27 October 2021

Costa e Fincantieri: il recovery fund deve aiutare anche la crocieristica

[ 0 ]

Michael Thamm

Il recovery fund deve servire anche a sostenere l’industria delle crocieristica. E’ il cuore del messaggio, che i rappresentanti di Costa e Fincantieri hanno lanciato dal palco virtuale della cerimonia di consegna della Firenze avvenuta ieri in diretta streaming. “In questo momento il nostro settore sta affrontando un momento difficilissimo – ha in particolare dichiarato il group ceo Costa Group e Carnival Asia, Michael Thamm -. Un periodo che ci ha imposti grandi sacrifici e durante il quale abbiamo fatto il possibile per mantenere i posti di lavoro dei nostri oltre 30 mila collaboratori a terra e a bordo. Uno sforzo che ha richiesto grandi investimenti e una stretta collaborazione con le istituzioni”.

Ora, ha proseguito Thamm, a seguito della nuova sospensione delle operazioni per il periodo natalizio, le compagnie di crociera stanno affrontando ulteriori sacrifici: “La consegna della nuova nave rappresenta però una riaffermazione del nostro impegno verso questo Paese, in qualità di unico operatore delle crociere battente bandiera italiana: una ragione di grande orgoglio e senso di responsabilità, ribadito anche dalla duratura partnership con Fincantieri che ha costruito ben 11 delle 14 navi della nostra flotta. Ma proprio per questi stessi motivi, la ripresa del settore richiederà necessariamente il sostegno delle istituzioni, magari anche tramite la possibilità di accedere a una parte dei finanziamenti garantiti dal cosiddetto recovery fund. Capitali che ci consentirebbero peraltro di investire non solo in innovazione e qualità dei servizi, ma anche nei piani di implementazione degli obiettivi della nostra agenda verde”.

Parole, quelle di Thamm, sostanzialmente condivise dall’amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono, che ha orgogliosamente rivendicato il valore del proprio gruppo, ribadendo allo stesso tempo la necessità di un supporto da parte delle istituzioni: il recovery fund, ha suggerito infatti Bono, dovrebbe essere diretto verso quei settori che sono destinati a ripartire per primi, che danno lavoro a molte persone e che hanno già gli ordini in pancia. Il riferimento è naturalmente a Fincantieri, ma anche al mondo delle crociere che lo stesso a.d. si è detto sicuro si riprenderanno prestissimo: “Gli aiuti non saranno perduti ma verranno restituiti, perché sia gli armatori sia chi costruisce le navi è in grado di recuperare tutto quello che riceve dal sistema finanziario e dallo Stato“.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti