22 February 2024

Fiavet Lazio: formazione, fisco e sospensione delle tasse per le adv

[ 0 ]

Come ogni associazione che si rispetti, Fiavet Lazio si sta prodigando per assistere e accompagnare i propri associati in un momento, come l’attuale, che non ha precedenti nella storia recente dell’industria economica.

 «Il nostro fine ultimo – ci ha detto il predente della regionale, Ernesto Mazzi – è di supportare e di informare le nostre agenzie. Senza un’adeguata conoscenze sia dei nuovi scenari, ma sopratutto delle misure varate da governo, comune e regione, francamente, non si va da nessuna parte. Ci stiamo muovendo quindi su alcuni fronti. Abbiamo iniziato con i webinar di formazione. Non si possono lasciare le adv in balia del momento. E’ necessario formare una sorta di rete di protezione, in cui le cose vengono chiarite, per quanto possibile, e si possano intravedere aspetti che ancora non emergono. Quindi abbiamo parlato di ammortizzatori sociali, abbiano assistito le agenzie per i bandi della regione Lazio, ci siamo impegnati a chiarire il problema della liquidità, dello smart working».

Certamente Fiavet Lazio ha lavorato anche sui voucher, che è sicuramente uno dei temi caldi del momento. «Naturalmente – risponde Mazzi -. Abbiamo fatto un webinar sui voucher e sugli aspetti fiscali che comportano. Questo seminario è stato svolto in collaborazione con Caterina Claudi e Pierluigi Fiorentino di Fto. Ma non ci fermiamo qui. Abbiamo intenzione di costituire una rete d’imprese di aziende dell’outgoing. In modo che si possa fare sul serio comparto e quindi lavorare per un bene comune. Poi penseremo anche la rete d’impresa delle aziende di incoming».

Infine una riflessione sulla tassazione. «Abbiamo inviato una lettera al comune e alla regione, insieme ad Assoviaggi, affinché gli enti locali possano lavorare sulle imposte. Cercando di non pesare sulle aziende già molto colpite dalla crisi economica. Nel contempo abbiamo richiesto che si pensi già ad un piano di comunicazione, di promozione molto importante. Senza una promozione d’impatto, lo capisce chiunque, il nostro settore avrà difficoltà a risalire la china»

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462000 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un moltiplicatore di potenza. L'intelligenza artificiale è il tema centrale del dibattito sul digitale di oggi. Un'evoluzione che tutti concordano sarà destinata presto a cambiare il mondo. In quali modalità è ancora difficile da capire fino in fondo, ma del potere dirompente dell'Ai sono davvero in pochi a dubitare. "Anche perché al momento stiamo vivendo solamente la fase due della rivoluzione. Quella che sfrutta il cosiddetto Large language model (Llm), che mette in grado applicazioni come ChatGpt di interpretare linguaggi ed espressioni diverse - spiega il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano, intervenuto in occasione del seminario sul digital organizzato a Milano da Travel Open Village Hospitality -. Nel futuro ci aspetta ancora lo step della Theory of mind, per cui l'intelligenza artificiale sarà capace di comprendere le emozioni. Infine si potrà forse arrivare alla self-awareness degli strumenti digitali. Una prospettiva per certi versi inquietante, che tuttavia è molto meno remota di quanto si possa comunemente pensare". Un modo nuove di interagire con gli ospiti A fronte di tanti e tali cambiamenti è chiaro quindi che anche il piccolo mondo dell'ospitalità non può sottrarsi dal confronto con le nuove prospettive dell'intelligenza artificiale. "Occorre andare là dove la domanda si dirige - osserva semplicemente Primerano -. E ormai tutti gli ospiti, compresi quelli delle generazioni più mature, si servono degli strumenti digitali in modo sempre più pervasivo". Il primo contesto in cui l'Ai può quindi rivoluzionare gli approcci tradizionali dell'ospitalità è quello delle interazioni con i clienti. Pre, post e durante il soggiorno. "Fino a oggi siamo stati abituati a confrontarci con bot pre-registrati, dotati di una ridotta capacità di relazione con gli utenti. Ora esistono strumenti estremamente flessibili, in grado di imparare dal confronto con il cliente e con lo stesso hotel di cui sono al servizio. I nuovi software possono elaborare in pochi minuti una quantità pressoché infinita di dati provenienti dalle fonti più disparate (pdf, power point, video, immagini...). Restituendo poi all'utente informazioni puntuali, persino con un tono di voce e uno stile difficilmente distinguibile da quello di una classica interazione umana". La questione recensioni, la formazione e l'housekeeping Altro aspetto chiave su cui l'Ai può già essere di grande supporto agli hotelier è poi la questione recensioni. "Il vantaggio in questo caso è sia la capacità dell'intelligenza artificiale di analizzare una mole di dati molto più elevata rispetto a qualsiasi altro strumento sino a oggi disponibile, sia di garantire repliche adeguate al contesto di riferimento di ogni singolo cliente. A partire magari dal paese di origine di ciascun ospite, che impone stili di risposta e toni di relazione differenti". Ma l'Ai potrà aiutare anche in ambito formativo, mettendo per esempio gli allievi nelle condizioni di affrontare simulazioni realistiche con ospiti virtuali. Non mancano neppure possibili applicazioni nel comparto housekeeping: "Le regole dell'hotellerie dicono che la governante dovrebbe ogni giorno controllare a fondo tutte le stanze, per assicurarsi che gli standard di pulizia siano rispettati nel minimo dettaglio. Inutile nascondere che, salvo rarissime eccezioni, questo è praticamente impossibile, solitamente le visite limitandosi a delle camere a campione. Ebbene, oggi da una semplice foto o da un video di cellulare l'Ai è in grado di fare un check completo di ogni stanza in tempi ridotti, assicurando in questo modo il pieno rispetto degli standard". Rivoluzione revenue management Infine c'è il capitolo forse più intuitivo, che è il tema del revenue management. Ancora una volta è la capacità di analizzare grandi volumi di dati a fare la differenza. "Soprattutto perché oggi l'offerta alberghiera si articola su sempre più variabili - conclude Primerano -. Non solo le tipologie di camere si sono moltiplicate, ma anche lo stesso prodotto hotel si declina in tantissime proposte differenti: con o senza colazioni, per numero di persone, per durata del soggiorno e con o senza pensione, mezza o completa che sia... Il tutto senza dimenticare che il confronto con il benchmark di riferimento, in base al quale stabilire di volta in volta il prezzo più adatto, non può più limitarsi a un pugno di hotel competitor di categoria simile. Ma deve includere anche le strutture extralberghiere, che nello scenario contemporaneo della ricettività sono spesso i veri market maker". [post_title] => Primerano, Federalberghi: il futuro dell'hotellerie è nell'intelligenza artificiale [post_date] => 2024-02-21T13:36:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708522597000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462001 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il certificato di operatore aereo di Air Moldova è stato revocato dall'autorità dell'aviazione civile del Paese, per il mancato rispetto dei requisiti minimi. Il provvedimento, adottato il 20 febbraio, è successivo alla sospensione del Coa del vettore avvenuta sei mesi prima (lo scorso agosto). Secondo l'autorità per l'aviazione civile, la compagnia aerea è in fase di ristrutturazione da oltre sei mesi, ma in questo periodo "non ha presentato alcuna prova" che dimostri la rimozione delle "non conformità". Inoltre, il vettore non dispone di aeromobili operativi e "non soddisfa i requisiti minimi" per detenere un Coa. L'incapacità della compagnia aerea di dimostrare, al termine dei sei mesi successivi, di avere almeno un aeromobile con un certificato di aeronavigabilità valido ha reso la revoca "inevitabile", afferma l'autorità. "Se la compagnia vuole riprendere i voli, può avviare un nuovo processo di certificazione, al fine di ottenere un nuovo Coa, in conformità con le normative nazionali". [post_title] => Air Moldova resta a terra: revocato il Coa, dopo la sospensione di sei mesi [post_date] => 2024-02-21T12:58:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708520318000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461992 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461993" align="alignleft" width="202"] Carlo Montanaro[/caption] Carlo Montanaro è la più recente new entry nel team sales di Originaltour:  si occupa di promuovere la programmazione dell’operatore nelle agenzie di viaggi di Roma e del Lazio. Montanaro ha alle spalle una grande esperienza iniziata in Intersaga e proseguita per 14 anni in Pianeta Terra, nonché per altri 14 in Press Tours. Dopo una breve collaborazione con Alidays, oggi inizia una nuova sfida in casa Originaltour. “Mi occuperò di un’area che conosco molto bene, con agenzie di viaggi con le quali ho rapporti di lavoro decennali, e sulla quale è importante investire con un brand come quello di Originaltour, specializzato in destinazioni come Oman ed Emirati Arabi, Vietnam, Malesia e Uzbekistan”. Con l'arrivo di Montanaro, Originaltour continua a potenziare l’area commerciale dopo l’ingresso a fine 2023 di Andrea Gozzi, che si occupa della promozione dell’operatore per diverse aree nel Triveneto: “Nel giro di pochi mesi - sottolinea lo stesso Gozzi -, il mercato dell’area ha risposto in modo positivo, con riscontri positivi fin da subito per viaggi di gruppo con accompagnatore in Oman, destinazione della quale Originaltour è specialista oltre a essere l’operatore che per primo l’ha lanciata in Italia”. Anche Gozzi ha alle spalle un’esperienze trentennale in tour operator, compagnie di crociere e agenzie di viaggi.     [post_title] => Originaltour potenzia il commerciale con Carlo Montanaro e Andrea Gozzi [post_date] => 2024-02-21T11:39:50+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708515590000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461988 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_382236" align="alignleft" width="300"] Un villaggio Club del Sole[/caption] Nuove figure per i reparti di ricevimento, sala, bar, cucina, direzione/amministrazione, market e manutenzione delle aree green, per un totale di 700 posizioni aperte. E' partita la campagna di selezione per la stagione 2024 di Club del Sole. La ricerca  è rivolta a tutti i professionisti già affermati nel settore turistico-alberghiero, ma anche ai profili giovani che si stanno approcciando al mondo del lavoro; la compagnia si propone, infatti, come azienda post-diploma per gli allievi delle scuole alberghiere di tutta Italia. Il gruppo offre da tre a sette mesi di contratto stagionale in base ai ruoli e alle mansioni, con opportunità di formazione, crescita professionale e stabilizzazione, oltre a formule di contratto con alloggio per la stagione. Primo importante appuntamento da segnare in agenda, il recruiting day di martedì 12 marzo 2024, organizzato da Club del Sole in collaborazione con la regione Friuli-Venezia Giulia, che si terrà in uno dei villaggi del gruppo, il Marina Julia Family Camping Village di Monfalcone. Nello specifico, nelle strutture del gruppo ubicate sul territorio della regione sono 80 le posizioni aperte. Per iscriversi occorre effettuare la registrazione e caricare il proprio curriculum entro domenica 3 marzo, collegandosi al sito della regione Friuli-Venezia Giulia, sezione Giovani Fvg. Qualche giorno prima, il 29 febbraio 2024, Club del Sole sarà anche a Napoli in occasione della job fair Tfp Summit, che si terrà presso l’hotel Ramada. Anche in questo caso l’iscrizione verrà effettuata esclusivamente online. Grande attenzione è destinata pure alla formazione del personale. Una volontà che si manifesta attraverso la promozione di attività di internal branding, l'istituzione della Club del Sole Academy come ente formativo interno e il continuo potenziamento dei modelli organizzativi e dei sistemi di performance e comunicazione interna. Nel 2023, il gruppo ha erogato oltre 8 mila ore di formazione attraverso lo stesso ente formativo interno, assunto più di 1.200 persone e firmato 172 contratti a tempo indeterminato. [post_title] => Al via la campagna di recruiting Club del Sole: 700 le posizioni aperte [post_date] => 2024-02-21T11:29:34+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708514974000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461877 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiude con un boom di pubblico la nona edizione di Agri e Slow Travel Expo a Bergamo, con 23 mila visitatori in tre giorni, 180 eventi, 40 buyer italiani e stranieri, oltre 200 espositori. Appuntamento al prossimo anno per un settore che punta su un turismo più sostenibile, in sintonia con la natura e sempre più accessibile a tutti: appassionati, curiosi, sportivi e amanti dei piccoli borghi e delle tradizioni locali. I numeri parlano chiaro: ben 23 mila persone hanno visitato la fiera nei tre giorni di esposizione, attratti dall’offerta di oltre 200 realtà presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane. A sostenere la manifestazione fieristica, anche 180 eventi tra spettacoli folkloristici, esibizioni, show cooking, concerti, convegni, talk e approfondimenti su otto temi trainanti di un settore in netta crescita: sostenibilità, enogastronomia, cicloturismo, montagna, cammini, accessibilità, vie d’acqua, folklore. Tra i momenti clou, il primo Agrigravel 2024, una gara non competitiva dedicata agli amanti delle bici gravel che stanno spopolando per la loro versatilità di utilizzo su più superfici, dalla ghiaia fino al terreno più scosceso. Erano oltre 200 i partecipanti che si sono divertiti su un percorso di 70 chilometri tra le bellezze della bergamasca, testando anche il nuovo tratto nord-est dell’anello ciclopedonale che si collega direttamente con l’aeroporto Bgy, primo scalo bike friendly in Italia e partner della fiera. Un evento sostenuto anche da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo italiano da sempre attenta ai temi e ai valori portati avanti di edizione in edizione. «La formula che unisce l’area business riservata agli operatori con quella dedicata al grande pubblico - spiega Luciano Patelli, presidente Promoberg - è un unicum nel panorama delle nostre fiere e più in generale in quello di settore. Il format sta conquistando a ogni edizione sempre più apprezzamenti e ha incoronato anche quest’anno per tre giorni Bergamo quale capitale europea del turismo slow e sostenibile. Se si fa rete con sinergie e obiettivi condivisi, il made in Bergamo può imporsi anche a livello internazionale. Per ultimo, ma di certo non meno importante, desidero ricordare le molteplici ricadute positive per il nostro territorio date dalle nostre manifestazioni, in particolare se internazionali come la stessa Agritravel fiera dei territori. In molti, tra espositori, buyer e visitatori, hanno voluto trovare il tempo per visitare anche la nostra città e il nostro territorio: uno scrigno colmo di arte, storia, cultura e paesaggi di rara bellezza; una meta che riassume splendidamente tutti i temi al centro del nostro progetto. Siamo onorati di contribuire allo sviluppo economico e alla promozione turistica di Bergamo in Italia e nel mondo«. «Fiera dei territori – Agri Travel e Slow Travel Expo rappresenta il posizionamento del quartiere fieristico nel settore del turismo sostenibile, slow e outdoor - aggiunge Stefania Pendezza, project manager -. Il turista è sempre più attratto da esperienze autentiche, vuole scoprire e arricchirsi. Fiera dei territori intercetta questo tipo di turismo, favorisce il matching tra domanda e offerta, sostiene e facilita la nascita di sinergie tra le destinazioni, le aziende e le istituzioni di tutto nostro Paese e internazionali. La manifestazione è stata un momento di grandi opportunità e proficui scambi, a partire dal grande successo del b2b di venerdì 16, che ha visto coinvolti numerosi operatori italiani e internazionali che hanno generato 800 incontri business«. Nei 13 mila metri quadrati della fiera, oltre 200 espositori presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane (Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Puglia) hanno svelato i luoghi e le prelibatezze del palato.   ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ [post_title] => Agri e Slow Travel Expo Bergamo: 23 mila visitatori alla fiera dei territori [post_date] => 2024-02-21T10:01:59+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708509719000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461875 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono oltre 600 le posizioni aperte nei village e camping in town Human Company distribuiti tra Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, nella tenuta Palagina alle porte del Chianti e nel Plus Hostel di Firenze. Dopo un 2023 conclusosi con ottimi risultati, in particolare quelli legati alle presenze che sono cresciute del 9% rispetto al 2022, il gruppo toscano si prepara alla riapertura delle sue strutture con un importante piano di assunzioni. Diversi i settori di riferimento per le nuove figure professionali da inserire in organico: nell’ambito ricettivo si cercano addetti front office, per l’accoglienza degli ospiti e la gestione delle prenotazioni, responsabili front office per il coordinamento del personale della reception, e addetti agli info point, incaricati di fornire informazioni sulla struttura, gli eventi e le esperienze pensate per conoscere al meglio il territorio circostante. Camerieri, aiuto camerieri, pizzaioli e aiuto pizzaioli sono tra le professioni ricercate per il settore food & beverage insieme a baristi e economi f&b per la ricezione e la gestione dei materiali in arrivo in struttura. Non mancano le opportunità per il settore della sicurezza, delle pulizie e delle manutenzioni mentre per il retail sono aperte le seguenti figure professionali: addetti al market e allo shop e responsabili dell’esercizio. Per la Toscana, in particolare, le posizioni aperte sono oltre 340 e interessano non solo i villaggi della costa toscana come lo hu Park Albatros village e lo hu Montescudaio village, ma anche lo hu Norcenni Girasole village e la tenuta Palagina alle porte del Chianti, il Plus Hostel e lo hu Firenze camping in town. In Veneto si cercano circa 130 figure per lo hu Altomincio village e per lo hu Venezia camping in town, nel Lazio sono disponibili oltre 65 posizioni tra lo hu I pini village, il Fabulous village e lo hu Roma camping in town mentre sono circa 60 le figure professionali ricercate in Lussemburgo per lo hu Birkelt village.   [post_title] => Human Company alla ricerca di oltre 600 figure per la stagione 2024 [post_date] => 2024-02-20T10:08:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708423725000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461810 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461814" align="alignleft" width="300"] Cristina Xercavins, chief people officer di Volotea[/caption] Volotea ha nominato Cristina Xercavins chief people officer della compagnia. In squadra dal 2017, Xercavins sfrutterà la sua visione strategica e l’esperienza in azienda per guidare i diversi progetti finalizzati allo sviluppo e alla crescita dei talenti in Volotea. Nel suo nuovo ruolo lavorerà nella sede del vettore a Barcellona - riporterà direttamente a Carlos Muñoz, fondatore e ceo, e diventerà membro del Comitato esecutivo (Excom). «Questa nomina riflette il nostro impegno a coltivare e valorizzare i talenti di Volotea – ha dichiarato il ceo -. Dal suo arrivo in azienda, Cristina ha svolto un ruolo fondamentale: la sua esperienza nel reparto commerciale e la sua spiccata visione analitica le hanno permesso di raggiungere risultati significativi e che hanno facilitato la crescita di Volotea. Cristina ha ottime capacità di leadership, visione strategica e autentica passione per questo lavoro: sono sicuro che saprà sfruttare al massimo tutte queste competenze nel suo nuovo ruolo, contribuendo in modo concreto alla valorizzazione dei talenti della nostra azienda». «Da quando sono entrata in Volotea, ho avuto il privilegio di collaborare con colleghi provenienti da diversi dipartimenti e continuo a essere colpita, giorno dopo giorno, dall'eccezionale talento e impegno del nostro team - ha commentato Cristina Xercavins -. Questo è stato particolarmente evidente durante il mio recente ruolo di Deputy Chief People Officer dell'azienda. Sono entusiasta di affrontare questa nuova sfida, che mi offre un'altra grande opportunità per continuare a contribuire alla crescita di Volotea". Con una formazione in ingegneria aeronautica e dopo una prima esperienza lavorativa per altre compagnie che le ha permesso di affinare il suo know-how nel settore aereo, Xercavins arriva in Volotea nel 2017 inizialmente nell’area commerciale, dapprima come inventory revenue manager e poi come revenue management director. In questo ruolo ha contribuito a ridefinire la strategia di gestione delle tariffe con l'assistenza del team di Data Science, con l'obiettivo di fornire all'azienda processi sempre più efficienti e precisi. Dallo scorso settembre è entrata a far parte del team people, in qualità di deputy cpo, guidando numerosi progetti volti a migliorare l’intero dipartimento. [post_title] => Volotea: Cristina Xercavins assume il ruolo di chief people officer della compagnia [post_date] => 2024-02-19T12:23:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708345423000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461775 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «L’anno scorso abbiamo avuto 260.000 pernottamenti e quest’anno puntiamo a raggiungerne 350.000» così Clive McCoy, direttore del turismo de The British Virgin Islands Tourist Board & Film Commission, traccia gli obiettivi 2024 dell'arcipelago caraibico la cui filosofia è racchiusa nel claim “When life gets too loud, turn down the noise and turn up what matters”. «Il maggior numero di ospiti - prosegue McCoy - arriva dal mercato americano, gli italiani sono circa il 2% e speriamo aumentino. Crediamo che le BVI siano un’ottima opzione di viaggio per il turista europeo che ama i Caraibi. Molti italiani e francesi raggiungono l'arcipelago e si fermano per 10 giorni sostando negli eleganti hotel o navigando tra le isole». Numerose le connessioni. «Si raggiungono le BVI volando da Parigi a Saint Maarten e da lì proseguendo per Tortola su un piccolo velivolo. Oppure dal Regno Unito: si atterra ad Antigua, da dove si vola verso le Isole Vergini. Dallo scorso giugno American Airlines garantisce 2 voli al giorno da Miami durante la settimana e uno in più al sabato fino al prossimo 3 aprile. Tortola è l’isola principale dell'arcipelago, perfetta per iniziare un “island hopping” tra isole a solo 30’ di navigazione l’una dall’altra. La prima a est è Virgin Gorda, che proprio Colombo descrisse come una “vergine grassa sdraiata”. È famosa per “The Baths National Park”, una zona costiera dove formazioni granitiche danno origine a vasche e grotte. A nord c’è Anegada, che non è di origine vulcanica ed è circondata da quasi 50 km di spiaggia. È famosa per le sue aragoste, tra le migliori dei Caraibi, celebrate ogni anno a fine novembre nel Lobster Festival. Andando a ovest si trova la party-island Jost Van Dyke: dopo Time Square e Trafalgar Square è il posto più famoso al mondo per celebrare l’arrivo del Nuovo Anno insieme con star mondiali». Tante le novità del ricettivo delle Isole Vergini, come il rinnovo completo della proprietà del Peter Island Resort, che era stata danneggiata dall’uragano Maria nel 2017; le prenotazioni saranno aperte dal prossimo 3 ottobre. In continua crescita anche l’offerta del Long Bay Beach Resort, con ville e camere che guardano il mare e una proposta sportiva sempre più ricca. Verranno infine completati in questi mesi i lavori del luxury Scrub Island Resort, Spa&Marina: dallo scorso agosto la struttura è tornata indipendente dopo 11 anni di affiliazione al gruppo Marriott. Novità anche per gli amanti della navigazione con lo sviluppo di The Moorings: il più grande approdo privato dedicato alle vacanze su yacht, che dispone di una flotta di 254 yacht e catamarani. Si potrà affittare uno yacht con personale di bordo e chef e navigare tra le isole o seguire il ricco programma di regate e trofei che si apre a gennaio con il Latitude 18 Halyard Challenge e si conclude a dicembre con l’O’Neal & Mundy Commodore’s Race. E tanti sono i momenti di festa che si succedono nel corso dell’anno, celebrando la natura, la danza, il ritmo, la cucina e quell’armonia che avvolge ogni cosa alle British Virgin Islands. [gallery ids="461780,461779,461777"] [post_title] => British Virgin Islands, McCoy: «Mercato italiano nel mirino» [post_date] => 2024-02-19T10:52:30+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708339950000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461774 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Conto alla rovescia per l'edizione 2024 New Deal Europe Marketplace and Forum, in calendario il prossi,o 16 aprile al Congress Centre di Londra. Aperte le iscrizioni per quello che resta il principale appuntamento del settore turistico per i viaggi nel Sud-est Europa. L'evento offre un'opportunità unica ai tour operator e alle agenzie di viaggio per incontrare le destinazioni, gli hotel e gli esperti locali più interessanti di questa regione che sta rapidamente crescendo come meta turistica. «L'edizione dell'anno scorso è stata un grande successo, con oltre un migliaio di incontri pre-organizzati e altamente mirati, oltre a un fantastico programma di formazione che ha offerto una conoscenza approfondita della regione - ha sottolineato Robert Dee, direttore di New Deal Europe -. Quest'anno aumenteremo il numero dei fornitori presenti, dando la possibilità a coloro che già conoscono la regione di fare un'immersione profonda, e agli operatori che desiderano scoprire il Sud-est Europa di avere un ottimo primo contatto». «Siamo entusiasti della qualità dei fornitori che abbiamo coinvolto quest'anno, con la migliore selezione di destinazioni, fornitori di alloggi e dmc che abbiamo mai avuto - ha aggiunto Tine Murn, co-fondatrice dell'evento -. Sia che stiate cercando le destinazioni più popolari, sia che vogliate uscire dai sentieri più battuti, abbiamo quel che fa per voi. Abbiamo notato che negli ultimi due anni sempre più turisti iniziano a esplorare la regione e a condividere le loro esperienze sui social. Sono anche stati pubblicati numerosi articoli nelle pagine di viaggio dei quotidiani nazionali, il che incoraggia sempre più persone a visitare la regione. Le nostre conversazioni con i principali tour operator e compagnie aeree negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in altri mercati, ci dimostrano che c'è una forte richiesta di crescita verso l'intera regione». I buyer del settore turistico attivi nella regione saranno messi in contatto con i principali fornitori in una serie di incontri one-to-one, per garantire che il loro tempo sia ben speso e che tornino a casa ispirati. A fronte della continua crescita dell'evento, New Deal Europe ha aggiunto Simon Young al team, per supervisionarne la gestione. [post_title] => New Deal Europe: aperte le iscrizioni per l'edizione 2024, il 16 aprile a Londra [post_date] => 2024-02-19T10:33:30+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708338810000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "fiavet lazio formazione fisco e sospensione delle tasse per le adv" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":84,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1338,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462000","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un moltiplicatore di potenza. L'intelligenza artificiale è il tema centrale del dibattito sul digitale di oggi. Un'evoluzione che tutti concordano sarà destinata presto a cambiare il mondo. In quali modalità è ancora difficile da capire fino in fondo, ma del potere dirompente dell'Ai sono davvero in pochi a dubitare.\r\n\r\n\"Anche perché al momento stiamo vivendo solamente la fase due della rivoluzione. Quella che sfrutta il cosiddetto Large language model (Llm), che mette in grado applicazioni come ChatGpt di interpretare linguaggi ed espressioni diverse - spiega il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano, intervenuto in occasione del seminario sul digital organizzato a Milano da Travel Open Village Hospitality -. Nel futuro ci aspetta ancora lo step della Theory of mind, per cui l'intelligenza artificiale sarà capace di comprendere le emozioni. Infine si potrà forse arrivare alla self-awareness degli strumenti digitali. Una prospettiva per certi versi inquietante, che tuttavia è molto meno remota di quanto si possa comunemente pensare\".\r\nUn modo nuove di interagire con gli ospiti\r\nA fronte di tanti e tali cambiamenti è chiaro quindi che anche il piccolo mondo dell'ospitalità non può sottrarsi dal confronto con le nuove prospettive dell'intelligenza artificiale. \"Occorre andare là dove la domanda si dirige - osserva semplicemente Primerano -. E ormai tutti gli ospiti, compresi quelli delle generazioni più mature, si servono degli strumenti digitali in modo sempre più pervasivo\".\r\n\r\nIl primo contesto in cui l'Ai può quindi rivoluzionare gli approcci tradizionali dell'ospitalità è quello delle interazioni con i clienti. Pre, post e durante il soggiorno. \"Fino a oggi siamo stati abituati a confrontarci con bot pre-registrati, dotati di una ridotta capacità di relazione con gli utenti. Ora esistono strumenti estremamente flessibili, in grado di imparare dal confronto con il cliente e con lo stesso hotel di cui sono al servizio. I nuovi software possono elaborare in pochi minuti una quantità pressoché infinita di dati provenienti dalle fonti più disparate (pdf, power point, video, immagini...). Restituendo poi all'utente informazioni puntuali, persino con un tono di voce e uno stile difficilmente distinguibile da quello di una classica interazione umana\".\r\nLa questione recensioni, la formazione e l'housekeeping\r\nAltro aspetto chiave su cui l'Ai può già essere di grande supporto agli hotelier è poi la questione recensioni. \"Il vantaggio in questo caso è sia la capacità dell'intelligenza artificiale di analizzare una mole di dati molto più elevata rispetto a qualsiasi altro strumento sino a oggi disponibile, sia di garantire repliche adeguate al contesto di riferimento di ogni singolo cliente. A partire magari dal paese di origine di ciascun ospite, che impone stili di risposta e toni di relazione differenti\".\r\n\r\nMa l'Ai potrà aiutare anche in ambito formativo, mettendo per esempio gli allievi nelle condizioni di affrontare simulazioni realistiche con ospiti virtuali. Non mancano neppure possibili applicazioni nel comparto housekeeping: \"Le regole dell'hotellerie dicono che la governante dovrebbe ogni giorno controllare a fondo tutte le stanze, per assicurarsi che gli standard di pulizia siano rispettati nel minimo dettaglio.\r\n\r\nInutile nascondere che, salvo rarissime eccezioni, questo è praticamente impossibile, solitamente le visite limitandosi a delle camere a campione. Ebbene, oggi da una semplice foto o da un video di cellulare l'Ai è in grado di fare un check completo di ogni stanza in tempi ridotti, assicurando in questo modo il pieno rispetto degli standard\".\r\nRivoluzione revenue management\r\nInfine c'è il capitolo forse più intuitivo, che è il tema del revenue management. Ancora una volta è la capacità di analizzare grandi volumi di dati a fare la differenza. \"Soprattutto perché oggi l'offerta alberghiera si articola su sempre più variabili - conclude Primerano -. Non solo le tipologie di camere si sono moltiplicate, ma anche lo stesso prodotto hotel si declina in tantissime proposte differenti: con o senza colazioni, per numero di persone, per durata del soggiorno e con o senza pensione, mezza o completa che sia... Il tutto senza dimenticare che il confronto con il benchmark di riferimento, in base al quale stabilire di volta in volta il prezzo più adatto, non può più limitarsi a un pugno di hotel competitor di categoria simile. Ma deve includere anche le strutture extralberghiere, che nello scenario contemporaneo della ricettività sono spesso i veri market maker\".","post_title":"Primerano, Federalberghi: il futuro dell'hotellerie è nell'intelligenza artificiale","post_date":"2024-02-21T13:36:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1708522597000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462001","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il certificato di operatore aereo di Air Moldova è stato revocato dall'autorità dell'aviazione civile del Paese, per il mancato rispetto dei requisiti minimi. Il provvedimento, adottato il 20 febbraio, è successivo alla sospensione del Coa del vettore avvenuta sei mesi prima (lo scorso agosto).\r\n\r\nSecondo l'autorità per l'aviazione civile, la compagnia aerea è in fase di ristrutturazione da oltre sei mesi, ma in questo periodo \"non ha presentato alcuna prova\" che dimostri la rimozione delle \"non conformità\". Inoltre, il vettore non dispone di aeromobili operativi e \"non soddisfa i requisiti minimi\" per detenere un Coa.\r\n\r\nL'incapacità della compagnia aerea di dimostrare, al termine dei sei mesi successivi, di avere almeno un aeromobile con un certificato di aeronavigabilità valido ha reso la revoca \"inevitabile\", afferma l'autorità. \"Se la compagnia vuole riprendere i voli, può avviare un nuovo processo di certificazione, al fine di ottenere un nuovo Coa, in conformità con le normative nazionali\".","post_title":"Air Moldova resta a terra: revocato il Coa, dopo la sospensione di sei mesi","post_date":"2024-02-21T12:58:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708520318000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461992","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461993\" align=\"alignleft\" width=\"202\"] Carlo Montanaro[/caption]\r\n\r\nCarlo Montanaro è la più recente new entry nel team sales di Originaltour:  si occupa di promuovere la programmazione dell’operatore nelle agenzie di viaggi di Roma e del Lazio. Montanaro ha alle spalle una grande esperienza iniziata in Intersaga e proseguita per 14 anni in Pianeta Terra, nonché per altri 14 in Press Tours. Dopo una breve collaborazione con Alidays, oggi inizia una nuova sfida in casa Originaltour. “Mi occuperò di un’area che conosco molto bene, con agenzie di viaggi con le quali ho rapporti di lavoro decennali, e sulla quale è importante investire con un brand come quello di Originaltour, specializzato in destinazioni come Oman ed Emirati Arabi, Vietnam, Malesia e Uzbekistan”.\r\nCon l'arrivo di Montanaro, Originaltour continua a potenziare l’area commerciale dopo l’ingresso a fine 2023 di Andrea Gozzi, che si occupa della promozione dell’operatore per diverse aree nel Triveneto: “Nel giro di pochi mesi - sottolinea lo stesso Gozzi -, il mercato dell’area ha risposto in modo positivo, con riscontri positivi fin da subito per viaggi di gruppo con accompagnatore in Oman, destinazione della quale Originaltour è specialista oltre a essere l’operatore che per primo l’ha lanciata in Italia”. Anche Gozzi ha alle spalle un’esperienze trentennale in tour operator, compagnie di crociere e agenzie di viaggi.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Originaltour potenzia il commerciale con Carlo Montanaro e Andrea Gozzi","post_date":"2024-02-21T11:39:50+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708515590000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461988","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_382236\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un villaggio Club del Sole[/caption]\r\n\r\nNuove figure per i reparti di ricevimento, sala, bar, cucina, direzione/amministrazione, market e manutenzione delle aree green, per un totale di 700 posizioni aperte. E' partita la campagna di selezione per la stagione 2024 di Club del Sole. La ricerca  è rivolta a tutti i professionisti già affermati nel settore turistico-alberghiero, ma anche ai profili giovani che si stanno approcciando al mondo del lavoro; la compagnia si propone, infatti, come azienda post-diploma per gli allievi delle scuole alberghiere di tutta Italia. Il gruppo offre da tre a sette mesi di contratto stagionale in base ai ruoli e alle mansioni, con opportunità di formazione, crescita professionale e stabilizzazione, oltre a formule di contratto con alloggio per la stagione.\r\nPrimo importante appuntamento da segnare in agenda, il recruiting day di martedì 12 marzo 2024, organizzato da Club del Sole in collaborazione con la regione Friuli-Venezia Giulia, che si terrà in uno dei villaggi del gruppo, il Marina Julia Family Camping Village di Monfalcone. Nello specifico, nelle strutture del gruppo ubicate sul territorio della regione sono 80 le posizioni aperte. Per iscriversi occorre effettuare la registrazione e caricare il proprio curriculum entro domenica 3 marzo, collegandosi al sito della regione Friuli-Venezia Giulia, sezione Giovani Fvg. Qualche giorno prima, il 29 febbraio 2024, Club del Sole sarà anche a Napoli in occasione della job fair Tfp Summit, che si terrà presso l’hotel Ramada. Anche in questo caso l’iscrizione verrà effettuata esclusivamente online.\r\n\r\nGrande attenzione è destinata pure alla formazione del personale. Una volontà che si manifesta attraverso la promozione di attività di internal branding, l'istituzione della Club del Sole Academy come ente formativo interno e il continuo potenziamento dei modelli organizzativi e dei sistemi di performance e comunicazione interna. Nel 2023, il gruppo ha erogato oltre 8 mila ore di formazione attraverso lo stesso ente formativo interno, assunto più di 1.200 persone e firmato 172 contratti a tempo indeterminato.","post_title":"Al via la campagna di recruiting Club del Sole: 700 le posizioni aperte","post_date":"2024-02-21T11:29:34+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708514974000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461877","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiude con un boom di pubblico la nona edizione di Agri e Slow Travel Expo a Bergamo, con 23 mila visitatori in tre giorni, 180 eventi, 40 buyer italiani e stranieri, oltre 200 espositori. Appuntamento al prossimo anno per un settore che punta su un turismo più sostenibile, in sintonia con la natura e sempre più accessibile a tutti: appassionati, curiosi, sportivi e amanti dei piccoli borghi e delle tradizioni locali.\r\n\r\nI numeri parlano chiaro: ben 23 mila persone hanno visitato la fiera nei tre giorni di esposizione, attratti dall’offerta di oltre 200 realtà presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane. A sostenere la manifestazione fieristica, anche 180 eventi tra spettacoli folkloristici, esibizioni, show cooking, concerti, convegni, talk e approfondimenti su otto temi trainanti di un settore in netta crescita: sostenibilità, enogastronomia, cicloturismo, montagna, cammini, accessibilità, vie d’acqua, folklore.\r\n\r\nTra i momenti clou, il primo Agrigravel 2024, una gara non competitiva dedicata agli amanti delle bici gravel che stanno spopolando per la loro versatilità di utilizzo su più superfici, dalla ghiaia fino al terreno più scosceso. Erano oltre 200 i partecipanti che si sono divertiti su un percorso di 70 chilometri tra le bellezze della bergamasca, testando anche il nuovo tratto nord-est dell’anello ciclopedonale che si collega direttamente con l’aeroporto Bgy, primo scalo bike friendly in Italia e partner della fiera.\r\n\r\nUn evento sostenuto anche da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo italiano da sempre attenta ai temi e ai valori portati avanti di edizione in edizione. «La formula che unisce l’area business riservata agli operatori con quella dedicata al grande pubblico - spiega Luciano Patelli, presidente Promoberg - è un unicum nel panorama delle nostre fiere e più in generale in quello di settore. Il format sta conquistando a ogni edizione sempre più apprezzamenti e ha incoronato anche quest’anno per tre giorni Bergamo quale capitale europea del turismo slow e sostenibile. Se si fa rete con sinergie e obiettivi condivisi, il made in Bergamo può imporsi anche a livello internazionale. Per ultimo, ma di certo non meno importante, desidero ricordare le molteplici ricadute positive per il nostro territorio date dalle nostre manifestazioni, in particolare se internazionali come la stessa Agritravel fiera dei territori. In molti, tra espositori, buyer e visitatori, hanno voluto trovare il tempo per visitare anche la nostra città e il nostro territorio: uno scrigno colmo di arte, storia, cultura e paesaggi di rara bellezza; una meta che riassume splendidamente tutti i temi al centro del nostro progetto. Siamo onorati di contribuire allo sviluppo economico e alla promozione turistica di Bergamo in Italia e nel mondo«.\r\n\r\n«Fiera dei territori – Agri Travel e Slow Travel Expo rappresenta il posizionamento del quartiere fieristico nel settore del turismo sostenibile, slow e outdoor - aggiunge Stefania Pendezza, project manager -. Il turista è sempre più attratto da esperienze autentiche, vuole scoprire e arricchirsi. Fiera dei territori intercetta questo tipo di turismo, favorisce il matching tra domanda e offerta, sostiene e facilita la nascita di sinergie tra le destinazioni, le aziende e le istituzioni di tutto nostro Paese e internazionali. La manifestazione è stata un momento di grandi opportunità e proficui scambi, a partire dal grande successo del b2b di venerdì 16, che ha visto coinvolti numerosi operatori italiani e internazionali che hanno generato 800 incontri business«.\r\n\r\nNei 13 mila metri quadrati della fiera, oltre 200 espositori presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane (Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Puglia) hanno svelato i luoghi e le prelibatezze del palato.\r\n\r\n \r\n\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­","post_title":"Agri e Slow Travel Expo Bergamo: 23 mila visitatori alla fiera dei territori","post_date":"2024-02-21T10:01:59+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708509719000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461875","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono oltre 600 le posizioni aperte nei village e camping in town Human Company distribuiti tra Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, nella tenuta Palagina alle porte del Chianti e nel Plus Hostel di Firenze. Dopo un 2023 conclusosi con ottimi risultati, in particolare quelli legati alle presenze che sono cresciute del 9% rispetto al 2022, il gruppo toscano si prepara alla riapertura delle sue strutture con un importante piano di assunzioni.\r\n\r\nDiversi i settori di riferimento per le nuove figure professionali da inserire in organico: nell’ambito ricettivo si cercano addetti front office, per l’accoglienza degli ospiti e la gestione delle prenotazioni, responsabili front office per il coordinamento del personale della reception, e addetti agli info point, incaricati di fornire informazioni sulla struttura, gli eventi e le esperienze pensate per conoscere al meglio il territorio circostante. Camerieri, aiuto camerieri, pizzaioli e aiuto pizzaioli sono tra le professioni ricercate per il settore food & beverage insieme a baristi e economi f&b per la ricezione e la gestione dei materiali in arrivo in struttura. Non mancano le opportunità per il settore della sicurezza, delle pulizie e delle manutenzioni mentre per il retail sono aperte le seguenti figure professionali: addetti al market e allo shop e responsabili dell’esercizio.\r\n\r\nPer la Toscana, in particolare, le posizioni aperte sono oltre 340 e interessano non solo i villaggi della costa toscana come lo hu Park Albatros village e lo hu Montescudaio village, ma anche lo hu Norcenni Girasole village e la tenuta Palagina alle porte del Chianti, il Plus Hostel e lo hu Firenze camping in town. In Veneto si cercano circa 130 figure per lo hu Altomincio village e per lo hu Venezia camping in town, nel Lazio sono disponibili oltre 65 posizioni tra lo hu I pini village, il Fabulous village e lo hu Roma camping in town mentre sono circa 60 le figure professionali ricercate in Lussemburgo per lo hu Birkelt village.\r\n\r\n ","post_title":"Human Company alla ricerca di oltre 600 figure per la stagione 2024","post_date":"2024-02-20T10:08:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708423725000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461810","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461814\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Cristina Xercavins, chief people officer di Volotea[/caption]\r\nVolotea ha nominato Cristina Xercavins chief people officer della compagnia. In squadra dal 2017, Xercavins sfrutterà la sua visione strategica e l’esperienza in azienda per guidare i diversi progetti finalizzati allo sviluppo e alla crescita dei talenti in Volotea. Nel suo nuovo ruolo lavorerà nella sede del vettore a Barcellona - riporterà direttamente a Carlos Muñoz, fondatore e ceo, e diventerà membro del Comitato esecutivo (Excom).\r\n«Questa nomina riflette il nostro impegno a coltivare e valorizzare i talenti di Volotea – ha dichiarato il ceo -. Dal suo arrivo in azienda, Cristina ha svolto un ruolo fondamentale: la sua esperienza nel reparto commerciale e la sua spiccata visione analitica le hanno permesso di raggiungere risultati significativi e che hanno facilitato la crescita di Volotea. Cristina ha ottime capacità di leadership, visione strategica e autentica passione per questo lavoro: sono sicuro che saprà sfruttare al massimo tutte queste competenze nel suo nuovo ruolo, contribuendo in modo concreto alla valorizzazione dei talenti della nostra azienda».\r\n«Da quando sono entrata in Volotea, ho avuto il privilegio di collaborare con colleghi provenienti da diversi dipartimenti e continuo a essere colpita, giorno dopo giorno, dall'eccezionale talento e impegno del nostro team - ha commentato Cristina Xercavins -. Questo è stato particolarmente evidente durante il mio recente ruolo di Deputy Chief People Officer dell'azienda. Sono entusiasta di affrontare questa nuova sfida, che mi offre un'altra grande opportunità per continuare a contribuire alla crescita di Volotea\".\r\nCon una formazione in ingegneria aeronautica e dopo una prima esperienza lavorativa per altre compagnie che le ha permesso di affinare il suo know-how nel settore aereo, Xercavins arriva in Volotea nel 2017 inizialmente nell’area commerciale, dapprima come inventory revenue manager e poi come revenue management director. In questo ruolo ha contribuito a ridefinire la strategia di gestione delle tariffe con l'assistenza del team di Data Science, con l'obiettivo di fornire all'azienda processi sempre più efficienti e precisi. Dallo scorso settembre è entrata a far parte del team people, in qualità di deputy cpo, guidando numerosi progetti volti a migliorare l’intero dipartimento.","post_title":"Volotea: Cristina Xercavins assume il ruolo di chief people officer della compagnia","post_date":"2024-02-19T12:23:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708345423000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461775","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«L’anno scorso abbiamo avuto 260.000 pernottamenti e quest’anno puntiamo a raggiungerne 350.000» così Clive McCoy, direttore del turismo de The British Virgin Islands Tourist Board & Film Commission, traccia gli obiettivi 2024 dell'arcipelago caraibico la cui filosofia è racchiusa nel claim “When life gets too loud, turn down the noise and turn up what matters”.\r\n\r\n«Il maggior numero di ospiti - prosegue McCoy - arriva dal mercato americano, gli italiani sono circa il 2% e speriamo aumentino. Crediamo che le BVI siano un’ottima opzione di viaggio per il turista europeo che ama i Caraibi. Molti italiani e francesi raggiungono l'arcipelago e si fermano per 10 giorni sostando negli eleganti hotel o navigando tra le isole».\r\n\r\nNumerose le connessioni. «Si raggiungono le BVI volando da Parigi a Saint Maarten e da lì proseguendo per Tortola su un piccolo velivolo. Oppure dal Regno Unito: si atterra ad Antigua, da dove si vola verso le Isole Vergini. Dallo scorso giugno American Airlines garantisce 2 voli al giorno da Miami durante la settimana e uno in più al sabato fino al prossimo 3 aprile. Tortola è l’isola principale dell'arcipelago, perfetta per iniziare un “island hopping” tra isole a solo 30’ di navigazione l’una dall’altra. La prima a est è Virgin Gorda, che proprio Colombo descrisse come una “vergine grassa sdraiata”. È famosa per “The Baths National Park”, una zona costiera dove formazioni granitiche danno origine a vasche e grotte. A nord c’è Anegada, che non è di origine vulcanica ed è circondata da quasi 50 km di spiaggia. È famosa per le sue aragoste, tra le migliori dei Caraibi, celebrate ogni anno a fine novembre nel Lobster Festival. Andando a ovest si trova la party-island Jost Van Dyke: dopo Time Square e Trafalgar Square è il posto più famoso al mondo per celebrare l’arrivo del Nuovo Anno insieme con star mondiali».\r\n\r\nTante le novità del ricettivo delle Isole Vergini, come il rinnovo completo della proprietà del Peter Island Resort, che era stata danneggiata dall’uragano Maria nel 2017; le prenotazioni saranno aperte dal prossimo 3 ottobre. In continua crescita anche l’offerta del Long Bay Beach Resort, con ville e camere che guardano il mare e una proposta sportiva sempre più ricca. Verranno infine completati in questi mesi i lavori del luxury Scrub Island Resort, Spa&Marina: dallo scorso agosto la struttura è tornata indipendente dopo 11 anni di affiliazione al gruppo Marriott.\r\n\r\nNovità anche per gli amanti della navigazione con lo sviluppo di The Moorings: il più grande approdo privato dedicato alle vacanze su yacht, che dispone di una flotta di 254 yacht e catamarani. Si potrà affittare uno yacht con personale di bordo e chef e navigare tra le isole o seguire il ricco programma di regate e trofei che si apre a gennaio con il Latitude 18 Halyard Challenge e si conclude a dicembre con l’O’Neal & Mundy Commodore’s Race. E tanti sono i momenti di festa che si succedono nel corso dell’anno, celebrando la natura, la danza, il ritmo, la cucina e quell’armonia che avvolge ogni cosa alle British Virgin Islands.\r\n\r\n[gallery ids=\"461780,461779,461777\"]","post_title":"British Virgin Islands, McCoy: «Mercato italiano nel mirino»","post_date":"2024-02-19T10:52:30+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708339950000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461774","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Conto alla rovescia per l'edizione 2024 New Deal Europe Marketplace and Forum, in calendario il prossi,o 16 aprile al Congress Centre di Londra. Aperte le iscrizioni per quello che resta il principale appuntamento del settore turistico per i viaggi nel Sud-est Europa.\r\n\r\nL'evento offre un'opportunità unica ai tour operator e alle agenzie di viaggio per incontrare le destinazioni, gli hotel e gli esperti locali più interessanti di questa regione che sta rapidamente crescendo come meta turistica.\r\n\r\n«L'edizione dell'anno scorso è stata un grande successo, con oltre un migliaio di incontri pre-organizzati e altamente mirati, oltre a un fantastico programma di formazione che ha offerto una conoscenza approfondita della regione - ha sottolineato Robert Dee, direttore di New Deal Europe -. Quest'anno aumenteremo il numero dei fornitori presenti, dando la possibilità a coloro che già conoscono la regione di fare un'immersione profonda, e agli operatori che desiderano scoprire il Sud-est Europa di avere un ottimo primo contatto».\r\n\r\n«Siamo entusiasti della qualità dei fornitori che abbiamo coinvolto quest'anno, con la migliore selezione di destinazioni, fornitori di alloggi e dmc che abbiamo mai avuto - ha aggiunto Tine Murn, co-fondatrice dell'evento -. Sia che stiate cercando le destinazioni più popolari, sia che vogliate uscire dai sentieri più battuti, abbiamo quel che fa per voi. Abbiamo notato che negli ultimi due anni sempre più turisti iniziano a esplorare la regione e a condividere le loro esperienze sui social. Sono anche stati pubblicati numerosi articoli nelle pagine di viaggio dei quotidiani nazionali, il che incoraggia sempre più persone a visitare la regione. Le nostre conversazioni con i principali tour operator e compagnie aeree negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in altri mercati, ci dimostrano che c'è una forte richiesta di crescita verso l'intera regione».\r\n\r\nI buyer del settore turistico attivi nella regione saranno messi in contatto con i principali fornitori in una serie di incontri one-to-one, per garantire che il loro tempo sia ben speso e che tornino a casa ispirati.\r\n\r\nA fronte della continua crescita dell'evento, New Deal Europe ha aggiunto Simon Young al team, per supervisionarne la gestione.","post_title":"New Deal Europe: aperte le iscrizioni per l'edizione 2024, il 16 aprile a Londra","post_date":"2024-02-19T10:33:30+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708338810000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti