1 March 2024

1195

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

La Distal & Itr Group, gsa (general sales agent) di numerosi vettori nazionali ed internazionali, con sede di riferimento Roma, ricerca un promotore vendite senior per la seguente area:
– zona Centro Italia
Requisiti: consolidata esperienza nel settore turistico, preferibilmente trasporto aereo e della rete agenziale nell’area di competenza, automunito. Conoscenze informatiche di base. Ottima predisposizione ai rapporti interpersonali, dinamismo, orientamento alla vendita e forte determinazione al raggiungimento dei risultati sono i requisiti fondamentali per candidarsi. Conoscenza lingua inglese.
Rif. Promotore Vendite Senior
Inviare il cv a: personale@distal.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462329 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Dolomiti avanza sicura verso un 2024 nel segno della crescita, dopo un 2023 che ha visto per la prima volta la compagnia italiana del Gruppo Lufthansa raggiungere i 3 milioni di passeggeri trasportati. Cresce innanzitutto la flotta che ora conta 21 aeromobili: 17 Embraer 195 da 122 posti e 4 Embraer 190 da 108 posti. Un programma di ampliamento che prevede nuovi inserimenti durante tutto l’anno, nei mesi di aprile, maggio e luglio per raggiungere a novembre la quota di 25 macchine. E aumentano di pari passo le nuove assunzioni: attualmente i dipendenti sono 1.000, tra personale di terra e personale navigante. Le campagne di recruiting per le operazioni in volo, per gli uffici della sede di Verona e per le basi di Venezia e Firenze, operative dalla scorsa estate, sono ancora in corso e continueranno ad accompagnare il percorso di sviluppo di Air Dolomiti. Prosegue in parallelo anche lo sviluppo qualitativo della compagnia che, pur mantenendo il proprio ruolo di vettore feeder del traffico italiano sugli hub tedeschi di Monaco di Baviera e Francoforte, negli ultimi anni ha ricevuto fiducia dal Gruppo Lufthansa anche su diverse tratte europee. Numerose sono le tratte europee operate da Air Dolomiti dagli hub tedeschi come i voli su London City e Ginevra dall’aeroporto di Francoforte inaugurati nei giorni scorsi. «Abbiamo chiuso il 2023 registrando 3 milioni di passeggeri: un record assoluto per la nostra compagnia, commenta il ceo, Steffen Harbarth -. Stiamo aumentando la flotta, assumendo nuovi colleghi e ci sentiamo pronti ad accogliere con entusiasmo il nostro nuovo ruolo e le sfide che seguiranno proseguendo lo sviluppo sulle tratte europee. La mission è crescere e posizionarci in modo sicuro sul mercato senza dimenticare i nostri valori, ma cogliendo al contempo tutte le innovazioni che la crescita presenta; un settore complesso e affascinante come quello del trasporto aereo richiede solide basi ma anche prontezza e fantasia per reagire rapidamente ai cambiamenti. Questo è stato sempre il punto di forza di Air Dolomiti: coerenza di percorso e progettualità con l’obiettivo di essere sempre più affidabili e attrattivi, tanto per i nostri passeggeri quanto per chi viene selezionato per lavorare con noi». [post_title] => L'allungo di Air Dolomiti: 3 milioni di passeggeri trasportati, mentre la flotta salirà a 25 velivoli [post_date] => 2024-02-27T14:01:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709042490000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461919 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo Lufthansa investe sull’aeroporto di Ancona raddoppiando le frequenze giornaliere per Monaco di Baviera, a partire dal prossimo 31 marzo. Non solo, i collegamenti operati da Air Dolomiti saranno effettuati con aeromobili Embraer 195 da 122 posti (rispetto ai precedenti 90). «Grande soddisfazione per questa decisione del gruppo Lufthansa che non solo raddoppia le frequenze e aumenta l’offerta posti, ma introdurrà il night stop dell’aereo su Ancona - ha sottolineato Alexander D’Orsogna, amministratore delegato di Ancona International Airport -. La portata di questa novità è immensa in quanto ciò permetterà all’utenza dell’aeroporto di raggiungere qualsiasi destinazione al mondo grazie alle prosecuzioni da Monaco. A titolo esemplificativo si può partire da Ancona alle 06:05 ed essere a New York alle 12:45». [post_title] => Air Dolomiti raddoppia i voli sulla Ancona-Monaco di Baviera, dal 31 marzo [post_date] => 2024-02-20T11:42:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708429362000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461382 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461386" align="alignleft" width="300"] Uno scorcio dello Yellowsquare Roma[/caption] Il brand di ospitalità ibrida Yellowsquare chiude un ottimo 2023 registrando un fatturato di 14,4 milioni di euro, per un incremento del 37% rispetto all'anno precedente. Anche gli indicatori di redditività sono positivi con i margini operativi lordi, al netto dei canoni di affitto, attorno ai 6 milioni (ebitdar), mentre i ricavi totali per camera disponibili (trevpar) si sono attestati sui 198 euro. Ancora più importante, nel segmento degli hybrid, i ricavi totali per letto disponibile (trevpab), che hanno raggiunto i 47,12 euro. Yellowsquare oggi vanta un portfolio di tre strutture, situate nelle città di di Roma, Milano (da settembre 2021) e Firenze (da aprile 2022). A queste si aggiungerà nel 2025 una nuova struttura a Pisa. Nel corso del 2023, la compagnia ha ospitato più di 100 mila persone di età media di 24 anni, con nazionalità che coprono l’intero globo: Africa 1,6%; Asia: 9,1%; Europa 35,6%; Nord America 26,5%; Oceania 15,7%; Sud America 11,5%. Rilevante il dato sul gender, che si assesta a circa il 56% in femminile, 42% in maschile e circa il 2% in non binary. Scorporando i dati di fatturato, i servizi di alloggio hanno generato circa 11 milioni di euro, mentre il settore food and beverage ha contribuito per circa 3 milioni. Infine, i servizi laterali, come depositi bagagli, coworking, affitto spazi per eventi e mostre, e parrucchiere, rappresentano una piccola quota di 300 mila euro, "valida soprattutto come arricchimento dell’esperienza per il cliente", sottolinea una nota ufficiale.   [post_title] => Yellowsquare supera i 14 mln di ricavi con margini operativi lordi al netto degli affitti di 6 mln [post_date] => 2024-02-13T12:00:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707825651000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461160 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Grazie al volo diretto Mauritius diventerà una delle destinazioni preferite degli italiani": Arvind Bundhun, direttore Mauritius Tourism Promotion Authority -commenta così la notizia del ritorno di Air Mauritius con il collegamento da Roma, operativo dal prossimo ottobre. "Per noi il mercato italiano è il decimo in Europa: se nel 2022 avevamo accolto circa 24.000 visitatori italiani, nel 2023 sono stati 30.000 e nel 2024 raggiungeranno i 40.000. Per quanto riguarda i dati internazionali, nel 2023 sono arrivati a Mauritius 1,295 milioni di turisti e il nostro obiettivo per il 2024 è quello di raggiungere quota 1,4 milioni". Per accogliere i nuovi ospiti Mauritius offrirà entro il 2025 una capacità aggiuntiva di 2.600 camere, sta sviluppando una pipeline di hotel e progetta tante nuove attività. "Abbiamo l’importante obiettivo di far crescere il turismo in modo sostenibile, equo e inclusivo. Ciascun componente della popolazione di Mauritius dovrà trarne vantaggio. Mauritius è molto più di un’isola: abbiamo la bellezza della natura, la cultura, la religione, la tradizione, la gastronomia ma, soprattutto, un’ospitalità leggendaria. Credo che sia proprio questo il nostro main asset: il livello del servizio dell’isola è al di sopra di ogni aspettativa. Vogliamo anche mostrare che Mauritius è una destinazione sostenibile". "Tra gli strumenti che abbiamo reso disponibili a tutti gli operatori turistici - aggiunge infatti Belinda Udhin, tourism promotion officer dell’Mtpa - c’è una piattaforma dove registrasi per monitorare l’evoluzione del proprio percorso di sostenibilità e ottenere una certificazione. Noi stessi stiamo lavorando per certificare l’aderenza ai principi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030: non vogliamo sfruttare oltre misura le nostre risorse naturali come l’acqua e l’elettricità e lavoriamo per i mauriziani e per i nostri ospiti". Tante le iniziative che attirano l’interesse internazionale sulla destinazione; tra queste la campagna promozionale “Feel our island energy” che racconta l’energia che pervade l’isola e connette emozionalmente abitanti e visitatori. "Tutti sono parte di questa campagna, perché dietro al successo dell’industria del turismo di Mauritius c’è la nostra gente - conclude Bundhun - Vogliamo anche stare al passo con l’innovazione tecnologica e far conoscere la ricca proposta turistica di Mauritius al maggior numero possibile di persone grazie a una forte presenza nel mondo dei social media". [post_title] => Mauritius, Bundhun: "Con il volo diretto saremo una delle destinazioni preferite dagli italiani" [post_date] => 2024-02-09T12:20:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707481207000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461119 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la domanda internazionale verso gli hotel italiani: +7% nel 2023 rispetto all'anno precedente secondo gli ultimi dati SiteMinder, elaborati in base a oltre 115 milioni di prenotazioni globali. “I numeri mostrano che l'aumento dei prezzi non ha scoraggiato i viaggiatori nel 2023 - spiega il regional manager di SiteMinder per l'Italia, Simone Portaluri -: gli arrivi internazionali sono cresciuti in percentuale rispetto a tutti i soggiorni, raggiungendo una quota tra le più alte in Europa, e con viaggiatori che hanno prenotato in media con una settimana di anticipo rispetto al 2022. Siamo di fronte però a uno scenario che ci svela un turista diverso dagli anni passati. Dalle nostre ricerche sappiamo che, nonostante il rinvigorito entusiasmo per i viaggi e la crescente propensione a spendere di più per gli extra, l'aumento dei prezzi sta costringendo gli ospiti a esplorare altre formule, con un numero maggiore di persone che cercano di acquistare pacchetti turistici. Per il prossimo anno, quindi, gli albergatori dovranno adottare un approccio dinamico nella gestione del proprio business, al fine di rimanere allineati alle aspettative dei clienti e dovranno dotarsi di strumenti per comprendere come ogni interazione possa rappresentare un'opportunità per generare profitto”. Tra le altre evidenza della ricerca SiteMinder, si segnala che la tariffa media giornaliera italiana ha registrato una crescita del 20% pari a 42 euro in più: un aumento superiore a quello degli altri paesi europei presi in esame e più alto della media mondiale (+11%). Il picco massimo degli aumenti è stato raggiunto in particolare a giugno, quando l'adr ha raggiunto quota 267 euro. Tra i canali di vendita online, Booking.com si è infine confermato quello capace di generare i maggiori volumi, seguito da Expedia Group e dalle prenotazioni dirette attraverso i siti proprietari. L’aumento dei viaggiatori internazionali ha tuttavia contribuito anche al ritorno di Trip.com (soluzione preferita dai viaggiatori cinesi), e all'ascesa di Hotel Reservation Service (il sistema di preferenza degli utenti tedeschi). [post_title] => SiteMinder: gli stranieri tornano negli hotel italiani ma cercano più pacchetti e meno solo soggiorni [post_date] => 2024-02-08T11:57:40+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707393460000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460732 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il conto alla rovescia per l’apertura del secondo ostello italiano di a&o Hostels è iniziato: Firenze ospiterà la trentanovesima struttura del gruppo berlinese che aprirà le proprie porte a inizio estate, con indirizzo in via Mannelli 119, giusto fuori dalla stazione Campo di Marte. La novità giunge dopo un 2023 da numeri record per la compagnia, che ha registrato 217 milioni di euro di fatturato, con 6,1 milioni di pernottamenti (5,55 milioni nel 2022) e 2,7 milioni di ospiti nelle sue 38 strutture presenti in nove paesi. Il tutto con un'occupazione media del 76% (67% nel 2022). In tale contesto la domanda dei viaggiatori italiani si piazza nella top 10, prima di quella danese, svizzera e francese. Altro dato interessante riguarda il segmento gruppi, che pesa per il 38% dei volumi complessivi. “In tempi difficili dal punto di vista economico, le persone non smettono di viaggiare ma scelgono un prodotto low budget. E una volta fatta l’esperienza e aver capito che funziona sceglieranno più rapidamente di affidarsi a una struttura comoda, confortevole ed economica - commenta il ceo del gruppo, Oliver Winter -. Stiamo crescendo anche nel comparto business travel: chiaramente ci sono ancora margini di miglioramento, ma sono molto fiducioso che il segmento continuerà a svilupparsi”. [post_title] => Appuntamento a Firenze a inizio estate per la seconda struttura italiana di a&o Hostels [post_date] => 2024-02-02T15:03:12+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706886192000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460626 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riflettori puntati sulle due rotte italiane per Binter che partecipa alla Bit - pad. 4 - stand E01 - proprio per promuovere i collegamenti annuali da Firenze e Venezia verso le isole Canarie. Da Firenze, i voli partono il sabato alle 15:30, mentre da Venezia le partenze sono anch'esse tutti i sabati alle 16:00. I passeggeri godranno del servizio esclusivo tipico dell’offerta di viaggi operati da Binter, con il comfort dell'Embraer E195-E2. L’aereo, a corridoio unico, è il più silenzioso, sostenibile ed efficiente della sua categoria. Si caratterizza per una configurazione in cui l’assenza dei posti centrali assicura più spazio tra le file. Inoltre, distintiva è l’assistenza a bordo di primo livello, che include, ad esempio, un aperitivo gourmet, servito durante il viaggio a tutti i passeggeri. Binter assicura anche collegamenti gratuiti tra le isole dell’arcipelago per i passeggeri che partono dall’Italia. Questo servizio è reso possibile grazie all'ampia rete di connessioni che agevola i trasferimenti interni quotidiani. Altra possibilità, per coloro che desiderano visitare più di un'isola delle Canarie durante il loro viaggio, è quella offerta da Discover, il servizio che consente ai passeggeri di scoprire due isole nello stesso viaggio con un piccolo costo aggiuntivo. E' possibile effettuare la sosta all'andata o al ritorno, con un massimo di sette giorni e al cost di 40 euro in più. Per chi sceglie inoltre di fermarsi a visitare più di due isole nello stesso viaggio, la soluzione è quella dell'Airpass Explorer, con una tariffa speciale di 40 euro per volo più tasse. Attraverso il sito web di Binter, l'utente può acquistare e configurare, con un preavviso minimo di sette giorni dal primo volo, il proprio AirPass Explorer da un minimo di tre voli fino a un massimo di otto, tenendo presente che non è possibile ripetere lo stesso percorso.     [post_title] => Binter promuove i voli annuali da Firenze e Venezia per le Canarie [post_date] => 2024-02-02T10:31:47+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706869907000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460267 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Brusca frenata dei profitti Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio in corso (chiuso lo scorso 31 dicembre) e successivo taglio delle previsioni di utile per l'intero anno fiscale. L’utile netto del gruppo è sceso del 93% a 14,8 milioni di euro, nonostante un aumento del fatturato del 17% a 2,7 miliardi di euro. Il risultato, chiarisce una nota della low cost irlandese, ha risentito, tra l’altro, dell’aumento dei costi del carburante (+35%) ma anche dell’aumento degli stipendi e delle tasse aeroportuali. «Mentre traffico e tariffe sono aumentati su anno, nel periodo che precede Natale e Capodanno i tassi di occupazione e i rendimenti sono stati inferiori alle aspettative in risposta all’improvviso (ma gradito) ritiro di Ryanair» da «siti online ’pirata’ di agenzie di viaggio» all’inizio di dicembre. Il ceo del gruppo, Michael O'Leary, aveva già avvertito che la mossa, da parte di aziende che aveva definito "pirati", avrebbe danneggiato la redditività del terzo trimestre. Ryanair ha dunque dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1,85 e 1,95 miliardi di euro per i 12 mesi fino alla fine di marzo: la cifra è inferiore rispetto alla precedente previsione di poco più di 2 miliardi di euro.  Sull’andamento del quarto trimestre, «tradizionalmente il più debole», influirà anche l’entrata in vigore di un accordo sull’aumento salariale dei piloti e la fine dei crediti di carbonio gratuiti.  La compagnia si aspetta una forte domanda per la stagione estiva, con tariffe ancora in rialzo, ma meno dello scorso anno. Infine, il ceo ha rimarcato il potenziale rischio residuo per le prospettive di crescita di Ryanair legato alla possibilità di ulteriori ritardi nella consegna dei nuovi aeromobili Boeing 787 Max 8. La low cost che ha un ordine di 300 Boeing, ha ricevuto 12 Boeing 737 8-200 nell’ultimo trimestre e si aspetta di riceverne altri 50 entro giugno, un numero inferiore rispetto alle previsioni di 57 consegne.     [post_title] => Conti in frenata nel trimestre di Ryanair, che taglia le previsioni di utile per l'anno [post_date] => 2024-01-29T11:22:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706527368000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460148 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A ridosso dell'apertura della base di Madrid (dove posizionerà due Embraer E195) il prossimo 1° febbraio, Binter ribadisce ambiziosi progetti di crescita da Barajas, in vista del completamento dell'acquisizione di Air Europa da parte del gruppo Iag, per ottenere il quale l'Antitrust Ue chiederà concessioni significative. A cominciare da quelle sul corridoio fra la capitale spagnola e le isole Canarie. Rodolfo Núñez, presidente di Binter, ha spiegato in un'intervista a Cinco Dias, che "vediamo un'opportunità nel processo di fusione tra Iberia e Air Europa (...) per sostituire Air Europa, la cui quota di mercato si aggira intorno al 20% o al 23%. Crediamo che questa operazione andrà avanti, ma significherà che molti o tutti gli slot di Air Europa nelle Isole Canarie dovranno essere messi a disposizione di altri operatori. E Binter vuole essere uno di questi. Stiamo cercando i migliori slot possibili e di consolidare le operazioni a Madrid". I collegamenti del vettore, operativi da febbraio, saranno diretti a Gran Canaria e Tenerife. Proprio ieri Bruxelles ha puntato il dito contro possibili sovrapposizioni su diverse rotte a breve, medio e lungo raggio.  "Non siamo stati salvati e il nostro patrimonio netto è positivo. La solvibilità è importante perché garantisce la continuità, e a questo aggiungiamo che non siamo un concorrente pericoloso per Iag perché operiamo in un altro segmento di mercato e le nostre dimensioni sono contenute". Núñez è convinto che "Binter potrebbe essere un'alternativa per tre o quattro operatori per rimanere sulle rotte: quello predominante sarebbe IAG, attraverso Iberia Express e Vueling, e la seconda e terza posizione sarebbero contese tra noi e Ryanair". [post_title] => Binter punta a guadagnare quote di mercato a Madrid. A scapito di Air Europa [post_date] => 2024-01-26T09:07:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706260027000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1195" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":128,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462329","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Dolomiti avanza sicura verso un 2024 nel segno della crescita, dopo un 2023 che ha visto per la prima volta la compagnia italiana del Gruppo Lufthansa raggiungere i 3 milioni di passeggeri trasportati.\r\nCresce innanzitutto la flotta che ora conta 21 aeromobili: 17 Embraer 195 da 122 posti e 4 Embraer 190 da 108 posti. Un programma di ampliamento che prevede nuovi inserimenti durante tutto l’anno, nei mesi di aprile, maggio e luglio per raggiungere a novembre la quota di 25 macchine.\r\nE aumentano di pari passo le nuove assunzioni: attualmente i dipendenti sono 1.000, tra personale di terra e personale navigante. Le campagne di recruiting per le operazioni in volo, per gli uffici della sede di Verona e per le basi di Venezia e Firenze, operative dalla scorsa estate, sono ancora in corso e continueranno ad accompagnare il percorso di sviluppo di Air Dolomiti.\r\nProsegue in parallelo anche lo sviluppo qualitativo della compagnia che, pur mantenendo il proprio ruolo di vettore feeder del traffico italiano sugli hub tedeschi di Monaco di Baviera e Francoforte, negli ultimi anni ha ricevuto fiducia dal Gruppo Lufthansa anche su diverse tratte europee. Numerose sono le tratte europee operate da Air Dolomiti dagli hub tedeschi come i voli su London City e Ginevra dall’aeroporto di Francoforte inaugurati nei giorni scorsi.\r\n«Abbiamo chiuso il 2023 registrando 3 milioni di passeggeri: un record assoluto per la nostra compagnia, commenta il ceo, Steffen Harbarth -. Stiamo aumentando la flotta, assumendo nuovi colleghi e ci sentiamo pronti ad accogliere con entusiasmo il nostro nuovo ruolo e le sfide che seguiranno proseguendo lo sviluppo sulle tratte europee. La mission è crescere e posizionarci in modo sicuro sul mercato senza dimenticare i nostri valori, ma cogliendo al contempo tutte le innovazioni che la crescita presenta; un settore complesso e affascinante come quello del trasporto aereo richiede solide basi ma anche prontezza e fantasia per reagire rapidamente ai cambiamenti. Questo è stato sempre il punto di forza di Air Dolomiti: coerenza di percorso e progettualità con l’obiettivo di essere sempre più affidabili e attrattivi, tanto per i nostri passeggeri quanto per chi viene selezionato per lavorare con noi».","post_title":"L'allungo di Air Dolomiti: 3 milioni di passeggeri trasportati, mentre la flotta salirà a 25 velivoli","post_date":"2024-02-27T14:01:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709042490000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461919","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo Lufthansa investe sull’aeroporto di Ancona raddoppiando le frequenze giornaliere per Monaco di Baviera, a partire dal prossimo 31 marzo. Non solo, i collegamenti operati da Air Dolomiti saranno effettuati con aeromobili Embraer 195 da 122 posti (rispetto ai precedenti 90).\r\n\r\n«Grande soddisfazione per questa decisione del gruppo Lufthansa che non solo raddoppia le frequenze e aumenta l’offerta posti, ma introdurrà il night stop dell’aereo su Ancona - ha sottolineato Alexander D’Orsogna, amministratore delegato di Ancona International Airport -. La portata di questa novità è immensa in quanto ciò permetterà all’utenza dell’aeroporto di raggiungere qualsiasi destinazione al mondo grazie alle prosecuzioni da Monaco. A titolo esemplificativo si può partire da Ancona alle 06:05 ed essere a New York alle 12:45».","post_title":"Air Dolomiti raddoppia i voli sulla Ancona-Monaco di Baviera, dal 31 marzo","post_date":"2024-02-20T11:42:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708429362000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461382","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461386\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Uno scorcio dello Yellowsquare Roma[/caption]\r\n\r\nIl brand di ospitalità ibrida Yellowsquare chiude un ottimo 2023 registrando un fatturato di 14,4 milioni di euro, per un incremento del 37% rispetto all'anno precedente. Anche gli indicatori di redditività sono positivi con i margini operativi lordi, al netto dei canoni di affitto, attorno ai 6 milioni (ebitdar), mentre i ricavi totali per camera disponibili (trevpar) si sono attestati sui 198 euro. Ancora più importante, nel segmento degli hybrid, i ricavi totali per letto disponibile (trevpab), che hanno raggiunto i 47,12 euro.\r\nYellowsquare oggi vanta un portfolio di tre strutture, situate nelle città di di Roma, Milano (da settembre 2021) e Firenze (da aprile 2022). A queste si aggiungerà nel 2025 una nuova struttura a Pisa. Nel corso del 2023, la compagnia ha ospitato più di 100 mila persone di età media di 24 anni, con nazionalità che coprono l’intero globo: Africa 1,6%; Asia: 9,1%; Europa 35,6%; Nord America 26,5%; Oceania 15,7%; Sud America 11,5%. Rilevante il dato sul gender, che si assesta a circa il 56% in femminile, 42% in maschile e circa il 2% in non binary.\r\n\r\nScorporando i dati di fatturato, i servizi di alloggio hanno generato circa 11 milioni di euro, mentre il settore food and beverage ha contribuito per circa 3 milioni. Infine, i servizi laterali, come depositi bagagli, coworking, affitto spazi per eventi e mostre, e parrucchiere, rappresentano una piccola quota di 300 mila euro, \"valida soprattutto come arricchimento dell’esperienza per il cliente\", sottolinea una nota ufficiale.\r\n\r\n ","post_title":"Yellowsquare supera i 14 mln di ricavi con margini operativi lordi al netto degli affitti di 6 mln","post_date":"2024-02-13T12:00:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707825651000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461160","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Grazie al volo diretto Mauritius diventerà una delle destinazioni preferite degli italiani\": Arvind Bundhun, direttore Mauritius Tourism Promotion Authority -commenta così la notizia del ritorno di Air Mauritius con il collegamento da Roma, operativo dal prossimo ottobre.\r\n\r\n\"Per noi il mercato italiano è il decimo in Europa: se nel 2022 avevamo accolto circa 24.000 visitatori italiani, nel 2023 sono stati 30.000 e nel 2024 raggiungeranno i 40.000. Per quanto riguarda i dati internazionali, nel 2023 sono arrivati a Mauritius 1,295 milioni di turisti e il nostro obiettivo per il 2024 è quello di raggiungere quota 1,4 milioni\".\r\n\r\nPer accogliere i nuovi ospiti Mauritius offrirà entro il 2025 una capacità aggiuntiva di 2.600 camere, sta sviluppando una pipeline di hotel e progetta tante nuove attività. \"Abbiamo l’importante obiettivo di far crescere il turismo in modo sostenibile, equo e inclusivo. Ciascun componente della popolazione di Mauritius dovrà trarne vantaggio. Mauritius è molto più di un’isola: abbiamo la bellezza della natura, la cultura, la religione, la tradizione, la gastronomia ma, soprattutto, un’ospitalità leggendaria. Credo che sia proprio questo il nostro main asset: il livello del servizio dell’isola è al di sopra di ogni aspettativa. Vogliamo anche mostrare che Mauritius è una destinazione sostenibile\".\r\n\r\n\"Tra gli strumenti che abbiamo reso disponibili a tutti gli operatori turistici - aggiunge infatti Belinda Udhin, tourism promotion officer dell’Mtpa - c’è una piattaforma dove registrasi per monitorare l’evoluzione del proprio percorso di sostenibilità e ottenere una certificazione. Noi stessi stiamo lavorando per certificare l’aderenza ai principi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030: non vogliamo sfruttare oltre misura le nostre risorse naturali come l’acqua e l’elettricità e lavoriamo per i mauriziani e per i nostri ospiti\".\r\n\r\nTante le iniziative che attirano l’interesse internazionale sulla destinazione; tra queste la campagna promozionale “Feel our island energy” che racconta l’energia che pervade l’isola e connette emozionalmente abitanti e visitatori. \"Tutti sono parte di questa campagna, perché dietro al successo dell’industria del turismo di Mauritius c’è la nostra gente - conclude Bundhun - Vogliamo anche stare al passo con l’innovazione tecnologica e far conoscere la ricca proposta turistica di Mauritius al maggior numero possibile di persone grazie a una forte presenza nel mondo dei social media\".","post_title":"Mauritius, Bundhun: \"Con il volo diretto saremo una delle destinazioni preferite dagli italiani\"","post_date":"2024-02-09T12:20:07+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707481207000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461119","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cresce la domanda internazionale verso gli hotel italiani: +7% nel 2023 rispetto all'anno precedente secondo gli ultimi dati SiteMinder, elaborati in base a oltre 115 milioni di prenotazioni globali. “I numeri mostrano che l'aumento dei prezzi non ha scoraggiato i viaggiatori nel 2023 - spiega il regional manager di SiteMinder per l'Italia, Simone Portaluri -: gli arrivi internazionali sono cresciuti in percentuale rispetto a tutti i soggiorni, raggiungendo una quota tra le più alte in Europa, e con viaggiatori che hanno prenotato in media con una settimana di anticipo rispetto al 2022. Siamo di fronte però a uno scenario che ci svela un turista diverso dagli anni passati. Dalle nostre ricerche sappiamo che, nonostante il rinvigorito entusiasmo per i viaggi e la crescente propensione a spendere di più per gli extra, l'aumento dei prezzi sta costringendo gli ospiti a esplorare altre formule, con un numero maggiore di persone che cercano di acquistare pacchetti turistici. Per il prossimo anno, quindi, gli albergatori dovranno adottare un approccio dinamico nella gestione del proprio business, al fine di rimanere allineati alle aspettative dei clienti e dovranno dotarsi di strumenti per comprendere come ogni interazione possa rappresentare un'opportunità per generare profitto”.\r\n\r\nTra le altre evidenza della ricerca SiteMinder, si segnala che la tariffa media giornaliera italiana ha registrato una crescita del 20% pari a 42 euro in più: un aumento superiore a quello degli altri paesi europei presi in esame e più alto della media mondiale (+11%). Il picco massimo degli aumenti è stato raggiunto in particolare a giugno, quando l'adr ha raggiunto quota 267 euro. Tra i canali di vendita online, Booking.com si è infine confermato quello capace di generare i maggiori volumi, seguito da Expedia Group e dalle prenotazioni dirette attraverso i siti proprietari. L’aumento dei viaggiatori internazionali ha tuttavia contribuito anche al ritorno di Trip.com (soluzione preferita dai viaggiatori cinesi), e all'ascesa di Hotel Reservation Service (il sistema di preferenza degli utenti tedeschi).","post_title":"SiteMinder: gli stranieri tornano negli hotel italiani ma cercano più pacchetti e meno solo soggiorni","post_date":"2024-02-08T11:57:40+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1707393460000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460732","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il conto alla rovescia per l’apertura del secondo ostello italiano di a&o Hostels è iniziato: Firenze ospiterà la trentanovesima struttura del gruppo berlinese che aprirà le proprie porte a inizio estate, con indirizzo in via Mannelli 119, giusto fuori dalla stazione Campo di Marte. La novità giunge dopo un 2023 da numeri record per la compagnia, che ha registrato 217 milioni di euro di fatturato, con 6,1 milioni di pernottamenti (5,55 milioni nel 2022) e 2,7 milioni di ospiti nelle sue 38 strutture presenti in nove paesi. Il tutto con un'occupazione media del 76% (67% nel 2022).\r\n\r\nIn tale contesto la domanda dei viaggiatori italiani si piazza nella top 10, prima di quella danese, svizzera e francese. Altro dato interessante riguarda il segmento gruppi, che pesa per il 38% dei volumi complessivi. “In tempi difficili dal punto di vista economico, le persone non smettono di viaggiare ma scelgono un prodotto low budget. E una volta fatta l’esperienza e aver capito che funziona sceglieranno più rapidamente di affidarsi a una struttura comoda, confortevole ed economica - commenta il ceo del gruppo, Oliver Winter -. Stiamo crescendo anche nel comparto business travel: chiaramente ci sono ancora margini di miglioramento, ma sono molto fiducioso che il segmento continuerà a svilupparsi”.","post_title":"Appuntamento a Firenze a inizio estate per la seconda struttura italiana di a&o Hostels","post_date":"2024-02-02T15:03:12+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706886192000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460626","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riflettori puntati sulle due rotte italiane per Binter che partecipa alla Bit - pad. 4 - stand E01 - proprio per promuovere i collegamenti annuali da Firenze e Venezia verso le isole Canarie.\r\n\r\nDa Firenze, i voli partono il sabato alle 15:30, mentre da Venezia le partenze sono anch'esse tutti i sabati alle 16:00. I passeggeri godranno del servizio esclusivo tipico dell’offerta di viaggi operati da Binter, con il comfort dell'Embraer E195-E2. L’aereo, a corridoio unico, è il più silenzioso, sostenibile ed efficiente della sua categoria. Si caratterizza per una configurazione in cui l’assenza dei posti centrali assicura più spazio tra le file. Inoltre, distintiva è l’assistenza a bordo di primo livello, che include, ad esempio, un aperitivo gourmet, servito durante il viaggio a tutti i passeggeri.\r\n\r\nBinter assicura anche collegamenti gratuiti tra le isole dell’arcipelago per i passeggeri che partono dall’Italia. Questo servizio è reso possibile grazie all'ampia rete di connessioni che agevola i trasferimenti interni quotidiani.\r\n\r\nAltra possibilità, per coloro che desiderano visitare più di un'isola delle Canarie durante il loro viaggio, è quella offerta da Discover, il servizio che consente ai passeggeri di scoprire due isole nello stesso viaggio con un piccolo costo aggiuntivo. E' possibile effettuare la sosta all'andata o al ritorno, con un massimo di sette giorni e al cost di 40 euro in più.\r\n\r\nPer chi sceglie inoltre di fermarsi a visitare più di due isole nello stesso viaggio, la soluzione è quella dell'Airpass Explorer, con una tariffa speciale di 40 euro per volo più tasse.\r\n\r\nAttraverso il sito web di Binter, l'utente può acquistare e configurare, con un preavviso minimo di sette giorni dal primo volo, il proprio AirPass Explorer da un minimo di tre voli fino a un massimo di otto, tenendo presente che non è possibile ripetere lo stesso percorso.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Binter promuove i voli annuali da Firenze e Venezia per le Canarie","post_date":"2024-02-02T10:31:47+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706869907000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460267","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n\r\nBrusca frenata dei profitti Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio in corso (chiuso lo scorso 31 dicembre) e successivo taglio delle previsioni di utile per l'intero anno fiscale.\r\n\r\nL’utile netto del gruppo è sceso del 93% a 14,8 milioni di euro, nonostante un aumento del fatturato del 17% a 2,7 miliardi di euro. Il risultato, chiarisce una nota della low cost irlandese, ha risentito, tra l’altro, dell’aumento dei costi del carburante (+35%) ma anche dell’aumento degli stipendi e delle tasse aeroportuali. «Mentre traffico e tariffe sono aumentati su anno, nel periodo che precede Natale e Capodanno i tassi di occupazione e i rendimenti sono stati inferiori alle aspettative in risposta all’improvviso (ma gradito) ritiro di Ryanair» da «siti online ’pirata’ di agenzie di viaggio» all’inizio di dicembre.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nIl ceo del gruppo, Michael O'Leary, aveva già avvertito che la mossa, da parte di aziende che aveva definito \"pirati\", avrebbe danneggiato la redditività del terzo trimestre.\r\n\r\nRyanair ha dunque dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1,85 e 1,95 miliardi di euro per i 12 mesi fino alla fine di marzo: la cifra è inferiore rispetto alla precedente previsione di poco più di 2 miliardi di euro. \r\n\r\n\r\n\r\nSull’andamento del quarto trimestre, «tradizionalmente il più debole», influirà anche l’entrata in vigore di un accordo sull’aumento salariale dei piloti e la fine dei crediti di carbonio gratuiti. \r\nLa compagnia si aspetta una forte domanda per la stagione estiva, con tariffe ancora in rialzo, ma meno dello scorso anno. Infine, il ceo ha rimarcato il potenziale rischio residuo per le prospettive di crescita di Ryanair legato alla possibilità di ulteriori ritardi nella consegna dei nuovi aeromobili Boeing 787 Max 8.\r\nLa low cost che ha un ordine di 300 Boeing, ha ricevuto 12 Boeing 737 8-200 nell’ultimo trimestre e si aspetta di riceverne altri 50 entro giugno, un numero inferiore rispetto alle previsioni di 57 consegne.  \r\n\r\n\r\n\r\n ","post_title":"Conti in frenata nel trimestre di Ryanair, che taglia le previsioni di utile per l'anno","post_date":"2024-01-29T11:22:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706527368000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460148","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A ridosso dell'apertura della base di Madrid (dove posizionerà due Embraer E195) il prossimo 1° febbraio, Binter ribadisce ambiziosi progetti di crescita da Barajas, in vista del completamento dell'acquisizione di Air Europa da parte del gruppo Iag, per ottenere il quale l'Antitrust Ue chiederà concessioni significative. A cominciare da quelle sul corridoio fra la capitale spagnola e le isole Canarie.\r\n\r\nRodolfo Núñez, presidente di Binter, ha spiegato in un'intervista a Cinco Dias, che \"vediamo un'opportunità nel processo di fusione tra Iberia e Air Europa (...) per sostituire Air Europa, la cui quota di mercato si aggira intorno al 20% o al 23%. Crediamo che questa operazione andrà avanti, ma significherà che molti o tutti gli slot di Air Europa nelle Isole Canarie dovranno essere messi a disposizione di altri operatori. E Binter vuole essere uno di questi. Stiamo cercando i migliori slot possibili e di consolidare le operazioni a Madrid\".\r\n\r\nI collegamenti del vettore, operativi da febbraio, saranno diretti a Gran Canaria e Tenerife.\r\n\r\nProprio ieri Bruxelles ha puntato il dito contro possibili sovrapposizioni su diverse rotte a breve, medio e lungo raggio. \r\n\r\n\"Non siamo stati salvati e il nostro patrimonio netto è positivo. La solvibilità è importante perché garantisce la continuità, e a questo aggiungiamo che non siamo un concorrente pericoloso per Iag perché operiamo in un altro segmento di mercato e le nostre dimensioni sono contenute\".\r\n\r\nNúñez è convinto che \"Binter potrebbe essere un'alternativa per tre o quattro operatori per rimanere sulle rotte: quello predominante sarebbe IAG, attraverso Iberia Express e Vueling, e la seconda e terza posizione sarebbero contese tra noi e Ryanair\".","post_title":"Binter punta a guadagnare quote di mercato a Madrid. A scapito di Air Europa","post_date":"2024-01-26T09:07:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706260027000]}]}}

Lascia un commento