5 December 2022

Ada Tour lancia MaMa Puglia Expert: un percorso formativo per adv su Puglia e Basilicata

[ 0 ]

Ada Tour lancia “MaMa Puglia” per presentarsi al pubblico degli operatori in un’edizione dedicata alla ripartenza e al networking. Ada Tour, operatore incoming b2b specializzato su Puglia e Basilicata con viaggi esperienziali tailor made, ha proposto al pubblico del Ttg “Italian-Vibes: tra deep tourism, meta-software e nuove traiettorie turistiche”. La volontà era quella di animare un dibattito dedicato alla revisione dei modelli attuali che devono dirigersi verso una costante e imperitura ricerca dell’unicità, tralasciando ottiche e approcci generalisti. Di qui il concetto deep, al centro anche del catalogo del tour operator 2020/2021.

«La profondità delle tradizioni per comprendere la complessità del mondo e andare oltre l’esperienza – ha spiegato il presidente Antonio Prota -; ma anche per superare ogni confine razionale. Se vogliamo dialogare con la natura dobbiamo attivare tutti i nostri sensi, attraverso una immersione profonda, per riuscire a esplorare tutte le connessioni possibili che il nostro corpo è in grado di catturare e fissare dentro. Un’idea di paradiso della natura in cui vivere perennemente».

Proprio per questo nasce il progetto MaMa Puglia Expert: un percorso dedicato alla formazione di agenti di viaggio e operatori sulla Puglia e la Basilicata, destinazioni che negli ultimi anni sono cresciute tantissimo in termini di offerta e riconoscibilità. «Non parliamo di un network – ha aggiunto Prota -. Qui si parla solo di un percorso culturale e di formazione comune, pertanto a costo zero e senza alcun impegno o vincolo». L’azienda propone la sua filosofia e la sua travel collection attentamente calibrata sulle ultime tendenze, frutto di tanta passione per il turismo e un’attenta ricerca sul territorio. Inoltre agli affiliati vengono forniti video e materiali promozionali brandizzati gratuiti nel rispetto di una crescita e una collaborazione sinergica.

 

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434910 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_412939" align="alignleft" width="300"] Dina Giulia Ravera, presidente e ceo di Destination Italia.[/caption] Destination Italia e Portale Sardegna, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, hanno sottoscritto un accordo vincolante finalizzato alla fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia. L'operazione ha l’obiettivo di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala e la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà. Destination Italia e Portale Sardegna condividono la medesima visione: aggregare due realtà aziendali importanti per l’Italia, ed avviare il percorso di fusione che porterà il Gruppo a diventare un market maker internazionale, in grado di competere sul palcoscenico globale del Travel Tech con i big player in termini discala, tecnologia, portfolio clienti B2B e B2C e focus sul segmento del Luxury Travel, con un bouquet di esperienze turistiche unico in Italia. In termini di mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross- selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (Tour Operatori internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. La forza del nuovo gruppo consisterà nella capacità di intercettare flussi maggiori di turisti stranieri, aumentare la frequenza di acquisto del “prodotto turistico Italia”, destagionalizzare la domanda, valorizzare tutto il territorio italiano e non solo le destinazioni top e, soprattutto, innalzare il valore medio dei viaggi con la proposizione di esperienze esclusive, tailor- made. Dina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia: “Il Turismo in Italia rappresenta il 13% del PIL (oltre 200 miliardi di euro nel 2019, dato pre-pandemia,) ed ha un potenziale inespresso di circa 100 miliardi di euro annui, in particolare nel segmento luxury che vale circa 2.000 miliardi di euro a livello mondiale, di cui l’Italia intercetta circa l’1,5%. Dati che fanno comprendere quanto sia grande il potenziale del nostro Paese anche alla luce del fatto che, nell’immaginario collettivo, l’Italia è la meta preferita per i turisti di gamma alta e gode di un primato indiscusso per la bellezza dei paesaggi, la storia e l’arte, l’enogastronomia, il design e tutto il Made in Italy. Occorre però valorizzare tutti i territori del nostro Paese, soprattutto quelli ancora poco conosciuti dal turismo luxury: basti pensare, ad esempio, alle splendide Terre Borromee, un mosaico elegante ed esclusivo di isole e laghi, o agli scenari selvaggi tra montagna e mare negli angoli più suggestivi del cuore della Sardegna. [caption id="attachment_378624" align="alignleft" width="300"] Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna[/caption] Per far crescere l’export turistico dell’Italia nel mondo, tuttavia, occorre far crescere la competitività delle imprese che gestiscono l’inbound: oggi spicca l’assenza di player in grado di incidere sui flussi turistici globali. Destination Italia, con questa operazione straordinaria, procede lungo il percorso di creazione di un player mondiale nel segmento luxury, radicato in Italia, a vantaggio dell’economia territoriale italiana e a supporto delle PMI. Tutto questo si sposa con la missione di valorizzazione dell’economia del territorio di Intesa San Paolo, che ha dato origine a Destination Italia stessa”. Anche il portfolio tecnologico delle due società è fortemente sinergico. Da parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentono di intermediare e gestire prenotazionimassive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle decine di migliaia di servizi turistici sul territorio italiano; da parte di Portale Sardegna, le tecnologie e competenze prima menzionate vanno a complementare il patrimonio tecnologico del gruppo.«Ritengo che l’operazione di fusione in Destination Italia sia una grande opportunità per la nostra società: per raggiungere grandi obiettivi occorre una massa critica sempre più importante e Top Manager capaci e lungimiranti in grado di puntare ad ambiziosi traguardi - ha commentato Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna -. Il matrimonio tra Destination Italia e Portale Sardegna è un passo quasi naturale per due società vocate all’incoming che si completano a vicenda in un modo sorprendente, per gli asset in dotazione a ciascuna delle due realtà. Siamo pronti ad affrontare questa sfida con entusiasmo e determinazione: un altro passo importante della nostra storia ventennale che ci premia per quanto fatto finora e, soprattutto, ci consente di realizzare le nostre ambizioni mettendo a reddito gli importanti investimenti fatti negli anni passati. I risultati raggiunti in termini di ampliamento dell’offerta di nuovi segmenti di prodotto e scalabilità anche in ambito internazionale potranno essere valorizzati dalla forza della nuova realtà che stiamo realizzando». Le parti sono assistite nell’operazione dall’advisor Terzi & Partners, dagli studi legali Alma Società tra Avvocati S.r.l., lo Studio legale Grimaldi e da Integrae SIM in qualità di Euronext Growth Advisor di entrambe le società. [post_title] => Destination Italia incorpora per fusione Portale Sardegna [post_date] => 2022-11-28T10:39:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669631961000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434615 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si conclude “Roots-in”, la prima borsa internazionale sul turismo delle origini. Diventa un appuntamento annuale il progetto organizzato da regione e apt Basilicata in collaborazione con Enit e la dg per gli italiani all’estero del ministero degli affari esteri.  Oltre 500 partecipanti al centro congressi UnaHotel MH, a borgo Venusio, presenti stakeholder e operatori del mondo del turismo internazionali.   «Abbiamo voluto creare – illustra il direttore generale di Apt Basilicata, Antonio Nicoletti - un evento internazionale dedicato a un segmento turistico che esiste da sempre, ma che è ancora troppo poco conosciuto e valorizzato, come il turismo delle origini. Un’intuizione nata nell’ambito del nostro piano strategico del marketing turistico, e attuata grazie al fondamentale supporto di Enit e Maeci. La collaborazione istituzionale e i risultati raggiunti, dimostrano che la volontà di fare sistema su tematiche di rilevanza nazionale può portare risultati significativi per gli operatori e per il posizionamento della nostra piccola-grande regione».  E proprio il dialogo fra pubblico e privato è stato al centro dell’intervento di Sandro Pappalardo, rappresentante della Conferenza Stato regioni nel cda di Enit. «L’Italia – dichiara – è fra le mete più sognate al mondo. Occorre potenziare il posizionamento strategico della Penisola per tradurlo non solo in un’offerta sempre più performante e personalizzabile declinabile su target diversi di mercato ma anche per implementare il travel purchase del brand italia e consentire all’Italia di essere sempre in cima alle scelte di viaggio internazionali. E' un turismo che potenzieremo ulteriormente anche in vista dell'Anno delle radici nel 2024. Un modo di distribuire i flussi su tutto l'anno (con un piccolo picco ad agosto) coinvolgendo molto i giovani che vogliono riscoprire le proprie origini».   «I discendenti degli italiani che vivono all’estero rappresentano una grande opportunità per il turismo emozionale, ma dobbiamo considerarli non come un bene economico, ma come uno straordinario patrimonio di relazioni, di storia, di identità. Nell’ambito del progetto Pnrr dedicato al turismo delle radici, vogliamo mettere a disposizione di questo valore una serie di servizi come il Passaporto delle radici, con una serie di incentivi per venire in Italia, o la digitalizzazione delle anagrafi comunali e tanto altro» sostiene Giovanni Maria de Vita, responsabile turismo delle radici Dgit Maeci.   Sulle opportunità aperte dal Pnrr per il recupero dei borghi interviene Angelantonio Orlando, Ddrettore generale per l’attuazione del Pnrr del Ministero della cultura, che si è soffermato in particolare sui progetti lucani approvati: «La Basilicata è una delle regioni che più di altre ha fornito progettualità sui bandi del Pnrr dedicati ai Borghi. Su circa 40 progetti presentati ben 18 hanno superato la selezione per un investimento complessivo di 30 milioni di euro. Stiamo pensando di aggiungere una quota significativa di risorse nell’ambito del Fsc 2021 – 2027 per far scorrere la graduatoria dei comuni”.  E Il turismo delle origini si inserisce in modo coerente con la strategia della Basilicata per il recupero dei borghi, come afferma Gianpiero Perri, consigliere scientifico per l’attuazione del Pnrr della Presidenza della giunta regionale. «Gran parte della Basilicata è area interna. I borghi lucani rappresentano una priorità strategica per la giunta regionale. Per questo la dimensione dell’impegno profuso non ha precedenti. La Basilicata è capace di aggiungere bellezza alla bellezza ereditata. In questo cammino è necessario lo sforzo di tutti sapendo che non bisogna avere paura di occhi ed idee che arrivano dall’esterno. La felice esperienza di Matera 2019 è la sintesi perfetta di quello che la Basilicata può fare».    [post_title] => Basilicata e Enit: Roots-In, l'evento internazionale per il turismo delle origini [post_date] => 2022-11-24T10:19:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669285158000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434707 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Confermare l’importanza strategica della distribuzione, aumentare le opportunità commerciali per il canale trade, candidarsi come il principale e più innovativo fornitore di servizi per rendere ancora più solida e di valore l’attività della rete distributiva. Sono gli obiettivi ai quali punta C-Value, il nuovo contratto commerciale 2023 che Costa Crociere sta presentando in questi giorni in anteprima a oltre 1500 agenzie divViaggio di tutta Italia in occasione del road show itinerante “Insieme per creare valore”. Valido dal 1° dicembre 2022 e strutturato in continuità con il contratto di valore lanciato nell’aprile 2021, C-Value introduce una serie di innovazioni, a partire da una nuova profilazione dei Partner effettuata sulla base di un’attenta selezione delle agenzie di viaggio. Oltre ai due cluster già presenti – Costa Point, destinato ai punti vendita fidelizzati che esprimono produzioni consistenti, e Costa Dealer, per le Agenzie con volumi di fatturato più contenuti ma con interessante potenziale di crescita – il nuovo contratto prevede un ulteriore terzo cluster, Costa Point Excellence. Ideato ascoltando bisogni ed esigenze dei migliori Partner della distribuzione, è destinato ai punti vendita storicamente legati a Costa e che esprimo volumi di vendita eccellenti. Accordi Valore, reciprocità e innovazione saranno i tre pilastri di C-Value e della nuova segmentazione, grazie alla quale le agenzie disporranno di accordi più solidi e remunerativi e di una gamma di strumenti e servizi ancora più ricca e personalizzata, grazie al nuovo programma  C-Value Servizi. Tra i diversi vantaggi previsti, alcuni significativi benefici deriveranno dai nuovi piani di comunicazione integrata, dalla possibilità di essere più visibili sia sul territorio che online e dall’opportunità di incrementare i volumi delle vendite e la redditività grazie a nuovi, potenti strumenti di comunicazione sui social media. «Il Contratto C-Value 2023 sarà in continuità con l’attuale Contratto di Valore. Ascoltando con attenzione i nostri Partner della distribuzione abbiamo lavorato, però, per renderlo ancora più ricco e personalizzato, con l’obiettivo di migliorare e qualificare ulteriormente il rapporto con le agenzie di viaggio, che rappresentano da sempre il canale distributivo più importante nella strategia di Costa Crociere – spiega Riccardo Fantoni, direttore vendite di Costa Crociere –. Il nuovo programma C-Value Servizi prevederà tantissimi servizi base per tutti e un’ulteriore serie a scelta per i nostri migliori Partner, Costa Point e Costa Point Excellence, con l’obiettivo di rappresentare per le agenzie di viaggio il principale partner di servizi innovativi e di qualità per raggiungere i risultati attesi, a vantaggio di tutta la filiera». Incentivazione Il nuovo Contratto offrirà, inoltre, un programma di incentivazione ricco e ancora più premiante, caratterizzato da un sistema commissionale che remunererà in modo adeguato le vendite di qualità e offrirà guadagni più elevati in base al valore della prenotazione. Ad affiancarlo, ci saranno anche il nuovo Segui-C, che consente ai Partner di guadagnare tutto l’anno a fronte del raggiungimento di obiettivi predefiniti, e il nuovissimo programma loyalty C-Premia. Quest’ultimo, in modo particolare, rappresenta un’importante novità pensata per premiare e  coinvolgere, incentivandoli, i singoli Agenti di Viaggio, che avranno la possibilità di scegliere il proprio premio all’interno di un ricchissimo catalogo. Plus diversificati in base al modello di servizio. Non mancheranno altri importanti plus, diversificati in base al modello di servizio. La novità principale a supporto della comunicazione B2B2C sarà Red Hab, una nuova, potente e innovativa piattaforma di gestione della comunicazione sui social, per essere più efficaci, più organizzati e più veloci. E, poi, ancora il sistema di geolocalizzazione del punto vendita sul sito Costa, il potenziamento dei servizi di formazione erogati attraverso la Costa Academy e dei tool digitali di prenotazione e informazione, oltre al rinnovamento dei materiali per l’allestimento dei punti vendita. Per poter godere dei vantaggi previsti dalla nuova profilazione, alle agenzie di viaggio partner verrà richiesto l’impegno a portare a termine con successo alcune attività fondamentali per sviluppare compiutamente le opportunità commerciali, tra le quali il completamento dei percorsi formativi, la corretta e puntuale esposizione dei materiali promozionali e l’utilizzo dei canali di prenotazione digitali. [post_title] => Costa: dal 1° dicembre scatta il nuovo contratto commerciale per le agenzie [post_date] => 2022-11-23T11:37:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669203427000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434531 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La fine dell’anno scolastico è un momento molto atteso dagli studenti di ogni scuola d’Italia e già ora è un buon momento per iniziare a pensare cosa si potrà fare per vivere un’estate unica, divertendosi e, possibilmente, cercando anche di ottenere dei vantaggi in termini economici e di competenze, senza tralasciare chiaramente il divertimento. Nelle prossime righe abbiamo così deciso di riassumere tre idee che possono essere delle valide alternative per uno studente tra i 16 e i 18 anni per vivere un’estate unica nel suo genere. Il recupero di materie scolastiche e una meritata vacanza Questa possibilità ci sentiamo di consigliarla a tutti gli studenti che hanno magari una o due materie da recuperare. L’inizio del nuovo anno non è così lontano e potrebbe essere molto produttivo recuperare in tempo le materie insufficienti, in modo da non avere brutte sorprese a settembre. Passare qualche ora in più in casa a studiare, anche se può risultare noioso, è comunque consigliato e non compromette sicuramente le uscite con gli amici e la possibilità di trascorrere una o due settimane al mare con qualche piccolo risparmio messo da parte. Un lavoro stagionale: animatore turistico e non solo Sebbene il mondo del lavoro possa sembrare una strada troppo difficile da percorrere a 16 anni, ci sono un sacco di opportunità per i giovani che vorrebbero mettere qualche soldo da parte senza rinunciare al divertimento. Potrete provare una piccola stagione in un luogo di vacanza al mare, in modo da poter viaggiare e godervi alcuni momenti di meritato relax dove le persone pagano per soggiornare. Le posizioni aperte ai giovani sono davvero tante e le principali che ci sentiamo di consigliarvi sono il cameriere e l’animatore turistico. La prima citata prevede un orario di lavoro più rigido, maggiore impegno di energie mentali e fisiche e la possibilità di guadagnare di più. Fare l’animatore turistico, al contrario, è molto più divertente, vi permetterà di conoscere moltissimi nuovi amici e allo stesso tempo potrete mettere qualche risparmio da parte mentre lavorate al mare durante l’estate. Una vacanza studio all’estero Le vacanze studio sono un ottimo sistema per poter vivere un’estate davvero irripetibile. Si tratta normalmente di tre mesi da trascorrere all’estero nelle principali città europee e mondiali, tra cui Londra, New York, Parigi, Melbourne. Qui potrete frequentare una scuola estiva per imparare le lingue e allo stesso tempo conoscere un sacco di nuovi amici. Al ritorno l’esperienza formativa che avrete svolto sarà davvero sensazionale: visitare un posto del mondo nuovo, che magari non avreste mai visto in autonomia, conoscere nuove persone di culture differenti, imparare una lingua e delle competenze che vi saranno molto utili per il vostro futuro lavorativo sono solamente alcuni dei vantaggi di una vacanza studio all’estero. Se siete interessati a questo tipo di alternativa ci sentiamo di suggerirvi di visitare la pagina relativa al trimestre all’estero di EF Education First. Nella pagina appena citata potrete trovare moltissime informazioni relative alle vacanze studio all’estero, con i benefici che potrete ottenere e la possibilità di richiedere gratuitamente informazioni per valutare se questa alternativa possa fare al caso vostro.   I.P: [post_title] => Estate 2023: le alternative per uno studente del liceo per trascorrere delle vacanze uniche [post_date] => 2022-11-23T08:00:53+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => ef-education-first [1] => vacanbza-studio-new-york [2] => vacanze-studio [3] => vacanze-studio-londra [4] => vacanze-studio-melbourne ) [post_tag_name] => Array ( [0] => EF Education First [1] => vacanbza studio new york [2] => vacanze studio [3] => vacanze studio londra [4] => vacanze studio melbourne ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669190453000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434526 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un'accademia interna dedicata al reclutamento e alla formazione di nuovo personale da assumere nelle sue proprietà italiane. Riparte il programma di formazione Belmond Academy in collaborazione con l’istituto dei Mestieri d’eccellenza Lvmh: un progetto fortemente voluto dal gruppo e inaugurato con un’edizione beta nel 2022, per cercare di dare risposta alla sistematica carenza che sta sperimentando un settore trainante dell’economia del nostro Paese.  Da fine gennaio 2023 ricomincia quindi il ciclo di attività della durata di 600 ore aperto a tutti i giovani dai 18 ai 28 anni, italiani e stranieri con italiano fluente, con diploma di scuola media superiore, non occupati e non inseriti in altri programmi di supporto alla disoccupazione. Gli allievi saranno ospitati da Belmond per tutta la durata del programma. Sono 30 i posti disponibili in questa edizione per candidati, anche privi di esperienza che, dopo aver superato l’esame di ammissione, potranno acquisire competenze altamente specializzate attraverso un percorso diviso tra 300 ore di didattica in aula e 300 ore di pratica e stage formativo in hotel. Una fase introduttiva teorica comune, guidata da docenti e professionisti del gruppo, permetterà di entrare in contatto immediato con il mondo turistico e alberghiero a 5 stelle per poi passare a uno dei due percorsi di specializzazione disponibili: food & beverage e front office. Un esame conclusivo assegnerà l’attestato di formazione e permetterà di individuare quei profili a cui sarà offerta un’assunzione stagionale della durata di sei mesi presso uno degli hotel di Belmond in Italia. “Sono estremamente entusiasta di annunciare il ritorno della collaborazione con l’istituto dei Mestieri d’eccellenza Lvmh per il progetto Belmond Academy - sottolinea Robert Koren, senior vice president della divisione Emea del gruppo -, Dopo un periodo di grande difficoltà, il nostro settore ha vissuto nel 2022 una stagione davvero straordinaria, di cui le nostre proprietà italiane sono state protagoniste con performance eccezionali. Il che ci spinge ancora di più a guardare al futuro, con nuovi investimenti, aperture ed esperienze. E’ quindi più che mai il momento di pensare ai giovani, continuando a cercare e formare i futuri professionisti alberghieri da portare nei nostri team”. Per poter accedere al primo ciclo in partenza a gennaio 2023 le candidature andranno inviate a luca.marinelli@belmond.com. [post_title] => Belmond rilancia la Academy italiana: 600 ore di corso in partenza a gennaio, 30 posti disponibili [post_date] => 2022-11-22T10:11:40+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669111900000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434430 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair aggiungerà quattro nuove destinazioni al network da Bari e Brindisi per l'estate 2023. Nel dettaglio, da Bari si potrà partire alla volta di Poznan (Polonia) e Kaunas (Lituania), mentre da Brindisi si potranno raggiungere Breslavia (Polonia) e Venezia che, da fine marzo, sostituirà come nuovo collegamento quello attuale su Treviso. È la prima volta che la low cost dal capoluogo pugliese opera sulla Lituania: “Dato il successo che sta registrando l’incoming sulla Polonia, che si attesta nella top ten dei mercati internazionali dal punto di vista turistico – ha dichiarato il presidente di Adp, Antonio Maria Vasile - Aeroporti di Puglia e Ryanair hanno deciso di cogliere la forte domanda proveniente dal mercato polacco. Più nel dettaglio Poznan rappresenta una rotta mai operata prima, invece con il Breslavia-Brindisi si raddoppia l’offerta del volo già presente su Bari. L’annuncio dei nuovi voli è la testimonianza della solidità della collaborazione con Ryanair volta non solo al consolidamento del network nazionale e internazionale della nostra rete aeroportuale, ma anche al prezioso supporto per il sostegno a mercati turistici, quale quello polacco, di sicuro interesse per il turismo e l’economia della Puglia. Tutto ciò in una logica di condivisione di obiettivi e strategie che caratterizza il rapporto con la Regione Puglia e gli Enti di promozione”. [post_title] => Ryanair: poker di nuove rotte da Bari e Brindisi, fra Lituania, Polonia e Venezia [post_date] => 2022-11-21T09:03:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669021420000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434395 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si parte dal restyling del sito che diventerà sempre più uno strumento di vendita per le adv, nonché di consultazione e ispirazione per i viaggiatori. Sempre online debutteranno poi nuovi format emozionali sui social per invitare i clienti in adv. "A livello di contenuti proporremo prodotti inediti dal taglio esperienziale, sviluppando tra l'altro ulteriormente la linea King Plus che offre un valore aggiunto sui servizi sia individuali sia gruppi". Ha le idee chiare sul futuro di King Holidays il nuovo direttore commerciale, Roberto Minardi, approdato recentemente nell'operatore capitolino dopo un'ultra-trentennale carriera in realtà come Sprintours, Alpitour, i Viaggi del Ventaglio, Settemari, Futura Vacanze e Gruppo Oltremare Caleidoscopio. L'obiettivo, racconta lo stesso Minardi, è quello di riposizionare King Holidays sul mercato outgoing, dopo che negli ultimi due anni l'operatore si era, per forza di cose, spostato maggiormente verso l'incoming e il mercato domestico: "E' entusiasmante entrare a far parte di un tour operator consolidato come questo, con 30 anni di storia alle spalle, che ha ancora voglia di investire e di crescere". Il tutto naturalmente puntando sulle agenzie: "Abbiamo già in cantiera un vasto programma formativo - aggiunge il neodirettore commerciale -. A cominciare da una serie di fam trip che prenderanno il via già il prossimo 24 novembre con un combinato Portogallo - Marocco, a cui seguiranno Malta, Azzorre e Turchia. In calendario ci sono anche gli eventi a tema organizzati con gli enti. Prevediamo uno o due appuntamenti a bimestre, a cui si aggiungeranno naturalmente i tradizionali workshop". A livello commerciale, il piano è quello di dare più sostanza possibile alle agenzie Royal King, "che generano da sole circa il 40% del nostro fatturato complessivo e sono quelle che ci hanno sostenuto anche durante la pandemia. Naturalmente però non trascureremo neppure il resto del mercato, anzi continueremo sviluppare nuove collaborazioni con quanti più punti vendita possibile". Grande attenzione sarà data in particolare all'advance booking, con il nuovo contratto commerciale che tenderà a premiare le agenzie in grado di vendere gli individuali a 30 o a 60 giorni dalla partenza (King Prime 30 e King Prime 60). Non mancheranno neppure le King Flash Sales, dedicate sia al last minute, sia alle prenotazioni anticipate. [post_title] => Minardi, King Holidays: adv cuore del rilancio dell'outgoing [post_date] => 2022-11-18T13:33:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668778422000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434054 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si sta con ogni probabilità avviando finalmente a conclusione la vicenda dell'hotel La Lama di Roma, realizzato dall'architetto Massimiliano Fuksas nel cuore del quartiere Eur, insieme al Rome Convention Center la Nuvola. Stando a un comunicato ufficiale, "attualmente" sarebbero infatti aperte le prenotazioni  a partire da gennaio 2023. L'albergo, oggi brandizzato Hilton, ha vissuto in questi ultimi anni una serie di vicissitudini. A partire dal perfezionamento del contratto di vendita, chiusosi nel 2019 dopo ben due anni dalla firma del preliminare, a causa tra l'altro di alcune modifiche da apportare al centro congressi. L'inaugurazione della struttura era stata quindi prevista per il 2020, per essere poi più volte rimandata anche a seguito dello scoppio della pandemia. L’Hilton Rome Eur La Lama si sviluppa su 16 piani per 60 metri di altezza, 130 di lunghezza,16 di larghezza. E' dotato di sei ascensori panoramici e include 439 camere, due ristoranti, altrettanti bar, un'area fitness e sette sale riunioni. Di proprietà della Icarus S.p.A. si avvale per il suo completamento dello studio di ingegneria Reconsult, che si occupa anche della direzione lavori, con il supporto per l’interior design di Lorenzo Bellini Atelier, nonché di Stile quale impresa di costruzioni. La struttura rappresenta il prossimo capitolo della partnership tra Icarus e il gruppo alberghiero Usa, dopo l’Hilton Rome Airport, inaugurato più di 20 anni fa quale primo albergo aeroportuale in Italia, al quale si è poi aggiunto nel 2016 l’Hilton Garden Inn Rome Airport. [post_title] => Prenotazioni aperte ("attualmente") da gennaio per l'Hilton Rome Eur La Lama [post_date] => 2022-11-14T11:13:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668424425000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433529 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo un estate in forte ripresa la Corsica punta a rafforzare i rapporti con il mercato italiano, in particolare gli operatori e le agenzie di viaggio. «La stagione è stata buona – commenta Angèle Bastiani, presidente dell’Agenzia del Turismo della Corsica – L’Italia è sempre il primo mercato straniero in Corsica e vogliamo migliorare i rapporti  con i turisti italiani ai quali ci legano molte affinità». Anche in Francia i risultati sono stati positivi: la clientela europea e quella proveniente dagli Usa è tornata ed ha scelto di visitare un po’ tutte le regioni, dall’interno fino alla costa e al sud.  «Il mercato italiano è molto dinamico – sottolinea Frederic Meyer, direttore Italia, Grecia e Svizzera per Atout France  -. Moltissimi professionisti italiani hanno lavorato con noi in occasione degli eventi formativi ed hanno contribuito alla promozione della destinazione. Numerose agenzie hanno partecipato al programma formazione France Expert». Anche per il 2023 la Corsica ha in programma una campagna promozionale a 360 gradi. E naturalmente continueranno anche i progetti legati alla formazione per supportare gli operatori specializzati che amano la Corsica. «L’Isola è un destinazione verde e sostenibile – aggiunge Bastiani – ideale per vacanze slow. Nel 2023 rafforzeremo la collaborazione con Atout France sul mercato Italia. Il nostro progetto accompagnerà i professionisti online e offline per far capire i nuovi obiettivi.  Siamo convinti che occorra una presenza continua per supportare il trade, che inviteremo in Corsica per toccare con mano tutti i punti di forza e le caratteristiche della destinazione».   [post_title] => Corsica, promozione e formazione per rafforzare i rapporti con il trade [post_date] => 2022-11-04T11:55:47+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667562947000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ada tour lancia mama puglia expert un percorso formativo per adv su puglia e basilicata" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":96,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":329,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434910","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_412939\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Dina Giulia Ravera, presidente e ceo di Destination Italia.[/caption]\r\n\r\nDestination Italia e Portale Sardegna, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, hanno sottoscritto un accordo vincolante finalizzato alla fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia.\r\n\r\nL'operazione ha l’obiettivo di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala e la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà.\r\n\r\nDestination Italia e Portale Sardegna condividono la medesima visione: aggregare due realtà aziendali importanti per l’Italia, ed avviare il percorso di fusione che porterà il Gruppo a diventare un market maker internazionale, in grado di competere sul palcoscenico globale del Travel Tech con i big player in termini discala, tecnologia, portfolio clienti B2B e B2C e focus sul segmento del Luxury Travel, con un bouquet di esperienze turistiche unico in Italia.\r\n\r\nIn termini di mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross- selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (Tour Operatori internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. La forza del nuovo gruppo consisterà nella capacità di intercettare flussi maggiori di turisti stranieri, aumentare la frequenza di acquisto del “prodotto turistico Italia”, destagionalizzare la domanda, valorizzare tutto il territorio italiano e non solo le destinazioni top e, soprattutto, innalzare il valore medio dei viaggi con la proposizione di esperienze esclusive, tailor- made.\r\n\r\nDina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia: “Il Turismo in Italia rappresenta il 13% del PIL (oltre 200 miliardi di euro nel 2019, dato pre-pandemia,) ed ha un potenziale inespresso di circa 100 miliardi di euro annui, in particolare nel segmento luxury che vale circa 2.000 miliardi di euro a livello mondiale, di cui l’Italia intercetta circa l’1,5%. Dati che fanno comprendere quanto sia grande il potenziale del nostro Paese anche alla luce del fatto che, nell’immaginario collettivo, l’Italia è la meta preferita per i turisti di gamma alta e gode di un primato indiscusso per la bellezza dei paesaggi, la storia e l’arte, l’enogastronomia, il design e tutto il Made in Italy. Occorre però valorizzare tutti i territori del nostro Paese, soprattutto quelli ancora poco conosciuti dal turismo luxury: basti pensare, ad esempio, alle splendide Terre Borromee, un mosaico elegante ed esclusivo di isole e laghi, o agli scenari selvaggi tra montagna e mare negli angoli più suggestivi del cuore della Sardegna.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_378624\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna[/caption]\r\n\r\nPer far crescere l’export turistico dell’Italia nel mondo, tuttavia, occorre far crescere la competitività delle imprese che gestiscono l’inbound: oggi spicca l’assenza di player in grado di incidere sui flussi turistici globali. Destination Italia, con questa operazione straordinaria, procede lungo il percorso di creazione di un player mondiale nel segmento luxury, radicato in Italia, a vantaggio dell’economia territoriale italiana e a supporto delle PMI. Tutto questo si sposa con la missione di valorizzazione dell’economia del territorio di Intesa San Paolo, che ha dato origine a Destination Italia stessa”.\r\n\r\nAnche il portfolio tecnologico delle due società è fortemente sinergico. Da parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentono di intermediare e gestire prenotazionimassive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle decine di migliaia di servizi turistici sul territorio italiano; da parte di Portale Sardegna, le tecnologie e competenze prima menzionate vanno a complementare il patrimonio tecnologico del gruppo.«Ritengo che l’operazione di fusione in Destination Italia sia una grande opportunità per la nostra società: per raggiungere grandi obiettivi occorre una massa critica sempre più importante e Top Manager capaci e lungimiranti in grado di puntare ad ambiziosi traguardi - ha commentato Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna -. Il matrimonio tra Destination Italia e Portale Sardegna è un passo quasi naturale per due società vocate all’incoming che si completano a vicenda in un modo sorprendente, per gli asset in dotazione a ciascuna delle due realtà. Siamo pronti ad affrontare questa sfida con entusiasmo e determinazione: un altro passo importante della nostra storia ventennale che ci premia per quanto fatto finora e, soprattutto, ci consente di realizzare le nostre ambizioni mettendo a reddito gli importanti investimenti fatti negli anni passati. I risultati raggiunti in termini di ampliamento dell’offerta di nuovi segmenti di prodotto e scalabilità anche in ambito internazionale potranno essere valorizzati dalla forza della nuova realtà che stiamo realizzando».\r\n\r\nLe parti sono assistite nell’operazione dall’advisor Terzi & Partners, dagli studi legali Alma Società tra Avvocati S.r.l., lo Studio legale Grimaldi e da Integrae SIM in qualità di Euronext Growth Advisor di entrambe le società.","post_title":"Destination Italia incorpora per fusione Portale Sardegna","post_date":"2022-11-28T10:39:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669631961000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434615","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si conclude “Roots-in”, la prima borsa internazionale sul turismo delle origini. Diventa un appuntamento annuale il progetto organizzato da regione e apt Basilicata in collaborazione con Enit e la dg per gli italiani all’estero del ministero degli affari esteri. \r\n\r\nOltre 500 partecipanti al centro congressi UnaHotel MH, a borgo Venusio, presenti stakeholder e operatori del mondo del turismo internazionali.  \r\n\r\n«Abbiamo voluto creare – illustra il direttore generale di Apt Basilicata, Antonio Nicoletti - un evento internazionale dedicato a un segmento turistico che esiste da sempre, ma che è ancora troppo poco conosciuto e valorizzato, come il turismo delle origini. Un’intuizione nata nell’ambito del nostro piano strategico del marketing turistico, e attuata grazie al fondamentale supporto di Enit e Maeci. La collaborazione istituzionale e i risultati raggiunti, dimostrano che la volontà di fare sistema su tematiche di rilevanza nazionale può portare risultati significativi per gli operatori e per il posizionamento della nostra piccola-grande regione». \r\n\r\nE proprio il dialogo fra pubblico e privato è stato al centro dell’intervento di Sandro Pappalardo, rappresentante della Conferenza Stato regioni nel cda di Enit. «L’Italia – dichiara – è fra le mete più sognate al mondo. Occorre potenziare il posizionamento strategico della Penisola per tradurlo non solo in un’offerta sempre più performante e personalizzabile declinabile su target diversi di mercato ma anche per implementare il travel purchase del brand italia e consentire all’Italia di essere sempre in cima alle scelte di viaggio internazionali. E' un turismo che potenzieremo ulteriormente anche in vista dell'Anno delle radici nel 2024. Un modo di distribuire i flussi su tutto l'anno (con un piccolo picco ad agosto) coinvolgendo molto i giovani che vogliono riscoprire le proprie origini». \r\n\r\n «I discendenti degli italiani che vivono all’estero rappresentano una grande opportunità per il turismo emozionale, ma dobbiamo considerarli non come un bene economico, ma come uno straordinario patrimonio di relazioni, di storia, di identità. Nell’ambito del progetto Pnrr dedicato al turismo delle radici, vogliamo mettere a disposizione di questo valore una serie di servizi come il Passaporto delle radici, con una serie di incentivi per venire in Italia, o la digitalizzazione delle anagrafi comunali e tanto altro» sostiene Giovanni Maria de Vita, responsabile turismo delle radici Dgit Maeci.  \r\n\r\nSulle opportunità aperte dal Pnrr per il recupero dei borghi interviene Angelantonio Orlando, Ddrettore generale per l’attuazione del Pnrr del Ministero della cultura, che si è soffermato in particolare sui progetti lucani approvati: «La Basilicata è una delle regioni che più di altre ha fornito progettualità sui bandi del Pnrr dedicati ai Borghi. Su circa 40 progetti presentati ben 18 hanno superato la selezione per un investimento complessivo di 30 milioni di euro. Stiamo pensando di aggiungere una quota significativa di risorse nell’ambito del Fsc 2021 – 2027 per far scorrere la graduatoria dei comuni”. \r\n\r\nE Il turismo delle origini si inserisce in modo coerente con la strategia della Basilicata per il recupero dei borghi, come afferma Gianpiero Perri, consigliere scientifico per l’attuazione del Pnrr della Presidenza della giunta regionale. «Gran parte della Basilicata è area interna. I borghi lucani rappresentano una priorità strategica per la giunta regionale. Per questo la dimensione dell’impegno profuso non ha precedenti. La Basilicata è capace di aggiungere bellezza alla bellezza ereditata. In questo cammino è necessario lo sforzo di tutti sapendo che non bisogna avere paura di occhi ed idee che arrivano dall’esterno. La felice esperienza di Matera 2019 è la sintesi perfetta di quello che la Basilicata può fare». \r\n\r\n ","post_title":"Basilicata e Enit: Roots-In, l'evento internazionale per il turismo delle origini","post_date":"2022-11-24T10:19:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669285158000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434707","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Confermare l’importanza strategica della distribuzione, aumentare le opportunità commerciali per il canale trade, candidarsi come il principale e più innovativo fornitore di servizi per rendere ancora più solida e di valore l’attività della rete distributiva. Sono gli obiettivi ai quali punta C-Value, il nuovo contratto commerciale 2023 che Costa Crociere sta presentando in questi giorni in anteprima a oltre 1500 agenzie divViaggio di tutta Italia in occasione del road show itinerante “Insieme per creare valore”.\r\nValido dal 1° dicembre 2022 e strutturato in continuità con il contratto di valore lanciato nell’aprile 2021, C-Value introduce una serie di innovazioni, a partire da una nuova profilazione dei Partner effettuata sulla base di un’attenta selezione delle agenzie di viaggio. Oltre ai due cluster già presenti – Costa Point, destinato ai punti vendita fidelizzati che esprimono produzioni consistenti, e Costa Dealer, per le Agenzie con volumi di fatturato più contenuti ma con interessante potenziale di crescita – il nuovo contratto prevede un ulteriore terzo cluster, Costa Point Excellence. Ideato ascoltando bisogni ed esigenze dei migliori Partner della distribuzione, è destinato ai punti vendita storicamente legati a Costa e che esprimo volumi di vendita eccellenti.\r\n\r\nAccordi\r\nValore, reciprocità e innovazione saranno i tre pilastri di C-Value e della nuova segmentazione, grazie alla quale le agenzie disporranno di accordi più solidi e remunerativi e di una gamma di strumenti e servizi ancora più ricca e personalizzata, grazie al nuovo programma  C-Value Servizi. Tra i diversi vantaggi previsti, alcuni significativi benefici deriveranno dai nuovi piani di comunicazione integrata, dalla possibilità di essere più visibili sia sul territorio che online e dall’opportunità di incrementare i volumi delle vendite e la redditività grazie a nuovi, potenti strumenti di comunicazione sui social media.\r\n«Il Contratto C-Value 2023 sarà in continuità con l’attuale Contratto di Valore. Ascoltando con attenzione i nostri Partner della distribuzione abbiamo lavorato, però, per renderlo ancora più ricco e personalizzato, con l’obiettivo di migliorare e qualificare ulteriormente il rapporto con le agenzie di viaggio, che rappresentano da sempre il canale distributivo più importante nella strategia di Costa Crociere – spiega Riccardo Fantoni, direttore vendite di Costa Crociere –. Il nuovo programma C-Value Servizi prevederà tantissimi servizi base per tutti e un’ulteriore serie a scelta per i nostri migliori Partner, Costa Point e Costa Point Excellence, con l’obiettivo di rappresentare per le agenzie di viaggio il principale partner di servizi innovativi e di qualità per raggiungere i risultati attesi, a vantaggio di tutta la filiera».\r\nIncentivazione\r\nIl nuovo Contratto offrirà, inoltre, un programma di incentivazione ricco e ancora più premiante, caratterizzato da un sistema commissionale che remunererà in modo adeguato le vendite di qualità e offrirà guadagni più elevati in base al valore della prenotazione. Ad affiancarlo, ci saranno anche il nuovo Segui-C, che consente ai Partner di guadagnare tutto l’anno a fronte del raggiungimento di obiettivi predefiniti, e il nuovissimo programma loyalty C-Premia. Quest’ultimo, in modo particolare, rappresenta un’importante novità pensata per premiare e  coinvolgere, incentivandoli, i singoli Agenti di Viaggio, che avranno la possibilità di scegliere il proprio premio all’interno di un ricchissimo catalogo.\r\n\r\nPlus diversificati in base al modello di servizio.\r\nNon mancheranno altri importanti plus, diversificati in base al modello di servizio. La novità principale a supporto della comunicazione B2B2C sarà Red Hab, una nuova, potente e innovativa piattaforma di gestione della comunicazione sui social, per essere più efficaci, più organizzati e più veloci. E, poi, ancora il sistema di geolocalizzazione del punto vendita sul sito Costa, il potenziamento dei servizi di formazione erogati attraverso la Costa Academy e dei tool digitali di prenotazione e informazione, oltre al rinnovamento dei materiali per l’allestimento dei punti vendita.\r\nPer poter godere dei vantaggi previsti dalla nuova profilazione, alle agenzie di viaggio partner verrà richiesto l’impegno a portare a termine con successo alcune attività fondamentali per sviluppare compiutamente le opportunità commerciali, tra le quali il completamento dei percorsi formativi, la corretta e puntuale esposizione dei materiali promozionali e l’utilizzo dei canali di prenotazione digitali.\r\n","post_title":"Costa: dal 1° dicembre scatta il nuovo contratto commerciale per le agenzie","post_date":"2022-11-23T11:37:07+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669203427000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434531","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La fine dell’anno scolastico è un momento molto atteso dagli studenti di ogni scuola d’Italia e già ora è un buon momento per iniziare a pensare cosa si potrà fare per vivere un’estate unica, divertendosi e, possibilmente, cercando anche di ottenere dei vantaggi in termini economici e di competenze, senza tralasciare chiaramente il divertimento.\r\n\r\nNelle prossime righe abbiamo così deciso di riassumere tre idee che possono essere delle valide alternative per uno studente tra i 16 e i 18 anni per vivere un’estate unica nel suo genere.\r\nIl recupero di materie scolastiche e una meritata vacanza\r\nQuesta possibilità ci sentiamo di consigliarla a tutti gli studenti che hanno magari una o due materie da recuperare.\r\n\r\nL’inizio del nuovo anno non è così lontano e potrebbe essere molto produttivo recuperare in tempo le materie insufficienti, in modo da non avere brutte sorprese a settembre.\r\n\r\nPassare qualche ora in più in casa a studiare, anche se può risultare noioso, è comunque consigliato e non compromette sicuramente le uscite con gli amici e la possibilità di trascorrere una o due settimane al mare con qualche piccolo risparmio messo da parte.\r\nUn lavoro stagionale: animatore turistico e non solo\r\nSebbene il mondo del lavoro possa sembrare una strada troppo difficile da percorrere a 16 anni, ci sono un sacco di opportunità per i giovani che vorrebbero mettere qualche soldo da parte senza rinunciare al divertimento.\r\n\r\nPotrete provare una piccola stagione in un luogo di vacanza al mare, in modo da poter viaggiare e godervi alcuni momenti di meritato relax dove le persone pagano per soggiornare.\r\n\r\nLe posizioni aperte ai giovani sono davvero tante e le principali che ci sentiamo di consigliarvi sono il cameriere e l’animatore turistico.\r\n\r\nLa prima citata prevede un orario di lavoro più rigido, maggiore impegno di energie mentali e fisiche e la possibilità di guadagnare di più. Fare l’animatore turistico, al contrario, è molto più divertente, vi permetterà di conoscere moltissimi nuovi amici e allo stesso tempo potrete mettere qualche risparmio da parte mentre lavorate al mare durante l’estate.\r\nUna vacanza studio all’estero\r\nLe vacanze studio sono un ottimo sistema per poter vivere un’estate davvero irripetibile. Si tratta normalmente di tre mesi da trascorrere all’estero nelle principali città europee e mondiali, tra cui Londra, New York, Parigi, Melbourne. Qui potrete frequentare una scuola estiva per imparare le lingue e allo stesso tempo conoscere un sacco di nuovi amici.\r\n\r\nAl ritorno l’esperienza formativa che avrete svolto sarà davvero sensazionale: visitare un posto del mondo nuovo, che magari non avreste mai visto in autonomia, conoscere nuove persone di culture differenti, imparare una lingua e delle competenze che vi saranno molto utili per il vostro futuro lavorativo sono solamente alcuni dei vantaggi di una vacanza studio all’estero.\r\n\r\nSe siete interessati a questo tipo di alternativa ci sentiamo di suggerirvi di visitare la pagina relativa al trimestre all’estero di EF Education First. Nella pagina appena citata potrete trovare moltissime informazioni relative alle vacanze studio all’estero, con i benefici che potrete ottenere e la possibilità di richiedere gratuitamente informazioni per valutare se questa alternativa possa fare al caso vostro.\r\n\r\n \r\n\r\nI.P:","post_title":"Estate 2023: le alternative per uno studente del liceo per trascorrere delle vacanze uniche","post_date":"2022-11-23T08:00:53+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["ef-education-first","vacanbza-studio-new-york","vacanze-studio","vacanze-studio-londra","vacanze-studio-melbourne"],"post_tag_name":["EF Education First","vacanbza studio new york","vacanze studio","vacanze studio londra","vacanze studio melbourne"]},"sort":[1669190453000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434526","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un'accademia interna dedicata al reclutamento e alla formazione di nuovo personale da assumere nelle sue proprietà italiane. Riparte il programma di formazione Belmond Academy in collaborazione con l’istituto dei Mestieri d’eccellenza Lvmh: un progetto fortemente voluto dal gruppo e inaugurato con un’edizione beta nel 2022, per cercare di dare risposta alla sistematica carenza che sta sperimentando un settore trainante dell’economia del nostro Paese. \r\n\r\nDa fine gennaio 2023 ricomincia quindi il ciclo di attività della durata di 600 ore aperto a tutti i giovani dai 18 ai 28 anni, italiani e stranieri con italiano fluente, con diploma di scuola media superiore, non occupati e non inseriti in altri programmi di supporto alla disoccupazione. Gli allievi saranno ospitati da Belmond per tutta la durata del programma. Sono 30 i posti disponibili in questa edizione per candidati, anche privi di esperienza che, dopo aver superato l’esame di ammissione, potranno acquisire competenze altamente specializzate attraverso un percorso diviso tra 300 ore di didattica in aula e 300 ore di pratica e stage formativo in hotel. Una fase introduttiva teorica comune, guidata da docenti e professionisti del gruppo, permetterà di entrare in contatto immediato con il mondo turistico e alberghiero a 5 stelle per poi passare a uno dei due percorsi di specializzazione disponibili: food & beverage e front office. Un esame conclusivo assegnerà l’attestato di formazione e permetterà di individuare quei profili a cui sarà offerta un’assunzione stagionale della durata di sei mesi presso uno degli hotel di Belmond in Italia.\r\n\r\n“Sono estremamente entusiasta di annunciare il ritorno della collaborazione con l’istituto dei Mestieri d’eccellenza Lvmh per il progetto Belmond Academy - sottolinea Robert Koren, senior vice president della divisione Emea del gruppo -, Dopo un periodo di grande difficoltà, il nostro settore ha vissuto nel 2022 una stagione davvero straordinaria, di cui le nostre proprietà italiane sono state protagoniste con performance eccezionali. Il che ci spinge ancora di più a guardare al futuro, con nuovi investimenti, aperture ed esperienze. E’ quindi più che mai il momento di pensare ai giovani, continuando a cercare e formare i futuri professionisti alberghieri da portare nei nostri team”. Per poter accedere al primo ciclo in partenza a gennaio 2023 le candidature andranno inviate a luca.marinelli@belmond.com. ","post_title":"Belmond rilancia la Academy italiana: 600 ore di corso in partenza a gennaio, 30 posti disponibili","post_date":"2022-11-22T10:11:40+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669111900000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434430","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair aggiungerà quattro nuove destinazioni al network da Bari e Brindisi per l'estate 2023. Nel dettaglio, da Bari si potrà partire alla volta di Poznan (Polonia) e Kaunas (Lituania), mentre da Brindisi si potranno raggiungere Breslavia (Polonia) e Venezia che, da fine marzo, sostituirà come nuovo collegamento quello attuale su Treviso.\r\n\r\nÈ la prima volta che la low cost dal capoluogo pugliese opera sulla Lituania: “Dato il successo che sta registrando l’incoming sulla Polonia, che si attesta nella top ten dei mercati internazionali dal punto di vista turistico – ha dichiarato il presidente di Adp, Antonio Maria Vasile - Aeroporti di Puglia e Ryanair hanno deciso di cogliere la forte domanda proveniente dal mercato polacco. Più nel dettaglio Poznan rappresenta una rotta mai operata prima, invece con il Breslavia-Brindisi si raddoppia l’offerta del volo già presente su Bari. L’annuncio dei nuovi voli è la testimonianza della solidità della collaborazione con Ryanair volta non solo al consolidamento del network nazionale e internazionale della nostra rete aeroportuale, ma anche al prezioso supporto per il sostegno a mercati turistici, quale quello polacco, di sicuro interesse per il turismo e l’economia della Puglia. Tutto ciò in una logica di condivisione di obiettivi e strategie che caratterizza il rapporto con la Regione Puglia e gli Enti di promozione”.","post_title":"Ryanair: poker di nuove rotte da Bari e Brindisi, fra Lituania, Polonia e Venezia","post_date":"2022-11-21T09:03:40+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669021420000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434395","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si parte dal restyling del sito che diventerà sempre più uno strumento di vendita per le adv, nonché di consultazione e ispirazione per i viaggiatori. Sempre online debutteranno poi nuovi format emozionali sui social per invitare i clienti in adv. \"A livello di contenuti proporremo prodotti inediti dal taglio esperienziale, sviluppando tra l'altro ulteriormente la linea King Plus che offre un valore aggiunto sui servizi sia individuali sia gruppi\". Ha le idee chiare sul futuro di King Holidays il nuovo direttore commerciale, Roberto Minardi, approdato recentemente nell'operatore capitolino dopo un'ultra-trentennale carriera in realtà come Sprintours, Alpitour, i Viaggi del Ventaglio, Settemari, Futura Vacanze e Gruppo Oltremare Caleidoscopio.\r\n\r\nL'obiettivo, racconta lo stesso Minardi, è quello di riposizionare King Holidays sul mercato outgoing, dopo che negli ultimi due anni l'operatore si era, per forza di cose, spostato maggiormente verso l'incoming e il mercato domestico: \"E' entusiasmante entrare a far parte di un tour operator consolidato come questo, con 30 anni di storia alle spalle, che ha ancora voglia di investire e di crescere\". Il tutto naturalmente puntando sulle agenzie: \"Abbiamo già in cantiera un vasto programma formativo - aggiunge il neodirettore commerciale -. A cominciare da una serie di fam trip che prenderanno il via già il prossimo 24 novembre con un combinato Portogallo - Marocco, a cui seguiranno Malta, Azzorre e Turchia. In calendario ci sono anche gli eventi a tema organizzati con gli enti. Prevediamo uno o due appuntamenti a bimestre, a cui si aggiungeranno naturalmente i tradizionali workshop\".\r\n\r\nA livello commerciale, il piano è quello di dare più sostanza possibile alle agenzie Royal King, \"che generano da sole circa il 40% del nostro fatturato complessivo e sono quelle che ci hanno sostenuto anche durante la pandemia. Naturalmente però non trascureremo neppure il resto del mercato, anzi continueremo sviluppare nuove collaborazioni con quanti più punti vendita possibile\". Grande attenzione sarà data in particolare all'advance booking, con il nuovo contratto commerciale che tenderà a premiare le agenzie in grado di vendere gli individuali a 30 o a 60 giorni dalla partenza (King Prime 30 e King Prime 60). Non mancheranno neppure le King Flash Sales, dedicate sia al last minute, sia alle prenotazioni anticipate.","post_title":"Minardi, King Holidays: adv cuore del rilancio dell'outgoing","post_date":"2022-11-18T13:33:42+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1668778422000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434054","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si sta con ogni probabilità avviando finalmente a conclusione la vicenda dell'hotel La Lama di Roma, realizzato dall'architetto Massimiliano Fuksas nel cuore del quartiere Eur, insieme al Rome Convention Center la Nuvola. Stando a un comunicato ufficiale, \"attualmente\" sarebbero infatti aperte le prenotazioni  a partire da gennaio 2023. L'albergo, oggi brandizzato Hilton, ha vissuto in questi ultimi anni una serie di vicissitudini. A partire dal perfezionamento del contratto di vendita, chiusosi nel 2019 dopo ben due anni dalla firma del preliminare, a causa tra l'altro di alcune modifiche da apportare al centro congressi. L'inaugurazione della struttura era stata quindi prevista per il 2020, per essere poi più volte rimandata anche a seguito dello scoppio della pandemia.\r\n\r\nL’Hilton Rome Eur La Lama si sviluppa su 16 piani per 60 metri di altezza, 130 di lunghezza,16 di larghezza. E' dotato di sei ascensori panoramici e include 439 camere, due ristoranti, altrettanti bar, un'area fitness e sette sale riunioni. Di proprietà della Icarus S.p.A. si avvale per il suo completamento dello studio di ingegneria Reconsult, che si occupa anche della direzione lavori, con il supporto per l’interior design di Lorenzo Bellini Atelier, nonché di Stile quale impresa di costruzioni. La struttura rappresenta il prossimo capitolo della partnership tra Icarus e il gruppo alberghiero Usa, dopo l’Hilton Rome Airport, inaugurato più di 20 anni fa quale primo albergo aeroportuale in Italia, al quale si è poi aggiunto nel 2016 l’Hilton Garden Inn Rome Airport.","post_title":"Prenotazioni aperte (\"attualmente\") da gennaio per l'Hilton Rome Eur La Lama","post_date":"2022-11-14T11:13:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1668424425000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433529","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo un estate in forte ripresa la Corsica punta a rafforzare i rapporti con il mercato italiano, in particolare gli operatori e le agenzie di viaggio.\r\n\r\n«La stagione è stata buona – commenta Angèle Bastiani, presidente dell’Agenzia del Turismo della Corsica – L’Italia è sempre il primo mercato straniero in Corsica e vogliamo migliorare i rapporti  con i turisti italiani ai quali ci legano molte affinità».\r\n\r\nAnche in Francia i risultati sono stati positivi: la clientela europea e quella proveniente dagli Usa è tornata ed ha scelto di visitare un po’ tutte le regioni, dall’interno fino alla costa e al sud. \r\n\r\n«Il mercato italiano è molto dinamico – sottolinea Frederic Meyer, direttore Italia, Grecia e Svizzera per Atout France  -. Moltissimi professionisti italiani hanno lavorato con noi in occasione degli eventi formativi ed hanno contribuito alla promozione della destinazione. Numerose agenzie hanno partecipato al programma formazione France Expert».\r\n\r\nAnche per il 2023 la Corsica ha in programma una campagna promozionale a 360 gradi. E naturalmente continueranno anche i progetti legati alla formazione per supportare gli operatori specializzati che amano la Corsica.\r\n\r\n«L’Isola è un destinazione verde e sostenibile – aggiunge Bastiani – ideale per vacanze slow. Nel 2023 rafforzeremo la collaborazione con Atout France sul mercato Italia. Il nostro progetto accompagnerà i professionisti online e offline per far capire i nuovi obiettivi.  Siamo convinti che occorra una presenza continua per supportare il trade, che inviteremo in Corsica per toccare con mano tutti i punti di forza e le caratteristiche della destinazione».\r\n\r\n ","post_title":"Corsica, promozione e formazione per rafforzare i rapporti con il trade","post_date":"2022-11-04T11:55:47+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1667562947000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti