5 February 2023

1825

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

VENDESI AGENZIA DI VIAGGI ZONA ROMA SUD LICENZA B – AGENZIA AVVIATA DA OLTRE 10 ANNI DI OTTIMO LIVELLO – CONTRATTI BUONI CON I MIGLIORI OPERATORI- LOCALE INTERAMENTE ARREDATO CON SISTEMI OPERATIVI INCLUSI – CONTRATTO DI AFFITTO APPENA RINNOVATO – POSSIBILITA’ DI CORSI DI INSERIMENTO ED EVENTUALE NOMINA DIRETTORE TECNICO – NO PERDITEMPO
PER INFO CONTATTARE 346 8423043.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437887 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Eurowings allunga il passo verso la stagione estiva che vedrà la compagnia del gruppo Lufthansa tornare ai numeri del 2019 in termini di posti disponibili. La compagnia, come evidenziato dal ceo Jens Bischof, durante l'estate opererà con circa 125 velivoli che voleranno verso oltre 140 destinazioni in 37 Paesi. "Guardando al numero di posti disponibili, siamo di nuovo al livello del 2019". La compagnia aerea supererà del 10% l'ultimo anno pre-pandemia in termini di posti-chilometro grazie a un maggior numero di rotte a lungo raggio e a nuovi servizi a corto raggio. Grecia, Italia e Spagna saranno le tre principali destinazioni del vettore, con voli verso 16 aeroporti in Grecia, 15 in Italia e 14 in Spagna. Maiorca sarà la più grande destinazione singola con 400 voli settimanali da 20 aeroporti di partenza.  Il ceo conferma che le tariffe saranno più elevate rispetto al passato, con aumenti tra il 10% e il 20% rispetto all'anno scorso a causa dell'inflazione e dei maggiori costi per il carburante, il personale e le tasse aeroportuali. Malgrado ciò la domanda di viaggio per l'estate, in questo primo scorcio dell'anno, è buona e le prenotazioni sono in anticipo dell'80% rispetto all'anno scorso.  Massima cautela, però, sull'affidabilità dei voli durante l'estate, dopo i numerosi disservizi verificatisi negli aeroporti nel 2022: Bischof conferma che settore dell'aviazione nel suo complesso sta "lavorando per migliorare la situazione". [post_title] => Eurowings corre verso i livelli pre-Covid. Quindici le destinazioni servite in Italia [post_date] => 2023-01-25T10:09:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674641349000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437847 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cambio di direzione al nuovo hotel La Palma. Non sarà più Fabio Datteroni a guidare la riapertura della struttura della Oetker Collection di Capri prevista per il 2023, ma Imelda Shllaku, che ne assumerà il timone a partire dal prossimo 6 marzo. Con una carriera quasi trentennale alle spalle, la futura general manager vanta numerose esperienze nel settore dell’ospitalità di lusso su scala globale. Dopo il suo primo ruolo come hotel manager presso il Sina The Gray di Milano, ha lavorato per il gruppo The Ritz Carlton dapprima a Dublino, poi sull’isola thailandese di Krabi. Successivamente, si è occupata per sette anni della gestione delle proprietà di Londra e Milano di Bulgari Hotel & Resorts, ricoprendo varie posizioni, per diventare, infine, director of rooms presso l’Armani Hotel di Dubai e il One & Only alle Maldive. Dopo un anno di pausa, nel quale si è occupata di consulenze per 15 importanti hotel di lusso, diventa quindi general manager del Baglioni Hotel London. Il suo ultimo ruolo prima di approdare a Capri, l’ha vista diventare global director of rooms & guest experiences per il gruppo Kerzner International. “Sono entusiasta del mio nuovo ruolo come general manager dell’hotel La Palma - commenta la stessa Imelda Shllaku -. Credo che la mia esperienza mi permetterà di guidare i vari team al meglio, per garantire agli ospiti un’esperienza impeccabile. Non vediamo l’ora di aprire le porte di questo luogo speciale e accogliere, sia i locali sia gli ospiti provenienti da ogni parte del mondo". La Palma, costruito nel 1822, e completamente ristrutturato dalla Oetker Collection, è il primo progetto di hôtellerie che porta la firma di Francis Sultana. L'interior designer ha collaborato con i migliori artigiani locali per rendere omaggio alla tradizione. A pochi passi dalla leggendaria Piazzetta, l’hotel offrirà un ristorante e un bar sulla terrazza, un beach club, una nuova piscina, una spa, un fitness centre e tre boutique. La ristorazione sarà curata da chef Gennaro Esposito. [post_title] => Imelda Shllaku al timone della Palma di Capri per la sua riapertura [post_date] => 2023-01-24T13:51:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674568288000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437752 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel 2019, Ryanair ha battuto il record di vendite del fine settimana con 1.600.000 biglietti. Erano tempi fantastici che si sono riprodotti di nuovo: lo scorso fine settimana, il 14 gennaio, la compagnia aerea irlandese ha superato i due milioni, il 25% in più rispetto al precedente record.  La settimana, compresi i giorni feriali, ha sfiorato appena i cinque milioni di viaggi venduti, con una particolare concentrazione nel periodo pasquale. Ma più importante per Ryanair: il prezzo medio continua a salire. Si è passati dai quasi 40 euro di prima della pandemia ai 50 dell'anno scorso. E ora si trova a 54 euro. O'Leary ha confermato che la domanda continua ad essere forte. E il manager la scalda dicendo che quest'estate i prezzi saliranno di più, soprattutto se continueranno a esserci i saldi come finora, che sembrano insensibili ai rincari. L'amministratore delegato del gruppo ha spiegato ai media che questo inverno, che è ancora in corso, le cose erano andate abbastanza bene, al punto che praticamente non è dovuto andare alle offerte a 9,99, così comuni nella compagnia irlandese. Le buone notizie si stanno moltiplicando al quartier generale di Dublino, perché O'Leary ha indicato di avere l'impressione che la Boeing possa essere in grado di consegnare i cinquanta aerei che aveva promesso. Con più aerei e con i piloti addestrati, con i biglietti venduti, non resta che mettere i soldi nella cassetta. Secondo i media, Ryanair trasporterà 185 milioni di passeggeri in questo anno fiscale (che inizia ad aprile), anche più dei 168 milioni dell'anno appena concluso. [post_title] => Ryanair: il 14 gennaio il vettore ha superato i 2 milioni di biglietti venduti [post_date] => 2023-01-23T10:52:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674471130000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437485 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437487" align="alignleft" width="300"] Valerio Duchini, presidente e a.d. di B&B Hotels Italia[/caption] Una certificazione pensata appositamente per il comparto dell'ospitalità. Lo ha chiesta B&B Hotels all'ente indipendente Socotec, che ha messo a punto un indice di misurazione ad hoc capace al contempo di contare sul riconoscimento del Global sustainable tourism council’s (Gstc) e sull’integrazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdg) delle Nazioni unite. Nel corso del 2022, gli auditor di Socotec hanno quindi ispezionato la sede centrale di B&B Hotels e 87 strutture in Francia, Germania, Italia e Spagna. Sono stati valutati oltre 125 elementi in cinque categorie (sistema di gestione sostenibile, governance, sociale, cultura e ambiente): dalla strategia alle azioni attuate per preservare la biodiversità, gli ecosistemi e i paesaggi, passando alla creazione di occupazione sul territorio locale, al coinvolgimento del personale e alla promozione delle attività culturali e del patrimonio locale. Una task force dedicata a B&B Hotels ha verificato 117 iniziative di corporate social responsability esistenti, analizzando il divario tra lo stato attuale e i requisiti della certificazione csr (125 voci) e intervistando 70 mila persone tra le parti interessate (clienti, hotel manager, proprietari, fornitori, dipendenti) in quattro Paesi, al fine di monitorare la quantità di emissioni di carbonio prodotte. Dopo oltre 120 giorni di audit, B&B Hotels Francia, Italia, Spagna e Germania hanno quindi ottenuto la certificazione del Sistema di gestione della sostenibilità per tre anni. Si tratta infatti di un processo continuo. Ogni anno verranno eseguiti audit di sorveglianza in 100 hotel selezionati casualmente e verranno riviste la strategia e i piani d'azione csr di B&B Hotels. Tutte le nuove aperture (circa 100 all'anno) si impegnano inoltre a essere conformi ai requisiti della certificazione csr e i progressi saranno valutati e comunicati in modo trasparente. La certificazione è disponibile per tutti gli attori dell'ospitalità. [post_title] => B&B Hotels si aggiudica la prima certificazione di sostenibilità ad hoc per l'ospitalità [post_date] => 2023-01-18T09:45:19+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674035119000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437273 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437277" align="alignleft" width="300"] Vincenzo Cella[/caption] A scriverla in questo modo pare una contraddizione in termini: nel mercato degli affitti brevi cresce la domanda per locazioni a medio-lungo termine (ossia oltre i 30 giorni). Ma è un fenomeno reale che la società specializzata Halldis ha evidenziato in uno studio ad hoc condotto su un campione di 500 appartamenti distribuiti tra Bologna, Firenze, Roma e Milano. Le prenotazioni per i soggiorni mid-long term dal 2021 al 2022 sono infatti cresciute di oltre il 30% Nel dettaglio, a Bologna sono passate da sei a 15, a Firenze da otto a 46, a Roma da 28 a 117 a Roma e a Milano da 39 a 143. Interessante il dato relativo alla durata media che dal 2021 al 2022 diminuisce alquanto nel caso di Bologna (da 149 a 60 giorni), in modo moderato a Milano (da 129 a 125) e a Roma (da 104 a 100), mentre aumenta leggermente a Firenze (da 78 a 84). Dall’altra parte l’adp (average daily price, prezzo medio giornaliero) cresce in modo apprezzabile a Firenze (da 67 a 86 euro), in maniera modesto a Milano (da 93 a 95) e a Roma (da 85 a 87) e a un ritmo più sostenuto a Bologna (da 32 a 57 euro). “L’incremento della richiesta di soggiorni di lungo-medio termine – afferma Vincenzo Cella, managing director Halldis - va di pari passo con la ripresa del settore degli affitti brevi in generale. E il fatto che le dinamiche tra durata media e prezzi si incrociano in modo coerente, con le prime che si riducono seppur di poco e i secondi che sempre in modo lieve maggiorano, indicano che questa tendenza sarà duratura. Ciò implica per noi gestori professionali la necessità di mettere a punto un modus operandi dedicato, che integri e vada oltre quello per gli short rental (da meno di 30 giorni al solo weekend): un cliente che vuole una casa in affitto per un mese e più, necessita per esempio di un insieme di dotazioni più completo rispetto a quello di chi vi dimora il fine settimana. Anche i portali della distribuzione su cui ci appoggiamo sono differenti, spesso specifici e dedicati: è quindi necessaria una relazione particolare tra noi property manager e i canali.” [caption id="attachment_437278" align="alignright" width="300"] Michele Diamantini,[/caption] “Il Covid – aggiunge Michele Diamantini, ceo di Halldis – ha rappresentato un momento di pausa per il settore, ma la ripresa cui assistiamo, con un 2022 superiore ai dati pre-pandemici, dimostra che la formula degli affitti brevi ha margini di crescita notevoli. La richiesta di affitti di medio-lungo termine riflette il nuovo modo di vivere e lavorare: dallo smart working all’affermarsi del fenomeno del cosiddetto bleisure travel (dall’unione di business e leisure); il fatto cioè che un professionista decida di lavorare alcuni periodi dell’anno in un Paese straniero e porti con sé la famiglia, così da conciliare lavoro, relax e turismo di qualità. A maggior ragione ci saranno sempre più da un lato la necessità di una gestione professionale degli immobili e delle proprietà, dall’altro la richiesta di abitazioni costruite e arredate per queste finalità, magari completate da parti comuni, servizi per le attività sportive delle famiglie e gli interessi culturali di ciascuno. Tale tendenza si verificherò non solo nei centri storici delle nostre città, ma in località secondarie, sui laghi o montagne minori: un ambito nel quale spesso sono censite molte delle seconde case. È auspicabile pensare anche a forme flessibili di durata tra short e mid-long term, a tutto vantaggio dei proprietari.” [post_title] => Halldis, affitti brevi: cresce la richiesta per locazioni a medio-lungo periodo [post_date] => 2023-01-13T11:00:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673607629000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437000 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A Singapore è scattato il conto alla rovescia per il Capodanno Cinese che quest’anno si celebra il 22 gennaio e darà inizio all’Anno del Coniglio, uno dei dodici segni dello zodiaco animale tipico della cultura cinese. Anche quest’anno, quindi, la città-stato darà vita a River Hongbao, l’evento celebrativo della durata di nove giorni che si terrà a Gardens by the Bay, in cui le protagoniste saranno la storia, la cultura e le tradizioni cinesi. Per tutta la sua durata, saranno organizzati eventi culturali, proposte di intrattenimento e show – tutti accompagnati da proposte food tipiche – per festeggiare un momento così importante per la comunità cinese che, dal 1821, è parte integrante e fondamentale della multietnicità della città-stato. Il 20 gennaio si svolgerà la Opening Ceremony, che segna ufficialmente l’inizio dei festeggiamenti, durante la quale sarà possibile assistere ad esibizioni tradizionali e uniche, avvolti delle tipiche lanterne cinesi che adorneranno le strade di Chinatown. Il giorno successivo, invece, Gardens by the Bay si animerà con i festeggiamenti del Capodanno, un appuntamento imperdibile per accogliere tutti insieme l’arrivo del nuovo anno, durante il quale singaporiani e turisti internazionali potranno ammirare lo spettacolo di fuochi d’artificio, sincronizzati per creare una sinfonia di colori vividi nel cielo, che segnerà l’arrivo dell’Anno del Coniglio. [post_title] => Singapore pronta per le celebrazioni del Capodanno Cinese: si apre l'Anno del Coniglio [post_date] => 2023-01-11T10:03:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673431421000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436779 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto internazionale dell’Umbria – Perugia “San Francesco d’Assisi” traccia un bilancio positivo per il 2022 appena concluso: i 17.309 passeggeri registrati nel mese di dicembre (+35% sul 2021), portano il dato finale di traffico per l'intero anno alla nuova cifra record di 369.224 transiti. Dopo i primi due mesi che hanno subito le conseguenze negative della pandemia, a partire da marzo lo scalo ha visto il graduale ripristino delle rotte: il mese di luglio, in particolare, ha segnato il nuovo record storico giornaliero (oltre 2.400 passeggeri) mentre agosto ha fatto registrare il nuovo record storico mensile (55.472 passeggeri, +137% sul 2019). A chiusura del terzo trimestre, l’aeroporto dell’Umbria è stato collocato al primo posto in Europa per crescita, grazie ad un incremento di oltre il +125% rispetto allo stesso periodo del 2019. Dall'aeroporto di Perugia nel 2022 era attivo un network di 17 rotte, operate da 8 compagnie aeree con fino ad oltre 80 voli di linea settimanali. Nel dettaglio, il 67% dei passeggeri è stato registrato su voli internazionali, il 31% su voli nazionali ed il 2% su voli di aviazione generale e charter. “Un anno straordinario unico e eccezionale che è stato corredato da ottime performances di servizio erogato a compagnie aeree e passeggeri - ha commentato il direttore generale Umberto Solimeno -. I tempi di attesa media sono stati rispettati e i targets raggiunti in tutte le aree. Abbiamo avuto 43 voli dirottati su altri aeroporti per condizioni meteo avverse che hanno coinvolto circa 5521 passeggeri, confermando comunque la regolarità dei voli al 98,7%. La nostra forza lavoro diretta e indiretta è cresciuta del 30% durante la stagione estiva ed abbiamo inserito in organico 5 nuove unità. I nostri mezzi sono stati rinnovati ed ampliati ed abbiamo iniziato alcune opere nell’ambito della cyber security, digitalizzazione, eco sostenibilità e completato alcuni lavori su infrastrutture come pista, raccordi e perimetrale”. [post_title] => Perugia, l'aeroporto sfiora quota 370.000 passeggeri nel 2022: ed è record [post_date] => 2023-01-05T09:00:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672909248000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436736 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Stati Uniti, Giordania e Giappone. Sono le mete top del 2023 per i viaggiatori italiani. Lo rivela un recente sondaggio del tour operator online Tramundi.  Se gli Usa sono al centro dei desideri di tutti, le altre posizioni in classifica cambiano però a seconda del cluster del campione considerato: le donne sognano infatti Messico e Giappone, mentre gli uomini preferiscono Giordania e Islanda. Dividendo le risposte in base all’età il quadro si fa ancora più interessante: gli appartenenti alla generazione Z (under 26) hanno la Giordania tra le loro mete preferite, i millennials (di età compresa tra i 26 e i 40 anni) gli Usa; la generazione X (tra i 41 e i 55 anni) guarda al Giappone, mentre i cosiddetti Boomer (con più di 55 anni di età) preferiscono Stati Uniti e Messico. Non mancano, nella top ten, mete più vicine: l’Italia è settima nella classifica (resta una certezza anche quando si tratta di sognare), seguita a ruota da Spagna e Portogallo. È già poi pronto a partire in primavera il 28,8% del campione, mentre il viaggio dei sogni si farà in estate per il 24,6%. Ancora in alto mare nei progetti un italiano su tre, se è vero che il 33,1% di chi ha risposto non sa ancora quando mettersi in viaggio. Autunno e inverno prossimi non sembrano per ora suscitare grande interesse, raccogliendo entrambi poco più del 6% delle risposte. Poco meno di un italiano su quattro (il 23,5%) pensa infine che il viaggio principale dell’anno costerà tra 1.500 e 2.000 euro; vorrebbe invece spendere meno, tra mille e 1.500 euro, il 22,7% dei rispondenti. Sarà una vacanza low cost (meno di mille euro) per il 18,5%, mentre ha già preventivato un budget sostenuto, superiore ai 2 mila euro, il 16% di chi ha risposto al sondaggio. Per tutti gli altri, il budget non è stato ancora impostato. “Se il 2022 è stato un anno di viaggi per divertimento, relax e ricongiungimento post-pandemia, i trend mondiali ci dicono che il 2023 sarà l'anno in cui la spinta maggiore sarà quella volta al miglioramento personale - spiega Alberto Basso, general manager di Tramundi -. Le mete più desiderate saranno posti in cui è possibile alternare esperienze da condividere con gli amici a momenti di benessere individuale; i viaggi saranno, inoltre, sempre più rispettosi della sostenibilità ambientale e interessati alla biodiversità dei luoghi visitati. Non è detto che i sogni degli italiani si concretizzeranno per tutti, ma le stime di molti operatori consolidano l’idea del ritorno dei viaggi di lunga percorrenza, dopo anni di una prevalenza delle mete a corto e medio raggio. L’attenzione al budget resta però un tema sentito: l’aumento dei prezzi, in primis dei voli, spingerà gli italiani a fare molto bene i conti prima di partire”. [post_title] => Tramundi: Usa, Giordania e Giappone le mete top del 2023 [post_date] => 2023-01-04T10:06:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672826769000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436498 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435710" align="alignleft" width="300"] La Msc Seascape a New York il giorno del suo battesimo ufficiale[/caption] Per ora si tratta solo di un memorandum d'intesa non vincolante ma Msc Crociere continua a puntare forte sul mercato Usa e ora pensa a un nuovo terminal nella texana Galveston, che diventerebbe così il quarto home port statunitense della compagnia dopo Miami, Port Canaveral e New York (quest'ultimo operativo da aprile 2023). Il documento appena firmato con Galveston Wharves, racconta Travel Weekly, definirebbe i parametri di un potenziale accordo definitivo per lo sviluppo e la gestione operativa di un nuovo terminal compreso tra i moli 16 e 18 dello scalo texano. Galveston sta peraltro attirando parecchie attenzioni da parte del mondo crocieristico. Solo lo scorso novembre, Royal Caribbean ha infatti aperto un proprio terminal a emissioni zero da 125 milioni di dollari, dove ormeggerà la Allure of the Seas per l'inverno e l'estate 2022-23, prima di essere riposizionata in Florida. Nel 2024 sarà invece la volta della Harmony of the Seas di fare base in Texas. Anche Princess Cruises, dopo sei anni di assenza, è tornata a Galveston con la Ruby Princess, che da lì partirà per crociere da 11 giorni la maggior parte delle quali verso i Caraibi occidentali, nonché per un itinerario di 16 giorni attraverso il canale di Panama, fino a San Francisco. [post_title] => Msc sempre più a stelle e strisce. In arrivo un nuovo terminal nella texana Galveston [post_date] => 2022-12-23T10:27:36+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671791256000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1825" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":118,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437887","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Eurowings allunga il passo verso la stagione estiva che vedrà la compagnia del gruppo Lufthansa tornare ai numeri del 2019 in termini di posti disponibili. La compagnia, come evidenziato dal ceo Jens Bischof, durante l'estate opererà con circa 125 velivoli che voleranno verso oltre 140 destinazioni in 37 Paesi. \"Guardando al numero di posti disponibili, siamo di nuovo al livello del 2019\". La compagnia aerea supererà del 10% l'ultimo anno pre-pandemia in termini di posti-chilometro grazie a un maggior numero di rotte a lungo raggio e a nuovi servizi a corto raggio.\r\n\r\nGrecia, Italia e Spagna saranno le tre principali destinazioni del vettore, con voli verso 16 aeroporti in Grecia, 15 in Italia e 14 in Spagna. Maiorca sarà la più grande destinazione singola con 400 voli settimanali da 20 aeroporti di partenza. \r\n\r\nIl ceo conferma che le tariffe saranno più elevate rispetto al passato, con aumenti tra il 10% e il 20% rispetto all'anno scorso a causa dell'inflazione e dei maggiori costi per il carburante, il personale e le tasse aeroportuali. Malgrado ciò la domanda di viaggio per l'estate, in questo primo scorcio dell'anno, è buona e le prenotazioni sono in anticipo dell'80% rispetto all'anno scorso. \r\n\r\nMassima cautela, però, sull'affidabilità dei voli durante l'estate, dopo i numerosi disservizi verificatisi negli aeroporti nel 2022: Bischof conferma che settore dell'aviazione nel suo complesso sta \"lavorando per migliorare la situazione\".","post_title":"Eurowings corre verso i livelli pre-Covid. Quindici le destinazioni servite in Italia","post_date":"2023-01-25T10:09:09+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674641349000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437847","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cambio di direzione al nuovo hotel La Palma. Non sarà più Fabio Datteroni a guidare la riapertura della struttura della Oetker Collection di Capri prevista per il 2023, ma Imelda Shllaku, che ne assumerà il timone a partire dal prossimo 6 marzo. Con una carriera quasi trentennale alle spalle, la futura general manager vanta numerose esperienze nel settore dell’ospitalità di lusso su scala globale. Dopo il suo primo ruolo come hotel manager presso il Sina The Gray di Milano, ha lavorato per il gruppo The Ritz Carlton dapprima a Dublino, poi sull’isola thailandese di Krabi. Successivamente, si è occupata per sette anni della gestione delle proprietà di Londra e Milano di Bulgari Hotel & Resorts, ricoprendo varie posizioni, per diventare, infine, director of rooms presso l’Armani Hotel di Dubai e il One & Only alle Maldive. Dopo un anno di pausa, nel quale si è occupata di consulenze per 15 importanti hotel di lusso, diventa quindi general manager del Baglioni Hotel London. Il suo ultimo ruolo prima di approdare a Capri, l’ha vista diventare global director of rooms & guest experiences per il gruppo Kerzner International.\r\n\r\n“Sono entusiasta del mio nuovo ruolo come general manager dell’hotel La Palma - commenta la stessa Imelda Shllaku -. Credo che la mia esperienza mi permetterà di guidare i vari team al meglio, per garantire agli ospiti un’esperienza impeccabile. Non vediamo l’ora di aprire le porte di questo luogo speciale e accogliere, sia i locali sia gli ospiti provenienti da ogni parte del mondo\". La Palma, costruito nel 1822, e completamente ristrutturato dalla Oetker Collection, è il primo progetto di hôtellerie che porta la firma di Francis Sultana. L'interior designer ha collaborato con i migliori artigiani locali per rendere omaggio alla tradizione. A pochi passi dalla leggendaria Piazzetta, l’hotel offrirà un ristorante e un bar sulla terrazza, un beach club, una nuova piscina, una spa, un fitness centre e tre boutique. La ristorazione sarà curata da chef Gennaro Esposito.","post_title":"Imelda Shllaku al timone della Palma di Capri per la sua riapertura","post_date":"2023-01-24T13:51:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674568288000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437752","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nel 2019, Ryanair ha battuto il record di vendite del fine settimana con 1.600.000 biglietti. Erano tempi fantastici che si sono riprodotti di nuovo: lo scorso fine settimana, il 14 gennaio, la compagnia aerea irlandese ha superato i due milioni, il 25% in più rispetto al precedente record. \r\n\r\nLa settimana, compresi i giorni feriali, ha sfiorato appena i cinque milioni di viaggi venduti, con una particolare concentrazione nel periodo pasquale.\r\n\r\nMa più importante per Ryanair: il prezzo medio continua a salire. Si è passati dai quasi 40 euro di prima della pandemia ai 50 dell'anno scorso. E ora si trova a 54 euro.\r\n\r\nO'Leary ha confermato che la domanda continua ad essere forte. E il manager la scalda dicendo che quest'estate i prezzi saliranno di più, soprattutto se continueranno a esserci i saldi come finora, che sembrano insensibili ai rincari.\r\n\r\nL'amministratore delegato del gruppo ha spiegato ai media che questo inverno, che è ancora in corso, le cose erano andate abbastanza bene, al punto che praticamente non è dovuto andare alle offerte a 9,99, così comuni nella compagnia irlandese.\r\n\r\nLe buone notizie si stanno moltiplicando al quartier generale di Dublino, perché O'Leary ha indicato di avere l'impressione che la Boeing possa essere in grado di consegnare i cinquanta aerei che aveva promesso. Con più aerei e con i piloti addestrati, con i biglietti venduti, non resta che mettere i soldi nella cassetta.\r\n\r\nSecondo i media, Ryanair trasporterà 185 milioni di passeggeri in questo anno fiscale (che inizia ad aprile), anche più dei 168 milioni dell'anno appena concluso.","post_title":"Ryanair: il 14 gennaio il vettore ha superato i 2 milioni di biglietti venduti","post_date":"2023-01-23T10:52:10+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674471130000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437485","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437487\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Valerio Duchini, presidente e a.d. di B&B Hotels Italia[/caption]\r\n\r\nUna certificazione pensata appositamente per il comparto dell'ospitalità. Lo ha chiesta B&B Hotels all'ente indipendente Socotec, che ha messo a punto un indice di misurazione ad hoc capace al contempo di contare sul riconoscimento del Global sustainable tourism council’s (Gstc) e sull’integrazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdg) delle Nazioni unite.\r\nNel corso del 2022, gli auditor di Socotec hanno quindi ispezionato la sede centrale di B&B Hotels e 87 strutture in Francia, Germania, Italia e Spagna. Sono stati valutati oltre 125 elementi in cinque categorie (sistema di gestione sostenibile, governance, sociale, cultura e ambiente): dalla strategia alle azioni attuate per preservare la biodiversità, gli ecosistemi e i paesaggi, passando alla creazione di occupazione sul territorio locale, al coinvolgimento del personale e alla promozione delle attività culturali e del patrimonio locale.\r\n\r\nUna task force dedicata a B&B Hotels ha verificato 117 iniziative di corporate social responsability esistenti, analizzando il divario tra lo stato attuale e i requisiti della certificazione csr (125 voci) e intervistando 70 mila persone tra le parti interessate (clienti, hotel manager, proprietari, fornitori, dipendenti) in quattro Paesi, al fine di monitorare la quantità di emissioni di carbonio prodotte. Dopo oltre 120 giorni di audit, B&B Hotels Francia, Italia, Spagna e Germania hanno quindi ottenuto la certificazione del Sistema di gestione della sostenibilità per tre anni. Si tratta infatti di un processo continuo. Ogni anno verranno eseguiti audit di sorveglianza in 100 hotel selezionati casualmente e verranno riviste la strategia e i piani d'azione csr di B&B Hotels. Tutte le nuove aperture (circa 100 all'anno) si impegnano inoltre a essere conformi ai requisiti della certificazione csr e i progressi saranno valutati e comunicati in modo trasparente. La certificazione è disponibile per tutti gli attori dell'ospitalità.","post_title":"B&B Hotels si aggiudica la prima certificazione di sostenibilità ad hoc per l'ospitalità","post_date":"2023-01-18T09:45:19+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674035119000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437273","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437277\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Vincenzo Cella[/caption]\r\n\r\nA scriverla in questo modo pare una contraddizione in termini: nel mercato degli affitti brevi cresce la domanda per locazioni a medio-lungo termine (ossia oltre i 30 giorni). Ma è un fenomeno reale che la società specializzata Halldis ha evidenziato in uno studio ad hoc condotto su un campione di 500 appartamenti distribuiti tra Bologna, Firenze, Roma e Milano. Le prenotazioni per i soggiorni mid-long term dal 2021 al 2022 sono infatti cresciute di oltre il 30%\r\n\r\nNel dettaglio, a Bologna sono passate da sei a 15, a Firenze da otto a 46, a Roma da 28 a 117 a Roma e a Milano da 39 a 143. Interessante il dato relativo alla durata media che dal 2021 al 2022 diminuisce alquanto nel caso di Bologna (da 149 a 60 giorni), in modo moderato a Milano (da 129 a 125) e a Roma (da 104 a 100), mentre aumenta leggermente a Firenze (da 78 a 84). Dall’altra parte l’adp (average daily price, prezzo medio giornaliero) cresce in modo apprezzabile a Firenze (da 67 a 86 euro), in maniera modesto a Milano (da 93 a 95) e a Roma (da 85 a 87) e a un ritmo più sostenuto a Bologna (da 32 a 57 euro).\r\n\r\n“L’incremento della richiesta di soggiorni di lungo-medio termine – afferma Vincenzo Cella, managing director Halldis - va di pari passo con la ripresa del settore degli affitti brevi in generale. E il fatto che le dinamiche tra durata media e prezzi si incrociano in modo coerente, con le prime che si riducono seppur di poco e i secondi che sempre in modo lieve maggiorano, indicano che questa tendenza sarà duratura. Ciò implica per noi gestori professionali la necessità di mettere a punto un modus operandi dedicato, che integri e vada oltre quello per gli short rental (da meno di 30 giorni al solo weekend): un cliente che vuole una casa in affitto per un mese e più, necessita per esempio di un insieme di dotazioni più completo rispetto a quello di chi vi dimora il fine settimana. Anche i portali della distribuzione su cui ci appoggiamo sono differenti, spesso specifici e dedicati: è quindi necessaria una relazione particolare tra noi property manager e i canali.”\r\n\r\n[caption id=\"attachment_437278\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Michele Diamantini,[/caption]\r\n\r\n“Il Covid – aggiunge Michele Diamantini, ceo di Halldis – ha rappresentato un momento di pausa per il settore, ma la ripresa cui assistiamo, con un 2022 superiore ai dati pre-pandemici, dimostra che la formula degli affitti brevi ha margini di crescita notevoli. La richiesta di affitti di medio-lungo termine riflette il nuovo modo di vivere e lavorare: dallo smart working all’affermarsi del fenomeno del cosiddetto bleisure travel (dall’unione di business e leisure); il fatto cioè che un professionista decida di lavorare alcuni periodi dell’anno in un Paese straniero e porti con sé la famiglia, così da conciliare lavoro, relax e turismo di qualità. A maggior ragione ci saranno sempre più da un lato la necessità di una gestione professionale degli immobili e delle proprietà, dall’altro la richiesta di abitazioni costruite e arredate per queste finalità, magari completate da parti comuni, servizi per le attività sportive delle famiglie e gli interessi culturali di ciascuno. Tale tendenza si verificherò non solo nei centri storici delle nostre città, ma in località secondarie, sui laghi o montagne minori: un ambito nel quale spesso sono censite molte delle seconde case. È auspicabile pensare anche a forme flessibili di durata tra short e mid-long term, a tutto vantaggio dei proprietari.”","post_title":"Halldis, affitti brevi: cresce la richiesta per locazioni a medio-lungo periodo","post_date":"2023-01-13T11:00:29+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1673607629000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437000","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" A Singapore è scattato il conto alla rovescia per il Capodanno Cinese che quest’anno si celebra il 22 gennaio e darà inizio all’Anno del Coniglio, uno dei dodici segni dello zodiaco animale tipico della cultura cinese.\r\nAnche quest’anno, quindi, la città-stato darà vita a River Hongbao, l’evento celebrativo della durata di nove giorni che si terrà a Gardens by the Bay, in cui le protagoniste saranno la storia, la cultura e le tradizioni cinesi. Per tutta la sua durata, saranno organizzati eventi culturali, proposte di intrattenimento e show – tutti accompagnati da proposte food tipiche – per festeggiare un momento così importante per la comunità cinese che, dal 1821, è parte integrante e fondamentale della multietnicità della città-stato.\r\nIl 20 gennaio si svolgerà la Opening Ceremony, che segna ufficialmente l’inizio dei festeggiamenti, durante la quale sarà possibile assistere ad esibizioni tradizionali e uniche, avvolti delle tipiche lanterne cinesi che adorneranno le strade di Chinatown.\r\nIl giorno successivo, invece, Gardens by the Bay si animerà con i festeggiamenti del Capodanno, un appuntamento imperdibile per accogliere tutti insieme l’arrivo del nuovo anno, durante il quale singaporiani e turisti internazionali potranno ammirare lo spettacolo di fuochi d’artificio, sincronizzati per creare una sinfonia di colori vividi nel cielo, che segnerà l’arrivo dell’Anno del Coniglio.","post_title":"Singapore pronta per le celebrazioni del Capodanno Cinese: si apre l'Anno del Coniglio","post_date":"2023-01-11T10:03:41+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1673431421000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436779","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto internazionale dell’Umbria – Perugia “San Francesco d’Assisi” traccia un bilancio positivo per il 2022 appena concluso: i 17.309 passeggeri registrati nel mese di dicembre (+35% sul 2021), portano il dato finale di traffico per l'intero anno alla nuova cifra record di 369.224 transiti.\r\n\r\nDopo i primi due mesi che hanno subito le conseguenze negative della pandemia, a partire da marzo lo scalo ha visto il graduale ripristino delle rotte: il mese di luglio, in particolare, ha segnato il nuovo record storico giornaliero (oltre 2.400 passeggeri) mentre agosto ha fatto registrare il nuovo record storico mensile (55.472 passeggeri, +137% sul 2019). A chiusura del terzo trimestre, l’aeroporto dell’Umbria è stato collocato al primo posto in Europa per crescita, grazie ad un incremento di oltre il +125% rispetto allo stesso periodo del 2019.\r\n\r\nDall'aeroporto di Perugia nel 2022 era attivo un network di 17 rotte, operate da 8 compagnie aeree con fino ad oltre 80 voli di linea settimanali. Nel dettaglio, il 67% dei passeggeri è stato registrato su voli internazionali, il 31% su voli nazionali ed il 2% su voli di aviazione generale e charter.\r\n\r\n“Un anno straordinario unico e eccezionale che è stato corredato da ottime performances di servizio erogato a compagnie aeree e passeggeri - ha commentato il direttore generale Umberto Solimeno -. I tempi di attesa media sono stati rispettati e i targets raggiunti in tutte le aree. Abbiamo avuto 43 voli dirottati su altri aeroporti per condizioni meteo avverse che hanno coinvolto circa 5521 passeggeri, confermando comunque la regolarità dei voli al 98,7%. La nostra forza lavoro diretta e indiretta è cresciuta del 30% durante la stagione estiva ed abbiamo inserito in organico 5 nuove unità. I nostri mezzi sono stati rinnovati ed ampliati ed abbiamo iniziato alcune opere nell’ambito della cyber security, digitalizzazione, eco sostenibilità e completato alcuni lavori su infrastrutture come pista, raccordi e perimetrale”.","post_title":"Perugia, l'aeroporto sfiora quota 370.000 passeggeri nel 2022: ed è record","post_date":"2023-01-05T09:00:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1672909248000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436736","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Stati Uniti, Giordania e Giappone. Sono le mete top del 2023 per i viaggiatori italiani. Lo rivela un recente sondaggio del tour operator online Tramundi.  Se gli Usa sono al centro dei desideri di tutti, le altre posizioni in classifica cambiano però a seconda del cluster del campione considerato: le donne sognano infatti Messico e Giappone, mentre gli uomini preferiscono Giordania e Islanda. Dividendo le risposte in base all’età il quadro si fa ancora più interessante: gli appartenenti alla generazione Z (under 26) hanno la Giordania tra le loro mete preferite, i millennials (di età compresa tra i 26 e i 40 anni) gli Usa; la generazione X (tra i 41 e i 55 anni) guarda al Giappone, mentre i cosiddetti Boomer (con più di 55 anni di età) preferiscono Stati Uniti e Messico. Non mancano, nella top ten, mete più vicine: l’Italia è settima nella classifica (resta una certezza anche quando si tratta di sognare), seguita a ruota da Spagna e Portogallo.\r\n\r\nÈ già poi pronto a partire in primavera il 28,8% del campione, mentre il viaggio dei sogni si farà in estate per il 24,6%. Ancora in alto mare nei progetti un italiano su tre, se è vero che il 33,1% di chi ha risposto non sa ancora quando mettersi in viaggio. Autunno e inverno prossimi non sembrano per ora suscitare grande interesse, raccogliendo entrambi poco più del 6% delle risposte. Poco meno di un italiano su quattro (il 23,5%) pensa infine che il viaggio principale dell’anno costerà tra 1.500 e 2.000 euro; vorrebbe invece spendere meno, tra mille e 1.500 euro, il 22,7% dei rispondenti. Sarà una vacanza low cost (meno di mille euro) per il 18,5%, mentre ha già preventivato un budget sostenuto, superiore ai 2 mila euro, il 16% di chi ha risposto al sondaggio. Per tutti gli altri, il budget non è stato ancora impostato.\r\n\r\n“Se il 2022 è stato un anno di viaggi per divertimento, relax e ricongiungimento post-pandemia, i trend mondiali ci dicono che il 2023 sarà l'anno in cui la spinta maggiore sarà quella volta al miglioramento personale - spiega Alberto Basso, general manager di Tramundi -. Le mete più desiderate saranno posti in cui è possibile alternare esperienze da condividere con gli amici a momenti di benessere individuale; i viaggi saranno, inoltre, sempre più rispettosi della sostenibilità ambientale e interessati alla biodiversità dei luoghi visitati. Non è detto che i sogni degli italiani si concretizzeranno per tutti, ma le stime di molti operatori consolidano l’idea del ritorno dei viaggi di lunga percorrenza, dopo anni di una prevalenza delle mete a corto e medio raggio. L’attenzione al budget resta però un tema sentito: l’aumento dei prezzi, in primis dei voli, spingerà gli italiani a fare molto bene i conti prima di partire”.","post_title":"Tramundi: Usa, Giordania e Giappone le mete top del 2023","post_date":"2023-01-04T10:06:09+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1672826769000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436498","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435710\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] La Msc Seascape a New York il giorno del suo battesimo ufficiale[/caption]\r\n\r\nPer ora si tratta solo di un memorandum d'intesa non vincolante ma Msc Crociere continua a puntare forte sul mercato Usa e ora pensa a un nuovo terminal nella texana Galveston, che diventerebbe così il quarto home port statunitense della compagnia dopo Miami, Port Canaveral e New York (quest'ultimo operativo da aprile 2023). Il documento appena firmato con Galveston Wharves, racconta Travel Weekly, definirebbe i parametri di un potenziale accordo definitivo per lo sviluppo e la gestione operativa di un nuovo terminal compreso tra i moli 16 e 18 dello scalo texano.\r\n\r\nGalveston sta peraltro attirando parecchie attenzioni da parte del mondo crocieristico. Solo lo scorso novembre, Royal Caribbean ha infatti aperto un proprio terminal a emissioni zero da 125 milioni di dollari, dove ormeggerà la Allure of the Seas per l'inverno e l'estate 2022-23, prima di essere riposizionata in Florida. Nel 2024 sarà invece la volta della Harmony of the Seas di fare base in Texas. Anche Princess Cruises, dopo sei anni di assenza, è tornata a Galveston con la Ruby Princess, che da lì partirà per crociere da 11 giorni la maggior parte delle quali verso i Caraibi occidentali, nonché per un itinerario di 16 giorni attraverso il canale di Panama, fino a San Francisco.","post_title":"Msc sempre più a stelle e strisce. In arrivo un nuovo terminal nella texana Galveston","post_date":"2022-12-23T10:27:36+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1671791256000]}]}}

Lascia un commento