23 September 2021

Alitalia: le polemiche sulla posizione di Travel continuano. Ecco le risposte

[ 8 ]

Abbiamo ricevuto molti commenti sull’articolo Risposta ad un lettore su Alitalia. Le tasse, gli errori e la prospettiva. In molti ci danno torto. Sostengono che un caso come quello di Alitalia non si è mai visto e che quindi è ora di farla finita. Altri sostengono che le vicende Alitalia e Ferrovie dello Stato non sono paragonabili. Altri ancora criticano il mio accostamento fra Lufthansa e Ryanair. Altri ancora spiegano che «Gli aiuti di stato alle compagnie europee per la crisi covid sono ben altra cosa rispetto a ciò di cui ha beneficiato Alitalia. E quando si scrivono numeri bisogna accertarsi che siano corretti. Lufthansa non “ha preso” 9 miliardi. Quello è il prestito offerto alla compagnia».

Andiamo per ordine e iniziamo proprio dall’ultima critica. Lufthansa ha votato positivamente il piano di salvataggio statale di 9 miliardi di euro. C’è da dire che prima della votazione dell’assemblea del vettore, il presidente del consiglio di sorveglianza, Karl Ludwig Kley ha affermato: «Non abbiamo più soldi. Viviamo delle risorse messe da parte in passato. Senza sostegno rischiamo l’insolvenza nei prossimi giorni», ed eravamo a giugno del 2020. Cioè a tre mesi dallo scoppio della pandemia. Lo Stato tedesco, comunque, è entrato nella compagnia per una quota del 20% che potrebbe diventare 25%, minoranza di blocco, in caso di tentativi di scalata ostile nei confronti della compagnia. Inoltre lo Stato tedesco si è impegnato a prestare 3 miliardi di euro. Questo è. 

Passiamo a Ryanair. Io non dico che il vettore irlandese si muova in modo ortodosso. I dipendenti hanno salari bassi, i territori versano nelle casse della compagnia molti soldi affinché il vettore atterri in quello o in quell’altro aeroporto. Tutto vero. Ma questo cosa c’entra con il fatto che c’è stata la pandemia? Anche Ryanair è rimasta ferma per molti mesi. I suoi aerei non hanno decollato per molto tempo. Sono stati bloccati, insomma. Questo non toglie il fatto che senza aiuti statali Ryanair sia rimasta a galla, e anzi ha trovato il modo di ripartire con una certa forza. Che poi il bilancio 2020 non fosse eccezionale, beh, cosa ci aspettiamo visto che per buona parte dell’anno nessuna compagnia ha volato?.

Infine il paragone con Ferrovie dello Stato. Quando al vertice di Ferrovie dello Stato arriva Mauro Moretti, nominato dal ministro del tesoro Padoa-Schioppa, la situazione di Fs veniva descritta nella relazione parlamentare come catastrofica e sull’orlo del fallimento (questa relazione è agli atti del Parlamento italiano). In tre anni Fs presenta il suo primo bilancio con un utile di 20 milioni di euro. Da lì in poi le cose sono andate sempre bene.

Perché questo non dovrebbe succedere con Alitalia?

Giuseppe Aloe




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti