16 July 2024

Il fondo saudita Pif vicinissimo a Rocco Forte. Presto la chiusura del deal

[ 0 ]

Sir Rocco Forte

Se ne parla come cosa fatta già da parecchi mesi, ma ora pare davvero che l’affare si stia per concludersi. Stando a quanto riporta La Repubblica, sarebbero infatti in dirittura d’arrivo le trattative tra il Public Investment Fund, e la compagnia Rocco Forte. Il fondo saudita presieduto dal principe Mohammed bin Salman bin Abdulaziz Al Saud si appresterebbe così ad acquisire il 49% del gruppo con base a Londra ma provvisto di una forte presenza in Italia. La valutazione della compagnia si aggirerebbe attorno agli 1,5 miliardi di euro, debiti compresi, salendo quindi di ulteriori 300 milioni circa rispetto a quanto si vociferava all’inizio dei colloqui Pif-Rocco Forte lo scorso marzo.

Pif si preparerebbe in particolare a rilevare il 23% acquisito da Cdp Equity nel 2014 per 76 milioni di euro, a cui si dovrebbe aggiungere un’ulteriore quota del 26% direttamente dalla famiglia azionista, arrivando in questo modo al 49% della società, con sir Rocco Forte che manterrà la maggioranza assoluta del capitale.

Per la Cassa guidata da Dario Scannapieco, che aveva rilevato la partecipazione nel 2014 attraverso Fsi (valutando l’intero gruppo 350 milioni di euro) si tratta di un ottimo affare. Con l’operazione, la quota, nel frattempo passata in mano a Cdp Investimenti (controllata al 77% da Cdp Equity e al 23% da altri soci tra cui il Kuwait Investment Authority), potrebbe fruttare infatti oltre 200 milioni di plusvalenza, essendo iscritta a bilancio per 80 milioni.

In questi nove anni le cose in effetti sono cambiate. E parecchio. All’epoca la compagnia di Sir Rocco Forte era sotto pressione finanziaria. Inoltre dal 2014 a oggi il gruppo si è espanso particolarmente, soprattutto in Italia, dove il portfolio del brand è passato da tre a sette strutture. A oggi, la compagnia vanta a livello internazionale 14 hotel e 20 ville, per un totale di più di 1.500 camere, a cui si aggiungono 42 tra bar e ristoranti stellati. Altre strutture sarebbero inoltre in pipeline. Per Rocco Forte il 2022 si è chiuso con un fatturato attorno ai 300 milioni di sterline e margini operativi lordi per una sessantina di milioni (pari a circa 340 milioni e 68 milioni di euro rispettivamente).

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471453 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Novità in campo finanziario. Infatti BdM Banca, appartenente al gruppo Mediocredito Centrale, rinnova l'adesione al Fondo rotativo imprese per il sostegno alle imprese e agli investimenti di sviluppo nel turismo, la misura promossa dal ministero del turismo nell'ambito del Pnrr. L'iniziativa si rivolge ad alberghi, agriturismi, strutture ricettive all'aria aperta, imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, stabilimenti balneari, complessi termali, porti turistici e parchi tematici che possono richiedere a BdM Banca il finanziamento per accedere alle agevolazioni messe a disposizione dal bando.  La delibera bancaria deve essere allegata dall'impresa alla domanda di agevolazione da presentare entro il 31 luglio attraverso la procedura informatica del gestore Invitalia. Con un ammontare compreso tra i 500 mila e i 10 milioni di euro, gli investimenti devono essere finalizzati al miglioramento dei servizi di ospitalità e al potenziamento delle strutture ricettive, in un'ottica di digitalizzazione e sostenibilità ambientale. Sostenibilità e Mezzogiorno Almeno il 50% delle risorse è riservata agli investimenti di riqualificazione energetica, mentre una quota di almeno il 40% è destinata a interventi realizzati nelle regioni del Mezzogiorno. La durata del finanziamento bancario, tra 4 e 15 anni, compresi 3 anni di preammortamento, e il suo importo devono essere uguali a quelli del finanziamento a tasso agevolato concesso da Cassa Depositi e Prestiti previsto dal bando congiuntamente a un contributo diretto alla spesa fino a un massimo del 35% dell'investimento agevolabile. La somma del contributo e dei due finanziamenti non può superare il 100% dell'investimento ammissibile.   [post_title] => BdM: credito alle imprese del turismo fino a 10 milioni di euro [post_date] => 2024-07-15T15:19:53+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1721056793000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471423 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Testimone del tempo e della storia, il sistema fortificato del Piemonte, che per secoli difese una terra a lungo contesa, si riconferma un asset strategico per la promozione dei territori attraverso la cultura. Un progetto avviato nel 2023 che rinnova e amplia l’accordo fra regione Piemonte e Fondazione Compagnia di San Paolo. L’estate 2024, oltre ai forti di Exilles, Fenestrelle (To) , Gavi  (Al) e Vinadio (Cn), già coinvolti lo scorso anno, presenta la novità dell’Opera 5 di Moiola (Cn), struttura in caverna tra le più grandi del cuneese, che fa parte di un più ampio sistema di difesa costruito in Valle Stura, e il progetto Le Strade dei Forti nato nell’ambito del Bando “In Luce per valorizzare e raccontare le identità culturali del Pinerolese. Da luglio musica, spettacoli, visite guidate, molte altre iniziative turistico - culturali e un gioco a premi per incentivare la visita di tutti i siti coinvolti animeranno i siti coinvolti.. L’iniziativa culminerà il 21 e 22 settembre con la seconda edizione del weekend “Forti Fortissimi!” e sarà identificata della brand identity “Forti Fortissimi” che condensa in un logotipo e in un’immagine coordinata l’identità del progetto. « Forti Piemonte – ha sottolineato Marina Chiarelli, nuovo assessore regionale alla Cultura, Turismo e Sport – , intende valorizzazione un patrimonio che ci ricorda la storia millenaria del nostro Piemonte ed è destinato non solo ad attrarre un pubblico internazionale, ma anche a far riscoprire a noi stessi luoghi che spesso sono rimasti nell'ombra». Un volano anche per l’economia locale, comer icorda Matteo Bagnasco, responsabile dell’Obiettivo Cultura della Fondazione Compagnia di San Paolo.  «Siamo convinti che la valorizzazione del nostro patrimonio culturale sia un fondamentale driver di sviluppo sostenibile per i luoghi e per le loro comunità . E’ fondamentale operare in un’ottica sistemica, cooperare e concertare con tutti gli attori che vivono, animano e gestiscono i territori, valorizzando le reti e i network. A coordinare l’intera iniziativa la Fondazione Artea, in collaborazione con Associazione Abbonamento Musei, Fondazione Piemonte  dal Vivo, Visit Piemonte, con il supporto di enti, associazioni e stakeholders locali, direttamente o indirettamente coinvolti nella gestione e nell’animazione dei forti. Forti Piemonte 2024 prevede una campagna di promozione e valorizzazione dei siti coinvolti e delle attività organizzate nei mesi estivi. In chiusura, il 21 e 22 settembre per la 2.a  edizione di “Forti Fortissimi! le fortezze coinvolte si uniranno in un unico circuito museale e culturale diffuso con proposte pensate per un pubblico diversificato di visitatori e turisti che vedrà protagonisti, anche grandi nomi del teatro. [post_title] => Forti Piemonte: al via il piano di valorizzazione e promozione delle fortificazioni regionali [post_date] => 2024-07-15T10:43:12+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1721040192000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471418 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un fondo di circa 30 milioni di euro all’anno, destinato al sostegno all’imprenditorialità in chiave green e sostenibile, con l’obiettivo di decarbonizzare completamente l’economia di Bruxelles entro il 2050: questo l'impegno economico della Regione di Bruxelles Capitale, a sostegno delle imprese e associazioni - circa 4.000 - che ogni anno decidono di potenziare la propria attività aprendo una filiale o trasferendosi sulla piazza di Bruxelles. Cuore geografico e istituzionale d’Europa, la Capitale delle Capitali offre notevoli opportunità di networking e favorisce i contatti diretti con gli stakeholder, moltiplicando le occasioni di crescita in tutti i campi. In Italia, il fenomeno nel 2023 ha coinvolto più di un centinaio di imprese: a guidarle verso Bruxelles, agevolando i contatti e le relazioni dirette con il tessuto produttivo e associativo locale è hub.brussels, Agenzia Brussellese per l’Accompagnamento dell’Impresa. Forte di una rete di filiali e corrispondenti in tutto il mondo, hub.brussels offre servizi su misura per start-up e scale-up a Bruxelles, nonché consulenza specializzata in merito a internazionalizzazione, clustering, innovazione e, non ultimo, finanziamenti.  «L’Italia è l’ottavo mercato per importanza a livello di import/export per Bruxelles - osserva Guglielmo Pisana, rappresentante della Regione di Bruxelles Capitale in Italia (nella foto) -. La nostra attività si focalizza anche sull’accompagnamento delle imprese di Bruxelles che desiderano distribuire i propri prodotti  in Italia, o investire con attività di vendita e produzione. Il mercato italiano è senz’altro una terra fertile per le aziende brussellesi: ad oggi, sono già state aperte diverse filiali sul territorio e questo sempre in stretta collaborazione con i nostri partner pubblici e privati italiani». [post_title] => Regione di Bruxelles Capitale: sostegno alle imprese con un fondo da 30 mln all’anno [post_date] => 2024-07-15T10:26:20+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1721039180000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471398 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il brand Ritz-Carlton Reserve debutterà nel 2029 negli Emirati Arabi su Ramhan Island a Dubai. A tal fine, il gruppo Marriott ha siglato un accordo con la società locale di investimenti e sviluppi immobiliare, Eagle Hills. Situato su un'isola appartata, il complesso comprenderà 50 ville private da una a quattro camere da letto, tra cui le prime ville galleggianti della regione con vista panoramica sul mare. I piani prevedono anche una serie di servizi per il tempo libero e diversi punti di ristoro. A oggi, il marchio Ritz-Carlton Reserve vanta una collezione di sette proprietà presenti in destinazioni quali Arabia Saudita, Thailandia, Indonesia, Porto Rico e Messico. Sviluppata su una superficie di oltre 4 milioni di metri quadrati, Ramhan Island è costituita da un'isola naturale collegata da una rete di corsi d'acqua. L’area residenziale e turistica fronte mare comprende ville, residenze in marina e hotel di lusso. [post_title] => Ritz-Carlton Reserve debutta negli Emirati su Ramhan Island ad Abu Dhabi [post_date] => 2024-07-15T09:24:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1721035449000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471376 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il turismo rischia di rivelarsi il peggior nemico di sé stesso. E se l’allarme è ormai collettivo ma in cerca di risposte, la Spagna, indicata da Lonely Planet come destinazione leader per la sostenibilità, è la prima referente dell’Ue sul tema. Dal 2023, è capofila degli “Spain Talks. Caring for the Future”, format di carattere globale coordinato da Turespaña che a Milano, al suo terzo appuntamento, ha visto l’Ente spagnolo del turismo, Turismo di Lanzarote e Visit Valencia, celebrare l’eccellenza, l’impegno e l’innovazione di coloro che si sono distinti a favore di un  turismo sempre più responsabile. Prima al mondo per riserve della biosfera, Bandiere Blu e riciclo di acqua con oltre il 36% della superficie terrestre protetta e il 47% di energia generata rinnovabile, la Spagna è una meta turistica di punta e avverte la grande responsabilità di un settore che sta crescendo senza regole.  Da anni sta raccogliendo i frutti di una politica che guarda al futuro, impegnata a fare rete e condividere le sfide del settore, offrendo soluzioni per affrontarle, e individuando le scommesse chiave del futuro. “Negli ultimi otto anni la spesa turistica nell’entroterra è cresciuta del 68%, e quella della Costa Atlantica, la Spagna verde, del 64% - ha dichiarato Isabel Garaña Corces, direttrice dell’ente spagnolo del turismo in Italia -. Un risultato reso possibile da investimenti strutturali supportati anche dai 2,4 miliardi di Euro del fondo Next Gen Eu di cui circa 1,8 destinati ai piani di sostenibilità delle singole destinazioni iberiche, parte al recupero del patrimonio storico e parte per le aziende” Gli effetti positivi sono evidenti ed hanno favorito un cambio di percezione della destinazione che ha visto calare del 21,6%  il tradizionale prodotto sole&mare, incrementando  del 10% i soggiorni culturali e del + 2% le visite in bassa stagione. SpainTalks ha alternato presentazioni di realtà turistiche spagnole a tavole rotonde, panel e confronti con enti, esperti e operatori italiani, nell’ottica di un sinergico scambio di esperienze. Ne sono emersi spunti interessanti. Dalla necessità di politiche che mettano la sostenibilità al centro della gestione pubblica del settore così da favorire il conseguimento di riconoscimenti internazionali; all’importanza di una governance pubblica e privata condivisa, così come di affrontare collettivamente la sostenibilità. Ezequiel García Collantes, direttore delle Relazioni istituzionali della società Segittur della Segreteria Generale del Turismo di Spagna, vero pioniere nella gestione di destinazioni chiave di sostenibilità, ha illustrato come una rete innovativa può migliorare la competitività delle località turistiche e la qualità della vita dei suoi residenti. Blanca Pérez Sauquillo López, vicedirettrice generale di Marketing di Turespaña  e dal prossimo settembre nuovo direttore dell’Ente Spagnolo a Milano, ha poi dialogato con Simona Tedesco, direttrice di Dove, sulla credibilità del turismo come settore che lavora per preservare e migliorare l’ambiente e la vita sia viaggiatori che dei residenti dei luoghi visitati. Tema ripreso dal panel, “Il turismo come impatto positivo nelle comunità”, moderato dalla direttrice scientifica del Food & Wine Tourism Forum, Roberta Milano, che ha evidenziato vari progetti: dalla rete dei caseifici artigianali iberici, alla protezione delle aree naturali, sino alla valorizzazione delle risorse locali e di ecoturismo. Francesco Tapinassi, direttore Toscana Promozione Turistica, ha poi sottolineato il ruolo delle sensazioni del viaggiatore, mentre Marilù Cavallero, presidente di Dafne Viaggi, ha parlato del progetto Quality Made che mira a valorizzare  la qualità dei territori partendo dalle persone che li abitano e li curano. In chiusura,  la chef stellata galizana Lucia Freitas ha illustrato “Amas de terra”, progetto dedicato a tutte quelle donne che quotidianamente lavorano dietro le quinte attorno all’esperienza gastronomica curata da grandi chef. L’edizione milanese di ‘Spain Talks. Caring for the Future’ si è chiusa con l’assegnazione dei Gala Awards a mezzi di comunicazione e aziende impegnate nella promozione della sostenibilità. Alessandro Antonino di ‘Eden’ (La 7) ha vinto il Media Awards, per la miglior copertura della Spagna come destinazione impegnata nella sostenibilità; a Irene Colzi di Irene’s Closet è stato assegnato  l’Ambassador Awards, dedicato a blogger e influencer. L’Experience Awards, per i tour operator con il miglior prodotto turistico sostenibile, ha premiato Travel World Escape Tour Operator; mentre il Business Awards dedicato a tutte le aziende sostenibili: è andato a Samovar Mice. [post_title] => Spagna: le buone pratiche del turismo del futuro. A settembre cambio al vertice dell’ente a Milano [post_date] => 2024-07-12T13:25:14+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720790714000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471130 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' iniziata ufficialmente l'avventura sui mari del gruppo Four Seasons. Presso gli stabilimenti Fincantieri di Ancona è stata infatti ufficialmente impostata ieri la Four Seasons I, che verrà consegnata entro la fine del 2025 e prenderà il mare all’inizio del 2026.  Durante la cerimonia, che rappresenta il momento ufficiale dell'avvio dei lavori di costruzione di una nave in bacino, tre monete appositamente selezionate sono state saldate sul fondo dello scafo come segno di buon auspicio e forma di benedizione. Con uno stile residenziale e composta di sole suite, la Four Seasons I avrà una stazza lorda di 34 mila tonnellate, per 207 metri di lunghezza, con 95 suite esclusive caratterizzate da un design personalizzato, per rimuovere ogni ostacolo tra gli ospiti, il mare e l’ambiente circostante. Ciascuna cabina sarà dotata di un’ampia terrazza esterna di dimensioni variabili, dai 6-13 mq della Seaview suite ai quasi 457 mq della Funnel suite. [post_title] => Fincantieri: iniziata la costruzione della Four Seasons I ad Ancona [post_date] => 2024-07-10T10:51:11+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720608671000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471118 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Taylor Swift arriva a Milano ed è pioggia di ricadute positive sull'economia della città (o quasi): lo "swiftonomics", l'impatto milionario che la cantante americana (in concerto a San Siro nelle due serate del 13 e 14 luglio) porta con sé in ogni tappa del suo tour, nel caso di Milano - secondo i dati di Confcommercio - si tradurrà in una spesa attorno ai 1.380 euro per ciascuno dei previsti 128.000 fan. Una spesa che spazia dagli hotel ai ristoranti, ai trasporti per un indotto turistico complessivo di oltre 176 milioni e mezzo di euro per la città. L'occupazione alberghiera prevista nel prossimo week end è salita al 70%, la richiesta di affitti brevi ha registrato un balzo in avanti dell'11%, mentre AirBnB segnala che le prenotazioni a Milano durante il tour sono cresciute del 250% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.  Ad inanellare dati da record ci sono anche gli aeroporti di Linate e Malpensa: secondo i dati di Sea, ripresi da RaiNews, da venerdì 12 a lunedì 15 luglio (tra arrivi e partenze) il traffico previsto è in aumento dell'8,7%  con oltre 540.000 passeggeri.  Unico neo? Probabilmente gli inevitabili rincari che a pioggia coinvolgeranno tutti gli altri turisti...  [post_title] => Milano e l'effetto Taylor Swift: +8,7% di passeggeri per Malpensa e Linate [post_date] => 2024-07-10T10:19:11+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720606751000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471119 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per Ita Airways, dopo il via libera della commissione per l'accordo con Lufthansa, si attenda il nome di chi la guiderà. In questi giorni ci sono stati dei rumors che vorrebbero come prossimo amministratore delegato di Ita Airways Joerg Eberhart, attuale chief strategy officer di Lufthansa ed ex presidente e ad di Air Dolomiti, compagnia controllata dal gruppo tedesco. Noi avevamo dato notizia di una sua probabile ascesa. Eberhart sarebbe accettato abbastanza bene perché era stato come abbiamo detto, presidente e amministratore delegato di Air Dolomiti. Quindi ha un rapporto consolidato con il nostro Paese e ha una grande esperienza nel campo Conoscitore Eberhart è un perfetto conoscitore del mercato aeronautico italiano, perché Air Dolomiti ha una buona presenza nel Paese. Inoltre vive da diversi anni in Italia, quindi conosce la personalità speciale degli italiani che dovranno confrontarsi con il modo di essere anche peculiare dei tedeschi. In ogni caso ufficialmente regna il silenzio, anche se è evidente che il governo italiano vuole cedere la gestione al più presto. [post_title] => Joerg Eberhart (ex Air Dolomiti) prossimo ad di Ita Airways? [post_date] => 2024-07-10T10:15:57+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720606557000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471106 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Delta Air Lines ha stretto una nuova partnership strategica con Riyadh Air, potenziale preludio ad una futura joint venture. Quella con Delta è forse la più prestigiosa delle intese raggiunge dalla compagnia aerea dell'Arabia Saudita, che prevede di aprire i suoi primi voli commerciali il prossimo anno. Riyadh Air ha dichiarato che l'accordo -  Strategic Cooperation Memorandum of Understanding - consentirà a entrambe le compagnie di ampliare i rispettivi networl: entrambi i vettori confermano di voler trasformare l'accordo in un codeshare. Di fatto l'intesa renderà Delta il partner esclusivo del vettore arabo per il Nord America. Il colosso di Atlanta prevede di lanciare un collegamento diretto tra gli Stati Uniti e Riyadh, ma la tempistica di questi voli non è ancora stata svelata. "L'accordo - si legge nella nota congiunta dei due vettori - getta le basi per una relazione a lungo termine, soggetta alle approvazioni normative, che comprende la connettività interlinea e in codeshare, nonché una partnership più profonda che include la fidelizzazione, l'esperienza del cliente, la trasformazione digitale e servizi di più ampio respiro come quelli di  manutenzione, riparazione e revisione, l'assistenza a terra e la formazione. In futuro, le compagnie aeree intendono esplorare una joint venture per espandere ulteriormente la partnership e consentire la collaborazione sulla pianificazione e la crescita del network. Entrambe le compagnie aeree sono impegnate a promuovere le migliori pratiche di sostenibilità in tutte le loro operazioni, trasformando il futuro dei viaggi". La partnership aprirà ai clienti Delta nuove destinazioni in Arabia Saudita e oltre, compreso il futuro servizio nonstop di Delta tra gli Stati Uniti e l'aeroporto internazionale King Khalid di Riyadh. I clienti di Riyadh Air potranno usufruire del principale network nordamericano di Delta, che offre un comodo accesso a centinaia di destinazioni negli Stati Uniti e non solo". Tony Douglas, ceo di Riyadh Air, prevede di operare i primi voli nell'estate del 2025 e proprio lo scorso mese aveva dichiarato che una partnership con una compagnia aerea nordamericana è "assolutamente essenziale per collegare meglio il Regno al mondo". Tra gli accordi siglati dal vettore negli ultimi mesi ci sono quelli con Singapore Airlines, EgyptAir, Air China and China Eastern. [post_title] => Riyadh Air sigla una nuova partnership strategica con Delta Air Lines [post_date] => 2024-07-10T09:00:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720602054000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "il fondo saudita pif vicinissimo a rocco forte presto la chiusura del deal" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":81,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1442,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471453","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Novità in campo finanziario. Infatti BdM Banca, appartenente al gruppo Mediocredito Centrale, rinnova l'adesione al Fondo rotativo imprese per il sostegno alle imprese e agli investimenti di sviluppo nel turismo, la misura promossa dal ministero del turismo nell'ambito del Pnrr.\r\n\r\nL'iniziativa si rivolge ad alberghi, agriturismi, strutture ricettive all'aria aperta, imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, stabilimenti balneari, complessi termali, porti turistici e parchi tematici che possono richiedere a BdM Banca il finanziamento per accedere alle agevolazioni messe a disposizione dal bando.\r\n La delibera bancaria deve essere allegata dall'impresa alla domanda di agevolazione da presentare entro il 31 luglio attraverso la procedura informatica del gestore Invitalia.\r\nCon un ammontare compreso tra i 500 mila e i 10 milioni di euro, gli investimenti devono essere finalizzati al miglioramento dei servizi di ospitalità e al potenziamento delle strutture ricettive, in un'ottica di digitalizzazione e sostenibilità ambientale.\r\nSostenibilità e Mezzogiorno\r\nAlmeno il 50% delle risorse è riservata agli investimenti di riqualificazione energetica, mentre una quota di almeno il 40% è destinata a interventi realizzati nelle regioni del Mezzogiorno.\r\n\r\nLa durata del finanziamento bancario, tra 4 e 15 anni, compresi 3 anni di preammortamento, e il suo importo devono essere uguali a quelli del finanziamento a tasso agevolato concesso da Cassa Depositi e Prestiti previsto dal bando congiuntamente a un contributo diretto alla spesa fino a un massimo del 35% dell'investimento agevolabile. La somma del contributo e dei due finanziamenti non può superare il 100% dell'investimento ammissibile.\r\n ","post_title":"BdM: credito alle imprese del turismo fino a 10 milioni di euro","post_date":"2024-07-15T15:19:53+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1721056793000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471423","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Testimone del tempo e della storia, il sistema fortificato del Piemonte, che per secoli difese una terra a lungo contesa, si riconferma un asset strategico per la promozione dei territori attraverso la cultura. Un progetto avviato nel 2023 che rinnova e amplia l’accordo fra regione Piemonte e Fondazione Compagnia di San Paolo.\r\n\r\nL’estate 2024, oltre ai forti di Exilles, Fenestrelle (To) , Gavi  (Al) e Vinadio (Cn), già coinvolti lo scorso anno, presenta la novità dell’Opera 5 di Moiola (Cn), struttura in caverna tra le più grandi del cuneese, che fa parte di un più ampio sistema di difesa costruito in Valle Stura, e il progetto Le Strade dei Forti nato nell’ambito del Bando “In Luce per valorizzare e raccontare le identità culturali del Pinerolese.\r\n\r\nDa luglio musica, spettacoli, visite guidate, molte altre iniziative turistico - culturali e un gioco a premi per incentivare la visita di tutti i siti coinvolti animeranno i siti coinvolti.. L’iniziativa culminerà il 21 e 22 settembre con la seconda edizione del weekend “Forti Fortissimi!” e sarà identificata della brand identity “Forti Fortissimi” che condensa in un logotipo e in un’immagine coordinata l’identità del progetto.\r\n\r\n« Forti Piemonte – ha sottolineato Marina Chiarelli, nuovo assessore regionale alla Cultura, Turismo e Sport – , intende valorizzazione un patrimonio che ci ricorda la storia millenaria del nostro Piemonte ed è destinato non solo ad attrarre un pubblico internazionale, ma anche a far riscoprire a noi stessi luoghi che spesso sono rimasti nell'ombra». Un volano anche per l’economia locale, comer icorda Matteo Bagnasco, responsabile dell’Obiettivo Cultura della Fondazione Compagnia di San Paolo. \r\n\r\n«Siamo convinti che la valorizzazione del nostro patrimonio culturale sia un fondamentale driver di sviluppo sostenibile per i luoghi e per le loro comunità . E’ fondamentale operare in un’ottica sistemica, cooperare e concertare con tutti gli attori che vivono, animano e gestiscono i territori, valorizzando le reti e i network.\r\n\r\nA coordinare l’intera iniziativa la Fondazione Artea, in collaborazione con Associazione Abbonamento Musei, Fondazione Piemonte  dal Vivo, Visit Piemonte, con il supporto di enti, associazioni e stakeholders locali, direttamente o indirettamente coinvolti nella gestione e nell’animazione dei forti.\r\n\r\nForti Piemonte 2024 prevede una campagna di promozione e valorizzazione dei siti coinvolti e delle attività organizzate nei mesi estivi. In chiusura, il 21 e 22 settembre per la 2.a  edizione di “Forti Fortissimi! le fortezze coinvolte si uniranno in un unico circuito museale e culturale diffuso con proposte pensate per un pubblico diversificato di visitatori e turisti che vedrà protagonisti, anche grandi nomi del teatro.","post_title":"Forti Piemonte: al via il piano di valorizzazione e promozione delle fortificazioni regionali","post_date":"2024-07-15T10:43:12+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1721040192000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471418","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un fondo di circa 30 milioni di euro all’anno, destinato al sostegno all’imprenditorialità in chiave green e sostenibile, con l’obiettivo di decarbonizzare completamente l’economia di Bruxelles entro il 2050: questo l'impegno economico della Regione di Bruxelles Capitale, a sostegno delle imprese e associazioni - circa 4.000 - che ogni anno decidono di potenziare la propria attività aprendo una filiale o trasferendosi sulla piazza di Bruxelles.\r\n\r\nCuore geografico e istituzionale d’Europa, la Capitale delle Capitali offre notevoli opportunità di networking e favorisce i contatti diretti con gli stakeholder, moltiplicando le occasioni di crescita in tutti i campi.\r\nIn Italia, il fenomeno nel 2023 ha coinvolto più di un centinaio di imprese: a guidarle verso Bruxelles, agevolando i contatti e le relazioni dirette con il tessuto produttivo e associativo locale è hub.brussels, Agenzia Brussellese per l’Accompagnamento dell’Impresa. Forte di una rete di filiali e corrispondenti in tutto il mondo, hub.brussels offre servizi su misura per start-up e scale-up a Bruxelles, nonché consulenza specializzata in merito a internazionalizzazione, clustering, innovazione e, non ultimo, finanziamenti. \r\n«L’Italia è l’ottavo mercato per importanza a livello di import/export per Bruxelles - osserva Guglielmo Pisana, rappresentante della Regione di Bruxelles Capitale in Italia (nella foto) -. La nostra attività si focalizza anche sull’accompagnamento delle imprese di Bruxelles che desiderano distribuire i propri prodotti  in Italia, o investire con attività di vendita e produzione. Il mercato italiano è senz’altro una terra fertile per le aziende brussellesi: ad oggi, sono già state aperte diverse filiali sul territorio e questo sempre in stretta collaborazione con i nostri partner pubblici e privati italiani».","post_title":"Regione di Bruxelles Capitale: sostegno alle imprese con un fondo da 30 mln all’anno","post_date":"2024-07-15T10:26:20+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1721039180000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471398","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il brand Ritz-Carlton Reserve debutterà nel 2029 negli Emirati Arabi su Ramhan Island a Dubai. A tal fine, il gruppo Marriott ha siglato un accordo con la società locale di investimenti e sviluppi immobiliare, Eagle Hills. Situato su un'isola appartata, il complesso comprenderà 50 ville private da una a quattro camere da letto, tra cui le prime ville galleggianti della regione con vista panoramica sul mare. I piani prevedono anche una serie di servizi per il tempo libero e diversi punti di ristoro.\r\n\r\nA oggi, il marchio Ritz-Carlton Reserve vanta una collezione di sette proprietà presenti in destinazioni quali Arabia Saudita, Thailandia, Indonesia, Porto Rico e Messico. Sviluppata su una superficie di oltre 4 milioni di metri quadrati, Ramhan Island è costituita da un'isola naturale collegata da una rete di corsi d'acqua. L’area residenziale e turistica fronte mare comprende ville, residenze in marina e hotel di lusso.","post_title":"Ritz-Carlton Reserve debutta negli Emirati su Ramhan Island ad Abu Dhabi","post_date":"2024-07-15T09:24:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1721035449000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471376","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il turismo rischia di rivelarsi il peggior nemico di sé stesso. E se l’allarme è ormai collettivo ma in cerca di risposte, la Spagna, indicata da Lonely Planet come destinazione leader per la sostenibilità, è la prima referente dell’Ue sul tema. Dal 2023, è capofila degli “Spain Talks. Caring for the Future”, format di carattere globale coordinato da Turespaña che a Milano, al suo terzo appuntamento, ha visto l’Ente spagnolo del turismo, Turismo di Lanzarote e Visit Valencia, celebrare l’eccellenza, l’impegno e l’innovazione di coloro che si sono distinti a favore di un  turismo sempre più responsabile.\r\n\r\nPrima al mondo per riserve della biosfera, Bandiere Blu e riciclo di acqua con oltre il 36% della superficie terrestre protetta e il 47% di energia generata rinnovabile, la Spagna è una meta turistica di punta e avverte la grande responsabilità di un settore che sta crescendo senza regole.  Da anni sta raccogliendo i frutti di una politica che guarda al futuro, impegnata a fare rete e condividere le sfide del settore, offrendo soluzioni per affrontarle, e individuando le scommesse chiave del futuro.\r\n\r\n“Negli ultimi otto anni la spesa turistica nell’entroterra è cresciuta del 68%, e quella della Costa Atlantica, la Spagna verde, del 64% - ha dichiarato Isabel Garaña Corces, direttrice dell’ente spagnolo del turismo in Italia -. Un risultato reso possibile da investimenti strutturali supportati anche dai 2,4 miliardi di Euro del fondo Next Gen Eu di cui circa 1,8 destinati ai piani di sostenibilità delle singole destinazioni iberiche, parte al recupero del patrimonio storico e parte per le aziende” Gli effetti positivi sono evidenti ed hanno favorito un cambio di percezione della destinazione che ha visto calare del 21,6%  il tradizionale prodotto sole&mare, incrementando  del 10% i soggiorni culturali e del + 2% le visite in bassa stagione.\r\n\r\nSpainTalks ha alternato presentazioni di realtà turistiche spagnole a tavole rotonde, panel e confronti con enti, esperti e operatori italiani, nell’ottica di un sinergico scambio di esperienze. Ne sono emersi spunti interessanti. Dalla necessità di politiche che mettano la sostenibilità al centro della gestione pubblica del settore così da favorire il conseguimento di riconoscimenti internazionali; all’importanza di una governance pubblica e privata condivisa, così come di affrontare collettivamente la sostenibilità. Ezequiel García Collantes, direttore delle Relazioni istituzionali della società Segittur della Segreteria Generale del Turismo di Spagna, vero pioniere nella gestione di destinazioni chiave di sostenibilità, ha illustrato come una rete innovativa può migliorare la competitività delle località turistiche e la qualità della vita dei suoi residenti. Blanca Pérez Sauquillo López, vicedirettrice generale di Marketing di Turespaña  e dal prossimo settembre nuovo direttore dell’Ente Spagnolo a Milano, ha poi dialogato con Simona Tedesco, direttrice di Dove, sulla credibilità del turismo come settore che lavora per preservare e migliorare l’ambiente e la vita sia viaggiatori che dei residenti dei luoghi visitati.\r\n\r\nTema ripreso dal panel, “Il turismo come impatto positivo nelle comunità”, moderato dalla direttrice scientifica del Food & Wine Tourism Forum, Roberta Milano, che ha evidenziato vari progetti: dalla rete dei caseifici artigianali iberici, alla protezione delle aree naturali, sino alla valorizzazione delle risorse locali e di ecoturismo. Francesco Tapinassi, direttore Toscana Promozione Turistica, ha poi sottolineato il ruolo delle sensazioni del viaggiatore, mentre Marilù Cavallero, presidente di Dafne Viaggi, ha parlato del progetto Quality Made che mira a valorizzare  la qualità dei territori partendo dalle persone che li abitano e li curano. In chiusura,  la chef stellata galizana Lucia Freitas ha illustrato “Amas de terra”, progetto dedicato a tutte quelle donne che quotidianamente lavorano dietro le quinte attorno all’esperienza gastronomica curata da grandi chef.\r\n\r\nL’edizione milanese di ‘Spain Talks. Caring for the Future’ si è chiusa con l’assegnazione dei Gala Awards a mezzi di comunicazione e aziende impegnate nella promozione della sostenibilità. Alessandro Antonino di ‘Eden’ (La 7) ha vinto il Media Awards, per la miglior copertura della Spagna come destinazione impegnata nella sostenibilità; a Irene Colzi di Irene’s Closet è stato assegnato  l’Ambassador Awards, dedicato a blogger e influencer. L’Experience Awards, per i tour operator con il miglior prodotto turistico sostenibile, ha premiato Travel World Escape Tour Operator; mentre il Business Awards dedicato a tutte le aziende sostenibili: è andato a Samovar Mice.","post_title":"Spagna: le buone pratiche del turismo del futuro. A settembre cambio al vertice dell’ente a Milano","post_date":"2024-07-12T13:25:14+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1720790714000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471130","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' iniziata ufficialmente l'avventura sui mari del gruppo Four Seasons. Presso gli stabilimenti Fincantieri di Ancona è stata infatti ufficialmente impostata ieri la Four Seasons I, che verrà consegnata entro la fine del 2025 e prenderà il mare all’inizio del 2026.  Durante la cerimonia, che rappresenta il momento ufficiale dell'avvio dei lavori di costruzione di una nave in bacino, tre monete appositamente selezionate sono state saldate sul fondo dello scafo come segno di buon auspicio e forma di benedizione.\r\n\r\nCon uno stile residenziale e composta di sole suite, la Four Seasons I avrà una stazza lorda di 34 mila tonnellate, per 207 metri di lunghezza, con 95 suite esclusive caratterizzate da un design personalizzato, per rimuovere ogni ostacolo tra gli ospiti, il mare e l’ambiente circostante. Ciascuna cabina sarà dotata di un’ampia terrazza esterna di dimensioni variabili, dai 6-13 mq della Seaview suite ai quasi 457 mq della Funnel suite.","post_title":"Fincantieri: iniziata la costruzione della Four Seasons I ad Ancona","post_date":"2024-07-10T10:51:11+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1720608671000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471118","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Taylor Swift arriva a Milano ed è pioggia di ricadute positive sull'economia della città (o quasi): lo \"swiftonomics\", l'impatto milionario che la cantante americana (in concerto a San Siro nelle due serate del 13 e 14 luglio) porta con sé in ogni tappa del suo tour, nel caso di Milano - secondo i dati di Confcommercio - si tradurrà in una spesa attorno ai 1.380 euro per ciascuno dei previsti 128.000 fan.\r\n\r\nUna spesa che spazia dagli hotel ai ristoranti, ai trasporti per un indotto turistico complessivo di oltre 176 milioni e mezzo di euro per la città. L'occupazione alberghiera prevista nel prossimo week end è salita al 70%, la richiesta di affitti brevi ha registrato un balzo in avanti dell'11%, mentre AirBnB segnala che le prenotazioni a Milano durante il tour sono cresciute del 250% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. \r\n\r\nAd inanellare dati da record ci sono anche gli aeroporti di Linate e Malpensa: secondo i dati di Sea, ripresi da RaiNews, da venerdì 12 a lunedì 15 luglio (tra arrivi e partenze) il traffico previsto è in aumento dell'8,7%  con oltre 540.000 passeggeri. \r\n\r\nUnico neo? Probabilmente gli inevitabili rincari che a pioggia coinvolgeranno tutti gli altri turisti... ","post_title":"Milano e l'effetto Taylor Swift: +8,7% di passeggeri per Malpensa e Linate","post_date":"2024-07-10T10:19:11+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1720606751000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471119","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per Ita Airways, dopo il via libera della commissione per l'accordo con Lufthansa, si attenda il nome di chi la guiderà. In questi giorni ci sono stati dei rumors che vorrebbero come prossimo amministratore delegato di Ita Airways Joerg Eberhart, attuale chief strategy officer di Lufthansa ed ex presidente e ad di Air Dolomiti, compagnia controllata dal gruppo tedesco. Noi avevamo dato notizia di una sua probabile ascesa.\r\n\r\nEberhart sarebbe accettato abbastanza bene perché era stato come abbiamo detto, presidente e amministratore delegato di Air Dolomiti. Quindi ha un rapporto consolidato con il nostro Paese e ha una grande esperienza nel campo\r\nConoscitore\r\nEberhart è un perfetto conoscitore del mercato aeronautico italiano, perché Air Dolomiti ha una buona presenza nel Paese. Inoltre vive da diversi anni in Italia, quindi conosce la personalità speciale degli italiani che dovranno confrontarsi con il modo di essere anche peculiare dei tedeschi.\r\n\r\nIn ogni caso ufficialmente regna il silenzio, anche se è evidente che il governo italiano vuole cedere la gestione al più presto.","post_title":"Joerg Eberhart (ex Air Dolomiti) prossimo ad di Ita Airways?","post_date":"2024-07-10T10:15:57+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1720606557000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471106","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Delta Air Lines ha stretto una nuova partnership strategica con Riyadh Air, potenziale preludio ad una futura joint venture. Quella con Delta è forse la più prestigiosa delle intese raggiunge dalla compagnia aerea dell'Arabia Saudita, che prevede di aprire i suoi primi voli commerciali il prossimo anno.\r\n\r\nRiyadh Air ha dichiarato che l'accordo -  Strategic Cooperation Memorandum of Understanding - consentirà a entrambe le compagnie di ampliare i rispettivi networl: entrambi i vettori confermano di voler trasformare l'accordo in un codeshare. Di fatto l'intesa renderà Delta il partner esclusivo del vettore arabo per il Nord America.\r\n\r\nIl colosso di Atlanta prevede di lanciare un collegamento diretto tra gli Stati Uniti e Riyadh, ma la tempistica di questi voli non è ancora stata svelata.\r\n\r\n\"L'accordo - si legge nella nota congiunta dei due vettori - getta le basi per una relazione a lungo termine, soggetta alle approvazioni normative, che comprende la connettività interlinea e in codeshare, nonché una partnership più profonda che include la fidelizzazione, l'esperienza del cliente, la trasformazione digitale e servizi di più ampio respiro come quelli di  manutenzione, riparazione e revisione, l'assistenza a terra e la formazione. In futuro, le compagnie aeree intendono esplorare una joint venture per espandere ulteriormente la partnership e consentire la collaborazione sulla pianificazione e la crescita del network. Entrambe le compagnie aeree sono impegnate a promuovere le migliori pratiche di sostenibilità in tutte le loro operazioni, trasformando il futuro dei viaggi\".\r\n\r\nLa partnership aprirà ai clienti Delta nuove destinazioni in Arabia Saudita e oltre, compreso il futuro servizio nonstop di Delta tra gli Stati Uniti e l'aeroporto internazionale King Khalid di Riyadh. I clienti di Riyadh Air potranno usufruire del principale network nordamericano di Delta, che offre un comodo accesso a centinaia di destinazioni negli Stati Uniti e non solo\".\r\n\r\nTony Douglas, ceo di Riyadh Air, prevede di operare i primi voli nell'estate del 2025 e proprio lo scorso mese aveva dichiarato che una partnership con una compagnia aerea nordamericana è \"assolutamente essenziale per collegare meglio il Regno al mondo\".\r\n\r\nTra gli accordi siglati dal vettore negli ultimi mesi ci sono quelli con Singapore Airlines, EgyptAir, Air China and China Eastern.","post_title":"Riyadh Air sigla una nuova partnership strategica con Delta Air Lines","post_date":"2024-07-10T09:00:54+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1720602054000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti