14 July 2024

La Méridionale sbarca in Italia con la linea Livorno – Île-Rousse in Corsica

[ 0 ]

La Méridionale debutta in Italia con una rotta che collegherà Livorno e l’Île-Rousse, in Corsica, dal 1° di giugno al 30 settembre 2024. La compagnia di navigazione francese di proprietà del gruppo Cma Cgm, che collega via mare la Corsica a Marsiglia fin dal 1937, rafforza così la propria presenza nel Mediterraneo.

Con partenze settimanali, ogni lunedì, mercoledì e sabato, la tratta sarà operata dalla Kalliste, con strutture rinnovate sia nelle cabine, sia negli spazi comuni. Per festeggiare l’avvio di questo nuovo servizio marittimo, la compagnia lancia una promozione, valida per prenotazioni effettuate sino al 15 giugno, dedicate a una selezione di partenze da effettuarsi entro il 31 agosto, che prevede uno sconto del 50% sull’acquisto dei biglietti.

La nuova rotta permetterà di raggiungere ancora più facilmente l’Île-Rousse e la micro-regione della Balagna, alla scoperta di natura incontaminata, patrimonio culturale e possibilità di attività sportive all’aria aperta, tra mare e montagna. Allo stesso modo, i tanti turisti in partenza dalla Corsica potranno programmare il loro prossimo viaggio in Toscana, meta ideale per una vacanza all’insegna della tranquillità, della buona cucina e della cultura.

 

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471312 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prosegue l'intensa attività del gruppo Soges che, dopo lo sbarco in Borsa dello scorso giugno, mette a segna la terza operazione in circa un mese (le altre riguardano il Park Hotel Chianti e l'Art Hotel Atelier di Firenze, ndr). La compagnia toscana ha infatti sottoscritto pochi giorni fa il contratto di affitto nove più nove per la gestione dell’azienda ricettivo-alberghiera Hotel Malaspina di Firenze, di proprietà della società Indipendenza di Benedetta Torrigiani e c. La struttura si trova nel centro storico, in piazza dell’Indipendenza 24. L’hotel, chiuso dal periodo del Covid, dispone attualmente di 31 camere, di cui nove singole e 22 doppie, ma sarà oggetto di importanti interventi da parte di Soges per la sua riqualificazione energetica e la riorganizzazione degli interni. L’obiettivo è quello di riaprire agli ospiti con il brand Place of Charme indicativamente nel mese di aprile 2025 . L'accordo prevede un canone di 280 mila euro annui a decorrere dal 5 marzo 2025 per il primo biennio, di 270 mila euro per il terzo anno, di 220 mila a partire dal quarto e di 250 mila dall’eventuale decimo anno di affitto (esclusa l'Iva). L’efficacia del contratto è tuttavia condizionata al rilascio da parte del giudice delle esecuzioni entro il 30 settembre dell’autorizzazione alla concedente alla sottoscrizione del medesimo accordo. L’immobile dove è sito l’hotel Malaspina è infatti attualmente sottoposto a pignoramento, per cui è pendente davanti al tribunale di Firenze una procedura esecutiva immobiliare promossa da un creditore per taluni debiti della concedente nei confronti di quest’ultimo. “La gestione dell’Hotel Malaspina rappresenta per noi un importante passo avanti - spiega il ceo di Soges Group, Andrea Galardi -. Si tratta di un progetto di riqualificazione di grande valore. L’hotel, chiuso a causa della pandemia, ha un enorme potenziale e siamo entusiasti di riportarlo in vita. La nostra decisione di investire in questa struttura è strategica perché consolida la presenza a Firenze, una delle città turistiche più importanti d’Italia, del brand Place of Charme". [post_title] => Soges acquisisce la gestione del Malaspina di Firenze. Dopo il restyling diventerà un Place of Charme [post_date] => 2024-07-12T11:47:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720784828000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471296 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un convento dell'ordine di Santa Chiara del 1604, successivamente occupato dall'ordine della Visitazione di Santa Maria dal 1803 agli inizi degli anni '80. Da queste radici originarie ha preso forma la nuova struttura di design Hôtel du Couvent. Situata nel cuore del centro storico di Nizza, la proprietà è stata realizzata da Valéry Grégo, il nome dietro gli hotel di design Les Roches Rouges e La Pigalle, che ne ha curato un restauro durato ben dieci anni. I lavori sono stati realizzati in collaborazione con lo studio Mumbai e lo studio Méditerranée, che ha sua volta lavorato con Festen Architecture per gli interni. Il risultato sono 88 camere arredate con un mix di pezzi su misura e di antiquariato d'epoca, con vista sul centro storico, sui giardini terrazzati, sul porto o sulle colline circostanti. Tra le soluzioni disponibili ci sono pure 18 suite, alcune delle quali dotate di cucina, con la possibilità di richiedere uno chef o un maggiordomo. All'interno delle mura esterne del convento, si cela inoltre un giardino segreto di più di 8 mila metri quadrati. In collaborazione con Tom-Stuart Smith, paesaggista, e James Basson di Scape Design, lo spazio è stato ripensato in un’ottica di connessione con lo stesso convento. Nel chiostro centrale rivivrà poi l'antica erboristeria fondata dalle suore, guidata dall'erborista locale Gregory Unrein di Nice Organic. Fornirà agli ospiti consigli personalizzati e rimedi su misura, oltre a tè, tisane e tinture con le erbe del giardino, e, allo stesso tempo, servirà anche la cucina e il bar del convento di erbe essiccate. La biblioteca, dove approfondire la storia della città, mette in luce l'École de Nice: un movimento artistico che si è sviluppato a Nizza a partire dalla fine degli anni Cinquanta e che ha riunito molti artisti riconosciuti a livello internazionale, tra cui Martial Raysse, Ben, Yves Klein, Arman e Alocco, Sosno. Archivio ufficiale di tutto ciò che è stato pubblicato sul movimento, lo spazio si presterà a collaborazioni con scuole d'arte, conferenze e workshop per gli ospiti e la comunità locale. Lo spazio benessere si ispirerà alle antiche tradizioni balneari romane, incorporando acqua, trattamenti e attività fisica. A disposizione pure una piscina coperta e una piscina relax. Un'area dedicata ai trattamenti offrirà massaggi su misura con oli essenziali selezionati dall'erborista dell'Hôtel du Couvent, mentre i trattamenti viso personalizzati utilizzeranno prodotti naturali. Oltre a una piscina all'aperto, le terme romane del convento propongono anche il Movement Studio: uno spazio dedicato all'esercizio fisico, alla danza e al movimento, sale per trattamenti e un centro culturale per rilassare la mente, per un'esperienza di benessere olistica. All'esterno, i giardini vantano una ulteriore piscina di 20 metri con vista sul Mediterraneo e una all'aperto adiacente al cafè La Guinguette. Le proposte f&b dell'hotel saranno guidate dai sapori e dai prodotti provenienti dalla fattoria di proprietà a Touët-sur-Var, che rifornisce il convento di verdure di stagione, frutta e uova delle sue 250 galline, ospitando anche visite di ospiti, cene e laboratori gastronomici. Nel ristorante del chiostro, il refettorio originale, al cafè La Guinguette e nel bistrot di rue des Serruriers sarà possibile gustare quindi piatti tipici. E' presente pure una panetteria, ricavata nell'ex panificio del convento, che preparerà ogni giorno pane fresco, con farina macinata in loco secondo la tradizione centenaria, mentre la cantina offrirà una scelta di 3.500 etichette. Nelle vicinanze, le Bar sarà il luogo ideale in cui trascorrere i propri pomeriggi. Il sabato mattina l'Hôtel du Couvent aprirà infine il proprio cortile al mercato cittadino, in cui gli ospiti e i nizzardi potranno rifornirsi di prodotti locali e della regione circostante. Valéry Grégo vive a Londra da vent'anni ed è entrato nel mondo dell'ospitalità come si entra in una vecchia libreria: per caso. Nato nella periferia parigina da due ricercatori aerospaziali, ha studiato inizialmente letteratura e materie umanistiche a Parigi, per poi dedicarsi alla finanza. Dopo un primo periodo come imprenditore nel settore finanziario, il suo background letterario e il suo spirito avventuriero lo hanno portato a creare Perseus nel 2010, con l'obiettivo di ribaltare il concetto di viaggio. Le Pigalle, inaugurato nel 2015, gli ha permesso di esprimere questa ospitalità moderna, radicata e consapevole, che si adatta a un mondo in rapida evoluzione. Grégo ha poi fatto rinascere diversi resort in montagna e stabilimenti costieri, tra cui Les Roches Rouges a Saint-Raphaël e Les 3 Vallées a Courchevel 1850, con il marchio Hôtels d'en Haut, che ha venduto nel 2019 per concentrarsi sull'Hôtel du Couvent, l'ultimo di questa generazione di luoghi.   [post_title] => Ci sono anche una panetteria e un'erboristeria nel nuovo hotel di design nizzardo du Couvent [post_date] => 2024-07-12T10:49:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720781365000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471137 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_471184" align="alignleft" width="300"] Panorama Mausoleo di Nanchino Sun Yat-sen[/caption] La provincia dello Jiangsu con il suo tratto distintivo, quello legato all'acqua, racconta una storia millenaria che attrae sempre più numerosi i turisti in questa zona della Cina, che si trova nel Sud-est del paese e confina con Shanghai. Jiangsu comprende 13 città, in cui vivono circa 80 milioni di persone, e si estende su una superficie di circa 107.200 chilometri quadrati, che equivale a un terzo della superficie dell'Italia. L'area coperta da fiumi e laghi rappresenta un sesto della superficie totale della provincia, dato che la classifica al primo posto in Cina e le è valso l'appellativo di "villaggio dell'acqua". Non solo, il Grande Canale della Cina, realizzato ben 2.500 anni fa, attraversa Jiangsu da nord a sud, creando uno scenario affascinante, oltre che una prosperità millenaria. La storia di questa relazione con l'acqua, la cultura, i paesaggi, la cucina sono solo alcuni degli ingredienti che rendono lo Jiangsu una tappa imprescindibile per un viaggio in Cina. Da sempre uno dei centri della storia e della cultura cinese, Jiangsu è una vera e propria culla della cultura. L'origine del suo nome è legata principalmente alle due città sotto la sua giurisdizione: una è il capoluogo di provincia Nanjing (Jianning nell'antichità) e l'altra è Suzhou.  [gallery ids="471149,471151,471150"] Neos collega Milano a Nanchino, la capitale della provincia
di Jiangsu e una delle città più famose della Cina, che dal 1980 è gemellata con Firenze. Il fiume Yangtze, conosciuto dai cinesi come uno dei "Fiumi Madre" (insieme al Fiume Giallo), attraversa la sua principale area urbana. Nanchino è stata anche la capitale di dieci dinastie in Cina. Storicamente la città era il luogo in cui "la tigre si appollaiava sul piatto del
drago" ed era un simbolo del dominio imperiale.  [gallery ids="471158,471157,471159"] Qixia Mountain a Nanchino: sulla cima del monte Qixia, sulla riva sud del corso medio e inferiore del fiume Yangtze, c'è un punto panoramico chiamato "Il luogo dove il primo imperatore costeggiava il fiume". Si narra infatti che il primo imperatore della Cina, "Qin Shihuang", una volta guardò il grande fiume a est e disse che questo era il luogo in cui si divertiva a ispezionare il territorio. Il monte Qixia a Nanchino è detto anche "il primo monte Mingxiu Jinling (l'antico nome di Nanchino)". [gallery ids="471163,471164,471165"] Da non mancare anche una visita alle mura della città Ming di Nanchino, considerate un altro grandiosa realizzazione, dopo la Grande Muraglia cinese. Le mura della città Ming di Nanchino sono le mura della città antica più lunghe, più grandi e meglio conservate del mondo, nonché le più grandi della Cina. Dal 2015 , le antiche mura delle dinastie Ming e Qing in 14 città cinesi, hanno presentato domanda congiunta per lo status di Patrimonio dell'Umanità. Gli edifici principali presentano una forma irregolare e le mura cittadine sono costruite secondo la forma della montagna e del terreno. Durante le dinastie Ming e Qing, il fiume Qinhuai fungeva da fossato a sud, i monti Zhongshan a est sostenevano la città, il lago Xuanwu fungeva da barriera a nord e le colline Xina entravano nella città, creando una fortezza militare con caratteristiche difensive uniche. [gallery ids="471166,471167,471168"] Nanchino, molto apprezzata dagli antichi imperatori cinesi, possiede anche un patrimonio culturale mondiale, la Tomba Xiaoling della dinastia Ming. Ming Xiaoling è un famoso imperatore cinese e il fondatore dell'omonima dinastia. Il mausoleo dove sono sepolti l'imperatore Zhu Yuanzhang e la sua regina è stato realizzato tra il 1381 e il 1405, con l'impiego di 100.000 militari. Copre un'area di oltre 1,7 milioni di metri quadrati ed è uno dei più grandi mausolei imperiali della Cina. Essendo il primo delle dinastie Ming e Qing in Cina, il Mausoleo Xiaoling della dinastia Ming rappresenta il più alto risultato dell'architettura e dell'arte della scultura in pietra all'inizio della dinastia Ming. Ha influenzato direttamente la forma di oltre 20 mausolei imperiali nel periodo Dinastie Ming e Qing. [gallery ids="471170,471169,471171"] Dopo aver visitato Nanchino, si raggiunge Suzhou, la città più meridionale dello Jiangsu. Partendo con un volo diretto da Milano a Shanghai, si può arrivare a Suzhou con la ferrovia ad alta velocità in appena mezz'ora. Come Nanchino, il capoluogo di provincia, è anche una famosa città storica con un mix di templi antichi e moderni. Tappa immancabile è quella ai “Giardini classici di Suzhou”: qui la realizzazione dei giardini vanta una storia lunga 3.000 anni. I giardini di Suzhou sono stati progettati attraverso un design ingegnoso, consentono di godere di scenari diversi attraversandoli. Nel 1997 quattro giardini classici, tra cui il Giardino dell'Umile Amministratore e il Giardino Liuyuan, furono inclusi nella Lista del Patrimonio Culturale Mondiale; tre anni dopo furono inclusi altri cinque giardini, tra cui il Padiglione Canglang e il Boschetto dei Leoni. Ci sono ancora più di 50 giardini ben conservati nella città, per
questo Suzhou è conosciuta come la "Città dei Giardini". Ma Suzhou non è anche una "città d'acqua" e per questo è gemellata con Venezia da oltre 41 anni fa.  [gallery ids="471175,471176,471177"] Per vivere le autentiche città acquatiche di Jiangnan in Cina, occorre poi fare una sosta a Zhouzhuang, che si trova a sud-est della città di Suzhou. L'antica città di Zhouzhuang è stata fondata oltre 900 anni fa e la parte antica è circondata dall'acqua. La città è attraversata dai canali e ci sono 14 antichi ponti in pietra costruiti durante le dinastie Yuan, Ming e Qing. Lungo il fiume vivono più di 800 famiglie e oltre il 60% delle case conserva ancora lo stile architettonico delle dinastie Ming e Qing. L'acqua è l'anima di Zhouzhuang, quindi ha anche la reputazione di "città d'acqua numero 1 in Cina". Qui ponti e strade si collegano, con case profonde e ampi cortili. Ci sono poi oltre una dozzina di città antiche ben conservate come Zhouzhuang, come l'antica Luzhi e Tongli. [gallery ids="471178,471179,471180,471181,471182,471183"] Tra tre giorni, si terrà a Suzhou la quarta edizione dell'Expo del turismo culturale sul Canal Grande sponsorizzata dal Dipartimento provinciale della cultura e del turismo di Jiangsu. Saranno 13 le città dello Jiangsu che qui presenteranno le loro principali risorse culturali e turistiche. Lo Jiangsu dà il benvenuto a tutti gli amici interessati a scoprirne l'offerta, dalla cultura al cibo. E, in particolare, per coloro che arrivano in Cina per Jiangsu sarà un'eccellente destinazione di viaggio!         [post_title] => Jiangsu: un paradiso turistico accanto al Canal Grande cinese [post_date] => 2024-07-10T13:05:13+00:00 [category] => Array ( [0] => estero [1] => informazione-pr ) [category_name] => Array ( [0] => Estero [1] => Informazione PR ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720616713000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471066 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si festeggeranno il prossimo 16 luglio con un party capitolino ad hoc i primi 20 anni di 3Atours, agenzia di viaggi e tour operator di Roma, il cui core business passa attraverso gli accordi con grandi enti e aziende, oltre a importanti circoli ricreativi e associazioni, per l’organizzazione e vendita di viaggi a dipendenti e soci di tali realtà. «Le grandi operazioni di blocchi spazio garantiti con i principali tour operator, compagnie da crociere e gestori alberghieri, in Italia e all’estero, ci hanno consentito di diventare un riferimento a livello nazionale - racconta il patron Luca Bondi, amministratore del gruppo 3Atours -. Il nostro canale di distribuzione necessita di programmazione molto anticipata ed estrema competenza in diversi ambiti, che vanno dal weekend in Italia alle operazioni di gruppo per viaggi internazionali, passando per grandi eventi per migliaia di persone. Un lavoro di anticipo, di investimenti importanti e di predisposizione all'ascolto del cliente che si aspetta una particolare tutela proprio perché convenzionato come grande utenza". Ora l’obiettivo è continuare a crescere, ampliando il raggio di azione al di fuori del Lazio: "Abbiamo già aperto una sede a Bari e siamo in trattative per altre aperture in Nord Italia, dove riteniamo proficua la presenza fisica sul territorio. Insomma, le novità sono parecchie e a breve le comunicheremo. Intanto, ci godiamo la festa».   [post_title] => 3Atours compie 20 anni e prepara lo sbarco in Nord Italia [post_date] => 2024-07-09T11:46:55+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720525615000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470939 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ci sono due novità per la rete dei collegamenti operati da FS Treni Turistici Italiani: Roma-Lecce e Milano-Nizza. Una rimodulazione dei servizi, verso il Salento con un treno notturno e verso la Costa Azzurra con un “Espresso” diurno, che nasce dell’esigenza di rispondere velocemente alla crescente domanda turistica, dentro e fuori i confini nazionali. Il collegamento Roma-Lecce è una novità assoluta. Si parte il 18 luglio per offrire una nuova esperienza di vacanza a supporto del turismo sostenibile e di qualità, che contribuirà a soddisfare le esigenze di mobilità da e verso la Puglia. Il treno fermerà a Caserta per poi procedere, senza ulteriori soste lungo la notte, verso la Puglia. Qui fermerà a Bari Centrale, Polignano a Mare, Monopoli, Fasano, Ostuni, Carovigno, Brindisi e Lecce. Al comfort delle carrozze letto si unisce il servizio ristorante nel vagone dedicato e la possibilità di portare a bordo bagagli e attrezzature sportive, grazie a un vagone dedicato. L’altra novità dell’estate di FS Treni Turistici Italiani è l’Espresso Riviera. Dal 3 agosto al 1° settembre il treno con partenza da Milano arriverà fino a Nizza, con fermate a Mentone e Monaco-Principato di Montecarlo. A Nizza, inoltre, i viaggiatori potranno beneficiare delle coincidenze delle ferrovie francesi per proseguire verso Cannes e Marsiglia. Il servizio internazionale è stato reso possibile grazie alla disponibilità di SNCF Reseau, gestore dell’infrastruttura francese, e alla collaborazione tra FS Treni Turistici Italiani e Trenitalia France, la società del Polo Passeggeri che opera in Francia. “Questi nuovi collegamenti – spiega Luigi Cantamessa, amministratore delegato di FS Treni Turistici Italiani – confermano la grande versatilità che ci contraddistingue e segnano un ulteriore passo in avanti verso un turismo sempre più di qualità ed efficienza. Intendiamo proporre un servizio diverso, con alti livelli di comfort e privacy, garantiti con l’utilizzo esclusivo dello scompartimento e con un’hotellerie che si muove, in grado di capire il gradimento del cliente e costruire la composizione del treno di conseguenza. La vacanza inizia sul treno e le ampie pareti finestrate dei nostri mezzi permettono di apprezzare le bellezze del nostro Paese anche grazie al piacere di viaggiare a un’altra velocità ferroviaria”.  I due nuovi collegamenti si uniscono all’Espresso Versilia da Milano a Livorno e all’Espresso Cadore che collega Roma a Cortina.   [post_title] => FS Treni Turistici Italiani amplia la rete estiva verso Nizza e il Salento [post_date] => 2024-07-08T09:20:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720430445000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470901 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => ItaliAbsolutely ha portato 23 buyer internazionali specializzati in viaggi in Italia a Messina e Reggio Calabria nell’ambito di un viaggio di familiarizzazione organizzato da Travel Open Day, in occasione di MeetTourismMessina. Le sessioni B2B di incontri e networking sono state seguite da visite alle principali attrazioni delle due città meridionali e da esperienze locali, tra cui un'escursione per la pesca di pescespada, una visita ai famosi bronzi di Riace e degustazioni enogastronomiche. Il fam trip di sei giorni ha preso il via al Palazzo della Cultura di Messina con l'apertura plenaria di Meet Tourism towards the Mediterranean, il primo meeting esperienziale della città a cui hanno partecipato il sindaco di Messina Federico Basile, l'assessore al turismo Enzo Caruso, l'assessore alle attività produttive Massimo Finocchiaro e il presidente dell'Autorità Portuale dello Stretto, Mario Paolo Mega. L'evento è proseguito con le sessioni B2B che hanno fatto incontrare gli operatori inbound locali e i 23 travel advisor internazionali provenienti da Slovenia, Polonia, Portogallo, Lituania, Spagna, Romania, Russia, Ungheria, Finlandia, Norvegia, Danimarca, Germania, Brasile, and gli Stati Uniti.  [gallery ids="470906,470907,470908,470909,470910,470911"] I partecipanti esteri hanno trascorso una mattinata su una felucca tradizionale per conoscere da vicino la pesca al pescespada, hanno visitato i laghi di Ganzirri e il belvedere di Forte Cavalli e anche il Birrificio di Messina. Per molti di loro si trattava della prima volta nel Sud Italia, ma la giornalista rumena Dana Enache della rivista "Viva!", ricordando che era la sua quinta volta in Sicilia, ha detto: "Ma è la prima volta che vengo a Messina. È una città meravigliosa e molto più rilassata delle grandi città italiane". Svetlana Trushnikova di Palomino Tour Travel ha sottolineato che spesso sente dire che non c'è molto da vedere a Messina, ma che lei l’ha trovata piena di interessi. "Poter utilizzare gli aeroporti di Reggio Calabria e Catania è una comodità assolutamente sfruttabile, e per me la cucina messinese è la migliore d'Italia".  Scoprendo Reggio Calabria, la città al di là dello Stretto sull'Italia continentale, i partecipanti hanno visitato il Museo di Reggio Calabria per ammirare i famosi bronzi di Riace e hanno trascorso due giorni alla scoperta delle sue attrazioni e quelle di centri minori come Gerace, Bova e Scilla, una delle località costiere più popolari della Calabria. L'ultima giornata a Reggio Calabria è stata dedicata al business con una tavola rotonda di presentazione delle aziende presenti seguita da appuntamenti B2B tra DMC, DMO, fornitori locali e gli ospiti internazionali.  "Abbiamo avuto una reazione molto positiva da parte dei buyer", ha detto il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà. "La nostra regione ha un grande potenziale esperienziale. In certi periodi dell'anno si può sciare sull'Aspromonte al mattino, fare un bagno sulla Costa Viola nel pomeriggio, visitare i bronzi di Riace alla sera e concludere la giornata con un gelato sulle passeggiate a mare di Catona o Pellaro. Reggio piace, coinvolge e conquista". [post_title] => ItaliAbsolutely, Messina e Reggio Calabria ospitano 20 travel advisor internazionali [post_date] => 2024-07-05T12:48:14+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => fam-trip-italy [1] => fam-trip-messina [2] => fam-trip-reggio-calabria [3] => in-evidenza [4] => italiabsolutely-fam-trip [5] => meet-tourism-dello-stretto [6] => messina [7] => reggio-calabria [8] => viaggio-agenti-di-viaggio ) [post_tag_name] => Array ( [0] => fam trip Italy [1] => fam trip messina [2] => fam trip reggio calabria [3] => In evidenza [4] => italiabsolutely fam trip [5] => meet tourism dello stretto [6] => messina [7] => Reggio Calabria [8] => viaggio agenti di viaggio ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720183694000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470780 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Forte Village sarebbe passato di mano all'indomani dell'invasione russa dell'Ucraina. Lo rivela il Financial Times citando come fonte il registro delle imprese cipriota, che include la holding proprietaria del resort sardo, Retivia Investments. Il precedente proprietario, l'oligarca ceceno Musa Bazhaev, aveva acquisito il complesso nel 2014 per una cifra attorno ai 180 milioni di euro. Ma il 25 febbraio del 2022, 24 ore dopo l'entrata delle armate russe in Ucraina, avrebbe deciso di cedere la proprietà di Retivia a un suo parente, che a sua volta l'avrebbe consegnata agli inizi del 2023 al businessman kazako Shukhrat Ibragimov. La mossa è probabilmente servita a sfuggire alle sanzioni europee contro i magnati russi, nella cui lista appare anche lo stesso Bazhaev. Gli affari tra i due non sarebbero tuttavia finiti qui. Un paio di mesi prima, infatti, a dicembre 2022, Ibragimov avrebbe trasferito il 40% della proprietà di una miniera d'ordo in Kirghizistan all'oligarca ceceno: un'impresa avviata in partnership dai due, insieme al nipote Deni Bazhaev, nel 2021 e di cui ora la famiglia russa è titolare al 100%. Interpellato dal Financial Timese, il chief executive del Forte Village, Lorenzo Giannuzzi ha specificato che "Progetto Esmeralda, la compagnia di gestione responsabile del resort, non riveste mai alcun ruolo attivo nei cambi di controllo della proprietà. Le autorità pubbliche, così come le istituzioni finanziarie e commerciali, sono sempre state inoltre tempestivamente informate di ogni transazione. Negli ultimi due decenni il resort ha peraltro cambiato di proprietà almeno sette volte. Ciononostante non c'è mai stata alcuna modifica all'interno del management italiano del complesso, che ha quindi garantito la continuità delle operazioni". Bazhaev e Ibragimov non hanno invece al momento rilasciato alcuna dichiarazione. [post_title] => Cambio di proprietà per il Forte Village dopo l'invasione russa dell'Ucraina [post_date] => 2024-07-04T11:23:40+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720092220000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470616 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un'inedita accoppiata: è quella fra Gran Canaria e la Toscana, due destinazioni d'eccellenza unite da un gemellaggio turistico che punta alla valorizzazione dei territori che parlano uno stesso linguaggio, sviluppando un piano comune per la promozione dei rispettivi patrimoni culturali, naturali ed enogastronomici, nel segno della sostenibilità. In questo solco si inserisce la mostra fotografica del Cammino di Santiago di Gran Canaria inaugurata ieri, 1° luglio, a Firenze, presso la Biblioteca delle Oblate e che sarà visitabile gratuitamente per tutto il mese di luglio: la mostra si compone di 30 pannelli fotografici installati a parete e due pannelli dedicati allo storytelling in italiano, inglese e spagnolo.
I crediti sono di Turismo di Gran Canaria e l’autore degli scatti, su incarico dell’Ente, è il fotografo, Nacho González Oramas, di Gran Canaria, specializzato in paesaggio, patrimonio, cultura, eventi e spettacoli. «Il legame tra Toscana e Gran Canaria si esplicita grazie alle ricchezze artistiche, culturali, spirituali e naturalistiche che le rendono mete ambite da turisti di tutto il mondo - ha sottolineato il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, presente all'inaugurazione della mostra -. Un grazie particolare va al lavoro compiuto in questa direzione da Toscana Promozione Turistica che per la Regione ha stretto accordi con l’Ente del Turismo di Gran Canaria, nell’ambito di un piano comune di valorizzazione dei rispettivi patrimoni culturali, naturali ed enogastronomic». Entrambi i territori vantano una straordinaria biodiversità terrestre e marina, e una varietà di habitat che li rendono ideali per gli amanti della natura e degli sport all'aria aperta. Il gemellaggio punta alla valorizzazione e alla tutela di questo patrimonio naturale. Gran Canaria ha circa la metà della sua geografia classificata come Riserva della Biosfera, con 33 tra parchi naturali, rurali, riserve naturali monumenti naturali, paesaggi protetti e siti di interesse scientifico, mentre la Toscana ha due biosfere, Isole Toscane e Riserva delle Selve Costiere, oltre a tre parchi naturali, tutti iscritti nella lista dei Patrimoni dell’Umanità. Il Cammino di Santiago di Gran Canaria Il Cammino di Santiago di Gran Canaria è uno dei tesori che cela l’isola, ancora poco conosciuti al grande pubblico: un viaggio affascinante attraverso secoli di spiritualità. Da antico pellegrinaggio cristiano a esperienza contemporanea di crescita personale, offre ora un percorso ricco di sfide e scoperte. Questo tracciato, che si snoda dalla parte meridionale dell’isola sino a nord ovest, conduce all’unica sede giacobea al di fuori dell’Europa continentale.
Il Cammino è un percorso di 67 km che attraversa il pittoresco “Continente in miniatura”, così come è conosciuta l’isola, ed è l’unico cammino ufficiale di Santiago non continentale, riconosciuto dalla Chiesa attraverso una bolla papale concessa in perpetuo da Giovanni Paolo II nel 1992, e rappresenta un'esperienza unica tra natura e spiritualità. [gallery ids="470625,470627,470626"]     [post_title] => Gran Canaria chiama Toscana: inaugurata la mostra del Cammino di Santiago dell'isola [post_date] => 2024-07-02T12:55:14+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719924914000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470473 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroitalia aggiunge Cuneo al network degli scali serviti in Italia, da dove aprirà il prossimo 4 agosto una nuova rotta per Bacau, ampliando così la propria offerta di collegamenti internazionali.  La tratta Torino Cuneo - Bacau sarà operata due volte a settimana – ogni mercoledì e domenica - con Boeing 737-800 dotati di 189 posti. “Aeroitalia continua la sua espansione della rete Italia-Romania, diventando la più grande compagnia aerea sul mercato Bacau-Italia e fornendo ai nostri clienti piemontesi un servizio aereo ancora più conveniente che avvicina famiglie e imprese - ha affermato Krassimir Tanev, direttore commerciale della compagnia aerea -. Analogamente allo sviluppo delle nostre rotte Roma Fiumicino e Milano Bergamo, prevediamo di potenziare rapidamente il servizio aggiungendo più frequenze entro pochi mesi dall’inizio”. “Diamo il benvenuto ad Aeroitalia: questa collaborazione rappresenta per entrambi un’opportunità di crescita, ampliando l’offerta per i nostri passeggeri" ha sottolineato Anna Milanese, vicepresidente esecutivo dell’Aeroporto di Cuneo.    [post_title] => Aeroitalia sbarca a Cuneo con un volo per Bacau, dal prossimo 4 agosto [post_date] => 2024-07-01T09:40:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719826855000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "la meridionale sbarca italia la linea livorno ile rousse corsica" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":67,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":518,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471312","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prosegue l'intensa attività del gruppo Soges che, dopo lo sbarco in Borsa dello scorso giugno, mette a segna la terza operazione in circa un mese (le altre riguardano il Park Hotel Chianti e l'Art Hotel Atelier di Firenze, ndr). La compagnia toscana ha infatti sottoscritto pochi giorni fa il contratto di affitto nove più nove per la gestione dell’azienda ricettivo-alberghiera Hotel Malaspina di Firenze, di proprietà della società Indipendenza di Benedetta Torrigiani e c.\r\n\r\nLa struttura si trova nel centro storico, in piazza dell’Indipendenza 24. L’hotel, chiuso dal periodo del Covid, dispone attualmente di 31 camere, di cui nove singole e 22 doppie, ma sarà oggetto di importanti interventi da parte di Soges per la sua riqualificazione energetica e la riorganizzazione degli interni. L’obiettivo è quello di riaprire agli ospiti con il brand Place of Charme indicativamente nel mese di aprile 2025 .\r\n\r\nL'accordo prevede un canone di 280 mila euro annui a decorrere dal 5 marzo 2025 per il primo biennio, di 270 mila euro per il terzo anno, di 220 mila a partire dal quarto e di 250 mila dall’eventuale decimo anno di affitto (esclusa l'Iva). L’efficacia del contratto è tuttavia condizionata al rilascio da parte del giudice delle esecuzioni entro il 30 settembre dell’autorizzazione alla concedente alla sottoscrizione del medesimo accordo. L’immobile dove è sito l’hotel Malaspina è infatti attualmente sottoposto a pignoramento, per cui è pendente davanti al tribunale di Firenze una procedura esecutiva immobiliare promossa da un creditore per taluni debiti della concedente nei confronti di quest’ultimo.\r\n\r\n“La gestione dell’Hotel Malaspina rappresenta per noi un importante passo avanti - spiega il ceo di Soges Group, Andrea Galardi -. Si tratta di un progetto di riqualificazione di grande valore. L’hotel, chiuso a causa della pandemia, ha un enorme potenziale e siamo entusiasti di riportarlo in vita. La nostra decisione di investire in questa struttura è strategica perché consolida la presenza a Firenze, una delle città turistiche più importanti d’Italia, del brand Place of Charme\".","post_title":"Soges acquisisce la gestione del Malaspina di Firenze. Dopo il restyling diventerà un Place of Charme","post_date":"2024-07-12T11:47:08+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1720784828000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471296","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un convento dell'ordine di Santa Chiara del 1604, successivamente occupato dall'ordine della Visitazione di Santa Maria dal 1803 agli inizi degli anni '80. Da queste radici originarie ha preso forma la nuova struttura di design Hôtel du Couvent. Situata nel cuore del centro storico di Nizza, la proprietà è stata realizzata da Valéry Grégo, il nome dietro gli hotel di design Les Roches Rouges e La Pigalle, che ne ha curato un restauro durato ben dieci anni. I lavori sono stati realizzati in collaborazione con lo studio Mumbai e lo studio Méditerranée, che ha sua volta lavorato con Festen Architecture per gli interni.\r\n\r\nIl risultato sono 88 camere arredate con un mix di pezzi su misura e di antiquariato d'epoca, con vista sul centro storico, sui giardini terrazzati, sul porto o sulle colline circostanti. Tra le soluzioni disponibili ci sono pure 18 suite, alcune delle quali dotate di cucina, con la possibilità di richiedere uno chef o un maggiordomo.\r\n\r\nAll'interno delle mura esterne del convento, si cela inoltre un giardino segreto di più di 8 mila metri quadrati. In collaborazione con Tom-Stuart Smith, paesaggista, e James Basson di Scape Design, lo spazio è stato ripensato in un’ottica di connessione con lo stesso convento. Nel chiostro centrale rivivrà poi l'antica erboristeria fondata dalle suore, guidata dall'erborista locale Gregory Unrein di Nice Organic. Fornirà agli ospiti consigli personalizzati e rimedi su misura, oltre a tè, tisane e tinture con le erbe del giardino, e, allo stesso tempo, servirà anche la cucina e il bar del convento di erbe essiccate.\r\n\r\nLa biblioteca, dove approfondire la storia della città, mette in luce l'École de Nice: un movimento artistico che si è sviluppato a Nizza a partire dalla fine degli anni Cinquanta e che ha riunito molti artisti riconosciuti a livello internazionale, tra cui Martial Raysse, Ben, Yves Klein, Arman e Alocco, Sosno. Archivio ufficiale di tutto ciò che è stato pubblicato sul movimento, lo spazio si presterà a collaborazioni con scuole d'arte, conferenze e workshop per gli ospiti e la comunità locale.\r\n\r\nLo spazio benessere si ispirerà alle antiche tradizioni balneari romane, incorporando acqua, trattamenti e attività fisica. A disposizione pure una piscina coperta e una piscina relax. Un'area dedicata ai trattamenti offrirà massaggi su misura con oli essenziali selezionati dall'erborista dell'Hôtel du Couvent, mentre i trattamenti viso personalizzati utilizzeranno prodotti naturali. Oltre a una piscina all'aperto, le terme romane del convento propongono anche il Movement Studio: uno spazio dedicato all'esercizio fisico, alla danza e al movimento, sale per trattamenti e un centro culturale per rilassare la mente, per un'esperienza di benessere olistica. All'esterno, i giardini vantano una ulteriore piscina di 20 metri con vista sul Mediterraneo e una all'aperto adiacente al cafè La Guinguette.\r\n\r\nLe proposte f&b dell'hotel saranno guidate dai sapori e dai prodotti provenienti dalla fattoria di proprietà a Touët-sur-Var, che rifornisce il convento di verdure di stagione, frutta e uova delle sue 250 galline, ospitando anche visite di ospiti, cene e laboratori gastronomici. Nel ristorante del chiostro, il refettorio originale, al cafè La Guinguette e nel bistrot di rue des Serruriers sarà possibile gustare quindi piatti tipici. E' presente pure una panetteria, ricavata nell'ex panificio del convento, che preparerà ogni giorno pane fresco, con farina macinata in loco secondo la tradizione centenaria, mentre la cantina offrirà una scelta di 3.500 etichette. Nelle vicinanze, le Bar sarà il luogo ideale in cui trascorrere i propri pomeriggi. Il sabato mattina l'Hôtel du Couvent aprirà infine il proprio cortile al mercato cittadino, in cui gli ospiti e i nizzardi potranno rifornirsi di prodotti locali e della regione circostante.\r\n\r\nValéry Grégo vive a Londra da vent'anni ed è entrato nel mondo dell'ospitalità come si entra in una vecchia libreria: per caso. Nato nella periferia parigina da due ricercatori aerospaziali, ha studiato inizialmente letteratura e materie umanistiche a Parigi, per poi dedicarsi alla finanza. Dopo un primo periodo come imprenditore nel settore finanziario, il suo background letterario e il suo spirito avventuriero lo hanno portato a creare Perseus nel 2010, con l'obiettivo di ribaltare il concetto di viaggio. Le Pigalle, inaugurato nel 2015, gli ha permesso di esprimere questa ospitalità moderna, radicata e consapevole, che si adatta a un mondo in rapida evoluzione. Grégo ha poi fatto rinascere diversi resort in montagna e stabilimenti costieri, tra cui Les Roches Rouges a Saint-Raphaël e Les 3 Vallées a Courchevel 1850, con il marchio Hôtels d'en Haut, che ha venduto nel 2019 per concentrarsi sull'Hôtel du Couvent, l'ultimo di questa generazione di luoghi.\r\n\r\n ","post_title":"Ci sono anche una panetteria e un'erboristeria nel nuovo hotel di design nizzardo du Couvent","post_date":"2024-07-12T10:49:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1720781365000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471137","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_471184\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Panorama Mausoleo di Nanchino Sun Yat-sen[/caption]\r\n\r\nLa provincia dello Jiangsu con il suo tratto distintivo, quello legato all'acqua, racconta una storia millenaria che attrae sempre più numerosi i turisti in questa zona della Cina, che si trova nel Sud-est del paese e confina con Shanghai.\r\n\r\nJiangsu comprende 13 città, in cui vivono circa 80 milioni di persone, e si estende su una superficie di circa 107.200 chilometri quadrati, che equivale a un terzo della superficie dell'Italia. L'area coperta da fiumi e laghi rappresenta un sesto della superficie totale della provincia, dato che la classifica al primo posto in Cina e le è valso l'appellativo di \"villaggio dell'acqua\". Non solo, il Grande Canale della Cina, realizzato ben 2.500 anni fa, attraversa Jiangsu da nord a sud, creando uno scenario affascinante, oltre che una prosperità millenaria.\r\n\r\nLa storia di questa relazione con l'acqua, la cultura, i paesaggi, la cucina sono solo alcuni degli ingredienti che rendono lo Jiangsu una tappa imprescindibile per un viaggio in Cina.\r\n\r\nDa sempre uno dei centri della storia e della cultura cinese, Jiangsu è una vera e propria culla della cultura. L'origine del suo nome è legata principalmente alle due città sotto la sua giurisdizione: una è il capoluogo di provincia Nanjing (Jianning nell'antichità) e l'altra è Suzhou. \r\n\r\n[gallery ids=\"471149,471151,471150\"]\r\n\r\nNeos collega Milano a Nanchino, la capitale della provincia
di Jiangsu e una delle città più famose della Cina, che dal 1980 è gemellata con Firenze. Il fiume Yangtze, conosciuto dai cinesi come uno dei \"Fiumi Madre\" (insieme al Fiume Giallo), attraversa la sua principale area urbana.\r\n\r\nNanchino è stata anche la capitale di dieci dinastie in Cina. Storicamente la città era il luogo in cui \"la tigre si appollaiava sul piatto del
drago\" ed era un simbolo del dominio imperiale. \r\n\r\n[gallery ids=\"471158,471157,471159\"]\r\n\r\nQixia Mountain a Nanchino: sulla cima del monte Qixia, sulla riva sud del corso medio e inferiore del fiume Yangtze, c'è un punto panoramico chiamato \"Il luogo dove il primo imperatore costeggiava il fiume\". Si narra infatti che il primo imperatore della Cina, \"Qin Shihuang\", una volta guardò il grande fiume a est e disse che questo era il luogo in cui si divertiva a ispezionare il territorio. Il monte Qixia a Nanchino è detto anche \"il primo monte Mingxiu Jinling (l'antico nome di Nanchino)\".\r\n\r\n[gallery ids=\"471163,471164,471165\"]\r\n\r\nDa non mancare anche una visita alle mura della città Ming di Nanchino, considerate un altro grandiosa realizzazione, dopo la Grande Muraglia cinese.\r\n\r\nLe mura della città Ming di Nanchino sono le mura della città antica più lunghe, più grandi e meglio conservate del mondo, nonché le più grandi della Cina. Dal 2015 , le antiche mura delle dinastie Ming e Qing in 14 città cinesi, hanno presentato domanda congiunta per lo status di Patrimonio dell'Umanità. Gli edifici principali presentano una forma irregolare e le mura cittadine sono costruite secondo la forma della montagna e del terreno. Durante le dinastie Ming e Qing, il fiume Qinhuai fungeva da fossato a sud, i monti Zhongshan a est sostenevano la città, il lago Xuanwu fungeva da barriera a nord e le colline Xina entravano nella città, creando una fortezza militare con caratteristiche difensive uniche.\r\n\r\n[gallery ids=\"471166,471167,471168\"]\r\n\r\nNanchino, molto apprezzata dagli antichi imperatori cinesi, possiede anche un patrimonio culturale mondiale, la Tomba Xiaoling della dinastia Ming. Ming Xiaoling è un famoso imperatore cinese e il fondatore dell'omonima dinastia. Il mausoleo dove sono sepolti l'imperatore Zhu Yuanzhang e la sua regina è stato realizzato tra il 1381 e il 1405, con l'impiego di 100.000 militari. Copre un'area di oltre 1,7 milioni di metri quadrati ed è uno dei più grandi mausolei imperiali della Cina. Essendo il primo delle dinastie Ming e Qing in Cina, il Mausoleo Xiaoling della dinastia Ming rappresenta il più alto risultato dell'architettura e dell'arte della scultura in pietra all'inizio della dinastia Ming.\r\n\r\nHa influenzato direttamente la forma di oltre 20 mausolei imperiali nel periodo Dinastie Ming e Qing.\r\n\r\n[gallery ids=\"471170,471169,471171\"]\r\n\r\nDopo aver visitato Nanchino, si raggiunge Suzhou, la città più meridionale dello Jiangsu.\r\n\r\nPartendo con un volo diretto da Milano a Shanghai, si può arrivare a Suzhou con la ferrovia ad alta velocità in appena mezz'ora. Come Nanchino, il capoluogo di provincia, è anche una famosa città storica con un mix di templi antichi e moderni.\r\n\r\nTappa immancabile è quella ai “Giardini classici di Suzhou”: qui la realizzazione dei giardini vanta una storia lunga 3.000 anni. I giardini di Suzhou sono stati progettati attraverso un design ingegnoso, consentono di godere di scenari diversi attraversandoli. Nel 1997 quattro giardini classici, tra cui il Giardino dell'Umile Amministratore e il Giardino Liuyuan, furono inclusi nella Lista del Patrimonio Culturale Mondiale; tre anni dopo furono inclusi altri cinque giardini, tra cui il Padiglione Canglang e il Boschetto dei Leoni. Ci sono ancora più di 50 giardini ben conservati nella città, per
questo Suzhou è conosciuta come la \"Città dei Giardini\".\r\n\r\nMa Suzhou non è anche una \"città d'acqua\" e per questo è gemellata con Venezia da oltre 41 anni fa. \r\n\r\n[gallery ids=\"471175,471176,471177\"]\r\n\r\nPer vivere le autentiche città acquatiche di Jiangnan in Cina, occorre poi fare una sosta a Zhouzhuang, che si trova a sud-est della città di Suzhou.\r\n\r\nL'antica città di Zhouzhuang è stata fondata oltre 900 anni fa e la parte antica è circondata dall'acqua. La città è attraversata dai canali e ci sono 14 antichi ponti in pietra costruiti durante le dinastie Yuan, Ming e Qing. Lungo il fiume vivono più di 800 famiglie e oltre il 60% delle case conserva ancora lo stile architettonico delle dinastie Ming e Qing. L'acqua è l'anima di Zhouzhuang, quindi ha anche la reputazione di \"città d'acqua numero 1 in Cina\". Qui ponti e strade si collegano, con case profonde e ampi cortili. Ci sono poi oltre una dozzina di città antiche ben conservate come Zhouzhuang, come l'antica Luzhi e Tongli.\r\n\r\n[gallery ids=\"471178,471179,471180,471181,471182,471183\"]\r\n\r\nTra tre giorni, si terrà a Suzhou la quarta edizione dell'Expo del turismo culturale sul Canal Grande sponsorizzata dal Dipartimento provinciale della cultura e del turismo di Jiangsu. Saranno 13 le città dello Jiangsu che qui presenteranno le loro principali risorse culturali e turistiche.\r\n\r\nLo Jiangsu dà il benvenuto a tutti gli amici interessati a scoprirne l'offerta, dalla cultura al cibo. E, in particolare, per coloro che arrivano in Cina per Jiangsu sarà un'eccellente destinazione di viaggio!\r\n\r\n\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Jiangsu: un paradiso turistico accanto al Canal Grande cinese","post_date":"2024-07-10T13:05:13+00:00","category":["estero","informazione-pr"],"category_name":["Estero","Informazione PR"],"post_tag":[]},"sort":[1720616713000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471066","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si festeggeranno il prossimo 16 luglio con un party capitolino ad hoc i primi 20 anni di 3Atours, agenzia di viaggi e tour operator di Roma, il cui core business passa attraverso gli accordi con grandi enti e aziende, oltre a importanti circoli ricreativi e associazioni, per l’organizzazione e vendita di viaggi a dipendenti e soci di tali realtà.\r\n\r\n«Le grandi operazioni di blocchi spazio garantiti con i principali tour operator, compagnie da crociere e gestori alberghieri, in Italia e all’estero, ci hanno consentito di diventare un riferimento a livello nazionale - racconta il patron Luca Bondi, amministratore del gruppo 3Atours -. Il nostro canale di distribuzione necessita di programmazione molto anticipata ed estrema competenza in diversi ambiti, che vanno dal weekend in Italia alle operazioni di gruppo per viaggi internazionali, passando per grandi eventi per migliaia di persone. Un lavoro di anticipo, di investimenti importanti e di predisposizione all'ascolto del cliente che si aspetta una particolare tutela proprio perché convenzionato come grande utenza\".\r\n\r\nOra l’obiettivo è continuare a crescere, ampliando il raggio di azione al di fuori del Lazio: \"Abbiamo già aperto una sede a Bari e siamo in trattative per altre aperture in Nord Italia, dove riteniamo proficua la presenza fisica sul territorio. Insomma, le novità sono parecchie e a breve le comunicheremo. Intanto, ci godiamo la festa».\r\n\r\n ","post_title":"3Atours compie 20 anni e prepara lo sbarco in Nord Italia","post_date":"2024-07-09T11:46:55+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1720525615000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470939","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ci sono due novità per la rete dei collegamenti operati da FS Treni Turistici Italiani: Roma-Lecce e Milano-Nizza. Una rimodulazione dei servizi, verso il Salento con un treno notturno e verso la Costa Azzurra con un “Espresso” diurno, che nasce dell’esigenza di rispondere velocemente alla crescente domanda turistica, dentro e fuori i confini nazionali.\r\n\r\nIl collegamento Roma-Lecce è una novità assoluta. Si parte il 18 luglio per offrire una nuova esperienza di vacanza a supporto del turismo sostenibile e di qualità, che contribuirà a soddisfare le esigenze di mobilità da e verso la Puglia. Il treno fermerà a Caserta per poi procedere, senza ulteriori soste lungo la notte, verso la Puglia. Qui fermerà a Bari Centrale, Polignano a Mare, Monopoli, Fasano, Ostuni, Carovigno, Brindisi e Lecce. Al comfort delle carrozze letto si unisce il servizio ristorante nel vagone dedicato e la possibilità di portare a bordo bagagli e attrezzature sportive, grazie a un vagone dedicato.\r\n\r\nL’altra novità dell’estate di FS Treni Turistici Italiani è l’Espresso Riviera. Dal 3 agosto al 1° settembre il treno con partenza da Milano arriverà fino a Nizza, con fermate a Mentone e Monaco-Principato di Montecarlo. A Nizza, inoltre, i viaggiatori potranno beneficiare delle coincidenze delle ferrovie francesi per proseguire verso Cannes e Marsiglia. Il servizio internazionale è stato reso possibile grazie alla disponibilità di SNCF Reseau, gestore dell’infrastruttura francese, e alla collaborazione tra FS Treni Turistici Italiani e Trenitalia France, la società del Polo Passeggeri che opera in Francia.\r\n\r\n“Questi nuovi collegamenti – spiega Luigi Cantamessa, amministratore delegato di FS Treni Turistici Italiani – confermano la grande versatilità che ci contraddistingue e segnano un ulteriore passo in avanti verso un turismo sempre più di qualità ed efficienza. Intendiamo proporre un servizio diverso, con alti livelli di comfort e privacy, garantiti con l’utilizzo esclusivo dello scompartimento e con un’hotellerie che si muove, in grado di capire il gradimento del cliente e costruire la composizione del treno di conseguenza. La vacanza inizia sul treno e le ampie pareti finestrate dei nostri mezzi permettono di apprezzare le bellezze del nostro Paese anche grazie al piacere di viaggiare a un’altra velocità ferroviaria”. \r\n\r\nI due nuovi collegamenti si uniscono all’Espresso Versilia da Milano a Livorno e all’Espresso Cadore che collega Roma a Cortina.\r\n\r\n ","post_title":"FS Treni Turistici Italiani amplia la rete estiva verso Nizza e il Salento","post_date":"2024-07-08T09:20:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1720430445000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470901","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"ItaliAbsolutely ha portato 23 buyer internazionali specializzati in viaggi in Italia a Messina e Reggio Calabria nell’ambito di un viaggio di familiarizzazione organizzato da Travel Open Day, in occasione di MeetTourismMessina. Le sessioni B2B di incontri e networking sono state seguite da visite alle principali attrazioni delle due città meridionali e da esperienze locali, tra cui un'escursione per la pesca di pescespada, una visita ai famosi bronzi di Riace e degustazioni enogastronomiche.\r\n\r\nIl fam trip di sei giorni ha preso il via al Palazzo della Cultura di Messina con l'apertura plenaria di Meet Tourism towards the Mediterranean, il primo meeting esperienziale della città a cui hanno partecipato il sindaco di Messina Federico Basile, l'assessore al turismo Enzo Caruso, l'assessore alle attività produttive Massimo Finocchiaro e il presidente dell'Autorità Portuale dello Stretto, Mario Paolo Mega. L'evento è proseguito con le sessioni B2B che hanno fatto incontrare gli operatori inbound locali e i 23 travel advisor internazionali provenienti da Slovenia, Polonia, Portogallo, Lituania, Spagna, Romania, Russia, Ungheria, Finlandia, Norvegia, Danimarca, Germania, Brasile, and gli Stati Uniti. \r\n\r\n[gallery ids=\"470906,470907,470908,470909,470910,470911\"]\r\n\r\nI partecipanti esteri hanno trascorso una mattinata su una felucca tradizionale per conoscere da vicino la pesca al pescespada, hanno visitato i laghi di Ganzirri e il belvedere di Forte Cavalli e anche il Birrificio di Messina. Per molti di loro si trattava della prima volta nel Sud Italia, ma la giornalista rumena Dana Enache della rivista \"Viva!\", ricordando che era la sua quinta volta in Sicilia, ha detto: \"Ma è la prima volta che vengo a Messina. È una città meravigliosa e molto più rilassata delle grandi città italiane\". Svetlana Trushnikova di Palomino Tour Travel ha sottolineato che spesso sente dire che non c'è molto da vedere a Messina, ma che lei l’ha trovata piena di interessi. \"Poter utilizzare gli aeroporti di Reggio Calabria e Catania è una comodità assolutamente sfruttabile, e per me la cucina messinese è la migliore d'Italia\". \r\n\r\nScoprendo Reggio Calabria, la città al di là dello Stretto sull'Italia continentale, i partecipanti hanno visitato il Museo di Reggio Calabria per ammirare i famosi bronzi di Riace e hanno trascorso due giorni alla scoperta delle sue attrazioni e quelle di centri minori come Gerace, Bova e Scilla, una delle località costiere più popolari della Calabria. L'ultima giornata a Reggio Calabria è stata dedicata al business con una tavola rotonda di presentazione delle aziende presenti seguita da appuntamenti B2B tra DMC, DMO, fornitori locali e gli ospiti internazionali. \r\n\r\n\"Abbiamo avuto una reazione molto positiva da parte dei buyer\", ha detto il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà. \"La nostra regione ha un grande potenziale esperienziale. In certi periodi dell'anno si può sciare sull'Aspromonte al mattino, fare un bagno sulla Costa Viola nel pomeriggio, visitare i bronzi di Riace alla sera e concludere la giornata con un gelato sulle passeggiate a mare di Catona o Pellaro. Reggio piace, coinvolge e conquista\".","post_title":"ItaliAbsolutely, Messina e Reggio Calabria ospitano 20 travel advisor internazionali","post_date":"2024-07-05T12:48:14+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["fam-trip-italy","fam-trip-messina","fam-trip-reggio-calabria","in-evidenza","italiabsolutely-fam-trip","meet-tourism-dello-stretto","messina","reggio-calabria","viaggio-agenti-di-viaggio"],"post_tag_name":["fam trip Italy","fam trip messina","fam trip reggio calabria","In evidenza","italiabsolutely fam trip","meet tourism dello stretto","messina","Reggio Calabria","viaggio agenti di viaggio"]},"sort":[1720183694000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470780","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Forte Village sarebbe passato di mano all'indomani dell'invasione russa dell'Ucraina. Lo rivela il Financial Times citando come fonte il registro delle imprese cipriota, che include la holding proprietaria del resort sardo, Retivia Investments. Il precedente proprietario, l'oligarca ceceno Musa Bazhaev, aveva acquisito il complesso nel 2014 per una cifra attorno ai 180 milioni di euro. Ma il 25 febbraio del 2022, 24 ore dopo l'entrata delle armate russe in Ucraina, avrebbe deciso di cedere la proprietà di Retivia a un suo parente, che a sua volta l'avrebbe consegnata agli inizi del 2023 al businessman kazako Shukhrat Ibragimov. \r\n\r\nLa mossa è probabilmente servita a sfuggire alle sanzioni europee contro i magnati russi, nella cui lista appare anche lo stesso Bazhaev. Gli affari tra i due non sarebbero tuttavia finiti qui. Un paio di mesi prima, infatti, a dicembre 2022, Ibragimov avrebbe trasferito il 40% della proprietà di una miniera d'ordo in Kirghizistan all'oligarca ceceno: un'impresa avviata in partnership dai due, insieme al nipote Deni Bazhaev, nel 2021 e di cui ora la famiglia russa è titolare al 100%.\r\n\r\nInterpellato dal Financial Timese, il chief executive del Forte Village, Lorenzo Giannuzzi ha specificato che \"Progetto Esmeralda, la compagnia di gestione responsabile del resort, non riveste mai alcun ruolo attivo nei cambi di controllo della proprietà. Le autorità pubbliche, così come le istituzioni finanziarie e commerciali, sono sempre state inoltre tempestivamente informate di ogni transazione. Negli ultimi due decenni il resort ha peraltro cambiato di proprietà almeno sette volte. Ciononostante non c'è mai stata alcuna modifica all'interno del management italiano del complesso, che ha quindi garantito la continuità delle operazioni\". Bazhaev e Ibragimov non hanno invece al momento rilasciato alcuna dichiarazione.","post_title":"Cambio di proprietà per il Forte Village dopo l'invasione russa dell'Ucraina","post_date":"2024-07-04T11:23:40+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1720092220000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470616","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un'inedita accoppiata: è quella fra Gran Canaria e la Toscana, due destinazioni d'eccellenza unite da un gemellaggio turistico che punta alla valorizzazione dei territori che parlano uno stesso linguaggio, sviluppando un piano comune per la promozione dei rispettivi patrimoni culturali, naturali ed enogastronomici, nel segno della sostenibilità.\r\n\r\nIn questo solco si inserisce la mostra fotografica del Cammino di Santiago di Gran Canaria inaugurata ieri, 1° luglio, a Firenze, presso la Biblioteca delle Oblate e che sarà visitabile gratuitamente per tutto il mese di luglio: la mostra si compone di 30 pannelli fotografici installati a parete e due pannelli dedicati allo storytelling in italiano, inglese e spagnolo.
I crediti sono di Turismo di Gran Canaria e l’autore degli scatti, su incarico dell’Ente, è il fotografo, Nacho González Oramas, di Gran Canaria, specializzato in paesaggio, patrimonio, cultura, eventi e spettacoli.\r\n\r\n«Il legame tra Toscana e Gran Canaria si esplicita grazie alle ricchezze artistiche, culturali, spirituali e naturalistiche che le rendono mete ambite da turisti di tutto il mondo - ha sottolineato il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, presente all'inaugurazione della mostra -. Un grazie particolare va al lavoro compiuto in questa direzione da Toscana Promozione Turistica che per la Regione ha stretto accordi con l’Ente del Turismo di Gran Canaria, nell’ambito di un piano comune di valorizzazione dei rispettivi patrimoni culturali, naturali ed enogastronomic».\r\n\r\nEntrambi i territori vantano una straordinaria biodiversità terrestre e marina, e una varietà di habitat che li rendono ideali per gli amanti della natura e degli sport all'aria aperta. Il gemellaggio punta alla valorizzazione e alla tutela di questo patrimonio naturale. Gran Canaria ha circa la metà della sua geografia classificata come Riserva della Biosfera, con 33 tra parchi naturali, rurali, riserve naturali monumenti naturali, paesaggi protetti e siti di interesse scientifico, mentre la Toscana ha due biosfere, Isole Toscane e Riserva delle Selve Costiere, oltre a tre parchi naturali, tutti iscritti nella lista dei Patrimoni dell’Umanità.\r\n\r\nIl Cammino di Santiago di Gran Canaria\r\n\r\nIl Cammino di Santiago di Gran Canaria è uno dei tesori che cela l’isola, ancora poco conosciuti al grande pubblico: un viaggio affascinante attraverso secoli di spiritualità. Da antico pellegrinaggio cristiano a esperienza contemporanea di crescita personale, offre ora un percorso ricco di sfide e scoperte.\r\n\r\nQuesto tracciato, che si snoda dalla parte meridionale dell’isola sino a nord ovest, conduce all’unica sede giacobea al di fuori dell’Europa continentale.
Il Cammino è un percorso di 67 km che attraversa il pittoresco “Continente in miniatura”, così come è conosciuta l’isola, ed è l’unico cammino ufficiale di Santiago non continentale, riconosciuto dalla Chiesa attraverso una bolla papale concessa in perpetuo da Giovanni Paolo II nel 1992, e rappresenta un'esperienza unica tra natura e spiritualità.\r\n\r\n[gallery ids=\"470625,470627,470626\"]\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Gran Canaria chiama Toscana: inaugurata la mostra del Cammino di Santiago dell'isola","post_date":"2024-07-02T12:55:14+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1719924914000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470473","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aeroitalia aggiunge Cuneo al network degli scali serviti in Italia, da dove aprirà il prossimo 4 agosto una nuova rotta per Bacau, ampliando così la propria offerta di collegamenti internazionali. \r\n\r\nLa tratta Torino Cuneo - Bacau sarà operata due volte a settimana – ogni mercoledì e domenica - con Boeing 737-800 dotati di 189 posti.\r\n\r\n“Aeroitalia continua la sua espansione della rete Italia-Romania, diventando la più grande compagnia aerea sul mercato Bacau-Italia e fornendo ai nostri clienti piemontesi un servizio aereo ancora più conveniente che avvicina famiglie e imprese - ha affermato Krassimir Tanev, direttore commerciale della compagnia aerea -. Analogamente allo sviluppo delle nostre rotte Roma Fiumicino e Milano Bergamo, prevediamo di potenziare rapidamente il servizio aggiungendo più frequenze entro pochi mesi dall’inizio”.\r\n\r\n“Diamo il benvenuto ad Aeroitalia: questa collaborazione rappresenta per entrambi un’opportunità di crescita, ampliando l’offerta per i nostri passeggeri\" ha sottolineato Anna Milanese, vicepresidente esecutivo dell’Aeroporto di Cuneo. \r\n\r\n ","post_title":"Aeroitalia sbarca a Cuneo con un volo per Bacau, dal prossimo 4 agosto","post_date":"2024-07-01T09:40:55+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719826855000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti