28 February 2024

KiboTours, itinerario alla scoperta dell’antica Birmania

[ 0 ]

“Myanmar: la Grande Magia” è il viaggio proposto da KiboTours per scoprire le meraviglie dell’antica Birmania. La principale via di comunicazione del Paese è il fiume Irrawaddy, e proprio seguendo il suo corso ci si addentra tra villaggi e templi, respirando l’atmosfera letteraria dei romanzi di Kipling, e immergendosi nel ritmo lento delle comunità tradizionali.

Si arriva a Yangon, per poi proseguire (via aereo) per Heho e il lago Inle e ancora per Mandalay, la capitale religiosa, e Amarapura. L’itinerario ha una durata di 8 giorni ed è proposto a partire da 1780 euro a persona I viaggi di KiboTours sono prenotabili nelle agenzie convenzionate. 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462326 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_456296" align="alignleft" width="286"] Leonardo Massa[/caption] Una proposta innovativa, capace di offrire un’esperienza di viaggio unica, frutto della collaborazione tra due consolidati operatori del turismo italiani: Msc Crociere e Veratour. Partita a inizio 2024, la partnership tra le due aziende ha dato il via al progetto “Mix & Cruise”, attraverso cui i clienti possono accedere a una vacanza che combina il meglio di entrambe le realtà: il fascino della crociera Msc abbinato a un periodo a terra presso i villaggi Veratour o le strutture selezionate dal tour operator. «La possibilità di unire l’esperienza in crociera con l’opportunità di trascorrere un periodo all’interno di una delle strutture proposte da Veratour, consente agli ospiti di godere di una vacanza diversificata e stimolante. Con le nostre navi è possibile partire tutto l’anno da Port Canaveral, Miami e New York e raggiungere Ocean Cay Msc Marine Reserve l’isola privata della compagnia situata alle Bahamas. Tutte le nostre crociere offrono standard qualitativi elevati, offrendo ai passeggeri itinerari esclusivi e confort e relax a bordo», ha dichiarato Leonardo Massa, vice president southern Europe della divisione crociere del gruppo Msc. Già disponibili per i viaggiatori più esigenti un’ampia selezione di viaggi combinati che possono prevedere le metropoli più iconiche, i grandi spazi americani e le isole caraibiche, per un mix appassionante in un unico pacchetto. «I clienti sono sempre alla ricerca di nuovi stimoli, senza voler rinunciare ai servizi e all’alta qualità. Msc Crociere rappresenta il mondo delle crociere al meglio, con standard elevati e consolidata esperienza, per questo con loro è stato facile dar vita a questa innovazione. Abbiamo la stessa cura verso gli ospiti e la garanzia del Made in Italy. Siamo certi che questa proposta avrà il successo che merita”, ha sottolineato Stefano Pompili, co-ceo Veratour I pacchetti ad oggi disponibili sono della durata di circa due settimane, con partenze dall’Italia dai principali aeroporti. Otto gli itinerari già disponibili, personalizzabili tra diverse mete degli Stati Uniti, del Centro America e delle isole caraibiche. Crociere di 3, 7 o 11 notti con partenza da New York, Miami e Port Canaveral e stop nell’iconica isola privata di Ocean Cay MSC Marine Riserve, situata nel cuore delle Bahamas. Cinque diverse navi MSC Crociere tutte dotate di ogni comfort e attente all’ambiente grazie all’implementazione di tecnologie pulite. Le strutture Veratour in abbinata sono i Veraclub in Messico, Jamaica, Repubblica Dominicana o altri hotel selezionati. Presto disponibili ulteriori proposte con partenze da Dubai, Abu Dhabi, Doha e dal Giappone [post_title] => Parte la collaborazione su prodotto fra Msc e Veratour [post_date] => 2024-02-27T13:18:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709039937000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462292 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Catalogna conferma il proprio ruolo strategico per il turismo spagnolo, contribuendo per il 21,2% al numero di arrivi stranieri nel Paese: in altre parole, la regione nel 2023 ha accolto 25,7 milioni di visitatori, per una crescita del 15,5% sul 2022. Con 1.283.254 viaggiatori, l’Italia occupa il 5° posto, l'equivalente del 7,1% del totale degli arrivi internazionali, con una spesa media a persona di 688,3 euro (per un volume totale di 883,3 milioni di euro). Fa eccezione il mese di dicembre 2023, quando il turismo italiano in Catalogna è balzato al 2° posto, dietro soltanto alla Francia, con 91.414 turisti (il 9% del totale). Nella classifica statale della spesa turistica estera totale, infine, la Catalogna è terza dopo la capitale spagnola Madrid e le Isole Canarie. Forte del successo ottenuto nel 2023, la regione punta a migliorare ulteriormente la propria performance con strategie di appeal turistico che si basano sulla destagionalizzazione e diversificazione dell'offerta, grazie alla partecipazione alle principali fiere, eventi, workshop e manifestazioni di settore e Mice, e al rafforzamento dei punti d'attrattiva chiave della destinazione: cultura, enogastronomia, eventi, sport, attività all'aria aperta e gli itinerari del Grand Tour della Catalogna. Le attività outdoor, dal cicloturismo all'escursionismo e il turismo nautico, saranno protagoniste con un'ospitalità dedicata (camping, glamping e bike hotel) e il link agli eventi iconici in programma nel 2024 come l'America’s Cup, la 103ª Volta Ciclista a Catalunya, il Monster Energy MotoGP Grand Prix Barcelona e la Formula 1 AWS GP Catalunya Barcelona. Quest'anno anche la cultura sarà in pole position, con le celebrazioni per il centenario dalla nascita di Antoni Tàpies, il grande artista catalano omaggiato con una serie di appuntamenti, mostre ed esposizioni che avranno come fulcro la Fondazione Antoni Tàpies a Barcellona, e l'avvicinarsi degli eventi per il millenario di Montserrat, che cadrà nel 2025 per ricordare i mille anni dalla fondazione dell'importante Monastero benedettino di Santa Maria. Infine, in attesa della nomina della Catalogna a Regione Mondiale della Gastronomia nel 2025, non potrà mancare il focus sull'enogastronomia.    [post_title] => Catalogna: arrivi record nel 2023. E quest'anno si punta su outdoor e cultura [post_date] => 2024-02-27T10:45:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709030705000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462301 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Crescita a doppia cifra per Bruxelles che nel periodo gennaio-ottobre 2023 centra un +15% di arrivi rispetto allo stesso periodo del 2022, mentre i pernottamenti salgono del +18%.  Secondo l'analisi di Visit Brussels, in linea con la tendenza in atto negli ultimi anni, ad incidere sui numeri è soprattutto il leisure, arrivato a sfiorare il 50% degli arrivi totali, anche se il 2023 ha visto una significativa ripresa del business travel, con un +25% di arrivi e +26% di pernottamenti rispetto al 2022: a incidere particolarmente sugli andamenti è la grande ripresa dei flussi dall’oriente, in primis da Cina e Giappone. Performance particolarmente positiva per l'Italia, che si conferma al primo posto tra i mercati dell’Ue per tasso di crescita, con arrivi in media a +22% e pernottamenti in aumento del 23% rispetto all’anno precedente; i dati sono migliori anche rispetto ai mercati più consolidati, come Spagna e Germania. Ottime poi le prestazioni nei mesi più caldi, agosto in particolare, seguiti dal canonico periodo dei city-break primaverili. «Nei primi 10 mesi del 2023 il 53% degli arrivi italiani è legato al leisure, a fronte di un business travel in netta ripresa ma non ancora ai livelli del 2019 - commenta Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles -. Oltre alle percentuali, crescono i numeri in valore assoluto, segno che gli italiani stanno imparando ad apprezzare la destinazione e la sua versatilità. Da sempre conosciuta per il Parlamento Europeo, la cultura pop, la birra e il cioccolato, Bruxelles sta investendo su una serie di proposte di carattere culturale in grado di intercettare non solo il pubblico degli addetti ai lavori, ma anche un target più trasversale di appassionati e amatori, come l’anno dell’art nouveau nel 2023 e le nuove mostre dedicate al surrealismo, in programma per tutta la prima parte del 2024».  Fitto il calendario di appuntamenti con il trade, a cominciare dalla Btm Italia, decima edizione della fiera b2b di promozione del turismo del sud Italia, che si terrà a Bari dal 27 al 29 febbraio. Spazio anche agli eventi presso la Brussels House di Milano: Brussels Academy, con attività di formazione e networking per gli operatori del turismo, e Atelier Chocolat, per conoscere con le “mani in pasta” la dolcissima cultura del cioccolato belga. In occasione della Milano Design Week (in programma dal 15 al 21 aprile), infine, la Brussels House aprirà anche al pubblico che potrà ammirare le opere di artisti e designers brussellesi. In autunno è inoltre prevista la consueta partecipazione a Ttg Travel Experience. [post_title] => Bruxelles: il mercato Italia registra il più elevato tasso di crescita in Europa, +22% [post_date] => 2024-02-27T10:15:51+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709028951000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462265 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Giamaica tutta da (ri)scoprire attraverso il film "Bob Marley: One Love", dedicato alla leggenda della musica reggae che ha lasciato un'impronta indelebile nella storia musicale mondiale. Quest'opera cinematografica celebra la vita e l'eredità di Bob Marley, offrendo uno sguardo intimo sulla complessa personalità del cantautore giamaicano e ripercorrendo i momenti più significativi della sua vita. Il film, sugli schermi italiani dalla scorsa settimana, offre anche l'opportunità di immergersi completamente nello spirito dell’isola, esplorando i momenti che hanno segnato la vita del cantautore, godendo della vibrante scena musicale e scoprendo la bellezza naturale che offre l’isola. L’itinerario parte proprio dal Sangster International Airport di Montego Bay. Qui, infatti, è possibile mangiare nel primo ristorante al mondo con il marchio del cantautore giamaicano, chiamato proprio "Bob Marley - One Love".  Si passa poi alle incantevoli spiagge di Montego Bay, con la sua vivace vita notturna e i ritmi caraibici del Margaritaville, sede ogni luglio del Reggae Sumfest. La tappa successiva è Negril, conosciuta come la "perla dei Caraibi.  Qui, è possibile ascoltare la migliore musica dal vivo al Rick's Cafè, rigorosamente all'aperitivo per godersi il meraviglioso tramonto che offre ogni sera. Il viaggio prosegue nel cuore della Giamaica, a Nine Mile, il pittoresco villaggio incastonato tra le colline di St.Ann, dove il Re del Reggae è nato il 6 febbraio 1945, per poi proseguire verso la vibrante Kingston, la capitale della Giamaica, dove la casa al 56 di Hope Road è diventata un museo-santuario che celebra la vita e l'eredità dell'artista. Le stanze del museo sono come un diario visivo della sua straordinaria carriera; il quartiere di Trenchtown a Kingston, luogo di ispirazione per la celeberrima "No Woman, No Cry", inoltre, ospita il Culture Yard, una esposizione di memorabilia reggae e rasta. Gli amanti della musica e del folklore rimarranno affascinati dalle celebrazioni del Reggae Month, un momento dell'anno in cui l'intera Giamaica vibra al suono del reggae. Concerti, festival e eventi culturali dedicati a questo genere musicale permeano l'isola, offrendo ai visitatori un'esperienza unica di immersione nelle tradizioni giamaicane. Il Reggae Sumfest, in programma dal 14 al 20 luglio, è un altro festival musicale immancabile sull’isola. [post_title] => Giamaica da conoscere attraverso un tour alla scoperta dei luoghi cari a Bob Marley [post_date] => 2024-02-27T09:25:34+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709025934000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462275 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nove itinerari in India e Nepal per assistere al Maha Kumbh Mela di Allahabad, il 3 febbraio 2025. Li propone Kel 12 per chi vuole partecipare al più grande raduno religioso al mondo, che va in scena ogni 12 anni sulle rive del Gange, in una della quattro città più sacre del paese: un rito antichissimo, uno dei più grandi spettacoli umani che esistano, in cui i fedeli arrivano per purificarsi attraverso il bagno nel fiume; milioni di persone che superano divisioni di casta, religione e provenienza. “Niente è come il Maha Kumbh Mela. E per poter vivere questa esperienza, questo viaggio nell’anima più intima e profonda dell’India, abbiamo studiato nove differenti tour che convergeranno tutti ad Allahabad tra il 2 e 3 febbraio - spiega la product manager Kel 12 - Viaggi Levi, Rosanna Locati -. Sette proposte sono già online, mentre altre due sono di prossima uscita e prevedono tour sul Gange a bordo di una barca in esclusiva: viaggi evento nell’evento, con partenza garantita, studiati per poter far scoprire l’anima più autentica e spirituale di questo paese. Ad Allahabad i nostri gruppi, per un totale di 200 persone, avranno la possibilità di sostare per tre giorni in un campo tendato dotato di una tenda-ristorante e di tende con più ambienti, provviste di veri e propri letti, lenzuola, coperte, bagno privato con doccia, veranda ed elettricità. Ogni gruppo manterrà la propria autonomia organizzativa nella gestione delle giornate, tranne che per i momenti dei pasti". [post_title] => Kel 12: nove itinerari per assistere in India al più grande raduno religioso al mondo [post_date] => 2024-02-27T09:25:22+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709025922000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462247 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono stati 24 gli agenti di viaggio recentemente coinvolti in un fam trip in Giordania, realizzato da Bluvacanze e Vivere&Viaggiare, insieme a KappaViaggi e alla compagnia aerea Royal Jordanian. L'iniziativa è stata organizzata con l'obiettivo sia di  avviare una collaborazione sugli itinerari religiosi, sia per sensibilizzare i viaggiatori sulla sicurezza della Giordania e sulla sua distanza geografica dalle zone di conflitto in Medio Oriente. «Le attività di education sulle destinazioni ci portano lungo il corso dell’anno a visitare diversi Paesi, ma questa occasione ha una portata più ampia – commenta Antimo Russo della direzione network del gruppo Bluvacanze -: con KappaViaggi non abbiamo solo voluto far conoscere le componenti nuove di un prodotto largamente apprezzato, ma testimoniare in prima persona che in Giordania non c’è ragione di temere alcuna insicurezza». «Questa ennesima occasione di formazione e scoperta di una destinazione con gli agenti del gruppo Bluvacanze è stata un’esperienza che ha dato modo di rafforzare ulteriormente la collaborazione con il network - gli fa eco il direttore generale KappaViaggi, Michele Mazzini -. La scelta della destinazione è stata fatta in modo cosciente, per ben far comprendere quanto questo Paese, la Giordania, sia sempre visitabile e magnifico, nonostante i tristi eventi attuali. Il supporto in loco della nostra dmc, della popolazione e dell’ente del turismo della Giordania, è stato completo ed eccellente». [post_title] => Gli agenti di viaggio in Giordania insieme al gruppo Bluvacanze e a KappaViaggi [post_date] => 2024-02-26T12:49:50+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708951790000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462236 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Centro e Sud Italia si riconfermano aree di "importanza strategica" per la Slovenia, che anche quest'anno torna alla Bmt di Napoli: ben quattro i co-espositori che accompagneranno l’Ente Sloveno per il Turismo, rispetto ai due dello scorso anno. «In un’ottica di ulteriore crescita dei flussi turistici dall’Italia verso la Slovenia – conferma Aljosa Ota, direttore dell’Ente in Italia – è per noi fondamentale portare la nostra attenzione e i nostri prodotti ad un mercato che ha grosse potenzialità, che non può che crescere e che da sempre ha dimostrato grande interesse nei confronti del nostro territorio». Partecipazione a fiere, attività di co-marketing, workshop e roadshow, eventi dedicati, una carrellata di azioni che già nello scorso anno ha dato i suoi frutti quando, trainato da un dicembre 2023 da record, che ha visto ben 63.162 italiani visitare la Slovenia (pari al 29,25% degli arrivi totali dall’estero) per 125.560 pernottamenti (25,5% del totale dall’estero), l’incoming dall’Italia si è ritagliato una fetta di mercato dell’11% degli arrivi (+17,4% rispetto al 2022), corrispondenti al 9,3% dei pernottamenti totali dall’estero (+17,8%): in sostanza nel 2023 solo la Germania ha fatto meglio dell’Italia. «Parliamo di dati importanti che si inseriscono nel contesto di un anno che è stato da record per la Slovenia che è andata a posizionarsi in cima alle classifiche europee per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con una crescita rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022. Superarci è, quindi, una missione molto ambiziosa che può trovare il suo sbocco andando a presidiare quei territori che hanno grosse potenzialità come quelli del centro e sud Italia». I co-espositori sono due catene alberghiere, Hit Alpinea Hotels & Apartments Kranjska Gora e Sava Hotels&Resorts; un dmc locale, Palma TO e una destinazione, Love Istria. Alla luce anche dell’importante novità, già annunciata ad inizio anno, e cioè l’introduzione del Frecciarossa Milano-Lubiana per il quale è stato recentemente siglato l’accordo preliminare tra Trenitalia e SPassenger Transport, società ferroviaria slovena, per l’avvio del collegamento diretto tra il capoluogo lombardo e la capitale slovena. Il nuovo collegamento ferroviario va ad aggiungersi all’annuncio di Ryanair di posizionarsi nello scalo di Trieste (ad un’ora e mezza d’auto da Lubiana) a partire dal prossimo aprile, in un quadro d’insieme che vede Italia e Slovenia sempre più vicine, sempre più accessibili anche per gli utenti del centro e sud Italia [post_title] => La Slovenia scommette sui flussi da Centro-Sud Italia, «area di importanza strategica» [post_date] => 2024-02-26T11:46:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708947996000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462224 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si conferma la centralità dei Caraibi per i programmi invernali di Norwegian Cruise Line. Anche per il prossimo anno le due navi di debutto della nuovissima classe Prima, l'unità omonima e la Viva, incroceranno infatti al largo della regione centro-americana: dal 30 novembre 2024 al 2 gennaio 2025, la Prima offrirà in particolare crociere di dieci-dodici giorni da New York ai Caraibi orientali, con scalo a Puerto Plata, Repubblica Dominicana, St. Thomas, Isole Vergini americane e Philippsburg, St. Maarteen. Il 17 gennaio tornerà quindi a Galveston, in Texas, e navigherà per itinerari di sette e 14 giorni. La Viva, invece, tornerà a San Juan, Porto Rico, il 15 dicembre 2024, proponendo itinerari di sette giorni, per crociere divertenti sotto il sole sei Caraibi. Al momento le due unità sono posizionate nella medesima aera, dove offriranno sino ad aprile una serie di itinerari con partenza da San Juan, Porto Rico e Galveston: la Prima propone viaggi di sette giorni verso alcune delle più belle destinazioni tropicali, che comprendono l’isola privata della compagnia, Harvest Caye in Belize, ma anche Costa Maya e Cozumel, in Messico, nonché Roatán (Bay Islands), in Honduras. La Viva, per contro, è basata a San Juan e offre viaggi di sette giorni ricchi di soste nei porti dei Caraibi. Sono inclusi Tortola, Isole Vergini Britanniche, St. John, Antigua, Bridgetown, Barbados, Castries, Santa Lucia, Philipsburg, Saint Martin, e Saint Thomas, Isole Vergini Americane. Ad aprile, infine, la Viva salperà verso il Mediterraneo e le isole greche. [post_title] => Ncl: la Viva e la Prima ai Caraibi anche per il prossimo inverno [post_date] => 2024-02-26T11:01:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708945306000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462200 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La via Francigena toscana prova a ripensare se stessa e la Regione, cinque anni dopo la firma della convenzione siglata nel 2020 per gestirla, propone un nuova organizzazione, con un momento annuale di confronto a partire dai quattro comuni capofila (con Monteriggioni candidato ad esserne il coordinatore) e la valorizzazione  del terzo settore, portato a sintesi e rappresentato da un’associazione regionale. La proposta arriva direttamente dal presidente Eugenio Giani e dall’assessore al turismo Leonardo Marras. «La Regione Toscana crede molto nella valorizzazione della via Francigena e nel progetto “Comuni in cammino” - afferma il presidente Eugenio Giani - Dal 2009 la Regione ha investito oltre venti milioni di euro sulla via Francigena, per percorrerla in sicurezza a piedi, in  bicicletta o a cavallo. E’ un modo diverso, suggestivo, per conoscere la nostra regione e riscoprirne storia e tradizioni: un progetto, quello del ‘camininar lento’, a cui teniamo molto e sono contento che lo scorso dicembre siano finalmente stati sbloccati i fondi statali per la candidatura della strada come patrimonio Unesco. La Toscana è capofila, in questo progetto, delle altre sette regioni italiane coinvolte».    La Francigena, con i suoi mille e settecento chilometri da Canterbury in Inghilterra a Roma ed altri mille e trecento nel suo proseguimento ideale fino a Santa Maria di Leuca in Puglia, è da trent’anni un itinerario culturale riconosciuto dal Consiglio europeo.  Cinque stati e sedici diverse regioni coinvolte, circa centocinquanta tappe tra i venti e trenta chilometri l’una. Un crogiolo di culture e territori.   Il 2024 è un compleanno importante e nel 2025 ci sarà il Giubileo, anche se quella religiosa non è la sola dimensione del cammino come, ugualmente è stato sottolineato stamani, non solo di prodotto turistico si tratta: un turismo lento e sostenibile.  La strada è qualcosa di più ed attraversa la Toscana per quasi quattrocento chilometri. Passa per i territori di trentanove comuni, con quattro  amministrazioni capofila (Fucecchio, Lucca, Siena e Pontremoli) a rappresentare altrettante sezioni in cui si divide.   «Ebbene - aggiunge l’assessore Marras - serve un momento di sintesi e confronto annuale. Serve anche una responsabilizzazione di tutte le amministrazioni comunali e i soggetti coinvolti. Le varie sezioni della Francigena toscana devono poter dialogare fra loro». La Regione, che fino ad oggi ha finanziato la Francigena con 120 mila euro l’anno, non fa passi indietro, ma auspica un momento di confronto stabile: per programmare meglio all’inizio di ogni anno strategie ed interventi. «E la nostra proposta  - prosegue Marras – è di affidare al Comune di Monteriggioni il ruolo di coordinamento tra i Comuni capofila, attorno ad un tavolo dove ci sia anche il terzo settore, rappresentato da un’associazione regionale che raccolga le varie realtà, e la Regione naturalmente, con i rappresentanti di giunta e Consiglio regionale”». Ma quello della nuova governance pubblica e del ruolo e rappresentanza del terzo settore sono solo due dei cinque punti del manifesto che l’assessore lancia e che battezza come il manifesto di Monteriggioni 2024.  «C’è anche lo sviluppo di nuove iniziative in vista del Giubileo 2025 – racconta -. C’è la ricerca di finanziamenti statali, ad esempio sull’ippovia, e l’approvazione, entro il 2024, di una legge sui cammini».      [post_title] => Via Francigena, dalla Toscana la proposta di un coordinamento stabile [post_date] => 2024-02-26T10:21:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708942914000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "kibotours itinerario alla scoperta dellantica birmania" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":36,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1729,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462326","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_456296\" align=\"alignleft\" width=\"286\"] Leonardo Massa[/caption]\r\n\r\nUna proposta innovativa, capace di offrire un’esperienza di viaggio unica, frutto della collaborazione tra due consolidati operatori del turismo italiani: Msc Crociere e Veratour. Partita a inizio 2024, la partnership tra le due aziende ha dato il via al progetto “Mix & Cruise”, attraverso cui i clienti possono accedere a una vacanza che combina il meglio di entrambe le realtà: il fascino della crociera Msc abbinato a un periodo a terra presso i villaggi Veratour o le strutture selezionate dal tour operator.\r\n\r\n«La possibilità di unire l’esperienza in crociera con l’opportunità di trascorrere un periodo all’interno di una delle strutture proposte da Veratour, consente agli ospiti di godere di una vacanza diversificata e stimolante. Con le nostre navi è possibile partire tutto l’anno da Port Canaveral, Miami e New York e raggiungere Ocean Cay Msc Marine Reserve l’isola privata della compagnia situata alle Bahamas. Tutte le nostre crociere offrono standard qualitativi elevati, offrendo ai passeggeri itinerari esclusivi e confort e relax a bordo», ha dichiarato Leonardo Massa, vice president southern Europe della divisione crociere del gruppo Msc.\r\n\r\nGià disponibili per i viaggiatori più esigenti un’ampia selezione di viaggi combinati che possono prevedere le metropoli più iconiche, i grandi spazi americani e le isole caraibiche, per un mix appassionante in un unico pacchetto.\r\n\r\n«I clienti sono sempre alla ricerca di nuovi stimoli, senza voler rinunciare ai servizi e all’alta qualità. Msc Crociere rappresenta il mondo delle crociere al meglio, con standard elevati e consolidata esperienza, per questo con loro è stato facile dar vita a questa innovazione. Abbiamo la stessa cura verso gli ospiti e la garanzia del Made in Italy. Siamo certi che questa proposta avrà il successo che merita”, ha sottolineato Stefano Pompili, co-ceo Veratour\r\n\r\nI pacchetti ad oggi disponibili sono della durata di circa due settimane, con partenze dall’Italia dai principali aeroporti. Otto gli itinerari già disponibili, personalizzabili tra diverse mete degli Stati Uniti, del Centro America e delle isole caraibiche. Crociere di 3, 7 o 11 notti con partenza da New York, Miami e Port Canaveral e stop nell’iconica isola privata di Ocean Cay MSC Marine Riserve, situata nel cuore delle Bahamas. Cinque diverse navi MSC Crociere tutte dotate di ogni comfort e attente all’ambiente grazie\r\nall’implementazione di tecnologie pulite. Le strutture Veratour in abbinata sono i Veraclub in Messico, Jamaica, Repubblica Dominicana o altri hotel selezionati.\r\n\r\nPresto disponibili ulteriori proposte con partenze da Dubai, Abu Dhabi, Doha e dal Giappone","post_title":"Parte la collaborazione su prodotto fra Msc e Veratour","post_date":"2024-02-27T13:18:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709039937000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462292","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Catalogna conferma il proprio ruolo strategico per il turismo spagnolo, contribuendo per il 21,2% al numero di arrivi stranieri nel Paese: in altre parole, la regione nel 2023 ha accolto 25,7 milioni di visitatori, per una crescita del 15,5% sul 2022.\r\n\r\nCon 1.283.254 viaggiatori, l’Italia occupa il 5° posto, l'equivalente del 7,1% del totale degli arrivi internazionali, con una spesa media a persona di 688,3 euro (per un volume totale di 883,3 milioni di euro). Fa eccezione il mese di dicembre 2023, quando il turismo italiano in Catalogna è balzato al 2° posto, dietro soltanto alla Francia, con 91.414 turisti (il 9% del totale). Nella classifica statale della spesa turistica estera totale, infine, la Catalogna è terza dopo la capitale spagnola Madrid e le Isole Canarie.\r\n\r\nForte del successo ottenuto nel 2023, la regione punta a migliorare ulteriormente la propria performance con strategie di appeal turistico che si basano sulla destagionalizzazione e diversificazione dell'offerta, grazie alla partecipazione alle principali fiere, eventi, workshop e manifestazioni di settore e Mice, e al rafforzamento dei punti d'attrattiva chiave della destinazione: cultura, enogastronomia, eventi, sport, attività all'aria aperta e gli itinerari del Grand Tour della Catalogna.\r\n\r\nLe attività outdoor, dal cicloturismo all'escursionismo e il turismo nautico, saranno protagoniste con un'ospitalità dedicata (camping, glamping e bike hotel) e il link agli eventi iconici in programma nel 2024 come l'America’s Cup, la 103ª Volta Ciclista a Catalunya, il Monster Energy MotoGP Grand Prix Barcelona e la Formula 1 AWS GP Catalunya Barcelona.\r\n\r\nQuest'anno anche la cultura sarà in pole position, con le celebrazioni per il centenario dalla nascita di Antoni Tàpies, il grande artista catalano omaggiato con una serie di appuntamenti, mostre ed esposizioni che avranno come fulcro la Fondazione Antoni Tàpies a Barcellona, e l'avvicinarsi degli eventi per il millenario di Montserrat, che cadrà nel 2025 per ricordare i mille anni dalla fondazione dell'importante Monastero benedettino di Santa Maria.\r\n\r\nInfine, in attesa della nomina della Catalogna a Regione Mondiale della Gastronomia nel 2025, non potrà mancare il focus sull'enogastronomia. \r\n\r\n ","post_title":"Catalogna: arrivi record nel 2023. E quest'anno si punta su outdoor e cultura","post_date":"2024-02-27T10:45:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709030705000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462301","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nCrescita a doppia cifra per Bruxelles che nel periodo gennaio-ottobre 2023 centra un +15% di arrivi rispetto allo stesso periodo del 2022, mentre i pernottamenti salgono del +18%. \r\n\r\nSecondo l'analisi di Visit Brussels, in linea con la tendenza in atto negli ultimi anni, ad incidere sui numeri è soprattutto il leisure, arrivato a sfiorare il 50% degli arrivi totali, anche se il 2023 ha visto una significativa ripresa del business travel, con un +25% di arrivi e +26% di pernottamenti rispetto al 2022: a incidere particolarmente sugli andamenti è la grande ripresa dei flussi dall’oriente, in primis da Cina e Giappone.\r\n\r\nPerformance particolarmente positiva per l'Italia, che si conferma al primo posto tra i mercati dell’Ue per tasso di crescita, con arrivi in media a +22% e pernottamenti in aumento del 23% rispetto all’anno precedente; i dati sono migliori anche rispetto ai mercati più consolidati, come Spagna e Germania. Ottime poi le prestazioni nei mesi più caldi, agosto in particolare, seguiti dal canonico periodo dei city-break primaverili.\r\n\r\n«Nei primi 10 mesi del 2023 il 53% degli arrivi italiani è legato al leisure, a fronte di un business travel in netta ripresa ma non ancora ai livelli del 2019 - commenta Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles -. Oltre alle percentuali, crescono i numeri in valore assoluto, segno che gli italiani stanno imparando ad apprezzare la destinazione e la sua versatilità. Da sempre conosciuta per il Parlamento Europeo, la cultura pop, la birra e il cioccolato, Bruxelles sta investendo su una serie di proposte di carattere culturale in grado di intercettare non solo il pubblico degli addetti ai lavori, ma anche un target più trasversale di appassionati e amatori, come l’anno dell’art nouveau nel 2023 e le nuove mostre dedicate al surrealismo, in programma per tutta la prima parte del 2024». \r\n\r\nFitto il calendario di appuntamenti con il trade, a cominciare dalla Btm Italia, decima edizione della fiera b2b di promozione del turismo del sud Italia, che si terrà a Bari dal 27 al 29 febbraio. Spazio anche agli eventi presso la Brussels House di Milano: Brussels Academy, con attività di formazione e networking per gli operatori del turismo, e Atelier Chocolat, per conoscere con le “mani in pasta” la dolcissima cultura del cioccolato belga.\r\n\r\nIn occasione della Milano Design Week (in programma dal 15 al 21 aprile), infine, la Brussels House aprirà anche al pubblico che potrà ammirare le opere di artisti e designers brussellesi. In autunno è inoltre prevista la consueta partecipazione a Ttg Travel Experience.","post_title":"Bruxelles: il mercato Italia registra il più elevato tasso di crescita in Europa, +22%","post_date":"2024-02-27T10:15:51+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709028951000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462265","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Giamaica tutta da (ri)scoprire attraverso il film \"Bob Marley: One Love\", dedicato alla leggenda della musica reggae che ha lasciato un'impronta indelebile nella storia musicale mondiale. Quest'opera cinematografica celebra la vita e l'eredità di Bob Marley, offrendo uno sguardo intimo sulla complessa personalità del cantautore giamaicano e ripercorrendo i momenti più significativi della sua vita.\r\nIl film, sugli schermi italiani dalla scorsa settimana, offre anche l'opportunità di immergersi completamente nello spirito dell’isola, esplorando i momenti che hanno segnato la vita del cantautore, godendo della vibrante scena musicale e scoprendo la bellezza naturale che offre l’isola.\r\nL’itinerario parte proprio dal Sangster International Airport di Montego Bay. Qui, infatti, è possibile mangiare nel primo ristorante al mondo con il marchio del cantautore giamaicano, chiamato proprio \"Bob Marley - One Love\".  Si passa poi alle incantevoli spiagge di Montego Bay, con la sua vivace vita notturna e i ritmi caraibici del Margaritaville, sede ogni luglio del Reggae Sumfest. La tappa successiva è Negril, conosciuta come la \"perla dei Caraibi.  Qui, è possibile ascoltare la migliore musica dal vivo al Rick's Cafè, rigorosamente all'aperitivo per godersi il meraviglioso tramonto che offre ogni sera.\r\nIl viaggio prosegue nel cuore della Giamaica, a Nine Mile, il pittoresco villaggio incastonato tra le colline di St.Ann, dove il Re del Reggae è nato il 6 febbraio 1945, per poi proseguire verso la vibrante Kingston, la capitale della Giamaica, dove la casa al 56 di Hope Road è diventata un museo-santuario che celebra la vita e l'eredità dell'artista. Le stanze del museo sono come un diario visivo della sua straordinaria carriera; il quartiere di Trenchtown a Kingston, luogo di ispirazione per la celeberrima \"No Woman, No Cry\", inoltre, ospita il Culture Yard, una esposizione di memorabilia reggae e rasta.\r\nGli amanti della musica e del folklore rimarranno affascinati dalle celebrazioni del Reggae Month, un momento dell'anno in cui l'intera Giamaica vibra al suono del reggae. Concerti, festival e eventi culturali dedicati a questo genere musicale permeano l'isola, offrendo ai visitatori un'esperienza unica di immersione nelle tradizioni giamaicane. Il Reggae Sumfest, in programma dal 14 al 20 luglio, è un altro festival musicale immancabile sull’isola.","post_title":"Giamaica da conoscere attraverso un tour alla scoperta dei luoghi cari a Bob Marley","post_date":"2024-02-27T09:25:34+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709025934000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462275","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nove itinerari in India e Nepal per assistere al Maha Kumbh Mela di Allahabad, il 3 febbraio 2025. Li propone Kel 12 per chi vuole partecipare al più grande raduno religioso al mondo, che va in scena ogni 12 anni sulle rive del Gange, in una della quattro città più sacre del paese: un rito antichissimo, uno dei più grandi spettacoli umani che esistano, in cui i fedeli arrivano per purificarsi attraverso il bagno nel fiume; milioni di persone che superano divisioni di casta, religione e provenienza.\r\n\r\n“Niente è come il Maha Kumbh Mela. E per poter vivere questa esperienza, questo viaggio nell’anima più intima e profonda dell’India, abbiamo studiato nove differenti tour che convergeranno tutti ad Allahabad tra il 2 e 3 febbraio - spiega la product manager Kel 12 - Viaggi Levi, Rosanna Locati -. Sette proposte sono già online, mentre altre due sono di prossima uscita e prevedono tour sul Gange a bordo di una barca in esclusiva: viaggi evento nell’evento, con partenza garantita, studiati per poter far scoprire l’anima più autentica e spirituale di questo paese. Ad Allahabad i nostri gruppi, per un totale di 200 persone, avranno la possibilità di sostare per tre giorni in un campo tendato dotato di una tenda-ristorante e di tende con più ambienti, provviste di veri e propri letti, lenzuola, coperte, bagno privato con doccia, veranda ed elettricità. Ogni gruppo manterrà la propria autonomia organizzativa nella gestione delle giornate, tranne che per i momenti dei pasti\".","post_title":"Kel 12: nove itinerari per assistere in India al più grande raduno religioso al mondo","post_date":"2024-02-27T09:25:22+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709025922000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462247","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono stati 24 gli agenti di viaggio recentemente coinvolti in un fam trip in Giordania, realizzato da Bluvacanze e Vivere&Viaggiare, insieme a KappaViaggi e alla compagnia aerea Royal Jordanian. L'iniziativa è stata organizzata con l'obiettivo sia di  avviare una collaborazione sugli itinerari religiosi, sia per sensibilizzare i viaggiatori sulla sicurezza della Giordania e sulla sua distanza geografica dalle zone di conflitto in Medio Oriente.\r\n\r\n«Le attività di education sulle destinazioni ci portano lungo il corso dell’anno a visitare diversi Paesi, ma questa occasione ha una portata più ampia – commenta Antimo Russo della direzione network del gruppo Bluvacanze -: con KappaViaggi non abbiamo solo voluto far conoscere le componenti nuove di un prodotto largamente apprezzato, ma testimoniare in prima persona che in Giordania non c’è ragione di temere alcuna insicurezza».\r\n\r\n«Questa ennesima occasione di formazione e scoperta di una destinazione con gli agenti del gruppo Bluvacanze è stata un’esperienza che ha dato modo di rafforzare ulteriormente la collaborazione con il network - gli fa eco il direttore generale KappaViaggi, Michele Mazzini -. La scelta della destinazione è stata fatta in modo cosciente, per ben far comprendere quanto questo Paese, la Giordania, sia sempre visitabile e magnifico, nonostante i tristi eventi attuali. Il supporto in loco della nostra dmc, della popolazione e dell’ente del turismo della Giordania, è stato completo ed eccellente».","post_title":"Gli agenti di viaggio in Giordania insieme al gruppo Bluvacanze e a KappaViaggi","post_date":"2024-02-26T12:49:50+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708951790000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462236","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Centro e Sud Italia si riconfermano aree di \"importanza strategica\" per la Slovenia, che anche quest'anno torna alla Bmt di Napoli: ben quattro i co-espositori che accompagneranno l’Ente Sloveno per il Turismo, rispetto ai due dello scorso anno.\r\n\r\n«In un’ottica di ulteriore crescita dei flussi turistici dall’Italia verso la Slovenia – conferma Aljosa Ota, direttore dell’Ente in Italia – è per noi fondamentale portare la nostra attenzione e i nostri prodotti ad un mercato che ha grosse potenzialità, che non può che crescere e che da sempre ha dimostrato grande interesse nei confronti del nostro territorio».\r\n\r\nPartecipazione a fiere, attività di co-marketing, workshop e roadshow, eventi dedicati, una carrellata di azioni che già nello scorso anno ha dato i suoi frutti quando, trainato da un dicembre 2023 da record, che ha visto ben 63.162 italiani visitare la Slovenia (pari al 29,25% degli arrivi totali dall’estero) per 125.560 pernottamenti (25,5% del totale dall’estero), l’incoming dall’Italia si è ritagliato una fetta di mercato dell’11% degli arrivi (+17,4% rispetto al 2022), corrispondenti al 9,3% dei pernottamenti totali dall’estero (+17,8%): in sostanza nel 2023 solo la Germania ha fatto meglio dell’Italia.\r\n\r\n«Parliamo di dati importanti che si inseriscono nel contesto di un anno che è stato da record per la Slovenia che è andata a posizionarsi in cima alle classifiche europee per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con una crescita rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022. Superarci è, quindi, una missione molto ambiziosa che può trovare il suo sbocco andando a presidiare quei territori che hanno grosse potenzialità come quelli del centro e sud Italia».\r\n\r\nI co-espositori sono due catene alberghiere, Hit Alpinea Hotels & Apartments Kranjska Gora e Sava Hotels&Resorts; un dmc locale, Palma TO e una destinazione, Love Istria.\r\n\r\nAlla luce anche dell’importante novità, già annunciata ad inizio anno, e cioè l’introduzione del Frecciarossa Milano-Lubiana per il quale è stato recentemente siglato l’accordo preliminare tra Trenitalia e SPassenger Transport, società ferroviaria slovena, per l’avvio del collegamento diretto tra il capoluogo lombardo e la capitale slovena. Il nuovo collegamento ferroviario va ad aggiungersi all’annuncio di Ryanair di posizionarsi nello scalo di Trieste (ad un’ora e mezza d’auto da Lubiana) a partire dal prossimo aprile, in un quadro d’insieme che vede Italia e Slovenia sempre più vicine, sempre più accessibili anche per gli utenti del centro e sud Italia","post_title":"La Slovenia scommette sui flussi da Centro-Sud Italia, «area di importanza strategica»","post_date":"2024-02-26T11:46:36+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708947996000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462224","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si conferma la centralità dei Caraibi per i programmi invernali di Norwegian Cruise Line. Anche per il prossimo anno le due navi di debutto della nuovissima classe Prima, l'unità omonima e la Viva, incroceranno infatti al largo della regione centro-americana: dal 30 novembre 2024 al 2 gennaio 2025, la Prima offrirà in particolare crociere di dieci-dodici giorni da New York ai Caraibi orientali, con scalo a Puerto Plata, Repubblica Dominicana, St. Thomas, Isole Vergini americane e Philippsburg, St. Maarteen. Il 17 gennaio tornerà quindi a Galveston, in Texas, e navigherà per itinerari di sette e 14 giorni. La Viva, invece, tornerà a San Juan, Porto Rico, il 15 dicembre 2024, proponendo itinerari di sette giorni, per crociere divertenti sotto il sole sei Caraibi.\r\n\r\nAl momento le due unità sono posizionate nella medesima aera, dove offriranno sino ad aprile una serie di itinerari con partenza da San Juan, Porto Rico e Galveston: la Prima propone viaggi di sette giorni verso alcune delle più belle destinazioni tropicali, che comprendono l’isola privata della compagnia, Harvest Caye in Belize, ma anche Costa Maya e Cozumel, in Messico, nonché Roatán (Bay Islands), in Honduras. La Viva, per contro, è basata a San Juan e offre viaggi di sette giorni ricchi di soste nei porti dei Caraibi. Sono inclusi Tortola, Isole Vergini Britanniche, St. John, Antigua, Bridgetown, Barbados, Castries, Santa Lucia, Philipsburg, Saint Martin, e Saint Thomas, Isole Vergini Americane. Ad aprile, infine, la Viva salperà verso il Mediterraneo e le isole greche.","post_title":"Ncl: la Viva e la Prima ai Caraibi anche per il prossimo inverno","post_date":"2024-02-26T11:01:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708945306000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462200","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La via Francigena toscana prova a ripensare se stessa e la Regione, cinque anni dopo la firma della convenzione siglata nel 2020 per gestirla, propone un nuova organizzazione, con un momento annuale di confronto a partire dai quattro comuni capofila (con Monteriggioni candidato ad esserne il coordinatore) e la valorizzazione  del terzo settore, portato a sintesi e rappresentato da un’associazione regionale.\r\n\r\nLa proposta arriva direttamente dal presidente Eugenio Giani e dall’assessore al turismo Leonardo Marras.\r\n\r\n«La Regione Toscana crede molto nella valorizzazione della via Francigena e nel progetto “Comuni in cammino” - afferma il presidente Eugenio Giani - Dal 2009 la Regione ha investito oltre venti milioni di euro sulla via Francigena, per percorrerla in sicurezza a piedi, in  bicicletta o a cavallo. E’ un modo diverso, suggestivo, per conoscere la nostra regione e riscoprirne storia e tradizioni: un progetto, quello del ‘camininar lento’, a cui teniamo molto e sono contento che lo scorso dicembre siano finalmente stati sbloccati i fondi statali per la candidatura della strada come patrimonio Unesco. La Toscana è capofila, in questo progetto, delle altre sette regioni italiane coinvolte».   \r\n\r\nLa Francigena, con i suoi mille e settecento chilometri da Canterbury in Inghilterra a Roma ed altri mille e trecento nel suo proseguimento ideale fino a Santa Maria di Leuca in Puglia, è da trent’anni un itinerario culturale riconosciuto dal Consiglio europeo.  Cinque stati e sedici diverse regioni coinvolte, circa centocinquanta tappe tra i venti e trenta chilometri l’una. Un crogiolo di culture e territori.  \r\n\r\nIl 2024 è un compleanno importante e nel 2025 ci sarà il Giubileo, anche se quella religiosa non è la sola dimensione del cammino come, ugualmente è stato sottolineato stamani, non solo di prodotto turistico si tratta: un turismo lento e sostenibile.  La strada è qualcosa di più ed attraversa la Toscana per quasi quattrocento chilometri. Passa per i territori di trentanove comuni, con quattro  amministrazioni capofila (Fucecchio, Lucca, Siena e Pontremoli) a rappresentare altrettante sezioni in cui si divide.  \r\n\r\n«Ebbene - aggiunge l’assessore Marras - serve un momento di sintesi e confronto annuale. Serve anche una responsabilizzazione di tutte le amministrazioni comunali e i soggetti coinvolti. Le varie sezioni della Francigena toscana devono poter dialogare fra loro». La Regione, che fino ad oggi ha finanziato la Francigena con 120 mila euro l’anno, non fa passi indietro, ma auspica un momento di confronto stabile: per programmare meglio all’inizio di ogni anno strategie ed interventi.\r\n\r\n«E la nostra proposta  - prosegue Marras – è di affidare al Comune di Monteriggioni il ruolo di coordinamento tra i Comuni capofila, attorno ad un tavolo dove ci sia anche il terzo settore, rappresentato da un’associazione regionale che raccolga le varie realtà, e la Regione naturalmente, con i rappresentanti di giunta e Consiglio regionale”».\r\n\r\nMa quello della nuova governance pubblica e del ruolo e rappresentanza del terzo settore sono solo due dei cinque punti del manifesto che l’assessore lancia e che battezza come il manifesto di Monteriggioni 2024.  «C’è anche lo sviluppo di nuove iniziative in vista del Giubileo 2025 – racconta -. C’è la ricerca di finanziamenti statali, ad esempio sull’ippovia, e l’approvazione, entro il 2024, di una legge sui cammini». \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Via Francigena, dalla Toscana la proposta di un coordinamento stabile","post_date":"2024-02-26T10:21:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708942914000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti