12 June 2024

Ryanair chiuderà a novembre la base di Bordeaux: “Tasse aeroportuali troppo elevate”

[ 0 ]

Ryanair chiuderà la sua base di Bordeaux il prossimo novembre: una decisione che la low cost irlandese imputa all’aumento delle tasse aeroportuali.

La compagnia aerea conta tre aeromobili basati a Bordeaux e la chiusura della base impatterà su circa 90 piloti, personale di cabina e ingegneri. Al personale verranno offerte posizioni simili in basi alternative del network Ryanair. Sono 40 le rotte che perderà lo scalo.

Jason McGuinness, chief commercial officer della low cost, ha precisato che Ryanair non aveva “alcuna alternativa finanziaria” se non quella di chiudere la base dopo che i colloqui con la direzione dello scalo si sono interrotti. “La perdita di Bordeaux sarà un guadagno per altri aeroporti in Europa”, ha aggiunto.

Ryanair ha aperto i voli per Bordeaux nel dicembre 2009 e ha inaugurato una base in città quasi un decennio dopo, nel giugno 2019. I dati di Sabre Market Intelligence mostrano che la compagnia aerea ha trasportato circa 1,6 milioni di passeggeri sui voli da e per Bordeaux nel 2023, segnando un aumento del 15% su base annua.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469319 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una vera e propria trasformazione che ridefinisce volto e spazi del city airport milanese: nasce così il "Linate Airport District", il progetto di rigenerazione urbana da 130 milioni di euro che sarà pronto nel 2027 quando sarà completata l'area adiacente all'aeroporto e di fronte all'Idroscalo. L'innovativo piano è presentato da Sea mira alla realizzazione di un grande luogo pubblico affacciato sul “mare di Milano” che si potrà raggiungere anche senza usare l’auto perché è collegato al centro città dalla nuova M4 che arriva in poche fermate direttamente nel terminal aeroportuale. Elementi centrali del progetto la realizzazione di una piazza con con circa 14.000 metri quadrati di verde urbano, un hotel a quattro stelle da 220 camere, tre nuove palazzine adibite a uffici e servizi per circa 24.000 mq, moderni e sostenibili, caratterizzati dai più alti standard di qualità sostenibilità e confort per tutti gli utilizzatori. In una di queste palazzine troveranno sede i nuovi spazi del personale amministrativo di Sea, finalmente raggruppato in un'unica sede di lavoro, e i nuovi uffici Enac. Per la realizzazione dell’opera - l’avvio delle attività preliminari avverrà entro quest’anno - Sea ha identificato come partner attraverso un percorso competitivo Costim, importante gruppo nel settore dello sviluppo immobiliare e della rigenerazione urbana, che investirà oltre 130 milioni di euro nella realizzazione dell’intero progetto e lo gestirà sino al termine della concessione.  Il progetto sarà sviluppato dalla società veicolo Chorus Life Linate Spa partecipata al 100% da Costim e si ispirerà al concept "ChorusLife" di Bergamo, modello di “quartiere del futuro” che promuove la sostenibilità, la condivisione e la socializzazione, combinando servizi e offrendo vantaggi sia alle funzioni aeroportuali che ai frequentatori collegando l’aeroporto a un inedito e affascinante scenario "verde e blu" rappresentato dall'Idroscalo e dalle ampie aree verdi, ideale per offrire opportunità di svago e relax per tutti i milanesi e non solo. «Con questo progetto completiamo il restyling di Linate - spiega Armando Brunini, amministratore delegato di Sea Milan Airports -. Dopo il nuovo layout dell’aerostazione e le nuove tecnologie sulle quali abbiamo investito, l’ultima è il Face Boarding che rende le procedure d’imbarco sempre più comode e veloci, con il Linate Airport District completiamo i servizi offerti dall’aeroporto, miglioriamo gli spazi e le infrastrutture per i nostri dipendenti e per tutti gli altri operatori aeroportuali e li rendiamo facilmente accessibili anche a tutti i cittadini». [post_title] => Linate Airport District: investimento da 130 mln di euro per il quartiere green, pronto nel 2027 [post_date] => 2024-06-12T10:58:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718189917000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469238 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EasyJet imprime una nuova accelerata sulla prossima stagione invernale con la messa in vendita di 60 nuove rotte in tutto il network, di cui 10 toccano l’Italia con novità focalizzate su Milano, Napoli e Roma. Le nuove destinazioni saranno raggiungibili a partire da fine ottobre, consentendo quindi di pianificare i ponti autunnali, le vacanze invernali e le settimane bianche con largo anticipo. Milano Malpensa Da Milano Malpensa, primo hub della compagnia in Europa Continentale, dal 27 ottobre, dal 4 dicembre e dal 7 dicembre, debutteranno le rotte verso Oslo e Tromsø, in Norvegia, e di Pristina, in Kosovo. Le prime due rotte, che segnano anche l’inedito ingresso della Norvegia nel network di easyJet, saranno operative rispettivamente con quattro (lunedì, giovedì, venerdì e domenica) e con due (mercoledì e sabato) frequenze settimanali. La terza, in partenza in occasione dell’Immacolata, accompagnerà invece i milanesi in Kosovo con cadenza bisettimanale, il martedì e il sabato. Napoli La winter easyJet da Capodichino porterà con sè sei nuove mete in Europa: Praga, raggiungibile dal 28 ottobre ogni lunedì, venerdì e sabato; Alicante, visitabile dal 29 ottobre ogni martedì e sabato; Salisburgo, a partire dal 7 dicembre con un volo settimanale ogni sabato. E poi ancora – rispettivamente dal 9 e dal 12 dicembre – faranno il loro debutto dal capoluogo campano anche Lussemburgo, Strasburgo e Tirana: tutte e tre operative con due frequenze settimanali. Roma Fiumicino In occasione del Sei Nazioni, easyJet mette inoltre a disposizione alcuni voli per raggiungere Bordeaux da Roma Fiumicino, a partire dal 21 febbraio. [post_title] => EasyJet: in vendita 10 nuove rotte da Milano, Napoli e Roma per l'inverno 2024-25 [post_date] => 2024-06-11T11:14:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718104453000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469157 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Taglio del nastro per la nuova rotta Neos da Palermo a New York Jfk: il collegamento verrà operato per tutta la stagione estiva con due frequenze alla settimana, il sabato e il lunedì con un Boeing 787-9 Dreamliner, da 355 posti. Il volo, l’unico dalla Sicilia agli Stati Uniti, verrà riconfermato per il prossimo anno con l’introduzione di una frequenza in più, per un totale di tre a settimana: un’importante opportunità per l'isola siciliana in termini sia di traffico outgoing sia di incoming, senza dimenticare l’elevato numero di connazionali residenti proprio nella Grande Mela. “Puntiamo a trasportare 20.000 passeggeri nell’estate 2024 - dichiara Carlo Stradiotti, amministratore delegato Neos -. Grazie ad aeromobili di ultimissima generazione e agli elevati standard di servizio riconosciuti dal mercato, offriamo ad un nuovo bacino di traffico un collegamento in cui crediamo molto verso una destinazione, New York, che ottimamente sintetizza il progetto di sviluppo di Neos”. Il network Neos verso il Nord America include 3 voli settimanali sulla tratta New York-Milano Malpensa e un volo Toronto-Milano Malpensa che raddoppia la frequenza durante la stagione estiva. “Sono state attivate specifiche iniziative destinate alla promozione del brand Sicilia attraverso una campagna pubblicitaria realizzata mediante l'acquisto di spazi dedicati sui velivoli e l’organizzazione di incontri b2b con gli operatori turistici statunitensi e siciliani - ha sottolineato la dirigente generale del Dipartimento Turismo Maria Concetta Antinoro -. Rafforzeremo ogni ulteriore iniziativa con l’obiettivo di implementare significativamente i flussi turistici verso la nostra Isola, obiettivo prioritario della programmazione di questo Assessorato”. “La rotta per New York operata da Neos è una bella occasione per i siciliani - ha commentato Vito Riggio, amministratore delegato di Gesap, la società di gestione dell’aeroporto internazionale Falcone Borsellino di Palermo -. È logico che noi puntiamo molto alle presenze degli americani sul territorio palermitano, ricco di tradizioni e cultura che alimentano il turismo esperienziale. Il solo fatto che oggi venga annunciato l’aumento delle frequenze per la stagione estiva 2025 ci fa ben sperare sulla riuscita del collegamento e sulla possibilità che venga esteso anche nei mesi invernali”.   [gallery ids="469161,469167,469168"] [post_title] => Neos apre la Palermo-New York. Le frequenze saliranno a tre nell'estate 2025 [post_date] => 2024-06-10T11:49:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718020152000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469151 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anche per il 2024 Volotea sarà sponsor del Red Valley Festival, l’evento musicale che dal 2015 anima le notti sarde: la kermesse andrà in scena dal 14 al 17 agosto all’Olbia Arena con la partecipazione, tra gli altri, di Annalisa, Geolier, Max Pezzali, Ghali, Sfera Ebbasta, Salmo&Noyz, Macklemore, Tommaso Paradiso e Charlotte De Witte, giusto per citarne alcuni. “Rinnovare la sponsorship del Red Valley Festival significa confermare ancora una volta il nostro duraturo e fermo impegno verso la Sardegna e l’importanza strategica dell’isola, così come di Olbia, una delle nostre basi operative, ribadendo ulteriormente la nostra volontà di restare e proseguire il nostro percorso di crescita sul territorio – ha commentato Valeria Rebasti, international market director di Volotea -. Anche per quest’estate ci prepariamo a scendere in pista al Costa Smeralda con un’offerta senza precedenti in termini di destinazioni: son ben 28 i collegamenti che operiamo, 14 domestici e 14 internazionali, offrendo così la possibilità di raggiungere ancora più facilmente il festival più caldo dell’estate, per una vacanza all’insegna di musica, sole e mare”. Presente a Olbia dal 2012, Volotea collega l’aeroporto Costa Smeralda con 28 destinazioni, a conferma della centralità dello scalo sardo: 14 in Italia (Ancona, Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano Bergamo, Napoli, Palermo, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Venezia e Verona) e 14 all’estero (Barcellona, Bilbao, Madrid, Valencia, Bordeaux, Brest, Deauville, Lille, Lione, Marsiglia, Nantes, Parigi Orly, Strasburgo e Tolosa). [post_title] => Volotea rinnova anche per il 2024 la sponsorship del Red Valley Festival di Olbia [post_date] => 2024-06-10T11:37:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718019454000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469120 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Abbiamo avuto il coraggio di investire su persone e progetti durante il periodo del Covid e ora stiamo vivendo un periodo molto positivo, che ci consente di valorizzare tali investimenti  L’Italia è rifiorita dopo la pandemia e adesso c’è una forte competizione. Noi vi prendiamo parte grazie ai nostri importanti atout e alla nostra capacità di raccontare l’italianità". Così l'a.d. del Gruppo Una, Giorgio Marchegiani, racconta il momento della società a margine della presentazione del nuovo Maison Roma Piazza di Spagna Una Esperienze. "Il nostro portfolio è composto dagli alberghi che gestiamo direttamente e dalla rete in franchising, che si appoggia a imprenditori terzi che operano le strutture utilizzando il nostro nome e le nostre metodologie - prosegue Marchegiani -. Noi non abbiamo un design standard: non siamo fatti così perché gli italiani non sono fatti così. E' un approccio che ci permette anche di prendere in gestione alberghi familiari, che sono più del 90% del totale sul territorio, interpretando il tema della successione generazionale. I figli devono avere la libertà di scegliere la propria strada. Se sei un proprietario alberghiero singolo in un’importante piazza italiana, vuoi offrire qualità ai tuoi clienti e questo richiede grandi investimenti. Ma è giusto farli? E come farli? Dove prendere i soldi necessari? A questo punto del processo entriamo in gioco noi e offriamo l’opzione franchising: tu continui a gestire il tuo albergo ma lavori con noi, che ti mettiamo a disposizione sofisticate metodologie di revenue management fatte con algoritmi ed elevati investimenti informatici". Grazie a tale approccio il gruppo prosegue quindi lungo il proprio percorso di sviluppo: "Una delle strutture in arrivo sarà a Milano, vicino alla vecchia fiera, nella zona di City Life: un 4 stelle costruito secondo principi avanzati di sostenibilità ambientale, dotato di 175 camere e un ristorante rooftop su due piani con terrazza e vista sulle Alpi e su Milano. Per realizzare questa struttura siamo stati selezionati tra 80 offerte di gestori di alberghi, tra cui alcuni grandi nomi internazionali. La scelta finale è caduta su di noi perché il nostro progetto è molto milanese, con degli interior designer legati al territorio ed espressione del prestigio del Salone del Mobile. Ne sono molto orgoglioso". Ma sono numerosi i progetti in corso per il Gruppo Una: "Oltre a Milano, stiamo lavorando su altre città italiane perché il nostro foodprint è l’Italia: sia nel Nord-Est, sia verso il Sud, con Roma in primo piano". I due pilastri della compagnia sono la qualità e le persone, che vengono selezionate con grande cura. E poi c’è l’offerta f&b: «Con una mossa coraggiosa, nel 2021 abbiamo internalizzato le strutture ristorative dei nostri alberghi. Oggi gestiamo 28 ristoranti e tutte le mattine prepariamo la colazione per i nostri ospiti, naturalmente con prodotti a chilometri zero - conclude Marchegiani -. È un elemento differenziante che hanno solo alcuni hotel 5 stelle: noi l’abbiamo come gruppo». [post_title] => Marchegiani, Gruppo Una: il franchising? Una risposta alla questione successione generazionale [post_date] => 2024-06-10T11:04:43+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718017483000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469116 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il prossimo 15 giugno decolleranno dall'aeroporto di Trapani Birgi i nuovi voli di GoToFly verso Forlì-Ravenna: sulla nuova rotta opererà un Boeing 737 di Air Mediterranea, con una frequenza settimanale, tutti i sabati (partenza da Trapani alle ore 09:20) fino al 14 settembre. A seguire, dal 16 settembre, le frequenze saliranno a due alla settimana: il lunedì con partenza da Trapani alle ore 9:30 e il venerdì con decollo alle 21:15. I voli saranno operati da Air Mediterranea con aeromobili B737. "Sino al 15 settembre - spiega il presidente di Airgest, società di gestione dello scalo Vincenzo Florio, Salvatore Ombra - ai passeggeri che presenteranno in biglietteria la carta di imbarco GoToFly verrà promozionalmente concesso uno sconto del 20% sulla tariffa del parcheggio auto in aeroporto. Lo scorso anno GoToFly aveva già operato da noi con piccoli aeromobili e volumi inferiori, adesso, invece, ci sono tutti i presupposti affinché questa rotta faccia numeri alti con coefficienti di riempimento elevati”. [post_title] => GoToFly dal 15 giugno a Trapani con i voli per Forlì-Ravenna operati da Air Mediterranea [post_date] => 2024-06-10T09:25:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718011536000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469091 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ci sarà anche Ryanair tra i protagonisti del debutto dell'aeroporto di Salerno Costa d’Amalfi: dopo easyJet e Volotea, la low cost irlandese sarà il terzo vettore a operare voli domestici e internazionali dallo scalo di Pontecagnano, probabilmente da fine luglio. Ad anticipare l’interessamento di Ryanair era stato, a inizio marzo, Jason McGuinness, il chief commercial officer della low cost, a margine di un evento stampa tenutosi a Napoli. Ora, secondo quanto riferisce Il Mattino – la trattativa tra la Gesac e la compagnia si sarebbe conclusa proprio negli ultimi giorni.  Countdown Intanto, è partito il countdown per l'apertura dell'aeroporto, porta d'accesso alla Costiera Amalfitana: "Un altro miracolo che mi permetto di rivendicare come Regione Campania - ha commentato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca -. Eravamo l’unica grande regione che aveva un solo aeroporto. Siamo riusciti a fare questa unificazione con Capodichino quindi avremo un altro volano di sviluppo per tutto il territorio a Sud di Salerno”.  Si prevede che l’aeroporto attrarrà 3 milioni di visitatori nell’arco di tre anni, rappresentando una svolta per l’area sud della Campania.   [post_title] => Anche Ryanair volerà dal nuovo scalo di Salerno, probabilmente da fine luglio [post_date] => 2024-06-07T12:39:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717763991000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469038 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono numeri importanti quelli del prenotato Volonclick, tanto da aver già superato a quasi un mese dalla fine del primo semestre i volumi dell'intero 2023. "In gennaio abbiamo registrato un +40%, a febbraio un +65% - spiega il founder & ceo del gruppo Volonline, Luigi Deli -. Marzo si è quindi attestato sul +40%, mentre un vero e proprio boom lo abbiamo registrato in aprile, con il +78% rispetto all’anno precedente. Maggio si è infine appena concluso con un ottimo + 55%”. Particolarmente performanti in termini di partito sono stati i mesi di marzo e aprile, con Pasqua e i numerosi ponti, ma la sorpresa riguarda il periodo estivo, con prenotazioni arrivate con largo anticipo. “Anche le vendite per i mesi di giugno, luglio e agosto hanno già superato i loro corrispettivi del 2023, ma è agosto che ha riscontrato un advance booking decisamente precoce rispetto all’anno scorso” prosegue Deli. Le destinazioni più prenotate sono sicuramente quelle di corto e medio raggio: al primo posto la Spagna, anche con le Canarie e le Baleari, al secondo l’Italia con un boom della Sicilia (una pratica su sei per la Penisola è un pacchetto tour operator multi-tappa dedicato a questa destinazione), seguita sul gradino più basso del podio dalla Grecia con le sue isole. "In crescita anche le mete di lungo raggio a conferma che Volonclick non è più concepito dal mercato come un semplice self booking tool o una piattaforma di prenotazione di singoli servizi, ma come tour operator online in grado di offrire prodotti e tour strutturati". Le più vendute sono quindi Stati Uniti e Canada, gli Emirati Arabi, Dubai, Abu Dhabi e l’Oriente che, in particolare con Thailandia e Giappone, ha registrato una vera propria impennata di prenotazioni. “L’anima da tour operator è confermata anche dall’aumento delle vendite di escorted tour, il classico viaggio di gruppo ma con accompagnatore, che grazie ai collegamenti diretti con oltre 80 dmc e a una programmazione che copre più di 57 paesi, è diventata sostanzialmente la quarta linea di prodotto più venduta sulla piattaforma Volonclick, dopo volo+hotel, multidestination e solo hotel e tour – aggiunge Luca Adami, cto e ceo del gruppo Volonline -. Tutto ciò ha contribuito fortemente ai risultati di fatturato complessivo e ha anche determinato un forte aumento del valore medio pratica. Stiamo peraltro riuscendo a vendere il nostro prodotto con mark-up più bassi e siamo ancora più competitivi grazie a diversi fattori: in primo luogo, la transizione digitale, negli ultimi mesi l’80% delle prenotazioni è avvenuto attraverso le piattaforme; in secondo luogo, l’integrazione digitale dei contratti di supply chain di Volonline e Reisenplatz, che ha determinato un aumento di fornitori connessi, oggi oltre 200, insieme a una forte crescita della competitività congiuntamente alle economie di scala costi/ricavi”.   [post_title] => Volonclick: a un mese dalla chiusura del primo semestre già superati i volumi dell'intero 2023 [post_date] => 2024-06-07T10:10:24+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717755024000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468966 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sempre a proposito di megalomanie, Ryanair ha appeno chiesto le dimissioni della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen perché non ha ancora agito per proteggere i «passeggeri durante l'ennesimo sciopero dei controllori di volo francesi che si tiene oggi (giovedì 6 giugno), che ha costretto Ryanair a cancellare quasi 100 voli da/per l'aeroporto di Parigi Beauvais con breve preavviso».  Quindi vediamo il ragionamento: siccome lo sciopero mi crea problemi chiedo le dimissioni della massima carica europea. In effetti la cosa è unica nella storia dell'Europa unita. Un privato che chiede le dimissioni di organo pubblico comunitario per interessi privati.  Eccesso di autostima L'ho già detto che questo fatto che Ryanair sia (come recita l'incipit dei suoi comunicati) la compagnia numero 1 in Europa, ha creato qualche problema di autostima. Nel senso che l'ha accresciuta a tal punto che pensano di poter influire sulle dinamiche politiche europee (oltretutto a pochi giorni dalle votazioni). Io direi che il privato continui a fare il privato con tutti i suoi profitti e il pubblico faccia il pubblico con i suoi doveri (se riescono sul serio a capire quali sono i doveri di un rappresentante europeo). Infine Ryanair invita i passeggeri dell'Ue a firmare la petizione "Protect Overflights: Keep Ue Skies Open" che ha raccolto oltre 2,1 milioni di firme di passeggeri europei. [post_title] => Ryanair chiede le dimissioni di Ursula von der Leyen. Ma si può? [post_date] => 2024-06-06T12:00:01+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717675201000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ryanair chiudera a novembre la base di bordeaux tasse aeroportuali troppo elevate" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":86,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1475,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469319","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Una vera e propria trasformazione che ridefinisce volto e spazi del city airport milanese: nasce così il \"Linate Airport District\", il progetto di rigenerazione urbana da 130 milioni di euro che sarà pronto nel 2027 quando sarà completata l'area adiacente all'aeroporto e di fronte all'Idroscalo.\r\n\r\nL'innovativo piano è presentato da Sea mira alla realizzazione di un grande luogo pubblico affacciato sul “mare di Milano” che si potrà raggiungere anche senza usare l’auto perché è collegato al centro città dalla nuova M4 che arriva in poche fermate direttamente nel terminal aeroportuale. Elementi centrali del progetto la realizzazione di una piazza con con circa 14.000 metri quadrati di verde urbano, un hotel a quattro stelle da 220 camere, tre nuove palazzine adibite a uffici e servizi per circa 24.000 mq, moderni e sostenibili, caratterizzati dai più alti standard di qualità sostenibilità e confort per tutti gli utilizzatori. In una di queste palazzine troveranno sede i nuovi spazi del personale amministrativo di Sea, finalmente raggruppato in un'unica sede di lavoro, e i nuovi uffici Enac.\r\n\r\nPer la realizzazione dell’opera - l’avvio delle attività preliminari avverrà entro quest’anno - Sea ha identificato come partner attraverso un percorso competitivo Costim, importante gruppo nel settore dello sviluppo immobiliare e della rigenerazione urbana, che investirà oltre 130 milioni di euro nella realizzazione dell’intero progetto e lo gestirà sino al termine della concessione. \r\n\r\nIl progetto sarà sviluppato dalla società veicolo Chorus Life Linate Spa partecipata al 100% da Costim e si ispirerà al concept \"ChorusLife\" di Bergamo, modello di “quartiere del futuro” che promuove la sostenibilità, la condivisione e la socializzazione, combinando servizi e offrendo vantaggi sia alle funzioni aeroportuali che ai frequentatori collegando l’aeroporto a un inedito e affascinante scenario \"verde e blu\" rappresentato dall'Idroscalo e dalle ampie aree verdi, ideale per offrire opportunità di svago e relax per tutti i milanesi e non solo.\r\n\r\n«Con questo progetto completiamo il restyling di Linate - spiega Armando Brunini, amministratore delegato di Sea Milan Airports -. Dopo il nuovo layout dell’aerostazione e le nuove tecnologie sulle quali abbiamo investito, l’ultima è il Face Boarding che rende le procedure d’imbarco sempre più comode e veloci, con il Linate Airport District completiamo i servizi offerti dall’aeroporto, miglioriamo gli spazi e le infrastrutture per i nostri dipendenti e per tutti gli altri operatori aeroportuali e li rendiamo facilmente accessibili anche a tutti i cittadini».","post_title":"Linate Airport District: investimento da 130 mln di euro per il quartiere green, pronto nel 2027","post_date":"2024-06-12T10:58:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718189917000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469238","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"EasyJet imprime una nuova accelerata sulla prossima stagione invernale con la messa in vendita di 60 nuove rotte in tutto il network, di cui 10 toccano l’Italia con novità focalizzate su Milano, Napoli e Roma.\r\nLe nuove destinazioni saranno raggiungibili a partire da fine ottobre, consentendo quindi di pianificare i ponti autunnali, le vacanze invernali e le settimane bianche con largo anticipo.\r\nMilano Malpensa\r\nDa Milano Malpensa, primo hub della compagnia in Europa Continentale, dal 27 ottobre, dal 4 dicembre e dal 7 dicembre, debutteranno le rotte verso Oslo e Tromsø, in Norvegia, e di Pristina, in Kosovo. Le prime due rotte, che segnano anche l’inedito ingresso della Norvegia nel network di easyJet, saranno operative rispettivamente con quattro (lunedì, giovedì, venerdì e domenica) e con due (mercoledì e sabato) frequenze settimanali. La terza, in partenza in occasione dell’Immacolata, accompagnerà invece i milanesi in Kosovo con cadenza bisettimanale, il martedì e il sabato.\r\nNapoli\r\nLa winter easyJet da Capodichino porterà con sè sei nuove mete in Europa: Praga, raggiungibile dal 28 ottobre ogni lunedì, venerdì e sabato; Alicante, visitabile dal 29 ottobre ogni martedì e sabato; Salisburgo, a partire dal 7 dicembre con un volo settimanale ogni sabato. E poi ancora – rispettivamente dal 9 e dal 12 dicembre – faranno il loro debutto dal capoluogo campano anche Lussemburgo, Strasburgo e Tirana: tutte e tre operative con due frequenze settimanali.\r\nRoma Fiumicino\r\nIn occasione del Sei Nazioni, easyJet mette inoltre a disposizione alcuni voli per raggiungere Bordeaux da Roma Fiumicino, a partire dal 21 febbraio.","post_title":"EasyJet: in vendita 10 nuove rotte da Milano, Napoli e Roma per l'inverno 2024-25","post_date":"2024-06-11T11:14:13+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718104453000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469157","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Taglio del nastro per la nuova rotta Neos da Palermo a New York Jfk: il collegamento verrà operato per tutta la stagione estiva con due frequenze alla settimana, il sabato e il lunedì con un Boeing 787-9 Dreamliner, da 355 posti.\r\nIl volo, l’unico dalla Sicilia agli Stati Uniti, verrà riconfermato per il prossimo anno con l’introduzione di una frequenza in più, per un totale di tre a settimana: un’importante opportunità per l'isola siciliana in termini sia di traffico outgoing sia di incoming, senza dimenticare l’elevato numero di connazionali residenti proprio nella Grande Mela.\r\n“Puntiamo a trasportare 20.000 passeggeri nell’estate 2024 - dichiara Carlo Stradiotti, amministratore delegato Neos -. Grazie ad aeromobili di ultimissima generazione e agli elevati standard di servizio riconosciuti dal mercato, offriamo ad un nuovo bacino di traffico un collegamento in cui crediamo molto verso una destinazione, New York, che ottimamente sintetizza il progetto di sviluppo di Neos”.\r\nIl network Neos verso il Nord America include 3 voli settimanali sulla tratta New York-Milano Malpensa e un volo Toronto-Milano Malpensa che raddoppia la frequenza durante la stagione estiva.\r\n“Sono state attivate specifiche iniziative destinate alla promozione del brand Sicilia attraverso una campagna pubblicitaria realizzata mediante l'acquisto di spazi dedicati sui velivoli e l’organizzazione di incontri b2b con gli operatori turistici statunitensi e siciliani - ha sottolineato la dirigente generale del Dipartimento Turismo Maria Concetta Antinoro -. Rafforzeremo ogni ulteriore iniziativa con l’obiettivo di implementare significativamente i flussi turistici verso la nostra Isola, obiettivo prioritario della programmazione di questo Assessorato”.\r\n“La rotta per New York operata da Neos è una bella occasione per i siciliani - ha commentato Vito Riggio, amministratore delegato di Gesap, la società di gestione dell’aeroporto internazionale Falcone Borsellino di Palermo -. È logico che noi puntiamo molto alle presenze degli americani sul territorio palermitano, ricco di tradizioni e cultura che alimentano il turismo esperienziale. Il solo fatto che oggi venga annunciato l’aumento delle frequenze per la stagione estiva 2025 ci fa ben sperare sulla riuscita del collegamento e sulla possibilità che venga esteso anche nei mesi invernali”.\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"469161,469167,469168\"]","post_title":"Neos apre la Palermo-New York. Le frequenze saliranno a tre nell'estate 2025","post_date":"2024-06-10T11:49:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718020152000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469151","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Anche per il 2024 Volotea sarà sponsor del Red Valley Festival, l’evento musicale che dal 2015 anima le notti sarde: la kermesse andrà in scena dal 14 al 17 agosto all’Olbia Arena con la partecipazione, tra gli altri, di Annalisa, Geolier, Max Pezzali, Ghali, Sfera Ebbasta, Salmo&Noyz, Macklemore, Tommaso Paradiso e Charlotte De Witte, giusto per citarne alcuni.\r\n\r\n“Rinnovare la sponsorship del Red Valley Festival significa confermare ancora una volta il nostro duraturo e fermo impegno verso la Sardegna e l’importanza strategica dell’isola, così come di Olbia, una delle nostre basi operative, ribadendo ulteriormente la nostra volontà di restare e proseguire il nostro percorso di crescita sul territorio – ha commentato Valeria Rebasti, international market director di Volotea -. Anche per quest’estate ci prepariamo a scendere in pista al Costa Smeralda con un’offerta senza precedenti in termini di destinazioni: son ben 28 i collegamenti che operiamo, 14 domestici e 14 internazionali, offrendo così la possibilità di raggiungere ancora più facilmente il festival più caldo dell’estate, per una vacanza all’insegna di musica, sole e mare”.\r\n\r\nPresente a Olbia dal 2012, Volotea collega l’aeroporto Costa Smeralda con 28 destinazioni, a conferma della centralità dello scalo sardo: 14 in Italia (Ancona, Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano Bergamo, Napoli, Palermo, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Venezia e Verona) e 14 all’estero (Barcellona, Bilbao, Madrid, Valencia, Bordeaux, Brest, Deauville, Lille, Lione, Marsiglia, Nantes, Parigi Orly, Strasburgo e Tolosa).","post_title":"Volotea rinnova anche per il 2024 la sponsorship del Red Valley Festival di Olbia","post_date":"2024-06-10T11:37:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718019454000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469120","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Abbiamo avuto il coraggio di investire su persone e progetti durante il periodo del Covid e ora stiamo vivendo un periodo molto positivo, che ci consente di valorizzare tali investimenti  L’Italia è rifiorita dopo la pandemia e adesso c’è una forte competizione. Noi vi prendiamo parte grazie ai nostri importanti atout e alla nostra capacità di raccontare l’italianità\". Così l'a.d. del Gruppo Una, Giorgio Marchegiani, racconta il momento della società a margine della presentazione del nuovo Maison Roma Piazza di Spagna Una Esperienze.\r\n\r\n\"Il nostro portfolio è composto dagli alberghi che gestiamo direttamente e dalla rete in franchising, che si appoggia a imprenditori terzi che operano le strutture utilizzando il nostro nome e le nostre metodologie - prosegue Marchegiani -. Noi non abbiamo un design standard: non siamo fatti così perché gli italiani non sono fatti così. E' un approccio che ci permette anche di prendere in gestione alberghi familiari, che sono più del 90% del totale sul territorio, interpretando il tema della successione generazionale. I figli devono avere la libertà di scegliere la propria strada. Se sei un proprietario alberghiero singolo in un’importante piazza italiana, vuoi offrire qualità ai tuoi clienti e questo richiede grandi investimenti. Ma è giusto farli? E come farli? Dove prendere i soldi necessari? A questo punto del processo entriamo in gioco noi e offriamo l’opzione franchising: tu continui a gestire il tuo albergo ma lavori con noi, che ti mettiamo a disposizione sofisticate metodologie di revenue management fatte con algoritmi ed elevati investimenti informatici\".\r\n\r\nGrazie a tale approccio il gruppo prosegue quindi lungo il proprio percorso di sviluppo: \"Una delle strutture in arrivo sarà a Milano, vicino alla vecchia fiera, nella zona di City Life: un 4 stelle costruito secondo principi avanzati di sostenibilità ambientale, dotato di 175 camere e un ristorante rooftop su due piani con terrazza e vista sulle Alpi e su Milano. Per realizzare questa struttura siamo stati selezionati tra 80 offerte di gestori di alberghi, tra cui alcuni grandi nomi internazionali. La scelta finale è caduta su di noi perché il nostro progetto è molto milanese, con degli interior designer legati al territorio ed espressione del prestigio del Salone del Mobile. Ne sono molto orgoglioso\".\r\n\r\nMa sono numerosi i progetti in corso per il Gruppo Una: \"Oltre a Milano, stiamo lavorando su altre città italiane perché il nostro foodprint è l’Italia: sia nel Nord-Est, sia verso il Sud, con Roma in primo piano\". I due pilastri della compagnia sono la qualità e le persone, che vengono selezionate con grande cura. E poi c’è l’offerta f&b: «Con una mossa coraggiosa, nel 2021 abbiamo internalizzato le strutture ristorative dei nostri alberghi. Oggi gestiamo 28 ristoranti e tutte le mattine prepariamo la colazione per i nostri ospiti, naturalmente con prodotti a chilometri zero - conclude Marchegiani -. È un elemento differenziante che hanno solo alcuni hotel 5 stelle: noi l’abbiamo come gruppo».","post_title":"Marchegiani, Gruppo Una: il franchising? Una risposta alla questione successione generazionale","post_date":"2024-06-10T11:04:43+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718017483000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469116","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il prossimo 15 giugno decolleranno dall'aeroporto di Trapani Birgi i nuovi voli di GoToFly verso Forlì-Ravenna: sulla nuova rotta opererà un Boeing 737 di Air Mediterranea, con una frequenza settimanale, tutti i sabati (partenza da Trapani alle ore 09:20) fino al 14 settembre.\r\n\r\nA seguire, dal 16 settembre, le frequenze saliranno a due alla settimana: il lunedì con partenza da Trapani alle ore 9:30 e il venerdì con decollo alle 21:15. I voli saranno operati da Air Mediterranea con aeromobili B737.\r\n\r\n\"Sino al 15 settembre - spiega il presidente di Airgest, società di gestione dello scalo Vincenzo Florio, Salvatore Ombra - ai passeggeri che presenteranno in biglietteria la carta di imbarco GoToFly verrà promozionalmente concesso uno sconto del 20% sulla tariffa del parcheggio auto in aeroporto. Lo scorso anno GoToFly aveva già operato da noi con piccoli aeromobili e volumi inferiori, adesso, invece, ci sono tutti i presupposti affinché questa rotta faccia numeri alti con coefficienti di riempimento elevati”.","post_title":"GoToFly dal 15 giugno a Trapani con i voli per Forlì-Ravenna operati da Air Mediterranea","post_date":"2024-06-10T09:25:36+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718011536000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469091","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ci sarà anche Ryanair tra i protagonisti del debutto dell'aeroporto di Salerno Costa d’Amalfi: dopo easyJet e Volotea, la low cost irlandese sarà il terzo vettore a operare voli domestici e internazionali dallo scalo di Pontecagnano, probabilmente da fine luglio.\r\n\r\nAd anticipare l’interessamento di Ryanair era stato, a inizio marzo, Jason McGuinness, il chief commercial officer della low cost, a margine di un evento stampa tenutosi a Napoli. Ora, secondo quanto riferisce Il Mattino – la trattativa tra la Gesac e la compagnia si sarebbe conclusa proprio negli ultimi giorni. \r\nCountdown\r\nIntanto, è partito il countdown per l'apertura dell'aeroporto, porta d'accesso alla Costiera Amalfitana: \"Un altro miracolo che mi permetto di rivendicare come Regione Campania - ha commentato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca -. Eravamo l’unica grande regione che aveva un solo aeroporto. Siamo riusciti a fare questa unificazione con Capodichino quindi avremo un altro volano di sviluppo per tutto il territorio a Sud di Salerno”. \r\n\r\nSi prevede che l’aeroporto attrarrà 3 milioni di visitatori nell’arco di tre anni, rappresentando una svolta per l’area sud della Campania.\r\n\r\n\r\n\r\n \r\n\r\n\r\n","post_title":"Anche Ryanair volerà dal nuovo scalo di Salerno, probabilmente da fine luglio","post_date":"2024-06-07T12:39:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717763991000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469038","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono numeri importanti quelli del prenotato Volonclick, tanto da aver già superato a quasi un mese dalla fine del primo semestre i volumi dell'intero 2023. \"In gennaio abbiamo registrato un +40%, a febbraio un +65% - spiega il founder & ceo del gruppo Volonline, Luigi Deli -. Marzo si è quindi attestato sul +40%, mentre un vero e proprio boom lo abbiamo registrato in aprile, con il +78% rispetto all’anno precedente. Maggio si è infine appena concluso con un ottimo + 55%”.\r\n\r\nParticolarmente performanti in termini di partito sono stati i mesi di marzo e aprile, con Pasqua e i numerosi ponti, ma la sorpresa riguarda il periodo estivo, con prenotazioni arrivate con largo anticipo. “Anche le vendite per i mesi di giugno, luglio e agosto hanno già superato i loro corrispettivi del 2023, ma è agosto che ha riscontrato un advance booking decisamente precoce rispetto all’anno scorso” prosegue Deli.\r\n\r\nLe destinazioni più prenotate sono sicuramente quelle di corto e medio raggio: al primo posto la Spagna, anche con le Canarie e le Baleari, al secondo l’Italia con un boom della Sicilia (una pratica su sei per la Penisola è un pacchetto tour operator multi-tappa dedicato a questa destinazione), seguita sul gradino più basso del podio dalla Grecia con le sue isole.\r\n\r\n\"In crescita anche le mete di lungo raggio a conferma che Volonclick non è più concepito dal mercato come un semplice self booking tool o una piattaforma di prenotazione di singoli servizi, ma come tour operator online in grado di offrire prodotti e tour strutturati\". Le più vendute sono quindi Stati Uniti e Canada, gli Emirati Arabi, Dubai, Abu Dhabi e l’Oriente che, in particolare con Thailandia e Giappone, ha registrato una vera propria impennata di prenotazioni.\r\n\r\n“L’anima da tour operator è confermata anche dall’aumento delle vendite di escorted tour, il classico viaggio di gruppo ma con accompagnatore, che grazie ai collegamenti diretti con oltre 80 dmc e a una programmazione che copre più di 57 paesi, è diventata sostanzialmente la quarta linea di prodotto più venduta sulla piattaforma Volonclick, dopo volo+hotel, multidestination e solo hotel e tour – aggiunge Luca Adami, cto e ceo del gruppo Volonline -. Tutto ciò ha contribuito fortemente ai risultati di fatturato complessivo e ha anche determinato un forte aumento del valore medio pratica. Stiamo peraltro riuscendo a vendere il nostro prodotto con mark-up più bassi e siamo ancora più competitivi grazie a diversi fattori: in primo luogo, la transizione digitale, negli ultimi mesi l’80% delle prenotazioni è avvenuto attraverso le piattaforme; in secondo luogo, l’integrazione digitale dei contratti di supply chain di Volonline e Reisenplatz, che ha determinato un aumento di fornitori connessi, oggi oltre 200, insieme a una forte crescita della competitività congiuntamente alle economie di scala costi/ricavi”.\r\n\r\n ","post_title":"Volonclick: a un mese dalla chiusura del primo semestre già superati i volumi dell'intero 2023","post_date":"2024-06-07T10:10:24+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1717755024000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468966","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sempre a proposito di megalomanie, Ryanair ha appeno chiesto le dimissioni della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen perché non ha ancora agito per proteggere i «passeggeri durante l'ennesimo sciopero dei controllori di volo francesi che si tiene oggi (giovedì 6 giugno), che ha costretto Ryanair a cancellare quasi 100 voli da/per l'aeroporto di Parigi Beauvais con breve preavviso». \r\n\r\nQuindi vediamo il ragionamento: siccome lo sciopero mi crea problemi chiedo le dimissioni della massima carica europea. In effetti la cosa è unica nella storia dell'Europa unita. Un privato che chiede le dimissioni di organo pubblico comunitario per interessi privati. \r\nEccesso di autostima\r\nL'ho già detto che questo fatto che Ryanair sia (come recita l'incipit dei suoi comunicati) la compagnia numero 1 in Europa, ha creato qualche problema di autostima. Nel senso che l'ha accresciuta a tal punto che pensano di poter influire sulle dinamiche politiche europee (oltretutto a pochi giorni dalle votazioni). Io direi che il privato continui a fare il privato con tutti i suoi profitti e il pubblico faccia il pubblico con i suoi doveri (se riescono sul serio a capire quali sono i doveri di un rappresentante europeo).\r\n\r\nInfine Ryanair invita i passeggeri dell'Ue a firmare la petizione \"Protect Overflights: Keep Ue Skies Open\" che ha raccolto oltre 2,1 milioni di firme di passeggeri europei.","post_title":"Ryanair chiede le dimissioni di Ursula von der Leyen. Ma si può?","post_date":"2024-06-06T12:00:01+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717675201000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti