6 February 2023

Busforfun si aggiudica “l’oscar” dell’e-commerce

[ 0 ]

Da sx Luca Campanile, Davide Buscato e Ruggero Maffei

Un successo inatteso che sottolinea l’impegno di Busforfun. La start up fondata nel 2015 dalla creatività dei due ingegneri Davide Buscato e Luca Campanile si è infatti aggiudicata il premio come miglior e-commerce nella categoria “viaggi e tempo libero” in occasione della XII edizione Netcomm Forum al MiCo di Milano, tra gli eventi più significativi per l’e–commerce e la digital transformation in Italia.

«Abbiamo creato un contenitore – racconta Luca Campanile, co-fondatore di Busforfun – che è il frutto di tutte le nostre esperienze precedenti professionali, Siamo entrati in un mercato poco esplorato con enormi potenzialità, attualmente abbiamo ricevuto la fiducia dei principali eventi nazionali, sempre in evoluzione».
L’azienda, che aggiudicandosi il premio si è messa alle spalle colossi del web, attraverso il loro e-commerce vende biglietti per bus per eventi. In poco più di un anno Busforfun ha costruito una rete di oltre 550 agenzie e più di 300 fermate diffuse in Italia, Slovenia, Austria e Croazia.

«La nostra forza è l’omnicanalità applicata alla vendita tramite smartphone sintetizza Davide Buscato, co-fondatore della start up -, fino ad arrivare ai punti vendita fisici, sempre determinanti anche in una epoca di social».

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438668 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nasce a Milano la prima Brussels House d’Europa. La cerimonia di inaugurazione, nel quartiere di Porta Nuova della città e alla presenza del sindaco Giuseppe Sala, dà il via a una nuova concezione per la promozione del made in Bruxelles. L'ente del turismo di Bruxelles e Brussels Hub, (rappresentanza economica e commerciale della Regione di Brussels Capitale), rappresenteranno il turismo e il commercio di Bruxelles in un’unica sede. Il nuovo spazio dal concept originale e innovativo, manifesto dell’eco-design e dell’economia circolare brusselese, rappresenta un progetto pilota che sarà poi replicato in altre città europee. “Sarà una casa per gli italiani, dove accoglieremo t.o. e agenzie di viaggio in uno spazio polifunzionale per la formazione ed esposizioni permanenti con eventi, meeting, workshop e academy day ogni due mesi dove acquisire gli strumenti per conoscere e promuovere un turismo city break. Ci sarà uno spazio anche per la moda e le sfilate. Sarà la casa delle aziende brussellesi che investono in Italia” - spiega Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles. Un luogo di incontro del sistema produttivo turistico e commerciale, per le istituzioni e la cultura brussellese dove poter sviluppare nuove sinergie e opportunità e moltiplicare le occasioni di collaborazione tra Bruxelles e l’Italia. E poiché Bruxelles non è solo Parlamento, è anche quartieri vivaci e dinamici, la capitale delle capitali viene anche definita la città “perfettamente imperfetta” dal segretario di stato Pascal Smet. “Bruxelles è design, tecnologia, mobilità sostenibile- sottolinea Smet -. Stiamo trasformando la città delle macchine nella città per le persone; una città internazionale con una popolazione non nativa di Bruxelles del 70% in cui convivono tante culture diverse. Il nostro impegno sarà mostrare agli italiani ciò che Bruxelles ha da offrire in tutti i settori, dalla cultura, al cibo, al turismo”. Da oggi, è previsto il primo workshop che ospita i primi partner aziendali che collaboreranno con Brussels House e tour operator che programmano la destinazione, primi contatti diretti per le agenzie di viaggio italiane. [gallery ids="438676,438672,438675,438671,438674,438673"] [post_title] => Apre i battenti a Milano la prima Brussels House d’Europa. Nuove opportunità per il trade [post_date] => 2023-02-03T13:36:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675431392000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438468 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2022 si consolida come l'anno della ripresa del turismo dopo la pandemia. Secondo le previsioni del Ministero di Industria, Commercio e Turismo spagnolo, nel 2022 i turisti internazionali che avranno visitato la Spagna supereranno i 71,5 milioni e la spesa totale raggiungerà gli 87.100 milioni di euro. C’è molto ottimismo per il 2023. «La gastronomia, i nostri prodotti storico-culturali unici e il nostro patrimonio naturale – spiega  Isabel Garaña, Direttrice Ente Spagnolo del Turismo a Milano - sono attivi fondamentali e grazie all’eccellente connettività aerea con la Spagna, tutti facilmente raggiungibili dall’Italia. Nel 2023 promuoveremo esperienze, prodotti e servizi turistici che includano sempre criteri di sostenibilità, asse centrale delle politiche del turismo spagnolo. Nel 2023 continueremo attuando il Piano Nazionale del Turismo per l'Enogastronomia 2022-2023 che pone il turismo enogastronomico come esperienza per posizionare la Spagna come destinazione turistica e come strumento di competitività internazionale». Quest’anno si celebra il 50º anniversario della morte di Picasso. Il programma "Picasso Celebracion 1973-2023" comprende una cinquantina di mostre in tutto il mondo, 16 in Spagna, in città strettamente legate all'artista: Malaga, Madrid, Barcellona, ​​A Coruña e Bilbao. L'evento è sostenuto da una campagna pubblicitaria che verrà lanciata nel primo trimestre del 2023 e più di 40 azioni in 21 paesi organizzate dalle diverse sedi dell’Ente spagnolo del turismo all'estero. L'obiettivo è rafforzare la posizione della Spagna come destinazione leader del turismo culturale. Nel 2022 sono state attuate le azioni previste dal Piano per la Modernizzazione e la competitività del settore turistico spagnolo, finanziato con 3.400 milioni di euro a carico dei fondi Next Generation EU, per veicolare il modello verso un turismo sostenibile, digitale, accessibile, inclusivo e sicuro per migliorare la competitività del settore turistico spagnolo. La Spagna continuerà a collaborare con i tour operator e gli agenti di viaggio con un occhio di riguardo alla formazione. «Nello specifico promuoviamo – conclude Isabel Garaña - lo “Spain Specialist Programma SPP”, la nostra piattaforma online di formazione per gli agenti di viaggio, dov’è possibile completare un percorso formativo gratuito e di qualità sulla destinazione Spagna e che è stato arricchito ultimamente con nuovi contenuti. In questo momento stiamo lavorando nel disegno della nuova edizione del Roadshow Spagna, il nostro workshop itinerante, che vedrà la nostra presenza in diverse città italiane, continueremo con la programmazione di nuove puntate di webinars della serie “WebinSpain” e con la collaborazione di tour operator e rete di agenzie attraverso giornate di formazione e presentazione di destinazione agli operatori».   [post_title] => Spagna, promuovere esperienze e servizi turistici che includano criteri di sostenibilità [post_date] => 2023-02-03T09:03:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675415023000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438092 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438093" align="alignleft" width="300"] Grotte di Frasassi[/caption] Il 2022 si certifica un anno da record per le Grotte di Frasassi. Alla partenza del nuovo anno il Consorzio Grotte di Frasassi fa un primo bilancio con fatturati che superano quelli del 2019, anno pre covid, e con un afflusso di circa 270.000 visitatori che riconferma il primato delle Grotte di Frasassi come uno dei siti naturalistici tra i più visitati e apprezzati d’Italia. “Numeri importanti che con soddisfazione premiano il nostro impegno - Ha dichiarato il Sindaco di Genga Marco Filipponi- Grazie ad un attento piano di marketing, studiato per rilanciare l’area dopo i difficili anni della pandemia che ha visto la pianificazione di azioni strategiche di promozione e l’organizzazione di grandi eventi con una forte risonanza nazionale ed internazionale, oggi le Grotte con un aumento degli afflussi sia dei visitatori italiani che stranieri, si riconfermano tra i siti naturalistici più visitati d’Italia.” A partire dai festeggiamenti del 50° Anniversario della scoperta delle Grotte di Frasassi che ha visto protagonisti di un concerto andato in onda su Rai 1 e testimonial del sito carsico i tre celebri tenori Piero Gianluca e Ignazio de Il Volo nel docufilm diretto dal Maestro Vittorio Storaro. Un messaggio di pace Nella Pasqua 2022, le Grotte di Frasassi, hanno lanciato un forte messaggio di pace con la suggestiva proiezione di Armondo Linus Acosta   “The last supper. The living tableau” ispirato all’ “Ultima Cena” di Leonardo Da Vinci e realizzato con i tre grandi maestri della cinematografia mondiale vincitori di Premi Oscar: Vittorio Storaro, Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo. Per quanto riguarda l’offerta alle scuole, il 2022 ha visto il Consorzio Grotte di Frasassi impegnato nell’implementazione dei prodotti didattici elaborati appositamente per gli studenti, di secondarie e superiori. Grazie alla convenzione stipulata con la Sezione di Geologia dell’Università di Camerino il Consorzio Grotte di Frasassi ha creato a Genga un hub internazionale di ricerca in ambito geologico che ha coinvolto gli studenti di istituti ed università di tutto il mondo. Tra le altre iniziative di partnership ricordiamo l’accordo siglato con Trenitalia per la promozione integrata e sostenibile del territorio che ha garantito ai visitatori oltre al trasporto diretto e facilitato davanti alla biglietteria delle Grotte di Frasassi anche uno sconto speciale nel biglietto d’ingresso.     [post_title] => Grotte di Frasassi: 270 mila visitatori nel 2022. Superato il 2019 [post_date] => 2023-01-27T12:07:43+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674821263000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438079 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è tenuto presso il Mercato Centrale di Firenze del gruppo Human Company il primo roadshow dedicato alla selezione delle startup che prenderanno parte al progetto Argo: un acceleratore per startup e pmi innovative che sviluppano soluzioni o servizi dedicati a turismo e l’ospitalità. Parte della Rete nazionale acceleratori di Cassa Depositi e Prestiti, Argo è stato lanciato a dicembre da Cdp Venture Capital in collaborazione con il ministero del Turismo. Il programma è gestito da Lventure Group, tra i principali acceleratori di startup in Europa (che co-investe assieme a Cdp Venture Capital nelle imprese selezionate) e VeniSia, l’ecosistema di innovazione sostenibile di Università Ca’ Foscari Venezia. Assieme a Human Company, Argo è sostenuto dai main partner Intesa Sanpaolo e Intesa Sanpaolo Innovation Center mentre la Scuola italiana di ospitalità è il partner tecnico: si tratta di un network specificatamente creato per lo sviluppo di startup specializzate in un mercato, quello del turismo, a maggior potenziale di crescita. Lo scopo del programma è individuare e selezionare le più promettenti startup traveltech italiane o internazionali che intendano aprire una sede operativa sul mercato tricolore. Ogni anno, per i prossimi tre, verranno scelte dieci startup e pmi con prodotti o servizi: queste realtà riceveranno un investimento pre-seed di circa 75 mila euro per un’equity dal 3% all’8%, con possibilità di accedere a successivi finanziamenti post-selezione, tra cui un contributo a fondo perduto di 25 mila euro erogato dal dicastero del Turismo. “Il supporto a tutte quelle startup e pmi che stanno muovendo i primi passi nel settore del turismo, in particolare open-air ma non solo, è una questione di primaria importanza per noi, impegnati come siamo oggi in un importante percorso di digital transformation dell’azienda - spiega il ceo di Human Company, Luca Belenghi -. Crediamo nello sviluppo di un ecosistema di nuove imprese innovative a livello nazionale per la crescita di un turismo sostenibile, in grado di accogliere le sfide di un settore in grande trasformazione: nuove esigenze dei turisti, nuove tecnologie e nuove opportunità. Individuare le soluzioni più innovative in un comparto così centrale per il nostro paese, dal punto di vista sia economico, sia occupazionale, permette infatti a tutti i player di crescere di conseguenza”. La fase di selezione del progetto Argo si svilupperà attraverso tre roadshow: momenti di incontro dedicati in cui verranno approfondite le 30 proposte più interessanti con ulteriori colloqui da parte del team dell’acceleratore. Il primo di questi si è tenuto dunque a Firenze il 25 gennaio; ne seguiranno altri due, rispettivamente il 1° e l’8 febbraio. Solamente 16 startup verranno poi invitate a partecipare al Selection day: l’ultimo step che si terrà il 20 marzo di fronte a un’audience di partner del programma. Il programma permetterà infine alle 10 startup selezionate, a partire da aprile e per i successivi cinque mesi,  di crescere attraverso un percorso di formazione con esperti del settore, nonché di validare il prodotto e il modello di business per il go-to-market. [post_title] => Human Company ha ospitato a Firenze il primo roadshow Argo per le startup del turismo [post_date] => 2023-01-27T11:49:33+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674820173000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437987 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il grande ritorno dell'eCommerce nel turismo. Infatti il 2022 è stato l’anno della ripresa per il mercato complessivo del turismo (online + offline) in Italia, tornato vicinissimo ai valori pre-pandemia. Se per la componente offline il divario da colmare è ancora significativo (da -45% a -16% rispetto al 2019 per i differenti comparti), guardando solo all’eCommerce dei viaggi il sorpasso sul 2019, in alcuni casi, è già avvenuto. Nell’ospitalità i valori del 2022 per l’online superano, infatti, quelli del pre-pandemia (16,4 contro i 14,6 miliardi del 2019) mentre nei trasporti vi sono ormai vicini (11,2 miliardi rispetto a i 12 di tre anni fa). Anche il turismo organizzato ha ripreso a correre: il mercato del tour operating nel 2022 vale il 70% di quanto fatturava nel 2019 e il comparto delle agenzie di viaggio si attesta al -19% sul pre-pandemia. Rispetto al 2021 la ripartenza è evidente: +106% per il tour operating e +189% per le agenzie di viaggio. Sono alcuni dei dati emersi dalla nona edizione dell'Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano, presentati in occasione del convegno “Travel Innovation Day – Il Travel riprende quota: il digitale ai comandi” insieme alla ricerca dell’Osservatorio Business Travel, svolta in partnership con il Center for Advanced Studies in Tourism (CAST) dell’Università di Bologna. Crescita Anche in fase di prenotazione l’online la fa da padrone: per l’alloggio la quota di chi ha utilizzato esclusivamente canali online raggiunge il 59%, mentre nei trasporti il 63%. Inoltre, il 22% dei viaggiatori si rivolge all’agenzia o consulente di viaggio per acquisire informazioni o prenotare la vacanza. Continua a crescere anche il numero di viaggiatori che ha acquistato tramite eCommerce prodotti legati alla località visitata e che rappresenta il 33% del totale, contro il 12% del 2019 e il 9% del 2018. Anche l’offerta si sta adeguando alla crescente richiesta di esperienze neverending, ossia esperienze turistiche estese nel tempo e nello spazio: il 12% delle strutture ricettive offre ai propri clienti la possibilità di acquistare prodotti della destinazione (enogastronomici, di artigianato etc.) tramite eCommerce. [post_title] => L'eCommerce vola. Il turismo organizzato si difende bene [post_date] => 2023-01-26T11:11:55+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674731515000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437720 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroitalia si candida ad operare i collegamenti da e per Alghero in linea con la procedura d'emergenza negoziata sulla piattaforma telematica Sardegna Cat, avviata dalla Regione con l'assessore dei Trasporti, Antonio Moro, per cercare di evitare che lo scalo Riviera del Corallo resti senza collegamenti. "Abbiamo deciso di rispondere positivamente all'invito della Regione Sardegna per la continuità su Alghero sia verso Roma che verso Linate - riferisce l'Ansa, riprendendo una nota della compagnia aerea -. Inoltre invieremo la nostra disponibilità a volare senza compensazioni Olbia-Roma". In questo caso AeroItalia fa un passo in più: dopo essere arrivata prima all'apertura delle buste su entrambe le rotte di Olbia (Milano e Roma) con un ribasso d'asta del 75%, aveva dovuto cedere il passo a Volotea sulla tratta da e per la Capitale perché la low cost spagnola si era proposta di effettuare il collegamento senza compensazioni economiche. Ora Aeroitalia, che aveva annunciato la volontà di verificare la possibilità di ricorrere al Tar, rilancia sulla stessa rotta: volerà anch'essa senza gli aiuti economici previsti dal bando che invece incasserà per volare tra Olbia e Milano. L'altra compagnia aerea che beneficerà delle compensazioni è Ita Airways che si è aggiudicata la possibilità di collegare Cagliari con Roma e Milano. Intanto tra gli altri vettori che potrebbe essere interessati a volare su Alghero c'è la danese Dat, che già effettua voli in continuità in Italia collegando la Sicilia a Lampedusa e Pantelleria. [post_title] => Aeroitalia si candida a volare su Alghero. E rilancia l'interesse per Olbia [post_date] => 2023-01-23T10:12:44+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674468764000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437590 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_385664" align="alignleft" width="300"] Costanzo Iaccarino, presidente campano di Federalberghi e neo vicepresidente di Confcommercio Campania[/caption] “Questo nuovo incarico rappresenta un ulteriore riconoscimento del ruolo strategico che il turismo riveste all’interno dell’economia regionale e del suo inscindibile legame con il comparto commerciale”: così Costanzo Iaccarino, presidente di Federalberghi Campania, commenta la nomina a vicepresidente di Confcommercio Campania. La struttura organizzativa che riunisce e rappresenta migliaia di imprese attive nei settori del commercio, della logistica, della sanità, del turismo e del terziario avanzato, ha rinnovato ieri il proprio direttivo: il neo-presidente Pasquale Russo è ora affiancato da un Consiglio composto da Costanzo Iaccarino (presidente Federalberghi Campania) e Luigi Muto (presidente di Fedisalute Campania) in qualità di vicepresidenti, oltre Vincenzo Mosella (settore commercio), Pasquale Legora De Feo (presidente di Conftrasporto Campania), Georgia Forte e Marco Spina. “Questa nuova sfida – conclude Iaccarino – mi onora e mi entusiasma ma, nello stesso tempo, costituisce un’ulteriore motivo di responsabilità: in una fase storica come quella che stiamo attraversando, caratterizzata da un’impennata del costo di beni e servizi senza precedenti, i rappresentanti delle forze produttive sono chiamati a trovare soluzioni condivise ed efficaci che siano in grado di dare nuova linfa al commercio e al turismo, asset strategici per l’economia della Campania”. [post_title] => Iaccarino nominato vicepresidente di Confcommercio Campania [post_date] => 2023-01-19T10:34:42+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674124482000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437485 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437487" align="alignleft" width="300"] Valerio Duchini, presidente e a.d. di B&B Hotels Italia[/caption] Una certificazione pensata appositamente per il comparto dell'ospitalità. Lo ha chiesta B&B Hotels all'ente indipendente Socotec, che ha messo a punto un indice di misurazione ad hoc capace al contempo di contare sul riconoscimento del Global sustainable tourism council’s (Gstc) e sull’integrazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdg) delle Nazioni unite. Nel corso del 2022, gli auditor di Socotec hanno quindi ispezionato la sede centrale di B&B Hotels e 87 strutture in Francia, Germania, Italia e Spagna. Sono stati valutati oltre 125 elementi in cinque categorie (sistema di gestione sostenibile, governance, sociale, cultura e ambiente): dalla strategia alle azioni attuate per preservare la biodiversità, gli ecosistemi e i paesaggi, passando alla creazione di occupazione sul territorio locale, al coinvolgimento del personale e alla promozione delle attività culturali e del patrimonio locale. Una task force dedicata a B&B Hotels ha verificato 117 iniziative di corporate social responsability esistenti, analizzando il divario tra lo stato attuale e i requisiti della certificazione csr (125 voci) e intervistando 70 mila persone tra le parti interessate (clienti, hotel manager, proprietari, fornitori, dipendenti) in quattro Paesi, al fine di monitorare la quantità di emissioni di carbonio prodotte. Dopo oltre 120 giorni di audit, B&B Hotels Francia, Italia, Spagna e Germania hanno quindi ottenuto la certificazione del Sistema di gestione della sostenibilità per tre anni. Si tratta infatti di un processo continuo. Ogni anno verranno eseguiti audit di sorveglianza in 100 hotel selezionati casualmente e verranno riviste la strategia e i piani d'azione csr di B&B Hotels. Tutte le nuove aperture (circa 100 all'anno) si impegnano inoltre a essere conformi ai requisiti della certificazione csr e i progressi saranno valutati e comunicati in modo trasparente. La certificazione è disponibile per tutti gli attori dell'ospitalità. [post_title] => B&B Hotels si aggiudica la prima certificazione di sostenibilità ad hoc per l'ospitalità [post_date] => 2023-01-18T09:45:19+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674035119000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437358 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Brand Usa presenta il nuovo board of directors del 2023, che sarà guidato da Todd Davidson, ceo di Travel Oregon, in qualità di presidente (nella foto). Davidson è stato nominato per la prima volta nel 2020 e ha recentemente ricoperto il ruolo di vice presidente.  “Il lavoro di Brand Usa per supportare il settore nella ripresa, considerando le numerose variabili in gioco, è vitale affinché il 2023 sia un anno positivo - ha affermato Davidson -. Accolgo gli spunti di Stephanie  Young, Tim Mapes e Allen Orr e sono grato che il board continuerà a beneficiare dell’esperienza e della conoscenza istituzionale di Don Moore. Sono onorato della fiducia che il board ha riposto in me per ricoprire il ruolo di presidente, e non vedo l’ora di collaborare con loro e con l’intero team sotto la guida di Chris Thompson, per supportare la ripresa”.   “E’ fondamentale che il presidente di Brand Usa abbia esperienza nella leadership e una profonda conoscenza del settore, e Todd possiede entrambe - ha sottolineato Thompson. Accolgo anche Stephanie Young, Tim Mapes, ed Allen Orr nella famiglia Brand USA, e sono onorato di confermare Don Moore per un altro mandato. Considerato il lavoro che ci attende in un periodo di incertezza globale, sono sicuro che Brand USA beneficerà della loro esperienza individuale e collettiva”. La U.S. Secretary of Commerce, insieme a U.S. Secretary of State e a U.S. Secretary of Homeland Security, ha nominato gli 11 membri del board, in base ai settori specifici del turismo. I Senior Executives lavoreranno congiuntamente contribuendo con un expertise inestimabile alla mission e alle attività di Brand Usa. Ogni direttore può essere nominato per un massimo di due mandati da tre anni ciascuno. Le cariche, tra nuove nomine e riconferme, sono le seguenti: nuove nomine, Attractions or Recreation: Stephanie Young, president, Disney Vacation Club,  Adventures & Expeditions, ed Enrichment Programs, Disney Parks, Experiences, and Products; Commercial or Private Passenger Air: Tim Mapes, senior vice president and chief marketing & communications officer, Delta Air Lines; Immigration Law and Policy: Allen Orr, founder, Orr Immigration Law Firm. Riconferma: Land or Sea Passenger Transportation, Don Moore, senior vice president,  business rental sales and global corporate accounts, Enterprise Holdings. [post_title] => Brand Usa tra novità e riconferme per il board of directors 2023 [post_date] => 2023-01-16T13:37:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673876263000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "busforfun si aggiudica loscar delle commerce" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":34,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":273,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438668","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Nasce a Milano la prima Brussels House d’Europa. La cerimonia di inaugurazione, nel quartiere di Porta Nuova della città e alla presenza del sindaco Giuseppe Sala, dà il via a una nuova concezione per la promozione del made in Bruxelles.\r\n\r\nL'ente del turismo di Bruxelles e Brussels Hub, (rappresentanza economica e commerciale della Regione di Brussels Capitale), rappresenteranno il turismo e il commercio di Bruxelles in un’unica sede. Il nuovo spazio dal concept originale e innovativo, manifesto dell’eco-design e dell’economia circolare brusselese, rappresenta un progetto pilota che sarà poi replicato in altre città europee.\r\n\r\n“Sarà una casa per gli italiani, dove accoglieremo t.o. e agenzie di viaggio in uno spazio polifunzionale per la formazione ed esposizioni permanenti con eventi, meeting, workshop e academy day ogni due mesi dove acquisire gli strumenti per conoscere e promuovere un turismo city break. Ci sarà uno spazio anche per la moda e le sfilate. Sarà la casa delle aziende brussellesi che investono in Italia” - spiega Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles.\r\n\r\nUn luogo di incontro del sistema produttivo turistico e commerciale, per le istituzioni e la cultura brussellese dove poter sviluppare nuove sinergie e opportunità e moltiplicare le occasioni di collaborazione tra Bruxelles e l’Italia. E poiché Bruxelles non è solo Parlamento, è anche quartieri vivaci e dinamici, la capitale delle capitali viene anche definita la città “perfettamente imperfetta” dal segretario di stato Pascal Smet. “Bruxelles è design, tecnologia, mobilità sostenibile- sottolinea Smet -. Stiamo trasformando la città delle macchine nella città per le persone; una città internazionale con una popolazione non nativa di Bruxelles del 70% in cui convivono tante culture diverse. Il nostro impegno sarà mostrare agli italiani ciò che Bruxelles ha da offrire in tutti i settori, dalla cultura, al cibo, al turismo”.\r\n\r\nDa oggi, è previsto il primo workshop che ospita i primi partner aziendali che collaboreranno con Brussels House e tour operator che programmano la destinazione, primi contatti diretti per le agenzie di viaggio italiane.\r\n\r\n[gallery ids=\"438676,438672,438675,438671,438674,438673\"]","post_title":"Apre i battenti a Milano la prima Brussels House d’Europa. Nuove opportunità per il trade","post_date":"2023-02-03T13:36:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1675431392000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438468","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 2022 si consolida come l'anno della ripresa del turismo dopo la pandemia. Secondo le previsioni del Ministero di Industria, Commercio e Turismo spagnolo, nel 2022 i turisti internazionali che avranno visitato la Spagna supereranno i 71,5 milioni e la spesa totale raggiungerà gli 87.100 milioni di euro. C’è molto ottimismo per il 2023.\r\n\r\n«La gastronomia, i nostri prodotti storico-culturali unici e il nostro patrimonio naturale – spiega  Isabel Garaña, Direttrice Ente Spagnolo del Turismo a Milano - sono attivi fondamentali e grazie all’eccellente connettività aerea con la Spagna, tutti facilmente raggiungibili dall’Italia. Nel 2023 promuoveremo esperienze, prodotti e servizi turistici che includano sempre criteri di sostenibilità, asse centrale delle politiche del turismo spagnolo. Nel 2023 continueremo attuando il Piano Nazionale del Turismo per l'Enogastronomia 2022-2023 che pone il turismo enogastronomico come esperienza per posizionare la Spagna come destinazione turistica e come strumento di competitività internazionale».\r\n\r\nQuest’anno si celebra il 50º anniversario della morte di Picasso. Il programma \"Picasso Celebracion 1973-2023\" comprende una cinquantina di mostre in tutto il mondo, 16 in Spagna, in città strettamente legate all'artista: Malaga, Madrid, Barcellona, ​​A Coruña e Bilbao. L'evento è sostenuto da una campagna pubblicitaria che verrà lanciata nel primo trimestre del 2023 e più di 40 azioni in 21 paesi organizzate dalle diverse sedi dell’Ente spagnolo del turismo all'estero. L'obiettivo è rafforzare la posizione della Spagna come destinazione leader del turismo culturale.\r\n\r\nNel 2022 sono state attuate le azioni previste dal Piano per la Modernizzazione e la competitività del settore turistico spagnolo, finanziato con 3.400 milioni di euro a carico dei fondi Next Generation EU, per veicolare il modello verso un turismo sostenibile, digitale, accessibile, inclusivo e sicuro per migliorare la competitività del settore turistico spagnolo.\r\n\r\nLa Spagna continuerà a collaborare con i tour operator e gli agenti di viaggio con un occhio di riguardo alla formazione.\r\n\r\n«Nello specifico promuoviamo – conclude Isabel Garaña - lo “Spain Specialist Programma SPP”, la nostra piattaforma online di formazione per gli agenti di viaggio, dov’è possibile completare un percorso formativo gratuito e di qualità sulla destinazione Spagna e che è stato arricchito ultimamente con nuovi contenuti. In questo momento stiamo lavorando nel disegno della nuova edizione del Roadshow Spagna, il nostro workshop itinerante, che vedrà la nostra presenza in diverse città italiane, continueremo con la programmazione di nuove puntate di webinars della serie “WebinSpain” e con la collaborazione di tour operator e rete di agenzie attraverso giornate di formazione e presentazione di destinazione agli operatori».\r\n\r\n ","post_title":"Spagna, promuovere esperienze e servizi turistici che includano criteri di sostenibilità","post_date":"2023-02-03T09:03:43+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1675415023000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438092","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438093\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Grotte di Frasassi[/caption]\r\n\r\nIl 2022 si certifica un anno da record per le Grotte di Frasassi. Alla partenza del nuovo anno il Consorzio Grotte di Frasassi fa un primo bilancio con fatturati che superano quelli del 2019, anno pre covid, e con un afflusso di circa 270.000 visitatori che riconferma il primato delle Grotte di Frasassi come uno dei siti naturalistici tra i più visitati e apprezzati d’Italia.\r\n\r\n“Numeri importanti che con soddisfazione premiano il nostro impegno - Ha dichiarato il Sindaco di Genga Marco Filipponi- Grazie ad un attento piano di marketing, studiato per rilanciare l’area dopo i difficili anni della pandemia che ha visto la pianificazione di azioni strategiche di promozione e l’organizzazione di grandi eventi con una forte risonanza nazionale ed internazionale, oggi le Grotte con un aumento degli afflussi sia dei visitatori italiani che stranieri, si riconfermano tra i siti naturalistici più visitati d’Italia.”\r\n\r\nA partire dai festeggiamenti del 50° Anniversario della scoperta delle Grotte di Frasassi che ha visto protagonisti di un concerto andato in onda su Rai 1 e testimonial del sito carsico i tre celebri tenori Piero Gianluca e Ignazio de Il Volo nel docufilm diretto dal Maestro Vittorio Storaro.\r\nUn messaggio di pace\r\nNella Pasqua 2022, le Grotte di Frasassi, hanno lanciato un forte messaggio di pace con la suggestiva proiezione di Armondo Linus Acosta   “The last supper. The living tableau” ispirato all’ “Ultima Cena” di Leonardo Da Vinci e realizzato con i tre grandi maestri della cinematografia mondiale vincitori di Premi Oscar: Vittorio Storaro, Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo.\r\n\r\nPer quanto riguarda l’offerta alle scuole, il 2022 ha visto il Consorzio Grotte di Frasassi impegnato nell’implementazione dei prodotti didattici elaborati appositamente per gli studenti, di secondarie e superiori. Grazie alla convenzione stipulata con la Sezione di Geologia dell’Università di Camerino il Consorzio Grotte di Frasassi ha creato a Genga un hub internazionale di ricerca in ambito geologico che ha coinvolto gli studenti di istituti ed università di tutto il mondo.\r\n\r\nTra le altre iniziative di partnership ricordiamo l’accordo siglato con Trenitalia per la promozione integrata e sostenibile del territorio che ha garantito ai visitatori oltre al trasporto diretto e facilitato davanti alla biglietteria delle Grotte di Frasassi anche uno sconto speciale nel biglietto d’ingresso.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Grotte di Frasassi: 270 mila visitatori nel 2022. Superato il 2019","post_date":"2023-01-27T12:07:43+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674821263000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438079","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è tenuto presso il Mercato Centrale di Firenze del gruppo Human Company il primo roadshow dedicato alla selezione delle startup che prenderanno parte al progetto Argo: un acceleratore per startup e pmi innovative che sviluppano soluzioni o servizi dedicati a turismo e l’ospitalità. Parte della Rete nazionale acceleratori di Cassa Depositi e Prestiti, Argo è stato lanciato a dicembre da Cdp Venture Capital in collaborazione con il ministero del Turismo. Il programma è gestito da Lventure Group, tra i principali acceleratori di startup in Europa (che co-investe assieme a Cdp Venture Capital nelle imprese selezionate) e VeniSia, l’ecosistema di innovazione sostenibile di Università Ca’ Foscari Venezia.\r\n\r\nAssieme a Human Company, Argo è sostenuto dai main partner Intesa Sanpaolo e Intesa Sanpaolo Innovation Center mentre la Scuola italiana di ospitalità è il partner tecnico: si tratta di un network specificatamente creato per lo sviluppo di startup specializzate in un mercato, quello del turismo, a maggior potenziale di crescita. Lo scopo del programma è individuare e selezionare le più promettenti startup traveltech italiane o internazionali che intendano aprire una sede operativa sul mercato tricolore. Ogni anno, per i prossimi tre, verranno scelte dieci startup e pmi con prodotti o servizi: queste realtà riceveranno un investimento pre-seed di circa 75 mila euro per un’equity dal 3% all’8%, con possibilità di accedere a successivi finanziamenti post-selezione, tra cui un contributo a fondo perduto di 25 mila euro erogato dal dicastero del Turismo.\r\n\r\n“Il supporto a tutte quelle startup e pmi che stanno muovendo i primi passi nel settore del turismo, in particolare open-air ma non solo, è una questione di primaria importanza per noi, impegnati come siamo oggi in un importante percorso di digital transformation dell’azienda - spiega il ceo di Human Company, Luca Belenghi -. Crediamo nello sviluppo di un ecosistema di nuove imprese innovative a livello nazionale per la crescita di un turismo sostenibile, in grado di accogliere le sfide di un settore in grande trasformazione: nuove esigenze dei turisti, nuove tecnologie e nuove opportunità. Individuare le soluzioni più innovative in un comparto così centrale per il nostro paese, dal punto di vista sia economico, sia occupazionale, permette infatti a tutti i player di crescere di conseguenza”.\r\n\r\nLa fase di selezione del progetto Argo si svilupperà attraverso tre roadshow: momenti di incontro dedicati in cui verranno approfondite le 30 proposte più interessanti con ulteriori colloqui da parte del team dell’acceleratore. Il primo di questi si è tenuto dunque a Firenze il 25 gennaio; ne seguiranno altri due, rispettivamente il 1° e l’8 febbraio. Solamente 16 startup verranno poi invitate a partecipare al Selection day: l’ultimo step che si terrà il 20 marzo di fronte a un’audience di partner del programma. Il programma permetterà infine alle 10 startup selezionate, a partire da aprile e per i successivi cinque mesi,  di crescere attraverso un percorso di formazione con esperti del settore, nonché di validare il prodotto e il modello di business per il go-to-market.","post_title":"Human Company ha ospitato a Firenze il primo roadshow Argo per le startup del turismo","post_date":"2023-01-27T11:49:33+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674820173000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437987","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il grande ritorno dell'eCommerce nel turismo. Infatti il 2022 è stato l’anno della ripresa per il mercato complessivo del turismo (online + offline) in Italia, tornato vicinissimo ai valori pre-pandemia. Se per la componente offline il divario da colmare è ancora significativo (da -45% a -16% rispetto al 2019 per i differenti comparti), guardando solo all’eCommerce dei viaggi il sorpasso sul 2019, in alcuni casi, è già avvenuto. Nell’ospitalità i valori del 2022 per l’online superano, infatti, quelli del pre-pandemia (16,4 contro i 14,6 miliardi del 2019) mentre nei trasporti vi sono ormai vicini (11,2 miliardi rispetto a i 12 di tre anni fa).\r\n\r\nAnche il turismo organizzato ha ripreso a correre: il mercato del tour operating nel 2022 vale il 70% di quanto fatturava nel 2019 e il comparto delle agenzie di viaggio si attesta al -19% sul pre-pandemia. Rispetto al 2021 la ripartenza è evidente: +106% per il tour operating e +189% per le agenzie di viaggio. Sono alcuni dei dati emersi dalla nona edizione dell'Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano, presentati in occasione del convegno “Travel Innovation Day – Il Travel riprende quota: il digitale ai comandi” insieme alla ricerca dell’Osservatorio Business Travel, svolta in partnership con il Center for Advanced Studies in Tourism (CAST) dell’Università di Bologna.\r\nCrescita\r\nAnche in fase di prenotazione l’online la fa da padrone: per l’alloggio la quota di chi ha utilizzato esclusivamente canali online raggiunge il 59%, mentre nei trasporti il 63%. Inoltre, il 22% dei viaggiatori si rivolge all’agenzia o consulente di viaggio per acquisire informazioni o prenotare la vacanza.\r\n\r\nContinua a crescere anche il numero di viaggiatori che ha acquistato tramite eCommerce prodotti legati alla località visitata e che rappresenta il 33% del totale, contro il 12% del 2019 e il 9% del 2018. Anche l’offerta si sta adeguando alla crescente richiesta di esperienze neverending, ossia esperienze turistiche estese nel tempo e nello spazio: il 12% delle strutture ricettive offre ai propri clienti la possibilità di acquistare prodotti della destinazione (enogastronomici, di artigianato etc.) tramite eCommerce.","post_title":"L'eCommerce vola. Il turismo organizzato si difende bene","post_date":"2023-01-26T11:11:55+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674731515000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437720","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aeroitalia si candida ad operare i collegamenti da e per Alghero in linea con la procedura d'emergenza negoziata sulla piattaforma telematica Sardegna Cat, avviata dalla Regione con l'assessore dei Trasporti, Antonio Moro, per cercare di evitare che lo scalo Riviera del Corallo resti senza collegamenti.\r\n\r\n\"Abbiamo deciso di rispondere positivamente all'invito della Regione Sardegna per la continuità su Alghero sia verso Roma che verso Linate - riferisce l'Ansa, riprendendo una nota della compagnia aerea -. Inoltre invieremo la nostra disponibilità a volare senza compensazioni Olbia-Roma\". In questo caso AeroItalia fa un passo in più: dopo essere arrivata prima all'apertura delle buste su entrambe le rotte di Olbia (Milano e Roma) con un ribasso d'asta del 75%, aveva dovuto cedere il passo a Volotea sulla tratta da e per la Capitale perché la low cost spagnola si era proposta di effettuare il collegamento senza compensazioni economiche.\r\n\r\nOra Aeroitalia, che aveva annunciato la volontà di verificare la possibilità di ricorrere al Tar, rilancia sulla stessa rotta: volerà anch'essa senza gli aiuti economici previsti dal bando che invece incasserà per volare tra Olbia e Milano. L'altra compagnia aerea che beneficerà delle compensazioni è Ita Airways che si è aggiudicata la possibilità di collegare Cagliari con Roma e Milano.\r\nIntanto tra gli altri vettori che potrebbe essere interessati a volare su Alghero c'è la danese Dat, che già effettua voli in continuità in Italia collegando la Sicilia a Lampedusa e Pantelleria.","post_title":"Aeroitalia si candida a volare su Alghero. E rilancia l'interesse per Olbia","post_date":"2023-01-23T10:12:44+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674468764000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437590","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_385664\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Costanzo Iaccarino, presidente campano di Federalberghi e neo vicepresidente di Confcommercio Campania[/caption]\r\n\r\n“Questo nuovo incarico rappresenta un ulteriore riconoscimento del ruolo strategico che il turismo riveste all’interno dell’economia regionale e del suo inscindibile legame con il comparto commerciale”: così Costanzo Iaccarino, presidente di Federalberghi Campania, commenta la nomina a vicepresidente di Confcommercio Campania.\r\n\r\nLa struttura organizzativa che riunisce e rappresenta migliaia di imprese attive nei settori del commercio, della logistica, della sanità, del turismo e del terziario avanzato, ha rinnovato ieri il proprio direttivo: il neo-presidente Pasquale Russo è ora affiancato da un Consiglio composto da Costanzo Iaccarino (presidente Federalberghi Campania) e Luigi Muto (presidente di Fedisalute Campania) in qualità di vicepresidenti, oltre Vincenzo Mosella (settore commercio), Pasquale Legora De Feo (presidente di Conftrasporto Campania), Georgia Forte e Marco Spina.\r\n\r\n“Questa nuova sfida – conclude Iaccarino – mi onora e mi entusiasma ma, nello stesso tempo, costituisce un’ulteriore motivo di responsabilità: in una fase storica come quella che stiamo attraversando, caratterizzata da un’impennata del costo di beni e servizi senza precedenti, i rappresentanti delle forze produttive sono chiamati a trovare soluzioni condivise ed efficaci che siano in grado di dare nuova linfa al commercio e al turismo, asset strategici per l’economia della Campania”.","post_title":"Iaccarino nominato vicepresidente di Confcommercio Campania","post_date":"2023-01-19T10:34:42+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674124482000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437485","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437487\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Valerio Duchini, presidente e a.d. di B&B Hotels Italia[/caption]\r\n\r\nUna certificazione pensata appositamente per il comparto dell'ospitalità. Lo ha chiesta B&B Hotels all'ente indipendente Socotec, che ha messo a punto un indice di misurazione ad hoc capace al contempo di contare sul riconoscimento del Global sustainable tourism council’s (Gstc) e sull’integrazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdg) delle Nazioni unite.\r\nNel corso del 2022, gli auditor di Socotec hanno quindi ispezionato la sede centrale di B&B Hotels e 87 strutture in Francia, Germania, Italia e Spagna. Sono stati valutati oltre 125 elementi in cinque categorie (sistema di gestione sostenibile, governance, sociale, cultura e ambiente): dalla strategia alle azioni attuate per preservare la biodiversità, gli ecosistemi e i paesaggi, passando alla creazione di occupazione sul territorio locale, al coinvolgimento del personale e alla promozione delle attività culturali e del patrimonio locale.\r\n\r\nUna task force dedicata a B&B Hotels ha verificato 117 iniziative di corporate social responsability esistenti, analizzando il divario tra lo stato attuale e i requisiti della certificazione csr (125 voci) e intervistando 70 mila persone tra le parti interessate (clienti, hotel manager, proprietari, fornitori, dipendenti) in quattro Paesi, al fine di monitorare la quantità di emissioni di carbonio prodotte. Dopo oltre 120 giorni di audit, B&B Hotels Francia, Italia, Spagna e Germania hanno quindi ottenuto la certificazione del Sistema di gestione della sostenibilità per tre anni. Si tratta infatti di un processo continuo. Ogni anno verranno eseguiti audit di sorveglianza in 100 hotel selezionati casualmente e verranno riviste la strategia e i piani d'azione csr di B&B Hotels. Tutte le nuove aperture (circa 100 all'anno) si impegnano inoltre a essere conformi ai requisiti della certificazione csr e i progressi saranno valutati e comunicati in modo trasparente. La certificazione è disponibile per tutti gli attori dell'ospitalità.","post_title":"B&B Hotels si aggiudica la prima certificazione di sostenibilità ad hoc per l'ospitalità","post_date":"2023-01-18T09:45:19+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674035119000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437358","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Brand Usa presenta il nuovo board of directors del 2023, che sarà guidato da Todd Davidson, ceo di Travel Oregon, in qualità di presidente (nella foto). Davidson è stato nominato per la prima volta nel 2020 e ha recentemente ricoperto il ruolo di vice presidente. \r\n\r\n“Il lavoro di Brand Usa per supportare il settore nella ripresa, considerando le numerose variabili in gioco, è vitale affinché il 2023 sia un anno positivo - ha affermato Davidson -. Accolgo gli spunti di Stephanie  Young, Tim Mapes e Allen Orr e sono grato che il board continuerà a beneficiare dell’esperienza e della conoscenza istituzionale di Don Moore. Sono onorato della fiducia che il board ha riposto in me per ricoprire il ruolo di presidente, e non vedo l’ora di collaborare con loro e con l’intero team sotto la guida di Chris Thompson, per supportare la ripresa”.  \r\n\r\n“E’ fondamentale che il presidente di Brand Usa abbia esperienza nella leadership e una profonda conoscenza del settore, e Todd possiede entrambe - ha sottolineato Thompson. Accolgo anche Stephanie Young, Tim Mapes, ed Allen Orr nella famiglia Brand USA, e sono onorato di confermare Don Moore per un altro mandato. Considerato il lavoro che ci attende in un periodo di incertezza globale, sono sicuro che Brand USA beneficerà della loro esperienza individuale e collettiva”.\r\n\r\nLa U.S. Secretary of Commerce, insieme a U.S. Secretary of State e a U.S. Secretary of Homeland Security, ha nominato gli 11 membri del board, in base ai settori specifici del turismo. I Senior Executives lavoreranno congiuntamente contribuendo con un expertise inestimabile alla mission e alle attività di Brand Usa. Ogni direttore può essere nominato per un massimo di due mandati da tre anni ciascuno.\r\n\r\nLe cariche, tra nuove nomine e riconferme, sono le seguenti: nuove nomine, Attractions or Recreation: Stephanie Young, president, Disney Vacation Club,  Adventures & Expeditions, ed Enrichment Programs, Disney Parks, Experiences, and Products; Commercial or Private Passenger Air: Tim Mapes, senior vice president and chief marketing & communications officer, Delta Air Lines; Immigration Law and Policy: Allen Orr, founder, Orr Immigration Law Firm.\r\n\r\nRiconferma: Land or Sea Passenger Transportation, Don Moore, senior vice president,  business rental sales and global corporate accounts, Enterprise Holdings.","post_title":"Brand Usa tra novità e riconferme per il board of directors 2023","post_date":"2023-01-16T13:37:43+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1673876263000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti