17 April 2021

Costa e Fincantieri: il recovery fund deve aiutare anche la crocieristica

[ 0 ]

Michael Thamm

Il recovery fund deve servire anche a sostenere l’industria delle crocieristica. E’ il cuore del messaggio, che i rappresentanti di Costa e Fincantieri hanno lanciato dal palco virtuale della cerimonia di consegna della Firenze avvenuta ieri in diretta streaming. “In questo momento il nostro settore sta affrontando un momento difficilissimo – ha in particolare dichiarato il group ceo Costa Group e Carnival Asia, Michael Thamm -. Un periodo che ci ha imposti grandi sacrifici e durante il quale abbiamo fatto il possibile per mantenere i posti di lavoro dei nostri oltre 30 mila collaboratori a terra e a bordo. Uno sforzo che ha richiesto grandi investimenti e una stretta collaborazione con le istituzioni”.

Ora, ha proseguito Thamm, a seguito della nuova sospensione delle operazioni per il periodo natalizio, le compagnie di crociera stanno affrontando ulteriori sacrifici: “La consegna della nuova nave rappresenta però una riaffermazione del nostro impegno verso questo Paese, in qualità di unico operatore delle crociere battente bandiera italiana: una ragione di grande orgoglio e senso di responsabilità, ribadito anche dalla duratura partnership con Fincantieri che ha costruito ben 11 delle 14 navi della nostra flotta. Ma proprio per questi stessi motivi, la ripresa del settore richiederà necessariamente il sostegno delle istituzioni, magari anche tramite la possibilità di accedere a una parte dei finanziamenti garantiti dal cosiddetto recovery fund. Capitali che ci consentirebbero peraltro di investire non solo in innovazione e qualità dei servizi, ma anche nei piani di implementazione degli obiettivi della nostra agenda verde”.

Parole, quelle di Thamm, sostanzialmente condivise dall’amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono, che ha orgogliosamente rivendicato il valore del proprio gruppo, ribadendo allo stesso tempo la necessità di un supporto da parte delle istituzioni: il recovery fund, ha suggerito infatti Bono, dovrebbe essere diretto verso quei settori che sono destinati a ripartire per primi, che danno lavoro a molte persone e che hanno già gli ordini in pancia. Il riferimento è naturalmente a Fincantieri, ma anche al mondo delle crociere che lo stesso a.d. si è detto sicuro si riprenderanno prestissimo: “Gli aiuti non saranno perduti ma verranno restituiti, perché sia gli armatori sia chi costruisce le navi è in grado di recuperare tutto quello che riceve dal sistema finanziario e dallo Stato“.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353856 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Presidente dell’AdSP Carla Roncallo e la legale rappresentante di LSCT-Gruppo Contship Italia, Cecilia Battistello, hanno firmato l’atto che dà il via all’ampliamento del Molo Garibaldi lato est, opera prevista negli atti della concessione a LSCT sottoscritta nel 2015. Con questo atto,  AdSP  mette sostanzialmente a disposizione del concessionario  lo specchio acqueo dove verranno realizzati i lavori, ma lo stesso atto prevede anche le tempistiche conseguenti per l’effettivo avvio della gara, sulla base di un progetto esecutivo già disponibile, che ha conseguito tutte le autorizzazioni necessarie e che consentirà di realizzare questo ampliamento di importanza fondamentale per lo sviluppo delle attività terminalistiche. L’ampliamento del molo Garibaldi, unitamente al riempimento degli spazi della Marina del Canaletto, intervento sul quale da domani si inizierà a lavorare per gli approfondimenti progettuali necessari, consentirà al nostro porto di disporre di nuovi spazi, che ci permetteranno di operare circa 2,5 milioni di contenitori; in parallelo l’AdSP sta lavorando al completo riassetto dell’infrastruttura ferroviaria, grazie alla quale si riuscirà a movimentare la merce prevalentemente su ferro. «E’ un giorno importante per il nostro porto, perché conferma l’assoluto interesse da parte di un gruppo importante come Contship ad investire ingenti risorse sul nostro scalo, a dispetto di chi scommetteva sul contrario - ha dichiarato la presidente della AdSp Carla Roncallo - Gli effetti di questa conferma avranno poi riflessi positivi anche per ciò che riguarda il futuro del comparto crocieristico e del water front cittadino, visto che una volta realizzato l’ampliamento del molo Garibaldi potrà essere liberata la calata Paita e potrà quindi si potrà procedere con la realizzazione del nuovo Molo Crociere». [post_title] => La Spezia, con ampliamento Molo Garibaldi nuovi spazi per le crociere [post_date] => 2019-05-31T09:58:55+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559296735000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353710 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair finisce nuovamente nel mirino di Federconsumatori per le "continue modifiche su tariffe e regole per i bagagli a mano". Secondo l'associazione la low cost "persevera in una condotta poco trasparente e che genera confusione nei consumatori". Con la tariffa “basic” il passeggero può portare in cabina SOLO una piccola borsa personale, delle dimensioni massime di 40x20x25 cm. Per aggiungere, al momento della prenotazione, l’opzione che include un secondo bagaglio a mano (dimensioni massime 55x40x20 cm, peso fino a 10 kg) e l’imbarco prioritario il costo varia da 6 a 12 €. "Al momento della prenotazione - ricorda una nota Federconsumatori - il consumatore deve, per poter portare a bordo il secondo bagaglio, acquistare anche l’imbarco prioritario, poiché non esiste un’opzione che consenta di aggiungere al biglietto SOLO il bagaglio a mano e che assicuri al passeggero di avere lo spazio necessario a posizionare la valigia in cabina. La compagnia obbliga così i viaggiatori a pagare per entrambi i servizi (imbarco prioritario e secondo bagaglio a mano)". Nel caso in cui il biglietto non includa l’opzione “secondo bagaglio” e il passeggero voglia acquistarla direttamente in aeroporto, il prezzo arriva a 20 euro per l’acquisto al banco deposito bagagli e addirittura a 25 euro per l’acquisto al gate di imbarco. "Ricordiamo - conclude la nota - che Ryanair e Wizzair sono state sanzionate dall’Antitrust proprio in merito alla policy sui bagagli (anche se il provvedimento dell’Agcm è stato sospeso da parte del TAar del Lazio) e che comunque è da tempo che la compagnia mette in atto comportamenti a dir poco equivoci: si tratta di una condotta che, non ci stanchiamo di ribadirlo, non solo genera confusione ma che di fatto impedisce la concreta e reale comparabilità con le tariffe applicate dagli altri vettori. Il comportamento di Ryanair, oltre a provocare un continuo aumento dei costi, è un vero e proprio affronto al diritto degli utenti alla trasparenza e alla completezza delle informazioni". [post_title] => Ryanair nel mirino di Federconsumatori per le modifiche alla normativa bagagli [post_date] => 2019-05-30T10:53:18+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559213598000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353613 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_353614" align="alignright" width="300"] [/caption] Aer Lingus e Unicef Irlanda festeggiano 22 anni di collaborazione e il traguardo di quasi 22 milioni di euro raccolti grazie alle donazioni dei passeggeri e del personale di Aer Lingus. Il denaro è stato raccolto a bordo attraverso l'iniziativa 'Change for Good', che ha collezionato su tutti i voli a lungo raggio di Aer Lingus le banconote e le monete di valuta straniera indesiderate per sostenere la missione globale di Unicef di aiutare bambini in oltre 190 paesi e territori tra i più poveri del mondo. Attraverso le raccolte di 'Change for Good', solo nel 2018 sono stati raccolti quasi 1 milione di euro. Durante l'anno, sono state attivate quattro raccolte fondi speciali per appelli di emergenza umanitaria per i rifugiati Rohingya, per l'India, e per le crisi nello Yemen e in Siria. Nell'ambito della collaborazione in essere, il personale di cabina di Aer Lingus è impegnato anche in attività di volontariato in alcuni importanti viaggi di Unicef. All'inizio di quest'anno alcuni membri del personale di cabina di Aer Lingus e ambasciatori Unicef per 'Change for Good' hanno visitato la Sierra Leone e in marzo 2018, quattro ambasciatori si sono recati in India per vedere i programmi Unicef in azione. «Siamo estremamente orgogliosi della nostra attività con Unicef e -  commenta Nuala Byrne, membro del personale di cabina di Aer Lingus e ambasciatrice Unicef - a nome del personale di cabina di Aer Lingus e degli Ambasciatori Goodwill di Unicef, vorrei ringraziare ogni singolo passeggero Aer Lingus che ha donato a bordo. Il denaro raccolto in tutto il mondo grazie a 'Change for Good' sta contribuendo a portare un effettivo cambiamento nella vita dei bambini più poveri del mondo, e per questo per tutto il 2019 incoraggeremo i viaggiatori che volano con noi a continuare ad essere generosi».     [post_title] => Aer Lingus e Unicef: raccolti 22 milioni di euro in 22 anni con "Change for Good" [post_date] => 2019-05-29T11:33:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559129618000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353516 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 831 mila gli italiani che hanno scelto di fare un viaggio in crociera nel 2018. Lo rivela l'ultimo Europe Market Report realizzato dall'associazione internazionale dell'industria crocieristica (Clia), che sottolinea come la Penisola continui a registrare buoni ritmi di crescita della domanda: +8% sul 2017 e +11% sul 2016. Un incremento, sottolinea il rapporto, che proietta a breve il raggiungimento di quota un milione di passeggeri. L’Italia resta quindi il terzo mercato di provenienza in Europa (12%), preceduto dalla Germania (31%) e dal Regno Unito (27%), ma con tassi di incremento più che doppi rispetto a questi ultimi. A livello globale, il Vecchio continente, con i suoi 7,170 milioni di passeggeri, è oggi il secondo bacino di domanda mondiale, preceduto dal Nord America (12,240 milioni) ma seguito dall'area Asia-Pacifico (5,701 milioni) e dal Sud America (930 mila). In totale i crocieristi nel 2018 sono stati 28,5 milioni (+6,7%). Infine, un curiosità: con un'età media di 43 anni, gli italiani sono i crocieristi più giovani d'Europa. In Spagna si sale infatti a 46 anni, in Germania a 49 e nel Regno Unito addirittura a 57. [post_title] => Clia: crocieristi italiani in rotta verso quota un milione [post_date] => 2019-05-28T13:31:18+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => clia [1] => crociere [2] => in-evidenza [3] => italia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Clia [1] => crociere [2] => In evidenza [3] => italia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559050278000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353468 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Una vira con decisione verso un più marcato impegno rivolto alla sostenibilità, consapevole della necessità urgente di attivare buone pratiche di tutela ambientale nei propri hotel e all’interno dell’intero ciclo di acquisto, per concorrere al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030. «Il futuro del turismo in chiave sostenibile è possibile e alla nostra portata. Alcuni passi sono stati già intrapresi, ma il nostro impegno non si esaurisce all’oggi e anzi si rinnoverà nei prossimi anni, per essere sempre più concreto e tangibile – commenta Fabrizio Gaggio, direttore generale Gruppo Una -. La sostenibilità, intesa come capacità di vivere e lavorare nel pieno rispetto dell’ambiente utilizzando i mezzi a disposizione e senza compromettere le capacità delle generazioni future, deve diventare un mantra per le aziende e uno stile di vita positivo per tutti noi. Il nostro prossimo passo concreto riguarderà la gestione dei rifiuti, attraverso una politica di acquisto volta a ridurre gli imballaggi al fine di limitarne la produzione e vedrà la collaborazione di aziende e società specializzate nella loro gestione e rigenerazione». Anche quest’anno Gruppo Una è stato certificato come società 100% green in termini di consumo energetico, grazie all’acquisto esclusivo di energia proveniente da impianti rinnovabili (idroelettrica, eolica e solare), con una conseguente importante diminuzione di emissione di Co2. Novità introdotta di recente, inoltre, è l’utilizzo di sola carta riciclata per lo svolgimento di tutte le attività operative, nella sede milanese e presso gli hotel: un ulteriore passo ai fini della sostenibilità all’interno di un percorso triennale pensato per limitare l’impronta ambientale del gruppo. [post_title] => Gruppo Una: sostenibilità è anche ridurre gli imballaggi [post_date] => 2019-05-28T12:26:04+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559046364000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353227 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Valtellina è uno splendido territorio incorniciato dalle Alpi che, oltre a essere uno scenario naturale mozzafiato che richiama escursionisti da tutto il mondo, rappresenta anche il confine naturale con la Svizzera la cui prossimità ha influenzato gli scenari sociali dei valtellinesi. Il sentireo del contrabbando e della memoria e un itinerario che parte da Tirano, paese al confine con la Svizzera, celebre per essere la stazione di partenza del Trenino Rosso del Bernina, patrimonio UNESCO. Il tracciato si snoda lungo il versante retico della Valtellina e sale tra vigneti e piccoli borghi che per molti anni sono stati percorsi dai contrabbandieri che, con "la gerla" a spalla, trasportavano da una parte all’altra del confine le merci. Un percorso lungo 16 chilometri, simbolo della memoria del "contrabbando" che ha caratterizzato la zona del Tiranese in diverse epoche, in particolare quello del dopo guerra del 20° secolo che ha portato numerosi giovani a dedicarsi a questa attività per migliorare le difficili condizioni di vita. Il Sentiero Rusca è un percorso per mountain bike ed escursionismo che da Sondrio porta al Passo del Muretto, un valico posto sul confine tra la Valmalenco e l'Engadina. È un itinerario di 32 chilometri, di rilievo storico e che deve il suo nome all’arciprete Nicolò Rusca che nel 1618 venne rapito a Sondrio da un contingente di soldati svizzeri e condotto, proprio attraverso questo percorso, alla prigionia e alla successiva morte. Il sentiero è stato recentemente sistemato, considerato anche il suo grande valore storico oltre che paesaggistico, così da consentire ai ciclisti o amanti delle escursioni di percorrerlo. Il Sentiero Roma, in Val Masino, è una delle principali Alte Vie della Valtellina che si snoda per circa 52 chilometri tra i 2100 metri del rifugio Omio e i 2950 metri del passo Cameraccio e prevede mediamente tre giorni per la sua percorrenza. La Valtellina ospita inoltre la Via Alpina, una rete di 5 itinerari escursionistici attraverso gli otto Paesi dell'arco alpino (oltre 5000 chilometri e 342 tappe giornaliere) e il Sentiero Italia, uno dei trekking più lunghi del mondo di oltre 6000 chilometri che attraversa gli Appennini e le Alpi. [post_title] => Valtellina, gli itinerari per gli appassionati di trekking [post_date] => 2019-05-27T14:38:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558967913000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353244 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Arriva domani in Italia la nave che ha rivoluzionato il mondo delle crociere, Celebrity Egde è la prima nave creata interamente in 3D e firmata da designer di fama internazionale. Prima città toccata dalla nave è Civitavecchia che, con Barcellona, è uno dei due porti di imbarco per le crociere che questa rivoluzionaria e ultramoderna nave proporrà nel Mediterraneo per tutta l’estate. Celebrity Edge è stata firmata da architetti e designer di fama mondiale, tutti al loro primo incarico nello shipping, per un approccio creativo autenticamente innovativo rispetto alla tradizione, tra questi Tom Wright, Jouin Manku e Patricia Urquiola.Edge rappresenta, dunque, un concetto completamente innovativo nel settore crocieristico e offre alcune esperienze davvero uniche e mai viste prima in mare. Come Magic Carpet, la piattaforma mobile che rende unico e riconoscibile a distanza il profilo di Celebrity Edge: un’estensione “a sbalzo” sulla fiancata della nave, che può posizionarsi su quattro ponti diversi e trasformarsi secondo gli ambienti da ristorante con vista mozzafiato sul mare a zona relax o di imbarco per le escursioni a terra; Eden, un grande spazio su più piani che cambia colore e ambientazioni col passare delle ore del giorno e ospita un ristorante e un cocktail bar; Rooftop Garden, una terrazza in cima alla nave con piante, alberi e sculture di design e una vista davvero unica. Celebrity Edge è lunga 306 metri e dispone di 14 ponti; le camere a bordo sono 1.467 e può ospitare, in regime di doppia occupazione, 2.900 persone, mentre l’equipaggio è composto da 1.320 membri. Le crociere estive di Celebrity Edge in partenza dall’Italia salpano da Roma-Civitavecchia e offrono due itinerari: uno di 7 notti per scoprire il meglio del Mediterraneo Occidentale, con tappe a Capri, Pisa, Montecarlo, Cannes, Palma di Mallorca o Barcellona e uno di 10 giorni diretto alle località più belle e iconiche del Sud Italia e delle isole greche. L’itinerario in partenza da Barcellona si svolge in una settimana e prevede scali a Valencia, Ibiza, la Provenza e Nizza, Firenze e Roma-Civitavecchia. In totale saranno 68 gli scali di Celebrity Edge in Italia di cui 15 a Civitavecchia. [post_title] => Celebrity Edge, arriva in Italia la nave creata interamente in 3D [post_date] => 2019-05-24T15:13:50+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558710830000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352943 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mediterraneo, Nord Europa e Caraibi: ecco le tre destinazioni top dell’estate 2019 per i crocieristi italiani. È quanto emerge dall’indagine dell’Osservatorio Ticketcrociere di Taoticket, in collaborazione con le principali compagnie di crociera italiane. Sono sempre di più gli italiani che scelgono la crociera per le vacanze estive e il Mediterraneo la fa da padrone con il 70% delle prenotazioni di viaggiatori italiani. Seguono Nord Europa e Carabi, entrambi con percentuali del 15%.  In base al booking dell’agenzia di viaggi online Ticketcrociere, ecco i 10 porti preferiti, a partire da quello con più partenze: Genova, Venezia, Bari, Civitavecchia, Napoli, Savona, Miami (Florida), Palermo, Kiel e Amburgo (Germania). L’Osservatorio Ticketcrociere di Taoticket registra per l’estate alle porte un aumento delle prenotazioni del 18,6% rispetto allo stesso periodo del 2018. L’età media dei passeggeri è circa 42 anni. «L’estate 2019 segna un vero e proprio boom nel mercato crocieristico – dichiara l’amministratore di Ticketcrociere Nicola Lorusso – È soprattutto la destinazione Mediterraneo a interessare i turisti italiani nel periodo estivo, e questo anche grazie all’aumento di itinerari proposti e di navi che solcano il nostro mare. Cresce anche da parte dei crocieristi la richiesta di tour personalizzati e di ancillary a bordo e a terra. Ottime performance anche per l’extralusso; e che la domanda sia aumentata lo dimostrano anche gli investimenti delle compagnie per le navi luxury attualmente in costruzione nei cantieri italiani».     [post_title] => Osservatorio Ticketcrociere, in aumento gli italiani in crociera d'estate [post_date] => 2019-05-23T12:22:53+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558614173000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti