4 December 2022

Nepal: nuovo piano per rilanciare il turismo con la Visit Nepal Decade

[ 0 ]

Il governo del Napal ha varato una serie di misure per rilanciare l’industria del turismo, particolarmente colpita dalla pandemia, che includono l’istituzione della Visit Nepal Decade, nel decennio tra il 2023 e il 2033.

Presentando il piano Jeevan Ram Shrestha, ministro nepalese per la cultura, il turismo e l’aviazione civile, ha dichiarato che il governo sta rompendo la tradizione di annunciare un singolo anno come “Visit Nepal Year”, in modo da condurre una campagna sostenuta per promuovere il turismo, uno dei principali generatori di valuta estera e di posti di lavoro per il Paese.

Il governo intanto punta ad attrarre 1 milione di turisti stranieri nell’anno fiscale 2022-23, iniziato a metà luglio. Il Nepal ha accolto 1,19 milioni di visitatori stranieri nel 2019 e ha cercato di attrarne 2 milioni nel 2020, quando è stato lanciato Visit Nepal 2020, ma il Covid-19 ha costretto il governo a sospendere la campagna. Lo scorso giugno, secondo i dati del ministero del Turismo, gli stranieri che hanno visitato il Paese sono stati 237.670.

Nell’ambito del nuovo piano d’azione, il Nepal lancerà campagne di promozione in Cina, India e Bangladesh, le prime due delle quali sono le maggiori fonti di turisti per il Nepal negli anni normali.

È previsto anche un piano per promuovere il Nepal come destinazione Mice e per il turismo spirituale, con l’offerta di pacchetti di yoga, benessere e spa. E visto che l’alpinismo è da sempre una parte fondamentale del turismo nepalese, il Paese sta pianificando l’apertura di altre vette himalayane.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435276 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una media occupazione superiore all'80% tra luglio e ottobre. E' la performance estiva del Belstay Venezia Mestre, rivelata in occasione della cerimonia ufficiale di lancio della struttura, svoltasi ieri con dj set e musica dal vivo, nonché impreziosita dalle specialità culinarie di chef Andrea Ribaldone. «L’intervento di riqualificazione, che abbiamo completato per implementare il nostro nuovo format alberghiero, si colloca perfettamente nel territorio veneziano che, per intensità di traffico leisure e aziende attive sul territorio, rappresenta un crocevia nell’Italia del nord-est. – commenta Roberto Di Tullio, a.d. di Belstay Hotels –. L’albergo ha sempre rappresentato un punto di riferimento nell’area per incontri aziendali e politici di alto profilo e per poterlo rilanciare si sono resi necessari significativi investimenti e un nuovo approccio gestionale, che lo rendesse più fruibile dalla clientela. Il format di accoglienza è molto apprezzato e ora siamo concentrati nel farci conoscere dai segmenti mice e business travel nel territorio veneziano». Il Belstay Venezia Mestre è un hotel di categoria 4 stelle con 188 camere completamente ristrutturate e caratterizzato da un design fresco e contemporaneo. La struttura dispone di ampia lobby, bar, due sale ristorante e un centro congressi con sala conferenze dalla capienza massima di 180 persone. Gli ospiti possono anche usufruire della palestra al piano interrato e del servizio navetta verso la stazione di Mestre. [post_title] => Ieri la cerimonia ufficiale di lancio del Belstay Venezia Mestre dopo un'estate da oltre l'80% di occupazione [post_date] => 2022-12-02T09:38:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669973931000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434958 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Giappone riproporrà anche nel 2023 il programma di sconti dedicato ad incentivare il turismo domestico. Secondo quanto dichiarato dal ministro del Turismo, Tetsuo Saito, verrà presto annunciata la data di rilancio dell'iniziativa che, varata lo scorso ottobre, avrebbe dovuto concludersi il prossimo 28 dicembre. I nuovi sconti saranno ridotti, con una percentuale che scenderà al 20% rispetto all'attuale 40%. Anche l'importo massimo dello sconto disponibile per i viaggiatori nei pacchetti turistici, compresi i servizi di trasporto pubblico, diminuirà da 58 dollari (8.000 yen) a 36 dollari (5.000 yen). Saito ha precisato che la domanda turistica, pur essendo in ripresa, non è ancora tornata ai livelli precedenti la pandemia; di conseguenza il governo assisterà pienamente il settore, che si prevede sarà un pilastro dell'economia giapponese dei prossimi anni. La campagna è fondamentale anche per rilanciare le economie locali. [post_title] => Il Giappone estende anche al 2023 la campagna di sconti per il turismo domestico [post_date] => 2022-11-28T13:31:21+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669642281000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434914 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un tour della durata di nove giorni, in Oman, con particolare focus sul deserto di Rub’ Al Khali, all’interno del quale si trascorrono tre notti in campo tendato. E' la nuova proposta KiboTours che porta alla scoperta di un luogo leggendario: Rub’ Al-Khali letteralmente significa infatti “il quarto vuoto”, vale a dire la quarta parte del tutto, dopo terra, cielo e mare. Ci troviamo nella parte più meridionale della penisola Araba, in Oman, e questa definizione descrive il più grande deserto di sabbia del mondo: si estende per un’area di oltre 650 mila chilometri quadrati. Per avere un’idea si tratta di qualcosa come più dell’intera penisola iberica, Spagna e Portogallo insieme. Il programma prevede, dopo l’arrivo a Muscat, dove si trascorre la prima notte, che l’avventura inizi a bordo di veicoli 4x4.  Il primo assaggio è il Wahiba Sands, situato nella parte orientale del Paese ed esteso per circa 12.500 chilometri quadrati, dove si pernotta in un campo fisso. Nel cuore del Wahiba Sands si trova una moschea, fatta costruire dal vecchio sultano Qaboos per le comunità che vivono ancora il deserto. Il terzo giorno si raggiunge Mahoot, percorrendo il deserto in direzione sud-est tra dune che si gettano in mare, per la notte il campo viene allestito lungo la costa omanita, proprio sulla spiaggia. Il quarto giorno si fanno provviste, rifornimento di benzina e acqua, e si dorme in guesthouse ad Al Ghaftain, per poi tuffarsi nella tre giorni di puro deserto Rub’ Al-Khali. Il tour prevede che si percorrano circa 200 chilometri in 4x4 al giorno, vale a dire cinque o sei ore di auto. Nel tardo pomeriggio si cerca una location per allestire il campo e la mattina, mentre lo staff carica le macchine, i viaggiatori hanno la possibilità di passeggiare per ammirare il deserto nell’ora più suggestiva, quella del sorgere del sole. Ultima tappa prima di rientrare nel mondo, il volo di rientro è previsto dall’aeroporto di Salalah, è la città perduta di Ubar, o meglio quello che ne resta. La città è conosciuta come l’Atlantide delle Sabbie, o anche come Iram dei Pilastri: circondata da mura e torri, è stata ritrovata poche decine di anni fa dagli archeologi. La sua leggenda nasce dal fatto che appare miracolosamente ben conservata: si ritiene che sia scomparsa perché inghiottita dal deserto durante una tempesta di sabbia e contemporaneamente sprofondata in una grotta calcarea sotterranea. Il prezzo proposto da KiboTours parte da 3.290 euro a persona, calcolato su un minimo di otto partecipanti, voli esclusi. [post_title] => KiboTours porta alla scoperta dell'Oman e del quarto vuoto: il deserto di Rub’ Al Khali [post_date] => 2022-11-28T11:14:27+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669634067000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434833 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Scopri l’Italia che non sapevi”: presentate a Milano la strategia della promozione turistica congiunta delle regioni italiane e le nuove fasi di sviluppo del progetto che fa parte del piano di Promozione nazionale 2020 del ministero del turismo. Il progetto, nato da un accordo programmatico tra il ministero e la Commissione poliche per il turismo delle regioni, con le regioni capofila del progetto, regione Umbria, Marche ed Emilia Romagna, coordinate dalla regione Abruzzo, e le provincie autonome, in collaborazione con Enit, porta avanti la promozione e la valorizzazione di un patrimonio come i borghi e i paesaggi italiani, il turismo lento e quello attivo. L’evento meneghino è stato inoltre l’occasione per proclamare i vincitori del contest #LitaliaCheNonSapevi, l’iniziativa che ha coinvolto i partecipanti nel racconto dell’Italia nascosta e più insolita attraverso l’invio si video, foto podcast e racconti. Sono stati 676 i partecipanti e 4436 opere con 21 vincitori, uno per ogni regione. Un materiale di grande valore che le regioni metteranno in campo in un piano editoriale sui canali social per la valorizzazione del nostro territorio. Ogni regione capofila si è dedicato ad un asset specifico. Per raccontare l’Italia, 21 creators internazionali sono stati invitati a visitare 189 borghi della nostra penisola per 210 giorni, coordinati dall’Emilia Romagna. Scoprire la bellezza italiana abbinandola a esperienze e alla mobilità sostenibile. Il risultato raggiunto è stato un prodotto passato sui social con oltre 2,3 milioni di utenti tra post, live advertorial e blog post in lingua inglese, tedesco e spagnolo. La regione Umbria ha lavorato alla valorizzazione dell’enogastronomia, estrapolando 21 video ricette di un prodotto Igp o Dop nostrano. L’asset capeggiato dalla regione Marche ha messo in campo il nordic walking e il turismo nautico. Il primo per scoprire l’Italia attraversandola in bicicletta e ponendo l’attenzione sul cicloturismo con “le vie del bike” alla scoperta delle peculiarità dell’Italia, da nord a sud per cui è prevista anche una versione virtuale. La seconda con un piano di navigazione “l’Italia vista dal mare, scopri dove ti porto”, è stata l’occasione per rilanciare la navigazione lungo le coste italiane alla scoperta dell’immenso territorio storico, culturale, naturalistico ed enogastronomico dell’entroterra costiero e e delle acque interne italiane. Un prodotto di valore economico e turistico della nautica da diporto tradotto in 16 itinerari che percorrono l’Italia e le isole e le acque interne. L’obbiettivo di valorizzare i territori italiani prende forma passando da reale a virtuale, migrando da una vetrina già consolidata come il sito viaggio.italia.it al portale nazionale Tourism Digital Hub, gestito da regione Abruzzo per una raccolta uniforme dei contenuti dell’offerta nazionale, affinché sia materiale condiviso. Una sfida nuova che può essere allargata su nuovi temi e collaborazioni al cui Piano 2020 verranno ancora dedicate le risorse ministeriali del Piano Promozionale 2022 per un finanziamento che passerà dai 3 milione del 2020 ai 5 milioni del Piano 2022. Si sta lavorando su come strutturarlo e su come valorizzare anche importanti asset come la montagna e il mare, integrando sempre un continuo dialogo tra i territori. Il percorso verso la promozione turistica nazionale sembra aver compiuto finalmente un primo passo. Inizia a delineasi unione di intenti e semplificazione, collaborazione tra le istituzioni e coordinazione, dialogo con tutti i territori e innovazione tecnologica dietro il lavoro costante e intelligente delle regioni. [post_title] => Scopri l’Italia che non sapevi: le regioni che fanno promozione [post_date] => 2022-11-25T11:55:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669377302000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434826 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates aggiunge un nuovo volo giornaliero diretto da Dubai a Colombo, dal prossimo 1° dicembre. Il collegamento risponde all'aumento stagionale della domanda di viaggi, e permette di portare a tre il numero di voli giornalieri tra le due città, inclusi due voli diretti e uno operante attraverso la capitale delle Maldive, Malé. Il servizio giornaliero aggiuntivo di Emirates opererà direttamente tra Dubai e Colombo, tranne dal 16 al 30 dicembre, quando il servizio da Dubai a Colombo farà scalo a Malé.   Emirates ha lanciato le operazioni in Sri Lanka nel 1986 e ha celebrato 36 anni di operazioni a Colombo all'inizio di quest'anno. La compagnia aerea ha firmato un memorandum d'intesa con lo Sri Lanka Tourism Promotion Bureau nel 2022, riaffermando il suo impegno nei confronti del Paese e delineando iniziative reciprocamente vantaggiose che contribuiranno a rilanciare l'industria del commercio e del turismo del Paese. [post_title] => Emirates aumenta la capacità su Colombo con il terzo volo giornaliero, dal 1° dicembre [post_date] => 2022-11-25T11:37:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669376225000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434299 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Isole Canarie attraggono un sempre maggior numero di remote workers: dal 2020, quando l’Ente per il turismo ha deciso di scommettere su questo segmento di viaggiatori, gli arrivi nell'arcipelago sono aumentati in modo esponenziale. Una scommessa, quella sugli smart workers, che viene rilanciata oggi con una nuova campagna che punta a sottolineare i costi bassi e l’aumento del risparmio. Tale campagna si snoderà tra novembre e dicembre nei seguenti mercati: Regno Unito, Germania, Spagna, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Svezia, Svizzera, Finlandia, Irlanda, Repubblica Ceca e Italia.  Nel 2022 le Canarie hanno già accolto 45.800 remote workers (secondo i dati di Nomad List  aggiornati ad ottobre 2022). Solo nel 2021 sono arrivati quasi 47.000 telelavoratori, superando l'obiettivo dei 30.000 che l’Ente per il turismo delle Canarie si era prefissato in cinque anni. La maggior parte degli arrivi proviene da Germania (27%), Regno Unito (12%), Paesi Bassi (10%), Repubblica Ceca (8%), Stati Uniti (6,6%), Spagna (6,6%) e Irlanda (5%). "Durante gli ultimi mesi del 2020 e per tutto il 2021 abbiamo lavorato per posizionare le Canarie tra le scelte di chi cerca un posto per lavorare a distanza - spiega Yaiza Castilla, Ministro del Turismo, dell'Industria e del Commercio del Governo delle Isole Canarie - Per questo motivo, in questa campagna abbiamo voluto porre l’accento su argomenti come la presenza di banda larga, i collegamenti aerei internazionali, e il concetto di #Aftertelework. Vogliamo dire alle persone cosa possono fare sulle isole una volta terminata la giornata lavorativa, quali sono le infinite possibilità per il tempo libero, quali le micro-destinazioni turistiche e le attività all'aria aperta in uno dei migliori ambienti naturali di tutta Europa". Sempre secondo i dati di Nomad List, l’arcipelago spagnolo è in media il luogo dove sperimentare il maggiore aumento della capacità di risparmio a seconda del reddito generato nel paese di origine dei remote workers. Lavorare a Tenerife, Lanzarote, Gran Canaria e Fuerteventura, per esempio, offre una capacità di risparmio del 61% per un reddito di 50.000 dollari rispetto a Madeira, al secondo posto della classifica. [post_title] => Canarie sempre più al top per i lavoratori a distanza. Nuova campagna di promozione [post_date] => 2022-11-17T12:03:47+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668686627000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434276 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Emilia, la Terra dello Slow Mix fra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, è un concentrato di iniziative uniche tra corsi di cucina, visite nei luoghi di produzione delle eccellenze della Food Valley, castelli incantati e centri storici. Con Visit Emilia l'offerta spazia nei diversi settori. ­ Corsi di cucina con esperte rezdore emiliane, immersioni gastronomiche nei luoghi in cui nascono le prelibatezze della Food Valley italiana, pedalate nel cuore dei paesaggi che dall’Appennino Tosco Emiliano scendono sinuosi fino al fiume Po o viaggi sulla tracce di castelli incantati. L’Emilia, la Terra della Slow Mix, dove ogni vacanza è unica ed eclettica, è uno stile di vita che si declina in una miriade di esperienze, tutte da sperimentare tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, grazie alle coinvolgenti iniziative degli operatori delle reti di Visit Emilia,  Food & Wine, Cultura & Castelli, Terme & outdoor. Per immergersi nello stile emiliano, bisogna cominciare con un tour gastronomico tra Parma e Reggio Emilia. Si inizia con la degustazione del tradizionale Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia Dop e la visita all’acetaia di una delle più prestigiose aziende agricole reggiane, per continuare il viaggio tra le colline parmensi e visitare uno dei produttori del famoso Prosciutto di Parma, per assaporare, infine, un gustoso pranzo a base di salumi tipici emiliani. Nel pomeriggio, l’itinerario prosegue alla scoperta del vino Malvasia, ammirando il Castello di Torrechiara. L’Emilia è la terra delle due ruote, dunque l’esperienza tra Parmigiano Reggiano e Parma in bicicletta è imperdibile. Il tour guidato di mezza giornata comincia in un caseificio per spostarsi nel cuore della città pedalando, con tappa negli orti sociali dove degustare un cestino di prodotti tipici o fermarsi in una storica salumeria del centro parmense.  Per un viaggio alla scoperta della Bassa Reggiana sotto lo sguardo del Po, si parte con una guida da Reggio Emilia per raggiungere Gualtieri con la sua splendida piazza rinascimentale, e proseguire a Brescello, set cinematografico a cielo aperto, in cui rivivere le storie di Don Camillo e Peppone, fra leggende e tradizioni sussurrate dal Grande Fiume. Gli amanti dei borghi, trovano nelle visite guidate nel cuore medioevale di Castell’Arquato la possibilità di rivivere i tempi di dame e cavalieri, scoprendo scorci magici e romantici fra la Chiesa Collegiata e la Rocca Viscontea. Gli appassionati di vini devono raggiungere i Colli Piacentini fra panorami dominati da pregiati vigneti e cantine. Il tour con degustazione tra le cantine del Piacentino riserva assaggi di diversi vini tipici con abbinamenti di prodotti gastronomici emiliani. Nel territorio di Piacenza, da non perdere, inoltre, le esperienze nei salumifici alla scoperta dei famosi salumi Dop piacentini, la Coppa, la Pancetta e il Salame, vincitori di numerosi premi e riconoscimenti. ­ [post_title] => Visit Emilia, esperienze e tour gastronomici tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia [post_date] => 2022-11-17T11:14:44+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668683684000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434223 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ivan Basso è stato testimonial d'eccezione per VisitMalta Incentives & Meetings. L'ex ciclista professionista, oggi manager del team Eolo-Kometa, ha incontrato i rappresentanti di alcune incentive house milanesi al fine di presentare Malta sotto un nuovo ed originale punto di vista. Il campione ha focalizzato la sua presentazione sui concetti di disciplina e perseveranza, qualità ben note alla Mice industry; un potente speech motivazionale ispirato al racconto di una leadership basata sugli ideali di semplicità ed umanità. “Un leader è colui che ha paura più di tutti, ma deve infondere fiducia e spingere tutti a dare il massimo nel lavoro quotidiano, nel rapporto col proprio team, nei gesti che fanno la differenza in un momento in cui stiamo finalmente tornando a interagire senza limitazioni - ha osservato Basso -. Lo sport è un’importante metafora di tutto questo perché è un gesto semplice, che diventa però difficile poiché necessita di essere ripetuto con costanza duratura, nel tempo, senza lasciarsi vincere dalla pigrizia. Questo accade nello sport. Questo accade nella vita di tutti i giorni”. La collaborazione con Ivan Basso nasce dalla partnership che VisitMalta ha avviato nel 2022 con Eolo-Kometa, di qui Basso è fondatore e manager. Collaborazione che nasce allo scopo di promuovere il turismo. “Malta, Gozo e Comino sono di fatto perfette per le attività all’aria aperta, rappresentando una destinazione ideale tutto l’anno grazie al clima mite del Mediterraneo - ha sottolineato Ester Tamasi, direttore VisitMalta Italia -. Le caratteristiche dell’arcipelago fanno sì che ogni attività outdoor permetta di godere di panorami indimenticabili. Le isole offrono inoltre un ragguardevole mix di proposte ideali per il team building, come attività tra natura e storia, urban trekking, biking, retreat volti al benessere per corpo e mente ed esperienze enogastronomiche di alto livello, per un’offerta che fonde business, cultura, arte a piacevoli momenti di relax”. L’evento è stato realizzato in partnership con la collaborazione del dmc maltese Colours of Malta, per il quale era presente Davide Cachia ad illustrare l’offerta Incentive dell’arcipelago.   [post_title] => VisitMalta accende i riflettori sul Mice con un testimonial d'eccezione: Ivan Basso [post_date] => 2022-11-16T12:33:24+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668602004000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434110 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Dipartimento dei Trasporti degli Stati Uniti (Dot) ha multato sei compagnie aeree per un totale di 7,25 milioni di dollari e le ha costrette a rimborsare oltre 600 milioni di dollari ai passeggeri i cui voli erano stati cancellati durante la pandemia. Secondo quanto reso ieri dallo stesso Dot, i vettori sanzionati sono Frontier Airlines, Air India, Tap Air Portugal, Aeromexico, El Al e Avianca. "Quando un volo viene cancellato, i passeggeri che chiedono un rimborso dovrebbero essere rimborsati tempestivamente - ha commentato il segretario ai trasporti, Pete Buttigieg -. Ogni volta che questo non accade, agiremo per ritenere le compagnie aeree responsabili per conto dei viaggiatori americani e per far restituire a loro quando pagato. La cancellazione di un volo è già abbastanza frustrante, e non si dovrebbe anche dover contrattare o aspettare mesi per ottenere il rimborso". Lo scorso agosto il Dot ha ricevuto 7.243 reclami dai passeggeri, con un aumento del 6% rispetto ai 6.831 reclami ricevuti a luglio. Questa cifra era anche più di quattro volte il numero di reclami ricevuti nello stesso mese nel 2019, prima della pandemia. Il 56% dei reclami riguardava vettori nazionali, il 37% vettori stranieri e il restante 7% compagnie di viaggio. In risposta al caos, il Dot ha proposto nuove tutele per i consumatori - simili a quelle già in vigore in Europa - che rafforzano in modo significativo i diritti dei clienti e limitano le perdite finanziarie dei viaggiatori in caso di ritardi o cancellazioni da parte delle compagnie aeree, indipendentemente dal motivo. All'inizio di quest'anno, il Dipartimento aveva imposto una sanzione civile di 25,5 milioni di dollari ad Air Canada dopo che il vettore aveva trascinato per mesi il rimborso dei biglietti dei passeggeri statunitensi.   [post_title] => Stati Uniti: sei vettori costretti a rimborsare 600 mln di dollari per il caos voli durante la pandemia [post_date] => 2022-11-15T10:03:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668506622000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "nepal nuovo piano per rilanciare il turismo con la visit nepal decade" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":111,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":493,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435276","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una media occupazione superiore all'80% tra luglio e ottobre. E' la performance estiva del Belstay Venezia Mestre, rivelata in occasione della cerimonia ufficiale di lancio della struttura, svoltasi ieri con dj set e musica dal vivo, nonché impreziosita dalle specialità culinarie di chef Andrea Ribaldone.\r\n\r\n«L’intervento di riqualificazione, che abbiamo completato per implementare il nostro nuovo format alberghiero, si colloca perfettamente nel territorio veneziano che, per intensità di traffico leisure e aziende attive sul territorio, rappresenta un crocevia nell’Italia del nord-est. – commenta Roberto Di Tullio, a.d. di Belstay Hotels –. L’albergo ha sempre rappresentato un punto di riferimento nell’area per incontri aziendali e politici di alto profilo e per poterlo rilanciare si sono resi necessari significativi investimenti e un nuovo approccio gestionale, che lo rendesse più fruibile dalla clientela. Il format di accoglienza è molto apprezzato e ora siamo concentrati nel farci conoscere dai segmenti mice e business travel nel territorio veneziano».\r\n\r\nIl Belstay Venezia Mestre è un hotel di categoria 4 stelle con 188 camere completamente ristrutturate e caratterizzato da un design fresco e contemporaneo. La struttura dispone di ampia lobby, bar, due sale ristorante e un centro congressi con sala conferenze dalla capienza massima di 180 persone. Gli ospiti possono anche usufruire della palestra al piano interrato e del servizio navetta verso la stazione di Mestre.","post_title":"Ieri la cerimonia ufficiale di lancio del Belstay Venezia Mestre dopo un'estate da oltre l'80% di occupazione","post_date":"2022-12-02T09:38:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669973931000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434958","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Giappone riproporrà anche nel 2023 il programma di sconti dedicato ad incentivare il turismo domestico. Secondo quanto dichiarato dal ministro del Turismo, Tetsuo Saito, verrà presto annunciata la data di rilancio dell'iniziativa che, varata lo scorso ottobre, avrebbe dovuto concludersi il prossimo 28 dicembre.\r\n\r\nI nuovi sconti saranno ridotti, con una percentuale che scenderà al 20% rispetto all'attuale 40%. Anche l'importo massimo dello sconto disponibile per i viaggiatori nei pacchetti turistici, compresi i servizi di trasporto pubblico, diminuirà da 58 dollari (8.000 yen) a 36 dollari (5.000 yen).\r\n\r\nSaito ha precisato che la domanda turistica, pur essendo in ripresa, non è ancora tornata ai livelli precedenti la pandemia; di conseguenza il governo assisterà pienamente il settore, che si prevede sarà un pilastro dell'economia giapponese dei prossimi anni. La campagna è fondamentale anche per rilanciare le economie locali.","post_title":"Il Giappone estende anche al 2023 la campagna di sconti per il turismo domestico","post_date":"2022-11-28T13:31:21+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669642281000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434914","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un tour della durata di nove giorni, in Oman, con particolare focus sul deserto di Rub’ Al Khali, all’interno del quale si trascorrono tre notti in campo tendato. E' la nuova proposta KiboTours che porta alla scoperta di un luogo leggendario: Rub’ Al-Khali letteralmente significa infatti “il quarto vuoto”, vale a dire la quarta parte del tutto, dopo terra, cielo e mare. Ci troviamo nella parte più meridionale della penisola Araba, in Oman, e questa definizione descrive il più grande deserto di sabbia del mondo: si estende per un’area di oltre 650 mila chilometri quadrati. Per avere un’idea si tratta di qualcosa come più dell’intera penisola iberica, Spagna e Portogallo insieme.\r\n\r\nIl programma prevede, dopo l’arrivo a Muscat, dove si trascorre la prima notte, che l’avventura inizi a bordo di veicoli 4x4.  Il primo assaggio è il Wahiba Sands, situato nella parte orientale del Paese ed esteso per circa 12.500 chilometri quadrati, dove si pernotta in un campo fisso. Nel cuore del Wahiba Sands si trova una moschea, fatta costruire dal vecchio sultano Qaboos per le comunità che vivono ancora il deserto. Il terzo giorno si raggiunge Mahoot, percorrendo il deserto in direzione sud-est tra dune che si gettano in mare, per la notte il campo viene allestito lungo la costa omanita, proprio sulla spiaggia. Il quarto giorno si fanno provviste, rifornimento di benzina e acqua, e si dorme in guesthouse ad Al Ghaftain, per poi tuffarsi nella tre giorni di puro deserto Rub’ Al-Khali.\r\n\r\nIl tour prevede che si percorrano circa 200 chilometri in 4x4 al giorno, vale a dire cinque o sei ore di auto. Nel tardo pomeriggio si cerca una location per allestire il campo e la mattina, mentre lo staff carica le macchine, i viaggiatori hanno la possibilità di passeggiare per ammirare il deserto nell’ora più suggestiva, quella del sorgere del sole. Ultima tappa prima di rientrare nel mondo, il volo di rientro è previsto dall’aeroporto di Salalah, è la città perduta di Ubar, o meglio quello che ne resta. La città è conosciuta come l’Atlantide delle Sabbie, o anche come Iram dei Pilastri: circondata da mura e torri, è stata ritrovata poche decine di anni fa dagli archeologi. La sua leggenda nasce dal fatto che appare miracolosamente ben conservata: si ritiene che sia scomparsa perché inghiottita dal deserto durante una tempesta di sabbia e contemporaneamente sprofondata in una grotta calcarea sotterranea. Il prezzo proposto da KiboTours parte da 3.290 euro a persona, calcolato su un minimo di otto partecipanti, voli esclusi.","post_title":"KiboTours porta alla scoperta dell'Oman e del quarto vuoto: il deserto di Rub’ Al Khali","post_date":"2022-11-28T11:14:27+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669634067000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434833","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“Scopri l’Italia che non sapevi”: presentate a Milano la strategia della promozione turistica congiunta delle regioni italiane e le nuove fasi di sviluppo del progetto che fa parte del piano di Promozione nazionale 2020 del ministero del turismo. Il progetto, nato da un accordo programmatico tra il ministero e la Commissione poliche per il turismo delle regioni, con le regioni capofila del progetto, regione Umbria, Marche ed Emilia Romagna, coordinate dalla regione Abruzzo, e le provincie autonome, in collaborazione con Enit, porta avanti la promozione e la valorizzazione di un patrimonio come i borghi e i paesaggi italiani, il turismo lento e quello attivo.\r\nL’evento meneghino è stato inoltre l’occasione per proclamare i vincitori del contest #LitaliaCheNonSapevi, l’iniziativa che ha coinvolto i partecipanti nel racconto dell’Italia nascosta e più insolita attraverso l’invio si video, foto podcast e racconti. Sono stati 676 i partecipanti e 4436 opere con 21 vincitori, uno per ogni regione. Un materiale di grande valore che le regioni metteranno in campo in un piano editoriale sui canali social per la valorizzazione del nostro territorio.\r\nOgni regione capofila si è dedicato ad un asset specifico.\r\nPer raccontare l’Italia, 21 creators internazionali sono stati invitati a visitare 189 borghi della nostra penisola per 210 giorni, coordinati dall’Emilia Romagna. Scoprire la bellezza italiana abbinandola a esperienze e alla mobilità sostenibile. Il risultato raggiunto è stato un prodotto passato sui social con oltre 2,3 milioni di utenti tra post, live advertorial e blog post in lingua inglese, tedesco e spagnolo.\r\nLa regione Umbria ha lavorato alla valorizzazione dell’enogastronomia, estrapolando 21 video ricette di un prodotto Igp o Dop nostrano.\r\nL’asset capeggiato dalla regione Marche ha messo in campo il nordic walking e il turismo nautico. Il primo per scoprire l’Italia attraversandola in bicicletta e ponendo l’attenzione sul cicloturismo con “le vie del bike” alla scoperta delle peculiarità dell’Italia, da nord a sud per cui è prevista anche una versione virtuale. La seconda con un piano di navigazione “l’Italia vista dal mare, scopri dove ti porto”, è stata l’occasione per rilanciare la navigazione lungo le coste italiane alla scoperta dell’immenso territorio storico, culturale, naturalistico ed enogastronomico dell’entroterra costiero e e delle acque interne italiane. Un prodotto di valore economico e turistico della nautica da diporto tradotto in 16 itinerari che percorrono l’Italia e le isole e le acque interne.\r\nL’obbiettivo di valorizzare i territori italiani prende forma passando da reale a virtuale, migrando da una vetrina già consolidata come il sito viaggio.italia.it al portale nazionale Tourism Digital Hub, gestito da regione Abruzzo per una raccolta uniforme dei contenuti dell’offerta nazionale, affinché sia materiale condiviso. Una sfida nuova che può essere allargata su nuovi temi e collaborazioni al cui Piano 2020 verranno ancora dedicate le risorse ministeriali del Piano Promozionale 2022 per un finanziamento che passerà dai 3 milione del 2020 ai 5 milioni del Piano 2022. Si sta lavorando su come strutturarlo e su come valorizzare anche importanti asset come la montagna e il mare, integrando sempre un continuo dialogo tra i territori.\r\nIl percorso verso la promozione turistica nazionale sembra aver compiuto finalmente un primo passo. Inizia a delineasi unione di intenti e semplificazione, collaborazione tra le istituzioni e coordinazione, dialogo con tutti i territori e innovazione tecnologica dietro il lavoro costante e intelligente delle regioni.","post_title":"Scopri l’Italia che non sapevi: le regioni che fanno promozione","post_date":"2022-11-25T11:55:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669377302000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434826","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emirates aggiunge un nuovo volo giornaliero diretto da Dubai a Colombo, dal prossimo 1° dicembre. Il collegamento risponde all'aumento stagionale della domanda di viaggi, e permette di portare a tre il numero di voli giornalieri tra le due città, inclusi due voli diretti e uno operante attraverso la capitale delle Maldive, Malé.\r\nIl servizio giornaliero aggiuntivo di Emirates opererà direttamente tra Dubai e Colombo, tranne dal 16 al 30 dicembre, quando il servizio da Dubai a Colombo farà scalo a Malé.\r\n \r\nEmirates ha lanciato le operazioni in Sri Lanka nel 1986 e ha celebrato 36 anni di operazioni a Colombo all'inizio di quest'anno. La compagnia aerea ha firmato un memorandum d'intesa con lo Sri Lanka Tourism Promotion Bureau nel 2022, riaffermando il suo impegno nei confronti del Paese e delineando iniziative reciprocamente vantaggiose che contribuiranno a rilanciare l'industria del commercio e del turismo del Paese.","post_title":"Emirates aumenta la capacità su Colombo con il terzo volo giornaliero, dal 1° dicembre","post_date":"2022-11-25T11:37:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669376225000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434299","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Le Isole Canarie attraggono un sempre maggior numero di remote workers: dal 2020, quando l’Ente per il turismo ha deciso di scommettere su questo segmento di viaggiatori, gli arrivi nell'arcipelago sono aumentati in modo esponenziale. Una scommessa, quella sugli smart workers, che viene rilanciata oggi con una nuova campagna che punta a sottolineare i costi bassi e l’aumento del risparmio. Tale campagna si snoderà tra novembre e dicembre nei seguenti mercati: Regno Unito, Germania, Spagna, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Svezia, Svizzera, Finlandia, Irlanda, Repubblica Ceca e Italia. \r\n\r\nNel 2022 le Canarie hanno già accolto 45.800 remote workers (secondo i dati di Nomad List  aggiornati ad ottobre 2022). Solo nel 2021 sono arrivati quasi 47.000 telelavoratori, superando l'obiettivo dei 30.000 che l’Ente per il turismo delle Canarie si era prefissato in cinque anni. La maggior parte degli arrivi proviene da Germania (27%), Regno Unito (12%), Paesi Bassi (10%), Repubblica Ceca (8%), Stati Uniti (6,6%), Spagna (6,6%) e Irlanda (5%).\r\n\r\n\"Durante gli ultimi mesi del 2020 e per tutto il 2021 abbiamo lavorato per posizionare le Canarie tra le scelte di chi cerca un posto per lavorare a distanza - spiega Yaiza Castilla, Ministro del Turismo, dell'Industria e del Commercio del Governo delle Isole Canarie - Per questo motivo, in questa campagna abbiamo voluto porre l’accento su argomenti come la presenza di banda larga, i collegamenti aerei internazionali, e il concetto di #Aftertelework. Vogliamo dire alle persone cosa possono fare sulle isole una volta terminata la giornata lavorativa, quali sono le infinite possibilità per il tempo libero, quali le micro-destinazioni turistiche e le attività all'aria aperta in uno dei migliori ambienti naturali di tutta Europa\".\r\n\r\nSempre secondo i dati di Nomad List, l’arcipelago spagnolo è in media il luogo dove sperimentare il maggiore aumento della capacità di risparmio a seconda del reddito generato nel paese di origine dei remote workers. Lavorare a Tenerife, Lanzarote, Gran Canaria e Fuerteventura, per esempio, offre una capacità di risparmio del 61% per un reddito di 50.000 dollari rispetto a Madeira, al secondo posto della classifica.","post_title":"Canarie sempre più al top per i lavoratori a distanza. Nuova campagna di promozione","post_date":"2022-11-17T12:03:47+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1668686627000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434276","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Emilia, la Terra dello Slow Mix fra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, è un concentrato di iniziative uniche tra corsi di cucina, visite nei luoghi di produzione delle eccellenze della Food Valley, castelli incantati e centri storici. Con Visit Emilia l'offerta spazia nei diversi settori.\r\n­\r\nCorsi di cucina con esperte rezdore emiliane, immersioni gastronomiche nei luoghi in cui nascono le prelibatezze della Food Valley italiana, pedalate nel cuore dei paesaggi che dall’Appennino Tosco Emiliano scendono sinuosi fino al fiume Po o viaggi sulla tracce di castelli incantati. L’Emilia, la Terra della Slow Mix, dove ogni vacanza è unica ed eclettica, è uno stile di vita che si declina in una miriade di esperienze, tutte da sperimentare tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, grazie alle coinvolgenti iniziative degli operatori delle reti di Visit Emilia,  Food & Wine, Cultura & Castelli, Terme & outdoor.\r\n\r\nPer immergersi nello stile emiliano, bisogna cominciare con un tour gastronomico tra Parma e Reggio Emilia. Si inizia con la degustazione del tradizionale Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia Dop e la visita all’acetaia di una delle più prestigiose aziende agricole reggiane, per continuare il viaggio tra le colline parmensi e visitare uno dei produttori del famoso Prosciutto di Parma, per assaporare, infine, un gustoso pranzo a base di salumi tipici emiliani. Nel pomeriggio, l’itinerario prosegue alla scoperta del vino Malvasia, ammirando il Castello di Torrechiara.\r\n\r\nL’Emilia è la terra delle due ruote, dunque l’esperienza tra Parmigiano Reggiano e Parma in bicicletta è imperdibile. Il tour guidato di mezza giornata comincia in un caseificio per spostarsi nel cuore della città pedalando, con tappa negli orti sociali dove degustare un cestino di prodotti tipici o fermarsi in una storica salumeria del centro parmense. \r\n\r\nPer un viaggio alla scoperta della Bassa Reggiana sotto lo sguardo del Po, si parte con una guida da Reggio Emilia per raggiungere Gualtieri con la sua splendida piazza rinascimentale, e proseguire a Brescello, set cinematografico a cielo aperto, in cui rivivere le storie di Don Camillo e Peppone, fra leggende e tradizioni sussurrate dal Grande Fiume.\r\n\r\nGli amanti dei borghi, trovano nelle visite guidate nel cuore medioevale di Castell’Arquato la possibilità di rivivere i tempi di dame e cavalieri, scoprendo scorci magici e romantici fra la Chiesa Collegiata e la Rocca Viscontea.\r\n\r\nGli appassionati di vini devono raggiungere i Colli Piacentini fra panorami dominati da pregiati vigneti e cantine. Il tour con degustazione tra le cantine del Piacentino riserva assaggi di diversi vini tipici con abbinamenti di prodotti gastronomici emiliani. Nel territorio di Piacenza, da non perdere, inoltre, le esperienze nei salumifici alla scoperta dei famosi salumi Dop piacentini, la Coppa, la Pancetta e il Salame, vincitori di numerosi premi e riconoscimenti.\r\n\r\n­","post_title":"Visit Emilia, esperienze e tour gastronomici tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia","post_date":"2022-11-17T11:14:44+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1668683684000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434223","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ivan Basso è stato testimonial d'eccezione per VisitMalta Incentives & Meetings. L'ex ciclista professionista, oggi manager del team Eolo-Kometa, ha incontrato i rappresentanti di alcune incentive house milanesi al fine di presentare Malta sotto un nuovo ed originale punto di vista.\r\nIl campione ha focalizzato la sua presentazione sui concetti di disciplina e perseveranza, qualità ben note alla Mice industry; un potente speech motivazionale ispirato al racconto di una leadership basata sugli ideali di semplicità ed umanità. “Un leader è colui che ha paura più di tutti, ma deve infondere fiducia e spingere tutti a dare il massimo nel lavoro quotidiano, nel rapporto col proprio team, nei gesti che fanno la differenza in un momento in cui stiamo finalmente tornando a interagire senza limitazioni - ha osservato Basso -. Lo sport è un’importante metafora di tutto questo perché è un gesto semplice, che diventa però difficile poiché necessita di essere ripetuto con costanza duratura, nel tempo, senza lasciarsi vincere dalla pigrizia. Questo accade nello sport. Questo accade nella vita di tutti i giorni”.\r\nLa collaborazione con Ivan Basso nasce dalla partnership che VisitMalta ha avviato nel 2022 con Eolo-Kometa, di qui Basso è fondatore e manager. Collaborazione che nasce allo scopo di promuovere il turismo. “Malta, Gozo e Comino sono di fatto perfette per le attività all’aria aperta, rappresentando una destinazione ideale tutto l’anno grazie al clima mite del Mediterraneo - ha sottolineato Ester Tamasi, direttore VisitMalta Italia -. Le caratteristiche dell’arcipelago fanno sì che ogni attività outdoor permetta di godere di panorami indimenticabili. Le isole offrono inoltre un ragguardevole mix di proposte ideali per il team building, come attività tra natura e storia, urban trekking, biking, retreat volti al benessere per corpo e mente ed esperienze enogastronomiche di alto livello, per un’offerta che fonde business, cultura, arte a piacevoli momenti di relax”.\r\nL’evento è stato realizzato in partnership con la collaborazione del dmc maltese Colours of Malta, per il quale era presente Davide Cachia ad illustrare l’offerta Incentive dell’arcipelago.\r\n ","post_title":"VisitMalta accende i riflettori sul Mice con un testimonial d'eccezione: Ivan Basso","post_date":"2022-11-16T12:33:24+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1668602004000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434110","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Dipartimento dei Trasporti degli Stati Uniti (Dot) ha multato sei compagnie aeree per un totale di 7,25 milioni di dollari e le ha costrette a rimborsare oltre 600 milioni di dollari ai passeggeri i cui voli erano stati cancellati durante la pandemia. Secondo quanto reso ieri dallo stesso Dot, i vettori sanzionati sono Frontier Airlines, Air India, Tap Air Portugal, Aeromexico, El Al e Avianca.\r\n\r\n\"Quando un volo viene cancellato, i passeggeri che chiedono un rimborso dovrebbero essere rimborsati tempestivamente - ha commentato il segretario ai trasporti, Pete Buttigieg -. Ogni volta che questo non accade, agiremo per ritenere le compagnie aeree responsabili per conto dei viaggiatori americani e per far restituire a loro quando pagato. La cancellazione di un volo è già abbastanza frustrante, e non si dovrebbe anche dover contrattare o aspettare mesi per ottenere il rimborso\".\r\n\r\nLo scorso agosto il Dot ha ricevuto 7.243 reclami dai passeggeri, con un aumento del 6% rispetto ai 6.831 reclami ricevuti a luglio. Questa cifra era anche più di quattro volte il numero di reclami ricevuti nello stesso mese nel 2019, prima della pandemia. Il 56% dei reclami riguardava vettori nazionali, il 37% vettori stranieri e il restante 7% compagnie di viaggio.\r\nIn risposta al caos, il Dot ha proposto nuove tutele per i consumatori - simili a quelle già in vigore in Europa - che rafforzano in modo significativo i diritti dei clienti e limitano le perdite finanziarie dei viaggiatori in caso di ritardi o cancellazioni da parte delle compagnie aeree, indipendentemente dal motivo.\r\n\r\nAll'inizio di quest'anno, il Dipartimento aveva imposto una sanzione civile di 25,5 milioni di dollari ad Air Canada dopo che il vettore aveva trascinato per mesi il rimborso dei biglietti dei passeggeri statunitensi.\r\n\r\n ","post_title":"Stati Uniti: sei vettori costretti a rimborsare 600 mln di dollari per il caos voli durante la pandemia","post_date":"2022-11-15T10:03:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1668506622000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti