14 July 2024

Esordio sardo per il brand Radisson Individuals con il Veridia Resort

[ 0 ]

La news era già stata anticipata lo scorso marzo, anche se all’epoca sembrava che il marchio coinvolto fosse Radisson Collection. Ora però arriva l’annuncio dell’apertura ufficiale: sarà il soft brand Radisson Individuals a debuttare in Sardegna con il Veridia Resort Sardinia. Situato sulla baia di Chia con la sua torre saracena, il nuovo indirizzo include sei residenze disposte intorno all’edificio centrale e dispone di 172 camere e di una spiaggia privata di circa 250 metri. 

L’offerta gastronomica spazia dall’Alima, il ristorante principale che sposa i sapori tradizionali con la modernità mediterranea, a La Gardiana, un grill restaurant che propone cene all’aperto sotto le stelle, fino al Tanura, un bistrot che serve piatti leggeri e salutari durante tutta la giornata. Chi desidera rilassarsi ulteriormente può godere dell’ampia piscina a sfioro di 800 mq con bar, di due campi da tennis e di una serie di attività ed escursioni, tra cui gite in barca e visite ai monumenti storici locali.

La novità è frutto di un accordo con Fattore Italia, OpCo che alla fine dell’anno scorso ha a sua volta siglato un contratto di locazione per il sardo parco Torre di Chia, precedentemente operato da Th Resorts, con l’obiettivo di riposizionarne l’offerta dal segmento midscale a quello a 5 stelle.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471319 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha preso il via ieri la nuova avventura dell'aeroporto di Salerno-Costa d'Amalfi, con l'atterraggio dei primi due voli operati da Volotea e easyJet (provenienti, rispettivamente, da Nantes e Milano Malpensa).   Un nuovo inizio che rappresenta una vera e propria svolta da più di un punto di vista. Innanzitutto perché, come evidenziato dal presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca "chiude una storia lunga 20 anni", un desiderio a lungo accarezzato che però "mancava di un piano industriale. Quello di oggi (ieri per chi legge, ndr) è solo il primo passo, di un progetto che ci consente di immaginare in un futuro non lontano anche voli intercontinentali".   Un progetto che poggia le sue fondamenta sulla costituzione di una "rete aeroportuale" in grado di dar vita al sistema aeroportuale campano. "Economie di scala, un'offerta unitaria, migliori servizi ai passeggeri" puntualizza Carlo Borgomeo, presidente di Gesac, la società che gestisce entrambi gli aeroporti di Napoli e Salerno, che rivendica: "Smentisco l’interpretazione secondo cui Salerno sarebbe la ruota di scorta di Napoli. Questo progetto riguarda lo sviluppo della regione. Non è il trionfo di un 'campanile' ma un'operazione ben studiata, con grande opportunità per il turismo, per gli scambi culturali e che apre grandi opportunità per i giovani. L'intera regione diventa più attrattiva".   La valenza dell'opera è sottolineata anche da Renato Ravanelli, ad di F2i, principale azionista di Gesac che ribadisce come Salerno sia la dimostrazione di come "al Sud si può fare. La collaborazione tra pubblico e privato, si può fare: siamo di fronte a un cambio di paradigma. Il pubblico fa la sua parte, valutando l'importanza di un progetto e il privato individua le iniziative di carattere industriale e le sviluppa. Insieme, si fa industria e impresa".   I numeri e il piano di sviluppo   La gestione unica ha consentito di sviluppare un imponente piano d'investimenti infrastrutturali e, al contempo, una significativa rete di collegamenti aerei: si parte con 20 destinazioni di cui 6 di linea domestiche (Catania, Cagliari, Milano Bergamo, Milano Malpensa, Torino e Verona), 7 internazionali (Basilea, Berlino, Ginevra, Malta, Nantes, Londra Gatwick, Londra Stansted) e 7 charter (Corfù, Djerba, Monastir, Podgorica, Rodi, Sharm el-Sheikh e Zante). Quattro le compagnie aeree operative: easyJet, Volotea, Universal Air e Ryanair.   Un investimento che, al 2043, è previsto in 245 milioni di euro, di cui 134 finanziati con fondi pubblici.   Tra gli interventi indispensabili già realizzati il prolungamento della pista da 1.655 metri a 2.022. Già effettuati anche l’estensione dei piazzali di sosta degli aeromobili, la segnaletica di volo, la riattivazione dell’aerostazione passeggeri e dei parcheggi. Poi, a fine 2025, sarà la volta della nuova struttura per l'aviazione generale, nel 2026 debutterà il nuovo terminal passeggeri (che sarà realizzato mantenendo la piena operatività dello scalo); già in corso la costruzione del nuovo edificio per i Vigili del Fuoco, mentre a fine 2025 sarà operativo anche un nuovo deposito carburanti.   "Nel pieno rispetto dei tempi previsti e comunicati nasce un’infrastruttura strategica per il Mezzogiorno che rappresenta un’occasione fondamentale di sviluppo turistico, sociale ed occupazionale, realizzata secondo criteri di mercato, in un sano rapporto pubblico-privato. Ma già siamo all’opera per realizzare la nuova aerostazione passeggeri che si estenderà su una superficie di circa 16.000 metri quadrati e rifletterà i più elevati standard ambientali, con scelte architettoniche armoniche in forte connessione con il paesaggio”, ha dichiarato Roberto Barbieri, ad Gesac e fautore strategico della gestione unica dei due aeroporti campani.   [gallery ids="471356,471358,471357"]     [post_title] => Salerno, al via il sistema aeroportuale campano. De Luca: "Giornata storica" [post_date] => 2024-07-12T12:31:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720787513000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471276 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Spezia ha avviato le procedure per la candidatura a Capitale italiana della Cultura 2027. «Questa iniziativa - spiega il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini - rappresenta un'opportunità straordinaria per valorizzare il ricco patrimonio storico, artistico e culturale della Spezia, oltre a promuovere le nostre eccellenze a livello nazionale e internazionale. Abbiamo approvato le tappe per presentare la partecipazione: un iter che si concluderà nella primavera del 2025 e che, in caso di esito positivo, porterà la cultura spezzina al centro dell'attenzione in Italia, permettendoci di sviluppare una serie di iniziative che coinvolgeranno tutta la comunità, dalle associazioni alle imprese, ai cittadini. La Spezia sta vivendo un autentico rinnovamento culturale: abbiamo rinnovato la convenzione con la famiglia Lia per la valorizzazione del Museo Lia, siglato un partenariato pubblico-privato con la Fondazione Carispezia per il rilancio del Camec, rinnovato la Mediateca e il Museo del Sigillo, e stiamo valorizzando il Castello San Giorgio e il Museo Etnografico con nuove mostre. Questa rivoluzione coinvolge tutti i siti culturali della città e sarà completata entro il 2027, per mostrare a tutta Italia e al mondo le nostre bellezze». L’iniziativa “Capitale italiana della Cultura” si propone di sostenere, incoraggiare e valorizzare la capacità progettuale e attuativa delle città italiane nel campo della cultura. Il fine ultimo è quello di diffondere in modo sempre più capillare il riconoscimento del valore della leva culturale come strumento di coesione sociale, integrazione, creatività, innovazione, crescita economica e benessere, sia individuale sia collettivo. Entro il 26 settembre 2024, il Comune della Spezia perfezionerà la propria candidatura inviando un dettagliato dossier. Entro il 12 dicembre 2024, la Giuria della città “Capitale italiana della cultura”  esaminerà le candidature ammesse. Entro il 12 marzo 2025, la Giuria del Ministero della Cultura convocherà ciascuno dei Comuni, Città Metropolitane e alle Unioni dei Comuni, ad un’audizione pubblica di presentazione e di approfondimento del dossier di candidatura. Entro il 28 marzo 2025 la Giuria raccomanderà al Ministro della Cultura la candidatura del Comune, Città Metropolitane e Unioni dei Comuni ritenuta più idonea ad essere insignita del titolo di “Capitale italiana della cultura” per l’anno 2027, dandone opportuna motivazione. A seguire, su proposta del Ministro, il titolo di “Capitale della Cultura” per l’anno 2027 sarà successivamente conferito dal Consiglio dei Ministri con propria delibera.   [post_title] => La Spezia candidata a Capitale Italiana della Cultura 2027 [post_date] => 2024-07-11T13:10:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720703416000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470780 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Forte Village sarebbe passato di mano all'indomani dell'invasione russa dell'Ucraina. Lo rivela il Financial Times citando come fonte il registro delle imprese cipriota, che include la holding proprietaria del resort sardo, Retivia Investments. Il precedente proprietario, l'oligarca ceceno Musa Bazhaev, aveva acquisito il complesso nel 2014 per una cifra attorno ai 180 milioni di euro. Ma il 25 febbraio del 2022, 24 ore dopo l'entrata delle armate russe in Ucraina, avrebbe deciso di cedere la proprietà di Retivia a un suo parente, che a sua volta l'avrebbe consegnata agli inizi del 2023 al businessman kazako Shukhrat Ibragimov. La mossa è probabilmente servita a sfuggire alle sanzioni europee contro i magnati russi, nella cui lista appare anche lo stesso Bazhaev. Gli affari tra i due non sarebbero tuttavia finiti qui. Un paio di mesi prima, infatti, a dicembre 2022, Ibragimov avrebbe trasferito il 40% della proprietà di una miniera d'ordo in Kirghizistan all'oligarca ceceno: un'impresa avviata in partnership dai due, insieme al nipote Deni Bazhaev, nel 2021 e di cui ora la famiglia russa è titolare al 100%. Interpellato dal Financial Timese, il chief executive del Forte Village, Lorenzo Giannuzzi ha specificato che "Progetto Esmeralda, la compagnia di gestione responsabile del resort, non riveste mai alcun ruolo attivo nei cambi di controllo della proprietà. Le autorità pubbliche, così come le istituzioni finanziarie e commerciali, sono sempre state inoltre tempestivamente informate di ogni transazione. Negli ultimi due decenni il resort ha peraltro cambiato di proprietà almeno sette volte. Ciononostante non c'è mai stata alcuna modifica all'interno del management italiano del complesso, che ha quindi garantito la continuità delle operazioni". Bazhaev e Ibragimov non hanno invece al momento rilasciato alcuna dichiarazione. [post_title] => Cambio di proprietà per il Forte Village dopo l'invasione russa dell'Ucraina [post_date] => 2024-07-04T11:23:40+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720092220000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470738 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => AirBaltic amplia il network invernale con il lancio di nuove rotte dall'hub principale di Riga verso Innsbruck, Hurghada e Sharm El Sheikh. I voli per Innsbruck sono una nuova aggiunta alla rete di airBaltic da Riga e saranno operati una volta alla settimana la domenica, a partire dal 22 dicembre: sarà la terza destinazione del vettore in Austria, oltre a Vienna e Salisburgo. Le rotte verso Hurghada e Sharm El Sheikh saranno servite entrambe due volte a settimana; inoltre, TezTour e airBaltic continueranno la loro collaborazione sui voli per entrambe le città egiziane, offrendo ai viaggiatori l'opportunità di esplorare le spiagge egiziane, il ricco patrimonio storico, i luoghi di immersione di livello mondiale e i vivaci mercati locali. «Mentre continuiamo a valutare le dinamiche del mercato e la domanda dei passeggeri, airBaltic si impegna ad ampliare la propria rete e a migliorare la connettività - afferma Martin Gauss, presidente e ceo del vettore -. Abbiamo individuato l'opportunità di espandere il nostro network per la stagione invernale aggiungendo già una terza rotta per l'Austria, situata in una posizione comoda e vicina alle principali località sciistiche, che offre così un facile accesso agli amanti degli sport e delle attività invernali. Inoltre, inizieremo a operare voli di linea verso destinazioni per il tempo libero in Egitto, offrendo ai passeggeri la possibilità di sfuggire ai mesi invernali più freddi e di godersi il caldo». Durante la winter 2024-25 la compagnia aerea prevede di lanciare un totale di sei nuove rotte dalle repubbliche baltiche: quattro da Riga, una da Tallinn e una da Vilnius. Una di queste destinazioni è Madeira, che sarà collegata da Riga con due voli settimanali.     [post_title] => AirBaltic amplia l'offerta invernale con quattro new entry da Riga [post_date] => 2024-07-04T09:15:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720084520000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470524 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 29 milioni gli italiani pronti a partire tra giugno e settembre, per uno o più viaggi, con un budget complessivo pro capite a disposizione di 1.190 euro (+10% rispetto al 2023). L’indice di fiducia dei viaggiatori dell’Osservatorio turismo di Confcommercio si attesta a quota 72 su scala da 0 a 100: 2 punti in più di giugno 2023 e 1 in più di giugno 2019 (anno pre Covid). Trend positivo, quindi, con un probabile 2024 finalmente da record, anche per la domanda interna. Numeri che sanciscono la fine di un lungo periodo in cui il rapporto tra i connazionali e le vacanze era stato decisamente “tiepido” e ben lontano dalle ottime performance dei flussi esteri diretti in Italia. In ogni caso c’è sempre da considerare la variabile  meteo che potrebbe influenzare i programmi di vacanza. “Le previsioni per il turismo indicano la possibilità di avere i numeri migliori di sempre - ha commentato il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli -. Mai come oggi il settore turistico può contribuire a quella crescita necessaria che ancora manca alla nostra economia. Le sorti di questo 2024, che si concluderà con una manovra di bilancio complicata, dipendono dalla tenuta complessiva dell’occupazione, dalla riduzione dell’inflazione e dalla prevista crescita del turismo in tutte le sue forme”. Spesa e alloggio Riguardo ai mesi scelti per le vacanze gli italiani spenderanno una media pro capite di 750 euro a luglio, 910 euro in agosto - il mese con la maggiore incidenza di vacanze lunghe – e 760 euro a settembre. A giugno questo valore si attesta a 630 euro. Alla domanda su dove pernotteranno in viaggio, le risposte del campione da un lato individuano le classiche strutture turistico-ricettive – alberghi, villaggi vacanza, campeggi e resort – alle quali si indirizzano complessivamente oltre 4 italiani su 10, di cui oltre la metà in alberghi – e dall’altro le seconde case di proprietà o l’ospitalità presso amici e parenti, scelte nel 14% dei casi, che diventano il 17% per le vacanze più lunghe. Per b&b e affitti brevi invece, la preferenza appare più legata alla durata del viaggio. I primi sono scelti addirittura nel 22% dei casi per vacanze brevi, scendendo al 13% per quelle di 7 giorni o più. Per i secondi la tendenza è esattamente opposta: si va dal 9% per gli short break al 14% nelle vacanze più lunghe. Nei 4 mesi in esame, in cui la metà dei viaggiatori previsti farà più vacanze di diversa durata, è significativa la quota (34%) di coloro che sceglieranno mete tanto nazionali quanto oltre confine. Il 58% resta però sempre fedele all’Italia, scegliendo esclusivamente destinazioni della Penisola, mentre il restante 8% farà vacanze solo all’estero. Mete Delle destinazioni scelte per i viaggi tra giugno e settembre, il 24% saranno mete balneari, soprattutto per le vacanze più lunghe, dove questa preferenza raggiunge il 39% delle indicazioni espresse dal campione intervistato. Ravvivato interesse quest’anno per la montagna,  che raccoglie il 13% delle preferenze superando, seppure di poco, tanto le città quanto i luoghi d’arte, entrambi con l’11% delle preferenze. Su questi ultimi però gli italiani programmano maggiormente 1 o 2 notti a destinazione, così come per i piccoli borghi, che seguono con il 10% delle preferenze. Italia: parlando di geografia dei viaggi, a sostenere l’interesse degli italiani per le vacanze estive in montagna contribuisce fortemente il Trentino Alto Adige, costantemente nella top list dopo la Toscana – per i viaggi di breve e media durata – e dopo Sardegna e Puglia per le vacanze più lunghe. A riprova della passione per il mare troviamo supergettonate, oltre a Sardegna e Puglia, anche Sicilia ed Emilia Romagna, alle quali si aggiunge la Liguria, quest’ultima soprattutto per i viaggi brevi e le vacanze con massimo 5 pernottamenti. Estero: rivolgendo l’attenzione oltre confine, continua a prevalere il panorama delle destinazioni europee, particolarmente fruibili d’estate, dove l’offerta di Grecia e Spagna catalizza fortemente l’attenzione dei nostri connazionali con la Francia che segue più a distanza. [post_title] => Confcommercio: forse un 2024 da record per il turismo italiano [post_date] => 2024-07-01T12:34:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719837256000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470252 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Terme di Chianciano si presentano come la destinazione perfetta per un’esperienza di benessere immersa nella natura. Situate in un angolo di Toscana sempre piacevolmente ventilato, anche nelle giornate più calde, le Terme di Chianciano offrono un'ampia gamma di iniziative dedicate al benessere per l'estate 2024. Circondate da giardini fioriti e alberi secolari, immerse tra la Val di Chiana e la Val d’Orcia, patrimonio dell’UNESCO, le Terme di Chianciano vantano oltre tremila anni di storia. Il celebre slogan “Chianciano, fegato sano” è oggi sinonimo di un approccio integrato e innovativo al benessere, che va oltre la semplice depurazione del fegato. Le proprietà benefiche dell'Acqua Santa, ideali per eliminare i gonfiori addominali, depurare il fegato dalle tossine e diminuire trigliceridi e colesterolo, sono parte di un programma più ampio e moderno che integra diversi aspetti della salute fisica e mentale.  Le Terme di Chianciano offrono un approccio olistico al benessere che integra diverse dimensioni della salute: fisica, mentale e spirituale. Questo approccio si concretizza in programmi personalizzati che combinano cure termali, attività fisica, supporto nutrizionale e tecniche di rilassamento e meditazione. Situate nel secolare Parco Acqua Santa, le Terme Sensoriali propongono venti diverse esperienze termali ispirate alle filosofie orientali, che includono percorsi rilassanti, riequilibranti, energizzanti e depurativi. Le Terme di Chianciano combinano le tradizionali cure termali con un approccio medico avanzato e multidisciplinare. Ogni programma è personalizzato in base alle esigenze individuali. Le Piscine Termali Theia, alimentate dalla sorgente Sillene, offrono oltre 900 metri quadrati di piscine interne ed esterne. Qui, i visitatori possono usufruire di getti d'acqua, idromassaggi, saune, bagni turchi, e aree dedicate ai bambini con grotte secche e umide. Le Piscine Theia sono perfette per un bagno rilassante sotto le stelle grazie ai "Bagni di Notte" del sabato sera e ai "Friday Pool Party" di agosto, che combinano musica dal vivo, cocktail e DJ set per serate estive indimenticabili  L’estate alle Terme di Chianciano è dedicata alla famiglia, con servizi anche per i bambini che vanno oltre il semplice divertimento. L'obiettivo è educare al benessere fin dalla giovane età, attraverso attività che stimolano corpo e mente. Le Piscine Termali Theia offrono animazione gratuita nei weekend di luglio e inizio agosto, e ogni giorno dal 12 al 31 agosto. Novità assoluta della stagione 2024 è la Village Card che garantisce sconti e gratuità, incluso un accesso gratuito alla Palestra della Salute e un servizio navetta tra gli stabilimenti termali. Con la Village Card, si può accedere gratuitamente alle Piscine Termali Theia e ottenere sconti dedicati sui concerti serali, sulle Terme Sensoriali e sui Sali di Chianciano. Il Parco Acqua Santa promette un'estate di benessere, sport e natura. [post_title] => Terme Chianciano, proposte per vacanze relax e trattamenti detox [post_date] => 2024-06-27T08:48:21+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719478101000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470060 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Secondo alcune indiscrezioni il brand Park Hyatt raddoppierà presto la propria presenza in Italia con un nuovo indirizzo capitolino, che seguirà la struttura milanese aperta nel 2013. Situato tra via del Corso e la fontana di Trevi, di proprietà del gruppo real estate israeliano Omnam, l'albergò sarà un 5 stelle da 130 camere e sarà gestito tramite un accordo di management. La sua inaugurazione è prevista per il 2026. Hyatt sta peraltro vivendo una fase di forte espansione in Italia. Oltre alle voci sul nuovo hotel romano, sempre nella capitale è infatti atteso già per quest'anno il debutto tricolore del marchio Thompson: un altro 5 stelle da 70 camere ricavato dalla conversione dell'ex sede del Pci di via delle Botteghe Oscure. L'immobile è stato affittato da una joint venture tra Rossfin e l'operatore Ag Group, che ha a sua volta siglato  un accordo di franchising con la compagnia Usa. Sempre a Roma, l'ex Radisson Es Hotel Dovrebbe segnare a fine 2025 l'approdo in Italia anche di Hyatt Regency, grazie a un'operazione di rebranding condotta dalla società di asset management Garnet Hospitality Partners. Infine, a Siena, sono in corso i lavori di ristrutturazione di Palazzo Sozzini Malvolti. Nel 2026 ci si aspetta che entri nella collezione Unbound by Hyatt, sempre sotto la gestione Ag Group. [post_title] => Il brand Park Hyatt prepara lo sbarco a Roma. Aprirà nel 2026 [post_date] => 2024-06-24T14:22:18+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719238938000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470048 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ita Airways ha ottenuto la certificazione Leed - livello Gold nella categoria “Interior Design and Construction: Retail”- per l’Hangar Lounge, la nuova lounge inaugurata un anno fa al Terminal 1 dell'aeroporto di Roma Fiumicino. La certificazione Leed (Leadership in Energy and Environmental Design) attesta il livello di sostenibilità di un edificio, basandosi su una serie di criteri per la progettazione, costruzione e gestione di edifici sostenibili dal punto di vista ambientale, economico e della salute. Questo riconoscimento è un’ulteriore conferma dell'impegno della compagnia aerea per la sostenibilità e per la tutela dell'ambiente. «Ita dimostra così il proprio ruolo di leadership nel promuovere una trasformazione positiva all'interno del settore edilizio a livello aeroportuale e si allinea alla missione più ampia di promuovere pratiche eco-sostenibili nel settore dell'aviazione». Le aziende che ottengono la certificazione LEED svolgono un ruolo essenziale per creare un futuro più sano e sostenibile. «Il vettore italiano - spiega una nota ufficiale - rimane saldo nel suo impegno per la sostenibilità ambientale e si impegna a continuare i propri sforzi per ridurre le proprie emissioni di carbonio e promuovere pratiche eco-consapevoli, a partire dal rinnovo della flotta che a fine 2024 conterà 96 aerei di cui il 67% di nuova generazione». [post_title] => Ita Airways: l'Hangar Lounge di Fiumicino ottiene la certificazione Leed per la sostenibilità [post_date] => 2024-06-24T12:07:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719230873000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469825 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' disponibile online l'edizione invernale del Grande Nord di Giver Viaggi e Crociere, con una programmazione che va da ottobre 2024 a tutto aprile 2025. Il catalogo, con le sue 76 pagine, sarà inoltre distribuito nelle agenzie di viaggio a partire dalla seconda metà di luglio. Cuore della proposta anche per il 2024 - 2025 sarà l'Aurora Express: il volo diretto Giver che collegherà lo scalo di Milano Malpensa con Tromsø in collaborazione con Neos, rivolto a chi desidera ammirare il fenomeno dell'aurora boreale. Il collegamento verrà operato ogni cinque giorni da dicembre 2024 a marzo 2025. L'operatore genovese abbinerà al volo sette proposte di viaggio con accompagnatore esclusivo in lingua italiana, divise tra soggiorni collegati a numerose attività invernali e veri e propri tour itineranti nell’inverno del Grande Nord. Tra questi, la novità dei soggiorni a Skibotn: un villaggio che sorge in uno degli angoli più incontaminati e suggestivi dell’Artico norvegese. Ma l’edizione invernale del Grande Nord include molto altro, unendo ai programmi legati all’Aurora Express scelte alternative su Norvegia, Finlandia, Svezia e Islanda. Da segnalare, tra gli altri, la conferma dei soggiorni all'Haparanda Stadshotell, uno degli alberghi di inizio secolo più famosi della Scandinavia, situato nella parte orientale della Lapponia svedese, alla frontiera con la Finlandia. Come main Agent Italia di Hurtigruten, per l’inverno Giver propone inoltre navigazioni a bordo del leggendario postale norvegese, ottimo punto d’osservazione per ammirare l’aurora boreale con i 360 gradi di visuale sull’orizzonte e l’assenza assoluta in mare aperto di inquinamento luminoso, per il ponte dei Santi e il Capodanno. L'Islanda è quindi protagonista di un programma di cinque giorni con accompagnatore in lingua italiana, Fuoco, Ghiaccio e Aurora: un tour che include tutti gli highlight di un viaggio nella destinazione, con partenze programmate il 5, 12, 19 e 26 febbraio e il 5, 12, e 19 marzo. Oltre alla programmazione con volo speciale diretto esclusivo Giver da Milano Malpensa per Rovaniemi in occasione dei vari ponti festivi invernali, il to propone infine pure soluzioni individuali nella città di Babbo Natale dal 1° ottobre al 30 aprile. [post_title] => Disponibile online e in distribuzione a breve il nuovo catalogo inverno Grande Nord di Giver [post_date] => 2024-06-20T11:06:53+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718881613000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "esordio sardo brand radisson individuals veridia resort" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":52,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":487,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471319","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha preso il via ieri la nuova avventura dell'aeroporto di Salerno-Costa d'Amalfi, con l'atterraggio dei primi due voli operati da Volotea e easyJet (provenienti, rispettivamente, da Nantes e Milano Malpensa).\r\n \r\nUn nuovo inizio che rappresenta una vera e propria svolta da più di un punto di vista. Innanzitutto perché, come evidenziato dal presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca \"chiude una storia lunga 20 anni\", un desiderio a lungo accarezzato che però \"mancava di un piano industriale. Quello di oggi (ieri per chi legge, ndr) è solo il primo passo, di un progetto che ci consente di immaginare in un futuro non lontano anche voli intercontinentali\".\r\n \r\nUn progetto che poggia le sue fondamenta sulla costituzione di una \"rete aeroportuale\" in grado di dar vita al sistema aeroportuale campano. \"Economie di scala, un'offerta unitaria, migliori servizi ai passeggeri\" puntualizza Carlo Borgomeo, presidente di Gesac, la società che gestisce entrambi gli aeroporti di Napoli e Salerno, che rivendica: \"Smentisco l’interpretazione secondo cui Salerno sarebbe la ruota di scorta di Napoli. Questo progetto riguarda lo sviluppo della regione. Non è il trionfo di un 'campanile' ma un'operazione ben studiata, con grande opportunità per il turismo, per gli scambi culturali e che apre grandi opportunità per i giovani. L'intera regione diventa più attrattiva\".\r\n \r\nLa valenza dell'opera è sottolineata anche da Renato Ravanelli, ad di F2i, principale azionista di Gesac che ribadisce come Salerno sia la dimostrazione di come \"al Sud si può fare. La collaborazione tra pubblico e privato, si può fare: siamo di fronte a un cambio di paradigma. Il pubblico fa la sua parte, valutando l'importanza di un progetto e il privato individua le iniziative di carattere industriale e le sviluppa. Insieme, si fa industria e impresa\".\r\n \r\nI numeri e il piano di sviluppo\r\n \r\nLa gestione unica ha consentito di sviluppare un imponente piano d'investimenti infrastrutturali e, al contempo, una significativa rete di collegamenti aerei: si parte con 20 destinazioni di cui 6 di linea domestiche (Catania, Cagliari, Milano Bergamo, Milano Malpensa, Torino e Verona), 7 internazionali (Basilea, Berlino, Ginevra, Malta, Nantes, Londra Gatwick, Londra Stansted) e 7 charter (Corfù, Djerba, Monastir, Podgorica, Rodi, Sharm el-Sheikh e Zante).\r\nQuattro le compagnie aeree operative: easyJet, Volotea, Universal Air e Ryanair.\r\n \r\nUn investimento che, al 2043, è previsto in 245 milioni di euro, di cui 134 finanziati con fondi pubblici.\r\n \r\nTra gli interventi indispensabili già realizzati il prolungamento della pista da 1.655 metri a 2.022. Già effettuati anche l’estensione dei piazzali di sosta degli aeromobili, la segnaletica di volo, la riattivazione dell’aerostazione passeggeri e dei parcheggi. Poi, a fine 2025, sarà la volta della nuova struttura per l'aviazione generale, nel 2026 debutterà il nuovo terminal passeggeri (che sarà realizzato mantenendo la piena operatività dello scalo); già in corso la costruzione del nuovo edificio per i Vigili del Fuoco, mentre a fine 2025 sarà operativo anche un nuovo deposito carburanti.\r\n \r\n\"Nel pieno rispetto dei tempi previsti e comunicati nasce un’infrastruttura strategica per il Mezzogiorno che rappresenta un’occasione fondamentale di sviluppo turistico, sociale ed occupazionale, realizzata secondo criteri di mercato, in un sano rapporto pubblico-privato. Ma già siamo all’opera per realizzare la nuova aerostazione passeggeri che si estenderà su una superficie di circa 16.000 metri quadrati e rifletterà i più elevati standard ambientali, con scelte architettoniche armoniche in forte connessione con il paesaggio”, ha dichiarato Roberto Barbieri, ad Gesac e fautore strategico della gestione unica dei due aeroporti campani.\r\n \r\n\r\n\r\n[gallery ids=\"471356,471358,471357\"]\r\n\r\n\r\n \r\n ","post_title":"Salerno, al via il sistema aeroportuale campano. De Luca: \"Giornata storica\"","post_date":"2024-07-12T12:31:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1720787513000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471276","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Spezia ha avviato le procedure per la candidatura a Capitale italiana della Cultura 2027.\r\n\r\n«Questa iniziativa - spiega il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini - rappresenta un'opportunità straordinaria per valorizzare il ricco patrimonio storico, artistico e culturale della Spezia, oltre a promuovere le nostre eccellenze a livello nazionale e internazionale. Abbiamo approvato le tappe per presentare la partecipazione: un iter che si concluderà nella primavera del 2025 e che, in caso di esito positivo, porterà la cultura spezzina al centro dell'attenzione in Italia, permettendoci di sviluppare una serie di iniziative che coinvolgeranno tutta la comunità, dalle associazioni alle imprese, ai cittadini. La Spezia sta vivendo un autentico rinnovamento culturale: abbiamo rinnovato la convenzione con la famiglia Lia per la valorizzazione del Museo Lia, siglato un partenariato pubblico-privato con la Fondazione Carispezia per il rilancio del Camec, rinnovato la Mediateca e il Museo del Sigillo, e stiamo valorizzando il Castello San Giorgio e il Museo Etnografico con nuove mostre. Questa rivoluzione coinvolge tutti i siti culturali della città e sarà completata entro il 2027, per mostrare a tutta Italia e al mondo le nostre bellezze».\r\n\r\nL’iniziativa “Capitale italiana della Cultura” si propone di sostenere, incoraggiare e valorizzare la capacità progettuale e attuativa delle città italiane nel campo della cultura. Il fine ultimo è quello di diffondere in modo sempre più capillare il riconoscimento del valore della leva culturale come strumento di coesione sociale, integrazione, creatività, innovazione, crescita economica e benessere, sia individuale sia collettivo.\r\n\r\nEntro il 26 settembre 2024, il Comune della Spezia perfezionerà la propria candidatura inviando un dettagliato dossier.\r\n\r\nEntro il 12 dicembre 2024, la Giuria della città “Capitale italiana della cultura”  esaminerà le candidature ammesse.\r\n\r\nEntro il 12 marzo 2025, la Giuria del Ministero della Cultura convocherà ciascuno dei Comuni, Città Metropolitane e alle Unioni dei Comuni, ad un’audizione pubblica di presentazione e di approfondimento del dossier di candidatura.\r\n\r\nEntro il 28 marzo 2025 la Giuria raccomanderà al Ministro della Cultura la candidatura del Comune, Città Metropolitane e Unioni dei Comuni ritenuta più idonea ad essere insignita del titolo di “Capitale italiana della cultura” per l’anno 2027, dandone opportuna motivazione. A seguire, su proposta del Ministro, il titolo di “Capitale della Cultura” per l’anno 2027 sarà successivamente conferito dal Consiglio dei Ministri con propria delibera.\r\n\r\n ","post_title":"La Spezia candidata a Capitale Italiana della Cultura 2027","post_date":"2024-07-11T13:10:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1720703416000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470780","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Forte Village sarebbe passato di mano all'indomani dell'invasione russa dell'Ucraina. Lo rivela il Financial Times citando come fonte il registro delle imprese cipriota, che include la holding proprietaria del resort sardo, Retivia Investments. Il precedente proprietario, l'oligarca ceceno Musa Bazhaev, aveva acquisito il complesso nel 2014 per una cifra attorno ai 180 milioni di euro. Ma il 25 febbraio del 2022, 24 ore dopo l'entrata delle armate russe in Ucraina, avrebbe deciso di cedere la proprietà di Retivia a un suo parente, che a sua volta l'avrebbe consegnata agli inizi del 2023 al businessman kazako Shukhrat Ibragimov. \r\n\r\nLa mossa è probabilmente servita a sfuggire alle sanzioni europee contro i magnati russi, nella cui lista appare anche lo stesso Bazhaev. Gli affari tra i due non sarebbero tuttavia finiti qui. Un paio di mesi prima, infatti, a dicembre 2022, Ibragimov avrebbe trasferito il 40% della proprietà di una miniera d'ordo in Kirghizistan all'oligarca ceceno: un'impresa avviata in partnership dai due, insieme al nipote Deni Bazhaev, nel 2021 e di cui ora la famiglia russa è titolare al 100%.\r\n\r\nInterpellato dal Financial Timese, il chief executive del Forte Village, Lorenzo Giannuzzi ha specificato che \"Progetto Esmeralda, la compagnia di gestione responsabile del resort, non riveste mai alcun ruolo attivo nei cambi di controllo della proprietà. Le autorità pubbliche, così come le istituzioni finanziarie e commerciali, sono sempre state inoltre tempestivamente informate di ogni transazione. Negli ultimi due decenni il resort ha peraltro cambiato di proprietà almeno sette volte. Ciononostante non c'è mai stata alcuna modifica all'interno del management italiano del complesso, che ha quindi garantito la continuità delle operazioni\". Bazhaev e Ibragimov non hanno invece al momento rilasciato alcuna dichiarazione.","post_title":"Cambio di proprietà per il Forte Village dopo l'invasione russa dell'Ucraina","post_date":"2024-07-04T11:23:40+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1720092220000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470738","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"AirBaltic amplia il network invernale con il lancio di nuove rotte dall'hub principale di Riga verso Innsbruck, Hurghada e Sharm El Sheikh. I voli per Innsbruck sono una nuova aggiunta alla rete di airBaltic da Riga e saranno operati una volta alla settimana la domenica, a partire dal 22 dicembre: sarà la terza destinazione del vettore in Austria, oltre a Vienna e Salisburgo.\r\n\r\nLe rotte verso Hurghada e Sharm El Sheikh saranno servite entrambe due volte a settimana; inoltre, TezTour e airBaltic continueranno la loro collaborazione sui voli per entrambe le città egiziane, offrendo ai viaggiatori l'opportunità di esplorare le spiagge egiziane, il ricco patrimonio storico, i luoghi di immersione di livello mondiale e i vivaci mercati locali.\r\n\r\n«Mentre continuiamo a valutare le dinamiche del mercato e la domanda dei passeggeri, airBaltic si impegna ad ampliare la propria rete e a migliorare la connettività - afferma Martin Gauss, presidente e ceo del vettore -. Abbiamo individuato l'opportunità di espandere il nostro network per la stagione invernale aggiungendo già una terza rotta per l'Austria, situata in una posizione comoda e vicina alle principali località sciistiche, che offre così un facile accesso agli amanti degli sport e delle attività invernali. Inoltre, inizieremo a operare voli di linea verso destinazioni per il tempo libero in Egitto, offrendo ai passeggeri la possibilità di sfuggire ai mesi invernali più freddi e di godersi il caldo».\r\n\r\nDurante la winter 2024-25 la compagnia aerea prevede di lanciare un totale di sei nuove rotte dalle repubbliche baltiche: quattro da Riga, una da Tallinn e una da Vilnius. Una di queste destinazioni è Madeira, che sarà collegata da Riga con due voli settimanali.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"AirBaltic amplia l'offerta invernale con quattro new entry da Riga","post_date":"2024-07-04T09:15:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1720084520000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470524","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono 29 milioni gli italiani pronti a partire tra giugno e settembre, per uno o più viaggi, con un budget complessivo pro capite a disposizione di 1.190 euro (+10% rispetto al 2023). L’indice di fiducia dei viaggiatori dell’Osservatorio turismo di Confcommercio si attesta a quota 72 su scala da 0 a 100: 2 punti in più di giugno 2023 e 1 in più di giugno 2019 (anno pre Covid). Trend positivo, quindi, con un probabile 2024 finalmente da record, anche per la domanda interna. Numeri che sanciscono la fine di un lungo periodo in cui il rapporto tra i connazionali e le vacanze era stato decisamente “tiepido” e ben lontano dalle ottime performance dei flussi esteri diretti in Italia. In ogni caso c’è sempre da considerare la variabile  meteo che potrebbe influenzare i programmi di vacanza.\r\n\r\n“Le previsioni per il turismo indicano la possibilità di avere i numeri migliori di sempre - ha commentato il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli -. Mai come oggi il settore turistico può contribuire a quella crescita necessaria che ancora manca alla nostra economia. Le sorti di questo 2024, che si concluderà con una manovra di bilancio complicata, dipendono dalla tenuta complessiva dell’occupazione, dalla riduzione dell’inflazione e dalla prevista crescita del turismo in tutte le sue forme”.\r\nSpesa e alloggio\r\nRiguardo ai mesi scelti per le vacanze gli italiani spenderanno una media pro capite di 750 euro a luglio, 910 euro in agosto - il mese con la maggiore incidenza di vacanze lunghe – e 760 euro a settembre. A giugno questo valore si attesta a 630 euro.\r\n\r\nAlla domanda su dove pernotteranno in viaggio, le risposte del campione da un lato individuano le classiche strutture turistico-ricettive – alberghi, villaggi vacanza, campeggi e resort – alle quali si indirizzano complessivamente oltre 4 italiani su 10, di cui oltre la metà in alberghi – e dall’altro le seconde case di proprietà o l’ospitalità presso amici e parenti, scelte nel 14% dei casi, che diventano il 17% per le vacanze più lunghe. Per b&b e affitti brevi invece, la preferenza appare più legata alla durata del viaggio. I primi sono scelti addirittura nel 22% dei casi per vacanze brevi, scendendo al 13% per quelle di 7 giorni o più. Per i secondi la tendenza è esattamente opposta: si va dal 9% per gli short break al 14% nelle vacanze più lunghe.\r\n\r\nNei 4 mesi in esame, in cui la metà dei viaggiatori previsti farà più vacanze di diversa durata, è significativa la quota (34%) di coloro che sceglieranno mete tanto nazionali quanto oltre confine. Il 58% resta però sempre fedele all’Italia, scegliendo esclusivamente destinazioni della Penisola, mentre il restante 8% farà vacanze solo all’estero.\r\nMete\r\nDelle destinazioni scelte per i viaggi tra giugno e settembre, il 24% saranno mete balneari, soprattutto per le vacanze più lunghe, dove questa preferenza raggiunge il 39% delle indicazioni espresse dal campione intervistato. Ravvivato interesse quest’anno per la montagna,  che raccoglie il 13% delle preferenze superando, seppure di poco, tanto le città quanto i luoghi d’arte, entrambi con l’11% delle preferenze. Su questi ultimi però gli italiani programmano maggiormente 1 o 2 notti a destinazione, così come per i piccoli borghi, che seguono con il 10% delle preferenze.\r\n\r\nItalia: parlando di geografia dei viaggi, a sostenere l’interesse degli italiani per le vacanze estive in montagna contribuisce fortemente il Trentino Alto Adige, costantemente nella top list dopo la Toscana – per i viaggi di breve e media durata – e dopo Sardegna e Puglia per le vacanze più lunghe. A riprova della passione per il mare troviamo supergettonate, oltre a Sardegna e Puglia, anche Sicilia ed Emilia Romagna, alle quali si aggiunge la Liguria, quest’ultima soprattutto per i viaggi brevi e le vacanze con massimo 5 pernottamenti.\r\n\r\nEstero: rivolgendo l’attenzione oltre confine, continua a prevalere il panorama delle destinazioni europee, particolarmente fruibili d’estate, dove l’offerta di Grecia e Spagna catalizza fortemente l’attenzione dei nostri connazionali con la Francia che segue più a distanza.","post_title":"Confcommercio: forse un 2024 da record per il turismo italiano","post_date":"2024-07-01T12:34:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1719837256000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470252","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le Terme di Chianciano si presentano come la destinazione perfetta per un’esperienza di benessere immersa nella natura. Situate in un angolo di Toscana sempre piacevolmente ventilato, anche nelle giornate più calde, le Terme di Chianciano offrono un'ampia gamma di iniziative dedicate al benessere per l'estate 2024.\r\n\r\nCircondate da giardini fioriti e alberi secolari, immerse tra la Val di Chiana e la Val d’Orcia, patrimonio dell’UNESCO, le Terme di Chianciano vantano oltre tremila anni di storia.\r\n\r\nIl celebre slogan “Chianciano, fegato sano” è oggi sinonimo di un approccio integrato e innovativo al benessere, che va oltre la semplice depurazione del fegato. Le proprietà benefiche dell'Acqua Santa, ideali per eliminare i gonfiori addominali, depurare il fegato dalle tossine e diminuire trigliceridi e colesterolo, sono parte di un programma più ampio e moderno che integra diversi aspetti della salute fisica e mentale. \r\n\r\nLe Terme di Chianciano offrono un approccio olistico al benessere che integra diverse dimensioni della salute: fisica, mentale e spirituale. Questo approccio si concretizza in programmi personalizzati che combinano cure termali, attività fisica, supporto nutrizionale e tecniche di rilassamento e meditazione.\r\n\r\nSituate nel secolare Parco Acqua Santa, le Terme Sensoriali propongono venti diverse esperienze termali ispirate alle filosofie orientali, che includono percorsi rilassanti, riequilibranti, energizzanti e depurativi.\r\n\r\nLe Terme di Chianciano combinano le tradizionali cure termali con un approccio medico avanzato e multidisciplinare. Ogni programma è personalizzato in base alle esigenze individuali.\r\n\r\nLe Piscine Termali Theia, alimentate dalla sorgente Sillene, offrono oltre 900 metri quadrati di piscine interne ed esterne. Qui, i visitatori possono usufruire di getti d'acqua, idromassaggi, saune, bagni turchi, e aree dedicate ai bambini con grotte secche e umide. Le Piscine Theia sono perfette per un bagno rilassante sotto le stelle grazie ai \"Bagni di Notte\" del sabato sera e ai \"Friday Pool Party\" di agosto, che combinano musica dal vivo, cocktail e DJ set per serate estive indimenticabili \r\n\r\nL’estate alle Terme di Chianciano è dedicata alla famiglia, con servizi anche per i bambini che vanno oltre il semplice divertimento. L'obiettivo è educare al benessere fin dalla giovane età, attraverso attività che stimolano corpo e mente. Le Piscine Termali Theia offrono animazione gratuita nei weekend di luglio e inizio agosto, e ogni giorno dal 12 al 31 agosto.\r\n\r\nNovità assoluta della stagione 2024 è la Village Card che garantisce sconti e gratuità, incluso un accesso gratuito alla Palestra della Salute e un servizio navetta tra gli stabilimenti termali. Con la Village Card, si può accedere gratuitamente alle Piscine Termali Theia e ottenere sconti dedicati sui concerti serali, sulle Terme Sensoriali e sui Sali di Chianciano. Il Parco Acqua Santa promette un'estate di benessere, sport e natura.","post_title":"Terme Chianciano, proposte per vacanze relax e trattamenti detox","post_date":"2024-06-27T08:48:21+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1719478101000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470060","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Secondo alcune indiscrezioni il brand Park Hyatt raddoppierà presto la propria presenza in Italia con un nuovo indirizzo capitolino, che seguirà la struttura milanese aperta nel 2013. Situato tra via del Corso e la fontana di Trevi, di proprietà del gruppo real estate israeliano Omnam, l'albergò sarà un 5 stelle da 130 camere e sarà gestito tramite un accordo di management. La sua inaugurazione è prevista per il 2026.\r\n\r\nHyatt sta peraltro vivendo una fase di forte espansione in Italia. Oltre alle voci sul nuovo hotel romano, sempre nella capitale è infatti atteso già per quest'anno il debutto tricolore del marchio Thompson: un altro 5 stelle da 70 camere ricavato dalla conversione dell'ex sede del Pci di via delle Botteghe Oscure. L'immobile è stato affittato da una joint venture tra Rossfin e l'operatore Ag Group, che ha a sua volta siglato  un accordo di franchising con la compagnia Usa. Sempre a Roma, l'ex Radisson Es Hotel Dovrebbe segnare a fine 2025 l'approdo in Italia anche di Hyatt Regency, grazie a un'operazione di rebranding condotta dalla società di asset management Garnet Hospitality Partners. Infine, a Siena, sono in corso i lavori di ristrutturazione di Palazzo Sozzini Malvolti. Nel 2026 ci si aspetta che entri nella collezione Unbound by Hyatt, sempre sotto la gestione Ag Group.","post_title":"Il brand Park Hyatt prepara lo sbarco a Roma. Aprirà nel 2026","post_date":"2024-06-24T14:22:18+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1719238938000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470048","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ita Airways ha ottenuto la certificazione Leed - livello Gold nella categoria “Interior Design and Construction: Retail”- per l’Hangar Lounge, la nuova lounge inaugurata un anno fa al Terminal 1 dell'aeroporto di Roma Fiumicino.\r\nLa certificazione Leed (Leadership in Energy and Environmental Design) attesta il livello di sostenibilità di un edificio, basandosi su una serie di criteri per la progettazione, costruzione e gestione di edifici sostenibili dal punto di vista ambientale, economico e della salute. Questo riconoscimento è un’ulteriore conferma dell'impegno della compagnia aerea per la sostenibilità e per la tutela dell'ambiente. «Ita dimostra così il proprio ruolo di leadership nel promuovere una trasformazione positiva all'interno del settore edilizio a livello aeroportuale e si allinea alla missione più ampia di promuovere pratiche eco-sostenibili nel settore dell'aviazione».\r\nLe aziende che ottengono la certificazione LEED svolgono un ruolo essenziale per creare un futuro più sano e sostenibile. «Il vettore italiano - spiega una nota ufficiale - rimane saldo nel suo impegno per la sostenibilità ambientale e si impegna a continuare i propri sforzi per ridurre le proprie emissioni di carbonio e promuovere pratiche eco-consapevoli, a partire dal rinnovo della flotta che a fine 2024 conterà 96 aerei di cui il 67% di nuova generazione».","post_title":"Ita Airways: l'Hangar Lounge di Fiumicino ottiene la certificazione Leed per la sostenibilità","post_date":"2024-06-24T12:07:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1719230873000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469825","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' disponibile online l'edizione invernale del Grande Nord di Giver Viaggi e Crociere, con una programmazione che va da ottobre 2024 a tutto aprile 2025. Il catalogo, con le sue 76 pagine, sarà inoltre distribuito nelle agenzie di viaggio a partire dalla seconda metà di luglio. Cuore della proposta anche per il 2024 - 2025 sarà l'Aurora Express: il volo diretto Giver che collegherà lo scalo di Milano Malpensa con Tromsø in collaborazione con Neos, rivolto a chi desidera ammirare il fenomeno dell'aurora boreale. Il collegamento verrà operato ogni cinque giorni da dicembre 2024 a marzo 2025.\r\n\r\nL'operatore genovese abbinerà al volo sette proposte di viaggio con accompagnatore esclusivo in lingua italiana, divise tra soggiorni collegati a numerose attività invernali e veri e propri tour itineranti nell’inverno del Grande Nord. Tra questi, la novità dei soggiorni a Skibotn: un villaggio che sorge in uno degli angoli più incontaminati e suggestivi dell’Artico norvegese.\r\n\r\nMa l’edizione invernale del Grande Nord include molto altro, unendo ai programmi legati all’Aurora Express scelte alternative su Norvegia, Finlandia, Svezia e Islanda. Da segnalare, tra gli altri, la conferma dei soggiorni all'Haparanda Stadshotell, uno degli alberghi di inizio secolo più famosi della Scandinavia, situato nella parte orientale della Lapponia svedese, alla frontiera con la Finlandia. Come main Agent Italia di Hurtigruten, per l’inverno Giver propone inoltre navigazioni a bordo del leggendario postale norvegese, ottimo punto d’osservazione per ammirare l’aurora boreale con i 360 gradi di visuale sull’orizzonte e l’assenza assoluta in mare aperto di inquinamento luminoso, per il ponte dei Santi e il Capodanno.\r\n\r\nL'Islanda è quindi protagonista di un programma di cinque giorni con accompagnatore in lingua italiana, Fuoco, Ghiaccio e Aurora: un tour che include tutti gli highlight di un viaggio nella destinazione, con partenze programmate il 5, 12, 19 e 26 febbraio e il 5, 12, e 19 marzo. Oltre alla programmazione con volo speciale diretto esclusivo Giver da Milano Malpensa per Rovaniemi in occasione dei vari ponti festivi invernali, il to propone infine pure soluzioni individuali nella città di Babbo Natale dal 1° ottobre al 30 aprile.","post_title":"Disponibile online e in distribuzione a breve il nuovo catalogo inverno Grande Nord di Giver","post_date":"2024-06-20T11:06:53+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718881613000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti