26 April 2019

Booking.com, crescono i viaggi d’affari nel 2018

[ 0 ]

Viaggi d'affari, Viaggi d’affari in crescita: lo rivela un’indagine di Booking.com che prevede, per il 2018, un aumento del 6,1% nella spesa del business travel, in rialzo rispetto ai valori del già positivo 2017.

In base alla ricerca, il 40% degli intervistati ha viaggiato per lavoro all’estero nell’ultimo anno, e il 36% ha viaggiato per lo stesso motivo entro i confini nazionali. Questi dati confermano che incontrare di persona clienti attuali e potenziali costituisce ancora un aspetto molto importante per la strategia di crescita di un’azienda. Infatti, due terzi (66%) dei professionisti che hanno partecipato al sondaggio sostengono che viaggiare per incontrare clienti o colleghi vis-à-vis contribuisce in modo importante al successo di un’attività.

Da qui un breve decalogo per ottimizzare costi e risorse: dalla piattaforma globale rivelano che il 60% degli intervistati concorda che avere a disposizione soluzioni di viaggio e di alloggio che soddisfino le esigenze specifiche dei viaggiatori business non è più un aspetto secondario, ma di primaria importanza. In cima alla lista dei servizi che non possono mancare in un soggiorno business abbiamo un letto comodo e un segnale WiFi potente (52% per entrambi), seguiti da un’abbondante colazione (38%) e dal servizio di trasferimento/navetta gratuito (27%). La scelta su dove soggiornare dipende molto anche dalla zona: le priorità per chi soggiorna sono infatti la facilità di accesso alle location dei meeting (47%) e l’ubicazione nel centro della città (29%).

Ma non solo di business si vive e, così, chi viaggi per lavoro vuole vivere un’esperienza genuina e approfittarne per scoprire nuovi posti, culture, lingue e persone. L’indagine di Booking.com rivela che quasi la metà (48%) dei viaggiatori internazionali di affari prolungherebbe il viaggio per visitare la destinazione.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti