2 October 2022

1591

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agenzia viaggi specializzata in business travel ed eventi, seleziona collaboratori adv esterni con proprio portafoglio clienti, per condivisione di solo fatturato/commissioni (gruppi e/o leisure). La partita Iva è gradita ma non requisito essenziale.
Per info e contatti scrivere: ar@goldenstartour.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431210 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anticipazioni esclusive sulla programmazione della prossima estate e la presentazione delle nuove mete nonché delle strutture selezionate per la stagione invernale che sta per arrivare. Ota Viaggi sarà presente al prossimo Ttg di Rimini, in programma dal 12 al 14 ottobre (pad C3 - stand 190-191). Per l'occasione è prevista anche una conferenza stampa dedicata alla nuova stagione e tenuta dal direttore commerciale Massimo Diana, dal titolo: "Estate 2023: la nuova sfida per Ota Viaggi. Un mare Italia da organizzare". [post_title] => Ota Viaggi sarà a Rimini con le novità per l'inverno e le anticipazioni sulla prossima estate [post_date] => 2022-09-28T09:28:45+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664357325000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430542 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli stranieri tornano in Italia in massa: nei primi sei mesi del 2022 hanno speso 15,9 miliardi di euro, in aumento del 308% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (3,9 mld). Nel confronto con il primo anno della pandemia (6,2 mld), l'incremento è del 155,1%, grazie ai mesi precedenti l'arrivo del covid (gennaio e febbraio). E' quanto emerge dalle tabelle della Banca d'Italia che accompagnano l'indagine sul turismo internazionale. La bilancia dei pagamenti turistica mostra che i turisti italiani andati all'estero, nel primo semestre, hanno speso 9 miliardi, in aumento del 142,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (3,7 mld). L'incremento rispetto ai primi sei mesi del 2020, quando gli italiani hanno speso 5,2 miliardi di euro, è invece del 71%. Il saldo risulta positivo per 6,8 miliardi di euro, un valore che è difficile confrontare con l'anno precedente (159 mln) e con il 2020 (935 mln). Analizzando i trimestri emerge che nei primi tre mesi dell'anno la spesa degli stranieri è stata pari a 5,1 miliardi, a cui si sommano 10,8 miliardi del secondo trimestre. Mentre la spesa dei viaggiatori italiani nei primi tre mesi del 2022 è stata di 3,4 miliardi, a cui vanno sommati altri 5,6 miliardi del secondo trimestre. Secondo Bankitalia lo scorso giugno la bilancia dei pagamenti turistica dell'Italia ha registrato un avanzo di 2,5 miliardi di euro (da 0,4 mld nello stesso mese del 2021), lievemente superiore ai livelli pre-pandemici del 2019. ''Grazie alla completa revoca delle restrizioni all'ingresso'', le entrate turistiche (4,6 miliardi) sono state pari a circa tre volte quelle dell'anno precedente; le uscite (pari a 2,1 miliardi) sono raddoppiate. [post_title] => Bankitalia certifica il boom del turismo straniero. Spesi 15,9 miliardi [post_date] => 2022-09-15T14:49:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663253361000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429227 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_429236" align="alignleft" width="300"] Il Son Antem, Autograph Collection[/caption] Un colosso da quasi 1,5 milioni di camere come il gruppo Marriott apre inevitabilmente hotel con un ritmo pressoché quotidiano. Nelle ultime settimane sono cinque in particolare le new entry europee della compagnia degne di nota: in Germania è arrivato per esempio il Four Points by Sheraton Munich Arabellapark: una struttura da 446 camere, declinate in monolocali e suite dotati di angolo cottura completamente attrezzato e balcone, situata nel cuore dell'Arabellapark di Monaco di Baviera. L'hotel dispone anche della spa più alta della città, al ventiduesimo piano dell'edificio, con piscina coperta, sauna e centro fitness. In Spagna, le new entry da segnalare sono invece due: in Catalogna ha aperto alle porte di Barcellona il Sabàtic, Sitges, Autograph Collection. Provvisto di 90 suite con balcone o terrazza vista mare, l'albergo include anche un ristorante guidato da chef Rafa Peña, nonché una piscina all'aperto adults only. Nel cuore di Maiorca, a Migjorn, la novità è poi rappresentata dal Son Antem, Autograph Collection, che con le sue 151 camere è circondato dal tranquillo paesaggio delle Baleari. La struttura è dotata di cinque diversi ristoranti, nonché di un'area benessere, di una piscina all'aperto, di una terrazza esterna e di un negozio di artigianato locale in ceramica. In Svizzera l'ultimo arrivato è il Geneva Marriott Hotel. Con un design ispirato alla storia dei pionieri dell'aviazione, Armand e Henri Dufaux, la struttura si trova a soli 10 minuti a piedi dall'aeroporto ed è ben collegato al centro città. A disposizione degli ospiti, 261 camere e suite, il ristorante e bar Moments – Social Eatery con cucina a vista, un rooftop bar e l'M Club, lo spazio l'esclusivo riservato a chi prenota una camera executive o superiore con terrazza privata. A completare l'offerta 1.500 metri quadrati di spazi per riunioni ed eventi e un centro fitness. Infine, in Olanda il College Hotel Amsterdam è entrato a far parte della Autograph Collection. Ricavato dalla conversione di uno storico edificio scolastico di oltre 125 anni, a cura dell'architetto W.J. Groot, l'albergo dispone di 40 camere, bar e terrazza, nonché del Mondi Caribbean Cuisine Restaurant & Terrace, che offre un'esperienza culinaria di soulfood caraibico con un tocco francese [post_title] => Germania, Spagna, Olanda e Svizzera: le più recenti aperture europee del gruppo Marriott [post_date] => 2022-08-02T11:39:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659440342000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429162 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ras Al Khaimah traccia un bilancio molto positivo per i primi sei mesi del 2022, con il più alto numero di arrivi nell’Emirato dall'inizio della pandemia. La destinazione ha raggiunto quota 521.085 visitatori internazionali e nazionali, con un incremento del 21% rispetto allo stesso periodo del 2021 che segna un ritorno ai numeri pre-pandemici di giugno 2019. Questo risultato positivo è stato reso possibile grazie all'apertura di nuovi hotel e resort, tra cui il Radisson Resort Ras Al Khaimah a Marjan Island, l’InterContinental Mina Al Arab, la prima struttura di InterContinental Hotels Group nell'Emirato e, più recentemente, il debutto del Mövenpick Resort Al Marjan Island su un tratto di 300 metri di spiaggia e sede del più grande parco acquatico galleggiante di Ras Al Khaimah. Ad oggi l'Emirato conta oltre 8.000 camere, a cui se ne aggiungeranno 4.617 nei prossimi anni. La Ras Al Khaimah Tourism Development Authority per incentivare ulteriormente gli arrivi 2022 ha recentemente annunciato una serie di partnership strategiche con le compagnie aeree e i principali tour operator per puntare ai mercati emergenti e in crescita. Inoltre, per incrementare la connettività, l'Autorità sta sviluppando il settore delle crociere dell'Emirato, con l'obiettivo di raggiungere 50 scali di navi da crociera a stagione e oltre 10.000 passeggeri nei prossimi anni. "Ras A Khaimah è una delle prime destinazioni della Regione a tornare ai livelli pre-Covid grazie all'impegno del nostro settore turistico durante la pandemia - ha dichiarato Raki Phillips, ceo di Ras Al Khaimah Tourism Development Authority -. Questo è ancora più rilevante se si considera l'attuale panorama economico e geopolitico in cui operiamo, che ci spinge a concentrarci su ciò che è importante per la resilienza a lungo termine: diversificazione, attenzione alla comunità e sostenibilità. Siamo sulla buona strada per toccare quota 1,11 milioni di arrivi entro la fine dell'anno e per tornare completamente ai livelli pre-pandemia in soli due anni". [post_title] => Ras Al Khaimah: il semestre centra i numeri pre-Covid. Riflettori puntati sulle crociere [post_date] => 2022-08-01T11:13:40+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659352420000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429035 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Margaret River, nella regione sud-occidentale del Western Australia, è la prima “ECO Destination” dello stato e una delle quattro nel Paese, certificata da Ecotourism Australia (EA), organizzazione non governativa e senza scopo di lucro, fondata nel 1991, che sostiene e promuove l’industria dell’ecoturismo in Australia. Grazie a questo programma di certificazione riconosciuto a livello mondiale, i visitatori hanno la certezza che la regione offra una serie di prodotti turistici di alta qualità incentrati sulla natura e che si adoperi con impegno a migliorare le pratiche sostenibili in futuro. Sono 26 le realtà locali della regione ora certificate ECO: tra queste, Margaret River Discovery Company, che offre diverse tipologie di tour nella regione, Blackwood River Houseboats, attività famigliare che propone soggiorni ed esperienze in house boats attrezzate lungo il fiume Blackwood River di Augusta, l’azienda agricola di permacultura Fair Harvest Permaculture e l’eco-resort Tanah Marah sono tra le ultime ad aver ricevuto la certificazione, aggiungendosi a realtà come Margaret River Retreat, Margaret River Surf School, il faro Cape Leeuwin Lighthouse e le grotte Jewel, Mammoth e Lake Caves. Inoltre, 68 aziende vinicole della regione di Margaret River sono membri certificati di Sustainable Wine Growing Australia, con il 12% dei vigneti certificati come biologici o biodinamici. Margaret River è l'unica regione vinicola australiana in cui è possibile passare da cantine e ristoranti pluripremiati a spiagge meravigliose, verdi foreste, famosi surf spot e antiche grotte, il tutto a sole tre ore di auto da Perth. [post_title] => Western Australia: Margaret River è la prima ECO Destination dello stato [post_date] => 2022-07-28T12:32:16+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659011536000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428913 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => El Al riporterà nei cieli la propria flotta di Boeing 777-200er per far fronte all'elevata domanda di viaggio estiva. La compagnia di bandiera israeliana aveva lasciato a terra sei B777 all'inizio della pandemia, quando aveva interrotto tutti i voli tra marzo e settembre 2020. I più datati B747 erano già stati ritirati e sostituiti da 15 nuovi Dreamliner 787, operativi sulle rotte a lungo raggio verso il Nord America e l'Asia. El Al dispone di sei Boeing 777 con un'età media di quasi due decenni e ha dichiarato che ne rimetterà in servizio alcuni per le sue rotte verso Bangkok, Phuket, Atene e Dubai, destinazioni che secondo la compagnia sono molto richieste. Secondo i dati dell'aeroporto Ben-Gurion di Tel Aviv, lo scorso giugno il numero di passeggeri di El Al è aumentato del 151% rispetto al giugno 2022; nella prima metà del 2022, 1,6 milioni di passeggeri hanno volato con El Al, rispetto ai 400.000 dell'anno pecedente. [post_title] => El Al: aumenta la domanda di viaggio e torna nei cieli la flotta di Boeing 777-200 [post_date] => 2022-07-26T12:00:18+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658836818000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428705 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non si fermano gli investimenti degli austriaci di Jp Immobilien in Italia. A pochi giorni dalla notizia dell'acquisizione dell'hotel Milano di Madonna di Campiglio, da riposizionare nel segmento lifestyle, arriva ora quella del Residence del Mare Casa Minelli a Trieste. L'operazione, come nel caso trentino, è stata condotta dalla controllata Jp Hospitality Investors Club. La proprietà si trova nel centro storico, in zona pedonale, nei pressi di piazza Unità d'Italia, vicino al lungomare e al porto. Vanta un totale di 36 appartamenti con angolo cucina per soggiorni short & long stay. L’asset, attualmente un 3 stelle, risulta in buone condizioni ma sarà comunque oggetto di una ristrutturazione leggera, ancora una volta per riposizionarlo come prodotto lifestyle. E' questa la quinta acquisizione italiana del gruppo austriaco che, proprio a Trieste, ha tra le altre rilevato a inizio anno da Ferrovie dello Stato il palazzo Compartimentale per 10 milioni di euro. I piani sono quelli di convertire la proprietà in un 4 stelle da 159 camere a marchio 25hours, il secondo del brand Accor-Ennismore in Italia dopo il debutto fiorentino. [post_title] => Focus sull'Italia per l'austriaca Jp Immobilien: acquisito un residence a Trieste [post_date] => 2022-07-21T12:05:32+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658405132000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 427697 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In occasione delle celebrazioni del 450° anniversario della morte dell’unico pontefice piemontese, Papa Pio V, al secolo Antonio Michele Ghisleri, verrà inaugurato giovedì 7 luglio 2022 il nuovo allestimento museale presso il Complesso Monumentale di Santa Croce di Bosco Marengo (Alessandria), struttura cinquecentesca commissionata dal Santo pontefice. La Chiesa e l’ex Convento di Santa Croce costituiscono uno dei massimi monumenti del tardo Rinascimento di Alessandria, valore culturale riflesso sia nell’architettura, sia nelle opere d’arte conservate nell’ex monastero domenicano allestito a museo. Il visitatore potrà scegliere la propria modalità di visita del museo secondo il proprio livello di interesse ed è indubbio che il museo di Bosco Marengo per molti aspetti si presti a costituire un modello funzionale al nuovo tipo di turismo sostenibile favorendo un flusso turistico diffuso in grado di evitare un’eccessiva concentrazione di pubblico in singoli luoghi. Pio V, nativo di Bosco Marengo, fu un grande committente d’arte e un promotore di cultura: la commissione del Complesso di Santa Croce (1566), il finanziamento di una “macchina d’altare” per mano del celebre architetto e pittore Giorgio Vasari (1511-1574), la produzione di Corali Miniati, realizzati a Roma, saranno parte del nuovo allestimento che vuole far luce sulle vicende di personaggi legati al contesto artistico cinquecentesco romano e fiorentino.  Il progetto museografico, redatto sulla base di quello scientifico curato dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Alessandria Asti Cuneo, intende valorizzare la fruizione della collezione artistica del Complesso, composta da cinquantasei opere fra dipinti e sculture e da undici originali del Vasari oltre alle esperienze di mostre immersive e digitali.   Nell'occasione, saranno esposte temporaneamente anche alcune opere provenienti da altri musei e collegate alle vicende del Complesso.  L'idea del nuovo allestimento museografico ha avuto avvio nel 2019 con il restauro della grande tavola della “machina” di Vasari dedicata al “Martirio di San Pietro da Verona”. Tale restauro, finanziato dal Ministero dell’Interno, ha avviato il riallestimento del Complesso; la pala, infatti, costituisce il fulcro ideale di un percorso di visita che attraversa la storia dalla fondazione cinquecentesca del luogo, fino alle trasformazioni operate nei secoli successivi. Promosso e proposto dal Ministero per i Beni le Attività Culturali e il Turismo, dal Ministero degli Interni e dal FAI, il riallestimento ha visto diversi contributi, anche dalla Prefettura di Alessandria, nonché da privati cittadini.  La sfida più grande che si pone il nuovo museo è di superare i propri confini e proiettarsi verso il territorio, di cui costituisce una delle massime espressioni culturali e identificative.   [post_title] => Alessandria rilancia il territorio ed inaugura il Complesso Monumentale di Santa Croce di Bosco Marengo [post_date] => 2022-07-04T11:38:34+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1656934714000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 427553 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Bhutan riaprirà i suoi confini ai turisti internazionali il prossimo 23 settembre, dopo una chiusura di oltre due anni, allo scoppio della pandemia nel marzo 2020. Incuneato tra la Cina e l'India, il piccolo regno himalayano trova proprio nel turismo una delle sue  principali fonti di reddito. Secondo quanto annunciato dal Consiglio del Turismo del Bhutan (Tcb) i turisti che visiteranno il Paese dovranno pagare una tassa per lo sviluppo sostenibile di 200 dollari a testa, a notte, rispetto ai 65 dollari addebitati nei tre decenni precedenti. Le autorità hanno precisato inoltre che il Bhutan ha rivisto gli standard per i fornitori di servizi, come alberghi, guide, operatori turistici e autisti. Il comparto turistico impiega 50.000 persone: nel 2019 il Paese aveva registrato 315.600 arrivi, in crescita del 15,1% rispetto all'anno precedente, secondo i dati del Tcb. [post_title] => Il Bhutan riaprirà le sue porte ai turisti internazionali il 23 settembre [post_date] => 2022-07-01T09:44:25+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1656668665000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1591" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":8,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":38,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431210","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Anticipazioni esclusive sulla programmazione della prossima estate e la presentazione delle nuove mete nonché delle strutture selezionate per la stagione invernale che sta per arrivare. Ota Viaggi sarà presente al prossimo Ttg di Rimini, in programma dal 12 al 14 ottobre (pad C3 - stand 190-191).\r\n\r\nPer l'occasione è prevista anche una conferenza stampa dedicata alla nuova stagione e tenuta dal direttore commerciale Massimo Diana, dal titolo: \"Estate 2023: la nuova sfida per Ota Viaggi. Un mare Italia da organizzare\".","post_title":"Ota Viaggi sarà a Rimini con le novità per l'inverno e le anticipazioni sulla prossima estate","post_date":"2022-09-28T09:28:45+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664357325000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430542","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli stranieri tornano in Italia in massa: nei primi sei mesi del 2022 hanno speso 15,9 miliardi di euro, in aumento del 308% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (3,9 mld). Nel confronto con il primo anno della pandemia (6,2 mld), l'incremento è del 155,1%, grazie ai mesi precedenti l'arrivo del covid (gennaio e febbraio).\r\n\r\nE' quanto emerge dalle tabelle della Banca d'Italia che accompagnano l'indagine sul turismo internazionale. La bilancia dei pagamenti turistica mostra che i turisti italiani andati all'estero, nel primo semestre, hanno speso 9 miliardi, in aumento del 142,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (3,7 mld). L'incremento rispetto ai primi sei mesi del 2020, quando gli italiani hanno speso 5,2 miliardi di euro, è invece del 71%. Il saldo risulta positivo per 6,8 miliardi di euro, un valore che è difficile confrontare con l'anno precedente (159 mln) e con il 2020 (935 mln).\r\nAnalizzando i trimestri emerge che nei primi tre mesi dell'anno la spesa degli stranieri è stata pari a 5,1 miliardi, a cui si sommano 10,8 miliardi del secondo trimestre. Mentre la spesa dei viaggiatori italiani nei primi tre mesi del 2022 è stata di 3,4 miliardi, a cui vanno sommati altri 5,6 miliardi del secondo trimestre.\r\nSecondo Bankitalia lo scorso giugno la bilancia dei pagamenti turistica dell'Italia ha registrato un avanzo di 2,5 miliardi di euro (da 0,4 mld nello stesso mese del 2021), lievemente superiore ai livelli pre-pandemici del 2019. ''Grazie alla completa revoca delle restrizioni all'ingresso'', le entrate turistiche (4,6 miliardi) sono state pari a circa tre volte quelle dell'anno precedente; le uscite (pari a 2,1 miliardi) sono raddoppiate.","post_title":"Bankitalia certifica il boom del turismo straniero. Spesi 15,9 miliardi","post_date":"2022-09-15T14:49:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1663253361000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429227","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n[caption id=\"attachment_429236\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Son Antem, Autograph Collection[/caption]\r\n\r\nUn colosso da quasi 1,5 milioni di camere come il gruppo Marriott apre inevitabilmente hotel con un ritmo pressoché quotidiano. Nelle ultime settimane sono cinque in particolare le new entry europee della compagnia degne di nota: in Germania è arrivato per esempio il Four Points by Sheraton Munich Arabellapark: una struttura da 446 camere, declinate in monolocali e suite dotati di angolo cottura completamente attrezzato e balcone, situata nel cuore dell'Arabellapark di Monaco di Baviera. L'hotel dispone anche della spa più alta della città, al ventiduesimo piano dell'edificio, con piscina coperta, sauna e centro fitness.\r\n\r\nIn Spagna, le new entry da segnalare sono invece due: in Catalogna ha aperto alle porte di Barcellona il Sabàtic, Sitges, Autograph Collection. Provvisto di 90 suite con balcone o terrazza vista mare, l'albergo include anche un ristorante guidato da chef Rafa Peña, nonché una piscina all'aperto adults only. Nel cuore di Maiorca, a Migjorn, la novità è poi rappresentata dal Son Antem, Autograph Collection, che con le sue 151 camere è circondato dal tranquillo paesaggio delle Baleari. La struttura è dotata di cinque diversi ristoranti, nonché di un'area benessere, di una piscina all'aperto, di una terrazza esterna e di un negozio di artigianato locale in ceramica.\r\n\r\nIn Svizzera l'ultimo arrivato è il Geneva Marriott Hotel. Con un design ispirato alla storia dei pionieri dell'aviazione, Armand e Henri Dufaux, la struttura si trova a soli 10 minuti a piedi dall'aeroporto ed è ben collegato al centro città. A disposizione degli ospiti, 261 camere e suite, il ristorante e bar Moments – Social Eatery con cucina a vista, un rooftop bar e l'M Club, lo spazio l'esclusivo riservato a chi prenota una camera executive o superiore con terrazza privata. A completare l'offerta 1.500 metri quadrati di spazi per riunioni ed eventi e un centro fitness.\r\n\r\nInfine, in Olanda il College Hotel Amsterdam è entrato a far parte della Autograph Collection. Ricavato dalla conversione di uno storico edificio scolastico di oltre 125 anni, a cura dell'architetto W.J. Groot, l'albergo dispone di 40 camere, bar e terrazza, nonché del Mondi Caribbean Cuisine Restaurant & Terrace, che offre un'esperienza culinaria di soulfood caraibico con un tocco francese","post_title":"Germania, Spagna, Olanda e Svizzera: le più recenti aperture europee del gruppo Marriott","post_date":"2022-08-02T11:39:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1659440342000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429162","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ras Al Khaimah traccia un bilancio molto positivo per i primi sei mesi del 2022, con il più alto numero di arrivi nell’Emirato dall'inizio della pandemia. La destinazione ha raggiunto quota 521.085 visitatori internazionali e nazionali, con un incremento del 21% rispetto allo stesso periodo del 2021 che segna un ritorno ai numeri pre-pandemici di giugno 2019.\r\n\r\nQuesto risultato positivo è stato reso possibile grazie all'apertura di nuovi hotel e resort, tra cui il Radisson Resort Ras Al Khaimah a Marjan Island, l’InterContinental Mina Al Arab, la prima struttura di InterContinental Hotels Group nell'Emirato e, più recentemente, il debutto del Mövenpick Resort Al Marjan Island su un tratto di 300 metri di spiaggia e sede del più grande parco acquatico galleggiante di Ras Al Khaimah. Ad oggi l'Emirato conta oltre 8.000 camere, a cui se ne aggiungeranno 4.617 nei prossimi anni.\r\n\r\nLa Ras Al Khaimah Tourism Development Authority per incentivare ulteriormente gli arrivi 2022 ha recentemente annunciato una serie di partnership strategiche con le compagnie aeree e i principali tour operator per puntare ai mercati emergenti e in crescita. Inoltre, per incrementare la connettività, l'Autorità sta sviluppando il settore delle crociere dell'Emirato, con l'obiettivo di raggiungere 50 scali di navi da crociera a stagione e oltre 10.000 passeggeri nei prossimi anni.\r\n\r\n\"Ras A Khaimah è una delle prime destinazioni della Regione a tornare ai livelli pre-Covid grazie all'impegno del nostro settore turistico durante la pandemia - ha dichiarato Raki Phillips, ceo di Ras Al Khaimah Tourism Development Authority -. Questo è ancora più rilevante se si considera l'attuale panorama economico e geopolitico in cui operiamo, che ci spinge a concentrarci su ciò che è importante per la resilienza a lungo termine: diversificazione, attenzione alla comunità e sostenibilità. Siamo sulla buona strada per toccare quota 1,11 milioni di arrivi entro la fine dell'anno e per tornare completamente ai livelli pre-pandemia in soli due anni\".","post_title":"Ras Al Khaimah: il semestre centra i numeri pre-Covid. Riflettori puntati sulle crociere","post_date":"2022-08-01T11:13:40+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1659352420000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429035","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Margaret River, nella regione sud-occidentale del Western Australia, è la prima “ECO Destination” dello stato e una delle quattro nel Paese, certificata da Ecotourism Australia (EA), organizzazione non governativa e senza scopo di lucro, fondata nel 1991, che sostiene e promuove l’industria dell’ecoturismo in Australia. Grazie a questo programma di certificazione riconosciuto a livello mondiale, i visitatori hanno la certezza che la regione offra una serie di prodotti turistici di alta qualità incentrati sulla natura e che si adoperi con impegno a migliorare le pratiche sostenibili in futuro.\r\n\r\nSono 26 le realtà locali della regione ora certificate ECO: tra queste, Margaret River Discovery Company, che offre diverse tipologie di tour nella regione, Blackwood River Houseboats, attività famigliare che propone soggiorni ed esperienze in house boats attrezzate lungo il fiume Blackwood River di Augusta, l’azienda agricola di permacultura Fair Harvest Permaculture e l’eco-resort Tanah Marah sono tra le ultime ad aver ricevuto la certificazione, aggiungendosi a realtà come Margaret River Retreat, Margaret River Surf School, il faro Cape Leeuwin Lighthouse e le grotte Jewel, Mammoth e Lake Caves.\r\n\r\nInoltre, 68 aziende vinicole della regione di Margaret River sono membri certificati di Sustainable Wine Growing Australia, con il 12% dei vigneti certificati come biologici o biodinamici. Margaret River è l'unica regione vinicola australiana in cui è possibile passare da cantine e ristoranti pluripremiati a spiagge meravigliose, verdi foreste, famosi surf spot e antiche grotte, il tutto a sole tre ore di auto da Perth.","post_title":"Western Australia: Margaret River è la prima ECO Destination dello stato","post_date":"2022-07-28T12:32:16+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1659011536000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428913","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"El Al riporterà nei cieli la propria flotta di Boeing 777-200er per far fronte all'elevata domanda di viaggio estiva. La compagnia di bandiera israeliana aveva lasciato a terra sei B777 all'inizio della pandemia, quando aveva interrotto tutti i voli tra marzo e settembre 2020. I più datati B747 erano già stati ritirati e sostituiti da 15 nuovi Dreamliner 787, operativi sulle rotte a lungo raggio verso il Nord America e l'Asia.\r\n\r\nEl Al dispone di sei Boeing 777 con un'età media di quasi due decenni e ha dichiarato che ne rimetterà in servizio alcuni per le sue rotte verso Bangkok, Phuket, Atene e Dubai, destinazioni che secondo la compagnia sono molto richieste.\r\nSecondo i dati dell'aeroporto Ben-Gurion di Tel Aviv, lo scorso giugno il numero di passeggeri di El Al è aumentato del 151% rispetto al giugno 2022; nella prima metà del 2022, 1,6 milioni di passeggeri hanno volato con El Al, rispetto ai 400.000 dell'anno pecedente.","post_title":"El Al: aumenta la domanda di viaggio e torna nei cieli la flotta di Boeing 777-200","post_date":"2022-07-26T12:00:18+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1658836818000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428705","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non si fermano gli investimenti degli austriaci di Jp Immobilien in Italia. A pochi giorni dalla notizia dell'acquisizione dell'hotel Milano di Madonna di Campiglio, da riposizionare nel segmento lifestyle, arriva ora quella del Residence del Mare Casa Minelli a Trieste. L'operazione, come nel caso trentino, è stata condotta dalla controllata Jp Hospitality Investors Club. La proprietà si trova nel centro storico, in zona pedonale, nei pressi di piazza Unità d'Italia, vicino al lungomare e al porto. Vanta un totale di 36 appartamenti con angolo cucina per soggiorni short & long stay. L’asset, attualmente un 3 stelle, risulta in buone condizioni ma sarà comunque oggetto di una ristrutturazione leggera, ancora una volta per riposizionarlo come prodotto lifestyle.\r\n\r\nE' questa la quinta acquisizione italiana del gruppo austriaco che, proprio a Trieste, ha tra le altre rilevato a inizio anno da Ferrovie dello Stato il palazzo Compartimentale per 10 milioni di euro. I piani sono quelli di convertire la proprietà in un 4 stelle da 159 camere a marchio 25hours, il secondo del brand Accor-Ennismore in Italia dopo il debutto fiorentino.","post_title":"Focus sull'Italia per l'austriaca Jp Immobilien: acquisito un residence a Trieste","post_date":"2022-07-21T12:05:32+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1658405132000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"427697","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In occasione delle celebrazioni del 450° anniversario della morte dell’unico pontefice piemontese, Papa Pio V, al secolo Antonio Michele Ghisleri, verrà inaugurato giovedì 7 luglio 2022 il nuovo allestimento museale presso il Complesso Monumentale di Santa Croce di Bosco Marengo (Alessandria), struttura cinquecentesca commissionata dal Santo pontefice.\r\n\r\nLa Chiesa e l’ex Convento di Santa Croce costituiscono uno dei massimi monumenti del tardo Rinascimento di Alessandria, valore culturale riflesso sia nell’architettura, sia nelle opere d’arte conservate nell’ex monastero domenicano allestito a museo. Il visitatore potrà scegliere la propria modalità di visita del museo secondo il proprio livello di interesse ed è indubbio che il museo di Bosco Marengo per molti aspetti si presti a costituire un modello funzionale al nuovo tipo di turismo sostenibile favorendo un flusso turistico diffuso in grado di evitare un’eccessiva concentrazione di pubblico in singoli luoghi.\r\n\r\nPio V, nativo di Bosco Marengo, fu un grande committente d’arte e un promotore di cultura: la commissione del Complesso di Santa Croce (1566), il finanziamento di una “macchina d’altare” per mano del celebre architetto e pittore Giorgio Vasari (1511-1574), la produzione di Corali Miniati, realizzati a Roma, saranno parte del nuovo allestimento che vuole far luce sulle vicende di personaggi legati al contesto artistico cinquecentesco romano e fiorentino. \r\n\r\nIl progetto museografico, redatto sulla base di quello scientifico curato dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Alessandria Asti Cuneo, intende valorizzare la fruizione della collezione artistica del Complesso, composta da cinquantasei opere fra dipinti e sculture e da undici originali del Vasari oltre alle esperienze di mostre immersive e digitali.\r\n\r\n \r\n\r\nNell'occasione, saranno esposte temporaneamente anche alcune opere provenienti da altri musei e collegate alle vicende del Complesso. \r\n\r\nL'idea del nuovo allestimento museografico ha avuto avvio nel 2019 con il restauro della grande tavola della “machina” di Vasari dedicata al “Martirio di San Pietro da Verona”. Tale restauro, finanziato dal Ministero dell’Interno, ha avviato il riallestimento del Complesso; la pala, infatti, costituisce il fulcro ideale di un percorso di visita che attraversa la storia dalla fondazione cinquecentesca del luogo, fino alle trasformazioni operate nei secoli successivi.\r\n\r\nPromosso e proposto dal Ministero per i Beni le Attività Culturali e il Turismo, dal Ministero degli Interni e dal FAI, il riallestimento ha visto diversi contributi, anche dalla Prefettura di Alessandria, nonché da privati cittadini.  La sfida più grande che si pone il nuovo museo è di superare i propri confini e proiettarsi verso il territorio, di cui costituisce una delle massime espressioni culturali e identificative.\r\n\r\n ","post_title":"Alessandria rilancia il territorio ed inaugura il Complesso Monumentale di Santa Croce di Bosco Marengo","post_date":"2022-07-04T11:38:34+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1656934714000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"427553","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Bhutan riaprirà i suoi confini ai turisti internazionali il prossimo 23 settembre, dopo una chiusura di oltre due anni, allo scoppio della pandemia nel marzo 2020. Incuneato tra la Cina e l'India, il piccolo regno himalayano trova proprio nel turismo una delle sue  principali fonti di reddito.\r\n\r\nSecondo quanto annunciato dal Consiglio del Turismo del Bhutan (Tcb) i turisti che visiteranno il Paese dovranno pagare una tassa per lo sviluppo sostenibile di 200 dollari a testa, a notte, rispetto ai 65 dollari addebitati nei tre decenni precedenti.\r\n\r\nLe autorità hanno precisato inoltre che il Bhutan ha rivisto gli standard per i fornitori di servizi, come alberghi, guide, operatori turistici e autisti. Il comparto turistico impiega 50.000 persone: nel 2019 il Paese aveva registrato 315.600 arrivi, in crescita del 15,1% rispetto all'anno precedente, secondo i dati del Tcb.","post_title":"Il Bhutan riaprirà le sue porte ai turisti internazionali il 23 settembre","post_date":"2022-07-01T09:44:25+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1656668665000]}]}}

Lascia un commento