29 January 2023

Kel12 e Maurizio Levi lanciano“Le Parole in Viaggio” per una Turchia inedita

[ 0 ]

Si è tenuto a Palazzo Castiglioni, Milano il nuovo appuntamento del format “Parole in viaggio” – pensato da Kel12 insieme con I viaggi di Maurizio Levi e alla presenza di esperti. Di fronte al pubblico in sala e in diretta streaming è stato indagato il tema: “Turchia, crocevia di popoli e culture tra Europa e Asia”.

Gli ospiti si sono confrontati, moderati dal direttore di National Geographic Italia Marco Cattaneo. Il direttore dell’ufficio cultura e informazione dell’Ambasciata di Türkiye Riza Haluk Söner ha sottolineato lo stretto legame da sempre esistente tra l’Italia e la Turchia, un affascinante territorio a cavallo tra l’Europa e l’Asia, percorso nei secoli da diversi popoli e culture. La professoressa Vera Costantini, docente di lingua e storia turca presso l’università di Ca’ Foscari a Venezia, ha tratteggiato la “sua” Istambul, dove si integravano e assimilavano le diversità e dove il sistema culturale islamico era fortemente legato alla cultura classica.

Il grande esploratore e fondatore dell’omonimo to Maurizio Levi ha narrato di percorsi di trekking nella Cappadocia da vivere in piccoli gruppi e rigorosamente a piedi, alla scoperta di una realtà geologicamente unica, con percorsi intervallati dai misteriosi “camini delle fate”, dai rifugi degli anacoreti e da 36 vaste città sotterranee scavate dai cristiani in fuga dai musulmani. Lo storico e archeologo Fabio Bourbon ha narrato lo stupore del viaggiatore davanti a testimonianze stupefacenti della storia romana: teatri e anfiteatri, un ninfeo intatto, pezzi di storia di cui la natura ha preso possesso e che raccontano di fenomeni sismici e calamità naturali.

Distrutti nel passato ma ora ricomposti grazie all’attento lavoro degli archeologi. Ha preso parte al talk-show anche l’archeologo Dante Bartoli, testimone di tanta ricchezza e sempre impegnato in operazioni di riscoperta e di recupero, anche nelle profondità di un mare cristallino. I tour pensati da Kel 12 permettono di vivere la “cultura del viaggio”; in gruppi di 8, 16 persone e accompagnati proprio da questi esperti, si potranno visitare la Ionia e la Cappadocia o i tesori della Pisidia, vivere un’esperienza di trekking lungo la Via Licia o tra i pinnacoli della Cappadocia, seguire le orme dell’Iliade o ritrovare il mistero di chiese, moschee e caravanserragli.

“Parole in viaggio” è un talk-show che, in un viaggio virtuale, racconta tante sfaccettature della Turchia. «Per conquistare il cliente e condividere con lui la nostra filosofia di viaggio formiamo in modo attivo le nostre adv – sottolinea Sonia di Gregorio, direttore marketing e vendite di Kel12 – Oggi lavoriamo con circa 80 agenzie che hanno capito la nostra filosofia e sono nostri brand-ambassador; cresceremo ancora, ma non troppo, per preservare le caratteristiche della proposta. Oltre ai momenti di formazione offriamo alle adv diversi webinar fatti con gli specialisti. Il nostro racconto passa attraverso la formazione e la sperimentazione.

Insieme alle adv gestiamo le attività di marketing e anche le presentazioni per i viaggiatori interessati a una destinazione. La fidelizzazione dei clienti e la loro voglia di vivere la nostra filosofia del viaggio – conclude la Di Gregorio – dimostrano che, grazie al lavoro congiunto con le adv, siamo riusciti a comunicare la forza dei nostri progetti». Progetti che si possono realizzare anche grazie ai collegamenti aerei offerti dalla Turkish Airlines a partire da tante città italiane.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438106 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta. Un incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio. Un triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta. “Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”.  Una delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”. I numeri e le sfide  Una sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato.  “Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”.  Nel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.   Gli impegni con la distribuzione “La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”.  In merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale".  Le novità di prodotto Sul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.  “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. Tra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”.  Confermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”.  Per valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”.  Tra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code.  Il tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con "Obiettivo X", probabilmente a Roma. I contratti inviati alle agenzie A partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: "Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa".   [post_title] => Ota Viaggi: tutte le novità del 2023 [post_date] => 2023-01-27T14:37:04+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674830224000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438031 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuova operazione immobiliare in Trentino e l’ottimizzazione del prodotto con investimenti mirati sia nei servizi, sia nel look delle strutture. Per Garibaldi Hotels crescere significa anche incrementare la patrimonializzazione del gruppo nell’anno in cui ricorre il decimo anniversario dalla nascita del marchio. «L’operazione in Trentino ci permetterà di consolidare la nostra presenza sul segmento montagna (estate e inverno) – spiega il direttore generale, Fabrizio Prete, senza però poter al momento svelare ulteriori dettagli sulla novità in arrivo -. Nel corso del 2022 abbiamo inoltre acquisito l’immobile che ospita la nostra nuova sede di Ostuni, già ristrutturata parzialmente, e contiamo di completare i lavori a ridosso dell’estate. Il nostro piano di investimenti prosegue peraltro anche con l’albergo diffuso Dimora Sant’Anna di Carovigno, nel brindisino, per il quale abbiamo rilevato ulteriori immobili storici nel centro del paese, da trasformare in camere aggiuntive già a partire dai prossimi mesi». Uno sviluppo, quello di Garibaldi Hotels, favorito anche dalle buone performance del 2022, che si è chiuso con un incremento del 29% rispetto al fatturato dell’anno precedente. «Tali risultati rischiano tuttavia di essere vanificati dai continui rincari – ammette Prete -. Si tratta di aumenti che vanno a colpire gli sforzi commerciali fatti per crescere, poiché erodono le marginalità. In termini di tendenze, quello che è emerso in questi ultimi tempi è poi una maggiore sensibilità dei clienti per le prenotazioni last minute o comunque a ridosso delle date, nonché una maggiore attenzione verso la flessibilità delle condizioni di prenotazione». [post_title] => Garibaldi Hotels si espande in Trentino e chiude un buon 2022. Ma preoccupano i rincari [post_date] => 2023-01-27T10:12:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674814328000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438015 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Comprendere e calcolare l’impatto ambientale della propria impresa. Grazie a majorian, piattaforma all-in-one multiservizi di cui fa parte lo stesso brand alberghiero, les Collectionneurs mette a disposizione Clorofil, uno strumento ad hoc per valutare l’impronta di carbonio del proprio ristorante e hotel. Il tool è fornito gratuitamente ai propri affiliati ma è aperto anche a tutti gli altri imprenditori. “Siamo convinti che gli imprenditori indipendenti siano l’avvenire di un’economia umana e di un mondo che avrà futuro - spiega la ceo di majorian, e già alla direzione generale del brand les Collectionneurs, Carole Pourchet -. Per questo motivo siamo noi stessi impegnati quotidianamente a unire, sostenere e liberare questi attori del dinamismo territoriale per permettere loro di progredire serenamente”. La piattaforma Clorofil.eco è stata sviluppata in partnership con ClimateSeed (ente esperto nella misurazione e riduzione di Co2, secondo il metodo Bilan Carbone dell’Agenzia per la transizione ecologica francese - Ademe) e consente di misurare l’insieme delle emissioni, dirette e indirette, generate dalla propria struttura in base a cinque macrocategorie: energia, acquisti, rifiuti, prestazioni legate all’hotellerie/ristorazione, mobilità. [post_title] => Les Collectionneurs (gruppo majorian) introduce Clorofil per misurare l’impronta di carbonio degli hotel [post_date] => 2023-01-26T13:45:19+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674740719000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437979 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce l'appeal della formula Buy now pay later. A dimostrarlo anche una recente case-history del tour operator online Alla Tours, che nel 2022, nel solco della ripresa generale del turismo, ha registrato un incremento del 43% di pratiche di nuovi clienti rispetto al 2021, crescita su cui Scalapay, società specializzata nella rateizzazione dei pagamenti, ha inciso per il 20%. La penetration media di Scalapay, sul totale delle prenotazioni, si attesta inoltre al 12% con un picco nei mesi di giugno e agosto. La pratica media è aumentata del 9% e, nell’80% dei casi, Scalapay è stato utilizzato sul saldo della vacanza: gli utenti hanno in altre parole bloccato la prenotazione pagando un piccolo acconto all’inizio, pari al 10% del costo del soggiorno. La prima rata è stata addebitata al momento del saldo, le successive due con cadenza mensile. Per quanto riguarda il target, l’80% degli ordini effettuati con Scalapay ha visto protagonista la fascia di età 35-54 anni, seguito al 12% dai clienti compresi in quella 25-34, mentre più distaccato al 6% si attesta il segmento 55-64. “Con la possibilità di dilazionare il pagamento, i clienti hanno scelto soluzioni di fascia più alta, quali, per esempio, camere di categoria superior, con un conseguente aumento dello scontrino medio - spiega il ceo di All Tours, Ciro Di Maso -.  Scalapay si è rivelato uno strumento di marketing molto incisivo: abbiamo riscontrato un incremento di conversione al sito pari al +15% e abbiamo dimezzato le percentuali di carrelli abbondonati. Lo scontrino medio è passato da 1.890 a 2.030 euro”. [post_title] => Case-history All Tours - Scalapay: il Buy now pay later dimezza i carrelli abbandonati [post_date] => 2023-01-26T10:27:36+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674728856000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437926 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Annunciata già a fine agosto, viene finalmente messa a terra la parte degli aiuti previsti dal Pnrr per le imprese del ricettivo, a valere sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di sviluppo del turismo (Fri-Tur). Si tratta di un contributo in conto capitale, concesso alle imprese beneficiarie utilizzando 180 milioni di risorse del Pnrr. A queste si aggiungono i finanziamenti agevolati, concessi da Cdp a valere sul Fri, per un importo complessivo fino a 600 milioni, in affiancamento a prestiti di pari importo e durata (fino a 15 anni) erogati dal settore bancario a condizioni di mercato. Per un totale di quasi 1,4 miliardi. Santanché: dal 2023 il sorpasso sui dati pre-pandemici "E' una leva finanziaria necessaria per il turismo, perché dobbiamo alzare l'asticella - ha commentato il ministro del Turismo, Daniela Santanché, in occasione di una conferenza stampa a Roma -. La richiesta è sempre più alta, il target sempre più esigente. Dobbiamo quindi aumentare la qualità dei nostri servizi per competere. La nuova leva si inserisce peraltro in un momento buono per l'industria dei viaggi: il 2023 sarà l'anno del sorpasso rispetto ai dati pre-pandemici". Da qualche minuto è peraltro già attivo il sito con tutte le informazioni sulla misura, ha contestualmente rivelato Luigi Gallo, responsabile area innovazione di Invitalia, che gestirà la piattaforma: "Dal prossimo 30 gennaio sarà invece possibile accedere e scaricare la domanda che si potrà poi inviare a partire dal 1° di marzo". Focus sugli investimenti da 500 mila a 10 milioni di euro La misura si rivolge, tra gli altri, ad alberghi, agriturismi, stabilimenti balnearie e termali, strutture ricettive all'aria aperta, porti turistici, imprese del settore fieristico e congressuale. Sono richiesti investimenti medio-grandi, compresi tra 500 mila e 10 milioni di euro, che puntano sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione, in particolare sulla riqualificazione energetica e antisismica. Altri interventi agevolabili riguardano l'eliminazione delle barriere architettoniche, la manutenzione straordinaria, la realizzazione di piscine termali, l'acquisto o il rinnovo di arredi. Due le forme di agevolazione previste: il contributo diretto alla spesa, concessi dal ministero del Turismo, e un finanziamento agevolato, concesso da Cassa Depositi e Prestiti. Entrambe le agevolazioni verranno concesse sulla base della valutazione dei progetti affidata a Invitalia. Al finanziamento agevolato dovrà essere abbinato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata, erogato da una banca che aderisce all'apposita convenzione firmata da dicastero del Turismo, Associazione Bancaria Italiana e Cdp.   [post_title] => Pnrr: arrivano 1,4 miliardi per le imprese del ricettivo [post_date] => 2023-01-25T12:38:35+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674650315000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437880 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_379784" align="alignleft" width="300"] Marco Troncone[/caption] “La decarbonizzazione del trasporto aereo è una priorità indiscutibile per assicurare sia lo sviluppo e la transizione “giusta” dell’intero comparto sia l’accesso alla mobilità per i cittadini": con queste parole Marco Troncone, amministratore delegato di Aeroporti di Roma, è intervenuto al Parlamento europeo a Bruxelles in occasione dell'evento “Decarbonizzare il settore aviazione: Aeroporti di Roma presenta una best practice italiana” promosso proprio da Adr per approfondire a livello europeo la finalità del “Patto per la Decarbonizzazione del trasporto aereo”. Obiettivo finale dell’osservatorio ideato dalla società di gestione degli aeroporti della Capitale è quello di di favorire e accelerare il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità del settore nel contesto degli SDGs e dell’Agenda 2030 prendendo a riferimento l’obiettivo di Net Zero Emissions entro il 2050. Troncone ha ribadito come il settore del trasporto aereo "produce oggi meno del 2% delle emissioni globali, e già da anni è fortemente impegnato a ridurre le proprie emissioni per raggiungere livelli sempre più elevati di sostenibilità. Ma il contributo isolato delle singole aziende non è sufficiente. Per questo ci siamo fatti promotori del Patto che è nato per definire una roadmap sulla decarbonizzazione, utile anche per inquadrare le necessarie policy abilitanti, e, dopo averlo riunito lo scorso settembre a Roma, ora lo presentiamo a Bruxelles, convinti che un settore aviation a zero emissioni sia possibile ma solo nei giusti tempi e con il contributo di tutti gli stakeholders. "Per centrare gli obiettivi di decarbonizzazione, sarà necessario perseguire una strategia multi-approccio che includa una molteplicità di soluzioni tecnologiche. Nel breve termine, l’opzione più avanzata sono i biocarburanti, i cc.dd. Saf, in quanto utilizzabili senza alcuna modifica tecnica dei velivoli, delle infrastrutture e dei mezzi per i rifornimenti” Lo scorso  21 settembre si è svolto al Leonardo da Vinci il primo Congresso Annuale del Patto per la Decarbonizzazione del Trasporto Aereo. La risposta del settore è stata pronta. Al momento, si tratta di un unicum a livello internazionale che dimostra la maturità di un comparto che, grazie alla guida dell’Enac e dei ministeri di riferimento, intende assicurare il proprio solido contributo ai decisori italiani ed europei, soprattutto in considerazione della complessità delle politiche pubbliche da adottare. Sarà, infatti, fondamentale identificare il percorso per raggiungere i target senza deprimere il settore incentivando gli investimenti in ricerca e sviluppo attraverso misure in grado di ridurre le emissioni come: biocarburanti, utilizzo di fonti rinnovabili, nuove tecnologie per la propulsione degli aerei e lo sviluppo dell’intermodalità.     [post_title] => Adr, Troncone a Bruxelles: "La decarbonizzazione è una priorità indiscutibile" [post_date] => 2023-01-25T09:33:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674639236000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437822 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Numeri importanti e davvero incoraggianti per Kel 12 che ha chiuso il bilancio 2021-22 allo scorso 30 settembre con un giro d'affari complessivo praticamente sui livelli del 2019: quasi a quota 13 milioni di euro, contro i 13,7 milioni registrati nell'anno pre-Covid. Ma quello che è forse più importante è il dato sui margini, che hanno raggiunto livelli persino superiori, grazie a tassi di riempimento davvero elevati. "L'ultimo bilancio è andato meglio di quanto ci aspettassimo dalla ripresa del mercato - racconta il presidente Kel 12, Massimo Grossi -. Abbiamo infatti chiuso con un ebit oltre i 500 mila euro (profitti ante-imposte e interessi, ndr), mentre gli utili netti si sono attestati sopra i 250 mila euro. Numeri apparentemente non enormi, ma chi conosce le marginalità medie del nostro settore sa quanto siano in realtà significativi". E il 2022/23 sta andando ancora meglio: "A oggi abbiamo già raggiunto i risultati del 2022 - rivela infatti l'amministratore delegato del to, Gianluca Rubino -. A parità di periodo siamo al 30% in più per entrambi i brand (Kel 12 e i Viaggi di Maurizio Levi acquisito in piena pandemia, ndr). Per la chiusura dell'anno finanziario prevediamo di toccare quota 22 milioni di euro di fatturato, contro i 19 milioni che i due marchi distinti hanno messo a segno in totale nel 2019". L'obiettivo è quindi di salire ulteriormente a 25 milioni nel giro di tre anni. "A prima vista potrebbe sembrare un traguardo poco sfidante, dati i trend di crescita attuali - aggiunge Rubino -. Ma occorre tener conto della nostra tipologia di prodotto, che non permette uno sviluppo esponenziale dell'offerta. Basti pensare al fatto che la nostra linea più importante (quella dei viaggi con esperti rappresenta l'80% del nostro business complessivo) nel periodo di Capodanno ha registrato un record di 51 partenze. Ed è davvero difficile anche solo pensare di aumentare ulteriormente il numero di archeologi, antropologi, biologi... coinvolti come esperti nei nostri viaggi". Per il prossimo futuro, l'operatore milanese pensa quindi a incrementare ulteriormente l'integrazione verticale del prodotto, tramite joint venture ad hoc con i partner locali, come per esempio è già avvenuto per le due dahabeye egiziane. "Si tratta di operazioni che ci consentono di aumentare ulteriormente la qualità dei nostri prodotti - sottolinea Rubino -. Prossimamente pensiamo ad altre iniziative simili in Algeria, Arabia Saudita, Namibia, e India". Per quanto riguarda i clienti finali, i piani sono di incrementare ulteriormente il già elevato livello di engagement dei viaggiatori. "Pochi mesi fa abbiamo lanciato un nostro programma fedeltà, il Travel Klab, in collaborazione con Europ Assistance, mentre per l'estate sarà pronta una app proprietaria, pensata per facilitare la fruizione dei nostri servizi in viaggio". Infine, lato distribuzione, il focus rimane decisamente sulla formazione. "Data la peculiarità del nostro prodotto, storicamente lavoriamo con un panel di agenzie selezionate che oggi sono circa 300-400 - conclude Rubino -. Con un centinaio di loro conduciamo anche operazioni di co-marketing, per esempio per l'organizzazione di eventi e incontri con i nostri esperti, soprattutto nelle località più lontane dalle nostre sedi, che fatichiamo a raggiungere da soli". [post_title] => Kel 12: fatturato a livelli pre-Covid; i margini persino meglio [post_date] => 2023-01-24T12:46:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674564394000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437524 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437526" align="alignleft" width="300"] Il monastero Tashiding nel Sikkim[/caption] Dopo un 2022 non certo facile che ha costretto il to a qualche rinvio, e nonostante un 2023 che ancora vede alcuni confini complicati da attraversare per i turisti (su tutti la Cina), Amitaba Viaggi torna finalmente a parlare di programmi di viaggi e iniziative legate alle destinazioni trattate. Il primo appuntamento è in particolare per venerdì prossimo, 20 gennaio, in via Roma 15 a Corsico, in provincia di Milano, per un incontro realizzato in collaborazione con il Cai locale dedicato ad "Armenia e Georgia, magia del Caucaso". Sarà condotto da Alessandro Zucic, che sarà anche la guida d'eccezione dell'itinerario "Grande incontro con il Caucaso", in programma a settembre. Per quanto riguarda i viaggi veri e propri, invece, protagonista del 2023 sarà sicuramente l'India. Tra gli itinerari dedicati al Paese asiatico si segnala in particolare "Spiritualità ed antiche scienze" (dal 7 al 16 aprile): dal tempio d’Oro di Amritsar a Dharamsala, per un approfondito incontro con la cultura del Paese delle Nevi. Conduce Teresa Bianca, che da anni risiede qui. Costo del viaggio: 1.250 euro. "Sikkim, regno himalaiano" (dal 22 aprile al 1° maggio) condurrà invece i viaggiatori in tutti i luoghi significativi di questo angolo del mondo, includendo anche le cittadine storiche di Darjeeling e Kalimpong. Conduce Federica Segretti. Da ricordare infine anche il viaggio che parte per il Pakistan l’11 maggio: "Karakorum, Himalaia e Hindu Kush", con la festa di primavera dei Kalash; un tour completo alla scoperta delle catene di monti tra le più belle del mondo. Conduce Vincenzo Sapienza. [post_title] => Amitaba Viaggi fa rotta su India, Pakistan, Armenia e Georgia [post_date] => 2023-01-18T12:45:30+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674045930000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437492 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un racconto pensato per chi si approccia per la prima volta all’India, ma anche per quanti hanno già visitato il Paese e non vedono l’ora di tornarci, per vedere le cose da una prospettiva diversa. E' la nuova proposta World Explorer dedicata al Rajasthan: un viaggio di tredici giorni in compagnia del travel designer Pierpaolo Di Nardo, tra i maggiori esperti italiani del subcontinente indiano, con settanta viaggi nella destinazione alla spalle, tre libri editi da Polaris e uno spettacolo teatrale intitolato Maldindia. "Ma il racconto non basta - recita una nota World Explorer -: non bastano le parole a spiegare fino in fondo l’incanto di un tramonto sulla fortezza di Jaisalmer, coi suoi 99 bastioni in pietra arenaria gialla che si infiammano sotto gli ultimi raggi del sole, o l’emozione di una notte sotto le stelle del deserto del Thar o, ancora, i profumi e i colori del mercato delle spezie e delle granaglie di Jodhpur, la città blu. Attraversando i verdeggianti monti Aravalli, ci perderemo tra le 1.444 colonne in marmo bianco finemente cesellate del santuario jainista di Ranakpur, per poi visitare in barca il Jag Mandir, il palazzo del Maharana al centro del lago Pichola. E non si può dire di aver conosciuto davvero la terra dei Maharaja senza una visita alla capitale Jaipur, il cuore pulsante del Rajasthan, con i suoi palazzi in arenaria rosa che al tramonto prendono il colore del cielo. L’ultima tappa del viaggio sarà Agra, la grande capitale dell’impero Moghul, la cui architettura è diventata simbolo dell’intera nazione: è qui, infatti, che svetta il Taj Mahal, una delle sette meraviglie del mondo, tappa obbligata di ogni viaggio in India che potrete visitare in una veste del tutto inedita: vi porteremo infatti in esclusiva ad ammirare il marmo bianco della cupola e dei minareti del mausoleo più famoso del mondo illuminarsi sotto la luna piena. Partenze previste il 6 marzo, il 5 aprile, il 20 e il 30 agosto. Quote a persona a partire da 3.140 euro (supplemento camera singola 890 euro). [post_title] => Il Rajasthan di World Explorer in compagnia del super esperto Pierpaolo Di Nardo [post_date] => 2023-01-18T10:00:29+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674036029000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "kel12 e maurizio levi lancianole parole in viaggio" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":64,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":602,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438106","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta.\r\n\r\nUn incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio.\r\n\r\nUn triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta.\r\n\r\n“Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”. \r\n\r\nUna delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”.\r\n\r\nI numeri e le sfide \r\n\r\nUna sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato. \r\n\r\n“Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”. \r\n\r\nNel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.  \r\n\r\n\r\n\r\nGli impegni con la distribuzione\r\n\r\n“La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”. \r\n\r\nIn merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale\". \r\n\r\nLe novità di prodotto\r\n\r\nSul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.\r\n\r\n “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. \r\n\r\nTra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”. \r\n\r\nConfermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”. \r\n\r\nPer valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”. \r\n\r\nTra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code. \r\n\r\nIl tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con \"Obiettivo X\", probabilmente a Roma.\r\n\r\nI contratti inviati alle agenzie\r\n\r\nA partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: \"Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa\".\r\n\r\n ","post_title":"Ota Viaggi: tutte le novità del 2023","post_date":"2023-01-27T14:37:04+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674830224000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438031","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuova operazione immobiliare in Trentino e l’ottimizzazione del prodotto con investimenti mirati sia nei servizi, sia nel look delle strutture. Per Garibaldi Hotels crescere significa anche incrementare la patrimonializzazione del gruppo nell’anno in cui ricorre il decimo anniversario dalla nascita del marchio. «L’operazione in Trentino ci permetterà di consolidare la nostra presenza sul segmento montagna (estate e inverno) – spiega il direttore generale, Fabrizio Prete, senza però poter al momento svelare ulteriori dettagli sulla novità in arrivo -. Nel corso del 2022 abbiamo inoltre acquisito l’immobile che ospita la nostra nuova sede di Ostuni, già ristrutturata parzialmente, e contiamo di completare i lavori a ridosso dell’estate. Il nostro piano di investimenti prosegue peraltro anche con l’albergo diffuso Dimora Sant’Anna di Carovigno, nel brindisino, per il quale abbiamo rilevato ulteriori immobili storici nel centro del paese, da trasformare in camere aggiuntive già a partire dai prossimi mesi».\r\n\r\nUno sviluppo, quello di Garibaldi Hotels, favorito anche dalle buone performance del 2022, che si è chiuso con un incremento del 29% rispetto al fatturato dell’anno precedente. «Tali risultati rischiano tuttavia di essere vanificati dai continui rincari – ammette Prete -. Si tratta di aumenti che vanno a colpire gli sforzi commerciali fatti per crescere, poiché erodono le marginalità. In termini di tendenze, quello che è emerso in questi ultimi tempi è poi una maggiore sensibilità dei clienti per le prenotazioni last minute o comunque a ridosso delle date, nonché una maggiore attenzione verso la flessibilità delle condizioni di prenotazione».","post_title":"Garibaldi Hotels si espande in Trentino e chiude un buon 2022. Ma preoccupano i rincari","post_date":"2023-01-27T10:12:08+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674814328000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438015","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Comprendere e calcolare l’impatto ambientale della propria impresa. Grazie a majorian, piattaforma all-in-one multiservizi di cui fa parte lo stesso brand alberghiero, les Collectionneurs mette a disposizione Clorofil, uno strumento ad hoc per valutare l’impronta di carbonio del proprio ristorante e hotel. Il tool è fornito gratuitamente ai propri affiliati ma è aperto anche a tutti gli altri imprenditori.\r\n\r\n“Siamo convinti che gli imprenditori indipendenti siano l’avvenire di un’economia umana e di un mondo che avrà futuro - spiega la ceo di majorian, e già alla direzione generale del brand les Collectionneurs, Carole Pourchet -. Per questo motivo siamo noi stessi impegnati quotidianamente a unire, sostenere e liberare questi attori del dinamismo territoriale per permettere loro di progredire serenamente”.\r\n\r\nLa piattaforma Clorofil.eco è stata sviluppata in partnership con ClimateSeed (ente esperto nella misurazione e riduzione di Co2, secondo il metodo Bilan Carbone dell’Agenzia per la transizione ecologica francese - Ademe) e consente di misurare l’insieme delle emissioni, dirette e indirette, generate dalla propria struttura in base a cinque macrocategorie: energia, acquisti, rifiuti, prestazioni legate all’hotellerie/ristorazione, mobilità.","post_title":"Les Collectionneurs (gruppo majorian) introduce Clorofil per misurare l’impronta di carbonio degli hotel","post_date":"2023-01-26T13:45:19+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674740719000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437979","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cresce l'appeal della formula Buy now pay later. A dimostrarlo anche una recente case-history del tour operator online Alla Tours, che nel 2022, nel solco della ripresa generale del turismo, ha registrato un incremento del 43% di pratiche di nuovi clienti rispetto al 2021, crescita su cui Scalapay, società specializzata nella rateizzazione dei pagamenti, ha inciso per il 20%.\r\n\r\nLa penetration media di Scalapay, sul totale delle prenotazioni, si attesta inoltre al 12% con un picco nei mesi di giugno e agosto. La pratica media è aumentata del 9% e, nell’80% dei casi, Scalapay è stato utilizzato sul saldo della vacanza: gli utenti hanno in altre parole bloccato la prenotazione pagando un piccolo acconto all’inizio, pari al 10% del costo del soggiorno. La prima rata è stata addebitata al momento del saldo, le successive due con cadenza mensile. Per quanto riguarda il target, l’80% degli ordini effettuati con Scalapay ha visto protagonista la fascia di età 35-54 anni, seguito al 12% dai clienti compresi in quella 25-34, mentre più distaccato al 6% si attesta il segmento 55-64.\r\n\r\n“Con la possibilità di dilazionare il pagamento, i clienti hanno scelto soluzioni di fascia più alta, quali, per esempio, camere di categoria superior, con un conseguente aumento dello scontrino medio - spiega il ceo di All Tours, Ciro Di Maso -.  Scalapay si è rivelato uno strumento di marketing molto incisivo: abbiamo riscontrato un incremento di conversione al sito pari al +15% e abbiamo dimezzato le percentuali di carrelli abbondonati. Lo scontrino medio è passato da 1.890 a 2.030 euro”.","post_title":"Case-history All Tours - Scalapay: il Buy now pay later dimezza i carrelli abbandonati","post_date":"2023-01-26T10:27:36+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1674728856000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437926","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Annunciata già a fine agosto, viene finalmente messa a terra la parte degli aiuti previsti dal Pnrr per le imprese del ricettivo, a valere sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di sviluppo del turismo (Fri-Tur). Si tratta di un contributo in conto capitale, concesso alle imprese beneficiarie utilizzando 180 milioni di risorse del Pnrr. A queste si aggiungono i finanziamenti agevolati, concessi da Cdp a valere sul Fri, per un importo complessivo fino a 600 milioni, in affiancamento a prestiti di pari importo e durata (fino a 15 anni) erogati dal settore bancario a condizioni di mercato. Per un totale di quasi 1,4 miliardi.\r\nSantanché: dal 2023 il sorpasso sui dati pre-pandemici\r\n\"E' una leva finanziaria necessaria per il turismo, perché dobbiamo alzare l'asticella - ha commentato il ministro del Turismo, Daniela Santanché, in occasione di una conferenza stampa a Roma -. La richiesta è sempre più alta, il target sempre più esigente. Dobbiamo quindi aumentare la qualità dei nostri servizi per competere. La nuova leva si inserisce peraltro in un momento buono per l'industria dei viaggi: il 2023 sarà l'anno del sorpasso rispetto ai dati pre-pandemici\".\r\n\r\nDa qualche minuto è peraltro già attivo il sito con tutte le informazioni sulla misura, ha contestualmente rivelato Luigi Gallo, responsabile area innovazione di Invitalia, che gestirà la piattaforma: \"Dal prossimo 30 gennaio sarà invece possibile accedere e scaricare la domanda che si potrà poi inviare a partire dal 1° di marzo\".\r\nFocus sugli investimenti da 500 mila a 10 milioni di euro\r\nLa misura si rivolge, tra gli altri, ad alberghi, agriturismi, stabilimenti balnearie e termali, strutture ricettive all'aria aperta, porti turistici, imprese del settore fieristico e congressuale. Sono richiesti investimenti medio-grandi, compresi tra 500 mila e 10 milioni di euro, che puntano sulla sostenibilità e sulla digitalizzazione, in particolare sulla riqualificazione energetica e antisismica. Altri interventi agevolabili riguardano l'eliminazione delle barriere architettoniche, la manutenzione straordinaria, la realizzazione di piscine termali, l'acquisto o il rinnovo di arredi.\r\n\r\nDue le forme di agevolazione previste: il contributo diretto alla spesa, concessi dal ministero del Turismo, e un finanziamento agevolato, concesso da Cassa Depositi e Prestiti. Entrambe le agevolazioni verranno concesse sulla base della valutazione dei progetti affidata a Invitalia. Al finanziamento agevolato dovrà essere abbinato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata, erogato da una banca che aderisce all'apposita convenzione firmata da dicastero del Turismo, Associazione Bancaria Italiana e Cdp.\r\n\r\n ","post_title":"Pnrr: arrivano 1,4 miliardi per le imprese del ricettivo","post_date":"2023-01-25T12:38:35+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674650315000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437880","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_379784\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Marco Troncone[/caption]\r\n\r\n“La decarbonizzazione del trasporto aereo è una priorità indiscutibile per assicurare sia lo sviluppo e la transizione “giusta” dell’intero comparto sia l’accesso alla mobilità per i cittadini\": con queste parole Marco Troncone, amministratore delegato di Aeroporti di Roma, è intervenuto al Parlamento europeo a Bruxelles in occasione dell'evento “Decarbonizzare il settore aviazione: Aeroporti di Roma presenta una best practice italiana” promosso proprio da Adr per approfondire a livello europeo la finalità del “Patto per la Decarbonizzazione del trasporto aereo”. Obiettivo finale dell’osservatorio ideato dalla società di gestione degli aeroporti della Capitale è quello di di favorire e accelerare il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità del settore nel contesto degli SDGs e dell’Agenda 2030 prendendo a riferimento l’obiettivo di Net Zero Emissions entro il 2050.\r\n\r\nTroncone ha ribadito come il settore del trasporto aereo \"produce oggi meno del 2% delle emissioni globali, e già da anni è fortemente impegnato a ridurre le proprie emissioni per raggiungere livelli sempre più elevati di sostenibilità. Ma il contributo isolato delle singole aziende non è sufficiente. Per questo ci siamo fatti promotori del Patto che è nato per definire una roadmap sulla decarbonizzazione, utile anche per inquadrare le necessarie policy abilitanti, e, dopo averlo riunito lo scorso settembre a Roma, ora lo presentiamo a Bruxelles, convinti che un settore aviation a zero emissioni sia possibile ma solo nei giusti tempi e con il contributo di tutti gli stakeholders.\r\n\r\n\"Per centrare gli obiettivi di decarbonizzazione, sarà necessario perseguire una strategia multi-approccio che includa una molteplicità di soluzioni tecnologiche. Nel breve termine, l’opzione più avanzata sono i biocarburanti, i cc.dd. Saf, in quanto utilizzabili senza alcuna modifica tecnica dei velivoli, delle infrastrutture e dei mezzi per i rifornimenti”\r\n\r\nLo scorso  21 settembre si è svolto al Leonardo da Vinci il primo Congresso Annuale del Patto per la Decarbonizzazione del Trasporto Aereo. La risposta del settore è stata pronta. Al momento, si tratta di un unicum a livello internazionale che dimostra la maturità di un comparto che, grazie alla guida dell’Enac e dei ministeri di riferimento, intende assicurare il proprio solido contributo ai decisori italiani ed europei, soprattutto in considerazione della complessità delle politiche pubbliche da adottare. Sarà, infatti, fondamentale identificare il percorso per raggiungere i target senza deprimere il settore incentivando gli investimenti in ricerca e sviluppo attraverso misure in grado di ridurre le emissioni come: biocarburanti, utilizzo di fonti rinnovabili, nuove tecnologie per la propulsione degli aerei e lo sviluppo dell’intermodalità.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Adr, Troncone a Bruxelles: \"La decarbonizzazione è una priorità indiscutibile\"","post_date":"2023-01-25T09:33:56+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674639236000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437822","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Numeri importanti e davvero incoraggianti per Kel 12 che ha chiuso il bilancio 2021-22 allo scorso 30 settembre con un giro d'affari complessivo praticamente sui livelli del 2019: quasi a quota 13 milioni di euro, contro i 13,7 milioni registrati nell'anno pre-Covid. Ma quello che è forse più importante è il dato sui margini, che hanno raggiunto livelli persino superiori, grazie a tassi di riempimento davvero elevati. \"L'ultimo bilancio è andato meglio di quanto ci aspettassimo dalla ripresa del mercato - racconta il presidente Kel 12, Massimo Grossi -. Abbiamo infatti chiuso con un ebit oltre i 500 mila euro (profitti ante-imposte e interessi, ndr), mentre gli utili netti si sono attestati sopra i 250 mila euro. Numeri apparentemente non enormi, ma chi conosce le marginalità medie del nostro settore sa quanto siano in realtà significativi\".\r\n\r\nE il 2022/23 sta andando ancora meglio: \"A oggi abbiamo già raggiunto i risultati del 2022 - rivela infatti l'amministratore delegato del to, Gianluca Rubino -. A parità di periodo siamo al 30% in più per entrambi i brand (Kel 12 e i Viaggi di Maurizio Levi acquisito in piena pandemia, ndr). Per la chiusura dell'anno finanziario prevediamo di toccare quota 22 milioni di euro di fatturato, contro i 19 milioni che i due marchi distinti hanno messo a segno in totale nel 2019\". L'obiettivo è quindi di salire ulteriormente a 25 milioni nel giro di tre anni. \"A prima vista potrebbe sembrare un traguardo poco sfidante, dati i trend di crescita attuali - aggiunge Rubino -. Ma occorre tener conto della nostra tipologia di prodotto, che non permette uno sviluppo esponenziale dell'offerta. Basti pensare al fatto che la nostra linea più importante (quella dei viaggi con esperti rappresenta l'80% del nostro business complessivo) nel periodo di Capodanno ha registrato un record di 51 partenze. Ed è davvero difficile anche solo pensare di aumentare ulteriormente il numero di archeologi, antropologi, biologi... coinvolti come esperti nei nostri viaggi\".\r\n\r\nPer il prossimo futuro, l'operatore milanese pensa quindi a incrementare ulteriormente l'integrazione verticale del prodotto, tramite joint venture ad hoc con i partner locali, come per esempio è già avvenuto per le due dahabeye egiziane. \"Si tratta di operazioni che ci consentono di aumentare ulteriormente la qualità dei nostri prodotti - sottolinea Rubino -. Prossimamente pensiamo ad altre iniziative simili in Algeria, Arabia Saudita, Namibia, e India\".\r\n\r\nPer quanto riguarda i clienti finali, i piani sono di incrementare ulteriormente il già elevato livello di engagement dei viaggiatori. \"Pochi mesi fa abbiamo lanciato un nostro programma fedeltà, il Travel Klab, in collaborazione con Europ Assistance, mentre per l'estate sarà pronta una app proprietaria, pensata per facilitare la fruizione dei nostri servizi in viaggio\". Infine, lato distribuzione, il focus rimane decisamente sulla formazione. \"Data la peculiarità del nostro prodotto, storicamente lavoriamo con un panel di agenzie selezionate che oggi sono circa 300-400 - conclude Rubino -. Con un centinaio di loro conduciamo anche operazioni di co-marketing, per esempio per l'organizzazione di eventi e incontri con i nostri esperti, soprattutto nelle località più lontane dalle nostre sedi, che fatichiamo a raggiungere da soli\".","post_title":"Kel 12: fatturato a livelli pre-Covid; i margini persino meglio","post_date":"2023-01-24T12:46:34+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674564394000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437524","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437526\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il monastero Tashiding nel Sikkim[/caption]\r\n\r\nDopo un 2022 non certo facile che ha costretto il to a qualche rinvio, e nonostante un 2023 che ancora vede alcuni confini complicati da attraversare per i turisti (su tutti la Cina), Amitaba Viaggi torna finalmente a parlare di programmi di viaggi e iniziative legate alle destinazioni trattate. Il primo appuntamento è in particolare per venerdì prossimo, 20 gennaio, in via Roma 15 a Corsico, in provincia di Milano, per un incontro realizzato in collaborazione con il Cai locale dedicato ad \"Armenia e Georgia, magia del Caucaso\". Sarà condotto da Alessandro Zucic, che sarà anche la guida d'eccezione dell'itinerario \"Grande incontro con il Caucaso\", in programma a settembre.\r\n\r\nPer quanto riguarda i viaggi veri e propri, invece, protagonista del 2023 sarà sicuramente l'India. Tra gli itinerari dedicati al Paese asiatico si segnala in particolare \"Spiritualità ed antiche scienze\" (dal 7 al 16 aprile): dal tempio d’Oro di Amritsar a Dharamsala, per un approfondito incontro con la cultura del Paese delle Nevi. Conduce Teresa Bianca, che da anni risiede qui. Costo del viaggio: 1.250 euro. \"Sikkim, regno himalaiano\" (dal 22 aprile al 1° maggio) condurrà invece i viaggiatori in tutti i luoghi significativi di questo angolo del mondo, includendo anche le cittadine storiche di Darjeeling e Kalimpong. Conduce Federica Segretti.\r\n\r\nDa ricordare infine anche il viaggio che parte per il Pakistan l’11 maggio: \"Karakorum, Himalaia e Hindu Kush\", con la festa di primavera dei Kalash; un tour completo alla scoperta delle catene di monti tra le più belle del mondo. Conduce Vincenzo Sapienza.","post_title":"Amitaba Viaggi fa rotta su India, Pakistan, Armenia e Georgia","post_date":"2023-01-18T12:45:30+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674045930000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437492","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un racconto pensato per chi si approccia per la prima volta all’India, ma anche per quanti hanno già visitato il Paese e non vedono l’ora di tornarci, per vedere le cose da una prospettiva diversa. E' la nuova proposta World Explorer dedicata al Rajasthan: un viaggio di tredici giorni in compagnia del travel designer Pierpaolo Di Nardo, tra i maggiori esperti italiani del subcontinente indiano, con settanta viaggi nella destinazione alla spalle, tre libri editi da Polaris e uno spettacolo teatrale intitolato Maldindia.\r\n\r\n\"Ma il racconto non basta - recita una nota World Explorer -: non bastano le parole a spiegare fino in fondo l’incanto di un tramonto sulla fortezza di Jaisalmer, coi suoi 99 bastioni in pietra arenaria gialla che si infiammano sotto gli ultimi raggi del sole, o l’emozione di una notte sotto le stelle del deserto del Thar o, ancora, i profumi e i colori del mercato delle spezie e delle granaglie di Jodhpur, la città blu. Attraversando i verdeggianti monti Aravalli, ci perderemo tra le 1.444 colonne in marmo bianco finemente cesellate del santuario jainista di Ranakpur, per poi visitare in barca il Jag Mandir, il palazzo del Maharana al centro del lago Pichola. E non si può dire di aver conosciuto davvero la terra dei Maharaja senza una visita alla capitale Jaipur, il cuore pulsante del Rajasthan, con i suoi palazzi in arenaria rosa che al tramonto prendono il colore del cielo. L’ultima tappa del viaggio sarà Agra, la grande capitale dell’impero Moghul, la cui architettura è diventata simbolo dell’intera nazione: è qui, infatti, che svetta il Taj Mahal, una delle sette meraviglie del mondo, tappa obbligata di ogni viaggio in India che potrete visitare in una veste del tutto inedita: vi porteremo infatti in esclusiva ad ammirare il marmo bianco della cupola e dei minareti del mausoleo più famoso del mondo illuminarsi sotto la luna piena. Partenze previste il 6 marzo, il 5 aprile, il 20 e il 30 agosto. Quote a persona a partire da 3.140 euro (supplemento camera singola 890 euro).","post_title":"Il Rajasthan di World Explorer in compagnia del super esperto Pierpaolo Di Nardo","post_date":"2023-01-18T10:00:29+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674036029000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti