29 February 2024

ADDETTO OPERATIVO

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email: jobs@caleido-group.com
Provincia: • 
Comune: • 

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Caleido Group Spa cerca addetto operativo, da inserire nella sede di Milano.

I candidati dovranno avere i seguenti requisiti:
-Esperienza pluriennale in Tour Operator;
-Forte motivazione e propensione all’attività commerciale, una buona predisposizione per i rapporti interpersonali, determinazione e capacità di lavorare per obiettivi;
-Buona flessibilità, capacità di adattamento e doti organizzative;

Candidarsi allegando curriculum vitae in formato pdf al seguente indirizzo: jobs@caleido-group.com e inserendo in oggetto la dicitura “Addetto operativo (Milano)”.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462412 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un manager italiano con una grandissima esperienza Usa. Non è un caso se Simone Farci è stato scelto per guidare il nuovo InterContinental Rome Ambasciatori Palace: la struttura che lo scorso maggio ha segnato il ritorno del brand di casa Ihg nella Città eterna. La rinascenza dell'ospitalità capitolina, con le tante aperture di pregio già avviate o in arrivo a breve, va infatti di pari passo con la ripresa della domanda Usa, letteralmente esplosa nel corso del 2023. L'importanza dei loyalty program "Indubitabilmente si tratta di un mercato molto importate per Roma - spiega lo stesso Farci, che arriva nella capitale dopo otto anni di esperienza alla guida di diverse strutture caraibiche di Ihg  -. Si tratta di una domanda che conosco bene. Certo, l'Italia è più distante dagli Stati Uniti rispetto al Centro America. Il target di clientela qui è perciò sicuramente un po' differente, ma le esigenze dei turisti a stelle e strisce sono spesso simili: sono ospiti abituati a determinati marchi, che si affidano molto ai loyalty program. E noi di Ihg da questo punto di vista siamo senz'altro una garanzia per loro". Il post-Covid, una svolta per l'offerta alberghiera capitolina I primi mesi al timone hanno già dato parecchie soddisfazioni al gm dell'Ambasciatori Palace: "Già a giugno e luglio abbiamo registrato numeri importanti, soprattutto se paragonati al nostro benchmark di riferimento. A distanza di una decina di minuti dal nostro hotel, tra via Veneto e dintorni, possiamo contare almeno su una trentina di strutture potenziali competitor, con un'offerta di ottimo livello". A Roma, d'altronde, il post-Covid ha segnato una vera e propria svolta della proposta alberghiera della capitale: "Sono arrivati parecchi fondi, che naturalmente cercano di massimizzare l'investimento. E questo di solito si può fare solo con i marchi di lusso. Già solo nella nostra zona si parla di ulteriori, numerose nuove aperture: brand come Rosewood, Nobu, Baccarat... La competizione inevitabilmente salirà, ma anche la domanda credo che aumenterà proporzionalmente". Aumentano i contratti di management e franchising L'internazionalizzazione dell'offerta alberghiera è peraltro un fenomeno che sta coinvolgendo da una quindicina d'anni l'intera penisola. Lo dimostra tra gli altri l'ultimo Chains Monitor elaborato da Thrends, che ha evidenziato come ormai le camere di catena abbiano superato il 20% del totale. E molte appartengono a brand esteri. "Sta crescendo il numero di proprietari e investitori disposti a legarsi ai grandi gruppi tramite contratti di management e franchising", aggiunge Farci, sottolineando una tendenza relativamente nuova per un mercato, quello tricolore, tradizionalmente refrattario a queste tipologie di accordi. La vitalità delle major dell'ospitalità è ben testimoniata dai dati concreti, con la stessa Ihg che nel 2023 ha visto i propri margini operativi superare per la prima volta nella propria storia il miliardo di dollari.   Migliora la qualità dell'offerta f&b romana In tale contesto, anche la stessa città di Roma sta facendo la propria parte: "Io ci avevo già vissuto per qualche tempo una quindicina di anni fa. L'ho trovata migliorata sotto molti punti di vista. L'incremento della domanda lusso ha dato una scossa generale all'organizzazione generale della città, che si è attivata per rendere la destinazione fruibile a tutti i tipi di turisti. E' cresciuta anche la qualità dell'offerta f&b, non più limitata ai soli ristoranti italiani e locali. Qui all'Ambasciatori Palace noi abbiamo per esempio deciso di affidarci a un brand internazionale come lo Scarpetta Nyc, sempre ovviamente con un occhio di riguardo al mercato Usa". Nel 2024 l'alta stagione inizierà con anticipo Per il 2024, infine, la Pasqua un po' più bassa del solito potrebbe favorire l'anticipo dell'alta stagione, destinata a durare sino ad agosto, con una coda importante a settembre e ottobre. "Non solo - conclude Farci -: nelle ultime tre settimane abbiamo registrato una forte richiesta dal mercato orientale, grazie soprattutto alla concomitanza con il Capodanno cinese. Reputo che un ruolo importante, nel futuro, lo giocheranno gli eventi in città. A partire dal Giubileo dell'anno prossimo, di cui beneficeranno tutte le strutture capitoline, dai 2 stelle in su. Da questo punto di vista credo davvero che Roma sia una destinazione unica al mondo".   [post_title] => Farci, InterContinental Rome: focus sul mercato Usa ma non solo [post_date] => 2024-02-28T13:03:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709125429000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462382 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aria di rinnovamento all’interno dello storico hotel Metropole di Montecarlo con l’apertura del salon Méditerranée. Luogo opera del designer e architetto parigino Jacque Garcia, si tratta di uno spazio elegante e raffinato adatto per feste private, cene eleganti o meeting aziendali. L’area misura 120 mq ed è dotata di wifi, video proiettore, televisione, aria condizionata, line telefonica privata, bloc notes e penne per i convegni. La capienza, che varia anche in base alla disposizione degli arredi da definire in base all’evento, raggiunge le 60 persone. L’atmosfera del salone è resa calda e accogliente dalla luce solare che filtra dalle ampie finestre presenti lungo la parete interna, irradiando gli affreschi decorativi disegnati da Delphine Nény, definita Miglior artigiana di Francia. Queste opere adornano dei pannelli presenti nella stanza che possono essere aperti, permettendo agli ospiti di ammirare la brigata di cucina all’opera. Particolare attenzione ricade sui green events, ossia eventi organizzabili all’interno dell’albergo durante i quali, tramite misure ad hoc, viene ridotto al minimo il consumo di plastiche grazie all’utilizzo di materiali riciclabili: dalle bottiglie d’acqua alle capsule per il caffè. Il Metropole offre inoltre alcune brevi attività interamente sostenibili da svolgere nelle pause dei seminari di business. In particolare, sarà possibile frequentare alcuni corsi di pasticceria a opera del pastry chef Patrick Mesiano, utilizzando solo ingredienti di stagione, oppure svolgere una pedalata per Monaco grazie alle apposite biciclette elettriche. Il servizio catering durante questi eventi è guidato da Christophe Cussac, head chef in grado di incontrare tutte le richieste degli ospiti, dai vegetariani ai gluten-free. Come per le classi di pasticceria, anche nella cucina il rispetto della stagionalità è d’obbligo nella scelta degli ingredienti, preservati e serviti senza l’utilizzo di confezioni o box di plastica. Si affianca il servizio del barman, in particolare durante i cocktail party. Tramite l’acquisto di due cocktail pensati dal Metropole, è tra l'altro possibile raccogliere fondi da trasferire in piani di riforestazione per la tutela e crescita del cosiddetto Polmone verde. [post_title] => Al Metropole di Montecarlo apre il salon Méditerranée per feste ed eventi [post_date] => 2024-02-28T10:40:01+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709116801000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462364 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo la pausa Covid è di nuovo sorpasso: nel corso del 2023 gli arrivi e le presenze internazionali sono state superiori a quelle domestiche. Era già successo nell'anno pre-pandemico 2019, dopo una rincorsa durata anni. Il Covid aveva poi mescolato le carte, sostanzialmente impedendo o limitando fortemente gli spostamenti tra Stati, ma il percorso era già segnato. E ora, con il primo anno finalmente "normale", non segnato cioè dalla coda pandemica come è stato agli inizi del 2022, il fenomeno si è dimostrato nella sua natura di trend strutturale: nel 2023 gli arrivi internazionali sono stati 62,8 milioni (+14%), le presenze 222,6 milioni (+10,7%). Arrivi e pernottamenti domestici si sono invece fermati a quota 62,2 milioni (-1,9%) e 208,5 milioni (-1,1%). Lo rivelano i dati ancora provvisori di Enit, presentati in occasione di un evento organizzato a Milano da Confindustria Alberghi per illustrare il proprio Osservatorio 2023 elaborato in collaborazione con Str. Ma non è solo una questione numerica. I flussi dall'estero tendono infatti a supportare la destagionalizzazione dell'offerta: "I mercati internazionali - ha spiegato la market research and statistics manager dell'Enit, Elena Di Raco - si muovono soprattutto durante i mesi di spalla. La quota di arrivi dall'estero è in particolare più rilevante in primavera e durante il bimestre settembre - ottobre. Il recupero dell'anno scorso è stato inoltre supportato dalla ripresa del lungo raggio. A partire specialmente dagli americani ma abbiamo osservato anche un certo ritorno dei turisti orientali. Si tratta in altre parole di una domanda alto-spendente, che spesso prenota anche con 50 giorni di anticipo". [caption id="attachment_462372" align="alignright" width="300"] Alina Minut[/caption] La ripartenza del mercato Usa è confermato anche dalle cifre Str sull'intero continente europeo: "Solo nel mese di giugno - ha osservato la senior account manager Italy di Str CoStar, Alina Minut - abbiamo registrato qualcosa come 3 milioni di arrivi dagli Stati Uniti nel Vecchio Continente". Ciò detto in molte destinazioni europee gli hotel non sono ancora riusciti a recuperare i livelli di occupazione pre-Covid: Milano, seppur di poco, è per esempio rimasta sotto di due punti percentuali rispetto a quattro anni prima; Roma è a meno uno, Londra a meno quattro, Amsterdam a meno otto, Berlino e Vienna addirittura a meno dieci. A pesare è stata soprattutto la debolezza della domanda gruppi. In parte anche l'assenza del mercato cinese, così come una certa fragilità dell'economia globale. La contrazione dell'occupazione è stata però controbilanciata da una contemporanea, sensibile crescita delle tariffe (trainate pure dall'inflazione, ndr): A Roma nel giro di un anno sono per esempio salite del 20%, a Milano del 14%. Altrove, in Europa, si parla di un +14% a Parigi, +16% a Bruxellese, +15% a Berlino, +12% a Vienna e +11% ad Amsterdam. "I prezzi camera sono cresciuti talmente tanto in Italia - ha proseguito Alina Minut - che per quest'anno le nostre previsioni a livello di revpar sono piatte per le strutture di Milano e Roma. In forte ripresa saranno invece con ogni probabilità le destinazioni di lingua tedesca, i cosiddetti paesi Dach, che al contrario hanno fino a oggi faticato a riprendersi dopo il biennio pandemico. Infine una piccola notazione competitiva. Se infatti la Spagna continua a essere il paese con più pernottamenti in Europa (452 milioni), seguito dall'Italia (431 milioni), va tenuto però in considerazione che nella destinazione tricolore i prezzi per camera sono mediamente superiori di circa 30 euro rispetto al paese iberico". [post_title] => Aica - Enit: nel 2023 nuovo sorpasso degli arrivi internazionali sui domestici [post_date] => 2024-02-28T10:09:42+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709114982000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462329 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Dolomiti avanza sicura verso un 2024 nel segno della crescita, dopo un 2023 che ha visto per la prima volta la compagnia italiana del Gruppo Lufthansa raggiungere i 3 milioni di passeggeri trasportati. Cresce innanzitutto la flotta che ora conta 21 aeromobili: 17 Embraer 195 da 122 posti e 4 Embraer 190 da 108 posti. Un programma di ampliamento che prevede nuovi inserimenti durante tutto l’anno, nei mesi di aprile, maggio e luglio per raggiungere a novembre la quota di 25 macchine. E aumentano di pari passo le nuove assunzioni: attualmente i dipendenti sono 1.000, tra personale di terra e personale navigante. Le campagne di recruiting per le operazioni in volo, per gli uffici della sede di Verona e per le basi di Venezia e Firenze, operative dalla scorsa estate, sono ancora in corso e continueranno ad accompagnare il percorso di sviluppo di Air Dolomiti. Prosegue in parallelo anche lo sviluppo qualitativo della compagnia che, pur mantenendo il proprio ruolo di vettore feeder del traffico italiano sugli hub tedeschi di Monaco di Baviera e Francoforte, negli ultimi anni ha ricevuto fiducia dal Gruppo Lufthansa anche su diverse tratte europee. Numerose sono le tratte europee operate da Air Dolomiti dagli hub tedeschi come i voli su London City e Ginevra dall’aeroporto di Francoforte inaugurati nei giorni scorsi. «Abbiamo chiuso il 2023 registrando 3 milioni di passeggeri: un record assoluto per la nostra compagnia, commenta il ceo, Steffen Harbarth -. Stiamo aumentando la flotta, assumendo nuovi colleghi e ci sentiamo pronti ad accogliere con entusiasmo il nostro nuovo ruolo e le sfide che seguiranno proseguendo lo sviluppo sulle tratte europee. La mission è crescere e posizionarci in modo sicuro sul mercato senza dimenticare i nostri valori, ma cogliendo al contempo tutte le innovazioni che la crescita presenta; un settore complesso e affascinante come quello del trasporto aereo richiede solide basi ma anche prontezza e fantasia per reagire rapidamente ai cambiamenti. Questo è stato sempre il punto di forza di Air Dolomiti: coerenza di percorso e progettualità con l’obiettivo di essere sempre più affidabili e attrattivi, tanto per i nostri passeggeri quanto per chi viene selezionato per lavorare con noi». [post_title] => L'allungo di Air Dolomiti: 3 milioni di passeggeri trasportati, mentre la flotta salirà a 25 velivoli [post_date] => 2024-02-27T14:01:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709042490000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462301 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Crescita a doppia cifra per Bruxelles che nel periodo gennaio-ottobre 2023 centra un +15% di arrivi rispetto allo stesso periodo del 2022, mentre i pernottamenti salgono del +18%.  Secondo l'analisi di Visit Brussels, in linea con la tendenza in atto negli ultimi anni, ad incidere sui numeri è soprattutto il leisure, arrivato a sfiorare il 50% degli arrivi totali, anche se il 2023 ha visto una significativa ripresa del business travel, con un +25% di arrivi e +26% di pernottamenti rispetto al 2022: a incidere particolarmente sugli andamenti è la grande ripresa dei flussi dall’oriente, in primis da Cina e Giappone. Performance particolarmente positiva per l'Italia, che si conferma al primo posto tra i mercati dell’Ue per tasso di crescita, con arrivi in media a +22% e pernottamenti in aumento del 23% rispetto all’anno precedente; i dati sono migliori anche rispetto ai mercati più consolidati, come Spagna e Germania. Ottime poi le prestazioni nei mesi più caldi, agosto in particolare, seguiti dal canonico periodo dei city-break primaverili. «Nei primi 10 mesi del 2023 il 53% degli arrivi italiani è legato al leisure, a fronte di un business travel in netta ripresa ma non ancora ai livelli del 2019 - commenta Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles -. Oltre alle percentuali, crescono i numeri in valore assoluto, segno che gli italiani stanno imparando ad apprezzare la destinazione e la sua versatilità. Da sempre conosciuta per il Parlamento Europeo, la cultura pop, la birra e il cioccolato, Bruxelles sta investendo su una serie di proposte di carattere culturale in grado di intercettare non solo il pubblico degli addetti ai lavori, ma anche un target più trasversale di appassionati e amatori, come l’anno dell’art nouveau nel 2023 e le nuove mostre dedicate al surrealismo, in programma per tutta la prima parte del 2024».  Fitto il calendario di appuntamenti con il trade, a cominciare dalla Btm Italia, decima edizione della fiera b2b di promozione del turismo del sud Italia, che si terrà a Bari dal 27 al 29 febbraio. Spazio anche agli eventi presso la Brussels House di Milano: Brussels Academy, con attività di formazione e networking per gli operatori del turismo, e Atelier Chocolat, per conoscere con le “mani in pasta” la dolcissima cultura del cioccolato belga. In occasione della Milano Design Week (in programma dal 15 al 21 aprile), infine, la Brussels House aprirà anche al pubblico che potrà ammirare le opere di artisti e designers brussellesi. In autunno è inoltre prevista la consueta partecipazione a Ttg Travel Experience. [post_title] => Bruxelles: il mercato Italia registra il più elevato tasso di crescita in Europa, +22% [post_date] => 2024-02-27T10:15:51+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709028951000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462279 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quasi sette punti percentuali guadagnati in dieci anni. Complice anche la diminuzione dell'offerta complessiva registrata a seguito dell'epidemia, ma merito soprattutto del dinamismo di mercato dimostrato dall'ospitalità italiana, cresce il tasso di penetrazione dei brand di catena nella nostra Penisola. Lo rivela il time-lapse realizzato da Thrends, che da ormai due lustri pubblica semestralmente il proprio Chains Monitor Italy. Nell'ultima decade il comparto ha insomma intrapreso una decisa evoluzione nei modelli di sviluppo e crescita, più decisa di quanto direttamente visibile a livello immobiliare, con un consolidamento sempre più marcato e vicino a dinamiche europee e dei mercati anglosassoni. In massima sintesi, dal 2013 al 2023 gli hotel di catena sono passati da poco oltre 1.300 a 2.200 (+65%), mentre le camere da 146 mila a oltre 216 mila (+48%). Il tasso di penetrazione delle catene alberghiere (in termini di stanze) è quindi passato dal 13,4% del 2013, valore molto modesto a confronto con le dinamiche di altri player mondiali del turismo, al 20,1% di oggi. Un'evoluzione che dimostra anche come le catene abbiano iniziato ad accettare strutture di portata più ridotta, caratteristica peculiare del panorama immobiliare italiano: la dimensione media degli hotel brandizzati è infatti passata dalle 110 camere del 2013 alle 99 di oggi; un notevole abbassamento della soglia minima, dovuto al proliferare dei brand lifestyle, meno rigidi in termini dimensionali e quindi più adatti al tessuto immobiliare e ricettivo nazionale. Tra tre anni arriveremo al 22% delle camere “Il tasso di penetrazione delle catene in Italia è ancora tra i più bassi in Europa - spiega la senior analyst di Thrends, Irina Hernández -. Tuttavia, da un lato l’interesse degli investitori internazionali verso il nostro paese, soprattutto nel segmento luxury, e dall’altro la diminuzione delle camere di hotel in Italia, porterà molto probabilmente la presenza delle catene alberghiere nel Paese dall'attuale 20,1% a oltre il 22% tra tre anni, con una conseguente accelerazione del processo di consolidamento del mercato”. D'altra parte, i brand (soprattutto quelli internazionali) continuano a dare priorità alle prime quattro città italiane, essendo infatti Roma, Milano, Venezia e Firenze le destinazioni con il maggior numero di alberghi di catena (il 39% del totale). La pressione dei player globali sull’Italia non è mai stata così evidente: alla chiusura del censimento si contano 155 marchi internazionali presenti in Italia, contro i 75 di appena dieci anni fa, per una crescita del 100%. I gruppi con il maggior numero di hotel sono in particolare Bwh, Accor, Marriott International, B&B Hotels e Minor Hotels, che detengono il 19% degli alberghi brandizzati nel nostro paese. Le prime tre catene domestiche (per numero di hotel) sono invece Gruppo Una, Apogia Hotels e Iti Hotels. Cresce l'interesse degli investitori internazionali per i gruppi domestici Nel dettaglio, le compagnie alberghiere presenti sul suolo italiano sono passate da 138 a 270 (per gruppo, Thrends intende da sempre qualsiasi operatore che gestisca almeno cinque strutture con uno o più marchi differenti, ndr). Di questi, oggi, il 73% sono realtà domestiche, verso le quali negli ultimi anni, anche grazie al ricambio generazionale, è crescente l’interesse da parte degli investitori esteri. Sono infatti diverse le operazioni di vendita o joint venture tra fondi di investimento o altre catene internazionali e i gruppi italiani. Tra le ultime, ricordiamo l’acquisizione del 75% di Mira Hotels & Resorts da parte di Dsr Hotel Holding; l’acquisizione del 100% di Baglioni Hotels da parte della catena messicana Palace Resorts; la joint venture tra il gruppo Pellicano e la società di asset management paneuropea Aermont Capital. Nei prossimi anni (2024-2027) è inoltre in programma lo sviluppo e/o affiliazione di 232 hotel, di cui il 68% appartenenti a gruppi internazionali. Di questi, cinque riguardano strutture del segmento economy, 35 del midscale, 83 dell'upscale e 93 del luxury. Di 16 nuovi sviluppi non si conosce invece ancora il futuro posizionamento. Il 32% delle nuove aperture è rappresentato da hotel che entreranno a far parte di una catena domestica, mentre il restante 68% apparterrà a catene internazionali: il 32% americane, il 16% francesi, l’8% spagnole. Focus sulle Big 4 ma spunta anche per Napoli Le regioni che vedranno il maggior numero di nuove aperture sono la Lombardia (21%), il Lazio (20%), il Veneto (12%) e la Toscana (9%). Le prime cinque destinazioni per numero di hotel in pipeline sono invece Roma (18%), Milano (10%), Venezia (6%), Firenze (6%) e Napoli (3%). Per quanto riguarda la tipologia di destinazione, il 39% degli hotel sarà localizzato in città d’arte, il 22% in destinazioni leisure, il 15% in mete sun & beach e l’11% in location business. Il 21% degli hotel in pipeline, infine, sarà marchiato da Marriott International, Accor e Radisson Hotel Group.   [post_title] => Thrends: le camere di catena in Italia sfondano la soglia del 20% [post_date] => 2024-02-27T09:32:20+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709026340000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462269 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tgv Inoui ha aperto le vendite dei biglietti per le tratte interne tra Milano, Torino e Oulx: il nuovo servizio rappresenta un'importante novità per i passeggeri, che potranno sperimentare il comfort e la convenienza del viaggio con tariffe a partire da 10 euro. Da oggi, un collegamento giornaliero è operativo in entrambe le direzioni tra Milano, Torino e Oulx. La partenza è alle 14:10 dalla stazione di Milano Porta Garibaldi, con arrivo a Oulx alle 16:33 e fermata intermedia a Torino Porta Susa prevista alle 15:41. Nella direzione opposta, la partenza da Oulx è programmata per le 20:52, con arrivo a Milano Porta Garibaldi alle 23:10 e fermata a Torino Porta Susa alle 21:48. Con la riapertura della linea, interrotta a seguito della frana nella Valle della Maurienne, saranno disponibili ben tre collegamenti al giorno. Inoltre, sempre da oggi, Sncf Voyageurs ha esteso la disponibilità dei biglietti della tratta internazionale con il servizio sostitutivo anche per le partenze primaverili sottolineando la continuità dell’offerta ferroviaria Tgv Inoui tra l’Italia e la Francia. Il servizio, già attivo dal 10 gennaio, ha permesso di ripristinare  il collegamento parziale Milano-Torino-Parigi, dopo quattro mesi dalla frana verificatasi nella Valle della Maurienne il 27 agosto 2023. Per venire incontro alle richieste sempre più numerose dei viaggiatori, giunte sin dalla riapertura del servizio, è infatti possibile prenotare il viaggio tra i due Paesi anche per il periodo dal 25 marzo al 22 maggio; dal mese di marzo inoltre le vendite saranno prolungate anche per la stagione estiva. «La nuova connessione Milano, Torino e Oulx rappresenta un passo avanti nell’ampliamento dei nostri servizi e  permette di posizionare Tgv Inoui come una valida alternativa all’auto per gli spostamenti di breve distanza ad un prezzo accessibile e a basso impatto ambientale - ha commentato Jean-Francois Ancora, amministratore delegato di Sncf Voyages Italia -. Inoltre l’estensione della vendita dei biglietti del servizio sostitutivo a partire dal 25 marzo, riflette la nostra volontà di soddisfare al meglio le esigenze dei nostri passeggeri. La riapertura del collegamento e la continuità del servizio resa possibile grazie al lavoro di squadra del personale Sncf in Italia e in Francia, rappresenta per noi la dimostrazione dell’impegno al servizio dei nostri clienti e della sostenibilità».      [post_title] => Tgv Inoui: in vendita i biglietti dei collegamenti giornalieri fra Milano, Torino e Oulx [post_date] => 2024-02-26T14:45:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708958738000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462244 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Intervenendo a 24 Mattino a Radio 24, il presidente di Fto, Franco Gattinoni ha rincarato la dose sulla questione dei passaporti e lo ha fatto con una forza finalmente adeguata alla follia di questa situazione. “È una cosa incomprensibile che in un Paese moderno come il nostro - ha affermato Gattinoni -. Non è nemmeno pensabile, è uno schifo inimmaginabile. Nel nostro settore abbiamo perso circa 300 milioni di fatturato ed a questo punto chiederemo i danni al ministero dell'interno, qualcosa dovranno pur fare». E già questo fatto di usare la parola schifo per uno schifo come quello dei passaporti è un passo avanti. Segnalazioni «Abbiamo segnalato il problema un anno e mezzo fa. Quello che mi fa arrabbiare, per non dire incazzare, possibile che non si riesca a intervenire? E’ comprensibile un po' di mesi perché si torni a regime ma dopo un anno e mezzo essere ancora a questo punto, assolutamente no. Abbiamo segnalato al ministero del turismo che so che è intervenuto in diverse occasioni, adesso abbiamo scritto direttamente, la settimana scorsa, per l’ennesima volta, a Piantedosi. Noi e tutte le associazioni del turismo italiano, ci aspettiamo almeno una risposta ma più che una risposta ci aspettiamo una risoluzione dei problemi».  Ecco il linguaggio con questi qua della politica deve essere questo: Siamo profondamente incazzati e vogliamo che la questione venga risolta subito. [post_title] => Gattinoni sui passaporti: «Chiederemo i danni al ministero dell'interno» [post_date] => 2024-02-26T12:38:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708951126000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462225 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Croatia Airlines è pronta ad ampliare il network grazie all'imminente arrivo di nuovi aeromobili Airbus A220, pur mantenendo fermo l'impegno a dare priorità alle rotte all'interno dell'Europa e della regione mediterranea. "I nostri analisti del network monitorano meticolosamente l'evoluzione delle preferenze e delle richieste dei nostri passeggeri, oltre alle tendenze del settore dell'aviazione - ha dichiarato Jasmin Bajić, ceo di Croatia Airlines, ripreso da EX-YU Aviation -. Mentre alcune rotte operano tutto l'anno da Zagabria, altre sono stagionali e partono dalla nostra pittoresca costa adriatica. L'attenzione per tutte le nuove potenziali destinazioni rimane prevalentemente in Europa e nel Mediterraneo". Evidenziando i vantaggi legati all'ingresso in flotta dei nuovi ì A220, Bajić ha sottolineato la "capacità di soddisfare le esigenze specifiche dei passeggeri, favorendo al contempo un modello commerciale più snello, che consentirà di ottimizzare l'efficienza operativa. Questo, a sua volta, aprirà ulteriori prospettive commerciali, facilitando la graduale espansione della nostra rete". Bajić ha ricordato che il primo dei 15 Airbus A220 dovrebbe arrivare a Zagabria entro giugno 2024, mentre un altro velivolo dovrebbe essere consegnato entro la fine dell'anno. "Il primo aeromobile sarà integrato nella flotta di Croatia Airlines il prossimo giugno, seguito a ruota dalla seconda unità verso la fine di quest'anno. Successivamente, prevediamo la consegna di altri sei aerei nel 2025, seguiti da altri quattro nel 2026 e dai restanti tre nel 2027". [post_title] => Croatia Airlines: nuovo impulso al network con l'ingresso in flotta degli A220 [post_date] => 2024-02-26T10:59:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708945190000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "adetto operativo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":16,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2030,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462412","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un manager italiano con una grandissima esperienza Usa. Non è un caso se Simone Farci è stato scelto per guidare il nuovo InterContinental Rome Ambasciatori Palace: la struttura che lo scorso maggio ha segnato il ritorno del brand di casa Ihg nella Città eterna. La rinascenza dell'ospitalità capitolina, con le tante aperture di pregio già avviate o in arrivo a breve, va infatti di pari passo con la ripresa della domanda Usa, letteralmente esplosa nel corso del 2023.\r\n\r\nL'importanza dei loyalty program\r\n\r\n\"Indubitabilmente si tratta di un mercato molto importate per Roma - spiega lo stesso Farci, che arriva nella capitale dopo otto anni di esperienza alla guida di diverse strutture caraibiche di Ihg  -. Si tratta di una domanda che conosco bene. Certo, l'Italia è più distante dagli Stati Uniti rispetto al Centro America. Il target di clientela qui è perciò sicuramente un po' differente, ma le esigenze dei turisti a stelle e strisce sono spesso simili: sono ospiti abituati a determinati marchi, che si affidano molto ai loyalty program. E noi di Ihg da questo punto di vista siamo senz'altro una garanzia per loro\".\r\n\r\nIl post-Covid, una svolta per l'offerta alberghiera capitolina\r\n\r\nI primi mesi al timone hanno già dato parecchie soddisfazioni al gm dell'Ambasciatori Palace: \"Già a giugno e luglio abbiamo registrato numeri importanti, soprattutto se paragonati al nostro benchmark di riferimento. A distanza di una decina di minuti dal nostro hotel, tra via Veneto e dintorni, possiamo contare almeno su una trentina di strutture potenziali competitor, con un'offerta di ottimo livello\". A Roma, d'altronde, il post-Covid ha segnato una vera e propria svolta della proposta alberghiera della capitale: \"Sono arrivati parecchi fondi, che naturalmente cercano di massimizzare l'investimento. E questo di solito si può fare solo con i marchi di lusso. Già solo nella nostra zona si parla di ulteriori, numerose nuove aperture: brand come Rosewood, Nobu, Baccarat... La competizione inevitabilmente salirà, ma anche la domanda credo che aumenterà proporzionalmente\".\r\n\r\nAumentano i contratti di management e franchising\r\n\r\nL'internazionalizzazione dell'offerta alberghiera è peraltro un fenomeno che sta coinvolgendo da una quindicina d'anni l'intera penisola. Lo dimostra tra gli altri l'ultimo Chains Monitor elaborato da Thrends, che ha evidenziato come ormai le camere di catena abbiano superato il 20% del totale. E molte appartengono a brand esteri. \"Sta crescendo il numero di proprietari e investitori disposti a legarsi ai grandi gruppi tramite contratti di management e franchising\", aggiunge Farci, sottolineando una tendenza relativamente nuova per un mercato, quello tricolore, tradizionalmente refrattario a queste tipologie di accordi. La vitalità delle major dell'ospitalità è ben testimoniata dai dati concreti, con la stessa Ihg che nel 2023 ha visto i propri margini operativi superare per la prima volta nella propria storia il miliardo di dollari.  \r\n\r\nMigliora la qualità dell'offerta f&b romana\r\n\r\nIn tale contesto, anche la stessa città di Roma sta facendo la propria parte: \"Io ci avevo già vissuto per qualche tempo una quindicina di anni fa. L'ho trovata migliorata sotto molti punti di vista. L'incremento della domanda lusso ha dato una scossa generale all'organizzazione generale della città, che si è attivata per rendere la destinazione fruibile a tutti i tipi di turisti. E' cresciuta anche la qualità dell'offerta f&b, non più limitata ai soli ristoranti italiani e locali. Qui all'Ambasciatori Palace noi abbiamo per esempio deciso di affidarci a un brand internazionale come lo Scarpetta Nyc, sempre ovviamente con un occhio di riguardo al mercato Usa\".\r\n\r\nNel 2024 l'alta stagione inizierà con anticipo\r\n\r\nPer il 2024, infine, la Pasqua un po' più bassa del solito potrebbe favorire l'anticipo dell'alta stagione, destinata a durare sino ad agosto, con una coda importante a settembre e ottobre. \"Non solo - conclude Farci -: nelle ultime tre settimane abbiamo registrato una forte richiesta dal mercato orientale, grazie soprattutto alla concomitanza con il Capodanno cinese. Reputo che un ruolo importante, nel futuro, lo giocheranno gli eventi in città. A partire dal Giubileo dell'anno prossimo, di cui beneficeranno tutte le strutture capitoline, dai 2 stelle in su. Da questo punto di vista credo davvero che Roma sia una destinazione unica al mondo\".\r\n\r\n ","post_title":"Farci, InterContinental Rome: focus sul mercato Usa ma non solo","post_date":"2024-02-28T13:03:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709125429000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462382","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aria di rinnovamento all’interno dello storico hotel Metropole di Montecarlo con l’apertura del salon Méditerranée. Luogo opera del designer e architetto parigino Jacque Garcia, si tratta di uno spazio elegante e raffinato adatto per feste private, cene eleganti o meeting aziendali. L’area misura 120 mq ed è dotata di wifi, video proiettore, televisione, aria condizionata, line telefonica privata, bloc notes e penne per i convegni. La capienza, che varia anche in base alla disposizione degli arredi da definire in base all’evento, raggiunge le 60 persone.\r\n\r\nL’atmosfera del salone è resa calda e accogliente dalla luce solare che filtra dalle ampie finestre presenti lungo la parete interna, irradiando gli affreschi decorativi disegnati da Delphine Nény, definita Miglior artigiana di Francia. Queste opere adornano dei pannelli presenti nella stanza che possono essere aperti, permettendo agli ospiti di ammirare la brigata di cucina all’opera.\r\n\r\nParticolare attenzione ricade sui green events, ossia eventi organizzabili all’interno dell’albergo durante i quali, tramite misure ad hoc, viene ridotto al minimo il consumo di plastiche grazie all’utilizzo di materiali riciclabili: dalle bottiglie d’acqua alle capsule per il caffè. Il Metropole offre inoltre alcune brevi attività interamente sostenibili da svolgere nelle pause dei seminari di business. In particolare, sarà possibile frequentare alcuni corsi di pasticceria a opera del pastry chef Patrick Mesiano, utilizzando solo ingredienti di stagione, oppure svolgere una pedalata per Monaco grazie alle apposite biciclette elettriche.\r\n\r\nIl servizio catering durante questi eventi è guidato da Christophe Cussac, head chef in grado di incontrare tutte le richieste degli ospiti, dai vegetariani ai gluten-free. Come per le classi di pasticceria, anche nella cucina il rispetto della stagionalità è d’obbligo nella scelta degli ingredienti, preservati e serviti senza l’utilizzo di confezioni o box di plastica. Si affianca il servizio del barman, in particolare durante i cocktail party. Tramite l’acquisto di due cocktail pensati dal Metropole, è tra l'altro possibile raccogliere fondi da trasferire in piani di riforestazione per la tutela e crescita del cosiddetto Polmone verde.","post_title":"Al Metropole di Montecarlo apre il salon Méditerranée per feste ed eventi","post_date":"2024-02-28T10:40:01+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709116801000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462364","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo la pausa Covid è di nuovo sorpasso: nel corso del 2023 gli arrivi e le presenze internazionali sono state superiori a quelle domestiche. Era già successo nell'anno pre-pandemico 2019, dopo una rincorsa durata anni. Il Covid aveva poi mescolato le carte, sostanzialmente impedendo o limitando fortemente gli spostamenti tra Stati, ma il percorso era già segnato. E ora, con il primo anno finalmente \"normale\", non segnato cioè dalla coda pandemica come è stato agli inizi del 2022, il fenomeno si è dimostrato nella sua natura di trend strutturale: nel 2023 gli arrivi internazionali sono stati 62,8 milioni (+14%), le presenze 222,6 milioni (+10,7%). Arrivi e pernottamenti domestici si sono invece fermati a quota 62,2 milioni (-1,9%) e 208,5 milioni (-1,1%).\r\n\r\nLo rivelano i dati ancora provvisori di Enit, presentati in occasione di un evento organizzato a Milano da Confindustria Alberghi per illustrare il proprio Osservatorio 2023 elaborato in collaborazione con Str. Ma non è solo una questione numerica. I flussi dall'estero tendono infatti a supportare la destagionalizzazione dell'offerta: \"I mercati internazionali - ha spiegato la market research and statistics manager dell'Enit, Elena Di Raco - si muovono soprattutto durante i mesi di spalla. La quota di arrivi dall'estero è in particolare più rilevante in primavera e durante il bimestre settembre - ottobre. Il recupero dell'anno scorso è stato inoltre supportato dalla ripresa del lungo raggio. A partire specialmente dagli americani ma abbiamo osservato anche un certo ritorno dei turisti orientali. Si tratta in altre parole di una domanda alto-spendente, che spesso prenota anche con 50 giorni di anticipo\".\r\n\r\n[caption id=\"attachment_462372\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Alina Minut[/caption]\r\n\r\nLa ripartenza del mercato Usa è confermato anche dalle cifre Str sull'intero continente europeo: \"Solo nel mese di giugno - ha osservato la senior account manager Italy di Str CoStar, Alina Minut - abbiamo registrato qualcosa come 3 milioni di arrivi dagli Stati Uniti nel Vecchio Continente\". Ciò detto in molte destinazioni europee gli hotel non sono ancora riusciti a recuperare i livelli di occupazione pre-Covid: Milano, seppur di poco, è per esempio rimasta sotto di due punti percentuali rispetto a quattro anni prima; Roma è a meno uno, Londra a meno quattro, Amsterdam a meno otto, Berlino e Vienna addirittura a meno dieci. A pesare è stata soprattutto la debolezza della domanda gruppi. In parte anche l'assenza del mercato cinese, così come una certa fragilità dell'economia globale. La contrazione dell'occupazione è stata però controbilanciata da una contemporanea, sensibile crescita delle tariffe (trainate pure dall'inflazione, ndr): A Roma nel giro di un anno sono per esempio salite del 20%, a Milano del 14%. Altrove, in Europa, si parla di un +14% a Parigi, +16% a Bruxellese, +15% a Berlino, +12% a Vienna e +11% ad Amsterdam.\r\n\r\n\"I prezzi camera sono cresciuti talmente tanto in Italia - ha proseguito Alina Minut - che per quest'anno le nostre previsioni a livello di revpar sono piatte per le strutture di Milano e Roma. In forte ripresa saranno invece con ogni probabilità le destinazioni di lingua tedesca, i cosiddetti paesi Dach, che al contrario hanno fino a oggi faticato a riprendersi dopo il biennio pandemico. Infine una piccola notazione competitiva. Se infatti la Spagna continua a essere il paese con più pernottamenti in Europa (452 milioni), seguito dall'Italia (431 milioni), va tenuto però in considerazione che nella destinazione tricolore i prezzi per camera sono mediamente superiori di circa 30 euro rispetto al paese iberico\".","post_title":"Aica - Enit: nel 2023 nuovo sorpasso degli arrivi internazionali sui domestici","post_date":"2024-02-28T10:09:42+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709114982000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462329","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Dolomiti avanza sicura verso un 2024 nel segno della crescita, dopo un 2023 che ha visto per la prima volta la compagnia italiana del Gruppo Lufthansa raggiungere i 3 milioni di passeggeri trasportati.\r\nCresce innanzitutto la flotta che ora conta 21 aeromobili: 17 Embraer 195 da 122 posti e 4 Embraer 190 da 108 posti. Un programma di ampliamento che prevede nuovi inserimenti durante tutto l’anno, nei mesi di aprile, maggio e luglio per raggiungere a novembre la quota di 25 macchine.\r\nE aumentano di pari passo le nuove assunzioni: attualmente i dipendenti sono 1.000, tra personale di terra e personale navigante. Le campagne di recruiting per le operazioni in volo, per gli uffici della sede di Verona e per le basi di Venezia e Firenze, operative dalla scorsa estate, sono ancora in corso e continueranno ad accompagnare il percorso di sviluppo di Air Dolomiti.\r\nProsegue in parallelo anche lo sviluppo qualitativo della compagnia che, pur mantenendo il proprio ruolo di vettore feeder del traffico italiano sugli hub tedeschi di Monaco di Baviera e Francoforte, negli ultimi anni ha ricevuto fiducia dal Gruppo Lufthansa anche su diverse tratte europee. Numerose sono le tratte europee operate da Air Dolomiti dagli hub tedeschi come i voli su London City e Ginevra dall’aeroporto di Francoforte inaugurati nei giorni scorsi.\r\n«Abbiamo chiuso il 2023 registrando 3 milioni di passeggeri: un record assoluto per la nostra compagnia, commenta il ceo, Steffen Harbarth -. Stiamo aumentando la flotta, assumendo nuovi colleghi e ci sentiamo pronti ad accogliere con entusiasmo il nostro nuovo ruolo e le sfide che seguiranno proseguendo lo sviluppo sulle tratte europee. La mission è crescere e posizionarci in modo sicuro sul mercato senza dimenticare i nostri valori, ma cogliendo al contempo tutte le innovazioni che la crescita presenta; un settore complesso e affascinante come quello del trasporto aereo richiede solide basi ma anche prontezza e fantasia per reagire rapidamente ai cambiamenti. Questo è stato sempre il punto di forza di Air Dolomiti: coerenza di percorso e progettualità con l’obiettivo di essere sempre più affidabili e attrattivi, tanto per i nostri passeggeri quanto per chi viene selezionato per lavorare con noi».","post_title":"L'allungo di Air Dolomiti: 3 milioni di passeggeri trasportati, mentre la flotta salirà a 25 velivoli","post_date":"2024-02-27T14:01:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709042490000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462301","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nCrescita a doppia cifra per Bruxelles che nel periodo gennaio-ottobre 2023 centra un +15% di arrivi rispetto allo stesso periodo del 2022, mentre i pernottamenti salgono del +18%. \r\n\r\nSecondo l'analisi di Visit Brussels, in linea con la tendenza in atto negli ultimi anni, ad incidere sui numeri è soprattutto il leisure, arrivato a sfiorare il 50% degli arrivi totali, anche se il 2023 ha visto una significativa ripresa del business travel, con un +25% di arrivi e +26% di pernottamenti rispetto al 2022: a incidere particolarmente sugli andamenti è la grande ripresa dei flussi dall’oriente, in primis da Cina e Giappone.\r\n\r\nPerformance particolarmente positiva per l'Italia, che si conferma al primo posto tra i mercati dell’Ue per tasso di crescita, con arrivi in media a +22% e pernottamenti in aumento del 23% rispetto all’anno precedente; i dati sono migliori anche rispetto ai mercati più consolidati, come Spagna e Germania. Ottime poi le prestazioni nei mesi più caldi, agosto in particolare, seguiti dal canonico periodo dei city-break primaverili.\r\n\r\n«Nei primi 10 mesi del 2023 il 53% degli arrivi italiani è legato al leisure, a fronte di un business travel in netta ripresa ma non ancora ai livelli del 2019 - commenta Ursula Jone Gandini, direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles -. Oltre alle percentuali, crescono i numeri in valore assoluto, segno che gli italiani stanno imparando ad apprezzare la destinazione e la sua versatilità. Da sempre conosciuta per il Parlamento Europeo, la cultura pop, la birra e il cioccolato, Bruxelles sta investendo su una serie di proposte di carattere culturale in grado di intercettare non solo il pubblico degli addetti ai lavori, ma anche un target più trasversale di appassionati e amatori, come l’anno dell’art nouveau nel 2023 e le nuove mostre dedicate al surrealismo, in programma per tutta la prima parte del 2024». \r\n\r\nFitto il calendario di appuntamenti con il trade, a cominciare dalla Btm Italia, decima edizione della fiera b2b di promozione del turismo del sud Italia, che si terrà a Bari dal 27 al 29 febbraio. Spazio anche agli eventi presso la Brussels House di Milano: Brussels Academy, con attività di formazione e networking per gli operatori del turismo, e Atelier Chocolat, per conoscere con le “mani in pasta” la dolcissima cultura del cioccolato belga.\r\n\r\nIn occasione della Milano Design Week (in programma dal 15 al 21 aprile), infine, la Brussels House aprirà anche al pubblico che potrà ammirare le opere di artisti e designers brussellesi. In autunno è inoltre prevista la consueta partecipazione a Ttg Travel Experience.","post_title":"Bruxelles: il mercato Italia registra il più elevato tasso di crescita in Europa, +22%","post_date":"2024-02-27T10:15:51+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709028951000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462279","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Quasi sette punti percentuali guadagnati in dieci anni. Complice anche la diminuzione dell'offerta complessiva registrata a seguito dell'epidemia, ma merito soprattutto del dinamismo di mercato dimostrato dall'ospitalità italiana, cresce il tasso di penetrazione dei brand di catena nella nostra Penisola. Lo rivela il time-lapse realizzato da Thrends, che da ormai due lustri pubblica semestralmente il proprio Chains Monitor Italy.\r\n\r\nNell'ultima decade il comparto ha insomma intrapreso una decisa evoluzione nei modelli di sviluppo e crescita, più decisa di quanto direttamente visibile a livello immobiliare, con un consolidamento sempre più marcato e vicino a dinamiche europee e dei mercati anglosassoni. In massima sintesi, dal 2013 al 2023 gli hotel di catena sono passati da poco oltre 1.300 a 2.200 (+65%), mentre le camere da 146 mila a oltre 216 mila (+48%). Il tasso di penetrazione delle catene alberghiere (in termini di stanze) è quindi passato dal 13,4% del 2013, valore molto modesto a confronto con le dinamiche di altri player mondiali del turismo, al 20,1% di oggi. Un'evoluzione che dimostra anche come le catene abbiano iniziato ad accettare strutture di portata più ridotta, caratteristica peculiare del panorama immobiliare italiano: la dimensione media degli hotel brandizzati è infatti passata dalle 110 camere del 2013 alle 99 di oggi; un notevole abbassamento della soglia minima, dovuto al proliferare dei brand lifestyle, meno rigidi in termini dimensionali e quindi più adatti al tessuto immobiliare e ricettivo nazionale.\r\n\r\nTra tre anni arriveremo al 22% delle camere\r\n\r\n“Il tasso di penetrazione delle catene in Italia è ancora tra i più bassi in Europa - spiega la senior analyst di Thrends, Irina Hernández -. Tuttavia, da un lato l’interesse degli investitori internazionali verso il nostro paese, soprattutto nel segmento luxury, e dall’altro la diminuzione delle camere di hotel in Italia, porterà molto probabilmente la presenza delle catene alberghiere nel Paese dall'attuale 20,1% a oltre il 22% tra tre anni, con una conseguente accelerazione del processo di consolidamento del mercato”.\r\n\r\nD'altra parte, i brand (soprattutto quelli internazionali) continuano a dare priorità alle prime quattro città italiane, essendo infatti Roma, Milano, Venezia e Firenze le destinazioni con il maggior numero di alberghi di catena (il 39% del totale). La pressione dei player globali sull’Italia non è mai stata così evidente: alla chiusura del censimento si contano 155 marchi internazionali presenti in Italia, contro i 75 di appena dieci anni fa, per una crescita del 100%. I gruppi con il maggior numero di hotel sono in particolare Bwh, Accor, Marriott International, B&B Hotels e Minor Hotels, che detengono il 19% degli alberghi brandizzati nel nostro paese. Le prime tre catene domestiche (per numero di hotel) sono invece Gruppo Una, Apogia Hotels e Iti Hotels.\r\n\r\nCresce l'interesse degli investitori internazionali per i gruppi domestici\r\n\r\nNel dettaglio, le compagnie alberghiere presenti sul suolo italiano sono passate da 138 a 270 (per gruppo, Thrends intende da sempre qualsiasi operatore che gestisca almeno cinque strutture con uno o più marchi differenti, ndr). Di questi, oggi, il 73% sono realtà domestiche, verso le quali negli ultimi anni, anche grazie al ricambio generazionale, è crescente l’interesse da parte degli investitori esteri. Sono infatti diverse le operazioni di vendita o joint venture tra fondi di investimento o altre catene internazionali e i gruppi italiani. Tra le ultime, ricordiamo l’acquisizione del 75% di Mira Hotels & Resorts da parte di Dsr Hotel Holding; l’acquisizione del 100% di Baglioni Hotels da parte della catena messicana Palace Resorts; la joint venture tra il gruppo Pellicano e la società di asset management paneuropea Aermont Capital.\r\n\r\nNei prossimi anni (2024-2027) è inoltre in programma lo sviluppo e/o affiliazione di 232 hotel, di cui il 68% appartenenti a gruppi internazionali. Di questi, cinque riguardano strutture del segmento economy, 35 del midscale, 83 dell'upscale e 93 del luxury. Di 16 nuovi sviluppi non si conosce invece ancora il futuro posizionamento. Il 32% delle nuove aperture è rappresentato da hotel che entreranno a far parte di una catena domestica, mentre il restante 68% apparterrà a catene internazionali: il 32% americane, il 16% francesi, l’8% spagnole.\r\n\r\nFocus sulle Big 4 ma spunta anche per Napoli\r\n\r\nLe regioni che vedranno il maggior numero di nuove aperture sono la Lombardia (21%), il Lazio (20%), il Veneto (12%) e la Toscana (9%).\r\nLe prime cinque destinazioni per numero di hotel in pipeline sono invece Roma (18%), Milano (10%), Venezia (6%), Firenze (6%) e Napoli (3%). Per quanto riguarda la tipologia di destinazione, il 39% degli hotel sarà localizzato in città d’arte, il 22% in destinazioni leisure, il 15% in mete sun & beach e l’11% in location business. Il 21% degli hotel in pipeline, infine, sarà marchiato da Marriott International, Accor e Radisson Hotel Group.\r\n\r\n ","post_title":"Thrends: le camere di catena in Italia sfondano la soglia del 20%","post_date":"2024-02-27T09:32:20+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709026340000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462269","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tgv Inoui ha aperto le vendite dei biglietti per le tratte interne tra Milano, Torino e Oulx: il nuovo servizio rappresenta un'importante novità per i passeggeri, che potranno sperimentare il comfort e la convenienza del viaggio con tariffe a partire da 10 euro.\r\nDa oggi, un collegamento giornaliero è operativo in entrambe le direzioni tra Milano, Torino e Oulx. La partenza è alle 14:10 dalla stazione di Milano Porta Garibaldi, con arrivo a Oulx alle 16:33 e fermata intermedia a Torino Porta Susa prevista alle 15:41. Nella direzione opposta, la partenza da Oulx è programmata per le 20:52, con arrivo a Milano Porta Garibaldi alle 23:10 e fermata a Torino Porta Susa alle 21:48. Con la riapertura della linea, interrotta a seguito della frana nella Valle della Maurienne, saranno disponibili ben tre collegamenti al giorno.\r\nInoltre, sempre da oggi, Sncf Voyageurs ha esteso la disponibilità dei biglietti della tratta internazionale con il servizio sostitutivo anche per le partenze primaverili sottolineando la continuità dell’offerta ferroviaria Tgv Inoui tra l’Italia e la Francia. Il servizio, già attivo dal 10 gennaio, ha permesso di ripristinare  il collegamento parziale Milano-Torino-Parigi, dopo quattro mesi dalla frana verificatasi nella Valle della Maurienne il 27 agosto 2023.\r\nPer venire incontro alle richieste sempre più numerose dei viaggiatori, giunte sin dalla riapertura del servizio, è infatti possibile prenotare il viaggio tra i due Paesi anche per il periodo dal 25 marzo al 22 maggio; dal mese di marzo inoltre le vendite saranno prolungate anche per la stagione estiva.\r\n«La nuova connessione Milano, Torino e Oulx rappresenta un passo avanti nell’ampliamento dei nostri servizi e  permette di posizionare Tgv Inoui come una valida alternativa all’auto per gli spostamenti di breve distanza ad un prezzo accessibile e a basso impatto ambientale - ha commentato Jean-Francois Ancora, amministratore delegato di Sncf Voyages Italia -. Inoltre l’estensione della vendita dei biglietti del servizio sostitutivo a partire dal 25 marzo, riflette la nostra volontà di soddisfare al meglio le esigenze dei nostri passeggeri. La riapertura del collegamento e la continuità del servizio resa possibile grazie al lavoro di squadra del personale Sncf in Italia e in Francia, rappresenta per noi la dimostrazione dell’impegno al servizio dei nostri clienti e della sostenibilità». \r\n \r\n ","post_title":"Tgv Inoui: in vendita i biglietti dei collegamenti giornalieri fra Milano, Torino e Oulx","post_date":"2024-02-26T14:45:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708958738000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462244","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Intervenendo a 24 Mattino a Radio 24, il presidente di Fto, Franco Gattinoni ha rincarato la dose sulla questione dei passaporti e lo ha fatto con una forza finalmente adeguata alla follia di questa situazione.\r\n\r\n“È una cosa incomprensibile che in un Paese moderno come il nostro - ha affermato Gattinoni -. Non è nemmeno pensabile, è uno schifo inimmaginabile. Nel nostro settore abbiamo perso circa 300 milioni di fatturato ed a questo punto chiederemo i danni al ministero dell'interno, qualcosa dovranno pur fare». E già questo fatto di usare la parola schifo per uno schifo come quello dei passaporti è un passo avanti.\r\nSegnalazioni\r\n«Abbiamo segnalato il problema un anno e mezzo fa. Quello che mi fa arrabbiare, per non dire incazzare, possibile che non si riesca a intervenire? E’ comprensibile un po' di mesi perché si torni a regime ma dopo un anno e mezzo essere ancora a questo punto, assolutamente no. Abbiamo segnalato al ministero del turismo che so che è intervenuto in diverse occasioni, adesso abbiamo scritto direttamente, la settimana scorsa, per l’ennesima volta, a Piantedosi. Noi e tutte le associazioni del turismo italiano, ci aspettiamo almeno una risposta ma più che una risposta ci aspettiamo una risoluzione dei problemi». \r\n\r\nEcco il linguaggio con questi qua della politica deve essere questo: Siamo profondamente incazzati e vogliamo che la questione venga risolta subito.","post_title":"Gattinoni sui passaporti: «Chiederemo i danni al ministero dell'interno»","post_date":"2024-02-26T12:38:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708951126000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462225","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Croatia Airlines è pronta ad ampliare il network grazie all'imminente arrivo di nuovi aeromobili Airbus A220, pur mantenendo fermo l'impegno a dare priorità alle rotte all'interno dell'Europa e della regione mediterranea.\r\n\r\n\"I nostri analisti del network monitorano meticolosamente l'evoluzione delle preferenze e delle richieste dei nostri passeggeri, oltre alle tendenze del settore dell'aviazione - ha dichiarato Jasmin Bajić, ceo di Croatia Airlines, ripreso da EX-YU Aviation -. Mentre alcune rotte operano tutto l'anno da Zagabria, altre sono stagionali e partono dalla nostra pittoresca costa adriatica. L'attenzione per tutte le nuove potenziali destinazioni rimane prevalentemente in Europa e nel Mediterraneo\".\r\n\r\nEvidenziando i vantaggi legati all'ingresso in flotta dei nuovi ì A220, Bajić ha sottolineato la \"capacità di soddisfare le esigenze specifiche dei passeggeri, favorendo al contempo un modello commerciale più snello, che consentirà di ottimizzare l'efficienza operativa. Questo, a sua volta, aprirà ulteriori prospettive commerciali, facilitando la graduale espansione della nostra rete\".\r\n\r\nBajić ha ricordato che il primo dei 15 Airbus A220 dovrebbe arrivare a Zagabria entro giugno 2024, mentre un altro velivolo dovrebbe essere consegnato entro la fine dell'anno. \"Il primo aeromobile sarà integrato nella flotta di Croatia Airlines il prossimo giugno, seguito a ruota dalla seconda unità verso la fine di quest'anno. Successivamente, prevediamo la consegna di altri sei aerei nel 2025, seguiti da altri quattro nel 2026 e dai restanti tre nel 2027\".","post_title":"Croatia Airlines: nuovo impulso al network con l'ingresso in flotta degli A220","post_date":"2024-02-26T10:59:50+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708945190000]}]}}