7 December 2022

La strategia multibrand di Nicolaus: dopo la Tunisia debutto Raro e Turchese anche sul mar Rosso

[ 0 ]

Gruppo Nicolaus sempre più attivo sul fronte outgoing. Dopo il ritorno e le novità multibrand della Tunisia, l’operatore di Ostuni raddoppia il modello a più marchi anche sul mar Rosso, con Sharm El Sheikh e Marsa Alam. “Le dinamiche del mercato che guidano il mar Rosso sono oggi certamente altalenanti e complesse, ma la nostra programmazione ha un solido punto di forza: si basa, infatti, sulla concretezza dei contratti e sulla capacità di instaurare rapporti che ci permettono di garantire alla distribuzione un’offerta non solo di qualità, ma anche particolarmente variegata e flessibile – spiega il responsabile prodotto estero del gruppo, Emmer Guerra -. Questi elementi combinati sono risorse importanti per la conversione dell’interazione con il cliente poiché, con le differenti anime dei nostri brand, mettono il trade nella condizione di rispondere prontamente a ogni tipo di esigenze e di rilanciare sempre”.

Venendo ai dettagli della programmazione, in forte evidenza il Valtur Sharm Reef Oasis Blue Bay, che si riconferma struttura capace di raccogliere altissimi livelli di gradimento da parte della clientela italiana. New entry di particolare caratura poi quella del brand Raro, che mette a disposizione del mercato una struttura dallo standard elevato quale l’Albatros Laguna Vista, recentemente al centro di un’operazione di totale rinnovamento orientata ai massimi livelli qualitativi. L’arrivo in Egitto fa parte del progetto di ampliamento e diversificazione dell’offerta del brand upscale del gruppo Nicolaus che a Sharm el Sheikh vanta anche un altro 5 stelle, il Renaissance Golden View, ospitato in una proprietà di ben 23 ettari con vista sull’isola di Tiran, insieme ad altri tre prodotti di prossima pubblicazione. Il continuo lavoro di ricerca per il Turchese ha dato inoltre risultati di rilievo, portando nella programmazione due pezzi importanti come il Beach Albatros, in una posizione sopraelevata e panoramica ad Hadaba, lungo una delle spiagge più belle di Sharm, e l’Amphoras Blue Hotel, complesso molto rinomato in ambito italiano, anche per il rapporto qualità prezzo. Arricchiscono l’offerta, solo per fare qualche esempio, il 5 stelle Parrhotel Beach Resort e l’Aurora Oriental Resort, ideali per diverse tipologie di ospiti. Altre strutture in pubblicazione nei prossimi giorni.

Oltre a Sharm el Sheikh, meta operativa già da mesi, è finalmente arrivato il momento di focalizzare nuovamente l’attenzione anche su Marsa Alam: i primi arrivi sono previsti per il mese di aprile e la clientela italiana avrà a propria disposizione il Nicolaus Club Alam Oriental Coast, villaggio top class dal caratteristico stile nubiano, affacciato su uno dei migliori tratti di mare della zona. Ulteriore valore aggiunto, il completamento del percorso di soft refurbishment. Menzione speciale quindi per il debutto anche in questa meta di Turchese, con un buon colpo di mercato come il Paradise & Friends Flamenco Resort a Quseir, esclusiva per il mercato italiano, caratterizzata da un livello di servizio elevato e da tariffe convenienti. Accanto al prodotto di punta, tre hotel della catena Three Corners, tra cui il 4 stelle Equinox Beach Resort, e tante altre proposte per le quali sono state negoziate condizioni d’appeal.

Dal punto di vista dei collegamenti, Nicolaus mette a disposizione pacchetti dinamici e Comfort, con voli charter dalle principali città italiane, in partenza il sabato e la domenica sia per Sharm El Sheikh sia per Marsa Alam. E per il mese di aprile sono previste partenze extra con voli speciali e di linea da tutti i principali aeroporti italiani per i ponti di Pasqua, 25 aprile e 1° maggio, con tariffe fortemente competitive. Il tutto si aggiunge a una offerta sempre aggiornata con i pacchetti smart, che permettono l’abbinamento dei servizi a terra dei vari brand del gruppo a tutti i vettori low cost operativi su Sharm el Sheikh e Marsa Alam, per soggiorni di durata variabile e in partenza ogni giorno della settimana.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa. Il percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea. Oltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea. Il progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale.  Il format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché "è su questa linea che si è fatta l’Italia" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone.  La mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana. [post_title] => Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni” [post_date] => 2022-12-07T15:28:06+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670426886000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435519 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel. In particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%. Il capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro. Per quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia. Lo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli. Un’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità. Sono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale. È questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta. [post_title] => Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping [post_date] => 2022-12-07T10:30:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670409034000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435505 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parco Nazionale delle Cinque Terre è stato premiato a Bruxelles tra le aree protette che hanno che hanno raggiunto i traguardi e gli obiettivi della Carta Europea del Turismo Sostenibile (Cets) nel 2020, 2021 e 2022 per la gestione dei visitatori.  La delegazione dell'ente era composta dalla presidente Donatella Bianchi e dal vicepresidente Emanuele Moggia.  Il conferimento della certificazione promossa dalla Federazione Europarc è avvenuta nella sede del Parlamento Europeo. Il primo riconoscimento è stato ottenuto dal Parco della provincia della Spezia nel 2015 e adesso il Parco ha positivamente rinnovato la certificazione per il quinquennio 2021-2025.   La Cets rappresenta uno strumento di governance del turismo sensibile ai valori delle aree protette e alla sostenibilità, che prevede la collaborazione tra i diversi soggetti coinvolti nella filiera turistica per attuare una strategia concretizzata in un Piano d'Azione per lo Sviluppo Turistico.  [post_title] => Il Parco delle Cinque Terre premiato a Bruxelles per la sostenibilità [post_date] => 2022-12-07T10:18:05+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670408285000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435590 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => WestJet farà il suo debutto in Asia la prossima estate con l'apertura dei voli da Calgary a Tokyo Narita. La compagnia sta inoltre aggiungendo nuovi voli per Barcellona ed Edimburgo come parte di una più ampia espansione del network a lungo raggio da Calgary. Su tutte e tre le rotte saranno impiegati Boeing 787. Tokyo Narita, che sarà quindi la prima destinazione asiatica del vettore canadese, sarà operativa a partire dal 30 aprile 2023; WestJet ha recentemente rafforzato il suo codeshare con Japan Airlines per coprire il servizio di quest'ultima che collega Tokyo Narita a Vancouver. La compagnia aerea opererà anche su Barcellona ed Edimburgo su base stagionale, collegando le città fino a tre volte a settimana tra maggio e ottobre. WestJet serve già le due città da Toronto. Le nuove rotte estive si aggiungeranno ai voli già esistenti da Calgary verso Dublino, gli aeroporti londinesi di Gatwick e Heathrow, Parigi e Roma. La compagnia aerea non menziona Amsterdam nell'elenco delle destinazioni, un servizio che ha ripreso da Calgary il mese scorso. [post_title] => WestJet: Tokyo Narita à la prima destinazione in Asia, voli da Calgary da fine aprile [post_date] => 2022-12-07T10:10:57+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670407857000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435553 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Taglio del nastro anche per la Roma-Riyadh di Wizz Air: la nuova rotta è servita da due frequenze alla settimana e rientra nel ventaglio di 23 nuove tratte operate dalla low cost verso l'Arabia Saudita. L'aeroporto di Roma si conferma protagonista dei piani di crescita di Wizz Air in Italia, con altre due rotte nel network saudita; Dammam (la rotta è stata inaugurata lo scorso 29 settembre) e Jeddah. "Questo nuovo collegamento è parte dei recenti sviluppi della compagnia aerea su Fiumicino e segue il lancio della nuova rotta su Dammam avvenuto a fine settembre - ha dichiarato Federico Scriboni, head of aviation business development di Aeroporti di Roma -. Grazie a questi nuovi collegamenti aerei si arricchisce l’accessibilità diretta alle più importanti città saudite: dalle calde acque del golfo persico, al mar Rosso, passando ai deserti nel cuore della penisola arabica dove è collocata la città di Riyadh.”     [post_title] => Wizz Air: taglio del nastro anche per la Roma Fiumicino-Riyadh [post_date] => 2022-12-07T09:39:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670405962000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435494 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il ministro del turismo Santanchè vorrebbe espandere il sistema turistico italiano, allargando i numeri e puntando a nuovi prodotti. Infatti leggendo i dati dell'Istat ha affermato: «I dati Istat certificano una ripresa del settore, sia sotto il profilo dei flussi turistici che sotto quello occupazionale, e sono anche corroborati dagli oltre 13 milioni di italiani in viaggio per il ponte dell'Immacolata. Ciò detto, però, essi evidenziano anche quanto ci sia ancora da lavorare per colmare il gap con il 2019». Evidentemente ancora non c'è una strategia dettagliata per allungare stagioni, o iniziare campagne di promozione più mirate.  «Gli ingredienti per fare bene, nonostante la crisi energetica attuale, ci sono tutti - sottolinea Santanchè - e dobbiamo crederci. Lavoreremo quindi per rafforzare il settore e ridare nuova linfa al turismo italiano, anche attraverso forti azioni di formazione, promozione e comunicazione». Secondo il nostro modesto parere crederci non basta. Bisogna rivoluzionare i metodi e le impostazioni. Rivedere le priorità, investire risorse e non dimenticare mai che il turismo italiano è formato da due settori, uno che riceve i turisti, l'altro che li fa viaggiare nel mondo. E le agenzie di viaggio sono il tramite di questi due settori con la clientela. [post_title] => Santanchè: «Dobbiamo ancora colmare il gap con il 2019» [post_date] => 2022-12-07T09:05:49+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670403949000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435517 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riapre il prossimo 25 dicembre dopo un importante intervento di ristrutturazione il 4 stelle Garberhof in Alta Val Venosta. Il restyling ha mirato a creare un ambiente all'insegna di quello che la stessa proprietà definisce un modello di lusso silenzioso. Guidata dal proprietario Klaus Pobitzer, con la collaborazione dell’architetto, nonché amico di famiglia, Thomas Rampp, questa trasformazione ha coinvolto le camere, gli ambienti comuni e l’architettura esterna. Gli spazi abitativi si sono quindi rinnovati nel look, ampliandosi con 23 nuove chiavi, per un'offerta complessiva che ora conta 20 stanze, altrettante suite e due chalet. Il giardino esterno si è inoltre arricchito di un laghetto balneare naturale trattato in modo completamente biologico. L’ampia area benessere Mii: Amo, di 2.200 metri quadrati, è cambiata completamente nell’interior design introducendo materiali naturali quali l’argilla, il larice, il legno di abete rosso e rovere, migliorando l’isolamento acustico e arricchendosi di una nuova spaziosa sala relax con accesso al giardino. Vanno ad aggiungersi l’Hamam, tra i più grandi d’Italia e comprensivo di sei diverse aree per il rituale di purificazione, biosauna, sauna finlandese panoramica, docce emozionali, zona esterna con vasca ad acqua fredda, piscina interna ed esterna riscaldata panoramica, area fitness e zona beauty per massaggi e trattamenti con la linea cosmetica sviluppata in esclusiva a base di albicocca Prunus Armaniaca, antico cultivar dell'Alto Adige. Infine il cuore pulsante del Garberhof, il lounge bar 1981 che, oltre a offrire una selezione di 70 etichette di gin (incluso il Felix Luis realizzato in esclusiva per il proprietario Klaus a base di albicocca), si arricchisce di una nuova sala dedicata alle bollicine e una stanza per le degustazioni di vini locali per un’esperienza che si completa con la proposta enogastronomica del ristorante Pobitzer, guidato dallo chef Christian Lechthaler. Sin dalla sua nascita, il Garberhof ha poi sempre avuto l’amore per la natura circostante tra i suoi principali interessi. Da qui l’intuizione di piantare un vigneto di vitigni autoctoni Souvignier Gris, Solaris e Johanniter nel giardino della struttura, a oltre mille metri di altitudine, che quest’anno è stato vendemmiato per la prima volta con un risultato molto soddisfacente. Anche nella progettazione della struttura l’attenzione all’ambiente è sempre stata alla base della filosofia della famiglia Pobitzer: già dal 1983, solo dopo due anni dall’inaugurazione, il riscaldamento di tutti gli ambienti proviene unicamente dall’utilizzo del cippato; il Garberhof fu tra i primi inval Venosta a utilizzare questo tipo di riscaldamento naturale. Nel corso degli anni, si è quindi aggiunto l’uso del fotovoltaico, da cui oggi proviene il 25% del fabbisogno energetico elettrico ed è già nei progetti della famiglia Pobitzer un nuovo impianto per arrivare al 50%. L’utilizzo di apparecchiature elettriche e luci a basso consumo e un sistema di programmazione e automatismi in grado di utilizzare in modo intelligente l’energia è già attivo all’interno delle camere e in tutta la struttura. Inoltre, l’hotel utilizza la filtrazione e riciclo dell’acqua delle piscine per il riutilizzo come irrigazione nel giardino. La nuova ristrutturazione ha visto coinvolta anche l’architettura esterna: la facciata esposta a sud è stata lavorata con la sabbiatura del legno affinché il complesso possa inserirsi al meglio nel paesaggio alpino circostante; una riqualificazione energetica e un progetto di isolamento della struttura attraverso l’utilizzo del legno sulle facciate esterne ha poi creato elementi di ombreggiamento volti a migliorare la termoregolazione e a favorire la riduzione del calore dovuto all’esposizione solare. L’obiettivo nei prossimi tre anni è quello di ottenere le principali certificazioni ambientali e arrivare a essere sostenibili energeticamente fino al 90%. [post_title] => Riapre a Natale dopo il restyling l'alto-atesino Garberhof con 20 camere in più [post_date] => 2022-12-06T12:13:10+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670328790000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435465 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Tunisia ha rimosso ogni restrizione ancora in vigore contro il Covid. Il ministero della Sanità tunisino, come riportato da The North Africa Post, ha eliminato lo scorso 2 dicembre - con effetto immediato - l'obbligo di presentare un certificato vaccinale e quello di esito negativo di test Pcr per i viaggiatori che visitano il Paese, dato che le infezioni continuano a diminuire sia in patria, sia sul fronte internazionale. La decisione è stata presa dopo che il Paese nordafricano ha riportato martedì scorso zero casi di decesso legati al Covid e dovrebbe contribuire a incrementare gli arrivi, portando una boccata d'ossigeno all'economia del Paese che conta proprio sul recupero dell'industria turistica ai livelli precedenti la pandemia, quando il comparto del turismo era il secondo contributore al Pil nazionale. Rimarranno comunque in vigore alcune misure contro la diffusione del Covid, come l'obbligo di indossare una mascherina in caso di sintomi di infezione e l'obbligo di ventilare adeguatamente gli spazi pubblici chiusi. [post_title] => Tunisia: eliminate, con effetto immediato, anche le ultime restrizioni contro il Covid [post_date] => 2022-12-06T10:00:10+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670320810000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435383 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Solo 15 tende di lusso circondate da 19 ettari di foresta sul bordo di una penisola privata. Ha aperto i propri battenti giovedì scorso a Punta Mita, in Messico, il primo resort adults-only griffato Four Seasons nelle Americhe, nonché la struttura di debutto del nuovo format Naviva, La proprietà è stata concepita con l'obiettivo di dialogare con la natura, per creare un ambiente che promuova la comunità, la crescita personale e l'apprezzamento per il patrimonio locale. Secondo i parametri del design biofilico e della biomimetica, il mondo naturale è l'influenza trainante per le soluzioni di design. La bellezza naturale del Messico è stata quindi la fonte d'ispirazione principale di Luxury Frontiers nel concepire Naviva: studio di design pluripremiato con una radicata expertise nel settore delle soluzioni residenziali alternative, ha puntato a fare in modo che tutte le forme dell'edificio, il design degli interni e le esperienze degli ospiti si rifacessero a un fenomeno naturale. Il team ha inoltre collaborato con artisti, artigiani e produttori messicani durante tutto il processo di progettazione e costruzione, non solo per sostenere le imprese locali, ma anche per creare spazi con un legame autentico con la cultura messicana. Tra gli elementi di spicco figurano i mobili personalizzati di Taracea e Baufaktory, le opere d'arte di Emma Boomkamp, i giochi in legno di recupero di Rasttro e i tessuti di Anora Casa. Naviva dispone inoltre di due spa nascoste nella foresta, un temazcal, una terrazza sulla scogliera, una palestra all'aperto e tanti sentieri immersi nella natura. Ogni area promuove la connessione con l’ambiente, nei suoi aspetti tangibili e intangibili. Il temazcal la Casa del Calore invita in particolare a un viaggio personalizzato guidato da un curandero dedicato, per produrre un risveglio mente-corpo. Gli ospiti possono scegliere tra diverse aree di interesse, come la gratitudine o la devozione, per guidare la loro esperienza. Gli ospiti di Naviva potranno anche scoprire esperienze di benessere radicate nell'ambiente presso la Risco terrace, dove le pratiche di yoga includono vinyasas e flussi ristorativi, nonché la Mar gym all'aperto con vista sul Pacifico, dove gli allenamenti di forza incorporano formazioni esistenti come massi e alberi. [post_title] => Naviva by Four Seasons: 15 tende di lusso per un soggiorno olistico nella natura messicana [post_date] => 2022-12-05T10:24:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670235877000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "la strategia multibrand di nicolaus dopo la tunisia debutto raro e turchese anche sul mar rosso" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":79,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1593,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa.\r\n\r\nIl percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea.\r\n\r\nOltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea.\r\n\r\nIl progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale. \r\n\r\nIl format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché \"è su questa linea che si è fatta l’Italia\" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone. \r\n\r\nLa mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana.","post_title":"Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”","post_date":"2022-12-07T15:28:06+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670426886000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435519","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel.\r\n\r\nIn particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%.\r\n\r\nIl capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro.\r\n\r\nPer quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia.\r\n\r\nLo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli.\r\n\r\nUn’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità.\r\n\r\nSono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale.\r\n\r\nÈ questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta.","post_title":"Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping","post_date":"2022-12-07T10:30:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670409034000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435505","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parco Nazionale delle Cinque Terre è stato premiato a Bruxelles tra le aree protette che hanno che hanno raggiunto i traguardi e gli obiettivi della Carta Europea del Turismo Sostenibile (Cets) nel 2020, 2021 e 2022 per la gestione dei visitatori.\r\n La delegazione dell'ente era composta dalla presidente Donatella Bianchi e dal vicepresidente Emanuele Moggia.\r\n Il conferimento della certificazione promossa dalla Federazione Europarc è avvenuta nella sede del Parlamento Europeo. Il primo riconoscimento è stato ottenuto dal Parco della provincia della Spezia nel 2015 e adesso il Parco ha positivamente rinnovato la certificazione per il quinquennio 2021-2025.\r\n \r\nLa Cets rappresenta uno strumento di governance del turismo sensibile ai valori delle aree protette e alla sostenibilità, che prevede la collaborazione tra i diversi soggetti coinvolti nella filiera turistica per attuare una strategia concretizzata in un Piano d'Azione per lo Sviluppo Turistico. ","post_title":"Il Parco delle Cinque Terre premiato a Bruxelles per la sostenibilità","post_date":"2022-12-07T10:18:05+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670408285000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435590","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"WestJet farà il suo debutto in Asia la prossima estate con l'apertura dei voli da Calgary a Tokyo Narita. La compagnia sta inoltre aggiungendo nuovi voli per Barcellona ed Edimburgo come parte di una più ampia espansione del network a lungo raggio da Calgary. Su tutte e tre le rotte saranno impiegati Boeing 787.\r\n\r\nTokyo Narita, che sarà quindi la prima destinazione asiatica del vettore canadese, sarà operativa a partire dal 30 aprile 2023; WestJet ha recentemente rafforzato il suo codeshare con Japan Airlines per coprire il servizio di quest'ultima che collega Tokyo Narita a Vancouver.\r\n\r\nLa compagnia aerea opererà anche su Barcellona ed Edimburgo su base stagionale, collegando le città fino a tre volte a settimana tra maggio e ottobre. WestJet serve già le due città da Toronto. Le nuove rotte estive si aggiungeranno ai voli già esistenti da Calgary verso Dublino, gli aeroporti londinesi di Gatwick e Heathrow, Parigi e Roma. La compagnia aerea non menziona Amsterdam nell'elenco delle destinazioni, un servizio che ha ripreso da Calgary il mese scorso.","post_title":"WestJet: Tokyo Narita à la prima destinazione in Asia, voli da Calgary da fine aprile","post_date":"2022-12-07T10:10:57+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670407857000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435553","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Taglio del nastro anche per la Roma-Riyadh di Wizz Air: la nuova rotta è servita da due frequenze alla settimana e rientra nel ventaglio di 23 nuove tratte operate dalla low cost verso l'Arabia Saudita. L'aeroporto di Roma si conferma protagonista dei piani di crescita di Wizz Air in Italia, con altre due rotte nel network saudita; Dammam (la rotta è stata inaugurata lo scorso 29 settembre) e Jeddah.\r\n\r\n\"Questo nuovo collegamento è parte dei recenti sviluppi della compagnia aerea su Fiumicino e segue il lancio della nuova rotta su Dammam avvenuto a fine settembre - ha dichiarato Federico Scriboni, head of aviation business development di Aeroporti di Roma -. Grazie a questi nuovi collegamenti aerei si arricchisce l’accessibilità diretta alle più importanti città saudite: dalle calde acque del golfo persico, al mar Rosso, passando ai deserti nel cuore della penisola arabica dove è collocata la città di Riyadh.”\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Wizz Air: taglio del nastro anche per la Roma Fiumicino-Riyadh","post_date":"2022-12-07T09:39:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670405962000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435494","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il ministro del turismo Santanchè vorrebbe espandere il sistema turistico italiano, allargando i numeri e puntando a nuovi prodotti. Infatti leggendo i dati dell'Istat ha affermato: «I dati Istat certificano una ripresa del settore, sia sotto il profilo dei flussi turistici che sotto quello occupazionale, e sono anche corroborati dagli oltre 13 milioni di italiani in viaggio per il ponte dell'Immacolata. Ciò detto, però, essi evidenziano anche quanto ci sia ancora da lavorare per colmare il gap con il 2019».\r\n\r\nEvidentemente ancora non c'è una strategia dettagliata per allungare stagioni, o iniziare campagne di promozione più mirate.  «Gli ingredienti per fare bene, nonostante la crisi energetica attuale, ci sono tutti - sottolinea Santanchè - e dobbiamo crederci. Lavoreremo quindi per rafforzare il settore e ridare nuova linfa al turismo italiano, anche attraverso forti azioni di formazione, promozione e comunicazione».\r\n\r\nSecondo il nostro modesto parere crederci non basta. Bisogna rivoluzionare i metodi e le impostazioni. Rivedere le priorità, investire risorse e non dimenticare mai che il turismo italiano è formato da due settori, uno che riceve i turisti, l'altro che li fa viaggiare nel mondo. E le agenzie di viaggio sono il tramite di questi due settori con la clientela.","post_title":"Santanchè: «Dobbiamo ancora colmare il gap con il 2019»","post_date":"2022-12-07T09:05:49+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1670403949000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435517","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riapre il prossimo 25 dicembre dopo un importante intervento di ristrutturazione il 4 stelle Garberhof in Alta Val Venosta. Il restyling ha mirato a creare un ambiente all'insegna di quello che la stessa proprietà definisce un modello di lusso silenzioso. Guidata dal proprietario Klaus Pobitzer, con la collaborazione dell’architetto, nonché amico di famiglia, Thomas Rampp, questa trasformazione ha coinvolto le camere, gli ambienti comuni e l’architettura esterna. Gli spazi abitativi si sono quindi rinnovati nel look, ampliandosi con 23 nuove chiavi, per un'offerta complessiva che ora conta 20 stanze, altrettante suite e due chalet.\r\n\r\nIl giardino esterno si è inoltre arricchito di un laghetto balneare naturale trattato in modo completamente biologico. L’ampia area benessere Mii: Amo, di 2.200 metri quadrati, è cambiata completamente nell’interior design introducendo materiali naturali quali l’argilla, il larice, il legno di abete rosso e rovere, migliorando l’isolamento acustico e arricchendosi di una nuova spaziosa sala relax con accesso al giardino. Vanno ad aggiungersi l’Hamam, tra i più grandi d’Italia e comprensivo di sei diverse aree per il rituale di purificazione, biosauna, sauna finlandese panoramica, docce emozionali, zona esterna con vasca ad acqua fredda, piscina interna ed esterna riscaldata panoramica, area fitness e zona beauty per massaggi e trattamenti con la linea cosmetica sviluppata in esclusiva a base di albicocca Prunus Armaniaca, antico cultivar dell'Alto Adige. Infine il cuore pulsante del Garberhof, il lounge bar 1981 che, oltre a offrire una selezione di 70 etichette di gin (incluso il Felix Luis realizzato in esclusiva per il proprietario Klaus a base di albicocca), si arricchisce di una nuova sala dedicata alle bollicine e una stanza per le degustazioni di vini locali per un’esperienza che si completa con la proposta enogastronomica del ristorante Pobitzer, guidato dallo chef Christian Lechthaler.\r\n\r\nSin dalla sua nascita, il Garberhof ha poi sempre avuto l’amore per la natura circostante tra i suoi principali interessi. Da qui l’intuizione di piantare un vigneto di vitigni autoctoni Souvignier Gris, Solaris e Johanniter nel giardino della struttura, a oltre mille metri di altitudine, che quest’anno è stato vendemmiato per la prima volta con un risultato molto soddisfacente. Anche nella progettazione della struttura l’attenzione all’ambiente è sempre stata alla base della filosofia della famiglia Pobitzer: già dal 1983, solo dopo due anni dall’inaugurazione, il riscaldamento di tutti gli ambienti proviene unicamente dall’utilizzo del cippato; il Garberhof fu tra i primi inval Venosta a utilizzare questo tipo di riscaldamento naturale. Nel corso degli anni, si è quindi aggiunto l’uso del fotovoltaico, da cui oggi proviene il 25% del fabbisogno energetico elettrico ed è già nei progetti della famiglia Pobitzer un nuovo impianto per arrivare al 50%. L’utilizzo di apparecchiature elettriche e luci a basso consumo e un sistema di programmazione e automatismi in grado di utilizzare in modo intelligente l’energia è già attivo all’interno delle camere e in tutta la struttura. Inoltre, l’hotel utilizza la filtrazione e riciclo dell’acqua delle piscine per il riutilizzo come irrigazione nel giardino. La nuova ristrutturazione ha visto coinvolta anche l’architettura esterna: la facciata esposta a sud è stata lavorata con la sabbiatura del legno affinché il complesso possa inserirsi al meglio nel paesaggio alpino circostante; una riqualificazione energetica e un progetto di isolamento della struttura attraverso l’utilizzo del legno sulle facciate esterne ha poi creato elementi di ombreggiamento volti a migliorare la termoregolazione e a favorire la riduzione del calore dovuto all’esposizione solare. L’obiettivo nei prossimi tre anni è quello di ottenere le principali certificazioni ambientali e arrivare a essere sostenibili energeticamente fino al 90%.","post_title":"Riapre a Natale dopo il restyling l'alto-atesino Garberhof con 20 camere in più","post_date":"2022-12-06T12:13:10+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670328790000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435465","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Tunisia ha rimosso ogni restrizione ancora in vigore contro il Covid. Il ministero della Sanità tunisino, come riportato da The North Africa Post, ha eliminato lo scorso 2 dicembre - con effetto immediato - l'obbligo di presentare un certificato vaccinale e quello di esito negativo di test Pcr per i viaggiatori che visitano il Paese, dato che le infezioni continuano a diminuire sia in patria, sia sul fronte internazionale.\r\n\r\nLa decisione è stata presa dopo che il Paese nordafricano ha riportato martedì scorso zero casi di decesso legati al Covid e dovrebbe contribuire a incrementare gli arrivi, portando una boccata d'ossigeno all'economia del Paese che conta proprio sul recupero dell'industria turistica ai livelli precedenti la pandemia, quando il comparto del turismo era il secondo contributore al Pil nazionale.\r\n\r\nRimarranno comunque in vigore alcune misure contro la diffusione del Covid, come l'obbligo di indossare una mascherina in caso di sintomi di infezione e l'obbligo di ventilare adeguatamente gli spazi pubblici chiusi.","post_title":"Tunisia: eliminate, con effetto immediato, anche le ultime restrizioni contro il Covid","post_date":"2022-12-06T10:00:10+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1670320810000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435383","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Solo 15 tende di lusso circondate da 19 ettari di foresta sul bordo di una penisola privata. Ha aperto i propri battenti giovedì scorso a Punta Mita, in Messico, il primo resort adults-only griffato Four Seasons nelle Americhe, nonché la struttura di debutto del nuovo format Naviva, La proprietà è stata concepita con l'obiettivo di dialogare con la natura, per creare un ambiente che promuova la comunità, la crescita personale e l'apprezzamento per il patrimonio locale.\r\n\r\nSecondo i parametri del design biofilico e della biomimetica, il mondo naturale è l'influenza trainante per le soluzioni di design. La bellezza naturale del Messico è stata quindi la fonte d'ispirazione principale di Luxury Frontiers nel concepire Naviva: studio di design pluripremiato con una radicata expertise nel settore delle soluzioni residenziali alternative, ha puntato a fare in modo che tutte le forme dell'edificio, il design degli interni e le esperienze degli ospiti si rifacessero a un fenomeno naturale. Il team ha inoltre collaborato con artisti, artigiani e produttori messicani durante tutto il processo di progettazione e costruzione, non solo per sostenere le imprese locali, ma anche per creare spazi con un legame autentico con la cultura messicana. Tra gli elementi di spicco figurano i mobili personalizzati di Taracea e Baufaktory, le opere d'arte di Emma Boomkamp, i giochi in legno di recupero di Rasttro e i tessuti di Anora Casa.\r\n\r\nNaviva dispone inoltre di due spa nascoste nella foresta, un temazcal, una terrazza sulla scogliera, una palestra all'aperto e tanti sentieri immersi nella natura. Ogni area promuove la connessione con l’ambiente, nei suoi aspetti tangibili e intangibili. Il temazcal la Casa del Calore invita in particolare a un viaggio personalizzato guidato da un curandero dedicato, per produrre un risveglio mente-corpo. Gli ospiti possono scegliere tra diverse aree di interesse, come la gratitudine o la devozione, per guidare la loro esperienza. Gli ospiti di Naviva potranno anche scoprire esperienze di benessere radicate nell'ambiente presso la Risco terrace, dove le pratiche di yoga includono vinyasas e flussi ristorativi, nonché la Mar gym all'aperto con vista sul Pacifico, dove gli allenamenti di forza incorporano formazioni esistenti come massi e alberi.","post_title":"Naviva by Four Seasons: 15 tende di lusso per un soggiorno olistico nella natura messicana","post_date":"2022-12-05T10:24:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670235877000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti