22 February 2024

Il gruppo Baglioni passa nelle mani dei messicani di Palace Resorts

[ 0 ]

A pochi giorni dal ritorno a Milano del gruppo, con l’apertura di Casa Baglioni, la compagnia guidata da Guido Polito finisce sotto il controllo dei messicani di  Palace Resorts, the Luxury Resort Powerhouse, che ne acquisisce il 75%. L’accordo permetterà al brand Baglioni di sviluppare ulteriormente il mercato Usa, da cui proviene circa il 70% del business di Palace Resorts, che al momento conta  su una decina di strutture tra Messico e Caraibi.

Allo stesso tempo il gruppo controllato dalla famiglia Chapur aggiunge in questo modo al proprio portfolio un brand di lusso dotato di una presenza consolidata in Italia, oltre che a Londra e alle Maldive, con l’idea di espanderlo ulteriormente in Europa, tramite anche alcune acquisizioni dirette operate dalla divisione real estate della stessa Palace Resorts.

Investimenti

“Sono onorato del fatto che la famiglia Chapur abbia riconosciuto Baglioni Hotels & Resorts come uno dei principali brand di lusso europei, immaginando il potenziale di sviluppo che il marchio ha in Italia e in altre destinazioni internazionali chiave – commenta Guido Polito, che rimarrà il ceo della compagnia italiana -. La scelta di rimanere al timone di Baglioni mi darà l’opportunità, insieme al vicepresidente Giuliano Rocchi e a tutto il management team, di portare avanti l’opera mia e di mio padre Roberto“.

“Aumenteremo i nostri investimenti in Europa, Asia e Medio Oriente, portando al contempo i nostri brand Le Blanc e Moon Palace da questa parte del mondo – aggiunge infine l’executive vice president di Palace Resorts, Gibran Chapur.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461924 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Potrebbe essere Gianluigi Aponte a mettere le mani sul Bauer di Venezia. Nonostante la proprietà abbia recentemente smentito l'intenzione di vendere la struttura, alcune indiscrezioni raccolte da La Repubblica vedrebbero il patron del gruppo Msc in prima fila per l'acquisizione dello storico albergo sulla Laguna: l'hotel acquisito nel 2020 da Signa, il gruppo austriaco di proprietà del miliardario René Benko, protagonista di quello che è già stato definito il più grande default della storia europea recente. La mossa di Aponte sarebbe finalizzata ad accrescere ulteriormente la presenza della propria compagnia all'interno dell'industria turistica italiana. D'altronde i capitali non mancano a Msc che, con i prezzi dei noli saliti di circa il 70% dallo scoppio della crisi di Suez, continua a macinare profitti. Entro marzo, si attende in particolare il via libera di Bruxelles all'acquisizione definitiva di Italo, con il gruppo italo-svizzero che sarebbe già al lavoro per potenziare il numero di treni in circolazione di una trentina di unità. E poi c'è la vicenda Ita, che pare non ancora chiusa. Con Aponte che rimane alla finestra in attesa di capire le decisioni dell'Antitrust Ue sulle condizioni che imporrà a Lufthansa per l'acquisto della compagnia italiana. [post_title] => Aponte, Msc, mette gli occhi sul Bauer di Venezia? [post_date] => 2024-02-20T12:00:07+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708430407000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461793 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Simone Farci il nuovo general manager dell’InterContinental Rome Ambasciatori Palace di via Veneto. Con una laurea in economia, la certificazione Cha ottenuta dall'American hotel lodging educational institute, nonché un master in hospitality management e un gmp presso la Cornell university school of hotel administration, Farci vanta oltre otto anni di esperienza nello stesso gruppo Ihg, per cui ha guidato diverse proprietà di fascia alta, business hotel e resort in tutto il mondo. Nel 2023 ha in particolare curato ai Caraibi il processo di rebranding del resort di lusso Kempinski Dominica Cabrits in InterContinental Dominica Cabrits. “Sono entusiasta di assumere la guida dell'InterContinental Rome Ambasciatori Palace - commenta Farci -. Il mio impegno sarà quello di mantenere gli elevati standard di eccellenza per cui questo hotel è rinomato e di guidare il team verso sempre nuovi e ambiziosi traguardi. Tutti i nostri sforzi saranno finalizzati a consolidare l’immagine dell'albergo come una struttura alberghiera d’élite nel panorama dell’hôtellerie romana”. [post_title] => Simone Farci nuovo general manager dell’InterContinental Rome Ambasciatori Palace [post_date] => 2024-02-19T11:20:11+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708341611000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461683 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Primo cruise operator in Italia, Gioco Viaggi in Bit ha presentato la sua variegata selezione di rotte che solcano i mari dei cinque continenti e dei fiumi d’Europa. Crociere di puro svago come di scoperta, firmate da dodici delle compagnie più importanti al mondo, di cui alcune proposte in esclusiva dall’operatore genovese. Accanto a Giorgio Torre e a Chiara Lagioni, rispettivamente presidente e product manager di Gioco Viaggi, nello stand si sono avvicendati i responsabili di quattro delle compagnie rappresentate, testimonial d’eccezione, a conferma di come oggi la crociera sia un prodotto estremamente versatile e in grado di offrire esperienze, ambienti, soluzioni differenziate secondo target e aspettative della clientela. Per supportare le agenzie di viaggi, Gioco Viaggi ha presentato quindi l’edizione aggiornata di Top Reasons: una sorta di manuale che evidenzia le peculiarità di ogni compagnia e le varie destinazioni. Nel 2024, riflettori puntati in particolare su Princess e Cunard. Alla prima è stata da poco consegnata  la Sun Princess (anche se non è ancora operativa, ndr), la nave più grande mai costruita fino a oggi in Italia con le sue 175.500 tonnellate; mentre la Queen Anne, ammiraglia della Cunard, partirà il 10 maggio da Southampton per il viaggio inaugurale a Lisbona con scalo a Madeira, Lanzarote, Gran Canaria, Tenerife e La Coruña. Accanto al mare da navigare, quello da vivere dalla costa di una Corsica magica, che da tre anni, insieme a una curata Montagna Collection, rappresentano il nuovo segmento dell’operatore ligure curato da Flavia Ottonello: due cataloghi distinti con soggiorni individuali e tour con accompagnatore, escursioni, trekking con guida o in libertà…. Il primo prevede soggiorni in residence e hotel di oltre trenta località corse, incluse alcune interne; il secondo soluzioni classiche in hotel o più esclusive in baite e chalet in Italia, Francia e Austria. Dal 29 giugno al 25 agosto torna anche Alpibus, formula bus più otto notti in hotel di località trentine con partenze da Genova, Savona, Sestri Levante, Tortona, Voghera, Piacenza e Cremona . [post_title] => Gioco Viaggi: nel 2024 focus su Princess e Cunard. E poi Corsica, montagna e Alpibus [post_date] => 2024-02-16T12:00:05+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708084805000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sabato 27 e domenica 28 aprile 2024, Parma, cuore della Food Valley, vedrà due giorni di festa, di cibo e di ciclismo, giornate che consentiranno a tutti gli appassionati – ciclisti professionisti o amatoriali – di partecipare ad un evento unico e di esplorare sui pedali, un territorio ricco di itinerari e ciclabili ideali per le due ruote. Diversi i percorsi de L’Étape Parma by Tour de France: il 27 aprile la cicloturistica per famiglie e bambini di 25 km, oppure l’itinerario di 60 km lungo la Food Valley Bike, ciclovia della Bassa Parmense che unisce Parma a Busseto (PR), seguendo le piste ciclabili lungo il Grande Fiume, con soste dedicate al gusto. Il 28 aprile, invece, la scelta è tra due percorsi competitivi: la Granfondo gourmet di 74 km e la gara agonistica di 140 km, su un dislivello di 2.800 metri, un tragitto ondulato e panoramico che toccherà Rivalta, Passo del Crocione, Schia Monte Caio, la Pineta di Cozzano e Barbiano. Non mancheranno ristori gustosi. Un’occasione per sperimentare i tanti e variegati itinerari cicloturistici, che fanno di Parma e del suo territorio un reticolato ideale per gli amanti della bicicletta, che dalla città d’arte si inoltrano nelle atmosfere di pianura del fiume Po, nelle terre care a Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi, per risalire verso le colline costellate di borghi e di castelli, fino a toccare le cime del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano, scoprendo i luoghi in cui nascono celebri prodotti tipici, dal Prosciutto di Parma al Parmigiano Reggiano, dalla pasta al pomodoro. È uno dei percorsi de L’Étape Parma by Tour de France, ma anche la ciclovia più appetitosa d’Italia: la Food Valley Bike, che per 80 km attraversa i luoghi del cibo. Da Parma si prosegue verso Mezzani, per esplorare l’Oasi Naturale Parma Morta, si continua per Colorno, dove si può visitare la splendida Reggia di Colorno, e si prosegue in direzione di Sissa Trecasali, per degustare la Spalla Cruda di Palasone, salume risalente al Medioevo. Altra tappa è Roccabianca con il suo castello e Zibello, dove addentare il prelibato Culatello di Zibello. L’arrivo è a Busseto, nella cui frazione Roncole è nato il maestro Giuseppe Verdi.  La Food Valley Bike unisce anche Parma a Mantova, attraverso un itinerario di piste ciclabili e fluviali all’insegna del turismo slow e sostenibile, che collega il sito UNESCO Mantova e Sabbioneta, che è parte della Ciclovia Tirreno Brennero, con Parma City of Gastronomy. Snodo cruciale il porto turistico di Mezzani e Casalmaggiore, sul fiume Po.  Per i ciclisti di buona forchetta, curiosi di scoprire la storia dell’enogastronomia italiana, ci sono i percorsi bike che uniscono gli 8 Musei del Cibo. Si chiama Sentiero d’Arte perché si snoda tra meraviglie artistiche e parte proprio da una di esse: la Badia di Santa Maria della Neve a Torrechiara con i suoi affreschi barocchi, il refettorio, il belvedere e il chiostro. Si pedala lungo il Canale di San Michele fino al borgo e al romantico Castello di Torrechiara, teatro della storia d’amore fra Pier Maria Rossi e Bianca Pellegrini, per poi giungere a Langhirano, sede del Museo del Prosciutto. Arte e mobilità sostenibile sono le parole chiave dei 19 percorsi cicloturistici di Pedalart, che coprono 1.200 km nel territorio di Parma e dell’Emilia. Pedalare nel territorio di Parma, infatti, è anche vivere le vicende di castelli straordinari. Un itinerario consigliato in bici è quello attraverso i Castelli della Bassa.         [post_title] => Parma meta del cicloturismo con L'étape Parma by Tour de France [post_date] => 2024-02-16T09:45:37+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708076737000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461616 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Numa Group nomina Umberto Ottaviani general manager Italia della compagnia. Con sede a Milano, sarà  responsabile delle aree chiave di espansione nel mercato tricolore e delle relazioni con gli investitori, real estate sgr e altre aziende del settore. Riporterà a Christian Gaiser, ceo e co-fondatore del gruppo Numa, integrando l’attuale team italiano della compagnia Dopo aver conseguito la laurea in business administration presso l’università Bocconi, Ottaviani ha iniziato la propria carriera come senior analyst nel dipartimento m&a di Ernst & Young. Nel 2005 passa a Pirelli Real Estate come asset manager nella divisione investimenti alberghieri. Ottaviani entra quindi in Aedes sgr nel 2007 come fund manager per i prodotti real estate office e retail; dal 2008 al 2013 lavora nel settore dell’ospitalità come head of real estate e insurance in Valtur. Dal 2013 al 2023 ricopre infine il ruolo di head of real estate Italia & Malta presso Iwg, diventando responsabile dell’espansione del network operativo dell’azienda. “Sono orgoglioso di far parte di questa meravigliosa azienda in rapida crescita con un modello di business solido e redditizio e di avere l’opportunità di guidare il business e promuovere la crescita del mercato italiano - sottolinea lo stesso Ottaviani -. L’Italia ospita il maggior numero di siti Unesco del mondo, esercita un potere di attrazione per il turismo in Europa ed è uno dei mercati europei più importanti del futuro. Il modello Numa con i suoi eleganti boutique apartment si adatta perfettamente al modello del nostro mercato. Per proprietari di immobili, sviluppatori real estate e investitori, il modello ibrido di Numa offre un profilo attraente e a basso rischio, consentendo soggiorni brevi e di media durata in modo facile e flessibile. Il gruppo è in particolare alla ricerca di proprietà in città come Roma, Milano, Venezia e Firenze per il 2024. E anche in altre destinazioni nei prossimi anni”. [post_title] => Umberto Ottaviani nominato general manager Italia di Numa Group [post_date] => 2024-02-15T13:45:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708004747000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461582 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saranno con ogni probabilità Milano, Roma e Pisa le prime tre destinazioni italiane di Líbere Hospitality Group: compagnia spagnola di ospitalità ibrida, sul modello dei tedeschi di Numa per intenderci, Lhg è stata fondata a Bilbao a fine 2020 dall’imprenditore Jon Uriarte. Oggi guidata dai due ceo Antón de la Rica e Mikel Rodriguez, in soli tre anni ha raggiunto nel 2023 i 12 milioni di euro di fatturato (erano 8,5 milioni nel 2022) e punta a espandersi anche oltre confine, a partire da Portogallo e Italia. "A maggio dell'anno scorso abbiamo aperto la nostra sede a Milano, seguita a stretto giro da quella di Lisbona - spiega l'head of business development di Lhg Italia, Niccolò Pravettoni -. Nel 2024 puntiamo già ad aprire circa 500 unità abitative nella nostra Penisola, per una decina di strutture complessive. Un target che rappresenta un terzo degli obiettivi di crescita dell'intera compagnia, che a oggi vanta un portfolio complessivo di 1.500 chiavi distribuite in 35 proprietà, tra indirizzi attivi e in pipeline. Tra poco, in particolare, dovremmo chiudere gli accordi per le nostre prime tre strutture tricolori, a Roma, Milano e Pisa: si tratterà di due serviced apartments e di un hotel". Target, immobili cielo-terra dalle 20 chiavi in su La compagnia concentra infatti le proprie attività soprattutto sui centri urbani, primari e secondari (capoluoghi di provincia e di regione dai 100 mila abitanti in su), affittando  immobili cielo-terra con contratti ibridi (fisso più variabile), solitamente nove più nove. "I nostri partner sono piuttosto variegati. Ci confrontiamo certo con gli investitori istituzionali, come fondi, asset management company e family office importanti. Ma essendo in grado di gestire anche strutture piccole, dalle 20 unità abitative in su, ci rivolgiamo pure alle famiglie. Partner che in noi possono trovare un interlocutore unico in grado, nel caso soprattutto degli appartamenti, di liberarli dalla gestione delle parti comuni e di offrire garanzie generalmente superiori a quelle degli inquilini tradizionali". Roi in doppia cifra percentuale nelle zone semi-periferiche e nelle location secondarie Interessante anche l'offerta in termini di ritorno sull'investimento. "Il roi dipende ovviamente dalle location e dall'intervento che ci apprestiamo a compiere. Solitamente, infatti, al momento dell'accordo, interveniamo con il nostro team di architetti e designer, che a quattro mani con la proprietà ridefinisce il prodotto, per renderlo riconoscibile come una struttura Lhg e in linea con le nostre esigenze di gestione. Dopodiché, potendo godere di una marginalità che nel 2023 è stata superiore al 57% (gop), supportata da un'occupazione media dell'80%, possiamo quasi sempre garantire rendimenti superiori alla media. In zone semi-periferiche di grandi città quali Milano, o in destinazioni secondarie, abbiamo persino la possibilità arrivare  in doppia cifra percentuale. Grazie a un aumento di capitale da 6 milioni di euro dello scorso dicembre, in alcuni specifici casi siamo pure in grado di offrire del key money, sottoforma di investimenti Capex per il rinnovamento e il riposizionamento degli stabili, andando in questo modo oltre la parte ff&e". Lìbere, B46 e Nitly i tre brand del gruppo Il gruppo declina la propria offerta in tre brand distinti, per un'offerta che si rivolge ai mercati di soggiorni medi e brevi: lìbere è un marchio dedicato alla fascia alta del mercato. I suoi spazi sono caratterizzati da un design basato su tendenze armoniche con un largo impiego di legno naturale. Le strutture sono spesso ubicate in luoghi di prestigio all'interno delle città in cui si trovano. B48 è anch’esso un brand posizionato nel segmento upscale - upper upscale, sia per l’ubicazione degli asset, sia per il design. A differenza di Líbere, ogni proposta di questo marchio è però diversa da tutte le altre: ogni appartamento ha un design originale, con soluzioni spesso vivaci ed eclettiche. Naitly infine è un brand più fresco, orientato a un pubblico giovane, mosso dal desiderio di scoprire posti nuovi. Un'offerta limited service con grande focus sulla parte tecnologica "In linea generale la nostra offerta si posiziona mediamente nel segmento upscale, ma il prodotto spazia anche nel midscale e nell'upper upscale, a seconda di location e situazioni specifiche - conclude Pravettoni -. La  proposta poggia su una fortissima componente tecnologica, che garantisce flessibilità e automazione dei processi, tanto da permetterci di abbattere mediamente i costi operativi del 40%, rispetto agli approcci più tradizionali. Oltre al nostro customer care, disponibile h24, sette giorni su sette, via telefono, Whatsapp e tramite la maggior parte dei canali digitali, ciascuna proprietà è dotata anche di una reception con personale sempre disponibile o reperibile velocemente (chiamato hospitality hero, ndr). Per mantenere snelle le nostre procedure, solitamente limitiamo l'offerta di servizi accessori. Per quanto riguarda gli hotel, per esempio, cerchiamo soprattutto strutture a 3 stelle, possibilmente senza spa e centro congressi. Reparto piani e lavanderia sono sempre in outsourcing, mentre noi ci occupiamo dell'ospitalità e in alcuni casi dell'f&b, con concept proprietari attualmente in fase di sviluppo". Massimiliano Sarti       [post_title] => L'ospitalità ibrida di Lhg sbarca in Italia: si inizia da Roma, Milano e Pisa [post_date] => 2024-02-15T13:23:22+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708003402000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461457 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non è solo il romanzo di Stevenson a ispirare la rotta Star Flyer più piratesca dell’anno: partendo da St. Maarten, in sette notti di navigazione si esplorano, a bordo del veliero Star Flyer, le isole di Anguilla, Jost van Dyke, che prende il nome dal famoso corsaro olandese che qui aveva rifugio. Le curve dell’isola vulcanica di Tortola, affacciata sul Sir Francis Drake Channel, accompagnano l’attraversamento del canale dedicato al corsaro della regina Elisabetta I, che osò sfidare l’impero spagnolo nel sedicesimo secolo. Ed ecco Norman Island, l'isola del tesoro per eccellenza, quella che ha ispirato allo scrittore scozzese Stevenson forse il suo romanzo più famoso e amato. Prima del rientro a St. Martin, si passa dai "the baths" di Virgin Gorda, da St. Kitts e St. Barth (Isole del tesoro - imbarco e sbarco a St. Maarten - 24 febbraio, 9 e 23 marzo, sette notti) Prima della traversata oceanica e del rientro in Europa, ci sono ancora molte occasioni per sentire la forza dei venti d’Oltreoceano: da queste parti, i velieri Star Clippers utilizzano, infatti, le vele fino al 70% del tempo. A bordo non c'è trucco: l’unica magia è quella della natura, che si manifesta a ogni onda che increspa il mare su una tavola blu luccicante. Oltre all'itinerario verso le isole del tesoro la compagnia propone pure la natura selvaggia e indomita di Costa Rica e Panama a fare da sfondo alle rotte del quattro alberi Star Clipper. Il veliero, infatti, sarà a largo della costa pacifica centroamericana fino a marzo, tra le barriere coralline che lo rendono il paradiso dello snorkeling e le foreste di mangrovie appena oltre la spiaggia (Costa Rica e Panama - Puerto Caldera, Costa Rica – Balboa, Panama - 16 marzo, sette notti; Panama e Caraibi - Balboa, Panama – St. John’s, Antigua -, 23 marzo, 14 notti) [post_title] => Costa Rica, Panama e Caraibi protagonisti dell'inverno Star Clippers [post_date] => 2024-02-14T10:49:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707907797000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461444 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lavorare a stretto contatto per sviluppare talenti in Europa attraverso le collaborazioni e le relazioni esistenti di cui entrambi godono con le scuole alberghiere. E' questo lo scopo principale della nuova partnership tra il soft brand Preferred Hotels & Resorts e la European Hotel Managers Association (Ehma): una collaborazione che mira a portare a entrambe le organizzazioni anche vantaggi negli ambiti del networking, della visibilità, della promozione e della comunicazione. "La nostra visione è quella di essere l'associazione preferita dei direttori d'albergo che rappresentano alcuni tra gli hotel più unici e prestigiosi d'Europa - commenta il presidente di Ehma, Panos Almyrantis, chief development officer (cdo) di Ella Resorts ad Atene -. Questa nuova e innovativa partnership con Preferred Hotels & Resorts offrirà ai nostri soci uno strumento importante, che utilizzerà le competenze e le risorse collettive del gruppo. In qualità di partner, Preferred parteciperà alla nostra prossima assemblea generale che si terrà a Venezia dal 12 al 14 aprile, quando celebreremo il cinquantesimo anniversario di Ehma". "Siamo entusiasti di collaborare con Ehma - aggiunge Brenda Collin, vicepresidente esecutivo per l'Europa di Preferred -. La nostra azienda si ispira ai valori della famiglia e delle persone. Questa partnership consentirà di connetterci, creare reti e costruire collaborazioni con albergatori di tutta Europa, sostenendo al contempo i loro obiettivi e le loro ambizioni”. [post_title] => Partnership Ehma-Preferred per sviluppare nuovi talenti dell'hotellerie [post_date] => 2024-02-14T10:29:39+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707906579000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461359 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cambio di proprietà per l'Harry's Bar di Cernobbio che passa nelle mani del gruppo Villa d'Este. Nato nel 1973 come American bar, nel tempo, già col primo proprietario Piero Sacchi, il ristorante è diventato famoso per la sua atmosfera retrò, per i piatti ispirati alla tradizione italiana e milanese e per le frequentazioni mondane: da Robert de Niro a Bruce Springsteen a George Clooney, da Denzel Washington a Liza Minelli, ma anche del gotha dell’economia. Situato nella cornice della piazzetta di Cernobbio, l’Harry’s Bar vanta una location speciale, con vista panoramica sul lungo lago, incastonata in un borgo che ha mantenuto inalterato il suo fascino nel tempo. Nel 2009 l’Harry’s Bar è stato rilevato da tre imprenditori comaschi: Francesco Ugoni, Giuseppe Mantero e Riccardo Marazzi, che hanno voluto mantenere il cuore della sua fama: un mix di eleganza, ospitalità e cucina di alto livello. Il menù punta su piatti tipici della gastronomia italiana a base di ingredienti freschi e, quando possibile, a chilometri zero. Le ricette si ispirano alla tradizione italiana e milanese, a cui aggiunge un tocco di internazionalità. Con l’acquisizione da parte di Villa d’Este, l'intento è di preservarne la tradizione, il concept e l'offerta, nonché di continuarne il percorso di successo portando innovazione nel pieno rispetto del passato. “Siamo molto contenti di poter ora annoverare anche l'Harry’s Bar all’interno del nostro gruppo - sottolinea il presidente del cda di Villa d'Este, Giuseppe Fontana -. Quando si è presentata l’opportunità l’abbiamo colta con entusiasmo, in quanto si tratta di un luogo del cuore. Come stiamo facendo al Villa d’Este, è nostra ferma convinzione che lavorare per mantenere il dna del luogo e la classicità, pur con lo sguardo al futuro, sia qualcosa che aiuterà a consolidare il suo successo e a mantenerlo nel tempo.”   [post_title] => L'Harry's Bar di Cernobbio passa nelle mani del gruppo Villa d'Este [post_date] => 2024-02-13T11:17:39+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707823059000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "il gruppo baglioni passa nelle mani dei messicani di palace resorts" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":92,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":614,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461924","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Potrebbe essere Gianluigi Aponte a mettere le mani sul Bauer di Venezia. Nonostante la proprietà abbia recentemente smentito l'intenzione di vendere la struttura, alcune indiscrezioni raccolte da La Repubblica vedrebbero il patron del gruppo Msc in prima fila per l'acquisizione dello storico albergo sulla Laguna: l'hotel acquisito nel 2020 da Signa, il gruppo austriaco di proprietà del miliardario René Benko, protagonista di quello che è già stato definito il più grande default della storia europea recente.\r\n\r\nLa mossa di Aponte sarebbe finalizzata ad accrescere ulteriormente la presenza della propria compagnia all'interno dell'industria turistica italiana. D'altronde i capitali non mancano a Msc che, con i prezzi dei noli saliti di circa il 70% dallo scoppio della crisi di Suez, continua a macinare profitti. Entro marzo, si attende in particolare il via libera di Bruxelles all'acquisizione definitiva di Italo, con il gruppo italo-svizzero che sarebbe già al lavoro per potenziare il numero di treni in circolazione di una trentina di unità. E poi c'è la vicenda Ita, che pare non ancora chiusa. Con Aponte che rimane alla finestra in attesa di capire le decisioni dell'Antitrust Ue sulle condizioni che imporrà a Lufthansa per l'acquisto della compagnia italiana.","post_title":"Aponte, Msc, mette gli occhi sul Bauer di Venezia?","post_date":"2024-02-20T12:00:07+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708430407000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461793","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Simone Farci il nuovo general manager dell’InterContinental Rome Ambasciatori Palace di via Veneto. Con una laurea in economia, la certificazione Cha ottenuta dall'American hotel lodging educational institute, nonché un master in hospitality management e un gmp presso la Cornell university school of hotel administration, Farci vanta oltre otto anni di esperienza nello stesso gruppo Ihg, per cui ha guidato diverse proprietà di fascia alta, business hotel e resort in tutto il mondo. Nel 2023 ha in particolare curato ai Caraibi il processo di rebranding del resort di lusso Kempinski Dominica Cabrits in InterContinental Dominica Cabrits.\r\n\r\n“Sono entusiasta di assumere la guida dell'InterContinental Rome Ambasciatori Palace - commenta Farci -. Il mio impegno sarà quello di mantenere gli elevati standard di eccellenza per cui questo hotel è rinomato e di guidare il team verso sempre nuovi e ambiziosi traguardi. Tutti i nostri sforzi saranno finalizzati a consolidare l’immagine dell'albergo come una struttura alberghiera d’élite nel panorama dell’hôtellerie romana”.","post_title":"Simone Farci nuovo general manager dell’InterContinental Rome Ambasciatori Palace","post_date":"2024-02-19T11:20:11+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708341611000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461683","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Primo cruise operator in Italia, Gioco Viaggi in Bit ha presentato la sua variegata selezione di rotte che solcano i mari dei cinque continenti e dei fiumi d’Europa. Crociere di puro svago come di scoperta, firmate da dodici delle compagnie più importanti al mondo, di cui alcune proposte in esclusiva dall’operatore genovese. Accanto a Giorgio Torre e a Chiara Lagioni, rispettivamente presidente e product manager di Gioco Viaggi, nello stand si sono avvicendati i responsabili di quattro delle compagnie rappresentate, testimonial d’eccezione, a conferma di come oggi la crociera sia un prodotto estremamente versatile e in grado di offrire esperienze, ambienti, soluzioni differenziate secondo target e aspettative della clientela.\r\n\r\nPer supportare le agenzie di viaggi, Gioco Viaggi ha presentato quindi l’edizione aggiornata di Top Reasons: una sorta di manuale che evidenzia le peculiarità di ogni compagnia e le varie destinazioni. Nel 2024, riflettori puntati in particolare su Princess e Cunard. Alla prima è stata da poco consegnata  la Sun Princess (anche se non è ancora operativa, ndr), la nave più grande mai costruita fino a oggi in Italia con le sue 175.500 tonnellate; mentre la Queen Anne, ammiraglia della Cunard, partirà il 10 maggio da Southampton per il viaggio inaugurale a Lisbona con scalo a Madeira, Lanzarote, Gran Canaria, Tenerife e La Coruña.\r\n\r\nAccanto al mare da navigare, quello da vivere dalla costa di una Corsica magica, che da tre anni, insieme a una curata Montagna Collection, rappresentano il nuovo segmento dell’operatore ligure curato da Flavia Ottonello: due cataloghi distinti con soggiorni individuali e tour con accompagnatore, escursioni, trekking con guida o in libertà…. Il primo prevede soggiorni in residence e hotel di oltre trenta località corse, incluse alcune interne; il secondo soluzioni classiche in hotel o più esclusive in baite e chalet in Italia, Francia e Austria. Dal 29 giugno al 25 agosto torna anche Alpibus, formula bus più otto notti in hotel di località trentine con partenze da Genova, Savona, Sestri Levante, Tortona, Voghera, Piacenza e Cremona .","post_title":"Gioco Viaggi: nel 2024 focus su Princess e Cunard. E poi Corsica, montagna e Alpibus","post_date":"2024-02-16T12:00:05+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708084805000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461603","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sabato 27 e domenica 28 aprile 2024, Parma, cuore della Food Valley, vedrà due giorni di festa, di cibo e di ciclismo, giornate che consentiranno a tutti gli appassionati – ciclisti professionisti o amatoriali – di partecipare ad un evento unico e di esplorare sui pedali, un territorio ricco di itinerari e ciclabili ideali per le due ruote.\r\n\r\nDiversi i percorsi de L’Étape Parma by Tour de France: il 27 aprile la cicloturistica per famiglie e bambini di 25 km, oppure l’itinerario di 60 km lungo la Food Valley Bike, ciclovia della Bassa Parmense che unisce Parma a Busseto (PR), seguendo le piste ciclabili lungo il Grande Fiume, con soste dedicate al gusto. Il 28 aprile, invece, la scelta è tra due percorsi competitivi: la Granfondo gourmet di 74 km e la gara agonistica di 140 km, su un dislivello di 2.800 metri, un tragitto ondulato e panoramico che toccherà Rivalta, Passo del Crocione, Schia Monte Caio, la Pineta di Cozzano e Barbiano.\r\n\r\nNon mancheranno ristori gustosi. Un’occasione per sperimentare i tanti e variegati itinerari cicloturistici, che fanno di Parma e del suo territorio un reticolato ideale per gli amanti della bicicletta, che dalla città d’arte si inoltrano nelle atmosfere di pianura del fiume Po, nelle terre care a Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi, per risalire verso le colline costellate di borghi e di castelli, fino a toccare le cime del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano, scoprendo i luoghi in cui nascono celebri prodotti tipici, dal Prosciutto di Parma al Parmigiano Reggiano, dalla pasta al pomodoro.\r\n\r\nÈ uno dei percorsi de L’Étape Parma by Tour de France, ma anche la ciclovia più appetitosa d’Italia: la Food Valley Bike, che per 80 km attraversa i luoghi del cibo. Da Parma si prosegue verso Mezzani, per esplorare l’Oasi Naturale Parma Morta, si continua per Colorno, dove si può visitare la splendida Reggia di Colorno, e si prosegue in direzione di Sissa Trecasali, per degustare la Spalla Cruda di Palasone, salume risalente al Medioevo. Altra tappa è Roccabianca con il suo castello e Zibello, dove addentare il prelibato Culatello di Zibello. L’arrivo è a Busseto, nella cui frazione Roncole è nato il maestro Giuseppe Verdi. \r\n\r\nLa Food Valley Bike unisce anche Parma a Mantova, attraverso un itinerario di piste ciclabili e fluviali all’insegna del turismo slow e sostenibile, che collega il sito UNESCO Mantova e Sabbioneta, che è parte della Ciclovia Tirreno Brennero, con Parma City of Gastronomy. Snodo cruciale il porto turistico di Mezzani e Casalmaggiore, sul fiume Po. \r\n\r\nPer i ciclisti di buona forchetta, curiosi di scoprire la storia dell’enogastronomia italiana, ci sono i percorsi bike che uniscono gli 8 Musei del Cibo.\r\n\r\nSi chiama Sentiero d’Arte perché si snoda tra meraviglie artistiche e parte proprio da una di esse: la Badia di Santa Maria della Neve a Torrechiara con i suoi affreschi barocchi, il refettorio, il belvedere e il chiostro. Si pedala lungo il Canale di San Michele fino al borgo e al romantico Castello di Torrechiara, teatro della storia d’amore fra Pier Maria Rossi e Bianca Pellegrini, per poi giungere a Langhirano, sede del Museo del Prosciutto.\r\n\r\nArte e mobilità sostenibile sono le parole chiave dei 19 percorsi cicloturistici di Pedalart, che coprono 1.200 km nel territorio di Parma e dell’Emilia.\r\n\r\nPedalare nel territorio di Parma, infatti, è anche vivere le vicende di castelli straordinari. Un itinerario consigliato in bici è quello attraverso i Castelli della Bassa.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Parma meta del cicloturismo con L'étape Parma by Tour de France","post_date":"2024-02-16T09:45:37+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708076737000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461616","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Numa Group nomina Umberto Ottaviani general manager Italia della compagnia. Con sede a Milano, sarà  responsabile delle aree chiave di espansione nel mercato tricolore e delle relazioni con gli investitori, real estate sgr e altre aziende del settore. Riporterà a Christian Gaiser, ceo e co-fondatore del gruppo Numa, integrando l’attuale team italiano della compagnia\r\n\r\nDopo aver conseguito la laurea in business administration presso l’università Bocconi, Ottaviani ha iniziato la propria carriera come senior analyst nel dipartimento m&a di Ernst & Young. Nel 2005 passa a Pirelli Real Estate come asset manager nella divisione investimenti alberghieri. Ottaviani entra quindi in Aedes sgr nel 2007 come fund manager per i prodotti real estate office e retail; dal 2008 al 2013 lavora nel settore dell’ospitalità come head of real estate e insurance in Valtur. Dal 2013 al 2023 ricopre infine il ruolo di head of real estate Italia & Malta presso Iwg, diventando responsabile dell’espansione del network operativo dell’azienda.\r\n\r\n“Sono orgoglioso di far parte di questa meravigliosa azienda in rapida crescita con un modello di business solido e redditizio e di avere l’opportunità di guidare il business e promuovere la crescita del mercato italiano - sottolinea lo stesso Ottaviani -. L’Italia ospita il maggior numero di siti Unesco del mondo, esercita un potere di attrazione per il turismo in Europa ed è uno dei mercati europei più importanti del futuro. Il modello Numa con i suoi eleganti boutique apartment si adatta perfettamente al modello del nostro mercato. Per proprietari di immobili, sviluppatori real estate e investitori, il modello ibrido di Numa offre un profilo attraente e a basso rischio, consentendo soggiorni brevi e di media durata in modo facile e flessibile. Il gruppo è in particolare alla ricerca di proprietà in città come Roma, Milano, Venezia e Firenze per il 2024. E anche in altre destinazioni nei prossimi anni”.","post_title":"Umberto Ottaviani nominato general manager Italia di Numa Group","post_date":"2024-02-15T13:45:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708004747000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461582","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saranno con ogni probabilità Milano, Roma e Pisa le prime tre destinazioni italiane di Líbere Hospitality Group: compagnia spagnola di ospitalità ibrida, sul modello dei tedeschi di Numa per intenderci, Lhg è stata fondata a Bilbao a fine 2020 dall’imprenditore Jon Uriarte. Oggi guidata dai due ceo Antón de la Rica e Mikel Rodriguez, in soli tre anni ha raggiunto nel 2023 i 12 milioni di euro di fatturato (erano 8,5 milioni nel 2022) e punta a espandersi anche oltre confine, a partire da Portogallo e Italia. \"A maggio dell'anno scorso abbiamo aperto la nostra sede a Milano, seguita a stretto giro da quella di Lisbona - spiega l'head of business development di Lhg Italia, Niccolò Pravettoni -. Nel 2024 puntiamo già ad aprire circa 500 unità abitative nella nostra Penisola, per una decina di strutture complessive. Un target che rappresenta un terzo degli obiettivi di crescita dell'intera compagnia, che a oggi vanta un portfolio complessivo di 1.500 chiavi distribuite in 35 proprietà, tra indirizzi attivi e in pipeline. Tra poco, in particolare, dovremmo chiudere gli accordi per le nostre prime tre strutture tricolori, a Roma, Milano e Pisa: si tratterà di due serviced apartments e di un hotel\".\r\n\r\nTarget, immobili cielo-terra dalle 20 chiavi in su\r\n\r\nLa compagnia concentra infatti le proprie attività soprattutto sui centri urbani, primari e secondari (capoluoghi di provincia e di regione dai 100 mila abitanti in su), affittando  immobili cielo-terra con contratti ibridi (fisso più variabile), solitamente nove più nove. \"I nostri partner sono piuttosto variegati. Ci confrontiamo certo con gli investitori istituzionali, come fondi, asset management company e family office importanti. Ma essendo in grado di gestire anche strutture piccole, dalle 20 unità abitative in su, ci rivolgiamo pure alle famiglie. Partner che in noi possono trovare un interlocutore unico in grado, nel caso soprattutto degli appartamenti, di liberarli dalla gestione delle parti comuni e di offrire garanzie generalmente superiori a quelle degli inquilini tradizionali\".\r\n\r\nRoi in doppia cifra percentuale nelle zone semi-periferiche e nelle location secondarie\r\n\r\nInteressante anche l'offerta in termini di ritorno sull'investimento. \"Il roi dipende ovviamente dalle location e dall'intervento che ci apprestiamo a compiere. Solitamente, infatti, al momento dell'accordo, interveniamo con il nostro team di architetti e designer, che a quattro mani con la proprietà ridefinisce il prodotto, per renderlo riconoscibile come una struttura Lhg e in linea con le nostre esigenze di gestione. Dopodiché, potendo godere di una marginalità che nel 2023 è stata superiore al 57% (gop), supportata da un'occupazione media dell'80%, possiamo quasi sempre garantire rendimenti superiori alla media. In zone semi-periferiche di grandi città quali Milano, o in destinazioni secondarie, abbiamo persino la possibilità arrivare  in doppia cifra percentuale. Grazie a un aumento di capitale da 6 milioni di euro dello scorso dicembre, in alcuni specifici casi siamo pure in grado di offrire del key money, sottoforma di investimenti Capex per il rinnovamento e il riposizionamento degli stabili, andando in questo modo oltre la parte ff&e\".\r\n\r\nLìbere, B46 e Nitly i tre brand del gruppo\r\n\r\nIl gruppo declina la propria offerta in tre brand distinti, per un'offerta che si rivolge ai mercati di soggiorni medi e brevi: lìbere è un marchio dedicato alla fascia alta del mercato. I suoi spazi sono caratterizzati da un design basato su tendenze armoniche con un largo impiego di legno naturale. Le strutture sono spesso ubicate in luoghi di prestigio all'interno delle città in cui si trovano. B48 è anch’esso un brand posizionato nel segmento upscale - upper upscale, sia per l’ubicazione degli asset, sia per il design. A differenza di Líbere, ogni proposta di questo marchio è però diversa da tutte le altre: ogni appartamento ha un design originale, con soluzioni spesso vivaci ed eclettiche. Naitly infine è un brand più fresco, orientato a un pubblico giovane, mosso dal desiderio di scoprire posti nuovi.\r\n\r\nUn'offerta limited service con grande focus sulla parte tecnologica\r\n\r\n\"In linea generale la nostra offerta si posiziona mediamente nel segmento upscale, ma il prodotto spazia anche nel midscale e nell'upper upscale, a seconda di location e situazioni specifiche - conclude Pravettoni -. La  proposta poggia su una fortissima componente tecnologica, che garantisce flessibilità e automazione dei processi, tanto da permetterci di abbattere mediamente i costi operativi del 40%, rispetto agli approcci più tradizionali. Oltre al nostro customer care, disponibile h24, sette giorni su sette, via telefono, Whatsapp e tramite la maggior parte dei canali digitali, ciascuna proprietà è dotata anche di una reception con personale sempre disponibile o reperibile velocemente (chiamato hospitality hero, ndr). Per mantenere snelle le nostre procedure, solitamente limitiamo l'offerta di servizi accessori. Per quanto riguarda gli hotel, per esempio, cerchiamo soprattutto strutture a 3 stelle, possibilmente senza spa e centro congressi. Reparto piani e lavanderia sono sempre in outsourcing, mentre noi ci occupiamo dell'ospitalità e in alcuni casi dell'f&b, con concept proprietari attualmente in fase di sviluppo\".\r\n\r\nMassimiliano Sarti\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"L'ospitalità ibrida di Lhg sbarca in Italia: si inizia da Roma, Milano e Pisa","post_date":"2024-02-15T13:23:22+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708003402000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461457","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non è solo il romanzo di Stevenson a ispirare la rotta Star Flyer più piratesca dell’anno: partendo da St. Maarten, in sette notti di navigazione si esplorano, a bordo del veliero Star Flyer, le isole di Anguilla, Jost van Dyke, che prende il nome dal famoso corsaro olandese che qui aveva rifugio. Le curve dell’isola vulcanica di Tortola, affacciata sul Sir Francis Drake Channel, accompagnano l’attraversamento del canale dedicato al corsaro della regina Elisabetta I, che osò sfidare l’impero spagnolo nel sedicesimo secolo. Ed ecco Norman Island, l'isola del tesoro per eccellenza, quella che ha ispirato allo scrittore scozzese Stevenson forse il suo romanzo più famoso e amato. Prima del rientro a St. Martin, si passa dai \"the baths\" di Virgin Gorda, da St. Kitts e St. Barth (Isole del tesoro - imbarco e sbarco a St. Maarten - 24 febbraio, 9 e 23 marzo, sette notti)\r\n\r\nPrima della traversata oceanica e del rientro in Europa, ci sono ancora molte occasioni per sentire la forza dei venti d’Oltreoceano: da queste parti, i velieri Star Clippers utilizzano, infatti, le vele fino al 70% del tempo. A bordo non c'è trucco: l’unica magia è quella della natura, che si manifesta a ogni onda che increspa il mare su una tavola blu luccicante.\r\n\r\nOltre all'itinerario verso le isole del tesoro la compagnia propone pure la natura selvaggia e indomita di Costa Rica e Panama a fare da sfondo alle rotte del quattro alberi Star Clipper. Il veliero, infatti, sarà a largo della costa pacifica centroamericana fino a marzo, tra le barriere coralline che lo rendono il paradiso dello snorkeling e le foreste di mangrovie appena oltre la spiaggia (Costa Rica e Panama - Puerto Caldera, Costa Rica – Balboa, Panama - 16 marzo, sette notti; Panama e Caraibi - Balboa, Panama – St. John’s, Antigua -, 23 marzo, 14 notti)","post_title":"Costa Rica, Panama e Caraibi protagonisti dell'inverno Star Clippers","post_date":"2024-02-14T10:49:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707907797000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461444","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lavorare a stretto contatto per sviluppare talenti in Europa attraverso le collaborazioni e le relazioni esistenti di cui entrambi godono con le scuole alberghiere. E' questo lo scopo principale della nuova partnership tra il soft brand Preferred Hotels & Resorts e la European Hotel Managers Association (Ehma): una collaborazione che mira a portare a entrambe le organizzazioni anche vantaggi negli ambiti del networking, della visibilità, della promozione e della comunicazione.\r\n\r\n\"La nostra visione è quella di essere l'associazione preferita dei direttori d'albergo che rappresentano alcuni tra gli hotel più unici e prestigiosi d'Europa - commenta il presidente di Ehma, Panos Almyrantis, chief development officer (cdo) di Ella Resorts ad Atene -. Questa nuova e innovativa partnership con Preferred Hotels & Resorts offrirà ai nostri soci uno strumento importante, che utilizzerà le competenze e le risorse collettive del gruppo. In qualità di partner, Preferred parteciperà alla nostra prossima assemblea generale che si terrà a Venezia dal 12 al 14 aprile, quando celebreremo il cinquantesimo anniversario di Ehma\".\r\n\r\n\"Siamo entusiasti di collaborare con Ehma - aggiunge Brenda Collin, vicepresidente esecutivo per l'Europa di Preferred -. La nostra azienda si ispira ai valori della famiglia e delle persone. Questa partnership consentirà di connetterci, creare reti e costruire collaborazioni con albergatori di tutta Europa, sostenendo al contempo i loro obiettivi e le loro ambizioni”.","post_title":"Partnership Ehma-Preferred per sviluppare nuovi talenti dell'hotellerie","post_date":"2024-02-14T10:29:39+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707906579000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461359","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cambio di proprietà per l'Harry's Bar di Cernobbio che passa nelle mani del gruppo Villa d'Este. Nato nel 1973 come American bar, nel tempo, già col primo proprietario Piero Sacchi, il ristorante è diventato famoso per la sua atmosfera retrò, per i piatti ispirati alla tradizione italiana e milanese e per le frequentazioni mondane: da Robert de Niro a Bruce Springsteen a George Clooney, da Denzel Washington a Liza Minelli, ma anche del gotha dell’economia.\r\n\r\nSituato nella cornice della piazzetta di Cernobbio, l’Harry’s Bar vanta una location speciale, con vista panoramica sul lungo lago, incastonata in un borgo che ha mantenuto inalterato il suo fascino nel tempo. Nel 2009 l’Harry’s Bar è stato rilevato da tre imprenditori comaschi: Francesco Ugoni, Giuseppe Mantero e Riccardo Marazzi, che hanno voluto mantenere il cuore della sua fama: un mix di eleganza, ospitalità e cucina di alto livello.\r\nIl menù punta su piatti tipici della gastronomia italiana a base di ingredienti freschi e, quando possibile, a chilometri zero. Le ricette si ispirano alla tradizione italiana e milanese, a cui aggiunge un tocco di internazionalità.\r\n\r\nCon l’acquisizione da parte di Villa d’Este, l'intento è di preservarne la tradizione, il concept e l'offerta, nonché di continuarne il percorso di successo portando innovazione nel pieno rispetto del passato. “Siamo molto contenti di poter ora annoverare anche l'Harry’s Bar all’interno del nostro gruppo - sottolinea il presidente del cda di Villa d'Este, Giuseppe Fontana -. Quando si è presentata l’opportunità l’abbiamo colta con entusiasmo, in quanto si tratta di un luogo del cuore. Come stiamo facendo al Villa d’Este, è nostra ferma convinzione che lavorare per mantenere il dna del luogo e la classicità, pur con lo sguardo al futuro, sia qualcosa che aiuterà a consolidare il suo successo e a mantenerlo nel tempo.”\r\n\r\n ","post_title":"L'Harry's Bar di Cernobbio passa nelle mani del gruppo Villa d'Este","post_date":"2024-02-13T11:17:39+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707823059000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti