4 December 2022

Niente più obbligo di test pre-imbarco anche per gli ospiti vaccinati di Msc

[ 0 ]

La Msc Bellissima

Dopo Costa anche Msc ha deciso di allentare, a partire dal 1° ottobre, i protocolli anti-Covid per le sue crociere nel Mediterraneo, nonché in Nord Europa, nel Mar Rosso, ai Caraibi e alle Antille. La misura, che era già stata introdotta nel mercato Usa, permette ai passeggeri completamente vaccinati (due dosi, o una dose di Johnson & Johnson), di imbarcarsi senza dover presentare l’esito negativo del tampone, che rimane tuttavia consigliato. Tolto anche l’obbligo di vaccinazione, ma pure in questo caso rimane la forte raccomandazione. La necessità di presentare un certificato con esito negativo di un test antigenico o molecolare, effettuato entro le 48 ore dall’imbarco, rimane solo per gli ospiti che non sono completamente vaccinati, che sono guariti dal Covid-19 senza nessuna dose di vaccino, oppure che hanno un’esenzione dal vaccino a causa di condizioni mediche con Qr code.

Per tutti coloro che andranno in crociera, invece, negli Emirati Arabi Uniti o in Qatar, resta obbligatoria la vaccinazione completa da Covid-19 a partire dai 16 anni. Anche per queste crociere decade l’obbligo del tampone entro le 48 ore dall’imbarco (tranne per chi imbarca da Doha), che resta comunque fortemente consigliato, mentre viene richiesto obbligatoriamente solo ai minori di 16 anni non in possesso del certificato di vaccinazione completa. Infine, per i viaggiatori in partenza per una delle Msc World Cruise o per i Grand Voyages, resta vigente l’obbligatorietà del vaccino da Covid 19 dai 12 anni in su e del test antigenico o molecolare da effettuare nelle 48 ore prima dell’imbarco (dai cinque anni in su).




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435307 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una celebrazione della destinazione, attraverso una visita guidata privata alla mostra Machu Picchu e gli Imperi d’Oro del Perù al Mudec di Milano. E' stata un successo la serata dedicata agli agenti di viaggio organizzata da Tour2000AmericaLatina in collaborazione con Promperù Italia. Da sempre il Paese andino è infatti una delle mete più importanti per il tour operator specializzato nell’organizzazione di viaggi in Centro e Sud America, Messico e Caraibi. “Con questo evento organizzato in collaborazione con Promperù Italia, abbiamo voluto offrire, agli agenti di viaggio che collaborano con noi da anni, l’esperienza unica della visita guidata privata alla mostra con un momento conviviale a seguire per scambiarsi gli auguri di Natale”, sottolinea Marino Pagni, general manager di Tour2000AmericaLatina. “Gli adv hanno avuto l’opportunità di conoscere la storia pre-Inca del Perù attraverso 180 pezzi accuratamente custoditi, nonché di visitare Machu Picchu grazie a un'esperienza di realtà virtuale”, aggiunge Joan Barrena, direttore di Promperù Italia. La mostra, attraverso manufatti plurimillenari, video, ricostruzioni immersive 3d, ha permesso insomma agli agenti di viaggio di viaggiare nel tempo per vivere la storia di una civiltà tanto gloriosa quanto antica e remota e di cui spesso si conosce solo l’ultimo tassello, quello più recente e universalmente reso famoso dal ritrovamento dei resti della grande città sacra di Machu Picchu. [post_title] => Tour2000AmericaLatina al Mudec di Milano con le adv per un viaggio virtuale nella destinazione Perù [post_date] => 2022-12-02T10:41:31+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669977691000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435243 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Binter ha messo in vendita l'operativo 2023, il più ampio della sua storia, che prevede oltre 650.000 posti su più di 45 rotte in dieci paesi. Numeri che rappresentano un aumento del 12% rispetto alla scorsa stagione e quasi il triplo della capacità pre pandemia. La compagnia potenzierà le rotte per Ponta Delgada, l'isola di Sal e Minorca e confermerà la rotta stagionale con Fez, i collegamenti diretti da Madeira con Marrakech, Fuerteventura, Lanzarote e Tenerife Sud. Nuove destinazioni saranno però aggiunte nei prossimi mesi. Il potenziamento della rotta con Ponta Delgada consentirà di ampliare l'offerta di voli in codeshare con Sata verso New York, Boston e Toronto. Nel periodo di punta della stagione, Binter opererà fino a 220 voli settimanali al di fuori delle isole. [post_title] => Binter vola sull'estate 2023 con oltre 650.000 posti su più di 45 rotte [post_date] => 2022-12-02T08:00:03+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669968003000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435224 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Buone notizie dalla Iata. La ripresa del trasporto aereo è tangibile, anche in ottobre che, oltre ai dati di traffico, evidenzia il trend estremamente positivo dell'advance booking per i prossimi mesi: nel caso dei viaggi internazionali il dato ha raggiunto il 75% dei livelli pre-pandemia. Così i più recenti dati Iata, che per il mese di ottobre hanno registrato un aumento del traffico totale del 44,6% rispetto all'ottobre 2021; a livello globale, il traffico è ora al 74,2% dei livelli di ottobre 2019. Il traffico nazionale di ottobre 2022 è diminuito dello 0,8% rispetto al periodo dell'anno precedente, a causa delle severe restrizioni di viaggio legate al Covid in Cina che hanno frenato i dati globali. Siamo quindi al 77,9% del livello di ottobre 2019. Le prenotazioni a termine nazionali rimangono a circa il 70% del livello pre-pandemia. Il traffico internazionale è aumentato del 102,4% rispetto a ottobre 2021. Gli Rpk  internazionali di ottobre 2022 hanno raggiunto il 72,1% dei livelli di ottobre 2019, con tutti i mercati che hanno registrato una forte crescita, guidata dall'Asia-Pacifico. Le prenotazioni anticipate per i viaggi internazionali sono aumentate a circa il 75% dei livelli pre-pandemia, in seguito alle riaperture annunciate da diverse economie asiatiche. "Tradizionalmente, a ottobre si entra nella stagione dei viaggi autunnali più lenti nell'emisfero settentrionale, quindi è molto rassicurante vedere che la domanda e le prenotazioni in anticipo continuano a essere così forti. È di buon auspicio per la prossima stagione invernale e per la ripresa in corso", ha dichiarato Willie Walsh, direttore generale della Iata. [post_title] => Iata: trasporto aereo in ottobre al 74,2% rispetto ai livelli 2019 [post_date] => 2022-12-01T12:19:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669897177000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435213 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Seychelles centrano, in anticipo, il target dei 300.000 visitatori, totalizzando già alla fine della 46ª settimana dell'anno (20 novembre) 296.422 arrivi, da inizio 2022; le stime di chiusura d'anno di Tourism Seychelles salgono ora a quota 330.000 visitatori. E da oggi, 1° dicembre, per visitare l'arcipelago non sarà più necessario effettuare il tampone anche per chi non è vaccinato o è parzialmente vaccinato. In cima alla lista degli arrivi da gennaio ad oggi, le Seychelles hanno visto la costante ripresa dei mercati di riferimento tradizionali, tra cui Francia, Germania e Regno Unito al primo, secondo e quarto posto con rispettivamente 41.332, 40.933 e 19.693 visitatori. Nel frattempo, la Russia rimane il terzo miglior mercato di riferimento, con 26.408 visitatori registrati, ma l’Italia sale rapidamente la classifica posizionamdosi al quinto posto, con 16.619 arrivi. "I numeri mostrano oggi che abbiamo lentamente recuperato la nostra industria. Continueremo a monitorare le tendenze perché non sappiamo cosa ci riserverà il futuro - ha dichiarato la segretaria principale del Turismo, Sherin Francis -. Nel frattempo, rimaniamo concentrati sul miglioramento della nostra visibilità per attirare visitatori e migliorare l'esperienza dei nostri clienti per fidelizzarli". “Con il turismo internazionale tornato in pieno movimento, stiamo aumentando i nostri sforzi per accrescere la nostra visibilità in tutti i mercati - ha sottolineato Bernadette Willemin, direttrice generale marketing di Tourism Seychelles -. Attualmente stiamo intensificando i nostri sforzi per la creazione di contenuti, che supporteranno le nostre strategie di marketing digitale. Per quanto riguarda il marketing tradizionale, stiamo incrementando i rapporti con i nostri partner commerciali internazionali impegnati in vari progetti e aumentando la nostra partecipazione ad eventi internazionali".   [post_title] => Seychelles a quota 300.000 mila arrivi. Da oggi niente tampone anche per i non vaccinati [post_date] => 2022-12-01T11:02:14+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669892534000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435158 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Oltre 480 voli a settimana su 45 rotte verso una serie di importanti destinazioni europee per le vacanze tra cui Berlino, Madrid e Londra da Bari e Pisa, Bruxelles e Treviso da Brindisi. Ryanair ha incrementato la propria capacità invernale in Puglia di oltre il 20% rispetto al periodo pre-covid e prevede di trasportare quasi 5,5 milioni di passeggeri da/per la regione nel 2023. Una crescita che supporta oltre 4000 posti di lavoro in totale, inclusi 90 posti di lavoro diretti. "Operiamo 45 rotte verso destinazioni come Budapest, Bruxelles o Vienna, offrendo ai nostri clienti tariffe più convenienti per i loro viaggi invernali - ha dichiarato il country manager di Ryanair per l’Italia, Mauro Bolla -. Ci aspettiamo di trasportare circa 5,5 milioni di passeggeri da/verso Bari e Brindisi nell’anno fiscale 2023, quasi il doppio rispetto al numero di passeggeri nel 2022, un’ulteriore dimostrazione del nostro impegno verso il mercato italiano e della crescita di posti di lavoro e del turismo". "In Ryanair troviamo sempre un partner pronto a scommettere su nuove rotte che il mercato ci chiede. Del resto, la compagnia accogliendo le nostre richieste e lavorando al fianco del nostro commerciale, ci ha permesso di ripartire dopo lo stop causato dalla pandemia e di registrare numeri da record, superiori allo stesso periodo del 2019, anno d’oro per gli aeroporti pugliesi. L’aumento delle rotte rispetto agli scorsi anni – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria  Vasile – ci dà ragione del lavoro svolto sino ad ora, della fiducia dimostrataci dal nostro azionista e dell’affidabilità dei nostri aeroporti. Per questo, sulla scia dei risultati raggiunti, posso confermare che continueremo ad operare in tal senso, perseguendo la nostra strategia, anche in vista della prossima stagione estiva per la quale abbiamo già annunciato, nei giorni scorsi, importanti novità e confidiamo – ha concluso - che di qui a marzo altre rotte si possano aggiungere in modo da completare la rete dei collegamenti anche verso mercati strategici per la nostra industria del turismo”.   [post_title] => Ryanair rilancia da Bari e Brindisi: obiettivo 5,5 milioni di passeggeri nell'anno fiscale 2023 [post_date] => 2022-11-30T14:47:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669819672000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435087 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Incontro fra il ministro Daniela Santanchè e il presidente Fto Franco Gattinoni. Se fosse un pezzo di cronaca lo inizieremmo così: alla richiesta di Gattinoni dei famosi 39 milioni per ad e to promessi da Garavaglia e mai arrivati, il ministro Santanchè ha risposto: «Ci siamo battuti al ministero per recuperare questa cifra che ad un centro punto era scomparsa. Per cui posso affermare che i soldi ci sono e arriveranno a gennaio 2023». Se fosse un pezzo di costume invece questo sarebbe l'incipit: il ministro Santanchè toglie e inforca gli occhiali con una certa classe dirigendo lo sguardo verso l'uditorio e verso il presidente Gattinoni che ricambia lo sguardo con mezzi sorrisi, ma rimanendo tendenzialmente molto serio. Se fosse un pezzo di moda: outfit pressoché identico. Giacca per lei, giacca per lui, pantalone per lei e pantalone per lui. Stessa eleganza, ma colori di versi. Un crema delicato per il ministro Santanché, un grigio istituzionale per Gattinoni. Ho fatto questi tre incipit (ne potrei fare molti altri: sport, politica, ecc ecc) per far comprendere da quanti punti di vista si può leggere il rapporto fra una parte sociale del turismo e l'istituzione. Un rapporto di fiducia e non fiducia, di ascolto e di retropensieri, d'incanto e disincanto. Un rapporto che, visti i precedenti naviga da sempre in acque molto complesse e agitate. Richieste e risposte Comunque, a dire il vero alle richieste di Gattinoni (oltre i 39 milioni) il ministro ha risposto abbastanza puntualmente. Diciamo che ha imparato la lezione studiando il suo precedente e cercando di fare il contrario. Non ha promesso niente, ha fatto capire di conoscere i punti deboli della categoria: abusivismo e scarsa considerazione da parte della politica, e ha fatto capire che questi punti ce li ha ben presenti (non so se per esercizio retorico o realmente). Gattinoni ha delineato la sua strategia in quattro punti: la politica deve riconoscere il turismo organizzato. I 2,4 miliardi del Pnrr per il turismo sono troppo pochi. Accesso al credito, che francamente è una di quelle storture tutte italiane che non si riesce a sanare. E infine i contributi mai arrivati. Il ministro ha risposto a tono. Il ministero sta lavorando per la creazione di un Credito per il turismo sulla falsa riga del Credito per lo sport che ha funzionato. Ma la sua battaglia (quella del ministro) più ardua sarà quella contro i giganti tecnologici che secondo lei «hanno troppo vantaggi fiscali e fanno una concorrenza sleale». Per i 2,4 miliardi del Pnrr la Santanchè si è già pronunciata affermando che sono troppo pochi. vedremo cosa riuscirà ad ottenere.  Poi la solita giaculatoria sul reddito di cittadinanza e poi via a prendere il treno. Comunque è stato un incontro interessante. In qualche modo l'elegante schermaglia fra Gattinoni e Santanchè non mi è dispiaciuta. Fatene altre. Giuseppe Aloe   [post_title] => Santanchè: «I 39 milioni per adv e to arriveranno a gennaio» [post_date] => 2022-11-30T10:49:06+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669805346000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435079 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Austria corre verso il picco della stagione invernale forte di “indicazioni positive da parte degli operatori che segnalano una domanda molto forte, già in parte confermata dal numero delle prenotazioni” spiega il direttore dell’Ente nazionale austriaco per il turismo in Italia, Herwig Kolzer (nella foto). “Malgrado le difficoltà a livello economico e l’impossibilità di prevedere quel che accadrà nei prossimi mesi, siamo ottimisti per il 2023: l’Austria è una destinazione vicina all’Italia, sicura, con un riconosciuto buon rapporto qualità-prezzo, valido anche ora a dispetto di un certo aumento dei costi”. La natura da una parte, le città con i mercatini natalizi dall’altra - il tutto nel solco di una vacanza slow - trainano la domanda invernale, dopo un’estate che ha dato risultati concretamente positivi e che ha visto l'Italia "al quarto posto come paese di provenienza per il turismo in Austria da maggio ad ottobre, con 536.000 arrivi (+89%), 1,5 milioni di pernottamenti. Si tratta di un +77% sul 2021, e di un -13% sui dati 2019. Ma ci aspettiamo una nuova crescita per l'inverno. A livello globale, contiamo di chiudere bene il 2022, riducendo in modo significativo il gap con il periodo pre pandemia".  L'inverno da vivere in Austria è declinato in 12 proposte, rigeneranti e a stretto contatto con la natura, che spaziano dal tradizionale sci di fondo ad un bagno nel ghiaccio, dalla gita sulla slitta trainata dai cavalli al relax delle terme. Sempre in primo piano anche la proposta culturale, con mostre ed eventi: l'anniversario dei 300 anni del Belvedere, la riapertura a fine 2023 del Wien Museum. Riflettori già puntati, infine, sul 2024 quando "Salzkammergut con la cittadina di Bad Ischl (e altri 22 comuni) sarà Capitale europea della cultura: sarà la prima volta in cui una regione alpina viene insignita di questo titolo. Una grande occasione per far scoprire ai viaggiatori questo angolo di Austria, con il motto 'La cultura è il nuovo sale'". Novità e prodotti che una volta di più saranno al centro della relazione con il trade "Aumenteremo ulteriormente l'attività b2b - conclude il direttore - con due workshop programmati per il prossimo marzo, a Milano e Venezia, cui seguirà l'appuntamento di Rimini con Ttg. Fondamentale l'appuntamento con l'Atb a Vienna (maggio 2023), un'opportunità per condurre adv e tour operator a scoprire l'offerta 'oltre Vienna' grazie ai pre e post tours". Da segnalare, infine, la novità del collegamento notturno in treno sulla tratta "Genova-Vienna, operato da Obb che partirà il prossimo 12 dicembre: una possibilità in più per raggiungere il Paese e per farlo in modalità green".   [post_title] => Austria, Kolzer: "Forte domanda per l'inverno, all'insegna di natura, cultura e benessere" [post_date] => 2022-11-30T10:33:08+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669804388000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435037 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dal quinto al quarto. Questa è la piccola ma importante rimonta effettuata dal nostro Paese nel settore degli arrivi internazionali. Infatti l'Italia si posiziona al quarto posto nel mondo per i flussi da turismo internazionale con entrate pari a 21,3 miliardi di euro, in crescita del +22,7% sul 2020. A conferma dell'interesse per il nostro Paese nelle intenzioni di viaggio per i prossimi mesi, con il 9% delle preferenze l'Italia è seconda solo alla Francia (11%) e a pari merito con la Spagna. Sono elaborazioni di Enit su dati Istat, Unwto, Banca d'Italia, diffusi oggi per la presentazione della Bit, in calendario all'Allianz MiCo (FieraMilanocity) da domenica 12 a martedì 14 febbraio 2023.   In particolare secondo Enit a novembre l'Italia presenta il più alto tasso di saturazione delle strutture prenotate tramite Ota fra i principali Paesi europei (37%), mentre la saturazione del non alberghiero è stimata al 39%; e nello stesso mese l'Italia ha il più elevato incremento delle prenotazioni aeree internazionali verso il Paese, +65% sul 2021 a quota 392 mila.   Accelerazione nella ripresa   Riguardo alla situazione internazionale, nel suo più recente barometro la Unwto segnala un'accelerazione della ripresa che ha ormai raggiunto il 65% dei livelli pre-pandemici. Nel solo terzo trimestre si stima che gli arrivi internazionali siano stati 390 milioni, il 50% del totale da inizio anno. L'Europa continua a guidare il rimbalzo. Tra gennaio e settembre ha accolto 477 milioni di arrivi internazionali, pari al 68% del totale mondiale, toccando l'81% dei livelli pre-pandemici.   Se la progressiva eliminazione o riduzione delle restrizioni in quasi tutti i Paesi ha certamente contribuito a favorire la crescita, la vera spinta sembra venire dai nuovi stili di viaggio. Non a caso il Sustainable Travel Report 2022 promosso da Booking, che ha intervistato 30 mila rispondenti in 32 Paesi, mostra scelte più consapevoli, sostenibili e rispettose durante tutta l'esperienza di viaggio, sin dalla prenotazione. Il 93% degli italiani, e l'81% su scala globale, considera importante viaggiare in modo sostenibile. [post_title] => L'Italia è il quarto Paese nel mondo per flussi internazionali [post_date] => 2022-11-29T11:59:32+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669723172000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435019 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel 2022 sono aumentati i flussi turistici a Roma, mentre il mercato del lavoro stenta ancora a superare lo “choc Covid”. Questi i dati presentati al recente incontro capitolino per celebrare il Trentennale dell’Ente bilaterale turismo del lazio (Ebtl)   Da un’analisi dell’Ebtl sulle difficoltà di incontro domanda-offerta di lavoro nel comparto seguito al Covid, un report fatto dall’Università di Roma ha messo in evidenza come “in Italia si fatica a tornare ai livelli di contrattualizzazioni pre-Covid, con i 1.4 milioni circa nel 2022 rispetto ai 1.5 milioni del 2019 (-7,2%) dopo i drastici cali 2020 e 2021”.  La giornata, tenutasi nel Salone delle Fontane di Roma, è stata aperta con il ricordo dei 30 anni di attività dell’Ente e il saluto dell’Assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio Claudio Di Berardino. Tre i panel tematici tenutisi nel corso della giornata che hanno visto la presenza degli assessori al turismo di regione Lazio e Roma Capitale, Valentina Corrado e Alessandro Onorato, e della presidente della IX commissione lavoro e formazione della regione Lazio Eleonora Mattia, che hanno dialogato con i rappresentanti datoriali e sindacali del settore.  Una prima proiezione sui dati di chiusura di fine 2022 indica che Roma Capitale chiuderà l’anno turistico con circa 15.000.000 arrivi e circa 34.460.000 presenze, con un recupero, rispetto al 2019, del 77,00% degli arrivi e del 74,00% delle presenze, in miglioramento rispetto ai primi dieci mesi dell’anno.  Nonostante le attuali difficoltà domanda-offerta di lavoro, e il fatto che per “molte imprese del turismo la chiusura dell’anno sarà comunque negativa a causa dei primi tre mesi del 2022 caratterizzati da chiusure e restrizioni”, il presidente dell’Ebtl Tommaso Tanzilli si è espresso positivamente per la ripresa dei flussi soprattutto dall’estero che hanno registrato 6.035.906 arrivi e 14.559.252 presenze. “La ripresa importante dei flussi, gli sforzi dell’amministrazione capitolina sui grandi eventi e di quella regionale sulla promozione rendono ora possibile un futuro prossimo positivo per il nostro settore a Roma e nel Lazio.”  [post_title] => Ebtl: il lavoro ancora in difficoltà. Ma buone le prospettive del turismo nel Lazio [post_date] => 2022-11-29T11:25:38+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669721138000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "niente piu obbligo di test pre imbarco anche per gli ospiti vaccinati di msc" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":71,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2474,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435307","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una celebrazione della destinazione, attraverso una visita guidata privata alla mostra Machu Picchu e gli Imperi d’Oro del Perù al Mudec di Milano. E' stata un successo la serata dedicata agli agenti di viaggio organizzata da Tour2000AmericaLatina in collaborazione con Promperù Italia. Da sempre il Paese andino è infatti una delle mete più importanti per il tour operator specializzato nell’organizzazione di viaggi in Centro e Sud America, Messico e Caraibi.\r\n\r\n“Con questo evento organizzato in collaborazione con Promperù Italia, abbiamo voluto offrire, agli agenti di viaggio che collaborano con noi da anni, l’esperienza unica della visita guidata privata alla mostra con un momento conviviale a seguire per scambiarsi gli auguri di Natale”, sottolinea Marino Pagni, general manager di Tour2000AmericaLatina. “Gli adv hanno avuto l’opportunità di conoscere la storia pre-Inca del Perù attraverso 180 pezzi accuratamente custoditi, nonché di visitare Machu Picchu grazie a un'esperienza di realtà virtuale”, aggiunge Joan Barrena, direttore di Promperù Italia.\r\n\r\nLa mostra, attraverso manufatti plurimillenari, video, ricostruzioni immersive 3d, ha permesso insomma agli agenti di viaggio di viaggiare nel tempo per vivere la storia di una civiltà tanto gloriosa quanto antica e remota e di cui spesso si conosce solo l’ultimo tassello, quello più recente e universalmente reso famoso dal ritrovamento dei resti della grande città sacra di Machu Picchu.","post_title":"Tour2000AmericaLatina al Mudec di Milano con le adv per un viaggio virtuale nella destinazione Perù","post_date":"2022-12-02T10:41:31+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669977691000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435243","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Binter ha messo in vendita l'operativo 2023, il più ampio della sua storia, che prevede oltre 650.000 posti su più di 45 rotte in dieci paesi. Numeri che rappresentano un aumento del 12% rispetto alla scorsa stagione e quasi il triplo della capacità pre pandemia.\r\n\r\nLa compagnia potenzierà le rotte per Ponta Delgada, l'isola di Sal e Minorca e confermerà la rotta stagionale con Fez, i collegamenti diretti da Madeira con Marrakech, Fuerteventura, Lanzarote e Tenerife Sud. Nuove destinazioni saranno però aggiunte nei prossimi mesi.\r\n\r\nIl potenziamento della rotta con Ponta Delgada consentirà di ampliare l'offerta di voli in codeshare con Sata verso New York, Boston e Toronto. Nel periodo di punta della stagione, Binter opererà fino a 220 voli settimanali al di fuori delle isole.","post_title":"Binter vola sull'estate 2023 con oltre 650.000 posti su più di 45 rotte","post_date":"2022-12-02T08:00:03+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669968003000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435224","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Buone notizie dalla Iata. La ripresa del trasporto aereo è tangibile, anche in ottobre che, oltre ai dati di traffico, evidenzia il trend estremamente positivo dell'advance booking per i prossimi mesi: nel caso dei viaggi internazionali il dato ha raggiunto il 75% dei livelli pre-pandemia. Così i più recenti dati Iata, che per il mese di ottobre hanno registrato un aumento del traffico totale del 44,6% rispetto all'ottobre 2021; a livello globale, il traffico è ora al 74,2% dei livelli di ottobre 2019.\r\n\r\nIl traffico nazionale di ottobre 2022 è diminuito dello 0,8% rispetto al periodo dell'anno precedente, a causa delle severe restrizioni di viaggio legate al Covid in Cina che hanno frenato i dati globali. Siamo quindi al 77,9% del livello di ottobre 2019. Le prenotazioni a termine nazionali rimangono a circa il 70% del livello pre-pandemia.\r\n\r\nIl traffico internazionale è aumentato del 102,4% rispetto a ottobre 2021. Gli Rpk  internazionali di ottobre 2022 hanno raggiunto il 72,1% dei livelli di ottobre 2019, con tutti i mercati che hanno registrato una forte crescita, guidata dall'Asia-Pacifico. Le prenotazioni anticipate per i viaggi internazionali sono aumentate a circa il 75% dei livelli pre-pandemia, in seguito alle riaperture annunciate da diverse economie asiatiche.\r\n\r\n\"Tradizionalmente, a ottobre si entra nella stagione dei viaggi autunnali più lenti nell'emisfero settentrionale, quindi è molto rassicurante vedere che la domanda e le prenotazioni in anticipo continuano a essere così forti. È di buon auspicio per la prossima stagione invernale e per la ripresa in corso\", ha dichiarato Willie Walsh, direttore generale della Iata.","post_title":"Iata: trasporto aereo in ottobre al 74,2% rispetto ai livelli 2019","post_date":"2022-12-01T12:19:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669897177000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435213","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le Seychelles centrano, in anticipo, il target dei 300.000 visitatori, totalizzando già alla fine della 46ª settimana dell'anno (20 novembre) 296.422 arrivi, da inizio 2022; le stime di chiusura d'anno di Tourism Seychelles salgono ora a quota 330.000 visitatori. E da oggi, 1° dicembre, per visitare l'arcipelago non sarà più necessario effettuare il tampone anche per chi non è vaccinato o è parzialmente vaccinato.\r\nIn cima alla lista degli arrivi da gennaio ad oggi, le Seychelles hanno visto la costante ripresa dei mercati di riferimento tradizionali, tra cui Francia, Germania e Regno Unito al primo, secondo e quarto posto con rispettivamente 41.332, 40.933 e 19.693 visitatori. Nel frattempo, la Russia rimane il terzo miglior mercato di riferimento, con 26.408 visitatori registrati, ma l’Italia sale rapidamente la classifica posizionamdosi al quinto posto, con 16.619 arrivi.\r\n\"I numeri mostrano oggi che abbiamo lentamente recuperato la nostra industria. Continueremo a monitorare le tendenze perché non sappiamo cosa ci riserverà il futuro - ha dichiarato la segretaria principale del Turismo, Sherin Francis -. Nel frattempo, rimaniamo concentrati sul miglioramento della nostra visibilità per attirare visitatori e migliorare l'esperienza dei nostri clienti per fidelizzarli\".\r\n“Con il turismo internazionale tornato in pieno movimento, stiamo aumentando i nostri sforzi per accrescere la nostra visibilità in tutti i mercati - ha sottolineato Bernadette Willemin, direttrice generale marketing di Tourism Seychelles -. Attualmente stiamo intensificando i nostri sforzi per la creazione di contenuti, che supporteranno le nostre strategie di marketing digitale. Per quanto riguarda il marketing tradizionale, stiamo incrementando i rapporti con i nostri partner commerciali internazionali impegnati in vari progetti e aumentando la nostra partecipazione ad eventi internazionali\".\r\n ","post_title":"Seychelles a quota 300.000 mila arrivi. Da oggi niente tampone anche per i non vaccinati","post_date":"2022-12-01T11:02:14+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669892534000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435158","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Oltre 480 voli a settimana su 45 rotte verso una serie di importanti destinazioni europee per le vacanze tra cui Berlino, Madrid e Londra da Bari e Pisa, Bruxelles e Treviso da Brindisi. Ryanair ha incrementato la propria capacità invernale in Puglia di oltre il 20% rispetto al periodo pre-covid e prevede di trasportare quasi 5,5 milioni di passeggeri da/per la regione nel 2023. Una crescita che supporta oltre 4000 posti di lavoro in totale, inclusi 90 posti di lavoro diretti.\r\n\r\n\"Operiamo 45 rotte verso destinazioni come Budapest, Bruxelles o Vienna, offrendo ai nostri clienti tariffe più convenienti per i loro viaggi invernali - ha dichiarato il country manager di Ryanair per l’Italia, Mauro Bolla -. Ci aspettiamo di trasportare circa 5,5 milioni di passeggeri da/verso Bari e Brindisi nell’anno fiscale 2023, quasi il doppio rispetto al numero di passeggeri nel 2022, un’ulteriore dimostrazione del nostro impegno verso il mercato italiano e della crescita di posti di lavoro e del turismo\".\r\n\r\n\"In Ryanair troviamo sempre un partner pronto a scommettere su nuove rotte che il mercato ci chiede. Del resto, la compagnia accogliendo le nostre richieste e lavorando al fianco del nostro commerciale, ci ha permesso di ripartire dopo lo stop causato dalla pandemia e di registrare numeri da record, superiori allo stesso periodo del 2019, anno d’oro per gli aeroporti pugliesi. L’aumento delle rotte rispetto agli scorsi anni – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria  Vasile – ci dà ragione del lavoro svolto sino ad ora, della fiducia dimostrataci dal nostro azionista e dell’affidabilità dei nostri aeroporti. Per questo, sulla scia dei risultati raggiunti, posso confermare che continueremo ad operare in tal senso, perseguendo la nostra strategia, anche in vista della prossima stagione estiva per la quale abbiamo già annunciato, nei giorni scorsi, importanti novità e confidiamo – ha concluso - che di qui a marzo altre rotte si possano aggiungere in modo da completare la rete dei collegamenti anche verso mercati strategici per la nostra industria del turismo”.\r\n\r\n ","post_title":"Ryanair rilancia da Bari e Brindisi: obiettivo 5,5 milioni di passeggeri nell'anno fiscale 2023","post_date":"2022-11-30T14:47:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669819672000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435087","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Incontro fra il ministro Daniela Santanchè e il presidente Fto Franco Gattinoni.\r\n\r\nSe fosse un pezzo di cronaca lo inizieremmo così: alla richiesta di Gattinoni dei famosi 39 milioni per ad e to promessi da Garavaglia e mai arrivati, il ministro Santanchè ha risposto: «Ci siamo battuti al ministero per recuperare questa cifra che ad un centro punto era scomparsa. Per cui posso affermare che i soldi ci sono e arriveranno a gennaio 2023».\r\n\r\nSe fosse un pezzo di costume invece questo sarebbe l'incipit: il ministro Santanchè toglie e inforca gli occhiali con una certa classe dirigendo lo sguardo verso l'uditorio e verso il presidente Gattinoni che ricambia lo sguardo con mezzi sorrisi, ma rimanendo tendenzialmente molto serio.\r\n\r\nSe fosse un pezzo di moda: outfit pressoché identico. Giacca per lei, giacca per lui, pantalone per lei e pantalone per lui. Stessa eleganza, ma colori di versi. Un crema delicato per il ministro Santanché, un grigio istituzionale per Gattinoni.\r\n\r\nHo fatto questi tre incipit (ne potrei fare molti altri: sport, politica, ecc ecc) per far comprendere da quanti punti di vista si può leggere il rapporto fra una parte sociale del turismo e l'istituzione. Un rapporto di fiducia e non fiducia, di ascolto e di retropensieri, d'incanto e disincanto. Un rapporto che, visti i precedenti naviga da sempre in acque molto complesse e agitate.\r\nRichieste e risposte\r\nComunque, a dire il vero alle richieste di Gattinoni (oltre i 39 milioni) il ministro ha risposto abbastanza puntualmente. Diciamo che ha imparato la lezione studiando il suo precedente e cercando di fare il contrario. Non ha promesso niente, ha fatto capire di conoscere i punti deboli della categoria: abusivismo e scarsa considerazione da parte della politica, e ha fatto capire che questi punti ce li ha ben presenti (non so se per esercizio retorico o realmente).\r\n\r\nGattinoni ha delineato la sua strategia in quattro punti: la politica deve riconoscere il turismo organizzato. I 2,4 miliardi del Pnrr per il turismo sono troppo pochi. Accesso al credito, che francamente è una di quelle storture tutte italiane che non si riesce a sanare. E infine i contributi mai arrivati.\r\n\r\nIl ministro ha risposto a tono. Il ministero sta lavorando per la creazione di un Credito per il turismo sulla falsa riga del Credito per lo sport che ha funzionato.\r\n\r\nMa la sua battaglia (quella del ministro) più ardua sarà quella contro i giganti tecnologici che secondo lei «hanno troppo vantaggi fiscali e fanno una concorrenza sleale».\r\n\r\nPer i 2,4 miliardi del Pnrr la Santanchè si è già pronunciata affermando che sono troppo pochi. vedremo cosa riuscirà ad ottenere. \r\n\r\nPoi la solita giaculatoria sul reddito di cittadinanza e poi via a prendere il treno.\r\n\r\nComunque è stato un incontro interessante. In qualche modo l'elegante schermaglia fra Gattinoni e Santanchè non mi è dispiaciuta. Fatene altre.\r\n\r\nGiuseppe Aloe\r\n\r\n ","post_title":"Santanchè: «I 39 milioni per adv e to arriveranno a gennaio»","post_date":"2022-11-30T10:49:06+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669805346000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435079","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Austria corre verso il picco della stagione invernale forte di “indicazioni positive da parte degli operatori che segnalano una domanda molto forte, già in parte confermata dal numero delle prenotazioni” spiega il direttore dell’Ente nazionale austriaco per il turismo in Italia, Herwig Kolzer (nella foto). “Malgrado le difficoltà a livello economico e l’impossibilità di prevedere quel che accadrà nei prossimi mesi, siamo ottimisti per il 2023: l’Austria è una destinazione vicina all’Italia, sicura, con un riconosciuto buon rapporto qualità-prezzo, valido anche ora a dispetto di un certo aumento dei costi”.\r\n\r\nLa natura da una parte, le città con i mercatini natalizi dall’altra - il tutto nel solco di una vacanza slow - trainano la domanda invernale, dopo un’estate che ha dato risultati concretamente positivi e che ha visto l'Italia \"al quarto posto come paese di provenienza per il turismo in Austria da maggio ad ottobre, con 536.000 arrivi (+89%), 1,5 milioni di pernottamenti. Si tratta di un +77% sul 2021, e di un -13% sui dati 2019. Ma ci aspettiamo una nuova crescita per l'inverno. A livello globale, contiamo di chiudere bene il 2022, riducendo in modo significativo il gap con il periodo pre pandemia\". \r\n\r\nL'inverno da vivere in Austria è declinato in 12 proposte, rigeneranti e a stretto contatto con la natura, che spaziano dal tradizionale sci di fondo ad un bagno nel ghiaccio, dalla gita sulla slitta trainata dai cavalli al relax delle terme. Sempre in primo piano anche la proposta culturale, con mostre ed eventi: l'anniversario dei 300 anni del Belvedere, la riapertura a fine 2023 del Wien Museum. Riflettori già puntati, infine, sul 2024 quando \"Salzkammergut con la cittadina di Bad Ischl (e altri 22 comuni) sarà Capitale europea della cultura: sarà la prima volta in cui una regione alpina viene insignita di questo titolo. Una grande occasione per far scoprire ai viaggiatori questo angolo di Austria, con il motto 'La cultura è il nuovo sale'\".\r\n\r\nNovità e prodotti che una volta di più saranno al centro della relazione con il trade \"Aumenteremo ulteriormente l'attività b2b - conclude il direttore - con due workshop programmati per il prossimo marzo, a Milano e Venezia, cui seguirà l'appuntamento di Rimini con Ttg. Fondamentale l'appuntamento con l'Atb a Vienna (maggio 2023), un'opportunità per condurre adv e tour operator a scoprire l'offerta 'oltre Vienna' grazie ai pre e post tours\".\r\n\r\nDa segnalare, infine, la novità del collegamento notturno in treno sulla tratta \"Genova-Vienna, operato da Obb che partirà il prossimo 12 dicembre: una possibilità in più per raggiungere il Paese e per farlo in modalità green\".\r\n ","post_title":"Austria, Kolzer: \"Forte domanda per l'inverno, all'insegna di natura, cultura e benessere\"","post_date":"2022-11-30T10:33:08+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669804388000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435037","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dal quinto al quarto. Questa è la piccola ma importante rimonta effettuata dal nostro Paese nel settore degli arrivi internazionali.\r\n\r\nInfatti l'Italia si posiziona al quarto posto nel mondo per i flussi da turismo internazionale con entrate pari a 21,3 miliardi di euro, in crescita del +22,7% sul 2020. A conferma dell'interesse per il nostro Paese nelle intenzioni di viaggio per i prossimi mesi, con il 9% delle preferenze l'Italia è seconda solo alla Francia (11%) e a pari merito con la Spagna.\r\nSono elaborazioni di Enit su dati Istat, Unwto, Banca d'Italia, diffusi oggi per la presentazione della Bit, in calendario all'Allianz MiCo (FieraMilanocity) da domenica 12 a martedì 14 febbraio 2023.\r\n \r\nIn particolare secondo Enit a novembre l'Italia presenta il più alto tasso di saturazione delle strutture prenotate tramite Ota fra i principali Paesi europei (37%), mentre la saturazione del non alberghiero è stimata al 39%; e nello stesso mese l'Italia ha il più elevato incremento delle prenotazioni aeree internazionali verso il Paese, +65% sul 2021 a quota 392 mila.\r\n \r\nAccelerazione nella ripresa\r\n \r\nRiguardo alla situazione internazionale, nel suo più recente barometro la Unwto segnala un'accelerazione della ripresa che ha ormai raggiunto il 65% dei livelli pre-pandemici. Nel solo terzo trimestre si stima che gli arrivi internazionali siano stati 390 milioni, il 50% del totale da inizio anno. L'Europa continua a guidare il rimbalzo. Tra gennaio e settembre ha accolto 477 milioni di arrivi internazionali, pari al 68% del totale mondiale, toccando l'81% dei livelli pre-pandemici.\r\n \r\nSe la progressiva eliminazione o riduzione delle restrizioni in quasi tutti i Paesi ha certamente contribuito a favorire la crescita, la vera spinta sembra venire dai nuovi stili di viaggio. Non a caso il Sustainable Travel Report 2022 promosso da Booking, che ha intervistato 30 mila rispondenti in 32 Paesi, mostra scelte più consapevoli, sostenibili e rispettose durante tutta l'esperienza di viaggio, sin dalla prenotazione. Il 93% degli italiani, e l'81% su scala globale, considera importante viaggiare in modo sostenibile.","post_title":"L'Italia è il quarto Paese nel mondo per flussi internazionali","post_date":"2022-11-29T11:59:32+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669723172000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435019","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nel 2022 sono aumentati i flussi turistici a Roma, mentre il mercato del lavoro stenta ancora a superare lo “choc Covid”. Questi i dati presentati al recente incontro capitolino per celebrare il Trentennale dell’Ente bilaterale turismo del lazio (Ebtl)  \r\n\r\nDa un’analisi dell’Ebtl sulle difficoltà di incontro domanda-offerta di lavoro nel comparto seguito al Covid, un report fatto dall’Università di Roma ha messo in evidenza come “in Italia si fatica a tornare ai livelli di contrattualizzazioni pre-Covid, con i 1.4 milioni circa nel 2022 rispetto ai 1.5 milioni del 2019 (-7,2%) dopo i drastici cali 2020 e 2021”. \r\n\r\nLa giornata, tenutasi nel Salone delle Fontane di Roma, è stata aperta con il ricordo dei 30 anni di attività dell’Ente e il saluto dell’Assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio Claudio Di Berardino. Tre i panel tematici tenutisi nel corso della giornata che hanno visto la presenza degli assessori al turismo di regione Lazio e Roma Capitale, Valentina Corrado e Alessandro Onorato, e della presidente della IX commissione lavoro e formazione della regione Lazio Eleonora Mattia, che hanno dialogato con i rappresentanti datoriali e sindacali del settore. \r\n\r\nUna prima proiezione sui dati di chiusura di fine 2022 indica che Roma Capitale chiuderà l’anno turistico con circa 15.000.000 arrivi e circa 34.460.000 presenze, con un recupero, rispetto al 2019, del 77,00% degli arrivi e del 74,00% delle presenze, in miglioramento rispetto ai primi dieci mesi dell’anno. \r\n\r\nNonostante le attuali difficoltà domanda-offerta di lavoro, e il fatto che per “molte imprese del turismo la chiusura dell’anno sarà comunque negativa a causa dei primi tre mesi del 2022 caratterizzati da chiusure e restrizioni”, il presidente dell’Ebtl Tommaso Tanzilli si è espresso positivamente per la ripresa dei flussi soprattutto dall’estero che hanno registrato 6.035.906 arrivi e 14.559.252 presenze. “La ripresa importante dei flussi, gli sforzi dell’amministrazione capitolina sui grandi eventi e di quella regionale sulla promozione rendono ora possibile un futuro prossimo positivo per il nostro settore a Roma e nel Lazio.” ","post_title":"Ebtl: il lavoro ancora in difficoltà. Ma buone le prospettive del turismo nel Lazio","post_date":"2022-11-29T11:25:38+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669721138000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti