1 March 2024

1571

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agenzia viaggi in Firenze specializzata in leisure travel e viaggi di nozze seleziona collaboratori adv esterni con titolo di direttore tecnico e proprio portafoglio clienti, per condivisione di fatturato/commissioni, fisso mensile minimo più provvigioni.
Nessuna spesa a vostro carico nè corso da effettuare, la partita Iva è gradita ma non requisito essenziale.
Per info e contatti scrivere a: patrizia@perilmondotravel.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462003 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo. Con il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali. Con strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali. Nel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva. «Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia». [gallery ids="462006,462007,462005"]   [post_title] => Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport [post_date] => 2024-02-22T09:15:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708593352000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461946 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con il ritorno su Venezia, dal prossimo 12 giugno con voli giornalieri, Qatar Airways moltiplica le opportunità a disposizione dei passeggeri per raggiungere destinazioni quali Giappone, Cina, Australia e Thailandia attraverso l’Hamad International Airport di Doha. E fino al 29 febbraio, la compagnia promuove i voli con tariffe a partire da 429 euro, per viaggiare dal 12 giugno 2024. La promozione si ispira alla Via della Seta che attraversava l'Asia Centrale e il Medio Oriente, collegando la Cina all'Asia Minore e al Mediterraneo, passando per il Giappone e l'India. Ma una relazione ancora più importante lega Venezia all'Oriente: fu infatti Marco Polo, il giovane mercante veneziano, a intraprendere nel 1271 il viaggio in Oriente lungo la Via della Seta per stabilire nuovi rapporti commerciali tra le due civiltà. Per ripercorrere i passi del celebre viaggiatore, è possibile pianificare un itinerario che parte proprio dalla cosmopolita Venezia attraverso i luoghi del passato, punti di incontro tra Oriente e Occidente. Tra le destinazioni di questo itinerario nella storia non può mancare l'Uzbekistan, raggiungibile grazie alla nuova rotta di Qatar Airways per Tashkent, nel cuore dell'Asia Centrale, una regione nota per la sua ricca storia e multiculturalità, condivisa con i Paesi confinanti del Kazakistan, Turkmenistan, Tagikistan e Kirghizistan. La destinazione è la seconda città del Kazakistan servita dalla Compagnia aerea nazionale dello Stato del Qatar nel mercato dell'Asia centrale dopo Almaty. Imperdibile in questo viaggio è anche la Cina, che ora può essere visitata senza visto dall'Italia e dove Qatar Airways vola 33 volte a settimana verso le città di Pechino, Shanghai, Guangzhou, Hangzhou, Chengdu, Wenzhou e Chongqing. [post_title] => Qatar Airways promuove il ritorno su Venezia e le rotte lungo la Via della Seta [post_date] => 2024-02-21T09:15:03+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708506903000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461544 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Utile operativo da 5,8 miliardi di dollari per il 2023 di Airbus, su ricavi in crescita dell'11% a quota 65,4 miliardi di euro grazie a ordini da record. Risultati migliori di quanto previsto che consentono alla casa costruttrice di distribuire anche un dividendo straordinario per gli azionisti. Il gruppo ha registrato un utile netto in calo dell’11% a 3,789 miliardi di euro, su cui ha inciso la divisione spazio e difesa che ha registrato una perdita di 200 milioni di euro. Per il 2024 Airbus prevede la consegna di circa 800 aeromobili rispetto ai 735 velivoli consegnati ai clienti nel 2023 (68 A220, 571 famiglia degli A320, 32 A330, 64 A350) nonostante le difficoltà nella catena dei fornitori. A inizio del 2023 il costruttore aveva previsto la consegna di 720 aerei. In crescita anche l’utile operativo per l’anno in corso previsto tra 6,5 miliardi di euro e 7 miliardi di euro. «Nel 2023 abbiamo registrato una forte acquisizione di ordini in tutte le nostre attività e abbiamo mantenuto i nostri impegni. Si è trattato di un risultato significativo data la complessità del contesto operativo», ha commentato Guillaume Faury, ceo di Airbus. [post_title] => Airbus stima di consegnare circa 800 velivoli nel 2024 e distribuisce dividendo straordinario [post_date] => 2024-02-15T10:49:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707994198000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza. «C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi». «Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».   [post_title] => La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione [post_date] => 2024-02-13T11:11:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707822662000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460104 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Wizz Air sconta le conseguenze del conflitto in Medio Oriente nei risultati del trimestre ottobre-dicembre 2023, nonché delle difficoltà legate al grounding di alcuni aeromobili. La low cost ha infatti registrato un aumento del 16% delle perdite operative, che salgono a 180,4 milioni di euro rispetto ai 155,5 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. I ricavi si sono attestati a 1,06 miliardi di euro mentre il traffico passeggeri ha riportato la cifra record di 15,1 milioni, rispetto ai 12,4 milioni dell'analogo trimestre dello scorso esercizio. La compagnia aerea ha dichiarato che riprenderà alcuni voli per Tel Aviv a partire da marzo, dopo aver sospeso le operazioni verso Israele in seguito all'inizio della guerra in ottobre. Il vettore ha dichiarato che la sua performance finanziaria nel terzo trimestre è stata "materialmente influenzata dalla sospensione e dalla riallocazione della capacità destinata a Israele". «Nel terzo trimestre abbiamo continuato a registrare una crescita della capacità leader del settore, in vista del previsto fermo degli aeromobili nel quarto trimestre, quando i motori Gtf saranno rimossi per le ispezioni obbligatorie - ha dichiarato Jozsef Váradi, chief executive officer di Wizz Air - (...) L'inizio del quarto trimestre è stato positivo. Rimaniamo impegnati in un'efficace gestione dei costi, nell'utilizzo degli asset e nella produttività, tutti elementi fondamentali per il futuro e siamo fiduciosi nella nostra capacità di gestire questi elementi». Confermata la guidance dell’utile netto per l'intero esercizio 202, compresa tra i 350 e i 400 milioni di euro. [post_title] => Wizz Air sconta l'impatto del conflitto mediorientale e aumenta le perdite del trimestre [post_date] => 2024-01-25T12:49:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706186955000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459561 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Analisi Eurostat. Nel 2023, il turismo nell’Ue ha continuato a mostrare segni di ripresa dalla pandemia di Covid-19. Il numero stimato di pernottamenti nelle strutture ricettive turistiche nel 2023 ha raggiunto i 2,92 miliardi, superando dell’1,6% il livello pre-pandemia del 2019 (2,87 miliardi) e stabilendo un anno record per il settore ricettivo dell’Ue. Nel 2023 sono stati trascorsi 171 milioni di pernottamenti in più rispetto al 2022 (+6,3%), trainati principalmente da un aumento dei pernottamenti degli ospiti internazionali (+146 milioni) e in misura minore da un aumento dei pernottamenti degli ospiti nazionali (+ 25 milioni). I livelli di turismo (in termini di pernottamenti) erano superiori del 25% rispetto a dieci anni prima (2013: 2,33 miliardi di pernottamenti). Queste informazioni provengono dalle prime stime sul turismo pubblicate oggi da Eurostat (basate sui dati mensili di gennaio-ottobre o novembre 2023, a seconda di ciascun paese). L'articolo presenta una serie di risultati tratti dall'articolo più dettagliato Statistics Explained.  Rispetto al 2022 quasi tutti i membri dell’Ue hanno registrato un aumento nel 2023, solo il Lussemburgo ha registrato un leggero calo (-0,1%). A Malta e Cipro la crescita ha superato il 20% e in altri 8 membri dell’UE ha superato il 10% (Slovacchia, Lettonia, Bulgaria, Austria, Repubblica Ceca, Portogallo, Romania e Grecia). In termini assoluti, l'aumento maggiore dei pernottamenti è stato osservato in Germania (+32,8 milioni di pernottamenti) e Spagna (+32,3 milioni di pernottamenti).   [post_title] => Eurostat: in Europa superati i livello di flussi turistici rispetto al 2019 [post_date] => 2024-01-17T10:51:49+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705488709000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459362 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il mercato Italia di Tap Air Portugal nel 2023 ha registrato una crescita del traffico del 31,8% per oltre 1,1 milioni di passeggeri trasportati sulle sei rotte operate. Una crescita maggiore di quella media globale per il vettore lusitano, che con 15,9 milioni di passeggeri ha archiviato l’anno scorso con un incremento del +15,2% sul 2022. In termini di load factor a livello globale la compagnia ha segnato un riempimento dell'80,8%, 0,8 punti percentuali in più rispetto al 2022 e già in crescita di 0,7% p.p. rispetto al 2019, l'ultimo anno pre-pandemico. L’Rpk è aumentato del 16% rispetto al 2022 e dell'1,4% rispetto al 2019. Particolarmente positiva la performance sul network di lungo raggio, con un totale di 4,6 milioni di passeggeri trasportati, vale a dire il 15,1% in più rispetto al 2022, e il 9,8% in più rispetto al 2019. Sulle rotte di Stati Uniti e Canada i passeggeri trasportati sono stati 1,46 milioni, il 18,4% in più rispetto al 2022 e il 39,5% in più rispetto al 2019. Sulle rotte verso il Brasile il numero totale di passeggeri trasportati è stato di oltre 1,9 milioni, con un incremento del 20,3% rispetto al 2022 e dell'8,4% rispetto al 2019. Per quanto riguarda le rotte verso le regioni autonome delle Azzorre e di Madeira, lo scorso anno TAP ha trasportato 1,5 milioni di passeggeri, vale a dire il 13,2% in più rispetto al 2022 e il 5,7% in più rispetto al 2019. Il confronto globale sul 2019 vede Tap ancora in difetto sui livelli di traffico che deteneva sulle rotte del Portogallo continentale, dell'Europa e dell'Africa, registrando, in termini di numeri totali, -7 % rispetto al numero totale di passeggeri trasportati nel 2019. È importante sottolineare che il piano di ristrutturazione definito dalla Commissione europea e a cui Tap sarà soggetta fino al 2025 le impongono di operare con un numero minore di aeromobili e un numero minore di slot all’aeroporto di Lisbona rispetto al 2019.   [post_title] => Tap centra una crescita del traffico sulle rotte italiane (+31,8%) maggiore di quella globale [post_date] => 2024-01-15T10:30:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705314630000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459284 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con un totale di 4,5 milioni di passeggeri nel 2023 l'aeroporto di Torino ha superato ogni precedente record di traffico. I dati mostrato infatti 4.531.187 passeggeri, pari ad una crescita dell'8% sul 2022 e del +14,7% sui dati del 2019. A incidere sui risultati positivi è stata in particolare la netta ripresa del segmento internazionale, che nel 2023 ha registrato volumi superiori a 2,33 milioni di passeggeri, attestandosi a un +18,7% sul 2022 e a un +15,1% sul 2019. Grazie all’apertura di diverse nuove tratte internazionali dirette nel corso dell’anno Ryanair, che ha base a Torino dal novembre 2021, ha contribuito in maniera significativa a questo andamento. Nel corso del 2023 sono infatti state avviate le nuove rotte da e per Alicante, Porto, Stoccolma e Vilnius, cui si aggiunge il nuovo volo da e per Parigi Orly di Volotea. Ai nuovi voli avviati nel 2023, si somma inoltre la ripresa del traffico neve dai mercati del Nord Europa, dell’Irlanda e della Gran Bretagna, con la consistente ripartenza dei voli charter degli sciatori registrata sia nel primo trimestre dell’anno, sia alla riapertura della stagione a dicembre. “Siamo molto soddisfatti di aver raggiunto questo grande risultato, che ci ha portato a superare per la prima volta nella storia dell’aeroporto i 4,5 milioni di passeggeri nel 2023 - ha commentato Andrea Andorno, amministratore delegato di Torino Airport -. Il merito di questa crescita è da attribuire al forte afflusso di passeggeri dall’estero, che grazie ai numerosi voli diretti a prezzi contenuti hanno potuto raggiungere ed apprezzare le tante risorse turistiche del nostro territorio”.   [post_title] => Torino Airport vola per la prima volta oltre quota 4,5 milioni di passeggeri [post_date] => 2024-01-12T11:00:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705057214000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459104 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dodici mesi di eventi in Toscana in occasione dei 450 anni della morte di Cosimo I de' Medici. Tra le iniziative organizzate dalla Regione Toscana: una mostra a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della presidenza della Regione in Piazza Duomo a Firenze, che sarà inaugurata il prossimo 21 aprile, in ricordo della data che segnò la morte del ‘padre’ della Toscana moderna, avvenuta proprio il 21 aprile 1574. Tra le iniziative anche quella del 27 agosto di quest’anno, esattamente il giorno in cui Cosimo fu nominato Magnus Dux Etruriae, era il 1569, e divenne, grazie alla bolla di Pio V, il Granduca di Toscana. La terza iniziativa annunciata da Giani è un concerto, in omaggio alla grande affermazione di cultura musicale che vi fu a Firenze in quel periodo.   Ma al di là di queste tre iniziative della Regione il presidente Eugenio Giani annuncia «un bando di 200 mila euro per raccogliere le proposte dei Comuni interessati alle opere di Cosimo I dei Medici, per promuovere una sensibilità diffusa sul territorio. Sarò disponibile ad andare nelle scuole tra gli studenti toscani per parlare di una storia locale che manca troppo nelle scuole e che noi vogliamo invece vitalizzare». «La Toscana -  sottolinea Giani - è l’unica delle regioni italiane che ha una radice di 450 anni che deriva proprio dalla presenza di Cosimo, che di fatto è uno statista che organizza uno Stato dando alla Toscana questo profilo; nessun’altra regione, infatti, ha questa caratteristica. Non a caso quando si costituisce l’Italia, la nostra Toscana è l’unica che, già da centinaia di anni, ha una identità, grazie a Cosimo I dei Medici». [post_title] => Toscana, 12 mesi di Eventi per i 450 anni della morte di Cosimo I de’ Medici [post_date] => 2024-01-10T10:49:57+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704883797000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1571" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":7,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":57,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462003","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo.\r\nCon il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali.\r\nCon strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali.\r\nNel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva.\r\n«Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia».\r\n[gallery ids=\"462006,462007,462005\"]\r\n ","post_title":"Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport","post_date":"2024-02-22T09:15:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708593352000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461946","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con il ritorno su Venezia, dal prossimo 12 giugno con voli giornalieri, Qatar Airways moltiplica le opportunità a disposizione dei passeggeri per raggiungere destinazioni quali Giappone, Cina, Australia e Thailandia attraverso l’Hamad International Airport di Doha.\r\nE fino al 29 febbraio, la compagnia promuove i voli con tariffe a partire da 429 euro, per viaggiare dal 12 giugno 2024. La promozione si ispira alla Via della Seta che attraversava l'Asia Centrale e il Medio Oriente, collegando la Cina all'Asia Minore e al Mediterraneo, passando per il Giappone e l'India. Ma una relazione ancora più importante lega Venezia all'Oriente: fu infatti Marco Polo, il giovane mercante veneziano, a intraprendere nel 1271 il viaggio in Oriente lungo la Via della Seta per stabilire nuovi rapporti commerciali tra le due civiltà.\r\nPer ripercorrere i passi del celebre viaggiatore, è possibile pianificare un itinerario che parte proprio dalla cosmopolita Venezia attraverso i luoghi del passato, punti di incontro tra Oriente e Occidente. Tra le destinazioni di questo itinerario nella storia non può mancare l'Uzbekistan, raggiungibile grazie alla nuova rotta di Qatar Airways per Tashkent, nel cuore dell'Asia Centrale, una regione nota per la sua ricca storia e multiculturalità, condivisa con i Paesi confinanti del Kazakistan, Turkmenistan, Tagikistan e Kirghizistan. La destinazione è la seconda città del Kazakistan servita dalla Compagnia aerea nazionale dello Stato del Qatar nel mercato dell'Asia centrale dopo Almaty.\r\nImperdibile in questo viaggio è anche la Cina, che ora può essere visitata senza visto dall'Italia e dove Qatar Airways vola 33 volte a settimana verso le città di Pechino, Shanghai, Guangzhou, Hangzhou, Chengdu, Wenzhou e Chongqing.","post_title":"Qatar Airways promuove il ritorno su Venezia e le rotte lungo la Via della Seta","post_date":"2024-02-21T09:15:03+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708506903000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461544","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Utile operativo da 5,8 miliardi di dollari per il 2023 di Airbus, su ricavi in crescita dell'11% a quota 65,4 miliardi di euro grazie a ordini da record. Risultati migliori di quanto previsto che consentono alla casa costruttrice di distribuire anche un dividendo straordinario per gli azionisti. Il gruppo ha registrato un utile netto in calo dell’11% a 3,789 miliardi di euro, su cui ha inciso la divisione spazio e difesa che ha registrato una perdita di 200 milioni di euro.\r\nPer il 2024 Airbus prevede la consegna di circa 800 aeromobili rispetto ai 735 velivoli consegnati ai clienti nel 2023 (68 A220, 571 famiglia degli A320, 32 A330, 64 A350) nonostante le difficoltà nella catena dei fornitori. A inizio del 2023 il costruttore aveva previsto la consegna di 720 aerei. In crescita anche l’utile operativo per l’anno in corso previsto tra 6,5 miliardi di euro e 7 miliardi di euro.\r\n«Nel 2023 abbiamo registrato una forte acquisizione di ordini in tutte le nostre attività e abbiamo mantenuto i nostri impegni. Si è trattato di un risultato significativo data la complessità del contesto operativo», ha commentato Guillaume Faury, ceo di Airbus.","post_title":"Airbus stima di consegnare circa 800 velivoli nel 2024 e distribuisce dividendo straordinario","post_date":"2024-02-15T10:49:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707994198000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza.\r\n\r\n«C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi».\r\n\r\n«Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».\r\n\r\n ","post_title":"La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione","post_date":"2024-02-13T11:11:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707822662000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460104","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Wizz Air sconta le conseguenze del conflitto in Medio Oriente nei risultati del trimestre ottobre-dicembre 2023, nonché delle difficoltà legate al grounding di alcuni aeromobili. La low cost ha infatti registrato un aumento del 16% delle perdite operative, che salgono a 180,4 milioni di euro rispetto ai 155,5 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso.\r\n\r\nI ricavi si sono attestati a 1,06 miliardi di euro mentre il traffico passeggeri ha riportato la cifra record di 15,1 milioni, rispetto ai 12,4 milioni dell'analogo trimestre dello scorso esercizio. La compagnia aerea ha dichiarato che riprenderà alcuni voli per Tel Aviv a partire da marzo, dopo aver sospeso le operazioni verso Israele in seguito all'inizio della guerra in ottobre. Il vettore ha dichiarato che la sua performance finanziaria nel terzo trimestre è stata \"materialmente influenzata dalla sospensione e dalla riallocazione della capacità destinata a Israele\".\r\n\r\n«Nel terzo trimestre abbiamo continuato a registrare una crescita della capacità leader del settore, in vista del previsto fermo degli aeromobili nel quarto trimestre, quando i motori Gtf saranno rimossi per le ispezioni obbligatorie - ha dichiarato Jozsef Váradi, chief executive officer di Wizz Air - (...) L'inizio del quarto trimestre è stato positivo. Rimaniamo impegnati in un'efficace gestione dei costi, nell'utilizzo degli asset e nella produttività, tutti elementi fondamentali per il futuro e siamo fiduciosi nella nostra capacità di gestire questi elementi».\r\n\r\nConfermata la guidance dell’utile netto per l'intero esercizio 202, compresa tra i 350 e i 400 milioni di euro.","post_title":"Wizz Air sconta l'impatto del conflitto mediorientale e aumenta le perdite del trimestre","post_date":"2024-01-25T12:49:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706186955000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459561","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Analisi Eurostat. Nel 2023, il turismo nell’Ue ha continuato a mostrare segni di ripresa dalla pandemia di Covid-19. Il numero stimato di pernottamenti nelle strutture ricettive turistiche nel 2023 ha raggiunto i 2,92 miliardi, superando dell’1,6% il livello pre-pandemia del 2019 (2,87 miliardi) e stabilendo un anno record per il settore ricettivo dell’Ue.\r\n\r\nNel 2023 sono stati trascorsi 171 milioni di pernottamenti in più rispetto al 2022 (+6,3%), trainati principalmente da un aumento dei pernottamenti degli ospiti internazionali (+146 milioni) e in misura minore da un aumento dei pernottamenti degli ospiti nazionali (+ 25 milioni).\r\n\r\nI livelli di turismo (in termini di pernottamenti) erano superiori del 25% rispetto a dieci anni prima (2013: 2,33 miliardi di pernottamenti). Queste informazioni provengono dalle prime stime sul turismo pubblicate oggi da Eurostat (basate sui dati mensili di gennaio-ottobre o novembre 2023, a seconda di ciascun paese). L'articolo presenta una serie di risultati tratti dall'articolo più dettagliato Statistics Explained. \r\n\r\nRispetto al 2022 quasi tutti i membri dell’Ue hanno registrato un aumento nel 2023, solo il Lussemburgo ha registrato un leggero calo (-0,1%). A Malta e Cipro la crescita ha superato il 20% e in altri 8 membri dell’UE ha superato il 10% (Slovacchia, Lettonia, Bulgaria, Austria, Repubblica Ceca, Portogallo, Romania e Grecia). In termini assoluti, l'aumento maggiore dei pernottamenti è stato osservato in Germania (+32,8 milioni di pernottamenti) e Spagna (+32,3 milioni di pernottamenti).\r\n\r\n ","post_title":"Eurostat: in Europa superati i livello di flussi turistici rispetto al 2019","post_date":"2024-01-17T10:51:49+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1705488709000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459362","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il mercato Italia di Tap Air Portugal nel 2023 ha registrato una crescita del traffico del 31,8% per oltre 1,1 milioni di passeggeri trasportati sulle sei rotte operate. Una crescita maggiore di quella media globale per il vettore lusitano, che con 15,9 milioni di passeggeri ha archiviato l’anno scorso con un incremento del +15,2% sul 2022.\r\n\r\nIn termini di load factor a livello globale la compagnia ha segnato un riempimento dell'80,8%, 0,8 punti percentuali in più rispetto al 2022 e già in crescita di 0,7% p.p. rispetto al 2019, l'ultimo anno pre-pandemico. L’Rpk è aumentato del 16% rispetto al 2022 e dell'1,4% rispetto al 2019.\r\n\r\nParticolarmente positiva la performance sul network di lungo raggio, con un totale di 4,6 milioni di passeggeri trasportati, vale a dire il 15,1% in più rispetto al 2022, e il 9,8% in più rispetto al 2019. Sulle rotte di Stati Uniti e Canada i passeggeri trasportati sono stati 1,46 milioni, il 18,4% in più rispetto al 2022 e il 39,5% in più rispetto al 2019.\r\n\r\nSulle rotte verso il Brasile il numero totale di passeggeri trasportati è stato di oltre 1,9 milioni, con un incremento del 20,3% rispetto al 2022 e dell'8,4% rispetto al 2019.\r\n\r\nPer quanto riguarda le rotte verso le regioni autonome delle Azzorre e di Madeira, lo scorso anno TAP ha trasportato 1,5 milioni di passeggeri, vale a dire il 13,2% in più rispetto al 2022 e il 5,7% in più rispetto al 2019.\r\n\r\nIl confronto globale sul 2019 vede Tap ancora in difetto sui livelli di traffico che deteneva sulle rotte del Portogallo continentale, dell'Europa e dell'Africa, registrando, in termini di numeri totali, -7 % rispetto al numero totale di passeggeri trasportati nel 2019.\r\n\r\nÈ importante sottolineare che il piano di ristrutturazione definito dalla Commissione europea e a cui Tap sarà soggetta fino al 2025 le impongono di operare con un numero minore di aeromobili e un numero minore di slot all’aeroporto di Lisbona rispetto al 2019.  ","post_title":"Tap centra una crescita del traffico sulle rotte italiane (+31,8%) maggiore di quella globale","post_date":"2024-01-15T10:30:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1705314630000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459284","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Con un totale di 4,5 milioni di passeggeri nel 2023 l'aeroporto di Torino ha superato ogni precedente record di traffico. I dati mostrato infatti 4.531.187 passeggeri, pari ad una crescita dell'8% sul 2022 e del +14,7% sui dati del 2019.\r\nA incidere sui risultati positivi è stata in particolare la netta ripresa del segmento internazionale, che nel 2023 ha registrato volumi superiori a 2,33 milioni di passeggeri, attestandosi a un +18,7% sul 2022 e a un +15,1% sul 2019.\r\nGrazie all’apertura di diverse nuove tratte internazionali dirette nel corso dell’anno Ryanair, che ha base a Torino dal novembre 2021, ha contribuito in maniera significativa a questo andamento. Nel corso del 2023 sono infatti state avviate le nuove rotte da e per Alicante, Porto, Stoccolma e Vilnius, cui si aggiunge il nuovo volo da e per Parigi Orly di Volotea. Ai nuovi voli avviati nel 2023, si somma inoltre la ripresa del traffico neve dai mercati del Nord Europa, dell’Irlanda e della Gran Bretagna, con la consistente ripartenza dei voli charter degli sciatori registrata sia nel primo trimestre dell’anno, sia alla riapertura della stagione a dicembre.\r\n“Siamo molto soddisfatti di aver raggiunto questo grande risultato, che ci ha portato a superare per la prima volta nella storia dell’aeroporto i 4,5 milioni di passeggeri nel 2023 - ha commentato Andrea Andorno, amministratore delegato di Torino Airport -. Il merito di questa crescita è da attribuire al forte afflusso di passeggeri dall’estero, che grazie ai numerosi voli diretti a prezzi contenuti hanno potuto raggiungere ed apprezzare le tante risorse turistiche del nostro territorio”.\r\n ","post_title":"Torino Airport vola per la prima volta oltre quota 4,5 milioni di passeggeri","post_date":"2024-01-12T11:00:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1705057214000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459104","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dodici mesi di eventi in Toscana in occasione dei 450 anni della morte di Cosimo I de' Medici.\r\n\r\nTra le iniziative organizzate dalla Regione Toscana: una mostra a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della presidenza della Regione in Piazza Duomo a Firenze, che sarà inaugurata il prossimo 21 aprile, in ricordo della data che segnò la morte del ‘padre’ della Toscana moderna, avvenuta proprio il 21 aprile 1574.\r\n\r\nTra le iniziative anche quella del 27 agosto di quest’anno, esattamente il giorno in cui Cosimo fu nominato Magnus Dux Etruriae, era il 1569, e divenne, grazie alla bolla di Pio V, il Granduca di Toscana. La terza iniziativa annunciata da Giani è un concerto, in omaggio alla grande affermazione di cultura musicale che vi fu a Firenze in quel periodo.  \r\n\r\nMa al di là di queste tre iniziative della Regione il presidente Eugenio Giani annuncia «un bando di 200 mila euro per raccogliere le proposte dei Comuni interessati alle opere di Cosimo I dei Medici, per promuovere una sensibilità diffusa sul territorio. Sarò disponibile ad andare nelle scuole tra gli studenti toscani per parlare di una storia locale che manca troppo nelle scuole e che noi vogliamo invece vitalizzare».\r\n\r\n«La Toscana -  sottolinea Giani - è l’unica delle regioni italiane che ha una radice di 450 anni che deriva proprio dalla presenza di Cosimo, che di fatto è uno statista che organizza uno Stato dando alla Toscana questo profilo; nessun’altra regione, infatti, ha questa caratteristica. Non a caso quando si costituisce l’Italia, la nostra Toscana è l’unica che, già da centinaia di anni, ha una identità, grazie a Cosimo I dei Medici».","post_title":"Toscana, 12 mesi di Eventi per i 450 anni della morte di Cosimo I de’ Medici","post_date":"2024-01-10T10:49:57+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1704883797000]}]}}

Lascia un commento