16 April 2024

979

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Banconista con esperienza creazione viaggi su misura, vendita pacchetti t.o., teleprenotazione, prenotazioni alberghiere, aeree, marittime e ferroviarie. Padronanza d’utilizzo Sipax plus, Sabre e pacchetto Office. Agente qualificato Iata. Offresi per lavoro in agenzia Roma e provincia. Email nandyfelix@hotmail.it.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465117 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Delta Air Lines punta i riflettori su Filadelfia, Baltimora, New York, Lancaster, in totale otto città della costa orientale degli Stati Uniti, che hanno ricoperto il ruolo di capitale degli Usa in un determinato momento della storia prima di Washington D.C. Località che sono state protagonista nella costituzione del paese e hanno molto da offrire ai viaggiatori: grazie ai voli diretti della compagnia aerea da Milano, Roma, Venezia e - dal 25 maggio - Napoli per New York-Jfk, è possibile scoprire i siti storici di queste città. È a Filadelfia che nel 1776 i padri fondatori degli Stati Uniti firmarono la Dichiarazione di Indipendenza e, nel 1787, la Costituzione. Tra il 1774 e il 1800 tre gli edifici furono sede di quello che oggi può essere considerato il Congresso degli Stati Uniti, tra cui spiccano la Carpenters Hall e l'Independece Hall, nell'Independence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1979.  Baltimora ha svolto un ruolo chiave nella rivoluzione americana. Il Congresso si riunì alla Henry Fite House tra il dicembre 1776 e il febbraio 1777, facendo di questa città costiera la capitale degli Stati Uniti in questo breve periodo. Annapolis, piccola città costiera a 50 km a sud di Baltimora, è l'attuale capoluogo dello stato del Maryland e ospitò il Congresso nella Maryland State House tra il 1783 e il 1784 per appena nove mesi. Anche in questo caso le città sono raggiungibili con la compagnia aerea via New York. Lancaster ospitò il Congresso per un solo giorno, il 27 settembre 1777, presso la Court House. Quest’area della Pennsylvania è famosa per essere sede di molte comunità Amish.  York fu capitale tra il 1777 e il 1778 e vanta attrazioni come lo York County Colonial Complex, un complesso museale che comprende l'edificio più antico della città, risalente al XVIII secolo, e una replica del tribunale dove Il Congresso approvò gli Articoli della Confederazione (la prima Costituzione della nazione) nel 1777, rendendo York, secondo alcuni, la vera prima capitale del Paese. Lancaster si raggiunge in auto da Filadelfia in un’ora e mezza, York in un’ora e 45 minuti. Princeton, sede di una delle università più prestigiose degli Stati Uniti, merita una visita anche di un solo giorno da New York per respirare l'atmosfera delle vie raccolte attorno a Nassau Street, piene di ristoranti e animate da studenti, e vedere l'università, con edifici ricchi di storia e prati da cartolina. Trenton è l'attuale capoluogo del New Jersey e fu capitale degli Stati Uniti per due mesi nel 1784. Entrambe le località distano circa un’ora di macchina da New York. New York è stata capitale della nazione tra il 1785 e il 1788, fu la prima capitale degli Stati Uniti dopo la Guerra di Indipendenza, A New York, nel 1789, George Washington fece giuramento come primo Presidente del Paese alla Federal Hall, situata in Wall Street. Washington D.C., capitale del Paese dal 1800 ad oggi. I punti di interesse qui per i viaggiatori curiosi qui sono innumerevoli, dal Campidoglio ai monumenti in onore di Abraham Lincoln, Washington e a Jefferson, fino al cimitero nazionale di Arlington. Inoltre, la città ospita molti altri luoghi di interesse come il complesso museale Smithsonian, che include il Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio, il Museo Nazionale di Storia Naturale o il Museo di Arte Americana. Punto d’arrivo di un viaggio alla scoperta della storia degli Stati Uniti è la Casa Bianca, con i suoi oltre 200 anni di storia. [gallery ids="465124,465127,465126"] [post_title] => Delta Air Lines alla scoperta delle ex capitali Usa: tutti i voli dall'Italia, via New York [post_date] => 2024-04-09T10:54:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712660068000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461601 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli Stati Uniti varano un piano miliardario per il rinnovo degli aeroporti: secondo quando reso noto ieri dalla Casa Bianca il governo stanzierà quasi un miliardo di dollari per diversi progetti. Gran parte di questi fondi (970 milioni di dollari) saranno utilizzati per creare corridoi più ampi, sistemi di gestione bagagli più efficienti e gate aggiuntivi in 114 aeroporti di tutto il Paese. I fondi serviranno anche a garantire che gli scali siano conformi alle norme di accessibilità Ada (Americans with Disabilities Act). "Stiamo vivendo una fase di investimenti e miglioramenti senza precedenti in tutte le infrastrutture del nostro Paese", ha dichiarato il Segretario ai Trasporti Pete Buttigieg. Tra gli scali individuati per ricevere le sovvenzioni ci sono sia realtà enormi come l'O'Hare di Chicago sia aeroporti più piccoli come l'Appleton del Wisconsin.  Gli aeroporti sono stati un punto dolente per gli Stati Uniti: mntre gli aeroporti europei e asiatici beneficiano di una vasta gamma di negozi e ristoranti di lusso, la maggior parte degli scali statunitensi non dispone di tali servizi. L'amministrazione Biden ha stanziato un totale di 3 miliardi di dollari in finanziamenti per gli aeroporti sui 25 miliardi stanziati dalla legge bipartisan sulle infrastrutture. [post_title] => Il governo degli Stati Uniti stanzia un miliardo di dollari per il rinnovo degli aeroporti [post_date] => 2024-02-16T09:37:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708076257000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460660 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_460662" align="alignleft" width="279"] Elena Carlino[/caption] Business travel 2030. Sfide, opportunità e la trasformazione della gestione dei viaggi d’affari” è la ricerca di proiezione che il Gruppo Gattinoni ha commissionato in esclusiva a travel for business. L’industria del business travel in Italia muove numeri significativi; secondo gli Osservatori Business Travel e Travel Innovation del Politecnico Milano, nel 2023 la spesa delle imprese italiane nel segmento ha superato i 21 miliardi di euro,  sorpassando i livelli pre-pandemia. Lo scenario attuale e futuribile del business travel in Italia si compone di fattori interconnessi - tecnologie emergenti, rivoluzione culturale del lavoro, nuova definizione di mobilità, incidenza della componente sostenibilità - che definiranno il modo in cui aziende e dipendenti si sposteranno e lavoreranno nei prossimi anni. Il Gruppo Gattinoni ha sondato necessità, visioni, opportunità e difficoltà dei protagonisti che devono confrontarsi e adeguarsi alle sfidanti evoluzioni del settore. Rosemarie Caglia, ceo Travel for business, dichiara: “I travel manager stanno affrontando sfide in rapida evoluzione con uno spirito flessibile e strategico, cercando di plasmare il futuro dei viaggi aziendali in sintonia con le onde del cambiamento. Dai dati emerge chiaramente che l’intelligenza artificiale sarà un elemento cruciale nella gestione dei futuri travel program. Ma c’è una certezza che brilla come il sole: il Metaverso non sostituisce, almeno per ora, il calore e la ricchezza degli incontri faccia a faccia. Anche sul tema delle priorità, i travel manager hanno le idee chiare: non si tratta di viaggiare meno, ma di viaggiare in modo più efficace e sostenibile. Mettendo al primo posto il ritorno sugli investimenti e la flessibilità, stanno plasmando un approccio strategico che rende ogni viaggio un investimento mirato e sicuro per il successo a lungo termine dell’azienda”. “L'analisi dell'andamento dei business travel rivela una ripresa graduale ma costante del comparto, trainata dall'adozione diffusa di soluzioni ibride e digitali - afferma Elena Carlino direttrice commerciale Gattinoni Business Travel -. Questo equilibrio, tra necessità di viaggio e nuove modalità operative, promuove una trasformazione duratura nel settore, con un'attenzione crescente verso la declinazione della flessibilità lavorativa, nelle sue innovative formule. In questo scenario il ruolo delle agenzie come la nostra sarà sempre più quello di consulenza e supporto per offrire soluzioni tailor made e in grado di rispondere a tutte le esigenze del cliente”. L'IA È emerso che il futuro del travel management sarà plasmato dall'intelligenza artificiale. Il 37% degli intervistati prevede che i tool basati sull’IA forniranno nuove prospettive, quali analisi avanzate, previsioni accurate e ottimizzazione dei costi, e, grazie a questi strumenti, i Travel Manager svilupperanno le proprie competenze, ottimizzando il vantaggio di tali tecnologie. L'IA offrirà, inoltre, l’opportunità di acquisire maggiori consapevolezze in merito a strategie di viaggio e allocazione dei budget. Il 79% prevede che entro il 2030 le grandi aziende faranno un più ampio utilizzo dell'intelligenza artificiale e degli assistenti virtuali per la gestione dei viaggi.  Con l'evoluzione della tecnologia, l'integrazione della realtà aumentata, della realtà virtuale e dell’automazione, sta cambiando radicalmente il modo in cui i viaggiatori d'affari individuano e prenotano i propri viaggi. Per il 53% degli intervistati l’entusiasmo per l’innovazione tecnologica si accompagna alla preoccupazione per la protezione dei dati sensibili. Per il 48% di loro, privacy e gestione dei dati sono viste con reticenza dai viaggiatori aziendali, che chiederanno sempre più trasparenza. L'84% dei Travel Manager prevede di affrontare la sicurezza, collaborando con fornitori specializzati per ottenere informazioni sulle minacce globali. Un'ampia percentuale (81%) si concentrerà sulla promozione della formazione sulla sicurezza, organizzando sessioni per i dipendenti sui protocolli di sicurezza durante i viaggi aziendali; allo stesso modo, utilizzerà dati e analisi per valutare rischi e adottare misure preventive. Il 71% implementerà politiche aziendali rigorose, incluse scelte di alloggio sicure e protocolli di gestione delle crisi. [post_title] => Gattinoni: una ricerca che proietta il business travel nel futuro [post_date] => 2024-02-02T10:53:49+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706871229000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alla fine il colosso degli affitti brevi ha dovuto cedere. A partire da quest'anno, Airbnb agirà da sostituto d'imposta, trattenendo direttamente alla fonte la ritenuta fiscale del 21% sui compensi degli host non professionali (la cosiddetta cedolare secca), così come previsto dall'ormai lontano 2017. “La legge italiana – si legge in una mail inviata dal portale agli stessi host –impone a Airbnb di applicare una ritenuta fiscale del 21% sui guadagni degli host non professionali derivanti da locazioni brevi (fino a 30 notti). Esempi di host non professionali comprendono host che non sono dotati di partita Iva e che concedono in locazione meno di cinque alloggi”. Con la medesima comunicazione, l'operatore invita quindi i locatori a comunicare la propria adesione al regime della cedolare secca entro il 14 gennaio, altrimenti il portale applicherà automaticamente la ritenuta del 21%. Si conclude in questo modo una vicenda lunga quasi sette anni, con Airbnb che ha provato in tutte le sedi a contestare la normativa italiana, vedendo tuttavia respingere le proprie richieste sia dai tribunali nazionali, sia da quelli europei. La svolta peraltro si è avuta solo lo scorso autunno, quando la procura di Milano ha ordinato il sequestro di 779 milioni di euro contro il portale. Una cifra corrispondente alle tasse non raccolte dall'operatore tra gli anni 2017 e 2021. A tale iniziativa ha quindi fatto seguito, a fine 2023, un accordo con l'Agenzia delle entrate, tramite il quale Airbnb ha accettato di versare all'erario 576 milioni di euro: una somma ricalcolata in base al valore di quanto già versato autonomamente in quegli anni dagli host. Rimane tuttavia scoperta la questione relativa al biennio 2022 - 2023. A tal riguardo, racconta La Repubblica, il portale ha invitato gli host a servirsi del ravvedimento operoso entro il prossimo 28 febbraio. Per il 2023, invece, si attende la dichiarazione dei redditi di quest'anno. [post_title] => La resa di Airbnb: da quest'anno il portale agirà da sostituto d'imposta [post_date] => 2024-01-03T12:04:28+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704283468000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458704 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto internazionale di Tokyo Haneda risulta chiuso al traffico, a seguito dell'incidente che ha coinvolto un velivolo di Japan Airlines che ha preso fuoco dopo un contatto con un velivolo della Guardia costiera. Secondo le notizie diffuse in queste ora dai media locali l'A350 della Jal avrebbe preso fuoro in fase di atterraggio: a bordo viaggiavano 379 passeggeri, tutti evacuati in sicurezza assieme ai membri dell'equipaggio. Risultano invece disperse cinque persone che si trovavano a bordo del jet della Guardia costiera: il mezzo stava per partire per fornire aiuto alle zone del Paese ieri colpito da un forte terromoto. [post_title] => Tokyo: incidente all'aeroporto di Haneda, chiuse tutte le piste [post_date] => 2024-01-02T11:55:01+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704196501000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458556 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Numeri tutti in positivo per la Sac, società che gestisce gli aeroporti di Catania e Comiso, per il periodo natalizio e nel bilancio di chiusura dell’anno 2023. Le proiezioni per fine anno indicano una crescita del +6,3% per i viaggiatori che raggiungeranno quota 10.735.700 rispetto ai 10.099.441 del 2022. E per il periodo delle festività natalizie e di fine anno, dal 22 dicembre al 7 gennaio, la stima è quella di 3.320 movimenti (rispetto ai 2.896 del 2022), di cui 2.210 nazionali e 1.110 internazionali, questi ultimi con un incremento del 42,67%.  Sono invece 505.000 i viaggiatori previsti che transiteranno nello scalo catanese, registrando un aumento del +13,8%. Di questi, 333.000 nazionali e 172.000 internazionali (+38% rispetto al 2022). Per lo scalo catanese, tra le destinazioni nazionali preferite si confermano, come nel precedente ponte, Roma Fiumicino, Milano Linate e Milano Malpensa. Malta, Tirana e Bucarest Otopeni, invece, sono le mete estere più scelte dai passeggeri con volato su Malta incrementato di circa il 30%, mentre per le altre 2 realtà, più che raddoppiato. Anche l’aeroporto di Comiso chiude l’anno con il segno positivo. Nonostante il numero dei passeggeri abbia subito una flessione rispetto al 2022 (-16,8%) ed è previsto in calo anche a dicembre, il 2023 è stato un anno in crescita in termini di spostamenti che, infatti, hanno registrato un + 4,19% con 3459 movimenti rispetto ai 3320 del 2022.  Solo nel mese di dicembre, inoltre, sono previsti 179 movimenti contro i 157 effettivi dello scorso anno, segnando un +14%. Per il periodo delle feste di Natale, si stima che saranno 94 i movimenti contro gli 82 del 2022 con un incremento del 14,63%. Di questi, 80 sono nazionali (+15,94%) e 14 internazionali (+7,69%). Il numero dei passeggeri previsti per il ponte è di 10740 contro i 11797 effettivi dello scorso anno (-8,96%), di cui 9480 di tipo nazionale (-11,47%) e 1260 internazionali (+15,7%). Secondo il nuovo rapporto dell’Aci - Airports Council International Europe, l’aeroporto di Catania si piazza al quarto posto in Europa per crescita del traffico passeggeri, rispetto al periodo pre-pandemico. Secondo i dati, lo scalo siciliano ha registrato un incremento del +17% rispetto all'ottobre 2019, tra gli aeroporti europei con un volume tra 10 e 25 milioni di passeggeri annui. «Dopo una fase complessa per il settore aeroportuale, dovuta all’impatto della pandemia sulla mobilità e sul turismo, questo risultato conferma la traiettoria di crescita del nostro aeroporto ed è frutto di una collaborazione positiva tra il nostro team, i partner del comparto e le autorità locali e nazionali - ha dichiarato Nico Torrisi, ad di Sac -. La Sicilia è più che una destinazione: è un luogo riconosciuto in tutto il mondo per la sua bellezza, cultura e autenticità. Il notevole incremento delle attività aeroportuali dimostra l’interesse dei viaggiatori e la fiducia riposta nella qualità e nella sicurezza dei servizi offerti ai passeggeri. Guardiamo al futuro con determinazione e continueremo a impegnarci per elevare gli standard e consolidare la nostra posizione come hub di riferimento».   [post_title] => Aeroporto di Catania sugli scudi: previsti 505.000 viaggiatori per le festività [post_date] => 2023-12-22T09:15:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1703236545000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458073 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Airbnb e tasse. Si dovrebbe partire dalle notizie e quindi partiamo: Airbnb ha concluso un accordo con l'Agenzia delle entrate italiana riguardo la ritenuta sui redditi degli host non professionali derivanti da locazioni brevi (la cosiddetta cedolare secca) in relazione agli anni fiscali dal 2017 al 2021, per un pagamento complessivo di 576 milioni di euro.  L'annuncio arriva dopo che a inizio novembre la procura di Milano ordinò il sequestro di 779,5 milioni di euro dalla sede europea di Airbnb in Irlanda per presunta evasione fiscale.  Sospreso Questa è la notizia. Ma facciamo un passo indietro. Immediatamente dopo il sequestro di 779, 5 milioni di euro, il ceo di Airbnb Brian Chesky  aveva riferito quanto segue: «Evasione fiscale? Sorpreso per l’inchiesta in Italia. Se le città si svuotano non è certo colpa nostra». Quindi lui era sorpreso per l'inchiesta italiana. Ma come l'inchiesta italiana gli aveva creato un disturbo? Un malessere? Cosa? Lo aveva tanto sorpreso che poi è dovuto scendere a patti con l'Agenzia delle entrate. Ricordo che negli Usa per evasione fiscale le pene sono molto più pesanti (si inizia con tre anni di carcere). E lì, negli Usa le tasse le pagano, eccome e soprattutto nessuno si stupisce.     [post_title] => Airbnb trova l'accordo per le tasse. Il ceo si era detto "sorpreso” [post_date] => 2023-12-14T11:14:24+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702552464000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458038 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_458040" align="alignleft" width="300"] Il Barceló Palmeraie Oasis Resort di Marrakech[/caption] Sale a otto strutture il portfolio marocchino del gruppo Barceló, che annuncia un investimento di oltre 80 milioni di euro per l'acquisizione e la successiva ristrutturazione di due 5 stelle a Casablanca e a Rabat. Le strutture, precedentemente gestite con il marchio Farah e rispettivamente dotate di 279 e 192 camere, verranno quindi ribrandizzate Royal Hideaway e Barceló. Proprio l'hotel di Rabat sarà il primo della società nella capitale del Marocco, principale centro amministrativo e politico del Paese. A Casablanca si tratterà invece del terzo indirizzo, ma del debutto del brand Royal Hideaway. Nella città la compagnia spagnola gestisce già infatti il 5 stelle Barceló Anfa Casablanca e il 4 stelle Barceló Casablanca. I due nuovi progetti confermano l'impegno della catena nello sviluppo turistico ed economico del Marocco da parte del gruppo Barceló. Dal 2006, l'azienda, insieme ai suoi partner locali, ha infatti investito oltre 150 milioni di euro nel Paese per l'acquisizione, la ristrutturazione e il riposizionamento di diversi hotel. Attualmente, Barceló è la compagnia alberghiera spagnola con la maggiore presenza nella destinazione, grazie alla gestione di otto alberghi a Rabat, Casablanca, Marrakech, Tangeri, Fez e Agadir. Una presenza capace di generare un impatto significativo sullo sviluppo economico e sociale di queste città, con la creazione di oltre 1.200 posti di lavoro diretti e molti altri indiretti. "Il Marocco è un paese importante per l’espansione strategica della nostra azienda - spiega il ceo Emea della compagnia, Raúl González -. Siamo molto soddisfatti di questa operazione che porta all’acquisizione di questi due nuovi hotel, permettendoci di essere presenti a Rabat, la capitale del Paese, e di rafforzare la nostra leadership a Casablanca. Il nostro obiettivo è quello di continuare a crescere in Marocco e di aggiungere nuovi hotel, soprattutto a 4 e 5 stelle, sia nel segmento turistico sia in quello urbano, nelle località in cui siamo già presenti a anche in nuove destinazioni". [post_title] => Cresce la presenza del gruppo Barceló in Marocco: due le new entry a Rabat e Casablanca [post_date] => 2023-12-14T10:44:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702550687000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457237 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Medio Oriente, nel periodo compreso tra gennaio e fine settembre 2023, ha superato di oltre il 20% il numero degli arrivi di turisti internazionali del 2019. Il dato svelato dall'Unwto è ovviamente precedente allo scoppio del conflitto tra Israele e Hamas, all'inizio di ottobre. L'Unwto ha attribuito la performance positiva della regione a nuove misure quali la semplificazione dell'ottenimento dei visti, allo sviluppo di nuove destinazioni, a nuovi progetti turistici e allo svolgimento di grandi eventi. Altre regioni stanno ancora recuperando. L'Europa ha conquistato la quota maggiore del turismo globale con il 56%, avendo accolto 550 milioni di turisti internazionali; l'area ha recuperato il 94% dei livelli pre-pandemia, con la forte domanda statunitense e intraregionale a fare da traino alla ripresa. L'Africa ha raggiunto il 92% del livello di turismo internazionale precedente alla pandemia. Le Americhe si sono attestate all'88% grazie alla forte domanda statunitense di viaggi nei Caraibi. L'Asia-Pacifico ha raggiunto il 62% a causa della più lenta riapertura ai viaggi internazionali. Ci sono grandi differenze all'interno della regione: l'Asia meridionale ha recuperato il 95%, mentre l'Asia nordorientale si è fermata al 50% circa. Il turismo internazionale ha recuperato complessivamente l'87% del livello pre-pandemia nei primi nove mesi del 2023. Circa 975 milioni di turisti hanno viaggiato a livello internazionale tra gennaio e settembre 2023, con un aumento del 38% rispetto allo stesso periodo del 2022. Quest'anno la spesa turistica internazionale dovrebbe raggiungere 1.400 miliardi di dollari, il 93% del livello del 2019. [post_title] => Medio Oriente: arrivi internazionali a +20% sul 2019 (prima del conflitto) [post_date] => 2023-12-01T10:54:38+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701428078000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "979" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":189,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":52,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465117","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Delta Air Lines punta i riflettori su Filadelfia, Baltimora, New York, Lancaster, in totale otto città della costa orientale degli Stati Uniti, che hanno ricoperto il ruolo di capitale degli Usa in un determinato momento della storia prima di Washington D.C.\r\n\r\nLocalità che sono state protagonista nella costituzione del paese e hanno molto da offrire ai viaggiatori: grazie ai voli diretti della compagnia aerea da Milano, Roma, Venezia e - dal 25 maggio - Napoli per New York-Jfk, è possibile scoprire i siti storici di queste città.\r\n\r\nÈ a Filadelfia che nel 1776 i padri fondatori degli Stati Uniti firmarono la Dichiarazione di Indipendenza e, nel 1787, la Costituzione. Tra il 1774 e il 1800 tre gli edifici furono sede di quello che oggi può essere considerato il Congresso degli Stati Uniti, tra cui spiccano la Carpenters Hall e l'Independece Hall, nell'Independence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1979. \r\n\r\nBaltimora ha svolto un ruolo chiave nella rivoluzione americana. Il Congresso si riunì alla Henry Fite House tra il dicembre 1776 e il febbraio 1777, facendo di questa città costiera la capitale degli Stati Uniti in questo breve periodo. Annapolis, piccola città costiera a 50 km a sud di Baltimora, è l'attuale capoluogo dello stato del Maryland e ospitò il Congresso nella Maryland State House tra il 1783 e il 1784 per appena nove mesi. Anche in questo caso le città sono raggiungibili con la compagnia aerea via New York.\r\n\r\nLancaster ospitò il Congresso per un solo giorno, il 27 settembre 1777, presso la Court House. Quest’area della Pennsylvania è famosa per essere sede di molte comunità Amish.  York fu capitale tra il 1777 e il 1778 e vanta attrazioni come lo York County Colonial Complex, un complesso museale che comprende l'edificio più antico della città, risalente al XVIII secolo, e una replica del tribunale dove Il Congresso approvò gli Articoli della Confederazione (la prima Costituzione della nazione) nel 1777, rendendo York, secondo alcuni, la vera prima capitale del Paese. Lancaster si raggiunge in auto da Filadelfia in un’ora e mezza, York in un’ora e 45 minuti.\r\n\r\nPrinceton, sede di una delle università più prestigiose degli Stati Uniti, merita una visita anche di un solo giorno da New York per respirare l'atmosfera delle vie raccolte attorno a Nassau Street, piene di ristoranti e animate da studenti, e vedere l'università, con edifici ricchi di storia e prati da cartolina. Trenton è l'attuale capoluogo del New Jersey e fu capitale degli Stati Uniti per due mesi nel 1784. Entrambe le località distano circa un’ora di macchina da New York.\r\n\r\nNew York è stata capitale della nazione tra il 1785 e il 1788, fu la prima capitale degli Stati Uniti dopo la Guerra di Indipendenza, A New York, nel 1789, George Washington fece giuramento come primo Presidente del Paese alla Federal Hall, situata in Wall Street. Washington D.C., capitale del Paese dal 1800 ad oggi. I punti di interesse qui per i viaggiatori curiosi qui sono innumerevoli, dal Campidoglio ai monumenti in onore di Abraham Lincoln, Washington e a Jefferson, fino al cimitero nazionale di Arlington. Inoltre, la città ospita molti altri luoghi di interesse come il complesso museale Smithsonian, che include il Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio, il Museo Nazionale di Storia Naturale o il Museo di Arte Americana. Punto d’arrivo di un viaggio alla scoperta della storia degli Stati Uniti è la Casa Bianca, con i suoi oltre 200 anni di storia.\r\n\r\n[gallery ids=\"465124,465127,465126\"]","post_title":"Delta Air Lines alla scoperta delle ex capitali Usa: tutti i voli dall'Italia, via New York","post_date":"2024-04-09T10:54:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712660068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461601","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli Stati Uniti varano un piano miliardario per il rinnovo degli aeroporti: secondo quando reso noto ieri dalla Casa Bianca il governo stanzierà quasi un miliardo di dollari per diversi progetti.\r\n\r\nGran parte di questi fondi (970 milioni di dollari) saranno utilizzati per creare corridoi più ampi, sistemi di gestione bagagli più efficienti e gate aggiuntivi in 114 aeroporti di tutto il Paese. I fondi serviranno anche a garantire che gli scali siano conformi alle norme di accessibilità Ada (Americans with Disabilities Act).\r\n\r\n\"Stiamo vivendo una fase di investimenti e miglioramenti senza precedenti in tutte le infrastrutture del nostro Paese\", ha dichiarato il Segretario ai Trasporti Pete Buttigieg.\r\n\r\nTra gli scali individuati per ricevere le sovvenzioni ci sono sia realtà enormi come l'O'Hare di Chicago sia aeroporti più piccoli come l'Appleton del Wisconsin. \r\n\r\nGli aeroporti sono stati un punto dolente per gli Stati Uniti: mntre gli aeroporti europei e asiatici beneficiano di una vasta gamma di negozi e ristoranti di lusso, la maggior parte degli scali statunitensi non dispone di tali servizi.\r\n\r\nL'amministrazione Biden ha stanziato un totale di 3 miliardi di dollari in finanziamenti per gli aeroporti sui 25 miliardi stanziati dalla legge bipartisan sulle infrastrutture.","post_title":"Il governo degli Stati Uniti stanzia un miliardo di dollari per il rinnovo degli aeroporti","post_date":"2024-02-16T09:37:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708076257000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460660","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_460662\" align=\"alignleft\" width=\"279\"] Elena Carlino[/caption]\r\n\r\nBusiness travel 2030. Sfide, opportunità e la trasformazione della gestione dei viaggi d’affari” è la ricerca di proiezione che il Gruppo Gattinoni ha commissionato in esclusiva a travel for business.\r\n\r\nL’industria del business travel in Italia muove numeri significativi; secondo gli Osservatori Business Travel e Travel Innovation del Politecnico Milano, nel 2023 la spesa delle imprese italiane nel segmento ha superato i 21 miliardi di euro,  sorpassando i livelli pre-pandemia.\r\n\r\nLo scenario attuale e futuribile del business travel in Italia si compone di fattori interconnessi - tecnologie emergenti, rivoluzione culturale del lavoro, nuova definizione di mobilità, incidenza della componente sostenibilità - che definiranno il modo in cui aziende e dipendenti si sposteranno e lavoreranno nei prossimi anni. Il Gruppo Gattinoni ha sondato necessità, visioni, opportunità e difficoltà dei protagonisti che devono confrontarsi e adeguarsi alle sfidanti evoluzioni del settore.\r\n\r\nRosemarie Caglia, ceo Travel for business, dichiara: “I travel manager stanno affrontando sfide in rapida evoluzione con uno spirito flessibile e strategico, cercando di plasmare il futuro dei viaggi aziendali in sintonia con le onde del cambiamento. Dai dati emerge chiaramente che l’intelligenza artificiale sarà un elemento cruciale nella gestione dei futuri travel program.\r\n\r\nMa c’è una certezza che brilla come il sole: il Metaverso non sostituisce, almeno per ora, il calore e la ricchezza degli incontri faccia a faccia. Anche sul tema delle priorità, i travel manager hanno le idee chiare: non si tratta di viaggiare meno, ma di viaggiare in modo più efficace e sostenibile. Mettendo al primo posto il ritorno sugli investimenti e la flessibilità, stanno plasmando un approccio strategico che rende ogni viaggio un investimento mirato e sicuro per il successo a lungo termine dell’azienda”.\r\n\r\n“L'analisi dell'andamento dei business travel rivela una ripresa graduale ma costante del comparto, trainata dall'adozione diffusa di soluzioni ibride e digitali - afferma Elena Carlino direttrice commerciale Gattinoni Business Travel -. Questo equilibrio, tra necessità di viaggio e nuove modalità operative, promuove una trasformazione duratura nel settore, con un'attenzione crescente verso la declinazione della flessibilità lavorativa, nelle sue innovative formule. In questo scenario il ruolo delle agenzie come la nostra sarà sempre più quello di consulenza e supporto per offrire soluzioni tailor made e in grado di rispondere a tutte le esigenze del cliente”.\r\nL'IA\r\nÈ emerso che il futuro del travel management sarà plasmato dall'intelligenza artificiale. Il 37% degli intervistati prevede che i tool basati sull’IA forniranno nuove prospettive, quali analisi avanzate, previsioni accurate e ottimizzazione dei costi, e, grazie a questi strumenti, i Travel Manager svilupperanno le proprie competenze, ottimizzando il vantaggio di tali tecnologie. L'IA offrirà, inoltre, l’opportunità di acquisire maggiori consapevolezze in merito a strategie di viaggio e allocazione dei budget. Il 79% prevede che entro il 2030 le grandi aziende faranno un più ampio utilizzo dell'intelligenza artificiale e degli assistenti virtuali per la gestione dei viaggi.\r\n\r\n Con l'evoluzione della tecnologia, l'integrazione della realtà aumentata, della realtà virtuale e dell’automazione, sta cambiando radicalmente il modo in cui i viaggiatori d'affari individuano e prenotano i propri viaggi. Per il 53% degli intervistati l’entusiasmo per l’innovazione tecnologica si accompagna alla preoccupazione per la protezione dei dati sensibili. Per il 48% di loro, privacy e gestione dei dati sono viste con reticenza dai viaggiatori aziendali, che chiederanno sempre più trasparenza.\r\n\r\nL'84% dei Travel Manager prevede di affrontare la sicurezza, collaborando con fornitori specializzati per ottenere informazioni sulle minacce globali. Un'ampia percentuale (81%) si concentrerà sulla promozione della formazione sulla sicurezza, organizzando sessioni per i dipendenti sui protocolli di sicurezza durante i viaggi aziendali; allo stesso modo, utilizzerà dati e analisi per valutare rischi e adottare misure preventive. Il 71% implementerà politiche aziendali rigorose, incluse scelte di alloggio sicure e protocolli di gestione delle crisi.","post_title":"Gattinoni: una ricerca che proietta il business travel nel futuro","post_date":"2024-02-02T10:53:49+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1706871229000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Alla fine il colosso degli affitti brevi ha dovuto cedere. A partire da quest'anno, Airbnb agirà da sostituto d'imposta, trattenendo direttamente alla fonte la ritenuta fiscale del 21% sui compensi degli host non professionali (la cosiddetta cedolare secca), così come previsto dall'ormai lontano 2017. “La legge italiana – si legge in una mail inviata dal portale agli stessi host –impone a Airbnb di applicare una ritenuta fiscale del 21% sui guadagni degli host non professionali derivanti da locazioni brevi (fino a 30 notti). Esempi di host non professionali comprendono host che non sono dotati di partita Iva e che concedono in locazione meno di cinque alloggi”. Con la medesima comunicazione, l'operatore invita quindi i locatori a comunicare la propria adesione al regime della cedolare secca entro il 14 gennaio, altrimenti il portale applicherà automaticamente la ritenuta del 21%.\r\n\r\nSi conclude in questo modo una vicenda lunga quasi sette anni, con Airbnb che ha provato in tutte le sedi a contestare la normativa italiana, vedendo tuttavia respingere le proprie richieste sia dai tribunali nazionali, sia da quelli europei. La svolta peraltro si è avuta solo lo scorso autunno, quando la procura di Milano ha ordinato il sequestro di 779 milioni di euro contro il portale. Una cifra corrispondente alle tasse non raccolte dall'operatore tra gli anni 2017 e 2021. A tale iniziativa ha quindi fatto seguito, a fine 2023, un accordo con l'Agenzia delle entrate, tramite il quale Airbnb ha accettato di versare all'erario 576 milioni di euro: una somma ricalcolata in base al valore di quanto già versato autonomamente in quegli anni dagli host. Rimane tuttavia scoperta la questione relativa al biennio 2022 - 2023. A tal riguardo, racconta La Repubblica, il portale ha invitato gli host a servirsi del ravvedimento operoso entro il prossimo 28 febbraio. Per il 2023, invece, si attende la dichiarazione dei redditi di quest'anno.","post_title":"La resa di Airbnb: da quest'anno il portale agirà da sostituto d'imposta","post_date":"2024-01-03T12:04:28+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1704283468000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458704","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto internazionale di Tokyo Haneda risulta chiuso al traffico, a seguito dell'incidente che ha coinvolto un velivolo di Japan Airlines che ha preso fuoco dopo un contatto con un velivolo della Guardia costiera.\r\nSecondo le notizie diffuse in queste ora dai media locali l'A350 della Jal avrebbe preso fuoro in fase di atterraggio: a bordo viaggiavano 379 passeggeri, tutti evacuati in sicurezza assieme ai membri dell'equipaggio. Risultano invece disperse cinque persone che si trovavano a bordo del jet della Guardia costiera: il mezzo stava per partire per fornire aiuto alle zone del Paese ieri colpito da un forte terromoto.","post_title":"Tokyo: incidente all'aeroporto di Haneda, chiuse tutte le piste","post_date":"2024-01-02T11:55:01+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1704196501000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458556","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Numeri tutti in positivo per la Sac, società che gestisce gli aeroporti di Catania e Comiso, per il periodo natalizio e nel bilancio di chiusura dell’anno 2023. Le proiezioni per fine anno indicano una crescita del +6,3% per i viaggiatori che raggiungeranno quota 10.735.700 rispetto ai 10.099.441 del 2022.\r\n\r\nE per il periodo delle festività natalizie e di fine anno, dal 22 dicembre al 7 gennaio, la stima è quella di 3.320 movimenti (rispetto ai 2.896 del 2022), di cui 2.210 nazionali e 1.110 internazionali, questi ultimi con un incremento del 42,67%.  Sono invece 505.000 i viaggiatori previsti che transiteranno nello scalo catanese, registrando un aumento del +13,8%. Di questi, 333.000 nazionali e 172.000 internazionali (+38% rispetto al 2022).\r\n\r\nPer lo scalo catanese, tra le destinazioni nazionali preferite si confermano, come nel precedente ponte, Roma Fiumicino, Milano Linate e Milano Malpensa. Malta, Tirana e Bucarest Otopeni, invece, sono le mete estere più scelte dai passeggeri con volato su Malta incrementato di circa il 30%, mentre per le altre 2 realtà, più che raddoppiato.\r\n\r\nAnche l’aeroporto di Comiso chiude l’anno con il segno positivo. Nonostante il numero dei passeggeri abbia subito una flessione rispetto al 2022 (-16,8%) ed è previsto in calo anche a dicembre, il 2023 è stato un anno in crescita in termini di spostamenti che, infatti, hanno registrato un + 4,19% con 3459 movimenti rispetto ai 3320 del 2022.  Solo nel mese di dicembre, inoltre, sono previsti 179 movimenti contro i 157 effettivi dello scorso anno, segnando un +14%.\r\n\r\nPer il periodo delle feste di Natale, si stima che saranno 94 i movimenti contro gli 82 del 2022 con un incremento del 14,63%. Di questi, 80 sono nazionali (+15,94%) e 14 internazionali (+7,69%). Il numero dei passeggeri previsti per il ponte è di 10740 contro i 11797 effettivi dello scorso anno (-8,96%), di cui 9480 di tipo nazionale (-11,47%) e 1260 internazionali (+15,7%).\r\n\r\nSecondo il nuovo rapporto dell’Aci - Airports Council International Europe, l’aeroporto di Catania si piazza al quarto posto in Europa per crescita del traffico passeggeri, rispetto al periodo pre-pandemico. Secondo i dati, lo scalo siciliano ha registrato un incremento del +17% rispetto all'ottobre 2019, tra gli aeroporti europei con un volume tra 10 e 25 milioni di passeggeri annui.\r\n«Dopo una fase complessa per il settore aeroportuale, dovuta all’impatto della pandemia sulla mobilità e sul turismo, questo risultato conferma la traiettoria di crescita del nostro aeroporto ed è frutto di una collaborazione positiva tra il nostro team, i partner del comparto e le autorità locali e nazionali - ha dichiarato Nico Torrisi, ad di Sac -. La Sicilia è più che una destinazione: è un luogo riconosciuto in tutto il mondo per la sua bellezza, cultura e autenticità. Il notevole incremento delle attività aeroportuali dimostra l’interesse dei viaggiatori e la fiducia riposta nella qualità e nella sicurezza dei servizi offerti ai passeggeri. Guardiamo al futuro con determinazione e continueremo a impegnarci per elevare gli standard e consolidare la nostra posizione come hub di riferimento».\r\n ","post_title":"Aeroporto di Catania sugli scudi: previsti 505.000 viaggiatori per le festività","post_date":"2023-12-22T09:15:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1703236545000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458073","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Airbnb e tasse. Si dovrebbe partire dalle notizie e quindi partiamo: Airbnb ha concluso un accordo con l'Agenzia delle entrate italiana riguardo la ritenuta sui redditi degli host non professionali derivanti da locazioni brevi (la cosiddetta cedolare secca) in relazione agli anni fiscali dal 2017 al 2021, per un pagamento complessivo di 576 milioni di euro. \r\n\r\nL'annuncio arriva dopo che a inizio novembre la procura di Milano ordinò il sequestro di 779,5 milioni di euro dalla sede europea di Airbnb in Irlanda per presunta evasione fiscale. \r\nSospreso\r\nQuesta è la notizia. Ma facciamo un passo indietro. Immediatamente dopo il sequestro di 779, 5 milioni di euro, il ceo di Airbnb Brian Chesky  aveva riferito quanto segue: «Evasione fiscale? Sorpreso per l’inchiesta in Italia. Se le città si svuotano non è certo colpa nostra».\r\n\r\nQuindi lui era sorpreso per l'inchiesta italiana. Ma come l'inchiesta italiana gli aveva creato un disturbo? Un malessere? Cosa? Lo aveva tanto sorpreso che poi è dovuto scendere a patti con l'Agenzia delle entrate. Ricordo che negli Usa per evasione fiscale le pene sono molto più pesanti (si inizia con tre anni di carcere). E lì, negli Usa le tasse le pagano, eccome e soprattutto nessuno si stupisce.\r\n \r\n ","post_title":"Airbnb trova l'accordo per le tasse. Il ceo si era detto \"sorpreso”","post_date":"2023-12-14T11:14:24+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1702552464000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458038","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_458040\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Barceló Palmeraie Oasis Resort di Marrakech[/caption]\r\n\r\nSale a otto strutture il portfolio marocchino del gruppo Barceló, che annuncia un investimento di oltre 80 milioni di euro per l'acquisizione e la successiva ristrutturazione di due 5 stelle a Casablanca e a Rabat. Le strutture, precedentemente gestite con il marchio Farah e rispettivamente dotate di 279 e 192 camere, verranno quindi ribrandizzate Royal Hideaway e Barceló.\r\n\r\nProprio l'hotel di Rabat sarà il primo della società nella capitale del Marocco, principale centro amministrativo e politico del Paese. A Casablanca si tratterà invece del terzo indirizzo, ma del debutto del brand Royal Hideaway. Nella città la compagnia spagnola gestisce già infatti il 5 stelle Barceló Anfa Casablanca e il 4 stelle Barceló Casablanca.\r\n\r\nI due nuovi progetti confermano l'impegno della catena nello sviluppo turistico ed economico del Marocco da parte del gruppo Barceló. Dal 2006, l'azienda, insieme ai suoi partner locali, ha infatti investito oltre 150 milioni di euro nel Paese per l'acquisizione, la ristrutturazione e il riposizionamento di diversi hotel. Attualmente, Barceló è la compagnia alberghiera spagnola con la maggiore presenza nella destinazione, grazie alla gestione di otto alberghi a Rabat, Casablanca, Marrakech, Tangeri, Fez e Agadir. Una presenza capace di generare un impatto significativo sullo sviluppo economico e sociale di queste città, con la creazione di oltre 1.200 posti di lavoro diretti e molti altri indiretti.\r\n\r\n\"Il Marocco è un paese importante per l’espansione strategica della nostra azienda - spiega il ceo Emea della compagnia, Raúl González -. Siamo molto soddisfatti di questa operazione che porta all’acquisizione di questi due nuovi hotel, permettendoci di essere presenti a Rabat, la capitale del Paese, e di rafforzare la nostra leadership a Casablanca. Il nostro obiettivo è quello di continuare a crescere in Marocco e di aggiungere nuovi hotel, soprattutto a 4 e 5 stelle, sia nel segmento turistico sia in quello urbano, nelle località in cui siamo già presenti a anche in nuove destinazioni\".","post_title":"Cresce la presenza del gruppo Barceló in Marocco: due le new entry a Rabat e Casablanca","post_date":"2023-12-14T10:44:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1702550687000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457237","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Medio Oriente, nel periodo compreso tra gennaio e fine settembre 2023, ha superato di oltre il 20% il numero degli arrivi di turisti internazionali del 2019. Il dato svelato dall'Unwto è ovviamente precedente allo scoppio del conflitto tra Israele e Hamas, all'inizio di ottobre.\r\n\r\nL'Unwto ha attribuito la performance positiva della regione a nuove misure quali la semplificazione dell'ottenimento dei visti, allo sviluppo di nuove destinazioni, a nuovi progetti turistici e allo svolgimento di grandi eventi.\r\n\r\nAltre regioni stanno ancora recuperando. L'Europa ha conquistato la quota maggiore del turismo globale con il 56%, avendo accolto 550 milioni di turisti internazionali; l'area ha recuperato il 94% dei livelli pre-pandemia, con la forte domanda statunitense e intraregionale a fare da traino alla ripresa.\r\n\r\nL'Africa ha raggiunto il 92% del livello di turismo internazionale precedente alla pandemia. Le Americhe si sono attestate all'88% grazie alla forte domanda statunitense di viaggi nei Caraibi.\r\n\r\nL'Asia-Pacifico ha raggiunto il 62% a causa della più lenta riapertura ai viaggi internazionali. Ci sono grandi differenze all'interno della regione: l'Asia meridionale ha recuperato il 95%, mentre l'Asia nordorientale si è fermata al 50% circa.\r\n\r\nIl turismo internazionale ha recuperato complessivamente l'87% del livello pre-pandemia nei primi nove mesi del 2023. Circa 975 milioni di turisti hanno viaggiato a livello internazionale tra gennaio e settembre 2023, con un aumento del 38% rispetto allo stesso periodo del 2022.\r\n\r\nQuest'anno la spesa turistica internazionale dovrebbe raggiungere 1.400 miliardi di dollari, il 93% del livello del 2019.","post_title":"Medio Oriente: arrivi internazionali a +20% sul 2019 (prima del conflitto)","post_date":"2023-12-01T10:54:38+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1701428078000]}]}}

Lascia un commento