date":"2024-02-20T09:46:36+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708422396000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460959","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Continua la ridda di voci sui pretendenti di Alpitour. Dopo che qualche giorno fa voci raccolte dal Sole 24 Ore davano il pool di possibili acquirenti ridotto a cinque, ieri il Corriere della Sera ha pubblicato altri rumours rimescolando parzialmente le carte: in lizza ci sarebbero infatti ancora i tedeschi di Tui e il fondo Usa Certares. Sarebbero invece spariti gli spagnoli di Wamos, mentre si sarebbero aggiunti i fondi Apollo, Kkr e Platinum, nonché un gruppo alberghiero quale Hyatt. Alcune di queste \"new entry\" erano state peraltro già inserite tra i pretendenti nelle prime voci trapelate a inizio trattativa. Piuttosto, l'operatore dell'hotellerie è forse il candidato più improbabile, essendo per molti addetti del settore difficile capire la ratio economica di una fusione tra un grande gruppo alberghiero internazionale e una compagnia integrata verticalmente con interessi regionali in Italia e in pochi altri paesi europei. Ma negli affari mai dire mai...\r\n\r\nIn attesa di comprendere come si sbroglierà la matassa, il principale protagonista della vicenda, quel Giovanni Tamburi primo azionista di Alpitour, ha dichiarato a Milano Finanza che la trattativa per la cessione delle quote starebbe rallentando, mentre l'operazione rimarrebbe aperta a qualsiasi soluzione: a inizio dicembre, ricordiamo che lo stesso Tamburi non aveva escluso la possibilità di un'inversione di rotta, con un consolidamento della propria quota e il successivo sbarco della società in Borsa.\r\n\r\nIl giallo insomma continua. E, anzi, si infittisce. Nel frattempo, la compagnia, ha annunciato i brillanti risultati dell'ultimo anno finanziario, chiuso lo scorso 31 ottobre a quota 2 miliardi di fatturato, con margini operativi lordi (ebitda) per 141 milioni (il doppio del 2019), nonché utili netti per 53 milioni. E il ceo Gabriele Burgio già parla di un primo trimestre 2023-24 sopra il budget previsionale.","post_title":"Rispunta Hyatt tra i pretendenti Alpitour, insieme ad Apollo, Platinum e Kkr","post_date":"2024-02-07T11:05:39+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707303939000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459748","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La trattativa per l'acquisizione del gruppo Alpitour sta entrando nel vivo e i pretendenti al ballo finale sono rimasti in cinque, selezionati da un elenco iniziale di 15 interessati. Tra questi, racconta il Sole 24 Ore, tre conferme di nomi che circolano da qualche settimana: a partire dalla tedesca Tui, passando per il terzo gruppo turistico più importante di Spagna, Wamos, e arrivando sino alla società finanziaria Usa, Certares. Totale riserbo, invece, sugli altri due pretendenti: al momento si sa solo che sono due multinazionali: una americana, l'altra asiatica.\r\nOfferte\r\nI cinque dovranno ora presentare le offerte non vincolanti il mese prossimo, verosimilmente verso fine febbraio. Per iniziare a ragionare davvero sull'operazione, si sono peraltro attesi i risultati dell'esercizio 2023, chiuso lo scorso 31 ottobre con numeri estremamente positivi: fatturato a quota 2,3 miliardi di euro, margini operativi lordi (ebitda) per 141 milioni e utili netti per 50 milioni.\r\n\r\nCifre a cui si affianca peraltro un indebitamento quasi vicino allo zero. Stando alle stime che circolano anche queste insistentemente da tempo la valutazione del gruppo dovrebbe aggirarsi attorno agli 1,3 - 1,5 miliardi di euro per il 100% dell'azienda.  Come è noto, a studiare la valorizzazione di Alpitour World, con l’assegnazione all’advisor finanziario Goldman Sachs di un mandato esplorativo, è l’attuale azionista di maggioranza Tip","post_title":"Alpitour: cinque i pretendenti al ballo finale. Ci sono anche Wamos e Tui","post_date":"2024-01-19T10:58:58+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1705661938000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459561","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Analisi Eurostat. Nel 2023, il turismo nell’Ue ha continuato a mostrare segni di ripresa dalla pandemia di Covid-19. Il numero stimato di pernottamenti nelle strutture ricettive turistiche nel 2023 ha raggiunto i 2,92 miliardi, superando dell’1,6% il livello pre-pandemia del 2019 (2,87 miliardi) e stabilendo un anno record per il settore ricettivo dell’Ue.\r\n\r\nNel 2023 sono stati trascorsi 171 milioni di pernottamenti in più rispetto al 2022 (+6,3%), trainati principalmente da un aumento dei pernottamenti degli ospiti internazionali (+146 milioni) e in misura minore da un aumento dei pernottamenti degli ospiti nazionali (+ 25 milioni).\r\n\r\nI livelli di turismo (in termini di pernottamenti) erano superiori del 25% rispetto a dieci anni prima (2013: 2,33 miliardi di pernottamenti). Queste informazioni provengono dalle prime stime sul turismo pubblicate oggi da Eurostat (basate sui dati mensili di gennaio-ottobre o novembre 2023, a seconda di ciascun paese). L'articolo presenta una serie di risultati tratti dall'articolo più dettagliato Statistics Explained. \r\n\r\nRispetto al 2022 quasi tutti i membri dell’Ue hanno registrato un aumento nel 2023, solo il Lussemburgo ha registrato un leggero calo (-0,1%). A Malta e Cipro la crescita ha superato il 20% e in altri 8 membri dell’UE ha superato il 10% (Slovacchia, Lettonia, Bulgaria, Austria, Repubblica Ceca, Portogallo, Romania e Grecia). In termini assoluti, l'aumento maggiore dei pernottamenti è stato osservato in Germania (+32,8 milioni di pernottamenti) e Spagna (+32,3 milioni di pernottamenti).\r\n\r\n ","post_title":"Eurostat: in Europa superati i livello di flussi turistici rispetto al 2019","post_date":"2024-01-17T10:51:49+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1705488709000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459102","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_459112\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un'immagine della serata di Trani[/caption]\r\n\r\nProseguono le serate Azemar, che a fine anno hanno visto protagoniste due località della Puglia in collaborazione con Lux* Resorts & Hotels: giovedì 21 dicembre 2023, l'evento si è tenuto a Trani, nella cornice delle Lampare al Fortino, mentre venerdì 22 è stata la volta del ristorante la Battigia di Bari. Alle due serate hanno partecipato, per Azemar, Maila Lattanzio, in qualità di area sales Puglia e Basilicata, per Lux* la responsabile Italia, Spagna e Portogallo, Denise Cattaneo.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_459113\" align=\"alignright\" width=\"300\"] L'evento di Bari[/caption]\r\n\r\nLux* è una collezione di resort e hotel a 5 stelle e 5 stelle lusso nell’oceano Indiano, tra Mauritius, Reunion e Maldive. Lo scorso 1° ottobre la compagnia ha visto l'attesissima riapertura del Lux* Belle Mare, 5 stelle da 174 suite e 12 ville situato sulla selvaggia costa orientale di Mauritius, immerso in lussureggianti giardini tropicali vicino al caratteristico villaggio omonimo. Dopo oltre un anno di lavori di ristrutturazione, il complesso, con la sua architettura progettata dall'architetto mauriziano Jean-Francois Adam, si presenta con un nuovo design, pur mantenendo il suo dna family-oriented. I nuovi interni dalle tonalità rilassanti, dove il minimalismo incontra lo stile tropicale, sono stati in particolare concepiti da Jean-Marc Tang, designer mauriziano di fama internazionale. Della collezione The Lux Collective, fanno parte anche i brand Tamassa e Salt, con i rispettivi Tamassa Bel Ombre e Salt of Palmar, sempre a Mauritius.\r\n\r\nTra gli agenti di viaggio che hanno partecipato alla serata di Trani, Valeria della Gattinoni Point, Luigi, Giordano, Gianni e Anna Giulia della a Proposito di Viaggi, Gianluca e Valeria della Ormas Viaggi, Carmela della Cumira Viaggi, Nicola e Sebastiano della Vassallucci Viaggi, Simona e Antonio della My Mondo, Francesca e Antonio della Marviraise, Antonio della Matera Viaggi,  Gianluca della Bv Viaggi, Antonio della Astro Tour, Claudio della C&C, Leonardo della Tuttiviaggi, Loredana della Luci sul Mondo e Maddalena della Maddalena Colamussi.\r\n\r\nA Bari invece erano presenti sempre Valeria della Gattinoni Point e poi  Vito della Squadro Viaggi,  Simone della Safira Viaggi, Spillo e Roberta della i Viaggi di Spiro, Oronzo e Sabbino della Eurocomex, Manuel e Domenico della Aprile Viaggi, Domenica e Mariella della Vierre Viaggi, nonché Vito della Spazio Sole.","post_title":"Si sono svolte in Puglia le serate natalizie di Azemar in collaborazione con Lux*","post_date":"2024-01-10T10:23:14+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1704882194000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458965","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"I Boeing 737 Max 9 rimarranno a terra finché l'agenzia non sarà convinta che possano operare in sicurezza\": così la Federal Aviation Administration ha confermato ieri il grounding di 171 velivoli, a seguito dell'incidente che lo scorso venerdì ha coinvolto un aeromobile dello stesso modello di Alaska Airlines. \r\n\r\nNuova battuta di arresto dunque per Boeing alle prese con un percorso già complesso a causa del lungo fermo cui è stato sottoposto il 737 Max dopo gli incidenti del 2018 e del 2019 (il grounding a livello mondiale era durato 20 mesi9, successivamente, dalle conseguenze della pandemia.\r\n\r\nLa direttiva Faa riguarda i modelli Max 9 \"con la porta centrale chiusa\", secondo il documento pubblicato sul suo sito web. Si tratta di una porta chiusa e mascherata (nota come \"plug door\") da un divisorio che lascia visibile solo un finestrino. I modelli della versione Max-8 in servizio non sono interessati (così come le versioni Max-7 e Max-10, non ancora in commercio).\r\nI voli cancellati\r\nAlaska Airlines ha quindi messo a terra i suoi 65 737 Max-9 e i voli cancellati ieri hanno interessato circa 23.000 passeggeri; per oggi si prevedono ulteriori disagi. United Airlines ha lasciato a terra i 79 velivoli, cancellando ieri 60 voli.\r\n\r\nAl di fuori degli Stati Uniti, Turkish Airlines ha ritirato dal servizio cinque dei suoi 737 Max-9 per ispezioni, \"come misura precauzionale\", ha dichiarato la compagnia aerea turca sul suo sito web. I cinque aerei saranno \"ritirati dalla flotta operativa ovunque atterrino\" e saranno ispezionati prima di riprendere i voli, ha aggiunto. Anche Copa Airlines ha sospeso l'operatività dei suoi 21 aerei per ispezioni.\r\n\r\nFlydubai ha dichiarato che i suoi tre 737 Max-9 non sono stati colpiti perché hanno una \"configurazione diversa\" rispetto agli aerei di Alaska Airlines e sono stati sottoposti a recenti controlli di sicurezza. Secondo la società di analisi aeronautica Cirium, in tutto il mondo sono in servizio circa 215 737 Max-9, ma di questi solo 171 sono dotati del portellone che è esploso durante il volo di Alaska Airlines.\r\n\r\nIn Europa, l'Easa (Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea) ha indicato che nessuna compagnia aerea europea utilizza Max-9 con la configurazione oggetto della direttiva Faa; lo stesso vale per la Civil Aviation Authority del Regno Unito.","post_title":"I Boeing 737 Max 9 restano a terra: la decisione della Faa e i voli cancellati","post_date":"2024-01-08T09:46:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1704707180000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457677","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Boom di assunzioni, 352 mila, a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata superiore a 30 giorni, programmate dalle imprese per il mese di dicembre e salgono a quasi 1,3 milioni quelle previste per l’intero trimestre dicembre-febbraio. Rispetto a un anno fa si registra un incremento del +7,0% (+23mila assunzioni) nel mese e del +6,9% (+84mila assunzioni) nel trimestre. È quanto emerge dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal.\r\n\r\nA tenere alta la domanda di lavoro sono le imprese del turismo e del commercio che programmano rispettivamente 70 mila e 56 mila entrate nel mese, con l’approssimarsi delle festività natalizie (+6,7% e +13,1% rispetto allo stesso periodo del 2022). Permane elevata la difficoltà di reperimento che riguarda 171 mila profili ricercati pari al 48,5% del totale delle assunzioni, un valore superiore di 3,3 punti percentuali rispetto ad un anno fa.","post_title":"Escalation di assunzioni. Il turismo guida con 70 mila posti di lavoro","post_date":"2023-12-07T11:54:06+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1701950046000]}]}}

Lascia un commento