3 March 2024

A Plan de Corones: l’ultimo dei sei musei dedicati alla montagna di Reinhold Messner

[ 0 ]

L’entrata del Messner Mountain Museum a Plan de Corones

Reinhold Messner, Bressanone, classe, ‘44, è uno dei più famosi alpinisti-scalatori- esploratori del mondo. E’ Altoatesino doc e la montagna, si sa, è sempre stata la sua passione, tanto che fra le 3500 scalate effettuate, di cui 100 “prime assolute” ci sono anche tutti i 14 picchi sopra gli “8mila” del globo.
A Plan de Corones è stato inaugurato il 23 luglio 2015 il VI museo, l‘MMM Corones (2275 mt.) che completa il circuito Messner Mountain Museum, un percorso che si compone di sei luoghi.
Ai margini del più spettacolare belvedere montano del Sudtirolo, dove sorge la singolare sede del museo progettata dall’architetto Zaha Hadid, si narra la storia dell’alpinismo tradizionale. Proprio da questa incredibile costruzione, sul “panettone” di Plan de Corones, lo sguardo spazia a 360°: dalle Dolomiti di Linz a est all’Ortles a ovest, dalla Marmolada a sud alle cime della Zillertal a nord. Dice Messner di queste vette: «Le vetrate del museo restituiscono le immagini della mia infanzia: le Odle e il Pilastro di Mezzo del Sasso di Monte Croce, l’ascensione più difficile della mia vita, così come i ghiacciai granitici che sovrastano la valle Aurina.

Reinhold Messner

All’interno della montagna, il museo ripercorre l’evoluzione dell’alpinismo moderno, i miglioramenti ottenuti nel corso degli ultimi 250 anni per ciò che riguarda l’attrezzatura, i trionfi e le tragedie che si sono consumati sui fianchi delle più famose montagne del mondo, dal Cervino al Cerro Torre al K2, e la rappresentazione delle imprese di noi alpinisti, per quanto contraddittorie esse possano apparire. Come negli altri musei del circuito, l’alpinismo è raccontato attraverso reliquie, citazioni, opere d’arte (dipinti e sculture) e la trasposizione, all’interno dell’MMM Corones, della scenografia montana che lo circonda. Nel mio ruolo di narratore dell’alpinismo tradizionale – aggiunge Messner – non intendo né esprimere giudizi né drammatizzare. L’obiettivo è quello di condensare le esperienze di chi, come me, ha fatto proprio il confronto tra l’uomo e la montagna. Al centro del museo non vi sono imprese sportive o primati bensì i grandi personaggi dell’alpinismo, oltre a filosofi e pionieri che hanno osato “la transizione aurea“ dall’idea al fare, prescindendo dal perché». In lingua ladina, Corones significa corona. Plan de Corones, la celebre montagna dello sci e delle escursioni, la vetta dei deltaplanisti e dei parapendisi, ospita oggi quello che lo stesso Messner considera il punto culminante del suo progetto museale: un luogo del silenzio e della decelerazione che offre panorami indimenticabili, uno spazio in cui ritirarsi e lasciare che la percezione si apra verso l’alto, verso l’oltre. La montagna diviene così uno spazio di esperienza che deve essere parte della nostra cultura personale. Viviamola in modo nuovo, facendo volare lo spirito al di sopra di ogni vetta. Gli altri cinque musei sono: il Dolomites, sul Monte Rite (2181 m), nel cuore delle Dolomiti tra Pieve di Cadore e Cortina d’Ampezzo, l’Ortles, a Solda, a 1900 metri di quota, ai piedi dalla vedretta dell’Ortles, il Juval, arroccato su un’altura nella splendida val Venosta, nell’omonimo Castello, il Firmian, fra le antiche musa di Castel Firmiano, a Bolzano, il Ripa, nel Castello di Brunico, situato sulla collina a sud del capoluogo della val Pusteria,

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462610 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «L’Expo Osaka 2025 sarà l’occasione per scoprire le meravigliose regioni che compongono il Giappone – sottolinea Yoshiyuki Mizuuchi, direttore esecutivo del Jnto, l’Ente del turismo giapponese - I turisti italiani stanno tornando numerosi in Giappone. L’anno scorso sono stati 152mila, il 23% in meno del 2019. Ma i voli erano ridotti. Ora stanno aumentando e credo ci sia il potenziale per un’ulteriore espansione della domanda. Mi auguro che nel 2024 il numero dei turisti italiani raddoppi». La crescita sarà possibile per l’aumento delle connessioni aeree con scalo operate da diverse compagnie, grazie al volo Ita Airways diretto Roma Fiumicino-Tokyo Haneda operato quotidianamente a partire dal 4 marzo e a quello diretto giornaliero Milano Malpensa-Tokyo Haneda che Ana renderà operativo nella prossima stagione invernale. L’Expo, in programma dal 13 aprile al 13 ottobre del 2025, rivelerà il fascino della regione del Kansai con esperienze ricche di tradizione e di fascino culturale e spirituale, senza dimenticare l’aspetto gastronomico. «Il Kansai è la culla della civiltà giapponese. - ricordano gli specialisti del Giappone e autori Stefania Viti e Patrik Colgan - Osaka viene chiamata “la cucina del Giappone” perché da qui già nell’anno mille partivano i carichi di pesce conservato nel riso che servivano la corte imperiale. Intorno a Kyoto ci sono le colline sulle quali sono state piantate le prime piante di té verde, arrivate nell’800 dalla Cina. È una terra ricca di tradizioni, sogno e spiritualità, che ben risponde all’idea del Giappone del turista italiano». Jnto propone due itinerari di scoperta a chi visiterà l’Expo e il Kansai. La regione si trova al centro del Giappone e Osaka è la seconda città del paese per grandezza e importanza economica. Gli itinerari portano a ovest, seguendo un percorso culturale e spirituale nelle prefetture di Okayama, Kagawa, Tokushima e l’Isola Awaji , oppure est, verso le prefetture di Nara. Mie e Shima, dove si vivranno esperienze culturali e gastronomiche. Sono previste visite a edifici storici, pagode e ricchi musei, ma anche immersioni nella natura. Muovendosi con l’auto o un bus si potrà pernottare nelle case tradizionali o in un tempio, visitare una distilleria di sake, vivere una tipica esperienza di tintura con l’indaco (popolare sin dal XVII secolo), ma anche visitare antiche residenze o percorrere parte del noto “Pellegrinaggio degli 88 templi” in una coinvolgente atmosfera spirituale. Sono possibili diverse esperienze di benessere immersive, ma anche percorsi di trekking e in bicicletta. Magari nella verde valle di Asuka, dove sorse la città che fu la capitale del Giappone tra il VI e il VII secolo: un luogo da scoprire, tra terrazzamenti coltivati a riso e gigli rossi. Chi desidera incontrare la spiritualità locale potrà visitare la prefettura di Mie, uno dei luoghi più sacri del Giappone, raggiungendo il santuario di Ise: l’importante santuario costruito tra il V e il VI secolo in onore della dea Amaterasu e Kami, fondatrice della famiglia imperiale. Nella zona ci sono altri 123 santuari. Il Kansai è una regione ricca di cultura alimentare, ideale per scoprire nuovi sapori e specialità della tradizione come il tonno affumicato con un metodo che risale al 1600. Si può trovare anche tanta natura: a est di Ise si entra nel Parco Nazionale di Ise-Shima, dove nel 2016 si è tenuto il G7. Nell’area di Ise-Shima è possibile un’ulteriore incontro con la tradizione millenaria del Giappone entrando nel mondo delle Ama: le 1300 donne pescatrici subacquee che da 3000 anni pescano in apnea. Il Giappone è una terra bella e ricca in tutte le stagioni, di cui è possibile scoprire le diverse sfaccettature tornando più volte. È, soprattutto, un paese da avvicinare con rispetto e attenzione. Parlando piano, tenendo il cellulare in tasca - in treno è vietato usarlo - e preservando quell’atmosfera di “delicato silenzio” che ne ha costruito nei secoli la magia e il fascino. [gallery ids="462614,462615,462613"]   [post_title] => Expo Osaka 2025: partire dal Kansai per scoprire il Giappone moderno [post_date] => 2024-03-01T11:55:38+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709294138000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462491 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Malta Tourism Authority apre ufficialmente le porte alla stagione estiva con la partecipazione alla Bmt di Napoli, nuova occasione per riconfermare il solido rapporto con il comparto turistico del Centro e Sud Italia. Tra i progetti di grande visibilità su cui l’ente sta lavorando per spingere la stagione, quello realizzato in collaborazione con lo chef Bruno Barbieri che ha avviato una rubrica di viaggi gastronomici sul suo canale Youtube, decidendo di iniziare con una serie di 12 episodi girati proprio a Malta e dedicati sia alla cultura che alla gastronomia dell’arcipelago. La scelta di un testimonial come Bruno Barbieri è in linea anche con le strategie promozionali in corso, a supporto del segmento luxury: recentemente è uscita la prima guida curata da Mta e dedicata a questo target. L’ente, inoltre, sta realizzando precise attività in collaborazione con operatori specializzati sul lusso come lo speciale fam trip dello scorso gennaio. Azioni che ottengono il loro risultato, in considerazione della nomina di Malta quale Preferred Destinations Partner da parte di Serandipians (il network di realtà legate al mondo del luxury travel), dei numerosi riconoscimenti ottenuti dagli hotel maltesi inseriti nella prestigiosa Forbes Travel Guide e dall’aumento del numero di ristoranti di fine dining inclusi nella Guida Michelin. Pronto l’ampio piano voli, con 5 compagnie attive - la nuova compagnia di bandiera KM Malta Airlines, Ryanair, Ita Airways, easyJet, Hellofly - che collegheranno con voli diretti 19 città italiane a Malta. «Arriviamo da un anno eccezionale per i flussi di turisti dall’Italia verso l’arcipelago e non mancheranno le occasioni per Malta Tourism Authority di incontrare il trade e il consumatore finale per mantenere vivo l’interesse verso la destinazione - dichiara Ester Tamasi, direttore Malta Tourism Authority Italia -. Una meta che grazie ai collegamenti costanti, al ricco programma di eventi durante tutto l’anno,  alla proposta culturale e naturalmente al clima è una meta da scoprire e riscoprire in qualsiasi stagione». Ester Tamasi sarà inoltre tra le protagoniste del panel dal titolo "Il Luxury world nella logica esperienziale: turismo e produzioni di eccellenza" che si terrà in Sala Adriatico giovedì 14 marzo alle ore 14.   [post_title] => L'estate di Malta va in scena alla Bmt: voli diretti da 19 città italiane [post_date] => 2024-03-01T10:20:34+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709288434000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462431 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La ripresa, dal prossimo 31 marzo, del collegamento Vueling tra Milano Linate e Barcellona rappresenta un'occasione in più per raggiungere il capoluogo della Catalunya e ripercorrere il percorso creativo di Antoni Gaudí: l'artista che seppe dare una lettura del tutto personale al Modernismo spagnolo. Visitare le creazioni di Gaudí avvicina il turista all'anima di Barcellona e lo riporta agli ultimi anni dell’800, quando in Europa nacque quella corrente artistica che fu l’Art Nouveau in Francia, il Liberty in Italia, lo Jugendstil in Germania e la Sezession in Austria. Antoni Gaudí i Cornet fu l’artefice di un linguaggio architettonico unico: al centro di ogni cosa mise la natura, la luce e soprattutto l’acqua, che sembra prendere vita nelle linee sinuose degli edifici, negli spazi interni e nei giochi di trasparenze dei vetri. Gaudì nacque nel 1852 a Reus, in Catalunya. Il nonno e il padre erano artigiani del metallo e questa scuola quotidiana troverà espressione nella sua opera. Studiò architettura a Barcellona dove uno dei docenti affermò: “Solo il tempo ci dirà se abbiamo conferito il titolo a un pazzo o a un genio”. L’architetto riconobbe nella Natura l’essenza dell’architettura e ne ripropose i modelli in tutte le sue opere. Il profilo di una montagna diventa la facciata di una casa, le spire arrotondate di una conchiglia si ripetono nella struttura decorativa in ferro di un balcone, le zampe di un cervo si trasformano nelle gambe di una sedia… Gaudì creò i gioielli del modernismo catalano, opere che ne testimoniano la genialità e lo sguardo innovativo. Nel 1878 incontrò l’industriale Eusebi Güell, che divenne suo amico e mecenate. Per lui realizzò il Park Güell - dove si può vedere la nota lucertola di mosaico - e Casa Güell; dal 1984 entrambi sono Patrimonio dell’Unesco insieme con la Cripta della Colonia Güell. Gaudì iniziò a lavorare alla Sagrada Familia nel 1883, ricordando le cattedrali antiche. Sapeva che non avrebbe mai visto concluso il suo tempio espiatorio ma proprio questo, secondo il noto critico d’arte italiano Giulio Carlo Argan, sarebbe il lascito dell’artista alla sua città: un’opera che rappresenta la fede in continua evoluzione del popolo catalano, una testimonianza vivente del mutare degli uomini e delle generazioni. Oggi, visto l’elevato numero di turisti, bisogna riservare online l’accesso alla Sagrada Familia (Patrimonio Unesco dal 2005). Una volta entrati si viene circondati dal silenzio e dallo stupore. Una selva di colonne si alza verso il cielo e testimonia il grande spirito innovativo di Gaudì. È un palmeto illuminato da vetrate realizzate con tecniche di lavorazione del vetro che risalgono al XII secolo. Vetrate blu e verdi a est, che si accendono dei raggi del sole al mattino e gialle e rosse a ovest, dove si illuminano al tramonto. Gaudì amava la luce, per questo nelle sue case costruì diversi cortili interni in modo che ogni cosa fosse illuminata. Anche per visitare Casa Batllò - patrimonio dell’Unesco dal 2005 - conviene acquistare il biglietto online. L’industriale tessile Batlló chiese a Gaudì di creare per lui una costruzione unica nell’allora nuovissimo ed esclusivo quartiere dell’Eixample. E Gaudì realizzò una casa sorprendente. L’interno si sviluppa in onde e spirali e l’attenzione si ferma su tanti dettagli: dai corrimano delle scale ai pomelli ergonomici delle porte, dai camini colorati del tetto che rappresentano antichi guardiani alle vetrate “marezzate” che si affacciano sulle piastrelle turchesi delle scale trasportando il visitatore in immaginarie profondità marine. Una Casa davvero particolare, ma anche abitabile. Nel 1906 l’industriale Pere Milá i Camps commissionò a Gaudì la costruzione della sua Casa modernista nota come “la Pedrera”, “la cava”. Un nome adatto all’edificio per le sue forme che richiamano la parete di una montagna, ma anche una critica dei coetanei abitanti dell’Eixample: i marciapiedi davanti alla costruzione furono infatti invasi dalle pietre per ben 4 anni. La Pedrera è Patrimonio dell’Unesco dal 1984. Per visitarla e scoprirne la bellezza è necessario premunirsi del biglietto. La vicenda umana e artistica di Antoni Gaudì ebbe poi uno sviluppo inaspettato. Una volta giunto all’apice del riconoscimento pubblico per la sua abilità Gaudì decise di ritirarsi dalla vita sociale per dedicarsi a una personale ricerca religiosa. Morì nel 1926 investito da un tram e la sua Barcellona gli diede l’addio in una solenne cerimonia che si tenne proprio nella Sagrada Familia.  [gallery ids="462440,462442,462443"] [post_title] => Barcellona: itinerario sulle orme di Gaudí, con la ripresa del volo da Milano Linate [post_date] => 2024-03-01T09:15:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709284541000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462412 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un manager italiano con una grandissima esperienza Usa. Non è un caso se Simone Farci è stato scelto per guidare il nuovo InterContinental Rome Ambasciatori Palace: la struttura che lo scorso maggio ha segnato il ritorno del brand di casa Ihg nella Città eterna. La rinascenza dell'ospitalità capitolina, con le tante aperture di pregio già avviate o in arrivo a breve, va infatti di pari passo con la ripresa della domanda Usa, letteralmente esplosa nel corso del 2023. L'importanza dei loyalty program "Indubitabilmente si tratta di un mercato molto importate per Roma - spiega lo stesso Farci, che arriva nella capitale dopo otto anni di esperienza alla guida di diverse strutture caraibiche di Ihg  -. Si tratta di una domanda che conosco bene. Certo, l'Italia è più distante dagli Stati Uniti rispetto al Centro America. Il target di clientela qui è perciò sicuramente un po' differente, ma le esigenze dei turisti a stelle e strisce sono spesso simili: sono ospiti abituati a determinati marchi, che si affidano molto ai loyalty program. E noi di Ihg da questo punto di vista siamo senz'altro una garanzia per loro". Il post-Covid, una svolta per l'offerta alberghiera capitolina I primi mesi al timone hanno già dato parecchie soddisfazioni al gm dell'Ambasciatori Palace: "Già a giugno e luglio abbiamo registrato numeri importanti, soprattutto se paragonati al nostro benchmark di riferimento. A distanza di una decina di minuti dal nostro hotel, tra via Veneto e dintorni, possiamo contare almeno su una trentina di strutture potenziali competitor, con un'offerta di ottimo livello". A Roma, d'altronde, il post-Covid ha segnato una vera e propria svolta della proposta alberghiera della capitale: "Sono arrivati parecchi fondi, che naturalmente cercano di massimizzare l'investimento. E questo di solito si può fare solo con i marchi di lusso. Già solo nella nostra zona si parla di ulteriori, numerose nuove aperture: brand come Rosewood, Nobu, Baccarat... La competizione inevitabilmente salirà, ma anche la domanda credo che aumenterà proporzionalmente". Aumentano i contratti di management e franchising L'internazionalizzazione dell'offerta alberghiera è peraltro un fenomeno che sta coinvolgendo da una quindicina d'anni l'intera penisola. Lo dimostra tra gli altri l'ultimo Chains Monitor elaborato da Thrends, che ha evidenziato come ormai le camere di catena abbiano superato il 20% del totale. E molte appartengono a brand esteri. "Sta crescendo il numero di proprietari e investitori disposti a legarsi ai grandi gruppi tramite contratti di management e franchising", aggiunge Farci, sottolineando una tendenza relativamente nuova per un mercato, quello tricolore, tradizionalmente refrattario a queste tipologie di accordi. La vitalità delle major dell'ospitalità è ben testimoniata dai dati concreti, con la stessa Ihg che nel 2023 ha visto i propri margini operativi superare per la prima volta nella propria storia il miliardo di dollari.   Migliora la qualità dell'offerta f&b romana In tale contesto, anche la stessa città di Roma sta facendo la propria parte: "Io ci avevo già vissuto per qualche tempo una quindicina di anni fa. L'ho trovata migliorata sotto molti punti di vista. L'incremento della domanda lusso ha dato una scossa generale all'organizzazione generale della città, che si è attivata per rendere la destinazione fruibile a tutti i tipi di turisti. E' cresciuta anche la qualità dell'offerta f&b, non più limitata ai soli ristoranti italiani e locali. Qui all'Ambasciatori Palace noi abbiamo per esempio deciso di affidarci a un brand internazionale come lo Scarpetta Nyc, sempre ovviamente con un occhio di riguardo al mercato Usa". Nel 2024 l'alta stagione inizierà con anticipo Per il 2024, infine, la Pasqua un po' più bassa del solito potrebbe favorire l'anticipo dell'alta stagione, destinata a durare sino ad agosto, con una coda importante a settembre e ottobre. "Non solo - conclude Farci -: nelle ultime tre settimane abbiamo registrato una forte richiesta dal mercato orientale, grazie soprattutto alla concomitanza con il Capodanno cinese. Reputo che un ruolo importante, nel futuro, lo giocheranno gli eventi in città. A partire dal Giubileo dell'anno prossimo, di cui beneficeranno tutte le strutture capitoline, dai 2 stelle in su. Da questo punto di vista credo davvero che Roma sia una destinazione unica al mondo".   [post_title] => Farci, InterContinental Rome: focus sul mercato Usa ma non solo [post_date] => 2024-02-28T13:03:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709125429000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462399 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saranno quattro le crociere di spedizione mediterranee di Swan Hellenic previste per l'ultima parte dell'estate 2024. A ospitarle sarà la nave boutique Diana, dopo il viaggio di dieci notti Mysteries of Carthage and the Moors (10-20 agosto 2024), che la vedrà navigare da Lisbona a Palermo, attraverso lo stretto di Gibilterra, le colonne d'Ercole del mondo antico, e la costa nordafricana di Annibale. Secrets of Sicily dal 20 al 28 agosto 2024: partenza da Palermo per una circumnavigazione di otto notti dell'isola. Gli scali previsti sono Trapani, vicino alle rovine di Selinunte del VII secolo a.C.; Mazara del Vallo, uno straordinario mix di tutte le culture che hanno lasciato traccia in Sicilia; Porto Empedocle con il sito di Agrigento, patrimonio dell'Unesco, e successivo excursus internazionale nella città fortificata di La Valletta a Malta. La Diana salperà da lì per Siracusa, una delle città più grandi e potenti del mondo antico, Giardini Naxos vicino alla pittoresca Taormina e infine Lipari, la più grande isola delle Eolie, prima di completare questa rara circumnavigazione a Palermo. La crociera fa parte del programma Swan Hellenic’s Maris Culinary Discovery at Sea Series in collaborazione con Jre-Jeunes Restaurateurs, l'organizzazione gastronomica che raggruppa gli chef under 40 che hanno già ottenuto riconoscimenti internazional From Magna Graecia to Greece dal 28 agosto al 5 settembre. La spedizione parte da Palermo per un viaggio di otto notti nel cuore del Mediterraneo. Si naviga verso le isole vulcaniche di Lipari e Stromboli, per fare successivamente rotta verso Giardini Naxos e Crotone con il suo castello del sedicesimo secolo e il parco archeologico di Capo Colonna. A Seguire Otranto, famosa per il castello aragonese del quindicesimo secolo, la bella cattedrale e le ricche rovine bizantine, e Sarandë, in Albania, amata per le spiagge, la vita notturna e per i numerosi siti antichi Unesco che si trovano nelle vicinanze. La Diana condurrà poi i suoi ospiti nella città di Preveza, in Grecia, all'imbocco del golfo di Azio, vicino alla città imperiale di Nikopolis, che Ottaviano fondò nel 31 a.C. per celebrare la sua vittoria su Antonio e Cleopatra. Itea è il penultimo porto di scalo, a pochi passi dall'antica Delfi, nota per il suo oracolo, prima di concludere il viaggio presso il Pireo, porto di Atene. Questa spedizione è inserita nel programma Explore Space at Sea Series in collaborazione con il Seti Institute e ospiterà Mark Showalter, famoso astronomo planetario, che accompagnerà gli ospiti durante il viaggio. Inoltre, questa crociera fa anche parte della Chopra Explore & Restore Series ,in collaborazione con l'azienda specializzata nel settore della salute integrativa fondata dal dottor Deepak Chopra. Colors of the Eastern Mediterranean dal 5 al 16 settembre 2024. Si salpa per un'odissea di 11 notti dal Pireo, facendo scalo a Monemvasia, una delle città medievali meglio conservate d'Europa, ad Adama sull'isola vulcanica di Milos, nota per le sue catacombe paleocristiane e per il suo teatro antico, e a Rethymnon a Creta, con vestigia storiche risalenti alle dominazioni di Veneziani e Ottomani fino alla civiltà Minoica. Seguono Mandraki, sulla suggestiva isola di Nisyros, la piccola Symi, con una storia sorprendente per le sue dimensioni, e Rodi, rinomata per il suo Colosso perduto, una delle sette meraviglie del mondo antico, e per la sua Città Vecchia, tutelata dall'Unesco, costruita dai cavalieri di San Giovanni nel quattordicesimo secolo. A seguire, l'isola di Patmos, la cui storia religiosa è legata al libro delle Rivelazioni, seguita da Kusadasi, sulla terraferma turca, che confina con i resti della città romana di Efeso. Tornando all'isola, la Diana farà scalo a Chios, città natale del poeta Omero, e a Mitilene, capoluogo di Lesbo, prima di raggiungere Canakkale, porta dei Dardanelli e nei pressi della antica città di Troia, cantata e resa nell'Iliade di Omero. L'ultimo giorno intero sarà dedicato alla navigazione nei Dardanelli prima dell’approdo a Istanbul, ultima tappa di questa spedizione. Cultures of the East Mediterranean dal 16 al 24 settembre 2024. La Diana parte da Istanbul per trascorrere otto notti lungo le coste della Grecia e della Turchia verso Cipro. Ci sarà modo di esplorare i segreti di Kavála, nota nell'antichità come Neopolis, la cui cittadella bizantina è oggi circondata dai tortuosi vicoli della città vecchia ottomana. I porti di scalo successivi saranno Salonicco, la seconda città della Grecia moderna, con un'imponente presenza di monumenti di tutte le epoche; Volos, patria del Centauro e luogo di nascita di Giasone e dei suoi Argonauti; Chios, che deve la propria fama a Omero; Kusadasi, con Efeso fondata nell'undicesimo secolo a.C. e l'anfiteatro dove predicò San Paolo. A seguire, Heraklion, attuale capoluogo di Creta e nell’antichità importante centro della civiltà minoica, nota per il palazzo di Cnosso che fu sede, secondo il mito, del labirinto e del Minotauro. Infine Rodi e Limassol, la seconda città per importanza di Cipro, situata tra gli antichi siti di Amathous e Kourion. [post_title] => Swan Hellenic: tutti i dettagli delle quattro crociere mediterranee di fine estate [post_date] => 2024-02-28T11:53:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709121214000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462394 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuova scuola di formazione continua per il mondo dell’ospitalità. Dall'esperienza della società di gestione della ristorazione nel settore dell’hospitality Kis Management, nasce la Kis Academy. Ideata da Sergio Legrenzi e Stefano Pierotto, soci e fondatori della stessa Kis Management, la novità vuole rappresentare un’alternativa innovativa nel settore Horeca: è infatti concepita per offrire percorsi altamente personalizzati e professionalizzanti. Molteplici le tematiche di insegnamento tutte proposte in modo trasversale. In concreto, a chi lavora in cucina, oltre alle attività tradizionalmente legate al proprio incarico, sono proposti momenti dedicati alla definizione della linea strategica dei menu, all’analisi del food-cost, al costante controllo sugli acquisti per evitare sprechi, ad approfondire le competenze su prodotti e allergeni oltre a prestare attenzione agli aspetti di impatto della loro attività in termini di sostenibilità. I primi corsi attivati sono in pieno svolgimento e riguardano teoria e tecnica di bar e caffetteria, servizio sala, servizio cucina e un verticale dedicato esclusivamente alla colazione. Allo stesso modo sono stati avviati momenti formativi dedicati ad argomenti tradizionalmente esclusi dalla formazione di chi opera nel comparto ma che sempre più rappresentano una richiesta dei collaboratori e un’esigenza per le aziende: tecniche di vendita, organizzazione, mondo mice, controllo di gestione e comunicazione social. La metodologia di insegnamento della Kis Academy mira a coniugare la tradizionale didattica in aula a molteplici momenti pratici in cucina e sala. I docenti sono professionisti di alto livello, esperti nel settore, che si dedicano a formare la nuova generazione di operatori. Un ulteriore aspetto importante è rappresentato dalla condivisione delle competenze tra collaboratori all’interno della stessa società: le lezioni Kis Academy hanno anche uno spunto di team work e diventano così funzionali alla crescita di tutti. [post_title] => Nasce la Kis Academy per la formazione del personale Horeca [post_date] => 2024-02-28T11:35:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709120135000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462376 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Punta sul turismo esperienziale, tra degustazioni di prodotti locali, visita di aziende agricole e cantine vinicole, nonché cooking-class il nuovo catalogo Guiness Travel dedicato alla programmazione Italia: 36 itinerari esclusivi di Arte, enogastronomia ed esperienze alla scoperta delle meraviglie del Bel Paese, disponibili online e scaricabili sul portale www.guinesstravel.com. Assoluta novità è il Gran Tour Italia, della durata di 30 giorni: un viaggio che attraversa le principali attrazioni del paese tra città d’arte, borghi, natura e mare. Confermato anche il format 5 Sensi, caratterizzato da un ventaglio di attività mirate a riconnettere il viaggiatore con la ricchezza autentica del territorio, svelando i segreti di molte regioni italiane. Sugli scudi la Sicilia, prima meta per numero di itinerari: sono infatti nove i tour che si dispiegano tra territorio continentale e le isole più celebri, tra cui Eolie, Egadi e Pantelleria. “Siamo lieti di aver lanciato il prodotto Italia, a cui siamo molto legati in quanto consapevoli della bellezza unica del nostro paese", spiega la responsabile marketing del to, Elvira D’Aversa. Il catalogo monografico sulla Penisola segue i precedenti 14 dedicati all’Europa e al Mondo, in attesa del lancio imminente degli ultimi cinque: in totale 20 folder suddivisi per destinazioni e macroaree geografiche e il catalogo generale riepilogativo. “Nel frattempo, stiamo proseguendo a ritmo sostenuto con le nostre attività commerciali e di comunicazione: la pubblicazione e la distribuzione capillare dei folder, il proseguimento del roadshow Ci vediamo da te con tappe da sold-out in tutta Italia, il programma di formazione b2b Guiness Lounge in previsione fino a giugno. E proprio il 6 marzo, giorno del prossimo webinar, lanceremo una novità assoluta della nostra programmazione 2024”, conclude  Elvira D’Aversa con un tocco di mistero. [post_title] => Disponibile il nuovo catalogo Italia di Guiness Travel [post_date] => 2024-02-28T10:30:59+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709116259000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462369 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I principali aeroporti tedeschi rimarranno senza servizio aereo da oggi, mercoledì, fino a venerdì compreso, a causa di uno sciopero del personale di terra Lufthansa. Lo sciopero è la continuazione del conflitto che già il 20 febbraio aveva visto paralizzati otto aeroporti tedeschi di primo livello. Quella mobilitazione però non ha avvicinato le posizioni tra il sindacato Verdi e l'azienda, per cui è stata indetta nuovamente una protesta. Lufthansa afferma che dopo lo sciopero ha fatto una nuova offerta che ovviamente non è stata accettata. Michael Niggemann, responsabile delle risorse umane dell'azienda, ha spiegato che la proposta prevede un bonus di 3.000 euro per tutti i lavoratori come compensazione per l'inflazione, oltre ad un anticipo sugli aumenti salariali offerti. Offerta Per Verdi l'offerta è insufficiente e chiede o un aumento di 500 euro al mese per tutti i lavoratori, in modo lineare, oppure del 12,5%. Il prossimo ciclo di colloqui avrà luogo tra due settimane. Il clima dei negoziati è molto deteriorato. E, inoltre, coincide con altri conflitti di lavoro, alcuni dei quali nella stessa Lufthansa. L'ultimo sciopero ha colpito sostanzialmente tutti i principali aeroporti tedeschi, in particolare i due più grandi, Francoforte e Monaco. D'altro canto, gli aeroporti molto piccoli, dove solitamente volano compagnie low cost come Ryanair o Wizz Air, mantengono i loro servizi perché non sono serviti da Lufthansa. [post_title] => Lufthansa: sciopero del personale di terra fino a venerdì. Scali bloccati [post_date] => 2024-02-28T10:04:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709114670000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462282 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha aperto la settimana scorsa i propri battenti il primo hotel del nuovo brand Siro di casa Kerzner International. Situato a Dubai il One Za'abeel è la struttura di debutto di un marchio focalizzato soprattutto sul fitness e il recupero fisico, la cui espansione nei prossimi anni toccherà destinazioni chiave come Boka Place (Montenegro), Tokyo e Cabo (Messico). Situato nell'omonimo complesso architettonico, il Siro One Za'abeel mira a combinare una proposta benessere trasformativa,  una strategia digitale integrata e consulenze personalizzate di esperti del settore, per i viaggiatori internazionali alla ricerca di soluzioni complete per l’allenamento e il mantenimento. L’impegno verso l’ottimizzazione del benessere fisico e mentale si sviluppa nei cinque pilastri fondamentali del biohacking: nutrizione, fitness, sonno, recupero e mindfulness. Con un Recovery Lab dedicato a pratiche mindfulness e trattamenti avanzati, nonché un Fitness Lab dotato di attrezzature di ultima generazione, la struttura offre programmi completamente personalizzati in base alle esigenze specifiche degli ospiti grazie al supporto di professionisti del settore e a strumentazioni avanzate per l'analisi corporea. All’interno dello Studio è anche possibile accedere a corsi specializzati come il Functional fitness del Milan e il Boxing fitness di Ramla Ali. Concepite come rifugi di equilibrio e benessere, le 120 camere del Siro One Za'abeel sono caratterizzate da un design minimalista e toni neutri che creano un'atmosfera rilassante. Le ampie finestre regalano viste panoramiche sulla città, mentre la tecnologia di risveglio graduale e i materassi termoregolanti assicurano un riposo ottimale. Ogni camera è dotata di proiettori per sessioni virtuali di stretching e yoga. A disposizione degli ospiti vi sono anche sei Fitness suite e altrettante Recovery suite, che dispongono di spazi dedicati per trattamenti in camera e palestre private per ottimizzare l'allenamento e il recupero fisico. Il Refuel bar propone un vivace concetto da asporto ed è punto di riferimento sia per gli ospiti interni sia per i membri locali del Fitness Lab. Inoltre, il servizio di ristorazione modulare in camera disponibile 24 ore su 24 consente agli ospiti di creare pasti personalizzati scegliendo tra proteine magre, carboidrati complessi e piatti vegetali nutrienti. I menu sono dotati di calorie e macro-conteggi e gli ospiti possono anche consultare il nutrizionista interno per sviluppare piani alimentari su misura e sessioni di consulenza individuali. Per incoraggiare gli ospiti a mantenere una dieta disciplinata, il minibar in camera include infine opzioni salutari come mirtilli freschi, shot di zenzero, acqua di cocco, kombucha e bustine di proteine. [post_title] => Ha debuttato a Dubai Siro: il brand fitness di casa Kerzner [post_date] => 2024-02-27T10:15:13+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709028913000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "plan de corones lultimo dei musei dedicati alla montagna reinhold messner" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":96,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1207,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462610","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n«L’Expo Osaka 2025 sarà l’occasione per scoprire le meravigliose regioni che compongono il Giappone – sottolinea Yoshiyuki Mizuuchi, direttore esecutivo del Jnto, l’Ente del turismo giapponese - I turisti italiani stanno tornando numerosi in Giappone. L’anno scorso sono stati 152mila, il 23% in meno del 2019. Ma i voli erano ridotti. Ora stanno aumentando e credo ci sia il potenziale per un’ulteriore espansione della domanda. Mi auguro che nel 2024 il numero dei turisti italiani raddoppi».\r\n\r\nLa crescita sarà possibile per l’aumento delle connessioni aeree con scalo operate da diverse compagnie, grazie al volo Ita Airways diretto Roma Fiumicino-Tokyo Haneda operato quotidianamente a partire dal 4 marzo e a quello diretto giornaliero Milano Malpensa-Tokyo Haneda che Ana renderà operativo nella prossima stagione invernale. L’Expo, in programma dal 13 aprile al 13 ottobre del 2025, rivelerà il fascino della regione del Kansai con esperienze ricche di tradizione e di fascino culturale e spirituale, senza dimenticare l’aspetto gastronomico.\r\n\r\n«Il Kansai è la culla della civiltà giapponese. - ricordano gli specialisti del Giappone e autori Stefania Viti e Patrik Colgan - Osaka viene chiamata “la cucina del Giappone” perché da qui già nell’anno mille partivano i carichi di pesce conservato nel riso che servivano la corte imperiale. Intorno a Kyoto ci sono le colline sulle quali sono state piantate le prime piante di té verde, arrivate nell’800 dalla Cina. È una terra ricca di tradizioni, sogno e spiritualità, che ben risponde all’idea del Giappone del turista italiano».\r\n\r\nJnto propone due itinerari di scoperta a chi visiterà l’Expo e il Kansai. La regione si trova al centro del Giappone e Osaka è la seconda città del paese per grandezza e importanza economica. Gli itinerari portano a ovest, seguendo un percorso culturale e spirituale nelle prefetture di Okayama, Kagawa, Tokushima e l’Isola Awaji , oppure est, verso le prefetture di Nara. Mie e Shima, dove si vivranno esperienze culturali e gastronomiche. Sono previste visite a edifici storici, pagode e ricchi musei, ma anche immersioni nella natura. Muovendosi con l’auto o un bus si potrà pernottare nelle case tradizionali o in un tempio, visitare una distilleria di sake, vivere una tipica esperienza di tintura con l’indaco (popolare sin dal XVII secolo), ma anche visitare antiche residenze o percorrere parte del noto “Pellegrinaggio degli 88 templi” in una coinvolgente atmosfera spirituale. Sono possibili diverse esperienze di benessere immersive, ma anche percorsi di trekking e in bicicletta. Magari nella verde valle di Asuka, dove sorse la città che fu la capitale del Giappone tra il VI e il VII secolo: un luogo da scoprire, tra terrazzamenti coltivati a riso e gigli rossi. Chi desidera incontrare la spiritualità locale potrà visitare la prefettura di Mie, uno dei luoghi più sacri del Giappone, raggiungendo il santuario di Ise: l’importante santuario costruito tra il V e il VI secolo in onore della dea Amaterasu e Kami, fondatrice della famiglia imperiale. Nella zona ci sono altri 123 santuari.\r\n\r\nIl Kansai è una regione ricca di cultura alimentare, ideale per scoprire nuovi sapori e specialità della tradizione come il tonno affumicato con un metodo che risale al 1600. Si può trovare anche tanta natura: a est di Ise si entra nel Parco Nazionale di Ise-Shima, dove nel 2016 si è tenuto il G7. Nell’area di Ise-Shima è possibile un’ulteriore incontro con la tradizione millenaria del Giappone entrando nel mondo delle Ama: le 1300 donne pescatrici subacquee che da 3000 anni pescano in apnea. Il Giappone è una terra bella e ricca in tutte le stagioni, di cui è possibile scoprire le diverse sfaccettature tornando più volte. È, soprattutto, un paese da avvicinare con rispetto e attenzione. Parlando piano, tenendo il cellulare in tasca - in treno è vietato usarlo - e preservando quell’atmosfera di “delicato silenzio” che ne ha costruito nei secoli la magia e il fascino.\r\n\r\n[gallery ids=\"462614,462615,462613\"]\r\n ","post_title":"Expo Osaka 2025: partire dal Kansai per scoprire il Giappone moderno","post_date":"2024-03-01T11:55:38+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709294138000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462491","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Malta Tourism Authority apre ufficialmente le porte alla stagione estiva con la partecipazione alla Bmt di Napoli, nuova occasione per riconfermare il solido rapporto con il comparto turistico del Centro e Sud Italia.\r\nTra i progetti di grande visibilità su cui l’ente sta lavorando per spingere la stagione, quello realizzato in collaborazione con lo chef Bruno Barbieri che ha avviato una rubrica di viaggi gastronomici sul suo canale Youtube, decidendo di iniziare con una serie di 12 episodi girati proprio a Malta e dedicati sia alla cultura che alla gastronomia dell’arcipelago.\r\nLa scelta di un testimonial come Bruno Barbieri è in linea anche con le strategie promozionali in corso, a supporto del segmento luxury: recentemente è uscita la prima guida curata da Mta e dedicata a questo target. L’ente, inoltre, sta realizzando precise attività in collaborazione con operatori specializzati sul lusso come lo speciale fam trip dello scorso gennaio. Azioni che ottengono il loro risultato, in considerazione della nomina di Malta quale Preferred Destinations Partner da parte di Serandipians (il network di realtà legate al mondo del luxury travel), dei numerosi riconoscimenti ottenuti dagli hotel maltesi inseriti nella prestigiosa Forbes Travel Guide e dall’aumento del numero di ristoranti di fine dining inclusi nella Guida Michelin.\r\nPronto l’ampio piano voli, con 5 compagnie attive - la nuova compagnia di bandiera KM Malta Airlines, Ryanair, Ita Airways, easyJet, Hellofly - che collegheranno con voli diretti 19 città italiane a Malta.\r\n«Arriviamo da un anno eccezionale per i flussi di turisti dall’Italia verso l’arcipelago e non mancheranno le occasioni per Malta Tourism Authority di incontrare il trade e il consumatore finale per mantenere vivo l’interesse verso la destinazione - dichiara Ester Tamasi, direttore Malta Tourism Authority Italia -. Una meta che grazie ai collegamenti costanti, al ricco programma di eventi durante tutto l’anno,  alla proposta culturale e naturalmente al clima è una meta da scoprire e riscoprire in qualsiasi stagione».\r\nEster Tamasi sarà inoltre tra le protagoniste del panel dal titolo \"Il Luxury world nella logica esperienziale: turismo e produzioni di eccellenza\" che si terrà in Sala Adriatico giovedì 14 marzo alle ore 14.\r\n ","post_title":"L'estate di Malta va in scena alla Bmt: voli diretti da 19 città italiane","post_date":"2024-03-01T10:20:34+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709288434000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462431","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La ripresa, dal prossimo 31 marzo, del collegamento Vueling tra Milano Linate e Barcellona rappresenta un'occasione in più per raggiungere il capoluogo della Catalunya e ripercorrere il percorso creativo di Antoni Gaudí: l'artista che seppe dare una lettura del tutto personale al Modernismo spagnolo.\r\nVisitare le creazioni di Gaudí avvicina il turista all'anima di Barcellona e lo riporta agli ultimi anni dell’800, quando in Europa nacque quella corrente artistica che fu l’Art Nouveau in Francia, il Liberty in Italia, lo Jugendstil in Germania e la Sezession in Austria. Antoni Gaudí i Cornet fu l’artefice di un linguaggio architettonico unico: al centro di ogni cosa mise la natura, la luce e soprattutto l’acqua, che sembra prendere vita nelle linee sinuose degli edifici, negli spazi interni e nei giochi di trasparenze dei vetri.\r\nGaudì nacque nel 1852 a Reus, in Catalunya. Il nonno e il padre erano artigiani del metallo e questa scuola quotidiana troverà espressione nella sua opera. Studiò architettura a Barcellona dove uno dei docenti affermò: “Solo il tempo ci dirà se abbiamo conferito il titolo a un pazzo o a un genio”. L’architetto riconobbe nella Natura l’essenza dell’architettura e ne ripropose i modelli in tutte le sue opere. Il profilo di una montagna diventa la facciata di una casa, le spire arrotondate di una conchiglia si ripetono nella struttura decorativa in ferro di un balcone, le zampe di un cervo si trasformano nelle gambe di una sedia… Gaudì creò i gioielli del modernismo catalano, opere che ne testimoniano la genialità e lo sguardo innovativo. Nel 1878 incontrò l’industriale Eusebi Güell, che divenne suo amico e mecenate. Per lui realizzò il Park Güell - dove si può vedere la nota lucertola di mosaico - e Casa Güell; dal 1984 entrambi sono Patrimonio dell’Unesco insieme con la Cripta della Colonia Güell.\r\nGaudì iniziò a lavorare alla Sagrada Familia nel 1883, ricordando le cattedrali antiche. Sapeva che non avrebbe mai visto concluso il suo tempio espiatorio ma proprio questo, secondo il noto critico d’arte italiano Giulio Carlo Argan, sarebbe il lascito dell’artista alla sua città: un’opera che rappresenta la fede in continua evoluzione del popolo catalano, una testimonianza vivente del mutare degli uomini e delle generazioni. Oggi, visto l’elevato numero di turisti, bisogna riservare online l’accesso alla Sagrada Familia (Patrimonio Unesco dal 2005). Una volta entrati si viene circondati dal silenzio e dallo stupore. Una selva di colonne si alza verso il cielo e testimonia il grande spirito innovativo di Gaudì. È un palmeto illuminato da vetrate realizzate con tecniche di lavorazione del vetro che risalgono al XII secolo. Vetrate blu e verdi a est, che si accendono dei raggi del sole al mattino e gialle e rosse a ovest, dove si illuminano al tramonto. Gaudì amava la luce, per questo nelle sue case costruì diversi cortili interni in modo che ogni cosa fosse illuminata.\r\nAnche per visitare Casa Batllò - patrimonio dell’Unesco dal 2005 - conviene acquistare il biglietto online. L’industriale tessile Batlló chiese a Gaudì di creare per lui una costruzione unica nell’allora nuovissimo ed esclusivo quartiere dell’Eixample. E Gaudì realizzò una casa sorprendente. L’interno si sviluppa in onde e spirali e l’attenzione si ferma su tanti dettagli: dai corrimano delle scale ai pomelli ergonomici delle porte, dai camini colorati del tetto che rappresentano antichi guardiani alle vetrate “marezzate” che si affacciano sulle piastrelle turchesi delle scale trasportando il visitatore in immaginarie profondità marine. Una Casa davvero particolare, ma anche abitabile. \r\nNel 1906 l’industriale Pere Milá i Camps commissionò a Gaudì la costruzione della sua Casa modernista nota come “la Pedrera”, “la cava”. Un nome adatto all’edificio per le sue forme che richiamano la parete di una montagna, ma anche una critica dei coetanei abitanti dell’Eixample: i marciapiedi davanti alla costruzione furono infatti invasi dalle pietre per ben 4 anni. La Pedrera è Patrimonio dell’Unesco dal 1984. Per visitarla e scoprirne la bellezza è necessario premunirsi del biglietto.\r\nLa vicenda umana e artistica di Antoni Gaudì ebbe poi uno sviluppo inaspettato. Una volta giunto all’apice del riconoscimento pubblico per la sua abilità Gaudì decise di ritirarsi dalla vita sociale per dedicarsi a una personale ricerca religiosa. Morì nel 1926 investito da un tram e la sua Barcellona gli diede l’addio in una solenne cerimonia che si tenne proprio nella Sagrada Familia. \r\n\r\n[gallery ids=\"462440,462442,462443\"]","post_title":"Barcellona: itinerario sulle orme di Gaudí, con la ripresa del volo da Milano Linate","post_date":"2024-03-01T09:15:41+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709284541000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462412","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un manager italiano con una grandissima esperienza Usa. Non è un caso se Simone Farci è stato scelto per guidare il nuovo InterContinental Rome Ambasciatori Palace: la struttura che lo scorso maggio ha segnato il ritorno del brand di casa Ihg nella Città eterna. La rinascenza dell'ospitalità capitolina, con le tante aperture di pregio già avviate o in arrivo a breve, va infatti di pari passo con la ripresa della domanda Usa, letteralmente esplosa nel corso del 2023.\r\n\r\nL'importanza dei loyalty program\r\n\r\n\"Indubitabilmente si tratta di un mercato molto importate per Roma - spiega lo stesso Farci, che arriva nella capitale dopo otto anni di esperienza alla guida di diverse strutture caraibiche di Ihg  -. Si tratta di una domanda che conosco bene. Certo, l'Italia è più distante dagli Stati Uniti rispetto al Centro America. Il target di clientela qui è perciò sicuramente un po' differente, ma le esigenze dei turisti a stelle e strisce sono spesso simili: sono ospiti abituati a determinati marchi, che si affidano molto ai loyalty program. E noi di Ihg da questo punto di vista siamo senz'altro una garanzia per loro\".\r\n\r\nIl post-Covid, una svolta per l'offerta alberghiera capitolina\r\n\r\nI primi mesi al timone hanno già dato parecchie soddisfazioni al gm dell'Ambasciatori Palace: \"Già a giugno e luglio abbiamo registrato numeri importanti, soprattutto se paragonati al nostro benchmark di riferimento. A distanza di una decina di minuti dal nostro hotel, tra via Veneto e dintorni, possiamo contare almeno su una trentina di strutture potenziali competitor, con un'offerta di ottimo livello\". A Roma, d'altronde, il post-Covid ha segnato una vera e propria svolta della proposta alberghiera della capitale: \"Sono arrivati parecchi fondi, che naturalmente cercano di massimizzare l'investimento. E questo di solito si può fare solo con i marchi di lusso. Già solo nella nostra zona si parla di ulteriori, numerose nuove aperture: brand come Rosewood, Nobu, Baccarat... La competizione inevitabilmente salirà, ma anche la domanda credo che aumenterà proporzionalmente\".\r\n\r\nAumentano i contratti di management e franchising\r\n\r\nL'internazionalizzazione dell'offerta alberghiera è peraltro un fenomeno che sta coinvolgendo da una quindicina d'anni l'intera penisola. Lo dimostra tra gli altri l'ultimo Chains Monitor elaborato da Thrends, che ha evidenziato come ormai le camere di catena abbiano superato il 20% del totale. E molte appartengono a brand esteri. \"Sta crescendo il numero di proprietari e investitori disposti a legarsi ai grandi gruppi tramite contratti di management e franchising\", aggiunge Farci, sottolineando una tendenza relativamente nuova per un mercato, quello tricolore, tradizionalmente refrattario a queste tipologie di accordi. La vitalità delle major dell'ospitalità è ben testimoniata dai dati concreti, con la stessa Ihg che nel 2023 ha visto i propri margini operativi superare per la prima volta nella propria storia il miliardo di dollari.  \r\n\r\nMigliora la qualità dell'offerta f&b romana\r\n\r\nIn tale contesto, anche la stessa città di Roma sta facendo la propria parte: \"Io ci avevo già vissuto per qualche tempo una quindicina di anni fa. L'ho trovata migliorata sotto molti punti di vista. L'incremento della domanda lusso ha dato una scossa generale all'organizzazione generale della città, che si è attivata per rendere la destinazione fruibile a tutti i tipi di turisti. E' cresciuta anche la qualità dell'offerta f&b, non più limitata ai soli ristoranti italiani e locali. Qui all'Ambasciatori Palace noi abbiamo per esempio deciso di affidarci a un brand internazionale come lo Scarpetta Nyc, sempre ovviamente con un occhio di riguardo al mercato Usa\".\r\n\r\nNel 2024 l'alta stagione inizierà con anticipo\r\n\r\nPer il 2024, infine, la Pasqua un po' più bassa del solito potrebbe favorire l'anticipo dell'alta stagione, destinata a durare sino ad agosto, con una coda importante a settembre e ottobre. \"Non solo - conclude Farci -: nelle ultime tre settimane abbiamo registrato una forte richiesta dal mercato orientale, grazie soprattutto alla concomitanza con il Capodanno cinese. Reputo che un ruolo importante, nel futuro, lo giocheranno gli eventi in città. A partire dal Giubileo dell'anno prossimo, di cui beneficeranno tutte le strutture capitoline, dai 2 stelle in su. Da questo punto di vista credo davvero che Roma sia una destinazione unica al mondo\".\r\n\r\n ","post_title":"Farci, InterContinental Rome: focus sul mercato Usa ma non solo","post_date":"2024-02-28T13:03:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709125429000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462399","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saranno quattro le crociere di spedizione mediterranee di Swan Hellenic previste per l'ultima parte dell'estate 2024. A ospitarle sarà la nave boutique Diana, dopo il viaggio di dieci notti Mysteries of Carthage and the Moors (10-20 agosto 2024), che la vedrà navigare da Lisbona a Palermo, attraverso lo stretto di Gibilterra, le colonne d'Ercole del mondo antico, e la costa nordafricana di Annibale.\r\n\r\nSecrets of Sicily dal 20 al 28 agosto 2024: partenza da Palermo per una circumnavigazione di otto notti dell'isola. Gli scali previsti sono Trapani, vicino alle rovine di Selinunte del VII secolo a.C.; Mazara del Vallo, uno straordinario mix di tutte le culture che hanno lasciato traccia in Sicilia; Porto Empedocle con il sito di Agrigento, patrimonio dell'Unesco, e successivo excursus internazionale nella città fortificata di La Valletta a Malta. La Diana salperà da lì per Siracusa, una delle città più grandi e potenti del mondo antico, Giardini Naxos vicino alla pittoresca Taormina e infine Lipari, la più grande isola delle Eolie, prima di completare questa rara circumnavigazione a Palermo. La crociera fa parte del programma Swan Hellenic’s Maris Culinary Discovery at Sea Series in collaborazione con Jre-Jeunes Restaurateurs, l'organizzazione gastronomica che raggruppa gli chef under 40 che hanno già ottenuto riconoscimenti internazional\r\n\r\nFrom Magna Graecia to Greece dal 28 agosto al 5 settembre. La spedizione parte da Palermo per un viaggio di otto notti nel cuore del Mediterraneo. Si naviga verso le isole vulcaniche di Lipari e Stromboli, per fare successivamente rotta verso Giardini Naxos e Crotone con il suo castello del sedicesimo secolo e il parco archeologico di Capo Colonna. A Seguire Otranto, famosa per il castello aragonese del quindicesimo secolo, la bella cattedrale e le ricche rovine bizantine, e Sarandë, in Albania, amata per le spiagge, la vita notturna e per i numerosi siti antichi Unesco che si trovano nelle vicinanze. La Diana condurrà poi i suoi ospiti nella città di Preveza, in Grecia, all'imbocco del golfo di Azio, vicino alla città imperiale di Nikopolis, che Ottaviano fondò nel 31 a.C. per celebrare la sua vittoria su Antonio e Cleopatra. Itea è il penultimo porto di scalo, a pochi passi dall'antica Delfi, nota per il suo oracolo, prima di concludere il viaggio presso il Pireo, porto di Atene. Questa spedizione è inserita nel programma Explore Space at Sea Series in collaborazione con il Seti Institute e ospiterà Mark Showalter, famoso astronomo planetario, che accompagnerà gli ospiti durante il viaggio. Inoltre, questa crociera fa anche parte della Chopra Explore & Restore Series ,in collaborazione con l'azienda specializzata nel settore della salute integrativa fondata dal dottor Deepak Chopra.\r\n\r\nColors of the Eastern Mediterranean dal 5 al 16 settembre 2024. Si salpa per un'odissea di 11 notti dal Pireo, facendo scalo a Monemvasia, una delle città medievali meglio conservate d'Europa, ad Adama sull'isola vulcanica di Milos, nota per le sue catacombe paleocristiane e per il suo teatro antico, e a Rethymnon a Creta, con vestigia storiche risalenti alle dominazioni di Veneziani e Ottomani fino alla civiltà Minoica. Seguono Mandraki, sulla suggestiva isola di Nisyros, la piccola Symi, con una storia sorprendente per le sue dimensioni, e Rodi, rinomata per il suo Colosso perduto, una delle sette meraviglie del mondo antico, e per la sua Città Vecchia, tutelata dall'Unesco, costruita dai cavalieri di San Giovanni nel quattordicesimo secolo. A seguire, l'isola di Patmos, la cui storia religiosa è legata al libro delle Rivelazioni, seguita da Kusadasi, sulla terraferma turca, che confina con i resti della città romana di Efeso. Tornando all'isola, la Diana farà scalo a Chios, città natale del poeta Omero, e a Mitilene, capoluogo di Lesbo, prima di raggiungere Canakkale, porta dei Dardanelli e nei pressi della antica città di Troia, cantata e resa nell'Iliade di Omero. L'ultimo giorno intero sarà dedicato alla navigazione nei Dardanelli prima dell’approdo a Istanbul, ultima tappa di questa spedizione.\r\n\r\nCultures of the East Mediterranean dal 16 al 24 settembre 2024. La Diana parte da Istanbul per trascorrere otto notti lungo le coste della Grecia e della Turchia verso Cipro. Ci sarà modo di esplorare i segreti di Kavála, nota nell'antichità come Neopolis, la cui cittadella bizantina è oggi circondata dai tortuosi vicoli della città vecchia ottomana. I porti di scalo successivi saranno Salonicco, la seconda città della Grecia moderna, con un'imponente presenza di monumenti di tutte le epoche; Volos, patria del Centauro e luogo di nascita di Giasone e dei suoi Argonauti; Chios, che deve la propria fama a Omero; Kusadasi, con Efeso fondata nell'undicesimo secolo a.C. e l'anfiteatro dove predicò San Paolo. A seguire, Heraklion, attuale capoluogo di Creta e nell’antichità importante centro della civiltà minoica, nota per il palazzo di Cnosso che fu sede, secondo il mito, del labirinto e del Minotauro. Infine Rodi e Limassol, la seconda città per importanza di Cipro, situata tra gli antichi siti di Amathous e Kourion.","post_title":"Swan Hellenic: tutti i dettagli delle quattro crociere mediterranee di fine estate","post_date":"2024-02-28T11:53:34+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709121214000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462394","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuova scuola di formazione continua per il mondo dell’ospitalità. Dall'esperienza della società di gestione della ristorazione nel settore dell’hospitality Kis Management, nasce la Kis Academy. Ideata da Sergio Legrenzi e Stefano Pierotto, soci e fondatori della stessa Kis Management, la novità vuole rappresentare un’alternativa innovativa nel settore Horeca: è infatti concepita per offrire percorsi altamente personalizzati e professionalizzanti.\r\n\r\nMolteplici le tematiche di insegnamento tutte proposte in modo trasversale. In concreto, a chi lavora in cucina, oltre alle attività tradizionalmente legate al proprio incarico, sono proposti momenti dedicati alla definizione della linea strategica dei menu, all’analisi del food-cost, al costante controllo sugli acquisti per evitare sprechi, ad approfondire le competenze su prodotti e allergeni oltre a prestare attenzione agli aspetti di impatto della loro attività in termini di sostenibilità.\r\n\r\nI primi corsi attivati sono in pieno svolgimento e riguardano teoria e tecnica di bar e caffetteria, servizio sala, servizio cucina e un verticale dedicato esclusivamente alla colazione. Allo stesso modo sono stati avviati momenti formativi dedicati ad argomenti tradizionalmente esclusi dalla formazione di chi opera nel comparto ma che sempre più rappresentano una richiesta dei collaboratori e un’esigenza per le aziende: tecniche di vendita, organizzazione, mondo mice, controllo di gestione e comunicazione social.\r\n\r\nLa metodologia di insegnamento della Kis Academy mira a coniugare la tradizionale didattica in aula a molteplici momenti pratici in cucina e sala. I docenti sono professionisti di alto livello, esperti nel settore, che si dedicano a formare la nuova generazione di operatori. Un ulteriore aspetto importante è rappresentato dalla condivisione delle competenze tra collaboratori all’interno della stessa società: le lezioni Kis Academy hanno anche uno spunto di team work e diventano così funzionali alla crescita di tutti.","post_title":"Nasce la Kis Academy per la formazione del personale Horeca","post_date":"2024-02-28T11:35:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709120135000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462376","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Punta sul turismo esperienziale, tra degustazioni di prodotti locali, visita di aziende agricole e cantine vinicole, nonché cooking-class il nuovo catalogo Guiness Travel dedicato alla programmazione Italia: 36 itinerari esclusivi di Arte, enogastronomia ed esperienze alla scoperta delle meraviglie del Bel Paese, disponibili online e scaricabili sul portale www.guinesstravel.com.\r\n\r\nAssoluta novità è il Gran Tour Italia, della durata di 30 giorni: un viaggio che attraversa le principali attrazioni del paese tra città d’arte, borghi, natura e mare. Confermato anche il format 5 Sensi, caratterizzato da un ventaglio di attività mirate a riconnettere il viaggiatore con la ricchezza autentica del territorio, svelando i segreti di molte regioni italiane. Sugli scudi la Sicilia, prima meta per numero di itinerari: sono infatti nove i tour che si dispiegano tra territorio continentale e le isole più celebri, tra cui Eolie, Egadi e Pantelleria. “Siamo lieti di aver lanciato il prodotto Italia, a cui siamo molto legati in quanto consapevoli della bellezza unica del nostro paese\", spiega la responsabile marketing del to, Elvira D’Aversa.\r\n\r\nIl catalogo monografico sulla Penisola segue i precedenti 14 dedicati all’Europa e al Mondo, in attesa del lancio imminente degli ultimi cinque: in totale 20 folder suddivisi per destinazioni e macroaree geografiche e il catalogo generale riepilogativo. “Nel frattempo, stiamo proseguendo a ritmo sostenuto con le nostre attività commerciali e di comunicazione: la pubblicazione e la distribuzione capillare dei folder, il proseguimento del roadshow Ci vediamo da te con tappe da sold-out in tutta Italia, il programma di formazione b2b Guiness Lounge in previsione fino a giugno. E proprio il 6 marzo, giorno del prossimo webinar, lanceremo una novità assoluta della nostra programmazione 2024”, conclude  Elvira D’Aversa con un tocco di mistero.","post_title":"Disponibile il nuovo catalogo Italia di Guiness Travel","post_date":"2024-02-28T10:30:59+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709116259000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462369","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"I principali aeroporti tedeschi rimarranno senza servizio aereo da oggi, mercoledì, fino a venerdì compreso, a causa di uno sciopero del personale di terra Lufthansa.\r\n\r\nLo sciopero è la continuazione del conflitto che già il 20 febbraio aveva visto paralizzati otto aeroporti tedeschi di primo livello. Quella mobilitazione però non ha avvicinato le posizioni tra il sindacato Verdi e l'azienda, per cui è stata indetta nuovamente una protesta.\r\n\r\nLufthansa afferma che dopo lo sciopero ha fatto una nuova offerta che ovviamente non è stata accettata. Michael Niggemann, responsabile delle risorse umane dell'azienda, ha spiegato che la proposta prevede un bonus di 3.000 euro per tutti i lavoratori come compensazione per l'inflazione, oltre ad un anticipo sugli aumenti salariali offerti.\r\nOfferta\r\nPer Verdi l'offerta è insufficiente e chiede o un aumento di 500 euro al mese per tutti i lavoratori, in modo lineare, oppure del 12,5%.\r\n\r\nIl prossimo ciclo di colloqui avrà luogo tra due settimane. Il clima dei negoziati è molto deteriorato. E, inoltre, coincide con altri conflitti di lavoro, alcuni dei quali nella stessa Lufthansa.\r\n\r\nL'ultimo sciopero ha colpito sostanzialmente tutti i principali aeroporti tedeschi, in particolare i due più grandi, Francoforte e Monaco. D'altro canto, gli aeroporti molto piccoli, dove solitamente volano compagnie low cost come Ryanair o Wizz Air, mantengono i loro servizi perché non sono serviti da Lufthansa.","post_title":"Lufthansa: sciopero del personale di terra fino a venerdì. Scali bloccati","post_date":"2024-02-28T10:04:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709114670000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462282","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha aperto la settimana scorsa i propri battenti il primo hotel del nuovo brand Siro di casa Kerzner International. Situato a Dubai il One Za'abeel è la struttura di debutto di un marchio focalizzato soprattutto sul fitness e il recupero fisico, la cui espansione nei prossimi anni toccherà destinazioni chiave come Boka Place (Montenegro), Tokyo e Cabo (Messico).\r\n\r\nSituato nell'omonimo complesso architettonico, il Siro One Za'abeel mira a combinare una proposta benessere trasformativa,  una strategia digitale integrata e consulenze personalizzate di esperti del settore, per i viaggiatori internazionali alla ricerca di soluzioni complete per l’allenamento e il mantenimento. L’impegno verso l’ottimizzazione del benessere fisico e mentale si sviluppa nei cinque pilastri fondamentali del biohacking: nutrizione, fitness, sonno, recupero e mindfulness. Con un Recovery Lab dedicato a pratiche mindfulness e trattamenti avanzati, nonché un Fitness Lab dotato di attrezzature di ultima generazione, la struttura offre programmi completamente personalizzati in base alle esigenze specifiche degli ospiti grazie al supporto di professionisti del settore e a strumentazioni avanzate per l'analisi corporea.\r\n\r\nAll’interno dello Studio è anche possibile accedere a corsi specializzati come il Functional fitness del Milan e il Boxing fitness di Ramla Ali. Concepite come rifugi di equilibrio e benessere, le 120 camere del Siro One Za'abeel sono caratterizzate da un design minimalista e toni neutri che creano un'atmosfera rilassante. Le ampie finestre regalano viste panoramiche sulla città, mentre la tecnologia di risveglio graduale e i materassi termoregolanti assicurano un riposo ottimale. Ogni camera è dotata di proiettori per sessioni virtuali di stretching e yoga. A disposizione degli ospiti vi sono anche sei Fitness suite e altrettante Recovery suite, che dispongono di spazi dedicati per trattamenti in camera e palestre private per ottimizzare l'allenamento e il recupero fisico.\r\n\r\nIl Refuel bar propone un vivace concetto da asporto ed è punto di riferimento sia per gli ospiti interni sia per i membri locali del Fitness Lab. Inoltre, il servizio di ristorazione modulare in camera disponibile 24 ore su 24 consente agli ospiti di creare pasti personalizzati scegliendo tra proteine magre, carboidrati complessi e piatti vegetali nutrienti. I menu sono dotati di calorie e macro-conteggi e gli ospiti possono anche consultare il nutrizionista interno per sviluppare piani alimentari su misura e sessioni di consulenza individuali. Per incoraggiare gli ospiti a mantenere una dieta disciplinata, il minibar in camera include infine opzioni salutari come mirtilli freschi, shot di zenzero, acqua di cocco, kombucha e bustine di proteine.","post_title":"Ha debuttato a Dubai Siro: il brand fitness di casa Kerzner","post_date":"2024-02-27T10:15:13+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709028913000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti