25 June 2024

Richiesta di lavoro come product manager o direttore tecnico Lombardia

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da: Andrea Carandina
Telefono: 335 6140074
Email: andrea.carandina@alice.it
Provincia: • 
Comune:

Settore: • 
Mansione: • , ,


Testo dell'annuncio

Product manager in Cristiano Viaggi srl Milano.
A causa della chiusura della società sono in mobilità da settembre 2012. Esperto in programmazione e vendita di pacchetti per Scandinavia, Islanda, Groenlandia, Baltico, Russia, linee marittime nel Nord Europa (Viking Line, Stena Line, Smyril Line, Tallink Silja Line, Fjord line, Norfolk Line, DFDS, Color Line e Finnlines). Venticinque anni di esperienza nel turismo, per 17 anni sono stato responsabile booking e gli ultimi due anni ho ricoperto il ruolo di product manager.
Direttore tecnico reg. Lombardia.
Valuto proposte di collaborazione.
Per informazioni: tel. 335 6140074. E-mail: andrea.carandina@alice.it.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_416026" align="alignleft" width="300"] Un momento di vita a bordo di un Orient Express d'antan. Foto del Fonds de dotation Orient Express Heritage[/caption] Grandi manovre nel mondo del turismo di lusso. Dopo la news della partnership tra Accor e Lvmh per lo sviluppo del brand Orient Express, un altro dei protagonisti del rilancio dello storico marchio legato all'epoca d'oro delle ferrovie e ora al centro di un sostanzioso aumento di capitale. Il gruppo Barletta beneficerà infatti di un'iniezione di 95 milioni di euro, in liquidità e trophy asset, da parte della Fidim, holding di partecipazioni della famiglia Rovati, che in questo modo si assicurerà il 12,5% del capitale sociale dello stesso gruppo Barletta. L'operazione, spiega Il Sole 24 Ore, è legata a doppia mandata al supporto degli investimenti nel turismo di lusso. La Fidim vanta infatti una sostanziale esperienza nel mondo del turismo di alta gamma, mentre la società guidata da Paolo Barletta opera da tempo nel segmento dell'hotellerie e dei treni di lusso con la controllata Arsenale. Partner Quest'ultima, tra le altre cose, è il partner principale del progetto Orient Express, essendo proprietaria sia dei due hotel in apertura a Roma e a Venezia, La Minerva e Palazzo Dona’ Giovannelli, sia dei sei treni Doce Vita in fase di costruzione, due dei quali debutteranno l'anno prossimo. Attualmente l'azionariato di Arsenale è costituito per il 59,24% dal gruppo Barletta, per il 20,44% dalla Annabel Holding di Nicola Bulgari e per il 20,32% dalla società lussemburghese Ita Hotel Investments di Oaktree. Oltre ai progetti Dolce Vita Orient Express, la società ha siglato accordi per iniziative simili con la Saudi Arabia Railways, l’Egypt National Railway, con l’uzbeca O’zbekiston Temir Yo’llari Jsc ed Etihad Rail. Le stime 2024 per Arsenale parlano di ricavi per 24 milioni di euro, destinati tuttavia a balzare fino ai 135 milioni già nel 2025.  [post_title] => Orient Express, grandi manovre: Fidim entra nel gruppo Barletta (Arsenale) [post_date] => 2024-06-20T11:41:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718883709000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469819 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il trofeo dell'America's Cup a bordo della Explora I per un giorno. Ieri i passeggeri della nave hanno potuto ammirare da vicino uno dei premi più ambiti del mondo dello sport, in concomitanza con il lancio della partnership tra Explora Journeys e la trentasettesima edizione della 37a America's Cup Louis Vuitton. Durante l'evento, svoltosi nel porto di Barcellona, il brand di crociere di lusso del gruppo Msc ha anche annunciato la sponsorizzazione dell'Emirates Team New Zealand, attuale detentore del trofeo e squadra di maggior successo nella storia recente della competizione, avendola vinta quattro volte (1995, 2000, 2017 e 2021). "Siamo incredibilmente orgogliosi di collaborare con la trentasettesima edizione dell'America's Cup di Louis Vuitton - ha sottolineato l'executive chairman, cruise division del gruppo Msc, Pierfrancesco Vago -. Questa partnership si allinea perfettamente al nostro impegno per l'eccellenza e alla nostra profonda passione per il mare. Sia nella vela agonistica, sia nella costruzione di un nuovo marchio di viaggi oceanici di lusso, è solo grazie alla forza del nostro team che possiamo eccellere e raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi. Inoltre, Emirates Team New Zealand incarna perfettamente la perseveranza e l'innovazione che sono alla base della vela agonistica. Siamo onorati di sostenere un team così distinto e attendiamo con ansia i loro successi nei prossimi eventi dell'America's Cup". [post_title] => Explora Journeys diventa partner dell'America's Cup e di team New Zealand [post_date] => 2024-06-20T10:49:02+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718880542000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469372 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sncf Voyageurs si prepara a fare il suo ingresso nei collegamenti di Alta Velocità in Italia, dal 2026: la società francese - già presente in 9 Paesi europei al di fuori della Francia e con un terzo dei passeggeri internazionali - ha presentato domanda per un accordo quadro a Rfi (della durata di 15 anni) per procedere con il piano di sviluppo sulle direttrici Torino-Napoli e Torino-Venezia. Il nuovo servizio sarà gestito dalla filiale italiana Sncf Voyages Italia. L'obiettivo dichiarato è quello di raddoppiare il numero di passeggeri in Europa nei prossimi dieci anni e, sul mercato italiano in particolare, di raggiungere entro il 2030 una quota di mercato del 15%. Sncf Voyageurs inizierà le sue attività nel 2026 effettuando fino a 13 viaggi giornalieri di andata e ritorno sul mercato interno italiano, suddivisi su due tratte: 9 viaggi di andata e ritorno tra Torino/Milano/Roma e Napoli; 4 viaggi di andata e ritorno tra Torino e Venezia. Saranno servite le seguenti città: Torino, Milano, Brescia, Verona, Padova, Venezia, Bologna, Firenze, Roma e Napoli. La società conferma si d'ora l'apertura a un futuro ampliamento dell’offerta verso altre destinazioni, compreso il Sud Italia, non appena le infrastrutture lo permetteranno. Per i collegamenti saranno impiegati 15 convogli Tgvm, che saranno tecnicamente adattati alle infrastrutture italiane: questi treni provengono da una flotta di treni prodotta nel 2022, a completamento della produzione iniziale di 100 convogli Tgvm, destinati a circolare in Francia. Inoltre, sulla rete italiana circoleranno altri 15 treni a due piani di ultima generazione. Sncf è presente nel nostro Paese dal 1995 con il servizio Artesia e dal 2011 con il servizio transfrontaliero Tgv Inoui, che opera delle tratte quotidiane di andata e ritorno tra Milano, Torino e Parigi. [post_title] => Sncf debutterà nei collegamenti di Alta Velocità in Italia, dal 2026 [post_date] => 2024-06-13T09:40:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718271620000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468988 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nella Terra dello Slow Mix,  con Visit Emilia, tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, un itinerario unico nel regno del libro, si può percorrere un itinerario a tappe nel mondo dell’editoria tra antico e contemporaneo, ammirando biblioteche storiche, musei che svelano gli albori della stampa, collezioni di editori illuminati, arti tipografiche, codici medievali ma anche innovative produzioni editoriali moderne. A Parma, il viaggio nell’editoria può cominciare dal Complesso Monumentale della Pilotta, dove il Museo Bodoniano vanta di essere il più antico museo della stampa in Italia. È intitolato al tipografo Giambattista Bodoni ed ospita una fabbrica del libro con strumenti da lavoro dell’officina tipografica originali, edizioni uniche e rare anche in seta e pergamena, un carteggio di 12mila lettere, 80mila pezzi della stamperia Bodoni, e tantissimi documenti. Sempre alla Pilotta c’è un altro luogo straordinario: la Biblioteca Palatina, dove Franco Maria Ricci (1937-2020), celebre editore e collezionista d’arte, incontrò Giambattista Bodoni, innamorandosi della sua arte, a cui rese omaggio con la ristampa del Manuale tipografico, l’abbecedario sublime che inaugurerà il catalogo della casa editrice sognata. Oggi le sue opere sono custodite in un monumento unico nel suo genere: il Labirinto della Masone, il più grande labirinto al mondo che si trova a Fontanellato. Ancora a Parma, bisogna visitare la splendida Biblioteca monumentale benedettina dell’Abbazia di San Giovanni. La sala principale offre alla vista affreschi cinquecenteschi sulle volte, ritraenti un complesso panorama della sapienza umana e della giustizia. Le pitture parietali riproducono carte geografiche tra cui una del Ducato di Parma e Piacenza celebrativa della Signoria dei Farnese. Spostandosi a Noceto (PR) si scopre un altro tesoro: il Museo della Tipografia Fernando Libassi, dove ammirare antiche attrezzature, macchine da stampa solo italiane (una particolarità per il periodo) costruite artigianalmente. A Piacenza, l’itinerario nel mondo dell’editoria può proseguire al Museo della Stampa del quotidiano Libertà, giornale piacentino tra i più antichi d’Italia, con gli strumenti tipografici utilizzati fino agli anni ’80 e poi caduti in disuso, fra cui le storiche macchine compositrici, come Linotypes, Nebitype, Ludlow e tante chicche. Un vero e proprio gioiello editoriale si trova nella storica Biblioteca Passerini Landi di Piacenza: il Codice Landiano 190, considerato il manoscritto più antico di data certa della Divina Commedia di Dante. Un’ altra perla rara è il Codice 65 o Libro del Maestro, da scoprire nel bellissimo Museo Kronos della Cattedrale di Piacenza, seguendo il percorso che conduce verso la cupola affrescata da Guercino. Si tratta di un manoscritto pergamenaceo del XII secolo, tra i più importanti d’Europa e noto per la liturgia a livello internazionale.  Nel borgo di Bobbio (PC), uno dei Borghi più Belli d’Italia, l’Abbazia di San Colombano espone antichi codici e un nuovo Scriptorium, ricostruito sull'impronta di quelli originali e la digitalizzazione di 15 codici trascritti da monaci bobbiensi e collocati nella biblioteca Ambrosiana di Milano, che si possono “sfogliare” in un’ottima risoluzione. Tra i piacentini che si sono distinti in ambito editoriale, Giana Anguissola è sicuramente tra le scrittrici contemporanee più amate. A lei è dedicato il concorso letterario nazionale omonimo a Travo, in Val Trebbia, incentrato sulla letteratura per ragazzi, ed anche la biblioteca comunale per ragazzi di Piacenza. A Reggio Emilia, dove il contemporaneo è in continuo dialogo con la storia, la Biblioteca comunale dedicata ad Antonio Panizzi, esule reggiano che attorno alla metà del secolo scorso organizzò la prestigiosa biblioteca del British Museum a Londra, si rivela non solo come luogo molto amato dagli abitanti della città, ma anche location di eventi, esposizioni ed incontri. A Luzzara (RE) sulle rive del fiume Po, c’è il Centro Culturale Zavattini, che dal 2015 ha preso il testimone della biblioteca comunale, nata grazie ad una importante donazione, oggi Fondo Zavattini. Dedicato al celebre scrittore, pittore e motivatore culturale Cesare Zavattini, considerato il maggior rappresentante del Neorealismo italiano, il Centro Culturalepromuove una vasta serie di rassegne ed eventi culturali, percorsi e laboratori didattici, progetti espositivi, pubblicazioni, oltre al servizio di biblioteca. La diffusione dell’opera di Cesare Zavattini è uno dei principali obiettivi di Fondazione Un Paese, che consapevole dell’importanza della conservazione storica, riflette sulla contemporaneità.   ­ [post_title] => Visit Emilia, tour alla scoperta del mondo dell'editoria nella Terra dello Slow Mix [post_date] => 2024-06-07T08:44:35+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717749875000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468844 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo sito per Estland, il to capitolino nato nel 1985 specializzato nell'Est Europa e non solo. Il portale si presenta con una grafica minimalista che lascia ampio spazio a immagini e informazioni. Un menu piuttosto intuitivo consente quindi di navigare facilmente tra tutti i prodotti dell'operatore, permettendo di selezionare rapidamente l'offerta preferita in un ventaglio di proposte che include partenze individuali, di gruppo, garantite, garantite combinate, oltre che pacchetti in evidenza. soggiorni mare e itinerari tematici. Tra le destinazioni incluse nell'offerta estland ecco allora tutti i Paesi dell'Europa orientale, a cui si aggiungono oggi Austria, Belgio, Cipro, Francia, Galles, Germania, Grecia, Inghilterra, Irlanda e Islanda, nonché Olanda, Portogallo, Scandinavia, Scozia, Spagna e Turchia. Fuori dal Vecchio continente si segnalano inoltre Algeria, Azerbaijan, India, Iran, Kazakistan, Marocco, Oman, Tenerife,  Turkmenistan, Vietnam e Uzbekistan. [post_title] => Estland lancia il nuovo sito, più fruibile e immediato [post_date] => 2024-06-05T11:29:25+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717586965000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468569 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Méridionale debutta in Italia con una rotta che collegherà Livorno e l’Île-Rousse, in Corsica, dal 1° di giugno al 30 settembre 2024. La compagnia di navigazione francese di proprietà del gruppo Cma Cgm, che collega via mare la Corsica a Marsiglia fin dal 1937, rafforza così la propria presenza nel Mediterraneo. Con partenze settimanali, ogni lunedì, mercoledì e sabato, la tratta sarà operata dalla Kalliste, con strutture rinnovate sia nelle cabine, sia negli spazi comuni. Per festeggiare l’avvio di questo nuovo servizio marittimo, la compagnia lancia una promozione, valida per prenotazioni effettuate sino al 15 giugno, dedicate a una selezione di partenze da effettuarsi entro il 31 agosto, che prevede uno sconto del 50% sull'acquisto dei biglietti. La nuova rotta permetterà di raggiungere ancora più facilmente l’Île-Rousse e la micro-regione della Balagna, alla scoperta di natura incontaminata, patrimonio culturale e possibilità di attività sportive all’aria aperta, tra mare e montagna. Allo stesso modo, i tanti turisti in partenza dalla Corsica potranno programmare il loro prossimo viaggio in Toscana, meta ideale per una vacanza all'insegna della tranquillità, della buona cucina e della cultura.     [post_title] => La Méridionale sbarca in Italia con la linea Livorno - Île-Rousse in Corsica [post_date] => 2024-05-31T12:49:08+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717159748000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468206 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Viaggiando dal sud del Marocco verso Marrakech si raggiunge Ouarzazate, punto di passaggio delle carovane che attraversano il deserto del Sahara. È una città ricca di sorprese, dove la storia e le tradizioni del Marocco più antico incontrano una contemporaneità inaspettata che ha al suo centro il mondo del cinema e pellicole molto famose. Alle porte del centro abitato si trova il vasto alveo dove in passato si incontravano due fiumi - il Dades e del Draa. Oggi è completamente asciutto, perché in Marocco non piove in modo significativo da 7 anni. La confluenza delle acque creava una barriera difensiva intorno ad Ait-Ben-Haddou, una “ksar” o città fortificata costruita lungo la rotta carovaniera che dal Sahara portava ai rilievi dell’Atlante e poi al mare. Dal 1987 è patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Le sue prime costruzioni in terracotta risalgono all’XI secolo, ma le attuali torri, decorate con fregi geometrici, sono più tarde, del XVII secolo. È un luogo incantato, ricco di fascino e silenzio, oggi abitato solo da poche famiglie e segnato dal terremoto del 2023. Da Ait-Ben-Haddou si raggiunge Ouarzazate, cresciuta negli anni ‘20, quando i francesi ne fecero un centro militare e amministrativo. Al centro della città si trova lo stupefacente complesso della Kasbah Taourirt, il “castello della collina”. Costruita nel 1754 da una tribù berbera è una delle meglio conservate del paese. La kasbah del Marocco corrisponde al nostro castello. Vi abitava il pascià, ovvero il feudatario che coordinava il caravanserraglio riscuotendo le tasse di passaggio e controllando il lavoro dei suoi vassalli: i califfi. La kasbah, costruita in mattoni di fango essiccato al sole ricoperti di un composto isolante di paglia e fango, è quasi un labirinto di stanze di tutte le dimensioni, un tempo adornate da tappeti e vasi. Nella kasbah Taourirt ha vissuto fino al 1930 l'ultimo pascià, che aveva 19 mogli: la favorita - madre del primo maschio - 4 mogli ufficiali e 14 concubine. La costruzione viene regolarmente restaurata per preservare le mura dal passare del tempo e per accogliere i numerosi turisti. Oltre a tanti ricordi storici e a un artigianato fatto di tappeti, gioielli berberi e una ricca offerta d’accoglienza turistica fatta di infrastrutture, hotel, e guest house, Ouarzazate offre al visitatore un tuffo nel mondo dei sogni: il cinema. Sin dagli anni ‘50 i cineasti di Hollywood furono conquistati dalla luce e dalla bellezza di una terra dove era possibile girare tutto l'anno. Nel 1954 fu realizzato “Alì Babà e i 40 ladroni” con Fernandel, data invece 1962 “Lawrence d’Arabia” con Omar Sharif e, da allora sono stati girati grandi film, capolavori della storia del cinema. Il territorio offre infatti deserto, oasi, alture, città antiche, kasbah ... Tra le pellicole girate: “L’uomo che volle farsi re”, “L’uomo che sapeva troppo”, “Il gioiello del Nilo”, “007 - Zona pericolo”, “L’ultima tentazione di Cristo”, “Il té nel deserto” e anche “La Mummia”, “Il Gladiatore” I e II, “Alexander”, “Le Crociate”, “Sahara”, “Babel” e “Inception”. Inoltre le Kasbah e i paesaggi desertici hanno permesso di riprodurre l'immaginario regno di Westeros della serie “Game of Thrones” e del prequel “House of Dragon”. Nel 2007 è stato aperto di fronte alla kasbah un interessante museo che racconta la storia del cinema a Ouarzazate e testimonia il successo di un settore che ha portato ricchezza all’area con la nascita di istituti specializzati, oltre alla richiesta di accoglienza e anche di tante comparse! Sin dal 2001 queste pellicole vengono celebrate nell’ambito del Festival Internazionale del Cinema di Marrakech, creato dal Re Mohammed VI. [gallery ids="468208,468214,468213"] [post_title] => Marocco, Ouarzazate: dove la storia più antica incontra il mondo del cinema [post_date] => 2024-05-28T08:58:51+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716886731000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467813 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Guarda al 2040 il progetto della Tunisia sul trasporto aereo che punta a consolidare gli assi relativi alla sostenibilità e all’integrazione degli aeroporti e dell’aviazione nelle reti di mobilità e infrastrutturali. A illustrare la vision è stata la ministra delle Infrastrutture e dei Lavori pubblici, Sarah Zaafrani Zenzri, responsabile del ministero dei Trasporti, durante il terzo Forum sul futuro dell’aviazione (Faf 2024), in corso a Riad, in Arabia Saudita. La ministra ha parlato delle riforme introdotte dalla Tunisia per raggiungere uno sviluppo sostenibile, in particolare la riorganizzazione dei servizi dell’aviazione civile e l’aumento della capacità degli aeroporti tunisini da 19,5 a 33 milioni di passeggeri entro il 2030 per arrivare a 35 milioni di passeggeri entro il 2035. Un comunicato del ministero dei Trasporti di Tunisi evidenzia il rafforzamento del numero dei collegamenti aerei interni ed esterni alla Tunisia, da 60 a 90 destinazioni, nonché dello sviluppo di un piano nazionale per ridurre le emissioni di Co2, che sarà presentato all’Icao entro giugno. Tunisi ha anche varato diversi progetti per modernizzare le infrastrutture degli aeroporti e a migliorare la qualità dei servizi offerti, nonché a collegare i grandi aeroporti alle reti di trasporto pubblico e alle aree logistiche. La ministra Zaafrani ha infine ribadito la necessità di sviluppare il traffico aereo interno in modo da facilitare i viaggi nelle regioni interne del paese e stimolarne lo sviluppo, a tal proposito sono state adottate diverse misure per incoraggiare le compagnie aeree ad operare voli commerciali nazionali, compresa l’esenzione dal pagamento delle tasse aeroportuali e dei servizi di navigazione aerea.   [post_title] => Tunisia: la capacità degli aeroporti salirà a 35 milioni di passeggeri entro il 2035 [post_date] => 2024-05-22T10:19:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716373193000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Molte le inziative in programma nel strutture del Gruppo Duetorrihotels all'insegna della scoperta del patrimonio storico artistico. Si parte dai 4 luxury hotel per passeggiare alla scoperta dei luoghi e delle storie racchiusi nella collezione dei Duetorrihotels Secret Grand Tour, in collaborazione con la giornalista, storica dell’arte ed esperta di turismo culturale Beba Marsano.  Al centro troviamo il Grand Hotel Majestic “già Baglioni” di Bologna, l’Hotel Due Torri di Verona, l’Hotel Bernini Palace di Firenze e l’Hotel Bristol Palace di Genova. L’idea nasce con i “Libri della Buonanotte” editi da Minerva: una raccolta esclusiva dedicata alle città d’arte dove il Gruppo è presente. Autrice dei volumetti dell’ottava edizione è proprio Beba Marsano.  I DuetorrihotelsSecret Grand Tour sono l’evoluzione di questo percorso: esplorano le quattro città – Bologna, Verona, Firenze e Genova – attraverso una lente particolare. Beba Marsano ha selezionato una serie di luoghi particolari, definendo dei percorsi di scoperta che valorizzano ciò che si cela alla vista del turista comune. Non solo: viaggiare in queste città diventa anche l’occasione per ammirare i tesori all’interno degli hotel, custodi di opere d’arte che intrecciano una relazione profonda con il contesto in cui sono inseriti.  Bologna, Grand Hotel Majestic “già Baglioni". In hotel_ Il palazzo custodisce preziose testimonianze d’arte e di storia: dal Camerino d’Europa, prima opera nota dei Carracci, agli affreschi della scuola carraccesca che decorano il soffitto del ristorante. Al piano interrato si conserva un tratto di Flaminia Militare, antica strada imperiale romana, negli spazi in cui Filippo Tommaso Marinetti, frequentatore del caffè art déco che oggi porta il suo nome, organizzò nel 1914 una celebre mostra-blitz, esponendo i quadri giovanili di Giorgio Morandi e dei primi futuristi bolognesi.  Il Due Torri Hotel di Verona è un palazzo che custodisce preziose testimonianze d’arte e di storia, arredi Biedermeier, marmi e porcellane pregiati. L’edificio risalente al 1300, ha ospitato i più importanti personaggi di ogni epoca. Il fiore all’occhiello è l’Arena Casarini, opera del maggiore affreschista italiano del Novecento: un circo equestre che prende vita tra le pareti di una sala, a cavallo tra architettura e arte figurativa.  Palazzo Maffei, in piazza delle Erbe, accoglie il tesoro dell’imprenditore Luigi Carlon, uno dei più grandi collezionisti italiani. Firenze, Hotel Bernini Palace, locanda nel Trecento e poi elegante albergo negli anni in cui Firenze era capitale del Regno d’Italia. L’hotel era al centro di intrighi e vicende politiche, in quanto buvette di deputati e senatori. Lo ricordano i tondi affrescati che decorano la Sala Parlamento, attuale sala colazioni, impreziosita dai ritratti di Garibaldi, Cavour, Gioberti e delle altre personalità del Risorgimento. All’ingresso alzando lo sguardo si ammira invece una serie di teste con eccentrici cappelli, probabile vetrina di un’antica boutique di copricapi. In un loggiato del XVI secolo è stato ricavato il ristorante La Chiostrina.  Genova, Hotel Bristol Palace di Genova ci immerge in un’atmosfera Liberty, tra dettagli Art Nouveau ed eleganza inizio ‘900, forme sinuose e decorazioni a tema floreale. Inaugurato nel 1905, è stato progettato dall’architetto Dario Carboni. All’interno custodisce splendidi stucchi e marmi, e soprattutto un audace scalone ellittico che dal piano terra arriva all’ultimo piano. Si dice abbia ispirato Alfred Hitchcock, ospite dell’albergo, per la spirale di Vertigo - La donna che visse due volte. In un itinerario dedicato ai luoghi del turismo d’élite tra Otto e Novecento si parte per esplorare il quartiere di Nervi e la sua passeggiata, la più spettacolare d’Italia, incastonata in un paesaggio mozzafiato. Intitolata ad Anita Garibaldi, serpeggia per quasi due chilometri nella roccia viva tra l'acqua e i parchi di aristocratiche dimore di villeggiatura, oggi musei.     [post_title] => DuetorriHotels Secret Grand Tour, passeggiate alla scoperta delle città d'arte [post_date] => 2024-05-07T13:07:32+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715087252000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1935" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":91,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469834","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_416026\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un momento di vita a bordo di un Orient Express d'antan. Foto del Fonds de dotation Orient Express Heritage[/caption]\r\n\r\nGrandi manovre nel mondo del turismo di lusso. Dopo la news della partnership tra Accor e Lvmh per lo sviluppo del brand Orient Express, un altro dei protagonisti del rilancio dello storico marchio legato all'epoca d'oro delle ferrovie e ora al centro di un sostanzioso aumento di capitale.\r\n\r\nIl gruppo Barletta beneficerà infatti di un'iniezione di 95 milioni di euro, in liquidità e trophy asset, da parte della Fidim, holding di partecipazioni della famiglia Rovati, che in questo modo si assicurerà il 12,5% del capitale sociale dello stesso gruppo Barletta.\r\n\r\nL'operazione, spiega Il Sole 24 Ore, è legata a doppia mandata al supporto degli investimenti nel turismo di lusso. La Fidim vanta infatti una sostanziale esperienza nel mondo del turismo di alta gamma, mentre la società guidata da Paolo Barletta opera da tempo nel segmento dell'hotellerie e dei treni di lusso con la controllata Arsenale.\r\nPartner\r\nQuest'ultima, tra le altre cose, è il partner principale del progetto Orient Express, essendo proprietaria sia dei due hotel in apertura a Roma e a Venezia, La Minerva e Palazzo Dona’ Giovannelli, sia dei sei treni Doce Vita in fase di costruzione, due dei quali debutteranno l'anno prossimo.\r\n\r\nAttualmente l'azionariato di Arsenale è costituito per il 59,24% dal gruppo Barletta, per il 20,44% dalla Annabel Holding di Nicola Bulgari e per il 20,32% dalla società lussemburghese Ita Hotel Investments di Oaktree. Oltre ai progetti Dolce Vita Orient Express, la società ha siglato accordi per iniziative simili con la Saudi Arabia Railways, l’Egypt National Railway, con l’uzbeca O’zbekiston Temir Yo’llari Jsc ed Etihad Rail. Le stime 2024 per Arsenale parlano di ricavi per 24 milioni di euro, destinati tuttavia a balzare fino ai 135 milioni già nel 2025. ","post_title":"Orient Express, grandi manovre: Fidim entra nel gruppo Barletta (Arsenale)","post_date":"2024-06-20T11:41:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718883709000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469819","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il trofeo dell'America's Cup a bordo della Explora I per un giorno. Ieri i passeggeri della nave hanno potuto ammirare da vicino uno dei premi più ambiti del mondo dello sport, in concomitanza con il lancio della partnership tra Explora Journeys e la trentasettesima edizione della 37a America's Cup Louis Vuitton. Durante l'evento, svoltosi nel porto di Barcellona, il brand di crociere di lusso del gruppo Msc ha anche annunciato la sponsorizzazione dell'Emirates Team New Zealand, attuale detentore del trofeo e squadra di maggior successo nella storia recente della competizione, avendola vinta quattro volte (1995, 2000, 2017 e 2021).\r\n\r\n\"Siamo incredibilmente orgogliosi di collaborare con la trentasettesima edizione dell'America's Cup di Louis Vuitton - ha sottolineato l'executive chairman, cruise division del gruppo Msc, Pierfrancesco Vago -. Questa partnership si allinea perfettamente al nostro impegno per l'eccellenza e alla nostra profonda passione per il mare. Sia nella vela agonistica, sia nella costruzione di un nuovo marchio di viaggi oceanici di lusso, è solo grazie alla forza del nostro team che possiamo eccellere e raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi. Inoltre, Emirates Team New Zealand incarna perfettamente la perseveranza e l'innovazione che sono alla base della vela agonistica. Siamo onorati di sostenere un team così distinto e attendiamo con ansia i loro successi nei prossimi eventi dell'America's Cup\".","post_title":"Explora Journeys diventa partner dell'America's Cup e di team New Zealand","post_date":"2024-06-20T10:49:02+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718880542000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469372","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n\r\n\r\nSncf Voyageurs si prepara a fare il suo ingresso nei collegamenti di Alta Velocità in Italia, dal 2026: la società francese - già presente in 9 Paesi europei al di fuori della Francia e con un terzo dei passeggeri internazionali - ha presentato domanda per un accordo quadro a Rfi (della durata di 15 anni) per procedere con il piano di sviluppo sulle direttrici Torino-Napoli e Torino-Venezia. Il nuovo servizio sarà gestito dalla filiale italiana Sncf Voyages Italia.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nL'obiettivo dichiarato è quello di raddoppiare il numero di passeggeri in Europa nei prossimi dieci anni e, sul mercato italiano in particolare, di raggiungere entro il 2030 una quota di mercato del 15%.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nSncf Voyageurs inizierà le sue attività nel 2026 effettuando fino a 13 viaggi giornalieri di andata e ritorno sul mercato interno italiano, suddivisi su due tratte: 9 viaggi di andata e ritorno tra Torino/Milano/Roma e Napoli; 4 viaggi di andata e ritorno tra Torino e Venezia. Saranno servite le seguenti città: Torino, Milano, Brescia, Verona, Padova, Venezia, Bologna, Firenze, Roma e Napoli.\r\n\r\nLa società conferma si d'ora l'apertura a un futuro ampliamento dell’offerta verso altre destinazioni, compreso il Sud Italia, non appena le infrastrutture lo permetteranno.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nPer i collegamenti saranno impiegati 15 convogli Tgvm, che saranno tecnicamente adattati alle infrastrutture italiane: questi treni provengono da una flotta di treni prodotta nel 2022, a completamento della produzione iniziale di 100 convogli Tgvm, destinati a circolare in Francia. Inoltre, sulla rete italiana circoleranno altri 15 treni a due piani di ultima generazione.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nSncf è presente nel nostro Paese dal 1995 con il servizio Artesia e dal 2011 con il servizio transfrontaliero Tgv Inoui, che opera delle tratte quotidiane di andata e ritorno tra Milano, Torino e Parigi.\r\n\r\n\r\n\r\n","post_title":"Sncf debutterà nei collegamenti di Alta Velocità in Italia, dal 2026","post_date":"2024-06-13T09:40:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718271620000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468988","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nella Terra dello Slow Mix,  con Visit Emilia, tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, un itinerario unico nel regno del libro, si può percorrere un itinerario a tappe nel mondo dell’editoria tra antico e contemporaneo, ammirando biblioteche storiche, musei che svelano gli albori della stampa, collezioni di editori illuminati, arti tipografiche, codici medievali ma anche innovative produzioni editoriali moderne.\r\n\r\nA Parma, il viaggio nell’editoria può cominciare dal Complesso Monumentale della Pilotta, dove il Museo Bodoniano vanta di essere il più antico museo della stampa in Italia. È intitolato al tipografo Giambattista Bodoni ed ospita una fabbrica del libro con strumenti da lavoro dell’officina tipografica originali, edizioni uniche e rare anche in seta e pergamena, un carteggio di 12mila lettere, 80mila pezzi della stamperia Bodoni, e tantissimi documenti. Sempre alla Pilotta c’è un altro luogo straordinario: la Biblioteca Palatina, dove Franco Maria Ricci (1937-2020), celebre editore e collezionista d’arte, incontrò Giambattista Bodoni, innamorandosi della sua arte, a cui rese omaggio con la ristampa del Manuale tipografico, l’abbecedario sublime che inaugurerà il catalogo della casa editrice sognata. Oggi le sue opere sono custodite in un monumento unico nel suo genere: il Labirinto della Masone, il più grande labirinto al mondo che si trova a Fontanellato.\r\n\r\n Ancora a Parma, bisogna visitare la splendida Biblioteca monumentale benedettina dell’Abbazia di San Giovanni. La sala principale offre alla vista affreschi cinquecenteschi sulle volte, ritraenti un complesso panorama della sapienza umana e della giustizia. Le pitture parietali riproducono carte geografiche tra cui una del Ducato di Parma e Piacenza celebrativa della Signoria dei Farnese. Spostandosi a Noceto (PR) si scopre un altro tesoro: il Museo della Tipografia Fernando Libassi, dove ammirare antiche attrezzature, macchine da stampa solo italiane (una particolarità per il periodo) costruite artigianalmente.\r\n\r\nA Piacenza, l’itinerario nel mondo dell’editoria può proseguire al Museo della Stampa del quotidiano Libertà, giornale piacentino tra i più antichi d’Italia, con gli strumenti tipografici utilizzati fino agli anni ’80 e poi caduti in disuso, fra cui le storiche macchine compositrici, come Linotypes, Nebitype, Ludlow e tante chicche. Un vero e proprio gioiello editoriale si trova nella storica Biblioteca Passerini Landi di Piacenza: il Codice Landiano 190, considerato il manoscritto più antico di data certa della Divina Commedia di Dante.\r\n\r\nUn’ altra perla rara è il Codice 65 o Libro del Maestro, da scoprire nel bellissimo Museo Kronos della Cattedrale di Piacenza, seguendo il percorso che conduce verso la cupola affrescata da Guercino. Si tratta di un manoscritto pergamenaceo del XII secolo, tra i più importanti d’Europa e noto per la liturgia a livello internazionale. \r\n\r\n Nel borgo di Bobbio (PC), uno dei Borghi più Belli d’Italia, l’Abbazia di San Colombano espone antichi codici e un nuovo Scriptorium, ricostruito sull'impronta di quelli originali e la digitalizzazione di 15 codici trascritti da monaci bobbiensi e collocati nella biblioteca Ambrosiana di Milano, che si possono “sfogliare” in un’ottima risoluzione. Tra i piacentini che si sono distinti in ambito editoriale, Giana Anguissola è sicuramente tra le scrittrici contemporanee più amate. A lei è dedicato il concorso letterario nazionale omonimo a Travo, in Val Trebbia, incentrato sulla letteratura per ragazzi, ed anche la biblioteca comunale per ragazzi di Piacenza.\r\n\r\nA Reggio Emilia, dove il contemporaneo è in continuo dialogo con la storia, la Biblioteca comunale dedicata ad Antonio Panizzi, esule reggiano che attorno alla metà del secolo scorso organizzò la prestigiosa biblioteca del British Museum a Londra, si rivela non solo come luogo molto amato dagli abitanti della città, ma anche location di eventi, esposizioni ed incontri.\r\n\r\nA Luzzara (RE) sulle rive del fiume Po, c’è il Centro Culturale Zavattini, che dal 2015 ha preso il testimone della biblioteca comunale, nata grazie ad una importante donazione, oggi Fondo Zavattini. Dedicato al celebre scrittore, pittore e motivatore culturale Cesare Zavattini, considerato il maggior rappresentante del Neorealismo italiano, il Centro Culturalepromuove una vasta serie di rassegne ed eventi culturali, percorsi e laboratori didattici, progetti espositivi, pubblicazioni, oltre al servizio di biblioteca. La diffusione dell’opera di Cesare Zavattini è uno dei principali obiettivi di Fondazione Un Paese, che consapevole dell’importanza della conservazione storica, riflette sulla contemporaneità.\r\n\r\n \r\n\r\n­","post_title":"Visit Emilia, tour alla scoperta del mondo dell'editoria nella Terra dello Slow Mix","post_date":"2024-06-07T08:44:35+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1717749875000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468844","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo sito per Estland, il to capitolino nato nel 1985 specializzato nell'Est Europa e non solo. Il portale si presenta con una grafica minimalista che lascia ampio spazio a immagini e informazioni. Un menu piuttosto intuitivo consente quindi di navigare facilmente tra tutti i prodotti dell'operatore, permettendo di selezionare rapidamente l'offerta preferita in un ventaglio di proposte che include partenze individuali, di gruppo, garantite, garantite combinate, oltre che pacchetti in evidenza. soggiorni mare e itinerari tematici.\r\n\r\nTra le destinazioni incluse nell'offerta estland ecco allora tutti i Paesi dell'Europa orientale, a cui si aggiungono oggi Austria, Belgio, Cipro, Francia, Galles, Germania, Grecia, Inghilterra, Irlanda e Islanda, nonché Olanda, Portogallo, Scandinavia, Scozia, Spagna e Turchia. Fuori dal Vecchio continente si segnalano inoltre Algeria, Azerbaijan, India, Iran, Kazakistan, Marocco, Oman, Tenerife,  Turkmenistan, Vietnam e Uzbekistan.","post_title":"Estland lancia il nuovo sito, più fruibile e immediato","post_date":"2024-06-05T11:29:25+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1717586965000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468569","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Méridionale debutta in Italia con una rotta che collegherà Livorno e l’Île-Rousse, in Corsica, dal 1° di giugno al 30 settembre 2024. La compagnia di navigazione francese di proprietà del gruppo Cma Cgm, che collega via mare la Corsica a Marsiglia fin dal 1937, rafforza così la propria presenza nel Mediterraneo.\r\n\r\nCon partenze settimanali, ogni lunedì, mercoledì e sabato, la tratta sarà operata dalla Kalliste, con strutture rinnovate sia nelle cabine, sia negli spazi comuni. Per festeggiare l’avvio di questo nuovo servizio marittimo, la compagnia lancia una promozione, valida per prenotazioni effettuate sino al 15 giugno, dedicate a una selezione di partenze da effettuarsi entro il 31 agosto, che prevede uno sconto del 50% sull'acquisto dei biglietti.\r\n\r\nLa nuova rotta permetterà di raggiungere ancora più facilmente l’Île-Rousse e la micro-regione della Balagna, alla scoperta di natura incontaminata, patrimonio culturale e possibilità di attività sportive all’aria aperta, tra mare e montagna. Allo stesso modo, i tanti turisti in partenza dalla Corsica potranno programmare il loro prossimo viaggio in Toscana, meta ideale per una vacanza all'insegna della tranquillità, della buona cucina e della cultura.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"La Méridionale sbarca in Italia con la linea Livorno - Île-Rousse in Corsica","post_date":"2024-05-31T12:49:08+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1717159748000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468206","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Viaggiando dal sud del Marocco verso Marrakech si raggiunge Ouarzazate, punto di passaggio delle carovane che attraversano il deserto del Sahara. È una città ricca di sorprese, dove la storia e le tradizioni del Marocco più antico incontrano una contemporaneità inaspettata che ha al suo centro il mondo del cinema e pellicole molto famose.\r\n\r\nAlle porte del centro abitato si trova il vasto alveo dove in passato si incontravano due fiumi - il Dades e del Draa. Oggi è completamente asciutto, perché in Marocco non piove in modo significativo da 7 anni. La confluenza delle acque creava una barriera difensiva intorno ad Ait-Ben-Haddou, una “ksar” o città fortificata costruita lungo la rotta carovaniera che dal Sahara portava ai rilievi dell’Atlante e poi al mare. Dal 1987 è patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Le sue prime costruzioni in terracotta risalgono all’XI secolo, ma le attuali torri, decorate con fregi geometrici, sono più tarde, del XVII secolo.\r\n\r\nÈ un luogo incantato, ricco di fascino e silenzio, oggi abitato solo da poche famiglie e segnato dal terremoto del 2023. Da Ait-Ben-Haddou si raggiunge Ouarzazate, cresciuta negli anni ‘20, quando i francesi ne fecero un centro militare e amministrativo. Al centro della città si trova lo stupefacente complesso della Kasbah Taourirt, il “castello della collina”. Costruita nel 1754 da una tribù berbera è una delle meglio conservate del paese.\r\n\r\nLa kasbah del Marocco corrisponde al nostro castello. Vi abitava il pascià, ovvero il feudatario che coordinava il caravanserraglio riscuotendo le tasse di passaggio e controllando il lavoro dei suoi vassalli: i califfi. La kasbah, costruita in mattoni di fango essiccato al sole ricoperti di un composto isolante di paglia e fango, è quasi un labirinto di stanze di tutte le dimensioni, un tempo adornate da tappeti e vasi. Nella kasbah Taourirt ha vissuto fino al 1930 l'ultimo pascià, che aveva 19 mogli: la favorita - madre del primo maschio - 4 mogli ufficiali e 14 concubine. La costruzione viene regolarmente restaurata per preservare le mura dal passare del tempo e per accogliere i numerosi turisti. \r\n\r\nOltre a tanti ricordi storici e a un artigianato fatto di tappeti, gioielli berberi e una ricca offerta d’accoglienza turistica fatta di infrastrutture, hotel, e guest house, Ouarzazate offre al visitatore un tuffo nel mondo dei sogni: il cinema. Sin dagli anni ‘50 i cineasti di Hollywood furono conquistati dalla luce e dalla bellezza di una terra dove era possibile girare tutto l'anno. Nel 1954 fu realizzato “Alì Babà e i 40 ladroni” con Fernandel, data invece 1962 “Lawrence d’Arabia” con Omar Sharif e, da allora sono stati girati grandi film, capolavori della storia del cinema. Il territorio offre infatti deserto, oasi, alture, città antiche, kasbah ... Tra le pellicole girate: “L’uomo che volle farsi re”, “L’uomo che sapeva troppo”, “Il gioiello del Nilo”, “007 - Zona pericolo”, “L’ultima tentazione di Cristo”, “Il té nel deserto” e anche “La Mummia”, “Il Gladiatore” I e II, “Alexander”, “Le Crociate”, “Sahara”, “Babel” e “Inception”. Inoltre le Kasbah e i paesaggi desertici hanno permesso di riprodurre l'immaginario regno di Westeros della serie “Game of Thrones” e del prequel “House of Dragon”.\r\n\r\nNel 2007 è stato aperto di fronte alla kasbah un interessante museo che racconta la storia del cinema a Ouarzazate e testimonia il successo di un settore che ha portato ricchezza all’area con la nascita di istituti specializzati, oltre alla richiesta di accoglienza e anche di tante comparse! Sin dal 2001 queste pellicole vengono celebrate nell’ambito del Festival Internazionale del Cinema di Marrakech, creato dal Re Mohammed VI.\r\n\r\n[gallery ids=\"468208,468214,468213\"]","post_title":"Marocco, Ouarzazate: dove la storia più antica incontra il mondo del cinema","post_date":"2024-05-28T08:58:51+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1716886731000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467813","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Guarda al 2040 il progetto della Tunisia sul trasporto aereo che punta a consolidare gli assi relativi alla sostenibilità e all’integrazione degli aeroporti e dell’aviazione nelle reti di mobilità e infrastrutturali. A illustrare la vision è stata la ministra delle Infrastrutture e dei Lavori pubblici, Sarah Zaafrani Zenzri, responsabile del ministero dei Trasporti, durante il terzo Forum sul futuro dell’aviazione (Faf 2024), in corso a Riad, in Arabia Saudita.\r\n\r\nLa ministra ha parlato delle riforme introdotte dalla Tunisia per raggiungere uno sviluppo sostenibile, in particolare la riorganizzazione dei servizi dell’aviazione civile e l’aumento della capacità degli aeroporti tunisini da 19,5 a 33 milioni di passeggeri entro il 2030 per arrivare a 35 milioni di passeggeri entro il 2035.\r\n\r\nUn comunicato del ministero dei Trasporti di Tunisi evidenzia il rafforzamento del numero dei collegamenti aerei interni ed esterni alla Tunisia, da 60 a 90 destinazioni, nonché dello sviluppo di un piano nazionale per ridurre le emissioni di Co2, che sarà presentato all’Icao entro giugno.\r\n\r\nTunisi ha anche varato diversi progetti per modernizzare le infrastrutture degli aeroporti e a migliorare la qualità dei servizi offerti, nonché a collegare i grandi aeroporti alle reti di trasporto pubblico e alle aree logistiche. La ministra Zaafrani ha infine ribadito la necessità di sviluppare il traffico aereo interno in modo da facilitare i viaggi nelle regioni interne del paese e stimolarne lo sviluppo, a tal proposito sono state adottate diverse misure per incoraggiare le compagnie aeree ad operare voli commerciali nazionali, compresa l’esenzione dal pagamento delle tasse aeroportuali e dei servizi di navigazione aerea.\r\n\r\n ","post_title":"Tunisia: la capacità degli aeroporti salirà a 35 milioni di passeggeri entro il 2035","post_date":"2024-05-22T10:19:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716373193000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Molte le inziative in programma nel strutture del Gruppo Duetorrihotels all'insegna della scoperta del patrimonio storico artistico.\r\n\r\nSi parte dai 4 luxury hotel per passeggiare alla scoperta dei luoghi e delle storie racchiusi nella collezione dei Duetorrihotels Secret Grand Tour, in collaborazione con la giornalista, storica dell’arte ed esperta di turismo culturale Beba Marsano. \r\n\r\nAl centro troviamo il Grand Hotel Majestic “già Baglioni” di Bologna, l’Hotel Due Torri di Verona, l’Hotel Bernini Palace di Firenze e l’Hotel Bristol Palace di Genova. L’idea nasce con i “Libri della Buonanotte” editi da Minerva: una raccolta esclusiva dedicata alle città d’arte dove il Gruppo è presente. Autrice dei volumetti dell’ottava edizione è proprio Beba Marsano. \r\n\r\nI DuetorrihotelsSecret Grand Tour sono l’evoluzione di questo percorso: esplorano le quattro città – Bologna, Verona, Firenze e Genova – attraverso una lente particolare. Beba Marsano ha selezionato una serie di luoghi particolari, definendo dei percorsi di scoperta che valorizzano ciò che si cela alla vista del turista comune. Non solo: viaggiare in queste città diventa anche l’occasione per ammirare i tesori all’interno degli hotel, custodi di opere d’arte che intrecciano una relazione profonda con il contesto in cui sono inseriti. \r\n\r\nBologna, Grand Hotel Majestic “già Baglioni\". In hotel_ Il palazzo custodisce preziose testimonianze d’arte e di storia: dal Camerino d’Europa, prima opera nota dei Carracci, agli affreschi della scuola carraccesca che decorano il soffitto del ristorante. Al piano interrato si conserva un tratto di Flaminia Militare, antica strada imperiale romana, negli spazi in cui Filippo Tommaso Marinetti, frequentatore del caffè art déco che oggi porta il suo nome, organizzò nel 1914 una celebre mostra-blitz, esponendo i quadri giovanili di Giorgio Morandi e dei primi futuristi bolognesi. \r\n\r\nIl Due Torri Hotel di Verona è un palazzo che custodisce preziose testimonianze d’arte e di storia, arredi Biedermeier, marmi e porcellane pregiati. L’edificio risalente al 1300, ha ospitato i più importanti personaggi di ogni epoca. Il fiore all’occhiello è l’Arena Casarini, opera del maggiore affreschista italiano del Novecento: un circo equestre che prende vita tra le pareti di una sala, a cavallo tra architettura e arte figurativa. \r\n\r\nPalazzo Maffei, in piazza delle Erbe, accoglie il tesoro dell’imprenditore Luigi Carlon, uno dei più grandi collezionisti italiani.\r\n\r\nFirenze, Hotel Bernini Palace, locanda nel Trecento e poi elegante albergo negli anni in cui Firenze era capitale del Regno d’Italia. L’hotel era al centro di intrighi e vicende politiche, in quanto buvette di deputati e senatori. Lo ricordano i tondi affrescati che decorano la Sala Parlamento, attuale sala colazioni, impreziosita dai ritratti di Garibaldi, Cavour, Gioberti e delle altre personalità del Risorgimento. All’ingresso alzando lo sguardo si ammira invece una serie di teste con eccentrici cappelli, probabile vetrina di un’antica boutique di copricapi. In un loggiato del XVI secolo è stato ricavato il ristorante La Chiostrina. \r\n\r\nGenova, Hotel Bristol Palace di Genova ci immerge in un’atmosfera Liberty, tra dettagli Art Nouveau ed eleganza inizio ‘900, forme sinuose e decorazioni a tema floreale. Inaugurato nel 1905, è stato progettato dall’architetto Dario Carboni. All’interno custodisce splendidi stucchi e marmi, e soprattutto un audace scalone ellittico che dal piano terra arriva all’ultimo piano. Si dice abbia ispirato Alfred Hitchcock, ospite dell’albergo, per la spirale di Vertigo - La donna che visse due volte. In un itinerario dedicato ai luoghi del turismo d’élite tra Otto e Novecento si parte per esplorare il quartiere di Nervi e la sua passeggiata, la più spettacolare d’Italia, incastonata in un paesaggio mozzafiato. Intitolata ad Anita Garibaldi, serpeggia per quasi due chilometri nella roccia viva tra l'acqua e i parchi di aristocratiche dimore di villeggiatura, oggi musei.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"DuetorriHotels Secret Grand Tour, passeggiate alla scoperta delle città d'arte","post_date":"2024-05-07T13:07:32+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715087252000]}]}}