12 June 2024

Mandarin Oriental sbarca a Roma: aprirà nel 2026 nel complesso dei Villini Sallustiani

[ 0 ]

Le prime indiscrezioni erano filtrate già più di due anni fa, ma ora arriva la conferma ufficiale: i Villini Sallustiani di Roma, che Merope Asset Management ha acquistato nel 2021 da Colony Capital, diventeranno la quinta proprietà Mandarin Oriental in Italia. La novità, la cui inaugurazione è prevista per il 2026, seguirà infatti gli hotel già operativi di Milano, del lago di Como e le già annunciate aperture di Cortina d’Ampezzo e Porto Cervo. Il complesso si trova all’interno del sito archeologico dei Giardini di Sallustio, situato tra le vie Piemonte e Sallustiana.

Il Mandarin Oriental, Rome si svilupperà su un’area di oltre 18 mila metri quadrati, che ospita dieci villini del diciannovesimo secolo immersi in un parco. Le ville a loro volta ospiteranno 108 camere e suite, alcune dotate di giardino e terrazza privata. Nell’ambito dell’accordo raggiunto con Mandarin Oriental, Merope si occuperà degli interventi di riqualificazione e restauro, per un investimento complessivo di circa 100 milioni di euro, così come della gestione pluriennale della nuova struttura. Dopo un lungo lavoro di interlocuzione con l’amministrazione comunale, l’assemblea capitolina ha infatti recentemente approvato la proposta di permesso di costruire in deroga, con relativo cambio d’uso dell’area, da residenziale a ricettiva un passaggio determinante per la realizzazione del progetto.

Il masterplan del progetto e l’intervento di riqualificazione e restauro dei villini, che verrà eseguito preservandone lo stile architettonico tipico del diciannovesimo secolo, è stato affidato a Bms, mentre l’interior design sarà curato dal duo francese Gilles&Boissier. L’f&b sarà affidato a DimoreStudio; P’arcnouveau è infine lo studio internazionale di architettura paesaggistica che si occuperà del verde.

All’interno del complesso, gli ospiti potranno provare sei ristoranti e bar in diversi ambienti, a cui si aggiungerà la possibilità di scegliere se cenare all’aperto, oppure all’interno delle ville. Il Mandarin Bar sarà situato su un’ampia terrazza panoramica con vista sulla città. La Spa at Mandarin Oriental proporrà un’ampia gamma di esperienze benessere del gruppo. Gli amanti del fitness avranno a disposizione macchinari di ultima generazione, un’ampia piscina coperta oltre a quelle esterne che sorgeranno nel cuore dei giardini. Sei sale per i trattamenti, una suite vip, stanze termali e una terrazza completano l’offerta di benessere.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469325 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il brand di ospitalità ibrido Soho House sbarca anche a Milano, raddoppiando la propria presenza in Italia dopo l'apertura capitolina del 2021. La data di debutto non è stata ancora ufficializzata, ma già si parla di una possibile inaugurazione nel 2026. L'hotel, racconta Milano Finanza, sarà ricavato dalla conversione dell'ex cinema Arti, edificio situato in via Mascagni, nel cuore del quartiere della moda del capoluogo lombardo, recentemente adibito a palestra di box olimpica. La struttura si svilupperà su sei piani con interni che mireranno a combinare tra loro lo stile razionalista dell'immobile degli anni Trenta con elementi di artigianato italiano. Disporrà di oltre 50 camere, spazi per i soci, un cortile, un rooftop, una piscina e una palestra. La proprietà è della società real estate londinese Trophaeum asset management. Oltre a Milano i piani Soho House prevedono anche un'ulteriore espansione in Spagna, con nuove apertura in arrivo a Madrid e Barcellona. Situata sulla avinguda del Tibidabo, la Barcelona pool house si unirà in particolare alle Soho house Barcelona e Little beach house Barcelona per diventare il terzo indirizzo del brand nella città catalana. [post_title] => Soho House raddoppia in Italia con un nuovo indirizzo a Milano, nell'ex cinema Arti [post_date] => 2024-06-12T10:59:54+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718189994000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469316 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' Francesco Ascani il general manager del Collegio alla Querce di Firenze, primo indirizzo del gruppo Usa Auberge Resorts Collection in Italia, la cui apertura è prevista entro la fine di quest'anno. Nato e cresciuto a Roma, Ascani vanta una importante esperienza nel settore dell'ospitalità di lusso nel mercato italiano, avendo ricoperto ruoli di leadership presso il Rocco Forte de Russie e il Villa Agrippina Gran Meliá Hotel di Roma, nonché il Chia Laguna Resort in Sardegna. Durante il periodo trascorso in Meliá si è occupato in particolare della strategia di pre-apertura, seguendo poi le fasi di lancio della nuova proprietà. Dal 2020 è stato infine general manager e chief operating officer di Borgo Pignano. "Sono entusiasta di entrare a far parte del team Auberge in vista della sua apertura - commenta lo stesso Ascani -. Ammiro da molto tempo il brand ed è davvero un onore guidare il team di Collegio alla Querce, mentre ci prepariamo ad aprire le sue porte alla fine di quest'anno". Collegio alla Querce si unirà al portfolio di 27 hotel, resort e dimore di Auberge Resorts Collection presenti in tutto il mondo; questa acquisizione segna un passo importante per l’espansione del brand nel Vecchio continente. Situato in un quartiere collinare di Firenze, la struttura sarà infatti il terzo resort europeo del brand dopo il Domaine des Etangs, Auberge Resorts Collection, castello del tredicesimo secolo nella regione della campagna francese della Charente, e il Grace Hotel, Auberge Resorts Collection, boutique resort sulla costa di Santorini, in Grecia. L'hotel fiorentino disporrà di 83 camere, incluse 17 suite, piscina sul rooftop, una cappella e un teatro originali restaurati, un’area lounge con giardino d'inverno, un bar e due ristoranti. Circondati da cipressi secolari e querce, gli spazi esterni vantano anche il giardino Barocco e i giardini della Terrazza, che ospitano la piscina, l’area verde per eventi e il ristorante in giardino. [post_title] => Francesco Ascani è il gm del Collegio alla Querce di Firenze, primo Auberge Collection in Italia [post_date] => 2024-06-12T10:30:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718188228000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469280 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Giappone, Cina, Thailandia, Indonesia. Sono le principali protagoniste del 2024 di Idee per Viaggiare. "Il successo di una destinazione dipende certo dalla programmazione e dalla qualità del prodotto. Ma pesa anche il mood del mercato. E questo è sicuramente il momento dell'Oriente, come un po' di anni fa è stato per Dubai", racconta il ceo di Idee per Viaggiare, Danilo Curzi. Il Giappone in particolare è ormai diventato la seconda meta per importanza dell'operatore capitolino, in termini di volumi e di marginalità. "La vera sorpresa dell'anno è stata però la Cina. Entrata nel nostro portfolio meno di un anno fa con l'acquisizione di Chinasia, ha immediatamente scalato tantissime posizioni e ora è al sesto-settimo posto, su una trentina di destinazioni totali, per fatturato generato. Laura Grassi (co-fondatrice di Chinasia, ndr) mi aveva raccontato delle potenzialità del prodotto. E ha avuto ragione. Sono felice ora di vederla contenta". Il boom dell'Oriente si inserisce peraltro in un contesto molto positivo per IpV. Dopo aver chiuso a fine ottobre lo scorso anno finanziario superando per la prima volta nella propria storia la soglia dei 100 milioni di euro di fatturato (toccando quota 107 mln), il to continua infatti nel suo trend di espansione: "Nel primo semestre abbiamo siamo già a +15% in termini di produzione e marginalità. E aumenta anche la quota di advance booking, con la nostra finestra media di prenotazione che si attesta ormai attorno ai 140 giorni di anticipo. Una tendenza che ci permette di pianificare meglio la programmazione, a volte persino consentendoci di aumentare l'offerta seguendo le esigenze del mercato. Ai clienti dà invece la possibilità di accedere a quotazioni più vantaggiose, grazie alle policy di pricing dinamico di vettori e strutture alberghiere". Il fenomeno è talmente importante che oggi Curzi può persino affermare che le tariffe medie di IpV sono in calo rispetto al 2023, nonostante il perdurare del contesto inflattivo globale. In tale scenario, gli Stati Uniti rimangono pur sempre la destinazione di punta del to. "Anche se devo ammettere che nell'ultimo mese abbiamo registrato una lieve flessione delle prenotazioni, attorno al 4%-5%. Un piccolo decremento, non in grado comunque di intaccare il trend di crescita registrato dagli Usa dell'anno finanziario preso nel suo complesso". Altro tassello importante del mondo IpV è poi quello rappresentato dall'attività di consolidatore: una delle nuove linee di business lanciate dall'operatore, diventate tanto importante "da portarci oggi a dire che non siamo più un semplice tour operator ma un'azienda che offre servizi turistici a 360 gradi", conclude Curzi.   [post_title] => Curzi, IpV: è il momento dell'Oriente. Giappone la conferma, Cina la sorpresa [post_date] => 2024-06-11T15:10:20+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718118620000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469268 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aprirà nel 2026 il nuovo indirizzo di Bodrum di Bulgari Hotels & Resorts, frutto dell'accordo siglato con la proprietà Cengiz Holding. Il resort turco del brand di lusso di casa Marriott sorgerà su un’intera penisola di 60 ettari, sulla costa di Türkbükü - Gölköy, location già molto rinomata nella regione. Il complesso si estenderà su una superficie di 10 ettari di giardini mediterranei terrazzati e disporrà di 84 camere e suite: 43 di queste, principalmente garden suite, inclusa la Bulgari suite, saranno situate sui vari livelli dell’edificio principale terrazzato, mentre 40 ville indipendenti con piscina privata si troveranno nel parco con vista mare. La Bulgari Villa di 800 mq, con cinque camere da letto all’interno di ampi giardini che conducono alla spiaggia privata con piscina di 25 metri, sarà il fiore all’occhiello dell’offerta ricettiva. Il resort sarà inoltre circondato da una comunità residenziale composta da 100 mansion targate Bulgari di diverse categorie, che andranno da tre a sei camere da letto, dotate di piscine, aree esterne, balconi, terrazze e giardini privati. Un’area speciale sarà dedicata al benessere con una grande Bulgari Spa provvista di un’immensa piscina che si apre su una terrazza esterna con vista panoramica sul mare, sulla spiaggia e comprendente il centro fitness Gymnasium con Juice bar. Per gli amanti del mare, sarà disponibile una spiaggia privata di sabbia con sport acquatici e solarium con cabine. A completare l’offerta, una struttura ad anfiteatro immersa nel paesaggio sarà dedicata a eventi e banchetti, insieme a una zona per lo shopping sul lungomare che ospiterà negozi dei principali marchi di lusso e una Bulgari boutique. Il progetto sarà sviluppato secondo le migliori pratiche di sostenibilità e sarà ideato e curato, come tutti gli altri Bulgari, dallo studio di architettura milanese Acpv Architects, Antonio Citterio e Patricia Viel. Si prevede pure la piantumazione di migliaia di alberi affidata allo studio di architettura paesaggista di fama mondiale Randle Siddeley Limited, guidato da Randle Siddeley. [post_title] => Bulgari sbarca a Bodrum con un resort da 84 camere e 100 mansion. Aprirà nel 2026 [post_date] => 2024-06-11T12:22:16+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718108536000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469223 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha preso il via la campagna di promozione e valorizzazione territoriale dal titolo “Liguria da baciare”, ideata e diretta dal regista Fausto Brizzi, che ha esordito in occasione della 74esima edizione del Festival di Sanremo ed è stata vista, nelle sue due versioni, nelle cinque serate, da quasi 40milioni di telespettatori. Protagonisti della campagna sono coppie liguri, scelte tramite un casting realizzato a Genova nel gennaio scorso: nella cartolina si susseguono scene di baci, ambientate in alcuni dei luoghi più affascinanti e iconici della Liguria, da Boccadasse a Sanremo, da Portovenere a Nervi, da Cervo ad Alassio, fino alle Cinque Terre. La campagna "Liguria da baciare" culminerà con l’inaugurazione della via dell’Amore, il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo, prevista a luglio prossimo, dopo un accurato lavoro di recupero e messa in sicurezza. «Il nostro obiettivo – spiega il presidente ad interim della Regione Liguria Alessandro Piana - è proseguire nel percorso di valorizzazione del territorio, che ha permesso di ottenere risultati molto importanti in termini turistici. Per farlo desideriamo raggiungere un pubblico sempre più ampio, attraverso una campagna di grande impatto che ha come sfondo alcune delle più suggestive località liguri, da Levante a Ponente». «Dopo 12 anni, la riapertura definitiva della Via dell'Amore, ormai vicina, è una promessa mantenuta e risultato straordinario frutto del lavoro svolto da questa amministrazione come struttura commissariale del complesso intervento di messa in sicurezza del sentiero, patrimonio Unesco - aggiunge il Commissario ad acta e assessore alla Difesa del Suolo Giacomo Giampedrone -. Regione Liguria è il primo finanziatore di quest'opera, realizzata anche con fondi governativi. La sua inaugurazione sarà quindi un momento di grande visibilità e promozione della Liguria nel mondo». [post_title] => Liguria da Baciare, al via la campagna di promozione che culminerà con l’inaugurazione della Via dell’Amore [post_date] => 2024-06-11T10:36:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718102176000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469193 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono programmate da aprile 2026 le prime consegne a Trenitalia dei nuovi Frecciarossa 1000, parte dell'accordo da oltre un miliardo di euro con Hitachi Rail che prevede la fornitura di 40 nuovi convogli, al ritmo di 8-10 all'anno. I treni saranno prodotti negli stabilimenti italiani con un impatto positivo anche sui livelli di occupazione. Nel dettaglio l'investimento 2023 del Gruppo FS per il rinnovo della flotta vale più di 1,8 miliardi di euro, di cui 1,1 miliardi per 46 nuovi treni ad alta velocità Frecciarossa. Il trasporto regionale ha visto negli ultimi cinque anni l’entrata in servizio di 459 nuovi treni e oltre 300 mezzi di nuova generazione arriveranno entro il 2027, per un investimento complessivo di 6,8 miliardi di euro. Novità anche per Intercity e Busitalia: circolano in Calabria, Basilicata e Puglia i nuovi treni ibridi acquistati con fondi PNRR per un valore di 60 milioni di euro, mentre Busitalia prevede l'acquisto di 795 autobus elettrici, ibridi e diesel Euro 6 alimentati a HVO, per oltre 313 milioni di euro. In totale nell’ultimo triennio il Gruppo FS ha investito oltre 5 miliardi di euro per rinnovo dei treni. [post_title] => Gruppo Fs: da aprile 2026 le prime consegne dei nuovi Frecciarossa 1000 [post_date] => 2024-06-11T09:34:24+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718098464000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469133 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Serbia studia il lancio due nuove rotte verso la Cina entro la fine dell'anno, in linea con l'espansione della flotta di lungo raggio. Attualmente la compagnia aerea opera tre collegamenti long haul dall'hub di Belgrado verso Tianjin, nel Nord-est della Cina, e verso New York Jfk e Chicago O'Hare: l'obiettivo, nei prossimi mesi, è quello di aggiungere le rotte per Guangzhou e Shanghai. I diritti di traffico sono già in vigore per le due nuove destinazioni e l'amministratore delegato Jiří Marek ha anticipato che le conferme degli slot sono attese a breve. “Riteniamo che saremo in grado di aprire le vendite a giugno e che una prima destinazione decollerà a ottobre e la seconda dicembre”, ha dichiarato ad Aviation Week Network a margine della riunione generale annuale della Iata a Dubai. “A seconda del chiarimento sugli slot, stiamo ancora decidendo quale sarà la prima destinazione, ma sia Shanghai che Guangzhou partiranno sicuramente quest'anno”. Il debutto delle due nuove rotte per la Cina arriva mentre Air Serbia sta per accogliere in flotta altri due Airbus A330, raddoppiando così la sua flotta di aeromobili wide-body. Marek ha dichiarato che è già stato firmato un contratto di leasing e che i velivoli sono in fase di manutenzione.   [post_title] => Air Serbia amplia flotta e network di lungo raggio: due nuove rotte per la Cina [post_date] => 2024-06-10T10:32:18+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718015538000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469125 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà ubicato nel quartiere Navile, nell’area dell'ex mercato ortofrutticolo a nord del centro storico, a pochi minuti dalla stazione Centrale e a circa tre chilometri dall’area dell’università, il Cx Bologna Navile, nuova residenza per studenti a Bologna che sarà inaugurata a settembre 2026 da CampusX.  La nuova struttura si estenderà su una superficie lorda di 21.342 metri quadrati per un investimento totale di circa 70 milioni di euro. Il Cx Bologna Navile si inserisce in un importante intervento di riqualificazione urbana. Il progetto arricchirà l’offerta di servizi nel quartiere Navile con ampie aree verdi, edifici residenziali, scuole, poliambulatori e centri sportivi intorno a piazza Lucio Dalla, nata dalla riqualificazione della tettoia Nervi. Gli alloggi si divideranno in camere singole, camere doppie e camere singole prive di barriere architettoniche, tutte dotate di bagno privato e angolo cottura, per un’offerta complessiva di 633 posti letto organizzati nelle seguenti tipologie: 152 posti letto in 38 appartamenti in co-living, ognuna in grado di ospitare fino a quattro studenti; 313 camere Studio in stile monolocale con bagno e cucina; 30 camere Studio Large con bagno e cucina; 54 camere doppie per soggiorni brevi. Il piano terra offrirà inoltre pareti vetrate che metteranno in comunicazione l’ambiente privato interno con lo spazio pubblico esterno, ospitando spazi comuni e di aggregazione, quali sale studio, sale svago, palestra, aree ristoro e relax. Ai piani superiori si svilupperanno gli alloggi per studenti, di cui una piccola porzione nell’angolo sud-ovest sarà destinata alla ricettività a breve termine. Due grandi terrazze panoramiche completeranno il progetto, dando la possibilità di avere zone esterne per studio e sport agli ospiti. Il Cx Bologna Navile sarà composta da un edificio a forma di U, i cui elementi architettonici saranno composti da una struttura di quattro piani fuori terra sul prospetto sud ovest con accesso in via Zurlini, mentre sul lato est, lungo via Insolera, si ergerà di cinque piani fuori terra. In corrispondenza delle due estremità della particolare forma a “U” ed esattamente nell’angolo a sud-est, completeranno il progetto architettonico tre torri di dieci piani. L’intero impianto progettuale disporrà di un accesso interrato che ospiterà i parcheggi auto, bici e i locali tecnici. L’intero impianto progettuale rientra in pieno nella certificazione Breeam very good.   L’iniziativa nasce dalla collaborazione di CampusX con Techbau, che ricopre i ruoli di developer e di general contractor. Le due società hanno già collaborato per la recente realizzazione della struttura Cx Milan NoM, aperta nel primo semestre di quest'anno e dotata di 938 camere, un imponente sviluppo da 26.000 mq e 70 mln di investimento. “Siamo molto fieri di questa nuova tappa nel percorso di sviluppo della nostra società, che nel 2026 avrà in portafoglio 16 strutture e circa 10 mila posti letto", spiega il presidente di CampusX, Ernesto Albanese. “Abbiamo fortemente voluto che l’ingresso di Cx sulla piazza di Bologna avvenisse con un’operazione molto importante, sia per la posizione strategica sia per la dimensione della struttura - gli fa eco il ceo della compagnia, Samuele Annibali -. Abbiamo partecipato attivamente, anche investendo importanti risorse, a tutte le fasi preliminari di questo progetto, a conferma del fatto che la nostra società non è solo una piattaforma di gestione di hybrid hospitality, ma anche un promotore di operazioni immobiliari. Il 2024 è stato un altro anno importante per noi e si concluderà con l’apertura a Trieste della decima struttura Cx Campus & Hotel”.   [post_title] => CampusX sbarca a Bologna con una nuova residenza ibrida per studenti da 633 posti letto [post_date] => 2024-06-10T10:21:17+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718014877000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469090 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mandarin Oriental debutta in Oman con la sua prima struttura a Muscat. Progettata dall'interior designer francese Xavier Cartron, l'architettura dell'hotel trae ispirazione dalla ricca e variegata cultura del Paese. Il design delle 103 camere e 47 suite del Mandarin Oriental, Muscat è caratterizzato dall’uso di materiali naturali di provenienza locale, come il marmo Desert Rose e il legno di frassino, in cui ogni pezzo è realizzato a mano. Il resort comprende pure una collezione di 156 private homes, The Residences al Mandarin Oriental. I cinque ristoranti e la lounge offrono inoltre un'ampia scelta culinaria, sotto la guida dell'executive chef Raymond Rjaily, prima al timone della cucina del Mandarin Oriental, Jakarta. Non può poi mancare la spa, che unisce i trattamenti di ispirazione asiatica di Mandarin Oriental con le tradizioni curative locali. Il centro benessere include un hammam, una piscina all’aperto di 30 metri e una dedicata ai più piccoli, che possono anche accedere a un mini club sul lungomare. L'hotel dispone infine di 2 mila metri quadrati di spazi interni e di altri 335 mq di aree esterne per eventi. Tutti gli ambienti sono illuminati dalla luce naturale, compresa una sala di 800 mq con vista sul mare, una Bridal room adiacente e tre spazi dedicati a banchetti e riunioni. [post_title] => Mandarin Oriental debutta in Oman con la sua prima struttura a Muscat [post_date] => 2024-06-07T12:40:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717764042000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "mandarin oriental sbarca a roma aprira nel 2026 nel complesso dei villini sallustiani" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":61,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":963,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469325","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il brand di ospitalità ibrido Soho House sbarca anche a Milano, raddoppiando la propria presenza in Italia dopo l'apertura capitolina del 2021. La data di debutto non è stata ancora ufficializzata, ma già si parla di una possibile inaugurazione nel 2026. L'hotel, racconta Milano Finanza, sarà ricavato dalla conversione dell'ex cinema Arti, edificio situato in via Mascagni, nel cuore del quartiere della moda del capoluogo lombardo, recentemente adibito a palestra di box olimpica.\r\n\r\nLa struttura si svilupperà su sei piani con interni che mireranno a combinare tra loro lo stile razionalista dell'immobile degli anni Trenta con elementi di artigianato italiano. Disporrà di oltre 50 camere, spazi per i soci, un cortile, un rooftop, una piscina e una palestra. La proprietà è della società real estate londinese Trophaeum asset management.\r\n\r\nOltre a Milano i piani Soho House prevedono anche un'ulteriore espansione in Spagna, con nuove apertura in arrivo a Madrid e Barcellona. Situata sulla avinguda del Tibidabo, la Barcelona pool house si unirà in particolare alle Soho house Barcelona e Little beach house Barcelona per diventare il terzo indirizzo del brand nella città catalana.","post_title":"Soho House raddoppia in Italia con un nuovo indirizzo a Milano, nell'ex cinema Arti","post_date":"2024-06-12T10:59:54+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718189994000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469316","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' Francesco Ascani il general manager del Collegio alla Querce di Firenze, primo indirizzo del gruppo Usa Auberge Resorts Collection in Italia, la cui apertura è prevista entro la fine di quest'anno. Nato e cresciuto a Roma, Ascani vanta una importante esperienza nel settore dell'ospitalità di lusso nel mercato italiano, avendo ricoperto ruoli di leadership presso il Rocco Forte de Russie e il Villa Agrippina Gran Meliá Hotel di Roma, nonché il Chia Laguna Resort in Sardegna. Durante il periodo trascorso in Meliá si è occupato in particolare della strategia di pre-apertura, seguendo poi le fasi di lancio della nuova proprietà. Dal 2020 è stato infine general manager e chief operating officer di Borgo Pignano. \"Sono entusiasta di entrare a far parte del team Auberge in vista della sua apertura - commenta lo stesso Ascani -. Ammiro da molto tempo il brand ed è davvero un onore guidare il team di Collegio alla Querce, mentre ci prepariamo ad aprire le sue porte alla fine di quest'anno\".\r\n\r\nCollegio alla Querce si unirà al portfolio di 27 hotel, resort e dimore di Auberge Resorts Collection presenti in tutto il mondo; questa acquisizione segna un passo importante per l’espansione del brand nel Vecchio continente. Situato in un quartiere collinare di Firenze, la struttura sarà infatti il terzo resort europeo del brand dopo il Domaine des Etangs, Auberge Resorts Collection, castello del tredicesimo secolo nella regione della campagna francese della Charente, e il Grace Hotel, Auberge Resorts Collection, boutique resort sulla costa di Santorini, in Grecia.\r\n\r\nL'hotel fiorentino disporrà di 83 camere, incluse 17 suite, piscina sul rooftop, una cappella e un teatro originali restaurati, un’area lounge con giardino d'inverno, un bar e due ristoranti. Circondati da cipressi secolari e querce, gli spazi esterni vantano anche il giardino Barocco e i giardini della Terrazza, che ospitano la piscina, l’area verde per eventi e il ristorante in giardino.","post_title":"Francesco Ascani è il gm del Collegio alla Querce di Firenze, primo Auberge Collection in Italia","post_date":"2024-06-12T10:30:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718188228000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469280","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Giappone, Cina, Thailandia, Indonesia. Sono le principali protagoniste del 2024 di Idee per Viaggiare. \"Il successo di una destinazione dipende certo dalla programmazione e dalla qualità del prodotto. Ma pesa anche il mood del mercato. E questo è sicuramente il momento dell'Oriente, come un po' di anni fa è stato per Dubai\", racconta il ceo di Idee per Viaggiare, Danilo Curzi. Il Giappone in particolare è ormai diventato la seconda meta per importanza dell'operatore capitolino, in termini di volumi e di marginalità. \"La vera sorpresa dell'anno è stata però la Cina. Entrata nel nostro portfolio meno di un anno fa con l'acquisizione di Chinasia, ha immediatamente scalato tantissime posizioni e ora è al sesto-settimo posto, su una trentina di destinazioni totali, per fatturato generato. Laura Grassi (co-fondatrice di Chinasia, ndr) mi aveva raccontato delle potenzialità del prodotto. E ha avuto ragione. Sono felice ora di vederla contenta\".\r\n\r\nIl boom dell'Oriente si inserisce peraltro in un contesto molto positivo per IpV. Dopo aver chiuso a fine ottobre lo scorso anno finanziario superando per la prima volta nella propria storia la soglia dei 100 milioni di euro di fatturato (toccando quota 107 mln), il to continua infatti nel suo trend di espansione: \"Nel primo semestre abbiamo siamo già a +15% in termini di produzione e marginalità. E aumenta anche la quota di advance booking, con la nostra finestra media di prenotazione che si attesta ormai attorno ai 140 giorni di anticipo. Una tendenza che ci permette di pianificare meglio la programmazione, a volte persino consentendoci di aumentare l'offerta seguendo le esigenze del mercato. Ai clienti dà invece la possibilità di accedere a quotazioni più vantaggiose, grazie alle policy di pricing dinamico di vettori e strutture alberghiere\". Il fenomeno è talmente importante che oggi Curzi può persino affermare che le tariffe medie di IpV sono in calo rispetto al 2023, nonostante il perdurare del contesto inflattivo globale.\r\n\r\nIn tale scenario, gli Stati Uniti rimangono pur sempre la destinazione di punta del to. \"Anche se devo ammettere che nell'ultimo mese abbiamo registrato una lieve flessione delle prenotazioni, attorno al 4%-5%. Un piccolo decremento, non in grado comunque di intaccare il trend di crescita registrato dagli Usa dell'anno finanziario preso nel suo complesso\". Altro tassello importante del mondo IpV è poi quello rappresentato dall'attività di consolidatore: una delle nuove linee di business lanciate dall'operatore, diventate tanto importante \"da portarci oggi a dire che non siamo più un semplice tour operator ma un'azienda che offre servizi turistici a 360 gradi\", conclude Curzi.\r\n\r\n ","post_title":"Curzi, IpV: è il momento dell'Oriente. Giappone la conferma, Cina la sorpresa","post_date":"2024-06-11T15:10:20+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718118620000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469268","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aprirà nel 2026 il nuovo indirizzo di Bodrum di Bulgari Hotels & Resorts, frutto dell'accordo siglato con la proprietà Cengiz Holding. Il resort turco del brand di lusso di casa Marriott sorgerà su un’intera penisola di 60 ettari, sulla costa di Türkbükü - Gölköy, location già molto rinomata nella regione.\r\n\r\nIl complesso si estenderà su una superficie di 10 ettari di giardini mediterranei terrazzati e disporrà di 84 camere e suite: 43 di queste, principalmente garden suite, inclusa la Bulgari suite, saranno situate sui vari livelli dell’edificio principale terrazzato, mentre 40 ville indipendenti con piscina privata si troveranno nel parco con vista mare. La Bulgari Villa di 800 mq, con cinque camere da letto all’interno di ampi giardini che conducono alla spiaggia privata con piscina di 25 metri, sarà il fiore all’occhiello dell’offerta ricettiva. Il resort sarà inoltre circondato da una comunità residenziale composta da 100 mansion targate Bulgari di diverse categorie, che andranno da tre a sei camere da letto, dotate di piscine, aree esterne, balconi, terrazze e giardini privati.\r\n\r\nUn’area speciale sarà dedicata al benessere con una grande Bulgari Spa provvista di un’immensa piscina che si apre su una terrazza esterna con vista panoramica sul mare, sulla spiaggia e comprendente il centro fitness Gymnasium con Juice bar. Per gli amanti del mare, sarà disponibile una spiaggia privata di sabbia con sport acquatici e solarium con cabine. A completare l’offerta, una struttura ad anfiteatro immersa nel paesaggio sarà dedicata a eventi e banchetti, insieme a una zona per lo shopping sul lungomare che ospiterà negozi dei principali marchi di lusso e una Bulgari boutique.\r\n\r\nIl progetto sarà sviluppato secondo le migliori pratiche di sostenibilità e sarà ideato e curato, come tutti gli altri Bulgari, dallo studio di architettura milanese Acpv Architects, Antonio Citterio e Patricia Viel. Si prevede pure la piantumazione di migliaia di alberi affidata allo studio di architettura paesaggista di fama mondiale Randle Siddeley Limited, guidato da Randle Siddeley.","post_title":"Bulgari sbarca a Bodrum con un resort da 84 camere e 100 mansion. Aprirà nel 2026","post_date":"2024-06-11T12:22:16+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718108536000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469223","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha preso il via la campagna di promozione e valorizzazione territoriale dal titolo “Liguria da baciare”, ideata e diretta dal regista Fausto Brizzi, che ha esordito in occasione della 74esima edizione del Festival di Sanremo ed è stata vista, nelle sue due versioni, nelle cinque serate, da quasi 40milioni di telespettatori.\r\n\r\nProtagonisti della campagna sono coppie liguri, scelte tramite un casting realizzato a Genova nel gennaio scorso: nella cartolina si susseguono scene di baci, ambientate in alcuni dei luoghi più affascinanti e iconici della Liguria, da Boccadasse a Sanremo, da Portovenere a Nervi, da Cervo ad Alassio, fino alle Cinque Terre.\r\n\r\nLa campagna \"Liguria da baciare\" culminerà con l’inaugurazione della via dell’Amore, il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo, prevista a luglio prossimo, dopo un accurato lavoro di recupero e messa in sicurezza.\r\n«Il nostro obiettivo – spiega il presidente ad interim della Regione Liguria Alessandro Piana - è proseguire nel percorso di valorizzazione del territorio, che ha permesso di ottenere risultati molto importanti in termini turistici. Per farlo desideriamo raggiungere un pubblico sempre più ampio, attraverso una campagna di grande impatto che ha come sfondo alcune delle più suggestive località liguri, da Levante a Ponente».\r\n\r\n«Dopo 12 anni, la riapertura definitiva della Via dell'Amore, ormai vicina, è una promessa mantenuta e risultato straordinario frutto del lavoro svolto da questa amministrazione come struttura commissariale del complesso intervento di messa in sicurezza del sentiero, patrimonio Unesco - aggiunge il Commissario ad acta e assessore alla Difesa del Suolo Giacomo Giampedrone -. Regione Liguria è il primo finanziatore di quest'opera, realizzata anche con fondi governativi. La sua inaugurazione sarà quindi un momento di grande visibilità e promozione della Liguria nel mondo».","post_title":"Liguria da Baciare, al via la campagna di promozione che culminerà con l’inaugurazione della Via dell’Amore","post_date":"2024-06-11T10:36:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718102176000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469193","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono programmate da aprile 2026 le prime consegne a Trenitalia dei nuovi Frecciarossa 1000, parte dell'accordo da oltre un miliardo di euro con Hitachi Rail che prevede la fornitura di 40 nuovi convogli, al ritmo di 8-10 all'anno. I treni saranno prodotti negli stabilimenti italiani con un impatto positivo anche sui livelli di occupazione.\r\n\r\nNel dettaglio l'investimento 2023 del Gruppo FS per il rinnovo della flotta vale più di 1,8 miliardi di euro, di cui 1,1 miliardi per 46 nuovi treni ad alta velocità Frecciarossa. Il trasporto regionale ha visto negli ultimi cinque anni l’entrata in servizio di 459 nuovi treni e oltre 300 mezzi di nuova generazione arriveranno entro il 2027, per un investimento complessivo di 6,8 miliardi di euro.\r\n\r\nNovità anche per Intercity e Busitalia: circolano in Calabria, Basilicata e Puglia i nuovi treni ibridi acquistati con fondi PNRR per un valore di 60 milioni di euro, mentre Busitalia prevede l'acquisto di 795 autobus elettrici, ibridi e diesel Euro 6 alimentati a HVO, per oltre 313 milioni di euro.\r\n\r\nIn totale nell’ultimo triennio il Gruppo FS ha investito oltre 5 miliardi di euro per rinnovo dei treni.","post_title":"Gruppo Fs: da aprile 2026 le prime consegne dei nuovi Frecciarossa 1000","post_date":"2024-06-11T09:34:24+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718098464000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469133","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Serbia studia il lancio due nuove rotte verso la Cina entro la fine dell'anno, in linea con l'espansione della flotta di lungo raggio. Attualmente la compagnia aerea opera tre collegamenti long haul dall'hub di Belgrado verso Tianjin, nel Nord-est della Cina, e verso New York Jfk e Chicago O'Hare: l'obiettivo, nei prossimi mesi, è quello di aggiungere le rotte per Guangzhou e Shanghai.\r\n\r\nI diritti di traffico sono già in vigore per le due nuove destinazioni e l'amministratore delegato Jiří Marek ha anticipato che le conferme degli slot sono attese a breve. “Riteniamo che saremo in grado di aprire le vendite a giugno e che una prima destinazione decollerà a ottobre e la seconda dicembre”, ha dichiarato ad Aviation Week Network a margine della riunione generale annuale della Iata a Dubai. “A seconda del chiarimento sugli slot, stiamo ancora decidendo quale sarà la prima destinazione, ma sia Shanghai che Guangzhou partiranno sicuramente quest'anno”.\r\n\r\nIl debutto delle due nuove rotte per la Cina arriva mentre Air Serbia sta per accogliere in flotta altri due Airbus A330, raddoppiando così la sua flotta di aeromobili wide-body. Marek ha dichiarato che è già stato firmato un contratto di leasing e che i velivoli sono in fase di manutenzione.\r\n\r\n ","post_title":"Air Serbia amplia flotta e network di lungo raggio: due nuove rotte per la Cina","post_date":"2024-06-10T10:32:18+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718015538000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469125","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà ubicato nel quartiere Navile, nell’area dell'ex mercato ortofrutticolo a nord del centro storico, a pochi minuti dalla stazione Centrale e a circa tre chilometri dall’area dell’università, il Cx Bologna Navile, nuova residenza per studenti a Bologna che sarà inaugurata a settembre 2026 da CampusX. \r\n\r\nLa nuova struttura si estenderà su una superficie lorda di 21.342 metri quadrati per un investimento totale di circa 70 milioni di euro. Il Cx Bologna Navile si inserisce in un importante intervento di riqualificazione urbana. Il progetto arricchirà l’offerta di servizi nel quartiere Navile con ampie aree verdi, edifici residenziali, scuole, poliambulatori e centri sportivi intorno a piazza Lucio Dalla, nata dalla riqualificazione della tettoia Nervi.\r\n\r\nGli alloggi si divideranno in camere singole, camere doppie e camere singole prive di barriere architettoniche, tutte dotate di bagno privato e angolo cottura, per un’offerta complessiva di 633 posti letto organizzati nelle seguenti tipologie: 152 posti letto in 38 appartamenti in co-living, ognuna in grado di ospitare fino a quattro studenti; 313 camere Studio in stile monolocale con bagno e cucina; 30 camere Studio Large con bagno e cucina; 54 camere doppie per soggiorni brevi. Il piano terra offrirà inoltre pareti vetrate che metteranno in comunicazione l’ambiente privato interno con lo spazio pubblico esterno, ospitando spazi comuni e di aggregazione, quali sale studio, sale svago, palestra, aree ristoro e relax. Ai piani superiori si svilupperanno gli alloggi per studenti, di cui una piccola porzione nell’angolo sud-ovest sarà destinata alla ricettività a breve termine. Due grandi terrazze panoramiche completeranno il progetto, dando la possibilità di avere zone esterne per studio e sport agli ospiti.\r\n\r\nIl Cx Bologna Navile sarà composta da un edificio a forma di U, i cui elementi architettonici saranno composti da una struttura di quattro piani fuori terra sul prospetto sud ovest con accesso in via Zurlini, mentre sul lato est, lungo via Insolera, si ergerà di cinque piani fuori terra. In corrispondenza delle due estremità della particolare forma a “U” ed esattamente nell’angolo a sud-est, completeranno il progetto architettonico tre torri di dieci piani. L’intero impianto progettuale disporrà di un accesso interrato che ospiterà i parcheggi auto, bici e i locali tecnici. L’intero impianto progettuale rientra in pieno nella certificazione Breeam very good.\r\n\r\n \r\n\r\nL’iniziativa nasce dalla collaborazione di CampusX con Techbau, che ricopre i ruoli di developer e di general contractor. Le due società hanno già collaborato per la recente realizzazione della struttura Cx Milan NoM, aperta nel primo semestre di quest'anno e dotata di 938 camere, un imponente sviluppo da 26.000 mq e 70 mln di investimento.\r\n\r\n“Siamo molto fieri di questa nuova tappa nel percorso di sviluppo della nostra società, che nel 2026 avrà in portafoglio 16 strutture e circa 10 mila posti letto\", spiega il presidente di CampusX, Ernesto Albanese. “Abbiamo fortemente voluto che l’ingresso di Cx sulla piazza di Bologna avvenisse con un’operazione molto importante, sia per la posizione strategica sia per la dimensione della struttura - gli fa eco il ceo della compagnia, Samuele Annibali -. Abbiamo partecipato attivamente, anche investendo importanti risorse, a tutte le fasi preliminari di questo progetto, a conferma del fatto che la nostra società non è solo una piattaforma di gestione di hybrid hospitality, ma anche un promotore di operazioni immobiliari. Il 2024 è stato un altro anno importante per noi e si concluderà con l’apertura a Trieste della decima struttura Cx Campus & Hotel”.\r\n\r\n ","post_title":"CampusX sbarca a Bologna con una nuova residenza ibrida per studenti da 633 posti letto","post_date":"2024-06-10T10:21:17+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718014877000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469090","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Mandarin Oriental debutta in Oman con la sua prima struttura a Muscat. Progettata dall'interior designer francese Xavier Cartron, l'architettura dell'hotel trae ispirazione dalla ricca e variegata cultura del Paese. Il design delle 103 camere e 47 suite del Mandarin Oriental, Muscat è caratterizzato dall’uso di materiali naturali di provenienza locale, come il marmo Desert Rose e il legno di frassino, in cui ogni pezzo è realizzato a mano. Il resort comprende pure una collezione di 156 private homes, The Residences al Mandarin Oriental. I cinque ristoranti e la lounge offrono inoltre un'ampia scelta culinaria, sotto la guida dell'executive chef Raymond Rjaily, prima al timone della cucina del Mandarin Oriental, Jakarta.\r\n\r\nNon può poi mancare la spa, che unisce i trattamenti di ispirazione asiatica di Mandarin Oriental con le tradizioni curative locali. Il centro benessere include un hammam, una piscina all’aperto di 30 metri e una dedicata ai più piccoli, che possono anche accedere a un mini club sul lungomare. L'hotel dispone infine di 2 mila metri quadrati di spazi interni e di altri 335 mq di aree esterne per eventi. Tutti gli ambienti sono illuminati dalla luce naturale, compresa una sala di 800 mq con vista sul mare, una Bridal room adiacente e tre spazi dedicati a banchetti e riunioni.","post_title":"Mandarin Oriental debutta in Oman con la sua prima struttura a Muscat","post_date":"2024-06-07T12:40:42+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1717764042000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti