2 October 2022

addetto booking

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email: fresicinzia@gmail.com
Provincia: • 
Comune: • 

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Ventennale esperienza nel turismo,

sono alla ricerca di un impiego possibilmente part time o da remoto


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431385 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Finnair taglierà fino a 200 posizioni a livello globale, in linea con quanto previsto dal nuovo piano strategico, volto a compensare l'impatto della riduzione dell'operatività sul network asiatico. Secondo quanto specificato da una nota della compagnia, circa 120 esuberi riguarderanno dipendenti basati in Finlandia. Finnair avvierà le trattative con i rappresentanti del personale a partire dal 5 ottobre per discutere la riorganizzazione e i cambiamenti proposti. I ruoli esecutivi e manageriali saranno probabilmente i più colpiti dai tagli. I colloqui in corso non coinvolgono gli equipaggi o il personale operativo. Topi Manner, ceo del vettore, ammette  che le misure sono "le più dolorose" per i dipendenti della compagnia. Il nuovo assetto strategico si è reso necessario dalla chiusura dello spazio aereo russo a seguito del conflitto in Ucraina, che ha limitato la capacità di Finnair di servire in modo efficiente le destinazioni asiatiche. Finnair opererà con una "capacità ridotta" rispetto a prima della pandemia e intende ristrutturare la propria attività di conseguenza. Al centro delle discussioni, che si prevede proseguiranno per sei settimane, anche i programmi di sostegno sociale per il personale colpito dai tagli, simili a quelli utilizzati quando la pandemia ha costretto la compagnia aerea a ridurre le operazioni. [post_title] => Finnair taglierà 200 dipendenti: a rischio soprattutto le posizioni manageriali [post_date] => 2022-09-30T09:54:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664531685000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431361 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Klm entra nella stagione invernale (28 ottobre 2022- 25 marzo 2023) con un network di 163 destinazioni servite: 92 europee e 71 intercontinentali. Le nuove destinazioni saranno Nantes, Rovaniemi, Aarhus e Katowice. Quest’inverno la compagnia continuerà ad operare i suoi voli per Austin, nuova destinazione introdotta durante l’estate 2022. Rispetto all'operativo dello stesso periodo 2019, Klm aumenta poi in maniera decisa l'offerta posti sulle rotte verso il Nord America.   Nel dettaglio, dal 29 ottobre 2022, Nantes sarà servita 2 volte al giorno, mentre sia Aarhus che Katowice saranno servite con voli quotidiani. La rotta per Rovaniemi sarà operata una volta a settimana, dal 3 dicembre fino al 25 marzo 2023.  In Nord America (Canada, Stati Uniti e Messico), Klm volerà verso 19 destinazioni, con un aumento dell’11% di posti offerti rispetto al 2019. Ad esempio, volerà a Los Angeles 10 volte la settimana quest’inverno, aumentando di 3 voli settimanali la sua offerta rispetto allo scorso inverno. Klm continuerà inoltre ad offrire la meta invernale di Cancun, introdotta nel 2021. Il numero di posti sui voli per i Caraibi (soprattutto le Antille Olandesi) è stato aumentato di più del 20% per quest’inverno. Il Sud America, invece, registra una crescita del 6% della capacità rispetto  al 2021: il vettore opererà voli giornalieri verso Argentina, Brasile, Cile, Colombia e Perù. Il Costa Rica sarà servito con quattro voli settimanali. In Africa, la compagnia introdurrà tre voli in più verso Cape Town: in aggiunta al volo giornaliero diurno sarà offerto un volo notturno tre volte a settimana. Quest’inverno i clienti potranno anche volare a Zanzibar in combinazione con Dar es Salaam. In Asia, spicca la ripresa dei voli diretti verso Tokyo Narita, pur con rotte modificate a causa della chiusura dello spazio aereo russo. Il servizio per Kuala Lumpur verso Giacarta verrà anch’esso operato direttamente quest’inverso e non più via Singapore. Klm ha ripreso a volare per Bangalore e i voli continueranno anche quest’inverno. I voli per la Cina rimarranno limitati per il momento. Klm volerà quiandia Shanghai/Hangzhou tre volte a settimana, con uno stopover a Seoul Incheon. [post_title] => L’inverno di Klm: network di 163 destinazioni. Più 11% la capacità sul Nord America [post_date] => 2022-09-29T14:36:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664462165000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431354 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' già online e sfogliabile sul sito il nuovo catalogo Veratour Villaggi – Anteprima 2023, con la versione cartacea che sarà distribuita a partire da metà ottobre nelle agenzie VeraStore sul territorio italiano. Tra le novità più importanti il ritorno da marzo delle crociere sul Nilo e, nell’emirato di Fujairah (Eau), il nuovo Veraresort Royal M. In più vengono consolidate le destinazioni Capo Verde e Maldive, dove due villaggi (rispettivamente il Veraclub Oasis Salinas Sea e il Veraclub Ganghei Island Resort & Spa) diventano esclusiva del to capitolino per il mercato italiano. Il volume si presenta con una nuova veste grafica: una presentazione moderna ed elegante dei villaggi e soprattutto una nuova copertina, firmata dal noto graphic-designer Nazario Graziano (che in passato ha ideato campagne pubblicitarie per Lavazza e Proraso). Il progetto si è avvalso della consulenza creativa dell’agenzia di comunicazione Hdrà adv&digital. “Il 2022 è stato caratterizzato da un buon risultato per il settore turistico – afferma Massimo Broccoli, direttore commerciale Veratour – anche se le abitudini sono cambiate: in tanti ora prenotano la propria vacanza molto più vicino alla data di partenza. Nonostante il forte aumento dei costi che abbiamo dovuto subire, sia sul fronte carburante sia sul fronte dell’indebolimento dell’euro verso il dollaro che incide sui servizi a terra, abbiamo cercato di ridurre al massimo la portata dei rincari realizzando un sistema di pricing che ci permetta di essere comunque attrattivi”. Resta inalterato infine il sistema di advance booking, che permette ai clienti di spuntare un prezzo migliore prenotando 60 o 90 giorni prima della partenza. Complessivamente Veratour offre oltre 50 villaggi vacanze e resort in 19 Paesi, tutti sul mare. [post_title] => Il ritorno delle crociere sul Nilo tra le novità del nuovo catalogo Veratour Villaggi - Anteprima 2023 [post_date] => 2022-09-29T13:47:00+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664459220000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431330 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_385945" align="alignleft" width="300"] Francesco Calia[/caption] Rimane forte l'interesse da parte degli investitori verso il comparto del real estate alberghiero italiano, grazie anche al progressivo recupero delle performance delle strutture rispetto ai risultati pre-pandemia. Nel primo semestre di quest’anno, i volumi di investimento nel settore dell'ospitalità italiana si sono infatti attestati sui 730 milioni di euro, superando i livelli dello stesso periodo del 2021, anno che poi ha chiuso con un totale transato pari a 2,1 miliardi di euro, miglior risultato di sempre dopo il record del 2019, quando è stata oltrepassata la soglia dei 3 miliardi. Negli ultimi 12 mesi, inoltre, l’incidenza degli investimenti del settore hotel sul totale dei volumi d’investimento del commercial real estate italiano (la categoria degli immobili a reddito con l'esclusione del residenziale, ndr) è stata del 16%, contro quella del 5% registrata a livello europeo. A conferma di come questo settore sia uno dei più sviluppati in Europa. Roma e Milano continuano quindi a dominare la scena. Lusso ed extra-lusso gli obiettivi nella Capitale; upper-upscale il focus nella città lombarda E’ la fotografia del mercato degli hotel in Italia presentata da Cbre, in occasione dell’evento Wanderlust 2022 – The Cbre Hotels Event svoltosi recentemente a Milano. Nel dettaglio, nell’ambito delle operazioni di tipo value-add, gli investitori mostrano particolare interesse verso il mercato romano, puntando al riposizionamento di strutture esistenti e alla conversione di immobili a uso ufficio nel centro storico della città, soprattutto nel segmento lusso ed extra-lusso. A Milano invece i flussi si sono diretti verso il segmento upper-upscale con operazioni di rebranding di hotel esistenti o acquisto di alberghi a reddito da parte di investitori core. Dal 2019 fino alla fine del primo semestre 2022, l’incidenza delle operazioni value-add nel mercato romano ha raggiunto quota 62%, mentre nel mercato milanese si è attestata al 47%. Tariffe medie in crescita a doppia cifra percentuale  A livello di performance, nei primi sette mesi del 2022 a Roma e Milano l’adr (average daily rate) è cresciuto a Roma e Milano rispettivamente del 21% e del 14%, conseguendo i migliori risultati tra le capitali europee, con Roma seconda solo a Parigi in termini di ritmo di crescita. I tassi di occupazione degli alberghi si collocano però ancora sotto i livelli del 2019, rispettivamente del -14% a Roma e dek -22% a Milano, ma in linea con quelli del mercato europeo. Il revpar (ricavo medio per camera disponibile), di conseguenza, a Roma è già al di sopra dei livelli raggiunti nel 2019 (+4%) mentre rimane ancora di poco in area negativa a Milano (-11%). Oltre alle grandi città bene anche il segmento resort “In sintesi possiamo dire che, dalla ripresa Covid e per i prossimi anni, il segmento dei resort e le città di Roma e Milano hanno trainato e traineranno il mercato degli investimenti alberghieri in Italia, assorbendo a oggi complessivamente circa il 70% dei capitali investiti in hotel nel Paese - commenta l'head of hotels di Cbre, Francesco Calia -. Le performance del mercato delle due città sono robuste, in rapidissima crescita e con valori/profitti superiori alle aspettative. E questo dovrebbe progressivamente tranquillizzare gli investitori sui loro ritorni, compensando in parte l’aumento del costo del capitale a prestito.” [post_title] => Cbre: Roma e Milano trainano le performance del real estate alberghiero italiano [post_date] => 2022-09-29T11:31:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664451088000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431321 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anche dopo l’estate continua il trend delle richieste dei tour guidati in Italia, che nel periodo autunnale, oltre alle suggestioni cromatiche di alcuni itinerari come il Trentino, il Chianti e la Val d’Orcia, vede confermate sul sito, sempre aggiornato, numerose date anche per i tour in Puglia, Basilicata e Sicilia. Molte sono infatti le proposte nel calendario autunnale di Boscolo Tours, che per la stagione conferma le partenze dei suoi viaggi guidati nelle destinazioni più richieste nella nostra Penisola, ma anche in Europa e in Medio Oriente. Nel Vecchio continente i viaggi dei ponti comprendono in particolare percorsi guidati in Francia, Germania e Grecia, quest’ultima con ottime performance in una delle stagioni migliori per pensare di visitare il circuito classico. Per il ponte del primo novembre le richieste si indirizzano su classici come lo short break di quattro giorni a Vienna e le combinazioni della capitale austriaca con Praga e Budapest, o con Salisburgo e Monaco in tour guidati di sette giorni. Nel medio raggio il booking Boscolo registra ancora una forte richiesta per la destinazione Turchia, con numeri che nel corso della stagione hanno già superato quelli del 2019; il tutto, assieme alla Giordania, altra meta top dai grandi numeri. Le riaperture di Marocco e Egitto, infine, mostrano previsioni promettenti per le partenze dell’ultimo trimestre 2022, in cui il Gran Tour del Marocco e la Crociera sul Nilo sono già tra le prime scelte del periodo delle feste di fine anno. [post_title] => Boscolo conferma le partenze autunnali dei viaggi guidati per Italia, Europa e Medio Oriente [post_date] => 2022-09-29T10:19:48+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664446788000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431255 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Grimaldi Lines chiude la stagione con ottimi risultati. Il Mare Italia è protagonista di un’estate caratterizzata da ottimismo e fiducia. «Il diffuso desiderio di vacanza e il ritorno al viaggio – commenta Francesca Marino, Passenger Department Manager di Grimaldi Lines - hanno consentito non solo una crescita a due cifre rispetto al 2020 e al 2021, ma anche un evidente ritorno ai volumi pre-pandemici, con risultati addirittura superiori a quelli del 2019, soprattutto sulla Sardegna e sui tre storici collegamenti marittimi operati dalla Compagnia: Livorno-Olbia, Civitavecchia-Porto Torres e Civitavecchia-Olbia». Ad attrarre maggiormente l’interesse del mercato, anche nell’estate 2022, è stato il Mare Italia, e in particolare la Sardegna, che Grimaldi Lines serve con un network di linee marittime per i principali porti del nord e del sud dell’isola. Tra le altre destinazioni raggiungibili con la Compagnia, oltre alla Sicilia in particolare con la linea Livorno-Palermo, hanno registrato buone performance anche i collegamenti internazionali verso Spagna e Grecia, da sempre mete molto richieste per le vacanze. «L’andamento delle prenotazioni si è mantenuto sostanzialmente lineare – aggiunge Marino - a conferma del fatto che l’utenza ha apprezzato sia l’Advance Booking, sia la ricca proposta di promozioni a tempo lanciate in ogni periodo dell’anno. Da sottolineare che la stagione estiva non si concentra più nei due mesi centrali di luglio e agosto, ma include anche giugno e settembre». [post_title] => Grimaldi Lines, la Sardegna protagonista di una stagione che va da giugno a settembre [post_date] => 2022-09-28T14:03:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664373803000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431152 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Nel giugno del 2022 la compagnia di bandiera del Bahrain, Gulf Air, è tornata operativa in Italia con voli diretti da Roma e da Milano. Si è così aperta una nuova prospettiva per il mercato italiano - afferma Andrea Mele, presidente e a.d. di Viaggi del Mappamondo -. Il Bahrain è una destinazione “nuova” per il nostro mercato: un luogo piacevole, caldo e soleggiato d’inverno. Una terra con una storia antica. Gli alberghi sono belli, i prezzi sono interessanti ed è a sole 5 ore di volo». La ricca offerta turistica dell’arcipelago, composto da 33 isole e affacciato sul Golfo Arabico, è fatta di storia, cultura, sport e natura. La popolazione è etnicamente eterogenea e pratica numerose religioni. Tre sono i siti Unesco: le rovine di un forte portoghese del ‘500, il percorso della pesca e della lavorazione delle perle (che sono state la ricchezza del Bahrain prima della scoperta del petrolio) e un misterioso cimitero composto da circa 12mila tumuli risalente al periodo tra il 2200 e il 1750 a.C.. Interessante, poi, il sito del primo pozzo estrattivo dell’area del Golfo, attivo nel 1932. Mappamondo ha selezionato con cura 4 hotel per i suoi clienti, strutture eleganti con piscina e spiaggia: The Grove Hotel indicato per il turismo cittadino o mice, The Ritz-Carlton adatto ai viaggiatori edonisti ma anche ai bambini, The Art Hotel & Resort per le famiglie e il sontuoso Sofitel Bahrain Zallaq Thalassa Sea&Spa per chi ama la tradizione locale e il relax. L’ospite sceglierà tra la vita in spiaggia, le escursioni - anche nel deserto - e la possibilità di seguire eventi velici come le finali della SSL Golden Cup - in programma dal 28 ottobre al 20 novembre prossimi – o il Gran Premio di Formula 1, che si svolge ogni anno nel mese di marzo nel colossale Circuito Sakhir, costruito nel deserto nel 2004. E non bisogna dimenticare i souk e il divertimento. Il Bahrain è abitato da un popolo amichevole ed è amato dai turisti, come testimoniano i dati raccolti dalla Baharain Tourism & Exhibitions Authority: nel secondo trimestre del 2022 l’incremento dei visitatori in arrivo ha infatti raggiunto il 38%, mentre si attesta all’82% il dato delle presenze rispetto al 2019. L’obiettivo è raggiungere il 100% entro la fine dell’anno. Frattanto Mappamondo si prende cura dei propri clienti: «Stiamo preparando una campagna, anche digitale, che prevede diverse proposte di viaggio: - conclude infatti il presidente Mele – abbiamo pensato a un long-weekend o 6 notti in Bahrain e ad altre combinazioni, come lo stop di 2 notti in Bahrain per poi proseguire verso Dubai dove fermarsi o continuare in direzione delle Maldive o della Thailandia. Mappamondo farà tutto il possibile per lanciare questa nuova destinazione». [gallery ids="431154,431153,431157"] [post_title] => Il Bahrain con Mappamondo: un arcipelago dove la storia incontra il relax [post_date] => 2022-09-27T10:23:15+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664274195000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431127 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riprendere le attività di promozione del Giappone, insieme al trade e spingere maggiormente alcuni segmenti di turismo come quelli legati a sostenibilità ambientale, avventura, lusso e Mice. Queste alcune delle priorità nel breve termine indicate da Satoshi Seino, presidente della Japan National Tourism Organization (Jnto), in seguito all'annuncio da parte del governo del Giappone della riapertura dei confini anche ai turisti individuali.  “Dopo più di due anni di immensi sacrifici da parte dei partner del settore è stato finalmente annunciato il ripristino dei viaggi individuali a scopo turistico – ha commentato Seino -. Anche nel corso della pandemia Jnto ha continuato a lavorare a stretto contatto con gli enti locali, i dmo, le compagnie aeree domestiche e internazionali per prepararsi alla riapertura dei flussi inbound. Sulla scia della rimozione del divieto ai viaggi individuali, del ripristino dell’esenzione dal visto e della rimozione del tetto giornaliero agli arrivi intendiamo riprendere a pieno regime le attività promozionali congiunte con compagnie aeree e agenzie di viaggi. Intendiamo poi affiancare turismo sostenibile, d’avventura, luxury e Mice alla promozione di quelli che sono stati, finora, i punti di forza dell’offerta giapponese come cultura, storia, natura e cucina per accogliere al più presto e in tutto il Giappone i visitatori internazionali". Questa riapertura " rappresenta un nuovo inizio per il Giappone e permetterà a numerosi turisti stranieri di visitare il nostro Paese, con una conseguente rivitalizzazione delle aree rurali". Dal prossimo 11 ottobre, quindi, ai viaggiatori individuali sarà semplicemente richiesto di presentare il certificato vaccinale con indicazione delle tre dosi effettuate o, in alternativa, un tampone negativo ad almeno 72 ore dall’ingresso nel Paese. [post_title] => Giappone, Jnto: "Riprendiamo la promozione con il trade. Dal turismo green, a lusso e Mice" [post_date] => 2022-09-27T09:00:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664269236000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431082 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_431083" align="alignleft" width="300"] Roberto Catanzaro[/caption] Nexi e Global Blue hanno stretto una partnership strategica finalizzata all'integrazione delle soluzioni di pagamento di Nexi con le piattaforme PMS (Property Management System) e i Point of Sale di Oracle. L’accordo consolida in modo significativo la collaborazione di lungo termine tra i due player e segue quello relativo al servizio DCC (Dynamic Currency Conversion) che - grazie allo status di Global Blue di Payment System Integrator Gold-level certificato Oracle® - consente agli esercenti dei 25 Paesi in cui opera Nexi di accettare pagamenti attraverso la suite di prodotti Oracle®. «La partnership strategica con Global Blue rafforza ulteriormente le nostre capacità di offrire a commercianti e aziende la migliore combinazione di scala europea e vicinanza al cliente - afferma Roberto Catanzaro, group chief strategy & transformation officer di Nexi - Estenderemo le nostre soluzioni di accettazione omnicanale e continueremo a fornire proposte che consentano nuove esperienze utente per i consumatori e nuove opportunità di business per i commercianti, con un focus specifico sui verticali dell'hotellerie, dell'ospitalità e del retail». Grazie alla semplificazione dei processi operativi e alla riduzione del carico di lavoro del personale addetto a Front Desk e Back Office, questa integrazione offre vantaggi significativi ai retailers che utilizzano le piattaforme Oracle OPERA Cloud Property Management, Simphony Point of Sale and Oracle Retail XStore Point-of-Service. I merchant, infatti, possono beneficiare di un’esperienza omnicanale davvero fluida, traendo un vantaggio concreto dal connubio tra la scala europea e la profonda competenza a livello locale di Nexi, mentre per i consumatori l'esperienza di acquisto diventa più semplice, più veloce e più sicura, nel rispetto dei più elevati standard di sicurezza e della Tokenizzazione end-to-end per l'archiviazione sicura dei dati delle carte.   «Attraverso questa collaborazione, Global Blue si conferma partner leader nel settore tecnologico e dei pagamenti e consente a chi opera nell’ambito dell’hospitality, della ristorazione e del commercio al dettaglio di disporre di uno strumento gestionale integrato e omnicanale per un’esperienza di acquisto ancora più fluida” - ha detto Damian Cecchi, svp added value payment solutions – “In qualità di fornitore di questa soluzione innovativa, possiamo e intendiamo continuare ad essere il punto di riferimento di tutti i nostri acquirer e partner che vedono le nostre competenze come necessarie per poter migliorare le proprie performance sul mercato». [post_title] => Nexi e Global Blue: partnership strategica per integrare le soluzioni [post_date] => 2022-09-26T11:11:49+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664190709000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "addetto booking 11" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":15,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1420,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431385","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Finnair taglierà fino a 200 posizioni a livello globale, in linea con quanto previsto dal nuovo piano strategico, volto a compensare l'impatto della riduzione dell'operatività sul network asiatico. Secondo quanto specificato da una nota della compagnia, circa 120 esuberi riguarderanno dipendenti basati in Finlandia.\r\n\r\nFinnair avvierà le trattative con i rappresentanti del personale a partire dal 5 ottobre per discutere la riorganizzazione e i cambiamenti proposti. I ruoli esecutivi e manageriali saranno probabilmente i più colpiti dai tagli. I colloqui in corso non coinvolgono gli equipaggi o il personale operativo. Topi Manner, ceo del vettore, ammette  che le misure sono \"le più dolorose\" per i dipendenti della compagnia.\r\n\r\nIl nuovo assetto strategico si è reso necessario dalla chiusura dello spazio aereo russo a seguito del conflitto in Ucraina, che ha limitato la capacità di Finnair di servire in modo efficiente le destinazioni asiatiche.\r\n\r\nFinnair opererà con una \"capacità ridotta\" rispetto a prima della pandemia e intende ristrutturare la propria attività di conseguenza. Al centro delle discussioni, che si prevede proseguiranno per sei settimane, anche i programmi di sostegno sociale per il personale colpito dai tagli, simili a quelli utilizzati quando la pandemia ha costretto la compagnia aerea a ridurre le operazioni.","post_title":"Finnair taglierà 200 dipendenti: a rischio soprattutto le posizioni manageriali","post_date":"2022-09-30T09:54:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664531685000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431361","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Klm entra nella stagione invernale (28 ottobre 2022- 25 marzo 2023) con un network di 163 destinazioni servite: 92 europee e 71 intercontinentali. Le nuove destinazioni saranno Nantes, Rovaniemi, Aarhus e Katowice. Quest’inverno la compagnia continuerà ad operare i suoi voli per Austin, nuova destinazione introdotta durante l’estate 2022. Rispetto all'operativo dello stesso periodo 2019, Klm aumenta poi in maniera decisa l'offerta posti sulle rotte verso il Nord America.\r\n \r\nNel dettaglio, dal 29 ottobre 2022, Nantes sarà servita 2 volte al giorno, mentre sia Aarhus che Katowice saranno servite con voli quotidiani. La rotta per Rovaniemi sarà operata una volta a settimana, dal 3 dicembre fino al 25 marzo 2023. \r\nIn Nord America (Canada, Stati Uniti e Messico), Klm volerà verso 19 destinazioni, con un aumento dell’11% di posti offerti rispetto al 2019. Ad esempio, volerà a Los Angeles 10 volte la settimana quest’inverno, aumentando di 3 voli settimanali la sua offerta rispetto allo scorso inverno. Klm continuerà inoltre ad offrire la meta invernale di Cancun, introdotta nel 2021.\r\nIl numero di posti sui voli per i Caraibi (soprattutto le Antille Olandesi) è stato aumentato di più del 20% per quest’inverno. Il Sud America, invece, registra una crescita del 6% della capacità rispetto  al 2021: il vettore opererà voli giornalieri verso Argentina, Brasile, Cile, Colombia e Perù. Il Costa Rica sarà servito con quattro voli settimanali.\r\n\r\nIn Africa, la compagnia introdurrà tre voli in più verso Cape Town: in aggiunta al volo giornaliero diurno sarà offerto un volo notturno tre volte a settimana. Quest’inverno i clienti potranno anche volare a Zanzibar in combinazione con Dar es Salaam.\r\nIn Asia, spicca la ripresa dei voli diretti verso Tokyo Narita, pur con rotte modificate a causa della chiusura dello spazio aereo russo. Il servizio per Kuala Lumpur verso Giacarta verrà anch’esso operato direttamente quest’inverso e non più via Singapore. Klm ha ripreso a volare per Bangalore e i voli continueranno anche quest’inverno. I voli per la Cina rimarranno limitati per il momento. Klm volerà quiandia Shanghai/Hangzhou tre volte a settimana, con uno stopover a Seoul Incheon.","post_title":"L’inverno di Klm: network di 163 destinazioni. Più 11% la capacità sul Nord America","post_date":"2022-09-29T14:36:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664462165000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431354","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' già online e sfogliabile sul sito il nuovo catalogo Veratour Villaggi – Anteprima 2023, con la versione cartacea che sarà distribuita a partire da metà ottobre nelle agenzie VeraStore sul territorio italiano. Tra le novità più importanti il ritorno da marzo delle crociere sul Nilo e, nell’emirato di Fujairah (Eau), il nuovo Veraresort Royal M. In più vengono consolidate le destinazioni Capo Verde e Maldive, dove due villaggi (rispettivamente il Veraclub Oasis Salinas Sea e il Veraclub Ganghei Island Resort & Spa) diventano esclusiva del to capitolino per il mercato italiano.\r\n\r\nIl volume si presenta con una nuova veste grafica: una presentazione moderna ed elegante dei villaggi e soprattutto una nuova copertina, firmata dal noto graphic-designer Nazario Graziano (che in passato ha ideato campagne pubblicitarie per Lavazza e Proraso). Il progetto si è avvalso della consulenza creativa dell’agenzia di comunicazione Hdrà adv&digital.\r\n\r\n“Il 2022 è stato caratterizzato da un buon risultato per il settore turistico – afferma Massimo Broccoli, direttore commerciale Veratour – anche se le abitudini sono cambiate: in tanti ora prenotano la propria vacanza molto più vicino alla data di partenza. Nonostante il forte aumento dei costi che abbiamo dovuto subire, sia sul fronte carburante sia sul fronte dell’indebolimento dell’euro verso il dollaro che incide sui servizi a terra, abbiamo cercato di ridurre al massimo la portata dei rincari realizzando un sistema di pricing che ci permetta di essere comunque attrattivi”.\r\n\r\nResta inalterato infine il sistema di advance booking, che permette ai clienti di spuntare un prezzo migliore prenotando 60 o 90 giorni prima della partenza. Complessivamente Veratour offre oltre 50 villaggi vacanze e resort in 19 Paesi, tutti sul mare.","post_title":"Il ritorno delle crociere sul Nilo tra le novità del nuovo catalogo Veratour Villaggi - Anteprima 2023","post_date":"2022-09-29T13:47:00+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664459220000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431330","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_385945\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco Calia[/caption]\r\n\r\nRimane forte l'interesse da parte degli investitori verso il comparto del real estate alberghiero italiano, grazie anche al progressivo recupero delle performance delle strutture rispetto ai risultati pre-pandemia. Nel primo semestre di quest’anno, i volumi di investimento nel settore dell'ospitalità italiana si sono infatti attestati sui 730 milioni di euro, superando i livelli dello stesso periodo del 2021, anno che poi ha chiuso con un totale transato pari a 2,1 miliardi di euro, miglior risultato di sempre dopo il record del 2019, quando è stata oltrepassata la soglia dei 3 miliardi. Negli ultimi 12 mesi, inoltre, l’incidenza degli investimenti del settore hotel sul totale dei volumi d’investimento del commercial real estate italiano (la categoria degli immobili a reddito con l'esclusione del residenziale, ndr) è stata del 16%, contro quella del 5% registrata a livello europeo. A conferma di come questo settore sia uno dei più sviluppati in Europa. Roma e Milano continuano quindi a dominare la scena.\r\n\r\nLusso ed extra-lusso gli obiettivi nella Capitale; upper-upscale il focus nella città lombarda\r\n\r\nE’ la fotografia del mercato degli hotel in Italia presentata da Cbre, in occasione dell’evento Wanderlust 2022 – The Cbre Hotels Event svoltosi recentemente a Milano. Nel dettaglio, nell’ambito delle operazioni di tipo value-add, gli investitori mostrano particolare interesse verso il mercato romano, puntando al riposizionamento di strutture esistenti e alla conversione di immobili a uso ufficio nel centro storico della città, soprattutto nel segmento lusso ed extra-lusso. A Milano invece i flussi si sono diretti verso il segmento upper-upscale con operazioni di rebranding di hotel esistenti o acquisto di alberghi a reddito da parte di investitori core. Dal 2019 fino alla fine del primo semestre 2022, l’incidenza delle operazioni value-add nel mercato romano ha raggiunto quota 62%, mentre nel mercato milanese si è attestata al 47%.\r\n\r\nTariffe medie in crescita a doppia cifra percentuale \r\n\r\nA livello di performance, nei primi sette mesi del 2022 a Roma e Milano l’adr (average daily rate) è cresciuto a Roma e Milano rispettivamente del 21% e del 14%, conseguendo i migliori risultati tra le capitali europee, con Roma seconda solo a Parigi in termini di ritmo di crescita. I tassi di occupazione degli alberghi si collocano però ancora sotto i livelli del 2019, rispettivamente del -14% a Roma e dek -22% a Milano, ma in linea con quelli del mercato europeo. Il revpar (ricavo medio per camera disponibile), di conseguenza, a Roma è già al di sopra dei livelli raggiunti nel 2019 (+4%) mentre rimane ancora di poco in area negativa a Milano (-11%).\r\n\r\nOltre alle grandi città bene anche il segmento resort\r\n\r\n“In sintesi possiamo dire che, dalla ripresa Covid e per i prossimi anni, il segmento dei resort e le città di Roma e Milano hanno trainato e traineranno il mercato degli investimenti alberghieri in Italia, assorbendo a oggi complessivamente circa il 70% dei capitali investiti in hotel nel Paese - commenta l'head of hotels di Cbre, Francesco Calia -. Le performance del mercato delle due città sono robuste, in rapidissima crescita e con valori/profitti superiori alle aspettative. E questo dovrebbe progressivamente tranquillizzare gli investitori sui loro ritorni, compensando in parte l’aumento del costo del capitale a prestito.”","post_title":"Cbre: Roma e Milano trainano le performance del real estate alberghiero italiano","post_date":"2022-09-29T11:31:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664451088000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431321","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Anche dopo l’estate continua il trend delle richieste dei tour guidati in Italia, che nel periodo autunnale, oltre alle suggestioni cromatiche di alcuni itinerari come il Trentino, il Chianti e la Val d’Orcia, vede confermate sul sito, sempre aggiornato, numerose date anche per i tour in Puglia, Basilicata e Sicilia. Molte sono infatti le proposte nel calendario autunnale di Boscolo Tours, che per la stagione conferma le partenze dei suoi viaggi guidati nelle destinazioni più richieste nella nostra Penisola, ma anche in Europa e in Medio Oriente.\r\n\r\nNel Vecchio continente i viaggi dei ponti comprendono in particolare percorsi guidati in Francia, Germania e Grecia, quest’ultima con ottime performance in una delle stagioni migliori per pensare di visitare il circuito classico. Per il ponte del primo novembre le richieste si indirizzano su classici come lo short break di quattro giorni a Vienna e le combinazioni della capitale austriaca con Praga e Budapest, o con Salisburgo e Monaco in tour guidati di sette giorni.\r\n\r\nNel medio raggio il booking Boscolo registra ancora una forte richiesta per la destinazione Turchia, con numeri che nel corso della stagione hanno già superato quelli del 2019; il tutto, assieme alla Giordania, altra meta top dai grandi numeri. Le riaperture di Marocco e Egitto, infine, mostrano previsioni promettenti per le partenze dell’ultimo trimestre 2022, in cui il Gran Tour del Marocco e la Crociera sul Nilo sono già tra le prime scelte del periodo delle feste di fine anno.","post_title":"Boscolo conferma le partenze autunnali dei viaggi guidati per Italia, Europa e Medio Oriente","post_date":"2022-09-29T10:19:48+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664446788000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431255","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Grimaldi Lines chiude la stagione con ottimi risultati. Il Mare Italia è protagonista di un’estate caratterizzata da ottimismo e fiducia.\r\n\r\n«Il diffuso desiderio di vacanza e il ritorno al viaggio – commenta Francesca Marino, Passenger Department Manager di Grimaldi Lines - hanno consentito non solo una crescita a due cifre rispetto al 2020 e al 2021, ma anche un evidente ritorno ai volumi pre-pandemici, con risultati addirittura superiori a quelli del 2019, soprattutto sulla Sardegna e sui tre storici collegamenti marittimi operati dalla Compagnia: Livorno-Olbia, Civitavecchia-Porto Torres e Civitavecchia-Olbia».\r\n\r\nAd attrarre maggiormente l’interesse del mercato, anche nell’estate 2022, è stato il Mare Italia, e in particolare la Sardegna, che Grimaldi Lines serve con un network di linee marittime per i principali porti del nord e del sud dell’isola. Tra le altre destinazioni raggiungibili con la Compagnia, oltre alla Sicilia in particolare con la linea Livorno-Palermo, hanno registrato buone performance anche i collegamenti internazionali verso Spagna e Grecia, da sempre mete molto richieste per le vacanze.\r\n\r\n«L’andamento delle prenotazioni si è mantenuto sostanzialmente lineare – aggiunge Marino - a conferma del fatto che l’utenza ha apprezzato sia l’Advance Booking, sia la ricca proposta di promozioni a tempo lanciate in ogni periodo dell’anno. Da sottolineare che la stagione estiva non si concentra più nei due mesi centrali di luglio e agosto, ma include anche giugno e settembre».","post_title":"Grimaldi Lines, la Sardegna protagonista di una stagione che va da giugno a settembre","post_date":"2022-09-28T14:03:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664373803000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431152","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Nel giugno del 2022 la compagnia di bandiera del Bahrain, Gulf Air, è tornata operativa in Italia con voli diretti da Roma e da Milano. Si è così aperta una nuova prospettiva per il mercato italiano - afferma Andrea Mele, presidente e a.d. di Viaggi del Mappamondo -. Il Bahrain è una destinazione “nuova” per il nostro mercato: un luogo piacevole, caldo e soleggiato d’inverno. Una terra con una storia antica. Gli alberghi sono belli, i prezzi sono interessanti ed è a sole 5 ore di volo».\r\n\r\nLa ricca offerta turistica dell’arcipelago, composto da 33 isole e affacciato sul Golfo Arabico, è fatta di storia, cultura, sport e natura. La popolazione è etnicamente eterogenea e pratica numerose religioni. Tre sono i siti Unesco: le rovine di un forte portoghese del ‘500, il percorso della pesca e della lavorazione delle perle (che sono state la ricchezza del Bahrain prima della scoperta del petrolio) e un misterioso cimitero composto da circa 12mila tumuli risalente al periodo tra il 2200 e il 1750 a.C.. Interessante, poi, il sito del primo pozzo estrattivo dell’area del Golfo, attivo nel 1932. Mappamondo ha selezionato con cura 4 hotel per i suoi clienti, strutture eleganti con piscina e spiaggia: The Grove Hotel indicato per il turismo cittadino o mice, The Ritz-Carlton adatto ai viaggiatori edonisti ma anche ai bambini, The Art Hotel & Resort per le famiglie e il sontuoso Sofitel Bahrain Zallaq Thalassa Sea&Spa per chi ama la tradizione locale e il relax.\r\n\r\nL’ospite sceglierà tra la vita in spiaggia, le escursioni - anche nel deserto - e la possibilità di seguire eventi velici come le finali della SSL Golden Cup - in programma dal 28 ottobre al 20 novembre prossimi – o il Gran Premio di Formula 1, che si svolge ogni anno nel mese di marzo nel colossale Circuito Sakhir, costruito nel deserto nel 2004. E non bisogna dimenticare i souk e il divertimento. Il Bahrain è abitato da un popolo amichevole ed è amato dai turisti, come testimoniano i dati raccolti dalla Baharain Tourism & Exhibitions Authority: nel secondo trimestre del 2022 l’incremento dei visitatori in arrivo ha infatti raggiunto il 38%, mentre si attesta all’82% il dato delle presenze rispetto al 2019.\r\n\r\nL’obiettivo è raggiungere il 100% entro la fine dell’anno. Frattanto Mappamondo si prende cura dei propri clienti: «Stiamo preparando una campagna, anche digitale, che prevede diverse proposte di viaggio: - conclude infatti il presidente Mele – abbiamo pensato a un long-weekend o 6 notti in Bahrain e ad altre combinazioni, come lo stop di 2 notti in Bahrain per poi proseguire verso Dubai dove fermarsi o continuare in direzione delle Maldive o della Thailandia. Mappamondo farà tutto il possibile per lanciare questa nuova destinazione».\r\n\r\n[gallery ids=\"431154,431153,431157\"]","post_title":"Il Bahrain con Mappamondo: un arcipelago dove la storia incontra il relax","post_date":"2022-09-27T10:23:15+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664274195000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431127","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riprendere le attività di promozione del Giappone, insieme al trade e spingere maggiormente alcuni segmenti di turismo come quelli legati a sostenibilità ambientale, avventura, lusso e Mice. Queste alcune delle priorità nel breve termine indicate da Satoshi Seino, presidente della Japan National Tourism Organization (Jnto), in seguito all'annuncio da parte del governo del Giappone della riapertura dei confini anche ai turisti individuali. \r\n\r\n“Dopo più di due anni di immensi sacrifici da parte dei partner del settore è stato finalmente annunciato il ripristino dei viaggi individuali a scopo turistico – ha commentato Seino -. Anche nel corso della pandemia Jnto ha continuato a lavorare a stretto contatto con gli enti locali, i dmo, le compagnie aeree domestiche e internazionali per prepararsi alla riapertura dei flussi inbound. Sulla scia della rimozione del divieto ai viaggi individuali, del ripristino dell’esenzione dal visto e della rimozione del tetto giornaliero agli arrivi intendiamo riprendere a pieno regime le attività promozionali congiunte con compagnie aeree e agenzie di viaggi. Intendiamo poi affiancare turismo sostenibile, d’avventura, luxury e Mice alla promozione di quelli che sono stati, finora, i punti di forza dell’offerta giapponese come cultura, storia, natura e cucina per accogliere al più presto e in tutto il Giappone i visitatori internazionali\".\r\n\r\nQuesta riapertura \" rappresenta un nuovo inizio per il Giappone e permetterà a numerosi turisti stranieri di visitare il nostro Paese, con una conseguente rivitalizzazione delle aree rurali\".\r\n\r\nDal prossimo 11 ottobre, quindi, ai viaggiatori individuali sarà semplicemente richiesto di presentare il certificato vaccinale con indicazione delle tre dosi effettuate o, in alternativa, un tampone negativo ad almeno 72 ore dall’ingresso nel Paese.","post_title":"Giappone, Jnto: \"Riprendiamo la promozione con il trade. Dal turismo green, a lusso e Mice\"","post_date":"2022-09-27T09:00:36+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664269236000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431082","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_431083\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Roberto Catanzaro[/caption]\r\n\r\nNexi e Global Blue hanno stretto una partnership strategica finalizzata all'integrazione delle soluzioni di pagamento di Nexi con le piattaforme PMS (Property Management System) e i Point of Sale di Oracle. L’accordo consolida in modo significativo la collaborazione di lungo termine tra i due player e segue quello relativo al servizio DCC (Dynamic Currency Conversion) che - grazie allo status di Global Blue di Payment System Integrator Gold-level certificato Oracle® - consente agli esercenti dei 25 Paesi in cui opera Nexi di accettare pagamenti attraverso la suite di prodotti Oracle®.\r\n\r\n«La partnership strategica con Global Blue rafforza ulteriormente le nostre capacità di offrire a commercianti e aziende la migliore combinazione di scala europea e vicinanza al cliente - afferma Roberto Catanzaro, group chief strategy & transformation officer di Nexi - Estenderemo le nostre soluzioni di accettazione omnicanale e continueremo a fornire proposte che consentano nuove esperienze utente per i consumatori e nuove opportunità di business per i commercianti, con un focus specifico sui verticali dell'hotellerie, dell'ospitalità e del retail».\r\n\r\nGrazie alla semplificazione dei processi operativi e alla riduzione del carico di lavoro del personale addetto a Front Desk e Back Office, questa integrazione offre vantaggi significativi ai retailers che utilizzano le piattaforme Oracle OPERA Cloud Property Management, Simphony Point of Sale and Oracle Retail XStore Point-of-Service.\r\n\r\nI merchant, infatti, possono beneficiare di un’esperienza omnicanale davvero fluida, traendo un vantaggio concreto dal connubio tra la scala europea e la profonda competenza a livello locale di Nexi, mentre per i consumatori l'esperienza di acquisto diventa più semplice, più veloce e più sicura, nel rispetto dei più elevati standard di sicurezza e della Tokenizzazione end-to-end per l'archiviazione sicura dei dati delle carte.  \r\n\r\n«Attraverso questa collaborazione, Global Blue si conferma partner leader nel settore tecnologico e dei pagamenti e consente a chi opera nell’ambito dell’hospitality, della ristorazione e del commercio al dettaglio di disporre di uno strumento gestionale integrato e omnicanale per un’esperienza di acquisto ancora più fluida” - ha detto Damian Cecchi, svp added value payment solutions – “In qualità di fornitore di questa soluzione innovativa, possiamo e intendiamo continuare ad essere il punto di riferimento di tutti i nostri acquirer e partner che vedono le nostre competenze come necessarie per poter migliorare le proprie performance sul mercato».","post_title":"Nexi e Global Blue: partnership strategica per integrare le soluzioni","post_date":"2022-09-26T11:11:49+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1664190709000]}]}}