28 September 2022

Kel12 e Maurizio Levi lanciano“Le Parole in Viaggio” per una Turchia inedita

[ 0 ]

Si è tenuto a Palazzo Castiglioni, Milano il nuovo appuntamento del format “Parole in viaggio” – pensato da Kel12 insieme con I viaggi di Maurizio Levi e alla presenza di esperti. Di fronte al pubblico in sala e in diretta streaming è stato indagato il tema: “Turchia, crocevia di popoli e culture tra Europa e Asia”.

Gli ospiti si sono confrontati, moderati dal direttore di National Geographic Italia Marco Cattaneo. Il direttore dell’ufficio cultura e informazione dell’Ambasciata di Türkiye Riza Haluk Söner ha sottolineato lo stretto legame da sempre esistente tra l’Italia e la Turchia, un affascinante territorio a cavallo tra l’Europa e l’Asia, percorso nei secoli da diversi popoli e culture. La professoressa Vera Costantini, docente di lingua e storia turca presso l’università di Ca’ Foscari a Venezia, ha tratteggiato la “sua” Istambul, dove si integravano e assimilavano le diversità e dove il sistema culturale islamico era fortemente legato alla cultura classica.

Il grande esploratore e fondatore dell’omonimo to Maurizio Levi ha narrato di percorsi di trekking nella Cappadocia da vivere in piccoli gruppi e rigorosamente a piedi, alla scoperta di una realtà geologicamente unica, con percorsi intervallati dai misteriosi “camini delle fate”, dai rifugi degli anacoreti e da 36 vaste città sotterranee scavate dai cristiani in fuga dai musulmani. Lo storico e archeologo Fabio Bourbon ha narrato lo stupore del viaggiatore davanti a testimonianze stupefacenti della storia romana: teatri e anfiteatri, un ninfeo intatto, pezzi di storia di cui la natura ha preso possesso e che raccontano di fenomeni sismici e calamità naturali.

Distrutti nel passato ma ora ricomposti grazie all’attento lavoro degli archeologi. Ha preso parte al talk-show anche l’archeologo Dante Bartoli, testimone di tanta ricchezza e sempre impegnato in operazioni di riscoperta e di recupero, anche nelle profondità di un mare cristallino. I tour pensati da Kel 12 permettono di vivere la “cultura del viaggio”; in gruppi di 8, 16 persone e accompagnati proprio da questi esperti, si potranno visitare la Ionia e la Cappadocia o i tesori della Pisidia, vivere un’esperienza di trekking lungo la Via Licia o tra i pinnacoli della Cappadocia, seguire le orme dell’Iliade o ritrovare il mistero di chiese, moschee e caravanserragli.

“Parole in viaggio” è un talk-show che, in un viaggio virtuale, racconta tante sfaccettature della Turchia. «Per conquistare il cliente e condividere con lui la nostra filosofia di viaggio formiamo in modo attivo le nostre adv – sottolinea Sonia di Gregorio, direttore marketing e vendite di Kel12 – Oggi lavoriamo con circa 80 agenzie che hanno capito la nostra filosofia e sono nostri brand-ambassador; cresceremo ancora, ma non troppo, per preservare le caratteristiche della proposta. Oltre ai momenti di formazione offriamo alle adv diversi webinar fatti con gli specialisti. Il nostro racconto passa attraverso la formazione e la sperimentazione.

Insieme alle adv gestiamo le attività di marketing e anche le presentazioni per i viaggiatori interessati a una destinazione. La fidelizzazione dei clienti e la loro voglia di vivere la nostra filosofia del viaggio – conclude la Di Gregorio – dimostrano che, grazie al lavoro congiunto con le adv, siamo riusciti a comunicare la forza dei nostri progetti». Progetti che si possono realizzare anche grazie ai collegamenti aerei offerti dalla Turkish Airlines a partire da tante città italiane.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431118 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Recupero redditività ed individuazione delle leve  per l’ottimizzazione dei margini. Sono due fondamentalmente le emergenze da affrontare per GecoHotels. A fronte di una stagione positiva il problema del caro bollette ha travolto e rischia di far affondare tutto il settore, dagli alberghi ai vettori, fino ai tour operator e gli esercenti. «Città d’arte in forte recupero così come mare, campagna e montagna – commenta Marco Fabbroni Ceo di GeCo - A fronte di una ripresa, la bolletta schizza e certo questo non può essere  scaricato sul prezzo finale del cliente. La ripresa del turismo è evidente ma deve fare i conti con troppi elementi. Il turismo è una cartina tornasole, il primo settore che si muove in senso positivo ma anche negativo». In tale contesto moltissimi albergatori si trovano costretti ad eliminare tutto ciò che è superfluo ed il rischio è che qualcuno diminuisca la qualità del servizio. «Vediamo come si svilupperà la situazione che va continuamente monitorata – aggiunge Fabbroni - Quel che è certo è che la nostra attività non rappresenta un costo ma una leva: cerchiamo di ottimizzare la distribuzione commerciale, con un aumento delle vendite dirette tramite canali online e tradizionali. In poche parole è possibile concretamente diminuire i costi aumentando le vendite dirette. Mai come ora i nostri servizi devono essere visti anche come sistema per risolvere i problemi più impellenti». L’anno scorso GeCo ha avviato un dipartimento di Digital Marketing per offrire agli albergatori nuovi strumenti. «Uno strumento concreto che consente agli albergatori – conclude Fabbroni – di aumentare notevolmente l’incidenza delle vendite dirette. Mi pare evidente infatti che il forte risparmio sui costi di commissione consenta di recuperare notevolmente sull’ aumento delle bollette».           [post_title] => GecoHotels, individuare le leve per l'ottimizzazione dei margini [post_date] => 2022-09-27T10:24:58+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664274298000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431080 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_422253" align="alignleft" width="300"] Adriano Apicella[/caption] Welcome Travel Group conferma la propria partecipazione  a Ttg Travel Experience che si svolgerà a Rimini dal 12 al 14 ottobre 2022. La presenza in fiera sarà un importante momento di incontro e condivisione con le Agenzie e la direzione del Network; un’occasione per fare insieme il bilancio sui risultati dell’estate, l’andamento delle vendite, temi commerciali e progettualità in essere. «Torniamo a Ttg Travel Experience dopo due anni complicati e un'ultima estate complessa e sorprendente al tempo stesso  -  dichiara Adriano Apicella, amministratore delegato Welcome Travel Group -. La nostra  progettualità non ha mai subito battute d'arresto ed è con questo spirito che ci presentiamo all’appuntamento in Fiera. Il Ttg offre sempre la possibilità di confronti e condivisioni di business interessanti, incontreremo ‘lA GENTE dei viaggi’ attorno a cui costruiamo i nostri progetti e i Partner che ci affiancano in questo percorso. Come sempre, sarà un momento fondamentale di compartecipazione, costruzione, comprensione e scambio, utili nell'interpretazione del nuovo anno commerciale che ci apprestiamo ad affrontare, con la carica e l'entusiasmo di sempre". Protagonista all'interno dello stand sarà "lA GENTE dei viaggi". Un gioco di parole pensato per dare valore e mettere al centro le persone che da sempre sono il cuore del Network: Agenti di Viaggio e allo stesso tempo viaggiatori. Nell’ampio spazio espositivo - posizionato nel Padiglione C3  N. 125-126 - Welcome Travel Group ospiterà i brand Welcome Travel, Geo e Welcome Travel Store insieme ai co-espositori Valore Sicuro e Welcome to Italy.  All'interno, inoltre, è previsto un corner dedicato alla presentazione del nuovo CRM e dei portali WE hub e GEO space,  basati sulla tecnologia Salesforce e strutturati su misura per le esigenze delle Agenzie.   [post_title] => Welcome Travel Group sarà presente a Ttg Travel Experience [post_date] => 2022-09-26T11:06:13+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664190373000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431063 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Hong Kong compie un ulteriore passo sulla strada dell'eliminazione delle restrizioni imposte ai viaggiatori per controllare la diffusione del Covid: niente più quarantena obbligatoria negli hotel e nessun test Covid da effettuarsi prima del volo. Una volta giunti a Hong Kong però, viaggiatori in arrivo dovranno auto-monitorarsi per tre giorni per verificare l'eventuale presenza di un'infezione. In altre parole dovranno evitare strutture come ristoranti o centri commerciali per i primi tre giorni.   La notizia di questo allentamento delle restrizioni di viaggio ha da subito innescato un balzo in avanti delle richieste di viaggio e delle prenotazioni dei voli verso la città, tanto che Cathay Pacific prevede per ottobre l'aggiunta di altri 200 voli verso destinazioni asiatiche e di lungo raggio.   [post_title] => Hong Kong: niente più quarantena in hotel e test prima della partenza [post_date] => 2022-09-26T10:03:01+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664186581000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431047 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lumiwings ha fatto il suo debutto sulla pista dell'aeroporto di Foggia, lo scorso venerdì. In attesa del primo volo per Milano Malpensa, in programma per il prossimo 30 settembre alle 18.25, un Boeing B737-300 è giunto al ‘Gino Lisa’ per un volo di familiarizzazione con l’infrastruttura foggiana. “Abbiamo mantenuto la promessa – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile -. Era il 7 novembre del 2011 quando l’ultimo aereo decollò da Foggia alla volta di Milano. E oggi 23 settembre un aereo destinato ai voli commerciali atterra al ‘Gino Lisa’. 7 novembre 2011-23 settembre 2022. Sono due date importanti per Aeroporti di Puglia e per il territorio foggiano: in questi anni siamo riusciti a superare problemi tecnici di enorme complessità, ai quali si è aggiunto lo stop determinato dalla pandemia; e ci siamo riusciti grazie a un lavoro incessante, portato avanti da una squadra coesa e determinata".  "La rinascita del Gino Lisa racchiude speranze di crescita e progresso sociale, economico e culturale, nuove progettualità, il desiderio di rafforzare questa destinazione per renderla una meta turistica tutto l’anno, essendo già una terra amatissima per la ricchezza del suo patrimonio artistico e paesaggistico - ha aggiunto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano - . Quelle di oggi sono immagini che descrivono meglio delle parole la concretezza del lavoro di questi anni, un lavoro sostenuto dalla determinazione dei cittadini di Foggia che tanto hanno desiderato realizzare questo obiettivo”. [post_title] => Lumiwings atterra a Foggia e scalda i motori per il decollo su Milano Malpensa [post_date] => 2022-09-26T08:58:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664182682000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430764 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aprirà il prossimo 1° dicembre il nuovo Valtur Cervinia Cristallo Ski Resort, frutto del completo rinnovamento del Grand Hotel Cristallo. Un'operazione che ha visto il coinvolgimento diretto di Valtur, responsabile anche della gestione. Parole chiave del progetto sono la contaminazione con il genius loci e la destinazione, la personalizzazione, il well-being, l'innovazione e l'amore per l’ambiente. E per dare a queste parole la corretta concretezza, Valtur ha deciso di creare la nuova linea di prodotto Italian Lifestyle Collection e di inaugurarla proprio con il Valtur Cervinia Cristallo. Il concept può peraltro già definirsi un successo, visto che a poche settimane dall’inizio delle vendite, ha già riscontrato il grande favore di un target di turisti internazionali: a oggi si registrano infatti all’apertura prenotazioni sul 50% della struttura, provenienti da ben 18 nazionalità differenti. Ubicato a 2000 metri, a circa 800 metri dal centro di Cervinia e dal comprensorio internazionale Matterhorn Ski Paradise, che conta circa 350 chilometri di piste, il resort si compone di differenti nuclei indipendenti e al tempo stesso interconnessi: il corpo centrale Cristallo, di categoria 5 stelle, e due edifici dependance che lo affiancano, denominati Cristallino 1 e 2, di categoria 4 stelle. La scelta di differenziare standard e spazi è strategica per la capacità di soddisfare target differenti. Le camere sono complessivamente 234, ubicate nei tre edifici: il corpo centrale ne conta 96, suddivise tra Romantic, Superior, Deluxe, Junior suite (tra cui, con supplemento le Fit room, dotate di macchine e programmi Technogym, e le Wellness room, dotate di sauna), nonché suite. Le altre 138 sono ripartite tra il Cristallino 1 e 2, con differenti opzioni adatte anche per le famiglie. Tra queste si annoverano le tipologie Classic, Dreamy, Comfort, Family (di cui alcune a tema gaming), Grand Family, Junior suite Cristallino (con opzione Fit room), suite Cristallino, suite Cervino e master suite Cervino. Le dimensioni variano dai 22 metri quadrati della classic più piccola ai 130 della master suite Cervino che, come la suite Cervino (75 metri quadrati), offre una vista sull’omonima montagna e speciali servizi esclusivi spa e fitness Technogym, da vivere anche in forma esclusiva. “Siamo fieri di poter essere protagonisti di una nuova era per il futuro di un brand glorioso come Valtur che lo riporta, e ci porta per la prima volta, nel cuore delle Alpi - sottolinea l'a.d. del gruppo Nicolaus, Giuseppe Pagliara -. Non vedevamo l’ora di annunciarlo e di vedere un progetto a cui stiamo lavorando alacremente da mesi diventare realtà. L’orgoglio per la sua concretizzazione è grande, anche perché abbiamo condiviso ogni scelta stilistica, estetica, materiale, logistica e ambientale fin dall’apertura del cantiere insieme alla proprietà, con cui si è creata un’intesa oltre ogni aspettativa. Siamo, quindi, davvero protagonisti di questa rinascita e, lasciatemelo dire, ci fa un po’ di effetto essere pionieri in montagna, noi che abbiamo radici personali e professionali legate profondamente al mare”. Chi varcherà la soglia il 1° dicembre troverà quindi ad attenderlo due ristoranti, un private dining room, un bistrot, due bar e una lobby area, ma anche i due campi da padel più alti d’Europa e una pista polivalente per pattinaggio su ghiaccio, hockey e curling, una palestra e due piscine. A tutto ciò si aggiungono tre postazioni dj set, una teatro, la spa Miele, una ski room by Rossignol con possibilità di noleggio attrezzature da sci, un luxury vintage corner, una boutique multibrand e un miniclub all’avanguardia, la Giorgio Rocca Ski School Cervinia, un modernissimo tapis roulant per accompagnare sci ai piedi gli ospiti dalla struttura direttamente sulle piste, una gaming room e altri spazi come la terrazza Cervino e il Valtur Smart Space per lo svolgimento di attività in remote working. In esclusiva per gli ospiti del 5 stelle ci saranno infine la Valtur Executive Lounge, un’area check-in riservata e una vip ski-room, oltre ai servizi di conciergerie e lifestyle assistant, menù del materasso e dei cuscini.   [post_title] => Con l'apertura del Valtur Cervinia Cristallo nasce anche la nuova Italian Lifestyle Collection [post_date] => 2022-09-20T12:12:10+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663675930000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430611 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è grande euforia nell'aria. Almeno tra le alte vette dell'ospitalità di lusso. Lo si è visto, anzi lo si è toccato con mano ieri, tra le sale gremite della Luxury Hospitality Conference, svoltasi presso il nuovissimo Lh Collection Milano Citylife. L'evento organizzato da Teamwork in collaborazione con HotelMyPassion è stata l'occasione per fare il punto della situazione nel comparto di alta gamma dell'ospitalità. E l'entusiasmo è tale che c'è chi, come la ceo del Grand Hotel Tremezzo, Valentina De Santis, si è spinta a dire che "nel lusso la domanda eguaglia sempre, se non addirittura supera l'offerta. Persino nel 2020 (l'anno peggiore della crisi pandemica, ndr) la richiesta da noi è stata eccezionale. I mercati si sostituiscono. Se si chiude una porta, se ne apre un'altra". Un caso particolarmente fortunato? Forse. Sicuramente la destinazione lago di Como, dove si trova il Grand Hotel Tremezzo, ha goduto di condizioni particolari; in primis la vicinanza con importanti mercati di prossimità europei. Però la sensazione, anzi la certezza, è che il mercato del lusso sia ripartito davvero più forte di prima. "Godiamoci il momento", ha dichiarato a margine dell'evento il general manager del Principe di Savoia di Milano, Ezio Indiani. E il momento è davvero speciale. Anche perché "le tariffe sono cresciute a 360 gradi", ma la domanda si è dimostrata completamente insensibile al prezzo, ha sottolineato la brand director di R Collection Hotels, Ludovica Rocchi. Persino il mercato domestico, da sempre un po' più attento alle variazioni tariffarie, non ha mostrato alcuna resistenza al costo camera, ha precisato Luca Marinelli, area director learning and development, Italia, Spagna e Portogallo di Belmond. Neppure il caro energia spaventa perciò più di tanto gli hotelier, "perché di spazio, per alzare le tariffe, ce n'è ancora", ha rassicurato Luigi Passera. Certo, l'importante è rimanere sempre coerenti con se stessi, ha aggiunto il ceo di Lario Hotels: occorre, in altre parole, giustificare eventuali incrementi con la qualità del prodotto. La preoccupazione che si tratti solo di un rimbalzo temporaneo, frutto della reazione di una domanda compressa da due anni di Covid, non pare insomma sfiorare i protagonisti del lusso. Piuttosto, ad aleggiare sul comparto, rimane la questione risorse umane: "Oggi, oltre al vecchio adagio location, location, location - ha ripreso ancora Passera -, per avere successo nell'hotellerie occorre aggiungere la nuova triade people, people, people. Il problema è che non ci sono abbastanza persone per soddisfare le esigenze di questo settore. Il rischio è che l'industria si blocchi. Il numero di alberghi, soprattutto nei contesti di fascia alta, sta aumentando vertiginosamente, mentre la formazione stenta e le istituzioni ancora faticano a considerare il turismo come una risorsa chiave per il Paese". La colpa però è anche un po' del comparto stesso, ha ammesso in un altro panel, il director of operations di Rocco Forte Hotels, Antonello De Medici: "Nei colloqui di lavoro, quasi sempre ci si limita a parlare di meri dati contabili: il livello di stipendio, i giorni di ferie, i riposi... Persino nel lusso, non riusciamo quasi mai a trasmettere ai potenziali candidati quanto sia bello e divertente lavorare in contesti come il nostro. Eppure, è innegabile: si vive in mezzo a bella gente, si ha la possibilità di frequentare eventi esclusivi, sia mondani, sia culturali...". Un vantaggio competitivo, insomma, da non dare per scontato, ma da sfruttare di più è meglio. [post_title] => Hotelier del lusso euforici: "Godiamoci il momento" [post_date] => 2022-09-16T13:34:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663335288000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430563 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_430569" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Herwig Kokzer, nuovo direttore di Austria Turismo per Italia e Spagna, e Oskar Hinteregger[/caption] Garantire all'Austria ancora "maggiore visibilità sul mercato italiano, facendo leva su tre aspetti in particolare, dell'offerta: cultura e città, outdoor e benessere nella natura, e infine quei tesori nascosti - sia dal punto di vista culturale sia della natura - situati non soltanto nella parte sud del Paese". Questi i primi obiettivi messi a fuoco da Herwig Kolzer, nuovo direttore di Austria Turismo per Italia e Spagna, che ieri sera ha ufficialmente ricevuto il testimone dal suo predecessore, Oskar Hinteregger.   Kolzer sbarca in Italia dopo essere stato alla guida dei team di Austria Turismo a Parigi, Londra e Amsterdam: "Sono felice di essere in uno dei Paesi più belli del mondo - ha dichiarato il neo direttore -. L'Italia, come pure la Spagna, rappresentano importanti mercati di provenienza per il turismo austriaco e i quasi 3 milioni di pernottamenti dall'Italia e più di 1 milione dalla Spagna (dati pre-pandemia, ndr) lo dimostrano. E nonostante quello che attraversiamo sia un periodo impegnativo, c’è molto margine di crescita". Intanto, benché manchino ancora i dati ufficiali del  mese di agosto, l'estate 2022 ha portato risultati "molto positivi dall'Italia: i dati di luglio mostrano solo il 10% in meno rispetto a quelli record del 2019". Prime iniziative promozionali in Italia già definite, "con campagne digital e iniziative sulle metropolitane di Milano e Brescia. Focus stretto sui prossimi mercatini di Natale".   Da Oskar Hinteregger, già ufficialmente alla direzione di Austria Turismo a Budapest, il sentito ringraziamento all'intero team dell'ente qui a Milano, "sempre vicino in questi cinque anni: insieme abbiamo realizzato tanti bei progetti. E gli 1,2 milioni all'anno di turisti italiani in Austria lo dimostrano e sono un numero impressionante". [post_title] => Austria Turismo: obiettivi e prime mosse del neo direttore Herwig Kolzer [post_date] => 2022-09-16T10:07:37+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663322857000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430377 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà "Planning a sustainable growth" il filo conduttore della quarta edizione dell'Italian Hospitality Investment Conference (Ithic): esperti e professionisti del settore immobiliare e finanziario si incontreranno a Rimini tra il 10 e l'11 ottobre con i leader dell’ospitalità provenienti da dieci Paesi differenti, per due intense giornate di lavori in programma al Grand Hotel e al Palacongressi della città romagnola. Si parlerà dunque di come scegliere, discutere e costruire un percorso di crescita e sviluppo sostenibile nell’hospitality sotto il profilo ambientale, sociale e finanziario. Organizzato da Teamwork Hospitality, con la regia tecnico-scientifica della società di consulenza Thrends,  Ithic è un evento b2b unico nel suo genere, dedicato all’industria alberghiera, al settore immobiliare e alla finanza specializzata, che si rivolge a gruppi alberghieri, fondi d’investimento, banche, sviluppatori immobiliari, società di consulenza, studi legali e operatori del settore. La presenza di un selezionato gruppo di 700 delegati offrirà in particolare preziose opportunità di incontro e di nuovi contatti e sarà al contempo l’occasione di rinnovare relazioni con il mondo professionale degli operatori che si incontreranno a Rimini per affrontare insieme grandi temi sul tappeto, quali lo sviluppo alberghiero del prossimo biennio, la finanza a progetti di riqualificazione urbana, la ricerca di marginalità nel leisure e nel business, le prospettive del mercato nel post-Covid... Fra i nomi di spicco che hanno già confermato la loro presenza sul palco di Ithic ci saranno Sebastien Bazin, ceo di Accor, Ramon Aragones, ceo di Nh Hotel Group, Josh Littman, vicepresident di Sh Hotels & Resorts, Timo Gruenert, ceo di Oetker Collection, Corrado Passera, founder & ceo di illimity Bank, nonché rappresentanti Blackstone, Azora, Bank of America, Boscalt, Cerberus, Kkr, Stoneweg, Goldman Sachs. L’edizione 2022 di Ithic sarà anche una vetrina di proposte e opportunità di investimento specificamente pensata per le istituzioni pubbliche: agenzie governative e pubbliche istituzioni avranno infatti l’occasione di promuovere i loro investimenti e presentare i progetti per la valorizzazione degli asset a un pubblico internazionale di investitori.   [post_title] => Sostenibilità, la parola chiave di Ithic 2022. Appuntamento a Rimini dal 10 all'11 ottobre [post_date] => 2022-09-13T12:23:20+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663071800000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430360 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_430365" align="alignleft" width="300"] Uno scorcio del Grand Hotel et de Milan[/caption] Sono dieci albergatori e quattro ristoratori, per un totale di 14 nuovi indirizzi, le ultime new entry italiane del brand les Collectionneurs, che riunisce oggi 540 strutture ricettive e locali enogastronomici in 14 Paesi differenti. «Puntiamo a raggiungere una presenza sempre più capillare a livello territoriale – dichiara Carole Pourchet, direttrice generale di les Collectionneurs –. E grazie a un’azione di ricerca e sviluppo che stiamo portando avanti costantemente in Italia, abbiamo rafforzato il nostro portfolio di esperienze uniche in regioni come la Valle d’Aosta, l’Umbria, la Sicilia e la Calabria, dove fino a poco tempo fa eravamo poco presenti». Tra le novità, ecco allora i Grand Hotel et de Milan e Angiolieri a Seiano di Vico Equense, non lontano da Sorrento, ma anche la trattoria Contemporanea di Lomazzo, sul lago di Como, e il locale Materiaprima di Pontinia, in provincia di Latina. New entry sono anche il ristorante Da Tonino e Casa Mariantonia sull'isola di Capri. Tornando a nord, si è aggiunto poi il relais il Nazionale di Vernate, mentre in Val d'Aosta si parla del Café Quinson e del Crest Alpine Lodge & Spa. In Umbria si sono inoltre affiliati la Locanda del Capitano, ex residenza della famiglia del condottiero Braccio Fortebracci, nonché la tenuta Borgo Santa Cecilia di Gubbio. Novità infine in Calabria, con il Praia Art Resort e il ristorante Luigi Lepore, nonché in Sicilia, con il Barone di Villagrande. [post_title] => Cresce l'offerta italiana di Les Collectionneurs con dieci hotel e quattro ristoranti [post_date] => 2022-09-13T10:16:14+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663064174000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "kel12 e maurizio levi lancianole parole in viaggio" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":43,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":648,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431118","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Recupero redditività ed individuazione delle leve  per l’ottimizzazione dei margini. Sono due fondamentalmente le emergenze da affrontare per GecoHotels. A fronte di una stagione positiva il problema del caro bollette ha travolto e rischia di far affondare tutto il settore, dagli alberghi ai vettori, fino ai tour operator e gli esercenti.\r\n\r\n«Città d’arte in forte recupero così come mare, campagna e montagna – commenta Marco Fabbroni Ceo di GeCo - A fronte di una ripresa, la bolletta schizza e certo questo non può essere  scaricato sul prezzo finale del cliente. La ripresa del turismo è evidente ma deve fare i conti con troppi elementi. Il turismo è una cartina tornasole, il primo settore che si muove in senso positivo ma anche negativo».\r\n\r\nIn tale contesto moltissimi albergatori si trovano costretti ad eliminare tutto ciò che è superfluo ed il rischio è che qualcuno diminuisca la qualità del servizio.\r\n\r\n«Vediamo come si svilupperà la situazione che va continuamente monitorata – aggiunge Fabbroni - Quel che è certo è che la nostra attività non rappresenta un costo ma una leva: cerchiamo di ottimizzare la distribuzione commerciale, con un aumento delle vendite dirette tramite canali online e tradizionali. In poche parole è possibile concretamente diminuire i costi aumentando le vendite dirette. Mai come ora i nostri servizi devono essere visti anche come sistema per risolvere i problemi più impellenti».\r\n\r\nL’anno scorso GeCo ha avviato un dipartimento di Digital Marketing per offrire agli albergatori nuovi strumenti. «Uno strumento concreto che consente agli albergatori – conclude Fabbroni – di aumentare notevolmente l’incidenza delle vendite dirette. Mi pare evidente infatti che il forte risparmio sui costi di commissione consenta di recuperare notevolmente sull’ aumento delle bollette».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"GecoHotels, individuare le leve per l'ottimizzazione dei margini","post_date":"2022-09-27T10:24:58+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664274298000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431080","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_422253\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Adriano Apicella[/caption]\r\n\r\nWelcome Travel Group conferma la propria partecipazione  a Ttg Travel Experience che si svolgerà a Rimini dal 12 al 14 ottobre 2022.\r\n\r\nLa presenza in fiera sarà un importante momento di incontro e condivisione con le Agenzie e la direzione del Network; un’occasione per fare insieme il bilancio sui risultati dell’estate, l’andamento delle vendite, temi commerciali e progettualità in essere.\r\n\r\n«Torniamo a Ttg Travel Experience dopo due anni complicati e un'ultima estate complessa e sorprendente al tempo stesso  -  dichiara Adriano Apicella, amministratore delegato Welcome Travel Group -. La nostra  progettualità non ha mai subito battute d'arresto ed è con questo spirito che ci presentiamo all’appuntamento in Fiera. Il Ttg offre sempre la possibilità di confronti e condivisioni di business interessanti, incontreremo ‘lA GENTE dei viaggi’ attorno a cui costruiamo i nostri progetti e i Partner che ci affiancano in questo percorso. Come sempre, sarà un momento fondamentale di compartecipazione, costruzione, comprensione e scambio, utili nell'interpretazione del nuovo anno commerciale che ci apprestiamo ad affrontare, con la carica e l'entusiasmo di sempre\".\r\n\r\nProtagonista all'interno dello stand sarà \"lA GENTE dei viaggi\". Un gioco di parole pensato per dare valore e mettere al centro le persone che da sempre sono il cuore del Network: Agenti di Viaggio e allo stesso tempo viaggiatori.\r\n\r\nNell’ampio spazio espositivo - posizionato nel Padiglione C3  N. 125-126 - Welcome Travel Group ospiterà i brand Welcome Travel, Geo e Welcome Travel Store insieme ai co-espositori Valore Sicuro e Welcome to Italy.  All'interno, inoltre, è previsto un corner dedicato alla presentazione del nuovo CRM e dei portali WE hub e GEO space,  basati sulla tecnologia Salesforce e strutturati su misura per le esigenze delle Agenzie.\r\n\r\n ","post_title":"Welcome Travel Group sarà presente a Ttg Travel Experience","post_date":"2022-09-26T11:06:13+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1664190373000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431063","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Hong Kong compie un ulteriore passo sulla strada dell'eliminazione delle restrizioni imposte ai viaggiatori per controllare la diffusione del Covid: niente più quarantena obbligatoria negli hotel e nessun test Covid da effettuarsi prima del volo.\r\n\r\nUna volta giunti a Hong Kong però, viaggiatori in arrivo dovranno auto-monitorarsi per tre giorni per verificare l'eventuale presenza di un'infezione. In altre parole dovranno evitare strutture come ristoranti o centri commerciali per i primi tre giorni.\r\n\r\n \r\n\r\nLa notizia di questo allentamento delle restrizioni di viaggio ha da subito innescato un balzo in avanti delle richieste di viaggio e delle prenotazioni dei voli verso la città, tanto che Cathay Pacific prevede per ottobre l'aggiunta di altri 200 voli verso destinazioni asiatiche e di lungo raggio.\r\n\r\n ","post_title":"Hong Kong: niente più quarantena in hotel e test prima della partenza","post_date":"2022-09-26T10:03:01+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664186581000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431047","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Lumiwings ha fatto il suo debutto sulla pista dell'aeroporto di Foggia, lo scorso venerdì.\r\n\r\nIn attesa del primo volo per Milano Malpensa, in programma per il prossimo 30 settembre alle 18.25, un Boeing B737-300 è giunto al ‘Gino Lisa’ per un volo di familiarizzazione con l’infrastruttura foggiana.\r\n\r\n“Abbiamo mantenuto la promessa – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile -. Era il 7 novembre del 2011 quando l’ultimo aereo decollò da Foggia alla volta di Milano. E oggi 23 settembre un aereo destinato ai voli commerciali atterra al ‘Gino Lisa’. 7 novembre 2011-23 settembre 2022. Sono due date importanti per Aeroporti di Puglia e per il territorio foggiano: in questi anni siamo riusciti a superare problemi tecnici di enorme complessità, ai quali si è aggiunto lo stop determinato dalla pandemia; e ci siamo riusciti grazie a un lavoro incessante, portato avanti da una squadra coesa e determinata\". \r\n\r\n\"La rinascita del Gino Lisa racchiude speranze di crescita e progresso sociale, economico e culturale, nuove progettualità, il desiderio di rafforzare questa destinazione per renderla una meta turistica tutto l’anno, essendo già una terra amatissima per la ricchezza del suo patrimonio artistico e paesaggistico - ha aggiunto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano - . Quelle di oggi sono immagini che descrivono meglio delle parole la concretezza del lavoro di questi anni, un lavoro sostenuto dalla determinazione dei cittadini di Foggia che tanto hanno desiderato realizzare questo obiettivo”.","post_title":"Lumiwings atterra a Foggia e scalda i motori per il decollo su Milano Malpensa","post_date":"2022-09-26T08:58:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664182682000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430764","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aprirà il prossimo 1° dicembre il nuovo Valtur Cervinia Cristallo Ski Resort, frutto del completo rinnovamento del Grand Hotel Cristallo. Un'operazione che ha visto il coinvolgimento diretto di Valtur, responsabile anche della gestione. Parole chiave del progetto sono la contaminazione con il genius loci e la destinazione, la personalizzazione, il well-being, l'innovazione e l'amore per l’ambiente. E per dare a queste parole la corretta concretezza, Valtur ha deciso di creare la nuova linea di prodotto Italian Lifestyle Collection e di inaugurarla proprio con il Valtur Cervinia Cristallo. Il concept può peraltro già definirsi un successo, visto che a poche settimane dall’inizio delle vendite, ha già riscontrato il grande favore di un target di turisti internazionali: a oggi si registrano infatti all’apertura prenotazioni sul 50% della struttura, provenienti da ben 18 nazionalità differenti.\r\n\r\nUbicato a 2000 metri, a circa 800 metri dal centro di Cervinia e dal comprensorio internazionale Matterhorn Ski Paradise, che conta circa 350 chilometri di piste, il resort si compone di differenti nuclei indipendenti e al tempo stesso interconnessi: il corpo centrale Cristallo, di categoria 5 stelle, e due edifici dependance che lo affiancano, denominati Cristallino 1 e 2, di categoria 4 stelle. La scelta di differenziare standard e spazi è strategica per la capacità di soddisfare target differenti.\r\n\r\nLe camere sono complessivamente 234, ubicate nei tre edifici: il corpo centrale ne conta 96, suddivise tra Romantic, Superior, Deluxe, Junior suite (tra cui, con supplemento le Fit room, dotate di macchine e programmi Technogym, e le Wellness room, dotate di sauna), nonché suite. Le altre 138 sono ripartite tra il Cristallino 1 e 2, con differenti opzioni adatte anche per le famiglie. Tra queste si annoverano le tipologie Classic, Dreamy, Comfort, Family (di cui alcune a tema gaming), Grand Family, Junior suite Cristallino (con opzione Fit room), suite Cristallino, suite Cervino e master suite Cervino. Le dimensioni variano dai 22 metri quadrati della classic più piccola ai 130 della master suite Cervino che, come la suite Cervino (75 metri quadrati), offre una vista sull’omonima montagna e speciali servizi esclusivi spa e fitness Technogym, da vivere anche in forma esclusiva.\r\n\r\n“Siamo fieri di poter essere protagonisti di una nuova era per il futuro di un brand glorioso come Valtur che lo riporta, e ci porta per la prima volta, nel cuore delle Alpi - sottolinea l'a.d. del gruppo Nicolaus, Giuseppe Pagliara -. Non vedevamo l’ora di annunciarlo e di vedere un progetto a cui stiamo lavorando alacremente da mesi diventare realtà. L’orgoglio per la sua concretizzazione è grande, anche perché abbiamo condiviso ogni scelta stilistica, estetica, materiale, logistica e ambientale fin dall’apertura del cantiere insieme alla proprietà, con cui si è creata un’intesa oltre ogni aspettativa. Siamo, quindi, davvero protagonisti di questa rinascita e, lasciatemelo dire, ci fa un po’ di effetto essere pionieri in montagna, noi che abbiamo radici personali e professionali legate profondamente al mare”.\r\n\r\nChi varcherà la soglia il 1° dicembre troverà quindi ad attenderlo due ristoranti, un private dining room, un bistrot, due bar e una lobby area, ma anche i due campi da padel più alti d’Europa e una pista polivalente per pattinaggio su ghiaccio, hockey e curling, una palestra e due piscine. A tutto ciò si aggiungono tre postazioni dj set, una teatro, la spa Miele, una ski room by Rossignol con possibilità di noleggio attrezzature da sci, un luxury vintage corner, una boutique multibrand e un miniclub all’avanguardia, la Giorgio Rocca Ski School Cervinia, un modernissimo tapis roulant per accompagnare sci ai piedi gli ospiti dalla struttura direttamente sulle piste, una gaming room e altri spazi come la terrazza Cervino e il Valtur Smart Space per lo svolgimento di attività in remote working. In esclusiva per gli ospiti del 5 stelle ci saranno infine la Valtur Executive Lounge, un’area check-in riservata e una vip ski-room, oltre ai servizi di conciergerie e lifestyle assistant, menù del materasso e dei cuscini.\r\n\r\n ","post_title":"Con l'apertura del Valtur Cervinia Cristallo nasce anche la nuova Italian Lifestyle Collection","post_date":"2022-09-20T12:12:10+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663675930000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430611","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è grande euforia nell'aria. Almeno tra le alte vette dell'ospitalità di lusso. Lo si è visto, anzi lo si è toccato con mano ieri, tra le sale gremite della Luxury Hospitality Conference, svoltasi presso il nuovissimo Lh Collection Milano Citylife. L'evento organizzato da Teamwork in collaborazione con HotelMyPassion è stata l'occasione per fare il punto della situazione nel comparto di alta gamma dell'ospitalità. E l'entusiasmo è tale che c'è chi, come la ceo del Grand Hotel Tremezzo, Valentina De Santis, si è spinta a dire che \"nel lusso la domanda eguaglia sempre, se non addirittura supera l'offerta. Persino nel 2020 (l'anno peggiore della crisi pandemica, ndr) la richiesta da noi è stata eccezionale. I mercati si sostituiscono. Se si chiude una porta, se ne apre un'altra\".\r\n\r\nUn caso particolarmente fortunato? Forse. Sicuramente la destinazione lago di Como, dove si trova il Grand Hotel Tremezzo, ha goduto di condizioni particolari; in primis la vicinanza con importanti mercati di prossimità europei. Però la sensazione, anzi la certezza, è che il mercato del lusso sia ripartito davvero più forte di prima. \"Godiamoci il momento\", ha dichiarato a margine dell'evento il general manager del Principe di Savoia di Milano, Ezio Indiani.\r\n\r\nE il momento è davvero speciale. Anche perché \"le tariffe sono cresciute a 360 gradi\", ma la domanda si è dimostrata completamente insensibile al prezzo, ha sottolineato la brand director di R Collection Hotels, Ludovica Rocchi. Persino il mercato domestico, da sempre un po' più attento alle variazioni tariffarie, non ha mostrato alcuna resistenza al costo camera, ha precisato Luca Marinelli, area director learning and development, Italia, Spagna e Portogallo di Belmond. Neppure il caro energia spaventa perciò più di tanto gli hotelier, \"perché di spazio, per alzare le tariffe, ce n'è ancora\", ha rassicurato Luigi Passera. Certo, l'importante è rimanere sempre coerenti con se stessi, ha aggiunto il ceo di Lario Hotels: occorre, in altre parole, giustificare eventuali incrementi con la qualità del prodotto.\r\n\r\nLa preoccupazione che si tratti solo di un rimbalzo temporaneo, frutto della reazione di una domanda compressa da due anni di Covid, non pare insomma sfiorare i protagonisti del lusso. Piuttosto, ad aleggiare sul comparto, rimane la questione risorse umane: \"Oggi, oltre al vecchio adagio location, location, location - ha ripreso ancora Passera -, per avere successo nell'hotellerie occorre aggiungere la nuova triade people, people, people. Il problema è che non ci sono abbastanza persone per soddisfare le esigenze di questo settore. Il rischio è che l'industria si blocchi. Il numero di alberghi, soprattutto nei contesti di fascia alta, sta aumentando vertiginosamente, mentre la formazione stenta e le istituzioni ancora faticano a considerare il turismo come una risorsa chiave per il Paese\".\r\n\r\nLa colpa però è anche un po' del comparto stesso, ha ammesso in un altro panel, il director of operations di Rocco Forte Hotels, Antonello De Medici: \"Nei colloqui di lavoro, quasi sempre ci si limita a parlare di meri dati contabili: il livello di stipendio, i giorni di ferie, i riposi... Persino nel lusso, non riusciamo quasi mai a trasmettere ai potenziali candidati quanto sia bello e divertente lavorare in contesti come il nostro. Eppure, è innegabile: si vive in mezzo a bella gente, si ha la possibilità di frequentare eventi esclusivi, sia mondani, sia culturali...\". Un vantaggio competitivo, insomma, da non dare per scontato, ma da sfruttare di più è meglio.","post_title":"Hotelier del lusso euforici: \"Godiamoci il momento\"","post_date":"2022-09-16T13:34:48+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1663335288000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430563","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n[caption id=\"attachment_430569\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Herwig Kokzer, nuovo direttore di Austria Turismo per Italia e Spagna, e Oskar Hinteregger[/caption]\r\n\r\nGarantire all'Austria ancora \"maggiore visibilità sul mercato italiano, facendo leva su tre aspetti in particolare, dell'offerta: cultura e città, outdoor e benessere nella natura, e infine quei tesori nascosti - sia dal punto di vista culturale sia della natura - situati non soltanto nella parte sud del Paese\". Questi i primi obiettivi messi a fuoco da Herwig Kolzer, nuovo direttore di Austria Turismo per Italia e Spagna, che ieri sera ha ufficialmente ricevuto il testimone dal suo predecessore, Oskar Hinteregger.\r\n\r\n\r\n \r\nKolzer sbarca in Italia dopo essere stato alla guida dei team di Austria Turismo a Parigi, Londra e Amsterdam: \"Sono felice di essere in uno dei Paesi più belli del mondo - ha dichiarato il neo direttore -. L'Italia, come pure la Spagna, rappresentano importanti mercati di provenienza per il turismo austriaco e i quasi 3 milioni di pernottamenti dall'Italia e più di 1 milione dalla Spagna (dati pre-pandemia, ndr) lo dimostrano. E nonostante quello che attraversiamo sia un periodo impegnativo, c’è molto margine di crescita\". Intanto, benché manchino ancora i dati ufficiali del  mese di agosto, l'estate 2022 ha portato risultati \"molto positivi dall'Italia: i dati di luglio mostrano solo il 10% in meno rispetto a quelli record del 2019\". Prime iniziative promozionali in Italia già definite, \"con campagne digital e iniziative sulle metropolitane di Milano e Brescia. Focus stretto sui prossimi mercatini di Natale\".\r\n \r\nDa Oskar Hinteregger, già ufficialmente alla direzione di Austria Turismo a Budapest, il sentito ringraziamento all'intero team dell'ente qui a Milano, \"sempre vicino in questi cinque anni: insieme abbiamo realizzato tanti bei progetti. E gli 1,2 milioni all'anno di turisti italiani in Austria lo dimostrano e sono un numero impressionante\".","post_title":"Austria Turismo: obiettivi e prime mosse del neo direttore Herwig Kolzer","post_date":"2022-09-16T10:07:37+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663322857000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430377","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà \"Planning a sustainable growth\" il filo conduttore della quarta edizione dell'Italian Hospitality Investment Conference (Ithic): esperti e professionisti del settore immobiliare e finanziario si incontreranno a Rimini tra il 10 e l'11 ottobre con i leader dell’ospitalità provenienti da dieci Paesi differenti, per due intense giornate di lavori in programma al Grand Hotel e al Palacongressi della città romagnola. Si parlerà dunque di come scegliere, discutere e costruire un percorso di crescita e sviluppo sostenibile nell’hospitality sotto il profilo ambientale, sociale e finanziario.\r\n\r\nOrganizzato da Teamwork Hospitality, con la regia tecnico-scientifica della società di consulenza Thrends,  Ithic è un evento b2b unico nel suo genere, dedicato all’industria alberghiera, al settore immobiliare e alla finanza specializzata, che si rivolge a gruppi alberghieri, fondi d’investimento, banche, sviluppatori immobiliari, società di consulenza, studi legali e operatori del settore. La presenza di un selezionato gruppo di 700 delegati offrirà in particolare preziose opportunità di incontro e di nuovi contatti e sarà al contempo l’occasione di rinnovare relazioni con il mondo professionale degli operatori che si incontreranno a Rimini per affrontare insieme grandi temi sul tappeto, quali lo sviluppo alberghiero del prossimo biennio, la finanza a progetti di riqualificazione urbana, la ricerca di marginalità nel leisure e nel business, le prospettive del mercato nel post-Covid...\r\n\r\nFra i nomi di spicco che hanno già confermato la loro presenza sul palco di Ithic ci saranno Sebastien Bazin, ceo di Accor, Ramon Aragones, ceo di Nh Hotel Group, Josh Littman, vicepresident di Sh Hotels & Resorts, Timo Gruenert, ceo di Oetker Collection, Corrado Passera, founder & ceo di illimity Bank, nonché rappresentanti Blackstone, Azora, Bank of America, Boscalt, Cerberus, Kkr, Stoneweg, Goldman Sachs.\r\n\r\nL’edizione 2022 di Ithic sarà anche una vetrina di proposte e opportunità di investimento specificamente pensata per le istituzioni pubbliche: agenzie governative e pubbliche istituzioni avranno infatti l’occasione di promuovere i loro investimenti e presentare i progetti per la valorizzazione degli asset a un pubblico internazionale di investitori.\r\n\r\n ","post_title":"Sostenibilità, la parola chiave di Ithic 2022. Appuntamento a Rimini dal 10 all'11 ottobre","post_date":"2022-09-13T12:23:20+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663071800000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430360","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_430365\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Uno scorcio del Grand Hotel et de Milan[/caption]\r\n\r\nSono dieci albergatori e quattro ristoratori, per un totale di 14 nuovi indirizzi, le ultime new entry italiane del brand les Collectionneurs, che riunisce oggi 540 strutture ricettive e locali enogastronomici in 14 Paesi differenti. «Puntiamo a raggiungere una presenza sempre più capillare a livello territoriale – dichiara Carole Pourchet, direttrice generale di les Collectionneurs –. E grazie a un’azione di ricerca e sviluppo che stiamo portando avanti costantemente in Italia, abbiamo rafforzato il nostro portfolio di esperienze uniche in regioni come la Valle d’Aosta, l’Umbria, la Sicilia e la Calabria, dove fino a poco tempo fa eravamo poco presenti».\r\n\r\nTra le novità, ecco allora i Grand Hotel et de Milan e Angiolieri a Seiano di Vico Equense, non lontano da Sorrento, ma anche la trattoria Contemporanea di Lomazzo, sul lago di Como, e il locale Materiaprima di Pontinia, in provincia di Latina. New entry sono anche il ristorante Da Tonino e Casa Mariantonia sull'isola di Capri. Tornando a nord, si è aggiunto poi il relais il Nazionale di Vernate, mentre in Val d'Aosta si parla del Café Quinson e del Crest Alpine Lodge & Spa. In Umbria si sono inoltre affiliati la Locanda del Capitano, ex residenza della famiglia del condottiero Braccio Fortebracci, nonché la tenuta Borgo Santa Cecilia di Gubbio. Novità infine in Calabria, con il Praia Art Resort e il ristorante Luigi Lepore, nonché in Sicilia, con il Barone di Villagrande.","post_title":"Cresce l'offerta italiana di Les Collectionneurs con dieci hotel e quattro ristoranti","post_date":"2022-09-13T10:16:14+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663064174000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti