26 November 2022

Pellegrino, Bluvacanze: “Il tempo della resilienza è finito. Ora si riparte”

[ 0 ]

Dopo Blunet, con la recente integrazione di Via con Noi, è tempo del corporate travel di Cisalpina Tours, che ha iniziato un ambizioso programma di internazionalizzazione. Già partito con l’apertura del primo ufficio in Turchia, sarà seguito a breve da altri sviluppi a New York, in Brasile, in Sud Africa, in Francia, nel Regno Unito, in Germania, in Spagna e a Cipro. “Il tutto solo fino al prossimo maggio. Poi vedremo. E per il 2024 pensiamo anche all’Estremo Oriente“. E’ un fiume in piena il ceo del Gruppo Bluvacanze Domenico Pellegrino, che snocciola con entusiasmo progetti e investimenti della propria compagnia: “E’ finito il tempo della resilienza. Ora inizia quello della competizione positiva”.

L’integrazione di Via con Noi funzionale allo sviluppo al Sud 

Anche l’integrazione di Via con Noi nel network per affiliazioni Blunet risponde a una logica di visione di lungo periodo, piuttosto che a un mero calcolo opportunistico: “La nostra reta, composita e articolata, aveva inizialmente una caratterizzazione prettamente settentrionale – racconta Pellegrino -. Da qualche tempo, però, avevamo intrapreso un percorso di espansione al Sud, che l’integrazione di Via con Noi va ulteriormente a rafforzare“. Una strada che si interseca anche con l’apertura della nuova sede Going a Napoli: “Abbiamo acquisito uno spazio di 790 metri quadrati destinato ad accogliere le varie attività del nostro gruppo. A partire dal nuovo team corporate travel griffato Cisalpina, che ha appena completato un’importante operazione di recruiting territoriale proprio al Sud”, rivela sempre Pellegrino.

Fatturato 2022 del gruppo a -30%-35% rispetto al 2019

Tutte iniziative che si inseriscono in un contesto di ritrovata fiducia, rafforzata anche dai numeri di un 2022 positivo, nonostante le tante sfide di un anno davvero complesso: “Siamo partiti con la variante Omicron – racconta Pellegrino -. Poi a febbraio è scoppiata la guerra in Ucraina. Infine c’è stato il caos dei voli in piena alta stagione. A fronte di ciò siamo comunque riusciti a registrare un fatturato leisure del 30%-35% inferiore all’anno pre-Covid 2019, che tutto sommato è un risultato lusinghiero. E per alcune linee di business è andata ancora meglio: Going ha raddoppiato il giro d’affari pre-Covid, mentre il corporate travel di Cisalpina è arrivato a quasi il 97% dei livelli raggiunti tre anni fa“.

Il corporate travel è cambiato: si viaggia di meno ma si spende di più

Un dato per molti versi sorprendente, visto che molti davano ormai per defunto il segmento dei viaggi d’affari, dopo la proliferazione di riunioni, incontri e meeting online del biennio pandemico. “Certo, le dinamiche sono cambiate – rivela il ceo di Bluvacanze -. Il numero delle trasferte è diminuito, ma i viaggi sono più complessi e articolati, spesso dotati di budget superiori rispetto a prima. Noi poi abbiamo cercato di puntare su una clientela corporate di carattere internazionale, meno legata alle stagionalità”.

Al mercato manca oggi all’appello circa il 20% delle agenzie

Alla fine di anni tanto difficili, la luce si comincia insomma davvero a intravedere: “Per i primi sei mesi del 2023 rimarremo probabilmente ancora leggermente sotto ai numeri del pre-Covid, ma nella seconda parte dell’anno ritorneremo in linea e in generale i prossimi 12 mesi si aprono sotto le migliori prospettive”, sottolinea Pellegrino. Il mondo della distribuzione nel frattempo è ovviamente cambiato: “Al mercato manca oggi all’appello un 20% circa di agenzie – conclude il ceo -. Si tratta soprattutto di chi era già in difficoltà tre anni fa, o di chi semplicemente ha deciso di abbandonare il settore. Le adv che sono rimaste, però, hanno tirato fuori un’energia e una grinta sopite da tempo. Oggi ci interfacciamo con agenti estremamente reattivi, tanto che i nostri programmi di training vedono partecipazioni straordinarie. Per non parlare della nostra recente convention sulla Msc Bellissima, che è stata un vero successo”.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434858 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.   [gallery ids="434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875"] La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. Per visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino. www.themuseumoftourism.org https://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/ https://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/ [post_title] => Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group [post_date] => 2022-11-25T17:31:03+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669397463000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434816 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Latam ha presentato a Roma Fiumicino le nuove cabine dell’aeromobile Boing 777 che collega la capitale italiana con San Paolo. I principali player del settore sono stati protagonisti di una visita dell’aeromobile, interamente rimodernato. Questo prodotto, pluripremiato a livello internazionale, è una novità assoluta per il mercato italiano. “Dopo il periodo pandemia, che ha frenato spostamenti e viaggi, Latam è tornata a collegare l'Italia con il Sud America con il volo diretto Roma-San Paolo - ha dichiarato João Múrias, direttore commerciale regionale della compagnia -. Durante questo tempo, Latam ha continuato ad investire per offrire oggi servizi e prodotti più moderni e migliori. Il rimodernamento degli spazi delle cabine di questo aeromobile rappresenta, quindi, un importante segnale di ripartenza e ripresa. Il nostro principale obiettivo è quello di offrire ai nostri passeggeri un’esperienza sempre più personalizzata, flessibile e confortevole. Essa ha, infatti, un impatto diretto sulla scelta di una compagnia aerea e sulla soddisfazione dei viaggiatori. Come già riconosciuto a livello internazionale, ci auspichiamo che anche i passeggeri italiani possano apprezzare questa nuova esperienza di volo. L’evento di oggi è, inoltre, l’occasione perfetta per ringraziare gli operatori del settore per il loro contributo e supporto e passare il testimone a Davide Ioppolo che mi succederà a partire da gennaio 2023”. Nella nuova cabina Premium Business, i sedili, firmati Thompson, dal design ergonomico e progettato su misura, danno maggiore privacy e accesso diretto al corridoio. Nuovo anche il concept gastronomico ridisegnato per favorire il relax; nuovi protocolli di servizio per il personale di cabina con minori interruzioni, biancheria da letto e materassi di alta qualità in ciascuno dei sedili "completamente piatti" per massimizzare il comfort. Nuovo look anche per la cabina Economy: i sedili, firmati Recaro, dal design ergonomico, offrono maggiore comfort; un sistema di intrattenimento all'avanguardia con una selezione curata di contenuti, fruibili da schermi individuali di oltre 12”, permette ai passeggeri di godersi in tutto relax il proprio volo. Sono disponibili porte di alimentazione Usb a ricarica rapida e l’opzione Latam+ Seats. Latam+ Seats garantisce più spazio, una cappelliera dedicata e servizi premium come l'imbarco prioritario.   [post_title] => Latam: passaggio del testimone da Joao Murias a Davide Ioppolo. Nuove cabine per il B777 [post_date] => 2022-11-25T10:35:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669372522000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434772 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea aggiunge la destinazione Lione al network già operativo da Milano Bergamo: dal 6 aprile 2023 la città francese sarà servita con due frequenze a settimana, ogni giovedì e domenica. La nuova rotta, che prevede un’offerta complessiva di più di 27.200 posti e oltre 150 voli. “Con tre voli domestici e tre internazionali, l’offerta Volotea da Milano Bergamo è perfettamente bilanciata - ha dichiarato Valeria Rebasti, country manager Italy & Southeastern Europe del vettore -. Grazie ai nostri voli diretti e a prezzi concorrenziali, per la prossima estate i viaggiatori in partenza dal Caravaggio possono scegliere se pianificare una vacanza all’insegna del relax e del bel mare italiano oppure optare per l’estero e visitare due vivaci località francesi, come Lione e Nantes, o la capitale delle Asturie nella Spagna del Nord. Allo stesso tempo, non va dimenticato che le nuove destinazioni aumenteranno il flusso di viaggiatori incoming, desiderosi di raggiungere Milano Bergamo e visitare le bellezze dell’intero territorio lombardo, sostenendo così l’economia locale”. “La destinazione di Lione si rivela altamente strategica, sia per l’importanza della città, nota come capitale gastronomica francese e sede del più grande quartiere rinascimentale d'Europa dopo Venezia, sia perché crocevia della regione sud-orientale del Paese transalpino - ha sottolineato Giacomo Cattaneo, direttore commerciale aviation di Sacbo –. Inoltre, è motivo di soddisfazione che Volotea abbia deciso di aggiungere, ai tradizionali collegamenti domestici, tre nuove destinazioni internazionali, potenziando la sua presenza e operatività all’aeroporto di Milano Bergamo”. Diventano così 6 le destinazioni collegate dalla compagnia spagnolo all’aeroporto di Milano Bergamo, 3 in Italia (Lampedusa, Olbia e Pantelleria), 1 in Spagna (Oviedo) e 2 in Francia (Nantes e Lione). [post_title] => Volotea cresce da Milano Bergamo con una nuova rotta per Lione, dal prossimo aprile [post_date] => 2022-11-25T09:30:57+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669368657000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434793 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Certo, c'è da considerare la stagionalità, perché il Giappone è una delle prime destinazioni a partire a primavera e naturalmente manca ancora gran parte dell'estate, ma a oggi il Paese del Sol levante vale poco meno di un terzo del fatturato complessivo del nostro consorzio". Michele Serra l'aveva già detto in occasione dell'ultima fiera di Rimini che il Giappone sarebbe stata la meta del 2023. Ora però sono le cifre a parlare e a confermare quanto il presidente di Quality Group aveva affermato ormai più di un mese fa: "E' stata dura, ma ora ci prepariamo a riprenderci con gli interessi quanto abbiamo investito nel 2022 per far ripartire questa meta". In effetti il percorso non è stato affatto facile: "Io sono tornato in Giappone con un visto di lavoro ad aprile, quando ancora non si poteva entrare nel Paese per turismo  Ed è stata un'esperienza incredibile - racconta sempre Serra, in occasione della presentazione del prodotto Tokyo d'inverno targato Mistral -. Una volta riaperti i confini, i paletti messi dal governo locale sono però diventati ostacoli quasi impossibili da sormontare. Si poteva viaggiare solamente in gruppo con una guida locale presente 24 ore su 24. Inoltre occorreva il visto, cosa che fino al 2019 non era richiesto. E nelle rappresentanze diplomatiche giapponesi in Italia non c'era personale dedicato; quindi le procedure si sono subito rivelate lunghe e farraginose. Risultato: quando abbiamo fatto partire il nostro primo gruppo lo scorso luglio, unici in Europa, i nostri corrispondenti locali erano talmente stupiti da chiederci come avessimo fatto. In molti, prima di noi, avevano rinunciato". Tante e tali complicazioni non potevano inoltre che ricadere sul lato costi. "Ma ci siamo detti che l'importante, in fondo, era rimettere la macchina in moto - prosegue Serra - Ci siamo quindi sobbarcati noi le maggiori spese e tutti i viaggi verso il Giappone sono stati gestiti in perdita fino al mese di ottobre, quando finalmente la riapertura è diventata completa. Ora ci aspettiamo un 2023 in grado di superare di gran lunga i nostri record di fatturato sulla destinazione. Il tutto con marginalità ottime. E il Giappone, ricordo, per noi è stata a lungo la prima meta in termini di ricavi, superando persino gli Stati Uniti, a cui è dedicato un tour operator ad hoc del consorzio". Ciò detto, le sfide non mancheranno neppure l'anno prossimo. "A partire dai voli, che invece mancano - conclude Serra -. C'è più domanda rispetto alla disponibilità. E poi i prezzi sono altissimi. Tanto che al momento noi lavoriamo quasi esclusivamente con le compagnie emiratine e con la All Nippon Airways via Francoforte. Inoltre c'è la questione risorse umane in loco. I giapponesi non hanno infatti la cassa integrazione, ma le istituzioni durante la pandemia hanno comunque provveduto a pagare loro gli stipendi, impiegandoli in altre attività. Il problema è che un buon numero di persone che lavorava nel turismo non è ancora tornato alle proprie professioni originarie. Tocca perciò a noi svolgere una parte consistente dei compiti che una volta erano di loro competenza. Con uno sforzo che non credo sia difficile immaginare...". [post_title] => Serra, Quality: il Giappone a oggi vale quasi un terzo del nostro fatturato [post_date] => 2022-11-25T09:30:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669368623000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434785 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chiude a 830 milioni di euro l'anno del comparto tour operating di Alpitour World: la metà del fatturato complessivo di 1,6 miliardi del gruppo. «Non siamo ancora ai livelli del 2019 - racconta il general manager tour operating della compagnia, Pier Ezhaya, a margine della presentazione del nuovo logo -. Ma già dall'anno prossimo prevediamo di tornare sugli 1,35 miliardi di tre anni fa!. Molto bene stanno andando soprattutto le Maldive, l'Egitto e la Repubblica Dominicana. «Quest'ultima destinazione - prosegue Ezhaya - pare aver preso un po' il posto di Messico e Cuba come star dell'area caraibica. Buone poi le performance dell'Africa Orientale, soprattutto di Kenya e Zanzibar». «Per il 2023 ci aspettiamo quindi una ripresa del Messico e soprattutto una crescita su Mauritius, dove per la prima volta nella nostra storia posizioneremo un volo Neos, a partire dal prossimo 20 dicembre. Ci aspettiamo inoltre un Egitto ancora tonico e una Tunisia in recupero. La meta maghrebina potrebbe in particolare guadagnare quote di mercato a scapito di altre destinazioni mediterranee tradizionalmente più care come la Spagna e la Grecia, che potrebbero risentire della crescita dell'inflazione e della conseguente perdita di potere d'acquisto dei viaggiatori. Sul lungo raggio, infine, continuano a esercitare un grande appeal gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole. Ci attendiamo poi la ripartenza forte di Giappone e Thailandia e una sostanziale conferma dell'Indonesia". Reset della domanda A faticare un po' sono invece le mete nuove. Quelle destinazioni lanciate nel 2019, appena prima dello scoppio della pandemia, che all'epoca sembravano godere di ottime prospettive e che ora invece stentano a trovare spazio tra i desiderata degli italiani. "E' un po' come se il Covid avesse generato una sorta di reset nella domanda. Poca Naxos in Grecia, quindi per intenderci, ma si torna invece volentieri e Mykonos, Creta e Rodi. Anche l'Oman, che prometteva benissimo, oggi soffre un po'. «Noi però non ci fermiamo e oltre a trovare nuove strategie per queste mete, continuiamo a pensare anche ad altre destinazioni. Al momento stiamo per esempio studiando la Guinea Equatoriale, che ha molto da offrire soprattutto dal punto di vista naturalistico, e abbiamo introdotto una nuova declinazione di Doha. Il tutto, senza naturalmente dimenticare la novità Arabia Saudita: direi inevitabile visti gli investimenti che il Paese sta effettuando per valorizzare la propria proposta turistica». [post_title] => Ezhaya, Alpitour: il to chiude a 830 mln. Nel 2023 ai livelli pre-Covid [post_date] => 2022-11-25T09:15:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669367726000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434766 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Dolomiti ha ottenuto anche per il 2022 la conferma delle certificazioni Uni En Iso 9001 e 14001 e Iso/Iec 27001 rilasciata dal team Dnv, uno dei principali enti di terza parte, a livello globale, che fornisce servizi di assurance, certificazione, verifica e gestione del rischio, partner di molte delle organizzazioni di maggior successo al mondo nello sviluppo della sicurezza e nella definizione di nuove soluzioni per affrontare le trasformazioni globali. Il rinnovo delle certificazioni testimonia concretamente la volontà di mantenere una attenzione vigile alla qualità dei servizi forniti ai clienti e la sensibilità attenta alla gestione dei dati e delle informazioni. La conferma della certificazione accreditata ISO 14001, documenta l’impegno della Compagnia all’adempimento della propria politica ambientale e al rispetto delle leggi applicabili per limitare l'inquinamento e per migliorare costantemente le proprie prestazioni. “Anche quest’anno possiamo dire di aver fatto del nostro meglio per meritare la conferma delle certificazioni ottenute gli anni scorsi - ha affermati Steffen Harbarth ceo del vettore del gruppo Lufthansa -: per Air Dolomiti l’etica dei propri comportamenti e il rispetto delle normative sono strumenti fondamentali per garantire in modo chiaro ai nostri partner e ai passeggeri la nostra trasparenza e affidabilità. Dietro ogni Certificazione c’è tanto lavoro e tanto impegno; poniamo una attenzione costante ai processi aziendali e alle buone pratiche che cerchiamo di trasmettere a chi lavora all’interno dell’azienda affinché diventino, nel tempo, non semplicemente rispetto delle regole ma uno stile di comportamento spontaneo". [post_title] => Air Dolomiti ottiene la conferma delle certificazioni di qualità anche per il 2022 [post_date] => 2022-11-25T09:00:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669366813000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434760 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sky express vola alto: il vettore greco, secondo i dati Eurocontrol, è la compagnia europea con il più alto incremento di operazioni di volo nel 2022. Sky express ha registrato quest'anno un aumento del 162% del traffico rispetto al 2019, che la pone al primo posto tra tutte le compagnie aeree europee. Allo stesso tempo, secondo il "Friday network fact" pubblicato il 18/11/2022, Sky express, con 119 voli giornalieri, si colloca al 38° posto nella classifica dei vettori più trafficati in tutto il network europeo. Questo sviluppo conferma il forte potenziale di crescita del vettore, ora riconosciuto a livello internazionale dalle principali organizzazioni del settore dell'aviazione. "Una dinamica basata su una buona preparazione, sull'analisi delle tendenze del mercato, su continui investimenti in sicurezza, innovazione, risorse umane - sottolinea una nota del vettore -. È indicativo il fatto che, nonostante l'impressionante aumento delle operazioni di volo, Sky express non abbia cancellato un solo volo per tutto il periodo estivo, mentre grazie a Skyserv, la società di assistenza a terra del Gruppo Iogr a cui la compagnia appartiene, ha registrato il numero relativamente basso di problemi, in un periodo molto difficile per tutti gli aeroporti europei".   [post_title] => Sky express supera di netto i livelli di traffico del 2019 [post_date] => 2022-11-24T14:55:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669301725000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434743 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Italo corre verso il 2023 investendo una volta di più sulle agenzie di viaggio, fornendo loro strumenti utili a massimizzare le vendite. Diverse le novità tra cui, una su tutte, è l'annunciato nuovo portale che da fine dicembre consentirà agli adv "di vendere i treni regionali di FS in connessione al network di Italo - afferma Fabrizio Bona, direttore commerciale -. Queste tratte, che di fatto sono un servizio pubblico e senza vincoli esclusivi, consentiranno a un gran numero di passeggeri di fruire in abbinata dei servizi di Alta Velocità. L'agente, da parte sua, sarà in grado di individuare e comparare velocemente la soluzione di viaggio più semplice e conveniente, concludendo con l'emissione di due o più biglietti separati ma con un'unica operazione di acquisto".    Uno strumento in più a disposizione degli adv: "Queste interconnessioni ci consentono di essere capillari come mai finora - aggiunge Marco De Angelis, direttore vendite -. Arriviamo da agenzie che prima non ci vendevano e avremo anche un nuovo presidio commerciale sulle regioni, ampliando la nostra presenza fisica sul territorio".   Territorio che dall'11 dicembre, con l'introduzione dell'orario invernale, vedrà anche un significativo miglioramento del network che conterà 118 servizi al giorno, tra cui spicca il lancio di "altri due servizi veloci Milano-Roma con partenza da Milano Centrale alle ore 07.45 e da Roma Termini alle ore 18.30 e fermate aggiuntive a Roma Tiburtina e Bologna. Orari studiati su misura per i viaggiatori d'affari e che al contempo stimolano le agenzie a lavorare sul segmento business, che è uno dei nostri focus di sviluppo per i prossimi mesi. E se nel passato il numero delle frequenze non ci ha particolarmente aiutato sul fronte bt, ora diventa impossibile dire che Italo ha gap di frequenze".Migliori collegamenti anche per Venezia con due nuovi servizi con partenza da Termini alle ore 15.55 e da Santa Lucia alle ore 12.05. Viene inoltre ottimizzato l’orario di partenza da Roma Termini per Venezia che passa dalle 05.55 alle 06.55. Spinta anche sul versante del multimodale con l'introduzione della fermata Trieste Airport sulla linea Napoli – Roma – Trieste.   Tornando alle agenzie: durante il roadshow invernale che ha preso il via ieri a Milano, per poi proseguire a Bologna, Napoli e Roma, Italo incontrerà circa 200 adv: "Le novità includono anche un cambio della strategia remunerazione di incentivazione con un programma di commissioni value-based che premierà  quelle più performanti. Crediamo fortemente in questo canale distributivi e nella professionalità di tanti, che ora come mai, devono essere propositori e non semplicemente ricettori delle richieste del potenziale cliente".  [post_title] => Italo sulle agenzie: nuovo portale per la vendita dei treni regionali in connessione e focus bt [post_date] => 2022-11-24T13:06:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669295208000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434620 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_335185" align="alignleft" width="300"] Lara Magoni[/caption] «Un progetto di grande valore che rilancerà ulteriormente l'attrattività turistica di un Comune, San Pellegrino Terme, già divenuto una località di richiamo internazionale, in grado di rappresentare l'Italia nel mondo». Così l'assessore a turismo, marketing territoriale e moda di regione Lombardia, Lara Magoni, ha commentato la sottoscrizione, da parte dell'assessore Guidesi, dell'accordo di rilancio economico, sociale e territoriale (Arest) che prevede interventi per la valorizzazione in chiave turistica di San Pellegrino Terme (BG). "Regione Lombardia - ha proseguito l'assessore Magoni - crede fortemente nel potenziale di questo territorio, che merita di essere ulteriormente valorizzato. Posso dirmi orgogliosa dell'accordo di rilancio economico che darà un nuovo slancio a questa Valle e attirerà migliaia di turisti sul territorio. Quando le istituzioni e gli enti locali collaborano tra loro, in unione con l'azione privata, i risultati non possono che essere positivi". [post_title] => Regione Lombardia pronta al rilancio economico di San Pellegrino Terme [post_date] => 2022-11-24T11:29:51+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669289391000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "pellegrino bluvacanze il tempo della resilienza e finito ora si riparte" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":93,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2771,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434858","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875\"]\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.\r\n\r\nPer visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino.\r\n\r\nwww.themuseumoftourism.org\r\n\r\nhttps://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/\r\n\r\nhttps://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/","post_title":"Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group","post_date":"2022-11-25T17:31:03+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669397463000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434816","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Latam ha presentato a Roma Fiumicino le nuove cabine dell’aeromobile Boing 777 che collega la capitale italiana con San Paolo. I principali player del settore sono stati protagonisti di una visita dell’aeromobile, interamente rimodernato. Questo prodotto, pluripremiato a livello internazionale, è una novità assoluta per il mercato italiano.\r\n“Dopo il periodo pandemia, che ha frenato spostamenti e viaggi, Latam è tornata a collegare l'Italia con il Sud America con il volo diretto Roma-San Paolo - ha dichiarato João Múrias, direttore commerciale regionale della compagnia -. Durante questo tempo, Latam ha continuato ad investire per offrire oggi servizi e prodotti più moderni e migliori. Il rimodernamento degli spazi delle cabine di questo aeromobile rappresenta, quindi, un importante segnale di ripartenza e ripresa. Il nostro principale obiettivo è quello di offrire ai nostri passeggeri un’esperienza sempre più personalizzata, flessibile e confortevole. Essa ha, infatti, un impatto diretto sulla scelta di una compagnia aerea e sulla soddisfazione dei viaggiatori. Come già riconosciuto a livello internazionale, ci auspichiamo che anche i passeggeri italiani possano apprezzare questa nuova esperienza di volo.\r\nL’evento di oggi è, inoltre, l’occasione perfetta per ringraziare gli operatori del settore per il loro contributo e supporto e passare il testimone a Davide Ioppolo che mi succederà a partire da gennaio 2023”.\r\nNella nuova cabina Premium Business, i sedili, firmati Thompson, dal design ergonomico e progettato su misura, danno maggiore privacy e accesso diretto al corridoio. Nuovo anche il concept gastronomico ridisegnato per favorire il relax; nuovi protocolli di servizio per il personale di cabina con minori interruzioni, biancheria da letto e materassi di alta qualità in ciascuno dei sedili \"completamente piatti\" per massimizzare il comfort.\r\n\r\nNuovo look anche per la cabina Economy: i sedili, firmati Recaro, dal design ergonomico, offrono maggiore comfort; un sistema di intrattenimento all'avanguardia con una selezione curata di contenuti, fruibili da schermi individuali di oltre 12”, permette ai passeggeri di godersi in tutto relax il proprio volo. Sono disponibili porte di alimentazione Usb a ricarica rapida e l’opzione Latam+ Seats. Latam+ Seats garantisce più spazio, una cappelliera dedicata e servizi premium come l'imbarco prioritario.\r\n ","post_title":"Latam: passaggio del testimone da Joao Murias a Davide Ioppolo. Nuove cabine per il B777","post_date":"2022-11-25T10:35:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669372522000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434772","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea aggiunge la destinazione Lione al network già operativo da Milano Bergamo: dal 6 aprile 2023 la città francese sarà servita con due frequenze a settimana, ogni giovedì e domenica. La nuova rotta, che prevede un’offerta complessiva di più di 27.200 posti e oltre 150 voli.\r\n“Con tre voli domestici e tre internazionali, l’offerta Volotea da Milano Bergamo è perfettamente bilanciata - ha dichiarato Valeria Rebasti, country manager Italy & Southeastern Europe del vettore -. Grazie ai nostri voli diretti e a prezzi concorrenziali, per la prossima estate i viaggiatori in partenza dal Caravaggio possono scegliere se pianificare una vacanza all’insegna del relax e del bel mare italiano oppure optare per l’estero e visitare due vivaci località francesi, come Lione e Nantes, o la capitale delle Asturie nella Spagna del Nord. Allo stesso tempo, non va dimenticato che le nuove destinazioni aumenteranno il flusso di viaggiatori incoming, desiderosi di raggiungere Milano Bergamo e visitare le bellezze dell’intero territorio lombardo, sostenendo così l’economia locale”.\r\n“La destinazione di Lione si rivela altamente strategica, sia per l’importanza della città, nota come capitale gastronomica francese e sede del più grande quartiere rinascimentale d'Europa dopo Venezia, sia perché crocevia della regione sud-orientale del Paese transalpino - ha sottolineato Giacomo Cattaneo, direttore commerciale aviation di Sacbo –. Inoltre, è motivo di soddisfazione che Volotea abbia deciso di aggiungere, ai tradizionali collegamenti domestici, tre nuove destinazioni internazionali, potenziando la sua presenza e operatività all’aeroporto di Milano Bergamo”.\r\nDiventano così 6 le destinazioni collegate dalla compagnia spagnolo all’aeroporto di Milano Bergamo, 3 in Italia (Lampedusa, Olbia e Pantelleria), 1 in Spagna (Oviedo) e 2 in Francia (Nantes e Lione).","post_title":"Volotea cresce da Milano Bergamo con una nuova rotta per Lione, dal prossimo aprile","post_date":"2022-11-25T09:30:57+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669368657000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434793","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Certo, c'è da considerare la stagionalità, perché il Giappone è una delle prime destinazioni a partire a primavera e naturalmente manca ancora gran parte dell'estate, ma a oggi il Paese del Sol levante vale poco meno di un terzo del fatturato complessivo del nostro consorzio\". Michele Serra l'aveva già detto in occasione dell'ultima fiera di Rimini che il Giappone sarebbe stata la meta del 2023. Ora però sono le cifre a parlare e a confermare quanto il presidente di Quality Group aveva affermato ormai più di un mese fa: \"E' stata dura, ma ora ci prepariamo a riprenderci con gli interessi quanto abbiamo investito nel 2022 per far ripartire questa meta\".\r\n\r\nIn effetti il percorso non è stato affatto facile: \"Io sono tornato in Giappone con un visto di lavoro ad aprile, quando ancora non si poteva entrare nel Paese per turismo  Ed è stata un'esperienza incredibile - racconta sempre Serra, in occasione della presentazione del prodotto Tokyo d'inverno targato Mistral -. Una volta riaperti i confini, i paletti messi dal governo locale sono però diventati ostacoli quasi impossibili da sormontare. Si poteva viaggiare solamente in gruppo con una guida locale presente 24 ore su 24. Inoltre occorreva il visto, cosa che fino al 2019 non era richiesto. E nelle rappresentanze diplomatiche giapponesi in Italia non c'era personale dedicato; quindi le procedure si sono subito rivelate lunghe e farraginose. Risultato: quando abbiamo fatto partire il nostro primo gruppo lo scorso luglio, unici in Europa, i nostri corrispondenti locali erano talmente stupiti da chiederci come avessimo fatto. In molti, prima di noi, avevano rinunciato\".\r\n\r\nTante e tali complicazioni non potevano inoltre che ricadere sul lato costi. \"Ma ci siamo detti che l'importante, in fondo, era rimettere la macchina in moto - prosegue Serra - Ci siamo quindi sobbarcati noi le maggiori spese e tutti i viaggi verso il Giappone sono stati gestiti in perdita fino al mese di ottobre, quando finalmente la riapertura è diventata completa. Ora ci aspettiamo un 2023 in grado di superare di gran lunga i nostri record di fatturato sulla destinazione. Il tutto con marginalità ottime. E il Giappone, ricordo, per noi è stata a lungo la prima meta in termini di ricavi, superando persino gli Stati Uniti, a cui è dedicato un tour operator ad hoc del consorzio\".\r\n\r\nCiò detto, le sfide non mancheranno neppure l'anno prossimo. \"A partire dai voli, che invece mancano - conclude Serra -. C'è più domanda rispetto alla disponibilità. E poi i prezzi sono altissimi. Tanto che al momento noi lavoriamo quasi esclusivamente con le compagnie emiratine e con la All Nippon Airways via Francoforte. Inoltre c'è la questione risorse umane in loco. I giapponesi non hanno infatti la cassa integrazione, ma le istituzioni durante la pandemia hanno comunque provveduto a pagare loro gli stipendi, impiegandoli in altre attività. Il problema è che un buon numero di persone che lavorava nel turismo non è ancora tornato alle proprie professioni originarie. Tocca perciò a noi svolgere una parte consistente dei compiti che una volta erano di loro competenza. Con uno sforzo che non credo sia difficile immaginare...\".","post_title":"Serra, Quality: il Giappone a oggi vale quasi un terzo del nostro fatturato","post_date":"2022-11-25T09:30:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669368623000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434785","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Chiude a 830 milioni di euro l'anno del comparto tour operating di Alpitour World: la metà del fatturato complessivo di 1,6 miliardi del gruppo. «Non siamo ancora ai livelli del 2019 - racconta il general manager tour operating della compagnia, Pier Ezhaya, a margine della presentazione del nuovo logo -. Ma già dall'anno prossimo prevediamo di tornare sugli 1,35 miliardi di tre anni fa!. Molto bene stanno andando soprattutto le Maldive, l'Egitto e la Repubblica Dominicana. «Quest'ultima destinazione - prosegue Ezhaya - pare aver preso un po' il posto di Messico e Cuba come star dell'area caraibica. Buone poi le performance dell'Africa Orientale, soprattutto di Kenya e Zanzibar».\r\n\r\n«Per il 2023 ci aspettiamo quindi una ripresa del Messico e soprattutto una crescita su Mauritius, dove per la prima volta nella nostra storia posizioneremo un volo Neos, a partire dal prossimo 20 dicembre. Ci aspettiamo inoltre un Egitto ancora tonico e una Tunisia in recupero. La meta maghrebina potrebbe in particolare guadagnare quote di mercato a scapito di altre destinazioni mediterranee tradizionalmente più care come la Spagna e la Grecia, che potrebbero risentire della crescita dell'inflazione e della conseguente perdita di potere d'acquisto dei viaggiatori. Sul lungo raggio, infine, continuano a esercitare un grande appeal gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole. Ci attendiamo poi la ripartenza forte di Giappone e Thailandia e una sostanziale conferma dell'Indonesia\".\r\nReset della domanda\r\nA faticare un po' sono invece le mete nuove. Quelle destinazioni lanciate nel 2019, appena prima dello scoppio della pandemia, che all'epoca sembravano godere di ottime prospettive e che ora invece stentano a trovare spazio tra i desiderata degli italiani. \"E' un po' come se il Covid avesse generato una sorta di reset nella domanda. Poca Naxos in Grecia, quindi per intenderci, ma si torna invece volentieri e Mykonos, Creta e Rodi. Anche l'Oman, che prometteva benissimo, oggi soffre un po'.\r\n\r\n«Noi però non ci fermiamo e oltre a trovare nuove strategie per queste mete, continuiamo a pensare anche ad altre destinazioni. Al momento stiamo per esempio studiando la Guinea Equatoriale, che ha molto da offrire soprattutto dal punto di vista naturalistico, e abbiamo introdotto una nuova declinazione di Doha. Il tutto, senza naturalmente dimenticare la novità Arabia Saudita: direi inevitabile visti gli investimenti che il Paese sta effettuando per valorizzare la propria proposta turistica».","post_title":"Ezhaya, Alpitour: il to chiude a 830 mln. Nel 2023 ai livelli pre-Covid","post_date":"2022-11-25T09:15:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1669367726000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434766","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n\r\n\r\nAir Dolomiti ha ottenuto anche per il 2022 la conferma delle certificazioni Uni En Iso 9001 e 14001 e Iso/Iec 27001 rilasciata dal team Dnv, uno dei principali enti di terza parte, a livello globale, che fornisce servizi di assurance, certificazione, verifica e gestione del rischio, partner di molte delle organizzazioni di maggior successo al mondo nello sviluppo della sicurezza e nella definizione di nuove soluzioni per affrontare le trasformazioni globali.\r\n\r\nIl rinnovo delle certificazioni testimonia concretamente la volontà di mantenere una attenzione vigile alla qualità dei servizi forniti ai clienti e la sensibilità attenta alla gestione dei dati e delle informazioni. La conferma della certificazione accreditata ISO 14001, documenta l’impegno della Compagnia all’adempimento della propria politica ambientale e al rispetto delle leggi applicabili per limitare l'inquinamento e per migliorare costantemente le proprie prestazioni.\r\n\r\n“Anche quest’anno possiamo dire di aver fatto del nostro meglio per meritare la conferma delle certificazioni ottenute gli anni scorsi - ha affermati Steffen Harbarth ceo del vettore del gruppo Lufthansa -: per Air Dolomiti l’etica dei propri comportamenti e il rispetto delle normative sono strumenti fondamentali per garantire in modo chiaro ai nostri partner e ai passeggeri la nostra trasparenza e affidabilità. Dietro ogni Certificazione c’è tanto lavoro e tanto impegno; poniamo una attenzione costante ai processi aziendali e alle buone pratiche che cerchiamo di trasmettere a chi lavora all’interno dell’azienda affinché diventino, nel tempo, non semplicemente rispetto delle regole ma uno stile di comportamento spontaneo\".\r\n\r\n\r\n\r\n","post_title":"Air Dolomiti ottiene la conferma delle certificazioni di qualità anche per il 2022","post_date":"2022-11-25T09:00:13+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669366813000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434760","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sky express vola alto: il vettore greco, secondo i dati Eurocontrol, è la compagnia europea con il più alto incremento di operazioni di volo nel 2022. Sky express ha registrato quest'anno un aumento del 162% del traffico rispetto al 2019, che la pone al primo posto tra tutte le compagnie aeree europee.\r\nAllo stesso tempo, secondo il \"Friday network fact\" pubblicato il 18/11/2022, Sky express, con 119 voli giornalieri, si colloca al 38° posto nella classifica dei vettori più trafficati in tutto il network europeo.\r\n\r\nQuesto sviluppo conferma il forte potenziale di crescita del vettore, ora riconosciuto a livello internazionale dalle principali organizzazioni del settore dell'aviazione. \"Una dinamica basata su una buona preparazione, sull'analisi delle tendenze del mercato, su continui investimenti in sicurezza, innovazione, risorse umane - sottolinea una nota del vettore -. È indicativo il fatto che, nonostante l'impressionante aumento delle operazioni di volo, Sky express non abbia cancellato un solo volo per tutto il periodo estivo, mentre grazie a Skyserv, la società di assistenza a terra del Gruppo Iogr a cui la compagnia appartiene, ha registrato il numero relativamente basso di problemi, in un periodo molto difficile per tutti gli aeroporti europei\".\r\n\r\n ","post_title":"Sky express supera di netto i livelli di traffico del 2019","post_date":"2022-11-24T14:55:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669301725000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434743","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Italo corre verso il 2023 investendo una volta di più sulle agenzie di viaggio, fornendo loro strumenti utili a massimizzare le vendite. Diverse le novità tra cui, una su tutte, è l'annunciato nuovo portale che da fine dicembre consentirà agli adv \"di vendere i treni regionali di FS in connessione al network di Italo - afferma Fabrizio Bona, direttore commerciale -. Queste tratte, che di fatto sono un servizio pubblico e senza vincoli esclusivi, consentiranno a un gran numero di passeggeri di fruire in abbinata dei servizi di Alta Velocità. L'agente, da parte sua, sarà in grado di individuare e comparare velocemente la soluzione di viaggio più semplice e conveniente, concludendo con l'emissione di due o più biglietti separati ma con un'unica operazione di acquisto\". \r\n \r\n\r\nUno strumento in più a disposizione degli adv: \"Queste interconnessioni ci consentono di essere capillari come mai finora - aggiunge Marco De Angelis, direttore vendite -. Arriviamo da agenzie che prima non ci vendevano e avremo anche un nuovo presidio commerciale sulle regioni, ampliando la nostra presenza fisica sul territorio\".\r\n \r\n\r\n\r\n\r\nTerritorio che dall'11 dicembre, con l'introduzione dell'orario invernale, vedrà anche un significativo miglioramento del network che conterà 118 servizi al giorno, tra cui spicca il lancio di \"altri due servizi veloci Milano-Roma con partenza da Milano Centrale alle ore 07.45 e da Roma Termini alle ore 18.30 e fermate aggiuntive a Roma Tiburtina e Bologna. Orari studiati su misura per i viaggiatori d'affari e che al contempo stimolano le agenzie a lavorare sul segmento business, che è uno dei nostri focus di sviluppo per i prossimi mesi. E se nel passato il numero delle frequenze non ci ha particolarmente aiutato sul fronte bt, ora diventa impossibile dire che Italo ha gap di frequenze\".Migliori collegamenti anche per Venezia con due nuovi servizi con partenza da Termini alle ore 15.55 e da Santa Lucia alle ore 12.05. Viene inoltre ottimizzato l’orario di partenza da Roma Termini per Venezia che passa dalle 05.55 alle 06.55. Spinta anche sul versante del multimodale con l'introduzione della fermata Trieste Airport sulla linea Napoli – Roma – Trieste.\r\n\r\n\r\n \r\nTornando alle agenzie: durante il roadshow invernale che ha preso il via ieri a Milano, per poi proseguire a Bologna, Napoli e Roma, Italo incontrerà circa 200 adv: \"Le novità includono anche un cambio della strategia remunerazione di incentivazione con un programma di commissioni value-based che premierà  quelle più performanti. Crediamo fortemente in questo canale distributivi e nella professionalità di tanti, che ora come mai, devono essere propositori e non semplicemente ricettori delle richieste del potenziale cliente\". ","post_title":"Italo sulle agenzie: nuovo portale per la vendita dei treni regionali in connessione e focus bt","post_date":"2022-11-24T13:06:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669295208000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434620","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_335185\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Lara Magoni[/caption]\r\n\r\n«Un progetto di grande valore che rilancerà ulteriormente l'attrattività turistica di un Comune, San Pellegrino Terme, già divenuto una località di richiamo internazionale, in grado di rappresentare l'Italia nel mondo». Così l'assessore a turismo, marketing territoriale e moda di regione Lombardia, Lara Magoni, ha commentato la sottoscrizione, da parte dell'assessore Guidesi, dell'accordo di rilancio economico, sociale e territoriale (Arest) che prevede interventi per la valorizzazione in chiave turistica di San Pellegrino Terme (BG).\r\n\r\n\"Regione Lombardia - ha proseguito l'assessore Magoni - crede fortemente nel potenziale di questo territorio, che merita di essere ulteriormente valorizzato. Posso dirmi orgogliosa dell'accordo di rilancio economico che darà un nuovo slancio a questa Valle e attirerà migliaia di turisti sul territorio. Quando le istituzioni e gli enti locali collaborano tra loro, in unione con l'azione privata, i risultati non possono che essere positivi\".","post_title":"Regione Lombardia pronta al rilancio economico di San Pellegrino Terme","post_date":"2022-11-24T11:29:51+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669289391000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti