21 August 2018

Trenitalia acquisisce l’inglese Nxet

[ 0 ]

Barbara-Morgante-AD-Trenitalia1Trenitalia entra nel mercato ferroviario della Gran Bretagna attraverso la controllata Trenitalia UK, società di diritto inglese con base a Londra. Quest’ultima ha infatti raggiunto un accordo con National Express Group Plc che prevede l’acquisizione da parte di Trenitalia, per circa 70 milioni di sterline, della totalità delle azioni della società Nxet (National Express Essex Thameside), gestore del franchise C2C (City to Coast) per i collegamenti tra la città di Londra e Shoesburyness, sulla costa orientale nella regione del South Essex. L’acquisizione di Nxet – fatturato circa 200 milioni di euro, 600 dipendenti e una flotta di 74 treni Bombardier – rappresenterà un ulteriore obiettivo raggiunto nell’ambito della strategia di internazionalizzazione, uno dei pilastri del Piano industriale 2017-2026 del Gruppo FS Italiane. Trenitalia UK proseguirà nel percorso di miglioramento della customer satisfaction anche con l’introduzione di tecnologie innovative, una delle leve fondamentali per la strategia di crescita. «Siamo particolarmente soddisfatti – sottolinea Barbara Morgante, ad di Trenitalia (nella foto) – di avere l’opportunità di misurarci nel Regno Unito partendo proprio dal franchise C2C che, grazie alle ottime performance degli ultimi anni, è l’ideale trampolino di lancio verso il mercato ferroviario inglese. Intendiamo mettere a disposizione dei nostri nuovi clienti, fra East London e South Essex, tutte le competenze sviluppate in un mercato altamente competitivo come quello italiano. I clienti potranno così contare sia sulla nostra esperienza che su tecnologie innovative che miglioreranno la loro esperienza di viaggio. In parallelo stiamo monitorando le gare che bandisce il Ministero dei Trasporti britannico per partecipare ad alcune di esse».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al via gli appuntamenti formativi Welcome Travel. Il network è infatti partito con il percorso “We Training”, dedicato alle agenzie del network che prevede oltre 30 incontri in tutta Italia e che termineranno a Genova il 19 maggio. Un ricco programma di formazione attivato a favore di chi, ogni giorno, opera sul campo e richiede di aggiornare le proprie conoscenze e acquisire nuove competenze. Le tappe, infatti, sono state studiate in modo da coprire in maniera capillare il territorio nazionale con l’obiettivo di raggiungere le agenzie con location molto vicine a loro, agevolandole così negli spostamenti per le trasferte. Una formula voluta e pensata proprio per dare la possibilità anche agli addetti alle vendite di partecipare agli incontri. «Il nostro intendimento non è solo quello di mettere a disposizione formule di vendita più competitive e iniziative finalizzate ad attrarre nuovi clienti presso le agenzie del network - commenta Massimo Segato, direttore rete indiretta e sviluppo -, ma soprattutto quello di aiutare i colleghi che lavorano in agenzia a sfruttare quanto più possibile queste opportunità. Durante i We Training, cui partecipano addetti vendita di quasi tutte le agenzie del network, abbiamo la possibilità di entrare nei particolari e, grazie all’interazione con i presenti, stimolare l’emulazione delle esperienze più positive in termini di redditività per il punto vendita e capacità di catalizzare l’attenzione di nuovi clienti». Focus dei We Training la condivisione di tutti gli strumenti di comunicazione e marketing messi a disposizione delle agenzie partner. Fra tutti spicca WElgo!, strumento di ricerca pacchetti che sarà spiegato nel dettaglio e Digital Signage, il totem digitale per il punto vendita, ricco di contenuti promozionali aggiornati e gestiti a livello centralizzato. [post_title] => Welcome Travel: al via la formazione con i “We Training” [post_date] => 2017-04-21T09:59:18+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492768758000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276080 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si cammina su una striscia di legno posata per terra, nell’ufficio Informazioni Accoglienza Turistica del Porto Antico, si indossa un visore per la realtà aumentata e come per magia il pavimento sparisce: si rimane in bilico sul pozzo della torre di Porta Soprana.  Questa magia tecnologica si chiama Exploracity. E’ una piattaforma digitale pensata per offrire nuovi servizi per la valorizzazione dei beni culturali, che tutte le potenzialità offerte dalle più avanzate tecnologie e dai più recenti canali media. Utilizzando strumenti di geolocalizzazione e di realtà virtuale e aumentata, offre una gestione veloce e innovativa di contenuti e funzionalità consentendo, ad esempio, pianificazione di itinerari e localizzazione outdoor e indoor. Il progetto nasce dall’esperienza di Ett Spa, industria digitale e creativa genovese specializzata in innovazione tecnologica ed experience design, e vede in Genova il contesto ideale per realizzare e dimostrare le potenzialità delle nuove tecnologie al servizio del Cultural Heritage. Prima dell’estate sarà possibile scaricare sul proprio smartphone anche l’app, disponibile sugli store Android e iOs, in modo da poter pianificare al meglio la visita della città e, una volta arrivati a destinazione, scoprire la storia dei monumenti e cosa si trova nei dintorni. «Exploracity è un nuovo modo di presentare la città, anche all’estero – sottolinea Carla Sibilla, assessore al turismo comune di Genova – al prossimo incontro in Russia lo porterò per far vivere Genova ai nostri partner. Per il momento le spiegazioni sono in italiano e in inglese, ma da maggio saranno in quattro lingue. E’ un sistema utilizzabile da tutti, anche dalle persone che non sono nativi digitali, e per ogni spiegazione e su come utilizzare gli “occhialoni” virtuali basta chiedere al personale dell’ufficio Iat». [post_title] => Genova, con Exploracity alla scoperta dei tesori della città [post_date] => 2017-04-19T15:51:10+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492617070000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275743 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Entro fine anno sarà possibile andare da Roma a Milano in 2 ore e 20 minuti con Frecciarossa1000». Lo ha annunciato l'amministratore delegato di Fs Renato Mazzoncini, a margine di un convegno sul settore ferroviario, confermando dunque quelle che erano le aspettative, e cioè che per vedere i convogli di ultima generazione di Trenitalia sfrecciare a 350 km/h si sarebbe dovuto attendere la fine del 2017, o al più tardi la primavera del 2018. Mazzoncini ha specificato che «entro aprile saranno consegnati gli ultimi Frecciarossa1000. Fs è in ottima salute e siamo pronti a competere in tutta Europa». I 350 km/h saranno raggiungibili su gran parte della tratta Torino-Milano-Bologna-Firenze e da Roma a Napoli, mentre la direttissima Roma-Firenze, concepita negli anni Sessanta per una velocità massima di 250 km/h, sarà molto probabilmente modificata per permettere velocità di poco superiori alle attuali e solo in alcuni tratti. Adesso bisognerà attendere dall'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie la certificazione che la rete è in grado di sopportare treni che viaggiano a 350km/h e quindi si dovrà «costruire un orario ferroviario» che garantisca che ci sia una fascia oraria in cui tutti i treni viaggiano alla stessa velocità perché al momento la rete è utilizzata anche da treni che viaggiano a 300km/h. [post_title] => Fs: «Entro l'anno da Milano a Roma in 2 ore e 20 minuti» [post_date] => 2017-04-13T16:11:04+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492099864000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275664 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Risultati positivi, nel 2016, per AirPlus International. Nello scorso esercizio il valore delle transazioni globalmente eseguite tramite le soluzioni di pagamento offerte dalla società è stato di circa 14 miliardi di euro, con un incremento dell’1,7% rispetto ai 13,8 miliardi del 2015. Brillante la performance della filiale italiana, che per il settimo anno consecutivo ha registrato una crescita due cifre (+12,4%) e che quest’anno promette ancora meglio: +16% nel primo trimestre 2017. “Agenzie di viaggio e aziende contribuiscono ciascuna per il 50% al raggiungimento dei volumi totali del transato” spiega Diane Laschet, Amministratore Delegato di AirPlus, secondo cui i risultati positivi del provider sono da attribuire “allo sviluppo che hanno avuto alcuni dei nostri prodotti, come la Travel Agency Account, ma anche all’avvio di nuove partnership e al rafforzamento di quelle già esistenti”. Fiore all’occhiello, a tal proposito, le integrazioni con le piattaforme di Zucchetti e Trenitalia. A livello globale, il 2016 ha portato in dote 2400 nuovi clienti (49mila il numero complessivo), e 76 milioni di euro di Ebit, “in crescita del +46% rispetto ai 52 milioni del 2015 - spiega Patrick W. Diemer, chairman of the board di AirPlus - grazie alla cessione di azioni di altre società che ci hanno permesso di conseguire un utile di 36 milioni di euro, mantenendo stabili i ricavi a 335 milioni di euro”. [post_title] => AirPlus Italia, crescita a due cifre e nuove partnership [post_date] => 2017-04-13T11:34:40+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => airplus [1] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => airplus [1] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492083280000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275591 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => AccorHotels ha acquisito VeryChic, piattaforma digitale per la vendita privata di hotel e appartamenti di lusso, crociere e soggiorni upscale. Fondato nel 2011 da Nicolas Clair, Hervé Lafont e Charles Decaux, VeryChic consente a più di 3.000 hotel partner di lusso e di alta gamma l’accesso a nuovi clienti tramite vendite private. VeryChic seleziona con attenzione gli hotel in offerta, situati in più di 40 paesi in tutto il mondo, per garantire un’esperienza personalizzata ai suoi membri.VeryChic offre attraverso il suo sito internet e la sua app più di 4 mila vendite private a prezzi esclusivi, dialogando con più di 5 milioni di membri. Steven Daines di AccorHotels commenta: «Nicolas, Hervé e Charles sono riusciti a guadagnare la fiducia di milioni di membri costruendo migliaia di partnership con altrettanti hotel grazie alla loro esperienza nel campo delle vendite private di lusso. Il nostro obiettivo è quello di supportare VeryChic nella sua crescita internazionale, in modo da consolidare la sua leadership e beneficiare della loro esperienza così da offrire ai nostri clienti un portfolio di locations straordinarie e di grande attrattiva. Tutto questo offrendo ai nostri hotel una soluzione complementare per ottimizzare la distribuzione delle loro camere». [post_title] => AccorHotels acquisisce la piattaforma VeryChic [post_date] => 2017-04-12T15:50:36+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492012236000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275538 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Viaggiare con Trenitalia e le sue Frecce si arricchisce di nuove opportunità: da aprile l’area meeting della carrozza Executive è prenotabile insieme al biglietto di viaggio da tutti i passeggeri dei livelli Standard, Premium, Business; inoltre i servizi dei Freccia Club sono acquistabili dai clienti sia delle Frecce sia degli Intercity. Tutti i clienti Frecciarossa possono quindi utilizzare l’area meeting presente all’interno della prima carrozza, livello Executive, di tutti i Frecciarossa. Basterà richiedere e acquistare il servizio aggiuntivo, al prezzo di € 30, contestualmente al biglietto di viaggio. Così un gruppo fino a sei passeggeri potrà fruire dell’intera saletta che, insieme alle postazioni di lavoro intorno al tavolo riunioni (sono cinque sul Frecciarossa 1000 e sei sul Frecciarossa 500), dispone di un monitor HD 32” collegabile al Pc per videoproiezioni. Chi ha bisogno di sfruttare al meglio il tempo di attesa in stazione può acquistare il biglietto per un singolo ingresso ai Freccia Club al costo di € 25 a passeggero, contestualmente al biglietto Trenitalia di qualsiasi tipologia, classe o livello di servizio, valido per viaggiare sui treni del servizio nazionale (sono esclusi gli abbonamenti e i carnet e i biglietti del trasporto regionale e internazionale). Le lounge Freccia Club sono presenti nelle stazioni di Milano Centrale, Milano Rogoredo, Roma Termini, Roma Tiburtina, Torino P. Nuova, Torino P. Susa, Bologna, Firenze Santa Maria Novella, Napoli Centrale, Padova, Venezia Santa Lucia, Bari, Salerno e Verona. Dal 10 aprile è cambiato anche il “welcome drink” che offre adesso una maggiore scelta e confezioni riciclabili e compostabili. Il nuovo servizio di benvenuto a bordo dei Frecciarossa, nei livelli di servizio Premium e Business, e nella prima classe dei Frecciargento, è disponibile dalla domenica al venerdì e comprende cinque diverse opzioni a scelta, con bevande e snack: dolce, salato, light, gluten free e bimbi. Il benvenuto a bordo si completa con l’offerta di un cioccolatino o di una caramella e di una bottiglietta d’acqua, oltre alla tradizionale copia di La Freccia, il magazine gratuito di Trenitalia, e di un quotidiano a scelta, durante i viaggi del mattino. [post_title] => Trenitalia estende l'uso dei FrecciaClub e delle carrozze Executive [post_date] => 2017-04-12T13:48:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492004923000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275380 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_172767" align="alignright" width="300"] Massimo Tocchetti[/caption] Lo scenario internazionale dei viaggi di alta gamma è in una fase di radicale trasformazione: se ne è occupato il convegno “The New Way of Luxury” organizzato da Aigo - società di marketing e comunicazione per turismo, trasporti e ospitalità - nell’ambito di Bit 2017, presentando in anteprima la ricerca a cura di Wouter Geerts, Senior Travel Analyst di Euromonitor, dal titolo "Post-Luxury Travel: The Changing Expectations of Luxury Travellers". Le evidenze degli studi sono state poi commentate da Joakim Everstin (Sabre), Antonella Bertossi (Global Blue), Maurizio Saccani (Rocco Forte Hotels), Mimma Posca (Ceo, Vranken-Pommery), con la conduzione di Ettore Mocchetti, direttore di Condé Nast Traveller e AD. Tutti gli esperti concordano: il luxury travel è in crescita. Secondo Geerts, gli hotel di categoria superiore attraggono sempre più visitatori; in particolare, il segmento "affordable luxury" è destinato a crescere. Per Antonella Bertossi anche le vendite tax free stanno vivendo un momento di ripresa, grazie all’aumento di spesa dei turisti russi che sono tornati a viaggiare in modo importante; segno positivo anche per un prodotto di lusso per antonomasia come le bollicine secondo Mimma Posca. Si può parlare a buon titolo di "democratizzazione dell’esperienza di lusso" alla luce dell’incremento della capacità di spesa della fascia media, come indicato da Euromonitor. «La tecnologia sta trasformando l’esperienza del viaggio molto rapidamente. Dai robot umanoidi che accolgono e registrano gli ospiti in hotel alle vacanze virtualmente immersive fino ai chatbot basati sull’intelligenza artificiale con tratti di personalità ben definiti - ha detto Joakim Everstin, Head of Innovation per Sabre in EMEA. - Grazie all’abbondanza di tecnologia cui tutti noi abbiamo accesso, il viaggio sta diventando un’esperienza sempre più fluida, più personalizzata e più interattiva, soprattutto nel caso dei viaggi di lusso, dove il concetto di status va sempre meno verso “quello che ho” e molto di più verso “quello che sono”. Sabre esplora tutte le nuove tecnologie che si affacciano sul mercato per trovare il modo migliore di implementarle nell’industria dei viaggi, con l’obiettivo di migliorare l’intera esperienza e renderla esclusiva, sartoriale». Per Maurizio Saccani (Rocco Forte Hotels), l’industria dell’ospitalità ha raggiunto le vette dell’eccellenza al punto tale che si può fare la differenza solo sul piano del servizio, fattore immateriale. Pertanto per rendersi riconoscibili bisogna investire nello human touch, ovvero nell’approccio personalizzato con il cliente. In un’ottica di evoluzione del servizio sono esemplificative le attività mirate a sviluppare la rete dei servizi accessori come, ad esempio, gli eventi e le iniziative su misura per i clienti del gruppo Vranken-Pommery nelle cantine a Reims e le nuove lounge a Milano e Roma di Global Blue Italia, realizzate per accogliere i clienti e garantire il rimborso delle tasse pagate con lo scontrino direttamente in città e non in aeroporto. Secondo Wouter Geerts, «gli hotel di lusso hanno sofferto in maniera minore dell’aumento degli affitti da parte dei privati, che hanno sottratto quote di mercato agli alberghi tradizionali, in particolare nelle città. Il 2015 e il 2016 sono stati anni ottimi per il segmento più alto dell’offerta. Gli hotel di medio costo, invece, hanno registrato una crescita modesta. Si prevede che, in termini di vendite, gli hotel di lusso registreranno il 2,9% di crescita media annua tra il 2016 e il 2020». «E’ risaputo che la vecchia concezione del lusso, legata all’esibizione di status e a un consumismo appariscente, ha ormai lasciato il posto a valori connessi alla sfera personale come la disponibilità di tempo per sé, la gratificazione di aspettative e passioni, la possibilità di condividere emozioni e momenti con persone care» ha commentato Massimo Tocchetti, Presidente Aigo e Chairman di Pangea Network. «Tutto ciò si traduce in esperienze quanto più uniche e gratificanti e in un nuovo concetto di servizio che il viaggiatore di alta gamma ricerca. Esiste una profonda riscoperta delle tradizioni e della cultura propria dei territori e delle genti. Sono pertanto vincenti quei paesi in grado di offrire unicità, qualità e artigianalità, oggi percepita come vera espressione del lusso a fronte della standardizzazione (o globalizzazione) di prodotti e servizi. Va anche rilevata la crescente importanza che gli high spender attribuiscono all’arte, in tutte le sue forme, che sempre di più costituisce un fattore di grande importanza nella scelta di luoghi e destinazioni. Se numerosi sono i Paesi che possono ambire ad accogliere una clientela alto spendente, l’Italia ha nel proprio Dna le caratteristiche atte a soddisfarla ed è chiamata, quasi obbligata, a giocare le proprie carte in questa partita. Ma per farlo con successo è necessario comprendere e anticipare le reali esigenze e le tendenze che caratterizzeranno il mercato» Conclude Tocchetti: «Aigo ha sentito il dovere di dare il proprio contributo creando un osservatorio che si occuperà di studiare i trend di un mercato globale in continua crescita e il comportamento del consumatore dei viaggi di alta gamma (di oggi e domani) attraverso studi e ricerche, scambi di visioni, esperienze e progetti di professionisti specializzati in diversi ambiti. "The New Way of Luxury" è la prima espressione di quello che idealmente diventerà un appuntamento annuale e un momento di incontro tra professionisti e imprenditori che operano nel mercato dell’alto di gamma». [post_title] => I nuovi trend del luxury travel, convegno Aigo a Bit 2017 [post_date] => 2017-04-11T13:46:29+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491918389000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275342 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Esteso quasi quanto mezza Italia, il Tamil Nadu è in assoluto il più visitato tra gli stati indiani, al primo posto sia per arrivi internazionali (4,7 milioni nel 2016) sia per quelli domestici. Merito delle sue lunghe spiagge affacciate sul Golfo del Bengala e dei 30 mila templi che ne fanno la culla della religione indù, oltre a cinque siti Unesco come il complesso monumentale di Mahabalipuram e la Nilgiri Mountain Railway, la linea ferroviaria costruita dagli inglesi nel 1908 che si inerpica sulle montagne tra tunnel e ponti ancora oggi percorsi da locomotive a vapore. «Il Tamil Nadu è una destinazione completa dal punto di vista storico, naturalistico e culturale, che offre oltre mille chilometri di coste, ampie vallate verdi, piantagioni di tè, un ricchissimo calendario di festival e manifestazioni del folclore popolare» spiega Har Sahai Meena, direttore dell'Ente del turismo del Tamil Nadu, che ha incontrato i tour operator a Milano al ristorante Shiva durante un evento organizzato dal direttore di India Tourism, C. Gangadhar. «Ai visitatori offriamo una varietà di esperienze per tutti i gusti - aggiunge Har Sahai Meena - dal turismo rurale nei villaggi ai soggiorni mare, dal trekking ai soggiorni dedicati allo yoga e alla meditazione, dal turismo medico ai tour in elicottero». Tra i partecipanti alla serata, una delle Dmc più importanti della regione - la Madras Travels, rappresentata dal Ceo Nanda Kumar, in grado di organizzare itinerari su misura in tutto il Paese - e la compagnia di bandiera Air India: «Anche per la stagione estiva confermiamo il volo giornaliero tra l'Italia e Delhi, nello specifico quattro voli settimanali da Milano e tre da Roma, tutti operati da un nuovissimo Boeing 787 Dreamliner, che decolla alle 21 con arrivo a destinazione intorno alle 8 del mattino» ha dichiarato Shashi Kant, country manager di Air India per l'Italia. «Da Delhi i passeggeri possono proseguire verso tutte le destinazioni domestiche indiane tra cui Chennai, la capitale del Tamil Nadu, ma anche verso Colombo, Bangkok, Katmandu e Australia». [post_title] => India, il Tamil Nadu al primo posto per arrivi dall'estero [post_date] => 2017-04-11T10:25:44+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491906344000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 275128 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cristiano Cabutti è stato nominato direttore area sales & distribution Sud Europa di Marriott. Cabutti supervisionerà il management di tutti gli alberghi core brand e luxury brand di Marriott (gestiti e in franchising) in Spagna, Italia, Portogallo, Grecia, Cipro e Malta. La carriera di Cabutti con Marriott è cominciata nel 2013 presso il JW Marriott Venice Resort & Spa dove diventa subito parte integrante del team all’apertura della proprietà, svolgendo un lavoro encomiabile nel posizionare con successo sul mercato questo pluripremiato e prestigioso luxury resort. In passato il manager ha ricoperto la posizione di group director of sales and marketing presso San Domenico Hotels in Italia e in Inghilterra, e in precedenza la carica di director sales & marketing presso il Forte Village Resort (sette hotel) in Sardegna. Cristiano ha studiato Turismo con specializzazione in attività alberghiere presso l’Istituto G. Magnaghi di Salsomaggiore Terme, in Italia. Parla italiano, francese e inglese. [post_title] => Marriott: Cabutti è il nuovo direttore area sales & distribution Sud Europa [post_date] => 2017-04-07T11:03:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1491563009000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti