24 April 2024

Rubino, Kel 12: più competenze con l’arrivo dei Viaggi di Maurizio Levi

[ 0 ]

La notizia è arrivata a sorpresa, ma l’operazione è stata tutto tranne che improvvisata. “E’ qualche mese, in realtà, che ci stiamo lavorando sopra”, racconta l’amministratore delegato di Kel 12, Gianluca Rubino, commentando la fusione appena ufficializzata con I Viaggi di Maurizio Levi. L’obiettivo? “Diventare il punto di riferimento italiano dei viaggi culturali. Un traguardo a cui ambiamo da sempre. Ma per raggiungerlo ci servivano ulteriori competenze. Quelle che abbiamo acquisito con l’approdo in squadra del to fondato da Maurizio”.

L’idea è quindi quella di integrare al più presto tutta la squadra dei Viaggi di Levi all’interno di Kel 12. Insieme al brand National Geographic Expeditions andranno a costituire la nuova offerta del to milanese.

I Viaggi di Maurizio Levi non sparirà

Il marchio Viaggi di Levi non sparirà – aggiunge ancora Rubino -. Tutt’altro. In questo momento stiamo analizzando le sue specificità, nonché le sovrapposizioni e soprattutto le potenziali sinergie lato fornitori con Kel 12. Ma abbiamo ogni intenzione di tenere le due offerte distinte. Così come avverrà per National Geographic Expeditions, per cui stiamo preparando una linea di prodotto ad hoc con esperienze esclusive. Un progetto già previsto fin dall’inizio della collaborazione con il brand due anni fa, ma poi rimandato a causa dello scoppio della pandemia”.

A segnare la continuità con il passato, e il clima di piena comunione d’intenti tra le parti, lo stesso Maurizio Levi proseguirà la propria collaborazione con il to, dedicando i prossimi anni alla sua più grande passione: viaggiare e accompagnare i viaggiatori alla scoperta dell’insolito nel mondo, con focus speciale sui deserti, il suo habitat prediletto da sempre.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465875 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_465876" align="aligncenter" width="498"] Da sinistra: Filippo Felloni (GM The Sense), Ciro Verrocchi (VP Operation - DG Icon), Alessandro Pipero, Riccardo Ficcanterri e Federico Ficcanterri[/caption] Al via la collaborazione con Pipero Roma per far vivere un'esperienza gastronomica da ricordare al ristorante fine dining del The Sense Experience Resort di Follonica. Una partnership gastronomica senza precedenti prende forma al ristorante fine dining Eatè del prestigioso The Sense Experience Resort di Follonica, con l'unione di due maestri della cucina italiana: l'imprenditore Alessandro Pipero e lo Chef Ciro Scamardella. Fortemente voluta dal Direttore Generale del Gruppo Icon Collection Ciro Verrocchi, questa collaborazione ha l'obiettivo di elevare l'esperienza gastronomica offerta ai propri ospiti e consolidare la reputazione di eccellenza del resort nel panorama della ristorazione di alto livello. La partnership tra Alessandro Pipero e Ciro Scamardella con il Ristorante Eatè del The Sense Experience Resort, che aprirà per la nuova stagione il prossimo 11 maggio, segna un momento unico nell'ambito dell'alta cucina italiana. "Questa collaborazione rappresenta un'eccitante fusione di talenti nell'ambito enogastronomico e visioni creative", afferma Federico Ficcanterri, proprietario del The Sense Experience Resort insieme al cugino Riccardo. "Siamo entusiasti di iniziare con loro un nuovo capitolo nell'ambito della ristorazione di alto livello presso il nostro resort e di offrire ai nostri ospiti esperienze gastronomiche sempre più sofisticate che possano essere memorabili." Per Alessandro Pipero, proprietario del rinomato Ristorante Pipero Roma 1 stella Michelin, questa partnership rappresenta un'opportunità unica per esplorare nuove frontiere culinarie e condividere la sua passione per l'ospitalità con una nuova audience. "Sono entusiasta portare insieme allo chef  Ciro Scamardella e al Restaurant Manager Achille Sardiello di portare il nostro stile inconfondibile di cucina e servizio al Ristorante Eatè del The Sense Experience Resort", afferma Pipero. "Insieme, creeremo un'esperienza gastronomica straordinaria che delizierà i palati degli ospiti e li lascerà con ricordi indelebili." [caption id="attachment_465878" align="aligncenter" width="524"] Ristorante Eatè del prestigioso The Sense Experience Resort di Follonica[/caption] Alessandro Pipero rappresenta un'icona nell'ambito dell'ospitalità italiana. Sin dai suoi esordi nel settore, ha dimostrato un'eccezionale capacità nel creare esperienze culinarie indimenticabili per i suoi ospiti. La sua carriera è stata contrassegnata da una serie di successi e riconoscimenti, tra cui Miglior Sommelier d'Italia dalla Guida de L'Espresso nel 2008 e Maitre dell'Anno da Identità Golose 2013 e da collaborazioni prestigiose in Italia e all’estero. Grazie alla sua passione per l'arte del servizio e alla sua dedizione alla perfezione, Pipero è diventato una figura di spicco nel mondo della ristorazione di lusso. La sua abilità nel coordinare le operazioni di sala e nel garantire un'esperienza gastronomica impeccabile lo ha reso un punto di riferimento nel settore. Come proprietario di Pipero Roma, continua a ispirare una nuova generazione di professionisti con la sua visione e il suo impegno per offrire ai suoi clienti momenti indimenticabili di gusto e ospitalità. [caption id="attachment_465879" align="aligncenter" width="501"] Ristorante Eatè del prestigioso The Sense Experience Resort di Follonica[/caption] Alla guida della cucina d'istinto e di sorpresa di Pipero Roma, l'Executive Chef Ciro Scamardella porta con sé un bagaglio di esperienze culinarie straordinarie, affinate accanto a chef di fama internazionale come Paolo Barrale, Antonio Cannavacciulo, Martin Barasategui, Anthony Genovese e Roy Caceres. La sua cucina, caratterizzata da sapori intensi e mediterranei, si ispira alle sue radici campane e alla sua passione per la tradizione culinaria. La collaborazione tra Pipero e Scamardella è una storia di fiducia reciproca e complementarità, fondata su un profondo rispetto per l'artigianalità culinaria e l'eccellenza gastronomica. Entrambi condividono l'obiettivo di offrire un'esperienza culinaria straordinaria, dove la creatività e la passione si uniscono per creare piatti che sorprendono e deliziano i sensi. Il Ristorante Fine Dining Eatè del The Sense Experience Resort, segnalato dal 2023 dalla Guida Michelin, diventerà presto un punto di riferimento per gli amanti della buona cucina, offrendo un'esperienza gastronomica indimenticabile arricchita dalla genialità di Alessandro Pipero e dello Chef Ciro Scamardella in una location indimenticabile, direttamente sulla spiaggia dell’affascinante golfo di Follonica nella Maremma Toscana. [post_title] => Alessandro Pipero porta l'eccellenza al ristorante Eatè del The Sense Experience Resort di Follonica [post_date] => 2024-04-19T08:00:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => executive-chef-ciro-scamardella [1] => ristorante-eate-del-the-sense-experience-resort [2] => ristorante-pipero-roma [3] => the-sense-experience-resort-follonica ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Executive Chef Ciro Scamardella [1] => Ristorante Eatè del The Sense Experience Resort [2] => Ristorante Pipero Roma [3] => The Sense Experience Resort Follonica ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713513635000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465778 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Le agenzie di viaggio fisiche, e non le ‘ota pirata’, hanno inviato una segnalazione all’Antitrust per la condotta scorretta di Ryanair che, fra l’altro, fa leva sulla sua posizione dominante detenuta sui mercati del trasporto aereo per estendere il suo potere di mercato all’offerta di altri servizi turistici. Autorità che ha successivamente deliberato l’avvio del procedimento cautelare contro la compagnia aerea, ritenendo che ci siano i presupposti per arrecare un danno grave alle agenzie di viaggio fisiche e dunque agli stessi consumatori, precludendo di fatto la possibilità di avere un accesso libero, effettivo e trasparente ai voli Ryanair presso le agenzie fisiche. Dunque, è il vettore aereo che limita il mercato e non viceversa”. Queste le parole di Gianni Rebecchi, presidente di Assoviaggi Confesercenti, alla vigilia dell’audizione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. “Si tratta dunque di agenzie di viaggio regolarmente autorizzate in Italia ad operare - prosegue Rebecchi - è necessario quindi innanzitutto distinguere tra online travel agency, agenzie di viaggi online, dal settore retail distributivo di servizi turistici. Assistenza "Le agenzie fisiche offrono, infatti, una consulenza specifica anche a quei clienti - ad esempio la fascia di viaggiatori più anziana - che necessitano di assistenza proprio durante la fase di prenotazione di un volo o di specifici servizi turistici online, perché non hanno dimestichezza con le procedure o non vogliono utilizzare la carta di credito. "Un servizio specializzato per districarsi tra le complessità, i vincoli penali e le numerose limitazioni previste sulla piattaforma web, come il piano tariffario esposto sul sito della compagnia aerea e soprattutto per l’acquisto dei biglietti aerei introducendo, in fase di prenotazione, anche elementi di altre tipologie di servizi come le assicurazioni, o ancora piani tariffari relativi ai bagagli da imbarcare o meno con numerose distinzioni. Check-in online "Infine, il servizio del check-in online e la stampa della carta d’imbarco, poiché una volta arrivati al banco della compagnia aerea in aeroporto se non si è fatto il check-in anticipatamente, si paga un costo aggiuntivo. Ed, infine, l’assistenza diretta con un esperto nel caso di modifica della data di un biglietto aereo o la cancellazione di un volo, altrimenti affidata ad una chat spesso irraggiungibile con nessuna assistenza effettiva nel caso di prenotazione”. “Una consulenza ad ampio spettro - conclude il presidente - che attraverso un agente di viaggio, pianifica e vende i servizi turistici più competitivi ed adeguati alle esigenze del proprio cliente, e che per questo non può essere limitata nel giusto rispetto della concorrenza tra imprese e dei consumatori”. [post_title] => Rebecchi: "Le agenzie fisiche hanno segnalato Ryanair non le ota" [post_date] => 2024-04-18T10:01:42+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713434502000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464893 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovi, sfidanti obiettivi per Abu Dhabi che con il varo della ‘Tourism Strategy 2030’ punta a raggiungere i 39,3 milioni di visitatori rispetto ai circa 24 milioni del 2023, con una crescita del 7% su base annua. La roadmap prevede inoltre l’aumento del contributo del settore turistico al Pil degli Emirati Arabi Uniti, portandolo da circa 49 miliardi di Aed nel 2022 a 90 miliardi, sempre entro il 2030. Le previsioni indicano la creazione di 178.000 nuovi posti di lavoro mentre i visitatori internazionali che pernottano nell’emirato dovrebbero quasi raddoppiare, passando da 3,8 milioni nel 2023 circa a 7,2 milioni nel 2030; di pari passo la capacità ricettiva passerà dalle 34.000 camere d’albergo del 2023 a quota 52.000 e verrà rafforzato anche il segmento delle case vacanza, per diversificare le opzioni di alloggio. La concretizzazione di questo percorso di crescita passerà da 26 iniziative chiave che si articolano in quattro pilastri strategici: offerta e attivazione della città; promozione e marketing; Infrastrutture e mobilità; Visti, licenze e regolamenti. "Tourism Strategy 2030 segna un momento cruciale nel percorso di trasformazione di Abu Dhabi, rappresentando una leva vitale nella nostra continua evoluzione – commenta Mohamed Khalifa Al Mubarak, presidente di Dct Abu Dhabi -. Il piano sottolinea il nostro impegno costante nel promuovere una crescita sostenibile e uno sviluppo strategico nel settore dei viaggi e del turismo. Attraverso iniziative accuratamente studiate per sbloccare opportunità economiche, amplificare la nostra cultura distintiva e migliorare la proposta di valore dell'emirato, stiamo gettando le basi per un futuro vivace e prospero che trascende le generazioni." Le iniziative saranno realizzate in collaborazione con Dct Abu Dhabi, il Dipartimento di Sviluppo Economico di Abu Dhabi, il Dipartimento delle Municipalità e dei Trasporti, la compagnia aeroportuale di Abu Dhabi (Adac) e altri importanti stakeholder governativi e privati, che svolgono un ruolo strategico nella realizzazione della visione turistica di Abu Dhabi. [post_title] => Abu Dhabi guarda al 2030: i 4 pilastri della strategia che punta ai 39,3 milioni di arrivi [post_date] => 2024-04-04T13:36:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712237775000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464662 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si terrà il 4 e 5  aprile al Terminal Cruise della Spezia la Bitesp La Spezia: prima Borsa Internazionale sul Turismo Esperienziale alla Spezia organizzata dall’amministrazione in collaborazione con la società International Group di Padova che da 7 anni organizza la Bitesp di Venezia.  La due giorni dedicata al turismo, nasce da un’idea dell’amministrazione che nei mesi scorsi ha raggruppato i comuni compresi nel  "Distretto Turistico Val di Magra e Unione dei Comuni della Val di Vara", e dei Comuni del "Distretto Turistico delle Valli di Apua" e con loro ha stipulato un protocollo d’intesa che si pone un grande obiettivo: sviluppare il turismo locale per fare in modo che diventi una vera e propria impresa capace di  creare ricchezza e benessere per i cittadini, con l’ambizione di offrire lavoro stabile e di qualità ai giovani.  L’accordo si basa sulla consapevolezza che i territori, situati tra la punta estrema a settentrione della Toscana ed il Levante ligure, possano organizzare un sistema condiviso, dal punto di vista della governance, della rete di servizi e delle infrastrutture per costruire un’offerta turistica integrata e coordinata, che integri a livello interregionale le aree costiere e quelle “interne”. Inoltre realizzare progetti, iniziative e strategie che portino i territori ad essere protagonisti nel settore turistico, che possano agevolare la destagionalizzazione. «La Spezia ha raggiunto nel 2023 livelli eccellenti in termini turistici registrando un +16,63% negli arrivi e + 12,79% delle presenze rispetto all’anno precedente – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini – una crescita esponenziale che rende ancora più necessario sviluppare un turismo esperienziale su Area Vasta così da garantire un’offerta integrata e ancora più variegata. La prima borsa internazionale del turismo esperienziale BITESP, che per la prima volta approderà alla Spezia, rappresenta un’opportunità importante per far conoscere ad un pubblico sempre più internazionale il nostro territorio e le sue bellezze uniche al mondo, unitamente alla partecipazione alle principali fiere italiane del settore, che sicuramente rappresentano un rilevante valore aggiunto, e al continuare a portare avanti investimenti ed azioni mirate che in questi anni ci hanno consentito di arrivare ai grandi risultati in termini numerici che oggi sono sotto gli occhi di tutti». «Grazie al lavoro degli uffici comunali e alla preziosa collaborazione degli enti locali del territorio -aggiunge l’assessore al turismo Maria Grazia Frijia - stiamo mettendo in campo un progetto ambizioso teso alla costruzione di un nuovo sistema turistico di area vasta. Facendo leva sulla capacità del territorio di fare squadra, l’obiettivo è quello di proporci come nuova destinazione turistica fruibile 365 giorni l’anno, dove poter  trascorrere molti più giorni di vacanza di quanto non facciano già oggi i nostri visitatori. Il Comune della Spezia sarà capofila di un territorio capace di offrire prodotti turistici di qualità e una vasta gamma di esperienze dal mare alla montagna, dall’enogastronomia alla cultura, dal trekking alla classica vacanza in spiaggia. Puntiamo a valorizzare tutti gli aspetti della nostra area vasta per far scoprire una meta turistica sempre differente, facendo del turismo sempre più un traino strategico dell’economia della nostra città e del nostro comprensorio, lavorando sulla crescita di tutto il comparto, dagli operatori agli imprenditori». L’evento si caratterizza per la modalità B2B e mette in contatto diretto l’offerta con la domanda, pertanto 30 Buyers internazionali provenienti da tutta Europa e non solo, specializzati nella vendita di turismo esperienziale incontreranno i sellers (operatori del settore turistico esperienziale) dei vari comuni dell’area vasta coinvolti nel progetto al fine di creare opportunità di business reciproche illustrando le bellezze e le Experience che il turista potrà trovare nel nostro territorio.  La Bitesp si articolerà, come detto,  in due giornate, il 4 e 5 aprile 2024. Una caratterizzata dal confronto b2b e l’altra che offrirà, attraverso tour mirati,  ai buyers di poter vivere direttamente e vedere con i propri occhi quanto è stato presentato il giorno precedente. La prima giornata si aprirà con i saluti istituzionali  e successivamente si darà avvio alle attività tra buyers e seller che andranno avanti per tutta la giornata   [post_title] => La Spezia, dal 4 al 5 aprile la prima Borsa sul Turismo Esperienziale per il territorio della Area Vasta [post_date] => 2024-04-02T11:56:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712059014000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464542 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Debutto cubano per Etnia Travel Concept che pubblica il suo primo catalogo dedicato all'isola caraibica. "Il nostro nuovo volume - spiega Raffaella Dinon, socia e responsabile della comunicazione del to -, rappresenta l'ultimo aggiunta a una serie di pubblicazioni e offre una selezione accurata dei migliori itinerari disponibili sulla destinazione. Sottolinea inoltre il nostro impegno nel promuovere le case particular, evidenziando la preferenza per queste strutture, altamente selezionate e adatte a qualunque tipologia di clientela che volesse immergersi a 360 gradi nella cultura locale. Non mancano comunque svariate proposte formate utilizzando classici alberghi o resort turistici". L’idea di un catalogo dedicato a Cuba, arriva dopo anni di lavoro sulla destinazione. "Il tutto - conclude Raffaella Dinon - grazie a una conoscenza approfondita del prodotto e a un’esperienza maturata in loco da parte di Tiziana Tracanelli, product manager che ci ha permesso di diventare veri e propri specialisti di questa meravigliosa isola, ricca di storia e di bellezze naturali". [post_title] => Etnia Travel Concept sbarca a Cuba con il primo catalogo dedicato alla destinazione [post_date] => 2024-03-29T09:23:52+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711704232000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464480 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Profitti record per il 2023 di Tap Air Portugal che ha incassato lo scorso anno 177,3 milioni di euro, rispetto ai  65,6 milioni dell'esercizio precedente, su ricavi operativi storici a quota 4,2 miliardi di euro, +20,9%rispetto al 2022.   L'ebitda ha toccato i 871,6 milioni, con un margine del 21%, mentre l'ebit ricorrente si è attestato a 385,8 milioni, con un margine del 9%. «gli ottimi risultati del 2023 confermano il percorso di recupero di Tap degli ultimi anni - ha commentato Luís Rodrigues, ceo della compagnia aerea lusitana -. Ricavi record, che hanno superato la soglia dei 4 miliardi di euro, margini operativi solidi e una chiara tendenza alla riduzione della leva finanziaria confermano la solidità finanziaria del gruppo. L'aumento della puntualità e della regolarità nella seconda metà dell'anno, sottolinea l'attenzione nell’offrire un miglioramento del servizio ai nostri passeggeri. La firma dei nuovi contratti collettivi di lavoro conferma il riconoscimento e l'impegno nei confronti del nostro personale. Il 2024 sarà un anno impegnativo che metterà alla prova il focus organizzativo, per il quale avremo bisogno dell'impegno di tutti i nostri team per affermare Tap come una delle aziende più interessanti del settore». Nel 2023 TAP ha trasportato 15,9 milioni di passeggeri, (+15,2%) rispetto al 2022, pari al 93% del totale trasportato nel 2019. Sempre nel 2023, anche il numero totale di voli operati è aumentato dell'11,0%, raggiungendo l'88% dei livelli pre-crisi.   La capacità ha superato i livelli pre-crisi del 2019, raggiungendo il 101%, con un aumento del 14,9% rispetto al 2022. Il load factor è aumentato dello 0,8% su base annua, raggiungendo l'80,8% nel 2023, con un miglioramento dello 0,7% rispetto al 2019.     [post_title] => Tap Air Portugal vola alto con profitti e ricavi ai massimi storici [post_date] => 2024-03-28T09:41:11+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711618871000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464387 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_464390" align="alignleft" width="300"] Sabina Migliori[/caption] Novità in casa Kel 12 per il prodotto Namibia, che si arricchisce di nuove proposte dal taglio esperienziale. "La nostra offerta sulla destinazione, già molto ampia e capillare, è stata rinnovata puntando sull’unicità delle esperienze offerte - spiega la head of product manager del to, Sabina Migliori -. Per tutti gli itinerari proposti sono state introdotte escursioni nuove e inconsuete, come l’incontro con i maestosi rinoceronti. Novità clou è l’itinerario Unique, che attraversa dune color rosa e arancio, depressioni desertiche, oasi verdi, distese di lava, canyon e coste battute dalle onde dell’oceano. Un itinerario di 13 giorni per ammirare centinaia di animali radunati attorno alle grandi pozze d’acqua nel parco Etosha, le colonie di otarie di Cape Cross e i fenicotteri e i pellicani di Walvis Bay. Il tutto abbinato a pernottamenti in hotel e lodge esclusivi dallo charme africano, dove potersi abbandonare al relax”. [caption id="attachment_464391" align="alignright" width="300"] Daniela Di Berardino[/caption] Kel 12 ha inoltre scelto di volare con Ethiopian Airlines, tra le poche compagnie che consentono di arrivare direttamente a Windhoek senza passare da Johannesburg, velocizzando così i collegamenti. Focus pure sulla formazione, prima di tutto rivolta alle guide ma con un occhio di riguardo anche per le agenzie. “Conoscere come è costruito un nostro tour, quali sono i plus e i servizi è essenziale per capire il valore della nostra offerta - aggiunge la trade manager Kel 12 Group, Daniela Di Berardino -. Oltre ai roadshow e agli incontri divulgativi tematici, che promuoviamo con assidua frequenza con Parole in Viaggio, abbiamo perciò investito nell’organizzazione di un fam trip in partnership con Ethiopian Airlines: due gruppi di agenti di viaggio selezionati hanno potuto vivere in prima persona l’emozionante tour Unique Namibia”.   [post_title] => Kel 12 rinnova l'offerta Namibia, che diventa Unique [post_date] => 2024-03-27T10:33:20+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711535600000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464164 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Partirà dal prossimo 9 aprile il roadshow Kel 12 - Europ Assitance Italia che attraverserà la penisola, cominciando da Milano e passando poi  da Bologna, Firenze, Roma, Sorrento e Marsala. Ogni tappa dell'iniziativa sarà dedicata alla presentazione dei nuovi viaggi e progetti realizzati da Kel 12 in Africa Australe, e in particolare in Namibia, Botswana e Uganda, che permettono di vivere esperienze in modo sostenibile e al contempo contribuiscono sia allo sviluppo e al sostegno delle comunità locali, sia alla preservazione dell’ambiente e dell’ecosistema. Il format del roadshow prevede la partecipazione di circa 30 agenti di viaggio a tappa. Si ritroveranno in alcune location di pregio, selezionate per la loro attenzione verso un’ospitalità rigenerativa, così da vivere delle vere e proprie esperienze di sensibilizzazione ambientale e culturale. Si potrà in particolare partecipare a lezioni di mixology ecologica per realizzare cocktail innovativi utilizzando ingredienti organici e sostenibili o a cooking class alla scoperta delle tradizioni locali e rispettose dell’ambiente, con una particolare attenzione alla riduzione degli sprechi in cucina. O, ancora, la raccolta dell’orto come pratica rigenerativa piuttosto che alla visita di vigne storiche locali con degustazione. “La sostenibilità ambientale non ha punti di arrivo ma è un impegno in continua evoluzione che la nostra azienda ha messo al centro del suo business - spiega la trada manager di Kel 12, Daniela Di Berardino -. In questo ambito si inseriscono anche le attività di formazione studiate per le agenzie di viaggio. Per loro, insieme a Europ Assistance Italia, abbiamo così ideato un calendario di appuntamenti che ci permetteranno, non solo di parlare di turismo rigenerativo ma anche di metterci alla prova con esercizi pratici e coinvolgenti, volti a sensibilizzare i partecipanti su queste tematiche".   [post_title] => Al via il 9 aprile il roadshow Kel 12 - Europ Assistance. Focus su Africa Australe e sostenibilità [post_date] => 2024-03-25T10:05:47+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711361147000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463742 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Svolta in casa Sina Hotels, che punta a espandersi ulteriormente con un occhio di riguardo alle destinazioni internazionali e apre all'ipotesi franchising: "Noi non vogliamo crescere per crescere, ma trovare location compatibili con la nostra clientela leisure internazionale - ha spiegato Bernabò Bocca, in occasione delle celebrazioni per il centoquarantesimo del Sina Brufani di Perugia e del centocinquantesimo del Sina Bernini Bristol di Roma -. In Italia però non è facile trovare altre mete compatibili con la nostra vision, in aggiunta a quelle dove siamo già presenti. Oltre che verso un paio di città del Sud, stiamo quindi guardando soprattutto all'estero: Madrid, Londra, Parigi...". La compagnia con sede a Firenze oggi vanta un portfolio di undici strutture totali a Venezia, Milano, Roma, Firenze, Torino, Parma, Viareggio, Perugia e Capri, tutte di proprietà. E anche a questo riguardo non mancano le novità: l'idea è infatti quella di non passare più necessariamente per uno sviluppo fatto solo di acquisizioni dirette. "Con i tassi di interesse ancora alti, i costi della leva finanziaria sono troppo elevati, mentre i prezzi rimangono proibitivi - aggiunge Bocca -. Basti pensare al Six Senses di Roma, che è stato acquisito recentemente per 245 milioni di euro. Siamo quindi oggi aperti a tutte le forme di partnership: affitto, ma anche contratti di management e proprio in questi mesi stiamo sviluppando un contratto commerciale che ci consentirà di sondare pure l'opzione franchising". Il tutto naturalmente ponendo grande attenzione alla sostenibilità economica di ogni eventuale operazione: "Al momento per location di punta in destinazioni primarie come quelle a cui guardiamo solitamente noi, in caso di affitto non si può andare oltre a un Roi pari al 5% del valore dell'immobile o all'incirca al 20% del fatturato", rivela sempre Bocca. Dopo aver chiuso il 2023 con ottimi numeri, trainati in particolare dal mercato americano, Sina Hotels punta infine a crescere ulteriormente anche in termini di volumi: "L'anno scorso abbiamo raggiunto i 69 milioni di euro di fatturato con margini operativi lordi pari a 6 milioni (ebitda), grazie a una tariffa media di 340 euro e un tasso di occupazione del 67% - conclude il presidente di Sina -. Ora l'obiettivo è quello di superare la soglia dei 100 milioni nel giro di un triennio". [post_title] => Sina, la svolta: ora si guarda all'estero e si pensa anche al franchising [post_date] => 2024-03-18T13:17:12+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710767832000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "rubino kel 12 levi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":17,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":191,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465875","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_465876\" align=\"aligncenter\" width=\"498\"] Da sinistra: Filippo Felloni (GM The Sense), Ciro Verrocchi (VP Operation - DG Icon), Alessandro Pipero, Riccardo Ficcanterri e Federico Ficcanterri[/caption]\r\n\r\nAl via la collaborazione con Pipero Roma per far vivere un'esperienza gastronomica da ricordare al ristorante fine dining del The Sense Experience Resort di Follonica.\r\n\r\nUna partnership gastronomica senza precedenti prende forma al ristorante fine dining Eatè del prestigioso The Sense Experience Resort di Follonica, con l'unione di due maestri della cucina italiana: l'imprenditore Alessandro Pipero e lo Chef Ciro Scamardella. Fortemente voluta dal Direttore Generale del Gruppo Icon Collection Ciro Verrocchi, questa collaborazione ha l'obiettivo di elevare l'esperienza gastronomica offerta ai propri ospiti e consolidare la reputazione di eccellenza del resort nel panorama della ristorazione di alto livello.\r\n\r\n\r\n\r\nLa partnership tra Alessandro Pipero e Ciro Scamardella con il Ristorante Eatè del The Sense Experience Resort, che aprirà per la nuova stagione il prossimo 11 maggio, segna un momento unico nell'ambito dell'alta cucina italiana. \"Questa collaborazione rappresenta un'eccitante fusione di talenti nell'ambito enogastronomico e visioni creative\", afferma Federico Ficcanterri, proprietario del The Sense Experience Resort insieme al cugino Riccardo. \"Siamo entusiasti di iniziare con loro un nuovo capitolo nell'ambito della ristorazione di alto livello presso il nostro resort e di offrire ai nostri ospiti esperienze gastronomiche sempre più sofisticate che possano essere memorabili.\"\r\n\r\nPer Alessandro Pipero, proprietario del rinomato Ristorante Pipero Roma 1 stella Michelin, questa partnership rappresenta un'opportunità unica per esplorare nuove frontiere culinarie e condividere la sua passione per l'ospitalità con una nuova audience. \"Sono entusiasta portare insieme allo chef  Ciro Scamardella e al Restaurant Manager Achille Sardiello di portare il nostro stile inconfondibile di cucina e servizio al Ristorante Eatè del The Sense Experience Resort\", afferma Pipero. \"Insieme, creeremo un'esperienza gastronomica straordinaria che delizierà i palati degli ospiti e li lascerà con ricordi indelebili.\"\r\n\r\n[caption id=\"attachment_465878\" align=\"aligncenter\" width=\"524\"] Ristorante Eatè del prestigioso The Sense Experience Resort di Follonica[/caption]\r\n\r\nAlessandro Pipero rappresenta un'icona nell'ambito dell'ospitalità italiana. Sin dai suoi esordi nel settore, ha dimostrato un'eccezionale capacità nel creare esperienze culinarie indimenticabili per i suoi ospiti. La sua carriera è stata contrassegnata da una serie di successi e riconoscimenti, tra cui Miglior Sommelier d'Italia dalla Guida de L'Espresso nel 2008 e Maitre dell'Anno da Identità Golose 2013 e da collaborazioni prestigiose in Italia e all’estero. Grazie alla sua passione per l'arte del servizio e alla sua dedizione alla perfezione, Pipero è diventato una figura di spicco nel mondo della ristorazione di lusso. La sua abilità nel coordinare le operazioni di sala e nel garantire un'esperienza gastronomica impeccabile lo ha reso un punto di riferimento nel settore. Come proprietario di Pipero Roma, continua a ispirare una nuova generazione di professionisti con la sua visione e il suo impegno per offrire ai suoi clienti momenti indimenticabili di gusto e ospitalità.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_465879\" align=\"aligncenter\" width=\"501\"] Ristorante Eatè del prestigioso The Sense Experience Resort di Follonica[/caption]\r\n\r\nAlla guida della cucina d'istinto e di sorpresa di Pipero Roma, l'Executive Chef Ciro Scamardella porta con sé un bagaglio di esperienze culinarie straordinarie, affinate accanto a chef di fama internazionale come Paolo Barrale, Antonio Cannavacciulo, Martin Barasategui, Anthony Genovese e Roy Caceres. La sua cucina, caratterizzata da sapori intensi e mediterranei, si ispira alle sue radici campane e alla sua passione per la tradizione culinaria.\r\n\r\nLa collaborazione tra Pipero e Scamardella è una storia di fiducia reciproca e complementarità, fondata su un profondo rispetto per l'artigianalità culinaria e l'eccellenza gastronomica. Entrambi condividono l'obiettivo di offrire un'esperienza culinaria straordinaria, dove la creatività e la passione si uniscono per creare piatti che sorprendono e deliziano i sensi.\r\n\r\nIl Ristorante Fine Dining Eatè del The Sense Experience Resort, segnalato dal 2023 dalla Guida Michelin, diventerà presto un punto di riferimento per gli amanti della buona cucina, offrendo un'esperienza gastronomica indimenticabile arricchita dalla genialità di Alessandro Pipero e dello Chef Ciro Scamardella in una location indimenticabile, direttamente sulla spiaggia dell’affascinante golfo di Follonica nella Maremma Toscana.","post_title":"Alessandro Pipero porta l'eccellenza al ristorante Eatè del The Sense Experience Resort di Follonica","post_date":"2024-04-19T08:00:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["executive-chef-ciro-scamardella","ristorante-eate-del-the-sense-experience-resort","ristorante-pipero-roma","the-sense-experience-resort-follonica"],"post_tag_name":["Executive Chef Ciro Scamardella","Ristorante Eatè del The Sense Experience Resort","Ristorante Pipero Roma","The Sense Experience Resort Follonica"]},"sort":[1713513635000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465778","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Le agenzie di viaggio fisiche, e non le ‘ota pirata’, hanno inviato una segnalazione all’Antitrust per la condotta scorretta di Ryanair che, fra l’altro, fa leva sulla sua posizione dominante detenuta sui mercati del trasporto aereo per estendere il suo potere di mercato all’offerta di altri servizi turistici. Autorità che ha successivamente deliberato l’avvio del procedimento cautelare contro la compagnia aerea, ritenendo che ci siano i presupposti per arrecare un danno grave alle agenzie di viaggio fisiche e dunque agli stessi consumatori, precludendo di fatto la possibilità di avere un accesso libero, effettivo e trasparente ai voli Ryanair presso le agenzie fisiche. Dunque, è il vettore aereo che limita il mercato e non viceversa”.\r\nQueste le parole di Gianni Rebecchi, presidente di Assoviaggi Confesercenti, alla vigilia dell’audizione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.\r\n“Si tratta dunque di agenzie di viaggio regolarmente autorizzate in Italia ad operare - prosegue Rebecchi - è necessario quindi innanzitutto distinguere tra online travel agency, agenzie di viaggi online, dal settore retail distributivo di servizi turistici.\r\n\r\nAssistenza\r\n\"Le agenzie fisiche offrono, infatti, una consulenza specifica anche a quei clienti - ad esempio la fascia di viaggiatori più anziana - che necessitano di assistenza proprio durante la fase di prenotazione di un volo o di specifici servizi turistici online, perché non hanno dimestichezza con le procedure o non vogliono utilizzare la carta di credito.\r\n\"Un servizio specializzato per districarsi tra le complessità, i vincoli penali e le numerose limitazioni previste sulla piattaforma web, come il piano tariffario esposto sul sito della compagnia aerea e soprattutto per l’acquisto dei biglietti aerei introducendo, in fase di prenotazione, anche elementi di altre tipologie di servizi come le assicurazioni, o ancora piani tariffari relativi ai bagagli da imbarcare o meno con numerose distinzioni.\r\n\r\nCheck-in online\r\n\"Infine, il servizio del check-in online e la stampa della carta d’imbarco, poiché una volta arrivati al banco della compagnia aerea in aeroporto se non si è fatto il check-in anticipatamente, si paga un costo aggiuntivo. Ed, infine, l’assistenza diretta con un esperto nel caso di modifica della data di un biglietto aereo o la cancellazione di un volo, altrimenti affidata ad una chat spesso irraggiungibile con nessuna assistenza effettiva nel caso di prenotazione”.\r\n“Una consulenza ad ampio spettro - conclude il presidente - che attraverso un agente di viaggio, pianifica e vende i servizi turistici più competitivi ed adeguati alle esigenze del proprio cliente, e che per questo non può essere limitata nel giusto rispetto della concorrenza tra imprese e dei consumatori”.","post_title":"Rebecchi: \"Le agenzie fisiche hanno segnalato Ryanair non le ota\"","post_date":"2024-04-18T10:01:42+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713434502000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464893","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovi, sfidanti obiettivi per Abu Dhabi che con il varo della ‘Tourism Strategy 2030’ punta a raggiungere i 39,3 milioni di visitatori rispetto ai circa 24 milioni del 2023, con una crescita del 7% su base annua.\r\n\r\nLa roadmap prevede inoltre l’aumento del contributo del settore turistico al Pil degli Emirati Arabi Uniti, portandolo da circa 49 miliardi di Aed nel 2022 a 90 miliardi, sempre entro il 2030.\r\n\r\nLe previsioni indicano la creazione di 178.000 nuovi posti di lavoro mentre i visitatori internazionali che pernottano nell’emirato dovrebbero quasi raddoppiare, passando da 3,8 milioni nel 2023 circa a 7,2 milioni nel 2030; di pari passo la capacità ricettiva passerà dalle 34.000 camere d’albergo del 2023 a quota 52.000 e verrà rafforzato anche il segmento delle case vacanza, per diversificare le opzioni di alloggio.\r\n\r\nLa concretizzazione di questo percorso di crescita passerà da 26 iniziative chiave che si articolano in quattro pilastri strategici: offerta e attivazione della città; promozione e marketing; Infrastrutture e mobilità; Visti, licenze e regolamenti.\r\n\r\n\"Tourism Strategy 2030 segna un momento cruciale nel percorso di trasformazione di Abu Dhabi, rappresentando una leva vitale nella nostra continua evoluzione – commenta Mohamed Khalifa Al Mubarak, presidente di Dct Abu Dhabi -. Il piano sottolinea il nostro impegno costante nel promuovere una crescita sostenibile e uno sviluppo strategico nel settore dei viaggi e del turismo. Attraverso iniziative accuratamente studiate per sbloccare opportunità economiche, amplificare la nostra cultura distintiva e migliorare la proposta di valore dell'emirato, stiamo gettando le basi per un futuro vivace e prospero che trascende le generazioni.\"\r\n\r\nLe iniziative saranno realizzate in collaborazione con Dct Abu Dhabi, il Dipartimento di Sviluppo Economico di Abu Dhabi, il Dipartimento delle Municipalità e dei Trasporti, la compagnia aeroportuale di Abu Dhabi (Adac) e altri importanti stakeholder governativi e privati, che svolgono un ruolo strategico nella realizzazione della visione turistica di Abu Dhabi.","post_title":"Abu Dhabi guarda al 2030: i 4 pilastri della strategia che punta ai 39,3 milioni di arrivi","post_date":"2024-04-04T13:36:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712237775000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464662","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si terrà il 4 e 5  aprile al Terminal Cruise della Spezia la Bitesp La Spezia: prima Borsa Internazionale sul Turismo Esperienziale alla Spezia organizzata dall’amministrazione in collaborazione con la società International Group di Padova che da 7 anni organizza la Bitesp di Venezia. \r\n\r\nLa due giorni dedicata al turismo, nasce da un’idea dell’amministrazione che nei mesi scorsi ha raggruppato i comuni compresi nel  \"Distretto Turistico Val di Magra e Unione dei Comuni della Val di Vara\", e dei Comuni del \"Distretto Turistico delle Valli di Apua\" e con loro ha stipulato un protocollo d’intesa che si pone un grande obiettivo: sviluppare il turismo locale per fare in modo che diventi una vera e propria impresa capace di  creare ricchezza e benessere per i cittadini, con l’ambizione di offrire lavoro stabile e di qualità ai giovani.  L’accordo si basa sulla consapevolezza che i territori, situati tra la punta estrema a settentrione della Toscana ed il Levante ligure, possano organizzare un sistema condiviso, dal punto di vista della governance, della rete di servizi e delle infrastrutture per costruire un’offerta turistica integrata e coordinata, che integri a livello interregionale le aree costiere e quelle “interne”. Inoltre realizzare progetti, iniziative e strategie che portino i territori ad essere protagonisti nel settore turistico, che possano agevolare la destagionalizzazione.\r\n\r\n«La Spezia ha raggiunto nel 2023 livelli eccellenti in termini turistici registrando un +16,63% negli arrivi e + 12,79% delle presenze rispetto all’anno precedente – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini – una crescita esponenziale che rende ancora più necessario sviluppare un turismo esperienziale su Area Vasta così da garantire un’offerta integrata e ancora più variegata. La prima borsa internazionale del turismo esperienziale BITESP, che per la prima volta approderà alla Spezia, rappresenta un’opportunità importante per far conoscere ad un pubblico sempre più internazionale il nostro territorio e le sue bellezze uniche al mondo, unitamente alla partecipazione alle principali fiere italiane del settore, che sicuramente rappresentano un rilevante valore aggiunto, e al continuare a portare avanti investimenti ed azioni mirate che in questi anni ci hanno consentito di arrivare ai grandi risultati in termini numerici che oggi sono sotto gli occhi di tutti».\r\n\r\n«Grazie al lavoro degli uffici comunali e alla preziosa collaborazione degli enti locali del territorio -aggiunge l’assessore al turismo Maria Grazia Frijia - stiamo mettendo in campo un progetto ambizioso teso alla costruzione di un nuovo sistema turistico di area vasta. Facendo leva sulla capacità del territorio di fare squadra, l’obiettivo è quello di proporci come nuova destinazione turistica fruibile 365 giorni l’anno, dove poter  trascorrere molti più giorni di vacanza di quanto non facciano già oggi i nostri visitatori. Il Comune della Spezia sarà capofila di un territorio capace di offrire prodotti turistici di qualità e una vasta gamma di esperienze dal mare alla montagna, dall’enogastronomia alla cultura, dal trekking alla classica vacanza in spiaggia. Puntiamo a valorizzare tutti gli aspetti della nostra area vasta per far scoprire una meta turistica sempre differente, facendo del turismo sempre più un traino strategico dell’economia della nostra città e del nostro comprensorio, lavorando sulla crescita di tutto il comparto, dagli operatori agli imprenditori».\r\n\r\nL’evento si caratterizza per la modalità B2B e mette in contatto diretto l’offerta con la domanda, pertanto 30 Buyers internazionali provenienti da tutta Europa e non solo, specializzati nella vendita di turismo esperienziale incontreranno i sellers (operatori del settore turistico esperienziale) dei vari comuni dell’area vasta coinvolti nel progetto al fine di creare opportunità di business reciproche illustrando le bellezze e le Experience che il turista potrà trovare nel nostro territorio. \r\n\r\nLa Bitesp si articolerà, come detto,  in due giornate, il 4 e 5 aprile 2024. Una caratterizzata dal confronto b2b e l’altra che offrirà, attraverso tour mirati,  ai buyers di poter vivere direttamente e vedere con i propri occhi quanto è stato presentato il giorno precedente.\r\n\r\nLa prima giornata si aprirà con i saluti istituzionali  e successivamente si darà avvio alle attività tra buyers e seller che andranno avanti per tutta la giornata\r\n\r\n ","post_title":"La Spezia, dal 4 al 5 aprile la prima Borsa sul Turismo Esperienziale per il territorio della Area Vasta","post_date":"2024-04-02T11:56:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712059014000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464542","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Debutto cubano per Etnia Travel Concept che pubblica il suo primo catalogo dedicato all'isola caraibica. \"Il nostro nuovo volume - spiega Raffaella Dinon, socia e responsabile della comunicazione del to -, rappresenta l'ultimo aggiunta a una serie di pubblicazioni e offre una selezione accurata dei migliori itinerari disponibili sulla destinazione. Sottolinea inoltre il nostro impegno nel promuovere le case particular, evidenziando la preferenza per queste strutture, altamente selezionate e adatte a qualunque tipologia di clientela che volesse immergersi a 360 gradi nella cultura locale. Non mancano comunque svariate proposte formate utilizzando classici alberghi o resort turistici\".\r\n\r\nL’idea di un catalogo dedicato a Cuba, arriva dopo anni di lavoro sulla destinazione. \"Il tutto - conclude Raffaella Dinon - grazie a una conoscenza approfondita del prodotto e a un’esperienza maturata in loco da parte di Tiziana Tracanelli, product manager che ci ha permesso di diventare veri e propri specialisti di questa meravigliosa isola, ricca di storia e di bellezze naturali\".","post_title":"Etnia Travel Concept sbarca a Cuba con il primo catalogo dedicato alla destinazione","post_date":"2024-03-29T09:23:52+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1711704232000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464480","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Profitti record per il 2023 di Tap Air Portugal che ha incassato lo scorso anno 177,3 milioni di euro, rispetto ai  65,6 milioni dell'esercizio precedente, su ricavi operativi storici a quota 4,2 miliardi di euro, +20,9%rispetto al 2022. \r\n \r\nL'ebitda ha toccato i 871,6 milioni, con un margine del 21%, mentre l'ebit ricorrente si è attestato a 385,8 milioni, con un margine del 9%. «gli ottimi risultati del 2023 confermano il percorso di recupero di Tap degli ultimi anni - ha commentato Luís Rodrigues, ceo della compagnia aerea lusitana -. Ricavi record, che hanno superato la soglia dei 4 miliardi di euro, margini operativi solidi e una chiara tendenza alla riduzione della leva finanziaria confermano la solidità finanziaria del gruppo. L'aumento della puntualità e della regolarità nella seconda metà dell'anno, sottolinea l'attenzione nell’offrire un miglioramento del servizio ai nostri passeggeri. La firma dei nuovi contratti collettivi di lavoro conferma il riconoscimento e l'impegno nei confronti del nostro personale. Il 2024 sarà un anno impegnativo che metterà alla prova il focus organizzativo, per il quale avremo bisogno dell'impegno di tutti i nostri team per affermare Tap come una delle aziende più interessanti del settore».\r\n\r\nNel 2023 TAP ha trasportato 15,9 milioni di passeggeri, (+15,2%) rispetto al 2022, pari al 93% del totale trasportato nel 2019. Sempre nel 2023, anche il numero totale di voli operati è aumentato dell'11,0%, raggiungendo l'88% dei livelli pre-crisi.\r\n \r\nLa capacità ha superato i livelli pre-crisi del 2019, raggiungendo il 101%, con un aumento del 14,9% rispetto al 2022. Il load factor è aumentato dello 0,8% su base annua, raggiungendo l'80,8% nel 2023, con un miglioramento dello 0,7% rispetto al 2019.\r\n\r\n \r\n ","post_title":"Tap Air Portugal vola alto con profitti e ricavi ai massimi storici","post_date":"2024-03-28T09:41:11+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711618871000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464387","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_464390\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Sabina Migliori[/caption]\r\n\r\nNovità in casa Kel 12 per il prodotto Namibia, che si arricchisce di nuove proposte dal taglio esperienziale. \"La nostra offerta sulla destinazione, già molto ampia e capillare, è stata rinnovata puntando sull’unicità delle esperienze offerte - spiega la head of product manager del to, Sabina Migliori -. Per tutti gli itinerari proposti sono state introdotte escursioni nuove e inconsuete, come l’incontro con i maestosi rinoceronti. Novità clou è l’itinerario Unique, che attraversa dune color rosa e arancio, depressioni desertiche, oasi verdi, distese di lava, canyon e coste battute dalle onde dell’oceano. Un itinerario di 13 giorni per ammirare centinaia di animali radunati attorno alle grandi pozze d’acqua nel parco Etosha, le colonie di otarie di Cape Cross e i fenicotteri e i pellicani di Walvis Bay. Il tutto abbinato a pernottamenti in hotel e lodge esclusivi dallo charme africano, dove potersi abbandonare al relax”.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_464391\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Daniela Di Berardino[/caption]\r\n\r\nKel 12 ha inoltre scelto di volare con Ethiopian Airlines, tra le poche compagnie che consentono di arrivare direttamente a Windhoek senza passare da Johannesburg, velocizzando così i collegamenti. Focus pure sulla formazione, prima di tutto rivolta alle guide ma con un occhio di riguardo anche per le agenzie. “Conoscere come è costruito un nostro tour, quali sono i plus e i servizi è essenziale per capire il valore della nostra offerta - aggiunge la trade manager Kel 12 Group, Daniela Di Berardino -. Oltre ai roadshow e agli incontri divulgativi tematici, che promuoviamo con assidua frequenza con Parole in Viaggio, abbiamo perciò investito nell’organizzazione di un fam trip in partnership con Ethiopian Airlines: due gruppi di agenti di viaggio selezionati hanno potuto vivere in prima persona l’emozionante tour Unique Namibia”.\r\n\r\n ","post_title":"Kel 12 rinnova l'offerta Namibia, che diventa Unique","post_date":"2024-03-27T10:33:20+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1711535600000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464164","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Partirà dal prossimo 9 aprile il roadshow Kel 12 - Europ Assitance Italia che attraverserà la penisola, cominciando da Milano e passando poi  da Bologna, Firenze, Roma, Sorrento e Marsala. Ogni tappa dell'iniziativa sarà dedicata alla presentazione dei nuovi viaggi e progetti realizzati da Kel 12 in Africa Australe, e in particolare in Namibia, Botswana e Uganda, che permettono di vivere esperienze in modo sostenibile e al contempo contribuiscono sia allo sviluppo e al sostegno delle comunità locali, sia alla preservazione dell’ambiente e dell’ecosistema.\r\n\r\nIl format del roadshow prevede la partecipazione di circa 30 agenti di viaggio a tappa. Si ritroveranno in alcune location di pregio, selezionate per la loro attenzione verso un’ospitalità rigenerativa, così da vivere delle vere e proprie esperienze di sensibilizzazione ambientale e culturale. Si potrà in particolare partecipare a lezioni di mixology ecologica per realizzare cocktail innovativi utilizzando ingredienti organici e sostenibili o a cooking class alla scoperta delle tradizioni locali e rispettose dell’ambiente, con una particolare attenzione alla riduzione degli sprechi in cucina. O, ancora, la raccolta dell’orto come pratica rigenerativa piuttosto che alla visita di vigne storiche locali con degustazione.\r\n\r\n“La sostenibilità ambientale non ha punti di arrivo ma è un impegno in continua evoluzione che la nostra azienda ha messo al centro del suo business - spiega la trada manager di Kel 12, Daniela Di Berardino -. In questo ambito si inseriscono anche le attività di formazione studiate per le agenzie di viaggio. Per loro, insieme a Europ Assistance Italia, abbiamo così ideato un calendario di appuntamenti che ci permetteranno, non solo di parlare di turismo rigenerativo ma anche di metterci alla prova con esercizi pratici e coinvolgenti, volti a sensibilizzare i partecipanti su queste tematiche\".\r\n\r\n ","post_title":"Al via il 9 aprile il roadshow Kel 12 - Europ Assistance. Focus su Africa Australe e sostenibilità","post_date":"2024-03-25T10:05:47+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1711361147000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463742","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Svolta in casa Sina Hotels, che punta a espandersi ulteriormente con un occhio di riguardo alle destinazioni internazionali e apre all'ipotesi franchising: \"Noi non vogliamo crescere per crescere, ma trovare location compatibili con la nostra clientela leisure internazionale - ha spiegato Bernabò Bocca, in occasione delle celebrazioni per il centoquarantesimo del Sina Brufani di Perugia e del centocinquantesimo del Sina Bernini Bristol di Roma -. In Italia però non è facile trovare altre mete compatibili con la nostra vision, in aggiunta a quelle dove siamo già presenti. Oltre che verso un paio di città del Sud, stiamo quindi guardando soprattutto all'estero: Madrid, Londra, Parigi...\".\r\n\r\nLa compagnia con sede a Firenze oggi vanta un portfolio di undici strutture totali a Venezia, Milano, Roma, Firenze, Torino, Parma, Viareggio, Perugia e Capri, tutte di proprietà. E anche a questo riguardo non mancano le novità: l'idea è infatti quella di non passare più necessariamente per uno sviluppo fatto solo di acquisizioni dirette. \"Con i tassi di interesse ancora alti, i costi della leva finanziaria sono troppo elevati, mentre i prezzi rimangono proibitivi - aggiunge Bocca -. Basti pensare al Six Senses di Roma, che è stato acquisito recentemente per 245 milioni di euro. Siamo quindi oggi aperti a tutte le forme di partnership: affitto, ma anche contratti di management e proprio in questi mesi stiamo sviluppando un contratto commerciale che ci consentirà di sondare pure l'opzione franchising\".\r\n\r\nIl tutto naturalmente ponendo grande attenzione alla sostenibilità economica di ogni eventuale operazione: \"Al momento per location di punta in destinazioni primarie come quelle a cui guardiamo solitamente noi, in caso di affitto non si può andare oltre a un Roi pari al 5% del valore dell'immobile o all'incirca al 20% del fatturato\", rivela sempre Bocca.\r\n\r\nDopo aver chiuso il 2023 con ottimi numeri, trainati in particolare dal mercato americano, Sina Hotels punta infine a crescere ulteriormente anche in termini di volumi: \"L'anno scorso abbiamo raggiunto i 69 milioni di euro di fatturato con margini operativi lordi pari a 6 milioni (ebitda), grazie a una tariffa media di 340 euro e un tasso di occupazione del 67% - conclude il presidente di Sina -. Ora l'obiettivo è quello di superare la soglia dei 100 milioni nel giro di un triennio\".","post_title":"Sina, la svolta: ora si guarda all'estero e si pensa anche al franchising","post_date":"2024-03-18T13:17:12+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1710767832000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti