28 January 2023

Eurostar: nuovo marchio entro l’autunno, sparirà il brand Thalys

[ 0 ]

Nuovo marchio per Eurostar dalla fine del 2023: l’annuncio del rinnovato brand, che prevede la fusione tra Thalys ed Eurostar, arriva mentre la società rende noto di voler raggiungere i 30 milioni di passeggeri trasportati all’anno entro il 2030, rispetto ai 19 milioni del 2019. Una decisione che segue il già avviato processo di integrazione delle due realtà sotto la holding Gruppo Eurostar, varato il 1° maggio 2022. In pratica, i treni che oggi collegano Parigi, Bruxelles, Amsterdam e Colonia cambieranno nome a favore di Eurostar.

Attualmente, però, Eurostar trasporta il 30% di passeggeri in meno sui treni tra il Regno Unito e Parigi: secondo Gwendoline Cazenave, ceo della società, il risultato negativo è conseguenza dei controlli di frontiera post-Brexit e degli attuali livelli del personale di frontiera, che creano “colli di bottiglia” nelle stazioni. Sono 14 i servizi giornalieri tra Londra e Parigi, rispetto ai 18 del 2019 e la ceo anticipa che la compagnia potrebbe non ripristinare alcuni collegamenti sospesi lo scorso anno.

“Abbiamo problemi nei principali terminal Eurostar a causa delle nuove condizioni di imbarco tra Regno Unito e Unione europea, ma anche per le conseguenze del Covid, e con il personale operativo nelle stazioni” ha affermato la ceo, ripresa da Bbc News, sottolineando le tante iniziative in corso per trovare soluzioni, tra cui un maggior numero di persone in servizio alle frontiere.

L’anno scorso Eurostar aveva annunciato l’interruzione del servizio diretto da Londra a Disneyland Paris nonché la sospensione dei servizi con scalo nelle stazioni internazionali di Ebbsfleet e Ashford.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438116 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Slovenia rilancia la promozione sul mercato italiano per il 2023, per una diffusione della propria offerta turistica ancora più capillare, attraverso una serie di appuntamenti in tutta Italia, volti a consolidare i rapporti con gli operatori e a crearne di nuovi. Proprio il nostro paese nel 2022 si è posizionato al secondo posto per numero di arrivi in Slovenia, con un totale di 434.000 visitatori, pari all'11% del totale degli arrivi internazionali per circa 920.000 pernottamenti complessivi. La Germania si conferma primo mercato, con il 19% degli arrivi esteri, seguita da Austria e Paesi Bassi. Focus quindi su hospitality, ma anche su benessere e outdoor, fiori all’occhiello di una destinazione che ha saputo fare della sostenibilità il proprio marchio di fabbrica senza però rinunciare al luxury e all’innovazione. Nei mesi di febbraio e marzo l’Ente per il Turismo organizzerà 3 workshop: a Venezia (2 febbraio), Bologna (23 febbraio) e Roma (14 marzo) rivolti ad agenzie di viaggio e operatori. Evento principe di questo inizio anno sarà sicuramente, poi, la Bit di Milano, dove l'ente parteciperà con cinque co-espositori: Terme Čatež,  Jeruzalem Slovenia, Rimske terme, Alpinia Hotels - Lago di Bohinj e  Atlantida Boutique hotel. A marzo, invece, sarà la volta della Bmt di Napoli (16-18 marzo). Mentre l’evento più atteso dell’anno per gli operatori dell’incoming sloveno è lo Slovenian Incoming Workshop - SIW (8-12 maggio), in cui come ogni anno l’intera industria turistica del paese si presenterà a tutto il mondo del turismo internazionale. “L’Italia è un mercato chiave per il turismo in Slovenia – precisa il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo in Italia, Aljoša Ota - per noi è indispensabile collaborare con gli operatori italiani, perché siano sempre ricettivi e al corrente di quanto il nostro Paese è in grado di offrire. Non c’è modo migliore di fare rete se non attraverso un rapporto one-to-one, in presenza: in questo gli eventi trade costituiscono un’ottima occasione.” [post_title] => La Slovenia marca stretta l'Italia: dalla Bit ai workshop di formazione al trade [post_date] => 2023-01-27T15:04:04+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674831844000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438074 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_331279" align="alignleft" width="300"] Sebastian Ebel[/caption] Prosegue il progetto Ota di Tui. Già lanciato da qualche mese nei Paesi di lingua tedesca (Dach), il sistema di prenotazioni online b2c del più grande tour operator europeo si sta ora progressivamente espandendo anche nell'area scandinava. Lo scorso venerdì, il ceo Sebastian Ebel e la Northern Europe manager, Jessica Enbacka, hanno annunciato la novità a Stoccolma. Il prodotto è già disponibile dal mese di dicembre in Svezia e sarà successivamente esteso in Norvegia, Danimarca e Finlandia a partire dal prossimo febbraio. Il portale svedese include in particolare a oggi 15 mila hotel in 50 destinazioni differenti, senza tuttavia coinvolgere ancora alcuna struttura a marchio Tui. Ma il catalogo online è in continua evoluzione. Nei Paesi di lingua tedesca attualmente comprende circa 100 mila indirizzi, tra cui alcune proprietà brandizzate con le catene di proprietà della compagnia tedesca. Nonostante l'offerta online di Tui includa al momento esclusivamente hotel, il gruppo ha tutte le intenzioni di sviluppare presto anche il prodotto dei noleggi auto, dei voli e degli eventi. L'idea è quella di spingere sulla proposta dynamick packaging online, che nelle previsioni di lungo periodo della compagnia dovrebbe raggiungere i volumi dei pacchetti tour operating più tradizionali. [post_title] => Tui spinge sul progetto Ota ed espande l'offerta ai Paesi scandinavi [post_date] => 2023-01-27T11:05:51+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674817551000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438068 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si rinnova il programma WestinWorkout lanciato una decina di anni fa dall'omonimo brand del gruppo Marriott. La compagnia ha sviluppato in particolare due nuovi kit noleggio attrezzature, che includono tra le altre cose massaggiatori a percussione e a compressione a marchio Hyperice, ideali per il recupero muscolare post-allenamento come pure per alleviare dolore e tensione muscolare dopo un lungo viaggio. Ci sono poi le soluzioni di allenamento total body del brand di accessori fitness Bala, per allenarsi in camera o all'aperto. "Il wellness è sempre stato al centro della nostra mission - spiega la global brand leader Westin Hotels & Resorts e vicepresidente distinctive premium brands, Marriott International, Jennifer Connell -. Negli ultimi dieci anni, attraverso il nostro programma WestinWorkout, abbiamo aiutato i nostri clienti a mantenere o persino migliorare le loro routine di allenamento in viaggio. Poiché il fitness e il recupero muscolare sono ormai gesti di benessere essenziali per la nostra clientela, abbiamo ripensato il nostro programma per renderlo più versatile, avvalendoci della collaborazione con le aziende più innovative del settore". Per chi volesse inoltre acquistare direttamente l'attrezzatura, è possibile richiedere un codice promozionale da utilizzare direttamente sui siti web di Bala e Hyperice. In futuro, Westin intende ampliare ulteriormente il programma di noleggio aggiungendo nuovi kit all'offerta attuale e proponendo ai clienti esperienze sempre nuove. [post_title] => Westin aggiorna il suo programma noleggio attrezzature fitness [post_date] => 2023-01-27T10:23:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674815028000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438031 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuova operazione immobiliare in Trentino e l’ottimizzazione del prodotto con investimenti mirati sia nei servizi, sia nel look delle strutture. Per Garibaldi Hotels crescere significa anche incrementare la patrimonializzazione del gruppo nell’anno in cui ricorre il decimo anniversario dalla nascita del marchio. «L’operazione in Trentino ci permetterà di consolidare la nostra presenza sul segmento montagna (estate e inverno) – spiega il direttore generale, Fabrizio Prete, senza però poter al momento svelare ulteriori dettagli sulla novità in arrivo -. Nel corso del 2022 abbiamo inoltre acquisito l’immobile che ospita la nostra nuova sede di Ostuni, già ristrutturata parzialmente, e contiamo di completare i lavori a ridosso dell’estate. Il nostro piano di investimenti prosegue peraltro anche con l’albergo diffuso Dimora Sant’Anna di Carovigno, nel brindisino, per il quale abbiamo rilevato ulteriori immobili storici nel centro del paese, da trasformare in camere aggiuntive già a partire dai prossimi mesi». Uno sviluppo, quello di Garibaldi Hotels, favorito anche dalle buone performance del 2022, che si è chiuso con un incremento del 29% rispetto al fatturato dell’anno precedente. «Tali risultati rischiano tuttavia di essere vanificati dai continui rincari – ammette Prete -. Si tratta di aumenti che vanno a colpire gli sforzi commerciali fatti per crescere, poiché erodono le marginalità. In termini di tendenze, quello che è emerso in questi ultimi tempi è poi una maggiore sensibilità dei clienti per le prenotazioni last minute o comunque a ridosso delle date, nonché una maggiore attenzione verso la flessibilità delle condizioni di prenotazione». [post_title] => Garibaldi Hotels si espande in Trentino e chiude un buon 2022. Ma preoccupano i rincari [post_date] => 2023-01-27T10:12:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674814328000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437936 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo marchio per Eurostar dalla fine del 2023: l'annuncio del rinnovato brand, che prevede la fusione tra Thalys ed Eurostar, arriva mentre la società rende noto di voler raggiungere i 30 milioni di passeggeri trasportati all'anno entro il 2030, rispetto ai 19 milioni del 2019. Una decisione che segue il già avviato processo di integrazione delle due realtà sotto la holding Gruppo Eurostar, varato il 1° maggio 2022. In pratica, i treni che oggi collegano Parigi, Bruxelles, Amsterdam e Colonia cambieranno nome a favore di Eurostar. Attualmente, però, Eurostar trasporta il 30% di passeggeri in meno sui treni tra il Regno Unito e Parigi: secondo Gwendoline Cazenave, ceo della società, il risultato negativo è conseguenza dei controlli di frontiera post-Brexit e degli attuali livelli del personale di frontiera, che creano "colli di bottiglia" nelle stazioni. Sono 14 i servizi giornalieri tra Londra e Parigi, rispetto ai 18 del 2019 e la ceo anticipa che la compagnia potrebbe non ripristinare alcuni collegamenti sospesi lo scorso anno. "Abbiamo problemi nei principali terminal Eurostar a causa delle nuove condizioni di imbarco tra Regno Unito e Unione europea, ma anche per le conseguenze del Covid, e con il personale operativo nelle stazioni" ha affermato la ceo, ripresa da Bbc News, sottolineando le tante iniziative in corso per trovare soluzioni, tra cui un maggior numero di persone in servizio alle frontiere. L'anno scorso Eurostar aveva annunciato l'interruzione del servizio diretto da Londra a Disneyland Paris nonché la sospensione dei servizi con scalo nelle stazioni internazionali di Ebbsfleet e Ashford. [post_title] => Eurostar: nuovo marchio entro l'autunno, sparirà il brand Thalys [post_date] => 2023-01-25T13:34:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674653641000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437925 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A partire dall'inizio del 2023, Finnair implementerà gradualmente la continuità dei prezzi nei canali di vendita attraverso Finnair.com e l'App mobile Finnair, nonché i canali Ndc per gli agenti partner. Ciò si traduce in prezzi più competitivi sui canali moderni rispetto a quelli offerti con il precedente sistema Edifact. Inoltre, nell’ottica di accelerare ulteriormente la trasformazione tecnologica del vettore, eliminerà gli itinerari nazionali finlandesi dalla distribuzione Edifact. I voli nazionali saranno disponibili ai clienti da maggio sui canali diretti della compagnia e nei punti vendita abilitati Ndc di Finnair. Questi cambiamenti non influiscono sui viaggi intercontinentali che partono dalla Finlandia verso un altro Paese o sulle rotte che partono all’estero per la Finlandia. Afferma Jenni Suomela, vice president, global sales and channel management del vettore. "Invitiamo i nostri partner b2b a unirsi a questo viaggio, cosicché i nostri clienti possano usufruire di questi vantaggi e siamo pronti a sostenere e aiutare i nostri partner in questa trasformazione". Digitalizzazione Questi cambiamenti sono fondamentali nel percorso dell'azienda verso la modernizzazione dei canali di vendita. Nel settembre 2021, infatti, l'aviolinea ha annunciato di voler adottare una distribuzione digitale entro la fine del 2025, eliminando gradualmente lo standard Edifact utilizzato finora. Dopo aver investito per anni nei canali diretti e nell'Ndc, Finnair aspira a passare alla distribuzione digitale moderna. Nel dicembre 2022, la compagnia ha annunciato un investimento informatico a lungo termine per rafforzare le capacità di vendita al dettaglio attraverso una gestione delle offerte e degli ordini all’avanguardia. Lo scorso anno, inoltre, Finnair ha introdotto il supplemento Edifact per le rotte dall’Europa, in diversi mercati dell'Asia (viaggi in partenza da Hong Kong, India, Giappone, Corea, Singapore, Thailandia e mercati offline) ma anche del Medio Oriente (viaggi che partono da Israele, Qatar ed Emirati Arabi Uniti) e ha rimosso il marchio Finnair Light da Edifact. [post_title] => Finnair rafforza gradualmente le nuove modalità di vendita [post_date] => 2023-01-25T12:10:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674648614000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437753 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Delta Air Lines amplia ulteriormente il network internazionale con una nuova rotta - mai operata prima - da Los Angeles ad Auckland, in Nuova Zelanda, che debutterà il prossimo autunno; la compagnia potenzierà poi anche il servizio transatlantico dai suoi hub di New York-Jfk e Atlanta a partire dalla primavera. "Con oltre 1.750 voli settimanali verso 85 destinazioni in tutto il mondo quest'estate, Delta è ben posizionata per realizzare i suoi piani di ripristino completo del network nel 2023 - ha dichiarato Joe Esposito, svp - Network Planning del vettore -. Con i voli di quest'anno verso città come Auckland, Ginevra e Londra-Gatwick, stiamo offrendo ai passeggeri più opzioni per godere dell'esperienza premium e dell'elevata ospitalità che hanno imparato a conoscere e ad aspettarsi da noi". I voli giornalieri tra Auckland e Los Angeles inizieranno il 28 ottobre e saranno operati da Airbus A350-900: Delta sarà l'unica compagnia aerea statunitense a collegare le due destinazioni senza scali. La città neozelandese si aggiunge agli altri nuovi voli da Los Angeles per Tahiti, Parigi e Londra-Heathrow e andrà a integrare l'attuale servizio della compagnia aerea da Los Angeles a Sydney, dove opera 10 voli settimanali in inverno e il servizio giornaliero per Tokyo-Haneda.  Delta corre verso il ripristino completo della rete: lo scorso autunno il vettore aveva già annunciato la prima serie di rotte transatlantiche per l'estate 2023 verso città come Edimburgo, Berlino, Dusseldorf, Ginevra e Stoccarda, molte delle quali non sono più state servite da prima della pandemia.   [post_title] => Delta Air Lines collegherà Los Angeles ad Auckland, dal 28 ottobre con voli giornalieri [post_date] => 2023-01-23T10:57:27+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674471447000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437664 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà il primo urban hotel della compagnia spagnola in Italia e nascerà dalla ristrutturazione e ribranding di un 5 stelle esistente, provvisto di 168 camere e vari spazi f&b, tra cui una terrazza panoramica. Il gruppo Palladium ha annunciato in occasione della Fitur di Madrid il proprio approdo a Venezia, grazie alla firma di un contratto di leasing per un albergo che aprirà nel 2025. Tra le altre novità, l'inaugurazione di un altro Only You a Siviglia prevista per il primo trimestre dell'anno prossimo: la struttura è attualmente in fase di ristrutturazione completa, al termine dei cui lavori nascerà un 5 stelle da 226 camere, dotato di un'ampia gamma di ristoranti e spazi per eventi, tra cui una vasta area esterna con piscina. Entrambi i progetti di interior design, a Siviglia e a Venezia, sono a cura dello studio internazionale di Lázaro Rosa-Violán. Nel corso del 2023, l'Hard Rock Hotel Marbella aprirà invece l’area Oasis, aggiungendo 174 camere, tra cui due nuove categorie, le Rock suite e le Rock Star suite. La struttura inaugurerà anche la Rock spa e oltre 900 metri quadrati di spazi per meeting. Inoltre, a partire da questa primavera, l'Hard Rock di Marbella sarà aperto tutto l'anno. Infine, la compagnia spagnola ha pure annunciato investimenti significativi da parte dei proprietari degli asset esistenti, per la ristrutturazione e il rinnovamento di una serie di hotel in Europa e in America. Il budget ammonta a 160 milioni di euro per progetti da realizzare nel biennio 2023-2024. Dopo l'ampio restyling effettuato l'anno scorso del Grand Palladium Jamaica Resort & Spa, sarà questa la volta di intervenire sul Grand Palladium Kantenah Resort & Spa, in Riviera Maya, nonché sul Grand Palladium Palace Ibiza Resort & Spa, mentre nel 2024 è prevista la ristrutturazione degli hotel in Messico e a Punta Cana. [post_title] => Il gruppo Palladium approda a Venezia con il brand Only You Hotels [post_date] => 2023-01-20T11:09:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674212967000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437626 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437642" align="alignleft" width="300"] L'Handwritten francese Saint Gervais[/caption] La tredicesima firma è stata annunciata ieri, proprio in occasione della presentazione online del quarantacinquesimo marchio del gruppo. Si tratta del Relais San Martino, nel leccese, ed entrerà a far parte della Handwritten Collection a partire dalla prossima estate. E' questo infatti il nome del terzo soft-brand della compagnia francese, che va a colmare il gap midscale nell'offerta di collezioni Accor, fino a ieri composta dalla Mgallery lanciata nel 2008 per l'upper-upscale e dalla Emblems introdotta l'anno scorso per il segmento luxury. Stando al management Accor, l'80% delle nuove affiliazioni riguarderà conversioni di hotel indipendenti, mentre il contratto tipo sarà quello di franchising. Pochi come sempre nel caso dei soft-brand gli standard imposti. Tra questi, una procedura di benvenuto personalizzata, il check-in e un'offerta f&b disponibile 24 ore su 24, biancheria e amenities di qualità, nonché una proposta di prodotti fatti in casa a colazione, ha spiegato la global senior vice president of economy and midscale brands di Accor, Caroline Bernard. Da rispettare anche una decina di criteri ambientali, nonché una dozzina di standard di design eco, in caso di ristrutturazioni o nuove costruzioni. Tra le prime 13 strutture già firmate, oltre all'hotel pugliese, il francese Saint Gervais e il Shanghai Sheshan Oriental hanno già aperto i propri battenti il giorno stesso della presentazione. Tra questo e il prossimo anno seguiranno quindi quattro strutture ancora in Francia, un paio in Australia, nonché una ciascuna a Tallin, in Estonia, a Madrid, a Bucarest e una in Vietnam. Per il futuro l'obiettivo è quello di raggiungere un portfolio di circa 250 Handwritten entro il 2030. Al momento ci sarebbero peraltro già 110 trattative a vari stadi di avanzamento per un totale di 11.500 camere. I target di sviluppo sono piuttosto diversificati e riguardano sia le destinazioni primarie, sia quelle secondarie, nonché le mete leisure, per un prodotto che può rivolgersi tanto ai vacanzieri, quanto ai business traveller. Il tutto con un occhio di riguardo per i Millennials alla ricerca di nuove esperienze. "L'idea di lanciare un nuovo brand collezione è nata dalla constatazione che, durante la pandemia, sempre più hotel indipendenti si sono resi conto della necessità di poter accedere a piattaforme globali come la nostra, al contempo desiderando mantenere la propria personalità", ha raccontato Camil Yazbeck che dallo scorso 6 gennaio, ossia dal giorno della prima implementazione della nuova organizzazione Accor in due divisioni distinte, è diventato chief development officer of premium, midscale and economy brands: un offerta che comprende circa l'85% del portfolio del gruppo (l'altro cluster è dedicato ai segmenti luxury e lifestyle, ndr). Non solo, ha concluso Yazbeck: "In un contesto nel quale l'asset class hotel sta diventando sempre più appetibile per gli investitori a livello globale, essendo in grado di garantire ritorni mediamente superiori a quelli di altre tipologie classiche di immobili come gli uffici e la logistica, i soft brand sono in questo momento sicuramente tra i più appetibili sul mercato". [post_title] => Il pugliese Relais San Martino tra i primi hotel del nuovo soft brand Handwritten di Accor [post_date] => 2023-01-20T09:47:34+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674208054000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "eurostar nuovo marchio entro lautunno sparira il brand thalys" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":85,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":799,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438116","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Slovenia rilancia la promozione sul mercato italiano per il 2023, per una diffusione della propria offerta turistica ancora più capillare, attraverso una serie di appuntamenti in tutta Italia, volti a consolidare i rapporti con gli operatori e a crearne di nuovi. Proprio il nostro paese nel 2022 si è posizionato al secondo posto per numero di arrivi in Slovenia, con un totale di 434.000 visitatori, pari all'11% del totale degli arrivi internazionali per circa 920.000 pernottamenti complessivi. La Germania si conferma primo mercato, con il 19% degli arrivi esteri, seguita da Austria e Paesi Bassi.\r\n\r\nFocus quindi su hospitality, ma anche su benessere e outdoor, fiori all’occhiello di una destinazione che ha saputo fare della sostenibilità il proprio marchio di fabbrica senza però rinunciare al luxury e all’innovazione. Nei mesi di febbraio e marzo l’Ente per il Turismo organizzerà 3 workshop: a Venezia (2 febbraio), Bologna (23 febbraio) e Roma (14 marzo) rivolti ad agenzie di viaggio e operatori. Evento principe di questo inizio anno sarà sicuramente, poi, la Bit di Milano, dove l'ente parteciperà con cinque co-espositori: Terme Čatež,  Jeruzalem Slovenia, Rimske terme, Alpinia Hotels - Lago di Bohinj e  Atlantida Boutique hotel.\r\n\r\nA marzo, invece, sarà la volta della Bmt di Napoli (16-18 marzo). Mentre l’evento più atteso dell’anno per gli operatori dell’incoming sloveno è lo Slovenian Incoming Workshop - SIW (8-12 maggio), in cui come ogni anno l’intera industria turistica del paese si presenterà a tutto il mondo del turismo internazionale.\r\n\r\n“L’Italia è un mercato chiave per il turismo in Slovenia – precisa il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo in Italia, Aljoša Ota - per noi è indispensabile collaborare con gli operatori italiani, perché siano sempre ricettivi e al corrente di quanto il nostro Paese è in grado di offrire. Non c’è modo migliore di fare rete se non attraverso un rapporto one-to-one, in presenza: in questo gli eventi trade costituiscono un’ottima occasione.”","post_title":"La Slovenia marca stretta l'Italia: dalla Bit ai workshop di formazione al trade","post_date":"2023-01-27T15:04:04+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674831844000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438074","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_331279\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Sebastian Ebel[/caption]\r\n\r\nProsegue il progetto Ota di Tui. Già lanciato da qualche mese nei Paesi di lingua tedesca (Dach), il sistema di prenotazioni online b2c del più grande tour operator europeo si sta ora progressivamente espandendo anche nell'area scandinava. Lo scorso venerdì, il ceo Sebastian Ebel e la Northern Europe manager, Jessica Enbacka, hanno annunciato la novità a Stoccolma. Il prodotto è già disponibile dal mese di dicembre in Svezia e sarà successivamente esteso in Norvegia, Danimarca e Finlandia a partire dal prossimo febbraio.\r\nIl portale svedese include in particolare a oggi 15 mila hotel in 50 destinazioni differenti, senza tuttavia coinvolgere ancora alcuna struttura a marchio Tui. Ma il catalogo online è in continua evoluzione. Nei Paesi di lingua tedesca attualmente comprende circa 100 mila indirizzi, tra cui alcune proprietà brandizzate con le catene di proprietà della compagnia tedesca.\r\n\r\nNonostante l'offerta online di Tui includa al momento esclusivamente hotel, il gruppo ha tutte le intenzioni di sviluppare presto anche il prodotto dei noleggi auto, dei voli e degli eventi. L'idea è quella di spingere sulla proposta dynamick packaging online, che nelle previsioni di lungo periodo della compagnia dovrebbe raggiungere i volumi dei pacchetti tour operating più tradizionali.","post_title":"Tui spinge sul progetto Ota ed espande l'offerta ai Paesi scandinavi","post_date":"2023-01-27T11:05:51+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674817551000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438068","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si rinnova il programma WestinWorkout lanciato una decina di anni fa dall'omonimo brand del gruppo Marriott. La compagnia ha sviluppato in particolare due nuovi kit noleggio attrezzature, che includono tra le altre cose massaggiatori a percussione e a compressione a marchio Hyperice, ideali per il recupero muscolare post-allenamento come pure per alleviare dolore e tensione muscolare dopo un lungo viaggio. Ci sono poi le soluzioni di allenamento total body del brand di accessori fitness Bala, per allenarsi in camera o all'aperto.\r\n\r\n\"Il wellness è sempre stato al centro della nostra mission - spiega la global brand leader Westin Hotels & Resorts e vicepresidente distinctive premium brands, Marriott International, Jennifer Connell -. Negli ultimi dieci anni, attraverso il nostro programma WestinWorkout, abbiamo aiutato i nostri clienti a mantenere o persino migliorare le loro routine di allenamento in viaggio. Poiché il fitness e il recupero muscolare sono ormai gesti di benessere essenziali per la nostra clientela, abbiamo ripensato il nostro programma per renderlo più versatile, avvalendoci della collaborazione con le aziende più innovative del settore\".\r\n\r\nPer chi volesse inoltre acquistare direttamente l'attrezzatura, è possibile richiedere un codice promozionale da utilizzare direttamente sui siti web di Bala e Hyperice. In futuro, Westin intende ampliare ulteriormente il programma di noleggio aggiungendo nuovi kit all'offerta attuale e proponendo ai clienti esperienze sempre nuove.","post_title":"Westin aggiorna il suo programma noleggio attrezzature fitness","post_date":"2023-01-27T10:23:48+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1674815028000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438031","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuova operazione immobiliare in Trentino e l’ottimizzazione del prodotto con investimenti mirati sia nei servizi, sia nel look delle strutture. Per Garibaldi Hotels crescere significa anche incrementare la patrimonializzazione del gruppo nell’anno in cui ricorre il decimo anniversario dalla nascita del marchio. «L’operazione in Trentino ci permetterà di consolidare la nostra presenza sul segmento montagna (estate e inverno) – spiega il direttore generale, Fabrizio Prete, senza però poter al momento svelare ulteriori dettagli sulla novità in arrivo -. Nel corso del 2022 abbiamo inoltre acquisito l’immobile che ospita la nostra nuova sede di Ostuni, già ristrutturata parzialmente, e contiamo di completare i lavori a ridosso dell’estate. Il nostro piano di investimenti prosegue peraltro anche con l’albergo diffuso Dimora Sant’Anna di Carovigno, nel brindisino, per il quale abbiamo rilevato ulteriori immobili storici nel centro del paese, da trasformare in camere aggiuntive già a partire dai prossimi mesi».\r\n\r\nUno sviluppo, quello di Garibaldi Hotels, favorito anche dalle buone performance del 2022, che si è chiuso con un incremento del 29% rispetto al fatturato dell’anno precedente. «Tali risultati rischiano tuttavia di essere vanificati dai continui rincari – ammette Prete -. Si tratta di aumenti che vanno a colpire gli sforzi commerciali fatti per crescere, poiché erodono le marginalità. In termini di tendenze, quello che è emerso in questi ultimi tempi è poi una maggiore sensibilità dei clienti per le prenotazioni last minute o comunque a ridosso delle date, nonché una maggiore attenzione verso la flessibilità delle condizioni di prenotazione».","post_title":"Garibaldi Hotels si espande in Trentino e chiude un buon 2022. Ma preoccupano i rincari","post_date":"2023-01-27T10:12:08+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674814328000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437936","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo marchio per Eurostar dalla fine del 2023: l'annuncio del rinnovato brand, che prevede la fusione tra Thalys ed Eurostar, arriva mentre la società rende noto di voler raggiungere i 30 milioni di passeggeri trasportati all'anno entro il 2030, rispetto ai 19 milioni del 2019. Una decisione che segue il già avviato processo di integrazione delle due realtà sotto la holding Gruppo Eurostar, varato il 1° maggio 2022. In pratica, i treni che oggi collegano Parigi, Bruxelles, Amsterdam e Colonia cambieranno nome a favore di Eurostar.\r\n\r\nAttualmente, però, Eurostar trasporta il 30% di passeggeri in meno sui treni tra il Regno Unito e Parigi: secondo Gwendoline Cazenave, ceo della società, il risultato negativo è conseguenza dei controlli di frontiera post-Brexit e degli attuali livelli del personale di frontiera, che creano \"colli di bottiglia\" nelle stazioni. Sono 14 i servizi giornalieri tra Londra e Parigi, rispetto ai 18 del 2019 e la ceo anticipa che la compagnia potrebbe non ripristinare alcuni collegamenti sospesi lo scorso anno.\r\n\r\n\"Abbiamo problemi nei principali terminal Eurostar a causa delle nuove condizioni di imbarco tra Regno Unito e Unione europea, ma anche per le conseguenze del Covid, e con il personale operativo nelle stazioni\" ha affermato la ceo, ripresa da Bbc News, sottolineando le tante iniziative in corso per trovare soluzioni, tra cui un maggior numero di persone in servizio alle frontiere.\r\n\r\nL'anno scorso Eurostar aveva annunciato l'interruzione del servizio diretto da Londra a Disneyland Paris nonché la sospensione dei servizi con scalo nelle stazioni internazionali di Ebbsfleet e Ashford.","post_title":"Eurostar: nuovo marchio entro l'autunno, sparirà il brand Thalys","post_date":"2023-01-25T13:34:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674653641000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437925","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A partire dall'inizio del 2023, Finnair implementerà gradualmente la continuità dei prezzi nei canali di vendita attraverso Finnair.com e l'App mobile Finnair, nonché i canali Ndc per gli agenti partner. Ciò si traduce in prezzi più competitivi sui canali moderni rispetto a quelli offerti con il precedente sistema Edifact.\r\n\r\nInoltre, nell’ottica di accelerare ulteriormente la trasformazione tecnologica del vettore, eliminerà gli itinerari nazionali finlandesi dalla distribuzione Edifact. I voli nazionali saranno disponibili ai clienti da maggio sui canali diretti della compagnia e nei punti vendita abilitati Ndc di Finnair. Questi cambiamenti non influiscono sui viaggi intercontinentali che partono dalla Finlandia verso un altro Paese o sulle rotte che partono all’estero per la Finlandia.\r\n\r\nAfferma Jenni Suomela, vice president, global sales and channel management del vettore. \"Invitiamo i nostri partner b2b a unirsi a questo viaggio, cosicché i nostri clienti possano usufruire di questi vantaggi e siamo pronti a sostenere e aiutare i nostri partner in questa trasformazione\".\r\nDigitalizzazione\r\nQuesti cambiamenti sono fondamentali nel percorso dell'azienda verso la modernizzazione dei canali di vendita. Nel settembre 2021, infatti, l'aviolinea ha annunciato di voler adottare una distribuzione digitale entro la fine del 2025, eliminando gradualmente lo standard Edifact utilizzato finora. Dopo aver investito per anni nei canali diretti e nell'Ndc, Finnair aspira a passare alla distribuzione digitale moderna. Nel dicembre 2022, la compagnia ha annunciato un investimento informatico a lungo termine per rafforzare le capacità di vendita al dettaglio attraverso una gestione delle offerte e degli ordini all’avanguardia.\r\n\r\nLo scorso anno, inoltre, Finnair ha introdotto il supplemento Edifact per le rotte dall’Europa, in diversi mercati dell'Asia (viaggi in partenza da Hong Kong, India, Giappone, Corea, Singapore, Thailandia e mercati offline) ma anche del Medio Oriente (viaggi che partono da Israele, Qatar ed Emirati Arabi Uniti) e ha rimosso il marchio Finnair Light da Edifact.","post_title":"Finnair rafforza gradualmente le nuove modalità di vendita","post_date":"2023-01-25T12:10:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674648614000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437753","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Delta Air Lines amplia ulteriormente il network internazionale con una nuova rotta - mai operata prima - da Los Angeles ad Auckland, in Nuova Zelanda, che debutterà il prossimo autunno; la compagnia potenzierà poi anche il servizio transatlantico dai suoi hub di New York-Jfk e Atlanta a partire dalla primavera.\r\n\r\n\"Con oltre 1.750 voli settimanali verso 85 destinazioni in tutto il mondo quest'estate, Delta è ben posizionata per realizzare i suoi piani di ripristino completo del network nel 2023 - ha dichiarato Joe Esposito, svp - Network Planning del vettore -. Con i voli di quest'anno verso città come Auckland, Ginevra e Londra-Gatwick, stiamo offrendo ai passeggeri più opzioni per godere dell'esperienza premium e dell'elevata ospitalità che hanno imparato a conoscere e ad aspettarsi da noi\".\r\n\r\nI voli giornalieri tra Auckland e Los Angeles inizieranno il 28 ottobre e saranno operati da Airbus A350-900: Delta sarà l'unica compagnia aerea statunitense a collegare le due destinazioni senza scali. La città neozelandese si aggiunge agli altri nuovi voli da Los Angeles per Tahiti, Parigi e Londra-Heathrow e andrà a integrare l'attuale servizio della compagnia aerea da Los Angeles a Sydney, dove opera 10 voli settimanali in inverno e il servizio giornaliero per Tokyo-Haneda. \r\n\r\nDelta corre verso il ripristino completo della rete: lo scorso autunno il vettore aveva già annunciato la prima serie di rotte transatlantiche per l'estate 2023 verso città come Edimburgo, Berlino, Dusseldorf, Ginevra e Stoccarda, molte delle quali non sono più state servite da prima della pandemia.\r\n\r\n ","post_title":"Delta Air Lines collegherà Los Angeles ad Auckland, dal 28 ottobre con voli giornalieri","post_date":"2023-01-23T10:57:27+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674471447000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437664","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà il primo urban hotel della compagnia spagnola in Italia e nascerà dalla ristrutturazione e ribranding di un 5 stelle esistente, provvisto di 168 camere e vari spazi f&b, tra cui una terrazza panoramica. Il gruppo Palladium ha annunciato in occasione della Fitur di Madrid il proprio approdo a Venezia, grazie alla firma di un contratto di leasing per un albergo che aprirà nel 2025.\r\n\r\nTra le altre novità, l'inaugurazione di un altro Only You a Siviglia prevista per il primo trimestre dell'anno prossimo: la struttura è attualmente in fase di ristrutturazione completa, al termine dei cui lavori nascerà un 5 stelle da 226 camere, dotato di un'ampia gamma di ristoranti e spazi per eventi, tra cui una vasta area esterna con piscina. Entrambi i progetti di interior design, a Siviglia e a Venezia, sono a cura dello studio internazionale di Lázaro Rosa-Violán.\r\n\r\nNel corso del 2023, l'Hard Rock Hotel Marbella aprirà invece l’area Oasis, aggiungendo 174 camere, tra cui due nuove categorie, le Rock suite e le Rock Star suite. La struttura inaugurerà anche la Rock spa e oltre 900 metri quadrati di spazi per meeting. Inoltre, a partire da questa primavera, l'Hard Rock di Marbella sarà aperto tutto l'anno.\r\n\r\nInfine, la compagnia spagnola ha pure annunciato investimenti significativi da parte dei proprietari degli asset esistenti, per la ristrutturazione e il rinnovamento di una serie di hotel in Europa e in America. Il budget ammonta a 160 milioni di euro per progetti da realizzare nel biennio 2023-2024. Dopo l'ampio restyling effettuato l'anno scorso del Grand Palladium Jamaica Resort & Spa, sarà questa la volta di intervenire sul Grand Palladium Kantenah Resort & Spa, in Riviera Maya, nonché sul Grand Palladium Palace Ibiza Resort & Spa, mentre nel 2024 è prevista la ristrutturazione degli hotel in Messico e a Punta Cana.","post_title":"Il gruppo Palladium approda a Venezia con il brand Only You Hotels","post_date":"2023-01-20T11:09:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674212967000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437626","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437642\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'Handwritten francese Saint Gervais[/caption]\r\n\r\nLa tredicesima firma è stata annunciata ieri, proprio in occasione della presentazione online del quarantacinquesimo marchio del gruppo. Si tratta del Relais San Martino, nel leccese, ed entrerà a far parte della Handwritten Collection a partire dalla prossima estate. E' questo infatti il nome del terzo soft-brand della compagnia francese, che va a colmare il gap midscale nell'offerta di collezioni Accor, fino a ieri composta dalla Mgallery lanciata nel 2008 per l'upper-upscale e dalla Emblems introdotta l'anno scorso per il segmento luxury.\r\n\r\nStando al management Accor, l'80% delle nuove affiliazioni riguarderà conversioni di hotel indipendenti, mentre il contratto tipo sarà quello di franchising. Pochi come sempre nel caso dei soft-brand gli standard imposti. Tra questi, una procedura di benvenuto personalizzata, il check-in e un'offerta f&b disponibile 24 ore su 24, biancheria e amenities di qualità, nonché una proposta di prodotti fatti in casa a colazione, ha spiegato la global senior vice president of economy and midscale brands di Accor, Caroline Bernard. Da rispettare anche una decina di criteri ambientali, nonché una dozzina di standard di design eco, in caso di ristrutturazioni o nuove costruzioni.\r\n\r\nTra le prime 13 strutture già firmate, oltre all'hotel pugliese, il francese Saint Gervais e il Shanghai Sheshan Oriental hanno già aperto i propri battenti il giorno stesso della presentazione. Tra questo e il prossimo anno seguiranno quindi quattro strutture ancora in Francia, un paio in Australia, nonché una ciascuna a Tallin, in Estonia, a Madrid, a Bucarest e una in Vietnam. Per il futuro l'obiettivo è quello di raggiungere un portfolio di circa 250 Handwritten entro il 2030. Al momento ci sarebbero peraltro già 110 trattative a vari stadi di avanzamento per un totale di 11.500 camere. I target di sviluppo sono piuttosto diversificati e riguardano sia le destinazioni primarie, sia quelle secondarie, nonché le mete leisure, per un prodotto che può rivolgersi tanto ai vacanzieri, quanto ai business traveller. Il tutto con un occhio di riguardo per i Millennials alla ricerca di nuove esperienze.\r\n\r\n\"L'idea di lanciare un nuovo brand collezione è nata dalla constatazione che, durante la pandemia, sempre più hotel indipendenti si sono resi conto della necessità di poter accedere a piattaforme globali come la nostra, al contempo desiderando mantenere la propria personalità\", ha raccontato Camil Yazbeck che dallo scorso 6 gennaio, ossia dal giorno della prima implementazione della nuova organizzazione Accor in due divisioni distinte, è diventato chief development officer of premium, midscale and economy brands: un offerta che comprende circa l'85% del portfolio del gruppo (l'altro cluster è dedicato ai segmenti luxury e lifestyle, ndr).\r\n\r\nNon solo, ha concluso Yazbeck: \"In un contesto nel quale l'asset class hotel sta diventando sempre più appetibile per gli investitori a livello globale, essendo in grado di garantire ritorni mediamente superiori a quelli di altre tipologie classiche di immobili come gli uffici e la logistica, i soft brand sono in questo momento sicuramente tra i più appetibili sul mercato\".","post_title":"Il pugliese Relais San Martino tra i primi hotel del nuovo soft brand Handwritten di Accor","post_date":"2023-01-20T09:47:34+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674208054000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti