26 November 2022

Alessandria, mostre ed eventi per i 200 anni del pittore neoclassico Felice Giani

[ 0 ]

Alessandria celebra i 200 anni del noto pittore Neoclassico alessandrino Felice Giani, le cui opere sono presenti nei musei di tutto il mondo, al Louvre, agli Uffizi, all’Hermitage di San Pietroburgo, al Quirinale, a Palazzo di Spagna.

La Biblioteca Civica di Alessandria ospiterà da giovedì 24 novembre 2022, il primo lancio di presentazione dedicato a Felice Giani, pittore piemontese nato a S. Sebastiano Curone nel 1758, ritenuto uno dei massimi esponenti del neoclassicismo.

In concomitanza, l’Archivio ‘Pittor Giani’ intende celebrare l’anniversario dei duecento anni dalla morte del maestro (morto a Roma nel 1823) organizzando una serie di eventi che prenderanno avvio con la mostra “Felice Giani 200 Anteprima” che sarà inaugurata presso la sede dell’Archivio a San Sebastiano il 24 novembre 2022 e che proseguirà nel 2023 coinvolgendo la Città di Alessandria e province in rassegne di grande importanza per la conoscenza di Giani e delle sue opere e si concluderà nel 2024 con una mostra dedicata all’entourage del pittore ed una prestigiosa collaborazione con il Cooper Hewitt Design Museum di New York che conserva molte opere del maestro neoclassico.

Il progetto, a cura dell’ l’Archivio “Pittor Giani”, è supportato da: Regione Piemonte, Comune di San Sebastiano Curone AL, Comune e Provincia di Alessandria, Comune e Diocesi di Tortona, Comuni di Forlì, Faenza, Brisighella, Marradi, Fondazione CRAL e CRT.

Biblioteca Civica “Francesca Calvo”,  giovedi 24  dalle ore 16:00 per scoprire Felice Giani, la sua storia d’artista e i prestigiosi lavori realizzati, fra tele, schizzi e pitture murarie che adornano alcuni dei più prestigiosi palazzi nobiliari italiani a partire dal Quirinale a Palazzo di Spagna avrà come protagonista Marcella Vitali, storica dell’arte dell’Archivio Pittor Giani di San Sebastiano Curone, curatrice degli eventi del programma triennale e grande conoscitrice dell’opera dell’artista.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434835 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => iTEG arriva a Roma. L'appuntamento itinerante con il Turismo enogastronomico italiano sbarca nella Capitale e invita tutti gli operatori, le istituzioni e la stampa specializzata a fare rete. L'appuntamento è per il 1 dicembre 2022, presso la Chiesa di San Silvestro al Quirinale, dalle 9.30 alle 19.30. L'evento nasce dal progetto TEGing Italia, fondato nel 2020 da Paola Puzzovio e oggi strutturato su diverse aree operative progettuali: formazione, incoming, destinazioni e servizi alle aziende. "Teging ha reti strutturate ovunque e sono reti attive - spiega Paola Puzzovio raccontando la nascita del progetto durante la presentazione che si è tenuta ieri nella sala stampa di Montecitorio -. Siamo nati ufficialmente nel 2020, in pieno lockdown, partendo dalla Puglia, ma stiamo arrivando in tutte le Regioni d'Italia. Il progetto sbarcherà anche in America con una tappa a New York e ha delle aperture importantissime direttamente collegate con il turismo enogastronomico, dell'accoglienza, delle radici, del ritorno e sociale". Tra i relatori che sono intervenuti alla conferenza stampa, Gianni Lattanzio, segretario generale "Ambientevivo" e Segretario Generale Istituto Cooperazione Paesi Esteri, l'on. Fabio Porta, membro commissione esteri, Concetta D'Emma, fondatrice UnconventionalHospitality, Carmen Bizzarri, PhD Università europea di Roma UER, Antonio Imeneo, co-fondatore Books for peace. Tanti i temi che saranno trattati il primo dicembre nella tappa romana di iTEG: tra cui gli strumenti per l'internazionalizzazione e per l'attrazione degli investimenti, le dinamiche di strutturazione dell'offerta turistica, le strategie di promozione per l'incoming del turismo enogastronomico italiano, gli aspetti più sostenibili, green e inclusivi del turismo enogastronomico, ma anche la formazione. "La formazione professionale è una delle colonne portati di Teging - spiega Puzzovio -, abbiamo creato dei progetti di formazione in rete (FIR) importanti. Lavoriamo sull'intera filiera per supportare tutte le realtà, anche le più piccole, patrimonio immateriale importantissimo. Anche il più piccolo operatore deve sentirsi parte di tutto questo: con la rete che stiamo costruendo arriveremo anche a lui".   [post_title] => iTEG sbarca a Roma: il turismo enogastronomico protagonista dell'evento del primo dicembre [post_date] => 2022-11-25T17:04:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669395880000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A trent’anni di distanza dalla realizzazione del primo importante intervento di riqualificazione urbana firmato da Renzo Piano per la sua città, con oltre 90 milioni di presenze all’attivo, Porto Antico di Genova si anima dal 29 novembre al 3 dicembre con un programma di eventi eclettico e multitarget. Il primo degli appuntamenti in programma, già sold out dopo meno di due giorni dall’annuncio, è l’incontro di martedì 29 novembre alle 18 a Porta Siberia.   Un dialogo, moderato da Mario Paternostro, tra l’architetto Renzo Piano e il presidente della società Porto Antico di Genova Mauro Ferrando che toccherà i grandi temi della riqualificazione del waterfront del capoluogo ligure, dal primo esempio di successo, l’area del Porto Antico, al Waterfront di Levante per accennare, con tutte le sue complessità, alla Genova del futuro. Mercoledì 30 novembre alle 20.30, in Calata Falcone Borsellino, un grande spettacolo a ingresso libero, nel segno della migliore tradizione canora e cabarettistica della città. Quattro gli artisti genovesi che si alterneranno: Antonio Ornano con i suoi irresistibili racconti di vita; Antonella Ruggiero e il suo inarrivabile repertorio; la star internazionale della disco-dance Sabrina Salerno e il rapper Alfa, amatissimo dai giovani. Sabato 3 dicembre alle ore 21 nella Sala Maestrale dei Magazzini del Cotone si terrà lo speciale concerto dell’Ensemble Simone Molinaro “Swinging in the Snow”, in collaborazione con la Fondazione Teatro Carlo Felice. Da venerdì 2 dicembre sarà inoltre riaperta al pubblico La Città dei Bambini e dei Ragazzi, realizzata in collaborazione da Porto Antico di Genova e Costa Edutainment, che si presenterà in una veste totalmente rinnovata: un “experience museum” dedicato ai cinque sensi. «30 anni fa – sottolinea il presidente Mauro Ferrando - nasceva il Porto Antico, grazie anche alla brillante intuizione dell’Architetto Renzo Piano. In questi anni, l’area è cresciuta di importanza e rappresenta, oggi, il cuore pulsante della città. Allo scadere dei 30 anni di vita, Porto Antico S.p.A., sempre per mano  dell’Architetto Piano, si ritrova protagonista dell’ambizioso progetto di riqualificazione urbana del nuovo Waterfront di levante, progetto che interessa le sue darsene, le aree a mare ed il padiglione Fieristico Jean Nouvel». «Il Porto Antico è uno dei luoghi simbolo non solo di Genova e della Liguria, è un simbolo della rinascita e della riconversione di questa città, di una visione di futuro, capace di recuperare una zona affacciata direttamente sul mare e integrarla con la città, rendendola viva e attrattiva- spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -, il primo passo di quel percorso di crescita della città che l’ha resa, in questi ultimi anni, una meta turistica sempre più apprezzata, una città d’arte affascinante e ricca di sfaccettature. Partendo proprio dall’esempio del Porto Antico, il nostro lavoro va nella direzione di rendere sempre più forte e significativo il legame tra l’acqua e la città, riqualificando e recuperando il fronte mare con il grande lavoro del Waterfront di Levante, il grande progetto, ancora una volta firmato da Renzo Piano, destinato a rendere Genova sempre più iconica, vera capitale del Mediterraneo”. Mario Zanetti, direttore generale di Costa Crociere: «Costa Crociere è lieta di essere a fianco del Porto Antico nei suoi festeggiamenti. Siamo particolarmente vicini a questa realtà, non solo in quanto compagnia genovese che ama e ha sempre sostenuto la sua città. Ma anche perché il Porto Antico è un luogo storico, nel cuore di Genova, che ha saputo rinnovarsi e diventare un volano per la trasformazione in chiave turistica di tutta città. Un processo a cui anche Costa, in oltre 70 anni di storia, ha dato il suo importante contributo».   A fianco di Porto Antico di Genova Spa, per questo importante anniversario, i partner Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova, Fondazione Teatro Carlo Felice. Sponsor: Iren, Costa Crociere, Free To X. [post_title] => Genova, ricco programma di eventi per i 30 anni del Porto Antico realizzato da Renzo Piano [post_date] => 2022-11-25T10:05:20+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669370720000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434802 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un nuova struttura funzionale a tutte le otto business unit che compongono la società, che oggi, dopo l'ingresso in azienda di ulteriori figure professionali, conta su un totale di 41 collaboratori. Dal 21 novembre il quartier generale del gruppo Oltremare ha cambiato indirizzo, spostandosi in una location strategica, con una logistica degli uffici studiata per ottimizzare le sinergie tra le diverse aree di lavoro e migliorare l’efficienza dei processi. La nuova sede di Napoli è collocata all’interno del complesso Altamira, grande e moderna struttura composta da due edifici che ospitano più di 50 aziende. Nel dettaglio, gli uffici della compagnia sono sviluppati su due piani, con una configurazione strutturata in un open space, a cui si aggiungono quattro locali dedicati allo staff delle business unit operative, nonché il secondo piano, riservato alla direzione. La condivisone degli spazi e la proposta di arredi è in linea con la filosofia aziendale di ricercare un’atmosfera di benessere e di accoglienza, speculare a quella ottenuta nella vecchia sede, finalizzata a creare un clima gradevole e familiare, e quindi a contribuire a migliorare servizi e performance. «Il trasferimento nella nuova sede segna una tappa importante nella storia della nostra azienda - spiega il coo del gruppo Oltremare, Stefano Uva -. Abbiamo investito molto nella nuova struttura, nel rispetto e nell’attenzione anche verso i nostri collaboratori, preservando la facilità di collegamenti rispetto alla sede di lavoro, che ci ha ospitato in tutti questi anni. Per lo sviluppo aziendale e per la nostra tipologia di business era fondamentale individuare uno spazio funzionale, all’avanguardia sia per l’attività quotidiana, sia perché siamo convinti che l’ambiente di lavoro influisce sulle dinamiche lavorative, così come sulle relazioni e sulla produttività». [post_title] => Nuova casa per il gruppo Oltremare: inaugurata la sede nel complesso Altamira di Napoli [post_date] => 2022-11-25T09:54:43+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669370083000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434622 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Se c’è da organizzare una vacanza, la parola d’ordine, negli ultimi tempi, specie tra i giovani, è “sostenibilità”. Tematica importante, protagonista indiscussa del progetto Eu Eco-Tandem Programme, cofinanziato dall’Unione Europea attraverso il programma Cosme, che punta proprio a promuovere lo sviluppo sostenibile nel settore turistico, attraverso un mix di attività di supporto tecnico e finanziario attraverso il volano dell’innovazione, facilitando la nascita di sinergie tra Pmi, startup e innovatori del settore. Stando ai dati emersi durante il Global Travel Summit 2022 di Allianz Partners sul tema “Wonderland” (ricerca condotta in collaborazione con Foresight Factory), in tutto il mondo, le vacanze green sarebbero le più gettonate tra i “millennials” (6 famiglie su 10 – nella fascia 25-40 anni). Trend, che trova riscontro anche in Italia, dove, coppie senza figli, d’età compresa tra i 26 e i 40 anni, ovvero il 52%, hanno dichiarato che per i propri viaggi presteranno maggiore attenzione all’impatto ambientale, rispetto al periodo pre-pandemia. Interesse, che riguarda anche gli spostamenti, preferendo viaggi in treno, camper e roulotte. Risultati interessanti, che ben si sposano con le molteplici attività messe in atto dal progetto Eu Eco-Tandem Programme, avviato nel 2020, e che attualmente vede coinvolte 56 “Tndem”, formati da Pmi e startup o PMI innovative, impegnate a lavorare insieme su cinque sfide del settore Turismo: dal risparmio energetico alla conservazione dell’acqua, dalla gestione dei rifiuti alle misure di gestione della mobilità e alla ripresa e rilancio del settore post COVID 19. Ai migliori Piani di Azione presentati dai Tandem, il progetto erogherà un voucher del valore fino a 13.000 euro, che servirà a trasformare concretamente i progetti più interessanti, che verranno annunciati e celebrati durante il prossimo grande “Awarding Ceremony”, in Italia ad inizio 2023. [post_title] => I millennials preferiscono le vacanze green [post_date] => 2022-11-24T11:35:10+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669289710000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434699 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alessandria celebra i 200 anni del noto pittore Neoclassico alessandrino Felice Giani, le cui opere sono presenti nei musei di tutto il mondo, al Louvre, agli Uffizi, all’Hermitage di San Pietroburgo, al Quirinale, a Palazzo di Spagna. La Biblioteca Civica di Alessandria ospiterà da giovedì 24 novembre 2022, il primo lancio di presentazione dedicato a Felice Giani, pittore piemontese nato a S. Sebastiano Curone nel 1758, ritenuto uno dei massimi esponenti del neoclassicismo. In concomitanza, l’Archivio ‘Pittor Giani’ intende celebrare l’anniversario dei duecento anni dalla morte del maestro (morto a Roma nel 1823) organizzando una serie di eventi che prenderanno avvio con la mostra “Felice Giani 200 Anteprima” che sarà inaugurata presso la sede dell’Archivio a San Sebastiano il 24 novembre 2022 e che proseguirà nel 2023 coinvolgendo la Città di Alessandria e province in rassegne di grande importanza per la conoscenza di Giani e delle sue opere e si concluderà nel 2024 con una mostra dedicata all’entourage del pittore ed una prestigiosa collaborazione con il Cooper Hewitt Design Museum di New York che conserva molte opere del maestro neoclassico. Il progetto, a cura dell’ l’Archivio “Pittor Giani”, è supportato da: Regione Piemonte, Comune di San Sebastiano Curone AL, Comune e Provincia di Alessandria, Comune e Diocesi di Tortona, Comuni di Forlì, Faenza, Brisighella, Marradi, Fondazione CRAL e CRT. Biblioteca Civica “Francesca Calvo”,  giovedi 24  dalle ore 16:00 per scoprire Felice Giani, la sua storia d’artista e i prestigiosi lavori realizzati, fra tele, schizzi e pitture murarie che adornano alcuni dei più prestigiosi palazzi nobiliari italiani a partire dal Quirinale a Palazzo di Spagna avrà come protagonista Marcella Vitali, storica dell’arte dell’Archivio Pittor Giani di San Sebastiano Curone, curatrice degli eventi del programma triennale e grande conoscitrice dell’opera dell’artista.   [post_title] => Alessandria, mostre ed eventi per i 200 anni del pittore neoclassico Felice Giani [post_date] => 2022-11-24T11:01:50+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669287710000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434615 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si conclude “Roots-in”, la prima borsa internazionale sul turismo delle origini. Diventa un appuntamento annuale il progetto organizzato da regione e apt Basilicata in collaborazione con Enit e la dg per gli italiani all’estero del ministero degli affari esteri.  Oltre 500 partecipanti al centro congressi UnaHotel MH, a borgo Venusio, presenti stakeholder e operatori del mondo del turismo internazionali.   «Abbiamo voluto creare – illustra il direttore generale di Apt Basilicata, Antonio Nicoletti - un evento internazionale dedicato a un segmento turistico che esiste da sempre, ma che è ancora troppo poco conosciuto e valorizzato, come il turismo delle origini. Un’intuizione nata nell’ambito del nostro piano strategico del marketing turistico, e attuata grazie al fondamentale supporto di Enit e Maeci. La collaborazione istituzionale e i risultati raggiunti, dimostrano che la volontà di fare sistema su tematiche di rilevanza nazionale può portare risultati significativi per gli operatori e per il posizionamento della nostra piccola-grande regione».  E proprio il dialogo fra pubblico e privato è stato al centro dell’intervento di Sandro Pappalardo, rappresentante della Conferenza Stato regioni nel cda di Enit. «L’Italia – dichiara – è fra le mete più sognate al mondo. Occorre potenziare il posizionamento strategico della Penisola per tradurlo non solo in un’offerta sempre più performante e personalizzabile declinabile su target diversi di mercato ma anche per implementare il travel purchase del brand italia e consentire all’Italia di essere sempre in cima alle scelte di viaggio internazionali. E' un turismo che potenzieremo ulteriormente anche in vista dell'Anno delle radici nel 2024. Un modo di distribuire i flussi su tutto l'anno (con un piccolo picco ad agosto) coinvolgendo molto i giovani che vogliono riscoprire le proprie origini».   «I discendenti degli italiani che vivono all’estero rappresentano una grande opportunità per il turismo emozionale, ma dobbiamo considerarli non come un bene economico, ma come uno straordinario patrimonio di relazioni, di storia, di identità. Nell’ambito del progetto Pnrr dedicato al turismo delle radici, vogliamo mettere a disposizione di questo valore una serie di servizi come il Passaporto delle radici, con una serie di incentivi per venire in Italia, o la digitalizzazione delle anagrafi comunali e tanto altro» sostiene Giovanni Maria de Vita, responsabile turismo delle radici Dgit Maeci.   Sulle opportunità aperte dal Pnrr per il recupero dei borghi interviene Angelantonio Orlando, Ddrettore generale per l’attuazione del Pnrr del Ministero della cultura, che si è soffermato in particolare sui progetti lucani approvati: «La Basilicata è una delle regioni che più di altre ha fornito progettualità sui bandi del Pnrr dedicati ai Borghi. Su circa 40 progetti presentati ben 18 hanno superato la selezione per un investimento complessivo di 30 milioni di euro. Stiamo pensando di aggiungere una quota significativa di risorse nell’ambito del Fsc 2021 – 2027 per far scorrere la graduatoria dei comuni”.  E Il turismo delle origini si inserisce in modo coerente con la strategia della Basilicata per il recupero dei borghi, come afferma Gianpiero Perri, consigliere scientifico per l’attuazione del Pnrr della Presidenza della giunta regionale. «Gran parte della Basilicata è area interna. I borghi lucani rappresentano una priorità strategica per la giunta regionale. Per questo la dimensione dell’impegno profuso non ha precedenti. La Basilicata è capace di aggiungere bellezza alla bellezza ereditata. In questo cammino è necessario lo sforzo di tutti sapendo che non bisogna avere paura di occhi ed idee che arrivano dall’esterno. La felice esperienza di Matera 2019 è la sintesi perfetta di quello che la Basilicata può fare».    [post_title] => Basilicata e Enit: Roots-In, l'evento internazionale per il turismo delle origini [post_date] => 2022-11-24T10:19:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669285158000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434707 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Confermare l’importanza strategica della distribuzione, aumentare le opportunità commerciali per il canale trade, candidarsi come il principale e più innovativo fornitore di servizi per rendere ancora più solida e di valore l’attività della rete distributiva. Sono gli obiettivi ai quali punta C-Value, il nuovo contratto commerciale 2023 che Costa Crociere sta presentando in questi giorni in anteprima a oltre 1500 agenzie divViaggio di tutta Italia in occasione del road show itinerante “Insieme per creare valore”. Valido dal 1° dicembre 2022 e strutturato in continuità con il contratto di valore lanciato nell’aprile 2021, C-Value introduce una serie di innovazioni, a partire da una nuova profilazione dei Partner effettuata sulla base di un’attenta selezione delle agenzie di viaggio. Oltre ai due cluster già presenti – Costa Point, destinato ai punti vendita fidelizzati che esprimono produzioni consistenti, e Costa Dealer, per le Agenzie con volumi di fatturato più contenuti ma con interessante potenziale di crescita – il nuovo contratto prevede un ulteriore terzo cluster, Costa Point Excellence. Ideato ascoltando bisogni ed esigenze dei migliori Partner della distribuzione, è destinato ai punti vendita storicamente legati a Costa e che esprimo volumi di vendita eccellenti. Accordi Valore, reciprocità e innovazione saranno i tre pilastri di C-Value e della nuova segmentazione, grazie alla quale le agenzie disporranno di accordi più solidi e remunerativi e di una gamma di strumenti e servizi ancora più ricca e personalizzata, grazie al nuovo programma  C-Value Servizi. Tra i diversi vantaggi previsti, alcuni significativi benefici deriveranno dai nuovi piani di comunicazione integrata, dalla possibilità di essere più visibili sia sul territorio che online e dall’opportunità di incrementare i volumi delle vendite e la redditività grazie a nuovi, potenti strumenti di comunicazione sui social media. «Il Contratto C-Value 2023 sarà in continuità con l’attuale Contratto di Valore. Ascoltando con attenzione i nostri Partner della distribuzione abbiamo lavorato, però, per renderlo ancora più ricco e personalizzato, con l’obiettivo di migliorare e qualificare ulteriormente il rapporto con le agenzie di viaggio, che rappresentano da sempre il canale distributivo più importante nella strategia di Costa Crociere – spiega Riccardo Fantoni, direttore vendite di Costa Crociere –. Il nuovo programma C-Value Servizi prevederà tantissimi servizi base per tutti e un’ulteriore serie a scelta per i nostri migliori Partner, Costa Point e Costa Point Excellence, con l’obiettivo di rappresentare per le agenzie di viaggio il principale partner di servizi innovativi e di qualità per raggiungere i risultati attesi, a vantaggio di tutta la filiera». Incentivazione Il nuovo Contratto offrirà, inoltre, un programma di incentivazione ricco e ancora più premiante, caratterizzato da un sistema commissionale che remunererà in modo adeguato le vendite di qualità e offrirà guadagni più elevati in base al valore della prenotazione. Ad affiancarlo, ci saranno anche il nuovo Segui-C, che consente ai Partner di guadagnare tutto l’anno a fronte del raggiungimento di obiettivi predefiniti, e il nuovissimo programma loyalty C-Premia. Quest’ultimo, in modo particolare, rappresenta un’importante novità pensata per premiare e  coinvolgere, incentivandoli, i singoli Agenti di Viaggio, che avranno la possibilità di scegliere il proprio premio all’interno di un ricchissimo catalogo. Plus diversificati in base al modello di servizio. Non mancheranno altri importanti plus, diversificati in base al modello di servizio. La novità principale a supporto della comunicazione B2B2C sarà Red Hab, una nuova, potente e innovativa piattaforma di gestione della comunicazione sui social, per essere più efficaci, più organizzati e più veloci. E, poi, ancora il sistema di geolocalizzazione del punto vendita sul sito Costa, il potenziamento dei servizi di formazione erogati attraverso la Costa Academy e dei tool digitali di prenotazione e informazione, oltre al rinnovamento dei materiali per l’allestimento dei punti vendita. Per poter godere dei vantaggi previsti dalla nuova profilazione, alle agenzie di viaggio partner verrà richiesto l’impegno a portare a termine con successo alcune attività fondamentali per sviluppare compiutamente le opportunità commerciali, tra le quali il completamento dei percorsi formativi, la corretta e puntuale esposizione dei materiali promozionali e l’utilizzo dei canali di prenotazione digitali. [post_title] => Costa: dal 1° dicembre scatta il nuovo contratto commerciale per le agenzie [post_date] => 2022-11-23T11:37:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669203427000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434663 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Iata ha lanciato il programma IEnvA for Airports and GSPs (‘Valutazione ambientale per gli aeroporti e i fornitori di servizi a terra’) che estende la certificazione ambientale degli aeroporti ai servizi a terra. Ne sono, quindi, interessate le società di handling. A fare da capofila è l'aeroporto di Edmonton in Canada, dove si sperimenteranno le procedure per ottimizzare i piani di gestione ambientale. Al programma hanno già aderito circa 50 compagnie aeree, 34 delle quali hanno portato a termine positivamente la procedura di certificazione e le restanti stanno completano l’iter di approvazione. Il programma IEnvA rientra nell’impegno formulato per il raggiungimento di zero emissioni di carbonio entro il 2050. [post_title] => Iata lancia il programma per la certificazione ambientale per gli aeroporti [post_date] => 2022-11-23T09:56:50+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669197410000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434546 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_434559" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Laurent Gardinier e Philippe Gombert[/caption] “Intendo lavorare su tre punti fondamentali: la riduzione dell'impronta ambientale con l'implementazione di soluzioni economicamente realistiche; la tutela della diversità, in particolare sotto l'impulso degli chef; il rispetto per ognuno dei nostri dipendenti e una maggiore responsabilità sociale, mantenendo al contempo gli equilibri finanziari dell’associazione". Si presenta in questo modo il nuovo presidente di Relais & Châteaux, Laurent Gardinier. L’imprenditore francese è stato eletto a Venezia lo scorso 14 novembre, in occasione del cinquantaduesimo congresso annuale dell’associazione. Succederà a Philippe Gombert a partire dal 1° gennaio 2023, al termine di un periodo di transizione di sei settimane. Gardinier è comproprietario insieme ai fratelli del Relais & Châteaux Domaine Les Crayères in Champagne e del ristorante parigino Relais & Châteaux Le Taillevent (2 stelle Michelin). Fino a oggi è stato attivo nell’associazione come delegato per la Francia ed è membro del consiglio di amministrazione da 17 anni. [caption id="attachment_434562" align="alignright" width="200"] Danilo Guerrini[/caption] Laurent Gardinier ha già formato il proprio comitato esecutivo con il quale garantirà la governance dell'associazione. Sarà composto da otto membri, quattro dei quali nuovi. Cinque sono uomini, tre le donne: Mauro Colagreco del ristorante Relais & Châteaux Mirazur (3 stelle Michelin a Mentone) entra per la prima volta a fare parte del comitato esecutivo in qualità di vicepresidente chef e guiderà il World culinary council, il gruppo di lavoro composto da 18 cuochi provenienti da tutto il mondo incaricati di ispirare lo sviluppo dell’associazione nel perimetro di una cucina sempre più locale, etica e sostenibile. A rappresentare gli associati del Vecchio continente è stato chiamato ancora una volta Vito Cinque, proprietario del Relais & Châteaux il San Pietro di Positano; mantiene il ruolo di vicepresidente Europa che ricopre dal 2017. Il board italiano In occasione dell’appuntamento annuale di Venezia, gli associati sono stati chiamati a eleggere anche i loro rappresentanti a livello locale. Danilo Guerrini, direttore e maitre de Maison del Relais & Châteaux Hotel Borgo San Felice di Castelnuovo Berardenga, è stato riconfermato alla guida della delegazione italiana. Nel ruolo di delegato Italia, che ricopre dal 2019, avrà il compito di guidare la crescita dell’associazione validando l’action plan annuale e coordinando con il management lo sviluppo dei servizi offerti agli associati italiani in ambito sales, hr e marketing, ma soprattutto di ispirare gli altri associati a essere parte attiva di un movimento di cambiamento, applicando nelle loro dimore scelte più etiche e sostenibili nei confronti del territorio, dell’ambiente e delle persone. Al suo fianco per i prossimi cinque anni ci saranno Vincenzo Bianconi, proprietario del Relais & Châteaux Palazzo Seneca di Norcia, che ricoprirà il ruolo di vicedelegato, ed Emanuele Scarello del ristorante Relais & Châteaux agli Amici dal 1887 (2 stelle Michelin a Godia) che, in qualità di chef rappresentante, sarà anche il portavoce della rete locale degli chef all’interno del World culinary council. [post_title] => Relais & Châteaux: Laurent Gardinier è il nuovo presidente [post_date] => 2022-11-22T11:48:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669117706000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "alessandria mostre ed eventi 200 anni del pittore neoclassico felice giani" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":75,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":862,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434835","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"iTEG arriva a Roma. L'appuntamento itinerante con il Turismo enogastronomico italiano sbarca nella Capitale e invita tutti gli operatori, le istituzioni e la stampa specializzata a fare rete. L'appuntamento è per il 1 dicembre 2022, presso la Chiesa di San Silvestro al Quirinale, dalle 9.30 alle 19.30.\r\n\r\nL'evento nasce dal progetto TEGing Italia, fondato nel 2020 da Paola Puzzovio e oggi strutturato su diverse aree operative progettuali: formazione, incoming, destinazioni e servizi alle aziende.\r\n\r\n\"Teging ha reti strutturate ovunque e sono reti attive - spiega Paola Puzzovio raccontando la nascita del progetto durante la presentazione che si è tenuta ieri nella sala stampa di Montecitorio -. Siamo nati ufficialmente nel 2020, in pieno lockdown, partendo dalla Puglia, ma stiamo arrivando in tutte le Regioni d'Italia. Il progetto sbarcherà anche in America con una tappa a New York e ha delle aperture importantissime direttamente collegate con il turismo enogastronomico, dell'accoglienza, delle radici, del ritorno e sociale\".\r\n\r\nTra i relatori che sono intervenuti alla conferenza stampa, Gianni Lattanzio, segretario generale \"Ambientevivo\" e Segretario Generale Istituto Cooperazione Paesi Esteri, l'on. Fabio Porta, membro commissione esteri, Concetta D'Emma, fondatrice UnconventionalHospitality, Carmen Bizzarri, PhD Università europea di Roma UER, Antonio Imeneo, co-fondatore Books for peace.\r\n\r\nTanti i temi che saranno trattati il primo dicembre nella tappa romana di iTEG: tra cui gli strumenti per l'internazionalizzazione e per l'attrazione degli investimenti, le dinamiche di strutturazione dell'offerta turistica, le strategie di promozione per l'incoming del turismo enogastronomico italiano, gli aspetti più sostenibili, green e inclusivi del turismo enogastronomico, ma anche la formazione.\r\n\r\n\"La formazione professionale è una delle colonne portati di Teging - spiega Puzzovio -, abbiamo creato dei progetti di formazione in rete (FIR) importanti. Lavoriamo sull'intera filiera per supportare tutte le realtà, anche le più piccole, patrimonio immateriale importantissimo. Anche il più piccolo operatore deve sentirsi parte di tutto questo: con la rete che stiamo costruendo arriveremo anche a lui\".\r\n\r\n ","post_title":"iTEG sbarca a Roma: il turismo enogastronomico protagonista dell'evento del primo dicembre","post_date":"2022-11-25T17:04:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669395880000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A trent’anni di distanza dalla realizzazione del primo importante intervento di riqualificazione urbana firmato da Renzo Piano per la sua città, con oltre 90 milioni di presenze all’attivo, Porto Antico di Genova si anima dal 29 novembre al 3 dicembre con un programma di eventi eclettico e multitarget.\r\n\r\nIl primo degli appuntamenti in programma, già sold out dopo meno di due giorni dall’annuncio, è l’incontro di martedì 29 novembre alle 18 a Porta Siberia.   Un dialogo, moderato da Mario Paternostro, tra l’architetto Renzo Piano e il presidente della società Porto Antico di Genova Mauro Ferrando che toccherà i grandi temi della riqualificazione del waterfront del capoluogo ligure, dal primo esempio di successo, l’area del Porto Antico, al Waterfront di Levante per accennare, con tutte le sue complessità, alla Genova del futuro.\r\n\r\nMercoledì 30 novembre alle 20.30, in Calata Falcone Borsellino, un grande spettacolo a ingresso libero, nel segno della migliore tradizione canora e cabarettistica della città. Quattro gli artisti genovesi che si alterneranno: Antonio Ornano con i suoi irresistibili racconti di vita; Antonella Ruggiero e il suo inarrivabile repertorio; la star internazionale della disco-dance Sabrina Salerno e il rapper Alfa, amatissimo dai giovani.\r\n\r\nSabato 3 dicembre alle ore 21 nella Sala Maestrale dei Magazzini del Cotone si terrà lo speciale concerto dell’Ensemble Simone Molinaro “Swinging in the Snow”, in collaborazione con la Fondazione Teatro Carlo Felice.\r\n\r\nDa venerdì 2 dicembre sarà inoltre riaperta al pubblico La Città dei Bambini e dei Ragazzi, realizzata in collaborazione da Porto Antico di Genova e Costa Edutainment, che si presenterà in una veste totalmente rinnovata: un “experience museum” dedicato ai cinque sensi.\r\n\r\n«30 anni fa – sottolinea il presidente Mauro Ferrando - nasceva il Porto Antico, grazie anche alla brillante intuizione dell’Architetto Renzo Piano. In questi anni, l’area è cresciuta di importanza e rappresenta, oggi, il cuore pulsante della città. Allo scadere dei 30 anni di vita, Porto Antico S.p.A., sempre per mano  dell’Architetto Piano, si ritrova protagonista dell’ambizioso progetto di riqualificazione urbana del nuovo Waterfront di levante, progetto che interessa le sue darsene, le aree a mare ed il padiglione Fieristico Jean Nouvel».\r\n\r\n«Il Porto Antico è uno dei luoghi simbolo non solo di Genova e della Liguria, è un simbolo della rinascita e della riconversione di questa città, di una visione di futuro, capace di recuperare una zona affacciata direttamente sul mare e integrarla con la città, rendendola viva e attrattiva- spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -, il primo passo di quel percorso di crescita della città che l’ha resa, in questi ultimi anni, una meta turistica sempre più apprezzata, una città d’arte affascinante e ricca di sfaccettature. Partendo proprio dall’esempio del Porto Antico, il nostro lavoro va nella direzione di rendere sempre più forte e significativo il legame tra l’acqua e la città, riqualificando e recuperando il fronte mare con il grande lavoro del Waterfront di Levante, il grande progetto, ancora una volta firmato da Renzo Piano, destinato a rendere Genova sempre più iconica, vera capitale del Mediterraneo”.\r\n\r\nMario Zanetti, direttore generale di Costa Crociere: «Costa Crociere è lieta di essere a fianco del Porto Antico nei suoi festeggiamenti. Siamo particolarmente vicini a questa realtà, non solo in quanto compagnia genovese che ama e ha sempre sostenuto la sua città. Ma anche perché il Porto Antico è un luogo storico, nel cuore di Genova, che ha saputo rinnovarsi e diventare un volano per la trasformazione in chiave turistica di tutta città. Un processo a cui anche Costa, in oltre 70 anni di storia, ha dato il suo importante contributo».  \r\n\r\nA fianco di Porto Antico di Genova Spa, per questo importante anniversario, i partner Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova, Fondazione Teatro Carlo Felice. Sponsor: Iren, Costa Crociere, Free To X.","post_title":"Genova, ricco programma di eventi per i 30 anni del Porto Antico realizzato da Renzo Piano","post_date":"2022-11-25T10:05:20+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669370720000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434802","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un nuova struttura funzionale a tutte le otto business unit che compongono la società, che oggi, dopo l'ingresso in azienda di ulteriori figure professionali, conta su un totale di 41 collaboratori. Dal 21 novembre il quartier generale del gruppo Oltremare ha cambiato indirizzo, spostandosi in una location strategica, con una logistica degli uffici studiata per ottimizzare le sinergie tra le diverse aree di lavoro e migliorare l’efficienza dei processi. La nuova sede di Napoli è collocata all’interno del complesso Altamira, grande e moderna struttura composta da due edifici che ospitano più di 50 aziende. Nel dettaglio, gli uffici della compagnia sono sviluppati su due piani, con una configurazione strutturata in un open space, a cui si aggiungono quattro locali dedicati allo staff delle business unit operative, nonché il secondo piano, riservato alla direzione.\r\n\r\nLa condivisone degli spazi e la proposta di arredi è in linea con la filosofia aziendale di ricercare un’atmosfera di benessere e di accoglienza, speculare a quella ottenuta nella vecchia sede, finalizzata a creare un clima gradevole e familiare, e quindi a contribuire a migliorare servizi e performance. «Il trasferimento nella nuova sede segna una tappa importante nella storia della nostra azienda - spiega il coo del gruppo Oltremare, Stefano Uva -. Abbiamo investito molto nella nuova struttura, nel rispetto e nell’attenzione anche verso i nostri collaboratori, preservando la facilità di collegamenti rispetto alla sede di lavoro, che ci ha ospitato in tutti questi anni. Per lo sviluppo aziendale e per la nostra tipologia di business era fondamentale individuare uno spazio funzionale, all’avanguardia sia per l’attività quotidiana, sia perché siamo convinti che l’ambiente di lavoro influisce sulle dinamiche lavorative, così come sulle relazioni e sulla produttività».","post_title":"Nuova casa per il gruppo Oltremare: inaugurata la sede nel complesso Altamira di Napoli","post_date":"2022-11-25T09:54:43+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669370083000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434622","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Se c’è da organizzare una vacanza, la parola d’ordine, negli ultimi tempi, specie tra i giovani, è “sostenibilità”. Tematica importante, protagonista indiscussa del progetto Eu Eco-Tandem Programme, cofinanziato dall’Unione Europea attraverso il programma Cosme, che punta proprio a promuovere lo sviluppo sostenibile nel settore turistico, attraverso un mix di attività di supporto tecnico e finanziario attraverso il volano dell’innovazione, facilitando la nascita di sinergie tra Pmi, startup e innovatori del settore.\r\n\r\nStando ai dati emersi durante il Global Travel Summit 2022 di Allianz Partners sul tema “Wonderland” (ricerca condotta in collaborazione con Foresight Factory), in tutto il mondo, le vacanze green sarebbero le più gettonate tra i “millennials” (6 famiglie su 10 – nella fascia 25-40 anni). Trend, che trova riscontro anche in Italia, dove, coppie senza figli, d’età compresa tra i 26 e i 40 anni, ovvero il 52%, hanno dichiarato che per i propri viaggi presteranno maggiore attenzione all’impatto ambientale, rispetto al periodo pre-pandemia. Interesse, che riguarda anche gli spostamenti, preferendo viaggi in treno, camper e roulotte.\r\n\r\nRisultati interessanti, che ben si sposano con le molteplici attività messe in atto dal progetto Eu Eco-Tandem Programme, avviato nel 2020, e che attualmente vede coinvolte 56 “Tndem”, formati da Pmi e startup o PMI innovative, impegnate a lavorare insieme su cinque sfide del settore Turismo: dal risparmio energetico alla conservazione dell’acqua, dalla gestione dei rifiuti alle misure di gestione della mobilità e alla ripresa e rilancio del settore post COVID 19. Ai migliori Piani di Azione presentati dai Tandem, il progetto erogherà un voucher del valore fino a 13.000 euro, che servirà a trasformare concretamente i progetti più interessanti, che verranno annunciati e celebrati durante il prossimo grande “Awarding Ceremony”, in Italia ad inizio 2023.","post_title":"I millennials preferiscono le vacanze green","post_date":"2022-11-24T11:35:10+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669289710000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434699","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Alessandria celebra i 200 anni del noto pittore Neoclassico alessandrino Felice Giani, le cui opere sono presenti nei musei di tutto il mondo, al Louvre, agli Uffizi, all’Hermitage di San Pietroburgo, al Quirinale, a Palazzo di Spagna.\r\n\r\nLa Biblioteca Civica di Alessandria ospiterà da giovedì 24 novembre 2022, il primo lancio di presentazione dedicato a Felice Giani, pittore piemontese nato a S. Sebastiano Curone nel 1758, ritenuto uno dei massimi esponenti del neoclassicismo.\r\n\r\nIn concomitanza, l’Archivio ‘Pittor Giani’ intende celebrare l’anniversario dei duecento anni dalla morte del maestro (morto a Roma nel 1823) organizzando una serie di eventi che prenderanno avvio con la mostra “Felice Giani 200 Anteprima” che sarà inaugurata presso la sede dell’Archivio a San Sebastiano il 24 novembre 2022 e che proseguirà nel 2023 coinvolgendo la Città di Alessandria e province in rassegne di grande importanza per la conoscenza di Giani e delle sue opere e si concluderà nel 2024 con una mostra dedicata all’entourage del pittore ed una prestigiosa collaborazione con il Cooper Hewitt Design Museum di New York che conserva molte opere del maestro neoclassico.\r\n\r\nIl progetto, a cura dell’ l’Archivio “Pittor Giani”, è supportato da: Regione Piemonte, Comune di San Sebastiano Curone AL, Comune e Provincia di Alessandria, Comune e Diocesi di Tortona, Comuni di Forlì, Faenza, Brisighella, Marradi, Fondazione CRAL e CRT.\r\n\r\nBiblioteca Civica “Francesca Calvo”,  giovedi 24  dalle ore 16:00 per scoprire Felice Giani, la sua storia d’artista e i prestigiosi lavori realizzati, fra tele, schizzi e pitture murarie che adornano alcuni dei più prestigiosi palazzi nobiliari italiani a partire dal Quirinale a Palazzo di Spagna avrà come protagonista Marcella Vitali, storica dell’arte dell’Archivio Pittor Giani di San Sebastiano Curone, curatrice degli eventi del programma triennale e grande conoscitrice dell’opera dell’artista.\r\n\r\n ","post_title":"Alessandria, mostre ed eventi per i 200 anni del pittore neoclassico Felice Giani","post_date":"2022-11-24T11:01:50+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669287710000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434615","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si conclude “Roots-in”, la prima borsa internazionale sul turismo delle origini. Diventa un appuntamento annuale il progetto organizzato da regione e apt Basilicata in collaborazione con Enit e la dg per gli italiani all’estero del ministero degli affari esteri. \r\n\r\nOltre 500 partecipanti al centro congressi UnaHotel MH, a borgo Venusio, presenti stakeholder e operatori del mondo del turismo internazionali.  \r\n\r\n«Abbiamo voluto creare – illustra il direttore generale di Apt Basilicata, Antonio Nicoletti - un evento internazionale dedicato a un segmento turistico che esiste da sempre, ma che è ancora troppo poco conosciuto e valorizzato, come il turismo delle origini. Un’intuizione nata nell’ambito del nostro piano strategico del marketing turistico, e attuata grazie al fondamentale supporto di Enit e Maeci. La collaborazione istituzionale e i risultati raggiunti, dimostrano che la volontà di fare sistema su tematiche di rilevanza nazionale può portare risultati significativi per gli operatori e per il posizionamento della nostra piccola-grande regione». \r\n\r\nE proprio il dialogo fra pubblico e privato è stato al centro dell’intervento di Sandro Pappalardo, rappresentante della Conferenza Stato regioni nel cda di Enit. «L’Italia – dichiara – è fra le mete più sognate al mondo. Occorre potenziare il posizionamento strategico della Penisola per tradurlo non solo in un’offerta sempre più performante e personalizzabile declinabile su target diversi di mercato ma anche per implementare il travel purchase del brand italia e consentire all’Italia di essere sempre in cima alle scelte di viaggio internazionali. E' un turismo che potenzieremo ulteriormente anche in vista dell'Anno delle radici nel 2024. Un modo di distribuire i flussi su tutto l'anno (con un piccolo picco ad agosto) coinvolgendo molto i giovani che vogliono riscoprire le proprie origini». \r\n\r\n «I discendenti degli italiani che vivono all’estero rappresentano una grande opportunità per il turismo emozionale, ma dobbiamo considerarli non come un bene economico, ma come uno straordinario patrimonio di relazioni, di storia, di identità. Nell’ambito del progetto Pnrr dedicato al turismo delle radici, vogliamo mettere a disposizione di questo valore una serie di servizi come il Passaporto delle radici, con una serie di incentivi per venire in Italia, o la digitalizzazione delle anagrafi comunali e tanto altro» sostiene Giovanni Maria de Vita, responsabile turismo delle radici Dgit Maeci.  \r\n\r\nSulle opportunità aperte dal Pnrr per il recupero dei borghi interviene Angelantonio Orlando, Ddrettore generale per l’attuazione del Pnrr del Ministero della cultura, che si è soffermato in particolare sui progetti lucani approvati: «La Basilicata è una delle regioni che più di altre ha fornito progettualità sui bandi del Pnrr dedicati ai Borghi. Su circa 40 progetti presentati ben 18 hanno superato la selezione per un investimento complessivo di 30 milioni di euro. Stiamo pensando di aggiungere una quota significativa di risorse nell’ambito del Fsc 2021 – 2027 per far scorrere la graduatoria dei comuni”. \r\n\r\nE Il turismo delle origini si inserisce in modo coerente con la strategia della Basilicata per il recupero dei borghi, come afferma Gianpiero Perri, consigliere scientifico per l’attuazione del Pnrr della Presidenza della giunta regionale. «Gran parte della Basilicata è area interna. I borghi lucani rappresentano una priorità strategica per la giunta regionale. Per questo la dimensione dell’impegno profuso non ha precedenti. La Basilicata è capace di aggiungere bellezza alla bellezza ereditata. In questo cammino è necessario lo sforzo di tutti sapendo che non bisogna avere paura di occhi ed idee che arrivano dall’esterno. La felice esperienza di Matera 2019 è la sintesi perfetta di quello che la Basilicata può fare». \r\n\r\n ","post_title":"Basilicata e Enit: Roots-In, l'evento internazionale per il turismo delle origini","post_date":"2022-11-24T10:19:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669285158000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434707","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Confermare l’importanza strategica della distribuzione, aumentare le opportunità commerciali per il canale trade, candidarsi come il principale e più innovativo fornitore di servizi per rendere ancora più solida e di valore l’attività della rete distributiva. Sono gli obiettivi ai quali punta C-Value, il nuovo contratto commerciale 2023 che Costa Crociere sta presentando in questi giorni in anteprima a oltre 1500 agenzie divViaggio di tutta Italia in occasione del road show itinerante “Insieme per creare valore”.\r\nValido dal 1° dicembre 2022 e strutturato in continuità con il contratto di valore lanciato nell’aprile 2021, C-Value introduce una serie di innovazioni, a partire da una nuova profilazione dei Partner effettuata sulla base di un’attenta selezione delle agenzie di viaggio. Oltre ai due cluster già presenti – Costa Point, destinato ai punti vendita fidelizzati che esprimono produzioni consistenti, e Costa Dealer, per le Agenzie con volumi di fatturato più contenuti ma con interessante potenziale di crescita – il nuovo contratto prevede un ulteriore terzo cluster, Costa Point Excellence. Ideato ascoltando bisogni ed esigenze dei migliori Partner della distribuzione, è destinato ai punti vendita storicamente legati a Costa e che esprimo volumi di vendita eccellenti.\r\n\r\nAccordi\r\nValore, reciprocità e innovazione saranno i tre pilastri di C-Value e della nuova segmentazione, grazie alla quale le agenzie disporranno di accordi più solidi e remunerativi e di una gamma di strumenti e servizi ancora più ricca e personalizzata, grazie al nuovo programma  C-Value Servizi. Tra i diversi vantaggi previsti, alcuni significativi benefici deriveranno dai nuovi piani di comunicazione integrata, dalla possibilità di essere più visibili sia sul territorio che online e dall’opportunità di incrementare i volumi delle vendite e la redditività grazie a nuovi, potenti strumenti di comunicazione sui social media.\r\n«Il Contratto C-Value 2023 sarà in continuità con l’attuale Contratto di Valore. Ascoltando con attenzione i nostri Partner della distribuzione abbiamo lavorato, però, per renderlo ancora più ricco e personalizzato, con l’obiettivo di migliorare e qualificare ulteriormente il rapporto con le agenzie di viaggio, che rappresentano da sempre il canale distributivo più importante nella strategia di Costa Crociere – spiega Riccardo Fantoni, direttore vendite di Costa Crociere –. Il nuovo programma C-Value Servizi prevederà tantissimi servizi base per tutti e un’ulteriore serie a scelta per i nostri migliori Partner, Costa Point e Costa Point Excellence, con l’obiettivo di rappresentare per le agenzie di viaggio il principale partner di servizi innovativi e di qualità per raggiungere i risultati attesi, a vantaggio di tutta la filiera».\r\nIncentivazione\r\nIl nuovo Contratto offrirà, inoltre, un programma di incentivazione ricco e ancora più premiante, caratterizzato da un sistema commissionale che remunererà in modo adeguato le vendite di qualità e offrirà guadagni più elevati in base al valore della prenotazione. Ad affiancarlo, ci saranno anche il nuovo Segui-C, che consente ai Partner di guadagnare tutto l’anno a fronte del raggiungimento di obiettivi predefiniti, e il nuovissimo programma loyalty C-Premia. Quest’ultimo, in modo particolare, rappresenta un’importante novità pensata per premiare e  coinvolgere, incentivandoli, i singoli Agenti di Viaggio, che avranno la possibilità di scegliere il proprio premio all’interno di un ricchissimo catalogo.\r\n\r\nPlus diversificati in base al modello di servizio.\r\nNon mancheranno altri importanti plus, diversificati in base al modello di servizio. La novità principale a supporto della comunicazione B2B2C sarà Red Hab, una nuova, potente e innovativa piattaforma di gestione della comunicazione sui social, per essere più efficaci, più organizzati e più veloci. E, poi, ancora il sistema di geolocalizzazione del punto vendita sul sito Costa, il potenziamento dei servizi di formazione erogati attraverso la Costa Academy e dei tool digitali di prenotazione e informazione, oltre al rinnovamento dei materiali per l’allestimento dei punti vendita.\r\nPer poter godere dei vantaggi previsti dalla nuova profilazione, alle agenzie di viaggio partner verrà richiesto l’impegno a portare a termine con successo alcune attività fondamentali per sviluppare compiutamente le opportunità commerciali, tra le quali il completamento dei percorsi formativi, la corretta e puntuale esposizione dei materiali promozionali e l’utilizzo dei canali di prenotazione digitali.\r\n","post_title":"Costa: dal 1° dicembre scatta il nuovo contratto commerciale per le agenzie","post_date":"2022-11-23T11:37:07+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669203427000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434663","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Iata ha lanciato il programma IEnvA for Airports and GSPs (‘Valutazione ambientale per gli aeroporti e i fornitori di servizi a terra’) che estende la certificazione ambientale degli aeroporti ai servizi a terra.\r\n\r\nNe sono, quindi, interessate le società di handling. A fare da capofila è l'aeroporto di Edmonton in Canada, dove si sperimenteranno le procedure per ottimizzare i piani di gestione ambientale.\r\n\r\nAl programma hanno già aderito circa 50 compagnie aeree, 34 delle quali hanno portato a termine positivamente la procedura di certificazione e le restanti stanno completano l’iter di approvazione.\r\n\r\nIl programma IEnvA rientra nell’impegno formulato per il raggiungimento di zero emissioni di carbonio entro il 2050.","post_title":"Iata lancia il programma per la certificazione ambientale per gli aeroporti","post_date":"2022-11-23T09:56:50+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669197410000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434546","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_434559\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Laurent Gardinier e Philippe Gombert[/caption]\r\n\r\n“Intendo lavorare su tre punti fondamentali: la riduzione dell'impronta ambientale con l'implementazione di soluzioni economicamente realistiche; la tutela della diversità, in particolare sotto l'impulso degli chef; il rispetto per ognuno dei nostri dipendenti e una maggiore responsabilità sociale, mantenendo al contempo gli equilibri finanziari dell’associazione\". Si presenta in questo modo il nuovo presidente di Relais & Châteaux, Laurent Gardinier. L’imprenditore francese è stato eletto a Venezia lo scorso 14 novembre, in occasione del cinquantaduesimo congresso annuale dell’associazione. Succederà a Philippe Gombert a partire dal 1° gennaio 2023, al termine di un periodo di transizione di sei settimane. Gardinier è comproprietario insieme ai fratelli del Relais & Châteaux Domaine Les Crayères in Champagne e del ristorante parigino Relais & Châteaux Le Taillevent (2 stelle Michelin). Fino a oggi è stato attivo nell’associazione come delegato per la Francia ed è membro del consiglio di amministrazione da 17 anni.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_434562\" align=\"alignright\" width=\"200\"] Danilo Guerrini[/caption]\r\n\r\nLaurent Gardinier ha già formato il proprio comitato esecutivo con il quale garantirà la governance dell'associazione. Sarà composto da otto membri, quattro dei quali nuovi. Cinque sono uomini, tre le donne: Mauro Colagreco del ristorante Relais & Châteaux Mirazur (3 stelle Michelin a Mentone) entra per la prima volta a fare parte del comitato esecutivo in qualità di vicepresidente chef e guiderà il World culinary council, il gruppo di lavoro composto da 18 cuochi provenienti da tutto il mondo incaricati di ispirare lo sviluppo dell’associazione nel perimetro di una cucina sempre più locale, etica e sostenibile.\r\nA rappresentare gli associati del Vecchio continente è stato chiamato ancora una volta Vito Cinque, proprietario del Relais & Châteaux il San Pietro di Positano; mantiene il ruolo di vicepresidente Europa che ricopre dal 2017.\r\n\r\nIl board italiano\r\n\r\nIn occasione dell’appuntamento annuale di Venezia, gli associati sono stati chiamati a eleggere anche i loro rappresentanti a livello locale. Danilo Guerrini, direttore e maitre de Maison del Relais & Châteaux Hotel Borgo San Felice di Castelnuovo Berardenga, è stato riconfermato alla guida della delegazione italiana. Nel ruolo di delegato Italia, che ricopre dal 2019, avrà il compito di guidare la crescita dell’associazione validando l’action plan annuale e coordinando con il management lo sviluppo dei servizi offerti agli associati italiani in ambito sales, hr e marketing, ma soprattutto di ispirare gli altri associati a essere parte attiva di un movimento di cambiamento, applicando nelle loro dimore scelte più etiche e sostenibili nei confronti del territorio, dell’ambiente e delle persone. Al suo fianco per i prossimi cinque anni ci saranno Vincenzo Bianconi, proprietario del Relais & Châteaux Palazzo Seneca di Norcia, che ricoprirà il ruolo di vicedelegato, ed Emanuele Scarello del ristorante Relais & Châteaux agli Amici dal 1887 (2 stelle Michelin a Godia) che, in qualità di chef rappresentante, sarà anche il portavoce della rete locale degli chef all’interno del World culinary council.","post_title":"Relais & Châteaux: Laurent Gardinier è il nuovo presidente","post_date":"2022-11-22T11:48:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669117706000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti