5 February 2023

1675

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Consulente turistico con vasta esperienza gestione agenzie di viaggi e tour operator, propone servizi di consulenza a società turistiche: analisi dell’andamenti, strategie di rilancio, creazione business plan, rinegoziazione del debito.
Informazioni dettagliate a mezzo email: r.necci75@gmail.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438577 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France alza la posta sul Canada con il lancio di un nuovo collegamento per Ottawa, unico volo diretto verso la capitale canadese dall'Europa. Durante la prossima estate saliranno così fino a 50 i voli settimanali della compagnia aerea verso 5 destinazioni in Canada: oltre a Ottawa ci sono infatti Quebec City (nuovo servizio nel 2022), Montreal, Toronto e Vancouver (destinazioni servite tutto l'anno da Air France). Il servizio tra Paris-Charles de Gaulle e Ottawa Macdonald-Cartier decollerà il prossimo 27 giugno e sarà operato cinque volte alla settimana - lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica - con Airbus A330-200 configurato con 224 posti (36 in Business, 21 in Premium Economy e 167 in Economy). La Parigi-Quebec City riprenderà quest'anno dal 2 maggio, con tre frequenze settimanali operate da Boeing 787-9 il martedì, il venerdì e la domenica. Verranno inoltre incrementati i voli verso le destinazioni servite tutto l'anno da Air France, aumentando la capacità di volo complessiva verso il Canada di oltre il 25% rispetto al 2019. Di conseguenza, Air France collegherà i viaggiatori tra l’ hub di Parigi-Charles de Gaulle e: Montreal con un massimo di tre voli giornalieri; Toronto con due voli giornalieri; Vancouver con un volo giornaliero. Anche Klm propone un operativo significativo sulle rotte per il Canada: da Amsterdam-Schiphol per Toronto con fino a 13 voli settimanali, Calgary con 7 voli settimanali, Vancouver con un massimo di 7 voli settimanali, Montreal con un massimo di 5 voli settimanali, Edmonton con fino a 4 voli settimanali. Un servizio di autobus Klm collega Montreal-Trudeau a Ottawa. [post_title] => Air France vola a Ottawa: sale del 25% la capacità offerta sulle rotte per il Canada [post_date] => 2023-02-03T09:08:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675415297000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437707 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Da una parte l'attesa per il via libera del Mef che porterà all'avvio della trattativa in esclusiva con Lufthansa. Dall'altra l'inasprirsi dei rapporti con i sindacati sul fronte delle retribuzioni del personale navigante. Ita Airways affronta l'ennesimo ostacolo dopo l'incontro dello scorso venerdì con le rappresentanze sociali. Secondo queste ultime gli stipendi sono stati dimezzati rispetto a quelli di Alitalia. Che al tempo del passaggio a Cai erano ampiamente al di sotto a quelli della compagnia di bandiera. In pratica, come evidenzia il Sole 24 Ore, la retribuzione sarebbe sul livello di una start up. Nell’accordo raggiunto con i sindacati il 2 dicembre 2021, su valori inferiori anche rispetto a quanto percepito dai colleghi delle low cost.  Chiesta l'applicazione del ccnl del trasporto Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt e Uglta nel sollecitare un aumento delle retribuzioni, con la piena applicazione del Ccnl del trasporto aereo, hanno prodotto delle slides al tavolo con l’azienda. Un comandante di Ita Airways con 15 anni di anzianità 18 giorni di lavoro in un mese e 70 ore di volo ha una retribuzione lorda di 6.500 euro (93 euro per ora volata). Contro le 11.520 di Ryanair (165 euro per ora di volo), 15.200 di easyJet (217 euro per ora), 8.700 di Wizz Air (124 euro), 13.900 di Vueling (199 euro). I sindacati spiegano che, rispetto a dicembre 2021, quando era stato siglato l’accordo start up di Ita Airways, la realtà è del tutto cambiata. Il settore è ripartito, recuperando quasi i livelli di traffico pre pandemia. Di conseguenza questi livelli retributivi non sono più giustificati né accettabili. Tutte le sigle hanno quindi deciso di attivare una forma di allarme. «Le procedure di raffreddamento e conciliazione - quelle che anticipano la dichiarazione di uno sciopero - per rivendicare formalmente quanto richiesto. Ricorrendo a tutte le azioni per traguardare i risultati attesi, coerenti con le aspettative e a tutela di tutti i dipendenti». Il nuovo incontro è programmato per il prossimo 31 gennaio.   [post_title] => Ita: scontro coi sindacati su stipendi. Piloti pagati meno delle low cost [post_date] => 2023-01-23T09:30:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674466258000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436884 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Thailandia fa marcia indietro sull'obbligo di vaccinazione per entrare nel Paese: nell'arco di neppure 48 ore il governo ha dapprima reintegrato l'obbligo, sabato 7 gennaio, per poi revocarlo stamattina, 9 gennaio. Il ministro della Sanità, Anutin Charnvirakul, ha motivato la decisione definendo i livelli di immunizzazione, in Cina e nel mondo, sufficienti. Secondo quanto riportato da Reuters, il ministro ha chiarito che l'obbligo di mostrare la prova della vaccinazione "era scomodo e che un gruppo di esperti ha deciso che non era più necessario in quanto a livello globale erano state somministrate vaccinazioni sufficienti". Ai visitatori non vaccinati sarà quindi consentito l'ingresso in Thailandia senza restrizioni. Ripresa del turismo La Thailandia sta beneficiando di un nuovo afflusso di turisti durante la sua prima stagione di punta da quando, lo scorso anno, sono state rimosse le severe restrizioni all'ingresso. A novembre ha totalizzato 1,75 milioni di visitatori, il quadruplo rispetto all'intero anno scorso. Anutin ha dichiarato che la Thailandia si aspetta ora 7-10 milioni di visitatori cinesi, rispetto a una stima precedente di 5 milioni. L'ente del turismo thailandese prevede che il numero di arrivi per l'anno scorso abbia superato gli 11,5 milioni, poco più di un quarto del record di quasi 40 milioni del 2019 pre-pandemia. [post_title] => La Thailandia cambia ancora le norme: rimosso l'obbligo di vaccinazione [post_date] => 2023-01-09T10:41:50+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673260910000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436841 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair prevede un risultato positivo migliore del previsto per l'anno fiscale che si chiuderà il prossimo 31 marzo: la low cost irlandese ha rivisto infatti al rialzo la previsione di utile, forte della domanda di voli più alta delle stime nel periodo natalizio e di Capodanno. I profitti saranno dunque compresi tra 1,35 e 1,45 miliardi di euro, contro la precedente forchetta di 1-1,2 miliardi. "Per la prima volta in tre anni, la domanda è stata solida nel periodo delle festività e non ha risentito del Covid e del conflitto in Ucraina. Questo ha generato un picco superiore alle attese di traffico e tariffe tra Natale e Capodanno», spiega la compagnia. Gli analisti seguono con attenzione ogni segnale di potenziale indebolimento della domanda di voli a fronte dell'incertezza economica che coinvolge l'intera Europa. Finora la voglia di viaggiare ha avuto la meglio sulla crisi economica e il picco dell'inflazione, nonostante molte compagnie aeree abbiano aumentato i prezzi dei biglietti. "A conti fatti, per il momento la domanda di viaggi a corto raggio in Europa rimane in buona salute e siamo sempre più ottimisti in vista della prossima stagione delle trimestrali", spiegano gli analisti di Bernstein ripresi dal Financial Times. Ryanair ha poi avvertito che le nuove previsioni sono "fortemente dipendenti dalla possibilità di evitare eventi avversi" nei primi tre mesi del 2023, come un peggioramento della guerra in Ucraina o nuovi sviluppi della pandemia. La low cost ha anche aggiunto di aspettarsi una perdita nei primi tre mesi dell'anno, tradizionalmente il trimestre più debole, considerato che la Pasqua cadrà soltanto in aprile. [post_title] => Ryanair rivede al rialzo la previsione di utile, che si attesterà tra 1,35 e 1,45 miliardi di euro [post_date] => 2023-01-05T12:09:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672920560000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435712 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è anche il l'operatore italiano open air Club del Sole tra i 165 nuovi membri della European Tourism Association (Etoa), l'associazione di categoria del Vecchio continente che conta più di 1.200 organizzazioni aderenti fra tour operator, operatori online, intermediari, enti turistici, hotel e altri fornitori di servizi commerciali e turistici. “Il nostro ingresso in Etoa è un significativo passo che porta Club del Sole oltre i confini italiani e ci offre un’occasione di dialogo costante con i colleghi della filiera turistica internazionale - sottolinea Angelo Cartelli, direttore generale della compagnia -. Ci sentiamo parte attiva della comunità di professionisti che lavorano per l’industria più bella di tutte, il turismo, e consideriamo questo ingresso come un’opportunità di crescita, confronto e dialogo, umano e professionale. Porteremo nell’associazione il nostro format di vacanza all’aria aperta che offre ai nostri ospiti esperienze di ospitalità complete e integrate; porteremo nell’associazione il nostro modello sostenibile di sistema con i territori dove sono situati i nostri villaggi, territori di cui ci sentiamo cittadini attivi e ambasciatori sempre in prima linea quando c’è da difenderne e valorizzarne i loro giacimenti naturali, artistici, culturali. Con particolare riguardo al tema della sostenibilità, umana e ambientale, fondamentale anche per Etoa”. [post_title] => Club del Sole entra in Etoa. Cartelli: "Una passo significativo che ci porta oltre i confini italiani" [post_date] => 2022-12-12T10:05:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670839542000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa. Il percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea. Oltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea. Il progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale.  Il format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché "è su questa linea che si è fatta l’Italia" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone.  La mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana. [post_title] => Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni” [post_date] => 2022-12-07T15:28:06+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670426886000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435128 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435146" align="alignleft" width="300"] Il Dream Downtown di New York[/caption] Nuovi sviluppi per il gruppo Hyatt, che ha appena firmato un accordo per l'acquisizione di Dream Hotel. L'operazione dovrebbe chiudersi nei prossimi mesi, mentre i costi della transazione saranno suddivisi in due tranche distinte: una base da 125 milioni di dollari relativa alle 12 proprietà attualmente già comprese nel portfolio della compagnia fondata da Sant Singh Chatwal e operate con i brand Dream, The Chatwal e Unscripted. Ulteriori 175 milioni, per un totale di 300 milioni, sarebbero poi previsti alla firma dei contratti di management a lungo termine per ulteriori 24 strutture in pipeline. Dopo la conclusione dell'operazione, Chatwal rimarrà proprietario di quattro degli hotel Dream già esistenti e di altri due in fase di apertura. Allo stesso tempo il ceo di Dream, Jay Stein, entrerà in Hyatt come responsabile del marchio appena acquisito. Medesima sorte per un buon numero di altri manager della compagnia di Chatwal, con i chief development officer e chief operating officer, David Kuperberg e Michael Lindenbaum, che in particolare diventeranno rispettivamente responsabile dello sviluppo e capo delle operazioni globali di Dream Hotels. L'accordo è solo l'ultimo di una sostanziosa serie di operazioni portate avanti dal gruppo Hyatt a partire dal 2018, quando la compagnia acquisì Two Roads Hospitality, con i suoi brand Joie De Vivre e Alila. L'anno scorso è stata invece la volta dell'Apple Leisure Group, passato in Hyatt grazie a una transazione da 2,7 miliardi di dollari. Sempre dell'anno scorso è inoltre la firma di una collaborazione esclusiva con il gruppo tedesco Lindner Hotels & Resorts, che ha portato all'aggiunta in portfolio di 30 strutture europee lo scorso ottobre. Tutti questi accordi, ha rivelato il presidente e ceo di Hyatt, Mark Hoplamazian, hanno un importante comune denominatore: la capacità di diversificare il portfolio del gruppo, senza dover ricorrere a investimenti real estate.  In particolare, racconta Hotels News Now, le operazioni precedenti sarebbero state rese possibili in larga parte dalla vendite di una serie di hotel precedentemente di proprietà Hyatt, mentre l'accordo Dream Hotel poggerebbe anche sulle risorse rese disponibili da un 2022 record in termini di profitti. Con quest'ultima acquisizione il gruppo di Hoplamazian dovrebbe aggiungere oltre 1.700 camere al proprio portfolio, incrementando tra l'altro l'offerta di più del 30% in una destinazione chiave come New York. Secondo le prime stime, le 12 proprietà già operative sarebbero destinate a generare 12 milioni di dollari annui in management fee per Hyatt, mentre le altre due dozzine di hotel in pipeline potrebbero garantire 27 milioni di ulteriori entrate. [post_title] => Prosegue la politica di acquisizioni del gruppo Hyatt: ora è la volta di Dream Hotel [post_date] => 2022-11-30T13:09:20+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669813760000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434659 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Qantas prevede un miglioramento dei profitti per la prima metà dell'anno fiscale 2022-23, che si concluderà il prossimo 31 dicembre: si tratta di un utile al lordo delle imposte compreso tra 1,35 e 1,45 miliardi di dollari australiani, in altre parole, un aumento di 150 milioni di dollari australiani rispetto all'intervallo di profitto indicato all'inizio dell'ottobre scorso. La compagnia aerea attribuisce l'aumento al balzo in avanti della domanda di viaggio, con i consumatori disposti a privilegiare le spese di viaggio rispetto ad altre categorie di spesa. Qantas ha precisato che i costi del carburante rimangono significativamente elevati rispetto all'anno fiscale precedente e si prevede che raggiungeranno circa 5 miliardi di dollari australiani durante l'intero esercizio, un record per il Gruppo, nonostante la capacità internazionale sia inferiore di circa il 30% rispetto ai livelli pre-Covid.   Il Gruppo conferma di proseguire nell'aumento di capacità offerta il più rapidamente possibile nella seconda metà dell'anno, mantenendo al contempo l'affidabilità operativa. [post_title] => Qantas: stima al rialzo per i profitti del semestre grazie al boom della domanda di viaggio [post_date] => 2022-11-24T09:45:46+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669283146000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433761 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Arriveranno nelle casse di Ita Airways entro fine novembre i 400 milioni di euro garantiti dall'aumento di capitale per cui ieri, durante l'assemblea dei soci, il Ministero dell'economia ha dato il via libera. L'iniezione di liquidità rientra nel pacchetto di 1,35 miliardi già approvati dall’Antitrust dell'Unione europea, alla nascita della compagnia. Durante l'assemblea è stato inoltre modificato lo statuto del vettore così da ridurre i componenti del cda da un minimo di tre fino a un massimo di 9 componenti (prima potevano essere da 7 a 11). Il ministero ha introdotto anche la clausola per cui se si dimette la maggioranza dei consiglieri decade l’intero consiglio, in modalità retroattiva: per cui dopo le dimissioni di 6 consiglieri di Ita Airways (lo scorso marzo) e le dimissioni del presidente Alfredo Altavilla e della consigliere Frances Ouseley, l’attuale cda è praticamente decaduto.  Le nomine di nuovi presidente e consiglieri (che saranno probabilmente quattro) sono rinviate alla prossima assemblea dei soci, che si riunirà in seduta ordinaria martedì prossimo. La gestione ordinaria della compagnia aerea resta per ora nelle mani dell’amministratore delegato Fabio Lazzerini.   [post_title] => Ita Airways: arrivano i 400 milioni di aumento di capitale. Cda tutto da rifare [post_date] => 2022-11-09T08:50:21+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667983821000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1675" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":75,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438577","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France alza la posta sul Canada con il lancio di un nuovo collegamento per Ottawa, unico volo diretto verso la capitale canadese dall'Europa. Durante la prossima estate saliranno così fino a 50 i voli settimanali della compagnia aerea verso 5 destinazioni in Canada: oltre a Ottawa ci sono infatti Quebec City (nuovo servizio nel 2022), Montreal, Toronto e Vancouver (destinazioni servite tutto l'anno da Air France).\r\nIl servizio tra Paris-Charles de Gaulle e Ottawa Macdonald-Cartier decollerà il prossimo 27 giugno e sarà operato cinque volte alla settimana - lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica - con Airbus A330-200 configurato con 224 posti (36 in Business, 21 in Premium Economy e 167 in Economy).\r\nLa Parigi-Quebec City riprenderà quest'anno dal 2 maggio, con tre frequenze settimanali operate da Boeing 787-9 il martedì, il venerdì e la domenica. Verranno inoltre incrementati i voli verso le destinazioni servite tutto l'anno da Air France, aumentando la capacità di volo complessiva verso il Canada di oltre il 25% rispetto al 2019. Di conseguenza, Air France collegherà i viaggiatori tra l’ hub di Parigi-Charles de Gaulle e: Montreal con un massimo di tre voli giornalieri; Toronto con due voli giornalieri; Vancouver con un volo giornaliero.\r\n\r\nAnche Klm propone un operativo significativo sulle rotte per il Canada: da Amsterdam-Schiphol per Toronto con fino a 13 voli settimanali, Calgary con 7 voli settimanali, Vancouver con un massimo di 7 voli settimanali, Montreal con un massimo di 5 voli settimanali, Edmonton con fino a 4 voli settimanali. Un servizio di autobus Klm collega Montreal-Trudeau a Ottawa.","post_title":"Air France vola a Ottawa: sale del 25% la capacità offerta sulle rotte per il Canada","post_date":"2023-02-03T09:08:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675415297000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437707","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Da una parte l'attesa per il via libera del Mef che porterà all'avvio della trattativa in esclusiva con Lufthansa. Dall'altra l'inasprirsi dei rapporti con i sindacati sul fronte delle retribuzioni del personale navigante. Ita Airways affronta l'ennesimo ostacolo dopo l'incontro dello scorso venerdì con le rappresentanze sociali. Secondo queste ultime gli stipendi sono stati dimezzati rispetto a quelli di Alitalia. Che al tempo del passaggio a Cai erano ampiamente al di sotto a quelli della compagnia di bandiera. In pratica, come evidenzia il Sole 24 Ore, la retribuzione sarebbe sul livello di una start up. Nell’accordo raggiunto con i sindacati il 2 dicembre 2021, su valori inferiori anche rispetto a quanto percepito dai colleghi delle low cost. \r\n\r\nChiesta l'applicazione del ccnl del trasporto\r\nFilt Cgil, Fit Cisl, Uilt e Uglta nel sollecitare un aumento delle retribuzioni, con la piena applicazione del Ccnl del trasporto aereo, hanno prodotto delle slides al tavolo con l’azienda. Un comandante di Ita Airways con 15 anni di anzianità 18 giorni di lavoro in un mese e 70 ore di volo ha una retribuzione lorda di 6.500 euro (93 euro per ora volata). Contro le 11.520 di Ryanair (165 euro per ora di volo), 15.200 di easyJet (217 euro per ora), 8.700 di Wizz Air (124 euro), 13.900 di Vueling (199 euro).\r\nI sindacati spiegano che, rispetto a dicembre 2021, quando era stato siglato l’accordo start up di Ita Airways, la realtà è del tutto cambiata. Il settore è ripartito, recuperando quasi i livelli di traffico pre pandemia. Di conseguenza questi livelli retributivi non sono più giustificati né accettabili. Tutte le sigle hanno quindi deciso di attivare una forma di allarme. «Le procedure di raffreddamento e conciliazione - quelle che anticipano la dichiarazione di uno sciopero - per rivendicare formalmente quanto richiesto. Ricorrendo a tutte le azioni per traguardare i risultati attesi, coerenti con le aspettative e a tutela di tutti i dipendenti».\r\n\r\nIl nuovo incontro è programmato per il prossimo 31 gennaio.\r\n ","post_title":"Ita: scontro coi sindacati su stipendi. Piloti pagati meno delle low cost","post_date":"2023-01-23T09:30:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674466258000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436884","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Thailandia fa marcia indietro sull'obbligo di vaccinazione per entrare nel Paese: nell'arco di neppure 48 ore il governo ha dapprima reintegrato l'obbligo, sabato 7 gennaio, per poi revocarlo stamattina, 9 gennaio. Il ministro della Sanità, Anutin Charnvirakul, ha motivato la decisione definendo i livelli di immunizzazione, in Cina e nel mondo, sufficienti.\r\n\r\nSecondo quanto riportato da Reuters, il ministro ha chiarito che l'obbligo di mostrare la prova della vaccinazione \"era scomodo e che un gruppo di esperti ha deciso che non era più necessario in quanto a livello globale erano state somministrate vaccinazioni sufficienti\". Ai visitatori non vaccinati sarà quindi consentito l'ingresso in Thailandia senza restrizioni.\r\nRipresa del turismo\r\nLa Thailandia sta beneficiando di un nuovo afflusso di turisti durante la sua prima stagione di punta da quando, lo scorso anno, sono state rimosse le severe restrizioni all'ingresso. A novembre ha totalizzato 1,75 milioni di visitatori, il quadruplo rispetto all'intero anno scorso. Anutin ha dichiarato che la Thailandia si aspetta ora 7-10 milioni di visitatori cinesi, rispetto a una stima precedente di 5 milioni.\r\n\r\nL'ente del turismo thailandese prevede che il numero di arrivi per l'anno scorso abbia superato gli 11,5 milioni, poco più di un quarto del record di quasi 40 milioni del 2019 pre-pandemia.","post_title":"La Thailandia cambia ancora le norme: rimosso l'obbligo di vaccinazione","post_date":"2023-01-09T10:41:50+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1673260910000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436841","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair prevede un risultato positivo migliore del previsto per l'anno fiscale che si chiuderà il prossimo 31 marzo: la low cost irlandese ha rivisto infatti al rialzo la previsione di utile, forte della domanda di voli più alta delle stime nel periodo natalizio e di Capodanno. I profitti saranno dunque compresi tra 1,35 e 1,45 miliardi di euro, contro la precedente forchetta di 1-1,2 miliardi.\r\n\"Per la prima volta in tre anni, la domanda è stata solida nel periodo delle festività e non ha risentito del Covid e del conflitto in Ucraina. Questo ha generato un picco superiore alle attese di traffico e tariffe tra Natale e Capodanno», spiega la compagnia.\r\nGli analisti seguono con attenzione ogni segnale di potenziale indebolimento della domanda di voli a fronte dell'incertezza economica che coinvolge l'intera Europa. Finora la voglia di viaggiare ha avuto la meglio sulla crisi economica e il picco dell'inflazione, nonostante molte compagnie aeree abbiano aumentato i prezzi dei biglietti. \"A conti fatti, per il momento la domanda di viaggi a corto raggio in Europa rimane in buona salute e siamo sempre più ottimisti in vista della prossima stagione delle trimestrali\", spiegano gli analisti di Bernstein ripresi dal Financial Times.\r\nRyanair ha poi avvertito che le nuove previsioni sono \"fortemente dipendenti dalla possibilità di evitare eventi avversi\" nei primi tre mesi del 2023, come un peggioramento della guerra in Ucraina o nuovi sviluppi della pandemia. La low cost ha anche aggiunto di aspettarsi una perdita nei primi tre mesi dell'anno, tradizionalmente il trimestre più debole, considerato che la Pasqua cadrà soltanto in aprile.","post_title":"Ryanair rivede al rialzo la previsione di utile, che si attesterà tra 1,35 e 1,45 miliardi di euro","post_date":"2023-01-05T12:09:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1672920560000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435712","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è anche il l'operatore italiano open air Club del Sole tra i 165 nuovi membri della European Tourism Association (Etoa), l'associazione di categoria del Vecchio continente che conta più di 1.200 organizzazioni aderenti fra tour operator, operatori online, intermediari, enti turistici, hotel e altri fornitori di servizi commerciali e turistici.\r\n\r\n“Il nostro ingresso in Etoa è un significativo passo che porta Club del Sole oltre i confini italiani e ci offre un’occasione di dialogo costante con i colleghi della filiera turistica internazionale - sottolinea Angelo Cartelli, direttore generale della compagnia -. Ci sentiamo parte attiva della comunità di professionisti che lavorano per l’industria più bella di tutte, il turismo, e consideriamo questo ingresso come un’opportunità di crescita, confronto e dialogo, umano e professionale. Porteremo nell’associazione il nostro format di vacanza all’aria aperta che offre ai nostri ospiti esperienze di ospitalità complete e integrate; porteremo nell’associazione il nostro modello sostenibile di sistema con i territori dove sono situati i nostri villaggi, territori di cui ci sentiamo cittadini attivi e ambasciatori sempre in prima linea quando c’è da difenderne e valorizzarne i loro giacimenti naturali, artistici, culturali. Con particolare riguardo al tema della sostenibilità, umana e ambientale, fondamentale anche per Etoa”.","post_title":"Club del Sole entra in Etoa. Cartelli: \"Una passo significativo che ci porta oltre i confini italiani\"","post_date":"2022-12-12T10:05:42+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670839542000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa.\r\n\r\nIl percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea.\r\n\r\nOltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea.\r\n\r\nIl progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale. \r\n\r\nIl format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché \"è su questa linea che si è fatta l’Italia\" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone. \r\n\r\nLa mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana.","post_title":"Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”","post_date":"2022-12-07T15:28:06+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670426886000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435128","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435146\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Dream Downtown di New York[/caption]\r\n\r\nNuovi sviluppi per il gruppo Hyatt, che ha appena firmato un accordo per l'acquisizione di Dream Hotel. L'operazione dovrebbe chiudersi nei prossimi mesi, mentre i costi della transazione saranno suddivisi in due tranche distinte: una base da 125 milioni di dollari relativa alle 12 proprietà attualmente già comprese nel portfolio della compagnia fondata da Sant Singh Chatwal e operate con i brand Dream, The Chatwal e Unscripted. Ulteriori 175 milioni, per un totale di 300 milioni, sarebbero poi previsti alla firma dei contratti di management a lungo termine per ulteriori 24 strutture in pipeline. Dopo la conclusione dell'operazione, Chatwal rimarrà proprietario di quattro degli hotel Dream già esistenti e di altri due in fase di apertura.\r\nAllo stesso tempo il ceo di Dream, Jay Stein, entrerà in Hyatt come responsabile del marchio appena acquisito. Medesima sorte per un buon numero di altri manager della compagnia di Chatwal, con i chief development officer e chief operating officer, David Kuperberg e Michael Lindenbaum, che in particolare diventeranno rispettivamente responsabile dello sviluppo e capo delle operazioni globali di Dream Hotels.\r\n\r\nL'accordo è solo l'ultimo di una sostanziosa serie di operazioni portate avanti dal gruppo Hyatt a partire dal 2018, quando la compagnia acquisì Two Roads Hospitality, con i suoi brand Joie De Vivre e Alila. L'anno scorso è stata invece la volta dell'Apple Leisure Group, passato in Hyatt grazie a una transazione da 2,7 miliardi di dollari. Sempre dell'anno scorso è inoltre la firma di una collaborazione esclusiva con il gruppo tedesco Lindner Hotels & Resorts, che ha portato all'aggiunta in portfolio di 30 strutture europee lo scorso ottobre. Tutti questi accordi, ha rivelato il presidente e ceo di Hyatt, Mark Hoplamazian, hanno un importante comune denominatore: la capacità di diversificare il portfolio del gruppo, senza dover ricorrere a investimenti real estate. \r\n\r\nIn particolare, racconta Hotels News Now, le operazioni precedenti sarebbero state rese possibili in larga parte dalla vendite di una serie di hotel precedentemente di proprietà Hyatt, mentre l'accordo Dream Hotel poggerebbe anche sulle risorse rese disponibili da un 2022 record in termini di profitti. Con quest'ultima acquisizione il gruppo di Hoplamazian dovrebbe aggiungere oltre 1.700 camere al proprio portfolio, incrementando tra l'altro l'offerta di più del 30% in una destinazione chiave come New York. Secondo le prime stime, le 12 proprietà già operative sarebbero destinate a generare 12 milioni di dollari annui in management fee per Hyatt, mentre le altre due dozzine di hotel in pipeline potrebbero garantire 27 milioni di ulteriori entrate.","post_title":"Prosegue la politica di acquisizioni del gruppo Hyatt: ora è la volta di Dream Hotel","post_date":"2022-11-30T13:09:20+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669813760000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434659","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Gruppo Qantas prevede un miglioramento dei profitti per la prima metà dell'anno fiscale 2022-23, che si concluderà il prossimo 31 dicembre: si tratta di un utile al lordo delle imposte compreso tra 1,35 e 1,45 miliardi di dollari australiani, in altre parole, un aumento di 150 milioni di dollari australiani rispetto all'intervallo di profitto indicato all'inizio dell'ottobre scorso.\r\n\r\nLa compagnia aerea attribuisce l'aumento al balzo in avanti della domanda di viaggio, con i consumatori disposti a privilegiare le spese di viaggio rispetto ad altre categorie di spesa.\r\n\r\nQantas ha precisato che i costi del carburante rimangono significativamente elevati rispetto all'anno fiscale precedente e si prevede che raggiungeranno circa 5 miliardi di dollari australiani durante l'intero esercizio, un record per il Gruppo, nonostante la capacità internazionale sia inferiore di circa il 30% rispetto ai livelli pre-Covid.\r\n\r\n \r\n\r\nIl Gruppo conferma di proseguire nell'aumento di capacità offerta il più rapidamente possibile nella seconda metà dell'anno, mantenendo al contempo l'affidabilità operativa.","post_title":"Qantas: stima al rialzo per i profitti del semestre grazie al boom della domanda di viaggio","post_date":"2022-11-24T09:45:46+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669283146000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433761","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Arriveranno nelle casse di Ita Airways entro fine novembre i 400 milioni di euro garantiti dall'aumento di capitale per cui ieri, durante l'assemblea dei soci, il Ministero dell'economia ha dato il via libera. L'iniezione di liquidità rientra nel pacchetto di 1,35 miliardi già approvati dall’Antitrust dell'Unione europea, alla nascita della compagnia.\r\n\r\nDurante l'assemblea è stato inoltre modificato lo statuto del vettore così da ridurre i componenti del cda da un minimo di tre fino a un massimo di 9 componenti (prima potevano essere da 7 a 11). Il ministero ha introdotto anche la clausola per cui se si dimette la maggioranza dei consiglieri decade l’intero consiglio, in modalità retroattiva: per cui dopo le dimissioni di 6 consiglieri di Ita Airways (lo scorso marzo) e le dimissioni del presidente Alfredo Altavilla e della consigliere Frances Ouseley, l’attuale cda è praticamente decaduto. \r\n\r\n\r\n\r\n\r\nLe nomine di nuovi presidente e consiglieri (che saranno probabilmente quattro) sono rinviate alla prossima assemblea dei soci, che si riunirà in seduta ordinaria martedì prossimo. La gestione ordinaria della compagnia aerea resta per ora nelle mani dell’amministratore delegato Fabio Lazzerini.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n ","post_title":"Ita Airways: arrivano i 400 milioni di aumento di capitale. Cda tutto da rifare","post_date":"2022-11-09T08:50:21+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1667983821000]}]}}

Lascia un commento