14 July 2024

Scalapay firma una partnership con Federterme

[ 0 ]

Matteo Ciccalè

Scalapay sigla un importante accordo con Federterme, l’organizzazione italiana fondata nel lontano 1919 rappresentativa delle aziende termali del nostro Paese, che vi aderiscono per la quasi totalità, con oltre 350 realtà. 

L’accordo consente di introdurre il sistema del buy now pay later nel mondo del termalismo, che movimenta circa 2 milioni e 800 mila persone l’anno. Il termalismo, infatti, si declina sia come soggiorno benessere e relax, sia come metodo di cura, con il 90% dei centri accreditati al Servizio Sanitario Nazionale. Un bacino di rilievo, che attrae target diversi: dagli sportivi a chi necessita percorsi di riabilitazione, dalle giovani coppie amanti delle spa a quanti interessati ad abbinare l’offerta culturale dei territori.

Matteo Ciccalé, travel partnership director di Scalapay, commenta: “Federterme è una realtà che da sempre supporta una categoria del turismo al contempo complessa e ricca di valore per il nostro territorio. Scalapay, in quanto fintech dal cuore italiano, ha l’obiettivo di allearsi alle federazioni di questo tipo per restituire il più possibile al turismo italiano; con Federterme abbiamo messo a disposizione una task force interna per raccontare e supportare l’innovazione dei pagamenti ad albergatori e operatori nel settore del benessere termale. Vogliamo creare opportunità di crescita per un tessuto imprenditoriale pronto a cavalcare il futuro”.

 Con questo accordo Scalapay sarà uno strumento disponibile e agevolato per gli operatori in tutte le regioni italiane, su vasta scala, aumentando in modo esponenziale le realtà ricettive che già avevano scelto di lavorare con la fintech: Monticello Spa (Lombardia), Abano Terme (Hotel Venezia, Savoia Thermae & Spa Hotel, Helvetia, Hotel Terme Milano, Hotel Terme Roma, Hotel Terme Bologna), Montegrotto Terme (Hotel Terme delle Nazioni),  Chianciano (Grand Hotel Terme), Saturnia (Terme di Saturnia), Riolo (Grand Hotel Riolo), oltre la Sardegna (Terme di Sardegna).

Federterme non si limita a offrire agli associati questo indubbio benefit, ma si fa promotore dei vantaggi della sua introduzione. Insieme a Scalapay organizzerà nei mesi di dicembre e gennaio webinar gratuiti per gli associati, eventi formativi a cui si aggiungeranno materiali informativi, guide sull’innovazione e supporto dedicato.

A conferma dell’interesse di Scalapay per il segmento termale, in occasione della prossima edizione di BIT (4-6 febbraio, Allian MiCo, Milano), la fintech parteciperà in qualità di partner ad alcuni incontri rivolti al consumatore finale e agli operatori del settore, nel contesto del Villaggio Thermalia by Federterme che accende i riflettori sul turismo termale. 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470226 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Continua la scalata del gruppo Carnival verso il ritorno del bilancio in attivo, dopo le difficoltà finanziarie sperimentate durante il Covid e nella fase di ripartenza. La compagnia ha infatti chiuso il secondo trimestre fiscale lo scorso maggio con un fatturato record di 5,8 miliardi di dollari, contro i 4,9 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. Tale risultato ha consentito a Carnival di registrare profitti netti per 92 milioni, pari a un incremento di circa 500 milioni in confronto al secondo trimestre 2023. Nonostante ciò, il primo semestre della compagnia si è chiuso ancora in rosso per 123 milioni, soprattutto a causa delle spese per interessi sui debiti accumulati durante gli anni della pandemia. Seppur negativa, tala cifra, è comunque sensibilmente migliore del rosso da 1,1 miliardi del periodo dicembre - maggio 2022-2o23. Bene anche i margini operativi lordi rettificati (adjusted ebitda) che sempre nei primi sei mesi sono passati da poco sopra il miliardo a oltre 2 miliardi. "Abbiamo fatti degli incredibili passi in avanti nei processi di miglioramento delle nostre operazioni commerciali, riallocando strategicamente le nostre flotte e formulando efficaci piani di crescita, allo stesso tempo rafforzando il nostro team globale - commenta il ceo di Carnival Corporation, Josh Weinstein -. Grazie a questi sforzi, abbiamo chiuso un altro trimestre con risultati record in termini di ricavi, profitti operativi, depositi dei clienti e volumi di prenotazione, superando le nostre aspettative in tutte le voci di bilancio". Alla luce di tali trend crescenti, le stime della compagnia per la chiusura dell'anno finanziario sono state ulteriormente riviste verso l'alto, con l'asticella relativa ai profitti netti rettificati alzata di circa 275 milioni di dollari, fino a quota 1,55 miliardi. In salita di 200 milioni anche le previsioni sui margini operativi lordi rettificati (adjusted ebitda), che dovrebbero toccare i 5,53 miliardi, in crescita di quasi il 40% rispetto al dato 2023. Come parte della strategia di riorganizzazione dell'offerta, il gruppo ha recentemente deciso di far confluire il proprio brand australiano P&O Cruises all'interno del marchio principale Carnival Cruise Line, con l'obiettivo di migliorare l'efficienza operativa e commerciale delle proprie attività nell'area del Sud Pacifico. La mossa è solo l'ultima di una serie di iniziativa volte ad aumentare la capacità del brand americano, quello in grado di garantire il maggior rendimento del gruppo. Carnival Cruise Line ha infatti visto aumentare la propria di ben nove navi dal 2019. Tale incremento comprende il trasferimento di tre unità Costa. La compagnia ha inoltre recentemente annunciato la ripresa dei piani di nuove costruzioni, a partire proprio dallo stesso marchio Carnival Cruise Line.   [post_title] => Carnival chiude un ottimo secondo trimestre e avvicina l'obiettivo del ritorno all'attivo [post_date] => 2024-06-26T11:15:50+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1719400550000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467406 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_236568" align="alignleft" width="300"] L'interno del Palazzo dei Congressi a Firenze[/caption] L'Italia in soli cinque anni passa dal sesto al primo posto e raggiunge la vetta d'Europa per numero di congressi ospitati. E' la prima destinazione in Europa per congressi e convegni ospitati nell'anno 2023 secondo il report annuale di Icca - International Congress and Convention Association, l'associazione internazionale che raggruppa operatori del segmento congressuale.   Il traguardo raggiunto è una prima volta assoluta per l'Italia, ed è il risultato di anni di crescita del settore, di una scalata progressiva dalla sesta posizione delle annate 2018-19 alla seconda posizione del 2022 fino a raggiungere l'ambita prima posizione nel 2023. "Ogni grande risultato porta con sé molta soddisfazione ma anche la motivazione, l'energia e il coraggio - che al governo Meloni non mancano di certo - necessari a sostenere il comparto verso una crescita costante, strutturale e intelligente che veda nel turismo congressuale un asset fondamentale dell'intera industria" commenta la ministra del Turismo Daniela Santanchè. [post_title] => L'Italia è prima in Europa per numero di congressi ospitati [post_date] => 2024-05-15T10:32:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715769138000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467016 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_467021" align="alignleft" width="300"] Simone Mancini[/caption] Scalapay e Deutsche Bank uniscono le forze per aumentare le opportunità a disposizione dei merchant partner della piattaforma, così come dei consumatori. Si tratta di una sinergia che avrà un impatto significativo anche per l’industria del turismo organizzato, consentendo a Scalapay di arricchire l’offerta di servizi a disposizione dei clienti, con nuove possibilità di pagamento rateizzato adatte ad acquisti di prodotti e servizi di elevato importo o con utilizzo ricorrente. Dall'altro lato permetterà all'istituto bancario di ampliare la propria presenza nel settore del credito al consumo, specialmente nell’online, anche usufruendo della expertise della fintech nell’ottimizzazione dell’esperienza cliente “Siamo lieti di annunciare questa partnership, per ampliare l’offerta verso i merchant e la nostra base di 6 milioni di clienti - sottolinea il ceo di Scalapay, Simone Mancini -. Questa collaborazione ci consente di semplificare l'esperienza dello shopper, anche in contesti più tradizionali come il credito al consumo. E' un traguardo importante lavorare con Deutsche Bank, che ci permette di innovare al di fuori del perimetro del Buy now pay later classico”. [caption id="attachment_467022" align="alignright" width="300"] Matteo Ciccalè[/caption] Finora, Scalapay ha permesso ai suoi 6 milioni di utenti di effettuare acquisti online e in negozio, consentendo di suddividere i pagamenti in tre o quattro rate sino a 5 mila euro. Ora, grazie a questa collaborazione, la gamma di soluzioni di rateizzazione si amplia dando ai clienti in Italia la possibilità di scegliere il Bnpl offerto direttamente da Scalapay, oppure di selezionare le sei, nove e 12 rate proposte da Deutsche Bank. Inoltre, per soddisfare esigenze di più lungo termine, l’opzione di credito al consumo dell'istituto di credito sarà disponibile fino a un massimo di 36 rate per importi entro i 15 mila euro. Una novità che si inserisce nel solco del megatrend relativo alla subscription economy, basata sull'idea di ripartire il pagamento di un servizio per il tempo in cui se ne usufruisce, ottimizzando la spesa. "Nasce in questo modo anche, un’importante occasione di business per agenzie di viaggi, tour operator e crocieristi con scontrini elevati - spiega il vice president strategic growth di Scalapay, Matteo Ciccalé -. Quanti coglieranno l’opportunità di questa soluzione potranno godere di un vantaggio inedito sul mercato turistico 2024 e 2025, e accedere alle novità in arrivo”. [post_title] => Scalapay: al via una partnership con Deutsche Bank. Benefici anche per la travel industry [post_date] => 2024-05-10T09:16:33+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715332593000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465443 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 15 aprile, in occasione della prima Giornata Nazionale del Made in Italy, giorno della nascita di Leonardo Da Vinci, Terme di Chianciano partecipano al progetto indetto da Federterme Terme Aperte offrendo la possibilità di visitare il Parco Acqua Santa, scoprendone tutti i segreti e le proprietà della sorgente Acqua Santa conosciuta fin dai tempi degli etruschi e dei romani grazie alla guida della dott.ssa Silvia Barrucco. Il programma comprende alle  09.30 – 12.30 Visita guidata del Parco Acqua Santa; 09.30 – 12.30 Descrizione servizi termali con degustazione Acqua Santa insieme alla dott.ssa Silvia Barrucco; 16- 17 Visita Terme Sensoriali con spiegazione percorsi benessere. Attività gratuite e su prenotazione (prenotazione@termechianciano.it). Le Terme sono inserite in un contesto paesaggistico e in un territorio da scoprire grazie alla rinascita dei Centri Storici grazie anche alla valorizzazione del Borgo medievale di Chianciano Terme e delle bellezze naturalistiche che lo circondano. Le Terme sono e incarnano la storia del Territorio da tremila anni a questa parte e quindi rappresentano il “Genius loci”, e sono da oltre tre millenni elementi di "ben essere" e socializzazione: dai ritrovamenti di epoca protovillanoviana ed etrusca del frontone della sorgente Fucoli che si trova al Museo Archeologico di Chianciano, al Salus Per Aquam dei romani, alle terme come luogo di relax ed incontro, a Pirandello con Acqua Amara e Fellini con 8 e1/2.     [post_title] => Terme Chianciano, 15 aprile attività gratuite per la Giornata del Made in Italy [post_date] => 2024-04-12T12:42:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712925766000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464996 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La piattaforma leader del buy now pay later sta cambiando il mondo dei viaggi: quello che Matteo Ciccalè definisce: “l’unicorno nell’unicorno”. Il nuovo vice president strategic growth di Scalapay assume oggi un ruolo strategico in diversi segmenti dopo aver sviluppato con successo la divisione travel. Un settore che, inizialmente, sembrava impossibile. «Scalapay è stata fondata nel 2019 da Simone Mancini - racconta Ciccalè - Partita da settori come il fashion e il mondo della casa, nel 2021 ha iniziato un percorso nella travel industry, con la creazione di un vertical dedicato. Per la prima volta un’azienda europea si è concentrata sul mondo dei viaggi. Oggi l’indotto del settore turistico equivale a circa il 10% delle transizioni che Scalapay ha registrato nel 2023, confermandosi come segmento che ha maggiormente contribuito alla crescita della società. Infatti sono 200mila le persone che sono andate in vacanza con Scalapay nel 2023 e siamo in continua crescita. 1000 merchant «Lavoriamo con circa 1000 merchant: hotel, tour operator, parchi di divertimento e trasporti. Ad oggi dalla nostra app abbiamo portato agli esercenti che lavorano con noi oltre 1.6mln di utenti da raggiungere con notifiche, email profilate o pop-up informativi. Questo ci rende un alleato di primo piano per le aziende turistiche, favorendo l’ottimizzazione degli investimenti in operazioni di marketing. Abbiamo infatti fino a 200 spazi presidiabili e oltre 50 gruppi di utenti divisi per comportamento di acquisto. La crescita che abbiamo registrato è del 250%. Una persona su 10 che ha acquistato su Scalapay nel 2023 ha acquistato un servizio viaggi. «Questo per noi è molto importante. Oggi abbiamo raggiunto 5.5mln di clienti e 8mila aziende partner, abbiamo una crescita annuale di clienti del 60% e siamo disponibili in tutta Europa. Cosa ci differenzia dalle altre aziende? - prosegue il vice-president – Innanzitutto siamo italiani. Poi « ci concentriamo su tre mercati del Mediterraneo: Italia, Francia e Spagna. E lo facciamo molto bene, perché abbiamo compreso le abitudini del consumatore Mediterraneo, che perlopiù utilizza le carte di debito. Scalapay è l’unica piattaforma del buy now, pay later ad accettare le carte di debito prepagate e, per farlo, utilizza un particolare algoritmo. «Inoltre siamo stati capaci di creare una community. Non siamo semplicemente un metodo di pagamento, ma aiutiamo i consumatori a godere delle esperienze e dei prodotti che desiderano creando un rapporto di fiducia reciproca. Infatti i consumatori utilizzano la nostra app anche per trovare suggerimenti su quali esercenti, prodotti o servizi poter acquistare. Abbiamo visto che il 70% degli utenti Scalapay è fedele al nostro servizio e ai brand che proponiamo, quindi la piattaforma fa da catalizzatore. Democratico accesso al credito «Scalapay vuole rendere democratico l’accesso al credito non imponendo una rateizzazione fissa su tutte le spese ma lasciando al consumatore la possibilità di accedere a un credito maggiore nel momento in cui ne ha più bisogno, per le spese che pensa siano in linea con le sue necessità. Chi è il viaggiatore Scalapay? - prosegue Ciccalè - È un consumatore che non acquista solamente viaggi ma anche prodotti di bellezza, abbigliamento, prodotti farmaceutici e anche esperienze. Per il 48% è costituito da nuclei famigliari con bambini e millennials, che hanno oggi tra i 35 e i 45 anni. Equamente diviso tra uomini e donne, risiede soprattutto a: Milano, Torino, Roma, Napoli e Palermo. Ed è un consumatore medio/alto spendente, che non rinuncia alla qualità della vacanza. È un cliente che prenota in anticipo e viaggia anche nei periodi di bassa stagione. «Scalapay ora vuole rendere sempre più personalizzate le sue soluzioni dedicate al mondo dei viaggi, per consolidare il proprio ruolo di leader del mercato Tra le soluzioni in arrivo per i partner già attivi ci sono l’incremento dei limiti di credito fino a 5000 euro e la rateizzzazione di acconto e saldo fino a 8 rate totali. Per Scalapay lavorano 140 persone in Italia e 250 nel mondo. Se l’head quarter della società è in Italia, è molto importante la sede di Sidney con un team di sviluppatori, perché - come aggiunge Gabriele Senatore, marketing manager travel dell'azienda .  l’Australia è la patria del buy-now pay-later, un pagamento rateale senza interessi e senza busta paga. Quindi abbiamo preso le menti migliori che l’hanno messo a punto per la prima volta, le abbiamo portate in Scalapay e abbiamo costruito qualcosa di unico per il mercato europeo: uno strumento per l’e-commerce, per il mondo digital, che oggi va sempre più nella direzione del travel, delle esperienze e della vendita fisica». In chiusura le parole di Simone Mancini, ceo di Scalapay: «Celebriamo un incredibile 2023 nel turismo. Il travel è e resterà uno dei focus principali del futuro di Scalapay!   ».    [post_title] => Scalapay: la crescita nel Travel della fintech che guida a una nuova gestione delle finanze personali [post_date] => 2024-04-08T10:56:33+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712573793000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464402 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_408431" align="alignleft" width="300"] Matteo Ciccalè[/caption] Matteo Ciccalè è il nuovo vice president of strategic growth di Scalapay. E' una crescita per linee interne quella del manager marchigiano, già alla guida della divisione viaggi con il ruolo di travel director. Ciccalè si appresta a intraprendere una nuova sfida, che lo vedrà coinvolto in altri ambiti di business, oltre a mantenere un ruolo di primo piano del settore turistico. In qualità di vice president of strategic growth riporterà ora direttamente al ceo e founder della fintech. Appassionato di marketing, travel e tech, Ciccalè ha esplorato il mondo della comunicazione pubblicitaria per terminare gli studi con un master in tourism management. Entra nel mondo dell’hospitality con Starwood, partecipando all’avvio dello Sheraton Malpensa. Segue un’esperienza commerciale It per il lancio della start-up Travel2one, per poi approdare in Amadeus It Group, dove si occupa principalmente di marketing e comunicazione di prodotti tecnologici. Nel 2015 (fino all’ingresso in Scalapay) abbraccia il progetto Booking.com Business, start-up della multinazionale olandese, dedicata al business travel. Responsabile dell’avvio del mercato italiano, è parte del primissimo gruppo internazionale di founders. Il team locale cresce velocemente a sei persone, e viene incaricato di lanciare le operazioni anche in area Apac, da Singapore. Al ritorno, è responsabile del team partnerships b2b per Spagna, Italia e Israele. “Accolgo con grande entusiasmo la nuova sfida professionale, che mi porterà a esplorare nuovi mercati e modelli di business - commenta lo stesso Ciccalè -. Saranno utili al raggiungimento dei nuovi obiettivi il know-how raccolto in questi anni da pionieri del buy now, pay later nel settore dei viaggi e le esperienze vissute insieme ai partner per sviluppare la nostra visione e servizi. Guardo al futuro con rinnovato approccio e visione di business, felice di condividere i prossimi step insieme alla grande squadra di Scalapay”. [post_title] => Matteo Ciccalè: da travel director a vice president of strategic growth di Scalapay [post_date] => 2024-03-27T11:32:50+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711539170000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463136 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Flessibilità, co-marketing e digitalizzazione: le tre parole d’ordine tracciano la strada che Scalapay percorrerà per i prossimi 12 mesi, nei settori trasporti e tour operator. Il 2023 è stato un anno rivoluzionario per i pagamenti rateali nel mercato turistico. Il famigerato buy now pay later è entrato ufficialmente nelle abitudini di consumo di oltre 10 milioni di italiani, che lo utilizzano per i propri acquisti quotidiani. Nel mondo dei viaggi, e più precisamente nei settori in cui operano le società di trasporto e i tour operator, questo metodo di pagamento innovativo conosce un ampio sviluppo, grazie alle differenti opportunità proposte, arrivando a essere richiesto da oltre il 30% dei consumatori.  In occasione della Borsa Mediterranea del Turismo (Napoli, 14 - 16 marzo 2024), la fintech dei pagamenti rateali senza interessi si racconta, rispetto al suo anno dei record.  Dichiara Matteo Ciccalè, travel partnership director: “Le aziende che stanno beneficiando maggiormente del servizio che proponiamo sono soprattutto i tour operator, tra i quali brand storici come Alpitour, Veratour, oltre a giovani realtà in forte sviluppo, ad esempio Si Vola, All Tours e Utravel. Grazie alle attività di co-marketing, di recente, abbiamo raggiunto risultati di crescita eccellenti in relazione all’acquisizione di nuovi utenti. Registriamo, inoltre, un dato di grande soddisfazione in merito ai repeaters, triplicati rispetto all’anno precedente, complici le strategie di marketing messe a disposizione dei partner con l’obiettivo di raggiungere un risultato condiviso, cui si aggiunge una flessione dei costi di acquisizione anno su anno, fino al 25%”. L’altro fronte di grande crescita per Scalapay è il segmento trasporti, in cui risulta strategico il contributo della fintech nella vendita dei biglietti, contribuendo a un progressivo miglioramento delle performance annuali. Si sottolinea che i tassi di crescita maggiore nei trasporti vengono registrati presso le fasce di clientela di 18-24 e 25-35 anni, più ricettive ed esposte alle campagne promozionali dell’Unicorno sui canali social. Treni (tra gli altri partner Trenord), noleggio auto (tra gli altri partner Tinoleggio.it), aerei, ma soprattutto trasporti navali sono il propulsore della crescita veloce di Scalapay nel settore, rappresentando il 20% del transato totale nell’ambito dei trasporti, superando così le compagnie aeree. La fintech riporta come esempio la straordinaria partnership con Grimaldi Lines, che presto si estenderà anche alla gemella iberica Trasmed.  [post_title] => Scalapay registra una grande crescita nel segmento trasporti [post_date] => 2024-03-08T13:04:54+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709903094000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463035 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_463037" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, la global marketing director di Enit, Maria Elena Rossi, Raffaella Iarrapino e la communication & marketing manager di Enit Germania, Christine Frank[/caption] Sarà online a fine di aprile Italcares: il nuovo portale di Federterme co-finanziato dal ministero del Turismo per un totale di 1,5 milioni di euro era stato presentato lo scorso giugno e ora sta finalmente per vedere la luce. Lo ha rivelato all'Itb di Berlino la responsabile del progetto, Raffaella Iarrapino: "Il nuovo sito fa parte di un strategia di più ampio respiro dedicata al turismo medicale: un settore in grande crescita a livello internazionale. Includerà in un'unica piattaforma online la proposta di benessere e salute dei nostri partner: terme, aziende sanitarie e spa. Ci saranno sezioni dedicate all'offerta dei servizi, ma anche a contenuti d'interesse. L'utente potrà interagire con il sito e selezionare la proposta migliore per le proprie specifiche esigenze". Disponibile fin da subito in quattro lingue, oltre all'italiano ci saranno le versioni inglesi, francesi e tedesche, il sito si propone anche come interlocutore privilegiato del mondo b2b: "Agenzie, tour operator, assicurazioni e fondi previdenziali non solo potranno trovare il prodotto migliore per i propri clienti/assistiti ma anche stringere accordi di collaborazione ad hoc - conclude Raffaella Iarrapino -. L'obiettivo è infatti quello di diventare il punto di riferimento unico per il segmento salute e benessere in Italia". [post_title] => Online a fine aprile il portale Italcares di Federterme [post_date] => 2024-03-07T12:27:28+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709814448000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460750 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il benessere è la chiave per destagionalizzare l'offerta turistica italiana. È questo il messaggio che arriva da Thermalia: l'area espositiva realizzata da Federterme all'interno della Bit. Lo ha ribadito anche il presidente dell'associazione legata a Confindustria, Massimo Caputi: "Sto riscontrando un grandissimo fermento tra i buyer. La gente oggi non solo vuole vivere di più, ma soprattutto vuole vivere bene: il benessere, le terme e lo stile di vita italiano è quindi l'asset principale sul quale basare qualsiasi strategia di destagionalizzazione". La domanda del benessere sta crescendo ovunque, ma in particolar modo nel Nord Europa, ha ribadito il ministro del Turismo, Daniela Santanchè: occorre quindi promuovere di più le nostre terme e alzare la qualità dei servizi, perché il viaggiatore di oggi è sempre più esigente. "Per tanto tempo abbiamo creduto che i turisti in Italia ci finissero dentro da soli - ha concluso la ceo di Enit, Ivana Jelinic -. Non è così. Occorre lavorare. E lavorare a fianco delle imprese. Finalmente il turismo medicale ha preso piede anche da noi. È un elemento importante, anche per attirare la nuova domanda dei giovani. E questo, in particolare, proprio grazie alla ricchezza delle nostre acque e dei nostri fanghi'. [post_title] => Caputi, Federterme: il benessere chiave del turismo italiano [post_date] => 2024-02-05T08:48:09+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707122889000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "scalapay federterme" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":15,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":38,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470226","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Continua la scalata del gruppo Carnival verso il ritorno del bilancio in attivo, dopo le difficoltà finanziarie sperimentate durante il Covid e nella fase di ripartenza. La compagnia ha infatti chiuso il secondo trimestre fiscale lo scorso maggio con un fatturato record di 5,8 miliardi di dollari, contro i 4,9 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. Tale risultato ha consentito a Carnival di registrare profitti netti per 92 milioni, pari a un incremento di circa 500 milioni in confronto al secondo trimestre 2023. Nonostante ciò, il primo semestre della compagnia si è chiuso ancora in rosso per 123 milioni, soprattutto a causa delle spese per interessi sui debiti accumulati durante gli anni della pandemia. Seppur negativa, tala cifra, è comunque sensibilmente migliore del rosso da 1,1 miliardi del periodo dicembre - maggio 2022-2o23. Bene anche i margini operativi lordi rettificati (adjusted ebitda) che sempre nei primi sei mesi sono passati da poco sopra il miliardo a oltre 2 miliardi.\r\n\r\n\"Abbiamo fatti degli incredibili passi in avanti nei processi di miglioramento delle nostre operazioni commerciali, riallocando strategicamente le nostre flotte e formulando efficaci piani di crescita, allo stesso tempo rafforzando il nostro team globale - commenta il ceo di Carnival Corporation, Josh Weinstein -. Grazie a questi sforzi, abbiamo chiuso un altro trimestre con risultati record in termini di ricavi, profitti operativi, depositi dei clienti e volumi di prenotazione, superando le nostre aspettative in tutte le voci di bilancio\".\r\n\r\nAlla luce di tali trend crescenti, le stime della compagnia per la chiusura dell'anno finanziario sono state ulteriormente riviste verso l'alto, con l'asticella relativa ai profitti netti rettificati alzata di circa 275 milioni di dollari, fino a quota 1,55 miliardi. In salita di 200 milioni anche le previsioni sui margini operativi lordi rettificati (adjusted ebitda), che dovrebbero toccare i 5,53 miliardi, in crescita di quasi il 40% rispetto al dato 2023.\r\n\r\nCome parte della strategia di riorganizzazione dell'offerta, il gruppo ha recentemente deciso di far confluire il proprio brand australiano P&O Cruises all'interno del marchio principale Carnival Cruise Line, con l'obiettivo di migliorare l'efficienza operativa e commerciale delle proprie attività nell'area del Sud Pacifico. La mossa è solo l'ultima di una serie di iniziativa volte ad aumentare la capacità del brand americano, quello in grado di garantire il maggior rendimento del gruppo. Carnival Cruise Line ha infatti visto aumentare la propria di ben nove navi dal 2019. Tale incremento comprende il trasferimento di tre unità Costa. La compagnia ha inoltre recentemente annunciato la ripresa dei piani di nuove costruzioni, a partire proprio dallo stesso marchio Carnival Cruise Line.\r\n\r\n ","post_title":"Carnival chiude un ottimo secondo trimestre e avvicina l'obiettivo del ritorno all'attivo","post_date":"2024-06-26T11:15:50+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1719400550000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467406","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_236568\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'interno del Palazzo dei Congressi a Firenze[/caption]\r\n\r\nL'Italia in soli cinque anni passa dal sesto al primo posto e raggiunge la vetta d'Europa per numero di congressi ospitati.\r\nE' la prima destinazione in Europa per congressi e convegni ospitati nell'anno 2023 secondo il report annuale di Icca - International Congress and Convention Association, l'associazione internazionale che raggruppa operatori del segmento congressuale.\r\n \r\nIl traguardo raggiunto è una prima volta assoluta per l'Italia, ed è il risultato di anni di crescita del settore, di una scalata progressiva dalla sesta posizione delle annate 2018-19 alla seconda posizione del 2022 fino a raggiungere l'ambita prima posizione nel 2023.\r\n\"Ogni grande risultato porta con sé molta soddisfazione ma anche la motivazione, l'energia e il coraggio - che al governo Meloni non mancano di certo - necessari a sostenere il comparto verso una crescita costante, strutturale e intelligente che veda nel turismo congressuale un asset fondamentale dell'intera industria\" commenta la ministra del Turismo Daniela Santanchè.","post_title":"L'Italia è prima in Europa per numero di congressi ospitati","post_date":"2024-05-15T10:32:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1715769138000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467016","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_467021\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Simone Mancini[/caption]\r\n\r\nScalapay e Deutsche Bank uniscono le forze per aumentare le opportunità a disposizione dei merchant partner della piattaforma, così come dei consumatori. Si tratta di una sinergia che avrà un impatto significativo anche per l’industria del turismo organizzato, consentendo a Scalapay di arricchire l’offerta di servizi a disposizione dei clienti, con nuove possibilità di pagamento rateizzato adatte ad acquisti di prodotti e servizi di elevato importo o con utilizzo ricorrente. Dall'altro lato permetterà all'istituto bancario di ampliare la propria presenza nel settore del credito al consumo, specialmente nell’online, anche usufruendo della expertise della fintech nell’ottimizzazione dell’esperienza cliente\r\n\r\n“Siamo lieti di annunciare questa partnership, per ampliare l’offerta verso i merchant e la nostra base di 6 milioni di clienti - sottolinea il ceo di Scalapay, Simone Mancini -. Questa collaborazione ci consente di semplificare l'esperienza dello shopper, anche in contesti più tradizionali come il credito al consumo. E' un traguardo importante lavorare con Deutsche Bank, che ci permette di innovare al di fuori del perimetro del Buy now pay later classico”.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_467022\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Matteo Ciccalè[/caption]\r\n\r\nFinora, Scalapay ha permesso ai suoi 6 milioni di utenti di effettuare acquisti online e in negozio, consentendo di suddividere i pagamenti in tre o quattro rate sino a 5 mila euro. Ora, grazie a questa collaborazione, la gamma di soluzioni di rateizzazione si amplia dando ai clienti in Italia la possibilità di scegliere il Bnpl offerto direttamente da Scalapay, oppure di selezionare le sei, nove e 12 rate proposte da Deutsche Bank. Inoltre, per soddisfare esigenze di più lungo termine, l’opzione di credito al consumo dell'istituto di credito sarà disponibile fino a un massimo di 36 rate per importi entro i 15 mila euro. Una novità che si inserisce nel solco del megatrend relativo alla subscription economy, basata sull'idea di ripartire il pagamento di un servizio per il tempo in cui se ne usufruisce, ottimizzando la spesa.\r\n\r\n\"Nasce in questo modo anche, un’importante occasione di business per agenzie di viaggi, tour operator e crocieristi con scontrini elevati - spiega il vice president strategic growth di Scalapay, Matteo Ciccalé -. Quanti coglieranno l’opportunità di questa soluzione potranno godere di un vantaggio inedito sul mercato turistico 2024 e 2025, e accedere alle novità in arrivo”.","post_title":"Scalapay: al via una partnership con Deutsche Bank. Benefici anche per la travel industry","post_date":"2024-05-10T09:16:33+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1715332593000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465443","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 15 aprile, in occasione della prima Giornata Nazionale del Made in Italy, giorno della nascita di Leonardo Da Vinci, Terme di Chianciano partecipano al progetto indetto da Federterme Terme Aperte offrendo la possibilità di visitare il Parco Acqua Santa, scoprendone tutti i segreti e le proprietà della sorgente Acqua Santa conosciuta fin dai tempi degli etruschi e dei romani grazie alla guida della dott.ssa Silvia Barrucco.\r\n\r\nIl programma comprende alle  09.30 – 12.30 Visita guidata del Parco Acqua Santa; 09.30 – 12.30 Descrizione servizi termali con degustazione Acqua Santa insieme alla dott.ssa Silvia Barrucco; 16- 17 Visita Terme Sensoriali con spiegazione percorsi benessere. Attività gratuite e su prenotazione (prenotazione@termechianciano.it).\r\n\r\nLe Terme sono inserite in un contesto paesaggistico e in un territorio da scoprire grazie alla rinascita dei Centri Storici grazie anche alla valorizzazione del Borgo medievale di Chianciano Terme e delle bellezze naturalistiche che lo circondano.\r\n\r\nLe Terme sono e incarnano la storia del Territorio da tremila anni a questa parte e quindi rappresentano il “Genius loci”, e sono da oltre tre millenni elementi di \"ben essere\" e socializzazione: dai ritrovamenti di epoca protovillanoviana ed etrusca del frontone della sorgente Fucoli che si trova al Museo Archeologico di Chianciano, al Salus Per Aquam dei romani, alle terme come luogo di relax ed incontro, a Pirandello con Acqua Amara e Fellini con 8 e1/2.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Terme Chianciano, 15 aprile attività gratuite per la Giornata del Made in Italy","post_date":"2024-04-12T12:42:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712925766000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464996","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La piattaforma leader del buy now pay later sta cambiando il mondo dei viaggi: quello che Matteo Ciccalè definisce: “l’unicorno nell’unicorno”. Il nuovo vice president strategic growth di Scalapay assume oggi un ruolo strategico in diversi segmenti dopo aver sviluppato con successo la divisione travel. Un settore che, inizialmente, sembrava impossibile.\r\n«Scalapay è stata fondata nel 2019 da Simone Mancini - racconta Ciccalè - Partita da settori come il fashion e il mondo della casa, nel 2021 ha iniziato un percorso nella travel industry, con la creazione di un vertical dedicato. Per la prima volta un’azienda europea si è concentrata sul mondo dei viaggi. Oggi l’indotto del settore turistico equivale a circa il 10% delle transizioni che Scalapay ha registrato nel 2023, confermandosi come segmento che ha maggiormente contribuito alla crescita della società. Infatti sono 200mila le persone che sono andate in vacanza con Scalapay nel 2023 e siamo in continua crescita. \r\n\r\n1000 merchant\r\n«Lavoriamo con circa 1000 merchant: hotel, tour operator, parchi di divertimento e trasporti. Ad oggi dalla nostra app abbiamo portato agli esercenti che lavorano con noi oltre 1.6mln di utenti da raggiungere con notifiche, email profilate o pop-up informativi. Questo ci rende un alleato di primo piano per le aziende turistiche, favorendo l’ottimizzazione degli investimenti in operazioni di marketing. Abbiamo infatti fino a 200 spazi presidiabili e oltre 50 gruppi di utenti divisi per comportamento di acquisto. La crescita che abbiamo registrato è del 250%. Una persona su 10 che ha acquistato su Scalapay nel 2023 ha acquistato un servizio viaggi. \r\n«Questo per noi è molto importante. Oggi abbiamo raggiunto 5.5mln di clienti e 8mila aziende partner, abbiamo una crescita annuale di clienti del 60% e siamo disponibili in tutta Europa. Cosa ci differenzia dalle altre aziende? - prosegue il vice-president – Innanzitutto siamo italiani. Poi « ci concentriamo su tre mercati del Mediterraneo: Italia, Francia e Spagna. E lo facciamo molto bene, perché abbiamo compreso le abitudini del consumatore Mediterraneo, che perlopiù utilizza le carte di debito. Scalapay è l’unica piattaforma del buy now, pay later ad accettare le carte di debito prepagate e, per farlo, utilizza un particolare algoritmo.\r\n«Inoltre siamo stati capaci di creare una community. Non siamo semplicemente un metodo di pagamento, ma aiutiamo i consumatori a godere delle esperienze e dei prodotti che desiderano creando un rapporto di fiducia reciproca. Infatti i consumatori utilizzano la nostra app anche per trovare suggerimenti su quali esercenti, prodotti o servizi poter acquistare. Abbiamo visto che il 70% degli utenti Scalapay è fedele al nostro servizio e ai brand che proponiamo, quindi la piattaforma fa da catalizzatore. \r\n\r\nDemocratico accesso al credito\r\n«Scalapay vuole rendere democratico l’accesso al credito non imponendo una rateizzazione fissa su tutte le spese ma lasciando al consumatore la possibilità di accedere a un credito maggiore nel momento in cui ne ha più bisogno, per le spese che pensa siano in linea con le sue necessità. \r\nChi è il viaggiatore Scalapay? - prosegue Ciccalè - È un consumatore che non acquista solamente viaggi ma anche prodotti di bellezza, abbigliamento, prodotti farmaceutici e anche esperienze. Per il 48% è costituito da nuclei famigliari con bambini e millennials, che hanno oggi tra i 35 e i 45 anni. Equamente diviso tra uomini e donne, risiede soprattutto a: Milano, Torino, Roma, Napoli e Palermo. Ed è un consumatore medio/alto spendente, che non rinuncia alla qualità della vacanza. È un cliente che prenota in anticipo e viaggia anche nei periodi di bassa stagione. \r\n«Scalapay ora vuole rendere sempre più personalizzate le sue soluzioni dedicate al mondo dei viaggi, per consolidare il proprio ruolo di leader del mercato Tra le soluzioni in arrivo per i partner già attivi ci sono l’incremento dei limiti di credito fino a 5000 euro e la rateizzzazione di acconto e saldo fino a 8 rate totali. Per Scalapay lavorano 140 persone in Italia e 250 nel mondo. Se l’head quarter della società è in Italia, è molto importante la sede di Sidney con un team di sviluppatori, perché - come aggiunge Gabriele Senatore, marketing manager travel dell'azienda . \r\nl’Australia è la patria del buy-now pay-later, un pagamento rateale senza interessi e senza busta paga. Quindi abbiamo preso le menti migliori che l’hanno messo a punto per la prima volta, le abbiamo portate in Scalapay e abbiamo costruito qualcosa di unico per il mercato europeo: uno strumento per l’e-commerce, per il mondo digital, che oggi va sempre più nella direzione del travel, delle esperienze e della vendita fisica». In chiusura le parole di Simone Mancini, ceo di Scalapay: «Celebriamo un incredibile 2023 nel turismo. Il travel è e resterà uno dei focus principali del futuro di Scalapay!\r\n\r\n \r\n». \r\n\r\n ","post_title":"Scalapay: la crescita nel Travel della fintech che guida a una nuova gestione delle finanze personali","post_date":"2024-04-08T10:56:33+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712573793000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464402","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_408431\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Matteo Ciccalè[/caption]\r\n\r\nMatteo Ciccalè è il nuovo vice president of strategic growth di Scalapay. E' una crescita per linee interne quella del manager marchigiano, già alla guida della divisione viaggi con il ruolo di travel director. Ciccalè si appresta a intraprendere una nuova sfida, che lo vedrà coinvolto in altri ambiti di business, oltre a mantenere un ruolo di primo piano del settore turistico. In qualità di vice president of strategic growth riporterà ora direttamente al ceo e founder della fintech.\r\n\r\nAppassionato di marketing, travel e tech, Ciccalè ha esplorato il mondo della comunicazione pubblicitaria per terminare gli studi con un master in tourism management. Entra nel mondo dell’hospitality con Starwood, partecipando all’avvio dello Sheraton Malpensa. Segue un’esperienza commerciale It per il lancio della start-up Travel2one, per poi approdare in Amadeus It Group, dove si occupa principalmente di marketing e comunicazione di prodotti tecnologici. Nel 2015 (fino all’ingresso in Scalapay) abbraccia il progetto Booking.com Business, start-up della multinazionale olandese, dedicata al business travel. Responsabile dell’avvio del mercato italiano, è parte del primissimo gruppo internazionale di founders. Il team locale cresce velocemente a sei persone, e viene incaricato di lanciare le operazioni anche in area Apac, da Singapore. Al ritorno, è responsabile del team partnerships b2b per Spagna, Italia e Israele.\r\n\r\n“Accolgo con grande entusiasmo la nuova sfida professionale, che mi porterà a esplorare nuovi mercati e modelli di business - commenta lo stesso Ciccalè -. Saranno utili al raggiungimento dei nuovi obiettivi il know-how raccolto in questi anni da pionieri del buy now, pay later nel settore dei viaggi e le esperienze vissute insieme ai partner per sviluppare la nostra visione e servizi. Guardo al futuro con rinnovato approccio e visione di business, felice di condividere i prossimi step insieme alla grande squadra di Scalapay”.","post_title":"Matteo Ciccalè: da travel director a vice president of strategic growth di Scalapay","post_date":"2024-03-27T11:32:50+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1711539170000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463136","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Flessibilità, co-marketing e digitalizzazione: le tre parole d’ordine tracciano la strada che Scalapay percorrerà per i prossimi 12 mesi, nei settori trasporti e tour operator.\r\nIl 2023 è stato un anno rivoluzionario per i pagamenti rateali nel mercato turistico. Il famigerato buy now pay later è entrato ufficialmente nelle abitudini di consumo di oltre 10 milioni di italiani, che lo utilizzano per i propri acquisti quotidiani. Nel mondo dei viaggi, e più precisamente nei settori in cui operano le società di trasporto e i tour operator, questo metodo di pagamento innovativo conosce un ampio sviluppo, grazie alle differenti opportunità proposte, arrivando a essere richiesto da oltre il 30% dei consumatori. \r\nIn occasione della Borsa Mediterranea del Turismo (Napoli, 14 - 16 marzo 2024), la fintech dei pagamenti rateali senza interessi si racconta, rispetto al suo anno dei record. \r\nDichiara Matteo Ciccalè, travel partnership director: “Le aziende che stanno beneficiando maggiormente del servizio che proponiamo sono soprattutto i tour operator, tra i quali brand storici come Alpitour, Veratour, oltre a giovani realtà in forte sviluppo, ad esempio Si Vola, All Tours e Utravel. Grazie alle attività di co-marketing, di recente, abbiamo raggiunto risultati di crescita eccellenti in relazione all’acquisizione di nuovi utenti. Registriamo, inoltre, un dato di grande soddisfazione in merito ai repeaters, triplicati rispetto all’anno precedente, complici le strategie di marketing messe a disposizione dei partner con l’obiettivo di raggiungere un risultato condiviso, cui si aggiunge una flessione dei costi di acquisizione anno su anno, fino al 25%”.\r\nL’altro fronte di grande crescita per Scalapay è il segmento trasporti, in cui risulta strategico il contributo della fintech nella vendita dei biglietti, contribuendo a un progressivo miglioramento delle performance annuali. Si sottolinea che i tassi di crescita maggiore nei trasporti vengono registrati presso le fasce di clientela di 18-24 e 25-35 anni, più ricettive ed esposte alle campagne promozionali dell’Unicorno sui canali social.\r\nTreni (tra gli altri partner Trenord), noleggio auto (tra gli altri partner Tinoleggio.it), aerei, ma soprattutto trasporti navali sono il propulsore della crescita veloce di Scalapay nel settore, rappresentando il 20% del transato totale nell’ambito dei trasporti, superando così le compagnie aeree.\r\nLa fintech riporta come esempio la straordinaria partnership con Grimaldi Lines, che presto si estenderà anche alla gemella iberica Trasmed. ","post_title":"Scalapay registra una grande crescita nel segmento trasporti","post_date":"2024-03-08T13:04:54+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709903094000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463035","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_463037\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, la global marketing director di Enit, Maria Elena Rossi, Raffaella Iarrapino e la communication & marketing manager di Enit Germania, Christine Frank[/caption]\r\n\r\nSarà online a fine di aprile Italcares: il nuovo portale di Federterme co-finanziato dal ministero del Turismo per un totale di 1,5 milioni di euro era stato presentato lo scorso giugno e ora sta finalmente per vedere la luce. Lo ha rivelato all'Itb di Berlino la responsabile del progetto, Raffaella Iarrapino: \"Il nuovo sito fa parte di un strategia di più ampio respiro dedicata al turismo medicale: un settore in grande crescita a livello internazionale. Includerà in un'unica piattaforma online la proposta di benessere e salute dei nostri partner: terme, aziende sanitarie e spa. Ci saranno sezioni dedicate all'offerta dei servizi, ma anche a contenuti d'interesse. L'utente potrà interagire con il sito e selezionare la proposta migliore per le proprie specifiche esigenze\".\r\n\r\nDisponibile fin da subito in quattro lingue, oltre all'italiano ci saranno le versioni inglesi, francesi e tedesche, il sito si propone anche come interlocutore privilegiato del mondo b2b: \"Agenzie, tour operator, assicurazioni e fondi previdenziali non solo potranno trovare il prodotto migliore per i propri clienti/assistiti ma anche stringere accordi di collaborazione ad hoc - conclude Raffaella Iarrapino -. L'obiettivo è infatti quello di diventare il punto di riferimento unico per il segmento salute e benessere in Italia\".","post_title":"Online a fine aprile il portale Italcares di Federterme","post_date":"2024-03-07T12:27:28+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1709814448000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460750","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il benessere è la chiave per destagionalizzare l'offerta turistica italiana. È questo il messaggio che arriva da Thermalia: l'area espositiva realizzata da Federterme all'interno della Bit. Lo ha ribadito anche il presidente dell'associazione legata a Confindustria, Massimo Caputi: \"Sto riscontrando un grandissimo fermento tra i buyer. La gente oggi non solo vuole vivere di più, ma soprattutto vuole vivere bene: il benessere, le terme e lo stile di vita italiano è quindi l'asset principale sul quale basare qualsiasi strategia di destagionalizzazione\".\r\n\r\nLa domanda del benessere sta crescendo ovunque, ma in particolar modo nel Nord Europa, ha ribadito il ministro del Turismo, Daniela Santanchè: occorre quindi promuovere di più le nostre terme e alzare la qualità dei servizi, perché il viaggiatore di oggi è sempre più esigente.\r\n\r\n\"Per tanto tempo abbiamo creduto che i turisti in Italia ci finissero dentro da soli - ha concluso la ceo di Enit, Ivana Jelinic -. Non è così. Occorre lavorare. E lavorare a fianco delle imprese. Finalmente il turismo medicale ha preso piede anche da noi. È un elemento importante, anche per attirare la nuova domanda dei giovani. E questo, in particolare, proprio grazie alla ricchezza delle nostre acque e dei nostri fanghi'.","post_title":"Caputi, Federterme: il benessere chiave del turismo italiano","post_date":"2024-02-05T08:48:09+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1707122889000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti