8 December 2022

Monografia Thailandia

Monografia “Thailandia. Il Paradiso esiste” realizzata dal giornale Travel Quotidiano. I protagonisti: ente nazionale per il turismo thailandese, il tour operator Viaggi dell’Elefante e la compagnia aerea Thai Airways.

La Thailandia riceve ogni anno più visitatori di ogni altro Paese dell’Asia sud-orientale. La sua popolarità tra i viaggiatori di tutto il mondo, e sempre più tra gli italiani, è dovuta ad una combinazione di fattori importanti come la bellezza delle sue spiagge, la natura incontaminata, le testimonianze archeologiche e artistiche di antiche civiltá, la cultura del sorriso e dell’ospitalità che caratterizza il popolo thailandese, una cucina tra le migliori d’oriente, un sistema di trasporti efficiente e, non ultimo, il costo contenuto del viaggio rispetto ad altre mete lontane. Dalle spiagge bianche di Phuket e Koh Samui ai templi buddisti di Chiang Mai e Lampang, dai sontuosi parchi nazionali ai suggestivi siti archeologici, dalle culture più tradizionali sino al fascino di Bangkok, metropoli in continua trasformazione, un viaggio in Thailandia offre molte possibilità di scoperta e divertimento, anche per il viaggiatore indipendente.

Il viaggio proposto in Thailandia dalla Monografia parte dunque dal nord del Paese con la capitale della zona è Chiang Mai, la seconda città Lampang e le antiche Chiang Rai  e Sukhothai.  Ci si dirige poi verso la Thailandia centrale, il vero cuore pulsante del Paese. Oltre a città come Ayutthaya  o alle località balneari come Pattaya e Hua Hin, un approfondimento a parte va riservato alla capitale Bangkok. Il sud del Paese è poi costituito dallo stretto ponte di terra dell’istmo di Kra che si allarga poi a formare la penisola malese. In questa sottile striscia di terra che si affaccia sul golfo del Siam e sul mar delle Andamane il clima è di tipo tropicale, caratterizzato dalla presenza dei monsoni. Isole con spiagge bianchissime e attrezzature turistiche spettacolari e all’avanguardia, sono una delle principali
fonti di ricchezza del paese degli uomini liberi.

Alcuni nomi sono ormai entrati nell’immaginario collettivo, come Phuket, Phi Phi Island, Koh Samui, Koh Lanta e molte altre. È in questa parte del Paese che si può affermare che in Thailandia il paradiso esiste. Si può certamente dire che la provincia di Krabi è una delle più belle del Regno. La vicina baia di Phangnga, con le sue torri di pietra calcarea, è il set ideale per numerosi film….

La Monografia propone inoltre un approfondimento sulla storia, la flotta e i vantaggi di volare con la compagnia aerea Thai Airways e gli itinerari di viaggio offerti tra natura e cultura dal tour operator Viaggi dell’Elefante.

 

 


Scarica il PDF
Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435378 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Thai Airways e Singapore Airlines hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) volto alla creazione di una nuova partnership strategica. Nel mirino una più estesa condivisione dei rispettivi codici di volo e una futura collaborazione commerciale di ampio respiro che offra ai passeggeri più scelta, oltre a maggiori vantaggi e a una migliore esperienza di viaggio. Inizialmente Thai e Sia applicheranno il codeshare sui rispettivi collegamenti tra Singapore e Bangkok. Thai opererà in codeshare anche sui voli di Sia verso Città del Capo e Johannesburg in Sudafrica; Houston, Los Angeles, New York (Jfk e Newark Liberty), San Francisco e Seattle negli Stati Uniti, nonché Vancouver in Canada, entro il primo trimestre del 2023, previa approvazione delle autorità. Saranno esplorati ulteriori accordi di codeshare verso destinazioni dei network di entrambe le compagnie aeree per supportare una maggiore connettività aerea verso la Thailandia e Singapore, nonché verso città in Europa, India e rotte del Pacifico sud-occidentale.     [post_title] => Thai Airways in codeshare con Singapore Airlines, nuova partnership strategica [post_date] => 2022-12-05T09:54:47+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670234087000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435329 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435331" align="alignleft" width="300"] Francesco di Cesare[/caption] Segnali di ripresa per lo shopping tourism in Italia che, nel 2023, potrebbe superare la quota dei 2 milioni di turisti che viaggiano con motivazione prevalente shopping stimata prima della pandemia. Dopo il focus sul mercato internazionale nella tappa di Venezia, seguito dall'approfondimento sulla Penisola dell'evento di Ancona, arrivano ora le anticipazioni sul prossimo futuro, rivelate in occasione dell'appuntamento conclusivo, a Bologna, con il tour 2022 organizzato sul tema dello shopping tourism da Risposte Turismo, in collaborazione con il sistema Confcommercio. «Superare la soglia dei 2 milioni di shopping tourist sarebbe un risultato che ribadisce l’esistenza di una porzione significativa di domanda turistica che ha nello shopping la motivazione prevalente della propria vacanza e su cui sarebbe opportuno attivare un programma di impegno per aumentare il posizionamento dell’intera Italia come destinazione per gli shopping tourist» ha dichiarato Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo. Nella cornice di palazzo Segni Massetti, sede di Confcommercio Ascom Bologna, di Cesare ha inoltre presentato i risultati della mappatura sui luoghi dello shopping in Italia contenuta all’interno di Shopping Tourism Italian Monitor, il rapporto di ricerca di riferimento sul fenomeno. La fotografia scattata mostra la presenza nel nostro Paese di un’offerta variegata per i turisti desiderosi di trascorrere una vacanza all’insegna dello shopping e per tutti coloro che, nelle loro vacanze, non rinunciano agli acquisti. Secondo la ricognizione effettuata da Risposte Turismo, considerando solamente dieci tra le principali città turistiche del Paese (Bologna, Ferrara, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Padova, Parma, Roma e Verona), sono oltre 1.300 le botteghe storiche presenti, a sottolineare un consistente patrimonio dell’offerta nazionale da valorizzare ancor meglio in chiave turistica e di sistema Paese. Dall’indagine emergono, inoltre, oltre 80 vie dello shopping presenti sul territorio nazionale: da via Montenapoleone (Milano) a via dei Condotti (Roma), da calle Larga XXII Marzo (Venezia) a via Tornabuoni (Firenze) e via dei Mille (Napoli), solo per citarne alcune. La nuova edizione dello Shopping Tourism Italian Monitor contiene anche i numeri aggiornati degli outlet e dei department store. Per quanto riguarda gli outlet, in Italia sono presenti 26 strutture (nonostante le complessità di questo triennio, un numero stabile rispetto alla precedente ricognizione effettuata nel 2019), per un totale di 725 mila metri quadrati di aree commerciali, con una stima di crescita di due unità nel biennio 2023-2024 grazie all’apertura del Roma Outlet Village e del Designer Outlet Sardegna e progetti di ampliamento in altre cinque strutture. Significativo evidenziare come a livello europeo l’Italia sia al secondo posto dietro al Regno Unito per numero di strutture outlet (13% sul totale). L’analisi di Risposte Turismo evidenzia inoltre la presenza in Italia di più di 60 department store (oltre 270 mila metri quadrati di superfice complessiva, + 3.8% sull’analisi 2019) e la realizzazione di una serie di interventi nei luoghi del travel retail, come presso gli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate, nonché nelle stazioni di Roma Termini e Napoli Centrale. Con l'evento bolognese si è quindi concluso il tour itinerante 2022 di Shopping tourism – il forum italiano. Le tre tappe hanno visto la partecipazione di oltre 250 operatori del mondo del turismo e del retail. Sul palco 40 relatori e dieci momenti di confronto e discussione sul presente e futuro di un segmento turistico dalle forti potenzialità per il nostro Paese. «Chiudiamo oggi a Bologna il nostro tour nel quale abbiamo articolato il forum quest’anno - conclude Francesco di Cesare -. Il bilancio non può che essere di grande soddisfazione, in particolare per la ricchezza dei contenuti emersi grazie al contributo dei relatori coinvolti, punti di vista eterogenei, racconti di esperienze diverse riconducibili alla dimensione turistica o a quella commerciale delle destinazioni, ma comunque sempre riferiti all’incrocio tra di esse, che poi rappresenta l’essenza stessa della capacità di rivolgersi alla domanda di shopping tourism. Grazie dunque a tutti coloro che hanno animato i dibattiti, a chi ha scelto di partecipare e ad assistere ad essi, nonché agli sponsor e a coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questi tre appuntamenti, a cominciare dal sistema Confcommercio». [post_title] => Risposte Turismo: il futuro dello shopping tourism è roseo. A Bologna l'ultima tappa del tour sul tema [post_date] => 2022-12-02T11:34:59+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669980899000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435181 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dicembre sold out in casa Guiness Travel, a coronamento di un mese di novembre da record storico per quanto riguarda il numero di prenotazioni. “L’ampia disponibilità degli allotment aerei e sui servizi a terra ha spinto i viaggiatori a scegliere la nostra offerta ampia e variegata di itinerari, con la certezza di non incappare in sorprese tariffarie di nessun tipo - racconta la salse manager del to, Elvira D’Aversa -. Ciò a cui stiamo assistendo è una grande dimostrazione di fiducia della clientela verso il nostro prodotto, ancor più evidente se si considera che le vendite invernali non avevano mai raggiunto un tale volume nel nostro business trade”. Diverse le aree che hanno regalato le maggiori soddisfazioni. In Europa, si confermano le classiche capitali evergreen legate agli short break di cinque giorni, con un ritorno fortissimo di Vienna e Praga. Soprattutto la capitale austriaca ritorna prepotentemente nei radar, spinta dal potente richiamo delle festività di fine anno. Anche la formula del long tour fa registrare ottimi numeri in Spagna e Portogallo, naturale scia di un trend positivo sulla destinazione che non ha conosciuto soste dalla scorsa primavera. Puntando la lente più a est, non fa più clamore ormai il grande successo della Turchia, che fa di Istanbul una delle metropoli più corteggiate dell’ultimo periodo. Nell’ambito del Vicino Oriente, spopolano Giordania, Egitto ed Emirati Arabi, Paesi che godono in questo momento dell’anno di un clima particolarmente favorevole al turismo. Forse la sorpresa più grande viene allora dalla netta ripresa di mete lungo raggio, quali il Vietnam e la Thailandia, che hanno storicamente sofferto più di altre l’emergenza dovuta all’insorgere della pandemia. Altro motivo di ottimismo è poi l’aumento delle prenotazioni nel primo trimestre del 2023, quando Guiness Travel dispiegherà più di 30 partenze in Europa e nel resto del mondo, sfruttando la finestra climatica migliore di molte destinazioni e un’ampia vendibilità grazie ad avvicinamenti da tutta Italia. Novità la Spagna del Nord 2023, con un nuovo operativo su Madrid che permette di godere della vitalità e del fascino della capitale iberica. “Continuità della filosofia aziendale, processo di sviluppo tecnologico e semplificazione graduale per agevolare le adv e il comparto booking: concetti chiave che ci sono particolarmente a cuore - conclude Elvira D'Aversa -. Inoltre, i risultati gratificanti che stiamo ottenendo testimoniano ancora una volta il grande lavoro di programmazione, la sinergia vincente con tutta la filiera del trade, una campagna mirata di content marketing e una serie di solide partnership con gli enti del turismo”. [post_title] => Con il dicembre sold out, Guiness Travel lancia la novità Spagna del Nord per il 2023 [post_date] => 2022-12-01T09:40:31+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669887631000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435121 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => SalamAir inaugurerà il prossimo 18 dicembre la sua seconda destinazione in Thailandia, Bangkok: il nuovo collegamento diretto da Muscat sarà operato tre volte alla settimana, domenica, martedì e venerdì, mentre i voli di ritorno dalla capitale thailandese sono previsti il lunedì, il mercoledì e il sabato.  La nuova rotta si aggiunge a quella già operativa verso Phuket e segna l'ulteriore espansione della low cost dell'Oman nel  Sud-est asiatico. La tratta ha registrato una forte domanda sia per i voli in partenza che per quelli in arrivo.  "Bangkok rimane una delle destinazioni turistiche preferite dagli omaniti e dagli stranieri - ha dichiarato Mohamed Ahmed, ceo di SalamAir -. Ai nostri clienti offriamo un prodotto dal perfetto rapporto qualità-prezzo che consente loro di essere flessibili, di risparmiare grazie alle nostre tariffe competitive e di aggiungere i servizi che preferiscono". I voli daranno impulso al turismo, alle relazioni economiche e alle opportunità commerciali tra l'Oman e la Thailandia. La strategia di espansione del network della compagnia aerea è dedicata a collegare sempre più destinazioni lungo nuovi settori per stabilire una forte presenza pan-internazionale". Il vettore opera attualmente con una flotta composta da sei A320neo e quattro A321neo. [post_title] => SalamAir vola verso la sua seconda destinazione in Thailandia: Bangkok [post_date] => 2022-11-30T11:21:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669807282000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435091 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La riduzione delle emissioni di carbone, la minimizzazione dello spreco di acqua ed energia e il sostegno alle comunità locali sono solo alcuni degli elementi che hanno permesso al Khaolak Merlin Resort di ottenere il Travellife gold certificate for accommodation sustainability come Responsible Thailand Award Best Hotel 2020. Ed è proprio questa struttura thailandese uno dei nuovi prodotti green che KiboTours propone in collaborazione con alcuni operatori locali. Ci troviamo nel sud estremo del Paese, ai confini con la Malesia, territorio naturalisticamente privilegiato, dove oltre al classico paradiso balneare c’è un mondo fatto di giungla, fauna selvaggia, cascate e specchi d’acqua. I parchi naturali di Khao Lak/ Lam Ru, Khao Sok e Phang-nga regalano giornate a strettissimo contatto con la flora e la fauna locale. Le diverse sistemazioni proposte, che vanno dalla camera superior alla luxury villa con due stanze da letto, sono realizzate in armonia con l’ambiente circostante e Khaolak Merlin mette a punto ogni accorgimento per garantire il minimo impatto inquinante. Nel dettaglio vengono utilizzati uno speciale sistema di trattamento dell’acqua con filtri naturali, che consente di riutilizzarla per irrigare i giardini e un sistema di compostaggio dei rifiuti solidi che permette di ridurre il consumo di energia e l’inquinamento. Alla plastica vengono preferiti materiali biodegradabili, come le cannucce di carta, o riutilizzabili, come borse in stoffa. Si è inoltre consolidata nel tempo una collaborazione con diverse organizzazioni ambientaliste per la conservazione della fauna e degli alberi sulla proprietà. Questo natural resort offre, oltre a una spiaggia e ad ampi spazi verdi, quattro piscine e una spa per rilassarsi, insieme a una ampia selezione di attività ed esperienze in chiave green. Tra queste il trekking e il rafting nel parco naturale di Lam Ru, il bagno con gli elefanti ed escursioni notturne alla scoperta degli animali (come lemuri, pappagalli, gufi e lucertole) che vivono nella foresta pluviale. Il boutique resort Khaolak Merlin è adatto anche a una vacanza in famiglia e offre avventure ed escursioni pensate per i più piccoli.   [post_title] => La Thailandia in chiave green di KiboTours si chiama Khaolak Merlin [post_date] => 2022-11-30T11:05:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669806342000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434901 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con il rebranding da parte di Phuket Boat Lagoon Co dell'attuale Boat Lagoon Resort di Phuket, Nh Hotels farà il suo ingresso in Thailandia, e in Asia, nel primo trimestre 2023. La firma ufficiale è stata presieduta da William Heinecke, fondatore e presidente di Minor International, società proprietaria di Minor Hotels. L'Nh Boat Lagoon Phuket Resort si trova sulla costa orientale dell’isola più famosa della Thailandia, nel cuore della nota laguna omonima: il primo porto turistico full-service di Phuket. La struttura conta 271 chiavi, tra camere e appartamenti. In più, l’hotel offrirà un ristorante aperto tutto il giorno, un bar caffetteria nella hall, una piscina con bar, una palestra, un campo da tennis e un miniclub per bambini. Il resort si rivolgerà anche al mercato mice, proponendo ampi spazi per meeting ed eventi, tra cui una tensostruttura di mille metri quadrati per grandi eventi, un business centre e un ampio parcheggio. Da ricordare anche il complesso del porto turistico Boat Lagoon, che include una serie di negozi e facilities, oltre a ristoranti e luoghi di intrattenimento, tra cui una pista di pattinaggio. Un'ulteriore attrattiva è rappresentata dallo stesso porto turistico full-service, in grado di ospitare oltre 300 imbarcazioni fornendo assistenza e manutenzione in loco. [post_title] => Nh Hotels sbarca in Asia con la sua prima struttura a Phuket [post_date] => 2022-11-28T10:54:55+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669632895000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434896 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riuniti in crociera da Going, in navigazione da Venezia verso Croazia e Slovenia, gli agenti di viaggio hanno potuto conoscere direttamente dalle voci dei direttori e dei responsabili degli enti del turismo coinvolti le novità e i temi che caratterizzeranno la promozione nelle prossime stagioni turistiche. Si è svolto recentemente sulla Msc Sinfonia il primo appuntamento con la Going Academy, per un programma articolato che vedrà nell’arco dell’anno una serie di incontri ulteriori. «L’Academy è un prezioso contenitore di formazione che di volta in volta declineremo con educational a destinazione, oppure roadshow nelle regioni italiane – spiega il chief commercial & operations officer, Maurizio Casabianca -: attualmente lavoriamo al calendario del 2023, che ha già in programma fam trip legati a campagne di vendita». Nella fattispecie, Going sta sviluppando un programma con Turkish Airlines sulla destinazione Turchia. Parallelamente, la piattaforma b2b Going4You si arricchirà di contenuti che le agenzie di viaggio possono riascoltare e scaricare in fari formati: video, testi e immagini, nonché webinar educativi sul prodotto. Gli enti del turismo che hanno partecipato all’Academy sulla Sinfonia sono stati l’Egitto, la Giordania, Israele, le Seychelles e la Thailandia, mentre la Croazia ha supportato il team di prodotto di Going nelle attività di familiarizzazione. Così come la presenza delle dmc è valsa all’approfondimento sulla Turchia e al lancio del Marocco per il 2023. Invece, tra i player dell’hospitality si contavano Constance Hotels e Bahia Principe Resorts, senza dimenticare Msc Crociere, con cui il tour operator realizza la programmazione Going4Cruise, ovvero gli itinerari pre e post crociera nelle mete della compagnia. Infine, Ita Airways ed Europe Assistance si sono concentrate sui nuovi programmi per le agenzie di viaggio e sulle garanzie offerte dalle polizze assicurative. La prima Going Academy ha infine annunciato anche le prossime nuove destinazioni del tour operator: Sud Africa, Kenya, Tanzania, Uzbekistan insieme al già citato Marocco. [post_title] => Si è svolto a bordo della Msc Sinfonia il primo appuntamento con la Going Academy [post_date] => 2022-11-28T09:55:32+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669629332000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434785 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chiude a 830 milioni di euro l'anno del comparto tour operating di Alpitour World: la metà del fatturato complessivo di 1,6 miliardi del gruppo. «Non siamo ancora ai livelli del 2019 - racconta il general manager tour operating della compagnia, Pier Ezhaya, a margine della presentazione del nuovo logo -. Ma già dall'anno prossimo prevediamo di tornare sugli 1,35 miliardi di tre anni fa!. Molto bene stanno andando soprattutto le Maldive, l'Egitto e la Repubblica Dominicana. «Quest'ultima destinazione - prosegue Ezhaya - pare aver preso un po' il posto di Messico e Cuba come star dell'area caraibica. Buone poi le performance dell'Africa Orientale, soprattutto di Kenya e Zanzibar». «Per il 2023 ci aspettiamo quindi una ripresa del Messico e soprattutto una crescita su Mauritius, dove per la prima volta nella nostra storia posizioneremo un volo Neos, a partire dal prossimo 20 dicembre. Ci aspettiamo inoltre un Egitto ancora tonico e una Tunisia in recupero. La meta maghrebina potrebbe in particolare guadagnare quote di mercato a scapito di altre destinazioni mediterranee tradizionalmente più care come la Spagna e la Grecia, che potrebbero risentire della crescita dell'inflazione e della conseguente perdita di potere d'acquisto dei viaggiatori. Sul lungo raggio, infine, continuano a esercitare un grande appeal gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole. Ci attendiamo poi la ripartenza forte di Giappone e Thailandia e una sostanziale conferma dell'Indonesia". Reset della domanda A faticare un po' sono invece le mete nuove. Quelle destinazioni lanciate nel 2019, appena prima dello scoppio della pandemia, che all'epoca sembravano godere di ottime prospettive e che ora invece stentano a trovare spazio tra i desiderata degli italiani. "E' un po' come se il Covid avesse generato una sorta di reset nella domanda. Poca Naxos in Grecia, quindi per intenderci, ma si torna invece volentieri e Mykonos, Creta e Rodi. Anche l'Oman, che prometteva benissimo, oggi soffre un po'. «Noi però non ci fermiamo e oltre a trovare nuove strategie per queste mete, continuiamo a pensare anche ad altre destinazioni. Al momento stiamo per esempio studiando la Guinea Equatoriale, che ha molto da offrire soprattutto dal punto di vista naturalistico, e abbiamo introdotto una nuova declinazione di Doha. Il tutto, senza naturalmente dimenticare la novità Arabia Saudita: direi inevitabile visti gli investimenti che il Paese sta effettuando per valorizzare la propria proposta turistica». [post_title] => Ezhaya, Alpitour: il to chiude a 830 mln. Nel 2023 ai livelli pre-Covid [post_date] => 2022-11-25T09:15:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669367726000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434050 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tre mood differenti per altrettante sfumature di divertimento da vivere in Thailandia. La destinazione best seller di KiboTours torna con una proposta di Capodanno davvero speciale per il 2023. A partire dalla classica accoppiata Bangkok più Phuket, dedicata a chi vuole trascorrere una vacanza dove protagonista è il relax. Le prime tre notti si soggiorna all’hotel Manhattan della capitale, con tempo libero a volontà per esplorare la grande metropoli. La seconda parte del viaggio, sei notti, si trascorre all’hotel Old Phuket di Karon Beach, situato nella zona meridionale dell'isola. I servizi sono di pernottamento e prima colazione, con la cena di Capodanno inclusa, come tutti i trasferimenti e l’assistenza KiboTours. Il prezzo parte da 2.290 euro a persona, dal 27 dicembre 2022 al 6 gennaio 2023. Pensata per chi vuole scoprire qualcosa di più, la combinazione minitour e Phuket prevede quattro notti itineranti con il tour Storia e natura diviso come pernottamenti tra Bangkok e Kanchanaburi. Il viaggio prevede visite con guida tra le principali attrazioni della capitale. Spostandosi verso Kanchanaburi si ha  poi modo di visitare il caratteristico mercato galleggiante di Damnoen Sadouak e il celebre river Kwai. Nel paesaggio naturale delle cascate Sai Yok è prevista la possibilità, a pagamento extra, di esperienze con i nobili elefanti del Siam e di soft rafting su di una zattera. Rientrando a Bangkok è prevista inoltre una tappa ad Ayutthaya, l’antica capitale del regno di Siam, sede del parco archeologico patrimonio dell’umanità Unesco. Le altre cinque notti si soggiorna infine all’hotel Kata Palm Resort e Spa, situato su Kata Beach. I servizi sono di pernottamento e prima colazione, con la cena di Capodanno inclusa, come tutti i trasferimenti e l’assistenza KiboTours. Il prezzo parte da 2.890 euro a persona, dal 27 dicembre 2022 al 6 gennaio 2023. Ancora più dinamica, infine, la terza opportunità proposta da KiboTours, riservata a chi adora il mare. In questo caso si comincia la vacanza con due notti all’hotel Sukosol di Bangkok, per poi spostarsi al Saii Phi Phi Island Village, sulle omonime isole dell’arcipelago di Phi Phi Island, che hanno ospitato il set del film The Beach con Leonardo di Caprio. Si soggiorna qui per tre notti, per poi spostarsi a Phuket, soggiornando nel 5 stelle Saii Laguna per le ultime quattro notti. I servizi sono di pernottamento e prima colazione, con la cena di Capodanno inclusa, come tutti i trasferimenti e l’assistenza KiboTours. Il prezzo parte da 3.390 euro a persona, dal 27 dicembre 2022 al 6 gennaio 2023. [post_title] => Tre sfumature di Thailandia per il Capodanno griffato KiboTours [post_date] => 2022-11-14T10:53:32+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668423212000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "monografia thailandia" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":16,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":252,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435378","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Thai Airways e Singapore Airlines hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) volto alla creazione di una nuova partnership strategica. Nel mirino una più estesa condivisione dei rispettivi codici di volo e una futura collaborazione commerciale di ampio respiro che offra ai passeggeri più scelta, oltre a maggiori vantaggi e a una migliore esperienza di viaggio.\r\n\r\nInizialmente Thai e Sia applicheranno il codeshare sui rispettivi collegamenti tra Singapore e Bangkok. Thai opererà in codeshare anche sui voli di Sia verso Città del Capo e Johannesburg in Sudafrica; Houston, Los Angeles, New York (Jfk e Newark Liberty), San Francisco e Seattle negli Stati Uniti, nonché Vancouver in Canada, entro il primo trimestre del 2023, previa approvazione delle autorità.\r\n\r\nSaranno esplorati ulteriori accordi di codeshare verso destinazioni dei network di entrambe le compagnie aeree per supportare una maggiore connettività aerea verso la Thailandia e Singapore, nonché verso città in Europa, India e rotte del Pacifico sud-occidentale.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Thai Airways in codeshare con Singapore Airlines, nuova partnership strategica","post_date":"2022-12-05T09:54:47+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670234087000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435329","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435331\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco di Cesare[/caption]\r\n\r\nSegnali di ripresa per lo shopping tourism in Italia che, nel 2023, potrebbe superare la quota dei 2 milioni di turisti che viaggiano con motivazione prevalente shopping stimata prima della pandemia. Dopo il focus sul mercato internazionale nella tappa di Venezia, seguito dall'approfondimento sulla Penisola dell'evento di Ancona, arrivano ora le anticipazioni sul prossimo futuro, rivelate in occasione dell'appuntamento conclusivo, a Bologna, con il tour 2022 organizzato sul tema dello shopping tourism da Risposte Turismo, in collaborazione con il sistema Confcommercio.\r\n\r\n«Superare la soglia dei 2 milioni di shopping tourist sarebbe un risultato che ribadisce l’esistenza di una porzione significativa di domanda turistica che ha nello shopping la motivazione prevalente della propria vacanza e su cui sarebbe opportuno attivare un programma di impegno per aumentare il posizionamento dell’intera Italia come destinazione per gli shopping tourist» ha dichiarato Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo.\r\n\r\nNella cornice di palazzo Segni Massetti, sede di Confcommercio Ascom Bologna, di Cesare ha inoltre presentato i risultati della mappatura sui luoghi dello shopping in Italia contenuta all’interno di Shopping Tourism Italian Monitor, il rapporto di ricerca di riferimento sul fenomeno. La fotografia scattata mostra la presenza nel nostro Paese di un’offerta variegata per i turisti desiderosi di trascorrere una vacanza all’insegna dello shopping e per tutti coloro che, nelle loro vacanze, non rinunciano agli acquisti. Secondo la ricognizione effettuata da Risposte Turismo, considerando solamente dieci tra le principali città turistiche del Paese (Bologna, Ferrara, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Padova, Parma, Roma e Verona), sono oltre 1.300 le botteghe storiche presenti, a sottolineare un consistente patrimonio dell’offerta nazionale da valorizzare ancor meglio in chiave turistica e di sistema Paese.\r\n\r\nDall’indagine emergono, inoltre, oltre 80 vie dello shopping presenti sul territorio nazionale: da via Montenapoleone (Milano) a via dei Condotti (Roma), da calle Larga XXII Marzo (Venezia) a via Tornabuoni (Firenze) e via dei Mille (Napoli), solo per citarne alcune. La nuova edizione dello Shopping Tourism Italian Monitor contiene anche i numeri aggiornati degli outlet e dei department store. Per quanto riguarda gli outlet, in Italia sono presenti 26 strutture (nonostante le complessità di questo triennio, un numero stabile rispetto alla precedente ricognizione effettuata nel 2019), per un totale di 725 mila metri quadrati di aree commerciali, con una stima di crescita di due unità nel biennio 2023-2024 grazie all’apertura del Roma Outlet Village e del Designer Outlet Sardegna e progetti di ampliamento in altre cinque strutture.\r\n\r\nSignificativo evidenziare come a livello europeo l’Italia sia al secondo posto dietro al Regno Unito per numero di strutture outlet (13% sul totale). L’analisi di Risposte Turismo evidenzia inoltre la presenza in Italia di più di 60 department store (oltre 270 mila metri quadrati di superfice complessiva, + 3.8% sull’analisi 2019) e la realizzazione di una serie di interventi nei luoghi del travel retail, come presso gli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate, nonché nelle stazioni di Roma Termini e Napoli Centrale.\r\n\r\nCon l'evento bolognese si è quindi concluso il tour itinerante 2022 di Shopping tourism – il forum italiano. Le tre tappe hanno visto la partecipazione di oltre 250 operatori del mondo del turismo e del retail. Sul palco 40 relatori e dieci momenti di confronto e discussione sul presente e futuro di un segmento turistico dalle forti potenzialità per il nostro Paese. «Chiudiamo oggi a Bologna il nostro tour nel quale abbiamo articolato il forum quest’anno - conclude Francesco di Cesare -. Il bilancio non può che essere di grande soddisfazione, in particolare per la ricchezza dei contenuti emersi grazie al contributo dei relatori coinvolti, punti di vista eterogenei, racconti di esperienze diverse riconducibili alla dimensione turistica o a quella commerciale delle destinazioni, ma comunque sempre riferiti all’incrocio tra di esse, che poi rappresenta l’essenza stessa della capacità di rivolgersi alla domanda di shopping tourism. Grazie dunque a tutti coloro che hanno animato i dibattiti, a chi ha scelto di partecipare e ad assistere ad essi, nonché agli sponsor e a coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questi tre appuntamenti, a cominciare dal sistema Confcommercio».","post_title":"Risposte Turismo: il futuro dello shopping tourism è roseo. A Bologna l'ultima tappa del tour sul tema","post_date":"2022-12-02T11:34:59+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669980899000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435181","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dicembre sold out in casa Guiness Travel, a coronamento di un mese di novembre da record storico per quanto riguarda il numero di prenotazioni. “L’ampia disponibilità degli allotment aerei e sui servizi a terra ha spinto i viaggiatori a scegliere la nostra offerta ampia e variegata di itinerari, con la certezza di non incappare in sorprese tariffarie di nessun tipo - racconta la salse manager del to, Elvira D’Aversa -. Ciò a cui stiamo assistendo è una grande dimostrazione di fiducia della clientela verso il nostro prodotto, ancor più evidente se si considera che le vendite invernali non avevano mai raggiunto un tale volume nel nostro business trade”.\r\n\r\nDiverse le aree che hanno regalato le maggiori soddisfazioni. In Europa, si confermano le classiche capitali evergreen legate agli short break di cinque giorni, con un ritorno fortissimo di Vienna e Praga. Soprattutto la capitale austriaca ritorna prepotentemente nei radar, spinta dal potente richiamo delle festività di fine anno. Anche la formula del long tour fa registrare ottimi numeri in Spagna e Portogallo, naturale scia di un trend positivo sulla destinazione che non ha conosciuto soste dalla scorsa primavera. Puntando la lente più a est, non fa più clamore ormai il grande successo della Turchia, che fa di Istanbul una delle metropoli più corteggiate dell’ultimo periodo.\r\n\r\nNell’ambito del Vicino Oriente, spopolano Giordania, Egitto ed Emirati Arabi, Paesi che godono in questo momento dell’anno di un clima particolarmente favorevole al turismo. Forse la sorpresa più grande viene allora dalla netta ripresa di mete lungo raggio, quali il Vietnam e la Thailandia, che hanno storicamente sofferto più di altre l’emergenza dovuta all’insorgere della pandemia. Altro motivo di ottimismo è poi l’aumento delle prenotazioni nel primo trimestre del 2023, quando Guiness Travel dispiegherà più di 30 partenze in Europa e nel resto del mondo, sfruttando la finestra climatica migliore di molte destinazioni e un’ampia vendibilità grazie ad avvicinamenti da tutta Italia. Novità la Spagna del Nord 2023, con un nuovo operativo su Madrid che permette di godere della vitalità e del fascino della capitale iberica.\r\n\r\n“Continuità della filosofia aziendale, processo di sviluppo tecnologico e semplificazione graduale per agevolare le adv e il comparto booking: concetti chiave che ci sono particolarmente a cuore - conclude Elvira D'Aversa -. Inoltre, i risultati gratificanti che stiamo ottenendo testimoniano ancora una volta il grande lavoro di programmazione, la sinergia vincente con tutta la filiera del trade, una campagna mirata di content marketing e una serie di solide partnership con gli enti del turismo”.","post_title":"Con il dicembre sold out, Guiness Travel lancia la novità Spagna del Nord per il 2023","post_date":"2022-12-01T09:40:31+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669887631000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435121","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"SalamAir inaugurerà il prossimo 18 dicembre la sua seconda destinazione in Thailandia, Bangkok: il nuovo collegamento diretto da Muscat sarà operato tre volte alla settimana, domenica, martedì e venerdì, mentre i voli di ritorno dalla capitale thailandese sono previsti il lunedì, il mercoledì e il sabato. \r\n\r\nLa nuova rotta si aggiunge a quella già operativa verso Phuket e segna l'ulteriore espansione della low cost dell'Oman nel  Sud-est asiatico. La tratta ha registrato una forte domanda sia per i voli in partenza che per quelli in arrivo. \r\n\r\n\"Bangkok rimane una delle destinazioni turistiche preferite dagli omaniti e dagli stranieri - ha dichiarato Mohamed Ahmed, ceo di SalamAir -. Ai nostri clienti offriamo un prodotto dal perfetto rapporto qualità-prezzo che consente loro di essere flessibili, di risparmiare grazie alle nostre tariffe competitive e di aggiungere i servizi che preferiscono\". I voli daranno impulso al turismo, alle relazioni economiche e alle opportunità commerciali tra l'Oman e la Thailandia. La strategia di espansione del network della compagnia aerea è dedicata a collegare sempre più destinazioni lungo nuovi settori per stabilire una forte presenza pan-internazionale\".\r\n\r\nIl vettore opera attualmente con una flotta composta da sei A320neo e quattro A321neo.","post_title":"SalamAir vola verso la sua seconda destinazione in Thailandia: Bangkok","post_date":"2022-11-30T11:21:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669807282000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435091","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La riduzione delle emissioni di carbone, la minimizzazione dello spreco di acqua ed energia e il sostegno alle comunità locali sono solo alcuni degli elementi che hanno permesso al Khaolak Merlin Resort di ottenere il Travellife gold certificate for accommodation sustainability come Responsible Thailand Award Best Hotel 2020. Ed è proprio questa struttura thailandese uno dei nuovi prodotti green che KiboTours propone in collaborazione con alcuni operatori locali. Ci troviamo nel sud estremo del Paese, ai confini con la Malesia, territorio naturalisticamente privilegiato, dove oltre al classico paradiso balneare c’è un mondo fatto di giungla, fauna selvaggia, cascate e specchi d’acqua. I parchi naturali di Khao Lak/ Lam Ru, Khao Sok e Phang-nga regalano giornate a strettissimo contatto con la flora e la fauna locale. Le diverse sistemazioni proposte, che vanno dalla camera superior alla luxury villa con due stanze da letto, sono realizzate in armonia con l’ambiente circostante e Khaolak Merlin mette a punto ogni accorgimento per garantire il minimo impatto inquinante.\r\n\r\nNel dettaglio vengono utilizzati uno speciale sistema di trattamento dell’acqua con filtri naturali, che consente di riutilizzarla per irrigare i giardini e un sistema di compostaggio dei rifiuti solidi che permette di ridurre il consumo di energia e l’inquinamento. Alla plastica vengono preferiti materiali biodegradabili, come le cannucce di carta, o riutilizzabili, come borse in stoffa. Si è inoltre consolidata nel tempo una collaborazione con diverse organizzazioni ambientaliste per la conservazione della fauna e degli alberi sulla proprietà.\r\n\r\nQuesto natural resort offre, oltre a una spiaggia e ad ampi spazi verdi, quattro piscine e una spa per rilassarsi, insieme a una ampia selezione di attività ed esperienze in chiave green. Tra queste il trekking e il rafting nel parco naturale di Lam Ru, il bagno con gli elefanti ed escursioni notturne alla scoperta degli animali (come lemuri, pappagalli, gufi e lucertole) che vivono nella foresta pluviale. Il boutique resort Khaolak Merlin è adatto anche a una vacanza in famiglia e offre avventure ed escursioni pensate per i più piccoli.\r\n\r\n ","post_title":"La Thailandia in chiave green di KiboTours si chiama Khaolak Merlin","post_date":"2022-11-30T11:05:42+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669806342000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434901","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con il rebranding da parte di Phuket Boat Lagoon Co dell'attuale Boat Lagoon Resort di Phuket, Nh Hotels farà il suo ingresso in Thailandia, e in Asia, nel primo trimestre 2023. La firma ufficiale è stata presieduta da William Heinecke, fondatore e presidente di Minor International, società proprietaria di Minor Hotels. L'Nh Boat Lagoon Phuket Resort si trova sulla costa orientale dell’isola più famosa della Thailandia, nel cuore della nota laguna omonima: il primo porto turistico full-service di Phuket.\r\n\r\nLa struttura conta 271 chiavi, tra camere e appartamenti. In più, l’hotel offrirà un ristorante aperto tutto il giorno, un bar caffetteria nella hall, una piscina con bar, una palestra, un campo da tennis e un miniclub per bambini. Il resort si rivolgerà anche al mercato mice, proponendo ampi spazi per meeting ed eventi, tra cui una tensostruttura di mille metri quadrati per grandi eventi, un business centre e un ampio parcheggio.\r\n\r\nDa ricordare anche il complesso del porto turistico Boat Lagoon, che include una serie di negozi e facilities, oltre a ristoranti e luoghi di intrattenimento, tra cui una pista di pattinaggio. Un'ulteriore attrattiva è rappresentata dallo stesso porto turistico full-service, in grado di ospitare oltre 300 imbarcazioni fornendo assistenza e manutenzione in loco.","post_title":"Nh Hotels sbarca in Asia con la sua prima struttura a Phuket","post_date":"2022-11-28T10:54:55+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669632895000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434896","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riuniti in crociera da Going, in navigazione da Venezia verso Croazia e Slovenia, gli agenti di viaggio hanno potuto conoscere direttamente dalle voci dei direttori e dei responsabili degli enti del turismo coinvolti le novità e i temi che caratterizzeranno la promozione nelle prossime stagioni turistiche. Si è svolto recentemente sulla Msc Sinfonia il primo appuntamento con la Going Academy, per un programma articolato che vedrà nell’arco dell’anno una serie di incontri ulteriori. «L’Academy è un prezioso contenitore di formazione che di volta in volta declineremo con educational a destinazione, oppure roadshow nelle regioni italiane – spiega il chief commercial & operations officer, Maurizio Casabianca -: attualmente lavoriamo al calendario del 2023, che ha già in programma fam trip legati a campagne di vendita».\r\n\r\nNella fattispecie, Going sta sviluppando un programma con Turkish Airlines sulla destinazione Turchia. Parallelamente, la piattaforma b2b Going4You si arricchirà di contenuti che le agenzie di viaggio possono riascoltare e scaricare in fari formati: video, testi e immagini, nonché webinar educativi sul prodotto.\r\n\r\nGli enti del turismo che hanno partecipato all’Academy sulla Sinfonia sono stati l’Egitto, la Giordania, Israele, le Seychelles e la Thailandia, mentre la Croazia ha supportato il team di prodotto di Going nelle attività di familiarizzazione. Così come la presenza delle dmc è valsa all’approfondimento sulla Turchia e al lancio del Marocco per il 2023. Invece, tra i player dell’hospitality si contavano Constance Hotels e Bahia Principe Resorts, senza dimenticare Msc Crociere, con cui il tour operator realizza la programmazione Going4Cruise, ovvero gli itinerari pre e post crociera nelle mete della compagnia. Infine, Ita Airways ed Europe Assistance si sono concentrate sui nuovi programmi per le agenzie di viaggio e sulle garanzie offerte dalle polizze assicurative.\r\n\r\nLa prima Going Academy ha infine annunciato anche le prossime nuove destinazioni del tour operator: Sud Africa, Kenya, Tanzania, Uzbekistan insieme al già citato Marocco.","post_title":"Si è svolto a bordo della Msc Sinfonia il primo appuntamento con la Going Academy","post_date":"2022-11-28T09:55:32+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669629332000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434785","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Chiude a 830 milioni di euro l'anno del comparto tour operating di Alpitour World: la metà del fatturato complessivo di 1,6 miliardi del gruppo. «Non siamo ancora ai livelli del 2019 - racconta il general manager tour operating della compagnia, Pier Ezhaya, a margine della presentazione del nuovo logo -. Ma già dall'anno prossimo prevediamo di tornare sugli 1,35 miliardi di tre anni fa!. Molto bene stanno andando soprattutto le Maldive, l'Egitto e la Repubblica Dominicana. «Quest'ultima destinazione - prosegue Ezhaya - pare aver preso un po' il posto di Messico e Cuba come star dell'area caraibica. Buone poi le performance dell'Africa Orientale, soprattutto di Kenya e Zanzibar».\r\n\r\n«Per il 2023 ci aspettiamo quindi una ripresa del Messico e soprattutto una crescita su Mauritius, dove per la prima volta nella nostra storia posizioneremo un volo Neos, a partire dal prossimo 20 dicembre. Ci aspettiamo inoltre un Egitto ancora tonico e una Tunisia in recupero. La meta maghrebina potrebbe in particolare guadagnare quote di mercato a scapito di altre destinazioni mediterranee tradizionalmente più care come la Spagna e la Grecia, che potrebbero risentire della crescita dell'inflazione e della conseguente perdita di potere d'acquisto dei viaggiatori. Sul lungo raggio, infine, continuano a esercitare un grande appeal gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole. Ci attendiamo poi la ripartenza forte di Giappone e Thailandia e una sostanziale conferma dell'Indonesia\".\r\nReset della domanda\r\nA faticare un po' sono invece le mete nuove. Quelle destinazioni lanciate nel 2019, appena prima dello scoppio della pandemia, che all'epoca sembravano godere di ottime prospettive e che ora invece stentano a trovare spazio tra i desiderata degli italiani. \"E' un po' come se il Covid avesse generato una sorta di reset nella domanda. Poca Naxos in Grecia, quindi per intenderci, ma si torna invece volentieri e Mykonos, Creta e Rodi. Anche l'Oman, che prometteva benissimo, oggi soffre un po'.\r\n\r\n«Noi però non ci fermiamo e oltre a trovare nuove strategie per queste mete, continuiamo a pensare anche ad altre destinazioni. Al momento stiamo per esempio studiando la Guinea Equatoriale, che ha molto da offrire soprattutto dal punto di vista naturalistico, e abbiamo introdotto una nuova declinazione di Doha. Il tutto, senza naturalmente dimenticare la novità Arabia Saudita: direi inevitabile visti gli investimenti che il Paese sta effettuando per valorizzare la propria proposta turistica».","post_title":"Ezhaya, Alpitour: il to chiude a 830 mln. Nel 2023 ai livelli pre-Covid","post_date":"2022-11-25T09:15:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669367726000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434050","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tre mood differenti per altrettante sfumature di divertimento da vivere in Thailandia. La destinazione best seller di KiboTours torna con una proposta di Capodanno davvero speciale per il 2023. A partire dalla classica accoppiata Bangkok più Phuket, dedicata a chi vuole trascorrere una vacanza dove protagonista è il relax. Le prime tre notti si soggiorna all’hotel Manhattan della capitale, con tempo libero a volontà per esplorare la grande metropoli. La seconda parte del viaggio, sei notti, si trascorre all’hotel Old Phuket di Karon Beach, situato nella zona meridionale dell'isola. I servizi sono di pernottamento e prima colazione, con la cena di Capodanno inclusa, come tutti i trasferimenti e l’assistenza KiboTours. Il prezzo parte da 2.290 euro a persona, dal 27 dicembre 2022 al 6 gennaio 2023.\r\n\r\nPensata per chi vuole scoprire qualcosa di più, la combinazione minitour e Phuket prevede quattro notti itineranti con il tour Storia e natura diviso come pernottamenti tra Bangkok e Kanchanaburi. Il viaggio prevede visite con guida tra le principali attrazioni della capitale. Spostandosi verso Kanchanaburi si ha  poi modo di visitare il caratteristico mercato galleggiante di Damnoen Sadouak e il celebre river Kwai. Nel paesaggio naturale delle cascate Sai Yok è prevista la possibilità, a pagamento extra, di esperienze con i nobili elefanti del Siam e di soft rafting su di una zattera. Rientrando a Bangkok è prevista inoltre una tappa ad Ayutthaya, l’antica capitale del regno di Siam, sede del parco archeologico patrimonio dell’umanità Unesco. Le altre cinque notti si soggiorna infine all’hotel Kata Palm Resort e Spa, situato su Kata Beach. I servizi sono di pernottamento e prima colazione, con la cena di Capodanno inclusa, come tutti i trasferimenti e l’assistenza KiboTours. Il prezzo parte da 2.890 euro a persona, dal 27 dicembre 2022 al 6 gennaio 2023.\r\n\r\nAncora più dinamica, infine, la terza opportunità proposta da KiboTours, riservata a chi adora il mare. In questo caso si comincia la vacanza con due notti all’hotel Sukosol di Bangkok, per poi spostarsi al Saii Phi Phi Island Village, sulle omonime isole dell’arcipelago di Phi Phi Island, che hanno ospitato il set del film The Beach con Leonardo di Caprio. Si soggiorna qui per tre notti, per poi spostarsi a Phuket, soggiornando nel 5 stelle Saii Laguna per le ultime quattro notti. I servizi sono di pernottamento e prima colazione, con la cena di Capodanno inclusa, come tutti i trasferimenti e l’assistenza KiboTours. Il prezzo parte da 3.390 euro a persona, dal 27 dicembre 2022 al 6 gennaio 2023.","post_title":"Tre sfumature di Thailandia per il Capodanno griffato KiboTours","post_date":"2022-11-14T10:53:32+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1668423212000]}]}}