1 March 2024

1198

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agenzia viaggi avviata dal 1980 (zona Roma Tuscolano) vendesi per trasferimento coniuge in altra città. Per info: Fausto, 340 0012770.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461392 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È l’acqua il cuore di Qc Spa of Wonders: un progetto di benessere psico-fisico nel quale il valore rigenerante dell’acqua incontra l’attenzione per l’ospite insieme con la bellezza delle location, l'innovazione e l’aspetto gastronomico. Il tutto, immergendosi in una dimensione magica, grazie alla cura del design e del dettaglio. Il percorso imprenditoriale dei fratelli Saverio e Andrea Quadrio Curzio, che oggi sta crescendo in Italia e nel mondo, ha preso il via a Bormio. Le acque benefiche delle nove fonti termali della valle dello Stelvio sono note sin dall’antichità, quando consentivano una sosta rigenerante ai viaggiatori che dal sud al nord valicavano le montagne per scambiare conoscenze e merci. «Il periodo di maggior splendore delle terme di Bormio va dal 1500 al 1800 e corrisponde alla crescita del commercio tra quest’area dell’Italia, l’odierna Svizzera e il Trentino - racconta Stefano Leone, direttore di Qc Grand Hotel Bagni Nuovi -. Inizialmente c’era un ricovero per i viaggiatori affaticati ai Bagni Vecchi e solo nel 1863 venne costruito il Grand Hotel Bagni Nuovi. La struttura, realizzata nel sontuoso stile Liberty in voga al tempo, ospitava la borghesia e la créme de la créme dell'epoca. L’hotel visse un tempo di grande splendore sino alla fine degli anni ‘70 del Novecento, prima di iniziare un lento declino. Nel 1983 Pericle Quadrio Curzio acquistò dal comune le strutture dei Bagni Vecchi e Bagni Nuovi e nel 1998 i suoi figli Saverio e Andrea decisero di rendere l'acqua nuovamente protagonista. È nato così il modello Qc Spa of Wonders che è stato felicemente replicato in 11 strutture e continua a crescere, perché la ricerca di nuove, incantevoli locations, non si ferma mai». Al Qc Grand Hotel Bagni Nuovi di Bormio l’ospite viene accolto con la cortesia e disponibilità che viene insegnata ai dipendenti nei corsi di formazione. «Dopo il Covid il personale è diminuito, quindi sto lavorando per portare qui i lavoratori della zona - sottolinea Leone –. Qc offre tanta formazione al personale: qui si lavora 12 mesi all’anno. Ai Bagni Nuovi ho 80 dipendenti, oltre a 30 massaggiatori tra Bagni Nuovi e Bagni Vecchi».  La struttura è sorprendente, ricca di angoli inattesi e di eleganza. Ci si può fermare quanto si desidera. L’esperienza di benessere inizia quando si indossa l’accappatoio bianco di Qc e, in una piacevole comunanza, si accede agli spazi dell’area wellness. Le piscine con vista mozzafiato sono una delle caratteristiche delle strutture di Qc perché, come afferma Saverio Quadrio Curzio, «la grande attrattiva delle nostre location è generalmente la piscina all'aperto, che deve avere una bella vista, un bel panorama». A Qc Bagni Nuovi ci si può immergere nell’acqua calda ammirando le montagne innevate o si possono scoprire le strutture esterne, come il nuovissimo Bosco degli Dei, con la sua sauna affacciata sulle montagne, la piscina e le vasche. Si possono vivere tante esperienze di benessere e relax, visitare la nuovissima casa sull’albero o dedicarsi un aperitivo facendo una divertente pausa gastronomica. Perché il tempo vissuto nella Spa of Wonders significa anche accedere agli spazi ampi e curati dell’hotel, al salone con la sua ricca proposta di pranzo a buffet e di una cena più formale e raffinata per gustare pure i piatti tipici della zona.  «Questo è uno dei centri termali più grandi d'Europa e le affluenze sono importanti - aggiunge il direttore Leone -. L’esperienza termale viene vissuta dai circa 200 ospiti delle nostre 100 camere e dai 300/400 clienti che arrivano in giornata, anche per trarre beneficio dalle acque termali che salgono dal sottosuolo spinte dalla pressione e, grazie a una limitata presenza di radon, sono adatte a curare la pelle e benefiche per ossa e articolazioni. Il 2023 è stato un anno di grande crescita, dopo le difficoltà legate alla pandemia, quando tutti i centri Qc sono stati chiusi. Abbiamo avuto un inverno molto positivo con un bel ritorno anche di stranieri. L’affluenza segue i ponti e le vacanze: il periodo che va dall’Immacolata a Natale, Capodanno e l’Epifania è al 90% degli italiani, perché a Bormio ci sono molte seconde case di milanesi e di ospiti che vengono dalla Brianza e dalla zona di Como e Varese. Quindi l’affluenza italiana prosegue nei weekend o con soggiorni più brevi di una volta, mentre gli ospiti sono stranieri al 50% - 60% e provengono in particolare da Svizzera, Germania e Austria». [gallery ids="461395,461398,461396"] [post_title] => Qc Bormio: dove è nato un progetto internazionale fondato su acqua e benessere [post_date] => 2024-02-14T11:03:07+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707908587000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461433 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il carnevale di Viareggio è un'occasione importante che contribuisce alla diffusione della cultura locale nel mondo e rende la Toscana più attrattiva a livello turistico. Il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, è intervenuto nei giorni scorsi a Viareggio  al conferimento del Burlamacco d’Oro alla Gialappa’s Band, il duo comico formato da Giorgio Gherarducci e Marco Santin. Il Burlamacco d’Oro edizione 2024 è stato consegnato alla Gialappa’s dal sindaco di Viareggio, Giorgio Del Ghingaro, alla presenza della presidente della Fondazione Carnevale, Marialina Marcucci. Tra gli ospiti, anche il creativo Antonio Ricci, cui andò l’edizione 2003 del Burlamacco d’Oro. Il presidente della Regione, prendendo spunto dal prestigioso premio, ha allargato la propria dichiarazione all’intera manifestazione e alla città: «Viareggio con il suo carnevale - commenta Giani - rappresenta un’immagine bella della Toscana. Un’immagine che ci collega a una Toscana che attraverso l’ironia e il sarcasmo, la battuta e la gioia di vivere, risulta attrattiva nel mondo. Dietro questi carri c’è tanta intelligenza, tecnologia, spirito creativo. Grazie al carnevale di Viareggio esce all’esterno un profilo alto della Toscana, terra unica in Italia e fuori d’Italia». Il Burlamacco d’Oro, parte integrante della storia del carnevale di Viareggio, è stato istituito nel 1998 ed è intitolato alla maschera simbolo della manifestazione, il Burlamacco, e destinato a quei personaggi maschili del mondo dello spettacolo e dei media i cui percorsi artistici richiamano le caratteristiche salienti del carnevale. [post_title] => Eugenio Giani: "Il Carnevale di Viareggio rende la Toscana attrattiva nel mondo" [post_date] => 2024-02-14T10:47:38+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707907658000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461382 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461386" align="alignleft" width="300"] Uno scorcio dello Yellowsquare Roma[/caption] Il brand di ospitalità ibrida Yellowsquare chiude un ottimo 2023 registrando un fatturato di 14,4 milioni di euro, per un incremento del 37% rispetto all'anno precedente. Anche gli indicatori di redditività sono positivi con i margini operativi lordi, al netto dei canoni di affitto, attorno ai 6 milioni (ebitdar), mentre i ricavi totali per camera disponibili (trevpar) si sono attestati sui 198 euro. Ancora più importante, nel segmento degli hybrid, i ricavi totali per letto disponibile (trevpab), che hanno raggiunto i 47,12 euro. Yellowsquare oggi vanta un portfolio di tre strutture, situate nelle città di di Roma, Milano (da settembre 2021) e Firenze (da aprile 2022). A queste si aggiungerà nel 2025 una nuova struttura a Pisa. Nel corso del 2023, la compagnia ha ospitato più di 100 mila persone di età media di 24 anni, con nazionalità che coprono l’intero globo: Africa 1,6%; Asia: 9,1%; Europa 35,6%; Nord America 26,5%; Oceania 15,7%; Sud America 11,5%. Rilevante il dato sul gender, che si assesta a circa il 56% in femminile, 42% in maschile e circa il 2% in non binary. Scorporando i dati di fatturato, i servizi di alloggio hanno generato circa 11 milioni di euro, mentre il settore food and beverage ha contribuito per circa 3 milioni. Infine, i servizi laterali, come depositi bagagli, coworking, affitto spazi per eventi e mostre, e parrucchiere, rappresentano una piccola quota di 300 mila euro, "valida soprattutto come arricchimento dell’esperienza per il cliente", sottolinea una nota ufficiale.   [post_title] => Yellowsquare supera i 14 mln di ricavi con margini operativi lordi al netto degli affitti di 6 mln [post_date] => 2024-02-13T12:00:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707825651000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461252 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>   In occasione della Bit, Enit e Isnart presentano i dati ufficiali del trend turistico italiano, attività congiunte, analisi e fenomeni che hanno caratterizzato il 2023, proiezione sul 2024. “Gli arrivi sono stati in crescita nel 2023 rispetto al 2022 con prevalenza del turismo internazionale sul turismo domestico che supera il 2019. I dati mostrano come si stia consolidando qualcosa iniziata già in prepandemia e su cui intervenire - ha spiegato Maria Elena Rossi, direttrice marketing e promozione Enit -. Enit mantiene un’attiva presenza su tutti i principali mercati turistici internazionali con un lavoro di conoscenza e approfondimento per una maggiore comprensione del fenomeno turistico”. L’Italia si posiziona al secondo posto per presenze internazionali. Da gennaio a novembre 2023 i dati registrano oltre 118 milioni gli arrivi turistici in Italia nelle strutture ricettive di cui 60,5 milioni di turisti stranieri e 57,8 milioni di turisti italiani. Nello stesso periodo, le presenze contano oltre 412 milioni di pernottamenti turistici di cui 215 milioni di turisti stranieri (che superano il 2019) e 197 milioni di turisti italiani. Si nota una ripresa degli italiani in uscita. La bilancia commerciale giungerà a oltre 50 miliardi a fine 2023 con un metro di valutazione basato sul valore e non sul volume, dati condizionati anche dall’inflazione e aumento dei costi. Ottima prospettiva di crescita per il 2024. Parola d’ordine diversificazione dell’incoming per evitare fasi di stallo (come con la Germania, in recessione, nostro primo mercato internazionale), consolidamento dei mercati esistenti e ingresso nei nuovi mercati, innovazione di prodotto e racconto di qualcosa di nuovo ai Paesi che ci conoscono. “Per l’Asia è previsto un ritorno ai numeri precovid per il 2025/2026. – ha aggiunto Rossi -. La Cina è tornata ai numeri del 2019, ma non sui volumi. Sono da consolidare il mercato statunitense, canadese e australiano con piccoli numeri ma lunghi soggiorni e spesa molto elevata. Stiamo lavorando con il Kazakistan, mercato molto piccolo ma molto ricco (con volo diretto Neos). Stiamo lavorando in funzione dei collegamenti. Siamo molto presenti sul segmento del lusso e Mice. Nel 2023 l’Italia per la prima volta ha raggiunto il podio per eventi internazionali, dopo Stati Uniti e Spagna”. Numeri positivi anche da Paolo Bulleri di Isnart: un 51% di aumento di occupazione delle camere, un allungamento della stagione con 10 camere in più vendute a giugno, settembre, ottobre e anche un novembre positivo dovuto al bel tempo e ai ponti. Inizia bene anche il 2024 che registra una buona occupazione delle camere al 40% nei primi 4 mesi dell’anno. 851 milioni di presenze nel 2023 in aumento del 2,7% rispetto all’anno precedente. Si osserva riqualificazione e formazione del personale. Posizionamento dell’Italia sul mercato altospendente. Servizi green e attenzione alla sostenibilità che crea mercato. Si è stabilizzato il mercato interno in parallelo con il mercato internazionale. I millennials sono i turisti che viaggiano maggiormente e richiedono qualità, esperienze e innovazione. Motivazione principale del viaggio è il godimento del patrimonio culturale italiano e ambientale. La domanda internazionale continua ad essere altospendente e sceglie l’Italia per lo stile di vita, social ed esclusività. L’incoming punta ai volumi di spesa e meno ai volumi di presenze. La domanda per gli eventi ha capacità di spesa molto alta. Gli eventi a loro volta sono vetrina dell’Italia. Si osservano inoltre particolarità come Assisi al primo posto in inverno (per il Natale) e al 27esimo posto in estate. Per presenze straniere sono cresciute Lazio, Trentino Alto Adige e Lombardia. Per la vendemmia i valori di crescita sono su Piemonte, Sardegna e Calabria. [post_title] => Bit 2024, Enit e Isnart, tendenze del 2023 e proiezioni sull’anno in corso [post_date] => 2024-02-12T12:14:08+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => enit [1] => isnart [2] => proiezioni-2024 [3] => tenedenze-2023 ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Enit [1] => Isnart [2] => proiezioni 2024 [3] => tenedenze 2023 ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707740048000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460953 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mediterraneo sempre più al centro dell'offerta Msc Crociere, che non smette al contempo di crescere anche ai Caraibi, ormai destinazione strategica, mentre consolida il prodotto Nord Europa, Sud America e Sud Africa, nonché Emirati ed Estremo Oriente. Il tutto a fronte di un'industria crocieristica che sta andando a gonfie vele: "A oggi abbiamo già venduto il 50% della nostra proposta estiva - racconta il vice president Southern Europe, Leonardo Massa -. L'advance booking è finalmente tornato fortissimo". Sostenuta da numeri tanto positivi, ecco quindi che per la prossima stagione calda la compagnia ha deciso di introdurre alcune novità, tra cui la prima volta di Bari home port: "Una scelta importante che pensiamo possa rendere il capoluogo pugliese un'inedita porta d'Oriente". Il gruppo conferma inoltre gli hub di Amburgo, Kiel, Copenaghen e Southampton per il Nord Europa e potenzia appunto i Caraibi, in previsione dell'apertura del nuovo terminal crociere Msc a Miami per un investimento da oltre 400 milioni. "Quest'anno avremo navi nell'area per 12 mesi all'anno, con partenze dalla stessa Miami e da New York. Si tratta di un vero posizionamento strategico, in quello che è il mercato crocieristico più importante al mondo". Per il prossimo inverno, infine, accanto alle tre navi nel Mediterraneo occidentale, si conferma Bari home port per itinerari di sette giorni verso Istanbul, ma anche le due unità negli Emirati e la presenza in Sud Africa e Sud America. Ci sarà poi l'ulteriore rafforzamento dei Caraibi. Una nave sarà anche posizionata in Cina e Giappone, mentre il Giro del mondo 2025 salperà il 5 gennaio, per un viaggio di ben 118 giorni. [post_title] => Msc conferma la centralità del Mediterraneo e il ruolo strategico dei Caraibi [post_date] => 2024-02-07T10:15:40+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707300940000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460732 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il conto alla rovescia per l’apertura del secondo ostello italiano di a&o Hostels è iniziato: Firenze ospiterà la trentanovesima struttura del gruppo berlinese che aprirà le proprie porte a inizio estate, con indirizzo in via Mannelli 119, giusto fuori dalla stazione Campo di Marte. La novità giunge dopo un 2023 da numeri record per la compagnia, che ha registrato 217 milioni di euro di fatturato, con 6,1 milioni di pernottamenti (5,55 milioni nel 2022) e 2,7 milioni di ospiti nelle sue 38 strutture presenti in nove paesi. Il tutto con un'occupazione media del 76% (67% nel 2022). In tale contesto la domanda dei viaggiatori italiani si piazza nella top 10, prima di quella danese, svizzera e francese. Altro dato interessante riguarda il segmento gruppi, che pesa per il 38% dei volumi complessivi. “In tempi difficili dal punto di vista economico, le persone non smettono di viaggiare ma scelgono un prodotto low budget. E una volta fatta l’esperienza e aver capito che funziona sceglieranno più rapidamente di affidarsi a una struttura comoda, confortevole ed economica - commenta il ceo del gruppo, Oliver Winter -. Stiamo crescendo anche nel comparto business travel: chiaramente ci sono ancora margini di miglioramento, ma sono molto fiducioso che il segmento continuerà a svilupparsi”. [post_title] => Appuntamento a Firenze a inizio estate per la seconda struttura italiana di a&o Hostels [post_date] => 2024-02-02T15:03:12+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706886192000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460310 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Mostrare la Malesia come l'ultimo hotspot globale dell'ecoturismo e la destinazione ecoturistica più riconoscibile e imperdibile al mondo»: questo il prossimo traguardo di Tourism Malaysia che anche quest'anno parteciperà alla Bit e lo farà con una delegazione guidata da Zalina Binti Ahmad, nuova direttrice dell'ufficio di Parigi di Tourism Malaysia, responsabile di Francia e Spagna e che si occupa anche del mercato Italia. «Le principali tendenze del mercato italiano sembrano concentrarsi sulla cultura e sull'ecoturismo, soprattutto tra le giovani generazioni - ha sottolineato Zalina Binti Ahmad -. Grazie alla ricchezza della natura e della cultura e ai maggiori sforzi verso l’ecoturismo, la Malesia punta a diventare una destinazione da sogno per gli italiani. Il mercato italiano è attualmente uno dei principali in Europa per la Malesia; pertanto, è fondamentale per Tourism Malaysia aumentare continuamente i propri sforzi per mantenere la destinazione visibile e attraente per la gente del posto e per i paesi vicini». La Malesia conta quattro siti dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, tra cui i siti della tripla corona Kinabalu Park e il Parco Nazionale Gunung Mulu mostrano lo splendore della biodiversità. L'isola di Langkawi e il parco Kinabalu sono riconosciuti come geoparchi globali dall'Unesco, mentre le città storiche di Georgetown e Melaka svelano le narrazioni accattivanti della diversità culturale e del patrimonio della Malesia.  Tra le novità del ricettivo, l'apertura di brand chiave del lifestyle e dell’ospitalità come Park Hyatt Kuala Lumpur at Merdeka 118, The Waldorf Astoria e The Conrad è prevista a Kuala Lumpur tra il 2024 e il 2025. Altre aperture includono l'Hilton Burau Bay a Langkawi e l'Intercontinental Resort di Penang.   Distribuito su 36 mq, lo stand della Malesia metterà in evidenza nuove esperienze da scoprire. Mostrerà vari temi legati alla destinazione attraverso immagini colorate che rappresentano i luoghi preferiti dai viaggiatori italiani.  La Malesia ha ricevuto 44.508 italiani a novembre 2023, una crescita incoraggiante. Agosto registra il maggior numero di visitatori con 13.761 passeggeri provenienti dall'Italia, più del doppio rispetto allo stesso mese del 2022. [post_title] => Malesia: un ruolo da protagonista fra le destinazioni green a livello mondiale [post_date] => 2024-01-30T09:15:56+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706606156000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460075 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'isola di Anguilla sarà raggiungibile da St.Thomas (Isole Vergini Americane) con un nuovo collegamento diretto operato da Cape Air: dal prossimo 8 marzo la compagnia aerea effettuerà un volo giornaliero tra l'aeroporto internazionale Cyril E. King a St. Thomas e il Clayton J. Lloyd ad Anguilla. L'orario dei voli è ottimizzato per le coincidenze a St. Thomas. «Cape Air è presente nella regione dei Caraibi da oltre venticinque anni - ha dichiarato Linda Markham, presidente e ceo del vettore -. Una parte significativa della nostra attività è incentrata sul collegamento delle comunità insulari alle città hub e sul fornire un accesso conveniente ai voli sui nostri vettori partner». «Come ministro dell'Aviazione e del Turismo, mi fa molto piacere vedere il ripristino del servizio di Cape Air tra Anguilla e le Isole Vergini americane - ha sottolineato Haydn Hughes -. I legami tra Anguilla e le Isole Vergini americane sono profondi e non c'è dubbio che questo servizio sarà accolto con favore dagli anguillani per i loro spostamenti e da coloro che vogliono visitare le nostre rispettive destinazioni». Il commissario Joseph Boschulte, dipartimento del turismo delle Isole Vergini americane ha commentato: «Questo collegamento amplia la connettività regionale del nostro territorio e facilita gli spostamenti tra i paesi vicini in tutto il resto delle Antille».
Cape Air, che vola nei Caraibi dal 1998, opera con Cessna 402 da nove posti: Con i suoi hub caraibici a San Juan e St. Thomas, effettua più di 80 voli giornalieri per St. Thomas, St. Croix, Tortola, Vieques, Anguilla, Nevis, Mayaguez, Culebra e Virgin Gorda.   [post_title] => Anguilla: nuovo collegamento con l'isola di St. Thomas operato da Cape Air [post_date] => 2024-01-25T09:58:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706176708000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459975 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Italia è l'ottavo paese europeo in cui si sviluppa il brand tedesco del cosiddetto lusso essenziale, Ruby Hotels. La prima apertura sarà a Firenze ed è prevista per l'inizio del terzo trimestre del 2024. In un palazzo storico nel cuore del capoluogo toscano si sta realizzando, insieme al gruppo Gb Holding, un albergo con 118 camere e un Ruby Workspace con una superficie totale di circa 300 mq. L'edificio ottocentesco avrà anche un bar e una caffetteria, una terrazza nel cortile interno e uno spazio di lavoro dedicato. La proprietà si trova in piazza della Libertà, nella parte settentrionale del centro storico della città. Il nuovo Ruby Hotel di Roma aprirà invece nel 2025 e sarà il secondo albergo del gruppo in Italia. Sarà situato in un edificio di ex uffici della polizia con una facciata storica nel centro di Roma, vicino alla Scalinata di Trinità dei Monti. Avrà circa 165 camere, un bar e una caffetteria aperti 24 ore su 24 e una terrazza sul tetto con vista sul centro di Roma. Ruby realizzerà l'hotel insieme a Ece Work & Live come sviluppatore del progetto e investitore. [post_title] => Il brand Ruby Hotels approda in Italia: debutto a Firenze, poi Roma [post_date] => 2024-01-23T15:21:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706023316000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1198" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":93,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461392","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È l’acqua il cuore di Qc Spa of Wonders: un progetto di benessere psico-fisico nel quale il valore rigenerante dell’acqua incontra l’attenzione per l’ospite insieme con la bellezza delle location, l'innovazione e l’aspetto gastronomico. Il tutto, immergendosi in una dimensione magica, grazie alla cura del design e del dettaglio. Il percorso imprenditoriale dei fratelli Saverio e Andrea Quadrio Curzio, che oggi sta crescendo in Italia e nel mondo, ha preso il via a Bormio. Le acque benefiche delle nove fonti termali della valle dello Stelvio sono note sin dall’antichità, quando consentivano una sosta rigenerante ai viaggiatori che dal sud al nord valicavano le montagne per scambiare conoscenze e merci. \r\n«Il periodo di maggior splendore delle terme di Bormio va dal 1500 al 1800 e corrisponde alla crescita del commercio tra quest’area dell’Italia, l’odierna Svizzera e il Trentino - racconta Stefano Leone, direttore di Qc Grand Hotel Bagni Nuovi -. Inizialmente c’era un ricovero per i viaggiatori affaticati ai Bagni Vecchi e solo nel 1863 venne costruito il Grand Hotel Bagni Nuovi. La struttura, realizzata nel sontuoso stile Liberty in voga al tempo, ospitava la borghesia e la créme de la créme dell'epoca. L’hotel visse un tempo di grande splendore sino alla fine degli anni ‘70 del Novecento, prima di iniziare un lento declino. Nel 1983 Pericle Quadrio Curzio acquistò dal comune le strutture dei Bagni Vecchi e Bagni Nuovi e nel 1998 i suoi figli Saverio e Andrea decisero di rendere l'acqua nuovamente protagonista. È nato così il modello Qc Spa of Wonders che è stato felicemente replicato in 11 strutture e continua a crescere, perché la ricerca di nuove, incantevoli locations, non si ferma mai». \r\nAl Qc Grand Hotel Bagni Nuovi di Bormio l’ospite viene accolto con la cortesia e disponibilità che viene insegnata ai dipendenti nei corsi di formazione. «Dopo il Covid il personale è diminuito, quindi sto lavorando per portare qui i lavoratori della zona - sottolinea Leone –. Qc offre tanta formazione al personale: qui si lavora 12 mesi all’anno. Ai Bagni Nuovi ho 80 dipendenti, oltre a 30 massaggiatori tra Bagni Nuovi e Bagni Vecchi».  \r\nLa struttura è sorprendente, ricca di angoli inattesi e di eleganza. Ci si può fermare quanto si desidera. L’esperienza di benessere inizia quando si indossa l’accappatoio bianco di Qc e, in una piacevole comunanza, si accede agli spazi dell’area wellness. Le piscine con vista mozzafiato sono una delle caratteristiche delle strutture di Qc perché, come afferma Saverio Quadrio Curzio, «la grande attrattiva delle nostre location è generalmente la piscina all'aperto, che deve avere una bella vista, un bel panorama». \r\nA Qc Bagni Nuovi ci si può immergere nell’acqua calda ammirando le montagne innevate o si possono scoprire le strutture esterne, come il nuovissimo Bosco degli Dei, con la sua sauna affacciata sulle montagne, la piscina e le vasche. Si possono vivere tante esperienze di benessere e relax, visitare la nuovissima casa sull’albero o dedicarsi un aperitivo facendo una divertente pausa gastronomica. Perché il tempo vissuto nella Spa of Wonders significa anche accedere agli spazi ampi e curati dell’hotel, al salone con la sua ricca proposta di pranzo a buffet e di una cena più formale e raffinata per gustare pure i piatti tipici della zona.  \r\n«Questo è uno dei centri termali più grandi d'Europa e le affluenze sono importanti - aggiunge il direttore Leone -. L’esperienza termale viene vissuta dai circa 200 ospiti delle nostre 100 camere e dai 300/400 clienti che arrivano in giornata, anche per trarre beneficio dalle acque termali che salgono dal sottosuolo spinte dalla pressione e, grazie a una limitata presenza di radon, sono adatte a curare la pelle e benefiche per ossa e articolazioni. Il 2023 è stato un anno di grande crescita, dopo le difficoltà legate alla pandemia, quando tutti i centri Qc sono stati chiusi. Abbiamo avuto un inverno molto positivo con un bel ritorno anche di stranieri. L’affluenza segue i ponti e le vacanze: il periodo che va dall’Immacolata a Natale, Capodanno e l’Epifania è al 90% degli italiani, perché a Bormio ci sono molte seconde case di milanesi e di ospiti che vengono dalla Brianza e dalla zona di Como e Varese. Quindi l’affluenza italiana prosegue nei weekend o con soggiorni più brevi di una volta, mentre gli ospiti sono stranieri al 50% - 60% e provengono in particolare da Svizzera, Germania e Austria».\r\n[gallery ids=\"461395,461398,461396\"]","post_title":"Qc Bormio: dove è nato un progetto internazionale fondato su acqua e benessere","post_date":"2024-02-14T11:03:07+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707908587000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461433","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il carnevale di Viareggio è un'occasione importante che contribuisce alla diffusione della cultura locale nel mondo e rende la Toscana più attrattiva a livello turistico.\r\nIl presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, è intervenuto nei giorni scorsi a Viareggio  al conferimento del Burlamacco d’Oro alla Gialappa’s Band, il duo comico formato da Giorgio Gherarducci e Marco Santin.\r\n\r\nIl Burlamacco d’Oro edizione 2024 è stato consegnato alla Gialappa’s dal sindaco di Viareggio, Giorgio Del Ghingaro, alla presenza della presidente della Fondazione Carnevale, Marialina Marcucci. Tra gli ospiti, anche il creativo Antonio Ricci, cui andò l’edizione 2003 del Burlamacco d’Oro.\r\n\r\nIl presidente della Regione, prendendo spunto dal prestigioso premio, ha allargato la propria dichiarazione all’intera manifestazione e alla città: «Viareggio con il suo carnevale - commenta Giani - rappresenta un’immagine bella della Toscana. Un’immagine che ci collega a una Toscana che attraverso l’ironia e il sarcasmo, la battuta e la gioia di vivere, risulta attrattiva nel mondo. Dietro questi carri c’è tanta intelligenza, tecnologia, spirito creativo. Grazie al carnevale di Viareggio esce all’esterno un profilo alto della Toscana, terra unica in Italia e fuori d’Italia».\r\n\r\nIl Burlamacco d’Oro, parte integrante della storia del carnevale di Viareggio, è stato istituito nel 1998 ed è intitolato alla maschera simbolo della manifestazione, il Burlamacco, e destinato a quei personaggi maschili del mondo dello spettacolo e dei media i cui percorsi artistici richiamano le caratteristiche salienti del carnevale.","post_title":"Eugenio Giani: \"Il Carnevale di Viareggio rende la Toscana attrattiva nel mondo\"","post_date":"2024-02-14T10:47:38+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1707907658000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461382","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461386\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Uno scorcio dello Yellowsquare Roma[/caption]\r\n\r\nIl brand di ospitalità ibrida Yellowsquare chiude un ottimo 2023 registrando un fatturato di 14,4 milioni di euro, per un incremento del 37% rispetto all'anno precedente. Anche gli indicatori di redditività sono positivi con i margini operativi lordi, al netto dei canoni di affitto, attorno ai 6 milioni (ebitdar), mentre i ricavi totali per camera disponibili (trevpar) si sono attestati sui 198 euro. Ancora più importante, nel segmento degli hybrid, i ricavi totali per letto disponibile (trevpab), che hanno raggiunto i 47,12 euro.\r\nYellowsquare oggi vanta un portfolio di tre strutture, situate nelle città di di Roma, Milano (da settembre 2021) e Firenze (da aprile 2022). A queste si aggiungerà nel 2025 una nuova struttura a Pisa. Nel corso del 2023, la compagnia ha ospitato più di 100 mila persone di età media di 24 anni, con nazionalità che coprono l’intero globo: Africa 1,6%; Asia: 9,1%; Europa 35,6%; Nord America 26,5%; Oceania 15,7%; Sud America 11,5%. Rilevante il dato sul gender, che si assesta a circa il 56% in femminile, 42% in maschile e circa il 2% in non binary.\r\n\r\nScorporando i dati di fatturato, i servizi di alloggio hanno generato circa 11 milioni di euro, mentre il settore food and beverage ha contribuito per circa 3 milioni. Infine, i servizi laterali, come depositi bagagli, coworking, affitto spazi per eventi e mostre, e parrucchiere, rappresentano una piccola quota di 300 mila euro, \"valida soprattutto come arricchimento dell’esperienza per il cliente\", sottolinea una nota ufficiale.\r\n\r\n ","post_title":"Yellowsquare supera i 14 mln di ricavi con margini operativi lordi al netto degli affitti di 6 mln","post_date":"2024-02-13T12:00:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707825651000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461252","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" \r\n\r\nIn occasione della Bit, Enit e Isnart presentano i dati ufficiali del trend turistico italiano, attività congiunte, analisi e fenomeni che hanno caratterizzato il 2023, proiezione sul 2024.\r\n\r\n“Gli arrivi sono stati in crescita nel 2023 rispetto al 2022 con prevalenza del turismo internazionale sul turismo domestico che supera il 2019. I dati mostrano come si stia consolidando qualcosa iniziata già in prepandemia e su cui intervenire - ha spiegato Maria Elena Rossi, direttrice marketing e promozione Enit -. Enit mantiene un’attiva presenza su tutti i principali mercati turistici internazionali con un lavoro di conoscenza e approfondimento per una maggiore comprensione del fenomeno turistico”.\r\n\r\nL’Italia si posiziona al secondo posto per presenze internazionali.\r\n\r\nDa gennaio a novembre 2023 i dati registrano oltre 118 milioni gli arrivi turistici in Italia nelle strutture ricettive di cui 60,5 milioni di turisti stranieri e 57,8 milioni di turisti italiani. Nello stesso periodo, le presenze contano oltre 412 milioni di pernottamenti turistici di cui 215 milioni di turisti stranieri (che superano il 2019) e 197 milioni di turisti italiani. Si nota una ripresa degli italiani in uscita. La bilancia commerciale giungerà a oltre 50 miliardi a fine 2023 con un metro di valutazione basato sul valore e non sul volume, dati condizionati anche dall’inflazione e aumento dei costi.\r\nOttima prospettiva di crescita per il 2024.\r\nParola d’ordine diversificazione dell’incoming per evitare fasi di stallo (come con la Germania, in recessione, nostro primo mercato internazionale), consolidamento dei mercati esistenti e ingresso nei nuovi mercati, innovazione di prodotto e racconto di qualcosa di nuovo ai Paesi che ci conoscono.\r\n\r\n“Per l’Asia è previsto un ritorno ai numeri precovid per il 2025/2026. – ha aggiunto Rossi -. La Cina è tornata ai numeri del 2019, ma non sui volumi. Sono da consolidare il mercato statunitense, canadese e australiano con piccoli numeri ma lunghi soggiorni e spesa molto elevata. Stiamo lavorando con il Kazakistan, mercato molto piccolo ma molto ricco (con volo diretto Neos). Stiamo lavorando in funzione dei collegamenti. Siamo molto presenti sul segmento del lusso e Mice. Nel 2023 l’Italia per la prima volta ha raggiunto il podio per eventi internazionali, dopo Stati Uniti e Spagna”.\r\n\r\nNumeri positivi anche da Paolo Bulleri di Isnart: un 51% di aumento di occupazione delle camere, un allungamento della stagione con 10 camere in più vendute a giugno, settembre, ottobre e anche un novembre positivo dovuto al bel tempo e ai ponti. Inizia bene anche il 2024 che registra una buona occupazione delle camere al 40% nei primi 4 mesi dell’anno. 851 milioni di presenze nel 2023 in aumento del 2,7% rispetto all’anno precedente.\r\n\r\nSi osserva riqualificazione e formazione del personale. Posizionamento dell’Italia sul mercato altospendente. Servizi green e attenzione alla sostenibilità che crea mercato. Si è stabilizzato il mercato interno in parallelo con il mercato internazionale. I millennials sono i turisti che viaggiano maggiormente e richiedono qualità, esperienze e innovazione. Motivazione principale del viaggio è il godimento del patrimonio culturale italiano e ambientale. La domanda internazionale continua ad essere altospendente e sceglie l’Italia per lo stile di vita, social ed esclusività. L’incoming punta ai volumi di spesa e meno ai volumi di presenze. La domanda per gli eventi ha capacità di spesa molto alta. Gli eventi a loro volta sono vetrina dell’Italia.\r\n\r\nSi osservano inoltre particolarità come Assisi al primo posto in inverno (per il Natale) e al 27esimo posto in estate. Per presenze straniere sono cresciute Lazio, Trentino Alto Adige e Lombardia. Per la vendemmia i valori di crescita sono su Piemonte, Sardegna e Calabria.","post_title":"Bit 2024, Enit e Isnart, tendenze del 2023 e proiezioni sull’anno in corso","post_date":"2024-02-12T12:14:08+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["enit","isnart","proiezioni-2024","tenedenze-2023"],"post_tag_name":["Enit","Isnart","proiezioni 2024","tenedenze 2023"]},"sort":[1707740048000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460953","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Mediterraneo sempre più al centro dell'offerta Msc Crociere, che non smette al contempo di crescere anche ai Caraibi, ormai destinazione strategica, mentre consolida il prodotto Nord Europa, Sud America e Sud Africa, nonché Emirati ed Estremo Oriente. Il tutto a fronte di un'industria crocieristica che sta andando a gonfie vele: \"A oggi abbiamo già venduto il 50% della nostra proposta estiva - racconta il vice president Southern Europe, Leonardo Massa -. L'advance booking è finalmente tornato fortissimo\".\r\n\r\nSostenuta da numeri tanto positivi, ecco quindi che per la prossima stagione calda la compagnia ha deciso di introdurre alcune novità, tra cui la prima volta di Bari home port: \"Una scelta importante che pensiamo possa rendere il capoluogo pugliese un'inedita porta d'Oriente\". Il gruppo conferma inoltre gli hub di Amburgo, Kiel, Copenaghen e Southampton per il Nord Europa e potenzia appunto i Caraibi, in previsione dell'apertura del nuovo terminal crociere Msc a Miami per un investimento da oltre 400 milioni. \"Quest'anno avremo navi nell'area per 12 mesi all'anno, con partenze dalla stessa Miami e da New York. Si tratta di un vero posizionamento strategico, in quello che è il mercato crocieristico più importante al mondo\".\r\n\r\nPer il prossimo inverno, infine, accanto alle tre navi nel Mediterraneo occidentale, si conferma Bari home port per itinerari di sette giorni verso Istanbul, ma anche le due unità negli Emirati e la presenza in Sud Africa e Sud America. Ci sarà poi l'ulteriore rafforzamento dei Caraibi. Una nave sarà anche posizionata in Cina e Giappone, mentre il Giro del mondo 2025 salperà il 5 gennaio, per un viaggio di ben 118 giorni.","post_title":"Msc conferma la centralità del Mediterraneo e il ruolo strategico dei Caraibi","post_date":"2024-02-07T10:15:40+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707300940000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460732","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il conto alla rovescia per l’apertura del secondo ostello italiano di a&o Hostels è iniziato: Firenze ospiterà la trentanovesima struttura del gruppo berlinese che aprirà le proprie porte a inizio estate, con indirizzo in via Mannelli 119, giusto fuori dalla stazione Campo di Marte. La novità giunge dopo un 2023 da numeri record per la compagnia, che ha registrato 217 milioni di euro di fatturato, con 6,1 milioni di pernottamenti (5,55 milioni nel 2022) e 2,7 milioni di ospiti nelle sue 38 strutture presenti in nove paesi. Il tutto con un'occupazione media del 76% (67% nel 2022).\r\n\r\nIn tale contesto la domanda dei viaggiatori italiani si piazza nella top 10, prima di quella danese, svizzera e francese. Altro dato interessante riguarda il segmento gruppi, che pesa per il 38% dei volumi complessivi. “In tempi difficili dal punto di vista economico, le persone non smettono di viaggiare ma scelgono un prodotto low budget. E una volta fatta l’esperienza e aver capito che funziona sceglieranno più rapidamente di affidarsi a una struttura comoda, confortevole ed economica - commenta il ceo del gruppo, Oliver Winter -. Stiamo crescendo anche nel comparto business travel: chiaramente ci sono ancora margini di miglioramento, ma sono molto fiducioso che il segmento continuerà a svilupparsi”.","post_title":"Appuntamento a Firenze a inizio estate per la seconda struttura italiana di a&o Hostels","post_date":"2024-02-02T15:03:12+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706886192000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460310","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Mostrare la Malesia come l'ultimo hotspot globale dell'ecoturismo e la destinazione ecoturistica più riconoscibile e imperdibile al mondo»: questo il prossimo traguardo di Tourism Malaysia che anche quest'anno parteciperà alla Bit e lo farà con una delegazione guidata da Zalina Binti Ahmad, nuova direttrice dell'ufficio di Parigi di Tourism Malaysia, responsabile di Francia e Spagna e che si occupa anche del mercato Italia.\r\n\r\n«Le principali tendenze del mercato italiano sembrano concentrarsi sulla cultura e sull'ecoturismo, soprattutto tra le giovani generazioni - ha sottolineato Zalina Binti Ahmad -. Grazie alla ricchezza della natura e della cultura e ai maggiori sforzi verso l’ecoturismo, la Malesia punta a diventare una destinazione da sogno per gli italiani. Il mercato italiano è attualmente uno dei principali in Europa per la Malesia; pertanto, è fondamentale per Tourism Malaysia aumentare continuamente i propri sforzi per mantenere la destinazione visibile e attraente per la gente del posto e per i paesi vicini».\r\nLa Malesia conta quattro siti dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, tra cui i siti della tripla corona Kinabalu Park e il Parco Nazionale Gunung Mulu mostrano lo splendore della biodiversità. L'isola di Langkawi e il parco Kinabalu sono riconosciuti come geoparchi globali dall'Unesco, mentre le città storiche di Georgetown e Melaka svelano le narrazioni accattivanti della diversità culturale e del patrimonio della Malesia. \r\nTra le novità del ricettivo, l'apertura di brand chiave del lifestyle e dell’ospitalità come Park Hyatt Kuala Lumpur at Merdeka 118, The Waldorf Astoria e The Conrad è prevista a Kuala Lumpur tra il 2024 e il 2025. Altre aperture includono l'Hilton Burau Bay a Langkawi e l'Intercontinental Resort di Penang.\r\n \r\nDistribuito su 36 mq, lo stand della Malesia metterà in evidenza nuove esperienze da scoprire. Mostrerà vari temi legati alla destinazione attraverso immagini colorate che rappresentano i luoghi preferiti dai viaggiatori italiani. \r\nLa Malesia ha ricevuto 44.508 italiani a novembre 2023, una crescita incoraggiante. Agosto registra il maggior numero di visitatori con 13.761 passeggeri provenienti dall'Italia, più del doppio rispetto allo stesso mese del 2022.","post_title":"Malesia: un ruolo da protagonista fra le destinazioni green a livello mondiale","post_date":"2024-01-30T09:15:56+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706606156000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460075","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'isola di Anguilla sarà raggiungibile da St.Thomas (Isole Vergini Americane) con un nuovo collegamento diretto operato da Cape Air: dal prossimo 8 marzo la compagnia aerea effettuerà un volo giornaliero tra l'aeroporto internazionale Cyril E. King a St. Thomas e il Clayton J. Lloyd ad Anguilla. L'orario dei voli è ottimizzato per le coincidenze a St. Thomas.\r\n\r\n«Cape Air è presente nella regione dei Caraibi da oltre venticinque anni - ha dichiarato Linda Markham, presidente e ceo del vettore -. Una parte significativa della nostra attività è incentrata sul collegamento delle comunità insulari alle città hub e sul fornire un accesso conveniente ai voli sui nostri vettori partner».\r\n\r\n«Come ministro dell'Aviazione e del Turismo, mi fa molto piacere vedere il ripristino del servizio di Cape Air tra Anguilla e le Isole Vergini americane - ha sottolineato Haydn Hughes -. I legami tra Anguilla e le Isole Vergini americane sono profondi e non c'è dubbio che questo servizio sarà accolto con favore dagli anguillani per i loro spostamenti e da coloro che vogliono visitare le nostre rispettive destinazioni».\r\n\r\nIl commissario Joseph Boschulte, dipartimento del turismo delle Isole Vergini americane ha commentato: «Questo collegamento amplia la connettività regionale del nostro territorio e facilita gli spostamenti tra i paesi vicini in tutto il resto delle Antille».
Cape Air, che vola nei Caraibi dal 1998, opera con Cessna 402 da nove posti: Con i suoi hub caraibici a San Juan e St. Thomas, effettua più di 80 voli giornalieri per St. Thomas, St. Croix, Tortola, Vieques, Anguilla, Nevis, Mayaguez, Culebra e Virgin Gorda.\r\n\r\n ","post_title":"Anguilla: nuovo collegamento con l'isola di St. Thomas operato da Cape Air","post_date":"2024-01-25T09:58:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706176708000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459975","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Italia è l'ottavo paese europeo in cui si sviluppa il brand tedesco del cosiddetto lusso essenziale, Ruby Hotels. La prima apertura sarà a Firenze ed è prevista per l'inizio del terzo trimestre del 2024. In un palazzo storico nel cuore del capoluogo toscano si sta realizzando, insieme al gruppo Gb Holding, un albergo con 118 camere e un Ruby Workspace con una superficie totale di circa 300 mq. L'edificio ottocentesco avrà anche un bar e una caffetteria, una terrazza nel cortile interno e uno spazio di lavoro dedicato. La proprietà si trova in piazza della Libertà, nella parte settentrionale del centro storico della città.\r\n\r\nIl nuovo Ruby Hotel di Roma aprirà invece nel 2025 e sarà il secondo albergo del gruppo in Italia. Sarà situato in un edificio di ex uffici della polizia con una facciata storica nel centro di Roma, vicino alla Scalinata di Trinità dei Monti. Avrà circa 165 camere, un bar e una caffetteria aperti 24 ore su 24 e una terrazza sul tetto con vista sul centro di Roma. Ruby realizzerà l'hotel insieme a Ece Work & Live come sviluppatore del progetto e investitore.","post_title":"Il brand Ruby Hotels approda in Italia: debutto a Firenze, poi Roma","post_date":"2024-01-23T15:21:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706023316000]}]}}

Lascia un commento